Il bilancio di esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il bilancio di esercizio"

Transcript

1 Il bilancio di esercizio Test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura del tutor per l area aziendale, Dott.ssa Cristina Gianfelici INDICAZIONI BIBLIOGRAFICHE Bartolini M. (2007), Il bilancio di esercizio, McGraw-Hill, Milano. Savioli G. (2004), Il bilancio di esercizio secondo i principi contabili nazionali e internazionali, Giuffrè, Milano. Savioli G. (2008), I principi contabili internazionali, Giuffrè, Milano. Silvi R. (2008), Riclassificazione e indici di bilancio, McGraw-Hill, Milano.

2 TEST A RISPOSTA MULTIPLA. Rispondere alle domande che seguono apponendo una crocetta accanto alla affermazione esatta; alcuni quesiti possono avere più risposte corrette. 1. I documenti obbligatori del bilancio civilistico sono: a) lo stato patrimoniale, il conto economico e la nota integrativa; b) lo stato patrimoniale, il conto economico e il rendiconto finanziario; c) lo stato patrimoniale e il conto economico; d) lo stato patrimoniale e la nota integrativa. 2. Il modello di bilancio civilistico privilegia le esigenze di informazione: a) degli investitori; b) dei creditori; c) dei dipendenti; d) dello Stato, ai fini della riscossione delle imposte. 3. Il modello di bilancio civilistico si caratterizza: a) per l elevato grado di prudenza insito nei criteri di valutazione delle diverse poste; b) per essere un modello a costi storici ; c) per essere un modello a valori correnti ; d) perché la sua adozione è sempre facoltativa. 4. Secondo le disposizioni nazionali, la redazione del bilancio di esercizio conformemente agli IAS- IFRS: a) è obbligatoria per tutte le imprese; b) è obbligatoria per le società che hanno titoli quotati in un mercato regolamentato dell Unione Europea; c) è facoltativa per tutte le imprese; d) è facoltativa per le società quotate che redigono il bilancio consolidato secondo gli IAS-IFRS. 5. Il modello di bilancio IASB è applicabile: a) solo alle imprese che svolgono attività industriale o commerciale; b) solo alle imprese di servizi; c) anche alle aziende pubbliche; d) anche alle banche e alle assicurazioni. 6. Il modello di bilancio IASB si caratterizza: a) per l elevato grado di prudenza insito nei criteri di valutazione delle diverse poste; b) per essere un modello a costi storici ; c) per essere un modello a valori correnti ; d) per la mancanza del conto economico. 7. Il modello di bilancio IASB privilegia le esigenze di informazione: a) degli investitori; b) dei creditori; c) dei dipendenti; 2

3 d) delle imprese concorrenti. 8. Nel bilancio IASB: a) il prospetto delle variazioni del patrimonio netto è facoltativo; b) sono documenti obbligatori solo lo stato patrimoniale e il conto economico; c) il rendiconto finanziario è obbligatorio; d) le note al bilancio non sono previste. 9. Nel modello di bilancio IASB: a) il Report Management è incluso nelle note al bilancio; b) il conto economico, lo stato patrimoniale e le note al bilancio sono documenti obbligatori; c) il rendiconto finanziario e il prospetto delle variazioni del patrimonio netto sono documenti obbligatori; d) le note al bilancio sono facoltative. 10. Nel modello di bilancio civilistico: a) il principio di competenza economica prevale sul principio di prudenza; b) il principio di prudenza prevale sul principio di competenza economica; c) si applica il principio di competenza finanziaria; d) è previsto il principio di prevalenza della sostanza sulla forma. 11. Fra i principi di redazione, il Framework IASB: a) non include il principio di prudenza; b) prevede la prevalenza della forma giuridica sulla sostanza economica; c) conferisce estrema rilevanza al principio di competenza economica; d) include il postulato fondamentale dell impresa in funzionamento. 12. La deroga prevista all art cod. civ., comma 4: a) è eccezionale e facoltativa; b) è eccezionale e obbligatoria; c) consente la distribuzione degli utili che derivano dalla sua applicazione; d) può essere applicata solo dalle imprese che non redigono il bilancio in forma abbreviata. 13. Secondo il modello di bilancio IASB, affinché una risorsa possa essere iscritta nell attivo dello stato patrimoniale: a) deve essere avvenuto il passaggio di proprietà; b) dal suo impiego devono essere attesi benefici economici futuri attendibilmente misurabili; c) la risorsa deve essere controllata dall impresa, che si assume i relativi rischi e benefici; d) non è indispensabile che sia avvenuto il passaggio di proprietà. 14. Nello stato patrimoniale civilistico, le attività sono classificate: a) per destinazione; b) per natura; c) esclusivamente secondo un criterio finanziario; d) secondo il criterio che gli amministratori ritengono più adeguato. 3

