CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario"

Transcript

1 CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO

2 IAS 7 - Rendiconto finanziario Finalità RENDICONTO FINANZIARIO PERCHE' COME Informazioni desumibili dal rendiconto Individuazione della risorsa finanziaria di riferimento Strutturazione delle cause di variazione Utilità e destinatari delle informazioni Gestione di esercizio Gestione di investimento Gestione finanziaria 2

3 SINTESI Il rendiconto finanziario deve essere predisposto da tutte le imprese e deve essere presentato come parte integrante del bilancio. Le informazioni desumibili dal rendiconto finanziario integrano quelle contenute negli altri schemi di bilancio e consentono di valutare la capacità dell impresa di produrre disponibilità liquide ed equivalenti. Il rendiconto finanziario rappresenta le variazioni intervenute nell esercizio delle disponibilità liquide (cassa e banca) e delle disponibilità liquide equivalenti (attività a breve o brevissima scadenza). Il rendiconto finanziario deve evidenziare le variazioni di liquidità suddividendole in tre aree gestionali: o o o gestione di esercizio; gestione di investimento; gestione di finanziamento. Il flusso finanziario della gestione di esercizio può essere rappresentato ricorrendo a due metodi alternativi: o o metodo diretto; metodo indiretto. Nella rappresentazione con metodo indiretto il flusso di liquidità è ricostruito rettificando il risultato di esercizio delle componenti non monetarie. Il metodo diretto mostra il flusso di liquidità suddiviso nelle principali categorie di incassi e di pagamenti.

4 1 FINALITA 1.1. Obiettivo Obiettivo dello IAS 7 è raccogliere informazioni sulla dinamica nel tempo delle disponibilità liquide e loro equivalenti. Per raggiungere tale obiettivo, lo IAS 7: prevede l obbligo di allegare al bilancio il rendiconto finanziario; sottolinea l importanza delle informazioni desumibili dal rendiconto finanziario; stabilisce struttura e modalità di rappresentazione del rendiconto; fornisce indicazioni sulla rappresentazione nel rendiconto di operazioni di particolare rilievo. Il rendiconto finanziario classifica i flussi di disponibilità liquide derivanti dalla gestione di esercizio, di investimento e finanziaria durante l esercizio Ambito di applicazione Tutte le imprese devono predisporre un rendiconto delle variazioni di liquidità e presentarlo come parte integrante del bilancio Utilità delle informazioni sui flussi finanziari Il lettore del bilancio assume le proprie decisioni di investimento valutando fra l altro: la capacità dell impresa di produrre disponibilità liquide od equivalenti; i tempi in cui le disponibilità liquide si liberano; il grado di certezza della loro generazione. In risposta a queste esigenze, il rendiconto finanziario: consente di tenere sotto controllo il flusso di cassa (cash flow) generato dall impresa, e di confrontarlo con il reddito (profit) desumibile dal conto economico; rispetto al reddito fornisce informazioni dotate di maggior obiettività, in quanto la determinazione del flusso di cassa non è influenzata da valutazioni professionali; informa sulla liquidità della struttura finanziaria dell impresa, intesa come capacità di liberare risorse liquide nel presente; informa sulla solvibilità dell impresa, intesa come capacità di liberare in futuro risorse finanziarie necessarie a onorare i debiti finanziari; rende più agevolmente confrontabili i risultati prodotti da diverse imprese in quanto riduce gli elementi da confrontare a flussi di cassa, la cui quantificazione non è influenzata da politiche di bilancio; 4

5 attraverso la formazione di serie storiche di flussi, consente di elaborare modelli per la stima dei flussi futuri e di verificare l attendibilità delle stime effettuate in passato. 2 DEFINIZIONI 2.1. Risorsa finanziaria di riferimento Il rendiconto finanziario espone le variazioni (flusso) intervenute nella consistenza di una risorsa finanziaria di riferimento. La risorsa finanziaria di riferimento è costituita da: disponibilità liquide (cash): cassa e depositi a vista; disponibilità liquide equivalenti (cash equivalents): attività finanziarie a breve termine, altamente liquide e prontamente convertibili in valori di cassa noti e soggette ad un irrilevante rischio di variazione del loro valore Le disponibilità liquide equivalenti L inclusione di una risorsa fra le disponibilità liquide è in parte frutto di convenzioni; normalmente si includono attività con durata - dal punto di vista dell investitore (v. esempio qui sotto) - inferiore a tre mesi, come: titoli di stato a breve termine; quote di fondi comuni; commercial papers; altri strumenti normalmente usati nella gestione delle eccedenze di tesoreria. Esempio 1: un BOT a tre mesi o un BTP acquistato tre mesi prima della scadenza possono essere considerati cash equivalents; un BTP acquistato, per ipotesi, tre anni prima e in scadenza nel giro di tre mesi non costituisce cash equivalent. Esempio 2: un investimento azionario, pur effettuato per esigenze di trading in ottica di breve termine, non costituisce cash equivalent in quanto normalmente il rischio di variazione del suo valore non è irrilevante. Il c.d. scoperto di conto corrente dovrebbe essere ricondotto alle attività di finanziamento; lo IAS 7 ammette però che esso sia incluso con segno negativo fra le disponibilità liquide equivalenti, in quanto costituisce uno strumento ordinario della gestione della liquidità Flussi finanziari 5

6 Il flusso finanziario è costituito dalle entrate e dalle uscite di disponibilità liquide ed equivalenti: esso è quindi la variazione della risorsa finanziaria di riferimento. Non devono essere distintamente evidenziati i movimenti all interno della risorsa finanziaria; ad esempio, l investimento di una momentanea eccedenza di conto corrente in pronti contro termine non costituisce un flusso finanziario Aree di attività Le aree di attività nelle quali il rendiconto finanziario deve essere suddiviso sono così definite: attività di esercizio: è costituita dalle principali attività generatrici di ricavi dell impresa nonché da tutte le altre attività che non sono di investimento o di finanziamento; attività di investimento: comprende l acquisto di attività immobilizzate e gli investimenti finanziari che non costituiscono disponibilità liquida equivalente; attività di finanziamento: comprende le attività che comportano la modificazione della dimensione e della composizione del capitale proprio e delle fonti di finanziamento. 3 PRESENTAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO Il rendiconto finanziario deve essere presentato suddiviso per gestioni. La suddivisione per gestioni consente di conoscere il contributo di ciascuna alle variazioni di liquidità e di effettuare confronti fra le diverse gestioni. E possibile che uno stesso fatto gestionale sia scomponibile in elementi che interessano più aree di gestione (fermo restando che ogni singola componente può ricadere soltanto in una delle tre aree). Ad esempio: rimborso di una rata R (suddivisibile in quota capitale Q k e quota interessi Q i ) di un finanziamento: R = Q k + Q i Q k Q i gestione di finanziamento gestione di esercizio E comunque ammesso che anche la quota di interessi sia inclusa, per semplicità, nei movimenti relativi alla gestione di finanziamento. 6

7 4 GESTIONE DI ESERCIZIO 4.1. Definizione generale La gestione di esercizio comprende: le principali attività generatrici di ricavo dell impresa; in via residuale, tutte le attività che non sono classificabili come attività di investimento o di finanziamento. Il flusso derivante dalla gestione di esercizio deve essere letto anche in relazione ai flussi delle gestioni di finanziamento e di investimento; in tal senso, esso dà la misura di quanto l impresa, facendo ciò per cui è stata costituita, è in grado di sostenere i propri finanziamenti e di remunerare il capitale proprio e di terzi. Esempio: Incassi delle vendite 600 Pagamenti a fornitori e dipendenti -200 Cash flow gestione di esercizio 400 Acquisto di impianti -700 Cash flow gestione di investimento -700 Emissione di obbligazioni 150 Emissione di titoli azionari 100 Cash flow gestione di finanziamento 250 VARIAZIONE NETTA -50 Liquidità presente a inizio esercizio 100 Liquidità a fine esercizio 50 7

8 L impresa in esame produce liquidità con la propria attività di esercizio; tale liquidità è solo in parte sufficiente a coprire il fabbisogno derivante dalle politiche di investimento, a fronte del quale l impresa fa quindi ricorso in parte alla raccolta di capitale di debito, in parte alla raccolta di capitale proprio ed in parte alla riduzione dello stock di risorse liquide presenti all inizio dell esercizio Casistica Lo IAS 7, pur fornendo una definizione in parte residuale delle attività di esercizio, propone comunque una esemplificazione delle principali attività di esercizio: incassi per la vendita di beni e servizi; incassi di royalties, diritti, commissioni ed altri proventi; pagamenti ai fornitori di beni e di servizi; pagamenti a, o per conto di, dipendenti; pagamenti o rimborsi di imposte sul reddito, a meno che questi non siano specificamente riferibili alle altre due aree delle attività di investimento e di finanziamento; incassi e pagamenti derivanti da contratti di distribuzione o di commercializzazione Casi particolari Operazioni come la vendita di un cespite generano plus/minusvalenze che concorrono alla formazione del risultato di esercizio, ma il relativo flusso finanziario deve sempre essere ricondotto alla gestione di investimento. Investimenti in titoli azionari od obbligazionari a scopo di negoziazione vanno trattati alla stregua di rimanenze acquistate per la rivendita; quindi, i relativi flussi devono essere considerati come flussi della gestione di esercizio e non della gestione di investimento. Per un ente finanziario, la concessione di un prestito rappresenta un flusso operativo, in quanto si tratta di una delle principali attività generatrici di reddito per quell impresa; lo stesso fatto economico in un impresa, ad esempio, manifatturiera, potrebbe essere classificato nella gestione di investimento. 5 GESTIONE DI INVESTIMENTO 5.1. Definizione generale La gestione di investimento comprende le attività di acquisizione e cessione di attività a medio/lungo termine ed in generale di beni di investimento che non costituiscono cash equivalent. 8

9 La gestione di investimento include pagamenti e incassi derivanti dalla negoziazione di risorse dalle quali sono attesi i futuri redditi e i futuri flussi di cassa. Il flusso di cassa derivante dalla gestione di investimento può quindi essere considerato un indice dell impegno profuso dall impresa nel potenziamento del proprio capitale investito Casistica Esempi di attività riconducibili alla gestione di investimento: pagamenti per l acquisizione (anche tramite costruzione in economia) di immobili, impianti e attrezzature, intangibles e altre immobilizzazioni, ivi comprese le spese di R&D capitalizzate; incassi dalla vendita di immobili, impianti e attrezzature, di intangibles ed altre immobilizzazioni; pagamenti per l acquisizione di azioni o titoli di credito di altre imprese e interessenze in joint ventures; anticipazioni di denaro e prestiti fatti a terzi ed incassi derivanti dal rimborso di questi; incassi e pagamenti derivanti da contratti futures, forward, options e swap. Nota: i flussi connessi ad un contratto rilevato come operazione di copertura di una posizione identificabile devono essere classificati nella stessa area di attività in cui sono classificati i flussi della posizione coperta. Esempio: l impresa emette un prestito obbligazionario a tasso variabile e, per immunizzarsi dal rischio di tasso, stipula un contratto di Interest Rate Swap (IRS); i flussi derivanti dallo swap andranno ricondotti alla gestione di finanziamento. 6 GESTIONE DI FINANZIAMENTO 6.1. Definizione generale Sono le attività che modificano la grandezza e la composizione del capitale proprio e dei debiti dell impresa diversi da quelli di esercizio Casistica Esempi di attività riconducibili alla gestione di finanziamento: incassi derivanti dall emissione di azioni o altri strumenti di reperimento del capitale proprio; pagamenti agli azionisti per acquistare/liberare azioni proprie (ad es. buy back); incassi derivanti dall emissione di prestiti obbligazionari e di titoli di credito, per l accensione di debiti, prestiti ipotecari ed altri finanziamenti a breve o a lungo termine; 9

10 rimborsi di prestiti; pagamenti da parte del locatario per la riduzione delle passività relative ad un leasing finanziario. 7 PRESENTAZIONE DEI FLUSSI DELLA GESTIONE DI ESERCIZIO 7.1. Modalità di presentazione Il flusso finanziario della gestione di esercizio può essere presentato, alternativamente, secondo uno dei seguenti metodi di esposizione: Metodo diretto Metodo indiretto Lo IAS 7 incoraggia le imprese a presentare i flussi finanziari derivanti dalla gestione di esercizio utilizzando il metodo diretto, in quanto esso fornisce un numero di informazioni tanto maggiore quanto più è dettagliata la casistica delle voci di incasso e di pagamento. Il principio contabile nazionale n. 12 considera invece preferibile, in quanto meno complesso, la rappresentazione con metodo indiretto. L opzione fra metodo diretto e indiretto è relativa soltanto al flusso della gestione di esercizio, e non al flusso delle altre due gestioni Metodo diretto Con il metodo diretto il flusso di liquidità è scomposto nelle principali categorie di pagamenti ed incassi lordi. Le informazioni sulle principali categorie di incassi e di pagamenti possono essere desunte: direttamente dalle registrazioni contabili (istituzione di una contabilità finanziaria parallela ); indirettamente, sulla base dei singoli saldi di conto, da rettificare al fine di eliminare le componenti non monetarie, fra cui: variazione delle rimanenze e dei crediti e debiti di esercizio; altri elementi non monetari (es. rettifiche per competenza); altri elementi i cui effetti monetari devono essere inclusi nell attività di investimento o di finanziamento. 10

11 Il rendiconto finanziario della gestione di esercizio, predisposto con metodo diretto, può presentarsi come segue: Incassi dai clienti Pagamenti ai fornitori Pagamenti al personale Pagamenti per altre spese operative Interessi pagati Imposte pagate Liquidità netta generata dalla gestione di esercizio xxx,xx xxx,xx xxx,xx xxx,xx xxx,xx xxx,xx xxx,xx 7.3. Metodo indiretto Il flusso finanziario della gestione di esercizio viene determinato rettificando l utile o la perdita a fronte di: elementi non monetari, fra cui: ammortamenti e svalutazioni; accantonamenti a fondi rischi; contabilizzazione di imposte differite attive o passive; utili o perdite di cambio non realizzati; utili di collegate non distribuiti; altri. variazione delle rimanenze e dei crediti/debiti di esercizio; ogni altro elemento i cui flussi monetari devono essere classificati fra le attività di investimento o di finanziamento Confronto fra metodo diretto e metodo indiretto Entrambi i metodi sono accettabili e portano allo stesso risultato finale. Il metodo diretto mostra ogni componente del cash flow di esercizio, conformemente alla natura della transazione sottostante. Il metodo diretto fornisce un maggior numero di informazioni rispetto al metodo indiretto. Il cash flow determinato con metodo diretto è più facilmente verificabile, in quanto sono direttamente mostrati i singoli elementi che lo compongono. Il metodo indiretto può essere più facile e più veloce da utilizzare, e divulga meno informazioni per la concorrenza. 11

12 Il metodo indiretto mostra chiaramente il collegamento tra risultato di esercizio e flusso di cassa. 8 PRESENTAZIONE DEI FLUSSI DELLE GESTIONI DI INVESTIMENTO E FINANZIAMENTO I flussi delle gestioni di investimento e di finanziamento devono essere esposti indicando le principali categorie di incassi e di pagamenti che le compongono. 9 TRATTAMENTO DI ALCUNE OPERAZIONI 9.1. Poste di natura straordinaria I flussi finanziari relativi a poste di natura straordinaria devono essere ricondotte alle attività (di esercizio, di investimento o di finanziamento) che le hanno generate. In ogni caso tali poste devono essere tenute distinte dalle altre componenti della classe di appartenenza, in modo che il lettore del rendiconto possa conoscere il loro effetto sui flussi finanziari. Queste informazioni si aggiungono a quelle già previste dallo IAS 8 per la distinta indicazione degli elementi straordinari Interessi e dividendi I flussi relativi ad incasso e pagamento di interessi e di dividendi devono essere indicati separatamente, facendoli rientrare a seconda del caso ma in modo coerente da un esercizio all altro fra le diverse gestioni. Fra gli interessi pagati sono inclusi anche gli interessi capitalizzati e non imputati a conto economico. Gli interessi passivi possono essere inclusi, alternativamente: nella gestione di esercizio, in quanto concorrono a formarne il reddito; nella gestione di finanziamento, in quanto costituiscono il costo per il reperimento delle fonti. I dividendi incassati e gli interessi attivi percepiti possono essere inclusi, alternativamente: nella gestione di esercizio, in quanto concorrono a formarne il reddito; nella gestione di investimento, in quanto ne costituiscono il frutto. I dividendi pagati possono essere inclusi, alternativamente: 12

13 nella gestione di finanziamento, in quanto costituiscono il costo che l impresa sostiene per acquisire capitale proprio; nella gestione di esercizio, in quanto in tal modo viene data rappresentazione dell attitudine dell impresa a remunerare il capitale proprio attingendo alle risorse finanziarie generate dai flussi operativi Imposte sul reddito I flussi monetari relativi al pagamento o al rimborso di imposte devono essere indicati separatamente e classificati fra i movimenti che derivano dalle attività di esercizio, a meno che essi non possano essere specificamente ricondotti alle attività di investimento o di finanziamento. I flussi finanziari derivanti dalle imposte sul reddito possono quindi essere inclusi nella gestione di investimento o di finanziamento solo quando è possibile identificare con certezza il legame fra il flusso ed un operazione inclusa in una delle due gestioni Flussi finanziari in valuta estera I flussi finanziari in valuta estera devono essere esposti nella moneta di conto dell impresa adottando il cambio in vigore alla data in cui il flusso si è verificato. Utili e perdite dovuti a variazioni del cambio, qualora non siano realizzati, non costituiscono flussi finanziari. Le differenze di cambio riguardanti elementi che compongono le disponibilità liquide ed equivalenti ad inizio e fine esercizio devono essere portate in conto - a fini di omogeneità - nella quantificazione delle stesse Acquisizione e cessione di partecipazioni in società e di rami aziendali I flussi finanziari derivanti dall acquisizione o dalla cessione di partecipazioni in società e di rami aziendali devono essere distintamente indicati nella gestione di investimento. Devono essere indicati separatamente: il corrispettivo di acquisto e di cessione; la parte del corrispettivo saldata con disponibilità liquide; il valore delle disponibilità liquide ed equivalenti acquisite/cedute con li ramo; il valore di attività e passività diverse dalle disponibilità liquide acquisite/cedute con il ramo, suddivise per gestione di investimento e di finanziamento. Il corrispettivo pagato per l acquisto di un ramo aziendale deve essere riportato al netto delle disponibilità liquide ed equivalenti acquisite. 13

14 10 OPERAZIONI NON MONETARIE Le operazioni di investimento e finanziamento che non richiedono l impiego di disponibilità liquide devono essere escluse dal rendiconto finanziario. Vi sono operazioni di investimento e di finanziamento che, pur avendo un notevole impatto sul capitale e sulla struttura del capitale investito, non hanno effetto monetario e quindi vanno esclude dal rendiconto finanziario, fra cui: l acquisizione di un cespite tramite contratto di leasing; l acquisizione di un impresa a fronte di un emissione di azioni (conferimento in natura); la conversione di debiti in capitale (prestiti convertibili). 11 COMPOSIZIONE DELLE DISPONIBILITÀ LIQUIDE L impresa deve indicare le componenti della risorsa finanziaria di riferimento e deve effettuare una riconciliazione di tali componenti con i valori di bilancio. Gli effetti di eventuali variazioni nel criterio per la determinazione delle disponibilità liquide devono essere indicati secondo quanto previsto dallo IAS 8 (Utile/perdita di esercizio, errori fondamentali e cambiamenti di criteri contabili). 12 ALTRE INDICAZIONI In caso di gruppo di imprese, la capogruppo deve indicare la consistenza di eventuali saldi significativi di disponibilità liquide ed equivalenti detenute da controllate, che, a causa di restrizioni valutarie o altro, non sono liberamente disponibili. E inoltre raccomandato che si includano in una relazione di accompagnamento al rendiconto finanziario informazioni circa: l importo delle aperture di credito con indicazioni di eventuali restrizioni all uso disponibili per future attività o per estinguere impegni di capitale; i flussi finanziari relativi ad eventuali joint venture presentate con consolidamento proporzionale; ove possibile, la suddivisione dei flussi di investimento fra quelli destinati a mantenere la capacità produttiva e quelli destinati ad incrementarla; la ripartizione dei flussi finanziari, analizzati secondo le diverse gestioni, per settore di attività e per aree geografiche. 14

15 13 ESEMPIO SEMPLIFICATO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO Esposizione del caso Un impresa presenta il seguente bilancio CONTO ECONOMICO AL 31/12/2002 Ricavi di vendita Costo del venduto (26.000) Utile lordo Ammortamenti (450) Interessi passivi (400) Costi amministrativi e di vendita (910) Interessi attivi 300 Dividendi percepiti 200 Perdite su cambi (40) Utile prima di imposte ed elementi straordinari Proventi straordinari 180 Utile prima delle imposte Imposte sul reddito (300) Utile STATO PATRIMONIALE AL 31/12/ Attività Disponibilità di cassa e banca Investimenti finanziari a breve termine Crediti verso clienti Rimanenze Investimenti finanziari a m.l. termine Immobilizzi Costo storico Fondo ammortamento (1.450) (1.060) Totale attivo

16 Passività Debiti verso fornitori Debiti per interessi passivi Debiti tributari Debiti a lungo termine Totale passività Patrimonio netto Capitale sociale Utili a nuovo Totale patrimonio netto Totale passività e netto Si ha inoltre che: nel corso dell esercizio è stato acquistato un complesso aziendale, al prezzo complessivo di 590, con i seguenti valori: rimanenze 100 crediti verso clienti 100 cassa e banca 40 immobili, impianti e macchinari 650 debiti verso fornitori 100 debiti a lungo termine 200 l acquisto è stato in parte coperto da un aumento di capitale per 250 e da un finanziamento a lungo termine, anch esso per 250; gli interessi passivi di competenza dell esercizio ammontano a 400, quelli effettivamente pagati nell esercizio ammontano a ; l impresa ha distribuito dividendi per ; durante l esercizio l impresa ha effettuato investimenti in immobili, impianti e macchinari per un costo complessivo di 1.250, ricorrendo, per 350, a risorse proprie, e, 1 L informazione fornita può essere peraltro agevolmente desunta dall esame dei prospetti di bilancio; infatti il debito per interessi passivi è passato da 100 a 230 fra l inizio e la fine dell esercizio, a fronte di interessi contabilizzati per 400, con la conseguenza che la differenza ( = 270) rappresenta gli interessi effettivamente pagati. 2 Anche questa è un informazione che può desumersi agevolmente dalla variazione intervenuta nell importo degli utili a nuovo, tenuto conto dell utile maturato nell esercizio. 16

17 per 900, a contratti di leasing, che danno luogo, nel corso dell esercizio, a pagamenti per canoni per 90 3 ; nel corso dell esercizio è stato ceduto un cespite per 20 (costo storico 80, fondo ammortamento 60); il conto Crediti verso clienti include, alla fine dell esercizio, interessi attivi per Risorsa finanziaria di riferimento In base agli elementi disponibili viene determinata la risorsa finanziaria di riferimento (disponibilità liquide ed equivalenti): Disponibilità di cassa e banca Investimenti finanziari a breve termine Effetto variazioni tasso di cambio 0 (40) Disponibilità liquide ed equivalenti La consistenza finale delle disponibilità liquide viene rettificata portando in conto la differenza di cambio contabilizzata nell esercizio, che, come noto, viene esclusa nella determinazione dei flussi finanziari. La variazione intervenuta nella consistenza delle disponibilità liquide ed equivalenti fra l inizio e la fine dell esercizio è pari a = 290, e viene spiegata ricorrendo al rendiconto finanziario, predisposto con metodo diretto e con metodo indiretto. 3 Nei prospetti di bilancio i contratti di leasing sono esposti secondo lo IAS 17: il valore dei cespiti acquisti in leasing è rilevato fra le immobilizzazioni, mentre il relativo debito, in linea capitale, è esposto fra i debiti a lungo termine; i canoni di leasing pagati nell anno non sono rilevati a conto economico, nel quale è portata in conto unicamente la quota di interessi. 17

18 13.3 Rendiconto finanziario con metodo diretto Rendiconto finanziario della gestione di esercizio note Incassi da clienti (1) Pagamenti a fornitori e personale (27.600) (2) Disponibilità liquide generate dall'attività operativa Interessi pagati (270) Imposte pagate (900) (3) Flusso prima degli elementi straordinari Rimborsi assicurativi straordinari 180 Disponibilità liquide nette generate dalla g.di es Rendiconto finanziario della gestione di investimento Acquisto di ramo aziendale (550) (4) Acquisto di immobili, impianti e macchinari (350) (5) Vendita di cespiti 20 Interessi percepiti 200 (6) Dividendi percepiti 200 (6) Disponibilità liquide nette impiegate nella g.i. (480) Rendiconto finanziario della gestione finanziaria Incassi per aumento di capitale

19 Incassi da finanziamenti a lungo termine 250 Canoni di leasing (90) Dividendi corrisposti (1.200) (7) Disponibilità liquide nette impiegate nella g.f. (790) Incremento delle disponibilità liquide 290 (1) Il valore degli incassi da clienti può essere spiegato sulla base dei ricavi di vendita (30.650), ridotti dell incremento dei crediti commerciali (500); tale ultima grandezza è determinata come segue: Consistenza iniziale Crediti acquisiti con l acquisto d azienda Consistenza finale Differenza 600 (-) crediti per interessi attivi (100) Variazione netta crediti commerciali 500 (2) Il valore dei pagamenti a fornitori e dipendenti è così determinato: Costo del venduto (*) (-) riduzione rimanenze (1.050) (+) riduzione debiti commerciali (+) costi amministrativi e di vendita (*) Lo IAS fa riferimento al concetto di costo del venduto che, pur previsto dalla IV direttiva fra le possibili rappresentazioni di conto economico, non è stato recepito dalla disciplina interna, la quale ha optato per la più analitica esposizione dei costi in base alla loro natura. In ogni caso il costo del venduto può essere costruito sommando acquisti diretti e variazione delle scorte. La variazione dei debiti commerciali e della consistenza delle rimanenze può essere ricostruita, analogamente a quanto visto per i crediti commerciali, tenuto conto anche dell incremento degli stessi dovuto all acquisizione del ramo aziendale. (3) Le imposte pagate sono così determinate: 19

20 Consistenza iniziale debiti tributari Imposte di competenza dell'esercizio (-) Consistenza finale debiti tributari (400) Imposte pagate nell'esercizio 900 (4) Il flusso derivante dall acquisizione del ramo aziendale è determinato per differenza fra l esborso sostenuto (590) e il valore delle disponibilità liquide apprese per effetto dell acquisizione stessa (40). (5) Il flusso conseguente all effettuazione di investimenti in immobili, macchinari e impianti è pari al solo esborso direttamente sostenuto dall impresa, pari a 350. La parte restante, pari a 900, essendo stata coperta con contratti di leasing, non dà luogo né ad un flusso finanziario in uscita (nell area della gestione degli investimenti) né ad un flusso finanziario in entrata (nell area della gestione finanziaria). (6) Interessi e dividendi percepiti possono essere allocati tanto nella gestione di investimento quanto nella gestione di esercizio. Quanto agli interessi attivi, la parte incassata è determinata in base al valore rilevato per competenza (300) al netto dei crediti per interessi a fine esercizio (pari a 100 inclusi nei crediti commerciali). (7) I dividendi corrisposti possono essere allocati nella gestione finanziaria, in quanto rappresentano il costo sostenuto per procurarsi mezzi propri, ovvero nella gestione di esercizio. Nel caso di specie, il flusso operativo risultante sarebbe stato positivo di 360 ( ) ed avrebbe evidenziato la capacità dell impresa di generare internamente i flussi necessari a remunerare il capitale proprio. Se il flusso operativo rideterminato fosse stato negativo, ne sarebbe emerso che, nell esercizio di riferimento, l impresa ha fatto ricorso all indebitamente per pagare dividendi al proprio azionariato. 20

21 13.4 Rendiconto finanziario con metodo indiretto Rendiconto finanziario della gestione di esercizio note Utile prima delle imposte e degli elementi straordinari (1) Rettifiche per: ammortamenti 450 perdite su cambi 40 dividendi (200) (2) interessi attivi (300) (2) interessi passivi 400 Flusso operativo ante var. capitale circolante netto Variazioni di capitale circolante netto: (-) incremento crediti commerciali (500) (+) decremento rimanenze (-) decremento debiti commerciali (1.740) Flusso operativo generato dalle operazioni Interessi pagati (270) Imposte pagate (900) Flusso prima degli elementi straordinari Rimborsi assicurativi straordinari 180 Disponibilità liquide nette generate dalla g. di es Rendiconto finanziario della gestione di investimento Acquisto di ramo aziendale (550) Acquisto di immobili, impianti e macchinari (350) 21

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1]

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1] Rendiconto finanziario [1] [1] FINALITA' Ambito di applicazione Benefici apportati dalle informazioni sui flussi finanziari Definizioni Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Presentazione del rendiconto

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI Oggetto di studio: Analizza le VARIAZIONI intervenute in un FONDO da un esercizio all altro impieghi FLUSSI fonti Aggregato

Dettagli

OIC 10: La redazione del rendiconto finanziario Sintesi delle principali novità

OIC 10: La redazione del rendiconto finanziario Sintesi delle principali novità OIC 10: La redazione del rendiconto finanziario Sintesi delle principali novità L OIC ha deciso di dedicare al rendiconto finanziario un apposito principio contabile tenuto conto della sua valenza informativa.

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Comunicato stampa Documento Allegato

Comunicato stampa Documento Allegato Edison Spa Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano - MI ufficiostampa@edison.it Comunicato stampa Documento Allegato Stato patrimoniale consolidato Si

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE RICAVI: 70,5 milioni di euro; -1,7 milioni di euro rispetto all esercizio (72,2 milioni di euro) EBITDA: 25,4 milioni

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004

PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004 PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004 TRANSIZIONE AI PRINCIPI IAS/IFRS Fino al 2004 Telecom

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO

IL COMMERCIALISTA VENETO IL COMMERCIALISTA VENETO n. 177 - MAGGIO / GIUGNO 2007 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE INSERTO Le norme IAS-IFRS Breve sintesi dei nuovi Principi Contabili Internazionali ADRIANO

Dettagli

IAS 1 Presentazione del bilancio d esercizio (Presentation of Financial Statements)

IAS 1 Presentazione del bilancio d esercizio (Presentation of Financial Statements) IAS 1 Presentazione del bilancio d esercizio (Presentation of Financial Statements) INTRODUZIONE INDICE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

Bilancio di Telecom Italia S.p.A.

Bilancio di Telecom Italia S.p.A. Bilancio di Telecom Italia S.p.A. Indice 262 Indice 263 Stato patrimoniale 265 Conto economico 267 Prospetto dei movimenti di patrimonio netto 268 Rendiconto finanziario 270 Nota 1 Forma, contenuto ed

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Analisi per flussi Il rendiconto finanziario

Analisi per flussi Il rendiconto finanziario Analisi per flussi Il rendiconto finanziario Ruolo dei flussi finanziari nelle analisi di bilancio Forniscono nuovi elementi per la valutazione dell assetto economico globale Permettono una migliore interpretazione

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE..

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. INDICE PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. 4. VALUTAZIONE. 5. ALTRI ASPETTI. 6. OPERAZIONI CON AZIONI PROPRIE ALL INTERNO

Dettagli

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12 bilancio civilistico Relazione finanziaria annuale d esercizio Prospetti contabili civilistici 4 Note esplicative ai prospetti contabili civilistici 12 Allegati al bilancio civilistico 78 Attestazione

Dettagli

OIC 10 Rendiconto finanziario

OIC 10 Rendiconto finanziario Daniela Toscano (Dottore Commercialista in Cuneo) OIC 10 Rendiconto finanziario 1 Il Principio contabile OIC 10, pubblicato il 4 agosto 2014 e applicabile ai bilanci al 31 dicembre 2014, è dedicato allo

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A.

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. Appendice FTA LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. INDICE A. Premessa B. Principi contabili e criteri di valutazione C. Riconciliazione

Dettagli

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro)

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro) Prospetti contabili infrannuali della Capogruppo per il semestre chiuso al 30 giugno 2007 Conto economico 1 semestre 2007 1 semestre 2006 Ricavi verso terzi 14.025 8.851 Ricavi parti correlati 2.772 3.521

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Sede legale: VIA PESCHIERA 16 GENOVA (GE) Iscritta al Registro Imprese di GENOVA C.F. e numero iscrizione 01323550994 Iscritta al R.E.A. di Genova n. 400879 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota Integrativa parte iniziale Ai sensi delle disposizioni del codice civile in tema di bilancio si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

NOVITA BILANCIO DI ESERCIZIO 2014

NOVITA BILANCIO DI ESERCIZIO 2014 NOVITA BILANCIO DI ESERCIZIO 2014 a cura di Maria Chiara Ronzani - Area Fiscale APINDUSTRIA VICENZA 30/01/2015 - Sala Convegni Apindustria Vicenza 1 Sommario DEPOSITO BILANCIO E NOTA INTEGRATIVA IN FORMATO

Dettagli

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Management Sergio Branciari s.branciari@univpm.it Simone Poli s.poli@univpm.it L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi San Benedetto

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Consiglio di Amministrazione della Fiat S.p.A., riunitosi oggi a Torino, ha: approvato il Bilancio

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio 246 Conto economico 246 Conto economico complessivo 247 Situazione patrimoniale-finanziaria 248 Rendiconto finanziario 249 Variazioni del patrimonio netto 251 Conto economico ai sensi della Delibera Consob

Dettagli

Mp7 Italia S.p.A. Relazione Consolidata e Separata al 30 giugno 2015

Mp7 Italia S.p.A. Relazione Consolidata e Separata al 30 giugno 2015 Mp7 Italia S.p.A. Relazione Consolidata e Separata al 30 giugno 2015 MP7 Italia S.p.A. Sede operativa: Palazzo Verrocchio MI2 20090 Segrate Sede legale: via dei Piatti, 8 20123 Milano Tel. 02/21596212

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio Conto economico... 264 Conto economico complessivo... 265 Situazione patrimoniale-finanziaria... 266 Rendiconto finanziario... 267 Variazioni del patrimonio netto... 268 Conto economico ai sensi della

Dettagli

I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO

I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO I FLUSSI DI CASSA E IL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI DEI FLUSSI MONETARI AZIENDALI RIGUARDA ESSENZIALMENTE IL TRATTAMENTO DA RISERVARE ALLE TRE TIPOLOGIE DI FLUSSI CHE COMPONGONO IL FLUSSO FINANZIARIO

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2006

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2006 BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2006 Conto economico consolidato (In milioni di franchi svizzeri) Note 2006 2005 Ricavi 5-6 9.653 9.732 Acquisti di materiali e servizi esterni 7 (1.840) (1.831) Costi

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Consiglio di Amministrazione della Fiat S.p.A., riunitosi oggi a Torino, ha: approvato il Bilancio

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it

LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE a cura Giuseppe Polli giuseppe_polli@virgilio.it è disponibile un semplice ed utilissimo software sull analisi di bilancio predisposto dall autore in vendita

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA

APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA Comunicato Stampa APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA I risultati consolidati (1) Nel primo semestre 2015 i ricavi consolidati

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

3. Principi contabili

3. Principi contabili gli utili emergenti da vendite effettuate da società controllate a joint-venture o società collegate sono eliminati limitatamente alla quota di possesso nella società acquirente; gli utili emergenti da

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Salvatore Nucci, gennaio 2011 L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale

Dettagli

Comune di TRINITA' D'AGULTU E VIGNOLA RELAZIONE ECONOMICO PATRIMONIALE ALLA CONTABILITA' ECONOMICA 2009

Comune di TRINITA' D'AGULTU E VIGNOLA RELAZIONE ECONOMICO PATRIMONIALE ALLA CONTABILITA' ECONOMICA 2009 Comune di TRINITA' D'AGULTU E VIGNOLA RELAZIONE ECONOMICO PATRIMONIALE ALLA CONTABILITA' ECONOMICA 2009 Comune di TRINITA' D'AGULTU E VIGNOLA RELAZIONE ECONOMICO PATRIMONIALE 2009 INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

Gruppo Autostrade. Transizione ai principi contabili internazionali (IFRS)

Gruppo Autostrade. Transizione ai principi contabili internazionali (IFRS) Gruppo Autostrade Transizione ai principi contabili internazionali (IFRS) Situazione patrimoniale consolidata al 1 gennaio 2004, al 31 dicembre 2004 ed al 1 gennaio 2005 Conto economico consolidato per

Dettagli

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2007. 102 Esercizio

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2007. 102 Esercizio Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2007 102 Esercizio La forza di un idea risiede non solo nella sua capacità di far breccia nel pensiero della sua epoca, ma anche in quella di influenzare

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE

PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE Milano, lì 17 marzo 2015 FESTA S.r.l. Unipersonale Sede in Porcari (Lucca) via L. Boccherini, 39 Capitale Sociale 358.699,18

Dettagli

FANCY PIXEL SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

FANCY PIXEL SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro FANCY PIXEL SRL Sede in VIA SARAGAT N.1 FERRARA FE Codice Fiscale 01910420387 - Numero Rea P.I.: 01910420387 Capitale Sociale Euro 20.000 Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Settore di

Dettagli

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO in pratica FISCO Antonina Giordano Il leasing operativo I edizione Definizione e caratteristiche distintive Profili civilistici e fiscali Profili contabili e di rappresentazione in bilancio Riferimenti

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.000,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: DOCCIA SERVICE S.R.L. PIAZZA VITTORIO VENETO 1 SESTO

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE SEMESTRALE AL 31 DICEMBRE 2014 1 Premessa In applicazione del D. Lgs. del 28 febbraio 2005, n. 38, Esercizio delle opzioni previste dall

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS Approfondimenti Bilancio Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS di Paolo Moretti Le differenze presenti tra i principi contabili internazionali IAS/IFRS e la prassi contabile nazionale

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

Resoconto intermedio sulla gestione al 30 settembre 2015

Resoconto intermedio sulla gestione al 30 settembre 2015 Resoconto intermedio sulla gestione al 30 settembre 2015 Pagina 1 INDICE Composizione organi sociali 3 Struttura semplificata del Gruppo Alerion 4 Premessa 5 Andamento gestionale dei primi nove mesi del

Dettagli

Divergenza tra risultato economico e finanziario

Divergenza tra risultato economico e finanziario L analisi della dinamica finanziaria (Capitolo VI) 1 2 Divergenza tra risultato economico e finanziario L analisi della dinamica finanziaria RENDICONTO FINANZIARIO Prospetto simile al CE che consente di

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151

ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151 Argomenti di oggi Bilancio 2006: novità e criticità -situazione civilistica (il doppio modello incompatibile le modifiche al codice civile il

Dettagli

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS Immobilizzazioni materiali Codice civile e PC nazionali Art. 2426 C.C. Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Circolante Scorte Crediti Attività finanziarie Liquidità valutazione Costo storico

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ 1 ATTIVITÀ IMMATERIALI 1.1 Avviamento 1.2 Altre attività immateriali 2 ATTIVITÀ MATERIALI 2.1 Immobili 2.2 Altre attività materiali 3 RISERVE TECNICHE A CARICO DEI RIASSICURATORI

Dettagli

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI RISULTATI Gli schemi di conto economico e stato patrimoniale del Banco Popolare vengono di seguito rappresentati in forma riclassificata secondo criteri gestionali per fornire una lettura più immediata

Dettagli