IAS 16 Immobili, impianti e macchinari (Property, Plant and Equipment)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IAS 16 Immobili, impianti e macchinari (Property, Plant and Equipment)"

Transcript

1 IAS 16 Immobili, impianti e macchinari (Property, Plant and Equipment)

2 INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD ISCRIZIONE IN BILANCIO I CRITERI DI VALUTAZIONE L AMMORTAMENTO SVALUTAZIONE E RIVALUTAZIONE SMOBILIZZI E DISMISSIONI INFORMAZIONI INTEGRATIVE COMPARAZIONE IFRS/NORMATIVA INTERNA

3 INTRODUZIONE Le immobilizzazioni materiali devono essere valutate inizialmente al costo, corrispondente al costo d acquisto incrementato di tutti gli oneri accessori direttamente imputabili. Le successive valutazioni possono essere effettuate al costo al netto degli ammortamenti (trattamento preferito) o al valore rivalutato (alternativa consentita). I costi successivamente sostenuti per tali beni possono essere capitalizzati solo se vi è un incremento nell utilità economica futura del bene. Le eventuali rivalutazioni devono riguardare una intera classe di beni. Lo scambio di beni comporta la registrazione dei beni ricevuti al loro fair value. Le differenze (eventuali) tra fair value del bene ricevuto e valore contabile netto del bene ceduto sono spesate in Conto Economico. La disciplina internazionale prevede un ammortamento sistematico lungo la vita del cespite e deve riflettere la modalità con cui i benefici del bene sono goduti. Variazioni di metodo o aliquota sono trattati come variazioni di stime. Perdite permanenti di valore devono essere contabilizzate quando il valore recuperabile è inferiore al valore contabile e deve essere rettificata se vengono a mutare durevolmente le condizioni.

4 INTRODUZIONE TRATTAMENTO CONTABILE DI IMMOBILI, IMPIANTI E MACCHINARI VALUTAZIONE INIZIALE PERDITE DUREVOLI SPESE SUCCESSIVE RIVALUTAZIONI DISMISSIONI E CESSIONI

5 L EVOLUZIONE DELLO STANDARD Agosto 1980 Marzo Gennaio 1983 Maggio 1992 Dicembre Gennaio Luglio Dicembre Gennaio 2005 Exposure Draft E18, Accounting for Property, Plant and Equipment in the Context of the Historical Cost System IAS 16, Immobili, impianti e macchinari Effective Date dello IAS 16 (1982) Exposure Draft E43, Immobili, impianti e macchinari IAS 16, Accounting for Property, Plant and Equipment (revisionato come parte del progetto Comparability of Financial Statements basato sull E32) Effective Date of IAS 16 (1993) IAS 16 revisionato con l introduzione dello IAS 36, Impairment of Assets Effective Date dello IAS 16 (1998) Revisione della versione dello IAS 16 emesso dallo IASB Effective Date dello IAS 16 (2003)

6 L EVOLUZIONE DELLO STANDARD PRINCIPALI NOVITÀ DELLA VERSIONE DEL DICEMBRE 2003 La nuova versione dello IAS 16 (2003) prevede che il criterio di ammortamento deve essere rivisto almeno alla fine di ciascun esercizio, qualora si sia verificato un significativo cambiamento nelle caratteristiche dei benefici economici futuri). non parla più di scelta alternativa tra i due criteri i valutazione ma della possibilità da parte dell impresa di scegliere tra il modello del costo ed il modello della rivalutazione (fair value).

7 IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD PRINCIPI ED INTERPRETAZIONI CORRELATE Ias 20, Contributi pubblici Ias 23, Oneri finanziari IAS 1 - Presentazione del bilancio d esercizio Ias 36, Perdite di valore Interpretazioni Ias 40, Investimenti in immobili SIC-14: Immobili, impianti e macchinari Rimborsi per riduzioni durevoli di valore o perdite di beni SIC-23: Immobili, impianti e macchinari Costi dovuti a significative verifiche o revisioni generali

8 OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD Lo IAS 16 definisce il trattamento contabile di immobili, impianti e macchinari Le problematiche principali nella contabilizzazione di immobili, impianti e macchinari riguardano la determinazione: del momento per la rilevazione delle attività, dei loro valori contabili, degli ammortamenti che devono essere rilevati in relazione a essi. migliorare la trasparenza e la comparabilità tra i bilanci della stessa società di periodi diversi ovvero tra bilanci di altre imprese relativi ad un medesimo periodo

9 AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD Immobili, impianti e macchinari sono beni materiali: DETENUTI DALL IMPRESA l utilizzo nella produzione o nella fornitura di beni o servizi per scopi amministrativi; locazione DESTINATI AD ESSERE UTILIZZATI PER PIÙ ESERCIZI (IAS 16, 6) Nella voce in esame sono inclusi, di norma, terreni, edifici, macchinari, navi, autoveicoli, mobili, computer, attrezzature d ufficio. Secondo lo IAS 38 ( Attività immateriali ) gli Immobili, impianti e macchinari possono includere anche attività immateriali che rappresentano parte integrante di un attività materiale. Ad esempio, un software (attività immateriale) è trattato come un immobilizzazione materiale se è parte integrante di un macchinario (IAS 38, 3)

10 AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD BENI ESCLUSI Non rientrano quindi nella previsione dello IAS 16 le immobilizzazioni materiali per le quali un altro Principio contabile internazionale richiede o consente un trattamento contabile differente, ovvero: beni di origine biologica connesse all attività agricola (IAS 41 Agriculture) quali, ad esempio, pecore, alberi da frutto, piantagioni, ecc. diritti minerari e ricerca ed estrazione di minerali, petrolio, gas naturale e simili risorse naturali non rigenerative (IFRS 2 - Mineral rights and mineral reserves) beni in leasing ma solo con riferimento ai criteri per l identificazione del tipo di contratto e al valore di rilevazione inizlae, non invece ad alcune regole di rilevazione (es. ammortamento, valutazione) immobili detenuti a scopo di investimento se utilizzabili (IAS 40 - Investment properties), sono quindi inclusi gli immobili in corso di realizzazione (IAS 16, 5) Le immobilizzazioni materiali (es. trattori, pozzi di perforazione, ecc.) utilizzate nello sviluppo o nella conservazione delle prime due tipologie di beni esclusi sono incluse fra quelle trattate dal principio IAS 16 (BC4)

11 AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD NOTA: L IFRS 5 stabilisce che quando un attività immobilizzata è classificata come destinata alla dismissione (held for sale) si applica l IFRS 5 e non lo specifico principio contabile di riferimento

12 ISCRIZIONE IN BILANCIO CONDIZIONE DI ISCRIZIONE Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni materiali deve (IAS 16, 7): GARANTIRE BENEFICI ECONOMICI FUTURI accertare sulla base di conoscenze disponibili al momento della rilevazione iniziale trasferimento dei rischi e benefici legati al bene stesso grado di certezza del flusso di tali benefici economici futuri AVERE UN COSTO ATTENDIBILMENTE MISURABILE la stessa operazione di compravendita identifica il costo del bene (FW, 89) Nel caso di una costruzione interna, il valore del costo può essere attendibilmente determinato facendo riferimento alle operazioni con i terzi, ad esempio per l acquisto di materiale, lavoro ed altri fattori produttivi impiegati nel corso per processo di costruzione.

13 ISCRIZIONE IN BILANCIO PARTICOLARITÀ PEZZI DI RICAMBIO e ATTREZZATURE PER LA MANUTENZIONE Generalmente sono iscritte come rimanenze e rilevate come costo al momento dell utilizzo. A tale regola generale sono previste due eccezioni, quando: 1. l uso è relativo a più esercizi; 2. l uso è connesso ad elementi di immobilizzazioni materiali da cui ci si attende che il loro impiego sarà irregolare PORTATI AD INCREMENTO DEL VALORE DI ISCRIZIONE DEL BENE A CUI SI RIFERISCONO

14 ISCRIZIONE IN BILANCIO PARTICOLARITÀ BENI FORMATI DA PIÙ ELEMENTI Nel caso in cui è possibile individuare per una immobilizzazioni materiale distinti componenti e questi risultano caratterizzati da vite utili differenti o procurano benefici all impresa con modalità differenti è appropriato ripartire il costo totale di un bene tra le sue parti e iscrivere in modo separato ciascun componente

15 ISCRIZIONE IN BILANCIO PARTICOLARITÀ BENI ACQUISTATI PER RAGIONI DI SICUREZZA E PROTEZIONE AMBIENTALE Possono essere sostenuti i costi che, pur non originando benefici economici futuri sui beni esistenti, incrementano la sicurezza dell intero processo produttivo o dell impianto (complesso di beni) ovvero la protezione ambientale importo Il minore valore tra il valore recuperabile tramite l uso e il valore di mercato o normale di processi produttivi o impianti simili.

16 ISCRIZIONE IN BILANCIO CLASSIFICAZIONE IN BILANCIO Non è prevista una divisione in rigide categorie, ma viene individuata la seguenti possibili classi di immobilizzazione materiali (IAS 16, 35) TERRENI; TERRENI E FABBRICATI; MACCHINARI; AUTOVEICOLI MOBILI E ATTREZZATURE D UFFICIO MACCHINE D UFFICIO Un analisi maggiormente dettagliata è lasciata alle note esplicative.

17 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE Un elemento di immobili, impianti e macchinari che può essere rilevato come un attività deve, inizialmente, essere valutato al costo, ovvero considerando i costi. DIRETTAMENTE ATTRIBUIBILI ALL ACQUISIZIONE DELLA DISPONIBILITÀ DEL BENE + NECESSARI A PORTARE LO STESSO NELLE CONDIZIONI OPERATIVE RELATIVE ALL USO AL QUALE È DESTINATO a) Acquisto b) Costruzione in economia c) Permuta tra beni costi per necessità ambientali o di sicurezza se connessi alla generazione dei benefici economici futuri (es. costi per l adeguamento di un impianto chimico) I costi di impianto e i costi precedenti alla produzione non devono essere capitalizzati, a meno che non siano necessari a rendere operativo il bene.

18 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE - ACQUISTO Elementi inclusi nel costo (IAS 16, 16, 22-23) Costo di acquisto Costi direttamente imputabili alla messa in uso Stima ex ante dei costi di eliminazione Oneri finanziari (opzionali) Utili/perdite rispetto al fair value Contributi pubblici in conto impianti - Prezzo pagato al netto di sconti e ribassi (ovvero prezzo per contanti equivalente o valore attuale dei pagamenti futuri) - Imposte e tasse non deducibili (IVA indetraibile) - Costi per lavoro relativi a dipendenti impiegati nella produzione/acquisto - Costi di preparazione del sito produttivo/ costi di consegna ed imballaggio - Costi di installazione e assemblaggio iniziale - Costi di collaudo al netto dei ricavi di vendita dei campioni - Parcelle professionali correlate alla messa in uso - Costi di smantellamento e rimozione del bene - Costi di ripristino del sito produttivo Solo se costi a fronte di obbligazioni attuali (IAS 37) dell impresa per l utilizzo dei beni per scopi diversi dalla produzione di scorte (inclusi in tal caso nel valore delle scorte secondo il contenuto dello IAS 2 Inventories) Oneri finanziari sostenuti durante il periodo di acquisizione, costruzione o produzione del bene, finché lo stesso non sia pronto all uso rinvio allo IAS 23 Oneri finanziari Derivanti da contratti di copertura di flussi di cassa relativi all acquisto di immobilizzazioni in valuta estera Se ricevuti in occasione dell acquisto del bene possono essere portati in diminuzione del costo

19 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE - ACQUISTO Elementi esclusi dal costo: COSTI DI AMMINISTRAZIONE O GENERALI (a meno che esse possano essere direttamente attribuite all acquisto del bene o alla sua messa in opera) PERDITE OPERATIVE INIZIALI sostenute prima del raggiungimento della prestazione programmata COSTI DI AVVIAMENTO e i relativi costi precedenti alla produzione (a meno che essi non siano necessari per portare il bene nelle normali condizioni di operatività). Esempi: - Costi necessari a raggiungere il pieno regime produttivo - Costi di trasloco o riorganizzazione operativa - Costi conseguenti all apertura di nuovi spazi commerciali - Costi per l introduzione di nuovi prodotti e servizi - Costi per lo start-up di nuovi mercati di vendita o di nuove classi di clienti

20 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE - COSTRUZIONI IN ECONOMIA Il costo è determinato impiegando gli stessi principi previsti per un bene acquistato, includendo quindi COSTI DIRETTAMENTE CORRELATI ALLA REALIZZAZIONE DEL BENE SISTEMATICA RIPARTIZIONE DELLE SPESE ragionevolmente imputabili all immobilizzazione materiale costi sostenuti per l acquisto di materie prime, lavoro diretto, spese per oneri professionali od altri servizi; esclusione dai costi imputati dei margini di profitto interno (nel caso di realizzazione interna di beni immobilizzati uguali ai beni normalmente venduti dall impresa) o dei costi relativi ad inefficienze produttive (es. sprechi di materiali, di ore di lavori impiegate o di altre risorse) Se l impresa produce normalmente beni simili per la vendita, il costo del bene è solitamente uguale al costo di produzione dei beni destinati alla vendita (vedere IAS 2, Rimanenze)

21 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE - PERMUTA Iscrizione in bilancio del bene acquisito in permuta FAIR VALUE del bene ceduto rettificato dell ammontare di eventuali pagamenti effettuati, monetari e non monetari VALORE DI ISCRIZIONE del bene scambiato in caso di impossibilità di determinazione di tale valore Condizioni per l iscrizione a FV (con applicazione prospettica ex IAS 16, 80): - Esistenza di una causa commerciale dell operazione (previa verifica di tre condizioni correlate alla manifestazione di flussi di cassa differenziali, IAS 16, 25) - Affidabilità della misurazione del fair value dei beni scambiati Condizioni per determinare il FV in assenza di un mercato attivo: - Bassa variabilità delle ragionevoli stime del fair value - Elevata probabilità di determinare stime del fair value in un intorno limitato di valori

22 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE CASI PARTICOLARI Acquisti di beni a regolamento differito anomalo rispetto ai normali termini di dilazione del credito,: Scorporo degli interessi impliciti nel debito (oneri finanziari) o capitalizzazione degli stessi nel valore del bene (aggiunti al costo) secondo lo IAS 23 Oneri finanziari

23 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE COSTI SUCCESSIVI ALL ACQUISIZIONE Possono essere capitalizzati solamente quando si ha la probabilità di un aumento dei benefici economici previsti rispetto alle prestazioni normali del bene stesso originariamente accertate: allungano la vita utile del bene materiale; incrementano la capacità produttiva; producono un miglioramento significativo della qualità prodotta; permettono una sostanziale riduzione dei costi operativi. RIPARAZIONI MANUTENZIONI ADDEBITATE A CONTO ECONOMICO sostenute per reintegrare o mantenere i benefici economici futuri che l impresa può attendersi sulla base della stima originaria delle prestazioni del bene

24 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONE INIZIALE COSTI SUCCESSIVI ALL ACQUISIZIONE Il costo di una revisione o di una manutenzione straordinarie, ricorrenti a intervalli regolari, è capitalizzato qualora sia identificato come componente separato dal bene e i componenti sostituiti siano interamente ammortizzati. non si ritiene più necessario che i costi sostenuti successivamente all acquisto siano idonei a migliorare le prestazioni del bene cui si riferiscono per essere capitalizzati. Infatti, anche le prestazioni restano le stesse, vanno capitalizzati i costi che soddisfino lo stesso criterio generale previsto per l iscrizione di un attività in bilancio: possono essere capitalizzate solamente quando si ha la probabilità di un aumento dei benefici economici previsti. Vanno quindi capitalizzate le spese che: è probabile che i futuri benefici economici riferibili al bene saranno goduti dall impresa; il costo del bene per l impresa può essere attendibilmente misurato.

25 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONI SUCCESSIVE Successivamente alla rilevazione iniziale, la valutazione di una Immobilizzazione materiale può essere effettuata attraverso due distinti trattamenti contabili: COST MODEL Costo d acquisto - Ammortamenti - Perdite di valore accumulate REVALUATION MODEL Fair value (alla data della rivalutazione) - Ammortamenti accumulati - Perdite durevoli di valore accumulate può essere adottato solo se il fair value dell attività può essere misurato in modo attendibile e realistico La scelta della politica contabile per una particolare immobilizzazione materiale vincola tutta la classe a cui essa appartiene

26 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONI SUCCESSIVE - COST MODEL In base al criterio del cost model le immobilizzazioni materiali sono iscritte al costo di acquisto o di produzione comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione, successivamente rettificato per tenere conto di: AMMORTAMENTI imputati al CE e, in contropartita, sono portati a riduzione del costo delle immobilizzazioni. PERDITE DI VALORE immediatamente portate a riduzione del costo del bene e di imputati al CE senza possibilità di differire il costo RIPRISTINI DI VALORE Quando la svalutazione non ha più ragione di esistere il valore del bene è ripristinato

27 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONI SUCCESSIVE - REVALUATION MODEL Il revalutation model consente di rivalutare il valore dell attività in modo da portarlo ad un valore pari al fair value alla data di rivalutazione al netti degli ammortamenti accumulati e delle eventuali perdite di valore TIPOLOGIA DI IMMOBILIZZAZIONE FAIR VALUE TERRENI ED EDIFICI IMPIANTI E MACCHINARI Valore di mercato determinato mediante una perizia, di solito eseguita da periti professionalmente qualificati. Valore di mercato determinato mediante una perizia., o in caso di non disponibilità del valore di mercato a causa della particolare natura dell'impianto e del macchinario o perché questi elementi vengono venduti raramente fair value è stimato utilizzando il metodo del costo di sostituzione ammortizzato oppure l'approccio economico

28 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONI SUCCESSIVE - REVALUATION MODEL Il revalutation model consente di rivalutare il valore dell attività in modo da portarlo ad un valore pari al fair value alla data di rivalutazione al netti degli ammortamenti accumulati e delle eventuali perdite di valore CONDIZIONE PER PROCEDERE ALLA RIVALUTAZIONE Rivalutazione simultanea di tutti beni classificati nella medesima classe omogenea al fine di esprimere valori fra loro comparabili Ratio Evitare rivalutazioni selettive di beni relative a politiche di bilancio La rivalutazione deve essere effettuata con sufficiente regolarità, in modo che il valore contabile non differisca significativamente da quello che sarebbe determinato utilizzando il fair value alla data del bilancio.

29 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONI SUCCESSIVE - REVALUATION MODEL 1. Rilevazione del bene al costo iniziale di acquisto o produzione 2. Rideterminazione del valore di iscrizione in base al al fair value attraverso una stima basata sui valori di mercato alla data di esecuzione della rivalutazione; 3. Rideterminazione del fondo ammortamento accumulato ante rivalutazione secondo due modalità alternative: a. rivalutazione proporzionale a quella subita dal costo del bene (consigliata in caso di rivalutazione effettuata attraverso coefficienti); b. eliminazione in contropartita del valore contabile del bene ammortizzato (consigliato dallo IAS 16 per la rivalutazione degli immobili); 4. Deduzione dal valore rivalutato degli ammortamenti delle perdite di valore successive all effettuazione della rivalutazione; 5. Effettuazione di nuove rivalutazioni a intervalli regolari per rappresentare la variazione del FV (ogni anno o ogni 3-5 anni a seconda della variabilità del FV).

30 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONI SUCCESSIVE - REVALUATION MODEL Trattamento contabile delle variazioni di valore successivi a rivalutazioni INCREMENTI creazione di una riserva di Patrimonio Netto o imputazione a CE fino a concorrenza di precedenti svalutazioni DECREMENTI imputazione a CE come costo in mancanza di preesistenti correlate riserve di rivalutazione, altrimenti utilizzo della riserva fino a concorrenza del valore ed eccedenza del decremento imputata a CE Esposizione al netto dell effetto fiscale latente derivante dalla rivalutazione

31 CRITERI DI VALUTAZIONE VALUTAZIONI SUCCESSIVE - REVALUATION MODEL REALIZZO DEL SURPLUS DI RIVALUTAZIONE La riserva di rivalutazione inclusa nel Patrimonio Netto può essere trasferita direttamente ad utili portati a nuovo nel momento in cui il saldo di rivalutazione viene realizzato, senza transitare per il CE (IAS 16, 39). Il saldo di rivalutazione è integralmente realizzato al momento della ELIMINAZIONE DEL BENE DAL PROCESSO PRODUTTIVO CESSIONE O VENDITA DEL BENE rilevare la minusvalenza pari al valore contabile del cespite rilevare le plusvalenze/minusvalenze derivanti dalla differenza tra il corrispettivo netto di cessione ed il valore contabile dell attività trasferendo la riserva di rivalutazione a utili portati a nuovo

32 AMMORTAMENTO DEFINIZIONI L ammortamento (depreciation) è la ripartizione sistematica del valore ammortizzabile di un attività lungo il corso della sua vita utile riflette modalità di godimento benefici futuri e può non coincidere con la vita economicamente utile. PIANO DI AMMORTAMENTO Il valore ammortizzabile (valore di iscrizione in bilancio e valore residuo) La vita utile Il criterio di ammortamento

33 AMMORTAMENTO PIANO DI AMMORTAMENTO - VALORE AMMORTIZZABILE Il valore ammortizzabile è il costo di un bene, o il valore sostitutivo del costo nel bilancio, detratto il suo valore residuo (ovvero l ammontare netto che l impresa prevede di ottenere da un bene al termine della sua vita utile dopo aver dedotto i costi attesi di cessione). Se fair value > carrying value > residual value si ammortamento Se residual value > carrying value no ammortamento ma impairment

34 AMMORTAMENTO PIANO DI AMMORTAMENTO - VALORE AMMORTIZZABILE VALORE AMMORTIZZABILE = VALORE CONTABILE - VALORE RESIDUO Il valore residuo è l ammontare che l impresa prevede di ottenere dalla cessione di una attività immobilizzata al termine della sua vita utile, dopo aver dedotto i costi attesi di cessione. Se si adotta il trattamento contabile di riferimento (valutazione al costo) il valore residuo è stimato al momento dell acquisizione del bene e non è rivisto durante il suo periodo di utilizzo. [IAS 16 revised 2003 Deve essere rivisto almeno ad ogni fine esercizio]. Se si adotta il trattamento contabile alternativo (valutazione al fair value) tale valore dovrà essere rideterminato con riferimento a ciascuna valutazione. La stima si basa sul valore residuo prevalente alla data della stima per beni simili che hanno raggiunto il termine della loro vita utile e che hanno operato in condizioni simili a quelle nelle quali il bene sarà impiegato.

35 AMMORTAMENTO PIANO DI AMMORTAMENTO VITA UTILE La vita utile è, alternativamente: PERIODO DI TEMPO NEL QUALE CI SI ATTENDE CHE UN BENE SIA UTILIZZATO DALL IMPRESA QUANTITÀ DI PRODUZIONE O IL NUMERO DI UNITÀ SIMILI CHE L IMPRESA SI ATTENDE DI OTTENERE DAL SUO UTILIZZO Fattori influenti sulla durata della vita utile del bene: Utilizzo atteso per l impresa espresso in termini di capacità produttiva; Logorio tecnico (legato ai cicli di utilizzo dell impianto, ai programmi di manutenzione e via dicendo) Obsolescenza tecnica o economica Vincoli giuridici o similari all utilizzazione del bene PERDIODO DI AMMORTAMENTO VITA UTILE l ammortamento inizia quando il bene è disponibile e pronto per l utilizzo e termina quando il bene è eliminato dalla contabilità (derecognised)

36 AMMORTAMENTO PIANO DI AMMORTAMENTO CRITERIO DI AMMORTAMENTO La ripartizione del valore da ammortizzare nel tempo impone l adozione di una metodologia di ripartizione coerente con la modalità di esaurimento dell utilità del bene attese dall impresa Tipologie di metodi di ripartizione: a quote costanti (straight-line method); a quote proporzionali ai valori residui e quindi a quote decrescenti (diminishing balance method); in base alle unità prodotte e quindi a quote basate sull utilizzo atteso o sulla produzione ottenuta dal bene (units of production method).

37 AMMORTAMENTO PIANO DI AMMORTAMENTO REVISIONE Obbligo di revisione sistematica del valore residuo, della durata della vita utile e delle modalità di ripartizione del valore in ogni esercizio, con applicazione dello IAS 8, Cambiamento nelle stime contabile in caso di modifiche significative di uno dei tre elementi sopra indicati la vita utile, l aliquota ed criterio di ammortamento di ammortamento devono essere rettificati sia per l esercizio corrente sia per quelli futuri almeno, qualora si sia verificato un significativo cambiamento nelle caratteristiche dei benefici economici futuri per esempio in caso di sostenimento di una spesa successiva riguardante il bene che migliori le condizioni del bene al di là dei livelli normali di prestazione originariamente accertati; dall latra cambiamenti tecnologici o cambiamenti nel mercato dei prodotti possono ridurre la vita utile del bene. Beni Held for sale secondo l IFRS 5 sospensione dell ammortamento e indicazione al valore di presumibile realizzazione

38 AMMORTAMENTO AMMORTAMENTO PER PARTI SEPARATE Il Component approach richiede di calcolare separatamente gli ammortamenti per i singoli componenti di una unità che hanno un costo significativo rispetto al costo totale del bene e vita utile diversa o diverso ritmo di consumo dei benefici economici rispetto a quella delle restanti componenti vantaggi differenziazione delle vite utili delle componenti separate; eliminazione della problematica relativa alla individuazione della natura dei costi di rimpiazzo dei componenti di durata inferiore a quella totale del bene di afferenza. Esempio parti di una nave: motore, carena, sedili, attrezzature in dotazione)

39 AMMORTAMENTO TRATTAMENTO CONTABILE DELL AMMORTAMENTO Acquisto Imputazione a Conto Economico Costruzioni in economia Capitalizzazione nel valore di un altro bene Caso particolare TERRENI + FABBRICATI Separazione del valore dei terreni da quello dei fabbricati e ammortamento separato dei secondi rispetto ai primi (idem per eventuali rivalutazioni) e Ammortamento del solo valore dei terreni relativo ai costi di bonifica iscritti in sede di rilevazione iniziale del costo o successivamente per present obligations. Il valore dei terreni non deve essere mai ammortizzato (immobili terra-cielo ) mentre i fabbricati con vita utile limitata devono essere ammortizzati.

40 SVALUTAZIONE E RIVALUTAZIONE RECUPERABILITÀ DEL VALORE CONTABILE PERDITE DUREVOLI DI VALORE Impairment test rinvio allo IAS 36 - Riduzione durevole di valore delle attività, e allo IAS 22Aggregazioni di imprese. Risarcimenti per perdite di valore imputazione al CE alla data della maturazione del relativo credito

41 SMOBILIZZI E DISMISSIONI STRALCIO DAL BILANCIO DEI BENI MATERIALI Le condizioni per lo stralcio dal bilancio dei beni materiali: - in seguito a cessione dei beni (rinvio allo IAS 18 - Revenues per la fissazione di tale data con riferimento alle cessioni di beni materiali e allo IAS 17 per operazioni di leasing) - per l avvenuta perdita di utilità futura dei beni a seguito dell utilizzo o della cessione - in modo separato per le singole componenti dei beni con component approach Rilevazione delle plusvalenze (minusvalenze) da cessione dei beni materiali: Imputazione a CE fra i proventi (oneri) di gestione e non come ricavi della differenza fra il valore di cessione (al netto interessi per dilazione) e il valore di iscrizione in bilancio

42 INFORMAZIONI INTEGRATIVE Esplicitazione del criterio di valutazione seguito Piano di ammortamento (vita utile e metodologie di ripartizione) Prospetto dei movimenti delle immobilizzazioni indicante: - Valore contabile lordo e fondo ammortamento accumulato - Variazioni derivanti da acquisti, cessioni, operazioni di combinazione aziendale, da rivalutazioni o perdite durevoli di valore imputate a patrimonio netto o a conto economico, ammortamenti o per differenze di cambio originate dalla conversione della moneta operativa nella moneta di presentazione Esistenza e ammontare di vincoli e garanzie sui beni materiali Ammontare delle spese capitalizzate nel valore dei beni Ammontare degli impegni contrattuali di acquisto di beni mat. Ammontare risarcimenti per perdite durevoli di valore (se non in CE)

43 INFORMAZIONI INTEGRATIVE Informazioni specifiche sul metodo della rivalutazione: - Data di effettuazione della rivalutazione - Intervento di un valutatore indipendente - Metodi ed ipotesi alla base della valutazione - Riferibilità o meno della stima a prezzi di mercato - Il valore al costo della classe omogenea di beni rivalutati - La plusvalenza latente sulla rivalutazione e i vincoli alla sua distribuzione Valore contabile dei beni inattivi Valore contabile lordo dei beni completamente ammortizzati ed ancora in uso Valore contabile lordo dei beni in attesa di realizzo In caso di applicazione della valutazione al costo i casi in cui il fair value dei beni sia significativamente diverso

44 COMPARAZIONE INTERNAZIONALE Immobilizz. materiali Perdita di valore delle attività Oneri successivi all acquisto IAS Utilizzare il costo storico o i valori rivalutati. Quando si utilizzano i valori rivalutati sono necessarie frequenti valutazioni di intere classi di attività. Se vi sono sintomi di perdita permanente di valore, svalutare le attività al maggiore fra il prezzo netto di vendita e il valore in uso basato sul valore attuale dei flussi di cassa. Se non emergono perdite, riconsiderare le vite utili. La reintegrazione delle svalutazioni è permessa in certe circostanze. Gli oneri successivi all acquisto di un immobilizzazione materiale devono essere aggiunti al valore contabile del bene nel caso sia probabile che all impresa derivino benefici economici futuri aggiuntivi rispetto a quelli previsti originariamente. Il costo di una revisione o di una manutenzione straordinarie, ricorrenti a intervalli regolari, è capitalizzato qualora sia identificato come componente separato dal bene e i componenti sostituiti siano interamente ammortizzati. NORMATIVA INTERNA Simile agli IAS. Le rivalutazioni non sono permesse ad eccezione di quelle autorizzate da leggi speciali. Simile agli IAS, ma basati sui flussi di cassa non attualizzati. Simile agli IAS, tranne che il costo di manutenzione straordinaria che non costituisce migliorie deve essere accantonato nel periodo precedente l intervento.

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1 PARTECIPAZIONI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Art. 2424 b iii immobilizzazioni finanziarie. Partecipazioni Crediti Altri

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l)

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) Le spese di manutenzione possono essere di diverse tipologie: Spese aventi natura periodica e contrattuale: (pulizia, verniciatura..) che servono per

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli