Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7"

Transcript

1 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società si distinguono in: partecipazioni in società controllate, nel caso in cui si eserciti un influenza dominante sulla partecipata; partecipazioni in società collegate, nel caso in cui si abbia un influenza notevole sulla partecipata; altre partecipazioni, relative a imprese in cui non si esercitano influenze di rilievo. La collocazione in bilancio delle partecipazioni dipende dalla durata e dalla finalità dell investimento. Le azioni o quote acquisite al fine di esercitare un controllo o un collegamento duraturo in altre aziende costituiscono immobilizzazioni finanziarie; queste, a loro volta, vengono classificate in bilancio in funzione del rapporto (controllo, collegamento, ecc.) con la partecipata. Le partecipazioni che costituiscono un impiego temporaneo di eccedenze di liquidità rappresentano, invece, attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni; sono esposte nell Attivo circolante dello Stato patrimoniale e distinte in funzione del rapporto con la partecipata. I conti accesi alle partecipazioni, siano essi relativi alle immobilizzazioni finanziarie o all attivo circolante, possono funzionare in modo analogo al conto Gestione titoli: acosti, ricavi e rimanenze oppure a costi e costi. Nella nostra trattazione i conti Partecipazioni vengono fatti funzionare a costi e costi, registrando in Dare il costo delle azioni o quote acquistate e in Avere lo storno del costo relativo alle partecipazioni vendute. Questa particolare modalità di funzionamento del conto offre il vantaggio di consentire la determinazione e la rilevazione del risultato economico delle operazioni relative alle partecipazioni dopo ogni operazione di vendita. Il valore delle rimanenze finali che affluisce nello Stato patrimoniale del bilancio è determinato per differenza tra i movimenti Dare e Avere registrati nel corso dell esercizio e rappresenta il saldo del conto. PARTECIPAZIONI (funzionamento a costi e costi) Costi di acquisto Storno dei costi di acquisto Saldo (costo di acquisto delle R.F.) In questo conto generalmente si rileva anche il costo eventualmente sostenuto in occasione dell acquisto di diritti di opzione. Il Principio contabile n. 20 del Cndc stabilisce, infatti, con riferimento alle partecipazioni immobilizzate, che il diritto di opzione rappresenta una parte del valore delle azioni, o delle quote, di una società acquistate in sede di aumento del capitale. 1. L acquisizione di partecipazioni L acquisizione delle partecipazioni può avvenire mediante acquisto sul mercato o per apporto in sede di costituzione dell azienda. Il costo è iscritto in Dare del conto acceso al tipo di partecipazione acquisita, comprensivo delle commissioni e spese bancarie. Ipotizziamo l acquisto sul mercato di n azioni della Cemento s.p.a. al prezzo unitario di E 0,70; l investimento ha lo scopo di impiegare temporaneamente una modesta disponibilità liquida dell azienda. La commissione applicata dall intermediario è pari allo 0,30%. 1/7

2 Calcoliamo il costo di acquisto delle azioni: prezzo complessivo delle azioni ( E 0,70) E 7.000,00 + commissione bancaria (0,30% su E 7.000) E 21,00 = costo di acquisto F 7.021,00 La registrazione contabile è: 23/06 23/ ALTRE PARTECIPAZIONI acquisto azioni Cemento s.p.a. acquisto azioni Cemento s.p.a , ,00 Altre partecipazioni è un conto economico di reddito acceso a costi sospesi e accoglie in Dare una V.E. (costo) d importo pari al prezzo delle azioni più le commissioni e i bolli. In bilancio affluisce nello Stato patrimoniale alla voce C -ATTIVO CIRCOLANTE, III Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni, 4) altre partecipazioni. 2. La vendita di partecipazioni La vendita delle partecipazioni può avvenire a un prezzo maggiore o minore del costo di acquisto. Nel primo caso l impresa consegue un guadagno di capitale, dato dalla differenza tra il ricavo di vendita al netto delle commissioni e altre eventuali spese e il costo di acquisto; esso viene rilevato nel conto Utile su partecipazioni, distinguendo se si tratta di partecipazioni in controllate, collegate, controllanti o altre imprese. Supponiamo che le azioni della Cemento s.p.a. in precedenza acquistate siano rivendute al prezzo complessivo di E 7.868,74; la banca addebita commissioni pari allo 0,30%. Calcoliamo il ricavo di vendita: prezzo di vendita E 7.868,74 commissione bancaria (0,30% su E 7.868,74) E 23,61 = ricavo netto di vendita F 7.845,13 La registrazione contabile è: 30/09 30/09 30/ ALTRE PARTECIPAZIONI UTILE SU ALTRE PARTECIPAZIONI vendita azioni Cemento s.p.a. vendita azioni Cemento s.p.a. vendita azioni Cemento s.p.a , ,00 824,13 Utile su altre partecipazioni è un conto economico di reddito acceso a ricavi d esercizio e rileva in Avere una V.E.+ (ricavo) derivante dalla differenza positiva tra il costo della partecipazione (E 7.021) e il ricavo netto di vendita (E 7.845,13). In bilancio affluisce nel Conto economico alla voce C -PROVENTI E ONERI FINAN- ZIARI, 15) proventi da partecipazioni. Se il ricavo di vendita è minore del costo di acquisto l impresa subisce, invece, una perdita, rilevata nel conto Perdite su partecipazioni, distinguendo anche in questo caso se si tratta di partecipazioni in controllate, collegate, controllanti o altre imprese. Ipotizziamo di detenere in portafoglio n di azioni della collegata Carrell s.p.a. acquistate a E 1,12 ciascuna. Si procede alla vendita di n azioni al prezzo unitario di E 0,90; la commissione bancaria ammonta allo 0,35%. Il ricavo di vendita è cosìdeterminato: prezzo di vendita (E 0, ) E 4.500,00 commissione bancaria (0,35% su E 4.500) E 15,75 = ricavo netto di vendita F 4.484,25 La registrazione contabile è la seguente: 12/08 12/08 12/ PERDITE SU PARTECIP. IN COLLEGATE PARTECIPAZIONI IN COLLEGATE vendita azioni Carrell s.p.a. vendita azioni Carrell s.p.a. vendita azioni Carrell s.p.a , , ,00 2/7

3 Perdite su partecipazioni in collegate è un conto economico di reddito acceso a costi d esercizio e rileva in Dare una V.E. (costo) d importo pari alla differenza tra il costo della partecipazione (E 1, = E 5.600) e il ricavo netto di vendita (E 4.484,25). In bilancio affluisce nel Conto economico alla voce C - PROVENTI E ONERI FINANZIARI, 17) interessi e altri oneri finanziari. Partecipazioni in collegate è un conto economico di reddito acceso a costi sospesi e rileva in Avere una V.E.+ (ricavo) derivante dalla vendita delle partecipazioni. In bilancio affluisce nello Stato patrimoniale tra le attività alla voce B - IMMOBILIZZAZIONI, III Immobilizzazioni finanziarie, 1) partecipazioni: b) verso imprese collegate. 3. I proventi derivanti dalle partecipazioni Nell ipotesi di un risultato economico positivo della partecipata e della volontà assembleare di distribuirne una parte agli azionisti, l investitore riceve dalla società emittenteundividendo. Supponiamo il caso in cui un impresa abbia percepito dividendi di E La registrazione contabile, è laseguente: 30/06 30/ PROVENTI DA PARTECIPAZIONI incasso dividendo Dear s.p.a. incasso dividendo Dear s.p.a , ,00 Proventi da partecipazioni è un conto economico di reddito acceso a ricavi d esercizio e accoglie in Avere una V.E.+ (ricavo). In bilancio affluisce nel Conto economico alla voce C -PROVENTI E ONERI FINANZIA- RI, 15) proventi da partecipazioni con separata indicazione di quelli relativi ad imprese controllate e collegate. 4. La valutazione delle partecipazioni Le partecipazioni, come sappiamo, possono essere classificate come: immobilizzazioni finanziarie; attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni (Attivo circolante). PARTECIPAZIONI IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE ATTIVO CIRCOLANTE investimento durevole partecipazioni in misura non inferiore a quanto stabilito dal 3 comma art c.c. investimento non durevole La distinzione tra le partecipazioni immobilizzate e quelle che invece fanno parte dell Attivo circolante è operata in base al criterio della destinazione funzionale. Esso trova fondamento nell art bis c.c., il quale stabilisce che gli elementi patrimoniali destinati a essere utilizzati durevolmente devono essere iscritti tra le immobilizzazioni. Ciòsignifica che una partecipazione deve essere considerata immobilizzazione finanziaria se è stata acquistata con l intento di essere mantenuta durevolmente nel patrimonio dell azienda; in caso contrario, ad esempio nell ipotesi di acquisto per finalità speculative, deve invece affluire nell Attivo circolante. Sono inoltre da considerare immobilizzazioni, sempre a condizione che l investimento abbia carattere durevole, le partecipazioni in altre imprese detenute secondo quanto stabilito dal terzo comma dell art c.c., cioèin misura non inferiore al 10% dei voti esercitabili nell Assemblea ordinaria della società partecipata, se questa ha azioni quotate in Borsa, e al 20%, nel caso contrario. La corretta collocazione in bilancio delle partecipazioni risulta di fondamentale importanza ai fini della loro valutazione; il legislatore, infatti, prevede criteri differenti a seconda che rappresentino elementi dell attivo circolante oppure investimenti immobilizzati. 3/7

4 Le partecipazioni iscritte nell Attivo circolante Le partecipazioni iscritte nell Attivo circolante devono essere valutate al minore tra: il valore di costo, rappresentato dal prezzo di acquisto o di sottoscrizione incrementato degli oneri accessori direttamente imputabili al contratto di acquisto (ad esempio, le spese di intermediazione). In luogo del costo specifico, il costo può essere calcolato con il metodo della media ponderata, dellifo odelfifo; intale ipotesi, la differenza tra il valore ottenuto applicando uno dei metodi indicati e il costo corrente alla chiusura dell esercizio deve essere indicata nella Nota integrativa; il valore desumibile dall andamento del mercato, rappresentato dalla quotazione di Borsa (per le azioni quotate) oppure dalle quotazioni o dai prezzi delle negoziazioni di beni similari (per quelle non quotate). In sostanza, nel caso in cui alla fine dell esercizio il valore di mercato sia inferiore al costo, le partecipazioni devono essere svalutate; il valore originario deve però essere ripristinato (ma non superato) attraverso una rivalutazione, quando vengono meno le motivazioni che avevano indotto alla svalutazione. La registrazione in P.D. relativa alla svalutazione è laseguente: 31/12 31/ SVALUTAZIONI PARTECIPAZIONI FONDO SVALUTAZ. PARTECIPAZIONI valutate partecip. valore di mercato valutate partecip. valore di mercato Svalutazioni partecipazioni è un conto economico di reddito acceso a costi d esercizio e rileva in Dare una V.E. (costo). In bilancio affluisce nel Conto economico alla voce D -RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITÀ FINANZIARIE, 19) svalutazioni, a) di partecipazioni. Fondo svalutazione partecipazioni è un conto economico di reddito acceso a rettifiche indirette del valore delle partecipazioni. In bilancio non appare in quanto, trattandosi di posta rettificativa, viene portato in diminuzione delle voci alle quali si riferisce. L eventuale successiva rivalutazione genera lo storno del Fondo svalutazione partecipazioni e si registra nel seguente modo: 31/12/n +3 31/12/n FONDO SVALUTAZ. PARTECIPAZIONI RIVALUTAZIONI PARTECIPAZIONI rivalutate partecipazioni esercizio n rivalutate partecipazioni esercizio n Rivalutazioni partecipazioni è un conto economico di reddito acceso a ricavi d esercizio e rileva in Avere una V.E.+ (ricavo). In bilancio affluisce nel Conto economico alla voce D -RETTIFICHE DI VALORE DI ATTI- VITÀ FINANZIARIE, 18) rivalutazioni, a) di partecipazioni. PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELL ATTIVO CIRCOLANTE valutazione al minore tra Valore di costo Valore desumibile dall andamento di mercato costo SPECIFICO costo NON SPECIFICO per le azioni quotate per le azioni non quotate prezzo di acquisto + oneri accessori direttamente imputabili costo calcolato con: media ponderata LIFO FIFO quotazioni di Borsa quotazioni di beni similari prezzi delle negoziazioni di beni similari Le partecipazioni iscritte nelle Immobilizzazioni finanziarie Le partecipazioni iscritte nelle immobilizzazioni finanziarie devono essere distinte in partecipazioni in imprese controllate o collegate e partecipazioni in altre imprese. Le partecipazioni in imprese controllate o collegate di cui all art c.c. possono essere valutate, a scelta dell impresa, al costo storico oppure in base al metodo del patrimonio netto. 4/7

5 Le partecipazioni in altre imprese seguono invece il criterio generale stabilito per tutte le immobilizzazioni; esse, pertanto, devono essere valutate al costo storico. Aquesteultimenon è applicabile la valutazione con il metodo del patrimonio netto. PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE Partecipazioni in imprese controllate o collegate Partecipazioni in altre imprese (non controllate o collegate) costo storico metodo del patrimonio netto costo storico Se l azienda utilizza il criterio del costo storico le partecipazioni sono valutate al costo di acquisto aumentato degli eventuali oneri accessori di diretta imputazione. Questo valore, una volta adottato, resta immutato negli esercizi successivi a meno che non intervengano fatti particolari (ad esempio, l acquisizione a titolo oneroso di nuove azioni della partecipata). Le assegnazioni di azioni gratuite non comportano invece alcuna variazione nel valore di costo. Se la partecipazione, alla chiusura dell esercizio, risulta durevolmente di valore inferiore a quello iscritto in bilancio, è necessario operarne la svalutazione, nel limite delle perdite durevoli di valore; qualora però tali perdite vengano meno, vi è l obbligo di ripristinare il valore precedente. Sotto il profilo contabile, le rilevazioni in P.D. sono simili a quelle viste a proposito delle partecipazioni non immobilizzate. Relativamente all iscrizione in bilancio non sussistono particolari problemi, salvo il caso in cui il valore di costo (iscritto in bilancio) sia superiore al valore della corrispondente frazione di patrimonio netto della partecipata. In questa ipotesi, infatti, è necessario motivare la differenza nella Nota integrativa. esempio Valutazione di partecipazioni in presenza di assegnazione di azioni a titolo gratuito La società Alfa possiede n azioni del valore nominale di F 10 della controllata Beta, contabilizzate al prezzo di acquisto di F 11,75. Nel corso dell esercizio la società Beta distribuisce n. 1 azione gratuita ogni n. 50 azioni possedute. Calcoliamo: 1 il numero di azioni possedute dalla società Alfa dopo l aumento di Capitale sociale della controllata; 2 il nuovo valore unitario delle azioni; 3 la valutazione di bilancio al costo prima e dopo l aumento gratuito. 1 Calcolo delle azioni possedute da Alfa dopo l aumento gratuito di Capitale sociale di Beta x =n : 50 = x azioni nuove azioni vecchie azioni nuove azioni vecchie azioni vecchie n azioni nuove ricevute gratuitamente n = totale azioni possedute da Alfa n Calcolo del valore unitario delle azioni Beta dopo l aumento gratuito n azioni vecchie E 11,75 = E ,00 + n azioni nuove gratuite = 0 = n E ,00 5/7 "

6 E 587:500 = F 11,52 nuovo valore unitario n azioni (vecchie + nuove) Il valore di ciascuna azione dopo l aumento gratuito di Capitale sociale della partecipata è, quindi, diminuito. 3 Valutazione di bilancio al costo La valutazione di bilancio, al costo, dopo l aumento di Capitale sociale della Beta rimane invariata poiché il costo storico delle azioni Beta, pari a E , non è mutato. Acquisto e valutazione di partecipazioni La società per azioni Alfa, in data 10 marzo dell esercizio n, ordina alla propria banca l acquisto di n azioni della società Beta non quotata. L investimento ha carattere durevole e permette alla società Alfa di esercitare una notevole influenza sulla gestione della società Beta. L operazione è eseguita in giornata alla quotazione di F 28,85 (commissione di negoziazione dello 0,30%); il controvalore è addebitato in c/c bancario con valuta 17 marzo. La partecipazione, in sede di assestamento dei conti, viene valutata al costo storico. Al 31/12/n + 5, in seguito al protrarsi di una situazione di insolvenza dell impresa Beta, che ha comportato una riduzione del valore delle azioni, la società Alfa decide di procedere, considerando tale perdita di carattere durevole, alla svalutazione della partecipazione portandone il valore a F Presentiamo: 1 il calcolo del costo della partecipazione; 2 le rilevazioni in P.D. relative all acquisto e alla valutazione al 31/12/n eal31/12/n Calcolo del costo della partecipazione E 28,85 n azioni E ,00 + commissione di negoziazione (0,30% su E ) E 3.029,25 = costo di acquisto F ,25 2 Rilevazioni in P.D. 17/03/n 17/03/n 31/12/n +5 31/12/n PARTECIPAZIONI IN COLLEGATE acquisto azioni Beta acquisto azioni Beta , , SVALUTAZIONI PARTECIPAZIONI PARTECIPAZIONI IN COLLEGATE svalutate azioni Beta svalutate azioni Beta , ,25 Commento In data 31/12/n non si effettua alcuna rilevazione in P.D. in quanto la valutazione della partecipazione coincide con il suo costo di acquisto. L ammontare della svalutazione in data 31/12/n +5ècalcolato nel modo seguente: E ( , ,00) = E ,25 Il metodo del patrimonio netto consiste nell iscrizione in bilancio delle partecipazioni in imprese controllate o collegate per un importo pari alla corrispondente frazione del patrimonio netto risultante dall ultimo bilancio della partecipata, diminuito dei dividendi di cui sia nota l entità e depurato degli effetti delle operazioni intervenute tra società partecipante e società partecipata. La valutazione delle attività finanziarie: l esordio del fair value Dal 1 gennaio 2005 le società quotate in uno dei mercati regolamentati degli Stati comunitari e quelle con strumenti finanziari diffusi, nonché le banche e numerosi enti finanziari (Sim, Sgr, ecc.) sono obbligati a redigere il Bilancio consolidato in conformità agli IAS/IFRS. Dette società avevano, sin dal 2005, la facoltà di decidere se adottare nel Bilancio d esercizio gli IAS/IFRS che è poi divenuta un obbligo a partire dal Tutte le altre società quotate e non quotate hanno potuto adottare gli IAS/IFRS nel Bilancio consolidato e nel Bilancio d esercizio a decorrere dal Tale facoltà èinvece preclusa alle imprese che in base all art bis c.c. redigono il Bilancio in forma abbreviata. 6/7

7 L applicazione degli IAS nel Bilancio consolidato delle società quotate obbligate alla redazione dei conti consolidati ha imposto in numerose situazioni l adeguamento a nuovi comportamenti contabili; una novità dinotevole impatto è stata quella rappresentata dal cosiddetto fair value. Gli IAS infatti sono orientati, per la valutazione di alcuni elementi patrimoniali, all abbandono del costo in favore del fair value. Il fair value è il corrispettivo al quale un attività può essere scambiata, o una passività estinta, tra parti consapevoli e disponibili; in sostanza, rappresenta il valore di mercato, definito anche dalle Direttive comunitarie valore equo. Lo IAS 39, in particolare, prevede l utilizzo del fair value nella valutazione degli strumenti finanziari posseduti a scopo di negoziazione oppure acquisiti fin dall inizio principalmente con lo scopo di generare profitto dalle fluttuazioni di breve periodo del fair value. Devono essere, invece, iscritti al costo: gli investimenti in attività finanziarie a scadenza fissa che l azienda ha intenzione di detenere fino a scadenza; gli strumenti rappresentativi del patrimonio dell impresa (quote o azioni) non quotati, ilcuifair value non può essere valutato in maniera attendibile. Il fair value, infine, non si applica ai titoli immobilizzati, ai quali vanno applicati i Principi contabili internazionali IAS 27 e 28. Nel bilancio dell impresa che detiene la partecipazione (capogruppo), infatti, le partecipazioni in società controllate e in società collegate possono essere valutate alternativamente al costo oppure utilizzando il criterio del patrimonio netto (IAS 28). 7/7

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Partecipazioni e azioni proprie

Partecipazioni e azioni proprie OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Partecipazioni e azioni proprie Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC OIC 3 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI DA INCLUDERE NELLA NOTA INTEGRATIVA E NELLA RELAZIONE SULLA GESTIONE (ARTT. 2427-BIS E 2428, COMMA 2, N. 6-BIS C.C.) Marzo 2006 PRESENTAZIONE L Organismo

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1 PARTECIPAZIONI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Art. 2424 b iii immobilizzazioni finanziarie. Partecipazioni Crediti Altri

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio di Tiziano Sesana (*) Gli interessi legali di mora ex D.Lgs. n. 231/2002 così come modificato dal D.Lgs. n. 192/2012 sono

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli