SCHEMA DI SVOLGIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEMA DI SVOLGIMENTO"

Transcript

1 TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA ESTRATTA ALL UNIVERSITÀ DI BRESCIA - II SESSIONE 2009) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Lavori su ordinazione: ricavi e costi di commessa. Criteri di valutazione. L art codice civile prevede che il valore delle opere o servizi eseguiti sia iscritto nell apposita voce «Lavori in corso su ordinazione» della sotto classe I «Rimanenze» della classe C «Attivo circolante». Come indicato nella relazione ministeriale «è sembrato opportuno separare i lavori in corso su ordinazione (voce C I 3) dai prodotti in corso di lavorazione e semilavorati (C I 2), sia perché l espressione semilavorati mal si attaglia alle grandi costruzioni in corso sulla base di contratti d appalto, sia perché ai lavori in corso su ordinazione si applica un criterio valutativo diverso da quello valido per le merci prodotte per il magazzino». Alla voce 5 (Acconti) della classe D del passivo vanno iscritti gli anticipi ricevuti dai committenti per lavori da eseguire, inclusi quelli all «ordine», e gli acconti ricevuti in corso d opera a fronte dei lavori eseguiti, ma non ancora liquidati. L art codice civile non richiede nello stato patrimoniale una separata classificazione degli anticipi e degli acconti ricevuti in corso d opera. Tale indicazione andrà pertanto fornita nella nota integrativa. I crediti per fatture emesse per anticipi, acconti e corrispettivi a titolo definitivo (e comunque portati a ricavo ed esclusi dalle rimanenze), non ancora riscosse, vanno iscritti tra i crediti dell attivo circolante (sotto classe II della classe C) alla voce 1 «Verso clienti» o, alle successive voci 2, 3 e 4, se verso controllate, collegate e controllanti). Nella classe B del passivo «Fondi per rischi ed oneri» andranno rilevati, ove non già considerati nella valutazione dei lavori in corso su ordinazione in quanto costituenti rettifiche di valore degli stessi, gli accantonamenti per rischi ed oneri afferenti le commesse in corso di esecuzione, da determinarsi nel rispetto dei principi generali di prudenza e di competenza, richiamati dall art codice civile. Nel conto economico i corrispettivi di commessa vengono rilevati alla voce 1 «Ricavi delle vendite e delle prestazioni» della classe A «Valore della produzione», mentre il valore della produzione eseguita nell esercizio, al netto di quella portata a ricavo, viene rilevato alla voce 3 «Variazione dei lavori in corso su ordinazione» della stessa classe. I costi sostenuti per l esecuzione dei lavori vengono rilevati secondo competenza nella classe B del conto economico classificati per natura come previsto dall art codice civile. Gli impegni contrattualmente assunti per opere e servizi non ancora eseguiti vengono iscritti fra gli altri conti d ordine. In mancanza di una specifica disposizione al ri-

2 20 Prova I: Materie aziendali guardo tale iscrizione può ritenersi sostituibile dalla indicazione degli impegni stessi nella nota integrativa. Il principio contabile nazionale OIC 23 definisce le regole contabili relative alla rilevazione, valutazione e rappresentazione in bilancio dei lavori in corso su ordinazione: esso fornisce, quindi, indicazioni circa le modalità di ripartizione dei ricavi e dei costi nel corso degli esercizi di durata delle commesse a lungo termine. Secondo l OIC 23, i lavori su ordinazione si riferiscono a contratti di durata normalmente ultrannuale per la realizzazione di un opera o di un complesso di opere o la fornitura di beni o servizi non di serie che insieme formino un unico progetto, eseguite su ordinazione del committente, secondo le specifiche tecniche da questi richieste. Quanto ai principi contabili internazionali, il trattamento contabile dei ricavi e dei costi relativi ai lavori in corso su ordinazione è disciplinato dallo IAS 11, che definisce il lavoro su ordinazione come un contratto stipulato specificamente per la costruzione di un singolo bene (es. un edificio, una strada, un impianto, una nave) o di una combinazione di beni strettamente connessi o interdipendenti in termini di progettazione, tecnologia e funzione o la loro utilizzazione finale (es. una raffineria o parti complesse di impianti o macchinari). Non si rilevano sostanziali differenze nelle due definizioni dei lavori in corso su ordinazione, tuttavia, l OIC 23 fa riferimento sia a commesse di durata ultrannuale (commesse a lungo termine), sia a commesse di durata infrannuale (commesse a breve termine), mentre lo IAS 11 non contiene tale distinzione. La differenza è rilevante in quanto influenza i criteri di valutazione previsti dai due documenti: l OIC 23 prevede diversi criteri di valutazione (metodo della commessa completata e metodo della percentuale di completamento), a seconda del tipo di commessa (a breve o a lungo termine), mentre lo IAS 11 prevede come unico criterio di valutazione il metodo della percentuale di completamento. Nell applicare il metodo della percentuale di completamento, l impresa appaltatrice deve stimare l ammontare totale dei ricavi e costi della commessa. Tale ammontare deve essere ripartito nei differenti esercizi di durata del contratto sulla base dello stato di avanzamento dei lavori. Secondo quanto previsto dallo IAS 11, i ricavi di commessa comprendono due componenti: una sicura, data dai ricavi concordati nel contratto; una eventuale, data da una variante, ossia una richiesta del committente che modifica l oggetto del lavoro di commessa, da una revisione dei prezzi o dal pagamento di incentivi all appaltatore (es. in caso di completamento anticipato della commessa). I ricavi di commessa devono essere valutati sulla base del fair value della remunerazione spettante e sono influenzati da eventi futuri. È necessario, pertanto, rivedere le stime da un esercizio al successivo nel momento in cui tali eventi si verificano. Ad esempio: un appaltatore e un committente possono concordare di modificare i prezzi pattuiti inizialmente facendo aumentare o diminuire i ricavi di commessa; clausole di revisione dei prezzi possono modificare i ricavi stabiliti in una commessa stipulata a prezzo predeterminato; le penalità corrisposte per ritardi causati dall appaltatore nel completamento della commessa possono diminuire i ricavi di commessa;

3 Tema n. 2: I lavori in corso su ordinazione 21 la produzione di un numero maggiore di unità può portare ad un aumento dei ricavi se la commessa prevede un prezzo predeterminato per unità di prodotto. I costi di commessa, invece, comprendono: costi diretti, ossia costi attribuibili direttamente ad una specifica commessa. In tale categoria rientrano ad esempio: gli stipendi; i costi dei materiali utilizzati; l ammortamento di impianti e macchinari; i costi di spostamento di impianti, macchinari e materiali al e dal luogo di esecuzione della commessa; le spese di locazione di impianti e macchinari; i costi di progettazione e assistenza tecnica. costi indiretti, ossia costi attribuibili a più commesse e ripartiti sulle singole commesse. In tale categoria rientrano ad esempio: le spese generali legati all attività di commessa; i costi per l assicurazione; gli oneri finanziari. altri costi addebitabili al committente in quanto previsto dalle clausole contrattuali, quali ad esempio alcuni costi generali di amministrazione e i costi di sviluppo. Non vi sono differenze sostanziali tra lo IAS 11 e l OIC 23 nelle tipologie di ricavi e costi che possono rientrare tra i ricavi e i costi di commessa, tuttavia, per quanto riguarda i ricavi, il principio contabile nazionale, a differenza dello IAS 11, opera la distinzione tra varianti formalizzate, che costituiscono modifiche del lavoro contrattualmente pattuite e danno luogo a ricavi certi, e varianti non formalizzate, ovvero corrispettivi aggiuntivi per maggiori lavori eseguiti per cause imputabili al committente, che devono essere rilevati come ricavi di commessa nel momento in cui risultino ragionevolmente certi. Lo IAS 11, invece, prevede la rilevazione in bilancio dei ricavi di commessa se risulta probabile (anche se non certa) la loro realizzazione. Quanto ai costi, l unica differenza tra i due documenti riguarda l inclusione prevista dallo IAS 11 di una terza categoria di costi addebitati al committente sulla base di clausole contrattuali. Il Codice Civile (art comma, n. 11) consente di derogare alla regola generale per la valutazione delle rimanenze e stabilisce che i lavori in corso su ordinazione possono essere iscritti sulla base dei corrispettivi contrattuali maturati con ragionevole certezza. Ciò avviene impiegando il cosiddetto criterio della percentuale di 7 completamento che può essere determinata utilizzando vari metodi o parametri. Il più utilizzato è il metodo del costo sostenuto. Se la commessa è in perdita va valutata al valore di realizzazione desumibile dall andamento del mercato (che è inferiore al costo). Con riferimento alla valutazione delle rimanenze per opere e servizi eseguiti su ordinazione, il Codice civile stabilisce al punto 11 dell art che «i lavori in corso su ordinazione possono essere iscritti sulla base dei corrispettivi contrattuali maturati con ragionevole certezza». Pertanto dette rimanenze possono essere valutate sia con il criterio del costo previsto dal punto 9 dello stesso art per le rimanenze in generale, sia sulla base del corrispettivo contrattuale maturato, ancorché superiore al costo.

4 22 Prova I: Materie aziendali Tale secondo criterio recepito per la prima volta dal nostro legislatore nel D.Lgs. 9 aprile 1991, n. 127, ma già precedentemente recepito nella prassi, oltre che accolto dalla giurisprudenza, consente una maggiore adesione al principio della competenza e, come indicato nella Relazione Ministeriale, non viola il principio della realizzazione stante l esistenza di un diritto al corrispettivo maturato. Ne consegue che taluni autori ritengono obbligatoria l adozione di tale criterio in quanto più conforme ai principi generali ed in particolare a quello della competenza. Le norme di legge non precisano le modalità con cui determinare il corrispettivo maturato, rinviando implicitamente ad una interpretazione in chiave tecnica. La variazione del criterio di valutazione è regolata dal punto 6 del primo comma dell art. 2423bis, e del secondo comma dell articolo stesso. Il requisito della «ragionevole certezza», previsto dal citato punto 11 dell art Codice civile impone, come indicato nella Relazione Ministeriale, «di tenere conto degli eventuali dubbi sulla percentuale di maturazione del corrispettivo e delle prevedibili contestazioni del committente, al fine di rispettare il principio della prudenza». Per quanto riguarda la valutazione dei lavori in corso su ordinazione, lo IAS 11 prevede di regola il metodo della percentuale di completamento: in tal caso, i ricavi di commessa sono associati ai costi di commessa per giungere allo stato di avanzamento, imputando al Conto economico i ricavi, i costi e i profitti che possono essere attribuiti alla parte di lavoro completato. I costi, i ricavi ed il margine di commessa, quindi, vengono rilevati in bilancio in funzione dello stato di avanzamento dei lavori. Solo nel caso in cui vi sia impossibilità di stimare con attendibilità il risultato di commessa, viene utilizzato il metodo a profitto zero: i ricavi di commessa possono essere rilevati solo nei limiti dei costi di commessa sostenuti e recuperabili in base al contratto, mentre i costi di commessa devono essere rilevati come costi nell esercizio nel quale esse sono sostenuti. Le disposizioni civilistiche danno, invece, la possibilità di adottare sia il metodo della commessa completata sia il metodo della percentuale di completamento. Tuttavia, secondo l OIC 23, il metodo della percentuale di completamento è l unico che permette di raggiungere in modo corretto l obiettivo della contabilizzazione per competenza delle commesse a lungo termine, ovvero di riconoscere l utile man mano che matura con l avanzamento dei lavori. Più precisamente, l OIC 23 prevede per le commesse ultrannuali, l applicazione del metodo della percentuale di completamento nei casi in cui sussistono le condizioni di seguito riportate e l applicazione del metodo della commessa completata nei casi in cui tali condizioni non sussistano: esistenza di un contratto vincolante tra le parti che definisca chiaramente le obbligazioni, l oggetto e il corrispettivo; le opere siano, per contratto, specifiche per il cliente e con l avanzamento del lavoro esse sempre più riflettano le caratteristiche tecniche richieste dallo stesso; attendibilità della stima dei costi e dei ricavi; non esistano situazioni di aleatorietà che possano rendere le stime sul risultato finale della commessa dubbie o inattendibili. Anche se sussistono le suddette condizioni, l OIC 23 consente l applicazione alle commesse ultrannuali del metodo della commessa completata purché, dati gli effetti distorsivi sui risultati d esercizio prodotti da tale metodo, si riportino in Nota integrativa i ricavi, i costi e gli effetti sul risultato d esercizio e sul patrimonio netto che si sarebbero avuti se l azienda avesse adottato il metodo della percentuale di completamento.

5 Tema n. 2: I lavori in corso su ordinazione 23 Per le commesse infrannuali l OIC 23 prevede, invece, l applicazione del metodo della commessa completata: in tal caso, i ricavi ed il margine di commessa vengono riconosciuti solo quando le opere sono ultimate e consegnate. Tale metodo comporta, quindi, la valutazione dei lavori in corso (rimanenze) al loro costo ed il differimento degli importi fatturati fino al completamento della commessa. Quanto alla determinazione dello stato di avanzamento lavori di una commessa, lo IAS 11 individua vari metodi tra cui i più comuni sono: metodo del costo sostenuto - cost to cost (il più utilizzato), in cui lo stato di avanzamento è dato dal rapporto tra i costi effettivi sostenuti alla data di riferimento ed i costi totali stimati; metodo delle ore lavorate, in cui lo stato di avanzamento è determinato in funzione delle ore lavorate ed è dato dal rapporto tra il numero delle ore lavorate e il numero delle ore totali stimate; metodo delle unità di lavoro effettuate, in cui lo stato di avanzamento è dato dal rapporto tra le unità prodotte e le unità totali da produrre previste contrattualmente. I metodi previsti dall OIC 23 sono sostanzialmente coincidenti con quelli individuati dal principio contabile internazionale (anche se i nomi dei metodi in parte differiscono). Esempio (metodo della percentuale di completamento) Ricavi di commessa: Costi di commessa: Stato avanzamento lavori anno 1: 40% Tempo di esecuzione: 2 anni Lavoro su ordinazione Anno 1 Anno 2 Ricavi di commessa Costi di commessa Utile di commessa Gli anticipi ricevuti dal committente (prima dello svolgimento della commessa) vanno rilevati tra le passività nello Stato patrimoniale dell appaltatore come debiti per anticipi ricevuti, mentre le fatturazioni a stato di avanzamento dei lavori (liquidati o meno dal committente) vanno imputate a Conto economico come ricavi. Tuttavia, gli anticipi e la fatturazione non necessariamente riflettono il lavoro svolto dall appaltatore, quindi a fine esercizio possono verificarsi due casi: il valore dei lavori su ordinazione risulta superiore alla fatturazione: la differenza va rilevata tra le attività come rimanenze di lavori in corso; il valore dei lavori su ordinazione è inferiore alla fatturazione: la differenza va rilevata tra le passività come debiti verso committenti. Il valore dei lavori su ordinazione è pari al totale dei costi sostenuti, più gli utili realizzati meno le eventuali perdite subite. In assenza di perdite, tale valore corrisponde ai ricavi di commessa. Le disposizioni civilistiche prevedono la classificazione dei lavori su ordinazione nello Stato patrimoniale, alla voce Attivo circolante, tra le rimanenze - lavori in corso su ordinazione e nel Conto economico alla voce Valore della produzione - variazioni dei lavori in corso su ordinazione.

6 PROVA PRATICA N. 1 LEASING E CESSIONE DI UN BENE ALLA LUCE DEGLI IAS Dopo aver descritto per quali società sono obbligatori i principi contabili internazionali, il candidato: 1) delinei brevemente i contenuti dei principi contabili internazionali sui temi considerati; 2) considerando i seguenti dati relativi ad un contratto di leasing finanziario avente ad oggetto un cespite: a) fair value b) n. rate annuali 10 c) tasso applicato 6,35% d) importo rate annuali per 9 rate e) rata dell ultimo anno ,22 f) costi stipulazione pratica g) aliquota di ammortamento 33,33% proceda alla rilevazione contabile in capo al locatario e alla determinazione dell ammortamento; 3) considerando i seguenti dati relativi alla cessione di un bene: a) prezzo di cessione b) tasso annuale 4,5% c) tasso a tre mesi 1,13% rediga le relative scritture contabili. SVOLGIMENTO Con la Legge comunitaria n. 306/2003, in applicazione del Regolamento comunitario 1606/2002, è stato stabilito l obbligo di applicazione degli IAS/IFRS ai bilanci consolidati delle società quotate emittenti strumenti finanziari diffusi tra il pubblico, assicurative e bancarie. Con il D.Lgs. 38/2005 sono state poi esercitate le opzioni concesse dalla citata L. 306/2003, secondo il seguente schema: Soggetti Società quotate (diverse dalle imprese di assicurazione) Società aventi strumenti finanziari diffusi tra il pubblico Banche italiane, società finanziarie capogruppo dei gruppi bancari iscritti nell albo, società di interme- Bilancio consolidato secondo gli IAS Obbligo dal 2005 Obbligo dal 2005 Obbligo dal 2005 Bilancio d esercizio secondo gli IAS Obbligo dal 2006 Obbligo dal 2006 Obbligo dal 2006 (Segue)

7 284 Prova III: Prova pratica diazione mobiliare, società di gestione del risparmio, società finanziarie iscritte nell albo, istituiti da moneta elettronica Imprese di assicurazione Società incluse nel bilancio consolidato redatto dalle società precedenti (diverse da quelle che possono redigere il bilancio in forma abbreviata e da quelle indicate alle lettere precedenti) Società che redigono il bilancio consolidato (diverse dalle precedenti e da quelle che possono redigere il bilancio in forma abbreviata) Società rimanenti (diverse dalle precedenti e da quelle che possono redigere il bilancio in forma abbreviata) Obbligo dal 2005 Obbligo dal 2006 (solo se non redigono il bilancio consolidato e sono quotate) (solo se esercitano la facoltà di redigere il bilancio consolidato dal 2005) (se incluse nel bilancio consolidato delle società di cui alla lettera f); in caso contrario facoltà subordinata all emanazione di un decreto del Ministero dell economia e delle finanze e del Ministero della giustizia) Sono escluse dall applicazione dei principi contabili internazionali le società che possono redigere il bilancio in forma abbreviata ai sensi dell art. 2435bis del codice civile. Anche nei confronti delle imprese che non sono tenute ad adottare i principi contabili internazionali, la Direttiva comunitaria n. 2003/51/CE ha comunque previsto un sostanziale adeguamento agli stessi. La Legge comunitaria 2004 (L. 62/ 2005) aveva, infatti, concesso al Governo diciotto mesi per effettuare una serie di modifiche alle regole sulla compilazione dei bilanci, in particolare mediante l introduzione dei principi (tipici IAS) della prevalenza della sostanza sulla forma e del fair value (vedi per esempio la previsione di un obbligo di registrare i flussi di cassa e l introduzione di un ulteriore prospetto di stato patrimoniale, basato sulla distinzione tra attività e passività di carattere corrente o non corrente). Le imprese non obbligate ad adottare gli IAS dovranno, quindi, pur sempre rispettare norme civilistiche, a loro volta determinate dalle direttive comunitarie. Da ultimo, inoltre, lo IASB ha reso noto i primi indirizzi contenenti una serie di principi contabili anche per le PMI (laddove il concetto di piccole e medie imprese si ispira comunque a un criterio di tipo qualitativo e non quantitativo). Tali principi saranno comunque oggetto di revisione ogni due anni e risulteranno sicuramente semplificati rispetto agli IAS/IFRS. L operazione di leasing trova una sua regolamentazione specifica nello IAS 17 il quale lo definisce come quel contratto mediante il quale il locatore concede al locatario, dietro pagamento di determinati importi il diritto di utilizzare il bene per un determinato periodo di tempo. Il locatario iscrive tale bene nei valori dell attivo e li assoggetta alla procedura di ammortamento.

8 Prova pratica n. 1: Leasing e cessione di un bene alla luce degli IAS 285 Sostanzialmente lo IAS 17 prevede l iscrizione in bilancio del contratto di leasing mediante il metodo finanziario, che è molto differente dal principio contabile nazionale n. 17 il quale prevede l applicazione del metodo patrimoniale. Per effetto del suddetto metodo l impresa non considera il bene come facente parte dell attivo ma come se fosse in locazione. A dire il vero sono contabilizzati i canoni di leasing nel conto economico mentre tra i conti d ordine è rilevato l impegno verso la società di leasing. Mediante il leasing finanziario tutti i rischi derivanti dal contratto si riflettono sull utilizzatore. Lo IAS 17 prevede che nella redazione dei bilanci consolidati sia utilizzato il metodo finanziario. Tale principio non si applica alle operazioni di leasing finalizzati all estrazione di minerali e al leasing di licenze, ad esempio di films. Lo IAS 17 classifica le operazioni di leasing in base al trasferimento dei rischi e benefici futuri sull utilizzatore. Tra i rischi bisogna citare il deprezzamento che negli anni può subire il bene mentre tra i benefici i profitti che possono derivare all impresa in seguito alla cessione del bene. Questo elemento si pone in netto contrasto con i principi contabili nazionali in cui la classificazione della locazione rileva solo se esiste una formula contrattuale con l opzione di riscatto del bene. A dire il vero è proprio in tale momento che secondo il principio contabile nazionale deve essere iscritto il bene nel bilancio. Più precisamente i principi contabili internazionali distinguono due tipologie di contratti di leasing: leasing finanziario; leasing operativo. Un leasing è classificato come finanziario se trasferisce al locatario, in maniera sostanziale, tutti i rischi (derivanti da capacità inutilizzata e da obsolescenza tecnologica) e i benefici (derivanti dalla proprietà del bene): inoltre, esso prevede la possibilità, e quindi non l obbligatorietà, di riscatto del bene alla scadenza. In assenza di tali circostanze, si è in presenza di un contratto di leasing operativo. Nello IAS 17 sono contenute alcune indicazioni specifiche in merito al momento in cui ci possiamo trovare dinanzi ad un contratto di leasing finanziario e precisamente: 1) concerne la locazione di terreni e fabbricati; 2) il diritto di proprietà si trasferisce alla data di scadenza contrattuale; 3) il locatario può esercitare il diritto di riscatto; 4) la durata del contratto di locazione; 5) al momento iniziale il valore attuale dei leasing è pari al fair value; 6) nel caso di risoluzione del contratto da parte del locatario è previsto che le perdite gravino su quest ultimo; 7) i beni oggetto del contratto sono così particolari che non possono essere apportate delle modifiche da parte del locatario; 8) gli utili e le perdite relative alle variazioni del fair value sono a carico del locatario;

9 286 Prova III: Prova pratica 9) alla scadenza il locatario può continuare il contratto di leasing per un altro periodo di tempo pagando un canone inferiore a quello di mercato. Relativamente alla contabilizzazione del contratto di leasing si distingue in modo separato la contabilità del locatore e quella del locatario. Nel caso in cui le situazioni suddette dovessero risultare insufficienti ai fini della classificazione, è possibile far riferimento ad ulteriori indicatori che, congiuntamente o singolarmente considerati, sono di ausilio per l individuazione del leasing finanziario. Tali sono: l assoggettamento del locatario alle perdite subite dal locatore in seguito alla risoluzione del contratto, oppure alle perdite o agli utili derivanti da mutamenti nel fair value del valore residuo; la facoltà per il locatario di continuare il contratto per un ulteriore periodo di tempo a un canone sostanzialmente inferiore a quello di mercato. Per quanto riguarda l eliminazione contabile di un bene, essa deve avvenire quando è posta in essere la sua dismissione o nel momento in cui la direzione aziendale realizza che non è ricavabile dal suo utilizzo alcun beneficio economico futuro. L eliminazione contabile porta alla realizzazione di un utile o di una perdita (plusvalenza o minusvalenza) che dovranno essere contabilizzati in modo distinto dai componenti positivi e negativi attinenti l attività tipica secondo le regole dell IFRS 5. La classificazione dovrà avvenire tra «gli altri ricavi della gestione operativa». Il ricavo della cessione dovrà essere rilevato quando la proprietà ed i rischi sono stati trasferiti all acquirente. La finalità dell IFRS 5 è quella di definire le regole di contabilizzazione delle attività non correnti possedute per la vendita e delle attività operative cessate. I beni posseduti per la vendita sono le attività non correnti o immobilizzate o i gruppi di attività che vengono ceduti unitamente alle passività direttamente correlate dando luogo alla cessione di un unità generatrice di flussi finanziari o ad una parte di essa. I beni non correnti e quelli che sono usualmente considerati come tali ma che sono stati acquisiti per la rivendita, non devono essere riclassificati nella categoria dei beni correnti fino a che non soddisfano le condizioni per essere classificati come posseduti per la vendita in base all IFRS 5. Un gruppo di beni destinato alla dismissione può ricomprendere qualsiasi attività o passività, compresi i beni che sono esclusi espressamente dal campo di applicazione del documento contabile in esame. Tuttavia, nel caso sia presente nel gruppo un cespite soggetto alle regole dell IFRS 5, tutto il gruppo dovrà essere trattato secondo le regole contabili in esame. Al fine del corretto trattamento contabile dell operazione di leasing, è necessario distinguere la quota capitale e interessi ricompresa nei canoni annuali. Come si evince dalla tabella, il valore attualizzato dei canoni è pari al costo di acquisto del bene sostenuto dal locatore.

10 Prova pratica n. 1: Leasing e cessione di un bene alla luce degli IAS 287 Anni (n) Fair value Interessi Pagamenti Quota Capitale n n Valore del bene passivi minimi (a) capitale residuo v = ( 1+i) attuale rate rimborsata ( a v n ) , , , , ,50 0, , , , , , ,15 0, , , , , , ,11 0, , , , , , ,79 0, , , , , , ,73 0, , , , , , ,39 0, , , , , , ,94 0, , , , , , ,08 0, , , , , , ,82 0, , ,82 704, , ,82 0, ,89 Totale , , , ,00 La rilevazione iniziale è: Immobilizzazioni materiali Debiti v/società di leasing Debiti v/società leasing costi stipulazione contratto Successivamente alla rilevazione iniziale i pagamenti minimi dovranno essere distinti tra quota diretta al rimborso del capitale e quota imputata al pagamento degli oneri finanziari: Debiti v/società di leasing ,50 Oneri finanziari 8.572,50 IVA a credito 3.840,00 Banca c/c ,00 Gli eventuali canoni potenziali di leasing dovranno essere rilevati negli esercizi di sostenimento. Il valore del bene iscritto all attivo di Stato patrimoniale dovrà essere sottoposto a processo di ammortamento coerente con quello applicato ai beni di proprietà. Si tenga presente che ai beni strumentali acquisiti in leasing è applicabile lo IAS 16 e, quindi, può essere iscritto al costo o al valore rivalutato. Inoltre, sullo stesso dovrà essere fatto il test di impairment di cui allo IAS 36. Nel caso in cui non sussista la ragionevole certezza dell acquisizione del bene al termine del contratto, lo stesso dovrà essere ammortizzato nel periodo più breve tra la sua vita utile e la durata del contratto. Conseguentemente, nel Conto economico compariranno la quota di ammortamento e la parte attribuibile agli oneri finanziari del canone di leasing. A fine esercizio nel Conto economico compariranno la quota di ammortamento e gli oneri finanziari. Relativamente all ammortamento, si deve fare la seguente rilevazione: Ammortamento ,50 Fondo ammortamento ,50

11 288 Prova III: Prova pratica La differenza tra le quote di ammortamento ed i canoni deducibili darà origine alla rilevazione della fiscalità differita passiva o anticipata, come illustrato nella seguente tabella. Anni (n) Quota di Interessi Pagamenti Quota Differenza Fondo Imposte Utilizzo ammorta- passivi (b) minimi capitale non deducibile imposte anticipate fiscalità mento (6,35%) rimborsata nell esercizio* differite differita , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,08 Totale , , , , , ,14 Relativamente alla fiscalità differita, la rilevazione è la seguente: Attività per imposte anticipate ,08 Imposte anticipate ,08 Procediamo adesso alla redazione delle scritture contabili relativamente all ipotesi della cessione di un bene. Procedendo con l attualizzazione del prezzo a tre mesi si otterrà il prezzo attuale: ( 1+ 1, 13% ) = La differenza, pari a 99, dovrà essere contabilizzata come un interesse attivo. Avremo, quindi, la seguente rilevazione: Banca Altri ricavi Banca 99 Interessi attivi 9

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Documento N. 23 della Commissione per la Statuizione dei Principi Contabili SOMMARIO: SCOPO E CONTENUTO DI QUESTO DOCUMENTO. LA CONTABILIZZAZIONE DEI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Matteo Pozzoli Premessa: La presente dispensa è specificamente indirizzata agli studenti del corso di Contabilità e Bilancio per i percorsi MII e

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC OIC 3 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI DA INCLUDERE NELLA NOTA INTEGRATIVA E NELLA RELAZIONE SULLA GESTIONE (ARTT. 2427-BIS E 2428, COMMA 2, N. 6-BIS C.C.) Marzo 2006 PRESENTAZIONE L Organismo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli