Relazione 1 semestre 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione 1 semestre 2007"

Transcript

1 iagnostic Specia Relazione 1 semestre 2007 The Diagnostic Specialist

2

3 RELAZIONE SEMESTRALE DEL GRUPPO DIASORIN AL 30 GIUGNO 2007 DiaSorin S.p.A Via Crescentino snc Saluggia (VC) - Codice Fiscale e Iscrizione Registro delle Imprese di Vercelli n

4

5 Relazione 1 semestre 2007 Indice Organi Sociali p. 5 Principali dati consolidati p Relazione sulla gestione p Analisi della situazione economico finanziaria del Gruppo p Andamento economico del 1 semestre 2007 e confronto con il 1 semestre 2006 p Rendiconto finanziario consolidato p Indebitamento finanziario netto p Altre informazioni p Andamento dei cambi p Dipendenti del Gruppo p Prospetti contabili consolidati al 30 giugno 2007 del Gruppo DiaSorin p. 15 Conto economico consolidato p. 15 Stato patrimoniale consolidato p. 15 Rendiconto finanziario p. 17 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto consolidato p. 18 Note esplicative p Informazioni di carattere generale p Principi per la predisposizione della relazione semestrale p Schemi di bilancio p Area di consolidamento p Altre informazioni p Informativa di settore p. 22 Contenuto e principali variazioni p Conto economico consolidato p Stato patrimoniale consolidato p Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del 1 semestre ed evoluzione prevedibile della gestione p Appendice: le Imprese del Gruppo DiaSorin al 30 giugno 2007 p Prospetti contabili al 30 giugno 2007 di DiaSorin S.p.A. p Appendice: transizione ai principi contabili internazionali (IFRS) da parte della capogruppo DiaSorin S.p.A. p. 43 3

6

7 Relazione 1 semestre 2007 ORGANI SOCIALI Consiglio di amministrazione (DATA DI NOMINA 26/03/2007) Presidente Vice presidente Esecutivo Gustavo Denegri Antonio Boniolo Amministratore delegato Carlo Rosa 1 Consiglieri Giuseppe Alessandria 2 Chen Menachem Even Enrico Mario Amo Ezio Garibaldi 2 Michele Denegri Franco Moscetti 2 Collegio sindacale Presidente Luigi Martino Sindaci effettivi Bruno Marchina Vittorio Moro Sindaci supplenti Alessandro Aimo Boot Maria Carla Bottini Società di revisione Deloitte & Touche S.p.A. 1 Direttore Generale 2 Amministratore indipendente 5

8 PRINCIPALI DATI CONSOLIDATI migliaia 1 semestre 2007 % sui ricavi 1 semestre 2006 % sui ricavi Ricavi netti ,0% ,0% EBITDA ,0% ,6% Risultato operativo (EBIT) ,1% ,1% Utile netto ,4% ,1% migliaia al 30/06/2007 al 31/12/2006 Totale attivo Indebitamento netto Patrimonio netto

9 Relazione 1 semestre Relazione sulla gestione 1.1. Analisi della situazione economico finanziaria del Gruppo Andamento economico del primo semestre 2007 e confronto con il primo semestre 2006 Il progresso nella realizzazione del programma strategico di espansione geografica e tecnologica ha portato il Gruppo DiaSorin a registrare nel corso del 1 semestre una crescita del fatturato. Il 1 semestre dell anno si è chiuso con una crescita del fatturato pari al 9,7% rispetto al 1 semestre dell esercizio precedente. La crescita del fatturato ha peraltro risentito dell apprezzamento dell Euro nei confronti delle altre valute del Gruppo DiaSorin, in particolar modo del Dollaro statunitense. A cambi costanti (1 semestre 2006) la crescita del fatturato rispetto al corrispondente periodo del 2006 risulta pari all 11,9%. La crescita del fatturato è da attribuirsi in modo particolare all aumento delle vendite di prodotti relativi alla tecnologia CLIA, cresciuta nel semestre del 29,1%, come conseguenza del continuo evolversi della base installata LIAISON che ha raggiunto, alla fine del mese di giugno 2007 circa unità installate (da unità al 31 dicembre 2006). Le vendite di reagenti su tecnologia CLIA hanno raggiunto alla fine del semestre un incidenza percentuale sul totale dei ricavi pari al 49,1%. All incremento delle vendite si è affiancato un miglioramento di tutti gli indicatori reddituali: nel semestre il margine lordo è passato da Euro migliaia del 2006 a Euro migliaia del 2007, registrando una crescita pari al 17,2%, con un incidenza sul fatturato che passa dal 60,4% al 64,5%. L Ebitda del 1 semestre 2007 è pari ad Euro migliaia, in crescita del 10,9% rispetto ad Euro migliaia registrati nei primi sei mesi dell anno precedente, con un incidenza sul fatturato che passa dal 30,6% al 31%. L Ebit consolidato nel semestre è passato da Euro migliaia dell esercizio precedente ad Euro migliaia, in crescita del 14,6%. L incidenza sul fatturato passa dal 23,1% al 24,1%. Si ricorda che Ebitda ed Ebit risentono di una componente di costi di natura non ricorrente legati alla preparazione della Capogruppo alla quotazione in Borsa. A tale proposito si segnala che in data 19 Luglio la Capogruppo è stata ammessa alla quotazione al Mercato Telematico Azionario, segmento STAR. I costi non ricorrenti sostenuti nel semestre a fronte di tale evento sono pari ad Euro migliaia. A tali costi si contrappone, tuttavia, un provento non ricorrente contabilizzato nel 1 semestre pari ad Euro 515 migliaia legato all applicazione della riforma sul TFR della Capogruppo. Escludendo tali oneri e proventi l Ebitda risulta pari ad Euro migliaia, con un incidenza del 33,1% sul fatturato, mentre l Ebit risulta pari ad Euro migliaia con un incidenza del 26,2% sul fatturato. Infine, l utile netto risulta pari ad Euro migliaia, in crescita del 12,4% rispetto al 1 semestre dell esercizio precedente e con un incidenza sul fatturato pari al 13,4% rispetto al 13,1% registrato nel

10 Di seguito viene rappresentato il conto economico consolidato relativo ai periodi chiusi al 30 giugno 2006 e CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO (in migliaia di euro) 1 semestre % incidenza 1 semestre % incidenza 2007 sul fatturato 2006 sul fatturato Ricavi delle vendite e prestazioni ,0% ,0% Costo del venduto (36.233) -35,5% (36.876) -39,6% Margine lordo ,5% ,4% Spese di vendita e marketing (21.500) -21,0% (20.128) -21,6% Costi di ricerca e sviluppo (5.408) -5,3% (4.527) -4,9% Spese generali e amministrative (11.525) -11,3% (9.445) -10,1% Altri (oneri) e proventi operativi (2.875) -2,8% (692) -0,7% di cui non ricorrenti (2.653) -2,6% - - Risultato operativo (EBIT) ,1% ,1% Proventi/(oneri) finanziari (2.114) -2,1% (1.953) -2,1% Risultato ante imposte ,0% ,0% Imposte del periodo (8.769) -8,6% (7.302) -7,8% Utile netto ,4% ,1% EBITDA (1) ,0% ,6% (1) l'ebitda è definito dagli Amministratori, come il risultato operativo, al lordo degli ammortamenti delle attività immateriali e degli ammortamenti delle attività materiali Ricavi delle vendite e delle prestazioni Nel corso del 1 semestre 2007 il Gruppo ha registrato ricavi delle vendite e prestazioni pari ad Euro migliaia rispetto ad Euro migliaia del 1 semestre La crescita di Euro migliaia risulta pari ad una crescita percentuale, a cambi correnti, del 9,7% rispetto allo stesso periodo dell esercizio precedente. Nel 1 semestre la crescita del fatturato rispetto all anno precedente ha risentito dell apprezzamento dell Euro nei confronti delle altre valute del Gruppo DiaSorin, in particolar modo del Dollaro statunitense. A cambi costanti (1 semestre 2006), la crescita del fatturato rispetto al 1 semestre 2006 è pari al 11,9%. L effetto cambio sfavorevole si è attenuato nel corso della seconda parte del 1 semestre come conseguenza della progressiva svalutazione del dollaro nel corso del

11 Relazione 1 semestre 2007 Analisi del fatturato per area geografica La seguente tabella riporta il fatturato consolidato conseguito dal Gruppo DiaSorin suddiviso per area geografica di destinazione. 1 semestre (in migliaia di euro) 2007 incidenza % 2006 incidenza % Variazione Variazione % Italia ,5% ,2% ,20% Resto Europa ,9% ,8% ,20% Nord America (Stati Uniti, Canada) ,5% ,4% ,40% Resto del mondo ,0% ,6% ,10% Totale ,0% ,0% ,70% Italia Il mercato italiano ha fatto registrare nel semestre un fatturato pari a Euro in crescita dell 11,2% rispetto al 1 semestre dell anno precedente e rappresenta il 23,5% del fatturato consolidato in linea con lo stesso periodo dell anno precedente. La crescita del fatturato sul mercato italiano è stata determinata dall ulteriore sviluppo delle vendite di prodotti CLIA sulla base installata LIAISON. Resto Europa Nel semestre il fatturato relativo all area geografica in esame è passato da Euro migliaia del 2006 ad Euro migliaia del 2007, in crescita del 10,2%. Sempre per quanto riguarda il semestre, si sono registrate rispetto all esercizio precedente crescite rilevanti per Spagna (+12,4%), Belgio (+11,7%) e Germania (+10%). Infine le controllate europee minori (Svezia e UK) continuano a contribuire alla crescita dell area geografica con tassi decisamente superiori alla media, rispettivamente pari al 42,7% e al 23,3%. L elemento trainante della crescita è stato l ampliamento della base installata LIAISON e delle vendite conseguenti di reagenti CLIA. Infine, per quanto riguarda i mercati europei dove il Gruppo non è presente in modo diretto ma attraverso distributori indipendenti, la crescita del 1 semestre 2007 rispetto allo stesso periodo dell esercizio precedente è stata pari al 4,1%. A seguito dello sviluppo descritto il resto d Europa (escluso il mercato italiano) ha raggiunto un peso percentuale sul fatturato del Gruppo DiaSorin pari al 36,9%. 9

12 Nord America Il mercato nordamericano si conferma come uno dei mercati strategicamente più importanti per il Gruppo, sebbene la crescita del fatturato nel periodo in esame si rifletta in misura meno che proporzionale sul fatturato consolidato, a seguito dell effetto della variazione dei cambi precedentemente descritto. Nel corso del semestre le vendite si sono assestate ad Euro migliaia, contro Euro migliaia dello stesso periodo dell esercizio precedente, in crescita del 5,4%. Va segnalato tuttavia che la crescita del 1 semestre 2007 rispetto allo stesso periodo del 2006, se espresso in valuta locale, eliminando quindi l effetto della fluttuazione valutaria, risulta pari al 14,0%. Nonostante lo sviluppo della tecnologia CLIA e l espansione della base installata LIAISON sul mercato statunitense siano iniziati in ritardo rispetto ai mercati europei a causa dei tempi di registrazione con l FDA (Food and Drug Administration), le vendite basate su questa piattaforma tecnologica si affermano già come motore della crescita sul mercato nordamericano. Nel primi sei mesi del 2007 le vendite sul mercato nordamericano hanno rappresentato una percentuale pari al 21,5% del fatturato del Gruppo DiaSorin. Resto del Mondo Al di fuori del mercato europeo e nordamericano, il Gruppo ha fatto registrare una crescita pari al 12,1% che ha portato il fatturato cumulato dei primi sei mesi dell anno da Euro migliaia del 2006 ad Euro migliaia nel corso del L incidenza del fatturato dell area rispetto al totale consolidato risulta pari al 18% in lieve crescita rispetto allo stesso periodo del I risultati delle società messicana e israeliana, di recente costituzione dimostrano la capacità del Gruppo di imporsi nei mercati in grado di valorizzare l offerta di prodotto LIAISON. La controllata messicana, che ha iniziato l attività distributiva diretta nel corso del 2005, ha registrato un incremento del proprio volume di affari nei primi sei mesi dell anno pari ad Euro migliaia, in crescita di 53,1 punti percentuali rispetto al 1 semestre La controllata israeliana ha registrato un fatturato nel 1 semestre pari ad Euro migliaia, in crescita del 245,9% sul 1 semestre Per quanto riguarda, infine, gli altri territori dove il Gruppo non è presente in modo diretto, ma attraverso distributori indipendenti, la crescita rispetto all esercizio precedente è stata pari al 9,5%. In particolare è da sottolineare il risultato sul mercato cinese dove il Gruppo opera dalla fine del 2006 attraverso una joint venture con un partner locale. Nel 1 semestre 2007 il fatturato in tale mercato è stato pari ad Euro migliaia, quasi raddoppiato rispetto al 1 semestre

13 Relazione 1 semestre 2007 Analisi del fatturato per tecnologia Contemporaneamente all espansione geografica, è proseguita l espansione del fatturato a favore della piattaforma tecnologica chiusa LIAISON. La seguente tabella riporta, a titolo informativo, l incidenza percentuale del fatturato per ciascuna tecnologia sui dati consolidati conseguiti dal Gruppo nel primo semestre 2006 e semestre semestre 2006 % di incidenza sul fatturato RIA 12,0 14,1 ELISA 28,8 33,5 CLIA 49,1 41,8 Strumentazione e altri ricavi 10,1 10,6 Totale 100,0 100,0 Nel corso del primo semestre dell esercizio i ricavi da prodotti LIAISON sono cresciuti del 29,1% rispetto allo stesso periodo dell esercizio precedente. L incidenza dei ricavi su tecnologia CLIA ha raggiunto i 49,2 punti percentuali nel primo semestre 2007 in crescita di 7,5 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Alla data del 30 giugno 2007 risultano installati sul mercato circa analizzatori automatici LIAISON presso i clienti diretti ed indiretti del Gruppo. Nel primo semestre sono stati inoltre lanciati 7 nuovi prodotti LIAISON, di cui 6 di specialità che hanno ulteriormente differenziato l offerta di prodotto LIAISON rispetto alla concorrenza. Le altre tecnologie (RIA ed ELISA) se paragonate al corrispondente periodo del 2006 fanno registrare una diminuzione rispettivamente pari al 6,2% ed al 5,7%, che risulta comunque inferiore a quanto previsto Risultato operativo (EBIT) Il risultato della gestione operativa è stato influenzato positivamente da una riduzione dell incidenza del costo del venduto, che ha portato nel primo semestre del 2007 un miglioramento del margine lordo rispetto al primo semestre 2006 pari a 4,1 punti percentuali. Il miglioramento è dovuto a fattori strutturali quali: il cambiamento della composizione del portafoglio prodotti che, muovendosi da piattaforme tecnologiche largamente diffuse (RIA, ELISA) verso piattaforme tecnologiche chiuse (CLIA) a più alto valore aggiunto per l utilizzatore finale, consente una politica di prezzo più premiante; la continua crescita dei volumi di produzione che, grazie all effetto di economie di scala, ha portato un ulteriore riduzione dei costi diretti; il miglioramento nell utilizzo della base strumentale installata, che determina una minor incidenza dei relativi ammortamenti rispetto al fatturato. Ai suddetti fattori si contrappone l aumento dell incidenza dei costi di struttura sul fatturato, che passano dal 36,6% segnato nel 2006 al 37,6% registrato al 1 semestre

14 Tra questi si segnalano: l incremento dei costi di ricerca e sviluppo (+0,4% sul fatturato) dovuto all implementazione del programma di sviluppo di 20 nuovi prodotti nel triennio ; l incremento delle spese generali e amministrative (+1,2% sul fatturato), che è legato in particolare agli investimenti effettuati nella struttura Corporate in previsione della quotazione in Borsa nonchè al rafforzamento dell ente Risorse Umane; la diminuzione dell incidenza sul fatturato (-0,6%) delle spese di vendita e marketing. Infine, come già ricordato, il risultato operativo è influenzato da oneri e proventi di natura non ricorrente. Gli oneri di natura non ricorrente, legati al progetto di quotazione, sono stati nel semestre pari ad Euro migliaia, con un incidenza sul fatturato pari al 2,6%. Il provento di natura non ricorrente, legato all applicazione della riforma sul TFR della Capogruppo, è stato contabilizzato nel secondo trimestre per un importo pari ad Euro 515 migliaia, con un incidenza sul fatturato del semestre pari allo 0,5%. L Ebitda del primo semestre 2007 è pari ad Euro migliaia, in crescita rispetto ad Euro migliaia registrati nei primi sei mesi dell anno precedente del 10,9%, con un incidenza sul fatturato che passa dal 30,6% al 31%. L Ebit consolidato nel semestre è passato da Euro migliaia dell esercizio precedente ad Euro migliaia, in crescita del 14,6%, con un incidenza sul fatturato che passa dal 23,1% al 24,1%. Escludendo gli oneri ed i proventi di natura non ricorrente, l Ebitda del primo semestre risulta pari a Euro migliaia di euro con un incidenza del 33,1% sul fatturato ed in crescita rispetto all esercizio precedente del 18,4%, mentre l Ebit risulta pari a Euro migliaia, con un incidenza pari al 26,2% sul fatturato ed in crescita rispetto all esercizio precedente del 24,6% Risultato della gestione finanziaria La gestione finanziaria ha inciso, in valore assoluto, in maniera sostanzialmente uguale rispetto allo stesso periodo dell esercizio precedente sul risultato del Gruppo. Il 1 semestre 2007 ha registrato oneri finanziari netti pari a Euro migliaia, rispetto a Euro migliaia del 1 semestre L incremento è dovuto principalmente ai maggiori costi per commissioni legati ad operazioni di cessione di crediti pro-soluto a società di factoring Utile lordo ed utile netto del periodo Il primo semestre 2007 si è chiuso con un utile lordo pari ad Euro migliaia, sul quale gravano imposte pari ad Euro migliaia, in aumento rispetto allo stesso periodo dell esercizio precedente che aveva registrato un utile lordo pari ad Euro migliaia su cui gravavano imposte per Euro migliaia. 12

15 Relazione 1 semestre Rendiconto finanziario consolidato Si riporta di seguito il rendiconto finanziario consolidato ed il commento delle poste più significative e degli scostamenti rispetto al periodo precedente: (in migliaia di euro) 1 semestre semestre 2006 CASSA E MEZZI EQUIVALENTI - VALORE INIZIALE Disponibilità liquide nette generate dall'attività operativa Disponibilità liquide impiegate nell'attività di investimento (8.057) (8.813) Disponibilità liquide impiegate nell'attività di finanziamento (3.404) (5.397) Variazione delle disponibilità liquide nette e mezzi equivalenti 856 (3.400) CASSA E MEZZI EQUIVALENTI - VALORE FINALE I maggiori flussi di cassa generatisi nel 1 semestre del 2007 rispetto al 1 semestre 2006 sono legati al miglioramento dei risultati economici operativi precedentemente descritto, alle minori imposte pagate ed al contenimento della crescita del capitale circolante. Il flusso di cassa da attività operativa del semestre è pari a Euro migliaia nel 2007, in miglioramento rispetto a Euro migliaia dello stesso periodo dell esercizio precedente. Le disponibilità liquide impiegate nelle attività di investimento sono pari ad Euro migliaia nel primo semestre 2007, in diminuzione rispetto ad Euro migliaia dello stesso periodo del In particolare gli investimenti in immobilizzazioni materiali sono risultati inferiori rispetto al primo semestre dell esercizio 2006 e pari a Euro migliaia contro un valore di Euro migliaia nel corrispondente periodo del I minori investimenti effettuati nel periodo sono principalmente da attribuirsi all aumento della quota di strumenti LIAISON venduti a distributori indipendenti rispetto agli strumenti concessi in comodato d uso gratuito ai clienti e capitalizzati dal Gruppo, che hanno contribuito all incremento della base installata nel periodo di riferimento. Si contrappone alla diminuzione degli investimenti in immobilizzazioni materiali l aumento degli investimenti in immobilizzazioni immateriali, dovuto in particolare alla capitalizzazione dei costi relativi allo sviluppo del nuovo analizzatore LIAISON XL. Le disponibilità liquide impiegate nelle attività di finanziamento nel semestre sono pari a Euro migliaia nel 2007 contro Euro migliaia nel 2006 come conseguenza dei minori rimborsi per effetto della diminuzione dell indebitamento del Gruppo, in parte attenuati da un più basso ricorso al leasing finanziario per gli acquisti degli strumenti. Il 1 semestre 2007 chiude quindi con un effetto sulla liquidità a disposizione del Gruppo positivo per Euro 856 migliaia, portando la cassa del Gruppo alla fine del semestre a Euro migliaia. 13

16 Indebitamento finanziario netto (in migliaia di euro) Al 30 giugno 2007 Al 31 dicembre 2006 Cassa e strumenti equivalenti (9.574) (8.718) Liquidità (a) (9.574) (8.718) Crediti finanziari correnti (b) - (28) Debiti bancari correnti Altre passività finanziarie correnti Indebitamento finanziario corrente (c) Indebitamento finanziario corrente netto (d)=(a)+(b)+(c) Debiti bancari non correnti Altre passività finanziarie non correnti Indebitamento finanziario non corrente (e) Indebitamento finanziario netto (f)=(d)+(e) L indebitamento finanziario netto consolidato al 30 giugno 2007, è pari a Euro migliaia, e presenta un miglioramento rispetto al 31 dicembre 2006 di Euro migliaia, come effetto principale del flusso di cassa sopra descritto Altre informazioni Andamento dei cambi Si propone di seguito una tabella riassuntiva dei tassi di cambio medi: Valuta 1 semestre semestre 2006 Dollaro USA (USD) 1,3291 1,2296 Real Brasiliano (BRR) 2,7186 2,6965 Sterlina Inglese (GBP) 0,6746 0,6870 Corona Svedese (SEK) 9,2228 9,3259 Peso Messicano (MXP) 14, ,3925 Shekel Israeliano (ILS) 5,5179 5,6410 (Fonte: UIC) Dipendenti del Gruppo I dipendenti del Gruppo al 30 giugno 2007 risultano pari a 903 unità, in aumento di 66 rispetto agli 837 di fine

17 Relazione 1 semestre Prospetti contabili consolidati al 30 giugno 2007 del Gruppo DiaSorin CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO (in migliaia di euro) Note 1 semestre semestre 2006 (*) Ricavi delle vendite e prestazioni (1) Costo del venduto (2) (36.233) (36.876) Margine lordo Spese di vendita e marketing (3) (21.500) (20.128) Costi di ricerca e sviluppo (4) (5.408) (4.527) Spese generali e amministrative (5) (11.525) (9.445) Altri oneri e proventi operativi (6) (2.875) (692) di cui non ricorrenti (2.653) - Risultato operativo (EBIT) Proventi/(oneri) finanziari (7) (2.114) (1.953) Risultato ante imposte Imposte di periodo (8) (8.769) (7.302) Utile netto Utile per azione (base) (9) 0,27 0,24 Utile per azione (diluito) (9) 0,25 0,24 (*) Dati non sottoposti a revisione contabile limitata STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO (in migliaia di euro) Note Al 30/06/2007 Al 31/12/2006 ATTIVITA' Attività non correnti Immobilizzazioni materiali (10) Avviamento (11) Altre attività immateriali (11) Partecipazioni Attività fiscali differite Altre attività non correnti Totale attività non correnti Attività correnti Rimanenze (12) Crediti commerciali (13) Crediti verso società del gruppo 21 - Altre attività correnti Disponibilità liquide e strumenti equivalenti Totale attività correnti TOTALE ATTIVITA'

18 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO (segue) (in migliaia di euro) Note Al 30/06/2007 Al 31/12/2006 PASSIVITA' Patrimonio netto Capitale sociale Riserva sovrapprezzo azioni Riserva legale Altre riserve Utili/perdite a nuovo Utile del periodo Totale patrimonio netto Passività non correnti Passività finanziarie non correnti (14) Fondo trattamento di fine rapporto e altri benefici (15) Passività per imposte differite Altre passività non correnti (16) Totale passività non correnti Passività correnti Debiti commerciali Debiti verso società del gruppo 66 Altri debiti Debiti tributari Quote correnti di finanziamenti a medio/lungo termine (14) Totale passività correnti Totale passività TOTALE PATRIMONIO NETTO E PASSIVITA'

19 Relazione 1 semestre 2007 RENDICONTO FINANZIARIO (in migliaia di euro) 1 semestre semestre 2006 (*) Flusso monetario da attività d'esercizio Utile del periodo Rettifiche per: - Imposte sul reddito Ammortamenti Oneri finanziari Accantonamenti/utilizzi fondi (Plus)/minus su cessioni di immobilizzazioni (75) (7) - Accantonamenti/proventizzazione fondi trattamento di fine rapporto e altri benefici (444) 839 di cui non ricorrenti (515) - - Variazioni riserve di patrimonio netto: - Riserva per stock options Riserva da conversione su attività operativa (175) (160) - Variazione altre attività/passività non correnti Flussi di cassa dell'attività operativa prima delle variazioni di capitale circolante (Incremento)/Decremento dei crediti del circolante (8.959) (9.407) (Incremento)/Decremento delle rimanenze (3.153) (1.493) Incremento/(Decremento) dei debiti verso fornitori (Incremento)/Decremento delle altre voci del circolante (1.572) (619) Disponibilità liquide generate dall'attività operativa Imposte sul reddito corrisposte (8.573) (9.330) Interessi corrisposti (1.762) (1.963) Disponibilità liquide nette generate dall'attività operativa Investimenti in immobilizzazioni immateriali (2.408) (1.675) Investimenti in immobilizzazioni materiali (6.104) (7.360) Prezzo di realizzo immobilizzazioni Disponibilità liquide impiegate nell'attività di investimento (8.057) (8.813) Rimborsi di finanziamenti (3.025) (5.370) Rimborsi di altri debiti finanziari (2.020) (1.208) Incassi di altri debiti finanziari Effetto delle variazioni dei cambi 135 (988) Disponibilità liquide impiegate nell'attività di finanziamento (3.404) (5.397) Variazione delle disponibilità liquide nette e mezzi equivalenti 856 (3.400) CASSA E MEZZI EQUIVALENTI - VALORE INIZIALE CASSA E MEZZI EQUIVALENTI - VALORE FINALE (*) Dati non sottoposti a revisione contabile limitata 17

20 PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO (in migliaia di euro) Capitale Riserva Riserva Riserva di Riserva Utili Utile di Totale sovrapprezzo legale conversione per stock (perdite) periodo patrimonio azioni options a nuovo netto di gruppo Patrimonio netto al 31/12/ (2.270) Attribuzione utile anno precedente (10.355) - Stock options Differenza di conversione dei bilanci in valuta (1.616) (1.616) Utile di periodo Patrimonio netto al 30/06/2006 (*) Patrimonio netto al 31/12/ Attribuzione utile anno precedente (22.294) - Stock options Differenza di conversione dei bilanci in valuta (264) (264) Utile di periodo Patrimonio netto al 30/06/ (*) Dati non sottoposti a revisione contabile limitata 18

21 Relazione 1 semestre 2007 NOTE ESPLICATIVE ALLA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2007 INFORMAZIONI GENERALI ED AREA DI CONSOLIDAMENTO Informazioni di carattere generale Il Gruppo DiaSorin è specializzato nello sviluppo, nella produzione e commercializzazione di prodotti delle classi merceologiche dell immunochimica e dell immunologia infettiva. Tali classi merceologiche vengono anche raggruppate in un unica famiglia denominata immunodiagnostica. La società capogruppo DiaSorin S.p.A è domiciliata in Via Crescentino snc a Saluggia (VC). Principi per la predisposizione della relazione semestrale La Relazione semestrale e i Prospetti contabili consolidati al 30 giugno 2007 sono stati redatti in osservanza di quanto previsto dal regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche, nonché dei provvedimenti emanati in attuazione dell art. 9 del D. Lgs. n. 38/2005. La relazione semestrale del Gruppo DiaSorin è stata predisposta nel rispetto dei Principi Contabili Internazionali ( IFRS ) emessi dall International Accounting Standards Board ( IASB ) ed omologati dall Unione Europea. Con IFRS si intendono anche International Accounting Standards (IAS) tuttora in vigore, nonché tutti i documenti interpretativi emessi dall International Financial Reporting Interpretations Committee ( IFRIC ). La presente relazione semestrale è redatta secondo quanto richiesto dal principio contabile internazionale concernente l informativa finanziaria infrannuale (IAS 34 Interim Financial Reporting). I valori relativi al 30 giugno 2006 sono stati riesposti, per omogeneità di confronto, in base agli IFRS. Le presenti note esplicative sono riportate in forma sintetica allo scopo di non duplicare informazioni già pubblicate, come richiesto dallo IAS 34. In particolare si segnala che le note di commento si riferiscono esclusivamente a quelle componenti del conto economico e dello stato patrimoniale la cui composizione o la cui variazione, per importo, per natura o perché inusuale, sono essenziali ai fini della comprensione della situazione economica, finanziaria e patrimoniale del Gruppo. I Principi contabili utilizzati per la redazione della semestrale consolidata sono omogenei con i principi utilizzati per la redazione del bilancio consolidato annuale al 31 dicembre 2006, avendo accertato che gli emendamenti e le interpretazioni emessi dallo IASB, applicabili dal 1 gennaio 2007, non hanno comportato alcuna significativa modifica ai principi contabili adottati dal Gruppo per il precedente esercizio. La redazione del bilancio intermedio richiede da parte della direzione l effettuazione di stime e di assunzioni che hanno effetto sui valori dei ricavi, dei costi, delle attività e delle passività di bilancio e sull informativa relativa ad attività e passività potenziali alla data del bilancio intermedio. Se nel futuro tali stime e assunzioni, che sono basate sulla miglior valutazione da parte del management, dovessero differire dalle circostanze effettive, sarebbero modificate in modo appropriato nel periodo in cui le circostanze stesse variano. Si segnala, inoltre, che taluni processi valutativi, in particolare quelli più complessi quali la determinazione di eventuali perdite di valore di attività immobilizzate, sono generalmente effettuati in modo completo solo in sede di redazione del bilancio annuale, allorquando sono disponibili tutte le informazioni eventualmente necessarie, salvo i casi in cui vi siano indicatori di impairment che richiedano un immediata valutazione di eventuali perdite di valore. 19

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013

Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Relazione finanziaria annuale gruppo tamburi investment partners 2013 Pagina 1 GRUPPO TAMBURI INVESTMENT PARTNERS INDICE Organi sociali 3 Relazione sull andamento della

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

1. FORMA, CONTENUTO E ALTRE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE

1. FORMA, CONTENUTO E ALTRE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. FORMA, CONTENUTO E ALTRE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Forma e contenuto SAES Getters S.p.A., società Capogruppo, e le sue controllate (di seguito Gruppo SAES ) operano sia in Italia sia all estero

Dettagli

SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo

SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente e Amministratore Delegato ING. ALDO FUMAGALLI ROMARIO Vice Presidente e Amministratore

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione

TXT e-solutions Group. Resoconto intermedio di gestione TXT e-solutions Group Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 TXT e-solutions S.p.A. Sede legale, direzione e amministrazione: Via Frigia, 27 20126 Milano Capitale sociale: Euro 5.911.932 interamente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012

Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 31 dicembre 2012 Progetto di Bilancio separato Dada S.p.A. e Bilancio consolidato Gruppo Dada al 311 dicembre 2012 BILANCIO SEPARATO DADA A S.P..A. E CONSOLIDATO GRUPPO DADA AL 31 DICEMBRE 2012 (REDATTO SECONDO I PRINCIPI

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO ACEA INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE MODELLO ORGANIZZATIVO DI ACEA 8 ORGANI SOCIALI

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014 MAILUP S.P.A. Reg. Imp. 01279550196 Rea 1743733 Sede in VIALE FRANCESCO RESTELLI 1-20124 MILANO (MI) Capitale sociale Euro 200.000,00 i.v. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli