BILANCIO. Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO. Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo."

Transcript

1 CONTABILITà Guida alla Ifrs 10 «consolidated financial statements» Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo. di Andrea Ferrari e Francesca Panzironi Il 12 maggio 2011 l International accounting standards board (Iasb) ha pubblicato l International financial reporting standard Ifrs 10 - Bilancio consolidato (Consolidated financial statements), l Ifrs 11 - Accordi e controllo congiunto (Joint arragements), l Ifrs 12 - Informativa sulle partecipazioni in altre società (Disclosure of interest in other entities) nonché il Principio contabile internazionale modificato Ias 27 - Bilancio separato (Separate financial statements) e lo Ias 28 - Partecipazioni in società collegate e joint venture (Investments in associates and joint ventures). L Ifrs 10 sostituisce il precedente Ias 27 - Consolidated and separate financial statements (Bilancio consolidato e separato) e l interpretazione 12 dello Standing interpretations committee (Sic) Consolidamento - Società a destinazione specifica (società veicolo) (Consolidation Special purpose entities (Spe)). L 11 dicembre 2012 la Commissione europea ha adottato il regolamento (Ue) n. 1254/2012, che omologa l Ifrs 10, l Ifrs 11, l Ifrs 12 e gli Ias 27 e 28 modificati nonché le modifiche che ne derivano per altri principi e interpretazioni. Il regolamento è stato pubblicato in data 29 dicembre Il quadro dei principi applicabili nella redazione del bilancio consolidato è ora il seguente. Principi contabili internazionali Ifrs 10 Bilancio consolidato Ifrs 11 Accordi a controllo congiunto Ifrs 12 Informativa sulle partecipazioni in altre entità Ias 27 Bilancio separato società collegate Ias 28 Partecipazioni in società collegate e «joint venture» L applicazione dei 5 principi deve avvenire contemporaneamente e a partire dal 1 gennaio L Unione europea ha, tuttavia, previsto che i menzionati principi contabili internazionali siano applicabili all interno dell area a partire dal 1 gennaio Ferrari associati Roma. studio Morocci Pulcini Roma. 10

2 Guida alla CONTABILITà INTRODUZIONE I motivi che hanno portato all emanazione di un nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato sono sia di carattere tecnico che per dare risposta alle specifiche richieste di organizzazioni internazionali, tra cui il G 20. Scopo di fondo della nuova formulazione dei principi che sottostanno alla redazione del bilancio consolidato è quella di evitare l esclusione dal consolidamento di realtà la cui inclusione poteva determinare effetti non voluti. La nuova formulazione dei principi contabili ha come prevalente effetto una rideterminazione dei criteri di definizione dell area di consolidamento, mediante una rinnovata formulazione delle condizioni di inclusione delle entità nell area stessa. Lo Ias 27 basava infatti la determinazione dell area di consolidamento sul principio del controllo, mentre il Sic 12 identificava l esposizione alla maggioranza dei rischi e dei benefici di una Special purpose entity (Spe) o società di scopo, come criterio di controllo e quindi di consolidamento. La nuova formulazione dei principi sposta l attenzione dai criteri di natura quantitativa a quelli di natura qualitativa, permettendo di individuare più efficacemente l area del controllo in base a elementi di incisione dell ente consolidante sugli enti inclusi nell area di consolidamento, con una accentuata attenzione per le Spe. Viene abbandonata la coesistenza di due diversi modelli di consolidamento, uno applicato alla generalità delle partecipate e uno specifico per le società veicolo, da cui lo Iasb ha ritenuto fondamentale introdurre criteri omogenei per tutte le controllate. NOVITÀ dell IFRS 10 In sintesi le caratteristiche di fondo dell Ifrs 10 sono le seguenti: l individuazione di un criterio univoco posto a base del consolidamento, indipendentemente dalla natura dell investimento. Tale criterio è il controllo; la definizione di controllo si basa su tre elementi: il potere sull entità; la facoltà di intervenire sulle attività rilevanti; l esposizione ai rischi ed ai benefici; la sussistenza (l insorgenza o il venir meno) del controllo deve essere costantemente verificata; il controllo deve essere esercitato in via principale, e non in qualità di agente. Rimangono fermi i principi generali di consolidamento secondo i quali l entità che controlla una o più entità deve presentare un bilancio consolidato, salvo che: sia una società interamente controllata da un altra o parzialmente controllata, nel caso in cui gli azionisti di minoranza siano informati e non dissentano circa la mancata redazione del bilancio consolidato; i suoi titoli di debito o gli strumenti rappresentativi del capitale non siano negoziati nel mercato pubblico; non ha presentato, o non sia in procinto di presentare, il proprio bilancio ai fini dell ammissione ad un mercato pubblico dei propri titoli di debito o rappresentativi del capitale; la sua controllante rediga un bilancio consolidato conforme agli Ifrs. Il principio basa il consolidamento di un altra entità (investee) esclusivamente sul principio di controllo, ma mentre nello Ias 27 il controllo è definito «potere di governare le politiche finanziarie ed operative di un entità per ottenere benefici dalle sue attività» nell Ifrs 10 «un investitore controlla un entità oggetto di investimento se e solo se ha contemporaneamente il potere sull entità oggetto di investimento, l esposizione o i diritti a rendimenti variabili derivanti da rapporto con l entità oggetto di investimento e la capacità di esercitare il proprio potere sull entità per incidere sull ammontare dei suoi rendimenti» (1) ed inoltre l esposizione ai rischi e ai benefici è uno degli indicatori di controllo, ma non è il fattore determinante (mentre nel Sic 12 era così). Appare evidente come, mediante l applicazione dell Ifrs 10 venga richiesto un più esteso utilizzo (1) Ifrs 10, (Gazzetta Ufficiale Unione Europea del 29 dicembre 2012). 11

3 CONTABILITà Guida alla del giudizio professionale. Nella tabella che segue vengono sinteticamente evidenziate le differenti caratteristiche dei due modelli. Differenze tra modelli Ias 27/ Sic 12 Ifrs 10 Il consolidamento dipende dal controllo Il consolidamento dipende dal controllo Ias 27: il controllo è il potere di governare le Il controllo è determinato dalla combinazione del politiche finanziarie ed operative di un impresa potere esercitatile sulle attività rilevanti e dell esposizione per ottenere benefici alla variabilità dei ritorni Sic 12: in una Spe, l esposizione alla maggioranza dei rischi e benefici è il maggior indicatore di controllo Il controllo di una Spe richiede l esposizione alla maggioranza dei rischi e benefici relativi alla Spe Il controllo di fatto non è specificatamente trattato Diritti di voto potenziali considerati solo se correttamente esercitabili Agent: non considerato L esposizione ai rischi e ai benefici è uno degli indicatori di controllo, ma non il fattore determinante Il controllo di una Spe può esistere solo se l investitore è esposto alla variabilità dei risultati e non è richiesta una specifica soglia di significatività Il controllo di fatto è specificatamente trattato Diritti di voto potenziali sono inclusi nella analisi quando sono rilevanti Agent: considerato Viene abbandonato il riferimento alla maggioranza dei rischi e dei benefici come elemento distintivo del controllo. PRESUPPOSTI del CONTROLLO L Ifrs 10 definisce il controllo mediante il rinvio a 3 elementi fondamentali che devono sussistere contemporaneamente, e precisamente: potere (power): un investitore ha potere su un entità oggetto di investimento quando detiene validi diritti che gli conferiscono la capacità attuale di dirigere le attività rilevanti (relevant activities), ossia le attività che incidono in maniera significativa sui rendimenti (returns), ritorni/risultati dell entità oggetto di investimento; (2) esposizione (diritti) a rendimenti (returns) variabili derivanti dal rapporto con l entità oggetto di investimento (Ifrs 10, parr. 15 e 16): un investitore è esposto o ha diritto a rendimenti variabili derivanti dal proprio rapporto con l entità oggetto di investimento quando i rendimenti sono suscettibili di variare in relazione dell andamento economico. I rendimenti possono essere solo positivi, solo negativi o nel complesso positivi e negativi; capacità di esercitare il proprio potere sull entità oggetto di investimento per incidere sull ammontare dei suoi rendimenti (Ifrs 10, parr. 17 e 18): un investitore controlla un entità se oltre ad avere il potere su di essa e l esposizione o il diritto ai rendimenti variabili ha anche la capacità di esercitare il proprio potere per incidere su tali rendimenti. Bisogna infine stabilire se l investitore opera in conto proprio ( cd. preponente o principal) o come un agente per conto terzi (cd. agent). Un investitore che opera da agente non controlla un entità oggetto di investimento. Potere Il potere deriva da uno o più diritti che l investitore può esercitare, possono essere diritti di voto, diritti di voto potenziali, diritti contrattuali, diritto (2) Paragrafo 10, Ifrs

4 Guida alla CONTABILITà di nominare o revocare le figure chiave dell entità, diritti di veto nei fatti di gestione i quali, qualunque sia la forma in cui questi siano esercitati, devono essere sostanziali affinché un diritto sia sostanziale, il titolare deve disporre della capacità effettiva di esercitare tale diritto. Tuttavia non rileva che tali diritti siano effettivamente esercitati, rilevando la facoltà di esercitarli. Stabilire se i diritti sono sostanziali richiede un giudizio che tenga conto di tutti i fatti e le circostanze. Alcuni dei fattori da considerare comprendono: eventuale presenza di barriere (economiche o no) che impediscono di esercitare i diritti; quando l esercizio dei diritti richiede l approvazione di più parti, o quando i diritti sono detenuti da più parti, se non c è un meccanismo che consente l esercizio collettivo, i diritti possono non essere sostanziali; se la parte titolare di tale diritto è nelle condizioni di trarre beneficio dall esercizio di tali diritti. Per essere sostanziali i diritti devono essere esercitabili quando è necessario assumere decisioni sulla conduzione di attività rilevanti. Solitamente per essere sostanziali i diritti devono essere effettivamente esercitabili, tuttavia talvolta i diritti possono essere sostanziali, anche se non effettivamente esercitati. Nei casi più complessi per stabilire se un investitore controlla una partecipata può essere necessario considerare alcuni fattori: scopo e costituzione della partecipata: la partecipata può essere costituita in modo che i diritti di voto non siano il fattore preponderante per stabilire chi controlla, come nel caso in cui le attività rilevanti siano condotte mediante accordi contrattuali. In questi casi quando un investitore considera lo scopo e la costituzione della partecipata deve considerare anche i rischi cui la partecipata è esposta e i rischi che la partecipata deve trasferire alle parti coinvolte e se l investitore è esposto ad alcuni o a tutti questi rischi (Ifrs 10, parr. B7 e B8); quali sono le attività rilevanti e come vengono assunte le decisioni in merito a tali attività, alcuni esempi: assunzione di decisione gestionali e patrimoniali della partecipata incluse le decisioni relative ai budget e la nomina e retribuzione dei dirigenti strategici. In alcune situazioni possono essere considerate attività rilevanti quelle attività antecedenti e successive al verificarsi di una particolare serie di circostanze o eventi. Quando dunque due o più investitori hanno la capacità effettiva di condurre attività rilevanti e tali attività si verificano in momenti diversi, essi devono stabilire quale investitore sia in grado di condurre le attività che incidono in maniera più significativa sui rendimenti (Ifrs 10, parr. B11-B13); se i diritti dell investitore gli conferiscono la capacità effettiva di condurre le attività rilevanti: un investitore, titolare della maggioranza assoluta dei diritti di voto potrebbe non influenzare significativamente i ritorni, nel caso in cui le attività rilevanti siano governate da altri soggetti (autorità pubbliche, creditori, liquidatori). Il controllo di fatto assume un ruolo più significativo del controllo di diritto nel nuovo modello di consolidamento. L Ifrs 10 (par. B 18) propone un elenco di circostanze che potrebbero dimostrare la capacità dell investitore di condurre le attività rilevanti tra cui: l investitore può, senza averne il diritto contrattuale, nominare o approvare i dirigenti con responsabilità strategiche della partecipata che abbiano le capacità di condurre le attività rilevanti; l investitore può, senza averne il diritto contrattuale, istruire la partecipata ad intraprendere operazioni significative a beneficio dell investitore; l organo di governo della partecipata è composto prevalentemente da parti correlate dell investitore. Diritti di protezione La presenza di diritti di protezione da parte di entità terze non esclude l esercizio di controllo da parte dell investitore. I diritti di protezione sono quei diritti che terzi si riservano al fine di tutelare propri interessi, ma che autonomamente, se pur confondibili, non conferiscono il controllo. Sono diritti di protezione quelli che si riserva un terzo 13

5 CONTABILITà Guida alla creditore in ordine ai finanziamenti concessi (si pensi alle clausole contrattuali connesse a trigger events, la presenza di covenants con conseguenti variazioni sul meccanismo di credito). Nel valutare se i diritti conferiscono a un investitore potere su una partecipata, l investitore deve determinare se i suoi diritti, e i diritti di terzi, sono diritti di protezione. I diritti di protezione fanno riferimento a cambiamenti fondamentali nelle attività di una partecipata o si applicano in circostanze speciali. Tuttavia, non tutti i diritti che si applicano in circostanze eccezionali o sono subordinati a eventi sono diritti di protezione (paragrafi B13 e B53). Poiché i diritti di protezione sono concepiti per tutelare le interessenze della parte che ne è titolare, senza che le venga conferito il potere sulla partecipata a cui attengono tali diritti, un investitore che detiene solo diritti di protezione non può avere potere su una partecipata, né impedire a un altra parte di detenere tale potere. Alcuni esempi di diritti di protezione includono (paragrafo B28): a) il diritto di un finanziatore di impedire a un proprio debitore di intraprendere attività che potrebbero peggiorare significativamente il proprio rischio di credito, a svantaggio del finanziatore; b) il diritto di una parte, titolare di una partecipazione di minoranza in una partecipata, di approvare una spesa per investimenti maggiore di quella richiesta nel normale svolgimento dell attività, o di approvare l emissione di strumenti rappresentativi di capitale o di strumenti di debito; c) il diritto di un finanziatore di pignorare i beni di un proprio debitore se non ottempera alle condizioni di rimborso del finanziamento prestabilito. Un investitore può avere potere anche se detiene meno della maggioranza dei diritti di voto di una partecipata (paragrafo B38). Per esempio attraverso: a) un accordo contrattuale tra l investitore e altri titolari di diritti di voto (paragrafo B39); b) diritti derivanti da altri accordi contrattuali (paragrafo B40); c) i diritti di voto dell investitore (paragrafi B41 B45); d) diritti di voto potenziali (B47 B50); o e) una combinazione di (a) (d). Il concetto di controllo, nella formulazione dell Ifrs 10, diviene dunque non correlato al concetto di maggioranza dei diritti esercitabili, potendo dunque il controllo essere esercitato in presenza della minoranza dei voti esercitabili quando questa minoranza dia luogo all effettivo esercizio del controllo come sin qui, e in avanti, definito. Diritti di voto dell investitore Un investitore che detenga meno della maggioranza dei diritti di voto, detiene diritti sufficienti a conferirgli potere quando ha la capacità pratica di condurre le attività rilevanti unilateralmente. Quando valuta se i diritti di voto di cui dispone siano sufficienti a dargli potere, un investitore deve considerare tutti i fatti e le circostanze, tra cui: a) l entità del possesso dei diritti di voto dell investitore rapportata all entità e al frazionamento del possesso degli altri titolari di diritti di voto, osservando che: maggiore è il numero dei diritti di voto detenuti da un investitore, maggiori sono le probabilità che esso abbia diritti esistenti che gli conferiscono la capacità effettiva di condurre le attività rilevanti; maggiore è il numero dei diritti di voto detenuti da un investitore rispetto ad altri titolari di diritti di voto, maggiori sono le probabilità che esso abbia diritti esistenti che gli conferiscono la capacità effettiva di condurre le attività rilevanti; maggiore è il numero delle parti che devono agire insieme per superare i diritti di voto dell investitore, maggiori sono le probabilità che l investitore abbia diritti esistenti che gli conferiscono la capacità effettiva di condurre le attività rilevanti; b) diritti di voto potenziali dell investitore, altri detentori di diritti di voto o altre parti; c) diritti derivanti da altri accordi contrattuali; e d) qualsiasi fatto o circostanza ulteriore che indichi che l investitore ha, o non ha, la capacità effettiva di condurre le attività rilevanti nel momento 14

6 Guida alla CONTABILITà in cui è necessario assumere decisioni, incluse le tendenze di voto registrate nelle assemblee degli azionisti precedenti. Nel determinare l esistenza del controllo (Ifrs 10, par. B47) un investitore deve considerare i diritti di voto potenziali suoi e anche di altre parti per stabilire se ha potere. I diritti di voto potenziali sono diritti per l ottenimento di diritti di voto di una partecipata, come quelli derivanti da strumenti finanziari convertibili od opzioni, inclusi i contratti forward. Tali diritti di voto potenziali devono essere considerati solo se sono sostanziali. Nel considerare i diritti di voto potenziali, (Ifrs 10, par. B48) un investitore deve tener conto dello scopo e della costituzione dello strumento finanziario, oltre allo scopo e alla costituzione di qualsiasi altro coinvolgimento dell investitore nella partecipata, inclusa la valutazione dei diversi termini e condizioni dello strumento finanziario, oltre alle aspettative, ai motivi e alle ragioni dell investitore nell accettare tali termini e condizioni. Se l investitore detiene anche diritti di voto o altri diritti di assumere decisioni relative alle attività della partecipata, esso deve determinare se tali diritti, in combinazione con i diritti di voto potenziali, gli attribuiscono potere (Ifrs 10, par. B49). I diritti di voto potenziali sostanziali, da soli o in combinazione con altri diritti, possono conferire a un investitore la capacità effettiva di condurre le attività rilevanti (paragrafo B50). Esposizione ai futuri rendimenti dell «investee» L Ifrs 10 introduce un forte elemento di discontinuità rispetto ai criteri di consolidamento precedenti, escludendo qualsiasi possibilità di consolidamento che si basi esclusivamente sull esposizione ai rischi dell investee. Nel valutare se ha il controllo su una partecipata, l investitore deve stabilire se è esposto, o ha diritto, ai rendimenti variabili derivanti dal suo coinvolgimento nella partecipata, non limitando l indagine ai rischi. I rendimenti variabili sono rendimenti non predeterminati e che possono essere soggetti a variazioni dettate dai risultati economici di una partecipata (paragrafo B56). I rendimenti variabili possono essere positivi, negativi o positivi e negativi contemporaneamente (vedere paragrafo 15). Un investitore deve stabilire se i rendimenti rivenienti da una partecipata sono variabili e in che misura, in base alla sostanza dell accordo e indipendentemente dalla forma giuridica dei rendimenti. Per esempio, un investitore può possedere un obbligazione con pagamenti fissi degli interessi. Ai fini dell applicazione dell Ifrs, i pagamenti fissi degli interessi sono rendimenti variabili perché sono soggetti al rischio di inadempimento ed espongono l investitore al rischio di credito dell emittente dell obbligazione. L entità della variabilità (ossia la misura in cui i rendimenti sono variabili) dipende dal rischio di credito dell obbligazione. Analogamente, le commissioni fisse legate ai risultati di gestione delle attività di una partecipata sono rendimenti variabili perché espongono l investitore al rischio correlato ai risultati economici della partecipata. L entità della variabilità dipende dalla capacità della partecipata di generare reddito sufficiente a pagare le commissioni. Capacità di utilizzare il suo potere per influire sui rendimenti Il terzo elemento della definizione di controllo contenuta nell Ifrs 10 è necessario per stabilire se l entità che esercita il controllo stia operando in qualità di agente oppure per conto proprio. Se il potere gestionale in capo all entità le consente di influenzare significativamente i rendimenti attesi dall investimento, si può affermare che stia agendo per conto proprio, altrimenti per conto di terzi. Si tratta di una novità assoluta. Il principio stabilisce, infatti, che pur essendo in presenza del potere gestionale, connesso alla capacità di influenzare i rendimenti dell entità, può escludersi il controllo, e quindi il consolidamento, laddove tali elementi siano esercitati a beneficio di una terza entità (principal) e lo siano in quanto agenti di tale principal. Quando un investitore con diritti di assumere decisioni (entità con potere decisionale) determina se controlla una partecipata, deve stabilire se è un «principale» o un «agente». Un investitore deve 15

7 CONTABILITà Guida alla dunque anche stabilire se un altra entità con diritti di assumere decisioni opera in qualità di suo agente. Un agente è una parte impegnata principalmente a operare per conto e per il beneficio di terzi (il principale o i principali) e, pertanto, non controlla la partecipata quando esercita la propria autorità decisionale (vedere paragrafi 17 e 18). Può quindi accadere che talvolta il potere di un principale sia detenuto ed esercitato da un agente, ma per conto del principale. Un entità con potere decisionale non è un agente semplicemente perché terzi possono trarre dei benefici dalle sue decisioni. Un investitore può delegare a un agente la propria autorità decisionale su alcuni argomenti specifici o su tutte le attività rilevanti (paragrafo B59). Nel determinare se controlla una partecipata, l investitore deve trattare i diritti di assumere decisioni delegati al proprio agente come se fossero detenuti direttamente dall investitore. In presenza di più principali, ciascun principale deve determinare se ha potere sulla partecipata considerando le disposizioni di cui ai paragrafi B5-B54. I paragrafi B60-B72 forniscono delle linee guida per stabilire se un entità con potere decisionale è un agente o un principale. Per stabilire se è un agente, un entità con potere decisionale deve considerare la relazione generale tra sé stessa, la partecipata amministrata e i terzi coinvolti nella partecipata, in particolare tutti i fattori seguenti: a) l ambito di applicazione della propria autorità decisionale sulla partecipata; b) i diritti detenuti da altre parti; c) la retribuzione a cui esso ha diritto secondo quanto stabilito dagli accordi retributivi; d) l esposizione dell entità con potere decisionale alla variabilità dei rendimenti derivanti da altre partecipazioni detenute nella partecipata. Disposizioni contabili Il consolidamento si fonda su: la combinazione degli elementi similari di attività, passività, patrimonio netto, ricavi, costi e flussi finanziari della controllante con quelli delle controllate; l elisione del valore contabile della partecipazione della controllante in ciascuna controllata e della corrispondente parte di patrimonio netto di ciascuna controllata posseduto dalla controllante (si veda l Ifrs 3 per la contabilizzazione dell avviamento); elisione integrale di attività, passività, patrimonio netto, ricavi, costi e flussi finanziari infragruppo relativi a operazioni tra entità del gruppo. Le politiche contabili nell ambito del gruppo devono essere uniformi. Laddove non lo siano occorre prima riesprimere il bilancio separato della società controllata (ovvero quelle voci che risultino difformi) secondo tali politiche contabili. Un entità include i ricavi ed i costi di una controllata dalla data in cui acquisisce il controllo alla data in cui lo perde. In caso della presenza diritti di voto potenziali, ai fini del consolidamento, si terrà conto dei soli diritti di voto effettivi per la determinazione della quota di utile o di perdita attribuibile in tale sede. I bilanci della capogruppo e delle controllate devono recare la stessa data di riferimento ai fini del loro consolidamento. Laddove il bilancio separato della controllata abbia data di riferimento difforme, questa dovrà fornire le informazioni finanziarie ulteriori per consentire il consolidamento alla data di riferimento del bilancio della capogruppo, a meno che ciò non sia fattibile. Un entità deve attribuire l utile o la perdita dell esercizio e ciascuna delle altre componenti del conto economico complessivo ai soci della controllante ed alle partecipazioni di minoranza, anche tenendo conto degli effetti di eventuali azioni privilegiate emesse. Perdita del controllo La perdita del controllo può avvenire in base ad accordi multipli. In tal caso la controllante dovrebbe contabilizzare la perdita del controllo se gli accordi multipli: sono sottoscritti contemporaneamente o sono interdipendenti; formano un unica operazione concepita per conseguire un risultato commerciale complessivo; il verificarsi di un accordo dipende dal verificarsi di almeno un (altro) accordo; un accordo di per se considerato non economi- 16

8 Guida alla CONTABILITà camente giustificato, lo è se considerato insieme agli altri accordi. In caso di perdita di controllo la controllante deve: eliminare contabilmente: le attività e le passività della controllata in base ai loro valori contabili alla data di perdita del controllo, e i valori contabili di qualsiasi precedente partecipazione di minoranza nella ex controllata alla data di perdita del controllo; e rilevare: il fair value del corrispettivo eventualmente ricevuto a seguito dell operazione, dell evento o delle circostanze che hanno determinato la perdita del controllo; se l operazione che ha determinato la perdita del controllo implica una distribuzione delle azioni della controllata ai soci, detta distribuzione, e qualsiasi partecipazione precedentemente detenuta nella ex controllata rispetto al fair value alla data di perdita del controllo; riclassificare nel prospetto dell utile (perdita) d esercizio, o trasferire direttamente negli utili portati a nuovo se previsto dagli altri Ifrs, gli ammontari rilevanti tra le altre componenti del conto economico in relazione alla controllata; rilevare qualsiasi differenza risultante come utile o perdita nel prospetto dell utile (perdita) d esercizio attribuibile alla controllante. IAS/IFRS Advanced program Master di Specializzazione - 5 weekend non consecutivi Milano, dall 8 marzo a edizione PROGRAMMA Informativa del Bilancio IAS/IFRS Il modello IASB: Framework e IAS 1 Immobilizzazioni materiali e attività immateriali (IAS 38) Contratti di Leasing (IAS 17) Svalutazioni per perdite e ripristini di valore secondo lo IAS 36 Impairment test Benefici per i dipendenti e TFR Crediti, rimanenze, patrimonio netto, fondi rischi e oneri Trattamento contabile delle imposte sui redditi nello IAS 12 Operazioni in valuta (IAS 21) Regole di redazione del bilancio consolidato e novità Trattamento contabile delle aggregazioni aziendali e le business combinations under common control Partecipazioni in controllate, collegate e joint ventures Attività e passività finanziarie; strumenti finanziari derivati In collaborazione con: Brochure e Scheda di iscrizione Seguici su: Servizio Clienti Tel Fax Il Sole 24 ORE Formazione ed Eventi Milano - via Monte Rosa, 91 / Roma - Piazza dell Indipendenza, 23 b/c Organizzazione con sistema di qualità certificato ISO 9001:

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DELLA DOTTRINA AZIENDALE

IL PUNTO DI VISTA DELLA DOTTRINA AZIENDALE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO AGGREGAZIONI AZIENDALI SOTTO COMUNE CONTROLLO: TEORIA E PRASSI IL PUNTO DI VISTA DELLA DOTTRINA AZIENDALE PROF. ANDREA AMADUZZI Università degli Studi di

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

III modulo. Il gruppo IAS 27 IAS 28 IAS 31

III modulo. Il gruppo IAS 27 IAS 28 IAS 31 III modulo Il gruppo IAS 27 IAS 28 IAS 31 Sommario Analisi dei seguenti principi contabili internazionali -IAS 27 - Consolidated and separate financial statements -IAS 28 - Investments in associates -IAS

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

(G.U.U.E n. L 282 del 26 ottobre 2005)

(G.U.U.E n. L 282 del 26 ottobre 2005) REGOLAMENTO (CE) N. 1751/2005 DELLA COMMISSIONE del 25 ottobre 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 1725/2003 della Commissione che adotta taluni principi contabili internazionali conformemente al

Dettagli

Le business combination (IFRS 3)

Le business combination (IFRS 3) Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Le business combination (IFRS 3) di 1 Le business combinations Un aggregazione

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO Allegato A/4 Allegato n. 4/4 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO 1. Definizione e funzione del bilancio consolidato del gruppo amministrazione pubblica Il

Dettagli

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima adozione degli IAS/IFRS Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS in sede di prima

Dettagli

Prof. Riccardo Acernese. Roma, marzo/maggio 2015

Prof. Riccardo Acernese. Roma, marzo/maggio 2015 IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IFRS 3 - OIC 4/17 & IFRS 10/IAS 27 - OIC 17/20: Aggregazioni aziendali & Bilancio consolidato e separato Roma, marzo/maggio 2015 IFRS 10 - IAS 27

Dettagli

L allegato al regolamento (CE) n. 1725/2003 è modificato come segue:

L allegato al regolamento (CE) n. 1725/2003 è modificato come segue: 26.10.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 282/3 REGOLAMENTO (CE) N. 1751/2005 DELLA COMMISSIONE del 25 ottobre 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 1725/2003 della Commissione che adotta

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Area di consolidamento

Area di consolidamento Area di consolidamento (con applicazioni del concetto di controllo definito dagli Ias/Ifrs) 1 Imprese obbligate a redigere il bilancio consolidato D. Lgs. 127/91 (art. 25) Ias 27 Società di capitali che

Dettagli

RACCOMANDAZIONE N. 9 BILANCIO DI GRUPPO CONSIGLIERE DELEGATO GIORGIO SGANGA PRESIDENTE MARCO ELEFANTI

RACCOMANDAZIONE N. 9 BILANCIO DI GRUPPO CONSIGLIERE DELEGATO GIORGIO SGANGA PRESIDENTE MARCO ELEFANTI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE AZIENDE NON PROFIT RACCOMANDAZIONE N. 9 BILANCIO DI GRUPPO CONSIGLIERE DELEGATO GIORGIO SGANGA PRESIDENTE MARCO ELEFANTI COMPONENTI ROSANNA D

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Bilancio consolidato

Bilancio consolidato 2013 Innovazione MERCATO Crescita Investimenti LAVORO 4 FILIERE Bilancio consolidato www.a2a.eu Indice 0.1 Prospetti contabili consolidati 4 Situazione patrimoniale-finanziaria 6 Conto economico 7 Conto

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 24. Informativa di bilancio sulle operazioni con parti correlate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 24. Informativa di bilancio sulle operazioni con parti correlate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 24 Informativa di bilancio sulle operazioni con parti correlate SOMMARIO Paragrafi Finalità 1 Ambito di applicazione 2-4 Scopo dell informativa di bilancio sulle operazioni

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme IAS/IFRS: uno sguardo d insieme Oramai la globalizzazione contabile è una realtà: i principi contabili nazionali sono destinati ad essere progressivamente sostituiti da una serie di principi e norme riconosciute

Dettagli

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it Piacenza, 20 marzo 2003 Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it I domini dell armonizzazione Armonizzazione de jure Armonizzazione de facto Norme e principi contabili Armonizzazione Bilanci effettivamente

Dettagli

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE..

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. INDICE PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. 4. VALUTAZIONE. 5. ALTRI ASPETTI. 6. OPERAZIONI CON AZIONI PROPRIE ALL INTERNO

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano Approfondimenti Bilancio L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano di Paolo Moretti Alla luce delle disposizioni nazionali e comunitarie l applicazione dei principi contabili internazionali

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. L 77/42 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 244/2010 DELLA COMMISSIONE del 23 marzo 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1126/2008 della Commissione che adotta taluni

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

Lez. 2. I principi contabili

Lez. 2. I principi contabili Lez. 2 I principi contabili Il riconoscimento al bilancio del ruolo di strumento informativo a 360 impone al redattore del bilancio l obbligo di tenere un comportamento corretto......ma i redattori avvertivano

Dettagli

Contabilità regolatoria dei Mercati e dei Servizi di rete fissa dell esercizio 2006. Principi e criteri di Separazione Contabile e

Contabilità regolatoria dei Mercati e dei Servizi di rete fissa dell esercizio 2006. Principi e criteri di Separazione Contabile e TELECOM ITALIA CONFIDENZIALE - RISERVATO AD AGCOM NON ACCESSIBILE E NON PUBBLICABILE - Contabilità regolatoria dei Mercati e dei Servizi di rete fissa dell esercizio 2006 Principi e criteri di Separazione

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. L 139/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.6.2009 REGOLAMENTO (CE) N. 460/2009 DELLA COMMISSIONE del 4 giugno 2009 che modifica il regolamento (CE) n. 1126/2008 che adotta taluni principi contabili

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

Gli strumenti finanziari [1]

Gli strumenti finanziari [1] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [1] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

Economia e Bilancio dei Gruppi

Economia e Bilancio dei Gruppi Economia e Bilancio dei Gruppi Cap. 4 Bilancio consolidato ed Informativa di settore Anno Accademico 2012-2013 marco.vulpiani@ec.univaq.it 1 Bilancio consolidato e informativa di settore 1. Definizione

Dettagli

ANALISI DETTAGLIATA. Il principio contabile internazionale n. 27 si pone una duplice finalità:

ANALISI DETTAGLIATA. Il principio contabile internazionale n. 27 si pone una duplice finalità: ANALISI DETTAGLIATA Nella presente trattazione si cercherà di analizzare il contenuto del principio contabile internazionale n. 27 alla luce della normativa italiana vigente in materia di bilancio consolidato

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

L area di consolidamento: capitolo 2

L area di consolidamento: capitolo 2 L area di consolidamento: capitolo 2 La definizione e l individuazione dell area di consolidamento La nozione di controllo, in materia di consolidato secondo l ordinamento italiano Le imprese esonerate

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 12 novembre 2015 (an informal translation in English of the press release is available on Alerion website)

COMUNICATO STAMPA Milano, 12 novembre 2015 (an informal translation in English of the press release is available on Alerion website) COMUNICATO STAMPA Milano, 12 novembre 2015 (an informal translation in English of the press release is available on Alerion website) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio sulla

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

Consolidato. Bilancio

Consolidato. Bilancio Bilancio Consolidato Indice 0.1 Prospetti contabili consolidati 4 Situazione patrimoniale-finanziaria 6 Conto economico 7 Conto economico complessivo consolidato 8 Rendiconto finanziario 10 Prospetto delle

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio Il bilancio di esercizio Test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura

Dettagli

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE Ambito di applicazione 1. La redazione del bilancio consolidato non rappresenta un obbligo di legge ma costituisce comunque un elemento necessario ai fini di una

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

TARGETTI SANKEY S.p.A.

TARGETTI SANKEY S.p.A. TARGETTI SANKEY S.p.A. Sede legale in Firenze, Via Pratese 164 Capitale Sociale 9.606.194 euro interamente versato Codice fiscale e numero iscrizione al Registro delle Imprese di Firenze: 01537660480 Relazione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative

Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative Nel marzo 1995 il Board dello IASC ha approvato lo IAS

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Comunicazione n. DEM/6094867 del 28-11-2006. inviata alla Pirelli & C. S.p.A.

Comunicazione n. DEM/6094867 del 28-11-2006. inviata alla Pirelli & C. S.p.A. Comunicazione n. DEM/6094867 del 28-11-2006 di chiusura del procedimento relativo all esercizio dei poteri di cui all art. 157, comma 2 del D.Lgs. n. 58/98 Comunicazione n. DEM/6094867 del 28-11-2006 inviata

Dettagli

Premessa... 1. Principi contabili nazionali... 1. Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4

Premessa... 1. Principi contabili nazionali... 1. Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4 Sommario Premessa... 1 Principi contabili nazionali... 1 Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4 Principi contabili nazionali e internazionali: una diversa filosofia... 6 Premessa Colgo l occasione

Dettagli

SOGEFI S.p.A. BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012

SOGEFI S.p.A. BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 SOGEFI S.p.A. BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 299 SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA (in Euro) ATTIVO Note 31.12.2012 31.12.2011 ATTIVO CORRENTE Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 4

Dettagli

L 261/386 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/386 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/386 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea SIC-1/SIC-2 STANDING INTERPRETATIONS COMMITTEE INTERPRETAZIONE SIC-1 Coerenza nell applicazione dei Principi contabili Utilizzo di diversi metodi di

Dettagli

Capitolo Nono I gruppi di imprese ed il bilancio consolidato

Capitolo Nono I gruppi di imprese ed il bilancio consolidato Capitolo Nono I gruppi di imprese ed il bilancio consolidato 1. IL GRUPPO DI IMPRESE I gruppi aziendali rappresentano una delle forme più intense di concentrazione aziendale realizzate mediante l instaurazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 1 - 0 - SOMMARIO BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Stato patrimoniale consolidato pag. 2 Conto economico consolidato pag. 4 Prospetto della redditività consolidata

Dettagli

Corso di Principi contabili internazionali. Prof. Luigi Rinaldi Prof. Stefano Santucci

Corso di Principi contabili internazionali. Prof. Luigi Rinaldi Prof. Stefano Santucci Corso di Principi contabili internazionali Prof. Luigi Rinaldi Prof. Stefano Santucci Programma del corso a.a. 2015 2016 Parte prima I principi contabili internazionali e il loro recepimento nella legislazione

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione 1.1 Contesto generale 1.2 Sviluppo di un principio internazionale 1.2.1 Lo IAS 22 e relative Interpretazioni SIC 1.2.2 Il progetto dello IASB 1.2.3 L IFRS 3 A Motivazioni del progetto

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE SEMESTRALE AL 31 DICEMBRE 2014 1 Premessa In applicazione del D. Lgs. del 28 febbraio 2005, n. 38, Esercizio delle opzioni previste dall

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE. del 3 novembre 2008

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE. del 3 novembre 2008 29.11.2008 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE

Dettagli

APPROVATO DAL CONSIGLIO DI GESTIONE DA SOTTOPORRE ALL APPROVAZIONE DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA

APPROVATO DAL CONSIGLIO DI GESTIONE DA SOTTOPORRE ALL APPROVAZIONE DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA APPROVATO DAL CONSIGLIO DI GESTIONE DA SOTTOPORRE ALL APPROVAZIONE DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA Indice 0.1 Prospetti contabili consolidati 4 Situazione patrimoniale-finanziaria 6 Conto economico 7 Conto

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano Novità in tema di principi contabili internazionali IAS/IFRS In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE 1 FINALITA' LIABILITY

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Compensi Tipologia di servizi. Soggetto che ha erogato. Destinatario il servizio

Compensi Tipologia di servizi. Soggetto che ha erogato. Destinatario il servizio Informazioni ai sensi dell'art. 149-duodecies del Regolamento Emittenti Consob Il prospetto evidenzia i corrispettivi di competenza dell'esercizio 2011 per i servizi di revisione e per quelli diversi dalla

Dettagli

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 Financial Instrument Gli IFRS sono principi di rappresentazione della realtà economica di un certa azienda o reporting entity Nell ambito della realtà economica

Dettagli

Il CASO AUTOGRILL. Novità per il bilancio consolidato IFRS: teoria e prassi. Annarita Grandinetti S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Il CASO AUTOGRILL. Novità per il bilancio consolidato IFRS: teoria e prassi. Annarita Grandinetti S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Novità per il bilancio consolidato IFRS: teoria e prassi Il CASO AUTOGRILL Annarita Grandinetti 13 maggio 2014 - Milano 1 Il caso Autogrill - Indice Premessa Il processo di self assessment Le joint ventures

Dettagli

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO in pratica FISCO Antonina Giordano Il leasing operativo I edizione Definizione e caratteristiche distintive Profili civilistici e fiscali Profili contabili e di rappresentazione in bilancio Riferimenti

Dettagli

PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE

PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE Milano, lì 17 marzo 2015 FESTA S.r.l. Unipersonale Sede in Porcari (Lucca) via L. Boccherini, 39 Capitale Sociale 358.699,18

Dettagli

BILANCIO CIVISLISTICO, PROSPETTO DEI MOVIMENTI DEL PATRIMONIO NETTO, RENDICONTO FINANZIARIO E NOTE ESPLICATIVE 31/12/2005

BILANCIO CIVISLISTICO, PROSPETTO DEI MOVIMENTI DEL PATRIMONIO NETTO, RENDICONTO FINANZIARIO E NOTE ESPLICATIVE 31/12/2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. Sede Lege Milano Vie Monza, 265 Capite Socie sottoscritto e interamente versato Euro 120.000= i.v. iscritta Registro Imprese di MILANO n. 04441590967 e n. 1747663 del R.E.A. della

Dettagli

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12 bilancio civilistico Relazione finanziaria annuale d esercizio Prospetti contabili civilistici 4 Note esplicative ai prospetti contabili civilistici 12 Allegati al bilancio civilistico 78 Attestazione

Dettagli

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1]

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1] Rendiconto finanziario [1] [1] FINALITA' Ambito di applicazione Benefici apportati dalle informazioni sui flussi finanziari Definizioni Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Presentazione del rendiconto

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 301/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 301/2013 DELLA COMMISSIONE L 90/78 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.3.2013 REGOLAMENTO (UE) N. 301/2013 DELLA COMMISSIONE del 27 marzo 2013 che modifica il regolamento (CE) n. 1126/2008 della Commissione che adotta taluni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006. 101 Esercizio

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006. 101 Esercizio Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006 101 Esercizio Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2006 234 Situazione economico-finanziaria della Fiat S.p.A. 238 Conto economico 239

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1725/2003 DELLA COMMISSIONE del 29 settembre 2003

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

Nota integrativa nel bilancio abbreviato

Nota integrativa nel bilancio abbreviato Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 120 23.04.2014 Nota integrativa nel bilancio abbreviato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie La redazione del bilancio in forma

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2007 BANCA POPOLARE ETICA SOCIETA' COOPERATIVA PER AZIONI O IN FORMA ABBREVIATA "BANCA ETICA" O "BPE". Forma giuridica: SOCIETA' COOPERATIVA

Dettagli

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI COMUNICATO STAMPA YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Parte ordinaria: Approva il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 Approva la prima sezione della Relazione sulla Remunerazione Approva il

Dettagli

Il bilancio consolidato nei gruppi aziendali

Il bilancio consolidato nei gruppi aziendali Il bilancio consolidato nei gruppi aziendali Definizione di bilancio consolidato Principio Contabile OIC 17 Il Bilancio Consolidato è un bilancio redatto dalla Capogruppo che espone la situazione patrimoniale

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE 1 2 INDICE 1. Prospetti contabili consolidati...5 2. Note illustrative.15 3. Allegati...103 4. Relazione della società

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 402 CONSIDERAZIONI SULLA REVISIONE CONTABILE DI UN IMPRESA CHE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli