UN SOGNO. UNA REALTÀ. Unisciti al nostro gruppo su: N U M E R O U N D I C I - N O V E M B R E L I N F O R M A Z I O N E F A C E N T R O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN SOGNO. UNA REALTÀ. Unisciti al nostro gruppo 00042 su: N U M E R O U N D I C I - N O V E M B R E 2 0 0 9 L I N F O R M A Z I O N E F A C E N T R O"

Transcript

1 N U M E R O U N D I C I - N O V E M B R E L I N F O R M A Z I O N E F A C E N T R O UN SOGNO. UNA REALTÀ. I lettori più fedeli conoscono le nostre ambizioni e quali sono i nostri propositi per riqualificare il territorio di Anzio. Lo abbiamo espresso in termini chiari da queste colonne ed attraverso l operato dell associazione Arriva un momento in cui i sogni cominciano a prendere forma, grazie all operato incessante di un gruppo di amici. Accade che in pochi giorni si materializza quanto era stato ipotizzato per mesi in riunioni accese, in cui il confronto era serrato ma poi da buoni amici si brindava alzando un bicchiere di Vecchia Berta. Ecco che un giovane e valente architetto, un insegnante che vola alto e un rompiscatole doc si trovano in pochi giorni a realizzare il Sogno. Il Sogno si traduce in realtà e prende il nome di Centro Polifunzionale dei Giovani. Un idea semplice ma geniale (come tutte le idee semplici), che mira a realizzare una struttura permanente a disposizione dei ragazzi del territorio. Il Sogno poi si trasforma in Progetto, con tanto di presentazione ufficiale presso la scuola media Virgilio nell ambito di un bando presentato dal Comune di Anzio. All interno troverete maggiori dettagli sull iniziativa, ma ci premeva ringraziare in queste colonne chi ha contribuito materialmente a condurre il Sogno in porto. Un plauso va al comune di Anzio che ha offerto un occasione a tutti i cittadini di poter presentare un progetto atto a migliorare il territorio (grazie ad un ingente finanziamento della Regione Lazio). Un ringraziamento sentito va a tutti coloro che hanno espresso consensi all iniziativa e a quei consiglieri comunali (in primis Toselli) del Partito Democratico che hanno difeso a spada tratta i progetti a sfondo sociale, tra cui spicca anche quello realizzato dal trio Mangili- Cappuccia- Pugliese. A prescindere dall esito del bando, il Progetto va avanti spedito in attesa che venga realizzato. Siamo certi che si farà, perché quel gruppo di amici ha una marcia in più. P.S. Siamo stati autoreferenziali, ma una volta tanto non guasta. Nel prossimo numero celebreremo un anno di Anzio Space. Preparatevi a grandi sorprese. Marcello Bartoli ANZIO: UNA CITTÀ PER TUTTE LE STAGIONI L amministrazione cavalca un nuovo slogan per il paese Anzio sembra detenere un buon record di slogan ad hoc trovati dalle sue ultime amministrazioni che propongono la città come città di. Difatti qualche anno fa, se non erro, si parlava di Anzio come città d arte, concetto presto abbandonato per la lunga parentesi dello slogan dello stravolgente porto di Anzio. Poi si è passati dall arte monumentale all arte dello spirito, quindi si è proposto Anzio come città della pace. Il lettore, ingenuo, penserà che queste azioni servano per migliorare la visibilità di Anzio con una definita e specifica qualificazione di identità comunitaria attorno alla quale ruotano programmi e attività di rilievo, ben pubblicizzate a livello nazionale e che danno stimolo e sostanza al cosiddetto turismo culturale! Niente di tutto ciò, purtroppo: è solo fumo negli occhi ai molti elettori compiacenti ed all oscuro dell inutilità e dello spreco di energie e parole, che hanno poco a che vedere con concetti come programmazione e strategie per il bene del territorio. Da oggi avremo una nuova Anzio: la città di Nerone, una piccola mostra che poco dice del personaggio, cartelloni che pubblicizzano questa nuova identità del paese e una statua di bronzo dell imperatore. Siamo certi che inaugurata la statua con eminenti presenze e aperitivo aristocratico sarà il termine di questo slogan. Anzio-Space rimane comunque ad osservare l andazzo in attesa della Anzio città dei fiori. Andrea Mingiacchi è un giornale che vive di proprie risorse, apriamo una sottoscrizione diretta a tutti coloro che condividono la nostra linea. Puoi aiutarci con un piccolo contributo economico. Contattaci al Unisciti al nostro gruppo su:

2 2 ECCO IL NOSTRO CENTRO POLIFUNZIONALE SCHEDA TECNICA Nei dettagli vi sveliamo i segreti del progetto. Il progetto presentato dalla nostra associazione (00042) è frutto dell ingegno di gran parte degli associati, per quanto concerne la parte tecnica dell architetto Bruno Pepe. Il giovane professionista già noto per aver presentato al comune di Anzio la proposta per la realizzazione di uno skatepark ha messo in campo le sue idee per il centro polifunzionale. Il centro sorgerebbe tra i plessi scolastici del Cappell College e del Gavio Apicio (nella zona di Anzio 2), su un terreno di proprietà comunale, andando idealmente a formare una vera cittadella della cultura. La struttura ideata dall architetto Pepe è stata concepita secondo i più moderni criteri della bio architettura, sfruttando il legno e i suoi principali derivati. L aspetto preponderante riguarda l uso dei pannelli fotovoltaici, che consentirebbero un ampio sfruttamento delle energie naturali e (cosa fondamentale) garantirebbero un autofinanziamento permanente. Il centro produrrebbe energia, creando in questo modo reddito e non gravando sulle casse dell amministrazione comunale. Un concetto vitale tenendo conto anche del rispetto dell ambiente grazie all utilizzo di materiali ecosostenibili. Nella costruzione del centro verrebbero coinvolti gli stessi ragazzi (loro che sono l obiettivo del progetto), dando loro la possibilità di essere gli artefici di questo gioiello. Un modo per renderli maggiormente responsabili e per educarli ad avere cura di quella che sarà la loro casa ideale. L architetto Pepe ha già evidenziato le sue qualità in diversi ambiti, nel caso del centro polifunzionale si è superato, riuscendo in poco tempo a realizzare un autentico gioiello. In caso di non realizzazione immediata l architetto insieme agli associati della ha garantito che è pronto ad esportare la sua idea ovunque, provando ogni canale possibile. E inutile sottolineare l enorme portata di questo progetto, che andrebbe a colmare una lacuna evidente nel nostro territorio, ergendosi come il primo vero centro di aggregazione del mondo giovanile. Chi vi scrive auspica a breve la realizzazione, sognando che finalmente Anzio possa balzare agli onori della cronaca per essere il primo comune del litorale a vantare una simile conquista. Marcello Bartoli GLI OBIETTIVI Dopo aver analizzato la parte tecnica del centro, è doveroso porre l accento sui contenuti del progetto. L associazione ha presentato l opera nell ambito di un bando comunale, che ha dato modo a numerosi cittadini anziati di esporre le proprie idee per migliorare il nostro territorio. Il tutto si è concretizzato lo scorso 5 novembre presso la scuola media Virgilio di Lavinio, teatro di questo incontro di spessore. L amministrazione era rappresentata dal sindaco Bruschini e dall assessore al Patrimonio Mercuri, che hanno apprezzato lo sforzo profuso dalle diverse associazioni presenti, mostrando un interesse concreto ai progetti realizzati. Questo era un doveroso cenno di cronaca per ricordare quanto accaduto all inizio del mese. Nel contesto della manifestazione del 5 novembre l associazione ha presentato il progetto per la realizzazione di un innovativo centro polifunzionale dei giovani. I rappresentanti dell associazione hanno spiegato le ragioni di fondo di questo ambizioso progetto, tutto incentrato sul mondo giovanile. Questo l obiettivo principale fissato dagli associati, che hanno dichiarato di voler porre il Anzio Space - Mensile di Informazione giovane al centro di questo progetto. Nel contesto del centro polifunzionale i ragazzi coinvolti non sarebbero solo fruitori passivi di corsi (come spesso accade e anche a pagamento ), ma gli artefici stessi della vita culturale. Seguiti da un collaudato gruppo di tutor i giovani del territorio avrebbero la possibilità oltre a seguire corsi di vario genere, di proporre lezioni, organizzare feste, dibattiti e concerti. La struttura è stata ideata per essere open, quindi senza esclusioni a priori per iniziative, purché abbiano una valenza sotto il profilo sociale e culturale. Nel centro il giovane deve sentirsi libero e può usufruire di un emeroteca, di una sala d informatica e di altre sale per lo svago. Tra i corsi proposti dall associazione ve ne sono alcuni di estremo interesse: un corso d italiano per immigrati per favorire l integrazione di questi ultimi. A loro volta gli stranieri potranno proporre corsi inerenti la loro cultura d origine, dando vita ad un fecondo gemellaggio con gli abitanti del nostro territorio. Altri corsi previsti: botanica (i ragazzi verrebbero iniziati alla coltivazione di alberi nell area verde adiacente la struttura), musicoterapia per i disabili, centro d ascolto con l apporto di un valente pool di psicologi. Ci sarà spazio anche per i più tradizionali corsi di informatica, di musica e di pittura, che potranno però contare su un drappello di professionisti in qualità di docenti. Da non trascurare anche la scelta logistica del centro polifunzionale: la struttura sorgerebbe nel quartiere residenziale di Anzio 2, in una zona che ha subito un evoluzione notevole sotto il profilo urbanistico. Peraltro il centro andrebbe a creare una sorta di polo collegandosi alle scuole della zona, ovvero il liceo classico e l istituto alberghiero. Una posizione ideale per creare sinergie con questi istituti scolastici, che possono a loro volta contare su strutture all avanguardia e su un personale docenti di prim ordine. Non è da mettere in secondo piano anche la presenza del commissariato di polizia, che garantirebbe la sicurezza per tutti gli abitanti della zona e rappresenterebbe un ottimo deterrente per chiunque pensasse di arrecare danni alle strutture o di compiere atti illegali. L associazione è fermamente convinta nella riuscita di questo progetto e nei prossimi mesi continuerà a dare battaglia affinché questo splendido sogno si tramuti in realtà. Marcello Bartoli

3 Anzio Space - Mensile di Informazione IL PROGETTO DELL ASSOCIAZIONE PER I GIOVANI Estendere formazione e integrazione sul territorio Per aiutare la formazione e l integrazione dei giovani del territorio di Anzio proponiamo la realizzazione di un centro polifunzionale, che sarà punto di riferimento per i giovani del nostro territorio; poche sale per coinvolgerli in esperienze teatrali, musicali, dibattiti, approfondimenti culturali mirati all integrazione e all espressione. L idea è quella di creare una struttura accogliente nella quale il giovane possa sentirsi soggetto partecipe ed attivo. Difatti le azioni culturali che si svolgeranno all interno della struttura saranno per lo più proposte ed organizzate dai giovani stessi, che verranno messi in condizione, attraverso il tutoraggio di adulti competenti nelle specifiche attività, di fare formazione attiva e mettersi in gioco. Nel centro polifunzionale per i giovani e la cultura si prevedono le seguenti attività: - laboratorio di pittura - laboratorio di arte-terapia (per favorire l integrazione) - laboratorio di musicoterapia (per favorire l integrazione) - laboratorio di informatica - corsi di italiano per stranieri - lezioni di strumento musicale - corsi di grafica - ripetizioni per gli studenti - corsi per orientamento al lavoro - laboratorio teatrale - laboratorio di botanica - gruppo scout - consulenza psicologica e orientamento scolastico Inoltre si potranno organizzare esposizioni d arte, feste e concerti musicali. Evidenziamo il fatto che il giovane e la sua formazione morale e civile è al centro del nostro progetto e che ogni attività sarà gestita e coordinata dagli stessi giovani monitorati da esperti del settore. Prevediamo per la realizzazione della struttura la collaborazione dei giovani del territorio attraverso interventi sia nella progettazione, che nella costruzione. Nel rispetto dell ambiente e per la sostenibilità dello spazio, il centro polivalente lo abbiamo ipotizzato in legno con una copertura in fotovoltaico al fine di coprire i consumi energetici ed integrarsi con l ambiente. Questo è un elemento vitale, in quanto il centro grazie all autonomia energetica non graverà sulle casse comunali, consumando meno di quello che verrà prodotto. I giovani saranno responsabili anche delle operazioni di manutenzione della struttura e del giardino esterno. Scelta della localizzazione dell iniziativa Abbiamo individuato per la realizzazione di questo centro l area circoscritta tra la via Nettunense, viale Nerone ed l Istituto professionale Apicio del Centro Anteo. Luogo strategico per quanto riguarda la visibilità e che permetterà di facilitare le iniziative in rete anche con le scuole e strutture sportive limitrofe. Quali sono gli utenti dell iniziativa Il centro sarà a disposizione per tutti i giovani del territorio di Anzio e di Nettuno, sia residenti che domiciliati. L accesso e la partecipazione saranno del tutto gratuite. Elementi di innovazione e differenziazione del progetto - Coinvolgimento dei giovani nel processo progettuale e produttivo - Autonomia gestionale - Edificio in legno con struttura a pannelli ecocompatibili - Produzione energia elettrica tramite fotovoltaico Sintesi dei punti di forza Il progetto prevede la realizzazione di una struttura atta a centro polifunzionale per lo sviluppo e la crescita sociale e culturale dei giovani, costruita secondo principi di bioedilizia e bioarchitettura con tetto a pannelli fotovoltaici integrati. Il programma è orientato all avvio di un modello per lo sviluppo sostenibile, sia in termini sociali che ambientali, attraverso una struttura che sia autonoma dal punto di vista energetico e che anzi sviluppi reddito creando energia pulita. In un area lasciata a verde di proprietà comunale, posta fra la via Nettunense ed il Quartiere Europa, adiacente una nuovissima struttura scolastica, si sviluppa un edificio costruito con tecnologie costruttive quali il legno e i suoi derivati e con impianti che permettano la massima efficienza energetica. Obiettivi del progetto Il progetto mira concretamente all aggregazione del mondo giovanile, facendo leva sul concetto di autonomia e di risorsa dei giovani. Saranno loro i reali protagonisti del progetto, investiti delle responsabilità da loro richieste successivamente nel mondo adulto. Il progetto vuole quindi mirare alla formazione culturale del giovane, ma soprattutto alla sua autosufficienza. Il progetto prevede inoltre il rispetto dell ambiente del nostro territorio, grazie alla costruzione di un centro aderente ai principi della bio architettura. Operatori Le attività del centro saranno coordinate da un comitato di professionisti nel campo della cultura, dell insegnamento, dell integrazione, della consulenza psicologica e dell arte, provenienti da realtà associative del territorio. 3 Inviaci commenti su e per maggiori informazioni vai su Andrea Mingiacchi

4 4 Anzio Space - Mensile di Informazione PUBBLICITA Per informazioni telefonare al INCHIESTA/INTERVISTA SUL PIANO REGOLATORE Parola ai costruttori... Di fronte al boom edilizio creato dal PRG del Comune di Anzio, è sembrato doveroso sentire il parere di alcuni costruttori impegnati in questo settore. Due degli intervistati hanno espresso un giudizio positivo in quanto si sono venuti a creare nuovi posti di lavoro a beneficio soprattutto delle imprese locali. Altri invece hanno manifestato varie riserve: da un giorno all altro, molti terreni, da agricoli sono diventati edificabili senza prevedere, né progettare, i servizi sociali essenziali: strade, scuole e tutto un insieme di servizi di pubblica utilità. E sufficiente esaminare il Piano regolatore da Via Delle Cinque Miglia in su... Borghesiana, Cavallo Morto, etc... Purtroppo, afferma un altro costruttore, questa specie di gara non ha elevato la qualità dell edilizia, anzi ci ha costretto ad adattare prezzi e livelli qualitativi al mercato che in questo momento è fermo. Certo, però non accettiamo svendite!. E senz altro positivo, afferma un altro, che ci sia stato un aumento dei livelli di occupazione locale ; ma purtroppo, non solo locale! Infatti, alcuni si sono serviti di manodopera varia, anche di stranieri. Alla domanda se il piano regolatore avesse previsto lo sblocco differenziato e diluito nel tempo dell edificabilità, alcuni affermano che la situazione sarebbe stata senz altro migliore e più equilibrata ; altri, invece, che questa eventuale differenziazione sarebbe risultata negativa per l occupazione e avrebbe favorito eventuali privilegi. Per quanto riguarda l importanza dei sevizi primari tutti gli intervistati sono perfettamente d accordo. Alcuni però affermano l esigenza di servizi migliori per favorire appetibilità e valore delle case costruite, come centri culturali, biblioteche, uffici dislocati del Comune e del servizio d ordine. E proprio di queste cose, afferma un altro costruttore, che bisognerebbe parlare : costruire qualche albergo, infrastrutture pubbliche e anche private ma di maggiore qualità...solo così si salvaguarderebbe una continua e futura occupazione. La maggior parte dei costruttori intervistati è d accordo nel suggerire agli amministratori locali di lavorare meglio, ascoltando anche chi è contrario allo loro politica. Gianfranco Aghedu MA IL MERCATO, TIRA ANCORA? Dalle indicazioni degli addetti ai lavori, un futuro nero A quasi cinque anni dall entrata in vigore del P.R.G., in un territorio devastato dal moltiplicarsi di cantieri e di villini appena terminati, com è cambiato il modo di lavorare per uno degli operatori tipici del settore, come le Agenzie Immobiliari? Lo chiediamo al sig. Graziano Manzolli, titolare dell Agenzia Italia a Lavinio. Ad essere sincero, per come è stato concepito, devo fare le mie critiche al Piano Regolatore; sarebbe stato molto più logico fare la scelta di sviluppare una sola zona della città, che ne so, vogliamo sviluppare Colle Cocchino? Allora, per 5-10 anni si sarebbe dovuto costruire solo là. Poi, passato quel tempo, si passava a sviluppare un altra parte di territorio. Qui, invece, si è data via libera su tutti i punti cardinali, creando solo caos. Si è costruito solo case, senza pensare alle strade, alle scuole, ai servizi (che sono rimasti quelli di 10/20 anni fa), a discapito della qualità della vita. Si è creato solo un guazzabuglio generale che, secondo me, non porterà benefici né nell immediatezza, che nel futuro. Un altra voce del vostro lavoro è l affitto estivo. Come è andata la stagione? Per fortuna, nonostante la crisi, qui a Lavinio il mercato dell affitto, nel mese di agosto, ha retto abbastanza bene. Abbiamo avuto solo una flessione del 20% per il mese di luglio, percentuale che è in linea con l andamento generale del resto del paese. Per concludere, secondo lei, quale potrebbe essere una cura per risolvere il problema di villettopoli? L unica cosa da fare, sarebbe stoppare la situazione, fermarsi un attimo, anche se capisco che è quasi impossibile. E vero, però, che sarà il mercato stesso a fare la selezione. Per esempio, bisognava diversificare le cubature costruttive. In certi parti della città era necessario dare la possibilità di costruire case più grandi, anche perché la maggior parte di quelle fatte sono della metratura di 50/60 metri, tipica da seconda casa. Possono andar bene per i vacanzieri o per una coppietta di sposetti, ma appena nasce un figlio, vengono fuori i problemi di tutti i giorni (ad esempio la mancanza di asili nido) e molti, allora, decidono di tornarsene a Roma. Bisogna dare un futuro ad Anzio, un futuro per non farla diventare una città di sole seconde case. Maurizio D Eramo

5 Anzio Space - Mensile di Informazione INCONTRO CON IL DOTT. SCATASSA Le tappe della vicenda BAMBINOPOLI Quando ho incontrato Giancarlo Scatassa era il giorno 9/11, giorno che celebra il ventennale della caduta del muro di Berlino, mi sono reso conto quanto i due verbi costruire e distruggere talvolta si interscambino nel significato: venti anni fa qualcosa veniva distrutto ma si stava costruendo l unione di una città, mentre nell intenzione di costruire palazzi in una area verde si vede la distruzione di uno dei pochi patrimoni naturali rimasti. Cosa rappresenta Bambinopoli? Per noi un po più anziani rappresenta quasi un istituzione, dopo tornati dalla guerra e dallo sfollamento era l unica oasi verde dove potevamo passare del tempo, era un vero centro sportivo, si giocava a tennis, a minigolf, vi era perfino una pista di pattinaggio. Nel 1700 era un vero e proprio parco di Villa Sarsina e si estendeva fino al mare. Cosa è successo poi? Una speculazione selvaggia ha cominciato a modificare il paesaggio ma Bambinopoli con i Piani regolatori dell epoca non era ancora sbloccata come area edificabile, e i proprietari di questo appezzamento arrabbiati per tale faccenda lo abbandonarono, e da allora fino ad oggi Bambinopoli rimase coperto di rovi, di meravigliosi alberi, pini e platani dopo un po qualcuno ha cominciato a pensare che era momento di speculare anche su di esso. Quanto ha influito il piano regolatore? Il Piano regolatore del 2004 considerò ciò come zona edificabile, e la miopia politica è stata proprio quella di non prevedere per il centro urbano l unico pezzetto di verde rimasto (2800mq) trasformato in un parco o altro, alla luce anche che vi sono qui due scuole, l ospedale militare, sarebbe stato un bene della collettività, anche perché visto che si dice che Anzio ha una vocazione turistica bisognerebbe fare degli spazi per creare delle vere comunità. L area in questione è stata denominata B/2, ovvero in zone di completamento che a sud della ferrovia, al contrario di quelli che sono al nord dove l altezze degli edifici è fissata a 7,50 m, le costruzioni possono avere altezze variabili in linea però con la media degli altri. Qui l amministrazione prendendo la palla tale cavillo, nel giugno 2008 ha rilasciato i lavori per la costruzione di due palazzi, di sei piani più una terrazza con un altezza di quasi 20 per un totale di 60 appartamenti che sono provvedimenti presi per una densità di popolazione di periferia non per un centro storico. Quali sono stati i provvedimenti presi? E nato spontaneamente un comitato dai cittadini. Una mattina presto, mi svegliarono dei rumori e vidi una scena che difficilmente scorderò: pini e platani secolari abbattuti selvaggiamente; siamo scesi in pigiama e per intervenire sulla faccenda, poi è arrivata la Guardia Forestale e ha sospeso i lavori. Tale caso ha destato l interesse della magistratura che ha obbligato il comune a sospendere i lavori. La nascita del comitato è stata retta dall entusiasmo di cittadini di difendere tale territorio da una situazione surreale. Innanzitutto abbiamo fatto un esposto alla Procura della Repubblica perché pensavamo che non ci fossero solo errori burocratici e di interpretazioni di p.r.g ma anche piani finalizzati a realizzare certe cose con eventuali procedimenti penali. Poi in secondo luogo abbiamo fatto un ricorso al TAR con un avvocato, dove il comitato ha finanziato le spese onerose. In ultima battuta abbiamo segnalato il fatto alla regione che ha una giurisdizione politica nei p.g.r. Una prima udienza del TAR c è stata che ha decretato che bisogna vedere chi ha veramente ragione in questa faccenda e la sentenza vi sarà a dicembre. La Regione invece ci ha dato ragione (anche in relazione alla faccenda Villa Adriana). NUOVA SEDE DEL GIMEMA A.I.L Esperienza personale all incontro dei volontari AIL In data 27/10 sono stato invitato assieme a mia madre, in veste di volontario, per l inaugurazione della nuova sede del Gimema, importante centro di ricerca legato all AIL (Associazione italiana contro leucemie e linfomi). L incontro è stato scandito dagli interventi del Prof. Franco Mandelli e dalla testimonial Lorella Cuccarini. L incontro ha ribadito l importanza dei fondi che ogni anno vengono raccolti con le donazioni degli Italiani, soprattutto come ha detto il Professore in uno stato in cui le associazioni di ricerca non prendono un euro. La sinergia dei volontari e la bontà del cittadino registra ogni anno grandi risultati. La foto non è autocelebrativa ma solo una testimonianza che Anzio è stata a tale incontro. Da non dimenticare l appuntamento dal 5 all 8 dicembre con le Stelle di Natale nelle piazze del nostro territorio dove l AIL è presente da ormai da quindici anni. 5 Stefano Chiappini Noi viviamo la giornata, il cantiere non c è e continuiamo a vedere alberi. Stefano Chiappini

6 Anzio Space - Mensile di Informazione 6 Pagina di ANZIO-SPACE gestita dai giovani de Il Giovanotto. IL NO DI LEGAMBIENTE Due grandi inutili parcheggi per barche che saranno quasi sempre ferme in porto; traffico, smog e posteggi per le automobili dei diportisti; un enorme colata di cemento in mare e sulla costa: ecco, in sintesi cosa prevede il faraonico progetto per il nuovo porto di Anzio. Da a metri quadri lo spazio acqueo occupato, un area quasi dieci volte più grande del centro storico della città, 300 metri di cemento per la banchina, fino a unità posti barca. Ecco come Legambiente descrive il progetto del nuovo porto incentrandosi poi sui relativi poblemi che prterebbe la costruzione dell infrastruttura. Ripercussioni gravi sull ecosistema litoraneo, a rischio l apporto sabbioso, ora assicurato in particolare dalla foce del Tevere, più a nord. Il mare sarà meno pulito e più lontano dalla città, nascosto da file di barche ormeggiate a pontili privati inaccessibili. Quindi la costruzione del bacino portuale sarebbe solamente una grande gomma da cancellare, sparirebbe l importanza storica della nostra cittadina. Basta cemento! Noi giovani vogliamo che il nostro ambiente venga rispettato, vogliamo che si smetta a costruire e costruire! Rispettate la nostra città dove siamo cresciuti e dove siamo intenzionati a far valere le nostre prospettive per un futuro pulito senza cemento. Valerio Novara TRENITALIA... CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO Torniamo a parlare di mezzi di trasporto pubblico, in particolare di vandalismo: è ancora stato preso di mira il treno della tratta Nettuno- Roma. Qualche settimana fa dei vandali hanno danneggiato il treno distruggendo quattro delle sette vetture del treno regionale Ad accorgersi del danno il capotreno, attirato dal forte odore di fumo. Da un controllo delle vetture il ferroviere ha scoperto che in una era stato addirittura appiccato il fuoco ad un sedile. Fiamme subito spente con un estintore mentre nelle altre tre vetture, invece, sono stati distrutti i sedili, smontati gli arredi e le porte dei bagni. Per fortuna non c erano passeggeri a bordo del treno ed il capotreno non ha subito alcun danno. Le vetture, intanto, sono state inviate alle officine di riparazione. Per questo affronto continuo di violenza sono i pendolari di Nettuno e di Velletri a subire i maggiori danni: nove convogli viaggiano con una vettura in meno, tre di Velletri e sei di Nettuno, per un totale di circa posti a sedere in meno. Le Fs, intanto, hanno sporto denuncia contro ignoti. Il problema, però, resta la carenza di controlli nei nostri mezzi di trasporto pubblico, perché una cosa del genere fosse successa all estero (in Inghilterra, ad esempio), i colpevoli sarebbero stati immediatamente rintracciati (ci sono telecamere a circuito chiuso in ogni vettura, nonché agenti di forze dell ordine) e condannati a pagare caro il loro gesto. Come dire, se non li impediamo sul nascere questi episodi, a farne le spese restiamo sempre e solo noi pendolari Valerio Novara

7 Anzio Space - Mensile di Informazione VISITA GUIDATA AL RIUNITI ANZIO-NETTUNO Comincio da qui, nella veste di inviata interna, un tour guidato dell Ospedale di Anzio: racconterò luci ed ombre ed accoglierò le vostre critiche, perché credo che il DIALOGO sia l unica arma che una società civile debba imbracciare! IL REPARTO DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA. Uomini che passeggiano nervosi, cellulari che squillano, bimbi che corrono con mazzi di fiori, parenti che aspettano, donne in attesa di un bimbo o di una visita. Tensione, nervosismo, ansia, gioia, rabbia. Un crocevia di stati d animo e sensazioni che si avvertono a pelle attraversando l androne affollato del 3 piano del Riuniti dove si trova il reparto di Ostetricia e Ginecologia! Il dott. Ambrogi dirige il reparto dal 2003: con professionalità, tenacia ed il supporto dei suoi collaboratori lo ha reso una realtà polifunzionale e di elevato standard qualitativo; i numeri parlano per lui: 750 parti l anno(230 tagli cesarei); 180 interventi in regime di ricovero ordinario; 320 in Day Hospital; 200 Interruzioni Volontarie di Gravidanza (legge 194). A tutto questo va sommata l attività ambulatoriale ripartita fra Anzio e Villa Albani! IN AMBITO OSTETRICO le donne sono seguite fin dall inizio con periodici controlli clinici e diagnostici. Da qualche mese è inoltre possibile effettuare l amniocentesi, una procedura che permette la diagnosi già in utero di eventuali anomalie genetiche del nascituro. L iter assistenziale per la gravida si completa con un corso teoricopratico nell ambito del quale pediatri, ginecologi e ostetriche preparano la futura mamma al parto. Il corso assume un ruolo fondamentale per il rapporto di fiducia che le donne instaurano con le ostetriche, figure cardine nella gestione della fase finale e più difficile della gravidanza costituita dal travaglio e dal parto stesso. Degna di rilievo l iniziativa che pone il reparto all avanguardia in campo scientifico ed umanitario: la Donazione del Sangue del Cordone Ombelicale (DSCO). E una procedura indolore e priva di rischi per mamma e bambino: dopo la nascita e dopo aver reciso il cordone ombelicale il nascituro viene affidato alle cure dei pediatri e l ostetrica esegue un prelievo di sangue dal cordone ombelicale prima che la placenta venga fisiologicamente espulsa. Il sangue prelevato viene spedito alla Banca di Sangue Placentare di riferimento dove viene conservato poiché contiene cellule dette staminali in grado di rigenerare le cellule del sangue. Un domani quel sangue potrà fare la differenza fra la vita e la morte per un bimbo malato di leucemia! IN AMBITO GINECOLOGICO il reparto offre strumenti diagnostici a 360 : pap-test con ricerca del Papilloma Virus (HPV), colposcopie, ecografie, isteroscopie, partecipazione a progetti di screening preventivi. Punto di forza è l ambulatorio di Uroginecologia che affronta la problematica dell incontinenza urinaria femminile a tutto tondo grazie ad indagini diagnostiche quali l Urodinamica e soluzioni chirurgiche all avanguardia. NELL AMBITO DELLA LEGGE 194 il reparto vanta oggi un servizio al di sopra degli standard qualitativi medi grazie ad un fattore determinante:la continuità. Dal 2002 la dott.ssa Orlando gestisce il servizio con competenza e professionalità affiancando all attività chirurgica una componente umana e di sostegno psicologico per le donne che attraversano la difficile esperienza dell aborto. L equipe anestesiologica ed infermieristica è composta da personale non obiettore dell ospedale stesso ed è immutata da circa 7 anni,fattore questo di estrema rilevanza poiché ha conferito al servizio delle IVG una dignità ed un ruolo negatogli per molti anni a causa del continuo turn over di ginecologi ed anestesisti. In conclusione mi permetto di dire che forse un reparto come quello descritto avrebbe bisogno di maggior personale medico e paramedico, di un maggior numero di spazi e di un ascensore ad esso dedicato poiché vedo donne incinta affannate salire a piedi stanche di attendere l unico ascensore mai disponibile!infine cosa a mio avviso incresciosa e riferibile all ospedale tutto è la mancanza di servizi igienici esterni ai reparti!vi assicuro che dover rispondere ad una donna incinta: Mi spiace,qui il bagno non c è. Deve suonare in reparto è cosa che ti fa vergognare della struttura nella quale lavori! 7 Emanuela Moroni PUBBLICITA Per informazioni telefonare al

8 8 PERICOLO PULCI, PERICOLO SCUOLA. DOBBIAMO VERAMENTE SCEGLIERE? Dal 23 settembre il plesso di Via Pegaso del Liceo Scientifico di Innocenzo XII di Anzio è chiuso a causa di una invasione di PULCI. Il problema in realtà si é presentato con l inizio delle lezioni: già il 17 e il 18 settembre la presenza dei parassiti aveva comportato la necessità di chiudere la scuola per la disinfestazione. Lunedì 21 e martedì 22 settembre gli studenti hanno ripreso regolarmente le lezioni, ma mercoledì 23 settembre la scuola è stata nuovamente invasa dagli insetti che hanno morso studenti, personale e docenti. Il preside ha provveduto a far evacuare immediatamente la scuola avvisando le famiglie della necessità di ritirare i propri figli. Si è poi deciso di riprendere le lezioni. Quale soluzione è stata trovata in attesa della disinfestazione dalle pulci? Quella di ospitare i 200 studenti nella palazzina esterna del plesso di Via Ardeatina, dichiarata inagibile lo scorso anno (e lo è tuttora) a causa di infiltrazioni d acqua dal soffitto e, soprattutto, per evidenti lesioni alla struttura che hanno messo in serio pericolo la stabilità dell edificio. Questa scelta mette in serio pericolo la sicurezza degli studenti e dei lavoratori che operano all interno della struttura, soprattutto in un periodo in cui la Terra continua a tremare. Anzio, rammentiamo, è ubicata su quella che i geologi denominano linea Anzio-Ancona, cioè sulla maggiore discontinuità tettonica che attraversa la catena dell Appennino, ed in prossimità del distretto vulcanico dei Colli Albani. E sufficiente osservare le crepe dell edificio per rendersi conto che siamo in una situazione di rischio elevato. Né i morti di S. Giuliano, né quelli de L Aquila e di Messina hanno insegnato niente: si assiste all assoluta indifferenza delle istituzione. Ma di chi sono le responsabilità? Torniamo alle pulci: quelle dentro scuola ormai sono morte, complice anche il freddo, per cui la Provincia non è più competente. E la disinfestazione dei terreni limitrofi, ossia di quelli dai quali si ritiene provengano le pulci, che si fa attendere. La competenza è dei proprietari dei terreni e, in assenza di intervento del privato, spetta al sindaco del comune che può obbligarli a disinfestare i terreni. Il sindaco ha finalmente emanato l ordinanza con la quale si obbligava i proprietari dei terreni limitrofi ad intervenire ma sono scaduti i termini e nulla è stato ancora fatto. Perché non dispone un immediata bonifica a spese dei proprietari?? I ragazzi continuano a vivere in una situazione di pericolo. Un Comune che si vanta di attuare una politica del FARE, dovrebbero essere tempestivo anche in queste occasioni, non solo nel rilasciare licenze edilizie. Enrico Petrucciani PUBBLICITA Per informazioni telefonare al V O C I D A L L A C I T TA Anzio Space - Mensile di Informazione III MEMORIAL FABIO GIANNINI Anche quest anno l Associazione Culturale Libertà e Azione ha organizzato il Memorial Fabio Giannini, giunto ormai alla sua III edizione. Oltre al quadrangolare di calcetto, nel quale si sono sfidate le squadre de Il Granchio, Gli amici di Fabio, Vecchia guardia e Libertà e Azione, c è stata la consueta assegnazione del Premio Giornalistico Beppe Alfano 09. Attraverso questa giornata speciale, dedicata allo sport, giornalismo e sociale, l Associazione ha voluto così ricordare il compianto amico Fabio. Al termine del Memorial sono state premiate le squadre partecipanti e consegnato il consueto Premio Giornalistico Beppe Alfano, quest anno attribuito al giornalista del Granchio, Davide Vaggi. La premiazione è stata presenziata dal senatore anziate Candido de Angelis e dall attore Giovanni Galati, interprete del film Il grande sogno di Michele Placido. L appuntamento è stato per sabato 31 ottobre, alle ore 16.30, presso i campi del Family Club, in via Beato Padre Pio a Nettuno. Si ringraziano le Città di Anzio e Nettuno per aver concesso il patrocinio a questo giorno così speciale per la nostra Associazione. Associazione Libertà e Azione

9 Anzio Space - Mensile di Informazione CONVEGNO ANZIO FUTURA Dopo un anno di assestamento e di ricambi dirigenziale riparte l attività di Anzio Futura ONLUS, la nota associazione culturale presente sul nostro territorio ormai da anni, e lo fà partendo subito in quarta con un convegno dal tema terribilmente attuale: l immigrazione. L immigrazione è uno dei problemi dell ultimo trentennio non solo in Italia - spiega il neo Presidente Avv. Mario Marcellini - ma anche in tutta Europa. Spesso si accomuna il problema immigrazione dal problema sicurezza, ma le teorie sociologiche più affermate e consolidate ci dicono che senza integrazione non ci sarà mai sicurezza e che i due temi, seppur simili, sono assolutamente distanti tra di loro. L immigrato può e deve essere una risorsa - prosegue l Avv. Mario Marcellini - e la sicurezza deve essere affrontata tanto per gli stranieri quanto per gli Italiani, magari cominciando a lavorare sulla certezza della pena, cosa che negli ultimi anni in Italia non ha fatto nessun governo. Le varie identità culturali debbono saper convivere, senza sopraffazione o, ancor peggio, con astio e diffidenza, alimentando la deriva culturale presente oggi in Italia. Con questo convegno vogliamo stimolare la cittadinanza ad una riflessione più approfondita del tema immigrazione, senza scadere nell eccessivo e controproducente ipergarantismo tipico di alcune formazioni politiche ma nemmeno stimolare derive populiste ed intolleranti. La presenza di massimi esperti del settore, oltre a quella solita istituzionale ( Assessori Provinciali e regionali alle politiche sociali) darà al convegno quel taglio importante che spero possa essere apprezzato da tutti. Pregevole sarà l intervento del dr. Giancarlo Cursi, sociologo della Caritas, che parlerà degli obiettivi culturali e educativi della CARITAS sul territorio Italiano ed ad ulteriore completamento interverrà la Dott.ssa Renata Covito per un approfondimento sulla Mondialità. Particolarmente interessante sarà il taglio didattico e scientifico del dr. Francesco Tassiello, psicoterapeuta, che parlerà delle coppie a rischio in una società multietnica e multirazziale. La rituale presenza di organi istituzionali ai convegni di Anzio Futura sarà garantita dall On. Claudio Cecchini - assessore provinciale alle politiche sociali del Comune di Roma - e dall On. Di Liegro, ass. regionale, che ci aggiornerà delle politiche della nostra regione nell ambito delle questioni immigratorie; il programma inoltre prevede anche l intervento di amministratori locali e dirigenti scolastici, oltre al consueto appuntamento con gli interventi finali del pubblico. L evento è quindi previsto per il 20 Novembre alle ore circa, presso la sala conferenze del centro ecumenico di Lavinio, dal titolo Immigrazione: conoscenza, solidarietà ed integrazione. il Presidente Mario Marcellini A SEGUIRE SU NETTUNO-SPACE : SALLY PAYEN AL FORTE SANGALLO COSA SI FA STASERA? Scherzosa vignetta di un uscita invernale Ritorna fitto l inverno e il freddo, e come giusto che sia, cambiano i modi di vivere le serate delle persone. Si immagini una comitiva nell organizzare un uscita il sabato sera nel nostro territorio: - Ciao Andrea che si fa stasera? - Ciao Enrico, ho sentito gli altri, propongono di farci un giro al borgo - Ma al borgo con questo freddo? Ma non sarebbe meglio andare in qualche locale o pub? - A Roberta non và molto, dice che i locali sono sempre gli stessi e si annoia - Vabbé magari potremmo non so prendere un paio di macchine ed andare a Latina, almeno si fa qualcosa di diverso - Maurizio non ha la macchina e Marcello non vuole spendere troppi soldi. - Senti io avverto Piero e Mario, ci vediamo davanti al Tirrena e poi decidiamo - Ragazzi dai allora che si fa di bello? - Con questo freddo questa città sembra ancora più abbandonata da Dio!!! - Qualcuno ha casa a disposizione? Magari potremmo affittarci un film e vedercelo insieme - Possibile che uno che abita qui per non dover fare le stesse cose deve macinare chilometri o spendere tanti soldi? - Bè in effetti se ci fosse qualche posto in più per passare una serata tranquilla non staremmo certo qui a discutere su cosa dobbiamo fare. - Però è innegabile la bellezza del paesaggio di notte qui, il mare le luci, il porto.sarebbe bello se ci fosse un locale,una discoteca o un luogo di ritrovo proprio qui! - Ma non vedi là quella costruzione, quella sorta di palafitta al confine tra la spiaggia e il porticciolo? Quella tanti anni fa era una discoteca, si chiamava SPLASHDOWN, e forse i nostri genitori avevano da divertirsi al contrario nostro di stasera! 9 Stefano Chiappini

10 10 Anzio Space - Mensile di Informazione importo complessivo di 240 milioni di euro. La Regione ha identificato, nell ambito degli interventi programmati in materia economico-finanziaria, le iniziative prioritarie che possono essere attuate nell immediato, chiedendo al sistema bancario un impegno concreto per garantirne l impatto in termini di maggiore volume di credito a disposizione del tessuto imprenditoriale. L intervento principale, che associa al sostegno all accesso al credito una agevolazione in termini di tasso di interesse, è il Fondo Rotativo PMI, affidato in gestione a Sviluppo Lazio, a sostegno dei nuovi investimenti per un volume complessivo di 240 milioni di euro: il 14 novembre verrà pubblicato il bando per l accesso all intervento da parte delle imprese, che potranno ottenere dalle banche convenzionate un finanziamento agevolato e garantito da Banca Impresa Lazio. NOTIZIE DALLA REGIONE LAZIO LEGGE DISABILI MIGLIORA INSERIMENTO LAVORATIVO E PRODUTTIVITA - Approvata in Consiglio regionale la legge sull inserimento lavorativo delle persone con disabilità. Uno strumento che migliora ed accresce i servizi di inserimento al lavoro e che ha il vantaggio di accompagnare il lavoratore nella scelta dell impiego più consono alle sue peculiarità, in modo che possa mettere a frutto le sue capacità contribuendo alla produttività complessiva dell ente in cui opera. L obiettivo della Regione è quello di trasformare il disagio in un opportunità per la comunità. E infatti dimostrato che l assunzione, e quindi l inserimento lavorativo di individui con disabilità, può aumentare la produttività in un ente pubblico se ciò avviene in modo mirato, se cioè viene individuata la mansione giusta, corrispondente alle sue condizioni psicofisiche, per mettere a frutto le proprie potenzialità. A questo fine è stato costituito il Sild, il Sistema Inserimento Lavoro Disabili, che aiuta il lavoratore con disabilità a ricoprire il ruolo corrispondente alla sua reale capacità di lavoro. La legge approvata prevede inoltre l istituzione nelle Asl di commissioni medico-legali dedicate alla valutazione del livello di disabilità delle persone che intendono iscriversi all ufficio di collocamento. Questo per favorire il raccordo tra i servizi medico legali e i servizi per l impiego, e per facilitare la valutazione delle competenze e delle capacità del singolo. REGIONE STANZIA 18 MLN PER MICROCREDITO: TASSI DELL 1% I cittadini e le imprese che si trovano in una situazione di difficoltà nei confronti degli istituti di credito potranno beneficiare degli strumenti finanziari messi a disposizione dalla Regione Lazio tramite il microcredito. Prestiti individuali da a 10mila euro per i cittadini e fino a 20mila per le imprese verranno erogati tramite un fondo regionale. In totale dal 2009 al 2011 sono previsti in bilancio 18 milioni di euro per finanziare il microcredito, 6 milioni all anno. I beneficiari dei prestiti non riceveranno liquidità, ma tramite un istituto di credito convenzionato, verrà sanata la loro posizione debitoria. Il tasso di interesse è dell 1%, i tempi di restituzione delle somme variano in base ai richiedenti, mediamente si arriva ad un massimo di 36 mesi per i singoli cittadini e di 84 mesi per le imprese. Per conoscere le modalità di accesso al microcredito è possibile contattare il call center e poi recarsi dagli operatori territoriali accreditati presso Sviluppo Lazio, tra cui anche quelli dell associazione Di Gay Project. DA REGIONE 240 MLN PER PMI - Contro la crisi del credito ed il conseguente impatto sull economia reale, la Regione Lazio pubblicherà il prossimo 14 novembre il bando regionale per le Piccole e Medie Imprese del Lazio, che potranno ottenere dalle banche convenzionate un finanziamento agevolato e garantito da Banca Impresa Lazio, per un ISTITUITO OSSERVATORIO CONTRO RAZZISMO - La Giunta ha approvato la delibera con cui si istituisce l Osservatorio regionale contro il Razzismo e la Discriminazione, previsto dalla legge regionale sull immigrazione n. 10 del L Osservatorio avrà compiti di monitoraggio, analisi e contrasto legale del razzismo e della discriminazione, e sarà composto da 11 membri di cui 6 eletti tra le reti territoriali, in rappresentanza degli immigrati delle diverse province della regione (2 per la provincia di Roma e 1 per ognuna delle altre). L Osservatorio regionale costituisce un imprescindibile strumento di sussidiarietà e coordinamento dell azione degli organismi e degli attori locali, al fine di rendere maggiormente efficaci e sinergiche le politiche di prevenzione e contrasto dei fenomeni di razzismo e discriminazione in maniera omogenea su tutto il territorio regionale. L Osservatorio regionale metterà a disposizione un Contact center per le segnalazione dei casi di discriminazione razziale sul territorio regionale, e una Task Force multidisciplinare per fornire assistenza legale alle vittime. Potrà anche promuovere studi e ricerche. Dalla Regione 70 mln per fogne e depuratori in tutto il Lazio Si da il via libera alla realizzazione di depuratori e reti fognarie in tutto in territorio regionale. Con l approvazione di una delibera da parte della giunta regionale del Lazio saranno presto avviati lavori di risanamento delle reti idriche e fognarie per un importo complessivo di 70 milioni di euro. Decine gli interventi previsti in tutti il territorio regionale per la costruzione di nuovi depuratori, il completamento di reti idriche e fognarie o la ristrutturazioni di quelle esistenti. Lo stanziamento più rilevante, 9 milioni e 200mila euro, servirà per il completamento degli interventi di realizzazione delle adduttrici, le reti fognarie e la razionalizzazione della depurazione nel comprensorio dei castelli romani. Con questi lavori realizzeremo soprattutto depuratori e reti fognarie in applicazione della delibera quadro 668 che prevede interventi igienicosanitari ha spiegato l assessore regionale all Ambiente Filiberto Zaratti al termine della giunta. Alcuni di questi lavori partiranno già entro la fine del ha aggiunto - entro i primi mesi del prossimo anno saranno aperti tutti i cantieri. 2,5 MILIONI PER NETTUNO - La regione Lazio erogherà 2,5 milioni di euro per le casse Nettunesi al fine di riqualificare il territorio: euro saranno destinati al borgo medioevale, euro saranno invece impiegati per la Riviera Egidi, per Piazzale Michelangelo e per il Belvedere. Altri sono stati stanziati per l intervento su cinque strade quali, Via dei Marinaretti, Via della Divina Provvidenza, Via Guido Cicco, Via Mario De Franceschi e Via Padre Mauro Liberati.

11 Anzio Space - Mensile di Informazione 11 SALLY PAYEN Mostra premio per la seconda classificata dell edizione 2009 di Shingle22j Guerra alla guerra Si è svolta venerdì 6 l inaugurazione della mostra personale dell artista inglese Sally Payen, vincitrice del secondo premio della biennale d arte di Anzio e Nettuno Shingle22j, voluta dall associazione culturale Tre zeri quarantadue. La terza edizione della biennale si svolgerà nel 2011, ed avrà come tema l ecologia. L artista Sally Claire Payen vive e lavora a Londra: le opere esposte in questa mostra sono apparentemente semplici ma dal significato profondo. Proprio questa apparente semplicità, dove predomina lo spazio bianco e le figure rappresentate sono piccole o grandi sagome nere, lascia spazio alla riflessione individuale del singolo osservatore. L artista, in questo suo personale viaggio attraverso le forme, indaga su singoli fenomeni della società contemporanea. In particolare si sofferma su quelli che sono i nostri timori e debolezze più comuni come paura, rabbia, violenza e morte. E interessante osservare come con un semplice tratto su carta l artista sia in grado di catturare e suscitare forti emozioni. All inaugurazione era presente l assessore alla cultura del comune di Nettuno Giampiero Pedace, mentre a fare gli onori di casa c era il presidente dell associazione organizzatrice, Andrea Mingiacchi: teniamo molto a questo tipo di eventi perché parte essenziale della nostra missione come associazione è promuovere l interesse locale per la cultura. La mostra rimarrà aperta fino a domenica 15 novembre. Valentina Marino LETTERA DEL SINDACO DI NETTUNO, DOTT. ALESSIO CHIAVETTA SUGLI IMPE- GNI ASSUNTI DALL AMMINISTRAZIONE PER RESTITUIRE UN FUTURO ALLA CITTÀ Il consiglio comunale di giovedì 29 ottobre ha segnato un nuovo passo importante per il processo di risanamento delle finanze municipali: l anno scorso abbiamo eliminato i residui attivi che ancora pesavano sul bilancio ed entro il 2010 riusciremo ad estinguere l intera massa debitoria di 21 milio-ni di euro: le procedure di dismissione del patrimonio comunale sono già state avviate da tempo e sono già iniziate ad affluire quelle entrate che ci consentiranno di saldare fatture risalenti anche a dieci anni fa. La gestione diretta della riscossione tributi, tra i primi obiettivi che ci eravamo posti come amministrazione, ci permette di poter contare sulla liquidità di cassa e di far fronte alla spesa corrente; l amministrazione sta concretamente mettendo in atto un processo di risanamento delle casse municipali, nell interesse di tutta Nettuno e anche di chi si troverà a governare dopo di noi, e tale impegno viene riconosciuto anche dalle istituzioni superiori: rassicurazioni in tal senso ci sono giunte sia dalla Prefettura che dal Ministero degli Interni, di cui abbiamo voluto sentire il parere proprio a maggior tutela nostra e della città tutta. Come cardine della manovra di bilancio ci sono l operazione finanziaria sulla struttura della Divina Provvidenza e la vendita delle abitazioni di pro-prietà comunale: sommando i proventi da questi provvedimenti economici, arriviamo alla cifra di circa 23 milioni di euro, somma sufficiente a saldare tutti gli arretrati e ad accantonare un ulteriore fondo che ci permetta un certo margine di sicurezza. Per quanto riguarda la Divina Provvidenza, l advisor è già da tempo al lavoro e presto consegnerà i risultati del proprio studio, cosicché entro maggio definiremo l operazione; riguardo le case di proprietà comunale invece abbiamo già incas-sato il 3% di anticipo sui primi appartamenti per i quali abbiamo raggiunto l accordo di vendita, e nei mesi a seguire concluderemo il piano di cessione. La città di Nettuno sta riemergendo dalla si-tuazione di prostrazione in cui l aveva gettata una gestione miope e scellerata; torno oggi a ripetere, con maggior forza e soddisfazione, che stiamo riprendendoci il nostro futuro. Il Sindaco di Nettuno Dottor Alessio Chiavetta

12 12 UNA SCUOLA PER TUTTI Nasce il progetto di integrazione per gli alunni stranieri di Anzio e Nettuno La provincia di Roma ha finanziato al comune di Nettuno il progetto distrettuale Una scuola per tutti inserito nel Piano degli interventi per l integrazione degli alunni immigrati (decreto legislativo n 286/98). Il progetto prevede delle azioni finalizzate a rispondere ai bisogni dei minori stranieri, sia nell infanzia che nell adolescenza, sostenendo i processi di integrazione nel percorso scolastico con azioni finalizzate a sostenere e valorizzare le responsabilità familiari. La realizzazione di questo progetto è stata affidata all Associazione Interculturale Soweto ed all associazione Pontum. Quest ultima, che segue il progetto in ambito locale, è un gruppo nato nel 2004 come associazione di Promozione Sociale fondata da 17 cittadini stranieri che rappresentano 14 nazionalità e realizzano attività interculturali, di sensibilizzazione, di servizio, di sostegno e inserimento con persone in stato di bisogno, siano esse immigrante che italiane. Al progetto hanno aderito le scuola elementari e medie di Anzio e Nettuno partecipando attivamente alla stesura del protocollo di accoglienza : uno strumento per facilitare le procedure delle singole scuole per l iscrizione e l accoglienza dell alunno straniero e gli interventi possibili di supporto utili agli insegnanti e alla stessa scuola. Inoltre, grazie alla disponibilità della scuola media E. Visca di Nettuno e della scuola media Virgilio di Anzio che hanno messo a disposizione dei locali è stato creato uno spazio di ascolto a cui posso rivolgersi le famiglie straniere del territorio. Un secondo sportello di ascolto, gestito direttamente dall associazione Pontum, si trova presso il comune di Nettuno a cui si rivolgono una media annuale di cittadini stranieri. In queste aree sono presenti 35 mediatori linguistico culturali per facilitare la comunicazione tra insegnanti e alunni e insegnanti e genitori, disponibili il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle ore 16:30 alle ore 19:30 presso la scuola Visca e il martedì e il giovedì presso Il Virgilio. É prevista la realizzazione di un secondo progetto, che continuando a promuovere una mediazione linguistico culturale, avrà una parte dedicata all intercultura con lo scopo di avvicinare le popolazione locale alla forte presenza straniera che tutt oggi viene ignorata e emarginata. Sara Carmignani Nettuno - via Cavour, 38 (angolo via Friuli) Tel Anzio Space - Mensile di Informazione LE GUARDIE ZOOFILE ECOLOGICHE INAUGURANO LA SEDE CONCESSA DAL COMUNE Il 24 Ottobre si è svolta l inaugurazione della sede delle Guardie Zoofile Ecologiche Città di Nettuno presso il Palazzetto dello sport. La Nuova sede operativa è stata assegnata alle Guardie Zoofile Ecologiche grazie all interessamento del Sindaco della Città di Nettuno Dott. Alessio Chiavetta e all Assessore all Ambiente e sanità Dott. Flavio Biondi, che in occasione dell inaugurazione ha effettuato il taglio del nastro tricolore in rappresentanza del Sindaco il quale ha inviato i suoi auguri e saluti tramite l Assessore Biondi. Un ringraziamento particolare è stato rivolto dal Comandante del Gruppo, Capitano Gianni Fontana, al Sindaco, agli Assessori del Comune di Nettuno per la fiducia dimostrata alle Guardie Zoofile, confermando la disponibilità delle stesse a offrire il loro contributo per effettuare tutti i servizi inerenti la sfera ambientale e animale eventualmente richiesti dal Comune. Un Grazie particolare per la fiducia accordata alle Guardie è stato rivolto alle Autorità presenti: Polizia Locale Nettuno; Polizia Provinciale; Carabinieri Nettuno; Comando Vigili del Fuoco di Anzio; Guardia Costiera Anzio e Nettuno. Un ringraziamento, per aver onorato le Guardie con la loro presenza, al Commissario Daniele Cupini e alla Dott.ssa Nicoletta Tartaglione della sezione ENPA di Velletri, alla responsabile Ufficio tutela Animali del Comune di Nettuno Antonella Corsi ed al Dott. Petrona dell Asl Veterinaria del Distretto RmH6. In occasione della cerimonia, l Assessore Biondi ha ringraziato le Guardie Zoofile Ecologiche per il loro contributo dato a tutta la comunità ed ha prospettato una maggiore collaborazione per la tutela del territorio. E stata la volta poi del Sott. Ten. Silvio Marsili che ha illustrato tutta l attività svolta nei dieci anni di servizio dal 1999, anno della fondazione, ed i progetti futuri che le Guardie stanno tentando di realizzare soprattutto con l acquisto di un autoambulanza veterinaria per il territorio. Un ringraziamento, infine, è rivolto a tutti gli sponsor che hanno permesso di offrire un piccolo rinfresco agli invitati, alla pasticceria Muzzi di Nettuno e Di Fulvio di Lavinio. Il Gruppo Guardie Zoofile Ecologiche di Nettuno Una pubblicazione Anzio-Space - Mensile di cultura e politica Registrazione presso il Tribunale Civile di Velletri, n. 7 del Direttore responsabile: Sebastiano Maddanu Presidente associazione : Andrea Mingiacchi Capo redattore: Marcello Bartoli Garante del lettore: Avv. Mario Marcellini Editore: Associazione Culturale Via della pineta 10a Anzio (Roma) Segretaria di redazione: Roberta Treglia Direttore IT: Enrico Mingiacchi Progetto e grafica: Domenico Condello Composing: Bruno Pepe Foto a cura di Piero Frisina Redazione: Stefano Chiappini, Simone Selva, Diego Tortis, Roberta Treglia, Gianfranco Aghedu, Maurizio D Eramo. Stampa: Tipografia Capriotti, via Pordenone 19 Pomezia (Roma) Tieniti aggiornato sulle nostre iniziative: iscriviti al gruppo di FACEBOOK Contatti ANZIOSPACE: Contatti NETTUNOSPACE:

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli