Elementi per la contabilizzazione del PPP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi per la contabilizzazione del PPP"

Transcript

1 Elementi per la contabilizzazione del PPP Prof. Veronica Vecchi, SDA Bocconi School of Management La contabilizzazione delle concessioni di costruzione e gestione Prima di passare alla trattazione del tema di come contabilizzare una operazione di concessione di costruzione e gestione va fatta una premessa. Project financing non è né un contratto né una procedura giuridica, anche se nel codice dei contratti l art. 153 è chiamato finanza di progetto. Project financing è uno strumento di finanziamento che generalmente trova applicazione alle concessioni di costruzione e gestione. Si tratta di finanziare un progetto, racchiuso in una società di progetto (che è quindi conditio sine qua non per strutturare un finanziamento project financing), facendo riferimento al suo merito di credito e quindi ai flussi di cassa che esso potrà generare e non al merito di credito o alle garanzie fornite dai soci della società di progetto o sponsor. In genere esso è caratterizzato da un alta leva finanziaria, ovvero da una quantità elevata di debito rispetto ai mezzi propri degli sponsor. Questo elemento consente di abbassare il costo medio ponderato del capitale. Pertanto qui si fa riferimento alla contabilizzazione di una concessione di costruzione e gestione (ex art. 143/144 e 153) finanziata sia in project financing sia in corporate financing. Quest ultima è la condizione più frequente. Nei casi di opere a tariffazione sull utenza la contabilizzazione non presenta particolari criticità. Se il progetto è financially free standing, ovvero se

2 l amministrazione non supporta il progetto in nessun modo, il progetto non transita dal bilancio pubblico. Nei casi in cui il progetto non sia financially free standing, l amministrazione potrebbe erogare una integrazione di ricavi o un contributo in conto gestione (da contabilizzare come spesa corrente) oppure un contributo a fondo perduto, da contabilizzare come spesa capitale. Affinché l operazione non configuri debito il contributo deve essere inferiore al 50% come indicato da Eurostat. La contabilizzazione può essere più problematica nei casi di operazione a tariffazione sulla PA. Se si prevede un canone di disponibilità esso va considerato spesa corrente e su di essi si applicherà una aliquota IVA piena al 22%. Se si prevede un contributo in conto capitale, esso sarà spesa capitale, con applicazione di una aliquota IVA al 10%. Anche in questo caso il contributo non dovrà essere superiore al 50%. I problemi più critici si presentano quanto ex post, all atto del pagamento, le amministrazioni cercano di spezzare il canone di disponibilità in due parti, una a rimborso dell investimento e una dei costi di gestione, al fine di poter beneficiare del diverso trattamento IVA, al 10% nel primo caso e al 22% nel secondo. E questo il caso di molte operazioni in sanità, in cui peraltro l agenza delle entrate ha dato parere favorevole all applicazione dell IVA ridotta in quanto è stato valutato che il canone è residuale rispetto al contributo a fondo perduto e quindi finalizzato a coprire l investimento. Ma così facendo viene a svilirsi il concetto di disponibilità e la parte di canone finalizzata a ripagare l investimento è molto più simile a un canone di leasing, con lo svantaggio che un finanziamento in project financing o corporate financing è ben più oneroso. In entrambi i casi, a tariffazione sulla PA e sull utenza, nelle concessioni generalmente si applica il concetto di ammortamento accelerato con devoluzione gratuita del bene al termine del periodo concessorio.

3 La contabilizzazione del leasing Per comprendere come contabilizzare una operazione di PPP è necessario far riferimento al manuale ESA di Eurostat, di cui è stata recentemente pubblicata una edizione aggiornata al Il principio cardine di Eurostat è quello del risk & reward: la possibilità di contabilizzare operazioni di PPP e quindi anche il leasing off balance sheet e quindi non a debito dipende dal trasferimento dei rischi all operatore privato, in particolare per le operazioni a tariffazione sulla PA (a cui il manuale ESA si riferisce con il termine PPP) dei rischi di costruzione e di disponibilità. Questa impostazione è stata ripresa anche dal parere della Corte dei Conti a sezioni riunite n. 49/2011, che enuncia a pag. 4, che: Il leasing immobiliare pubblico in costruendo può quindi costituire, qualora si verifichino determinate condizioni, un valido strumento di finanziamento per la realizzazione di opere direttamente utilizzate dalla pubblica amministrazione e un alternativa all appalto, concretizzando modalità di realizzazione di infrastrutture pubbliche secondo schemi di Partenariato Pubblico Privato ( PPP ). Inoltre, a pag. 16 si legge: Il leasing finanziario nel quale non ricorrano gli aspetti tipici del partenariato costituisce una forma di indebitamento. Poiché il leasing immobiliare in costruendo è una modalità di realizzazione di infrastrutture pubbliche secondo schemi di partenariato pubblico privato l amministrazione è tenuta a verificare la sussistenza, oltre che delle condizioni formali e sostanziali per l accesso al leasing, anche di tali criteri. Diversamente da Eurostat, i criteri contabili internazionali e in particolare lo IAS 17 propongono un approccio più restrittivo alla contabilizzazione del leasing. La tabella seguente elenca, nella colonna di sinistra, i criteri in base ai quali lo IAS 17 considera il contratto di leasing uno strumento di finanziamento (e conseguentemente da contabilizzazione come il rimborso di un debito), mente nella colonna di destra le peculiarità di un contratto di PPP finanziato in leasing. La verifica sia del trasferimento dei rischi di costruzione e disponibilità, come da indicazioni Eurostat, sia della non manifestazione delle circostanze indicate dallo

4 IAS 17 è un passaggio fondamentale per individuare la corretta contabilizzazione del contratto. Va comunque detto che a livello di aziende pubbliche ed enti locali, sono i principi contabili che devono essere seguiti, mentre le indicazioni di Eurostat sono rilevanti ai fini del consolidamento del debito pubblico a livello nazionale. Tabella 1 - Analisi di un contratto di PPP finanziato in leasing alla luce delle indicazioni dello IAS17 IAS 17 caratteristiche del leasing Applicazione al contratto di PPP finanziato in finanziario leasing Il leasing trasferisce la proprietà del bene al L Amministrazione ha solo una opzione di acquisto, locatario al termine del contratto di leasing si veda le numerose pronunce della Corte dei Conti in materia di leasing immobiliare in construendo Il locatario ha l'opzione di acquisto del bene a Il valore dell opzione di riscatto dovrebbe essere un prezzo che ci si attende sia sufficientemente adeguatamente alta (probabilmente superiori al 30%) inferiore al fair value alla data alla quale si può esercitare l'opzione cosicché all'inizio del leasing, è ragionevolmente certo, che, essa sarà esercitata La durata del leasing copre la maggior parte La vita economica di un investimento pubblico è ben della vita economica del bene anche se la superiore alla durata di un contratto di leasing, proprietà non è trasferita generalmente tra i 10 e i 20 anni. Ed è proprio per questo motivo che al termine del contratto può essere previsto un valore residuale (riscatto) del bene pari ad almeno il 30% del costo di realizzazione All'inizio del leasing il valore attuale dei Il valore attuale netto dei canoni sul periodo pagamenti minimi dovuti per il leasing equivale contrattuale è superiore al valore di realizzazione, in almeno al fair value (valore equo) del bene quanto essi considerano anche i costi di manutenzioni locato e di assicurazione I beni locati sono di natura così particolare che Generalmente il leasing è applicato a edifici pubblici solo il locatario può utilizzarli senza importanti o tecnologie che possono avere un valore di mercato modifiche indipendente dal Committente pubblico, ad eccezione di alcuni casi (es: costruzione di una scuola o strutture sanitarie in aree in cui riconversioni ad altri usi potrebbero essere quasi impensabili) I beni locati non possono essere facilmente Vedere punto precedente

5 sostituiti con altri beni E ben evidente che l elemento che consente di non far ricadere il contratto di leasing nei criteri indicati dallo IAS 17 è il valore di riscatto, che spesso è fissato in valori molto contenuti (ora il mercato accetta anche il 10% rispetto a qualche anno fa). Valori di riscatto più vicini a ipotetici valori (futuri) di mercato rischiano di rendere il progetto non finanziabile da parte delle società di leasing. Va comunque detto che è molto difficile poter stabilire un valore (futuro) di mercato per un opera pubblica. Il criterio più plausibile potrebbe essere quello del valore storico (valore di investimento) al netto dell usura tecnica. Considerando che la durata media di un leasing in genere non supera i vent anni (oltre ai vent anni le banche/società di leasing non erogano finanziamenti e questa durata probabilmente si accorcerà a seguito dei criteri di Basilea 3) e che la vita utile di un opera pubblica potrebbe essere 40/50 anni, ne deriva che il valore di riscatto dovrebbe essere stabilito attorno al 30% - 50%. Ma quasi certamente a queste condizioni la società di leasing non sarebbe disposta a finanziare. Altra criticità, collegata invece alla necessità di trasferire il rischio di disponibilità nel rispetto delle indicazioni di Eurostat, è il modo in cui viene determinato il canone o corrispettivo di leasing. Attualmente risulta sdoganata la necessità di inserire anche le manutenzioni all interno dei contratti di leasing. Ma le società di leasing sembrano non accettare il pagamento di un canone unico sul quale applicare le penali di non disponibilità. Esse preferiscono che l amministrazione preveda due pagamenti: il canone di leasing puro senza applicazione di penali e il canone di manutenzione, quest ultimo da pagare direttamente al manutentore/costruttore. E ben evidente che questo non consente di rispettare quel concetto di trasferimento del rischio di disponibilità a cui fa riferimento Eurostat. A ben vedere, se venisse pagato un canone unico e si prevedesse l applicazione di penali, comunque di importo coerente con il valore delle manutenzione, esse non potrebbero superare il valore del 10% del valore delle manutenzioni stesse, altrimenti l amministrazione potrebbe richiedere la risoluzione del contratto di manutenzione oppure la sostituzione del manutentore. Tra l altro per superare questo problema le società di leasing potrebbero chiedere

6 una cauzione al manutentore su cui rivalersi in caso di eventuale applicazione di penali. E evidente che lo strumento del leasing, che presenta potenzialmente molti vantaggi, tra cui la certezza del finanziamento al momento dell aggiudicazione della gara, la relativa semplicità dell operazione e il costo più contenuto rispetto a un finanziamento in project financing o corporate financing nell ambito di una concessione di costruzione e gestione, è frenato dalla rigidità delle società di leasing che vorrebbero mutuare i criteri applicati per il finanziamento di beni privati all opera pubblica. E necessario su questo stimolare Banca d Italia affinchè si individuino soluzioni che consentano il finanziamento di operazioni di PPP attraverso lo strumento del leasing. A differenza del leasing, prima di passare a trattare gli aspetti contabili, è importante una premessa su questo nuovo contratto. Il contratto di disponibilità L introduzione del contratto di disponibilità è stata accolta da molti con grande entusiasmo. Si tratta del primo contratto che incarna appieno i concetti alla base delle partnership pubblico privato e, infatti, definisce in modo chiaro l esigenza di trasferire il rischio di costruzione e di disponibilità sull aggiudicatario. I due rischi che consentono di classificare la realizzazione di opere a tariffazione sulla PA come Partnership Pubblico Privato (PPP). Proprio per consentire un adeguato trasferimento del rischio di costruzione il contratto di disponibilità prevede che la gara sia aggiudicata sulla base di un capitolato prestazionale e che sia compito dell operatore privato sviluppare i progetti definitivo ed esecutivo. In relazione al rischio di disponibilità, il contratto deve essere strutturato in modo tale da rendere effettivo questo principio. Non basta ricorrere a questo contratto per realizzare una operazione di PPP per opere a tariffazione sulla PA. E dall altro lato questo contratto non è l unico che consente di realizzare un PPP per questa categoria di opere.

7 L entusiasmo con cui questo contratto è stato accolto dalle amministrazioni è probabilmente dovuto alla possibilità di realizzare un investimento trasferendo al privato i rischi sopra menzionati e conseguentemente all opportunità di non consolidare l intervento tra le spese di investimento. Dall altro lato, è indubbio che la procedura sembri più snella delle altre, prevedendo solo la predisposizione di un capitolato prestazionale da porre a base di gara. Infine, molte hanno sicuramente ravvisato nel contratto di disponibilità la possibilità di superare le criticità evidenziate dal mercato in relazione a uno strumento analogo, il leasing. Proprio quest ultimo elemento ha fatto apprezzare lo strumento anche agli operatori privati industriali, specie ai costruttori, in quanto non vincolati alla partnership con un soggetto finanziatore, come invece richiesto nel caso del leasing. Tuttavia, il contratto di disponibilità non deve essere preso sotto gamba e soprattutto non deve essere considerato la ricetta ai problemi che si sono manifestati con le altre forme di partnership. Ciò significa che vi deve essere un importante attività di valutazione di appropriatezza e convenienza da parte delle amministrazioni. E soprattutto non bisogna trascurare il problema della bancabilità, nodo cruciale soprattutto in questi tempi. E comunque indubbio che il contratto di disponibilità rappresenti un importante innovazione nel panorama italiano delle PPP, anche perché afferma la centralità del principio della disponibilità. Questo principio ha fatto fatica ad affermarsi per le operazioni di leasing, fino a quando non si è avuta la necessità di configurarle come PPP. Inoltre, questo principio ha fatto fatica ad affermarsi anche nelle concessioni di costruzione e gestione (ex art. 144 e 153), finanziate anche con modelli di project financing. Infatti, come già scritto sopra, la necessità di prevedere lo sfruttamento economico dell opera ha portato all inserimento di molti servizi non core, specie in sanità, che hanno reso spesso eccessivamente complessi, rigidi e onerosi questi contratti. In verità, si sarebbe potuto prevedere anche in questi casi un contratto cosiddetto light, con un canone di disponibilità, associato ad attività di manutenzione finalizzate a garantire la piena fruibilità dell opera. Eventualmente altri servizi accessori, legati anch essi al concetto della disponibilità dell opera e del servizio pubblico core, come per esempio il calore e

8 le pulizie, potrebbero essere inseriti, ma con un meccanismo di tariffazione separato. Tra l altro, vale la pena sottolineare che nel contratto di disponibilità il focus è la disponibilità dell opera e non i servizi accessori, che spesso sono difficili da individuare e di scarso valore economico al di fuori del settore sanitario. Essi, invece, sono sempre stati, seppure erroneamente, inclusi nei contratti di PPP, al fine di mascherare il costo dell operazione tra i costi dei servizi storicamente affidati all esterno, che in sanità hanno spesso riguardato mensa, pulizie, sanificazione, gestione dei rifiuti. Su questo punto si rimanda l attenzione a quanto scritto sopra. L introduzione del contratto di disponibilità consente di ampliare la gamma di contratti di PPP che possono essere utilizzati per individuare soluzioni sempre più tailor made. Esso, infatti, potrebbe essere utilizzato anche nell ambito di una operazione a tariffazione sull utenza. In questo caso il canone di disponibilità potrebbe coprire i costi di realizzazione della struttura e quelli di manutenzione/mantenimento, mentre i ricavi di gestione del servizio puro (esempio attività natatorie nel caso di una piscina) i costi di gestione. La definizione del canone di disponibilità La remunerazione dell operatore privato nell ambito del contratto di disponibilità avviene mediante (citazione dell art. 160 ter del Codice dei Contratti): a) un canone di disponibilità, da versare soltanto in corrispondenza alla effettiva disponibilità dell opera; il canone è proporzionalmente ridotto o annullato nei periodi di ridotta o nulla disponibilità della stessa per manutenzione, vizi o qualsiasi motivo non rientrante tra i rischi a carico dell amministrazione aggiudicatrice; b) l eventuale riconoscimento di un contributo in corso d opera, comunque non superiore al cinquanta per cento del costo di costruzione dell opera, in caso di trasferimento della proprietà dell opera all amministrazione aggiudicatrice;

9 c) un eventuale prezzo di trasferimento, parametrato, in relazione ai canoni già versati e all eventuale contributo in corso d opera di cui alla precedente lettera b), al valore di mercato residuo dell opera, da corrispondere, al termine del contratto, in caso di trasferimento della proprietà dell opera all amministrazione aggiudicatrice. La definizione del canone di disponibilità da porre a base di gara deve avvenire sulla base della predisposizione di un piano economico e finanziario finalizzato a simulare le principali voci di costo necessarie per sviluppare l investimento e per garantire la disponibilità dell immobile o tecnologia (manutenzione e calore). Sulla base di questi costi è possibile definire quella quota di canone di disponibilità annuo che consenta di raggiungere l equilibrio economico e finanziario, misurato sia attraverso indicatori di convenienza economica (quali il VAN valore attuale netto e il TIR tasso interno di rendimento) sia attraverso indicatori di bancabilità (quale il DSCR debt service cover ratio). Così facendo si definisce una soglia massima di ricavi per l operatore privato, necessari per remunerare i fattori produttivi, il guadagno d impresa e il costo del capitale (debito ed equity). Nel caso in cui i livelli di performance non siano adeguati, scattano le penali che andranno a ridurre la remunerazione dei fattori produttivi e a incidere sull utile d impresa. Il contratto, o meglio un suo allegato, dovrà poi contenere una chiara definizione del risultato di performance a cui l ente vuole tendere e le modalità necessarie per monitorarla. In particolare, dovrà essere chiaramente specificato: 1) Che cosa si intende per disponibilità; 2) Livelli qualitativi attesi e intervallo di tolleranza prima dell applicazione delle penali; 3) Meccanismi di rilevazione e misurazione della performance (oltre ai Key Performance Indicators, possono essere utilizzati anche altri metodi, più qualitativi, quali rapporti o questionari di customer satisfaction, a seconda della tipologia di prestazione); 4) Struttura e meccanismi di applicazione delle penali;

10 5) Meccanismi di aggiornamento del canone di disponibilità (non sempre infatti la semplice rivalutazione all inflazione può essere sufficiente). Includere queste informazioni in modo chiaro e dettagliato nella documentazione di gara consente, da un lato, agli operatori privati di formulare delle offerte che tengano conto delle aspettative e degli obiettivi dell amministrazione; e, a quest ultima, di migliorare il processo di selezione e di massimizzare il suo vantaggio. La fase della gara è, infatti, il momento in cui il suo potere negoziale è ai massimi livelli. Ai fini delle determinazione del canone di disponibilità da porre a base di gara nell ambito di un contratto di disponibilità è necessario prevedere quale struttura finanziaria sottostante può essere utilizzata dal mercato. Si tratta di un elemento non trascurabile, che ha effetti differenti sul costo e quindi sulla sostenibilità di questo contratto. Tra l altro vi è da evidenziare sin da subito la diseconomia fiscale dovuta al fatto che la disponibilità è un servizio e come tale implica l applicazione di un aliquota IVA del 22%, rendendo la soluzione PPP più onerosa se confrontata con una modalità tradizionale o anche a una operazione di leasing. Su punto va comunque detto che nel momento in cui il canone di leasing diventa un corrispettivo si disponibilità, proprio per configurare una operazione di PPP, allora sarà molto difficile poter applicare un regime IVA ridotto ai canoni, come oggi avviene. Dall altro lato, nelle operazioni di concessione di costruzione e gestione, specie in sanità, dove il canone di disponibilità è stato definito in modo residuale rispetto al contributo a fondo perduto, l Agenzia delle Entrate ha previsto l applicazione dell IVA ridotta al 10%. Su questo punto si ritornerà dopo. Il finanziamento del contratto di disponibilità Il contratto di disponibilità, come altre operazioni di PPP, può essere finanziato attraverso tre possibili strutture finanziarie; il project financing, il corporate financing (anche chiamato finanziamento strutturato d impresa) e il leasing. Il finanziamento mediante project financing puro appare alquanto problematico per il fatto che le istituzioni finanziarie italiane sono più inclini a finanziamenti

11 ibridi project financing corporate financing e comunque nel caso di medie e piccole operazioni il finanziamento in corporate finance è il modello più frequente. Esso consiste nell utilizzo da parte del soggetto sviluppatore/costruttore di un finanziamento tradizionale contratto sulla base del proprio merito di credito e senza alcun riferimento al progetto sottostante. Finanziamenti in corporate financing o in project financing del contratto di disponibilità potrebbero rivelarsi molto onerosi: il finanziamento bancario è rimborsato entro il termine del contratto e conseguentemente il rischio imprenditoriale a capo del soggetto investitore/realizzatore potrebbe risultare molto alto, in quanto l amministrazione potrebbe non esercitare l opzione di riscatto. Per questo motivo dovrebbe essere considerato un costo dell equity più elevato, anche per tener conto delle eventuali garanzie richieste dal soggetto finanziatore. Inoltre, la necessità di prevedere un valore di riscatto ai livelli di mercato (ai sensi dell art. 160 ter), non consente l applicazione degli ammortamenti accelerati, con conseguente maggior onere fiscale sulla controparte privata e quindi scaricato sul canone di disponibilità. Infatti, se tutto il bene fosse ammortizzato nel periodo contrattuale e in più si stabilisse un riscatto finale adeguato a rappresentare un possibile valore di mercato, l amministrazione pagherebbe un valore ben maggiore per il bene realizzato. Con la conseguenza di un danno erariale. A tal proposito, la Corte dei Conti sezione Puglia (Deliberazione n. 66/2012), parafrasando quanto previsto dal manuale Eurostat, rammenta che nel caso sia previsto un prezzo più basso del valore economico atteso perché l amministrazione ha già pagato in precedenza per l acquisizione dell asset la contabilizzazione dovrà essere on balance. Per evitare che l acquisto al termine del contratto costituisca un fatto meramente eventuale, ma anche con la necessità di stimare il valore di mercato eventualmente residuo, potrebbe essere calcolato un valore di riscatto pari al bene non ammortizzato al termine del contratto. Peraltro questa soluzione è ciò che si prevede anche nel caso di risoluzione anticipata di una concessione. In relazione alla possibilità di beneficiare della piena deducibilità fiscale degli oneri finanziari (ai sensi dell art. 96 del TUIR), è suggeribile che venga in ogni

12 caso costituita la società di progetto anche nel caso di un finanziamento in corporate financing. Una opzione molto interessante potrebbe essere finanziare il contratto di disponibilità con un leasing. Vi potrebbero essere due elementi di vantaggio: da un lato il minor costo finanziario derivante dall ipotesi che il pagamento sia effettuato direttamente dall amministrazione alla società finanziaria; dall altro lato, il coinvolgimento della società finanziaria all interno dell operazione, che consentirebbe anche di ridurre i rischi di non bancabilità dell operazione. Di seguito si illustra come il canone di disponibilità può essere erogato nell ambito delle due possibili strutture finanziarie applicate al contratto di disponibilità, quella in corporate financing e quella in leasing. Figura: Il canone di disponibilità e le possibili strutture finanziarie

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Finanza di Progetto 100 domande e risposte

Finanza di Progetto 100 domande e risposte Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della politica economica Finanza di Progetto 100 domande e risposte Edizione 2009 Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della politica

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Bozza di Determinazione Linee guida per l'affidamento delle concessioni di lavori pubblici e di servizi ai sensi dell articolo 153 del decreto

Dettagli

Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato. Roberto Giovagnoli

Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato. Roberto Giovagnoli Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato Relazione tenuta al Convegno Appalto pubblico: chance di sviluppo efficiente,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Una Guida ai PPP. Manuale di buone prassi

Una Guida ai PPP. Manuale di buone prassi European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre Manuale di buone prassi rifi Unità Tecnica Finanza di Progetto Manuale di buone

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO.

LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO. LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO. 1 GESTIONI INDIRETTE DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI SISTEMI CONTRATTUALI CONCESSIONE APPALTO CONVENZIONE ( ONLUS,

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

SEMINARIO I-COMI QUALE E E IL VALORE EUROPEO DELLE CONCESSIONI? Massimo RICCHI Pasquale MARASCO. PCM CIPE Unità tecnica Finanza di Progetto 1

SEMINARIO I-COMI QUALE E E IL VALORE EUROPEO DELLE CONCESSIONI? Massimo RICCHI Pasquale MARASCO. PCM CIPE Unità tecnica Finanza di Progetto 1 SEMINARIO I-COMI QUALE E E IL VALORE EUROPEO DELLE CONCESSIONI? Massimo RICCHI Pasquale MARASCO Roma 21.04.2008 PCM CIPE Unità tecnica Finanza di Progetto 1 2 Quale è il valore europeo delle concessioni?

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Misura 2 (Criteri per l individuazione dei beni essenziali, indispensabili e commerciali)

Misura 2 (Criteri per l individuazione dei beni essenziali, indispensabili e commerciali) Scandicci, 14 aprile 2015 Spett.le AUTORITA DI REGOLAZIONE DEI TRASPORTI Via Nizza 230 10126 Torino Via pec@pec.autorita-trasporti.it Oggetto: Misure regolatorie per la redazione dei bandi e delle convenzioni

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

LA FINANZA DI PROGETTO Avv. Daniele Spinelli

LA FINANZA DI PROGETTO Avv. Daniele Spinelli LA FINANZA DI PROGETTO Avv. Daniele Spinelli 1 - LA FINANZA DI PROGETTO NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA L istituto della finanza di progetto è stato introdotto nel nostro ordinamento dalla L. n. 415/1998 (Merloni

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

IL PROJECT FINANCING PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE ALCUNE INDICAZIONI PER UN CORRETTO UTILIZZO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

IL PROJECT FINANCING PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE ALCUNE INDICAZIONI PER UN CORRETTO UTILIZZO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE IL PROJECT FINANCING PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE ALCUNE INDICAZIONI PER UN CORRETTO UTILIZZO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Aprile 2006 Nota redazionale: il presente studio è stato

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2012 2007 dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP)

Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2012 2007 dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2012 2007 dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) dall'unità Tecnica Finanza

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Le garanzie pubbliche nel PPP. Guida alla migliore valutazione, strutturazione, implementazione e gestione

Le garanzie pubbliche nel PPP. Guida alla migliore valutazione, strutturazione, implementazione e gestione European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre Guida alla migliore valutazione, strutturazione, implementazione e gestione Guida

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Bando di gara (Direttiva 2004/18/CE)

Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Bando di gara (Direttiva 2004/18/CE) Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, 2985 Luxembourg, Lussemburgo Fax: +352 29 29 42 670 Posta elettronica: ojs@publications.europa.eu

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli