Il conceptual framework del modello IAS/IFRS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il conceptual framework del modello IAS/IFRS"

Transcript

1 UNIVERSITA DI FOGGIA Corso di Contabilità e Bilancio Il conceptual framework del modello IAS/IFRS A.A. 2011/2012

2 INDICE Criterio del costo storico e criterio del fair value: aspetti sostanziali Principi IAS/IFRS omologati Il Framework IASB Gli utilizzatori del bilancio Gli obiettivi del bilancio La gerarchia dei principi di redazione del bilancio La procedura per l emanazione di nuovi principi contabili IAS/IFRS Principali novità Schemi di bilancio Effetti della prima applicazione degli IAS/IFRS sui bilanci delle imprese Patrimonio netto Risultato dell esercizio 2

3 Criterio del costo storico E il costo di acquisizione di un fattore produttivo e, in genere, rappresenta il valore di ingresso nel sistema contabile di un impresa. E un costo passato : è il costo che l impresa ha sostenuto per quel bene nel momento della sua acquisizione, che può essere anche molto distante nel tempo E un criterio molto gradito dal nostro legislatore, che lo ha posto come punto di riferimento fondamentale per il nostro sistema di bilancio, dal momento che: la sua applicazione è molto semplice è facilmente accertabile e verificabile (è poco influenzato da valutazioni di carattere soggettivo) Un fattore produttivo entra in contabilità generale al costo storico, ma deve essere confrontato con: VALORE D USO: è il valore di recupero del costo del fattore produttivo (in genere avente fecondità ripetuta) tramite il suo utilizzo nell ambito del processo di produzione del reddito (richiamo ai concetti di beni a realizzo indiretto e di capacità di ammortamento) VALORE NETTO DI REALIZZO: valore del fattore produttivo recuperabile tramite la vendita COSTO DI SOSTITUZIONE: costo che l impresa dovrebbe sostenere per riacquistare o riprodurre quel fattore produttivo 3

4 Criterio del costo storico Se: 1. CS > VALORE D USO 2. CS > VALORE NETTO DI REALIZZO 3. CS > COSTO DI SOSTITUZIONE Allora: E necessaria svalutazione, ma solo se la differenza è ritenuta DUREVOLE e non legata a fenomeni momentanei. Se i motivi che hanno condotto alla precedente svalutazione vengono meno, si può procedere al RIPRISTINO DEL VALORE, ma con il limite massimo del COSTO STORICO originario. Sono previste alcune ECCEZIONI FONDAMENTALI al criterio del costo storico: il criterio del Patrimonio Netto per alcune partecipazioni; il criterio dei corrispettivi maturati per i lavori in corso (c.d. produzioni su commessa). 4

5 Criterio del costo storico Il costo storico appare come un entità facilmente determinabile e verificabile, ma esistono varie configurazioni possibili di costo (dal costo primo al costo economico-tecnico). Il legislatore non fornisce particolari indicazioni su quale configurazione di costo debba essere utilizzata dal redattore del bilancio. I principi contabili, svolgendo una fondamentale funzione INTEGRATIVA, forniscono delle indicazioni molto più precise con riferimento ai diversi elementi patrimoniali. Le varie configurazioni di costo scontano inevitabilmente elementi di soggettività, legate soprattutto alla scelta dei criteri per l imputazione dei costi indiretti e comuni. Inoltre, il costo storico è un costo vecchio : soprattutto per alcune categorie di beni che restano per molti anni nell economia e nel bilancio dell impresa successivamente alla loro acquisizione, il costo storico potrebbe perdere nel tempo ogni significativa correlazione con il valore effettivo del bene (es. un terreno o un immobile acquistati da molti anni vale generalmente molto di più del suo costo storico). Anche per ovviare a questo limite ragione viene utilizzato il criterio del FAIR VALUE, che caratterizza i principi contabili internazionali. 5

6 Il criterio del fair value I principi contabili internazionali forniscono la seguente definizione di fair value: FAIR VALUE: l'importo per il quale un'attività potrebbe essere scambiata, o una passività potrebbe essere estinta, tra soggetti informati e consapevoli, in una normale transazione di mercato tra soggetti indipendenti (c.d. arm s length transaction ) Il fair value è tendenzialmente un valore corrente, che coincide, quando esiste, nel valore di scambio che si forma in un mercato perfettamente efficiente. Ad esempio, il fair value di uno strumento finanziario quotato in borsa è dato dal prezzo che si determina sul mercato. Così come il costo storico è agganciato alla valutazione attuale dell impresa, così il fair value è agganciato alla valutazione prospettica dell impresa. OBBLIGATORIO PER (ESEMPI): CRITERIO ALTERNATIVO AL COSTO STORICO PER: La gran parte delle attività finanziarie Investimenti immobiliari (immobili non strumentali) Impianti e macchinari Beni immateriali propriamente detti RIFERIMENTO FONDAMENTALE PER: valutazione TFR e benefici ai dipendenti accantonamenti a fondi rischi 6

7 Il criterio del fair value Conseguenze Quali conseguenze derivano dall applicazione del fair value? 1. L utilizzo del fair value determina l allineamento dei valori di bilancio ai valori correnti di mercato, che possono variare anche molto sensibilmente da un anno all altro: MAGGIORE VOLATILITA DEI RISULTATI DI BILANCIO 2. Nel momento in cui il valore del bene viene riallineato al suo fair value, vengono a determinarsi delle PLUSVALENZE O DELLE MINUSVALENZE NON REALIZZATE O POTENZIALI, che subiscono un diverso trattamento contabile a seconda dell elemento patrimoniale cui si riferiscono. Ad esempio: se si tratta di strumenti finanziari o investimenti immobiliari, la plus/minusvalenza va iscritta nel conto economico e influisce sul risultato economico dell esercizio se si tratta di impianti e macchinari o di immobilizzazioni immateriali, la plus/minusvalenza viene iscritta tra le riserve nel patrimonio netto e non influisce sul reddito dell esercizio; 3. Il bilancio FACILITA UNA VALUTAZIONE PROSPETTICA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 7

8 INDICE Introduzione: costo storico e fair value Elenco principi IAS/IFRS Il Framework IASB Gli utilizzatori del bilancio Gli obiettivi del bilancio La gerarchia dei principi di redazione del bilancio La procedura per l emanazione di nuovi principi contabili IAS/IFRS Principali novità Schemi di bilancio Effetti della prima applicazione degli IAS/IFRS sui bilanci delle imprese Patrimonio netto Risultato dell esercizio 8

9 I principi IAS-IFRS (aggiornamento 2010) IAS 1 IAS 2 IAS 7 IAS 8 IAS 10 IAS 11 IAS 12 IAS 16 IAS 17 IAS 18 : Presentazione del bilancio : Rimanenze : Rendiconto finanziario : Utile/perdita d esercizio, cambiamenti di principi contabili ed errori : Fatti intervenuti dopo la data di riferimento del bilancio : Commesse a lungo termine : Imposte sul reddito : Immobili, impianti e macchinari : Leasing : Ricavi IAS 31 IAS 32 IAS 33 IAS 34 IAS 36 IAS 37 IAS 38 IAS 39 IAS 40 IAS 41 : Informazioni contabili sulle partecipazioni in joint ventures : Strumenti finanziari: informativa e rappresentazione in bilancio : Utile per azione : Bilanci intermedi : Riduzione durevole di valore delle attività : Accantonamenti, passività e attività potenziali : Attività immateriali : Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione : Investimenti immobiliari : Agricoltura IAS 19 IAS 20 IAS 21 IAS 23 IAS 24 IAS 26 IAS 27 IAS 28 IAS 29 : Benefici per i dipendenti : Contabilizzazione dei contributi pubblici : Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere : Oneri finanziari : Informativa di bilancio sulle operazioni con parti correlate : Fondi di previdenza : Bilancio consolidato e contabilizzazione delle partecipazioni in imprese controllate : Contabilizzazione delle partecipazioni in collegate : Informazioni contabili in economie iperinflazionate IFRS 1 IFRS 2 IFRS 3 IFRS 4 IFRS 5 IFRS 6 IFRS 7 IFRS 8 IFRS 9 : Prima applicazione degli IFRS : Pagamenti basati su azioni : Operazioni di concentrazione aziendale : Contratti di assicurazione : Attività destinate ad essere cedute o cessate : Rilevazione e valutazione delle risorse minerarie : Strumenti finanziari: informazioni integrative : Informazioni di settore : Strumenti Finanziari (n.b. non ancora omologato dall UE) 9

10 Il contenuto del Framework Denominazione: Framework for the presentation and the preparation of financial statements Ruolo del Framework per i redattori del bilancio e per gli organi di controllo: Il Framerwork è stato approvato originariamente nel 1989 (dallo IASC, che poi si è trasformato nell attuale IASB) e non ha subito successivamente modifiche di carattere sostanziale; Il Framework assolve due funzioni: 1. è il punto di riferimento dello IASB per la definizione dei nuovi principi contabili, per la modifica di quelli preesistenti, nonché per la pubblicazione di documenti interpretativi ufficiali; 2. fornisce i criteri per l interpretazione e l integrazione degli specifici principi contabili IAS/IFRS. In proposito, è bene sottolineare che il Framework non è sovraordinato rispetto agli specifici principi contabili IAS/IFRS: se c è contrasto tra il Framework e uno specifico principio contabile, si deve applicare la disposizione indicata dal singolo principio. Com è facile immaginare, nel tempo le situazioni di questo tipo si sono ridotte, grazie alla progressiva approvazione di principi già pienamente ispirati al Framework. Articolazione del contenuto: 5 sezioni: 1. Indicazione delle categorie di utilizzatori dei bilanci e dei relativi fabbisogni informativi. 2. Obiettivi del bilancio. 3. Caratteristiche qualitative che determinano l utilità delle informazioni di bilancio. 4. Definizione, rilevazione e valutazione degli elementi che costituiscono i bilanci. 5. Nozione di capitale e di sua conservazione. 10

11 Gli utilizzatori dei bilanci e i rispettivi fabbisogni informativi (1 di 2) Investitori attuali e potenziali: Focus su rischio e rendimento dall investimento (acquisto/mantenimento/vendita azioni, ammontare dividendi); variabili chiave: capital gain, rapporto prezzo corrente/utile per azione (c.d. price/earning o P/E), payout ratio (quanta parte dell utile è distribuita come dividendi), rapporto tra dividendo per azione e prezzo corrente (c.d. dividend/price), ROE, ROI, cash-flow e crescita finanziaria sostenibile. Dipendenti: Focus sulla stabilità e profittabilità dell impresa (mantenimento del posto di lavoro e prospettive di sviluppo professionale) Finanziatori: Focus sulla solvibilità aziendale (a breve e/o a M/L termine) per garantire il rimborso dei debiti e degli interessi alle scadenze prefissate 11

12 Gli utilizzatori dei bilanci e i rispettivi fabbisogni informativi (2 di 2) Fornitori: Clienti: Focus sulla solvibilità dell impresa, principalmente in un ottica di breve termine (caso particolare: l impresa è l unico cliente del fornitore) Focus sulla continuità dell impresa fornitrice, soprattutto in caso di accordi di fornitura a M/L termine Pubblica Amministrazione: Focus sull allocazione delle risorse e sull attività dell impresa per prendere decisioni tese a regolamentare tali aspetti (es. tassazione, statistiche economiche, ) Pubblico (comunità): Focus sulle informazioni relative al rapporto fra l impresa ed il suo ambiente economico e sociale di riferimento (bilancio sociale, bilancio di sostenibilità, ) 12

13 Gli utilizzatori dei bilanci e i rispettivi fabbisogni informativi Ipotesi di lavoro del Framework Stabiliti gli interessi prevalenti per i vari users, lo IASB individua nella soddisfazione del fabbisogno informativo degli investitori lo scopo principale del bilancio, nell ipotesi che un Financial Statement che soddisfa i bisogni informativi degli investitori finisce per soddisfare anche gran parte dei fabbisogni informativi di tutte le altre categorie Conseguenze: Differenza rispetto alla nozione di neutralità dei Principi contabili nazionali (OIC n.1) Focalizzazione del modello sui flussi di cassa 13

14 Gli obiettivi del bilancio Obiettivo principale (ripreso anche dallo IAS 1, 7): Fornire informazioni sulla situazione patrimoniale (nello stato patrimoniale), sul risultato economico (nel conto economico) e sulle variazioni nella struttura finanziaria (nel rendiconto finanziario). Si deve trattare delle informazioni utili ai destinatari del bilancio per prendere decisioni economiche (cioè non di tutte le informazioni possibili). Obiettivi ulteriori: Valutare la condotta e la responsabilità di coloro che gestiscono l impresa (redde rationem, stewardship reporting) Ratio dell obiettivo principale: valutazione della attitudine dell impresa a produrre flussi di cassa o di disponibilità liquide equivalenti e della cronologia e livello di certezza di tali flussi, quali informazioni utili agli utilizzatori. Situazione Patrimoniale: informazioni sul mix di risorse controllate dall impresa. Conto Economico: informazioni sulla capacità di generare flussi di cassa futuri. Rendiconto Finanziario: informazioni su liquidità e solvibilità dell impresa. 14

15 Le caratteristiche generali dei principi IAS-IFRS Ambito di applicazione: Contenuto: bilanci di esercizio e consolidati destinati a pubblicazione (general purpose financial statements) di aziende private for profit. Definizione delle modalità di rilevazione (recognition), di valutazione (measurement), di rappresentazione (presentation), di predisposizione delle informazioni (disclosure) e di eliminazione delle voci (derecognition) dai bilanci suddetti con riferimento ad operazioni e ad altri fatti aziendali rilevanti Riduzione al minimo di opzioni alternative di contabilizzazione con indicazione, in tali casi, dell opzione preferita (denominata benchmark treatment) e di quella comunque permessa (denominata allowed alternative treatment) Minimo comune denominatore dei singoli principi: riferimento al quadro concettuale per la redazione del bilancio Data di applicazione: Ogni principio stabilisce la data di applicazione e le modalità di transizione dal vecchio al nuovo trattamento contabile in caso di revisione dei principi. Esempio: par. 35 dell IFRS 8: un entità deve applicare il presente IFRS a partire dai bilanci degli esercizi con inizio dal 1 gennaio 2009 o da data successiva. È consentita una applicazione anticipata. Qualora l entità applichi il presente IFRS per un esercizio che ha inizio prima del 1 gennaio 2009, tale fatto deve essere indicato. In questo caso, le società che nel 2008 redigevano il bilancio secondo il modello IAS/IFRS hanno potuto redigere il bilancio al 31 dicembre 2008 senza tenere conto del nuovo principio, mentre hanno dovuto redigere i bilanci successivi (es. anche i bilanci e le relazioni intermedie di gestione chiuse al 31 marzo 2009) secondo il nuovo principio. 15

16 La procedura per l emanazione di un principio contabile IAS-IFRS 1. Identificazione del tema da affrontare e sua compatibilità con il contenuto del framework 2. Studio degli elementi di specificità nazionale sul tema e scambio di opinioni con i relativi Standard Setters 3. Consulto con il SAC (Standards Advisory Group) per stabilire l opportunità di affrontare l argomento da parte dello IASB 4. Formazione di un consiglio di esperti (advisory group) a supporto dello IASB sulla problematica 5. Emanazione di un commento pubblico sul tema 6. Redazione di una bozza da sottoporre a discussione pubblica corredata delle motivazioni delle scelte (basis for conclusions) e di eventuali dissenting opinions di membri IASB 7. Analisi di tutti i commenti alla bozza ricevuti entro il termine indicato dallo IASB 8. Valutazione della opportunità di tenere audizioni pubbliche ed eventuali test sul campo 9. Approvazione del principio da parte del Board con una maggioranza di almeno 8 votanti 10. Pubblicazione del principio e delle basis for conclusions con menzione dei rapporti avuti con le controparti durante lo sviluppo del principio medesimo 16

17 La gerarchia dei principi di redazione del bilancio Finalità consentire le decisioni economiche degli investitori professionali (focus sulle imprese aperte) Postulati del bilancio - Continuità dell impresa nel tempo - Competenza economica Caratteristiche qualitative 1 livello Comprensibilità Significatività Attendibilità Comparabilità 2 livello Rilevanza Rappresentazione fedele Sostanza sulla forma Completezza Neutralità Prudenza 17

18 Principi e caratteristiche qualitative che determinano l utilità delle informazioni di bilancio Principi generali: Continuità dell impresa nel tempo (going concern) Il bilancio è preparato nel presupposto della continuità operativa dell impresa nel prossimo futuro (12 mesi successivi all approvazione del progetto di bilancio). Competenza economica Guida l attribuzione dei costi e dei ricavi nei singoli periodi amministrativi in cui viene suddivisa la vita dell impresa. Caratteristiche qualitative Comprensibilità l informazione fornita dal bilancio deve essere facilmente comprensibile da parte degli utilizzatori. A questo fine si presume che gli utilizzatori abbiano una ragionevole conoscenza dell attività economica delle imprese e della contabilità ed abbiano la volontà di studiare le informazioni con ragionevole diligenza. In ogni caso, la complessità di una tematica non può essere considerata una valida ragione di esclusione di informazioni importanti per le decisioni degli utilizzatori. Significatività e rilevanza Per essere utile l informazione deve essere significativa per le necessità degli utilizzatori che prendono decisioni. L informazione e` significativa quando influenza le decisioni economiche degli utilizzatori. La rilevanza di un informazione è influenzata dalla sua natura (es. rischi/opportunità impliciti) e dall entità degli ammontari coinvolti. 18

19 (segue) Caratteristiche qualitative Affidabilità L informazione è affidabile quando non contiene errori rilevanti. L informazione può essere rilevante, ma potrebbe, ad esempio per la modalità di rappresentazione, divenire fuorviante. Per esempio, se l esistenza e l ammontare di un credito per danni, contestato e per il quale e` in corso un azione legale, sono dubbi, e` inappropriato esporlo nello stato patrimoniale, ma può essere appropriato indicare nelle note l esistenza, l ammontare ed altre informazioni sul credito contestato. Per essere affidabile l informazione deve RAPPRESENTARE FEDELMENTE le operazioni e gli eventi. Molte informazioni finanziarie sono soggette al rischio di essere una rappresentazione non fedele di ciò che intendono rappresentare. Ciò non e` dovuto ad interventi volontari sui dati, ma piuttosto a difficoltà inerenti l identificazione delle operazioni o delle tecniche di valutazione e presentazione che possano rappresentare fedelmente la realtà. In questi casi si dovrà scegliere tra l omissione delle informazioni eccessivamente incerte ed il loro inserimento nel bilancio accompagnate dalla descrizione del rischio di errore. L informazione per essere affidabile deve far PREVALERE LA SOSTANZA SULLA FORMA. Spesso vengono predisposte operazioni con una struttura legale che potrebbe essere in contraddizione con la sostanza dell operazione. Ciò avviene soprattutto quando la proprietà legale appartiene ad un soggetto diverso da quello che sostiene i rischi e gode dei benefici economici relativi all attività oggetto dell operazione. Caso tipico dell applicazione di questa caratteristica qualitativa richiesta al bilancio sono i criteri previsti per la contabilizzazione delle operazioni di leasing. L informazione affidabile contenuta nel bilancio deve essere NEUTRALE, cioè non deve essere stata influenzata da pressioni di parti interessate a determinati risultati, e COMPLETA, cioè gli amministratori non possono decidere di omettere nemmeno parzialmente le informazioni richieste dai principi contabili. La PRUDENZA, di fronte all incertezza di molti eventi (es. incassabilità dei crediti, vita utile delle immobilizzazioni) e alle aree di inevitabile discrezionalità del bilancio, consiste nell introduzione di un certo grado di cautela nell utilizzo di giudizi soggettivi nella preparazione delle stime richieste in condizioni di incertezza, in modo che l utile non sia sopravvalutato e le passività e i costi non siano sottovalutati. 19

20 (segue) Caratteristiche qualitative Comparabilità Gli utilizzatori devono essere in grado di confrontare i bilanci di un impresa allo scopo di identificare linee di tendenza. Gli utilizzatori devono anche poter confrontare i bilanci di diverse imprese al fine di valutare la loro relativa posizione finanziaria, i risultati e le variazioni della posizione finanziaria. Questo comporta la necessita` di valutare in modo omogeneo nel tempo operazioni simili nella stessa impresa e in modo omogeneo tra imprese diverse. Un aspetto importante è la descrizione dei principi contabili applicati che consente agli utilizzatori di disporre degli elementi necessari per valutare l effetto delle differenze di politiche contabili. Il bisogno di comparabilità, tuttavia, non può ostacolare l eventuale introduzione di principi contabili migliori. 20

21 Principali novità connesse all adozione del modello IAS-IFRS 1. identificazione di una nuova finalita del bilancio stabilita dal framework IASB Dalla rappresentazione veritiera e corretta alla utilità del bilancio come strumento di supporto alle decisioni economiche degli utilizzatori (users). Si privilegia il fabbisogno informativo degli investitori in termini di disponibilità di dati sulla situazione patrimoniale finanziaria ed economica per meglio valutare la capacità dell impresa di produrre flussi di cassa o di disponibilità liquide equivalenti nonchè i tempi e la certezza dei flussi stessi. L informazione quantitativa deve tendere a dare il più possibile una rappresentazione aggiornata del sistema dei valori aziendali, di qui l adozione, fra i criteri di valutazione, del Fair Value, metodologia che dovrebbe meglio rappresentare il valore corrente di una attività o di una passività alla data di riferimento del bilancio. 2. minore influsso della prudenza nel processo di redazione del bilancio di esercizio Nello schema IASB i postulati su cui si basa il bilancio sono rappresentati dalla competenza (accrual basis of accounting) e dalla continuità aziendale (entity as a going concern). La prudenza è inserita fra le caratteristiche qualitative delle informazioni di bilancio, rappresentate da comprensibilità, significatività, attendibilità e comparabilità, come un sottopunto dell attendibilità. 21

22 Principali novità connesse all adozione del modello IAS-IFRS 3. Prevalenza della sostanza sulla forma Contabilizzazione delle operazioni in base alla sostanza economica e non alla forma legale del contratto da cui si originano. 4. Adozione di nuovi schemi di Stato Patrimoniale e di Conto Economico Lo Stato Patrimoniale IAS si basa sulla distinzione fra attività e passività correnti/non correnti (in base alla loro appartenenza al ciclo operativo aziendale o secondo il criterio di liquidità/esigibilità) ed evidenziazione degli interessi di minoranza. Conto economico IAS: opzione fra due strutture scalari molto semplificate differenziate per il criterio di classificazione dei costi (natura o destinazione), con abolizione dell area degli elementi straordinari. Nessuno schema di riferimento Nessuno ordine espositivo Non sono previsti conti d ordine (le relative informazioni sono incorporate nelle note al bilancio) Contenuto minimo di voci svantaggio rispetto agli schemi di SP e CE attualmente in essere: assenza di una struttura obbligatoria delle voci come negli artt e 2425 c.c. 22

23 Componenti del bilancio: un confronto MODELLO BILANCIO IAS/IFRS (rif. IAS 1) Schemi stato patrimoniale conto economico prospetto riepilogativo dei movimenti di patrimonio netto rendiconto finanziario Note al bilancio (criteri contabili e note esplicative) N.B. Al contrario del legislatore civilistico (art e 2425), lo IAS 1 non stabilisce schemi rigidi di stato patrimoniale e conto economico, ma indica una serie di elementi informativi minimi e i criteri generali da applicarsi per la definizione delle voci dello schema, garantendo maggiore flessibilità ai redattori per l MODELLO BILANCIO CIVILISTICO (rif. art c.c.) Schemi stato patrimoniale conto economico Nota integrativa N.B. Le più recenti innovazioni apportate al codice civile e ai principi contabili nazionali hanno di fatto comportato che il prospetto riepilogativo dei movimenti del patrimonio netto e il rendiconto finanziario debbano essere contenuti anche nel bilancio redatto secondo il modello civilistico, quali parti integranti della nota integrativa o come suoi allegati. 23

24 Schemi di bilancio IAS/IFRS: lo stato patrimoniale Esempio di uno schema di stato patrimoniale secondo lo schema IASs-IFRSs Attività X X-1 Netto e Passivo X X-1 Attività non correnti Terreni, impianti e fabbricati Avviamento Altri beni intangibili Partecipazioni Titoli disponibili per la vendita Totale attività non correnti Attività correnti Rimanenze Crediti commerciali Altre attività correnti Cassa e disponibilità liquide Totale attività correnti Totale Attivo Patrimonio netto Capitale sociale Riserve Utili portati a nuovo Totale Interessi di minoranza Totale patrimonio netto Passività non correnti Prestiti a medio-lungo termine Imposte differite Fondi Totale passività non correnti Passività correnti (incluse quote a breve di passività a M/L termine) Totale netto e passivo 24

25 In particolare: lo stato patrimoniale (IAS 1) Stato patrimoniale IAS 1: criteri di presentazione Separazione corrente non corrente sulla base del criterio ciclo operativo (soluzione benchmark) Attività e passività vengono suddivise tra correnti e non correnti a seconda che esse possano realizzarsi o diventare esigibili nel tempo intercorrente tra l acquisizione dei materiali e la loro realizzazione come disponibilità liquide o mezzi equivalenti Presentazione in base al grado di liquidità (soluzione allowed) : le voci vengono suddivise tra correnti e non correnti a seconda che divengano disponibili entro oppure oltre 12 mesi Attività correnti: condizioni (alternative) È previsto che vengano realizzate, vendute o utilizzate nel normale ciclo operativo dell impresa Sono detenute prevalentemente per attività di trading È previsto che siano realizzate entro dodici mesi dalla data di riferimento del bilancio Rappresentano disponibilità liquide o mezzi equivalenti Passività correnti: (condizioni alternative) È previsto che siano estinte nel normale ciclo operativo dell impresa Sono assunte prevalentemente per attività di trading È previsto che siano estinte entro dodici mesi dalla data di riferimento del bilancio L impresa non ha un diritto incondizionato a differire il regolamento della passività oltre i dodici mesi dalla data di riferimento del bilancio 25

26 Schemi di bilancio IAS/IFRS: il conto economico Esempio di uno schema di conto economico IASs-IFRSs per destinazione X X-1 Ricavi di vendita Costo del venduto Margine lordo Altri proventi Costi commerciali Costi amministrativi Altri costi Utile Operativo Oneri finanziari Quota di risultato delle partecipate Risultato ante imposte Imposte dell esercizio Risultato di esercizio Attribuibile a: Azionisti della capogruppo Interessi di minoranza Totale di riepilogo 26

27 Principali novità connesse all adozione del modello IAS-IFRS 5. adozione di nuovi documenti di bilancio nello schema IASs-IFRSs sono elementi costitutivi del fascicolo di bilancio i seguenti documenti: il rendiconto finanziario dei flussi di liquidità (IAS 7) il prospetto delle variazioni del patrimonio netto (IAS 1) In particolare quest ultimo riveste una notevole importanza nel modello IASs-IFRSs perchè deve fornire le informazioni su: le variazioni del patrimonio netto iniziale e finale dell esercizio derivanti dall effetto sul PN di cambiamenti di principi contabili o di correzioni di errori di contabilizzazione (IAS 8 revised); le variazioni del patrimonio netto iniziale e finale diverse dai rapporti di finanziamento con gli azionisti che non sono state imputate a conto economico (molto più rilevanti nel sistema IAS-IFRS per la presenza di variazioni di valore dei beni per le fluttuazioni nel fair value quando le stesse sono imputate direttamente a PN). 27

28 Principali novità connesse all adozione del modello IAS-IFRS 6. Passaggio da un sistema di valutazione basato sui costi storici ad un sistema progressivamente sempre più basato sui valori correnti Utilizzo per la valutazione degli elementi attivi e passivi del capitale di bilancio del c.d. Fair value o valore equo Il Fair value secondo la definizione data dallo IASB (Cfr. IAS 39) corrisponde al valore dell attivita /passivita alla data di riferimento del bilancio in una transazione fra parti autonome ed indipendenti 7. Verifica annuale delle perdite di valore delle attivita di bilancio (cd. Impairment test) Il valore di bilancio puo essere mantenuto solo se inferiore al valore di recupero (recoverable amount) Il valore recuperabile è pari al maggiore fra valore di realizzo (net selling price) e valore d uso (value in use) 8. Separazione fra attivita immateriali a vita definita e a vita indefinita Ammortamento per le prime e impairment test per le seconde (in particolare per l avviamento) 28

29 Principali novità connesse all adozione del modello IAS-IFRS 9. Ridefinizione del concetto di fondi iscritti al passivo dello stato patrimoniale L accantonamento al fondo (provision) potrà essere effettuato solo a fronte di obbligazioni attuali (obblighi legali o impliciti alla data di riferimento del bilancio) e misurabili in modo attendibile Passaggio dalla logica contabile alla logica finanziaria (utilizzo di valori attuali per le obbligazioni a medio-lungo termine) 10. Ricalcolo dell ammontare del Trattamento di fine rapporto stanziato in bilancio secondo i seguenti criteri di liquidazione in base a quanto indicato nell art c.c. Esposizione in bilancio secondo la logica finanziaria (calcolo del valore attuale del debito verso i singoli dipendenti alla data di presumibile interruzione del rapporto di lavoro, stimata per categorie omogenee di lavoratori in base a stime di carattere attuariale) 11. Maggiore rilevanza delle informazioni discorsive di bilancio Alcuni principi IAS sono esclusivamente dedicati alle informazioni da indicare nelle note esplicative: lo IAS 10 è relativo ai fatti accaduti dopo la fine dell esercizio; L IFRS 8 è relativo alle informazioni di carattere settoriale; lo IAS 24 è relativo ai rapporti con parti correlate. 29

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Lez. 2. I principi contabili

Lez. 2. I principi contabili Lez. 2 I principi contabili Il riconoscimento al bilancio del ruolo di strumento informativo a 360 impone al redattore del bilancio l obbligo di tenere un comportamento corretto......ma i redattori avvertivano

Dettagli

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS Approfondimenti Bilancio Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS di Paolo Moretti Le differenze presenti tra i principi contabili internazionali IAS/IFRS e la prassi contabile nazionale

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Introduzione agli IAS

Introduzione agli IAS Introduzione agli IAS Lucidi delle relazioni di Giovanni Pappalardo Istituto Poster - Vicenza Milano - 28 Maggio 2008 1 Agenda 1. Il percorso verso i principi contabili internazionali (IAS/IFRS) 2. I postulati,

Dettagli

IAS 1 Presentazione del bilancio d esercizio (Presentation of Financial Statements)

IAS 1 Presentazione del bilancio d esercizio (Presentation of Financial Statements) IAS 1 Presentazione del bilancio d esercizio (Presentation of Financial Statements) INTRODUZIONE INDICE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio Il bilancio di esercizio Test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme IAS/IFRS: uno sguardo d insieme Oramai la globalizzazione contabile è una realtà: i principi contabili nazionali sono destinati ad essere progressivamente sostituiti da una serie di principi e norme riconosciute

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1725/2003 DELLA COMMISSIONE del 29 settembre 2003

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE. del 3 novembre 2008

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE. del 3 novembre 2008 29.11.2008 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Indice degli argomenti

Indice degli argomenti Indice degli argomenti Introduzione.. XIX Capitolo 1 Panorama dei principi e delle norme sul bilancio annuale 1 PARTE PRIMA L aspetto formale del bilancio Capitolo 2 La chiarezza formale del bilancio 2.1

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE

PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE Milano, lì 17 marzo 2015 FESTA S.r.l. Unipersonale Sede in Porcari (Lucca) via L. Boccherini, 39 Capitale Sociale 358.699,18

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS Immobilizzazioni materiali Codice civile e PC nazionali Art. 2426 C.C. Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Circolante Scorte Crediti Attività finanziarie Liquidità valutazione Costo storico

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano Approfondimenti Bilancio L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano di Paolo Moretti Alla luce delle disposizioni nazionali e comunitarie l applicazione dei principi contabili internazionali

Dettagli

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore di Paolo Moretti Le perdite di valore per le immobilizzazioni materiali, disciplinate dallo IAS 16 «Immobili, impianti e macchinari»,

Dettagli

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia Immobili, impianti e macchinari IAS 16 Finalità ( ( 1) Definire il trattamento contabile di immobili, impianti e macchinari Dare informazioni su tali poste agli utilizzatori del bilancio Definire le problematiche

Dettagli

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A.

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. Appendice FTA LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. INDICE A. Premessa B. Principi contabili e criteri di valutazione C. Riconciliazione

Dettagli

Bilancio consolidato

Bilancio consolidato 2013 Innovazione MERCATO Crescita Investimenti LAVORO 4 FILIERE Bilancio consolidato www.a2a.eu Indice 0.1 Prospetti contabili consolidati 4 Situazione patrimoniale-finanziaria 6 Conto economico 7 Conto

Dettagli

L armonizzazione contabile

L armonizzazione contabile L armonizzazione contabile La globalizzazione dei mercati finanziari ha determinato una spinta notevole all armonizzazione dei bilanci delle società, tradizionalmente redatti secondo norme e principi che

Dettagli

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI Oggetto di studio: Analizza le VARIAZIONI intervenute in un FONDO da un esercizio all altro impieghi FLUSSI fonti Aggregato

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2007 BANCA POPOLARE ETICA SOCIETA' COOPERATIVA PER AZIONI O IN FORMA ABBREVIATA "BANCA ETICA" O "BPE". Forma giuridica: SOCIETA' COOPERATIVA

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

CAPITOLO 2 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE NEL BILANCIO 2007 di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle

CAPITOLO 2 I LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE NEL BILANCIO 2007 di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle ANALISI PARTE PRIMA Novità CAPITOLO 1 LA CONTABILIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI SECONDO I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. IL

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (IPSAS)

I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (IPSAS) I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (IPSAS) Roma 16 marzo 2010 Prof. Francesco Capalbo Associato di Ragioneria Seconda Università di Napoli Componente Comitato Scientifico

Dettagli

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE..

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. INDICE PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. 4. VALUTAZIONE. 5. ALTRI ASPETTI. 6. OPERAZIONI CON AZIONI PROPRIE ALL INTERNO

Dettagli

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE SEMESTRALE AL 31 DICEMBRE 2014 1 Premessa In applicazione del D. Lgs. del 28 febbraio 2005, n. 38, Esercizio delle opzioni previste dall

Dettagli

Premessa... 1. Principi contabili nazionali... 1. Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4

Premessa... 1. Principi contabili nazionali... 1. Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4 Sommario Premessa... 1 Principi contabili nazionali... 1 Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4 Principi contabili nazionali e internazionali: una diversa filosofia... 6 Premessa Colgo l occasione

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO in pratica FISCO Antonina Giordano Il leasing operativo I edizione Definizione e caratteristiche distintive Profili civilistici e fiscali Profili contabili e di rappresentazione in bilancio Riferimenti

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Dodicesima lezione: Le attività finanziarie Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE B.III Immobilizzazioni finanziarie

Dettagli

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007)

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Modulo 1 Dettaglio delle società incluse nell area di consolidamento Modulo 2 Dettaglio delle

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio 246 Conto economico 246 Conto economico complessivo 247 Situazione patrimoniale-finanziaria 248 Rendiconto finanziario 249 Variazioni del patrimonio netto 251 Conto economico ai sensi della Delibera Consob

Dettagli

PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004

PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004 PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004 TRANSIZIONE AI PRINCIPI IAS/IFRS Fino al 2004 Telecom

Dettagli

Innovazione MERCATO. Investimenti LAVORO. Crescita 4 FILIERE. Bilancio separato. www.a2a.eu

Innovazione MERCATO. Investimenti LAVORO. Crescita 4 FILIERE. Bilancio separato. www.a2a.eu 2013 Innovazione MERCATO Crescita Investimenti LAVORO 4 FILIERE Bilancio separato www.a2a.eu Indice 3 Sintesi economica, patrimoniale e finanziaria 0.1 Prospetti di bilancio 10 Situazione patrimoniale-finanziaria

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

Mp7 Italia S.p.A. Relazione Consolidata e Separata al 30 giugno 2015

Mp7 Italia S.p.A. Relazione Consolidata e Separata al 30 giugno 2015 Mp7 Italia S.p.A. Relazione Consolidata e Separata al 30 giugno 2015 MP7 Italia S.p.A. Sede operativa: Palazzo Verrocchio MI2 20090 Segrate Sede legale: via dei Piatti, 8 20123 Milano Tel. 02/21596212

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

Bilancio Separato Bilancio Separato 12 www.a2a.eu 20

Bilancio Separato Bilancio Separato 12 www.a2a.eu 20 Bilancio Separato Indice 3 Sintesi economica, patrimoniale e finanziaria 0.1 Prospetti di bilancio 12 Situazione patrimoniale-finanziaria 14 Conto economico 15 Conto economico complessivo 16 Rendiconto

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri Università degli Studi di Parma I crediti 1 I crediti Definizione e riferimenti Definizione:

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO

IL COMMERCIALISTA VENETO IL COMMERCIALISTA VENETO n. 177 - MAGGIO / GIUGNO 2007 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE INSERTO Le norme IAS-IFRS Breve sintesi dei nuovi Principi Contabili Internazionali ADRIANO

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

BILANCIO. Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo.

BILANCIO. Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo. CONTABILITà Guida alla Ifrs 10 «consolidated financial statements» Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo. di Andrea Ferrari

Dettagli

Comunicato stampa Documento Allegato

Comunicato stampa Documento Allegato Edison Spa Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano - MI ufficiostampa@edison.it Comunicato stampa Documento Allegato Stato patrimoniale consolidato Si

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

IAS 18 Ricavi ( Revenues)

IAS 18 Ricavi ( Revenues) IAS 18 Ricavi ( Revenues) 1 INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD MISURAZIONE DEI RICAVI

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12 bilancio civilistico Relazione finanziaria annuale d esercizio Prospetti contabili civilistici 4 Note esplicative ai prospetti contabili civilistici 12 Allegati al bilancio civilistico 78 Attestazione

Dettagli

1. Modifiche al Codice Civile recante disposizioni in materia di bilancio di esercizio

1. Modifiche al Codice Civile recante disposizioni in materia di bilancio di esercizio Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV Roma, 24 aprile 2015 Oggetto: Osservazioni ai documenti di consultazione pubblica del Ministero dell Economia

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

azienda di prova srl

azienda di prova srl azienda di prova srl Sede in sede in Codice Fiscale - Numero Rea RM Capitale Sociale Euro 100.000 Società in liquidazione: no Società con socio unico: no Società sottoposta ad altrui attività di direzione

Dettagli

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino MAP Rimanenze (OIC 13) A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino L articolo approfondisce nella sua completezza il contenuto dell OIC 13, nuovo Principio Contabile sulle rimanenze di

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio Conto economico... 264 Conto economico complessivo... 265 Situazione patrimoniale-finanziaria... 266 Rendiconto finanziario... 267 Variazioni del patrimonio netto... 268 Conto economico ai sensi della

Dettagli

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa Aspetti applicativi dei principi IAS/IFRS. Guida 3

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa Aspetti applicativi dei principi IAS/IFRS. Guida 3 OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ GUIDE OPERATIVE Guida operativa Aspetti applicativi dei principi IAS/IFRS Guida 3 BOZZA PER COMMENTI APPROVATA DAL COMITATO ESECUTIVO IL 28 NOVEMBRE 2007 La guida

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2007. 102 Esercizio

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2007. 102 Esercizio Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2007 102 Esercizio La forza di un idea risiede non solo nella sua capacità di far breccia nel pensiero della sua epoca, ma anche in quella di influenzare

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE RICAVI: 70,5 milioni di euro; -1,7 milioni di euro rispetto all esercizio (72,2 milioni di euro) EBITDA: 25,4 milioni

Dettagli

Bilancio consolidato al 31 dicembre 2008 BILANCIO CONSOLIDATO ANNUALE 2008 PER IL PERIODO CHIUSO AL

Bilancio consolidato al 31 dicembre 2008 BILANCIO CONSOLIDATO ANNUALE 2008 PER IL PERIODO CHIUSO AL Bilancio consolidato al 31 dicembre 2008 BILANCIO CONSOLIDATO ANNUALE 2008 PER IL PERIODO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2008 Bilancio consolidato al 31 dicembre 2008 Bilancio Consolidato Prospetti di Bilancio

Dettagli

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Sede legale: VIA PESCHIERA 16 GENOVA (GE) Iscritta al Registro Imprese di GENOVA C.F. e numero iscrizione 01323550994 Iscritta al R.E.A. di Genova n. 400879 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

BANCA POPOLARE DI FONDI

BANCA POPOLARE DI FONDI BANCA POPOLARE DI FONDI BILANCIO DELL'IMPRESA AL 31 DICEMBRE 2012 (Schemi, nota integrativa ed allegati) 122 Esercizio STATO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2012 VOCI DELL ATTIVO 31/12/2012 31/12/2011 10.

Dettagli