Aria pura Riciclo sostenibile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aria pura Riciclo sostenibile"

Transcript

1 Aria pura Riciclo sostenibile

2 Depurare I fumi per preservare la qualità dell aria: una grande sfida per gli impianti di termovalorizzazione dei rifiuti e per le altre attività industriali In questo contesto le industrie sono di fronte a una doppia sfida: Rispettare un quadro regolamentare e una legislazione sempre più severa. I fumi emessi dalle industrie debbono raggiungere i limiti fissati dalla legge per i gas acidi (acido cloridrico, fluoridrico, ossidi di zolfo e di azoto), metalli pesanti, microinquinanti (diossine e furani). Realizzare dei risultati che non sono solo economici, ma altresì rispettosi dell ambiente a della società. Migliori Tecniche Disponibili : Il riferimento europeo La direttiva sulle emissioni industriali (IED) 2010/75/EU richiede che per ottenere il permesso di gestione di un impianto industriale vengano presi in conto l impatto ambientale dell impianto e le misure adottate per ridurlo. Per permettere questo sono state definite da uno specifico ufficio dell Unione Europea basato a Siviglia le Migliori Tecniche Disponibili (BAT Best Available Techniques -) per ciascun settore industriale. Queste BAT sono descritte in un documento chiamato BREF (Best available techniques REFerence), che é diventato il documento fondamentale per reperire le informazioni sui livelli di emissioni che possono essere raggiunti usando le tecniche specifiche. Il processo a secco con Bicarbonato di Sodio é una delle BAT. Le SOLVAir Solutions sono sostenute da SOLVAY Le SOLVAir Solutions sono state sviluppate e brevettate da SOLVAY, un gruppo chimico internazionale. La missione di SOLVAir é quella di offrire e sviluppare continuamente delle soluzioni ambientali competitive e durature per il controllo delle emissioni gassose e dei residui associati, attraverso una gamma di prodotti, servizi, tecnologie e sistemi di trattamento. SOLVAY é il principale produttore di Bicarbonato di Sodio al mondo ed in Europa possiede sei impianti di produzione di BICAR 2 / SOLVAir

3 BICAR : Produzione in Europa Gli usi del BICAR sono numerosi: per la salute l igiene, nei detergenti, disinfettanti, per l alimentaziona umana ed animale, per il trattamento delle acque, nella carta, nelle polveri estintrici, nei prodotti farmaceutici e molti altri. Dombasle (FR) Bernburg (DE) Rheinberg (DE) Torrelavega (SP) Rosignano (IT) Devnya (BG) SOLVAir : la soluzione completa Bicarbonato disodio Fumi da depurare Aria pura Fumi depurati Prodotti Sodici Residui Prodotti Sodici Residui Prodotto riciclabile Aria pura Verso zero residui Efficacia: Il processo a secco SOLVAir con bicarbonato permette di rispettare I limiti di emissione più severi con tassi di abbattimento molto elevati ed un eccesso di BICAR inferiore al 10%. Elimina gli ossidi di zolfo (SO x ), l acido cloridrico (HCl) e fluoridrico (HF). Combinato con carbone attivo adsorbe i metalli pesanti, le diossine ed i furani. Economia e semplicità: il BICAR é un reattivo molto efficace. Grazie alla sua semplicità, il processo SOLVAir con bicarbonato richiede bassi investimenti e costi di manutenzione limitati. La quantità di Prodotti Sodici Residui (PSR) è ridotta e non è necessario il trattamento di reflui liquidi. Sicurezza totale di utilizzo : il BICAR é una polvere neutra, non corrosiva, non irritante ed atossica e puó dunque essere manipolata con facilità e sicurezza. Riciclo sostenibile La soluzione SOLVAir di riciclo dei PSR rende possible il trattamento ed il riciclo dei Prodotti Sodici Residui provenienti dalla depurazione dei fumi. SOLVAir / 3

4 Il Processo SOLVAir con bicarbonato: L iniezione a secco del BICAR Il bicarbonato di sodio BICAR, in contatto con i fumi, neutralizza efficacemente gli acidi. Reazioni chimiche (reazioni totali con rapporti in massa) NaHCO NaHCO NaHCO NaHCO HCl 1 SO2 1 rapporto residui/reagente ½ O2 SO3 1 HF 1 NaCl Na2SO Na2SO NaF CO2 H2 O CO2 H2 O CO2 H2 O CO2 H2 O Attivazione termica 2 NaHCO3 4 / SOLVAir Na2CO3 CO2 H2O

5 L attivazione termica del BICAR vista al microscopio All interno dei fumi, il BICAR é attivato e diventa carbonato di sodio ad alta superfice specifica. Questa trasformazione é la chiave delle eccellenti prestazioni di neutralizzazione degli acidi del processo SOLVAir con bicarbonato. Bicarbonato di sodio prima dell attivazione termica Carbonato di Sodio attivato Temperatura L efficacia del BICAR e del processo SOLVAir con bicarbonato sono ottimali tra 140 C e 300 C. Al di fuori di questa gamma di temperature, mettetevi in contatto con il team SOLVAir per stabilire le possibilità di uso del BICAR. 140 C 300 C SOLVAir / 5

6 Aria pura Semplice ed efficace, la soluzione SOLVAir con bicarbonato é un processo di iniezione a secco del reattivo per il controllo delle emissioni atmosferiche. SNCR (facoltativo) Recupero Energetico Elettricità Vapore HCI Rifiuti SO x Gas depurati SOx, HCI, HF Il ruolo del filtro a maniche La reazione di neutralizzazione degli acidi comincia nel momento stesso in cui il BICAR entra in contatto con i gas acidi. Quando si usa un filtro a maniche, il bicarbonato di sodio forma uno strato omogeneo su tutta la superficie filtrante. Questo permette di neutralizzare efficacemente i gas acidi rispettando i limiti di emissione più severi e nel contempo minimizzando i consumi di BICAR. 6 / SOLVAir

7 Rispetto della 2010/75/EU Depolverazione (facoltativa) Bicarbonato di Sodio macinato Adsorbente NH 3 Reattore Filtro a Maniche SCR DeNO x Recupero Calore (raccomandato) Camino Ceneri volanti Prodotti Sodici Residui Verso zero residui Fase 1 1 Fase 3 3 Fase 5 5 Per incrementare ulteriormente il riciclo dei residui é raccomandata una prima fase di depolverazione prima della neutralizzazione. Fase 2 2 Il bicarbonato di sodio BICAR macinato é iniettato nei fumi per neutralizzare gli acidi presenti, in particolare: Acido cloridrico (HCl) Ossidi di zolfo (SO x ) Acido fluoridrico (HF) Il processo permette inoltre, mediante un iniezione di carbone attivo o coke di lignite, di adsorbire i metalli pesanti ed i microinquinanti organici.. I Prodotti Sodici Residui (PSR) solidi risultanti dalla neutralizzazione sono captati dal filtro a maniche, pronti per un riciclo sostenibile. I principali componenti sono: cloruro, solfato, fluoruro e carbonato di sodio. Fase 44 Un sistema DeNO x catalitico permette di ridurre le emissioni di NO x al di sotto dei limiti imposti dalle legislazioni più severe. Grazie all eccellente efficacia di rimozione degli SO x ed alla temperatura di funzionamento adeguata non é necessario riscaldare i fumi. Uno scambiatore di calore prima del camino permette di aumentare l energia vendibile aumentando l efficienza del recupero termico. Fase 6 6 Il processo SOLVAir può facilmente essere adattato per rispettare future norme più severe nei limiti di emissione Efficiente e così semplice Il processo SOLVAir con bicarbonato combina in modo unico una grande semplicità ed eccellenti prestazioni di depurazione. Grazie alla sua attivazione termica, il Bicarbonato di Sodio BICAR macinato riesce a raggiungere i massimi tassi di abbattimento degli acidi con eccessi di reagenti molto bassi. Questo risultato é ottenuto da un sistema totalmente a secco, che richiede nient altro che un silo, un dispositivo di iniezione ed un filtro. Troppo semplice per essere vero? Centinaia di utilizzatori del processo SOLVAir possono testimoniare ogni giorno le sue prestazioni! SOLVAir / 7

8 Aria pura con un processo semplice e sicuro Poche operazioni di messa a punto permettono di ottimizzare i tassi di abbattimento Granulometria del BICAR La granulometria é, assieme al filtro, un elemento chiave del processo SOLVAir con bicarbonato. Maggiore è la finezza dei granuli, più elevata è la superficie di contatto e quindi l efficienza. Per l abattimento dell HCl a livelli inferiori ai 10 mg/nm 3 (termovalorizzazione dei rifiuti) é raccomandato di macinare il bicarbonato ad un d90 < 35 µm (ovvero le particelle con un diametro inferiore a 35 μm rappresentano il 90% in peso del reagente). Un limite di emissione di HCl inferiore o un abbattimento degli SO X superiore all 80% richiede un d90 inferiore a 20 μm per ridurre il consumo di BICAR Miscelazione con i fumi Per ottenere le migliori prestazioni é necessario miscelare omogeneamente il reagente con i fumi; ciò puó generalmente essere ottenuto con un tempo di contatto minimo di 2 s prima del filtro. Per condotti con una sezione maggiore di 1 m 2, si possono usare appositi sistemi di miscelazione del BICAR come ad esempio iniezioni multiple. Gestione del filtro a maniche Il filtro é uno degli elementi fondamentali della soluzione SOLVAir con bicarbonato. Agisce come strumento di depolverazione e come reattore. Grazie allo strato di reagente che si forma sulla superficie delle maniche questo tipo di filtro permette di ridurre il consumo di BICAR. Contenuto di polveri ed umidità Il bicarbonato di sodio BICAR raggiunge abbattimenti estrememente elevati anche quando i gas da depurare contengono alti livelli di polveri od umidità. Compatibilità con sistemi DeNO x, in particolare catalitici (SCR) La rimozione degli NO x puó essere effettuata sia con sistemi catalitici (Selective Catalytic Reduction - SCR) sia con sistemi non catalitici (SNCR). La soluzione SOLVAir con bicarbonato é compatibile con entrambi. Il sistema SCR attraverso un iniezione di ammoniaca prima di un catalizzatore converte gli NO x ad Azoto (N 2 ). E necessario che operi ad una temperatura relativamente elevata per evitare la condensazione ed il conseguente deposito sugli strati di catalizzatore di ammonio (bi)solfato. Quando il sistema catalitico é installato alla fine del trattamento ( tail end ), come avviene nella maggior parte degli impianti di termovalorizzazione, l uso del bicarbonato di sodio BICAR permette di migliorare il recupero energetico. In primo luogo, il bicarbonato di sodio possiede la più alta reattività nei confronti di SO 3 ed SO 2 : ne risulta un livello di inquinante residuo bassissimo e quindi un rischio minimo di formazione di ammonio (bi)solfato. In aggiunta, l estesa gamma di temperature d uso del BICAR evita di dover raffreddare i fumi iniettando acqua. La combinazione di queste caratteristiche permette di utilizzare il catalizzatore alla stessa temperatura del filtro a maniche, risparmiando in tal modo l energia spesso usata per riscaldare i fumi. Uno scambiatore di calore installato prima del camino migliora ulteriormente il recupero energetico, incrementando in tal modo l energia vendibile. 8 / SOLVAir

9 Performance nell abbatimento degli acidi L efficienza della rimozione di HCl ed SO x dipende in gran parte dal dimensionamento e dalla messa a punto del sistema di controllo delle emissioni Risultati di abbattimento degli acidi Quando i parametri di dimensionamento di un impianto rispettano le specifiche tecniche SOLVAir vengono raggiunti tassi di abbattimenti degli acidi molto elevati: superiori al 99,9% per l HCl ed al 99% per l SO 2. Se l abbattimento richiesto per l SO 2 é inferiore all 80%, l eccesso di bicarbonato necessario per rispettare il limite di emissione sarà estremamante basso. Abbattimento dell HCl generalmente osservato con filtro a maniche Abbattimento HCl (%) ,5 0,6 0,7 0,8 0,9 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 1,5 1,6 1, Rapporto Stechiometrico Abbattimento della SO 2 generalmento osservato con filtro a maniche Abbattimento SO 2 (%) ,5 0,6 0,7 0,8 0,9 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 1,5 1,6 1,7 Rapporto Stechiometrico Il BICAR é estremamente efficace nei confronti della SO 3 Il BICAR neutralizza preferenzialmente la SO 3 rispetto alla SO 2. Ciò comporta: la protezione del catalizzatore DeNO x dal deposito di ammonio (bi)solfato l allungamento dell intervallo temporale tra due rigenerazioni del catalizzatore. SOLVAir / 9

10 HCI nei fumi depurati (mg/nm 3 secchi 11% O 2 ) Tipico controllo di processo Siccome le concentrazione degli acidi sono misurate in continuo al camino, la portata di BICAR puó essere controllata efficacemente in modo da rispettare i limiti di emissione più severi con un consumo di reagente minimo. Rispetto del limite di emissione di 10 mg/nm³ secchi 11% O 2 per HCl (Media giornaliera) 0:00 2:00 4:00 6:00 8:00 10:00 12: Portata di bicarbonato di sodio (kg/h) Portata di bicarbonato (kg/h) HCI nei fumi depurati (mg/nm 3 secchi 11% O 2 ) Eliminazione dei picchi di inquinanti Il processo SOLVAir é estremamente flessibile. Ha dimostrato la sua efficacia anche per concentrazioni acide superiori ai mg/nm 3. I picchi acidi sono rapidamenti assorbiti in virtù della rapidità di reazione del BICAR. Esempio di rimozione di picchi di HCl in un termovalorizzatore (10 mg/nm³ HCl secchi 11% O 2 - media giornaliera) HCI nei fumi da depurare (mg/nm 3 umidi) Portata di bicarbonato di sodio (kg/h) :36:00 10:48:00 12:00:00 13:12:00 14:24:00 15:36:00 16:48:00 18:00:00 19:12:00 HCI nei fumi da depurare (mg/nm3 umidi) portata di bicarbonato di sodio (kg/h) HCI nei gas depurati (mg/nm3 secchi 11% O2) HCI nei gas depurati (mg/nm3 secchi 11% O 2 ) 10 / SOLVAir

11 Efficienza energetica L efficienza energetica diviene sempre più importante nella termovalorizzazione dei rifiuti, contribuendo a ridurre le emissioni di CO 2. E dato che i combustibili economici divengono rari, la concorrenza tra produttori di energia aumenta quotidianamente. Ad esempio la direttiva quadro sui rifiuti 2008/98/EC, definisce un fattore R1 di efficienza di conversione dell energia. Se un impianto ha un fattore inferiore a 0.60 (oppure 0.65 in funzione della data di autorizzazione), non verrà classificato come Recupero d Energia ma come Smaltimento. In alcuni paesi il recupero di energia dai rifiuti puó essere più redditizio beneficiando dei certificati verdi, sulla parte dei Rifiuti Solidi Urbani (RSU) costituita da biomassa rinnovabile. Filtro a maniche NH 3 SCR DeNO x 185 C 185 C Recupero Calore (raccomandato) Calore 131 kwh/t RU* 135 C Camino La reattività del bicarbonato di sodio BICAR resta alta in un largo spettro di temperature ed umidità. Per questo motivo il processo SOLVAir con bicarbonato non necessita né di iniezioni d acqua per raffreddare/condizionare i fumi né di re-riscaldarli prima del sistema DeNO x (SCR) catalitico. Risparmiando vapore o combustibile per il riscaldamento dei fumi e ottimizzando il recupero di calore, l energia vendibile, che nel grafico sottostante è espressa come rendimento netto di conversione, è incrementata dall uso del processo SOLVAir : Dal 29% di un impianto con trattamento dei fumi a umido che produce solo energia elettrica all 88% di un termovalorizzatore che usa il processo SOLVAir ed é connesso alla rete di teleriscaldamento Rendimento di conversione netta/ingresso (0-100%) R1 Definizione direttiva 2008/98 EC (0-2,37) R1 Corretto con Fattore climatico (0-3,27) 88% 1,69 1,31 29% 0,84 0,99 40% 0,79 Esempio trattamento umido Germania (2007) Media CEWEP 314 EU impianti (2013) Esempio SOLVAir Italia (2011) Questo grafico dimostra che il fattore R1 non é collegato al rendimento netto di conversione energetica, dal momento che ogni tecnologia di trattamento fumi ha un diverso uso interno di energia. L introduzione, già in vigore in alcuni paesi dell Europa del sud, della correzione climatica del fattore R1 ne aumenta il valore, in questo esempio dall 1,31 all 1,69. P. Billig, Beitrag der Abfallwirtschaft zum Klimaschutz, 2007, Duisburg (DE) CEWEP Energy Report III by Dr.-Ing. Dieter O. Reimann, 2013, Bamberg (DE) and Energy Recovery / Energy increasing potential using Sodium Bicarbonate for Dry Flue Gas Cleaning in Thermal Waste Treatment by Dr.-Ing. Dieter O. Reimann R. Boero, Tecnologie e gestione nell incenerimento dei rifiuti. Operatori e comunità scientifiche a confronto, 2011, Cassino, (IT) Clerens / ESWET report for JRC and HDD data according to Eurostat Gazzetta ufficiale della Republica Italiana del SOLVAir / 11

12 Riciclo sostenibile Termovalorizzazione dei rifiuti La Direttiva 2008/98/EC privilegia il riciclaggio rispetto allo smaltimento. Con la soluzione SOLVAir con bicarbonato, il riciclo dei residui é una realtà industriale. É una risposta pratica alle esigenze ambientali, riducendo al minimo la messa in discarica dei residui finali in accordo con la politica europea sui rifiuti. I ricercatori SOLVAir hanno sviluppato e brevettato sin dall inizio soluzioni per riciclare i Prodotti Sodici Residui. Questi studi hanno permesso a SOLVAY di implementare, da sola o in partenariato, impianti di trattamento di taglia industriale. In Francia e in Italia, SOLVAY ha investito nel riciclo dei residui di depurazione dei fumi da impianti di termovalorizzazione. SOLVAY propone un tecnologia originale e brevettata per trattare i Prodotti Sodici Residui (PSR) degli impianti di termovalorizzazione dei rifiuti. I sali sodici, principalmente costituiti da cloruro di sodio, sono trattati e riciclati in sostituzione di una delle materie prime usata per produrre il carbonato di sodio. 1 t RSU Depolveratore Bicarbonato di sodio ± 15 kg * Adsorbente ± 0,4 kg Filtro a Maniche Ceneri volanti ± 20 kg Prodotti Sodici Residui ± 11,5 kg Acqua Salamoia Filtro pressa Purificazione Verso Zero Residui Dissolvitore Insolubili da 1 a 2 kg Salamoia riciclabile ± 45 kg (± 10,5 kg sali) * in funzione della qualità dei rifiuti Stabilizzazione da 2 a 4 kg di residui finali da stoccare in discariche autorizzate Produzione Carbonato di Sodio L unità SOLVAL di Rosignano, in Italia, filiale al 100% di SOLVAY tratta i Prodotti Sodici Residui di molti termovalorizzatori italiani ed invia la salamoia purificata all impianto di produzione di carbonato di sodio. L impianto RESOLEST situato nell est della Francia vicino a Nancy, é una joint venture tra SOLVAY e SITA FD (SUEZ). La salamoia é transportata in un condotto all impianto SOLVAY di Dombasle situato a 4 km, ed é usata nella produzione di carbonato di sodio. 12 / SOLVAir

13 Impianti per la rimozione degli ossidi di zolfo Per gli impianti che hanno come inquinante principale gli SO x, come le centrali termiche, le unità per la produzione di ceramiche, gli inceneritori di fanghi di depurazione acque, la produzione di metalli ferrosi e non ferrosi ecc., il componente principale nei residui è il solfato di sodio. Per poter riciclare questi residui, SOLVAir ha sviluppato il processo RESOGYPSE, basato sulla seguente reazione: Na 2 SO 4 CaCl 2 CaSO 4 2 NaCl Questo processo ha il vantaggio di trasformare i residui in due prodotti valorizzabili, il solfato di calcio, (conosciuto come gesso, largamento impiegato nella produzione di cemento), e il cloruro di sodio usato come materia prima nella produzione di carbonato di sodio. Soluzione Cloruro di Calcio Salamoia 5.5 tons Sodiera Produzione di carbonato di sodio Residuo 1 ton Gesso 0.75 ton Materiali da Costruzione Gesso Resogypse é operativo nell impianto RESOLEST vicino Nancy Industrie del vetro e dell alluminio L industria del vetro e la produzione dell alluminio secondario sono settori per i quali SOLVAir offre una soluzione doppiamente economica: in aggiunta alla neutralizzazione degli acidi dei fumi, i PSR possono essere direttamente riciclati come materie prime nei cicli produttivi dei loro impianti. SOLVAir / 13

14 Importanza della granulometria del bicarbonato Risparmio di reagente Le performance di depurazione dei fumi possono essere significativamente inferiori al previsto se la granulometria del bicarbonato di sodio é piu grossolana rispetto ai valori prescritti dalle specifiche tecniche SOLVAir (d90<35 µm per un abbattimento del HCl fino a 10 mg/nm³ e d90<20 µm per un abbattimento degli SO X superiore all 80% o per HCl < 10 mg/nm³ al camino). L esperienza dei termovalorizzatori clienti SOLVAir dimostra che il consumo di reattivo puó diminuire fino al 18% se la granulometria del bicarbonato di sodio macinato scende da d90~46µm a d90~28µm.* Consumo medio di reattivo per linea (kg/h) ,6 28,0 Distribuzione granulometrica: d 90 (µm) Risparmio sui residui Un sovraconsumo di reattivo del 18% comporta un aumento della produzione di PSR di almeno il 12%**. Questo costo aggiuntivo deve essere sommato a quelli derivanti dal consumo superiore di reattivo. Ottimizzare il consumo di reagente ha quindi un doppio effetto positivo; sui costi operativi e sull impatto ambientale del trattamento dei fumi. Come ottenere la giusta granulometria? Macinazione in situ Un mulino a martelli con selettore dinamico permette di ottenere un costante controllo della corretta distribuzione granulometrica indipendentemente dal flusso di reagente. Prodotto pronto all uso SOLVAY fornisce reattivi pronti all uso, specialmente concepiti per la depurazione dei fumi. Il reattivo pronto all uso ha il vantaggio di: abbassare i costi essere facilmente messo in opera aumentare la flessibilità di dosaggio essere formulato per una facile manipolazione Per ogni ulteriore informazione rivolgetevi al team SOLVAir. * Disponibile su richiesta: campagna di ottimizzazione SOLVAir su un impianto in Francia (2 linee da 8 t/h) con aggiornamento settimanale della composizione dei PSR da novembre 2007 a maggio ** Ipotizzando che il reattivo in eccesso con una granulometria più grossa generi carbonato di sodio e non reagisca coi composti acidi. 14 / SOLVAir

15 L esperienza al servizio dell industria SOLVAir ha costruito la sua conoscenza e la sua riconosciuta reputazione sulla sua capacità di affiancare le industrie nella loro evoluzione tecnica, economica ed ambientale. Il team SOLVAir é con voi in ogni fase del vostro progetto. A fianco delle società di ingegneria o del vostro team tecnico, vi offrono aiuto, esperienza e consigli per: effettuare la diagnosi delle emissioni del vostro impianto supportare il dimensionamento dell impianto di depurazione verificare la possibilità di conversione dell attuale sistema di depurazione al processo SOLVAir con bicarbonato. proporre e realizzare tests preliminari in situ con attrezzature e laboratori mobili. facilitare ed ottimizzare le fasi di avviamento e commissioning: analisi, verifica ed ottimizzazione delle prestazioni del sistema di controllo delle emissioni valutare le possibilità di purificazione e/o riciclo dei Prodotti Sodici Residui. I clienti SOLVAir Industria ceramica Caldaie industriali SOLVAir ha acquisito e continua a sviluppare la propria esperienza in molti settori industriali per fornire le migliori soluzioni a ognuno dei suoi numerosi clienti. Acciaierie Cementifici Cartiere Metallurgia non ferrosa Termovalorizzazione dei rifiuti Fanghi da depurazione acque Industria vetraria Raffinerie Energia da Biomasse Produzione materiali a base di carbonio Produzione lane minerali isolanti SOLVAir / 15

16 SOLVAY SA - NV Rue de Ransbeek 310 B 1120 Brussels , Solvay Le informazioni contenute in questo documento sono fornite in buona fede e a titolo informativo al momento della loro pubblicazione. SOLVAY non si assume alcuna responsabilità. L utilizzo dei nostri prodotti consiste nel trattamento dei fumi industriali, esclusi tutti gli altri usi e applicazioni. L acquirente è tenuto a monitorare e a rispettare, sotto la sua sola responsabilità, le condizioni alle quali i nostri prodotti vengono conservati e utilizzati nel suo territorio, al fine di fornire tutte le informazioni richieste all utilizzatore ed a rispettare tutti i brevetti esistenti e tutte le norme applicabili ai nostri prodotti e alla propria attività. 2012, Solvay

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

Il termovalorizzatore di Torino

Il termovalorizzatore di Torino Il termovalorizzatore di Torino Funzionamento Andamento 2015 13 febbraio 2016 La Società TRM S.p.A - Trattamento Rifiuti Metropolitani èlasocietà che ha progettato, costruito e, attualmente, gestisce il

Dettagli

5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE

5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE Pag. 1 di 14 5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE Pag. 2 di 14 5.1 PREMESSA... 3 5.2 ALTERNATIVE TECNOLOGICHE: SEZIONE DI COMBUSTIONE RECUPERO ENERGETICO... 6 5.3 ALTERNATIVE TECNOLOGICHE: SEZIONE DI TRATTAMENTO

Dettagli

Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori

Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori Università degli Studi di Palermo Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori Prof. Ing. Giorgio Micale, Dott. Ing. Onofrio Scialdone Dipartimento di Ingegneria Chimica

Dettagli

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore Cristiano PICCININ WTE Padova INTRODUZIONE Nel 2007 venne deliberato il rifacimento delle linee

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011 LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia Il Termovalorizzatore di Padova 13 ENERGIA GAS ACQUA AMBIENTE E SERVIZI Cristiano Piccinin Responsabile Operativo

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA.

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA. E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA energy La nostra missione: Produrre energia rinnovabile Ridurre

Dettagli

EMISSIONI DI INQUINANTI DA

EMISSIONI DI INQUINANTI DA EMISSIONI DI INQUINANTI DA INCENERITORI: ASPETTI NORMATIVI E RICERCA LUCA STABILE, GIORGIO BUONANNO l.stabile@unicas.it, buonanno@unicas.it DICeM Università di Cassino e del Lazio Meridionale via G. Di

Dettagli

pierluigi.villa@univaq.it a cura di Pierluigi Villa Antonella Nardini

pierluigi.villa@univaq.it a cura di Pierluigi Villa Antonella Nardini COMBUSTIONE CATALITICA COME COMPLEMENTO DEL PROCESSO DI GASSIFICAZIONE INNOVATIVO DICOTOM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA BIOMASSA E NON, CON PRODUZIONE DI ENERGIA a cura di Pierluigi Villa Antonella Nardini

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs)

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Bietigheim-, 02.08.2010 I metodi catalitici per trattare gli inquinanti atmosferici

Dettagli

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Francesco Pepe Dipartimento di Ingegneria Università del Sannio, Benevento LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI La gestione

Dettagli

Quadro di riferimento tecnico: il BREF per i grandi impianti di combustione

Quadro di riferimento tecnico: il BREF per i grandi impianti di combustione Prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento: gli impianti di produzione di energia Piacenza, 25 ottobre 2005 Quadro di riferimento tecnico: il BREF per i grandi impianti di combustione S. Consonni

Dettagli

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT ESPERIENZE INNOVATIVE IN ITALIA SUGLI ASPETTI DEPURATIVI: UN FOCUS SUI FANGHI Bologna, 22 ottobre 2014 FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT Ing. Marco ACRI Direttore Generale SOCIETÀ METROPOLITANA

Dettagli

Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati

Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati Incenerimento a griglia * raffreddati ad aria o ad acqua; * a griglia fissa o mobile Combustione

Dettagli

Termovalorizzatore di Acerra

Termovalorizzatore di Acerra Termovalorizzatore di Acerra Il termovalorizzatore di Acerra è uno dei più grandi impianti d Europa, con una capacità di smaltimento pari a 600.000 t/anno di RSU pretrattato; esso produce 600 milioni di

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Angelo Bonomi Consulente ambientale Verbania (VB) angelo.bonomi2@tin.it

Dettagli

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia Pensa verd verde Pensa verde Informativa per la centrale a biomasse biomasse di di Castiglione d Orcia La provincia pensa verde Pensare verde. Sono queste le parole chiave che negli ultimi anni caratterizzano

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

7. TECNOLOGIE DI DEPURAZIONE FUMI. 7.1 I limiti all emissione

7. TECNOLOGIE DI DEPURAZIONE FUMI. 7.1 I limiti all emissione 7. TECNOLOGIE DI DEPURAZIONE FUMI 7.1 I limiti all emissione I limiti di accettabilita all emissione dai camini dei forni di incenerimento sono normalmente impostati sul concetto della gia citata BAT-Best

Dettagli

Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti

Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti Direzione Ingegneria Davide Corrente Indice 1 - Gruppo HERA 2 - Impianti progettati, costruiti e messi in marcia

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc LINEA DI TRATTAMENTO Rifiuti solidi Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc Impianto di recupero energetico mediante forno a letto fluido Produzione di CdR e/o CnC SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO

Dettagli

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano C.F. n CRRRRT48B06D117X; Partita IVA n 0073846016 1 Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano Adeguamento tecnologico della cementeria Italcementi di Rezzato-Mazzano Obiettivi di riduzione delle emissioni

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

Depurazione dei fumi e valorizzazione dei prodotti sodici residui

Depurazione dei fumi e valorizzazione dei prodotti sodici residui Tecnologie al servizio dell Ambiente Depurazione dei fumi e valorizzazione dei prodotti sodici residui Per una gestione integrata dei rifiuti Indice Il processo NEUTREC 2 Una soluzione globale: neutralizzazione

Dettagli

Figura 3-13. Figura 3-14

Figura 3-13. Figura 3-14 Figura 3-13 Figura 3-14 Per eliminare questi fenomeni indesiderabili, che causano perturbazioni alla marcia regolare del forno, aumentano i consumi specifici e gli onerosi interventi manuali di pulizia

Dettagli

Un azienda sostenibile

Un azienda sostenibile Un azienda sostenibile I combustibili fossili (greggio, gas e carbone) sono ancora oggi le fonti energetiche più utilizzate, contribuendo per oltre l 80% al consumo mondiale di energia. Il loro indiscusso

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Da rifiuti a risorse percorso impossibile? Dott.ssa Aurelia Fonda COMPOSIZIONE media DEL RIFIUTO URBANO non differenziato dati APAT: Frazione merceologica % in

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE

IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE S. Agata di Puglia (FG) PROPONENTE/PROMOTER IL PRESIDENTE VIA ZUCCHERIFICIO, 10-48213 - MEZZANO (RA) DOCUMENTAZIONE TECNICA AI FINI AUTORIZZATIVI

Dettagli

Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO. Università di Roma La Sapienza

Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO. Università di Roma La Sapienza Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO La combustione è un processo di ossidazione rapido che avviene con emissione di luce e calore (fiamma) durante il quale l energia chimica si trasforma (degradandosi) in

Dettagli

Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo

Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo Soluzioni di sistemi innovativi Perché l aria compressa pulita e asciutta è importante In quasi tutti i settori dell industria l aria compressa è uno strumento

Dettagli

SISTEMI DI TRATTAMENTO DEI FUMI

SISTEMI DI TRATTAMENTO DEI FUMI SISTEMI DI TRATTAMENTO DEI FUMI La sezione di trattamento dei fumi di un impianto di incenerimento ha lo scopo contenere entro i limiti di emissione previsti dalla normativa le concentrazioni di inquinanti

Dettagli

31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma

31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma 31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma Ciclo Ciclo dei dei rifiuti rifiuti Indice Indice 11 Raccolta Raccoltadifferenziata differenziata 11 Riciclaggio Riciclaggio 1/3

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

1) DESCRIZIONE DELL IMPIANTO

1) DESCRIZIONE DELL IMPIANTO 1) DESCRIZIONE DELL IMPIANTO L impianto è costituito da due linee: la linea 1, derivante dalla completa ristrutturazione della linea 1 esistente e la linea 3 di nuova costruzione, le cui capacità orarie

Dettagli

Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia. SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali

Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia. SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali Bologna, 18.10.2008 CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Il gruppo HERA

Dettagli

Turchi s.r.l. Introduzione

Turchi s.r.l. Introduzione Progetto di una cabina per la verniciatura manuale delle pelli avente sistema di abbattimento a secco con filtri multistrato ignifughi raccoglivernice Introduzione Lo scopo di tale progetto è quello di

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA. Documento di livello: A

EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA. Documento di livello: A EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA Documento di livello: A Teleriscaldamento: calore e benessere per la città PREMESSA:

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli

2. Metodologie e modelli

2. Metodologie e modelli Influenza dell Uso delle Migliori Tecnologie Disponibili sui Costi Ambientali alla luce della Direttiva Europea IPPC. Caso Studio: Termovalorizzatore Silla 2 Angelo Bonomi Consulente Ambientale, Verbania

Dettagli

Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione

Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione Scuola Protezione Civile Ernesto Calcara Corso di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione prof. ing.. Umberto ARENA Dipartimento

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il quesito cui cercherò di rispondere 2 La pompa di calore utilizza energia elettrica per

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

Sistemi di essiccazione delle biomasse

Sistemi di essiccazione delle biomasse Sistemi di essiccazione delle biomasse n Essiccazione del digestato n Essiccazione di pollina n Purificazione dell aria di scarico n Essiccazione di fanghi di depurazione n Essiccazione di cippato n Separazione

Dettagli

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill LIFE ENVIRONMENT PROJECT LIFE05-ENV/IT/000874 GreenHouse Effect Reduction from Landfill Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco", Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

IMPIANTO DI MICROGENERAZIONE ELETTRICA ALIMENTATO A POLLINA

IMPIANTO DI MICROGENERAZIONE ELETTRICA ALIMENTATO A POLLINA IMPIANTO DI MICROGENERAZIONE ELETTRICA ALIMENTATO A POLLINA 20851 Lissone (MB) - Via Adamello, 9 - Tel. 039 483498 / 2456105 - Fax 039 461286 e-mail: info@ventilazioneindustriale.it - web: www.ventilazioneindustriale.it

Dettagli

FILTRI A MANICHE PER INCENERITORI DI BIOMASSA

FILTRI A MANICHE PER INCENERITORI DI BIOMASSA Rüdiger Margraf R. Margraf, Lühr Filter - testo italiano a cura di Lühr Italiana Figura 1 - Filtrazione a maniche a valle di valle di un inceneritore di biomasse. PPer rispettare i limiti di emissione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN: Gassificazione Di Rifiuti Solidi Urbani Con

Dettagli

Gli scenari di sviluppo del termovalorizzatore. (o impianto di trasformazione e produzione?) Gianni Bidini

Gli scenari di sviluppo del termovalorizzatore. (o impianto di trasformazione e produzione?) Gianni Bidini Gli scenari di sviluppo del termovalorizzatore (o impianto di trasformazione e produzione?) Gianni Bidini Dipartimento di Ingegneria Università degli Studi di Perugia 1 2 3 PRINCIPALI IMPIANTI DI TRATTAMENTO

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

ALLEGATO D APPLICAZIONE DELLE MTD

ALLEGATO D APPLICAZIONE DELLE MTD WIENERBERGER S.p.A. Unipersonale Sede legale in 40027 Mordano (BO), Via Ringhiera 1 Insediamento sito in 32020 Feltre (BL) Strada della Fornace 7 Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) D.lgs. 152/2006

Dettagli

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari Progetto Società Relatore : Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari INTRODUZIONE Nelle pagine successive verranno velocemente illustrate le caratteristiche

Dettagli

PROSPETTIVE E COMPATIBILITA NELLA PRODUZIONE DI ENERGIA DA RESIDUI Asti, 5 marzo 2012 Prof. Ing GENON Giuseppe Ing PANEPINTO Deborah Forme di conversione energetica delle biomasse Conversione delle biomasse

Dettagli

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Il gas fuoriuscente da un motore Diesel viene convogliato nel primo stadio del convertitore catalitico, dove si ha l ossidazione del monossido

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE TORINO NORD Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento (IPPC)

Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento (IPPC) COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE CCR CENTRO COMUNE DI RICERCA Istituto di prospettiva tecnologica (Siviglia) Ufficio europeo IPPC Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento (IPPC) Sintesi

Dettagli

BIO-DESOLF DESOLFORATORE BIOLOGICO PER BIOGAS

BIO-DESOLF DESOLFORATORE BIOLOGICO PER BIOGAS BIO-DESOLF DESOLFORATORE BIOLOGICO PER BIOGAS BIO-DESOLF DESOLFORATORE BIOLOGICO PER BIOGAS RELAZIONE TECNICA BIO-DESOLF ECOCHIMICA 1 di 14 ECOCHIMICA SYSTEM s.r.l. - 36051 CREAZZO (VI) - Via Zambon 23

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica Ingeco S.r.l. via Alzaia sul Sile, 26/D I-31057 Silea TV T. +39 0422 363292 F. +39 0422 363294 E. ingeco@ingeco-enr.it W. www.ingeco-enr.it Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio Del Vecchio-Governatori Riciclaggio 1 Il problema della gestione dei rifiuti Il problema della gestione dei rifiuti è diventato sempre più rilevante: la crescita dei consumi e dell'urbanizzazione hanno

Dettagli

www.efuelemulsion.eu

www.efuelemulsion.eu www.efuelemulsion.eu Azienda E Fuel ritiene che il modo migliore per raggiungere il successo sia quello di agire negli interessi a lungo termine di tutti i soggetti coinvolti ma prima di tutto dei propri

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

Soluzioni per l industria mineraria HED-13. Essiccatore. Efficienza energetica. Riduzione CO 2. Incentivi. mineraliindustriali.it

Soluzioni per l industria mineraria HED-13. Essiccatore. Efficienza energetica. Riduzione CO 2. Incentivi. mineraliindustriali.it HED-13 Essiccatore Efficienza energetica Riduzione CO 2 Incentivi Essiccatore ad alta efficienza HED-13 L evoluzione tecnologica degli essiccatori a tamburo rotante Aria ambiente per asciugare la sabbia

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni Meccaniche, Nucleari, aeronautiche e di Metallurgia

Dettagli

Misura e Analisi di Ossigeno

Misura e Analisi di Ossigeno Misura e Analisi di Ossigeno Soluzioni per la sicurezza sul processo, la riduzione dei costi e il miglioramento della qualità www.michell.com Misura e Analisi di Ossigeno Un ampia gamma di analizzatori

Dettagli

LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE

LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE IL SISTEMA BEA DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI RIFIUTO URBANO RESIDUO FRAZIONI DIFFERENZIATE R E C U P E R O E

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

Recupero Energetico da imballaggi in plastica. Giuseppe Rossi

Recupero Energetico da imballaggi in plastica. Giuseppe Rossi Recupero Energetico da imballaggi in plastica Giuseppe Rossi Castellanza, 15 Novembre 2011 2 Waste Framework Directive WFD 2008/98/EC Adottata il 19 novembre 2008 Da recepire nei singoli stati membri entro

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

APPLICAZIONI DEI GAS TECNICI

APPLICAZIONI DEI GAS TECNICI APPLICAZIONI DEI GAS TECNICI 1. GAS INERTI Spec.0-3302-0 ANIDRIDE CARBONICA PER LA NEUTRALIZZAZIONE DEGLI SCARICHI ALCALINI ITAC - Industria Toscana Acido Carbonico SpA Via Nazionale, 240 52020 PONTICINO

Dettagli

Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento

Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE CCR CENTRO COMUNE DI RICERCA Istituto per le prospettive tecnologiche (Siviglia) Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Sintesi Documento di riferimento

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

L impianto di termovalorizzazione di Torino. Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia

L impianto di termovalorizzazione di Torino. Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia L impianto di termovalorizzazione di Torino Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia Soggetto aggiudicatario Costituenda Associazione Temporanea di Imprese tra TM.E. S.p.A. termomeccanica

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli