Gruppo Pierrel S.p.A. Relazione Semestrale al 30 Giugno 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Pierrel S.p.A. Relazione Semestrale al 30 Giugno 2006"

Transcript

1 Gruppo Pierrel S.p.A. Relazione Semestrale al 30 Giugno 2006 Pierrel - S.p.A. Sede Legale in Via A.Saffi Milano Capitale Sociale Euro i.v. Registro delle Imprese di Milano, Codice Fiscale e P. Iva n Tribunale di Milano, REA n

2 RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2006 INDICE Le Cariche Sociali Pierrel S.p.A. pag. 3 GRUPPO - Relazione sulla gestione - La struttura del Gruppo pag. 5 - Andamento dell attività operativa pag. 6 - Analisi della gestione economica, patrimoniale e finanziaria pag. 8 - Eventi rilevanti successivi alla chiusura del periodo pag Transazione ai principi contabili internazionali IAS/IFRS della pag. 13 Capogruppo Prospetti contabili consolidati sintetici intermedi - Stato patrimoniale consolidato sintetico intermedio pag Conto economico consolidato sintetico intermedio pag Rendiconto finanziario consolidato sintetico intermedio pag Prospetto delle variazioni del patrimonio netto consolidato pag. 18 sintetico intermedio Note di commento ai prospetti contabili consolidati sintetici intermedi - Criteri di redazione e principi contabili pag Stagionalità dell attività pag Note allo stato patrimoniale consolidato sintetico intermedio pag Note al Conto Economico consolidato sintetico intermedio pag Informativa di settore pag Dati sull occupazione pag Rapporti con parti correlate pag Eventi rilevanti successivi alla chiusura del periodo pag. 31 APPENDICE - Transizione ai principi IAS/IFRS di Pierrel S.p.A. 2

3 LE CARICHE SOCIALI - S.p.A. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (1) Canio Giovanni Mazzaro Presidente e Amministratore Delegato Gianluca Bolelli Vice Presidente Marco De Benedetti (*) Consigliere Carlo Maria Vismara (*) Consigliere Sergio Tartaro (*) Consigliere Stephan Henauer Consigliere Henry Kool Van Langenberghe Consigliere COLLEGIO SINDACALE (2) Marco Giuliani Presidente Antonio Castiglioni Attilio Marcozzi Sindaci Effettivi Cajola Alberto Pignanelli Guido Sindaci Supplenti SOCIETA DI REVISIONE Reconta Ernst & Young S.p.A. (1) Il Consiglio di Amministrazione è stato nominato dall'assemblea degli azionisti in data 30 gennaio 2006, per il triennio , e cioè fino alla data dell'assemblea che approverà il bilancio al 31 dicembre (2) Il Collegio Sindacale è stato nominato dall'assemblea degli azionisti in data 30 gennaio 2006, per il triennio , e cioè fino alla data dell'assemblea che approverà il bilancio al 31 dicembre (*) Amministratore indipendente 3

4 Gruppo Pierrel Relazione sulla gestione 4

5 LA STRUTTURA DEL GRUPPO La società Pierrel S.p.A., domiciliata in via Saffi 30 Milano, è controllata dalla società P. Farmaceutici S.p.A. domiciliata in via Gioberti 8 Milano. Pierrel S.p.A. opera nel settore farmaceutico con due differenti linee di business, quella del contract manufacturing effettuata per mezzo dello stabilimento sito a Capua e nel contract research svolta attraverso la controllata Pharmapart. La società Pierrel S.p.A. è stata costituita in data Con effetto , la controllante P. Farmaceutici S.p.A. ha conferito a Pierrel S.p.A. tutte le sue attività operative costituite dal sito produttivo di Capua comprensivo di contratti di produzione di farmaci per conto terzi e dalle attività direzionali svolte nella sede di Milano. Per tale ragione la società Pierrel S.p.A. si configura come soggetto autonomo e non sottoposto ad attività di direzione e coordinamento da parte della controllante Pfarmaceutici S.p.A. La relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2006 comprende il bilancio di Pierrel S.p.A e delle imprese controllate. Società controllate Le società controllate consolidate integralmente al 30 giugno 2006 sono le seguenti: Pharmapart, partecipata al 51% con sede in Svizzera e operante nell attività del Contract Research; Pharmapart HPC, detenuta al 100% da Pharmapart, con sede in Germania e avente per oggetto le attività regolatorie e legislative presso l EMEA. Joint venture Il 2 novembre 2005 Pierrel ha concluso un accordo di joint venture ( Accordo di joint venture Dental ) con Andrea Venturelli e la società Omnia S.r.l. per sviluppare, attraverso la costituzione di una nuova società denominata Pierrel Dental, una nuova iniziativa imprenditoriale nel settore della commercializzazione di prodotti dentali e per l igiene orale. Tale Società è stata costituita in data 13 dicembre 2005 ed è divenuta operativa a partire dall esercizio Pertanto, il suo primo esercizio sociale chiuderà il 31 dicembre Si riporta di seguito la rappresentazione grafica della struttura del Gruppo facente capo a Pierrel S.p.A.: Pierrel SpA Pharmapart AG 51% 52% Pierrel Dental 100% Pharmapart 5 Gmbh

6 ANDAMENTO DELL ATTIVITA OPERATIVA Premessa Il Gruppo nel corso del primo semestre 2006 ha realizzato un progetto importante che costituisce la base per il suo futuro sviluppo: la quotazione della Società al Mercato Espandi organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A.. Dopo aver presentato in data il Prospetto Informativo per l ammissione alla quotazione al Mercato Espandi a Borsa Italiana e Consob, in data la società ha ottenuto l ammissione da parte di entrambe gli Enti alla quotazione. In data si è avviata la trattazione dei titoli della società al Mercato Espandi. L operazione ha consentito di collocare sul mercato il 40% delle azioni della società ad un prezzo di vendita di Euro 6,00. Il ricavo della vendita delle azioni, nettato da spese per la quotazione per Euro , sarà utilizzato dalla società per finanziare i futuri progetti di crescita e sostenere le strategie del gruppo mirate al rafforzamento della capacità produttiva (C.M.O. Contract Manufacturing Organisation) e delle attività di C.R.O. (Contract Research Organisation). Eventi rilevanti intercorsi nel semestre Oltre al processo di quotazione sopra indicato devono essere ricordati i seguenti ulteriori eventi significativi intercorsi nel semestre: Il riavvio delle produzioni presso lo stabilimento di Capua a partire dal grazie al superamento dell ispezione Aifa seguente al fermo produttivo volontario attuato dal sito produttivo al fine di permettere l installazione della nuova centrale per la produzione del vapore pulito resasi necessaria per supportare i futuri piani di sviluppo della produzione presso il sito. Appare evidente che l avviamento del sito avvenuto solo a partire dalla data indicata ha comportato una notevole riduzione del fatturato potenziale nel primo semestre 2006 a causa dei ridotti tempi a disposizione.. Tale effetto è stato parzialemnte compensato dal più intens utilizzo degli impianti come spiegato nel paragrafo seguente. Nonostante lo stato di stand by dei primi due mesi 2006, il valore del fatturato dell attività di CMO del primo semestre è in linea con il budget previsionale. Nel semestre è stato attuato un sensibile rafforzamento dell attività produttiva nel reparto per la produzione degli iniettabili dentali presso il sito produttivo di Capua resosi necessario per far fronte alle crescenti richieste di clienti della CMO. La sottoscrizione di nuovi contratti e l espansione dei paesi in cui Pierrel spa è registrata per le produzioni a favore del suo principale cliente, Dentsply International, ha fatto si che a partire dal mese di marzo si siano attivate prima le produzioni su turni continui e per sei giorni alla settimana e poi, a partire dal mese di luglio, su sette giorni alla settimana. Questo farà si che si possano soddisfare tutti gli ordini di anestetici dentali in tubofiala dei clienti per il 2006 par a circa di pezzi contro i del In data e con effetto , il Consiglio di Amministrazione della controllata Pharmapart ha deliberato la fusione per incorporazione tra Pharmapart AG e HPC AG, società controllata da Pharmapart stessa al 100%. Nell ottica di rendere la struttura del gruppo più snella ed efficiente sono state fuse le due società avente sede in svizzera. Le due società infatti, operando nello stesso campo e condividendo le stesse attività non avevano ragione di avere una propria autonomia ed indipendenza. L acquisizione da terze parti del restante 40% della Pharmapart Gmbh società tedesca necessaria per le registrazioni dei farmaci all Emea, l ente farmaceutico registrativo europeo. Tale acquisizione, si è resa necessaria per armonizzare le attività delle società del gruppo, ha inoltre permesso di avere un unico referente titolare del 100% del 6

7 capitale. L acquisizione del residuo 40% di Pharmapart Gmbh è stata effettuata quindi attraverso Pharmapart Ag, che ora ne detiene il 100%, per un importo complessivo di Euro Strategie di sviluppo Il gruppo Pierrel intende utilizzare i proventi del processo di quotazione per sostenere la crescita tramite acquisizioni che permettano alle attuali società controllate (Pharmapart AG e Pharmapart Gmbh) di divenire parte di un network di aziende specializzate che coprano tutte le fasi dello sviluppo del farmaco. In particolare obiettivo delle future acquisizioni saranno società con elevato know how soprattutto nello sviluppo della fase 1 per la quale risultano necessarie la disponibilità di posti letto e di un reparto di terapia intensiva. Altro obiettivo dichiarato della società è quello di sviluppare una propria pipeline di farmaci generici che possano essere poi venduti a medie aziende farmaceutiche offrendo contestualmente sia l attività di registrazione dei farmaci che la produzione degli stessi grazie all integrazione tra le attività di CRO e CMO Attività commerciali sviluppate nel primo semestre 2006 Come detto precedentemente l attività commerciale del Gruppo ha segnato una sensibile crescita dovuta ai seguenti eventi: Per quanto riguarda la CMO sono state consolidate le relazioni con i principali clienti ed in particolar modo con la multinazionale americana Dentsply International società per la quale Pierrel produce anestetici dentali. In particolare Pierrel ha supportato il cliente nella registrazione del sito di Capua quale impianto autorizzato per la produzione in nuovi paesi oltre quelli già consolidati alla fine del Le più importanti nuove nazioni nelle quali il sito produttivo è stato registrato sono Inghilterra, Australia, Nuova Zelanda e Irlanda. Questi paesi sono di grande importanza per il mercato di Dentsply ed hanno elevate potenzialità in termini produttivi per Pierrel. L ottenimento della registrazione ha permesso quindi al gruppo di incrementare le proprie produzioni a favore di Dentsply per un numero di pezzi che dovrebbe attestarsi, a partire da giugno 2006, su un totale complessivo di circa di tubofiale su base annua. Contestualmente si sono pressoché concluse nel corso del primo semestre le attività di accettazione delle produzioni e di registrazione del sito produttivo per i nuovi clienti legati alle produzioni di anestetici dentali. A partire dal secondo semestre verranno avviate le produzioni in particolare per le società Clarben sa, Curaden, e Molteni Dental mentre si concluderanno le attività di registrazione delle produzioni della società Anister. L incremento produttivo legato ai suddetti clienti sarà su base annua ed a partire da settembre 2006 pari a circa di pezzi. La quantità totale di tubofiale su base annua prevista per il 2007 si attesta quindi su circa per un fatturato stimato previsto a regime di circa Euro A questo si devono aggiungere le produzione consolidate per i clienti delle altre linee di produzione (fiale, flaconi e spray) quali Astrazeneca, Fournier ( di recente acquisita da Solvay), PHT, Altaselect per ulteriori 2,5 milioni di Euro annui, nonché gli ulteriori contratti che il team interno di sales & marketing sarà in grado di procurare all azienda nel prossimo futuro. E stata creata una nuova struttura di Sales & marketing dedicata principalmente allo sviluppo dell attività di CRO in grado di entrare in contatto con un elevato numero di nuovi clienti per incrementare il fatturato del gruppo. Tale attività che ha richiesto una attenta fase di studio, è stata definita nel corso del semestre e mostrerà i suoi benefici solo a partire dal secondo semestre I costi non ricorrenti sostenuti nel corso del primo semestre 2006 dal gruppo per il recruiting di particolari figure che necessitavano essere inserite nella struttura sono stati pari a circa Euro 157 migliaia Per quanto concerne l attività di commercializzazione di prodotti in ambito dentale avviata attraverso la Pierrel Dental, si fa notare come nel corso del primo semestre si siano sviluppati contatti preliminari con una società per lo sfruttamento in esclusiva di una formulazione innovativa per il nuovo dentifricio Formula Pierrel. Tale formulazione, testata clinicamente con il supporto di specialisti universitari, verrà 7

8 utilizzata per i nuovi dentifrici che saranno presentati nel mese di novembre al pubblico unitamente agli altri prodotti della linea igiene orale e a quelli della linea anestetici Tali dentifrici saranno venduti unicamente in farmacia attraverso un accordo commerciale con una rete organizzata di venditori. Oltre che per la vendita dei dentifrici, si sono definite le attività per la vendita presso i dentisti degli anestetici dentali di cui è già stata richiesta, nel corso del semestre, la registrazione del sito industriale di Capua quale impianto di produzione per la cui definizione si rimanda al paragrafo concernente gli eventi rilevanti successivi alla chiusura del periodo. Per quanto riguarda le attività di ricerca nel mese di marzo 2006 è stato presentato un progetto di ricerca a valere sui finanziamenti destinati ai Grandi Progetti Strategici MIUR volto all individuazione ed alla selezione di principi attivi naturali (in particolare la Glicirrizina) volti alla cura di particolari patologie infiammatorie. Come riportato anche negli eventi successivi alla chiusura del periodo, il Ministero dell Industria, Università e Ricerca, ha comunicato ufficialmente il superamento della prima fase istruttoria del progetto e l ammissione alla fase successiva. Attività di investimento del primo semestre I nuovi investimenti si sono concentrati sul sito produttivo di Capua: nel corso del primo semestre sono entrati in funzione prima l autoclave per la sterilizzazione finale ed in seguito la nuova sperlatrice. I due nuovi investimenti hanno permesso di avviare le produzioni di tubofiale dentali anche con sterilizzazione finale oltre che con la sterilizzazione in asepsi (la nuova autoclave), e di elevare in maniera considerevole la qualità dei pezzi prodotti e la velocità di verifica (la nuova sperlatrice). Oltre a ciò si è proseguito con il piano di investimenti legato all ammodernamento ed all efficentamento del sito produttivo di Capua con la costruzione della nuova area spogliatoi. Tale nuova area ha permesso l organizzazione di un flusso più razionale del personale all interno dello stabilimento oltre che alla liberazione di importanti spazi all interno dell area di produzione da utilizzarsi per l installazione delle nuove sale di riempimento del della nuova macchina per la produzione delle tubofiale. In tale ambito si erano avviate trattative con i due più importanti produttori mondiali di macchinari di questo genere. I lunghi tempi di consegna ma soprattutto l acquisizione del nuovo impianto produttivo di Chicago (per i cui dettagli si rinvia alla sezione riguardante i fatti avvenuti dopo la chiusura del semestre) hanno portato alla decisione di fermare momentaneamente le trattative. ANALISI DELLA GESTIONE ECONOMICA, PATRIMONIALE E FINANZIARIA Dati di sintesi Si segnala che i dati di sintesi riferiti al conto economico non riscontrano alcun raffronto in quanto il gruppo al non risultava ancora costituito. Pierrel spa, è stata infatti costituita in data ed a tale data non aveva effettuato alcuna operazione che potesse avere valenza a conto economico. Stato Patrimoniale Consolidato Sintetico ATTIVITA' (migliaia di euro) 30 Giugno 2006 Al 31 dicembre 2005 Attività non correnti Attività correnti Totale attività PASSIVITA' E PATRIMONIO NETTO (migliaia di euro) Patrimonio netto consolidato

9 Passività non correnti Totale passività correnti Totale passività Totale passività e patrimonio netto I dati patrimoniali consolidati risentono fortemente dell operazione di quotazione. Il patrimonio netto è infatti cresciuto sensibilmente grazie all emissione sul mercato di di nuove azioni che, offerte a 6.00 Euro per ognuna hanno determinato rispettivamente un incremento del capitale sociale per Euro e l apertura di una riserva di sovrapprezzo azioni per Euro Le disponibilità liquide di cassa generate dall operazione di quotazione sono state investite in totale assenza di rischio, su un conto di tesoreria intestato alla società e aperto presso la Banca Popolare di Milano Alla chiusura del semestre, e a tutt oggi, la società ha disponibilità che sono ritenute sufficienti per affrontare le operazioni di acquisizione previste durante il processo di quotazione. L incremento delle attività non correnti risente degli investimenti eseguiti sul sito produttivo. Le attività correnti aumentano principalmente per le disponibilità liquide generate dalla quotazione e da crediti IVA per Euro 985 migliaia rispetto ad un saldo non significativo al 31 dicembre 2005 generato dai costi IPO. Tale credito, è stato successivamente utilizzato, fino alla concorrenza dell importo massimo annuale, a compensazione dei tributi e contributi da pagare tramite F24 mentre per la parte residua è stata inoltrata domanda di rimborso al competente ufficio IVA. Conto Economico Consolidato Sintetico CONTO ECONOMICO I semestre 2006 (Migliaia di Euro) Ricavi Costi operativi: (6.867) Risultato prima degli ammortamenti, oneri finanziari ed imposte (EBITDA) (309) Ammortamenti (231) Risultato operativo (EBIT) (539) Proventi e Oneri finanziari (240) Risultato prima delle imposte (EBT) (779) Imposte sul reddito del periodo 69 Utile (Perdita) netto del periodo (711) Utile (Perdita) netto di terzi (137) Perdita di competenza del Gruppo (574) Utile/(Perdita) per azione -base, per utile/(perdita) d esercizio attribuibile agli azionisti ordinari della Capogruppo ( ) Analisi redditualeriportiamo qui di seguito un dettaglio dei ricavi rilevati nel semestre: Ricavi attività CMO produzione Ricavi CMO servizi Ricavi CRO Totale ricavi caratteristici Altri ricavi Totale ricavi

10 Il valore della produzione per il primo semestre 2006, pari a Euro è composto per quasi il 69% dalle attività di CMO del gruppo. Questo risultato per il primo semestre, sebbene considerevole per l attività di CMO, deve essere visto sulla base del ridotto periodo di produzione sulla base del quale si è generato. Come detto innanzi, infatti, l attività di CMO ha operato a pieno regime solo per quattro mesi e quindi tale risultato deve essere ritenuto ancora più incoraggiante se lo si guarda in prospettiva sul secondo semestre laddove gli ordini già acquisiti dai clienti e l andamento delle produzioni fa prevedere un fatturato complessivo per il 2006 in crescita di circa il 20% rispetto al dato dell attività di manufacturing del 2005, esercitato allora dalla controllante P.Farmaceutici S.p.A.. Per quanto riguarda l attività di CRO il fatturato del primo semestre ha risentito di una contrazione rispetto alle aspettative in quanto il programma di avviamento del nuovo gruppo di sales & marketing, programmato per l inizio dell anno ha avuto un ritardo dovuto alla difficoltà nel reperire risorse che rispondessero alle esigenze dell azienda ed all impegno del management nell affiancamento del management Pierrel nel processo di quotazione. La seconda parte dell anno ma soprattutto il 2007 dovrebbero beneficiare in maniera decisa dei nuovi innesti migliorando decisamente i propri risultati. Nel secondo semestre 2006 dovrebbero inoltre evidenziarsi anche i primi ricavi, anche se di importo non considerevole, della Pierrel Dental. L avvio delle attività, previste per il mese di ottobre/novembre 2006 sono di buon auspicio per una piena operatività a partire dal 2007 come previsto dai piani. Per quanto riguarda i costi si segnala che la loro forte incidenza rispetto al fatturato è stata determinata principalmente dal fermo impianto volontario attuato nel corso dei mesi da dicembre 2005 a febbraio 2006 onde permettere l installazione e la messa in funzione del nuovo impianto per la generazione del vapore pulito nello stabilimento di Capua. Tale attività ha portato di fatto la società ha sostenere quasi interamente i costi previsti per il semestre contro una sensibile riduzione del fatturato dovuta appunto alle mancate produzioni. Vi è da considerare inoltre come la maggior parte del management del gruppo sia stato, nel corso dei primi cinque mesi del semestre, sensibilmente dedicato alle attività legate all IPO. E inoltre importante far notare come, nel corso del primo semestre siano stati sostenuti da parte del gruppo Pierrel ed intermente contabilizzati a conto economico costi non ricorrenti per circa 400 mila Euro, non ripetibili in quanto legati al processo di quotazione, al recruiting di nuovo personale ed all avvio dei processi di sviluppo dei nuovi farmaci generici e dell attività Dental. E chiaro come, seppure il primo semestre si presenti con una perdita a livello di EBITDA, la stessa possa considerarsi causata principalmente dagli eventi sopra descritti. Per questo motivo, e considerati anche l andamento degli ordini e del fatturato previsti per il secondo semestre, si stima che il bilancio annuale possa riportare un risultato positivo a livello di EBITDA. Posizione Finanziaria netta Consolidata Sintetica /000 30/06/06 31/12/2005 Disponibilità liquide ed azioni proprie Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni Debiti finanziari a breve termine (1.039) (1.533) Posizione finanziaria netta a breve termine Debiti finanziari a medio e lungo termine (8.502) (8.690) Posizione finanziaria netta Consolidata (7.431) 10

11 La posizione finanziaria netta positiva lascia aperti importanti margini di utilizzo per sostenere le opportunità di crescita esogena. Si segnala in particolare che parte dell indebitamento a medio lungo termine (Euro migliaia) è costituito dal debito figurativo riferito alla valorizzazione dell opzione Put/Call concessa al dott.henauer sul 49% di Pharmapart /12/05 Indebitamento Netto (9.677) Totale patrimonio netto Totale capitale impiegato Rapporto di indebitamento -38% 122% Indebitamento netto/capitale impiegato -61,4% 55% Il valore negativo del rapporto di indebitamento indica come il Gruppo goda di una situazione finanziaria assolutamente positiva nel suo complesso grazie anche ai flussi generati dalla quotazione Flussi finanziari RENDICONTO FINANZIARIO Rendiconto Finanziario Consolidato (Migliaia di Euro) FLUSSI DI CASSA GENERATI DALL'ATTIVITA' OPERATIVA: Risultato netto (574) Flussi di cassa utilizzati dall'attività operativa (1496) Flusso di cassa utilizzati dall'attività di investimento (1.312) Flusso di cassa generati (utilizzati) dall'attività finanziaria Incremento (decremento) delle disponibilità liquide Disponibilità liquide all'inizio del periodo Effetto netto delle conversioni di valuta estera (9) Disponibilità liquide alla fine del periodo L analisi dei flussi di cassa del periodo evidenzia come la ripresa dell attività produttiva a Capua, la riorganizzazione del sales e marketing della controllata svizzera e le attività di quotazione con i relativi addebiti da parte dei prestatori di servizi legati all operazione hanno generato un assorbimento di cassa per circa Euro migliaia. Allo stesso modo anche i flussi di cassa legati agli investimenti hanno assorbito cassa per Euro migliaia. Come detto nella sezione specifica, infatti molti sono gli investimenti in corso sul sito di Capua alla data di chiusura del periodo. Il flusso di cassa delle disponibilità liquide è fortemente legato all incasso dei proventi dell IPO. EVENTI RILEVANTI SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL PERIODO Relativamente agli eventi rilevanti accaduti successivamente alla chiusura del periodo, si segnala quanto segue: 11

12 In data si è conclusa la trattativa con la multinazionale americana Dentsply International volta all acquisizione del sito produttivo di Elk Grove Village a pochi km da Chicago e per l estensione del contratto di fornitura di anestetici dentali in tubofiala. Il sito è stato acquistato per un importo complessivo di USD (Euro circa al cambio in vigore alla data del closing) e pagato per USD in contanti al closing e per i restanti USD tramite un metodo di ristorno finanziario rapportato ai pagamenti delle future forniture da parte di Pierrel a Dentsply. Grazie a quest accordo Pierrel avrà a disposizione un impianto modernissimo per la produzione di anestetici dentali e per la produzione di siringhe preriempite che aprirà, una volta validato e registrato, nuovi ed interessanti scenari produttivi sul mercato americano. Altro fattore importante da considerarsi nell acquisizione è la presenza all interno dello stabilimento di una linea per la produzione di anestetici dentali in tubofiala dello stesso tipo di quello che Pierrel aveva inserito nel suo piano di investimenti. Tale linea, sarà trasferita nel corso del secondo semestre 2006 presso lo stabilimento di Capua, e permetterà l incremento immediato delle produzioni con un notevole risparmi di costi di manodopera e di energia considerato che il nuovo macchinario ha una capacità produttiva pressoché quadrupla rispetto alla linea attualmente in funzione presso lo stabilimento. Si segnala che l acquisizione dello stabilimento e dei macchinari è stata effettuata tramite la costituzione di due nuove società: Pierrel USA inc, attraverso la quale è stato acquisito l immobile completo degli impianti di pertinenza e la Pierrel America llc attraverso la quale sono stati acquisiti i macchinari di produzione. Tale acquisizione è da considerarsi ai fini IFRS come un acquisto di assets e non come una business combination. In data è stato concesso a Pierrel S.p.A. un finanziamento a medio termine di durata triennale da parte di Banca Intesa Spa per un importo complessivo di Euro ,00 finalizzato ad operazioni di acquisizione. L accordo siglato per l acquisto dello stabilimento in US è stato accompagnato contestualmente da un Manufacturing Agreement per quanto riguarda l estensione del contratto siglato con Dentsply. Tale accordo prevede il prolungamento di 15 anni del contratto in essere con l estensione progressiva dello stesso a tutti i nuovi paesi dove Dentsply andrà a produrre nel corso del periodo di validità del contratto nonché ai nuovi prodotti che nello stesso periodo il cliente lancerà sul mercato- In data si sono ottenuti i cambi definitivi di registrazione delle AIC di anestetici dentali acquistate nel corso del 2005 da Cabon Denit a nome di Pierrel spa. Ciò ha permesso l inoltro della richiesta di registrazione del sito produttivo di Capua come produttore di tali prodotti. Tale ulteriore registrazione che è stata approvata dall AIFA ( l ente ispettivo e registrativi italiano) in data , permetterà a Pierrel di avviare in proprio le produzioni di articoli che saranno commercializzati da Pierrel Dental. E continuata l attività di scouting per il sondaggio di possibili acquisizioni di società di CRO in Europa che permetteranno al gruppo di rinforzare il ramo di Contract Research costituendo la base del network integrato di società alla base dei futuri ulteriori sviluppi del gruppo. Per quanto riguarda il progetto Miur, in data 8 agosto 2006 il Ministero dell Industria, Università e Ricerca, ha comunicato ufficialmente il superamento della prima fase istruttoria del progetto e l ammissione alla fase successiva. Siamo quindi in attesa della visita dell esperto designato dal Ministero e del rappresentante della Banca Concessionaria (Intesa Mediocredito) per presentare ufficialmente le attività attinenti il progetto. L importo totale del progetto presentato è di circa Euro di cui in buona parte finanziati con finanziamenti a fondo perduto e per la restante parte finanziati con finanziamenti a tassi particolarmente agevolati Per quanto riguarda il finanziamento a valere sulla Legge 488/92 di cui era risultata assegnataria la controllante Pierrel Farmaceutici Spa ed in seguito conferito a titolo gratuito, contestualmente al conferimento del ramo d azienda alla Società, si fa presente che in data 8 settembre 2006 la banca concessionaria, MPS Banca per l Impresa, ha comunicato al Ministero delle Attività Produttive il proprio assenso al trasferimento del finanziamento in capo a Pierrel spa nonché alla proroga dei termini di effettuazione degli investimenti al Si ricorda che tale finanziamento prevede una quota a fondo perduto di Euro pari al 52% dell importo del 12

13 piano di investimenti presentato dall azienda a valere sul 19 bando della suddetta Legge. Tale finanziamento andrà a coprire l acquisto di macchinari in parte tramite leasing in parte tramite acquisto diretto. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS DELLA CAPOGRUPPO Nel rispetto di quanto disciplinato dall art. 81, terzo comma, del Regolamento Emittenti Consob n /99, il Gruppo espone i prospetti contabili della società Capogruppo predisposti secondo i criteri di redazione utilizzati per il bilancio di esercizio. In ottemperanza al regolamento 1606/2002 del Parlamento Europeo, così come recepito dal D.Lgs. 38/2005, la Capogruppo redigerà il bilancio al 31/12/2006 secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS. A tal fine i prospetti contabili della società Capogruppo al 31/12/2005 e al 30/06/2005 esposti nella presente relazione sono predisposti secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS. In apposita appendice separata vengono fornite le riconciliazioni previste dai paragrafi n. 39 e n. 40 del principio IFRS 1: Prima adozione degli International Financial Reporting Standard, adottato secondo la procedura di cui all art. 6 del regolamento (CE) n. 1606/

14 Prospetti contabili consolidati sintetici intermedi 14

15 Stato Patrimoniale Consolidato Sintetico al 30 giugno 2006 ATTIVITA' (migliaia di euro) 30 Giugno 2006 Al 31 dicembre 2005 Note Avviamento ) Altre attività immateriali ) Immobili, impianti e macchinari ) Partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto 10 Crediti finanziari 1 Imposte differite attive ) Altre attività non correnti 401 5) Attività non correnti Rimanenze di magazzino ) Lavori in corso su ordinazione ) Crediti commeciali ) Altre attività correnti ) Disponibilità liquide e mezzi equivalenti ) Attività correnti Totale attività PASSIVITA' E PATRIMONIO NETTO (migliaia di euro) Capitale sociale Riserve Utili (Perdite) a nuovo (51) Perdita del periodo di competenza del Gruppo (574) (51) Patrimonio netto del Gruppo ) Capitale e riserve di terzi - Utile del periodo di terzi - Patrimonio netto consolidato Fondi relativi al personale ) Imposte differite passive ) Passività finanziarie non correnti ) Altre passività non correnti 7 65 Passività non correnti Debiti verso fornitori ) Passività finanziarie correnti ) Debiti tributari ) Altre passività correnti ) Totale passività correnti Totale passività Totale passività e patrimonio netto

16 Conto economico consolidato sintetico per il periodo al CONTO ECONOMICO I semestre 2006 Note (Migliaia di Euro) Ricavi (19) Costi operativi: Materie prime e materiali di consumo utilizzati (1.451) (20) Costi per servizi (2.053) (21) Costi per godimento di beni di terzi (151) (22) Costo del personale (2.423) (23) Altri accantonamenti e costi (789) (24) Risultato prima degli ammortamenti, oneri finanziari ed imposte (309) Ammortamenti (231) (25) Svalutazioni di attività non correnti - Risultato operativo (539) Quota di pertinenza del risultato di società collegate 0 Oneri finanziari (295) (26) Proventi finanziari 55 (27) Risultato prima delle imposte (779) Imposte sul reddito del periodo 69 (28) Utile (Perdita) netto del periodo (711) Utile (Perdita) netto di terzi (137) Perdita di competenza del Gruppo (574) 16

17 Rendiconto finanziario consolidato sintetico per il periodo al 30 giugno 2006 RENDICONTO FINANZIARIO Rendiconto Finanziario Consolidato Pierrel S.p.A. (Migliaia di Euro) FLUSSI DI CASSA GENERATI DALL'ATTIVITA' OPERATIVA: Risultato netto (574) Utile di terzi (136) Ammortamenti 231 (Plusvalenze) minusvalenze da realizzo di attività non correnti (incluse partecipazioni) (42) Valutazione a patrimonio netto delle collegate Accantonamento (utilizzo) fondo trattamento fine rapporto 36 Accantonamenti (utilizzo) fondi rischi 7 Accantonamento (utilizzo) fondo imposte differite/anticipate (81) Ammortamento finanziario opzione di vendita di terzi 89 Variazione nelle attività e passività correnti: (Incrementi) decrementi Crediti verso clienti (1.512) (Incrementi) decrementi Altre attività correnti (1.583) (Incrementi) decrementi Rimanenze di magazzino (1.159) (Incrementi) decrementi Lavori in corso su ordinazione 182 Incrementi (decrementi) Debiti verso fornitori Incrementi (decrementi) Altre passività correnti e debiti tributari (1.197) Totale rettifiche e variazioni (922) Flussi di cassa utilizzati dall'attività operativa (1.496) FLUSSI DI CASSA DALL'ATTIVITA' DI INVESTIMENTO: Realizzo di immobilizzazioni materiali 48 Acquisto di attività immateriali (254) Acquisto di immobilizzazioni materiali (1.314) Goodwill 600 Variazione dei crediti finanziari e delle altre attività finanziarie (392) Flusso di cassa utilizzati dall'attività di investimento (1.312) FLUSSI DI CASSA DA ATTIVITA' FINANZIARIE: Aumenti di capitale (Italia) Versamenti in sovrapprezzo azioni Assunzioni di finanziamenti 636 Rimborsi di finanziamenti (1.318) Flusso di cassa generati (utilizzati) dall'attività finanziaria Incremento (decremento) delle disponibilità liquide Disponibilità liquide all'inizio del periodo Effetto netto delle conversioni di valuta estera (9) Disponibilità liquide alla fine del periodo

18 Prospetto sintetico delle variazioni del patrimonio netto consolidato al 30 giugno 2006 (Migliaia di Euro) Capitale Sociale Riserva Sovrapprezzo azioni Riserva da conferimento Altre riserve Utili (perdite) portate a nuovo Utile (Perdita) d'esercizio Totale Patrimonio netto del Gruppo Totale Patrimonio netto di Terzi Totale Patrimonio di Terzi Saldo al 31 dicembre (51) Riclassifiche (436) Aumento capitale sociale 370 (370) Costi IPO (4.076) - (4.076) 0 (4.076) Aumento capitale sociale per quotazione Riclassifiche (94) (94) (94) Destinazione utile anno prec. (51) Risultato d esercizio (574) (574) 0 (574) Saldo al 30 giugno (24) (51) (574)

19 Note di commento al bilancio consolidato sintetico intermedio al 30 giugno

20 CRITERI DI REDAZIONE E PRINCIPI CONTABILI Informazioni generali Pierrel S.p.A ha come oggetto principale l attività nel settore farmaceutico ed è controllata dalla società P. Farmaceutici S.p.A.. Al 30 giugno 2006, le società partecipate da Pierrel S.p.A. direttamente e indirettamente (di seguito congiuntamente il Gruppo Pierrel o il Gruppo ) sono le seguenti: - Pierrel S.p.A. ha la propria sede legale ed operativa a Milano, in Via Aurelio Saffi 30 ed ha come oggetto la produzione per conto terzi di prodotti farmaceutici (c.d. CMO); - Pharmapart AG, controllata al 51%, ha la propria sede a Thalwill in Svizzera e ha come oggetto sociale la ricerca farmaceutica per conto di terzi (c.d. CRO) - Pharmapart HPC, detenuta al 100% da Pharmapart, con sede in Germania e avente per oggetto le attività regolatorie e legislative presso l EMEA. - Pierrel Dental S.r.l., detenuta al 52%,, ha la propria sede a Milano in Via Saffi, 30 ed ha come oggetto la commercializzazione di prodotti dentali Pierrel Dental è stata costituita in data 13 dicembre 2005 ed è divenuta operativa a partire dall esercizio Pertanto, il suo primo esercizio sociale chiuderà il 31 dicembre Il capitale sociale di Pierrel Dental è pari a Euro 100 migliaia e la quota in possesso di Pierrel è pari al 52%. L atto costitutivo, lo statuto ed i patti parasociali prevedono, per il tramite di specifiche clausole, il controllo congiunto della società. Conseguentemente Pierrel Dental al 31 dicembre 2005 ed al 30 giugno 2006 è stata consolidata con il metodo proporzionale. Nel corso del semestre sono intervenute le seguenti variazioni societarie nell ambito del gruppo: - in data e con effetto è stata deliberata la fusione tre Pharmapart AG e la sua controllata HPC AG. Il tutto per razionalizzare le attività del gruppo constatato che le due società operavano per identici oggetti di attività e già dividevano gli stessi uffici - acquisto del 40% della controllata Pharmapart Hpc gmbh, società tedesca utilizzata per la registrazione di farmaci presso l Emea. Si segnala che i dati di sintesi riferiti al conto economico per il periodo dal al non sono raffrontabili con risultati dei periodi precedenti in quanto Pierrel S.p.a., è stata costituita in data 30 giugno 2005 ed a tale data non aveva effettuato alcuna operazione che potesse avere valenza economico/patrimoniale. La pubblicazione del bilancio consolidato sintetico intermedio per il periodo 1 gennaio - 30 giugno 2006 del Gruppo Pierrel è stata autorizzata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 29 settembre I valori esposti nei prospetti contabili e nelle note illustrative, laddove non diversamente indicato, sono espressi in migliaia di Euro. 20

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli