Pez Infanzia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "--------------------------------------------------- Pez Infanzia ---------------------------------------------------"

Transcript

1 ANAGRAFICA Struttura: SETTORE SOCIO-CULTURALE E SCOLASTICO Indirizzo: PIAZZA DEL MUNICIPIO, 5 CAP: Comune ufficio: Responsabile progetto: Incisa in Val d'arno ELISABETTA BARGILLI Codice Fiscale: IBAN: IT31G C01 Codice conto Tesoreria unica: Referente: ELISABETTA BARGILLI Telefono: Fax: Pez Infanzia Note relative a PEZ Infanzia

2 1. Sostenere, sviluppare, qualificare e consolidare il sistema dei servizi per la prima infanzia (0-3 anni) Descrizione del contesto e dei principali elementi costitutivi del progetto Le motivazioni che determinano l'intervento sono volte a sostenere due azionidel sistema dei servizi alla prima infanzia: A)- la gestione ordinaria dell'unico servizio di nido d'infanzia comunale denominato "Chicchirullò", nel periodo settembre - giugno, al fine di abbattere la spesa corrente per la gestione in forma diretta di tale servizio; B)- la copertura del costo del servizio integrativo denominato "Nido Insieme: opportunità per crescere e costruire", presso il nido d'infanzia comunale, nel periodo di sospensione del funzionamento annuale dello stesso, ovvero nel mese di luglio. Quest'ultimo servizio è rivolto anche ai bambini della fascia d'età 3-6 anni, ma nello specifico sarà estrapolato per la presentazione del progetto solo quanto rivolto ai bambini in età 0-3 anni. 1.a. Contribuire alla gestione diretta/indiretta ordinaria dei servizi comunali e sostenerne la domanda Descrizione dei principali elementi costitutivi del progetto: I nidi d'infanzia risultano generalmente servizi che comportano un costo importante finalizzato al proprio funzionamento e che vede nello specifico l'amministrazione Comunale quale soggetto impegnato in prima persona per far fronte a tali costi. Pertanto il progetto è finalizzato all'abbattimento della spesa corrente comunale per la gestione del servizio di nido d'infanzia "Chicchirullò" (periodo: settembre-giugno), che viene effettuata in forma diretta sia per quanto riguarda il personale educativo, sia per la gestione della ristorazione. 1.a. 1 contributi per la copertura della spesa corrente per il funzionamento di servizi gestiti direttamente o indirettamente (nota: per costo complessivo dell'attività si intende il costo effettivo totale - budget totale - del servizio/i interessati dalle risorse PEZ ) (tutti gli indicatori sotto riportati sono riferiti alle risorse PEZ destinate per questa attività ): costo complessivo dell'attività di cui risorse PEZ destinate

3 Altri comuni/unioni di comuni partecipanti oltre al comune proponente (con le risorse PEZ destinate per questa attività) Numero bambini coinvolti (anno educativo) Numero servizi coinvolti (anno educativo) Nidi d'infanzia Servizi integrativi Totale Elenco Servizi Prima Infanzia SERVIZIO RISORSE 1.A.1 "Asilo nido comunale "Chicchirullo`" / PIAZZA MALGRAT DE MAR / Incisa in Val d'arno / FI / Nido d'infanzia " e. Integrare i servizi nei periodi di sospensione 1.e. 1 attività a copertura del periodo di sospensione del funzionamento annuale del nido (mesi estivi, natale, pasqua) Descrizione : Il progetto "Nido Insieme: opportunità per crescere e costruire" rappresenta la risposta alla richiesta di molti genitori nel supporto per la gestione del tempo libero dei propri figli, e nello specifico il periodo estivo coincidente con la sospensione dei servizi educativi e scolastici. Tale necessità di sostegno alla genitorialità si associa alla possibilità per i bambini di effettuare molteplici attività laboratoriali strutturate in un ambiente idoneo, quale quello del nido d'infanzia che lo accoglie. E' un progetto rivolto a 45 bambini della fascia d'età 3-6 anni, ma nello specifico sarà estrapolata la sola parte rivolta ai bambini in età 0-3 anni. (nota: per costo complessivo dell'attività si intende il costo effettivo totale - budget totale - del servizio/i interessati dalle risorse PEZ ) (tutti gli indicatori sotto riportati sono riferiti alle risorse PEZ destinate per questa attività ):

4 costo complessivo dell'attività di cui risorse PEZ destinate Altri comuni/unioni di comuni partecipanti oltre al comune proponente periodo : (con le risorse PEZ destinate per questa attività ): mesi estivi Natale-Pasqua (con le risorse PEZ destinate per questa attività) numero servizi coinvolti (anno educativo) Numero giorni coperti (numero giorni aggiuntivi annui) Numero bambini coinvolti (anno educativo) Nidi d'infanzia Servizi integrativi Totale Elenco Servizi Prima Infanzia SERVIZIO ATTIVITÀ 1 E 1 Nido insieme: opportunita` per crescere e costruire / PIAZZA MALGRAT DE MAR / Incisa in Val d'arno / FI / Centro Zerosei P.E.Z. Età Scolare

5 Note relative a PEZ Età Scolare 1. Prevenire e contrastare la dispersione scolastica Descrizione del contesto e dei principali elementi costitutivi del progetto Dall'a.s. 2012/13 è operativo l'istituto Comprensivo Rignano-Incisa come evoluzione organizzativa della precedente organizzazione scolastica che includeva le scuole coinvolte nel progetto. L'I.C. incide sui territori dei due Comuni coinvolti (Rignano sull'arno e Incisa in Val d'arno)omogenei rispetti al contesto socio-economico e demografico. L'analisi svolta attraverso il profilo di comunità individua in riferimento a questa azione le seguenti criticità: -aumentata criticità dell'inserimento scolastico degli alunni disabili a causa della diminuzione delle risorse disponibili; -forte incremento della popolazione straniera in entrambi i Comuni, con conseguenti aumentate necessità di azioni per l'integrazione culturale; -incremento di situazioni di disagio dovute a condizioni problematiche a livello socio-economico e/o di relazioni familiari complesse. L'obiettivo del progetto denominato, Tutti x 1, 1 x tutti psicomotricità e giochi di movimento tra abilità fisica e diverse tradizioni, che si declina in tre azioni distinte, include al suo interno varie attività rivolte alle classi 1 e 2 delle scuole primarie afferenti all'i.c., ma funzionali a supportare gli alunni con difficoltà e la loro inclusione nel gruppo. 1.a. Promuovere l'inclusione scolastica degli alunni disabili Descrizione L'intervento è rivolto alle classi 1 della scuola primaria Petrarca con ridotto orario di supporto individuale agli alunni disabili e quindi con difficoltà di inserimento degli stessi all'interno del gruppo classe. 1.a.1 attività laboratoriali in orario scolastico o extrascolastico (quali: peer education, psicomotricità, musico/danza/arte/ippo/pet-terapia, ceramica, alimentazione, espressività..) (descrizione: (compilazione obbligatoria) (tipologia e caratteristiche laboratori, modalità organizzative, ruolo soggetti partner/attuatori, temi affrontati, metodologie, localizzazione)-

6 Caratterizzano i laboratori il perseguimento dei seguenti obiettivi: -promuovere lo sviluppo integrale della persona con la consapevolezza di sé e dell'altro; -educare alla solidarietà, all'accoglienza e al rispetto della diversità intesa come valore positivo; -favorire lo star bene a scuola e favorire il benessere degli alunni; -favorire la capacità del gruppo di prendersi cura della diversità come prevenzione alla dispersione scolastica. Tali finalità saranno realizzate con attività svolte all'interno di laboratori inseriti nell'orario scolastico curriculare della classe 1 della scuola primaria Petrarca con il relativo docente, presso lo stesso plesso scolastico, un giorno la settimana per l'intera durata dell'anno scolastico. La gestione operativa è affidata in accordo con l'i.c. (previo protocollo d'intesa) ai docenti della Società Italiana di Educazione Fisica. Inoltre l'intervento si caratterizza come progetto in continuità con attività similari già svolte negli scorsi anni scolastici con le stesse finalità. Saranno affrontati temi relativi a: -capacità di orientamento, -esercizi di schema corporeo per sviluppare i punti di forza del singolo, -schemi posturali dinamici semplici, -giochi di gruppo per stimolare la solidarietà ed il riconoscimento delle diverse abilità di ognuno. costo complessivo dell'attività di cui risorse PEZ destinate Altri comuni/unioni di comuni partecipanti oltre al comune proponente Comune di Rignano sull'arno Attività realizzate in orario scolastico in orario extrascolastico Luogo di realizzazione scuola centri comunali altro Risorse PEZ destinate per questa attività: (con le risorse PEZ destinate per questa attività) infanzia primaria secondaria 1 grado secondaria 2 grado Numero laboratori Numero ore di laboratorio Totale

7 Numero allievi Numero classi Risorse (Euro) Risorse per Tipologia di spese ammissibili: Tipologia di spesa Risorse per tipologia di spese ammissibili Personale Forniture/Ser vizi Funzionamento/Gest ione Totale Elenco Plessi PLESSO RISORSE ATTIVITÀ 1 A 1 INCISA / SCUOLA PRIMO GRADO / PIAZZA PETRARCA 2 / INCISA IN VAL D'ARNO / Firenze / FIMM / b. Promuovere l'inclusione scolastica degli alunni con diversità di lingua e cultura di provenienza Descrizione : L'intervento è rivolto alle classi 1 e 2 delle scuole primarie Petrarca e di Massa con alto numero di alunni stranieri e quindi con difficoltà di inserimento degli stessi all'interno del gruppo classe. 1.b.1 attività laboratoriali in orario scolastico o extrascolastico finalizzate all intercultura (su temi quali letteratura, cibo, tradizioni, musica, teatro..) descrizione: (compilazione obbligatoria) (tipologia e caratteristiche laboratori, modalità organizzative, ruolo soggetti partner/attuatori, temi affrontati, metodologie, localizzazione) Caratterizzano i laboratori il raggiungimento dei seguenti obiettivi: -promuovere lo sviluppo integrale della persona con la consapevolezza di sé e dell'altro e del proprio ruolo; -educare alla solidarietà, all'accoglienza e al rispetto della diversità intesa come valore positivo; -favorire lo star bene a scuola e favorire il benessere degli alunni; -favorire l'incontro fra culture; -favorire la capacità del gruppo di prendersi cura della diversità come prevenzione alla dispersione scolastica. Tali finalità saranno realizzate

8 con attività svolte all'interno di laboratori inseriti nell'orario scolastico curriculare delle classi 1 e 2 delle scuole primarie Petrarca e di Massa con i relativi docenti, presso il plesso scolastico Petrarca, un giorno la settimana per l'intera durata dell'anno scolastico. La gestione operativa è affidata in accordo con l'i.c. (previo protocollo d'intesa) ai docenti della Società Italiana di Educazione Fisica. Inoltre l'intervento si caratterizza come progetto in continuità con attività similari già svolte negli scorsi anni scolastici con le stesse finalità. Saranno affrontati temi relativi a: -esercizio di conoscenza per creare un clima relazionale orientato verso l'ascolto e la valorizzazione di ognuno, -giochi delle diverse tradizioni culturali, -coinvolgimento dei genitori nella narrazione dei vissuti legati al gioco nei diversi Paesi di provenienza, -riconoscimento di giochi comuni a più culture, -meticciamento dei giochi di gruppo. costo complessivo dell'attività di cui risorse PEZ destinate Altri comuni/unioni di comuni partecipanti oltre al comune proponente Attività realizzate in orario scolastico in orario extrascolastico Luogo di realizzazione scuola centri comunali altro (con le risorse PEZ destinate per questa attività) infanzia primaria secondaria 1 grado secondaria 2 grado Numero laboratori Numero ore di laboratorio Numero allievi Numero classi Totale Risorse (Euro)

9 Risorse per Tipologia di spese ammissibili: Tipologia di spesa Risorse per tipologia di spese ammissibili Elenco Plessi Personale Forniture/Ser vizi Funzionamento/Gest ione Totale PLESSO RISORSE ATTIVITÀ 1 B 1 INCISA / SCUOLA PRIMO GRADO / PIAZZA PETRARCA 2 / INCISA IN VAL D'ARNO / Firenze / FIMM / c Promuovere iniziative di contrasto al disagio scolastico di tipo sociale, economico, comportamentale Descrizione (compilazione obbligatoria) L'intervento vuole agire in funzione della prevenzione di potenziali disagi derivanti da situazioni problematiche a livello socio-economico e/o di relazioni familiari complesse ed è rivolto alle classi 2 della scuola primaria Petrarca. 1.c.1 attività laboratoriali in orario scolastico o extrascolastico descrizione: (tipologia e caratteristiche laboratori, modalità organizzative, ruolo soggetti partner/attuatori, temi affrontati, metodologie, localizzazione) (compilazione obbligatoria) Caratterizzano i laboratori il perseguimento dei seguenti obiettivi: -costruire l'identità come consapevolezza del proprio corpo, della propria personalità e del proprio stare con gli altri, -superare l'ogocentrismo e cogliere gli altri punti di vista, -sperimentare il piacere della condivisione e le difficoltà dei primi conflitti, -favorire lo star bene a scuola e favorire il benessere degli alunni; -favorire la capacità del gruppo di prendersi cura del singolo come prevenzione alla dispersione scolastica. Tali finalità saranno realizzate con attività svolte all'interno di laboratori inseriti nell'orario scolastico curriculare delle classi 2 della scuola primaria Petrarca con i relativi docenti, presso lo stesso plesso scolastico, un giorno la settimana per l'intera durata dell'anno scolastico. La gestione operativa è affidata in accordo con l'i.c. (previo protocollo d'intesa) ai docenti della Società Italiana di Educazione Fisica. Inoltre l'intervento si caratterizza come progetto in continuità con attività similari già svolte

10 negli scorsi anni scolastici con le stesse finalità. Saranno affrontati temi relativi a: -esercizio di conoscenza per creare un clima relazionale orientato verso l'ascolto e la valorizzazione di ognuno, -giochi di squadra, -ginnastica respiratoria e di rilassamento come contrasto ad eventuali predisposizioni all'iperattività, -giochi di gruppo per migliorare la coesione e l'empatia tra gli alunni. costo complessivo dell'attività di cui risorse PEZ destinate Altri comuni/unioni di comuni partecipanti oltre al comune proponente Comune di Rignano sull'arno Attività realizzate in orario scolastico in orario extrascolastico Luogo di realizzazione scuola centri comunali altro (con le risorse PEZ destinate per questa attività) infanzia primaria secondaria 1 grado secondaria 2 grado Numero laboratori Numero ore di laboratorio Numero allievi Numero classi Totale Risorse (Euro) Risorse per Tipologia di spese ammissibili: Tipologia di spesa Risorse per tipologia di spese ammissibili Personale Forniture/Ser vizi Funzionamento/Gest ione Totale

11 Elenco Plessi PLESSO RISORSE ATTIVITÀ 1 C 1 INCISA / SCUOLA PRIMO GRADO / PIAZZA PETRARCA 2 / INCISA IN VAL D'ARNO / Firenze / FIMM / Promuovere esperienze educative e di socializzazione durante i periodi di sospensione del tempo scuola. 2. c attività integrative in orario extrascolastico a carattere educativo/ludico/ricreativo da realizzarsi nei locali scolastici o in altri spazi descrizione (tipologia e caratteristiche attività, soggetti partner/attuatori, localizzazione, periodo di svolgimento) (compilazione obbligatoria) L'attività integrativa in orario extrascolastico a carettere educativo sarà realizzata presso la scuola primaria Petrarca, nei giorni di non attività scolastica, ma ad integrazione della stessa, al pomeriggio, nel periodo settembre-giugno, con l'intento di offrire un luogo protetto e stimolante per esperienze di aggregazione, nuove opportunità, volte a favorire la creatività di ognuno. L'attuazione del progetto sarà realizzata da un soggetto esterno. Caratterizzano i laboratori il perseguimento dei seguenti obiettivi: -offrire opportunità di socializzazione, aggregazione e scambio fra i ragazzi; -valorizzare le capacità individuali; -diffondere opportunità di gioco nuove volte a stimolare la creatività di ognuno; -offrire alle famiglie un intervento di qualità mirato all impegno del tempo libero dei propri figli. costo complessivo dell'attività di cui risorse PEZ destinate Altri comuni/unioni di comuni partecipanti oltre al comune proponente Tipologie ludoteche

12 attività tempo libero adolescenti servizio integrativo pomeridiano altro (tutti i valori degli indicatori sotto riportati sono riferiti alle risorse PEZ destinate per questa attività) (con le risorse PEZ destinate per questa attività) infanzia primaria secondaria 1 grado secondaria 2 grado Numero destinatari Totale Risorse (euro) Elenco Plessi PLESSO RISORSE ATTIVITÀ 2 C INCISA / SCUOLA PRIMO GRADO / PIAZZA PETRARCA 2 / INCISA IN VAL D'ARNO / Firenze / FIMM / Attività trasversali e Prodotti realizzati con il Pez Attività trasversali e Prodotti realizzati con il Pez risorse destinate dai finanziamenti P.E.Z. Infanzia: euro 0.00 risorse destinate dai finanziamenti P.E.Z. Età scolare: euro 0.00 costo complessivo delle attività trasversali relative all'infanzia : euro 0.00

13 costo complessivo delle attività trasversali relative all'età scolare : euro 0.00 Altri comuni/unioni di comuni partecipanti oltre al comune proponente Descrizione (caratteristiche attività, modalità di realizzazione) (compilazione obbligatoria) Tipologia (selezionare una o più attività realizzate dal comune/unione di comuni in riferimento al complesso del P.E.Z. o alla propria misura) progettazione coordinamento monitoraggio valutazione dei risultati documentazione ricerca

14 Prodotti realizzati in relazione a tutto il P.E.Z (nota: inserire solo valori numerici interi) (con le risorse PEZ destinate per questa attività) PEZ INFANZIA Numero siti web 0 0 Numero mostre 0 0 Numero pubblicazioni 0 0 Numero depliant 0 0 Numero dvd 0 0 Numero video 0 0 Altro 0 0 PEZ ETA' SCOLARE Specificare altro Riepilogo finanziario P.E.Z. Infanzia (0-6) 1.a.1. contributi per la copertura inerente la spesa corrente per il funzionamento di servizi gestiti direttamente o indirettamente Risorse PEZ Costo complessivo a.2. coordinamento pedagogico comunale 1.a.3. buoni servizio e/o voucher Totale 1.a Contribuire alla gestione diretta/indiretta ordinaria dei servizi comunali e sostenerne la domanda b.1 buoni servizio e/o voucher 1.b.2 Acquisto posti tramite stipula di convenzioni Totale 1.b. Sostenere i servizi educativi per la prima infanzia accreditati pubblici non comunali e privati 1.c.1 Ampliamento dell'orario di funzionamento 1.c.2 Incremento del numero dei bambini (sia all'interno di servizi esistenti, sia in servizi di nuova attivazione)

15 Risorse PEZ Costo complessivo Totale 1.c. Ampliare l'offerta dei servizi comunali 1.d.1. attivazione/potenziamento del personale integrativo di sostegno al gruppo 1.d.2. attività rivolte ai bambini, anche con il coinvolgimento delle famiglie Totale 1.d. Sostenere bambini con bisogni educativo speciali (bambini con certificazione della ASL o comunque valutati congiuntamente da coordinamento pedagogico e/o ASL) 1.e.1 attività a copertura del periodo di sospensione del funzionamento annuale del nido (mesi estivi, natale, pasqua) Totale 1.e. Integrare servizi nei periodi di sospensione Totale 1. Sostenere, sviluppare, qualificare e consolidare il sistema dei servizi per la prima infanzia a.1. Laboratori di attività con la presenza dei genitori 2.a.2 Percorsi di educazione familiare 2.a.3 Incontri a tema Totale 2.a. Sostenere la genitorialità 2.b.1. Incontri di progettazione tra insegnanti ed educatori 2.b.2 Progetti di continuità che coinvolgono i bambini del nido e della scuola dell'infanzia Totale 2.b. Promuovere iniziative condivise per bambini e/o insegnanti/educatori del nido e della scuola dell'infanzia Totale 2. Promuovere la continuità educativa orizzontale e verticale 3.a.1 consolidamento e potenziamento del Coordinamento pedagogico zonale Totale 3.a. Consolidamento del coordinamento gestionale e pedagogico zonale 3.b.1 formazione congiunta per educatori dei servizi per la prima infanzia e insegnanti della scuola dell'infanzia. 3.b.2 formazione per educatori dei servizi per la prima infanzia 3.b.3 formazione finalizzata alla costituzione di un elenco comunale degli educatori. (per prestazioni di tipo privato) Totale 3.b Promuovere iniziative di formazione progettate a livello comunale o dal coordinamento zonale Totale 3. Rafforzare e potenziare il Sistema a livello locale attraverso gli strumenti del coordinamento gestionale e pedagogico zonale e della formazione del personale Attività trasversali Totale PEZ INFANZIA

16 Riepilogo finanziario P.E.Z. Età Scolare 1.a.1. attività laboratoriali in orario scolastico o extrascolastico (quali: peer education, psicomotricità, musico/danza/arte/ippo/pet-terapia, ceramica, alimentazione, espressività..) Risorse PEZ Costo complessivo a.2. attività didattica d'aula in compresenza 1.a.3. Attività di supporto/recupero disciplinare 1.a.4 attività per la predisposizione/documentazione di progetti educativi 1.a.5 attività di supporto alla genitorialità 1.a.6 attività di formazione/aggiornamento/tutoraggio/ consulenza per docenti e/o operatori (personale ATA, mediatori, referenti comunali e zonali). Totale 1.a. Promuovere l'inclusione scolastica degli alunni disabili b.1. attività laboratoriali in orario scolastico o extrascolastico finalizzate all'intercultura (su temi quali letteratura, cibo, tradizioni, musica, teatro..) 1.b.2. attività didattica d'aula in compresenza per l'apprendimento della lingua italiana L2 1.b.3. Attività di supporto/recupero disciplinare per l'apprendimento della lingua italiana L2 1.b.4. attività per la predisposizione/documentazione di progetti educativi b.5. attività di supporto alla genitorialità 1.b.6 attività di formazione/aggiornamento/tutoraggio/ consulenza per docenti e/o operatori (personale ATA,mediatori, referenti comunali e zonali) Totale 1.b. Promuovere l'inclusione scolastica degli alunni con diversità di lingua e cultura di provenienza c.1. attività laboratoriali in orario scolastico o extrascolastico c.2. attività didattica d'aula in compresenza 1.c.3. Attività di supporto/recupero

17 1.c.4. attività per la predisposizione/documentazione di progetti educativi Risorse PEZ Costo complessivo 1.c.5. attività di supporto alla genitorialità 1.c.6 attività di formazione/aggiornamento/tutoraggio/ consulenza per docenti e/o operatori (personale ATA,mediatori, referenti comunali e zonali) Totale 1.c. Promuovere iniziative di contrasto al disagio scolastico di tipo sociale, economico,comportamentale Totale 1. Promuovere l'inclusione scolastica per disabili e stranieri a attività a copertura del periodo di sospensione della scuola durante i mesi estivi (non residenziali quali centri estivi, campi solari) 2.b attività a carattere residenziale (soggiorni estivi): 2.c. attività integrative in orario extrascolastico finalizzate al supporto/recupero disciplinare e a carattere ludico/ricreativo, da realizzarsi nei locali scolastici o in altri spazi: Totale 2. Promuovere esperienze educative e di socializzazione durante i periodi di sospensione del tempo scuola Attività trasversali Totale PEZ età scolare PEZ - QUADRO FINANZIARIO QUADRO FINANZIARIO P.E.Z. Importo (euro) Finanziamento Regione Toscana (riferito al comune/unione di comuni per la misura di propria competenza nell'ambito del P.E.Z. Infanzia, corrispondente all'importo del finanziamento richiesto) Infanzia Età scolare Finanziamento Provincia Finanziamento Comune/Unione di comuni proponente Finanziamento altri Comuni/Unioni di comuni partecipanti Finanziamento soggetti gestori

18 Finanziamento istituzioni scolastiche Contributi famiglie Finanziamento altri* Costo complessivo * se Finanziamenti altri (Infanzia) specificare * se Finanziamenti altri (Età scolare) specificare Stato formulario Iniziato: Si Finito: Si Validato: Si Data di compilazione: 02/07/2013

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA TERRITORIALE 2013-2014 ZONA LIVORNESE

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA TERRITORIALE 2013-2014 ZONA LIVORNESE PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA TERRITORIALE 2013-2014 ZONA LIVORNESE CAPRAIA ISOLA COLLESALVETTI LIVORNO ZONA LIVORNESE INFANZIA Comuni Servizi pubblici Servizi privati N.servizi totale Popolazione 3-36

Dettagli

--------------------------------------------------- Pez Infanzia ---------------------------------------------------

--------------------------------------------------- Pez Infanzia --------------------------------------------------- ANAGRAFICA Struttura: comune di impruneta-ufficio socio-educativo Indirizzo: p.zza Buondelmonti, 41 CAP: 50023 Comune ufficio: Responsabile progetto: Impruneta mannucci anna Codice Fiscale: 80011430487

Dettagli

PROGETTO DI INTEGRAZIONE E RECUPERO SCOLASTICO

PROGETTO DI INTEGRAZIONE E RECUPERO SCOLASTICO in collaborazione con il Comune di Gubbio, la Caritas Diocesana, con il contributo del M.I.U.R.(Art.9 del C.C.N.L.Comparto Scuola 2002/2005) e della Regione Umbria, L.R.18/90. PROGETTO DI INTEGRAZIONE

Dettagli

PIANO DI INCLUSIONE SCOLASTICA

PIANO DI INCLUSIONE SCOLASTICA PIANO DI INCLUSIONE SCOLASTICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SIGNA PREMESSA L istruzione è un elemento indispensabile per qualunque società, perché costituisce la via d accesso a una piena integrazione. L istruzione

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Piano Educativo Zonale (P.E.Z.)

Piano Educativo Zonale (P.E.Z.) Piano Educativo Zonale (P.E.Z.) E finalizzato a realizzare interventi e attività sul territorio, in relazione all età dei destinatari: Infanzia 0-6 anni: Attività rivolte ai/lle bambini/e in età 0-6 anni

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

B. Risorse professionali specifiche Prevalentemente utilizzate in Sì / No Insegnanti di sostegno Attività individualizzate e di.

B. Risorse professionali specifiche Prevalentemente utilizzate in Sì / No Insegnanti di sostegno Attività individualizzate e di. Istituto Comprensivo Statale di Gavirate a.s._2013/14 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

LE RETI LA COOPERAZIONE CON IL TERRITORIO

LE RETI LA COOPERAZIONE CON IL TERRITORIO LE RETI LA COOPERAZIONE CON IL TERRITORIO Le Reti favoriscono meccanismi di scambio finalizzati alla cooperazione con il territorio, con le altre agenzie formative e le strutture amministrative attraverso

Dettagli

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Progetto A.M.I.C.O. Azioni Metodologiche ed Iniziative per la Cooperazione aa.ss. 2014/2015 Sede/i di realizzazione del progetto: Plessi di scuola primaria della

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M.

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 e-mail: caee033002@istruzione.it pec: caee033002@pec.istruzione.it

Dettagli

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE L associazione sportiva dilettantistica BIMBI ALLA RISCOSSA promuove la divulgazione dello sport in genere, attività didattiche, ludiche e

Dettagli

Via Lovati, 33 27100 PAVIA - ITALIA. melograno90@hotmail.com, melogran90@pec.it www.il-melograno.eu

Via Lovati, 33 27100 PAVIA - ITALIA. melograno90@hotmail.com, melogran90@pec.it www.il-melograno.eu INFORMAZIONI RELATIVE ALL ASSOCIAZIONE Nome Indirizzo IL MELOGRANO Via Lovati, 33 27100 PAVIA - ITALIA Telefono Fisso 0382-527987 cell 3335288370 Fax 0382-527987 E-mail Sito Web melograno90@hotmail.com,

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

Relazione del Dirigente Scolastico al Consiglio di Istituto ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Relazione del Dirigente Scolastico al Consiglio di Istituto ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Relazione del Dirigente Scolastico al Consiglio di Istituto ANNO SCOLASTICO 2014/2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto l art. 25 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; visto l art. 10 del decreto

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RAFFAELLO. Attività finalizzate a promuovere l inclusione scolastica degli alunni disabili SCHEDA PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO RAFFAELLO. Attività finalizzate a promuovere l inclusione scolastica degli alunni disabili SCHEDA PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO RAFFAELLO Via Calamandrei tel. e fax 0573 28786 51100 Pistoia e.mail : ptic810005@istruzione.it sito web : www.icraffaellopt.gov.it PROGETTI EDUCATIVI ZONA PISTOIESE PEZ SCUOLA (3-18

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: EOS Interventi di

Dettagli

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2010-2011. AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Art. 9 CCNL Comparto Scuola 2006/09

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2010-2011. AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Art. 9 CCNL Comparto Scuola 2006/09 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOSCANINI Piazza Trattati di Roma 1957 n.5-21011 CASORATE SEMPIONE (VA) Tel.0331/296182 Fax 0331/295563 E-mail: comprensivocasoratebesnate@ictoscanini.it PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Istruzione e programmazione socio educativa

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Istruzione e programmazione socio educativa PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Istruzione e programmazione socio educativa SCHEDA PROGETTO DI QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA EDUCATIVA SCUOLA DELL INFANZIA (0-6 ANNI) ANNO FINANZIARIO 2014 1. NOTIZIE DI CARATTERE

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI CATALOGO SERVIZI A.S. 2015/2016 PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI Il Centro Primi Passi (d ora in poi PP) nasce nel 1996 nel quadro di un progetto della Uisp nazionale dedicato allo sviluppo delle abilità

Dettagli

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s.

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s. ' ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 1 DI PORTO SANT ELPIDIO Via Fontanella, 2 PORTO SANT ELPIDIO (FM) Tel. 0734/992287 - C.F. 90055060447 e-mail:apic83600e@istruzione.it Fax : 0734/801181 URL:www. primocircolopse.it/isc1pse

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM

ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM PATATRAC Società Cooperativa Sociale a R.L. ONLUS è una cooperativa sociale di tipo A, che realizza il proprio scopo attraverso la gestione di servizi sociali, educativi e

Dettagli

Titolo Giovani per le politiche educative e la promozione culturale negli enti locali

Titolo Giovani per le politiche educative e la promozione culturale negli enti locali Allegato C Scheda progetto ENTE Denominazione ANCI Lombardia Città MILANO Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121 Codice di accreditamento NZ00504 Iscrizione all albo regionale ALBO REGIONALE REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori comune di trieste area educazione università ricerca cultura e sport servizi educativi integrati e politiche giovanili ufficio qualità dei servizi, formazione pedagogica e partecipazione Progetto Spazi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Istituto Comprensivo "SAN GIULIO" a.s.2015 /2016

Istituto Comprensivo SAN GIULIO a.s.2015 /2016 Istituto Comprensivo "SAN GIULIO" a.s.2015 /2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

I principali servizi educativi gestiti direttamente dal comune sono i nidi, le scuole dell infanzia e i ricreatori.

I principali servizi educativi gestiti direttamente dal comune sono i nidi, le scuole dell infanzia e i ricreatori. I Servizi Educativi del Comune di Trieste rappresentano una tradizione storica, un patrimonio di tradizione culturale di cui la città e le famiglie vanno orgogliose. Un patrimonio storico che negli anni

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA INTEGRATA TERRITORIALE anno scolastico 2015-2016

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA INTEGRATA TERRITORIALE anno scolastico 2015-2016 Allegato 1 LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA INTEGRATA TERRITORIALE anno scolastico 2015-2016 1. PREMESSA Promuovere i percorsi di sviluppo personale, culturale e formativo dei

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

Nuovi strumenti e metodologie di intervento con minori e adolescenti: il coaching

Nuovi strumenti e metodologie di intervento con minori e adolescenti: il coaching Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: 39 Caratteristiche del percorso formativo Nuovi strumenti e metodologie di intervento

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

TUTTI AL CENTRO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. Titolo del progetto: TUTTI AL CENTRO

TUTTI AL CENTRO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. Titolo del progetto: TUTTI AL CENTRO TUTTI AL CENTRO ABSTRACT DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE Titolo del progetto: TUTTI AL CENTRO Settore di intervento del progetto: Area di intervento: generale Settore specifico di intervento

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

1.A. PROMUOVERE L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI.1.A.3. OBIETTIVI GENERALI

1.A. PROMUOVERE L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI.1.A.3. OBIETTIVI GENERALI PER UNA SCUOLA MIGLIORE PIANO EDUCATIVO ZONALE 2015/2016 REFERENTE PEZ - CAROSI LUCIA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI - CAI LUCIA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERII -

Dettagli

Questionario PAI Personale Scolastico

Questionario PAI Personale Scolastico Questionario PAI Personale Scolastico La paziente e partecipata analisi del contesto locale porta ad evidenziare punti di vista diversi che possono generare ipotesi risolutive di problemi. Per questo motivo

Dettagli

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero. Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764 E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.it Progetto a.s.2013/2014 Funzioni Strumentali Area 3 CONTINUITA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA INTEGRATA TERRITORIALE anno scolastico 2014-2015

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA INTEGRATA TERRITORIALE anno scolastico 2014-2015 Allegato 1 LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA INTEGRATA TERRITORIALE anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA Promuovere i percorsi di sviluppo personale, culturale e formativo dei

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Pensare le difficoltà, il disagio, lo svantaggio la disabilità

Pensare le difficoltà, il disagio, lo svantaggio la disabilità Pensare le difficoltà, il disagio, lo svantaggio la disabilità MOTIVAZIONI DEL PROGETTO La scuola in quanto agenzia educativa è l Istituzione che deve farsi garante del diritto all educazione e al successo

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno:

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Comune sede progetto: Bariano AT n. 14 - Romano di Lombardia Progetto: Progetto "Media Dispersione" di Bariano Sede presso Oratorio di Bariano Via don Luigi Paganessi 6/P Tel. fax e-mail Tipologia di progetto

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusività

Piano Annuale per l Inclusività Piano Annuale per l Inclusività Anno Scolastico 2015-2016 Premessa del dirigente scolastico... 2 Parte 1 Analisi dei punti di forza e di criticità... 3 Rilevazione dei BES presenti... 3 Risorse professionali

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

P i a n A n n u a l e

P i a n A n n u a l e ISTITUTO COMPRENSIVO VADO - MONZUNO P i a n o A n n u a l e dell Inclusività ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Quadro di sintesi delle risorse a disposizione della scuola : Risorse di personale : Dirigente Scolastico,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA "Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili" A.S.2014/15

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili A.S.2014/15 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE "RENATO FUCINI" Scuola Infanzia-Primaria e Secondaria di I grado di Monteroni d' Arbia e Murlo Viale delle Rimembranza, 127- tel. 0577/375118- fax 0577/372049 email

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO PERCHÉ UN PORTFOLIO DELLE COMPETENZE La Cooperativa Sociale E.D.I. Onlus, al secondo anno di attività e raggiunto

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

TAVOLO TEMATICO: DISABILI

TAVOLO TEMATICO: DISABILI TAVOLO TEMATICO: DISABILI DECLINAZIONE DEL 1) in progetti culturali, ricreativi, socializzanti in piccole realtà territoriali (es. associazioni, biblioteche, scuola, ) SERVIZI OFFERTI (specificare ente

Dettagli

AREA 3: HANDICAP, DISAGIO, INTERCULTURA Funzione Strumentale: TUSCANO MARIA ROSA

AREA 3: HANDICAP, DISAGIO, INTERCULTURA Funzione Strumentale: TUSCANO MARIA ROSA AREA 3: HANDICAP, DISAGIO, INTERCULTURA Funzione Strumentale: TUSCANO MARIA ROSA 1. Le diversità: handicap Offrire agli alunni diversamente abili maggiori opportunità di potenziare le capacità. gli apprendimenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale "Duca degli Abruzzi" di Borghetto Lodigiano. a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Istituto Comprensivo Statale Duca degli Abruzzi di Borghetto Lodigiano. a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Istituto Comprensivo Statale "Duca degli Abruzzi" di Borghetto Lodigiano a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

I DATI DELLA TOSCANA A SUPPORTO DELLA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA TERRITORIALE - RAPPORTO 2014

I DATI DELLA TOSCANA A SUPPORTO DELLA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA TERRITORIALE - RAPPORTO 2014 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE DAL NIDO ALLA SCUOLA SUPERIORE I DATI DELLA TOSCANA A SUPPORTO DELLA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA TERRITORIALE - RAPPORTO 2014 ESTRATTO REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE DAL

Dettagli

L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'Istituto Comprensivo di SIZIANO, per concretizzare l'inclusione scolastica degli alunni disabili, si propone di coinvolgere genitori, insegnanti, operatori scolastici e sanitari attraverso incontri,

Dettagli

I diritti dei bambini negli ambienti scolastici

I diritti dei bambini negli ambienti scolastici I diritti dei bambini negli ambienti scolastici Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Speranzina Ferraro MIUR Direzione Generale per lo Studente Speranzina Ferraro 1 Speranzina

Dettagli

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO NUOVI ORIZZONTI NON SEMPRE TUTTI I DOCENTI SVOLGONO CON REGOLARITÀ DURANTE L A. S. L EDUCAZIONE MOTORIA. NON SEMPRE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE

PROVINCIA DI PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE ALLEGATO A PROVINCIA DI PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE DEGLI INTERVENTI DI QUALIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA DEL SISTEMA NAZIONALE DI ISTRUZIONE (L.R. 8.8.2001 N.26 E L.R. 30.6.2003

Dettagli

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI Via Garibaldi, 90 26812 Borghetto Lodigiano (LO) - C.M. LOIC80400A C.F. 92517390156 Tel. 0371/80389

Dettagli

PROMECO SERT- AUSL FERRARA

PROMECO SERT- AUSL FERRARA PROMECO Promeco è un servizio pubblico gestito congiuntamente da Comune e Azienda Usl di Ferrara in un rapporto di convenzione con la Provincia di Ferrara. Progetta e svolge interventi educativi con tutte

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM

PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM Centro Olimpico Federale Via dei Sandolini, 79 00122 Lido di Ostia/RM Tel. 06/56191513 Fax. 06/56191527 PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM IL RAPPORTO TRA SOCIETA E ISTITUTO SCOLASTICO Guida operativa per

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

PIANO DI INTEGRAZIONE E D INCLUSIONE D ISTITUTO

PIANO DI INTEGRAZIONE E D INCLUSIONE D ISTITUTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI OME Scuola Primaria e Secondaria 1 gr. Statale di OME e MONTICELLI BRUSATI Via Valle, 7-25050 OME (BS) BSIC81100Q@istruzione.it

Dettagli

Calcoli... in gioco. Il Progetto. Crescere in competenze: Italiano

Calcoli... in gioco. Il Progetto. Crescere in competenze: Italiano 1 Il Progetto La bassa scolarizzazione e la crescente disoccupazione giovanile sono tra i maggiori impedimenti alla crescita del nostro Paese. Nelle regioni dell Obiettivo Convergenza (Campania, Calabria,

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI

Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI progetto ATTIVITA SPORTIVE per il triennio 2013-2016 POF anno scolastico 2014/2015 DENOMINAZIONE PROGETTO: CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

ATTIVITA' FORMATIVE SCUOLE IN RETE

ATTIVITA' FORMATIVE SCUOLE IN RETE ATTIVITA' FORMATIVE SCUOLE IN RETE 1. FINALITA' DEL COORDINAMENTO IN RETE L'introduzione delle nuove tecnologie della comunicazione, il D.M. 275 dell'8/03/1999 sull' "Autonomia Scolastica"; la L.62/00

Dettagli