Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo"

Transcript

1 Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: Fax:

2 Esplosione durante il carico di un big-bag Un esplosione si verifica alle 2 di notte del mese di aprile durante la fase di carico del secondo big-bag di un prodotto chimico mentre l operatore procede alla chiusura del primo Il big-bag è del tipo C e il prodotto contiene residui di solvente MEK Lavorazioni precedenti il carico dei big-bag: centrifugazione, essiccamento, scarico del prodotto secco in tramoggia, trasferimento con coclea, eliminazione grumi con setaccio rotante 2

3 Esplosione durante il carico di un big-bag L incidente avviene quando il secondo big-bag è riempito a metà Il prodotto chimico costituisce il 90% del fatturato dell azienda Il RSPP interviene suggerendo di inserire un ragno di rame messo a terra!!??!! 3

4 Esplosione durante il carico di un big-bag Proprietà chimico-fisiche della polvere e del solvente: Limite inferiore infiammabilità della polvere 15 g/m 3 Resistività di volume della polvere m MIE della polvere 3-10 mj F.P. polvere 212 C F.P. MEK MIE del MEK -7 C 0,2 mj 4

5 Esplosione durante il carico di un big-bag Resistività superficiale tessuto del big-bag: Superficie interna 4, Superficie esterna 5,

6 Esplosione durante il carico di un big-bag Esisteva un atmosfera infiammabile? Poteva generarsi una carica? Poteva accumularsi una carica? Poteva esserci il pericolo di scintille? La scintilla avrebbe avuto sufficiente energia per innescare un atmosfera infiammabile? 6

7 Esplosione durante il carico di un big-bag 7

8 Esplosione durante il carico di un big-bag 8

9 Esplosione durante il carico di un big-bag 9

10 Esplosione durante il carico di un big-bag 10

11 Esplosione durante il carico di un big-bag 11

12 Esplosione durante il carico di un big-bag 12

13 Esplosione durante il carico di un big-bag 13

14 Esplosione durante il carico di un big-bag 14

15 Esplosione durante il carico di un big-bag 15

16 Esplosione durante il carico di un big-bag 16

17 Esplosione durante il carico di un big-bag Nube di polvere infiammabile all interno del bigbag La polvere genera cariche elettrostatiche Le cariche si sono accumulate perché il big-bag di tipo C non era connesso elettricamente a terra La generazione della scarica, spazzola propagante, è stata possibile per le caratteristiche del tessuto del big-bag e assenza di messa a terra L energia di accensione della spazzola propagante è dell ordine dei 2 3 J 17

18 In una media azienda si sente un botto alle ore 10 di una mattina di agosto mentre l operatore carica nella tramoggia il terzo saccone di resina che alimenta per mezzo di una coclea a spirale il diluitore nel quale sono presenti circa litri di toluolo, 1000 kg di resina fenolica e 45 kg di paraffina micronizzata 18

19 Tipo e dati apparecchiature: Diluitore in acciaio inox da 20 m 3 dotato di tubi riscaldanti, agitatore, condensatore, disco di rottura, inertizzato con azoto in flusso, connesso con sistema centrale di aspirazione Coclea con spirale a filo da fondo tramoggia a coperchio del diluitore con 5 punti di iniezione di azoto per l inertizzazione, tubazione di comunicazione con punto di accesso chiuso con valvola a farfalla con sistema di controllo comandato da alimentazione azoto a coclea e a diluitore Tramoggia per carico sacconi di resina a scaglie e sacchi di paraffina 19

20 20

21 Effetti evidenti dell incidente: Ustioni di I e II grado con prognosi di 10 giorni ad un manutentore che lavorava a pochi metri dal diluitore Deformazione del coperchio del diluitore con cedimento netto dei fermi in corrispondenza della parte più rigida Segni di passaggio di fiamme tra coperchio e flangia del diluitore Tracce generate da fiamme alle apparecchiature vicine alla stessa altezza del coperchio del diluitore Danni alle vetrate più prossime al diluitore 21

22 L indagine rileva : Intervento del disco di rottura settato a 0,44 bar Sistema di carico dei prodotti senza deformazioni significative visibili Corretto funzionamento dell automatismo apertura valvola a farfalla su diluitore collegato alle valvole di alimentazione di azoto alla coclea e al diluitore sia dal cielo che dal pescante Annerimento parte interna del diluitore e del coperchio significativamente più intenso nella zona del carico della polvere Ostruzione degli ingressi di azoto alla coclea con polvere di resina molto fine 22

23 Assenza di premistoppa o altro sistema di tenuta tra albero dell agitatore e coperchio diluitore Ostruzione del tubo di riflusso del liquido dal condensatore Spirale della coclea sostituita il giorno precedente l evento Parte terminale della spirale spostata oltre il limite consentito per difetto del fermo con chiari segni di sfregamento su superficie metallica fissa del vano motore Coclea completamente piena di resina dalla tramoggia al punto di scarico Cassetto di osservazione caduta polvere nel diluitore chiuso con rettangolo di lamiera non piano e privo di guarnizione che consente entrata d aria per effetto della depressione generata da aspirazione e assenza di azoto dalla coclea 23

24 Punto infiammabilità toluolo 6 C Limite inferiore della resina 25 g/m 3 Resistività di volume della resina Ω cm Energia min. accensione resina 1 < 1,3 mj < 3 Stabilità termica prodotti in polvere > 200 C 24

25 25

26 26

27 27

28 28

29 29

30 30

31 31

32 32

33 33

34 34

35 35

36 36

37 37

38 38

39 39

40 L evento è attribuibile ad una esplosione nel diluitore generata dalla combustione della miscela infiammabile ibrida costituita dalla nube di polvere di resina e dai vapori di toluolo con sufficiente ossigeno innescata da scintilla di origine meccanica originata dalla frizione della spirale metallica della coclea in movimento contro altro metallo 40

41 Raccomandazioni per aumentare l affidabilità del sistema di inertizzazione mediante flussaggio di azoto: Verifica dei sistemi indiretti di inertizzazione prima del loro uso iniziale mediante misura diretta di ossigeno da confermarsi periodicamente Definizione limiti di sicurezza delle variabili del sistema di inertizzazione (flusso, pressione, % O 2 ) Misura della concentrazione di ossigeno nei punti più critici e rappresentativi del volume da inertizzare Manutenzione e calibrazione periodiche dei sensori per la misura dell ossigeno 41

42 Raccomandazioni per aumentare l affidabilità del sistema di inertizzazione mediante flussaggio di azoto: Misura della concentrazione di ossigeno nei punti più critici e rappresentativi del volume da inertizzare Manutenzione e calibrazione periodiche dei sensori per la misura dell ossigeno 42

43 Prescrizioni per controllare l effettiva inertizzazione nelle apparecchiature considerate: Controllare la tenuta delle apparecchiature al fine di evitare ingresso di aria Alimentare il gas inerte in modo da non favorire il corto circuito tra punto di immissione e punto di uscita 43

44 Prescrizioni per controllare l effettiva inertizzazione nelle apparecchiature considerate: Garantire una portata di gas inerte non inferiore a quello dovuto alle perdite e all aspirazione, monitorare tale flusso mediante un dispositivo di misura dotato di allarme e successivo blocco in caso di flusso insufficiente Misurare in fase di avviamento il contenuto di ossigeno con conseguente registrazione e documentazione, ripetere l operazione dopo ogni significativa modifica o manutenzione 44

45 Incendio diabolico?!!! 45

46 Incendio diabolico?!!! 46

47 Incendio diabolico?!!! 47

48 Incendio diabolico?!!! 48

49 49

50 Incendio diabolico?!!! 50

51 Incendio diabolico?!!! 51

52 Incendio diabolico?!!! 52

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature. SOCIETÀ DI INGEGNERIA PER LE COSTRUZIONI, L AMBIENTE, LA SICUREZZA Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Dettagli

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche»

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» 6 Workshop della Logistica Chimica: "Uno strumento di supporto alle Imprese per la scelta più idonea delle unità di confezionamento". «IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» Massimo Vitali

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

CONTRO LE ESPLOSIONI

CONTRO LE ESPLOSIONI DISPOSITIVI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE CONTRO LE ESPLOSIONI ETEA Sicurezza s.r.l. con S.U. CONTROLLO ELETTROSTATICO MESSA A TERRA DELLE AUTOCISTERNE MESSA A TERRA DEI FUSTI MESSA A TERRA DEI BIG-BAG MESSA

Dettagli

Gap gas frontale FUOCO SENZA FUMO FUOCO A GAS L ORIGINALE THE FLAME IL FUOCO DECORATIVO

Gap gas frontale FUOCO SENZA FUMO FUOCO A GAS L ORIGINALE THE FLAME IL FUOCO DECORATIVO Gap gas frontale FUOCO SENZA FUMO FUOCO A GAS F U O C O S E N Z A F U M O L ORIGINALE THE FLAME IL FUOCO DECORATIVO CAMINETTI A GAS Gap gas frontale Caminetti a gas THE FLAME La nuova generazione di caminetti

Dettagli

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa

Dettagli

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000 Istruzioni operative A.B.ENERGY S.r.l. Versione 001 www.abenergy.it Caratteristiche principali ABE_1000 analizzatore per Metano (CH4), Anidride

Dettagli

Presentazione. Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive KOMSAITALIASRL

Presentazione. Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive KOMSAITALIASRL 1 Presentazione Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive ARCH. PIER GIORGIO AMATI KOMSA ITALIA SRL www.komsa.it Unindustria Pordenone, 18/11/2010

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione]

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione] PERICOLO ESPLOSIONE: IL GIUSTO APPROCCIO PER NON CORRERE RISCHI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ESPLOSIONE Due direttive europee, la 94/9/CE (ATEX 100a) e la 99/92/CE (ATEX 137), hanno modificato radicalmente

Dettagli

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONDUZIONE E DELLA MANUTENZIONE DEL MAXXI - MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ALLEGATO - C Generatore di acqua

Dettagli

Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni

Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni ing. Nicola Mazzei mazzei@ssc.it ing. Antonella Mazzei pf Enrico Alberti pm Angelo Gallorini pc Valerio Fenu pc Romina Cortella Campioni 2 Committenti - Campioni 3 Fatturato 2007-06.2011 4 Attività Determinazione

Dettagli

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione SISTEMA SOLARE BSTD Manuale di montaggio e messa in funzione 1 INDICE AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 3 ELENCO DEI COMPONENTI 4 INFORMAZIONI GENERALI 4 ACCUMULO BSTD 4 Descrizione generale 4 Dati tecnici 5

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

«CARATTERISTICHE E SICUREZZA DEI SERBATOI CRIOGENICI PER GNL»

«CARATTERISTICHE E SICUREZZA DEI SERBATOI CRIOGENICI PER GNL» «CARATTERISTICHE E SICUREZZA DEI SERBATOI CRIOGENICI PER GNL» Renzo Ciucci Sales & Marketing Manager I NOSTRI PRODOTTI TEMPERATURA GAS CRIOGENICI METANO 162 a 1 bar 15 gradi OSSIGENO 183 AZOTO -196 ARGON

Dettagli

LABORATORIO ALIMENTARE MULTIFUNZIONE EASY-WORK

LABORATORIO ALIMENTARE MULTIFUNZIONE EASY-WORK LABORATORIO ALIMENTARE MULTIFUNZIONE EASY-WORK Il Laboratorio Alimentare Multifunzione Multilab "Easy-Work" deriva dall'esperienza ultra-decennale maturata dai nostri tecnologi alimentari lavorando a fianco

Dettagli

Mescolatore Tipo Biconico

Mescolatore Tipo Biconico MS I Applicazione Il miscelatore tipo biconico realiza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è una operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica,alimentare,

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio Attiva Passiva PREVENZIONE INCENDI 1. Riduzione al minimo delle occasioni di incendio. Stabilità delle strutture portanti per

Dettagli

CENTRO TESSILE COTONIERO e ABBIGLIAMENTO S.p.A. INDUMENTI CON PROPRIETA ELETTROSTATICHE EN 1149-5

CENTRO TESSILE COTONIERO e ABBIGLIAMENTO S.p.A. INDUMENTI CON PROPRIETA ELETTROSTATICHE EN 1149-5 INDUMENTI CON PROPRIETA ELETTROSTATICHE EN 1149-5 Natura dell elettricità statica L'elettricità statica è l'accumulo superficiale di cariche elettriche su di un corpo composto da materiale isolante. Tale

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

SEMINARIO ATI IL SISTEMA FIACCOLA: esigenza operativa, sicurezza ed impatto ambientale. MEMORIA

SEMINARIO ATI IL SISTEMA FIACCOLA: esigenza operativa, sicurezza ed impatto ambientale. MEMORIA MEMORIA Relatore: Vincenzo Di Giovine Societa Combustion and Energy srl 1. Sommario L articolo contiene una panoramica sulla evoluzione dei sistemi di accensione piloti di torce. Si fa riferimento ai vari

Dettagli

RACCOLTA E TRATTAMENTO DEL BIOGAS

RACCOLTA E TRATTAMENTO DEL BIOGAS RACCOLTA E TRATTAMENTO DEL BIOGAS VECCHIE DISCARICHE: RIFIUTI TAL QUALI NUOVE DISCARICHE: RIFIUTI PRETRATTATI E SELEZIONATI OBIETTIVI DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEL BIOGAS BONIFICA AMBIENTALE CONTROLLO

Dettagli

MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010

MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010 MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010 PNEUMATICA L efficienza negli impianti e nei sistemi pneumatici Guido Belforte, Gabriella Eula Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica CONDIZIONI DI RIFERIMENTO

Dettagli

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI Relatore Ing. Andrea Doardo SOSTANZE PERICOLOSE PER LA FORMAZIONE DI ATMOSFERE POTENZIAMENTE ESPLOSIVE GAS, VAPORI E NEBBIE sprigionate

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta principalmente da composti salini quali bicarbonato di sodio o potassio con l aggiunta di collante e additivi per migliorarne le qualità di fluidità

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

Informazioni Prodotto

Informazioni Prodotto Energia. Calore. Innovazione. Informazioni Prodotto www.a-tron.de Informazioni generali Il VARMECO NOVA-TRON basato sul principio tecnico della cogenerazione, viene utilizzato per sistemi che necessitano

Dettagli

Service Information 99220_131-132_SI_20150305

Service Information 99220_131-132_SI_20150305 Pulizia filtro antiparticolato con micrologic PREMIUM 131-132 Set pulizia per il filtro antiparticolato TUNAP 992 20 Pistola per la pulizia TUNAP TUNAP 994 11 Sonda TUNAP Sommario 1. Introduzione...3 2.

Dettagli

Bruciatori a Pellet di legno

Bruciatori a Pellet di legno Next-generation Biomass Technology Bruciatori a Pellet di legno Linea domestica, di media potenza e per grandi impianti Da 25 a 1000 kw Pellet di legno SPL25 SPL50 Bruciatori a pellet da 25 a 1000 kw Bruciatori

Dettagli

Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento

Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento Per lo smaltimento di sostanze liquide e solide possiamo offrirvi i nostri sistemi integrati certificati dal TÜV. I nostri mobiletti per lo smaltimento sono dotati

Dettagli

Monitor automatico Spiratec R16C per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore

Monitor automatico Spiratec R16C per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore ...0 IM-P0- MI Ed. IT - 00 Monitor automatico Spiratec RC per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore RC 0. Introduzione. Descrizione. Descrizione della tastiera. Funzionamento normale. Modo

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE Principio di funzionamento Nelle piscine medio grandi, la normativa prevede una ricambio giornaliero dell acqua totale delle vasche, nella

Dettagli

STRUMENTI PER LABORATORI AUTOCLAVI

STRUMENTI PER LABORATORI AUTOCLAVI STRUMENTI PER LABORATORI AUTOCLAVI AUTOCLAVI FUNZIONE DI ESSICCAMENTO AUTOMATICA Capacità: 60L/85L/110L CARATTERISTICHE PRINCIPALI Diametro della camera di sterilizzazione: la spessa camera di sterilizzazione

Dettagli

Industria agroalimentare Valdastico (VI) Impianto: 300 kw RRK-TSRF (griglia mobile cippato) Caratteristiche impianto: Sistema di accensione automatica: 1 ventilatori aria calda (3,4kW ) Estrazione automatica

Dettagli

ISTRUZIONI MONTAGGIO COREASSY

ISTRUZIONI MONTAGGIO COREASSY ISTRUZIONI MONTAGGIO COREASSY 0 1 PREMESSA Questo coreassy è stata prodotto e collaudato secondo gli schemi della norma UNI EN ISO 9001:2008 e risulta essere perfettamente intercambiabile all originale.

Dettagli

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO 10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO Pompa Centrifuga mono stadio con corpo e girante in lega leggera Avviamento Manuale a strappo Questa pompa è progettata per un utilizzo dove viene

Dettagli

Riunione agenti 2015

Riunione agenti 2015 Riunione agenti 2015 2. Dielle Carinci Progetto stufe a pellet 2. Filosofia Dielle Dielle è ricerca, innovazione, rispetto della natura, miglioramento continuo, per una totale soddisfazione del cliente.

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA 1 PREMESSA La presente relazione dimensiona e verifica le opere idrauliche relative alle fontane direttamente connesse con la realizzazione delle opere di Completamento dell area adiacente alla Cascina

Dettagli

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS Queste macchine verticali di tintura ad alta temperatura e pressione sono il risultato di una costante e continua ricerca di miglioramenti, lavorando in stretto

Dettagli

ALLEGATO 1 A Configurazione e caratteristiche tecniche, operative e funzionali minime dei dispositivi medici richiesti.

ALLEGATO 1 A Configurazione e caratteristiche tecniche, operative e funzionali minime dei dispositivi medici richiesti. ALLEGATO 1 A Configurazione e caratteristiche tecniche, operative e funzionali minime dei dispositivi medici richiesti. LOTTO N. 6 ARTICOLO N. 1 AGITATORE-INCUBATORE PIASTRINICO LINEARE Importo a base

Dettagli

ARMADIO DI SICUREZZA ASPIRATO 1000

ARMADIO DI SICUREZZA ASPIRATO 1000 ARMADIO DI SICUREZZA ASPIRATO 1000 IVD Dispositivo medico-diagnostico in vitro Codice CND: W02070304 - Codice CIVAB: Notizie generali Tipo strumento: Armadio di sicurezza aspirato. Modello: FC1000. Codice

Dettagli

PANNELLI SOLARI LSK JC

PANNELLI SOLARI LSK JC DESCRIZIONE PER CAPITOLATO Scatola portante costituita da un pezzo unico stampato in alluminio ed opportunamente nervato per dare consistenza meccanica all insieme. Il materiale ha caratteristiche di resistenza

Dettagli

Pulizia. Doppio Pulitore e Aspiratori

Pulizia. Doppio Pulitore e Aspiratori Pulizia Doppio Pulitore e Aspiratori Aspiratori KF 12 modalità di lavoro. KF 12. Il soffiatore FRL 10 può essere utilizzato per aspirare la polvere, per esempio, quando si scarica il grano essicato, ecc.

Dettagli

Prevenzione incendi nei condomini

Prevenzione incendi nei condomini Prevenzione incendi nei condomini Perché la prevenzione incendi nei condomini? per la nostra incolumità, dei nostri familiari e dei nostri beni perché lo prevede la legge D.P.R. 151/11 - Attività soggette

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Gamma Caldaie Murali

Gamma Caldaie Murali Gamma Caldaie Murali Caldaia a condensazione Ultra compatta Rapporto di modulazione 1:9 Interfaccia utente con LCD Regolazione della temperatura ambiente da caldaia con sonda esterna Relè supplementare

Dettagli

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai.

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. 1 No fai da te Il fai da te sull impianto del gas combustibile è vietato. Tutte le operazioni di manutenzione, ordinaria e

Dettagli

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale Caldaia a condensazione a basamento con corpo in acciaio, camera di combustione in acciaio inossidabile Hoval UltraGas. Superfici di scambio secondarie

Dettagli

Mezzi Soccorso Bremach Eex

Mezzi Soccorso Bremach Eex Mezzi Soccorso Bremach Eex Presidi DPI Eliminazione Innesco Cause Innesco Contatto Fiamma Libera Contatto Scariche Elettriche Contatto Superfici Calde Contatto Scintille Zona Avanzamento Eliminazione Innesco

Dettagli

ATTREZZATURE DI LAVORO: VALUTAZIONE RISCHI E GESTIONE

ATTREZZATURE DI LAVORO: VALUTAZIONE RISCHI E GESTIONE VALUTAZIONE RISCHI E GESTIONE 1. SCOPO... 1 2. RIFERIMENTI... 1 3. MODALITÀ OPERATIVE... 1 4. ALLEGATI... 2 5. DESTINATARI... 3 1. SCOPO La presente procedura ha come scopo la gestione e la prevenzione

Dettagli

Programma di manutenzione preventiva

Programma di manutenzione preventiva Programma di manutenzione preventiva studiato per mantenere invariata negli anni la capacità di tutelare la salute degli operatori di cappe chimiche, cappe pensili, armadi e bracci aspiranti. IL PROGRAMMA

Dettagli

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG).

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG). Meteo Meteo è una gamma completa di caldaie specifiche per esterni. Gli elevati contenuti tecnologici ne esaltano al massimo le caratteristiche specifiche: dimensioni, pannello comandi remoto di serie,

Dettagli

1. Introduzione 2. Istruzioni per la sicurezza. 2 Verifica imballo 2. 2. Descrizione. 2. 3. Specifiche... 3. Dati Tecnici 3 Dimensioni...

1. Introduzione 2. Istruzioni per la sicurezza. 2 Verifica imballo 2. 2. Descrizione. 2. 3. Specifiche... 3. Dati Tecnici 3 Dimensioni... e allarme di MIN per sensore di flusso per basse portate ULF MANUALE di ISTRUZIONI IT 10-11 Indice 1. Introduzione 2 Istruzioni per la sicurezza. 2 Verifica imballo 2 2. Descrizione. 2 3. Specifiche...

Dettagli

Multi Heat - Solo Innova

Multi Heat - Solo Innova Multi Heat - Solo Innova Caldaie per biocombustibili ad alta efficienza Indice Caldaie a biocombustibile 3 Multi Heat 4 Solo Innova 6 Dati tecnici 8 Consumi-Aspetti Economici 10 2 Multi Heat - Solo Innova

Dettagli

Misure tecniche per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri

Misure tecniche per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri Misure tecniche per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri Barbara Basso Art. 289 - Prevenzione e protezione contro le esplosioni Il datore di lavoro adotta le misure tecniche e

Dettagli

LE SOSTANZE INCENDIARIE

LE SOSTANZE INCENDIARIE LE SOSTANZE INCENDIARIE Le sostanze incendiarie generano una reazione fortemente esotermica e, per alcune di esse, la reazione può avvenire anche in assenza di ossigeno (metalli incendiari). Per i lanciafiamme

Dettagli

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492 Estintori carrellati a pressione permanente, con manometro di controllo, serbatoio separato dalla struttura portante. Ogni serbatoio viene collaudato idraulicamente secondo la normativa europea PED 97/23.

Dettagli

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun steam mop Unifica il potere di pulizia del vapore con la tecnologia delle microfibre, capaci di catturare sporco e polvere grazie alla carica elettrostatica. Steam mop offre una pratica soluzione per un

Dettagli

AMICI DELLA MITICA PANDA 4X4 IMPIANTO A GAS

AMICI DELLA MITICA PANDA 4X4 IMPIANTO A GAS Pagina 1 di 10 AMICI DELLA MITICA PANDA 4X4 IMPIANTO A GAS L'impianto di Dario "Dadocaz" - Old Panda L'impianto di Simone "Snowblade" - New Panda L'impianto di Dario "Dadocaz" - Old Panda IMPIANTO GPL

Dettagli

1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa V. 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione V

1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa V. 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione V 3001 Cosa s'intende per collo? 1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione 3) L'imballaggio o recipiente pronto

Dettagli

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa ETA Info... il mio sistema di riscaldamento LE CANNE FUMARIE Normative di riferimento per una corretta realizzazione e manutenzione dei sistemi fumari al servizio di caldaie a Biomassa La passione per

Dettagli

S-574 Progettazione, costruzione e primi riscontri di una fresa idonea ad operare in ambienti grisutosi

S-574 Progettazione, costruzione e primi riscontri di una fresa idonea ad operare in ambienti grisutosi S-574 Progettazione, costruzione e primi riscontri di una fresa idonea ad operare in ambienti grisutosi Prof. P. Berry (a), Ing. A. Selleri (b) (a) Università di Bologna (b) Spea ingegneria Europea S.p.A.

Dettagli

POMPE TRAVASO BENZINA

POMPE TRAVASO BENZINA POMPE TRAVASO BENINA 6561 Pompa pneumatica rotativa a palette per travaso benzina, autoadescante, corpo in ghisa con trattamento anticorrosione e rotore in plastica. Fornita completa di cavo di messa a

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

PLUG&PLAY NITROGEN GENERATOR. erreduegas.it

PLUG&PLAY NITROGEN GENERATOR. erreduegas.it erreduegas.it PLUG&PLAY NITROGEN GENERATOR NitroBOX è una soluzione compatta e semplice per la produzione «on site» di Azoto in pressione, per il taglio laser ed ogni altra applicazione dove è richiesto

Dettagli

Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento

Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento Sistemi di stoccaggio e di smaltimento Per lo smaltimento di sostanze liquide e solide offriamo i nostri sistemi certificati dal TÜV per l impiego in corrispondenti mobiletti. I nostri mobiletti di smaltimento

Dettagli

Università degli Studi di Bologna. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale

Università degli Studi di Bologna. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale Università degli Studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale STUDIO DI MASSIMA DI UNA PIATTAFORMA ELEVATRICE AD IDROGENO Tesi di Laurea di:

Dettagli

Macchina Lavatrice per Vegetali MLV 3600 PV / MLV 3600 NT

Macchina Lavatrice per Vegetali MLV 3600 PV / MLV 3600 NT Macchina Lavatrice per Vegetali MLV 3600 PV / MLV 3600 NT La lavatrice MLV 3600 PV è adatta alle aziende di medie dimensioni dedite alla lavorazione dei vegetali e si attaglia perfettamente alle taglierine

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Il circuito acqua di raffreddamento deve asportare e dissipare il calore generato dalle tre fonti principali, precisamente: Cilindri motore; Olio lubrificante; Aria di sovralimentazione. Il circuito è

Dettagli

APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO. ing.

APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO. ing. Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento,

Dettagli

Duo-tec HT GA. Caldaie murali a gas a condensazione

Duo-tec HT GA. Caldaie murali a gas a condensazione Duo-tec HT GA Caldaie murali a gas a condensazione Semplicità e prestazioni: la caldaia ideale per la sostituzione La nuova gamma di caldaie a gas a condensazione Duo-tec HT GA è stata specificatamente

Dettagli

Relazione di calcolo

Relazione di calcolo Relazione di calcolo Software EC750 - Aperture e scarichi EDIFICIO INDIRIZZO INTERVENTO Villetta singola via Roma, 25-28021 Borgomanero (NO) Sostituzione generatore COMMITTENTE Alberto Rossi INDIRIZZO

Dettagli

Riparazione e Manutenzione

Riparazione e Manutenzione Riparazione e Manutenzione Ampia selezione in una singola marca. Esclusivi design duraturi. Prestazioni rapide e affidabili. Descrizione Versioni Pagina Pompe prova impianti 2 9.2 Congelatubi 2 9.3 Pompe

Dettagli

FreFlow. Pompa centrifuga autoadescante

FreFlow. Pompa centrifuga autoadescante FreFlow Pompa centrifuga autoadescante SPX ha molti anni di esperienza nella progettazione, produzione e manutenzione di pompe centrifughe autoadescanti per liquidi contaminati. Sulla base di tale esperienza,

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) (Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) OEN ( 1 ) CEN EN 1010-1:2004 Sicurezza del macchinario Requisiti di sicurezza per la progettazione e la costruzione

Dettagli

Allegato alla circolare n. 9/98-108 / Istruzioni d installazione

Allegato alla circolare n. 9/98-108 / Istruzioni d installazione UFFICIO FEDERALE DELLA PROTEZIONE POPLAZIONE Divisione misure di costruzione 3003 Berna, 27 agosto 1998 98-108 Hz / Rev. 16.02.211 Gfe Allegato alla circolare n. 9/98-108 / Istruzioni d installazione Stoccaggio

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni.

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. Sommario 1. Cos è un gas: definizione, proprietà. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. 3. Schede di sicurezza: prodotto, composizione, identificazione pericoli, etc. 4. Pressurizzazione

Dettagli

INNOVATICA. DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio

INNOVATICA. DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio Pagina 1 di 5 INNOVATICA presenta l estinguente del futuro DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio Rapido Sicuro ed affidabile Efficace ed efficiente Compatibile con l ambiente INNOVATICA,

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS

SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS SCALDABAGNI ISTANTANEI A GAS 3.4.2 7.2008 0694 a gas metano e GPL, camera aperta, accensione automatica a batteria Acquasprint Iono è lo scaldabagno a camera aperta per l installazione semplice e veloce

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI Sistemi Emergenza 2 Hanno lo scopo di ridurre le conseguenze di guasti o rotture Sistemi attivi: eseguono o consentono di eseguire operazioni per

Dettagli

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe

Dettagli

Generatori di azoto MAXIGAS Purezza & Semplicità

Generatori di azoto MAXIGAS Purezza & Semplicità generatori di gas Generatori di azoto MAXIGAS Purezza & Semplicità : i NUOVI generatori di azoto domnick hunter - l alternativa economica, sicura ed affidabile alle bombole di gas e gas liquido Quanto

Dettagli

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE?

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? a cura di: PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? I gas che possiamo trovare all interno delle nostre abitazioni, a causa di guasti, mancata manutenzione, malfunzionamenti, errata installazione, errato utilizzo,

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

FILTRI AUTOMATICI AUTOPULENTI CON ATTACCHI 8 14 PER PORTATE FINO A 1000 MC/H

FILTRI AUTOMATICI AUTOPULENTI CON ATTACCHI 8 14 PER PORTATE FINO A 1000 MC/H FILTRI AMIAD MODELLO EBS FLUXA Fluxa Filtri S.p.A. Via Alberto Mario, 19 20149 Milano Tel. 0243808.1 (15 linee) Fax 024817227-0248012614 e-mail: liquid@fluxafiltri.com sito-www:fluxafiltri.com Agente per

Dettagli

Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici

Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM POLITECNICO DI MILANO, 13 Dicembre 2011 SOMMARIO

Dettagli

DATI TECNICI (vedi anche Figura 1 e Figura 2)

DATI TECNICI (vedi anche Figura 1 e Figura 2) Applicazione: Riscaldamento dellêaria e dei Gas Figura 1: Schema tipico di una batteria riscaldante a canale CARATTERISTICHE GENERALI Le batterie elettriche riscaldanti sono state concepite per soddisfare

Dettagli