Regolamento Ufficiale del Campionato di Fantacalcio Lega CaccaMale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Ufficiale del Campionato di Fantacalcio Lega CaccaMale"

Transcript

1 Regolamento Ufficiale del Campionato di Fantacalcio Lega CaccaMale Edizione 2007/2008 Sezione I Principi fondamentali LA LEGA CACCAMALE 1. La Lega CaccaMale è formata dalle 10 società fantacalcistiche che fanno capo ai 20 allenatori-presidenti: Baccelli Guido, Meucci Clemente, Pazzagli Lapo Maria, Piperno Giulio, Ridi Tommaso, Rusconi Francesco, Sacchetti Riccardo Maria, Venturi Leonardo, Zappelli Giulio, Mezzetti Stefano, Giannini Iacopo, Rapaccini Nicola, Paoletti Elia, Casalotti Tommaso, Fossi Lodovico, Cappelli Cosimo, Giuseppe Zaccara, Fabrizio Zennaro, Raffaello Torricelli, Cesare Martino. 2. La Lega CaccaMale è governata dall Assemblea di Lega, formata da tutti gli allenatori- Presidenti. L'ORGANIGRAMMA DELLA LEGA 3. L Assemblea di Lega ha il fondamentale compito di designare, attraverso libere elezioni, il Presidente di Lega ed il Giudice Sportivo. IL PRESIDENTE DI LEGA 4. Il Presidente di Lega (che può non essere uno dei 20 membri dell'assemblea), è eletto a maggioranza semplice, dunque con un consenso minimo pari a 6 voti. 5. Il Presidente di Lega eletto può scegliere di nominare un suo vice, o un Segretario Amministrativo, incaricato di svolgere le mansioni organizzative della Lega in assenza del presidente. IL GIUDICE SPORTIVO 7. Il Ciambellano è chiamato ad amministrare in modo imparziale la Giustizia riguardo agli affari di Lega. Nello svolgimento delle sue mansioni, il Ciambellano è chiamato al

2 rispetto della lettera e dello spirito del presente Regolamento, di cui deve essere custode fedele e sulla cui osservanza egli è chiamato a vigilare. 7.a. Nell'ambito della giustizia ordinaria il Caimbellano ha il compito di: a. Contestare violazioni del Regolamento; b. Emanare provvedimenti disciplinari secondo quanto disposto dal Regolamento, nella apposita Sezione III. 8.a.1. Nello svolgimento di queste mansioni il Ciambellano è affiancato dall'operato del Presidente di Lega o dal suo vice incaricato, che esercita un ruolo di supervisione sulla regolarità delle formazioni inviate e degli scambi di mercato (vedi sotto, Sezione III). 8.a.2. L'Assemblea di Lega, riunita in seduta comune prima dell'inizio dell'asta e solo nel suo plenum, può decidere - con voto unanime e palese - di dispensare il C. dall'amministrazione della Giustizia ordinaria, riservandola al Presidente di Lega. In tal modo il C. sarebbe responsabile solo dell'amministrazione della Giustizia straordinaria, ove chiamato ad intervenire su sollecitazione degli allenatori-presidenti che lo volessero, ed i suoi interventi sarebbero di conseguenza limitati e sporadici. 8.b. Nell'ambito della giustizia straordinaria, il Ciambellano è chiamato a pronunciarsi su esplicita richiesta di un allenatore-presidente che sporga reclamo. Le modalità dei reclami e delle conseguenti disposizioni del Giudice Sportivo, sono stabilite nella apposita Sezione III del presente Regolamento. SITO DELLA LEGA 9. La Lega CaccaMale dispone di un sito ufficiale: legacaccamale.altervista.org/index.htm. Il sito è la sede ufficiale unica preposta alla comunicazione dei risultati e delle classifiche delle competizioni di Lega. Il sito è aggiornato di norma il giorno successivo alla giornata di calcio valida per una competizione di Lega. 10. Quando i progressi tecnici lo consentiranno, sarà possibile per gli allenatori-presidenti usufruire del sito non soltanto come fonte di informazioni, ma anche come interfaccia per operazioni che li vedranno attivi protagonisti. Attraverso l'uso di password personalizzate, gli allenatori-presidenti potranno infatti caricare sul sito le operazioni di Mercato Libero, e soprattutto potranno inviare direttamente sul sito le loro formazioni. MAILING LIST 11. La mailing list è organo ufficiale della Lega, unico luogo deputato per le comunicazioni ufficiali della Lega e per la comunicazione dei provvedimenti disciplinari emanati dal Ciambellano, o da chi ne fa le veci. Gli allenatori-presidenti sono tenuti a prenderne visione. L'ignoranza rispetto ai provvedimenti ufficiali comunicati in mailing list non è scusabile. 11.a. La mailing list e il sito sono le uniche sedi ufficiali deputate ad accogliere le formazioni delle 20 società di Lega, e le uniche formazioni considerate valide per le competizioni ufficiali di Lega sono quelle giunte in mailing list o direttamente dal sito,

3 ed inviate entro i termini orari consentiti. Verrà considerata valida l ultima formazione mandata in una delle due sedi prima del termine ufficiale. 11.b. Una volta inviata in mailing list, la formazione di una squadra per una determinata giornata può essere modificata, può cioè essere oggetto di "correzione". Tuttavia: a) ogni allenatore-presidente è pregato di ricorrere il meno possibile a questo istituto; b) la correzione "in corsa" della formazione deve essere chiaramente formulata in mailing list entro i termini orari consentiti; c) per evitare ambiguità, la formazione "corretta" deve essere inviata per intero in una mail di risposta (attraverso la funzione "Rispondi") alla mail precedente contenente la formazione prima della correzione. (Solo in questo modo si ha la prova autoevidente che la formazione "corretta" è stata inviata dopo quella oggetto di correzione). VALIDITA' DEL REGOLAMENTO 12. Costituzione di Marmo Le modifiche costituzionali a campionato in corso possono avvenire tramite referendum con un quorum semplice. Perchè il referendum sia ritenuto valido deve essere richiesto da 1/4 dell'assemblea (5 presidenti) e votato dai 3/4 dell'assemblea (15 presidenti). Dal risultato del referendum a maggioranza semplice, scaturirà l'eventuale cambiamento. 13. Il presente Regolamento è il punto di riferimento primo ed unico per la soluzione di ogni controversia fantacalcistica. La figura del Caimbellano, carica elettiva designata dall'assemblea di Lega, è chiamata a risolvere tali controversie nel rispetto della lettera e dello spirito del Regolamento. Sezione II Il gioco MODALITA' DEL GIOCO 1. Il gioco del Fantacalcio è basato sulle reali prestazioni dei calciatori del campionato italiano di Serie A. Le competizioni ufficiali della Lega CaccaMale sono il Campionato, la Coppa e la Supercoppa. Le squadre si affrontano tra loro secondo l'ordine stabilito dai Calendari di Lega. 2. Il gioco si articola nelle seguenti fasi: a. Formare una società di Fantacalcio, acquistando tramite un Asta un massimo di 30 calciatori scelti tra i veri calciatori delle squadre del campionato italiano di Serie A. b. Mandare in campo, partita dopo partita, una formazione di 11 calciatori, scelti tra i 30 della rosa, per disputare le partite previste dal Calendario di Lega, secondo le modalità descritte nelle Regole.

4 ASTE E CAPITALE SOCIALE 3. In sole due occasioni è possibile acquistare calciatori durante l'anno: durante l'asta iniziale e durante l'asta del Mercato di Riparazione. Durante il resto dell'anno, stanti le limitazioni fissate nel presente Regolamento, è possibile scambiare calciatori tra società diverse della Lega attraverso operazioni di Mercato Libero. 4. a. Per l'asta di inizio anno, ogni allenatore-presidente dispone di 400 crediti. 4. b. Per l Asta di inizio anno, ogni allenatore-presidente dispone di 30 posti in rosa, ma deve obbligatoriamente avere almeno 3 portieri, 8 difensori, 8 centrocampisti e 6 attaccanti. I cinque posti rimasti liberi, utili per raggiungere quota 30, possono essere sfruttati liberamente del Presidente-Allenatore. 4. c. Le penalità per chi non dovesse rispettare a fine asta i punti 4.a. e 4.b. sono le seguenti: - Per mancato rispetto del budget (punto 4.a.), al Presidente-allenatore viene levato 1 punto ogni 2 fantamiliardi spesi; - Per mancato rispetto dei criteri minimi per ruolo e/o massimi (punto 4.b.), si ha lo svincolo immediato dei giocatori in surplus e -1 punto i classifica per ogni giocatore preso in più in totale o per ruolo. 4. d. Non è possibile acquistare giocatori non presenti nella lista del Q.U. al momento dell asta. MERCATO DI RIPARAZIONE 5. a. Ai 400 crediti iniziali se ne aggiungono 60 per l'asta del Mercato di Riparazione. In tale Asta ai 60 crediti di default si aggiungeranno: - i crediti avanzati dall'asta di inizio anno; - i crediti recuperati dallo svincolo volontario di un massimo di 2 calciatori della rosa (1 credito recuperato per ciascuno); - i crediti spesi nell'asta iniziale per l'acquisto di calciatori che in un momento successivo e comunque prima dell'asta di Riparazione, abbiano a diverso titolo lasciato la Serie A; in quest'ultimo caso il recupero dei crediti equivale alla metà del prezzo speso a settembre arrotondando per eccesso in caso di numero dispari (Es. Per un giocatore pagato 15 che lascia la serie A verranno recuperati 8 crediti); Se il caso si riferisse ad un giocatore pagato 1 mld, il recupero dei crediti equvarrà al miliardo stesso. Si devono scaricare tutti i giocatori che non militano più in serie A (cioè che non sono presenti nella lista ufficiale della Gazzetta dello Sport dopo la chiusura del mercato di riparazione). 5. b. Alla fine dell asta di riparazione si deve avere il numero minimo di giocatori per ruolo: 3 portieri -8 difensori -8 centrocampisti -6 attaccanti. 5. c. non si può superare il numero massimo di 30 giocatori per squadra. 5. d. Non si possono fare scambi per arrivare ad avere il numero consentito, la possibilità di fare scambi può avvenire solo ad asta conclusa. La validità dello scambio è

5 subordinata alla scelta di tutta l assemblea sui vari periodi di chiusura del mercato interno. 5. e. Non si possono acquistare giocatori in rosa di altre squadre. 5. f. Le penalità in caso di mancato rispetto dei punti precedenti riguardanti l asta di riparazione sono le seguenti: - Per mancato rispetto del numero minimo di giocatori per ruolo (punto 5.b.), al presidente-allenatore verrà tolto 1 punto in classifica per ogni giocatore mancante e la rosa resterà invariata; - Per mancato rispetto del numero massimo totale (punto 5. c.), al presidente-allenatore verrà tolto 1 punto in classifica per ogni giocatore eccedente e dovranno essere rilasciati tanti giocatori acquistati all asta, quanti servano per rispettare il totale di 30 effettivi. - Per mancato rispetto del punto 5.e (comprare giocatori che già militano in altre squadre), al Presidente-Allenatore verranno tolti 40 punti in sommatoria totale per ogni giocatore erroneamente acquistato, oltre all immediata cancellazione del suddetto giocatore dalla rosa. Nel caso che questa operazione comportasse anche il non raggiungimento del numero minimo obbligatorio, alla precedente sanzione verrà aggiunto anche il punto di penalizzazione. MERCATO LIBERO: GLI SCAMBI 6. Durante l'anno è possibile scambiare calciatori tra le diverse società della Lega. I calciatori scambiati sono quelli regolarmente acquistati durante l'asta e facenti parte della 'rosa' di una società di Lega. Gli scambi sono, per definizione, definitivi, e in ogni caso i calciatori scambiati non possono essere riacquisiti da una società di provenienza prima che siano trascorse 7 giornate del Campionato di Serie A. 7. Fino ad introduzione di diversa tecnologia, e comunque prima di diverse disposizioni da parte del Presidente di Lega, gli scambi devono tassativamente essere comunicati in mailing list da almeno uno dei contraenti. La comunicazione deve contenere gli estremi dello scambio: società implicate nello scambio, calciatori acquistati e ceduti. 7.a. Qualora uno scambio comunicato in mailing list (poniamo da O1) non corrisponda alla volontà dell'altro contraente (O2) indicato nella comunicazione, questi (O2) può annullare lo scambio, facendo pervenire in mailing una successiva comunicazione, entro 12 ore dalla precedente, e comunque almeno 6 ore prima dei termini orari per l'invio delle formazioni per una successiva giornata di Serie A valida per le competizioni di Lega. 7.b. Uno scambio non può essere annullato dalla stessa persona che lo abbia comunicato in ml, ma solo dall'altro contraente, secondo quanto disposto al punto 7.a. Trascorse 12 ore dalla comunicazione di uno scambio, questo non può più essere annullato. 7.c. Lo scambio è da ritenersi a tutti gli effetti valido se, entro 24 ore dalla sua comunicazione, e comunque almeno 6 ore prima dei termini orari per l'invio delle formazioni per una successiva giornata di Serie A valida per le competizioni di Lega, non sopraggiunge, da parte del G.S o di chi ne fa le veci, alcuna comunicazione ufficiale che blocchi lo scambio stesso.

6 7.d. Gli scambi hanno decorrenza ed efficacia solo dal momento in cui siano comunicati in mailing list. Non hanno valore ufficiale altri tipi di accordi, verbali o di altra natura. Gli scambi hanno validità e decorrenza dalla giornata immediatamente successiva al momento della loro comunicazione, se questa avviene: - entro le ore 23:59 del venerdì (quando le partite della Serie A si svolgono il sabato e/o la domenica) - entro le ore 23:59 del martedì (quando le partite della Serie A si svolgono il mercoledì). Altrimenti (qualora vengano comunicati dopo questi termini, e dunque nelle immediate vicinanze dei match) gli scambi avranno decorrenza dalla giornata successiva a quella imminente (cioè a partire da 2 giornate dopo la comunicazione). 8. Gli scambi saranno sottoposti al rispetto dei seguenti vincoli: 8.a. Vincoli relativi alle modalità di composizione delle 'rose': non sarà possibile fare scambi che mettano una delle due società contraenti nella condizione di non rispettare i vincoli di composizione della 'rosa' (almeno 3 portieri, almeno 8 difensori, almeno 8 centrocampisti, almeno 6 attaccanti, un massimo di 30 calciatori in totale). 8.b. Vincoli relativi alle modalità di comunicazione degli scambi: la decorrenza degli scambi è data dalla tempistica della loro comunicazione, secondo quanto disposto al punto 7.d. della presente Sezione. 8.c. Vincoli temporali e quantitativi: al fine di calmierare il mercato, l'assemblea di Lega stabilisce a maggioranza i periodi dell'anno durante i quali è sospesa la possibilità di fare scambi, ed eventualmente delibera un numero massimo di operazioni di mercato per Società di Lega nell'arco di un anno, o di un periodo dell'anno. 8.d. Vincoli di altra natura: un calciatore ceduto non può essere riacquisito tramite scambio da una stessa società prima che siano trascorse 7 giornate del Campionato di Serie A. IL CAMPIONATO LA GARA 9. La gara di Campionato viene disputata tra due squadre di 18 calciatori (11 titolari più le 7 riserve) scelti dall allenatore tra gli appartenenti alla rosa. 10. La squadra che avrà segnato il maggior numero di reti vincerà la gara. Se non sarà segnata alcuna rete o se le squadre avranno segnato eguale numero di reti, la gara risulterà conclusa in parità. 11. Il numero di reti segnate da ciascuna squadra, cioè il Risultato Finale, viene calcolato, per mezzo della Tabella di Conversione, confrontando i Totali-Squadra di ciascuna squadra. fino a 65,5 punti: 0 gol; 66-71,5 : 1 gol; 72-76,5 : 2 gol; 77-80,5 : 3 gol;

7 81-84,5 : 4 gol; e così via, 1 gol ogni 4 punti. LA FORMAZIONE 12. Ciascuna squadra dovrà schierare i suoi 11 calciatori TITOLARI scegliendo tra i seguenti 8 moduli: 3-4-3; 4-3-3; 3-5-2; 5-3-2; 6-3-1; 4-4-2; 5-4-1; Non vi è alcun limite al numero di calciatori stranieri che una squadra può schierare, sia in campo che in panchina. 13. Comunicazione della formazione: 13.a. Fino ad introduzione di diversa tecnologia, e comunque prima di diverse disposizioni da parte del Presidente di Lega, gli allenatori-presidenti hanno l obbligo di comunicare la formazione via mail alla mailing list ufficiale della Lega almeno 30 minuti prima dell'inizio della prima partita della giornata di Campionato. (Es.: se la prima partita della giornata si gioca alle ore 18:00 del sabato, è possibile inviare la formazione fino alle 17:29:59; dalle ore 17:30:00 in poi, la formazione non è più valida). Fa fede l'ora indicata sul messaggio di posta. [13.a.1. Per accordo generale, l'informazione oraria utile ai fini dell'accertamento (da parte del Ciambellano in primis e da parte di tutti gli allenatori-presidenti in secundis) della validità della formazione per la giornata in questione (l'ora dell'invio del messaggio di posta in mailing list), si determina rispondendo al messaggio in questione, attraverso la funzione "Rispondi". In tal modo si ha la determinazione univoca dell'ora di invio del messaggio in mailing list. Di tale informazione oraria è unicamente responsabile il server di posta a cui si appoggia la mailing list, cioè Yahoo. ] [13.a.2. Rispetto alla nuova modalità di invio della formazione dal sito, non cambiano i termini orari per l'invio della formazione. Il rispetto di tali termini orari è però accertato facendo riferimento all'ora di salvataggio della formazione sul sito. Tale informazione oraria è chiaramente riportata nel testo del messaggio di posta inviato a tutti gli allenatori-presidenti. Di tale informazione oraria è unicamente responsabile il server del sito su cui le formazioni vengono salvate.] 13.b. Una volta comunicata in mailing list, la formazione può essere modificata, secondo quanto disposto al punto 11.b, Sez. I del presente Regolamento. 13.c. La formazione dovrà riportare, nel seguente ordine, le seguenti indicazioni: - competizione per la quale la formazione è valida in una determinata giornata (facoltativo nel caso si giochi una sola competizione) - modulo adottato - formazione titolare e, di seguito, riserve. I nomi dei calciatori schierati dovranno essere chiaramente riconoscibili. 13.d. Ogni allenatore-presidente è tenuto ad inviare la formazione della propria squadra. 14. Ritardi e mancata comunicazione della formazione:

8 14.a. Nel caso che la formazione di una squadra non pervenga in ml almeno 30 minuti prima dell'inizio della prima partita della giornata, sarà considerata agli effetti della gara l'ultima formazione valida (di norma quella comunicata per la giornata precedente). 14.b. In caso che la formazione non inviata appartenga ad una competizione che non ha una formazione precedente da poter inserire (prima giornata di campionato, Supercoppa e Coppa), alla stessa verranno assegnati 55 punti. 14.c. Se viene mandata una sola formazione in una giornata in cui sono presenti due competizioni, la formazione inviata varrà per entrambe. 14.d. La coppa Pibe non è una competizione riconosciuta dalla Lega. 14.e. La penalità preposta per il mancato invio della formazione è TOLLERANZA ZERO, ovvero: Al 1 mancato invio: nessuna sanzione; Al 2 mancato invio: squalifica del campo; Al 3 mancato invio: squalifica del campo per tre giornate e -15 punti in sommatoria punteggio; Al 4 mancato invio: -1 punto in classifica per il campionato in corso; Al 5 mancato invio: -1 punto in classifica per il campionato in corso e -1 punto in classifica per il campionato successivo. Dopo il 6 mancato invio all interno della stessa stagione, la squadra non potrà iscriversi alla stagione successiva; 15. Errori nella comunicazione della formazione: 15.a. Nel caso un allenatore-presidente includa nella formazione della sua squadra un calciatore che non rientra nella sua 'rosa', tale giocatore verrà automaticamente escluso, ed al suo posto entrerà automaticamente la prima riserva per lo stesso reparto, se il calciatore era schierato come titolare. Non entrerà nessuno al suo posto se il calciatore era schierato come riserva. 15.b. Se una squadra schiera più di 11 calciatori in campo le verrà tolto d ufficio il calciatore con il migliore punteggio. Se una squadra schiera meno di 11 calciatori in campo, giocherà in inferiorità numerica. 15.c. Se una squadra è stata schierata con un modulo non previsto (cfr. 12, Sez. II), a partite concluse, al momento del calcolo del risultato, dalla formazione sarà tolto d'autorità il calciatore con il miglior Totale-Calciatore tra quelli del ruolo o reparto in eccedenza. Tale calciatore verrà sostituito con la prima riserva disponibile del reparto più "basso" (prima i difensori, poi i centrocampisti), ma in ogni caso in modo tale da dare luogo ad un modulo ammesso dal Regolamento. RISERVE E SOSTITUZIONI 16. E' consentita l utilizzazione di calciatori di riserva, a condizione che siano rispettate le seguenti disposizioni:

9 16.a. Ogni squadra deve schierare in panchina 7 calciatori di riserva: un portiere e 2 calciatori per ogni ruolo (2 difensori, 2 centrocampisti e 2 attaccanti). 16.b. I calciatori di riserva dello stesso ruolo vengono indicati in ordine di sostituzione. 16.c. Una squadra non può effettuare più di tre sostituzioni per gara. Le riserve, che verranno scelte tra i 7 calciatori in panchina, devono figurare in calce alla formazione comunicata. 16.d. I calciatori di riserva possono sostituire soltanto calciatori che non siano scesi in campo nella realtà o che siano stati giudicati s.v. o n.g. (escluso il portiere, che riceve un voto d'ufficio (6) anche quando scende in campo e prende s.v.). 16.e. I calciatori di riserva possono sostituire soltanto calciatori del loro stesso ruolo o reparto. 16.f. Nel caso in cui in una squadra quattro calciatori non vengano giudicati o non giochino, sarà l'allenatore-presidente a decidere le tre riserve che entreranno in campo. Tutto ciò fermo restando che il portiere deve per forza essere sostituito dal portiere di riserva e i calciatori di movimento devono essere sostituiti rispettando le disposizioni relative alle riserve. Il modulo di gioco, inoltre, non può essere cambiato. IL QUOTIDIANO UFFICIALE 17. Il quotidiano sportivo di riferimento per le competizioni ufficiali della Lega CaccaMale è la Gazzetta dello Sport. Le pagelle e i tabellini delle partite - ovvero marcatori, ammonizioni ed espulsioni - pubblicati dal Q.U. costituiscono i dati ufficiali per la determinazione, cioè il calcolo, dell esito di ciascuna gara. 18. Il Quotidiano Ufficiale è l unico ed insindacabile riferimento ufficiale della Lega per l'assegnazione dei voti (validi ai fini del calcolo del risultato delle gare) e per l'assegnazione dei gol. Tuttavia, nel caso di tabellini controversi per quanto riguarda ammonizioni ed espulsioni, il riferimento più certo e dotato di maggiore autorità è quello del sito della Lega Calcio. Pertanto reclami motivati possono essere presentati, al fine di modificare un risultato, qualora la documentazione ufficiale della Lega Calcio dimostri la difformità dei provvedimenti disciplinari effettivamente presi, dal tabellino degli ammoniti ed espulsi riportato sul Q.U. 19. Su ammonizioni ed espulsioni la fonte primaria è dunque da considerarsi la Lega Calcio. Fino a che non vengano presentati reclami, restano però valide le indicazioni dei tabellini del Q.U. MODALITA' DI CALCOLO 20. L esito, cioè il Risultato Finale della gara, viene calcolato secondo le modalità qui descritte. La modalità o procedura di calcolo per determinare il Risultato Finale della gara è divisa in quattro fasi distinte: (I) Calcolo del Totale-Calciatore per ciascun calciatore; (II) Calcolo del Totale-Squadra per ciascuna squadra;

10 (III) Assegnazione del Fattore Campo; (IV) Confronto dei Totali-Squadra. 21. Calcolo del Totale-Calciatore: 21.a. Il Totale-Calciatore di ciascun calciatore è dato dalla somma algebrica del Voto (assegnatogli dal Q.U.) e dei Punti-azione. 21.b. Per Voto si intende il voto in pagella assegnato a un giocatore dal Quotidiano Ufficiale. 21.c. I Punti-azione consistono nella seguente serie di bonus e malus: +3 punti per ogni gol realizzato; +3 punti per ogni rigore parato (si applica al portiere); +1 punto per ogni assist realizzato (SOLO PER COPPA E SUPERCOPPA); -2 punti per ogni autogol; -3 punti per un rigore sbagliato; -1 punto per ciascun gol subito (si applica al portiere); -0,5 punti per una ammonizione subita; -1 punto per l'espulsione subita. 21.d. La dizione rigore parato è da intendersi in senso letterale. Il rigore calciato contro un legno o fuori della porta viene contato (ovviamente in negativo) soltanto al calciatore che lo ha tirato, cioè non viene assegnato alcun punto al portiere. 21.e. Un calciatore prima ammonito e poi espulso riceve un malus di 1 punto, cioè solo il malus relativo all'espulsione. CASI PARTICOLARI 22. Tutti i calciatori che ricevano s.v. o n.g. vengono di norma sostituiti. Tuttavia: 22.a. I portieri che figurino essere scesi in campo, ma che in pagella ricevano s.v. o n.g., prendono 6 d'ufficio. Al voto d'ufficio si aggiungono o sottraggono gli eventuali bonus o malus. 22.b. Squadre senza voto: Nel caso in cui i 22 calciatori di una partita (o gli 11 di una squadra) vengano giudicati tutti s.v., e solo in questo caso, ai suddetti calciatori verrà assegnato d ufficio un voto equivalente a 6. Ad esso si aggiungeranno i canonici bonus/malus. 22.c. Espulso senza voto: Nel caso un calciatore venga espulso prima di poter essere giudicato dal Q.U., cioè termini la gara senza voto, gli verrà comunque assegnato d ufficio un 5 come Voto, al quale si dovrà ovviamente sottrarre un punto (-1) per l espulsione. Un calciatore espulso senza voto prende quindi 4 come Totale-Calciatore. Questa regola non deve invece essere applicata se il calciatore, pur essendo sceso in campo, viene espulso a partita finita, magari per un insulto all arbitro o per una rissa nel sottopassaggio (vale, invece, se viene espulso durante l intervallo lasciando la squadra in dieci per tutto il secondo tempo). Inoltre, non deve essere applicata se il calciatore espulso è uno dei panchinari.

11 22.d. Ammonito senza voto: Nel caso un calciatore venga ammonito ma non giudicato dal Q.U., sarà regolarmente sostituito dalla riserva nel suo ruolo, senza ottenere voti di ufficio. 22.e. Marcatore senza voto: Nel caso un calciatore segni un gol ma non venga giudicato dal Q.U., gli verrà assegnato d ufficio un 6 come Voto, al quale si dovrà ovviamente aggiungere +3 per la marcatura. 22.f. Autogol senza voto: Nel caso un calciatore sia responsabile di un autogol ma non venga giudicato dal Q.U., gli verrà assegnato d ufficio un 6 come Voto, al quale si dovranno ovviamente sottrarre 2 punti per l autogol. 22.g. Sostituzione del portiere con calciatore di movimento: Nel caso che il portiere venga espulso e sostituito da un calciatore di movimento, questi, diventando portiere, ne assumerà il ruolo e gli verrà assegnato regolarmente meno un punto (-1) per ogni gol subito e più tre punti (+ 3) per ogni rigore parato. 22.h. Correzioni e rettifiche: Nel caso che il Q.U. rettifichi in una successiva edizione un voto assegnato a un calciatore, l allenatore penalizzato potrà proporre reclamo al presidente di Lega, portando a prova della sua tesi la copia del Q.U. contenente la rettifica. Se il Presidente di Lega verificherà la fondatezza del reclamo, dovrà annullare il Risultato Finale della partita e ordinare che venga ricalcolato in base alla sopravvenute modifiche. Lo stesso dovrà fare rispetto a segnalazioni relative ad ammoniti ed espulsi, ma solo dopo avere verificato la corrispondenza con i documenti ufficiali della Lega Calcio. PARTITE SOSPESE, RINVIATE, DECISE A TAVOLINO O NON OMOLOGATE 23. In caso che una sola partita sia sospesa, rinviata, decisa a tavolino o non omologata, o comunque tale che il Q.U. non pubblichi i voti relativi ai calciatori delle squadre coinvolte, a tutti i calciatori appartenenti alle rose delle rispettive squadre di Serie A coinvolte verrà assegnato un 6 d ufficio per i giocatori di movimento e un 5 per il portiere. Tali voti d ufficio saranno però ridotti a 5,5 per i giocatori di movimento e a 4 per il portiere se la decisione di rinviare la partita viene comunicata ufficialmente prima del termine ultimo per presentare le formazioni. 23. b. In caso che siano più di una le partite sospese, rinviate, decise a tavolino o non omologate, o comunque tale che il Q.U. non pubblichi i voti relativi ai calciatori delle squadre coinvolte, si aspetterà il risultato delle partite ed i relativi voti per un tempo di 40 gg, a decorrere dal giorno della partita rinviata, altrimenti si applicherà il 6 politico a tutti i giocatori, con il 5 al portiere. 23. c. Nel caso una partita venga rinviata prima del termine ultimo per mandare le formazioni (4 al portiere e 5,5 ai giocatori), ma nella stessa giornata venga poi rinviata un altra partita dopo il termine ultimo per l invio, allora si aspetterà 40 gg per entrambe le partite; salvo poi dare 6 a tutti i giocatori e 5 ai portieri di tutte le squadre coinvolte nel rinvio.

12 23.a. Nel caso una partita venga sospesa prima del 90 e il Q.U. assegni comunque i voti ai calciatori, detti voti verranno presi in considerazione e saranno considerati ai fini del calcolo del risultato finale della gara. TOTALI SQUADRA 24. Calcolo del Totale-Squadra: Il Totale-Squadra di ciascuna squadra è dato dalla somma dei singoli Totali-Calciatore degli undici calciatori che hanno preso parte alla gara. 25. Fattore Campo: Per simulare il vantaggio di giocare in casa vengono assegnati 2 (due) punti, come Fattore Campo, alla squadra di casa, da sommare al proprio Totale-Squadra. LA CLASSIFICA 26. La classifica è stabilita per punteggio, con assegnazione di tre punti per la gara vinta, un punto per la gara pareggiata e zero punti per la gara perduta. 27. La classifica deve essere aggiornata settimanalmente e deve essere resa nota preferibilmente entro le ore 24 del giorno successivo a quello della gara, ovvero il lunedì seguente alla domenica di campionato. 28. La squadra prima classificata è proclamata vincitrice del Campionato ed acquisisce il titolo di Campione di Lega e il fantascudetto. Al termine del Campionato, in caso di parità di punteggio tra due o più squadre, si procede alla determinazione della squadra Campione in base alle seguenti disposizioni: 28.a. Parità tra due squadre: (I) In caso di parità di punteggio tra due squadre, il titolo di Campione di Lega è assegnato alla squadra con il Totale-Squadra più alto, essendo il Totale- Squadra la sommatoria dei punteggi ottenuti nell arco dell'intero campionato. (II) In caso di ulteriore parità, relativa al Totale-Squadra, il titolo verrà assegnato mediante spareggio da effettuarsi sulla base di un unica gara in campo neutro; (III) In caso di ulteriore parità, il titolo verrà assegnato alla squadra che ha totalizzato più punti negli scontri diretti; (IV) In caso di ulteriore parità, si procederà per sorteggio, con lancio della monetina. 28.b. Parità tra tre o più squadre: (I) In caso di parità di punteggio fra tre o più squadre al termine del campionato si procede preliminarmente alla compilazione di una graduatoria (detta classifica avulsa ) fra le squadre interessate tenendo conto nell ordine: - del $Totale-Squadra; - a parità di $Totale, dei punti conseguiti negli incontri diretti; - a parità di punti, della differenza fra reti segnate e subite nei suddetti incontri diretti;

13 (II) Lo scudetto verrà quindi disputato mediante gara di spareggio tra le due squadre meglio classificate nella classifica avulsa con le modalità stabilite al punto 28.a.II. della presente Sezione (Parità tra due squadre). 28.c. Parità nella classifica avulsa: Nel caso in cui due o più squadre interessate permangano in parità anche nella classifica avulsa, e ai soli fini della compilazione della relativa graduatoria, si tiene conto, nell ordine: - del maggior numero di reti segnate nell intero Campionato; - del sorteggio. 29. Zona Retrocessione: Le squadre classificatesi nona e decima in Campionato retrocedono in Serie B. Al termine del Campionato, in caso di parità di punteggio tra due o più squadre, si procede alla determinazione delle squadre retrocesse in base alle seguenti disposizioni: 29.a. Parità tra due squadre: (I) In caso di parità di punteggio tra due squadre per un unico posto- retrocessione, retrocede la squadra con il Totale-Squadra più basso, essendo il $Totale-Squadra la sommatoria dei punteggi ottenuti nell arco dell'intero Campionato. (II) In caso di ulteriore parità, relativa al $Totale-Squadra, il posto-retrocessione verrà assegnato mediante spareggio da effettuarsi sulla base di un unica gara in campo neutro; (III) In caso di ulteriore parità, retrocede la squadra che ha totalizzato meno punti negli scontri diretti; (IV) In caso di ulteriore parità, si procederà per sorteggio, con lancio della monetina. 29.b. Parità tra tre o più squadre: (I) In caso di parità di punteggio fra tre o più squadre in gara per uno o due posti retrocessione, si procede preliminarmente alla compilazione di una graduatoria (detta classifica avulsa ) fra le squadre interessate tenendo conto nell ordine: - del $Totale-Squadra; - a parità di $Totale, dei punti conseguiti negli incontri diretti; - a parità di punti, della differenza fra reti segnate e subite nei suddetti incontri diretti; (II) Qualora vi sia in competizione un unico posto-retrocessione, esso è disputato mediante gara di spareggio tra le due squadre peggio classificate nella classifica avulsa ; (III) Qualora vi siano in competizione due posti-retrocessione, uno è assegnato direttamente all ultima squadra della graduatoria risultante dalla classifica avulsa, l altro è disputato mediante gara di spareggio tra le due squadre che precedono immediatamente nella stessa classifica avulsa. 29.c. Parità nella classifica avulsa: Nel caso in cui due o più squadre interessate permangano in parità anche nella classifica avulsa, e ai soli fini della compilazione della relativa graduatoria, si tiene conto, nell ordine:

14 - del maggior numero di reti segnate nell intero Campionato; - del sorteggio. 29.d. Le regole relative allo spareggio per il posto retrocessione sono le stesse dello spareggio per il Titolo di Campione. 30. La terzultima squadra di serie A e la terza squadra classificata in serie Bi, faranno uno spareggio per un posto nella massima serie con le seguenti modalità: - La squadra di serie Bi viene promossa in serie A, facendo automaticamente retrocedere quella di serie A, solo vincendo lo spareggio. La vittoria della squadra di A o un pareggio non altererebbero la classifica finale (la squadra di Bi resta in Bi e quella di A resta in A). COPPA DI LEGA 31. La coppa di Lega è una competizione differente dal campionato e viene giocata da 18 squadre (su 20) della Lega. vengono escluse la penultima e l ultima classificata di Bi delle stagione precedente. 32. Modalità del torneo: 32. a. La prima parte del torneo è giocata dalle sole 8 squadre di serie Bi che si scontrano per 6 giornate (non necessariamente consecutive) in un round robin. Il punteggio valido è la sommatoria totale e passano le prime 6 squadre. 32. b. Le squadre di serie A entrano in gioco solo in questa seconda parte. Le partite diventano scontri diretti (ottavi, quarti, semifinali e finale) e i punti vengono calcolati in base ai gol fatti o subiti. In caso di ulteriore parità si guarda al punteggio totale. 32. c. Se la parità dovesse persistere dopo i gol e dopo il punteggio totale si andrà ai rigori: - I rigori si contano in ordine di Lista, saltando eventuali s.v.. Se il voto è >= 6 il rigore si considera realizzato, se è < 6 il rigore si considera fallito. Non valgono i malus e bonus contratti durante la partita. - Se i rigoristi con voto finiscono e le squadre sono ancora in parità, vince la squadra che ha ancora un rigorista con un voto qualsiasi, anche minore di 6. - In caso di eventuale ulteriore parità, si lancia una monetina alla presenza dei due presidenti, del Griso, del Presidente di Lega e di un testimone per ciascun finalista. SUPERCOPPA DI LEGA 33. E una competizione giocata da tutte e 20 le squadre in una sola giornata. Chi fa il punteggio totale più alto vince. Sezione III Il Caimbellano

15 1. Il Caimbellano è chiamato ad amministrare in modo imparziale la Giustizia riguardo agli affari di Lega. Le sue mansioni si suddividono nell'amministrazione della Giustizia Ordinaria e nell'amministrazione della Giustizia Straordinaria. 2. Nell'ambito della Giustizia Ordinaria, il Ciambellano - o chi ne fa le veci, secondo quanto disposto al punto 8.a.2, Sez. I, del presente Regolamento - ha il mero compito di notificare le violazioni riscontrate del Regolamento, e le conseguenti penalità. Sono qui elencate le fattispecie più comuni di violazione del Regolamento, ed i rispettivi provvedimenti disciplinari da adottare: 2.a. Scambi di Mercato Libero: (I) Scambi che siano comunicati in ml, ma che siano irrealizzabili perché contrastanti con i vincoli elencati ai punti 8.a., 8.c., 8.d., Sez. II del presente Regolamento, saranno annullati e non ritenuti validi. Le rose dei diretti interessati resteranno dunque immutate. 2.b. Comunicazione delle formazioni in ml: (I) Il comportamento da tenere con gli allenatori-presidenti che commettano errori nella comunicazione delle formazioni, o che omettano di comunicarle, o che le comunichino fuori dai termini orari consentiti, è indicato ai punti 13, 14, 15, Sez. II del presente Regolamento. 2.c. Illeciti o tentativi di illecito: (I) Qualora il G.S. abbia le prove, o i fondati sospetti, che il regolare svolgimento di una gara valida per una competizione ufficiale della Lega CaccaMale sia stato alterato da una combine, o da un tentativo di combine, il G.S. ha il potere di emanare un provvedimento disciplinare, consistente nella non assegnazione dei punti in palio nella partita incriminata, e nella penalizzazione delle squadre coinvolte. La penalizzazione può andare dai -6 ai - 10 punti, da scontare nel Fantacampionato in corso. 3. Nell'ambito della Giustizia Straordinaria, il G.S. si muove solo su esplicita richiesta di un allenatore-presidente, che formuli reclamo al fine di modificare l'esito di un incontro, o al fine di contestare il parere disciplinare del G.S. 3.a. Nel caso un allenatore-presidente intenda sporgere reclamo al G.S., al fine di contestare l esito di un incontro e chiedere che esso venga ricalcolato sulla base di supposti errori o irregolarità, ci si dovrà attenere alle seguenti disposizioni: (I) I reclami dovranno pervenire al G.S. entro e non oltre il giovedì precedente la giornata di campionato successiva alla gara in questione. (II) Non potranno essere presi in considerazione ricorsi basati su presunti errori tecnici commessi da arbitri, guardalinee o altri ufficiali di gara. (III) Dovranno invece essere accolti ricorsi basati su correzioni o rettifiche pubblicate dallo stesso Q.U., purché proposti entro i limiti di tempo di cui sopra. (IV) Secondo quanto disposto ai punti 18, 19, 22.h., Sez. II del presente Regolamento, dovranno essere ugualmente accolti ricorsi che documentino la difformità del Tabellino

16 degli ammoniti e degli espulsi presente sul Q.U., rispetto a quanto riportato sul sito ufficiale della Lega Calcio. (V) Il G.S. è tenuto a pronunciarsi entro 24 ore dalla presentazione del reclamo. 3.b. Nel caso un allenatore-presidente intenda sporgere reclamo al G.S., al fine di contestarne un parere o provvedimento disciplinare precedente (sia esso una notificazione di violazione del Regolamento, o l'accettazione o il rifiuto di un precedente reclamo), ci si dovrà attenere alle seguenti disposizioni: (I) I reclami dovranno pervenire al G.S. entro e non oltre le 24 ore successive all'emanazione di tale parere o provvedimento disciplinare, e comunque entro il venerdì precedente la giornata di campionato successiva alla gara in questione. (II) Il G.S. sarà tenuto a pronunciarsi entro 12 ore dalla presentazione di questo tipo di reclamo, e comunque almeno 6 ore prima dell'inizio della prima partita della giornata immediatamente successiva. MANCATO PAGAMENTO 4. Per ogni giorno di ritardo: 1 in più che saranno devoluti nelle casse della Lega. Dopo 5 giorni di ritardo: meno 1 punto in classifica. Per ogni giorno di ritardo in più dopo il 5 giorno: alla sanzione precedente si aggiunge il decurtamento di 5 punti nel totale punti. Ogni 5 giorni di ritardo: meno 1 punto in classifica.

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore )

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore ) REGOLAMENTO ART.11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001,430 CONCORSO A PREMI DENOMINATO MAGIC+3 CAMPIONATO 2014-2015 PROMOSSO DALLA SOCIETA RCS MEDIAGROUP SPA MILANO CL 410/2014 SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO STAGIONE 2011 2012 INTRODUZIONE Qui di seguito trovate le Regole Ufficiali della Federazione Fantacalcio. Ogni anno, se necessario, vengono modificate e aggiornate

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la

GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la pubblicazione dei componenti. Invitiamo gli utenti a

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE Norme Integrative al Codice Internazionale del Bridge Edizione 2012 a cura di Maurizio Di Sacco Direttore della Scuola Arbitrale Italiana Modificata con Delibera del C.F.

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA.

REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA. REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA. 1) Il presente regolamento è valido dal 10.01.2012, sostituisce ogni altra precedente

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA Liverpool FC Anfield - Liverpool Giovedì, 19 febbraio 2015 21.05CET (20.05 ora locale) Sedicesimi di finale, Andata Beşiktaş JK Ultimo aggiornamento

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

SUNDAY POETS. Destinatari del premio

SUNDAY POETS. Destinatari del premio SUNDAY POETS Destinatari del premio I destinatari del Premio sono i lettori de La Stampa (quotidiano, sito e app) senza limiti di residenza o nazionalità. Il Premio è un talent contest dedicato a poeti

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 RAI-Radiotelevisione italiana dall 8 settembre 2014 al 29 maggio 2015 realizza un programma televisivo dal titolo A CONTI FATTI diffuso da RAIUNO tutti i giorni, dal lunedì

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli

Concorso a Premi Con McCain più acquisti più vinci. Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Concorso a Premi Con McCain più acquisti più vinci. Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Concorso a Premi Con McCain più acquisti più vinci Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Indirizzo sede legale McCain Alimentari Italia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli