Gruppo Editoriale L Espresso Società per azioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Editoriale L Espresso Società per azioni"

Transcript

1 1 Gruppo Editoriale L Espresso Società per azioni Relazione Trimestrale Consolidata al 30 settembre 2005 Gruppo Editoriale L Espresso SpA Via Cristoforo Colombo, Roma Capitale Sociale i.v ,70 i.v. - R.E.A. Roma n P.IVA Codice Fiscale e Iscriz. Registro Imprese di Roma n Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di CIR S.p.A.

2 Gruppo Editoriale L'Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO AL 30 SETTEMBRE 2005 Il Gruppo Espresso ha conseguito nei primi nove mesi del 2005 un utile netto consolidato di 65,4mn rispetto a 61mn del corrispondente periodo dell esercizio precedente; in miglioramento anche il risultato operativo consolidato che è aumentato da 123,3mn a 131,3mn, ed il fatturato salito da 768,7mn a 789mn. L incidenza sui ricavi è stata del 16,6% (nel 2004 era del 16%). L indebitamento finanziario netto di Gruppo è passato da 141,4mn del l gennaio 2005 a 241,8mn di fine settembre. L elevato cash flow gestionale ha contenuto l aumento dell esposizione debitoria dovuta all acquisizione dell emittente All Music ( 110mn), ad esborsi per investimenti ( 55,2mn) e al pagamento di dividendi ( 55,8mn). Il patrimonio netto consolidato è passato da 484,1mn al 1 gennaio 2005 a 496,4mn a fine settembre. Nei primi nove mesi dell anno la raccolta pubblicitaria è cresciuta complessivamente dell 8% (del 6,4% escludendo il fatturato di All Music e la raccolta per i mezzi di terzi), con un terzo trimestre in accelerazione rispetto ai mesi precedenti. L andamento è stato positivo soprattutto in settembre ed in particolare per la pubblicità commerciale de la Repubblica (+10,1% rispetto al mese di settembre 2004). I risultati consolidati includono anche l apporto di All Music a partire dall acquisizione, avvenuta ad aprile. L emittente televisiva, dal 3 ottobre, ha rinnovato la grafica e il logo ed ha focalizzato ulteriormente la programmazione sui giovani e sul mondo musicale. A gennaio 2006 è previsto il passaggio della raccolta pubblicitaria alla concessionaria di Gruppo A.Manzoni&C.. Importanti conferme sono arrivate anche dai prodotti opzionali che hanno venduto quasi 20 milioni di copie tra libri, DVD e CD musicali, con un contributo al risultato operativo consolidato superiore a quello dei primi nove mesi del Le diffusioni di quotidiani e periodici si sono mantenute in linea con il corrispondente periodo dell esercizio precedente: la Repubblica a 618 mila copie medie, i quotidiani locali a 475 mila e L espresso a 388 mila. Le radio del Gruppo hanno confermato il primato di audience tra le emittenti private italiane raggiungendo un pubblico di oltre 8,7 milioni di ascoltatori nel giorno medio e 22,4 milioni nella settimana (Audiradio 1 semestre 2005). Su internet, l insieme dei siti del Gruppo Espresso a settembre ha superato per la prima volta i 7,6 milioni di utenti unici, confermando Repubblica.it il sito d informazione preferito dagli italiani (oltre 482 mila utenti medi giornalieri e 4,8 milioni nel mese). 2

3 Gruppo Editoriale L'Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 RepubblicaRadio, che va in onda tutte le mattine esclusivamente su internet con notizie, approfondimenti, interviste e collegamenti con gli inviati e le redazioni de la Repubblica, ha raggiunto a settembre oltre 126 mila utenti unici e 442 mila pagine visitate, grazie anche alla possibilità di ascoltare le trasmissioni in differita o di scaricare sui lettori MP3 o ipod singoli segmenti della programmazione. Il 25 agosto è stato lanciato XL, il nuovo mensile de la Repubblica dedicato al mondo musicale e dei giovani. I primi numeri hanno riscosso un ottima accoglienza da parte del pubblico e degli investitori pubblicitari. Dopo l assunzione diretta della stampa de la Repubblica a Roma avvenuta nell agosto del 2004, nell aprile del 2005 è stata internalizzata anche l attività di produzione del centro stampa di Padova che opera sia per la Repubblica sia per i quotidiani veneti della Finegil Editoriale. Queste operazioni, unite ad una razionalizzazione delle sedi operative del Gruppo, hanno comportato una maggiore efficienza produttiva con risparmi nei costi. A fine settembre l organico del Gruppo contava persone in aumento di 154 unità rispetto alle persone al 31 dicembre 2004 per effetto della neo-acquisita All Music e dell assunzione del personale della ex cooperativa di stampa di Padova. A chiusura del commento dei risultati consolidati, vengono di seguito riportati, in sintesi, i dati più significativi dei primi nove mesi e del terzo trimestre del 2005 confrontati con i corrispondenti periodi dell esercizio precedente: Risultati consolidati progressivi ( mn) % 2005/2004 Fatturato 768,7 789,0 +2,6% Costi operativi e per il personale (613,6) (623,1) +1,5% Margine operativo lordo 155,1 165,9 +6,9% Ammortamenti e svalutazioni (31,8) (34,6) +8,6% Risultato operativo 123,3 131,3 +6,5% Risultato netto 61,0 65,4 +7,3% 1/1/ /09/05 Posizione finanziaria netta (141,4) (241,8) Dipendenti

4 Gruppo Editoriale L'Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 Risultati trimestrali ( mn) III Trimestre 2004 III Trimestre 2005 % 2005/2004 Fatturato 222,6 221,4-0,6% Costi operativi e per il personale (189,8) (185,0) -2,5% Margine operativo lordo 32,9 36,3 +10,6% Ammortamenti e svalutazioni (10,5) (11,4) +8,5% Risultato operativo 22,4 24,9 +11,6% Risultato netto 8,6 10,6 +23,2% RISULTATI PER AREA DI ATTIVITÀ Divisione Repubblica % 2005/2004 Fatturato 375,5 379,9 +1,2% Costi operativi e per il personale (309,6) (312,4) +0,9% Margine operativo lordo 65,9 67,5 +2,5% Ammortamenti e svalutazioni (10,2) (10,0) -2,3% Risultato operativo 55,7 57,5 +3,3% Dipendenti I dati divisionali includono pro-quota anche i ricavi e i costi comuni della società non attribuibili ad una specifica attività Nei primi nove mesi dell anno la pubblicità su la Repubblica e i suoi supplementi è aumentata dell 8,2%, i fatturati e i margini dei prodotti opzionali sono rimasti elevati, e sono state lanciate nuove iniziative editoriali: l Almanacco dei libri, la Domenica di Repubblica e la rivista XL che ha offerto ai lettori, ed in particolare al segmento dei giovani, un prodotto nuovo negli argomenti e nella grafica e più ricco nella foliazione. L attenzione dedicata alla qualità e all innovazione del prodotto ha favorito l affermazione del quotidiano: nell ultima indagine Audipress sulla lettura la Repubblica si è confermata, infatti, primo giornale di news con quasi 3 milioni di lettori, e tra i supplementi il Venerdì ha registrato 2,9 milioni di lettori e D-la Repubblica delle Donne 1,2 milioni. 4

5 Gruppo Editoriale L'Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 Divisione periodici % 2005/2004 Fatturato 83,1 93,2 +12,2% Costi operativi e per il personale (72,8) (85,4) +17,3% Margine operativo lordo 10,2 7,8-24,2% Ammortamenti e svalutazioni (0,4) (0,5) +21,1% Risultato operativo 9,8 7,2-26,2% Dipendenti I dati divisionali includono pro-quota anche i ricavi e i costi comuni della società non attribuibili ad una specifica attività L area include il settimanale L espresso, il quindicinale TvMagazine, il mensile National Geographic, le due riviste trimestrali Limes e Micromega, e le Guide de L espresso. Il buon andamento dei prodotti opzionali, l incremento del fatturato pubblicitario e la diminuzione dei costi di gestione degli abbonamenti, hanno consentito in parte di compensare le spese di lancio sostenute per la campagna promozionale di TvMagazine: il risultato operativo si è quindi attestato a 7,2mn con un incidenza sul fatturato del 7,7%. L espresso per celebrare il cinquantesimo anniversario ha realizzato una collana in cinque volumi che, riproponendo una scelta degli articoli e delle foto pubblicate negli anni, ripercorre un importante segmento della storia italiana. Questa iniziativa va ad aggiungersi alle altre lanciate nel 2005 che hanno venduto complessivamente oltre 5,1 milioni di copie tra libri, DVD e CD musicali. Le altre pubblicazioni hanno confermato il loro positivo contributo ai risultati della divisione sia in termini di diffusione sia di margini: in particolare il mensile National Geographic ha diffuso 127 mila copie medie ad uscita e le riviste Limes e Micromega si sono attestate a 17 mila copie medie ciascuna. Quotidiani locali % 2005/2004 Fatturato 186,6 194,4 +4,2% Costi operativi e per il personale (141,4) (146,8) +3,8% Margine operativo lordo 45,2 47,7 +5,4% Ammortamenti e svalutazioni (8,9) (10,8) +21,6% Risultato operativo 36,3 36,8 +1,4% Dipendenti

6 Gruppo Editoriale L'Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 L area comprende tutte le testate locali edite dal Gruppo, in tutto 16 quotidiani ed un bisettimanale che raggiungono un totale di 3,1 milioni di lettori in 10 diverse regione italiane. In lieve flessione è risultata la raccolta pubblicitaria che dopo la crescita dei primi tre mesi dell anno ha subito nei trimestri successivi un rallentamento, penalizzata soprattutto dal calo della pubblicità locale. I dati sull andamento confermano comunque che anche a livello locale la composizione della raccolta si sta orientando sempre di più verso la quadricromia: le inserzioni a colori sono infatti cresciute del 25,2% rispetto ai primi nove mesi del 2004, a fronte di una riduzione del 12,6% dei volumi in bianco/nero. Nel periodo in esame anche i quotidiani locali hanno sviluppato alcune iniziative editoriali vendute in abbinamento con le testate: L Enciclopedia universale e La Grande Storia della Canzone Italiana, coinvolgendo in più fasi tutti i giornali locali del Gruppo, hanno venduto complessivamente oltre 650 mila copie. Dal 1 aprile vengono gestiti internamente tutti i processi di produzione dello stabilimento di Padova che si occupa della stampa de Il Mattino di Padova, la Tribuna di Treviso e La Nuova di Venezia e Mestre, nonché delle copie de la Repubblica distribuite nel Triveneto. Radio % 2005/2004 Fatturato 48,0 53,5 +11,4% Costi operativi e per il personale (24,6) (26,5) +7,5% Margine operativo lordo 23,4 27,0 +15,4% Ammortamenti e svalutazioni (2,4) (2,2) -7,7% Risultato operativo 21,0 24,8 +18,1% Dipendenti L attività radiofonica del Gruppo fa capo alla società Elemedia che detiene le concessioni radiofoniche delle tre emittenti nazionali, Radio Deejay, Radio Capital e m2o. Nei primi nove mesi del 2005, nonostante il mercato radiofonico sia in flessione dell 1%, le radio del Gruppo hanno ottenuto una crescita dell 11,4% del fatturato che si è attestato a oltre 53mn. Analogamente è migliorato il risultato operativo salito da 21mn dell anno scorso a 24,8mn nel 2005, con un incidenza sul fatturato pari al 46,3%. 6

7 Gruppo Editoriale L'Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 Nel periodo in esame, Radio Deejay ha ulteriormente consolidato il proprio primato di ascolti tra le radio private, Radio Capital ha parzialmente rinnovato la propria formula editoriale sempre nel rispetto del format classici e notizie, e m2o ha continuato a puntare sulla realizzazione di compilation musicali commercializzate nelle edicole e nei negozi specializzati. Internet % 2005/2004 Fatturato 9,2 9,3 +0,8% Costi operativi e per il personale (10,8) (9,5) -11,8% Margine operativo lordo (1,6) (0,2) +87,0% Ammortamenti e svalutazioni (0,6) (0,3) -54,7% Risultato operativo (2,2) (0,5) +78,0% Dipendenti Kataweb SpA, che oltre a gestire l omonimo portale agisce in qualità di service provider e di fornitore di contenuti per le attività on-line del Gruppo Espresso, ha ridotto ulteriormente la perdita operativa. Nei nove mesi in esame, significativo è stato il supporto tecnico nonché l attività di ricerca e sviluppo forniti da Kataweb per il lancio di prodotti multimediali con i principali marchi del Gruppo. In particolare sono stati rinnovati i siti Repubblica.it e Deejay.it, hanno avuto inizio le trasmissioni di RadioRepubblica ed è stato lanciato il Passaporto, testata on-line rivolta al mondo dell'immigrazione. Contemporaneamente, il portale Kataweb è stato arricchito con un rinnovato canale sui Viaggi, con una nuova area di blog, e con Voice, il servizio che permette di effettuare telefonate su internet. Infine sono stati sperimentati prodotti in modalità video e in settembre è stato avviato il nuovo portale per la raccolta della pubblicità classificata on-line su tutte le testate del Gruppo (Offro e Cerco). Televisione % 2005/2004 Fatturato - 9,7 n.s. Costi operativi e per il personale - (7,4) n.s. Margine operativo lordo - 2,3 n.s. Ammortamenti e svalutazioni - (0,9) n.s. Risultato operativo - 1,4 n.s. Dipendenti 105 7

8 Gruppo Editoriale L'Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 Dell andamento dell emittente e dei progetti che verranno realizzati nei prossimi mesi si è già dato conto nella prima parte della relazione, cui si rinvia. Raccolta pubblicitaria % 2005/2004 Fatturato 385,1 403,7 +4,8% Costi operativi e per il personale (381,5) (401,6) +5,3% Margine operativo lordo 3,6 2,0-42,4% Ammortamenti e svalutazioni (3,8) (1,8) -54,1% Risultato operativo (0,3) 0,3 n.s. Dipendenti La raccolta pubblicitaria di Manzoni non include il fatturato realizzato da Rete A, i cui spazi pubblicitari per l esercizio 2005 sono ancora gestiti da PubliKompass. L andamento dei ricavi nei primi nove mesi del 2005 evidenzia una crescita del 4,8% sul corrispondente periodo dell esercizio precedente. Le performance di quasi tutti i mezzi del Gruppo si sono attestate ad un livello superiore alle medie del mercato: la tendenza degli investimenti pubblicitari a livello nazionale (dati Nielsen Media Research) mostra, infatti, una crescita della televisione (+2%) e della stampa (+4,5%) accanto ad un rallentamento della raccolta sulle radio (-1%). L aumento del fatturato ed una politica più attenta nella gestione dei crediti, hanno determinato un incremento del risultato operativo che si è attestato a 0,3mn contro la perdita di 0,3mn registrata nel corrispondente periodo del PRINCIPALI EVENTI SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEI PRIMI NOVE MESI DELL ANNO E PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELLA GESTIONE L 11 ottobre 2005 è stata deliberata dalle rispettive assemblee dei soci, riunite in sede straordinaria, la fusione per incorporazione di Elemedia SpA, Eletv SpA e Studio Vit Srl in Kataweb SpA. Con la concentrazione delle attività di radio, televisione e internet in un unica società, l obiettivo è di gestire in modo integrato le piattaforme distributive già esistenti o in fase di sviluppo (come il digitale terrestre) per diffondere i contenuti editoriali e raggiungere così gli utenti su tutti i terminali possibili (internet, cellulari, televisione o altro ancora). Con tale operazione, i cui effetti contabili e fiscali decorreranno retroattivamente dal 1 gennaio 2005, sarà inoltre possibile migliorare l efficienza delle funzioni comuni, ridurre i costi di carattere societario e ottimizzare l impiego delle risorse umane e finanziarie. 8

9 Gruppo Editoriale L'Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 Le stime di andamento pubblicitario per i mesi di ottobre e novembre continuano a mostrare una crescita rispetto ai valori dei corrispondenti periodi del 2004 ed anche le diffusioni e le vendite dei prodotti opzionali confermano il loro positivo trend Sulla base dei primi nove mesi dell anno e delle previsioni per il quarto trimestre, è presumibile che il Gruppo Espresso possa chiudere l anno con risultati superiori al

10 Prospetti

11 Gruppo Espresso Conto Economico Consolidato Gen - Set Gen - Set (milioni di euro) Ricavi 768,7 789,0 Altri proventi operativi 5,8 23,2 Costi per acquisti (113,9) (115,0) Costi per servizi (303,6) (311,3) Costo per il personale (193,9) (210,7) Altri oneri operativi (9,1) (10,0) Valutaz. partecipazioni a patrimonio netto 1,0 0,6 Ammortamenti e svalutazioni (31,8) (34,6) Risultato operativo 123,3 131,3 Proventi/(Oneri) finanziari netti (9,7) (14,0) Risultato ante imposte 113,5 117,2 Imposte (52,1) (51,4) Risultato netto 61,5 65,8 Risultato attribuibile a terzi 0,5 0,4 RISULTATO ATTRIBUIBILE AL GRUPPO 61,0 65,4 Utile per azione, base 0,142 0,152 Utile per azione, diluito 0,139 0,148

12 Gruppo Espresso Conto Economico Consolidato III Trim. III Trim. (milioni di euro) Ricavi 222,6 221,4 Altri proventi operativi 1,1 10,6 Costi per acquisti (33,6) (35,4) Costi per servizi (95,9) (94,9) Costo per il personale (59,3) (63,5) Altri oneri operativi (2,4) (1,9) Valutaz. partecipazioni a patrimonio netto 0,3 0,1 Ammortamenti e svalutazioni (10,5) (11,4) Risultato operativo 22,4 24,9 Proventi/(Oneri) finanziari netti (3,3) (4,6) Risultato ante imposte 19,1 20,3 Imposte (10,3) (9,6) Risultato netto 8,8 10,8 Risultato attribuibile a terzi 0,2 0,2 RISULTATO ATTRIBUIBILE AL GRUPPO 8,6 10,6

13 Gruppo Espresso Struttura Patrimoniale Consolidata ATTIVO 01-gen 30-giu 30-set (milioni di euro) Immobilizzazioni immateriali a vita indefinita 460,3 613,3 628,6 Altre immobilizzazioni immateriali 5,5 5,4 5,4 Immobilizzazioni immateriali 465,7 618,8 634,0 Immobilizzazioni materiali 259,0 259,1 255,4 Partecipazioni valutate al patrimonio netto 23,9 14,5 14,7 Altre partecipazioni 3,9 3,9 3,9 Crediti non correnti 9,3 3,6 3,4 Crediti per imposte differite attive 26,8 25,2 22,5 ATTIVITA' NON CORRENTI 788,5 925,1 933,9 Rimanenze 30,2 27,7 29,1 Crediti commerciali 241,7 253,5 212,8 Titoli 20,1 10,1 0,1 Crediti finanziari 1,7 3,5 0,2 Crediti tributari 41,5 60,3 74,5 Altri crediti 22,0 26,2 25,1 Disponibilità liquide 383,2 306,1 128,6 ATTIVITA' CORRENTI 740,4 687,4 470,5 TOTALE ATTIVO 1.528, , ,4 PASSIVO 01-gen 30-giu 30-set (milioni di euro) Capitale sociale 64,9 65,0 65,0 Riserve 187,7 194,3 192,4 Utili (perdite) a nuovo 132,6 174,6 173,5 Utile (perdita) di esercizio 98,9 54,8 65,4 Patrimonio netto di Gruppo 484,1 488,7 496,4 Patrimonio netto di terzi 11,0 10,6 10,7 PATRIMONIO NETTO 495,1 499,3 507,1 Debiti finanziari 330,9 330,4 330,2 Fondi per rischi ed oneri 13,0 13,2 12,7 TFR e altri fondi per il personale 95,9 101,2 102,7 Debiti per imposte differite passive 54,2 95,5 96,8 PASSIVITA' NON CORRENTI 493,9 540,3 542,4 Debiti finanziari 224,8 248,4 40,6 Fondi per rischi ed oneri 10,3 10,2 9,0 Debiti commerciali 209,5 183,1 167,1 Debiti tributari 16,5 50,7 61,0 Altri debiti 78,8 80,4 77,2 PASSIVITA' CORRENTI 539,9 572,9 354,9 TOTALE PASSIVITA' 1.033, ,2 897,3 TOTALE PASSIVITA' E PATRIMONIO NETTO 1.528, , ,4

14 Gruppo Espresso Posizione finanziaria netta 01-gen 30-giu 30-set (milioni di euro) Titoli 20,1 10,1 0,1 Crediti finanziari 10,9 7,1 0,2 Disponibilità liquide 383,2 306,1 128,6 Totale attività finanziarie 414,3 323,3 128,9 Obbligazioni (511,0) (514,2) (318,2) Debiti verso le banche (37,0) (58,1) (46,3) Altri debiti finanziari (7,6) (6,6) (6,3) Totale passività finanziarie (555,7) (578,8) (370,7) INDEBITAMENTO NETTO (141,4) (255,5) (241,8)

15 Nota di commento al bilancio consolidato al 30 Settembre 2005

16 Gruppo Editoriale L Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 NOTA DI COMMENTO AL BILANCIO CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2005 Premessa La relazione trimestrale consolidata del Gruppo Espresso al 30 settembre 2005, non sottoposta a revisione contabile, è stata predisposta in conformità con i principi contabili internazionali IFRS, obbligatori dal 2005 nella preparazione dei bilanci consolidati delle società quotate nei mercati regolamentati europei. Il Gruppo ha deciso di adottare gli IFRS già dall esercizio 2005 anche per i bilanci civilistici della Capogruppo e delle singole società controllate. I dati del periodo di confronto sono stati anch essi determinati secondo gli IFRS. Tali criteri potrebbero non coincidere con le disposizioni degli IFRS in vigore al 31 dicembre 2005 per effetto sia di orientamenti futuri della Commissione Europea in merito all omologazione dei principi contabili internazionali, sia dell emissione di nuovi principi o interpretazioni da parte degli organismi competenti. I criteri di valutazione, applicati allo stato patrimoniale e al conto economico, sono in linea con quelli adottati nella relazione semestrale al 30 giugno 2005 e con quelli che si assume verranno adottati per il bilancio d esercizio. La relazione trimestrale è stata elaborata secondo quanto indicato dall art. 82 del Regolamento Consob n /1999 (così come modificato con la delibera n del 14 aprile 2005) e dall Allegato 3D del Regolamento stesso. Pertanto, non sono adottate le disposizioni del principio contabile internazionale relativo all informativa finanziaria infrannuale (IAS 34 Bilanci intermedi ). Variazione nell area di consolidamento rispetto al 30 settembre 2004 Dal 1 aprile sono state incluse nell area di consolidamento la società Rete A SpA e la sua controllata All Music SpA. 16

17 Gruppo Editoriale L Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 CONTO ECONOMICO Ricavi Ricavi da pubblicazioni 358,8 356,0 Ricavi da pubblicità 380,6 410,9 Ricavi diversi 29,3 22,1 Totale 768,7 789,0 Dell andamento dei ricavi da pubblicazioni e da pubblicità si è già trattato nella prima parte della relazione cui si rimanda. I ricavi diversi includono il fatturato realizzato dalle società dell area internet nel settore delle soluzioni per l impresa, e le attività di stampa conto terzi. La voce comprende inoltre la variazione delle rimanenze di prodotti finiti, pubblicazioni e prodotti opzionali, positiva per 1,2mn (nei primi nove mesi del 2004 la variazione era negativa per 1,3mn). Altri proventi operativi Includono 17,5mn di contributi ( 0,6mn al 30 settembre 2004) per agevolazioni sull acquisto della carta (relativi sia al 2004 che al 2005), sulla diffusione dei quotidiani all estero (per il 2005) e per il sostegno degli investimenti (art. 8 Legge n.62/2001). Costi per acquisti Costo carta quotidiani e periodici (71,4) (74,3) Altri acquisti carta e spese di produzione (42,5) (40,7) Totale (113,9) (115,0) Il costo carta quotidiani e periodici aumenta di 2,9mn rispetto al 2004 per effetto dell aumento del prezzo medio di acquisto della carta e delle spese sostenute per la produzione di TvMagazine. Gli altri acquisti carta e spese di produzione comprendono i costi sostenuti per l acquisto dei prodotti opzionali veicolati dalle testate del Gruppo. La diminuzione di 1,8mn è dovuta ad un diverso mix di prodotti finiti e semilavorati. 17

18 Gruppo Editoriale L Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 Costi per servizi Costo stampa quotidiani e periodici (54,4) (42,2) Altri costi stampa (25,1) (25,3) Promozioni (29,9) (33,4) Costi di distribuzione (22,1) (23,5) Canoni editore (15,0) (13,0) Costi per agenti e agenzie (20,2) (21,8) Diritti (21,9) (27,9) Altri costi operativi (114,9) (124,1) Totale (303,6) (311,3) I costi stampa quotidiani e periodici diminuiscono di 12,2mn per effetto della scelta di gestire direttamente le attività di produzione nello stabilimento romano di Rotocolor (agosto 2004) e nel centro stampa di Padova (aprile 2005). Gli altri costi stampa includono le spese di produzione dei prodotti opzionali e sono sostanzialmente in linea con l esercizio precedente. L aumento di 3,6mn delle spese promozionali è legato principalmente alla campagna di lancio del quindicinale TvMagazine. I costi di distribuzione aumentano di 1,5mn soprattutto per effetto dei maggiori costi per la distribuzione del quotidiano la Repubblica. I costi per diritti includono le royalties pagate per la pubblicazione dei prodotti opzionali abbinati alle testate del Gruppo, i diritti radiofonici e televisivi e i diritti di riproduzione di contenuti dei siti internet. L aumento di 6mn è dovuto ai maggiori diritti versati per la realizzazione dei prodotti opzionali de la Repubblica e L espresso e alle royalties pagate da All Music per la realizzazione e messa in onda dei programmi. L aumento di 9,2mn degli altri costi operativi è legato alla realizzazione delle nuove iniziative editoriali, TvMagazine e XL, al consolidamento dell emittente All Music, nonché ai maggiori costi per utenze ed energia delle nuove rotative full color. Costo del personale Ammonta a 210,7mn, in aumento di 16,8mn rispetto ai primi nove mesi del 2004 per l effetto combinato degli incrementi dovuti agli automatismi contrattuali e dell assunzione in Rotocolor e nella divisione operativa di Padova della Finegil Editoriale rispettivamente del personale della STEC, ex stampatore romano de la Repubblica, e dell organico della 18

19 Gruppo Editoriale L Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 ex cooperativa di stampa. I primi nove mesi del 2005 includono inoltre 2,1mn di costi del personale di Rete A All Music. Altri oneri operativi Includono principalmente gli accantonamenti ai fondi rischi ed oneri e sono sostanzialmente in linea con l analogo periodo dell anno precedente. Valutazione partecipazioni a patrimonio netto La variazione di 0,4mn è dovuta alla cessione di parte della quota di partecipazione nella società Editoriale Libertà SpA passata dal 35% al 19%. Ammortamenti e svalutazioni Gli ammortamenti e le svalutazioni di immobilizzazioni e di crediti sono pari a 34,6mn, a fronte di 31,8mn registrati nel corrispondente periodo del La variazione di 2,7mn è dovuta ai maggiori ammortamenti delle rotative full color de la Repubblica solo in parte compensati da minori svalutazioni crediti per 1,4mn. Proventi/(Oneri) finanziari netti Sono pari a 14mn con un incremento di 4,3mn sui primi nove mesi del 2004 dovuto al differenziale negativo tra il tasso del bond decennale emesso nell ottobre 2004 e il tasso attivo dell impiego a breve termine della liquidità affluita. 19

20 Gruppo Editoriale L Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 SITUAZIONE PATRIMONIALE Le immobilizzazioni immateriali, pari a 634mn, aumentano di 168,3mn rispetto ai 465,7mn del 1 gennaio Tale incremento è originato principalmente dall iscrizione delle frequenze televisive della neo acquisita Rete A All Music e dagli investimenti effettuati nel periodo dall emittente per il potenziamento degli impianti di diffusione del segnale e lo sviluppo della rete digitale terrestre. Le immobilizzazioni materiali ammontano a 255,4mn con un decremento di 3,6mn rispetto al 1 gennaio 2005 ( 259mn). Gli incrementi del periodo pari a 27,4mn, di cui 8mn derivanti dal consolidamento di Rete A All Music, sono stati compensati da disinvestimenti netti per 0,4mn e da ammortamenti per 30,5mn. Le partecipazioni ammontano a complessivi 18,6mn ( 27,8mn al 1 gennaio 2005). La diminuzione di 9,2mn è dovuta alla riduzione della percentuale di partecipazione al capitale della società Editoriale Libertà SpA passata dal 35% al 19%. I crediti non correnti, pari a 3,4mn, sono relativi a depositi cauzionali e a crediti verso l Erario per anticipo TFR. Al 1 gennaio 2005 la voce includeva anche il fair value ( 5,4mn) dei contratti di interest rate swap fisso/variabile stipulati a copertura del nuovo prestito obbligazionario di 300mn, chiusi lo scorso marzo. I crediti per imposte differite attive ammontano a 22,5mn ed includono le differenze temporanee tra i valori patrimoniali iscritti in bilancio ed i corrispondenti valori riconosciuti ai fini fiscali. Le rimanenze sono pari a 29,1mn e comprendono le rimanenze di carta, materiali per stampa, pubblicazioni e prodotti opzionali. I crediti commerciali sono pari a 212,8mn, con una diminuzione di 28,9mn rispetto al 1 gennaio 2005 per effetto della stagionalità del fatturato pubblicitario della concessionaria A.Manzoni&C. il cui volume di raccolta è inferiore nei mesi estivi. I titoli ammontano a 0,1mn. Nel corso del periodo sono scaduti e rimborsati i titoli di Stato posseduti dalla Capogruppo per complessivi 20,1mn. I crediti finanziari correnti, pari a 0,2mn, diminuiscono di 1,4mn per effetto dei maggiori interessi sui depositi bancari a breve termine. I crediti tributari ammontano complessivamente a 74,5mn contro i 41,5mn del 1 gennaio La variazione è dovuta principalmente al credito d imposta concesso sugli acquisti carta del 2004 e del 2005 e ad una diversa esposizione del saldo Ires nei confronti della controllante CIR SpA nell ambito del consolidato fiscale. Al 1 gennaio 2005, 20

21 Gruppo Editoriale L Espresso Bilancio intermedio al 30 settembre 2005 infatti, il credito Ires era esposto al netto del debito teorico di imposta, mentre al 30 settembre 2005 il credito e il debito emersi nei confronti della controllante al momento del versamento della prima rata d acconto vengono rilevati separatamente. Gli altri crediti sono pari a 25,1mn, in aumento di 3,2mn rispetto ai 22mn del 1 gennaio Le disponibilità liquide si riducono di 254,6mn a fronte del rimborso per scadenza del prestito obbligazionario quinquennale del valore nominale di 200mn e dell esborso di 110mn per l acquisizione di Rete A All Music. Il patrimonio netto al 30 settembre 2005 ammonta a 507,1mn ( 495,1mn al 1 gennaio 2005), di cui 496,4mn di competenza del Gruppo ( 484,1mn a fine esercizio 2004) e 10,7mn di spettanza dei terzi ( 11mn al 1 gennaio 2005). I debiti finanziari non correnti ammontano a 330,2mn ed includono per 307mn la passività relativa al prestito obbligazionario decennale di fine I fondi per rischi ed oneri sia correnti che non correnti sono sostanzialmente in linea con l anno precedente. Il fondo di Trattamento di fine rapporto e gli altri fondi per il personale ammontano complessivamente a 102,7mn ( 95,9mn al 1 gennaio 2005) e coprono i diritti del personale maturati al 30 settembre I debiti per imposte differite passive aumentano di 42,6mn principalmente per effetto dell impatto fiscale relativo all iscrizione delle frequenze televisive di Rete A All Music. I debiti finanziari correnti sono pari a 40,6mn in diminuzione di 184,3mn rispetto al 1 gennaio 2005 a seguito del rimborso per scadenza del bond di 200mn. I debiti commerciali ammontano a 167,1mn con una diminuzione di 42,4mn legata alla riduzione dei debiti per investimenti (- 12,9mn), che al 1 gennaio 2005 includevano i valori da saldare delle rotative full color, e dei debiti per gli acquisti di carta e materiali di stampa (- 22,9mn) su cui incidono i minori volumi di copie prodotte di add-on. I debiti tributari, pari a 61mn, includono il debito relativo alle competenze di Ires che, a seguito dell adesione al consolidato fiscale, vengono trasferite in carico alla controllante CIR SpA. Come già detto in precedenza, al 1 gennaio 2005 il debito teorico d imposta era stato nettato direttamente con il relativo credito. Gli altri debiti sono pari a 77,2mn in diminuzione di 1,6mn sul 1 gennaio 2005 per effetto della riduzione dei debiti verso gli istituti di previdenza e sicurezza sociale liquidati ad inizio anno. 21

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012 Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 311 dicembre 2012 BILANCIO SEPARATO DADA A S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2012 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Relazione finanziaria annuale 2013

Relazione finanziaria annuale 2013 Relazione finanziaria annuale 2013 (Pagina lasciata bianca intenzionalmente) 1 2 (Pagina lasciata bianca intenzionalmente) Indice 1. Introduzione... 5 Principali dati economico-finanziari consolidati...

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli