STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI"

Transcript

1 STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI La Pubblica Assistenza & Soccorso nasce nel settembre 1983 con circa 20 volontari. La P.A.S., come tante altre associazioni di volontariato, è regolarmente iscritta all albo regionale del volontariato. Per questo motivo usufruisce di convenzioni con alcuni enti pubblici tra i quali l Azienda U.S.L. di Reggio Emilia e i comuni di Castelnovo Sotto e Cadelbosco Sopra. La P.A.S. possiede un proprio statuto ed un regolamento interno con i quali regola la vita dell Associazione. E un ente no-profit, non ha fini di lucro, ed ha lo scopo di prestare la propria opera nei settori di assistenza socio-sanitaria, di trasporto e soccorso degli infermi e di protezione civile. Per svolgere questi compiti è necessario, oltre all impiego di volontari, quello di dipendenti ed obiettori per fornire alla cittadinanza un servizio continuativo per 24 ore al giorno. La struttura dell Ente è rappresentata dal Consiglio Direttivo, eletto dai volontari iscritti all Associazione, mediante votazioni. Tale organo rimane in carica tre anni ed ha la funzione di rappresentare la Pubblica Assistenza e Soccorso all esterno e all interno, per gestirla dal punto di vista amministrativo ed economico-finanziario. Servizi effettuati: - Emergenza/Urgenza h24 - Centrale Operativa Servizi Secondari - Accompagnamento per dialisi - Accompagnamento per terapie - Accompagnamento per visite specialistiche - Dimissioni ospedaliere - Trasferimenti interospedalieri - Trasporto Organi - Assistenza sanitaria a concerti - Assistenza sanitaria a gare sportive - Corsi di primo soccorso per la cittadinanza - Protezione Civile La figura del volontario all interno della Pubblica Assistenza e Soccorso riveste, per logica, un importanza primaria. Egli è il perno centrale dell Ente, senza il quale l Associazione non potrebbe operare. L attività principale del volontario, nonché quella della Pubblica Assistenza e Soccorso, è quella di portare soccorso sanitario alle persone che, per svariati motivi, si trovano in difficoltà. Egli può svolgere la sua attività in tutti i settori in cui opera l Ente a sua libera scelta.

2 ORARI DEI VARI SERVIZI EMERGENZA: Servizio di Emergenza urgenza effettuato in sede a disposizione del 118 di Reggio Emilia. Le chiamate arrivano direttamente presso la sede dalla quale si parte per il servizio e alla quale si rientra finito il servizio. Dal lunedì alla domenica 24 ore su 24 divisi in 3 turni giornalieri: dalle 7.00 alle dalle alle dalle alle 7.00 del mattino successivo E necessario avere flessibilità di orario in quanto l ora di inizio turno è certa, ma l ora di fine turno è variabile in base alle uscite in emergenza. CENTRALINO: E la persona che rimane in sede per gestire le telefonate e gli equipaggi che ogni giorno si alternano presso l associazione. Dal lunedì alla domenica 24 ore su 24 divisi in 3 turni giornalieri: dalle 7.00 alle dalle alle dalle alle 7.00 del mattino successivo CENTRALE OPERATIVA SERVIZI SECONDARI ( C.O.S.S.): Servizio di C.O.S.S. effettuato presso l ospedale di Reggio Emilia a disposizione della centrale operativa dei servizi secondari. Si effettuano trasferimenti inter e intra ospedalieri per visite, terapie, rientri a casa ecc ecc Il lunedì, venerdì e la domenica dalle 7.00 alle e dalle alle Il martedì, mercoledì, giovedì e sabato dalle 7.00 alle E necessario avere un po di flessibilità di orario in quanto il rientro potrebbe ritardare in base al numero di servizi da svolgere. Il servizio della domenica viene chiamato Dimissioni. SERVIZI VARI ALLA CITTADINANZA: Ogni giorno vengono effettuati servizi alla cittadinanza sotto forma di trasporto di disabili, trasporto di anziani, trasporti di infermi per visite, esami, riabilitazioni ecc Questi tipi di trasporti si effettuano soprattutto durante la settimana, mattina o pomeriggio e variano di giorno in giorno. Essendo in diverse fasce orarie non è indispensabile per il volontario avere tutta una mattina o un pomeriggio libero per effettuare il servizio presso l associazione, è sufficiente dedicare anche poche ore della propria giornata per aiutarci nei servizi.

3 CHI SEGUE I VOLONTARI IN ASSOCIAZIONE Di seguito è riportata la struttura organizzativa che segue il volontario all interno dell Associazione. Per qualsiasi problema il volontario deve fare riferimento ai Responsabili dei vari settori. Responsabile Volontari Riccò Letizia Responsabile Formazione Benassi Vittorio Responsabile Servizi Tagliavini M. Rosa Gruppo Istruttori Responsabile Autisti Responsabile Esercitazioni Corso Base Corso Autisti C.O.S.S. e Emergenza Corso Emergenza Il Responsabile Volontari Il Responsabile dei volontari è la figura che incontra per primo l aspirante volontario, lo segue durante il suo primo ingresso in associazione e rimane disponibile nel tempo per risolvere i problemi del volontario stesso con altri volontari, sul servizio, durante i corsi e qualsiasi altro problema di diversa natura. Il Responsabile Formazione Il Responsabile della formazione è la figura che segue il volontario in tutto il suo percorso di formazione sia iniziale sia di aggiornamento negli anni di permanenza in associazione. Il Responsabile Servizi Il Responsabile dei servizi è la figura che rimane costantemente a contatto con il volontario per il suo inserimento nella turnazione dei servizi dell associazione e per tutta la sua permanenza presso l associazione.

4 Il Gruppo Istruttori E un gruppo di persone interno all associazione e qualificato per gestire i corsi di formazione. Queste persone sono state istruite direttamente dal 118 tramite un corso appositamente studiato per i formatori e certificato dallo stesso 118. L elenco dei formatori è il seguente: - Fontechiari Luca - Spadacini Mirca - Potenza Teresa - Bedenghi Alessandra - Franzoni Mattia - Pellacani Alessandro - Tarasconi Dario - Nasi Sara - Redini Elisa - Pavarini Daniele La persona che coordinerà il gruppo formatori al suo interno, nelle relazioni con i vari Responsabili e con i volontari è Spadacini Mirca. Il Responsabile Autisti All interno dell associazione è necessario oltre al Gruppo dei formatori, una figura parallela che sia responsabile delle persone che si mettono alla guida dei nostri mezzi. Il Responsabile degli Autisti è Davoli Aldo che opererà in collaborazione con Melioli Alessandro e Falcitano Luca per quanto riguarda gli aspetti di legge. Verranno organizzati corsi specifici per la guida sui mezzi dell associazione. Il Responsabile Esercitazioni Il Responsabile Esercitazioni nella figura di Fontechiari Luca è colui che ogni volta che verrà richiesta all associazione un esercitazione all interno o all esterno del nostro territorio di competenza dovrà organizzarla scegliendosi un gruppo di volontari in grado di affrontare l evento. Il gruppo di volontari è a discrezione del Responsabile e potrebbe cambiare ad ogni esercitazione.

5 FORMAZIONE CORSO BASE: Corso aperto a tutta la cittadinanza. Corso puramente informativo senza esame finale. Non verrà trattata l anatomia del corpo umano, in quanto è un argomento che verrà trattato nel corso avanzato. Si punterà sulla spiegazione delle seguenti argomentazioni: comunicazioni radio utilizzo dei presidi di base (barella, telo, gatto, sedia e visita all ambulanza) Mansione del centralino Sicurezza BLS (non è richiesto che un equipaggio di centrale la sappia fare, ma sarebbe meglio conoscessero qualche informazione al riguardo) Alla fine del corso verrà effettuato un test di gradimento anonimo, sulla base del quale si possono sempre migliorare i corsi futuri. I nominativi dei volontari già iscritti presso l associazione a fine corso verranno passati al Responsabile dei Servizi al fine di poterli inserire nella turnazione, gli altri verranno prima comunicati al Responsabile dei Volontari per l iter di ingresso presso l associazione. Alla fine del corso si accede alle mansioni di centralinista e barelliere in Centrale Operativa / Trasporti Ordinari. Turni obbligatori richiesti : Nr. 2 turni al centralino al centralino in affiancamento per poi diventare effettivo; Nr. 2 turni in centrale operativa in affiancamento per poi diventare effettivo. Durante il corso base verrà distribuita a tutti i partecipanti una dispensa. CORSO EMERGENZA - URGENZA: Corso ad accesso esclusivo dal corso base. Il corso è aperto solo ai NUOVI volontari. Possono accedere al corso avanzato solo ed esclusivamente coloro che hanno frequentato il corso base. In questo corso si tratterà solo l emergenza urgenza, pertanto sarà molto più complesso vista l importanza degli argomenti da trattare. Verranno trattati argomenti riguardanti NON TRAUMATICO secondo le linee guida IRC/ERC TRAUMATICO secondo le linee guida del PHTLS PEDIATRICO secondo le linee guida del PBLS Durante questo corso verranno fatti diversi test a risposta chiusa (15 domande circa) dopo aver trattato gli argomenti più importanti. Alla fine del corso verrà fatto un ulteriore test per la verifica generale delle nozioni apprese. Alla fine del corso verrà fatta una serata con prove pratiche (1 stazione di trauma e 1 di non trauma) Alla fine di questa serata verrà consegnato il libretto degli affiancamenti. Su questo libretto ogni volontario dovrà appuntare ogni uscita fatta come quarto firmata dal leader dell equipaggio. Una volta compilato tutto il libretto, il volontario lo riconsegnerà al referente il quale valuterà insieme al volontario stesso se organizzare l esame per il passaggio di terza. Durante il corso avanzato verrà distribuita a tutti i partecipanti una dispensa.

6 CORSO AUTISTI SERVIZI ORDINARI E EMERGENZA URGENZA : Corso aperto a tutti i volontari previa autorizzazione del Consiglio Direttivo. Ogni Volontario ha il diritto di chiedere al Consiglio Direttivo la possibilità di diventare autista tramite un apposito modulo che dovrà consegnare al Responsabile Autisti che lo farà avere al Consiglio stesso. Sarà discrezione del Consiglio Direttivo ammettere alla guida il volontario, oppure respingerlo o rimandare la richiesta secondo la scheda e il curriculum del volontario stesso. Il corso dovrà essere fatto al fine di formare personale qualificato all interno dell Associazione. Si richiede la partecipazione ad una serata informativa (circa 2 ore), dove saranno spiegati i ruoli dell autista all interno dell equipaggio, conduzione di un ambulanza, diritti e doveri rispetto al codice della strada inerenti la guida per servizi ordinari e in emergenza. Al termine della serata verrà consegnata una dispensa riassuntiva e un libretto degli affiancamenti da compilare a cura dell aspirante autista e firmato dall autista che lo affiancherà. Per poter usare il pulmino occorre : Patente tipo B Nr. 3 affiancamenti alla guida Per poter usare mezzi di soccorso e mezzi di soccorso avanzato non in emergenza occorre : Patente tipo B Almeno 21 anni compiuti Avere la patente da almeno 3 anni Nr. 5 affiancamenti alla guida per la centrale operativa/dimissioni (è a discrezione del Responsabile Autisti aggiungerne altri). Per poter usare mezzi di soccorso e mezzi di soccorso avanzato in emergenza occorre : Patente tipo B Almeno 21 anni compiuti Avere la patente da almeno 3 anni accedere alla guida in emergenza, ma senza dispositivi su n. 3 codici gialli sia a vuoto che con paziente a bordo (su rientri 1 e 2), affiancato da un autista effettivo (è a discrezione del Responsabile Autisti aggiungerne altri). effettuare gli affiancamenti in emergenza-urgenza con l utilizzo di dispositivi acustici e luminosi (codici rossi e blu, e codici 3 di rientro). Nel numero di almeno 4 a vuoto e 4 con paziente a bordo affiancato da un autista effettivo (è a discrezione del Responsabile Autisti aggiungerne altri). Il candidato autista, consegnerà quindi al Responsabile Autisti il libretto completo, per ottenere il benestare del Consiglio Direttivo alla qualifica di autista effettivo. Nel caso di rientro senza dispositivi, qualora la C.O.118 ritenga opportuno l utilizzo degli stessi per motivi di traffico o carenza di mezzi, l autista in affiancamento, se non abilitato, dovrà tassativamente accostare e lasciare la guida all autista effettivo. E cortesia, anche se non obbligo, da parte degli autisti già attivi consentire ed agevolare lo svolgersi della formazione dei candidati, talora fossero nello stesso equipaggio.

7 Resta comunque facoltà dell Associazione sospendere momentaneamente dalla guida, ovvero revocare la qualifica, a coloro si rendano colpevoli di condotta non conforme, grave mancanza o si siano resi protagonisti di episodi che abbiano compromesso, o possano mettere a repentaglio la sicurezza e l incolumità dei volontari, del personale sanitario (medici, infermieri), pazienti, accompagnatori e di chiunque sia trasportato sui mezzi dell Associazione. Altresì motivo di sospensione o revoca è la condotta di guida che possa costituire pericolo per gli utenti della strada e la mancanza dell osservanza delle regole del codice della strada, l utilizzo incongruo o l uso ingiustificato dei dispositivi acustico - luminosi di segnalazione di emergenza. Si ricorda che, per qualsiasi infrazione, la patente che subirà il danno è quella dell Autista, in quanto l Associazione non ne è responsabile!!!

8 ALCUNE NORME DI COMPORTAMENTO IN P.A.S. Ricordiamo a tutti i volontari che la Pubblica Assistenza & Soccorso è una struttura di tutti perciò bisogna mantenere un comportamento rispettoso nei confronti di cose e persone. Il volontario è tenuto a comunicare in anticipo eventuali ritardi o cambiamenti d orario (nel limite del possibile) al Responsabile dei Servizi perché possa eventualmente organizzarsi con sostituzioni del personale. Ogni volontario è tenuto ad ogni inizio e ad ogni fine turno a timbrare il cartellino. Questo è molto importante per un fattore assicurativo del volontario in servizio e a livello statistico per la Pubblica Assistenza. Ogni volontario è tenuto ad utilizzare in servizio solo ed esclusivamente il vestiario che gli viene consegnato e soprattutto le scarpe antinfortunistiche. Chi va al di fuori di queste regole e si fa male non sarà coperto da assicurazione. E buona norma leggere il Regolamento della Pubblica Assistenza per essere al corrente di diritti e doveri del volontario nei confronti dell associazione e viceversa. Per qualsiasi problema i Responsabili sono a completa disposizione dei volontari per chiarimenti, consigli e soluzioni. Il successo di una organizzazione è il risultato degli sforzi di ogni suo singolo elemento. Il nostro successo è il tuo successo. Grazie

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 SOMMARIO Pag. 3 PRESENTAZIONE Pag. 4 Parte I: PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE Pag. 5 Parte II: LE NOSTRE ATTIVITÀ Pag. 7 Parte

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013)

CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013) CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013) Pagina 1 di 6 MISSIONE STRATEGICA Dare risposta alle richieste di soccorso e trasporto infermi dei cittadini, di assistenza sanitaria, alle richieste dei bisognosi,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO UN AMICO ACCANTO A TE 2014 SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO In ordine alle criticità riscontrate, obiettivo generale

Dettagli

( 2 PARTE ) ! CENTRALINO ! MOVIMENTAZIONE AMBULANZA. Rapporto Movimentazione Pagamenti e Offerte sul Servizio. Potenza Teresa

( 2 PARTE ) ! CENTRALINO ! MOVIMENTAZIONE AMBULANZA. Rapporto Movimentazione Pagamenti e Offerte sul Servizio. Potenza Teresa ! CENTRALINO ( 2 PARTE )! MOVIMENTAZIONE AMBULANZA Rapporto Movimentazione Pagamenti e Offerte sul Servizio Potenza Teresa ! CENTRALINO ( 2 PARTE ) Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO AUTISTI EMA

REGOLAMENTO AUTISTI EMA REGOLAMENTO AUTISTI EMA REQUISITI INIZIALI E DI MANTENIMENTO Art.1) Possono presentare domanda per l abilitazione alla guida dei mezzi dell Associazione i Volontari che siano in possesso dei seguenti requisiti:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Aschenez a Sud del Sud ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 8 OBIETTIVI DEL PROGETTO L obiettivo centrale del Progetto Aschenez a Sud del Sud

Dettagli

"VOLONTARIATO E VACANZE"

VOLONTARIATO E VACANZE IL COMITATO LOCALE DI SAN MARCELLO PISTOIESE... "VOLONTARIATO E VACANZE"...propone la formula di soggiorno "VOLONTARIATO E VACANZA" rivolto a tutti i Volontari d'italia... 1 A 30 minuti dall'abetone A

Dettagli

4 Memorial Tea Benedetti

4 Memorial Tea Benedetti 4 Memorial Tea Benedetti REGOLAMENTO ART. 1 Il Memorial Tea Benedetti nasce allo scopo di confrontare i diversi metodi di lavoro in ambito di soccorso extra ospedaliero e per imparare da essi. I vari equipaggi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Arezzo solidale 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO A) Area di intervento trasporti sanitari Criticità verso

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI...

SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI... Pag. 1 di 8 SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI...7 PARTE IV: LA VERIFICA DEGLI IMPEGNI ASSUNTI...8

Dettagli

La Responsabilità Giuridica

La Responsabilità Giuridica La Responsabilità Giuridica La responsabilità è l obbligo di rispondere delle conseguenze negative causate da un proprio comportamento, eventualmente realizzato in danno di uno o più altri soggetti. La

Dettagli

S servizio per anziani, disabili e persone fragili

S servizio per anziani, disabili e persone fragili Coordinamento Associazioni S servizio per anziani, disabili e persone fragili Guida ai servizi di Trasporto Sociale e Sanitario nei Comuni dell Unione delle Terre d Argine (Campogalliano, Carpi, Novi,

Dettagli

Art. 2 Il volontario iscritto presso l ABVAM è tenuto a svolgere le ore di servizio e gli aggiornamenti richiesti dalla legge Regionale.

Art. 2 Il volontario iscritto presso l ABVAM è tenuto a svolgere le ore di servizio e gli aggiornamenti richiesti dalla legge Regionale. Questo regolamento integra lo statuto dell associazione allo scopo di dare ai volontari del soccorso iscritti all A.B.V.A.M. alcune linee guida da seguire, sia durante il servizio nell ambito del soccorso

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Sorrido accanto a te ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO L obiettivo principale è quello di riprogettare il sistema

Dettagli

( 1 PARTE ) ! CENTRALINO. Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi Prenotazioni Punto Informativo.

( 1 PARTE ) ! CENTRALINO. Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi Prenotazioni Punto Informativo. ! CENTRALINO ( 1 PARTE ) Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi Prenotazioni Punto Informativo Potenza Teresa CENTRALINO Il Centralino è il Punto di Riferimento per le comunicazioni

Dettagli

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso.

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso. PROTOCOLLO FORMATIVO DEI SOCCORRITORI VOLONTARI DI LIVELLO AVANZATO MODALITA ORGANIZZATIVE DEL CORSO ORGANIZZAZIONE I corsi di formazione sono organizzati dalle Associazioni iscritte nel Registro Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORPO VOLONTARI EMA

REGOLAMENTO DEL CORPO VOLONTARI EMA REGOLAMENTO DEL CORPO VOLONTARI EMA Art.1) REQUISITI PER L ISCRIZIONE Per entrare a far parte dell Associazione Emilia Ambulanze si devono possedere i seguenti requisiti: idoneità psicofisica attestata

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Aiutare e imparare 2016 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Il contesto settoriale in cui si colloca la presente proposta progettuale è l ambito

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LUCCA FUORI LE MURA Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A Articolo 1 - Oggetto del servizio Il presente appalto ha per oggetto l affidamento del

Dettagli

TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE. Ambulanza di trasporto ordinario

TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE. Ambulanza di trasporto ordinario 1 TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE Ambulanza di trasporto ordinario In caso di trasporto ordinario è obbligatoria la presenza a bordo di: - un autista, con patente di guida

Dettagli

Regolamento materiali e vestiario dato in consegna

Regolamento materiali e vestiario dato in consegna Regolamento materiali e vestiario dato in consegna. Tutto il materiale assegnato al Volontario/Volontario da parte dell Associazione SEIRS CROCE GIALLA di Parma, consegnato è di proprietà dell associazione.

Dettagli

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: A.N.P.AS. (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

Disposizione attuativa del regolamento corpo Volontari ART. 10 Regolamento A u t i s t i

Disposizione attuativa del regolamento corpo Volontari ART. 10 Regolamento A u t i s t i Prot. 103/CB-8/PC Disposizione attuativa del regolamento corpo Volontari ART. 10 Regolamento A u t i s t i Pag.1 TITOLO 1 REQUISITI INIZIALI E DI MANTENIMENTO ART.1 Possono presentare domanda per l'abilitazione

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

Sig. Presidente del Consiglio Regionale della Puglia

Sig. Presidente del Consiglio Regionale della Puglia Consiglio Regionale della Puglia VIII Legislatura PROPOSTE E DISEGNI DI LEGGE Atto Consiglio N 243 Data di Arrivo 08/02/2008 N. Prot. Gen 1160 Iniziativa Legislativa Proposta di legge Presentatori Zullo;

Dettagli

CORSO 26 B DI PRIMO SOCCORSO per Allievi Volontari

CORSO 26 B DI PRIMO SOCCORSO per Allievi Volontari CORSO 26 B DI PRIMO SOCCORSO per Allievi L1 L3 L4 L5 L7 L8 ARGOMENTO DATA Sede del corso Via del Taglio 6 Orario Corso 20.50-23.00 Inizio corso Giovedi 16 Ottobre 2014 21 Ottobre 2014 28 Ottobre 2014 Venerdi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Art.5 Una volta ammesso il Socio Volontario deve essere in regola, entro un mese, con la quota associativa vigente.

REGOLAMENTO INTERNO. Art.5 Una volta ammesso il Socio Volontario deve essere in regola, entro un mese, con la quota associativa vigente. REGOLAMENTO INTERNO NORME GENERALI Art.1 L attività dell Associazione Pubblica Assistenza Val Tidone Val Luretta è svolta da Soci Attivi che volontariamente e gratuitamente prestano la loro opera di assistenza,

Dettagli

Ultimo Aggiornamento Anpas Toscana: Novembre 2010 Ultimo Aggiornamento Pubblica Assistenza Siena: Febbraio 2011 Pubblica Assistenza di Siena

Ultimo Aggiornamento Anpas Toscana: Novembre 2010 Ultimo Aggiornamento Pubblica Assistenza Siena: Febbraio 2011 Pubblica Assistenza di Siena Ultimo Aggiornamento Anpas Toscana: Novembre 2010 Ultimo Aggiornamento Pubblica Assistenza Siena: Febbraio 2011 Pubblica Assistenza di Siena Protocollo Formativo Autisti Volontari Siena 14/11 15/12/2012

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Con noi puoi ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivo del Con noi puoi è quello di migliorare la risposta delle

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Andausu ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Rispetto a: 1- Criticità Presenze turistiche: Garantire un numero maggiore

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Bruzi e Buoni ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Il Progetto Bruzi e Buoni si pone come obiettivo primario quello

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3407 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RONDINI, FEDRIGA, ALLASIA, ATTAGUILE,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

Unità Operativa di Ginecologia

Unità Operativa di Ginecologia Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva Unità Operativa di Ginecologia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva

Dettagli

118. 32. PS. 16 TRASPORTO ORDINARIO

118. 32. PS. 16 TRASPORTO ORDINARIO Pagina 1 di 9 Rev. Data Redazione Verificato Approvato 0 21/11/2011 Resp. prot. S. Dami UO Assicurazione Qualità Coord inf M. Santiccioli Resp. DEU F. Palumbo Pagina 2 di 9 1. Scopo: stabilire le procedure

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Sede legale e operativa: Via Pablo Picasso 18, 09036 Guspini (VS)

CARTA DEI SERVIZI. Sede legale e operativa: Via Pablo Picasso 18, 09036 Guspini (VS) CARTA DEI SERVIZI Erogazione di servizi di soccorso di base all interno del servizio di emergenza territoriale 118 Servizio trasporto ammalati e disabili Assistenza sanitaria durante attività sportive

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA Servizio di ambulanza (Norme integrative al Regolamento Nazionale)

REGOLAMENTO ATTIVITA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA Servizio di ambulanza (Norme integrative al Regolamento Nazionale) Il Regolamento dell Attività di Emergenza-Urgenza Sanitaria nasce per disciplinare e garantire la continuità del servizio di ambulanza e per eliminare il più possibile la discrezionalità nel definire i

Dettagli

Associazione Volontari del Soccorso. Regolamento Interno dei Volontari

Associazione Volontari del Soccorso. Regolamento Interno dei Volontari Associazione Volontari del Soccorso Regolamento Interno dei Volontari Castelnuovo di Porto 11 giugno 2008 I N D I C E A) COME SI DIVENTA VOLONTARI B) PRINCIPI GENERALI E NORME DI CONDOTTA C) ORGANIZZAZIONE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme si può ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Per meglio descrivere gli obiettivi che il progetto Insieme si può

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

(MI) CARTA DEI SERVIZI

(MI) CARTA DEI SERVIZI Via Gaio 8/a 20015 Parabiago (MI) CARTA DEI SERVIZI 1) IL CENTRO: Il CMP-Parabiago 1 ha la sua sede in Parabiago, in via F.Gaio 8/a (angolo Via 24 Maggio) (lo si trova facilmente scendendo dalla stazione

Dettagli

LA CROCE ROSSA DI BAGNO A RIPOLI PROPONE LA FORMULA DI SOGGIORNO VOLONTARIATO E VACANZA, RIVOLTA A TUTTI I V.d.S. E PIONIERI D'ITALIA CHE ABBIANO IL

LA CROCE ROSSA DI BAGNO A RIPOLI PROPONE LA FORMULA DI SOGGIORNO VOLONTARIATO E VACANZA, RIVOLTA A TUTTI I V.d.S. E PIONIERI D'ITALIA CHE ABBIANO IL LA CROCE ROSSA DI BAGNO A RIPOLI PROPONE LA FORMULA DI SOGGIORNO VOLONTARIATO E VACANZA, RIVOLTA A TUTTI I V.d.S. E PIONIERI D'ITALIA CHE ABBIANO IL DESIDERIO DI TRASCORRERE UNA SETTIMANA O PIU' NELLA

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014.

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014. C.F. 91041370684 Associazione con Personalità Giuridica Riconosciuta con D.P.G.R. Abruzzo 70/2007 Autorizzazione Presidente Giunta Regionale n. 653 del 16/10/1996 REGOLAMENTO INTERNO Regolamento della

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1 Risorse Umane REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FREQUENZA VOLONTARIA E IL TIROCINIO PRESSO L AZIENDA ASL CN1 Pag. 1 di 11 Indice OGGETTO... 3 Finalità:... 3 1 FREQUENZA VOLONTARIA... 3 1.1 Definizione... 3

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Volontari Sotto la Torre 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO CITTÀ DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio Segreteria REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO 1 Titolo 1 : Personale Comunale. Art. 1 Orario di Servizio. 1. Il comune di

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA VALSASINO

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA VALSASINO AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA VALSASINO (Ente di diritto pubblico ai sensi del D.Lgs. n. 207/2001 e Legge Regione Lombardia n. 1/2003) Prot. n. 1653/2015 SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE: ORE 12,00 DEL

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Siamo al vostro fianco ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generale del progetto sarà migliorare la realtà

Dettagli

Protocollo per l assistenza privata

Protocollo per l assistenza privata AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA San Valentino Città di Levico Terme R.S.A.- Casa Soggiorno Centro Diurno Protocollo per l assistenza privata Approvato con decreto del Commissario Straordinario

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA. FRATELLANZA POPOLARE PERETOLA O.N.L.U.S. Associazione Volontaria Soccorso. Via di Peretola, 68 - FIRENZE REGOLAMENTO INTERNO

PUBBLICA ASSISTENZA. FRATELLANZA POPOLARE PERETOLA O.N.L.U.S. Associazione Volontaria Soccorso. Via di Peretola, 68 - FIRENZE REGOLAMENTO INTERNO PUBBLICA ASSISTENZA FRATELLANZA POPOLARE PERETOLA O.N.L.U.S. Associazione Volontaria Soccorso Via di Peretola, 68 - FIRENZE REGOLAMENTO INTERNO Per la disciplina delle attività svolte dai Soci Volontari

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Allegato B) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Soccorso in Lunigiana Settore di intervento del progetto:

Dettagli

Orario. Borsa di studio

Orario. Borsa di studio Università per Stranieri di Siena Avviso per la costituzione di una graduatoria per l assegnazione di n. 5 Borse di studio per Assistente di Lingua Italiana nelle scuole del Victoria (Melbourne e Provincia

Dettagli

Corso 2007. Centralino Servizi di Emergenza Urgenza Comunicazioni Radio

Corso 2007. Centralino Servizi di Emergenza Urgenza Comunicazioni Radio Corso 2007 Centralino Servizi di Emergenza Urgenza Comunicazioni Radio Il Centralino Il centralino è il cuore pulsante dell associazione: il compito del centralinista infatti è quello di gestire tutti

Dettagli

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI MEDICINA DI GRUPPO SAN DAMIANO 4 NOVEMBRE 12 - BRUGHERIO IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ha il

Dettagli

P.A.HUMANITAS FIRENZE NORD Gruppo Protezione Civile

P.A.HUMANITAS FIRENZE NORD Gruppo Protezione Civile P.A.HUMANITAS FIRENZE NORD Gruppo Protezione Civile Regolamento Parte I Regole Generali Articolo 1 - Assemblea dei Volontari del Gruppo L organo decisionale del Gruppo Protezione Civile della P.A. Humanitas

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE LAMPORECCHIO ATTIVITA DEI VOLONTARI

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE LAMPORECCHIO ATTIVITA DEI VOLONTARI PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE LAMPORECCHIO ATTIVITA DEI VOLONTARI Che sono le Pubbliche Assistenze? LE PUBBLICHE ASSISTENZE SONO ASSOCIAZIONI DI CITTADINI INTERESSATI ALLA TUTELA DELLA SALUTE IN OGNI

Dettagli

INTRODUZIONE PRIMA AFFILIAZIONE

INTRODUZIONE PRIMA AFFILIAZIONE INTRODUZIONE La presente Guida all affiliazione e al tesseramento 2014 ha lo scopo di guidare gli affiliati e i tesserati alla corretta compilazione della modulistica richiesta per l anno sportivo 2014.

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS Via Cameazzo, 6 CAP 41042 Fiorano Modenese (MO) Autorizz. n 50 del 24 marzo 1997 R.P. del Volontariato C.F. 93015330363 Tel. 0536.910386 Fax 0536.838245 amministrazione@avfiorano.it

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI COS È LA CARTA DEI SERVIZI? CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento che la legge italiana, precisamente la Legge n. 328/2000, ha voluto si realizzasse nel processo di innovazione fra istituzioni

Dettagli

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Signora/Signore, Questa Guida vuole essere un pratico strumento per orientarla nel nostro Servizio di erogazione del Voucher Socio-Sanitario

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Solidarietà D.O.C. 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Gli obiettivi che le associazioni proponenti il progetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI APPROVATO DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 03 LUGLIO 2006 (modifica art.04-06-38-41)

REGOLAMENTO DEI SERVIZI APPROVATO DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 03 LUGLIO 2006 (modifica art.04-06-38-41) REGOLAMENTO DEI SERVIZI APPROVATO DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 03 LUGLIO 2006 (modifica art.04-06-38-41) 1 REGOLAMENTO DEI SERVIZI 2006 PUBBLICA ASSISTENZA CROCE BIANCA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEI SERVIZI

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO REGOLAMENTO SANITARIO

PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO REGOLAMENTO SANITARIO PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO ASSOCIAZIONE VOLONTARIA REGOLAMENTO SANITARIO Articolo 1 - DIRETTORE SANITARIO Il Direttore Sanitario è l'unico responsabile di fronte alla legge per quanto riguarda i presidi

Dettagli

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE Francesco Piemontese Coordinatore C.O. Teresa Di Bennardo Infermiera C.O. Bernardini Giulio Infermiere C.O. RESPONSABILE Piemontese Francesco

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8 Sezione Provinciale di Torino, Via Germagnano, 8 10156 Torino Tel-Fax: 011/2620397 mail: enpa_torino@yahoo.it REGOLAMENTO DEI VOLONTARI DEL CANILE E.N.P.A. DI VIA GERMAGNANO, 8 QUALIFICA Art. 1) Alla qualifica

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO GREVIGIANO. Corso di Soccorritore Livello Base Soccorso Sanitario

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO GREVIGIANO. Corso di Soccorritore Livello Base Soccorso Sanitario ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO GREVIGIANO Corso di Soccorritore Livello Base Soccorso Sanitario Requisiti del personale Le figure del soccorso sanitario: Autista ambulanza Soccorritore di livello base Soccorritore

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Versilia tra terra e mare 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Rispetto alle criticità individuate al punto precedente,

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P I E MO NTE Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA

L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Superficie: 7855 Km 2 Abitanti: 1.202.870 Montagna: 43% Collina: 19% Pianura: 38% Udine Trieste Gorizia

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 6 Al Pronto Soccorso CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI BASE

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI BASE CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI BASE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Il medico di medicina generale è il tutore della salute dei suoi assistiti. Egli opera all interno del Sistema Sanitario Nazionale

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

Percorso di accesso alla visita di Medicina Sportiva Informazioni utili

Percorso di accesso alla visita di Medicina Sportiva Informazioni utili Servizio Medicina dello Sport Percorso di accesso alla visita di Medicina Sportiva Informazioni utili Orari degli Ambulatori Medici Fusignano c/o Centro Socio Sanitario Via Monti, 13-2 piano tel. 0545-53657

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS COMUNE DI TREZZANO ROSA

PROGETTO PIEDIBUS COMUNE DI TREZZANO ROSA PROGETTO PIEDIBUS COMUNE DI TREZZANO ROSA La presente relazione fa seguito a quella precedentemente redatta da Infoenergia nel corso del 2013. L'Amministrazione Comunale di Trezzano Rosa ha nuovamente

Dettagli

Azienda Sanitaria di Nuoro. Barbagie Baronie Mandrolisai Marghine. COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10

Azienda Sanitaria di Nuoro. Barbagie Baronie Mandrolisai Marghine. COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10 COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10 INDICE INDICE...1 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. DIAGRAMMA DI FLUSSO...3...3 4.RESPONSABILITÀ...4 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ...5 6.RIFERIMENTI...10

Dettagli

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: VENERE MODENA 2016 SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO A08_Pazienti Affetti da patologie temporaneamente invalidanti e/o permanentemente invalidanti

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO "MARCO EMILIO LEPIDO" Via Premuda 34 - REGGIO EMILIA Tel. e Fax. 0522/301282-0522/300221 E-mail: segretlep@tin.it (segreteria) - Sito internet: www.iclepido.gov.it Scuola Secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO GENERALE dell Arciconfraternita di Misericordia di Maria SS. del Soccorso redatto dal Consiglio Direttivo ed approvato dall Assemblea dei Soci in data 29.04.08 1. AMMISSIONE Per prestare servizio

Dettagli

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: STELLA POLARE MODENA 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: A08 Area: Assistenza Settore: pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

Tutte le chiamate sono registrate Il numero del chiamante è sempre identificato

Tutte le chiamate sono registrate Il numero del chiamante è sempre identificato 1 Comporre su qualsiasi telefono il numero 118 La chiamata è gratuita Non occorre gettone o tessera Non è possibile chiamare il 118 da telefoni cellulari privi di scheda, in queste situazioni è possibile

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: NETTUNO ROMAGNA 016 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: Ao8 Area:assistenza Settore:pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8 Stato delle Modifiche Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente

Dettagli

Chioggia, 21/08/2014. Al Commissario ULSS 14 Dr Giuseppe dal Ben. Al Direttore Sanitario Dr. Luca Sbrogiò

Chioggia, 21/08/2014. Al Commissario ULSS 14 Dr Giuseppe dal Ben. Al Direttore Sanitario Dr. Luca Sbrogiò REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N.14 Sede Centrale: 30019 Chioggia - Strada Madonna Marina 500 - C.F. e P.I. 02798310278 - www.asl14chioggia.veneto.it Dipartimento di Area Critica

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE

CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE COMMISSIONE REGIONALE FORMAZIONE V.d.S. ed EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMA DEL CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO C.R.I. Argomenti B1.

Dettagli

JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina

JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina SUES 118 C.O. Messina Regione Sicilia Azienda Ospedaliera Papardo - Piemonte Rev. 00 del 29/01/2013 JOB DESCRIPTION Personale Infermieristico Centrale Operativa SUES 118 Messina Redazione Coordinatore

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: SATURNO PARMA 2014 SETT e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO A08 Area: Assistenza Settore: pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO DELLA CROCE VERDE ONLUS DI CASTELFIDARDO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO DELLA CROCE VERDE ONLUS DI CASTELFIDARDO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO DELLA CROCE VERDE ONLUS DI CASTELFIDARDO TITOLO DEL PROGETTO: MOBILITA E SALUTE SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi del progetto: Il progetto

Dettagli