4 15. Lo stato patrimoniale del modello IASB: a) è caratterizzato da un elenco tassativo di voci e da una struttura obbligatoria; b) è caratterizzato da un contenuto minimale; c) distingue le attività e le passività in correnti e non correnti ; d) presenta una forma scalare. 16. Nello stato patrimoniale del modello IASB, la distinzione fra attività e passività correnti e non correnti avviene: a) esclusivamente in relazione alla durata del periodo amministrativo annuale; b) anche il relazione alla durata del periodo amministrativo annuale; c) secondo la durata del ciclo operativo dell azienda; d) in relazione a un arco temporale variabile, a scelta dell azienda, fra i tre e i cinque anni. 17. Nel conto economico civilistico: a) i costi sono classificati secondo un criterio funzionale; b) i costi sono classificati per natura; c) il risultato della gestione operativa caratteristica è distintamente identificabile; d) l area D) riguarda gli oneri e i proventi della gestione straordinaria. 18. Il conto economico del modello IASB: a) è caratterizzato da un elenco tassativo di voci e da una struttura obbligatoria; b) è caratterizzato da un contenuto minimale; c) presenta una forma scalare; d) presenta una forma a sezioni contrapposte. 19. Nel modello di bilancio IASB, il rendiconto finanziario: a) illustra solo i flussi finanziari generati dalla gestione operativa; b) è redatto solo in termini di liquidità; c) si compone di tre sezioni; d) non include i flussi derivanti dalla gestione finanziaria. 20. Nel modello IASB, il Report Management: a) è un documento costitutivo del bilancio di esercizio; b) è obbligatorio; c) è fortemente consigliato; d) illustra i rapporti intergruppo e i fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio. 21. Nel modello di bilancio IASB, costituiscono componenti straordinari di reddito: a) le imposte di esercizi precedenti; b) gli utili e le perdite scaturenti dal mutamento dei criteri di valutazione adottati; c) gli utili e le perdite scaturenti dalla revisione delle stime contabili; d) le perdite scaturenti da calamità naturali. 22. Il valore iniziale di iscrizione di una immobilizzazione in contabilità può coincidere: a) con il costo di acquisto; 4

5 b) con il costo di produzione; c) con la quota annua di ammortamento; d) con il valore residuo al momento della dismissione dal processo produttivo. 23. Il costo di acquisto al quale un cespite viene iscritto in contabilità: a) è considerato al lordo di eventuali sconti e abbuoni; b) tiene conto anche di eventuali oneri accessori; c) è sempre minore del prezzo effettivamente pagato; d) non può in alcun caso tenere conto degli oneri finanziari. 24. Nel bilancio IAS, successivamente alla iscrizione iniziale in contabilità, una immobilizzazione: a) può essere valutata solo secondo il modello del fair value; b) può essere valutata secondo il modello del costo; c) resta sempre iscritta al valore iniziale; d) non può mai essere svalutata. 25. Nel bilancio IAS, il modello di valutazione delle immobilizzazioni al costo comporta: a) che le immobilizzazioni non possano mai essere iscritte in bilancio ad un valore superiore al costo storico; b) che le immobilizzazioni non possano mai essere ammortizzate; c) che, in caso di perdite durevoli, le immobilizzazioni debbano essere svalutate; d) che, in caso di perdite durevoli, le immobilizzazioni possano essere svalutate. 26. Nel bilancio IAS, la procedura di ammortamento riguarda: a) tutte le immobilizzazioni materiali e immateriali; b) le immobilizzazioni materiali e immateriali a vita utile definita; c) le immobilizzazioni materiali e immateriali a vita utile indefinita; d) le rimanenze di magazzino. 27. La quota annua di ammortamento si calcola: a) sul costo storico delle immobilizzazioni, senza tenere conto di eventuali svalutazioni e/o rivalutazioni; b) sul valore contabile netto; c) sul costo di acquisto o di produzione, aggiornato alla luce di eventuali svalutazioni/rivalutazioni; d) sul costo di sostituzione. 28. Il periodo di ammortamento dei cespiti: a) deve coincidere con la loro vita utile; b) deve coincidere con la loro vita fisica; c) è fissato tassativamente dal codice civile e dagli IAS-IFRS, per categorie omogenee di beni; d) secondo il codice civile, deve coincidere con la loro vita fisica; secondo gli IAS-IFRS, deve coincidere con la loro vita utile. 29. Il piano di ammortamento di un cespite: a) deve rispettare il requisito di sistematicità; 5

6 b) deve prevedere un riparto del costo a quote costanti; c) può prevedere un riparto del costo a quote costanti; d) può prevedere un riparto del costo a quote decrescenti. 30. Nel bilancio IAS, il modello di valutazione delle immobilizzazioni al fair value: a) può riguardare solo alcuni cespiti di una determinata classe; b) se scelto, deve essere applicato per classi omogenee di cespiti; c) se scelto, deve riguardare tutti i cespiti; d) non può riguardare le immobilizzazioni immateriali. 31. Il fair value è: a) sempre coincidente con il costo storico di un attività; b) la tariffa, definita per legge, alla quale un attività viene scambiata; c) il corrispettivo al quale un attività viene liberamente scambiata fra parti indipendenti e consapevoli; d) il corrispettivo al quale un attività viene scambiata fra parti correlate. 32. Nel bilancio IAS, la valutazione di una attività al fair value comporta: a) che l attività non possa mai essere svalutata; b) che l attività non debba essere ammortizzata; c) che l attività non possa essere iscritta in bilancio ad un valore superiore al suo costo storico; d) che l attività debba essere svalutata in caso di perdite durevoli di valore. 33. Nel bilancio IAS, in caso di rivalutazione di un immobilizzazione al fair value e in assenza di precedenti svalutazioni, il maggior valore: a) è iscritto a conto economico; b) è iscritto in una apposita riserva del netto, liberamente distribuibile; c) è iscritto in una apposita riserva del netto, non distribuibile fino al realizzo; d) rappresenta un debito nei confronti della proprietà aziendale. 34. Nel bilancio civilistico, la rivalutazione di ripristino di un immobilizzazione precedentemente svalutata: a) è iscritta a conto economico; b) è iscritta in una apposita riserva del netto, liberamente distribuibile ; c) è iscritta in una apposita riserva del netto, non distribuibile fino al realizzo; d) rappresenta un debito nei confronti della proprietà aziendale. 35. Nel bilancio civilistico, i costi di impianto e di ampliamento: a) devono essere iscritti a stato patrimoniale, come oneri pluriennali; b) possono essere iscritti a stato patrimoniale, come oneri pluriennali; c) devono essere iscritti a conto economico, come costi di esercizio; d) possono essere iscritti a conto economico, come costi di esercizio. 36. Nel bilancio IAS, possono essere iscritti a stato patrimoniale, come oneri pluriennali: a) tutti i costi di ricerca e sviluppo; b) solo i costi di ricerca; 6

7 c) solo i costi di sviluppo; d) solo i costi di sviluppo che soddisfano i requisiti fissati dallo IAS 38 inerenti l effettiva possibilità di completamento e di fruizione dei benefici dell attività sottostante. 37. Nel modello di bilancio IASB, l avviamento: a) rappresenta sempre un costo di esercizio; b) non può essere iscritto in bilancio se non è stato acquisito a titolo oneroso; c) non è soggetto ad ammortamento, ma ad impairment test periodico; d) è soggetto ad ammortamento ventennale. 38. Secondo lo IAS 17, il leasing finanziario si distingue dal leasing operativo: a) per la facoltà di riscatto finale del bene concessa al locatario; b) perché tutti i rischi e i benefici correlati all utilizzo del bene ricadono sul locatario; c) perché le parti si accordano affinché il bene sia iscritto fra le attività patrimoniali nella contabilità del locatario; d) perché, alla scadenza del contratto, il locatario può pretenderne il rinnovo. 39. Il metodo finanziario di contabilizzazione del leasing finanziario prevede che: a) il bene oggetto del contratto sia iscritto fra le attività patrimoniali nella contabilità del locatore; b) il bene oggetto del contratto sia iscritto fra le attività patrimoniali nella contabilità del locatario; c) il bene oggetto del contratto sia iscritto fra le attività patrimoniali nella contabilità del locatore o del locatario, a scelta dei contraenti; d) il bene oggetto del contratto sia iscritto fra le attività patrimoniali del locatario solo al momento del passaggio del titolo di proprietà. 40. Secondo lo IAS 2, le rimanenze di magazzino sono iscritte in bilancio: a) al fair value; b) al costo di acquisto o di produzione; c) al minore fra il costo di acquisto/di produzione e il valore di mercato; d) al maggiore fra il costo di acquisto/di produzione e il valore di mercato. 41. Secondo il codice civile e i principi contabili nazionali, nel valutare le rimanenze di magazzino occorre prendere a riferimento il valore di mercato: a) determinabile, in maniera puntuale, con riferimento alla data di chiusura dell eserzio; b) determinabile con riferimento alla tendenza in essere intorno alla data di chiusura dell esercizio; c) determinabile con riferimento all ultimo mese dell esercizio; d) determinabile, in media, con riferimento all intero esercizio. 42. Il valore di mercato da prendere a riferimento nella valutazione delle rimanenze di magazzino: a) per le materie prime, coincide con il costo di sostituzione; b) per le materie prime, coincide con il valore netto di realizzo; c) per le merci, coincide con il costo di sostituzione; d) per le merci, coincide con il valore netto di realizzo. 7

8 43. Se al 31/12/n1 le rimanenze finali dei prodotti finiti XY vengono valutate al valore di mercato di 100 (inferiore al costo, pari a 110), all 1/1/n2, il valore da attribuire alle esistenze iniziali dei medesimi prodotti è: a) 110; b) il costo di sostituzione a gennaio n2; c) il costo di fabbricazione a gennaio n2; d) Secondo il codice civile e i principi contabili nazionali, il costo dei beni infungibili deve essere determinato: a) secondo il criterio LIFO; b) secondo il criterio FIFO o CMP, a scelta dell azienda; c) secondo il criterio FIFO, CMP o LIFO, a scelta dell azienda; d) secondo il criterio del costo specifico. 45. Nella valutazione del costo dei beni fungibili, lo IAS 2 non ammette: a) il criterio FIFO a scatti; b) il criterio FIFO continuo; c) il criterio LIFO a scatti; d) il criterio LIFO continuo. 46. In ipotesi di prezzi crescenti, il FIFO, rispetto al CMP, conduce: a) ad una valutazione più elevata del magazzino; b) ad un maggiore risultato di bilancio; c) ad una valutazione minore del magazzino; d) ad un minore risultato di bilancio. 47. Secondo lo IAS 11, i lavori su ordinazione devono essere valutati: a) sempre secondo il criterio della percentuale di completamento; b) secondo il criterio della percentuale di completamento, purché il risultato della commessa possa essere stimato in modo attendibile; c) secondo il criterio della commessa completata; d) alternativamente, secondo il criterio della percentuale di completamento o della commessa completata, a scelta dell azienda. 48. Secondo il codice civile e i principi contabili nazionali, i lavori su ordinazione: a) non possono mai essere valutati secondo il criterio della commessa completata; b) possono essere valutati secondo il criterio della percentuale di completamento; c) possono essere valutati al FIFO o al CMP, a scelta dell azienda; d) possono essere valutati al LIFO, al FIFO o al CMP, a scelta dell azienda. 49. Secondo lo IAS 11, nel valutare i lavori su ordinazione secondo il criterio della percentuale di completamento, il margine può essere ripartito fra i diversi esercizi di esecuzione dell opera: a) in modo arbitrario, secondo le politiche di bilancio aziendali; b) in base ai costi sostenuti in ciascun esercizio rispetto ai costi complessivi; 8

9 c) in base alla valutazione fisica, in ciascun esercizio, delle parti dell opera effettivamente realizzate rispetto all opera complessiva; d) in base alle unità dell opera che, in ciascun esercizio, vengono effettivamente consegnate e accettate dal committente. 50. Secondo la disciplina civilistica, le partecipazioni in altre imprese iscritte nell attivo circolante sono valutate: a) al minore fra il costo e il valore di mercato; b) al costo di acquisto, salvo l eventuale svalutazione per perdite durevoli; c) al maggiore fra il costo e il valore di mercato; d) secondo l equity method. 51. Secondo gli IAS-IFRS, un BPT che l azienda acquisti all emissione e intenda detenere fino alla scadenza: a) deve essere iscritto nell attivo di stato patrimoniale al costo di acquisto, esclusi gli oneri accessori; b) deve essere iscritto nell attivo di stato patrimoniale al costo di acquisto, compresi gli oneri accessori; c) può essere valutato secondo il criterio del costo ammortizzato; d) deve essere valutato al minore fra il costo e il valore nominale. 52. Una compagnia aerea provvede ogni 2 anni alla manutenzione dei propri aerei. Ai sensi dello IAS 37, con riferimento ai costi di manutenzione periodica che sosterrà nell esercizio n+1, al 31/12/n la compagnia aerea deve iscrivere in bilancio: a) un accantonamento; b) una passività potenziale; c) un debito; d) un costo per servizi; e) solo apposite informazioni nelle note al bilancio; f) nulla. 53. Nell esercizio n, l azienda Alfa osserva una perdita durevole di valore (pari a ,00) con riguardo ad un proprio impianto industriale. Conformemente alla disciplina civilistica, a fronte di tale perdita, nel bilancio di chiusura al 31/12/n l azienda deve indicare: a) un accantonamento; b) un debito; c) un costo di esercizio, a fronte di apposito fondo rettificativo dell attività; d) solo apposite informazioni nelle note al bilancio; e) nulla. 54. Nell esercizio n, l azienda Alfa subisce una verifica ispettiva da parte della Guardia di Finanza, a fronte della quale ritiene probabile che le sarà comminata una sanzione, di cui però non è in grado di stimare l ammontare. Secondo lo IAS 37, con riguardo a tale sanzione, nel bilancio di chiusura al 31/12/n l azienda deve indicare: a) un accantonamento; b) un debito; c) un costo per imposte di competenza; d) un fondo rettificativo dell attivo; 9

10 e) solo apposite informazioni in nota integrativa; f) nulla. 55. Secondo gli IAS-IFRS, i crediti verso soci a fronte delle azioni non ancora integralmente versate devono essere iscritti in bilancio: a) in un apposita voce dell attivo dello stato patrimoniale; b) nell attivo non corrente dello stato patrimoniale, fra i crediti; c) nell attivo corrente dello stato patrimoniale; d) a stato patrimoniale, a riduzione del capitale sociale. 56. Nell esercizio n, l azienda Alfa S.p.A acquista un marchio e, al 31/12, lo svaluta a conto economico in misura maggiore rispetto alla quota di ammortamento fiscalmente ammessa. Ne consegue: a) un fenomeno di anticipazione della tassazione; b) un fenomeno di posticipazione della tassazione; c) nessun fenomeno di anticipazione o posticipazione della tassazione; d) un risparmio definitivo di imposte. 57. Conformemente allo IAS 12, nel bilancio di esercizio, le imposte differite: a) devono essere iscritte solo se sussiste la ragionevole certezza che il debito insorga; b) possono essere o meno iscritte, a scelta dell azienda; c) devono essere sempre iscritte; d) non devono mai essere iscritte. 58. Secondo il codice civile e i principi contabili nazionali, nel bilancio di esercizio, le imposte anticipate: a) devono essere iscritte solo se il loro futuro recupero è ritenuto probabile; b) possono essere o meno iscritte, a scelta dell azienda; c) devono essere sempre iscritte; d) non devono mai essere iscritte. 59. Le imposte anticipate e differite: a) non possono coesistere nello stesso bilancio, poiché devono essere calcolate sul saldo delle differenze temporanee deducibili e tassabili; b) possono coesistere nello stesso bilancio, poiché devono essere calcolate, rispettivamente, sull intero ammontare delle differenze temporanee deducibili e tassabili; c) devono essere sempre compensate, se si riversano nel medesimo esercizio; d) possono essere compensate solo se si riversano nel medesimo esercizio e la compensazione è giuridicamente prevista. 60. Conformemente allo IAS 12, le imposte anticipate e differite devono essere iscritte in bilancio: a) al valore nominale; b) al valore attuale; c) al valore nominale o al valore attuale, a scelta dell azienda; d) al valore attuale, se ragionevolmente determinabile; altrimenti, al valore nominale. 10

11 Il bilancio di esercizio Soluzione del test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura del tutor per l area aziendale, Dott.ssa Cristina Gianfelici

12 Per ciascuna domanda, la risposta (o le risposte) corretta(e) è(sono) evidenziata(e) in giallo. Per valutare la propria preparazione, lo studente attribuisca: 0,5 punti ad ogni domanda alla quale ha risposto correttamente; 0 punti ad ogni domanda alla quale ha risposto non correttamente (anche solo in parte), parzialmente o non ha risposto. Il giudizio complessivo è: insufficiente, se il punteggio complessivo è inferiore a 18; sufficiente, se il punteggio complessivo è compreso fra 18 e 20; discreto, se il punteggio complessivo è compreso fra 21 e 23; buono, se il punteggio complessivo è compreso fra 24 e 27; molto buono, se il punteggio complessivo è superiore a I documenti obbligatori del bilancio civilistico sono: a) lo stato patrimoniale, il conto economico e la nota integrativa; b) lo stato patrimoniale, il conto economico e il rendiconto finanziario; c) lo stato patrimoniale e il conto economico; d) lo stato patrimoniale e la nota integrativa. 2. Il modello di bilancio civilistico privilegia le esigenze di informazione: a) degli investitori; b) dei creditori; c) dei dipendenti; d) dello Stato, ai fini della riscossione delle imposte. 3. Il modello di bilancio civilistico si caratterizza: a) per l elevato grado di prudenza insito nei criteri di valutazione delle diverse poste; b) per essere un modello a costi storici ; c) per essere un modello a valori correnti ; d) perché la sua adozione è sempre facoltativa. 4. Secondo le disposizioni nazionali, la redazione del bilancio di esercizio conformemente agli IAS- IFRS: a) è obbligatoria per tutte le imprese; b) è obbligatoria per le società che hanno titoli quotati in un mercato regolamentato dell Unione Europea; c) è facoltativa per tutte le imprese; d) è facoltativa per le società quotate che redigono il bilancio consolidato secondo gli IAS-IFRS. 5. Il modello di bilancio IASB è applicabile: a) solo alle imprese che svolgono attività industriale o commerciale; b) solo alle imprese di servizi; c) anche alle aziende pubbliche; d) anche alle banche e alle assicurazioni. 2

13 6. Il modello di bilancio IASB si caratterizza: a) per l elevato grado di prudenza insito nei criteri di valutazione delle diverse poste; b) per essere un modello a costi storici ; c) per essere un modello a valori correnti ; d) per la mancanza del conto economico. 7. Il modello di bilancio IASB privilegia le esigenze di informazione: a) degli investitori; b) dei creditori; c) dei dipendenti; d) delle imprese concorrenti. 8. Nel bilancio IASB: a) il prospetto delle variazioni del patrimonio netto è facoltativo; b) sono documenti obbligatori solo lo stato patrimoniale e il conto economico; c) il rendiconto finanziario è obbligatorio; d) le note al bilancio non sono previste. 9. Nel modello di bilancio IASB: a) il Report Management è incluso nelle note al bilancio; b) il conto economico, lo stato patrimoniale e le note al bilancio sono documenti obbligatori; c) il rendiconto finanziario e il prospetto delle variazioni del patrimonio netto sono documenti obbligatori; d) le note al bilancio sono facoltative. 10. Nel modello di bilancio civilistico: a) il principio di competenza economica prevale sul principio di prudenza; b) il principio di prudenza prevale sul principio di competenza economica; c) si applica il principio di competenza finanziaria; d) è previsto il principio di prevalenza della sostanza sulla forma. 11. Fra i principi di redazione, il Framework IASB: a) non include il principio di prudenza; b) prevede la prevalenza della forma giuridica sulla sostanza economica; c) conferisce estrema rilevanza al principio di competenza economica; d) include il postulato fondamentale dell impresa in funzionamento. 12. La deroga prevista all art cod. civ., comma 4: a) è eccezionale e facoltativa; b) è eccezionale e obbligatoria; c) consente la distribuzione degli utili che derivano dalla sua applicazione; d) può essere applicata solo dalle imprese che non redigono il bilancio in forma abbreviata. 3

14 13. Secondo il modello di bilancio IASB, affinché una risorsa possa essere iscritta nell attivo dello stato patrimoniale: a) deve essere avvenuto il passaggio di proprietà; b) dal suo impiego devono essere attesi benefici economici futuri attendibilmente misurabili; c) la risorsa deve essere controllata dall impresa, che si assume i relativi rischi e benefici; d) non è indispensabile che sia avvenuto il passaggio di proprietà. 14. Nello stato patrimoniale civilistico, le attività sono classificate: a) per destinazione; b) per natura; c) esclusivamente secondo un criterio finanziario; d) secondo il criterio che gli amministratori ritengono più adeguato. 15. Lo stato patrimoniale del modello IASB: a) è caratterizzato da un elenco tassativo di voci e da una struttura obbligatoria; b) è caratterizzato da un contenuto minimale; c) distingue le attività e le passività in correnti e non correnti ; d) presenta una forma scalare. 16. Nello stato patrimoniale del modello IASB, la distinzione fra attività e passività correnti e non correnti avviene: a) esclusivamente in relazione alla durata del periodo amministrativo annuale; b) anche il relazione alla durata del periodo amministrativo annuale; c) secondo la durata del ciclo operativo dell azienda; d) in relazione a un arco temporale variabile, a scelta dell azienda, fra i tre e i cinque anni. 17. Nel conto economico civilistico: a) i costi sono classificati secondo un criterio funzionale; b) i costi sono classificati per natura; c) il risultato della gestione operativa caratteristica è distintamente identificabile; d) l area D) riguarda gli oneri e i proventi della gestione straordinaria. 18. Il conto economico del modello IASB: a) è caratterizzato da un elenco tassativo di voci e da una struttura obbligatoria; b) è caratterizzato da un contenuto minimale; c) presenta una forma scalare; d) presenta una forma a sezioni contrapposte. 19. Nel modello di bilancio IASB, il rendiconto finanziario: a) illustra solo i flussi finanziari generati dalla gestione operativa; b) è redatto solo in termini di liquidità; c) si compone di tre sezioni; d) non include i flussi derivanti dalla gestione finanziaria. 4

15 20. Nel modello IASB, il Report Management: a) è un documento costitutivo del bilancio di esercizio; b) è obbligatorio; c) è fortemente consigliato; d) illustra i rapporti intergruppo e i fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio. 21. Nel modello di bilancio IASB, costituiscono componenti straordinari di reddito: a) le imposte di esercizi precedenti; b) gli utili e le perdite scaturenti dal mutamento dei criteri di valutazione adottati; c) gli utili e le perdite scaturenti dalla revisione delle stime contabili; d) le perdite scaturenti da calamità naturali. 22. Il valore iniziale di iscrizione di una immobilizzazione in contabilità può coincidere: a) con il costo di acquisto; b) con il costo di produzione; c) con la quota annua di ammortamento; d) con il valore residuo al momento della dismissione dal processo produttivo. 23. Il costo di acquisto al quale un cespite viene iscritto in contabilità: a) è considerato al lordo di eventuali sconti e abbuoni; b) tiene conto anche di eventuali oneri accessori; c) è sempre minore del prezzo effettivamente pagato; d) non può in alcun caso tenere conto degli oneri finanziari. 24. Nel bilancio IAS, successivamente alla iscrizione iniziale in contabilità, una immobilizzazione: a) può essere valutata solo secondo il modello del fair value; b) può essere valutata secondo il modello del costo; c) resta sempre iscritta al valore iniziale; d) non può mai essere svalutata. 25. Nel bilancio IAS, il modello di valutazione delle immobilizzazioni al costo comporta: a) che le immobilizzazioni non possano mai essere iscritte in bilancio ad un valore superiore al costo storico; b) che le immobilizzazioni non possano mai essere ammortizzate; c) che, in caso di perdite durevoli, le immobilizzazioni debbano essere svalutate; d) che, in caso di perdite durevoli, le immobilizzazioni possano essere svalutate. 26. Nel bilancio IAS, la procedura di ammortamento riguarda: a) tutte le immobilizzazioni materiali e immateriali; b) le immobilizzazioni materiali e immateriali a vita utile definita; c) le immobilizzazioni materiali e immateriali a vita utile indefinita; d) le rimanenze di magazzino. 5

16 27. La quota annua di ammortamento si calcola: a) sul costo storico delle immobilizzazioni, senza tenere conto di eventuali svalutazioni e/o rivalutazioni; b) sul valore contabile netto; c) sul costo di acquisto o di produzione, aggiornato alla luce di eventuali svalutazioni/rivalutazioni; d) sul costo di sostituzione. 28. Il periodo di ammortamento dei cespiti: a) deve coincidere con la loro vita utile; b) deve coincidere con la loro vita fisica; c) è fissato tassativamente dal codice civile e dagli IAS-IFRS, per categorie omogenee di beni; d) secondo il codice civile, deve coincidere con la loro vita fisica; secondo gli IAS-IFRS, deve coincidere con la loro vita utile. 29. Il piano di ammortamento di un cespite: a) deve rispettare il requisito di sistematicità; b) deve prevedere un riparto del costo a quote costanti; c) può prevedere un riparto del costo a quote costanti; d) può prevedere un riparto del costo a quote decrescenti. 30. Nel bilancio IAS, il modello di valutazione delle immobilizzazioni al fair value: a) può riguardare solo alcuni cespiti di una determinata classe; b) se scelto, deve essere applicato per classi omogenee di cespiti; c) se scelto, deve riguardare tutti i cespiti; d) non può riguardare le immobilizzazioni immateriali. 31. Il fair value è: a) sempre coincidente con il costo storico di un attività; b) la tariffa, definita per legge, alla quale un attività viene scambiata; c) il corrispettivo al quale un attività viene liberamente scambiata fra parti indipendenti e consapevoli; d) il corrispettivo al quale un attività viene scambiata fra parti correlate. 32. Nel bilancio IAS, la valutazione di una attività al fair value comporta: a) che l attività non possa mai essere svalutata; b) che l attività non debba essere ammortizzata; c) che l attività non possa essere iscritta in bilancio ad un valore superiore al suo costo storico; d) che l attività debba essere svalutata in caso di perdite durevoli di valore. 33. Nel bilancio IAS, in caso di rivalutazione di un immobilizzazione al fair value e in assenza di precedenti svalutazioni, il maggior valore: a) è iscritto a conto economico; b) è iscritto in una apposita riserva del netto, liberamente distribuibile; c) è iscritto in una apposita riserva del netto, non distribuibile fino al realizzo; d) rappresenta un debito nei confronti della proprietà aziendale. 6

17 34. Nel bilancio civilistico, la rivalutazione di ripristino di un immobilizzazione precedentemente svalutata: a) è iscritta a conto economico; b) è iscritta in una apposita riserva del netto, liberamente distribuibile ; c) è iscritta in una apposita riserva del netto, non distribuibile fino al realizzo; d) rappresenta un debito nei confronti della proprietà aziendale. 35. Nel bilancio civilistico, i costi di impianto e di ampliamento: a) devono essere iscritti a stato patrimoniale, come oneri pluriennali; b) possono essere iscritti a stato patrimoniale, come oneri pluriennali; c) devono essere iscritti a conto economico, come costi di esercizio; d) possono essere iscritti a conto economico, come costi di esercizio. 36. Nel bilancio IAS, possono essere iscritti a stato patrimoniale, come oneri pluriennali: a) tutti i costi di ricerca e sviluppo; b) solo i costi di ricerca; c) solo i costi di sviluppo; d) solo i costi di sviluppo che soddisfano i requisiti fissati dallo IAS 38 inerenti l effettiva possibilità di completamento e di fruizione dei benefici dell attività sottostante. 37. Nel modello di bilancio IASB, l avviamento: a) rappresenta sempre un costo di esercizio; b) non può essere iscritto in bilancio se non è stato acquisito a titolo oneroso; c) non è soggetto ad ammortamento, ma ad impairment test periodico; d) è soggetto ad ammortamento ventennale. 38. Secondo lo IAS 17, il leasing finanziario si distingue dal leasing operativo: a) per la facoltà di riscatto finale del bene concessa al locatario; b) perché tutti i rischi e i benefici correlati all utilizzo del bene ricadono sul locatario; c) perché le parti si accordano affinché il bene sia iscritto fra le attività patrimoniali nella contabilità del locatario; d) perché, alla scadenza del contratto, il locatario può pretenderne il rinnovo. 39. Il metodo finanziario di contabilizzazione del leasing finanziario prevede che: a) il bene oggetto del contratto sia iscritto fra le attività patrimoniali nella contabilità del locatore; b) il bene oggetto del contratto sia iscritto fra le attività patrimoniali nella contabilità del locatario; c) il bene oggetto del contratto sia iscritto fra le attività patrimoniali nella contabilità del locatore o del locatario, a scelta dei contraenti; d) il bene oggetto del contratto sia iscritto fra le attività patrimoniali del locatario solo al momento del passaggio del titolo di proprietà. 40. Secondo lo IAS 2, le rimanenze di magazzino sono iscritte in bilancio: a) al fair value; b) al costo di acquisto o di produzione; c) al minore fra il costo di acquisto/di produzione e il valore di mercato; d) al maggiore fra il costo di acquisto/di produzione e il valore di mercato. 7

18 41. Secondo il codice civile e i principi contabili nazionali, nel valutare le rimanenze di magazzino occorre prendere a riferimento il valore di mercato: a) determinabile, in maniera puntuale, con riferimento alla data di chiusura dell eserzio; b) determinabile con riferimento alla tendenza in essere intorno alla data di chiusura dell esercizio; c) determinabile con riferimento all ultimo mese dell esercizio; d) determinabile, in media, con riferimento all intero esercizio. 42. Il valore di mercato da prendere a riferimento nella valutazione delle rimanenze di magazzino: a) per le materie prime, coincide con il costo di sostituzione; b) per le materie prime, coincide con il valore netto di realizzo; c) per le merci, coincide con il costo di sostituzione; d) per le merci, coincide con il valore netto di realizzo. 43. Se al 31/12/n1 le rimanenze finali dei prodotti finiti XY vengono valutate al valore di mercato di 100 (inferiore al costo, pari a 110), all 1/1/n2, il valore da attribuire alle esistenze iniziali dei medesimi prodotti è: a) 110; b) il costo di sostituzione a gennaio n2; c) il costo di fabbricazione a gennaio n2; d) Secondo il codice civile e i principi contabili nazionali, il costo dei beni infungibili deve essere determinato: a) secondo il criterio LIFO; b) secondo il criterio FIFO o CMP, a scelta dell azienda; c) secondo il criterio FIFO, CMP o LIFO, a scelta dell azienda; d) secondo il criterio del costo specifico. 45. Nella valutazione del costo dei beni fungibili, lo IAS 2 non ammette: a) il criterio FIFO a scatti; b) il criterio FIFO continuo; c) il criterio LIFO a scatti; d) il criterio LIFO continuo. 46. In ipotesi di prezzi crescenti, il FIFO, rispetto al CMP, conduce: a) ad una valutazione più elevata del magazzino; b) ad un maggiore risultato di bilancio; c) ad una valutazione minore del magazzino; d) ad un minore risultato di bilancio. 47. Secondo lo IAS 11, i lavori su ordinazione devono essere valutati: a) sempre secondo il criterio della percentuale di completamento; b) secondo il criterio della percentuale di completamento, purché il risultato della commessa possa essere stimato in modo attendibile; c) secondo il criterio della commessa completata; 8

19 d) alternativamente, secondo il criterio della percentuale di completamento o della commessa completata, a scelta dell azienda. 48. Secondo il codice civile e i principi contabili nazionali, i lavori su ordinazione: a) non possono mai essere valutati secondo il criterio della commessa completata; b) possono essere valutati secondo il criterio della percentuale di completamento; c) possono essere valutati al FIFO o al CMP, a scelta dell azienda; d) possono essere valutati al LIFO, al FIFO o al CMP, a scelta dell azienda. 49. Secondo lo IAS 11, nel valutare i lavori su ordinazione secondo il criterio della percentuale di completamento, il margine può essere ripartito fra i diversi esercizi di esecuzione dell opera: a) in modo arbitrario, secondo le politiche di bilancio aziendali; b) in base ai costi sostenuti in ciascun esercizio rispetto ai costi complessivi; c) in base alla valutazione fisica, in ciascun esercizio, delle parti dell opera effettivamente realizzate rispetto all opera complessiva; d) in base alle unità dell opera che, in ciascun esercizio, vengono effettivamente consegnate e accettate dal committente. 50. Secondo la disciplina civilistica, le partecipazioni in altre imprese iscritte nell attivo circolante sono valutate: a) al minore fra il costo e il valore di mercato; b) al costo di acquisto, salvo l eventuale svalutazione per perdite durevoli; c) al maggiore fra il costo e il valore di mercato; d) secondo l equity method. 51. Secondo gli IAS-IFRS, un BPT che l azienda acquisti all emissione e intenda detenere fino alla scadenza: a) deve essere iscritto nell attivo di stato patrimoniale al costo di acquisto, esclusi gli oneri accessori; b) deve essere iscritto nell attivo di stato patrimoniale al costo di acquisto, compresi gli oneri accessori; c) può essere valutato secondo il criterio del costo ammortizzato; d) deve essere valutato al minore fra il costo e il valore nominale. 52. Una compagnia aerea provvede ogni 2 anni alla manutenzione dei propri aerei. Ai sensi dello IAS 37, con riferimento ai costi di manutenzione periodica che sosterrà nell esercizio n+1, al 31/12/n la compagnia aerea deve iscrivere in bilancio: a) un accantonamento; b) una passività potenziale; c) un debito; d) un costo per servizi; e) solo apposite informazioni nelle note al bilancio; f) nulla. 53. Nell esercizio n, l azienda Alfa osserva una perdita durevole di valore (pari a ,00) con riguardo ad un proprio impianto industriale. Conformemente alla disciplina civilistica, a fronte di tale perdita, nel bilancio di chiusura al 31/12/n l azienda deve indicare: a) un accantonamento; 9

20 b) un debito; c) un costo di esercizio, a fronte di apposito fondo rettificativo dell attività; d) solo apposite informazioni nelle note al bilancio; e) nulla. 54. Nell esercizio n, l azienda Alfa subisce una verifica ispettiva da parte della Guardia di Finanza, a fronte della quale ritiene probabile che le sarà comminata una sanzione, di cui però non è in grado di stimare l ammontare. Secondo lo IAS 37, con riguardo a tale sanzione, nel bilancio di chiusura al 31/12/n l azienda deve indicare: a) un accantonamento; b) un debito; c) un costo per imposte di competenza; d) un fondo rettificativo dell attivo; e) solo apposite informazioni in nota integrativa; f) nulla. 55. Secondo gli IAS-IFRS, i crediti verso soci a fronte delle azioni non ancora integralmente versate devono essere iscritti in bilancio: a) in un apposita voce dell attivo dello stato patrimoniale; b) nell attivo non corrente dello stato patrimoniale, fra i crediti; c) nell attivo corrente dello stato patrimoniale; d) a stato patrimoniale, a riduzione del capitale sociale. 56. Nell esercizio n, l azienda Alfa S.p.A acquista un marchio e, al 31/12, lo svaluta a conto economico in misura maggiore rispetto alla quota di ammortamento fiscalmente ammessa. Ne consegue: a) un fenomeno di anticipazione della tassazione; b) un fenomeno di posticipazione della tassazione; c) nessun fenomeno di anticipazione o posticipazione della tassazione; d) un risparmio definitivo di imposte. 57. Conformemente allo IAS 12, nel bilancio di esercizio, le imposte differite: a) devono essere iscritte solo se sussiste la ragionevole certezza che il debito insorga; b) possono essere o meno iscritte, a scelta dell azienda; c) devono essere sempre iscritte; d) non devono mai essere iscritte. 58. Secondo il codice civile e i principi contabili nazionali, nel bilancio di esercizio, le imposte anticipate: a) devono essere iscritte solo se il loro futuro recupero è ritenuto probabile; b) possono essere o meno iscritte, a scelta dell azienda; c) devono essere sempre iscritte; d) non devono mai essere iscritte. 10

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Partecipazioni e azioni proprie

Partecipazioni e azioni proprie OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Partecipazioni e azioni proprie Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Matteo Pozzoli Premessa: La presente dispensa è specificamente indirizzata agli studenti del corso di Contabilità e Bilancio per i percorsi MII e

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio di Tiziano Sesana (*) Gli interessi legali di mora ex D.Lgs. n. 231/2002 così come modificato dal D.Lgs. n. 192/2012 sono

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1 PARTECIPAZIONI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Art. 2424 b iii immobilizzazioni finanziarie. Partecipazioni Crediti Altri

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli