REGIONE LAZIO Assessorato ai Trasporti e Politica della Casa Direzione Regionale Infrastrutture AREA DECENTRATA LL.PP. DI ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE LAZIO Assessorato ai Trasporti e Politica della Casa Direzione Regionale Infrastrutture AREA DECENTRATA LL.PP. DI ROMA"

Transcript

1 REGIONE LAZIO Assessorato ai Trasporti e Politica della Casa Direzione Regionale Infrastrutture AREA DECENTRATA LL.PP. DI ROMA Via Capitan Bavastro, Roma tel. 06/51681 Prot. n UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA IN ZONE SISMICHE (CODICE UFFICIO 2D05U2) Roma, li A TUTTI I COMUNI DELLA PROVINCIA DI ROMA AL DIRETTORE REGIONALE INFRASTRUTTURE SEDE OGGETTO: D.P.R , n.380, Parte II^, Capo IV. Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche. Aggiornamento delle procedure tecnico-amministrative da adottare presso l Area Decentrata Lavori Pubblici di Roma. Premessa: Il sono entrate in vigore le disposizioni di cui al D.M che pongono fine al regime provvisorio che si era instaurato in relazione alla nuova classificazione sismica del territorio della Regione Lazio, a seguito della pubblicazione dell O.P.C.M. 3274/2003 e della Delibera della Giunta Regionale del Lazio n.776/2003, ed ha fissato, in via definitiva, le norme transitorie da attuare per il prescritto periodo di diciotto mesi, e quindi fino al 23 aprile 2007, per la scelta del metodo di calcolo da adottare nella redazione dei progetti e degli elaborati di calcolo relative alle costruzioni nelle zone sismiche.. In relazione a quanto sopra questa Area ha ritenuto utile e necessario redigere la presente circolare informativa al fine di aggiornare in modo chiaro e definitivo le disposizioni che dovranno essere osservate nella trattazione delle pratiche di edilizia antisismica nel rispetto delle disposizioni di cui alla Parte II^, titolo IV del D.P.R , n.380,. Classificazione Sismica La citata O.P.C.M. n 3274/2003 e la D.G.R.L. n 766/2003 hanno classificato tutto il territorio della Regione Lazio in Zone sismiche e 4 definendo tra l altro gli edifici di Importanza Strategica e quelli di Rilevante Importanza. A seguito di quanto sopra ed alla entrata in vigore del citato D.M , tutte le opere da realizzare nel territorio della Regione Lazio, successivamente al , dovranno essere realizzare nel rispetto delle disposizioni di cui alla parte II^, titolo IV del D.P.R , n.380, Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche e sono soggette al rilascio, da parte di questa Area, della autorizzazione per l inizio dei lavori prevista dall art. 94 del citato D.P.R. 380/2001, nel rispetto delle procedure che sono appresso indicate e riferite alla zona sismica in cui dovrà essere realizzato l inervento edilizio.

2 Alla Sezione III^ del citato Capo IV del D.P.R. 380/2001, Vigilanza sulle costruzioni in zone sismiche, vengono dettate le procedure per la denuncia, presentazione dei progetti, varianti, relazioni di fine strutture, collaudi etc. In relazione a quanto sopra ed in riferimento a quanto demandato agli Sportelli Unici istituiti presso i Comuni, con il citato D.P.R. 380/2001, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con circolare n del ha chiarito che: Si precisa, infine, che i pareri e gli atti di assenso, nel caso di denuncia di inizio attività, devono essere acquisiti direttamente dall interessato ed allegati alla richiesta. E, comunque, facoltà del richiedente produrre pareri ed atti di assenso anche per il rilascio del permesso di costruire, in quanto lo sportello unico è demandato a provvedere solo qualora tale documentazione non sia stata acquisita dal richiedente. Pertanto le istanze per la presentazione delle Denunce dei Lavori e presentazione dei progetti di costruzioni in zone sismiche di cui all art. 93 del D.P.R. 380/2001(legge n 64 del 1974, artt. 17 e 18) e gli atti di cui agli artt. seguenti (varianti, relazioni di fine strutture, collaudi etc.) potranno essere presentati direttamente presso questa Area che all atto del ricevimento provvederà al controllo sulla regolarità nella redazione delle denunce ed alla verifica del contenuto minimo dei progetti secondo quanto prescritto al 3 comma del citato art.93 e riportato nel quadro A dello stampato delle denunce. In proposito si fa presente che tutte le costruzioni da realizzare in zone sismiche sono soggette al rilascio, da parte di questa Area, della autorizzazione per l inizio dei lavori prevista dall art. 94 del citato D.P.R. 380/2001, nel rispetto delle procedure che sono appresso indicate e riferite alla Zona Sismica in cui dovrà essere realizzato l inervento edilizio. In relazione a quanto sopra si fa presente che nel caso gli sportelli unici non intendano avvalersi, ove consentito, delle procedudure di cui al precedente capoverso, dovranno provvedere, prima della trasmissione a questa area, ai suddetti controlli e comunicare, per ogni pratica, che le istanze sono state redatte in forma corretta e che i progetti, in duplice copia, sono corredati del contenuto minimo previsto dalla vigente normativa. A completo chiarimento di quanto sopra si comunica che tutte le pratiche di edilizia antisismica provenienti dagli Sportelli Unici, ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001, debbono contenere: Denuncia in duplice copia (un originale in bollo e una copia) redatta utilizzando lo stampato predisposto da questa Area, compilato in ogni sua parte e corredato da fotocopia di un documento di identità del richiedente. Progetto completo in duplice copia, timbrato e firmato dai progettisti, secondo le rispettive competenze, nonché dal direttore dei lavori, composto dai seguenti elaborati: 1. Planimetria ubicativa e sezioni con indicate le altezze del fabbricato e la larghezza delle strade (ove non comprese nel progetto architettonico); 2. Progetto architettonico; 3. Relazione tecnica illustrativa generale sulle opere da eseguire; 4. Relazione sulla qualità e dosatura dei materiali impiegati; 5. Relazione geologica; 6. Relazione geotecnica e sulle fondazioni; 7. Relazione di calcolo delle strutture e fascicolo dei calcoli; 8. Calcolo delle opere complementari; 9. Disegni esecutivi delle strutture; 10. Copia della istanza di sanatoria presentata al Comune (solo per i progetti di adeguamento sismico in sanatoria).

3 Tutto quanto sopra premesso e considerato si riportano di seguito le procedure che dovranno essere seguite per la presentazione, direttamente presso questa Area, della pratiche di edilizia antisismica, ai sensi del citato titolo IV del D.P.R , n.380: A) ZONE SISMICHE 1 e 2 Presentazione della Denuncia dei Lavori e presentazione dei progetti per le costruzioni in Zone Sismiche. (art.93 del D.P.R. 380/2001) Le denunce dovranno essere presentate utilizzando lo stampato predisposto da questa Area, munito di marca da bollo, compilato in ogni sua parte e corredato da fotocopia di un documento di identità del richiedente. Alle suddette denunce dovrà essere allegato il progetto completo, in duplice copia, timbrato e firmato dai progettisti, secondo le rispettive competenze, nonché dal direttore dei lavori. Per il rilascio della autorizzazione per l inizio dei lavori prevista dall art. 94 del D.P.R. 380/2001 saranno seguite le procedure previste dalla legge regionale , n 4, seguento l iter appresso indicato: A.1 ESAME PRELIMINARE. All atto della presentazione, il funzionario di questa Area competente, provvederà ad indicare sul frontespizio della denuncia la classe di attibuzione della pratica ed a trasmetterla all ufficio protocollo previa apposizione della data di presentazione e della propria firma. A.2 VARIANTI Le denunce di variante relative a progetti già depositati presso questa Area mantengono, in linea generale, la classe attribuita in origine a meno che il nuovo intervento non rientri, in analogia a quanto prescritto dalla L.R. 4/85, tra le opere da sottoporre al controllo obbligatorio. A.3 RILASCIO DEL PROVVEDIMENTO AUTORIZZATIVO Eseguiti i controlli previsti, questa Area provvederà a rilasciare il provvedimento autorizzativo che, in dipendenza della classe attribuita, potrà essere: Autorizzazione per l inizio dei lavori, per le pratiche sottoposte a controllo; Attestato di deposito, per i progetti non soggetti al controllo; Attestato di deposito, per i progetti di adeguamento sismico in sanatoria ai sensi dell art. 35 della legge 47/1985. A.4 COMUNICAZIONI DI INIZIO LAVORI (art. 65 D.P.R. 380/01 e L.R. 4/85) Le comunicazioni di inizio dei lavori, previste dalla L.R. 4/85, dovranno essere presentate dalla ditta esecutrice dei lavori a questa Area, o direttamente o per raccomandata A.R. e sulla stessa dovranno essere indicate: Generalità del titolare della ditta esecutrice dei lavori, Generalità del committente dei lavori; Generalità del progettista delle strutture e del direttore dei lavori; Estremi dell Autorizzazione/attestato di deposito rilasciato da questa Area; Lettera di incarico del proprietario al collaudatore per la redazione del certificato di collaudo completa delle relative generalità, domicilio ed degli estremi di iscrizione al relativo Albo professionale. Accettazione dell incarico da parte del collaudatore e dichiarazione che lo stesso gode di tutte le condizioni previste per la redazione del relativo certificato di collaudo.

4 Tutte le suddette comunicazioni dovranno essere sottoscritte dal titolare dell impresa e dal committente (allegando fotocopia di un documento di riconoscimento) nonchè dal Direttore dei Lavori. Eseguite le opportune verifiche i dati riportati nelle suddette comunicazioni di inizio dei lavori verranno annotati sul relativo registro delle posizioni sismiche e sul supporto informatico già in uso presso questa Area. N.B. Si rammenta che in caso di Lavori eseguiti in economia il collaudatore dovrà essere scelto fra una terna di ingegneri/architetti designata dai rispettivi albi professionali. La suddetta comunicazione di inizio dei lavori può essere eseguita utilizzando il fac-simile predisposto da questa Area. A.5 PRESENTAZIONE DELLE RELAZIONE DI FINE STRUTTURE Le istanze per il deposito delle Relazioni di fine strutture dovranno essere presentate dal Direttore dei Lavori, utilizzando lo stampato predisposto da questa Area completato in ogni sua parte. Alla suddetta istanza dovrà essere allegata la Relazione di Fine strutture in triplice originale, con allegati i certificati di prova sui materiali e le certificazioni di eventuali ulteriori prove eseguite (es. prove di carico, etc.) N.B. Si rammenta che la Relazione di fine strutture dovrà essere depositata presso questa Area entro 60 giorni dalla data di fine lavori dichiarata sulla relazione stessa. Per le relazioni di fine strutture presentate dopo tale termine ne verrà data comunicazione all Autorità Giudiziaria competente per l applicazioni delle sanzioni previste dalla vigente normativa. A.6 RESTITUZIONE DELLE RELAZIONI DI FINE STRUTTURE A parziale modifica delle procedure in atto e a far data dal presente provvedimento le Relazioni di fine strutture che saranno in regola con le verifiche di cui al precedente punto A.5, seguiranno le seguenti procedure: Annotazione dei dati negli appositi registri sul supporto informatico già in uso presso questa Area, previa apposizione sull istanza e sulle relazioni di fine strutture dell attestazione dell avvenuto deposito con archiviazione di una copia delle stesse; Rilascio di una copia della suddetta relazione, munita dell attestazione dell avvenuto deposito, al Direttore dei Lavori o suo delegato; Invio di una copia della suddetta Relazione di fine strutture all Ufficio preposto per la redazione dell elenco di quelle da sottoporre al sorteggio mensile previsto dalla L.R. 4/85. Dopo l esecuzione delle operazioni relative al sorteggio previsto dalla L.R. 4/85 si provvederà a dare comunicazione al Direttore dei lavori, al Committente ed allo Sportello Unico del Comune di competenza dell esito dello stesso e delle modalità da seguire per il completamento dell iter procedurale per l adozione dei successivi adempimenti. A.7 PRESENTAZIONE DEI CERTIFICATI DI COLLAUDO Le istanze per il deposito dei certificati di collaudo dovranno essere presentate, dal collaudatore, utilizzando lo stampato predisposto da questa Area completato in ogni sua parte. Alla suddetta istanza dovrà essere allegato il Certificato di Collaudo in duplice originale e eventuali certificazioni aggiuntive disposte da collaudatore (es. prove di carico, etc.)

5 N.B. Si rammenta che i certificati di collaudo dovranno essere redatti entro 60 giorni dalla data in cui il Direttore dei Lavori ha comunicato a questa Area, o allo Sportello Unico, la ultimazione delle strutture. Per i certificati di collaudo che risulteranno redatti dopo tale termine ne verrà data comunicazione all Autorità Giudiziaria competente per l applicazioni delle sanzioni previste dalla vigente normativa. A.8 RESTITUZIONE DEI CERTIFICATI DI COLLAUDO I Certificati di collaudo che saranno in regola con le verifiche di cui al precedente punto A.7, seguiranno le seguenti procedure: Annotazione dei dati negli appositi registri e sul supporto informatico già in uso presso questa Area, previa apposizione sull istanza e sul certificato di collaudo dell attestazione dell avvenuto deposito con archiviazione di una copia del certificato; Rilascio di una copia del suddetto certificato, munito dell attestazione dell avvenuto deposito, al collaudatore o suo delegato. N.B. In attuazione delle vigenti disposizioni è consentito al collaudatore presentare il certificato di collaudo in unica copia; in tal caso, eseguite le verifiche di cui la precedente punto 7), si procederà, previa apposizione dell attestazione dell avvenuto deposito, alla archiviazione dell unica copia pervenuta. ADEMPIMENTI PER LE PRATICHE DI SANATORIA EDILIZIA (art. 35 Legge 47/85) A.9 PROGETTI DI ADEGUAMENTO SISMICO Per la presentazione delle denunce inerenti i progetti di adeguamento sismico in sanatoria dovranno essere utilizzati gli stampati come sopra predisposti da questa Area e per la classificazione e registrazione e rilascio dell attesatato di deposito dovranno essere osservate le procedure previste ai precedenti punti A.1, A.2 e A.3 facendo presente che, in adempimento a quanto previsto all art. 35 della legge 47/1985 e successive modificazioni ed integrazioni i suddetti interventi sono soggetti al solo deposito presso questa Area e quindi non dovranno essere sottoposti ad alcun controllo, fatto salvo quelli relativi alla completezza degli elaborati. A.10 COMUNICAZIONI DI INIZIO LAVORI Per le comunicazioni di inizio dei lavori relative ai progetti di adeguamento sismico in sanatoria, dovranno essere seguite le procedure indicate al precedente punto A.4). A.11 PRESENTAZIONE DELLE RELAZIONE DI FINE STRUTTURE Per il deposito delle relazioni di fine strutture relative ai progetti di adeguamento sismico in sanatoria dovranno essere seguite le procedure indicate ai precedenti punti A.5 e A.6. Le sudette relazioni dovranno essere presentate soltanto in duplice originale in quanto non dovranno essere sottoposte al sorteggio previsto dalla legge regionale n.4/1985. A.12 CERTIFICATI DI IDONEITÀ SISMICA A seguito dei lavori di adeguamento sismico di cui al precedente punto A.9, il collaudatore provvederà al deposito presso questa area del Certificato di idoneità sismica, in duplice copia, utilizzando i modelli già predisposti da questa Area mantenendo la posizione attribuita al progetto originario.. In tali casi il redattore del certificato di idoneità sismica può essere identificato anche nel progettista strutturale dei lavori di adeguamento e può curare anche la direzione dei lavori. Le procedure per il rilascio di copia dei suddetti certificati, muniti dell attestato di deposito da parte di questa Area, sono quelle previste ai precedenti punti A.1, A.2 e A.3.

6 A.13 DISPOSIZIONE CIRCA LE OPERE ASSEVERABILI Interpretando lo spirito dell art. 9 della L.R. 5/1/1985, n. 4 che tende a snellire le procedure per le opere a struttura semplice, ferme restando le prescrizioni di carattere strutturale, si ritiene che possano essere asseverate, tra l altro, anche le opere intese come opere di miglioramento sismico così come definite al punto C.9 del D.M , la costruzione e rifacimento di tetti e di solai, la costruzione di cappelle funerarie, tinelli agricoli, cabine elettriche private, muri di sostegno di altezza inferiore a metri 3, ed altre opere di limitata volumetria ed importanza. B) ZONE SISMICHE 3 e 4 B.1 PRESENTAZIONE DELLA DENUNCIA DEI LAVORI E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI PER LE COSTRUZIONI IN ZONE SISMICHE. (ARTT. 93 e 65 DEL D.P.R. 380/2001) Le denunce dovranno essere presentate utilizzando lo stampato predisposto da questa Area in quattro copie (un originale in bollo e tre copie) compilato in ogni sua parte e corredato da fotocopia di un documento di identità del committente e del titolare della ditta esecutrice dei lavori. Alle denunce di cui sopra deve essere allegato il progetto, in duplice copia, timbrato e firmato dai progettisti, secondo le rispettive competenze, nonché dal direttore dei lavori e deve contenere tutti gli elaborati indicati sulla denuncia stessa. La eventuale mancanza di elaborati indicati nell elenco degli allegati, dovuta alla limitata importanza dell intervento, deve essere motivata dal progettista delle strutture fermo restando il contenuto minimo del progetto. All atto della presentazione dei progetti verrà rilasciata una ricevuta provvisoria con l annotazione della data presunta in cui potrà essere ritirata copia del progetto munito del visto di deposito presso questa Area. B.2 REGISTRAZIONE DELLE DENUNCE Le suddette denunce verranno annotate sul registro delle posizioni e sul supporto informatico già in uso presso questa Area. B.3 TIMBRATURA, ARCHIVIAZIONE E RESTITUZIONE DEGLI ELABORARTI. Sulle denunce e sulle due copie degli elaborati progettuali, come sopra depositati, verrà apposto il timbro attestante l avvenuto deposito ai sensi dell art.94 del citato D.P.R. 380/2001 (Leggi 64/1974 e 1086/1971). Una prima copia della suddetta denuncia e una copia del progetto verranno restituiti al richiedente unitamente alla nota di trasmissione sulla quale saranno indicati gli estremi della registrazione. La seconda copia della suddetta denuncia e della nota di trasmissione sarà diretta allo Sportello Unico del Comune competente per territorio. La terza copia della suddetta denuncia e della nota di trasmissione, corredate dalla seconda copia del progetto, munito dell attestato di deposito, verranno inviati all archivio regionale. La quarta copia della sola denuncia e della nota di trasmissione, sulla quale verrà fatta apporre la firma all atto della restituzione degli atti ai committenti, verranno trattenute nell archivio al piano terreno di questa Area, in tassativo ordine progressivo, ai fini di una eventuale rapida consultazione che si rendesse necessaria successivamente.

7 B.4 PROGETTI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI UNICI DEI COMUNI. Tutti i progetti che perverranno per il tramite degli Sportelli Unici dei Comuni della provincia di Roma, dovranno attenersi alle disposizioni di cui al precedente punto B.1. Gli sportelli unici, per ogni progetto, dovranno comunicare di aver provveduto alle previste verifiche e dichiarare che il progetto è completo del contenuto minimo stabilito da questa Area. La seconda copia del progetto verrà restituita allo Sportello Unico competente, unitamente alla nota di trasmissione sulla quale saranno indicati gli estremi della registrazione. I progetti che risultassero incompleti verranno dichiarati non ricevibili e restituiti agli Sportelli Unici con esito negativo e corredati dalla nota, predisposta da questa Area, sulla quale verranno indicati i motivi della restituzione. B.5 RELAZIONI DI FINE STRUTTURE Fine strutture di progetti già posizionati da questa Area Le istanze per il deposito delle Relazioni di fine strutture dovranno essere presentate, dal Direttore dei Lavori, utilizzando lo stampato predisposto da questa Area completato in ogni sua parte. Alla suddetta istanza dovrà essere allegata la Relazione di fine strutture in triplice originale, con allegati i certificati di prova sui materiali e le certificazioni di eventuali ulteriori prove eseguite (es. prove di carico, etc.) N.B. Si rammenta che la relazione di fine strutture dovrà essere depositata presso questa Area entro 60 giorni dalla data di fine lavori dichiarata sulla relazione stessa. Per le relazioni di fine strutture presentate dopo tale termine ne verrà data comunicazione all Autorità Giudiziaria competente per l applicazioni delle sanzioni previste dalla vigente normativa. Fine strutture di progetti già presentati allo sportello unico. Le istanze per il deposito delle RELAZIONI DI FINE STRUTTURE dovranno essere presentate in triplice copia dal Direttore dei Lavori, utilizzando lo stampato predisposto da questa Area completato in ogni sua parte e dovranno essere corredate di copia della denuncia già presentata allo Sportello Unico, completa degli estremi di registrazione del Comune (protocollo).. N.B. Si rammenta che la relazione di fine strutture dovrà essere depositata presso questa Area, o allo Sportello Unico, entro 60 giorni dalla data di fine lavori dichiarata sulla relazione stessa. Per le relazioni di fine strutture presentate dopo tale termine ne verrà data comunicazione all Autorità Giudiziaria competente per l applicazioni delle sanzioni previste dalla vigente normativa. B.6 RESTITUZIONE DELLE RELAZIONI DI FINE STRUTTURE Le Relazioni di fine strutture che saranno in regola con le verifiche di cui al precedente punto B.5, seguiranno le seguenti procedure: Annotazione dei dati negli appositi registri sul supporto informatico già in uso presso questa Area, previa apposizione sull istanza e sulle relazioni di fine strutture dell attestazione dell avvenuto deposito con archiviazione di una copia delle stesse; Rilascio di una copia della suddetta relazione, munita dell attestazione dell avvenuto deposito, al Direttore dei Lavori o suo delegato;

8 Invio di una copia della suddetta Relazione di fine strutture, munita dell attestazione dell avvenuto deposito, allo Sportello Unico del Comune competente per territorio B.7 CERTIFICATI DI COLLAUDO Certificati di collaudo di progetti già posizionati da questa Area Le istanze per il deposito dei CERTIFICATI DI COLLAUDO dovranno essere presentate dal collaudatore, utilizzando lo stampato predisposto da questa Area completato in ogni sua parte. Alla suddetta istanza dovrà essere allegato il Certificato di Collaudo in duplice copia e eventuali certificazioni aggiuntive disposte da collaudatore (es. prove di carico, etc.). Certificati di collaudo di progetti già presentati allo sportello unico. Dovranno, di regola, pervenire in unica copia, e fermi restando i controlli sulla regolarità degli stessi, con particolare riferimento al rispetto dei termini previsti per la redazione del suddetto certificato, si procederà alla annotazione sui relativi registri e sul supporto informatico già in uso presso questa Area ed all invio presso l archivio regionale. E consentito presentare allo sportello di questa Area i certificati di collaudo in duplice copia chiedendone la restituzione di una copia munita dell attestato di deposito.. In tal caso i suddetti certificati dovranno essere corredati, all atto della presentazione delle istanze, da copia della denuncia del progetto e della relazione di fine strutture, munite degli estremi della presentazione allo Sportello Unico. N.B. Si rammenta che i certificati di collaudo dovranno essere redatti entro 60 giorni dalla data in cui il Direttore dei Lavori ha comunicato a questa Area, o allo Sportello Unico, la ultimazione delle strutture. Per i certificati di collaudo che risulteranno redatti dopo tale termine ne verrà data comunicazione all Autorità Giudiziaria competente per l applicazioni delle sanzioni previste dalla vigente normativa. B.8 RESTITUZIONE DEI CERTIFICATI DI COLLAUDO I Certificati di collaudo che saranno in regola con le verifiche di cui al precedente punto B.7, seguiranno le seguenti procedure: Annotazione negli appositi registri e sul supporto informatico già in uso presso questa Area previa apposizione sull istanza e sul certificato di collaudo dell attestazione dell avvenuto deposito e archiviazione di una copia della relazione stessa. Rilascio di una copia del certificato di collaudo, munito dell attestazione dell avvenuto deposito, al collaudatore o suo delegato. N.B. In attuazione delle vigenti disposizioni è consentito al collaudatore presentare il certificato di collaudo in unica copia; in tal caso, eseguite le verifiche di cui la precedente punto 7), si procederà, previa registrazione e apposizione dell attestazione dell avvenuto deposito, alla archiviazione dell unica copia pervenuta. ADEMPIMENTI PER LE PRATICHE DI SANATORIA EDILIZIA (art. 35 Legge 47/85) B.9 PROGETTI DI ADEGUAMENTO SISMICO Per la presentazione delle denunce inerenti i progetti di adeguamento sismico in sanatoria dovranno essere utilizzati gli stampati come sopra predisposti da questa Area e per la classificazione e registrazione e rilascio dell attesatato di deposito dovranno essere osservate le procedure previste

9 ai precedenti punti B.1, B.2 e B.3 facendo presente che, in adempimento a quanto previsto all art. 35 della legge 47/1985 e successive modificazioni ed integrazioni i suddetti interventi sono soggetti al solo deposito presso questa Area e quindi non dovranno essere sottoposti ad alcun controllo, fatto salvo quelli relativi alla completezza degli elaborati. B.10 PRESENTAZIONE DELLE RELAZIONE DI FINE STRUTTURE Per il deposito delle relazioni di fine strutture relative ai progetti di adeguamento sismico in sanatoria dovranno essere seguite le procedure indicate ai precedenti punti B.5 e B.6.. B.11 CERTIFICATI DI IDONEITÀ SISMICA A seguito dei lavori di adeguamento sismico di cui al precedente punto B.9, il collaudatore provvederà al deposito presso questa area del Certificato di idoneità sismica, in duplice copia, utilizzando i modelli già predisposti da questa Area mantenendo la posizione attribuita al progetto originario.. In tali casi il redattore del certificato di idoneità sismica può essere identificato anche nel progettista strutturale dei lavori di adeguamento e può curare anche la direzione dei lavori. Questa Area ha predisposto anche i modelli per la presentazione dei Certificati di idoneità statica per le zone sismiche 1, 2, 3 e 4 ed i Certificati di idoneità sismica per le zone sismiche 3 e 4, da presentare sempre in duplice copia e relativi agli edifici soggetti a sanatoria edilizia che non necessitano di interventi di adeguamento. Le procedure per il rilascio di copia dei suddetti certificati, muniti dell attestato di deposito da parte di questa Area, sono quelle previste ai precedenti punti B.1,B.2 e B.3. C) DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE C.1 CHIARIMENTI IN MERITO ALL INIZIO DEI LAVORI DI ELEMENTI PREFABBRICATI La prima Sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici nella adunanza del , prot. 264 ha ritenuto che solo nel caso di elementi prefabbricati prodotti ad hoc, secondo uno specifico progetto, e che riguardino almeno i principali elementi portanti della costruzione, l inizio dei lavori possa essere riferito alla data di immissione alla produzione nello stabilimento degli specifici manufatti. Tale data va riportata, a cura del Direttore Tecnico dello stabilimento, sul registro di produzione, sul quale debbono essere altresi annotati i risultati delle prove del conglomerato cementizio costituente l elemento prefabbricato, secondo quanto previsto dal punto del D.M , che ribadisce peraltro quanto stabilito dal D.M La documentazione da allegare alla fornitura dei manufatti prefabbricati sarà quella prevista al punto del D.M , fatta eccezione per la specifica documentazione relativa alla produzione relativa alla produzione in serie (certificato di origine ed attestato di qualificazione del Servizio Tecnico Centrale) e fatta salva l attestazione della conformità secondo il DPR n. 246/93 (marcatura CE) quando applicabile. Resta quindi escluso il caso in cui in una costruzione si faccia uso di elementi prefabbricati prodotti in serie in stabilimento, nel qual caso l inizio dei lavori sarà quello effettivo nel cantiere di costruzione. C.2 CHIARIMENTI SULLA APPLICABILITA DELL ART. 104 DEL D.P.R. 380/2001. La Regione Lazio con Delibera della Giunta Regionale n.766/2003 la disposto la nuova classificazione delle Zone Sismicle 1, 2, 3 e 4 per le quali dovranno essere osservate le disposizioni di cui all art. 104 del D.P.R. 380/2001. In proposito il Ministero delle Infrastrutture ed i Trasporti con nota in data , n.15316/2005/s..p. fatto presente che l O.P.C.M del Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative

10 tecniche per le costruzioni in zona sismica, all art. 2, comma 2, ha dato facoltà agli operatori di progettare e costruire con la classificazione previgente fino alla entrata in vigore delle Nuove Norme Tecniche. Ne deriva, quindi, che le disposizioni di cui al citato art. 104 sono da applicarsi per le opere la cui esecuzione è successiva all entrata in vigore delle Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni, ovvero dal 24 di ottobre Pertanto la progettazione di tutte le costruzioni da realizzare nei territori dei suddetti Comuni, in data successiva al , dovrà essere eseguita nell assoluto rispetto della vigente normativa in materia di edilizia antisismica. C.3 UTILIZZAZIONE DEGLI EDIFICI (ART. 62 DEL D.P.R. 380/2001) Per quanto riguarda il rilascio del Certificato di perfetta rispondenza dell opera eseguita alle norme del capo IV per l utilizzazione degli edifici in cemento armato ed a struttura metallica, ai sensi dell art. 62 del DPR 380/2001, si deve fare riferimento al disposto di cui all art. 11, della Legge Regionale , n.4, Prime norme per l esercizio delle funzioni regionali in materia di prevenzione del rischio sismico. Snellimento delle procedure. che recita: COMMA 3 - Il certificato di rispondenza delle opere eseguite alla normativa sismica, previsto dall art. 28 della legge 2 febbraio 1974, n 64, (ora art. 62 del DPR 380/2001), è rilasciato dal competente Settore Regionale Decentrato Opere e Lavori Pubblici (ora Area Decentrata LL.PP. di Roma) competente per territorio soltanto nei casi in cui il medesimo abbia proceduto agli accertamenti diretti ai termini del precedente art.8. COMMA 4 - Negli altri casi tiene luogo del suddetto certificato per opere in cemento armato ed a struttura metallica quello di collaudo previsto dall art.7 della legge 5 novembre 1971, n 1086, che deve essere integrato dal collaudatore con la dichiarazione della rispondenza delle opere medesime alla normativa antisismica ed al progetto approvato e, per le altre opere, la relazione finale redatta dal Direttore dei Lavori ai sensi del secondo comma del presente articolo. Pertanto le richieste per il rilascio dei suddetti certificati dovranno essere avanzate dal Committente dei lavori esclusivamente per quelle opere in cemento armato ed a struttura metallica, ricadenti in Zona Sismica 1 e 2, per le quali questa Area medesima abbia eseguito accertamenti diretti ai termini dell art. 8 della L.R , n.4, utilizzando lo stampato predisposto da questa Area medesima, compilato in ogni sua parte, allegando copia del certificato di collaudo redatto e depositato nel rispetto della vigente normativa in materia di edilizia antisismica. C.4 DISPOSIZIONI INERENTI LA PRESENTAZIONE DI PRATICHE CHE CONTEMPLANO PIU PROGETTI. Al fine di evitare i numerosi inconvenienti di carattere tecnico ed amministrativo che si verificano per le pratiche che presentano più progetti si comunica quanto segue: I progetti di fabbricati che presentano, sotto il profilo strutturale, interagenza tra loro o separati dal solo giunto tecnico, possono essere presentati con unica denuncia. Nel caso in cui i progetti non presentino le caratteristiche di cui sopra (palazzine, ville, fabbricati, ecc.), è consigliabile che gli stessi vengano presentati separatamente anche in considerazione che la vigente normativa prescrive il termine di 60 giorni per il deposito della relazione di ultimazione delle strutture e 60 giorni per la redazione del certificato di collaudo. Alla luce di quanto sopra appare difficile rispettare i suddetti termini in considerazione che non è consentito presentare relazioni di fine strutture e certificati di collaudo parziali. Risulta invece più aderente alla realtà che per ogni edificio venga redatta una specifica relazione di fine strutture ed un proprio certificato di collaudo. In tal caso dovrà essere presentata una denuncia per ogni progetto, anche se fanno parte di unica concessione edilizia.

11 C.5 COPIE CONFORMI Le richieste di copie conformi di atti in deposito presso questo Settore, dovranno essere avanzate in carta legale da soggetti che abbiano titolo ad accedere agli atti ai sensi della legge 241/90 e successive modificazioni e integrazioni. Si allega, relativamente alle zone sismiche di competenza, copia degli stampati e dei fac-simile predisposti da questa Area. N.B. LA NUOVA MODULISTICA PUO ESSERE ACQUISITA PER VIA COMUNICANDO L INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA AD UNO DEI SEGUENTI N. TELEFONICI: Piccinelli Salvatori Costantini Marinucci Ranaldi Perna De Simone IL RESPONSABILE DELLE ZONE SISMICHE 1 E 2 IL RESPONSABILE DELLE ZONE SISMICHE 3 E 4 (Geom. Ennio Salvatori) (Geom. Maurizio Costantini) IL DIRIGENTE DELL UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA IN ZONE SISMICHE (Per. Ed. Alberto Piccinelli) IL DIRIGENTE DI AREA (Dott. Ing. Luciano Pizzuti)

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana AOO_064_06/07/2010-0063622 CIRCOLARE ESPLICATIVA da pubblicarsi sul B.U.R.P. e sul sito internet www.regione.puglia.it area tematica

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Repubblica Italiana Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Disponibile in formato elettronico sul sito: www.regione.lazio.it Legge Regionale n.12 del 13 agosto 2011 Data 20/12/2012 Numero 74 Supplemento

Dettagli

ALLO SPORTELLO U ICO PER L EDILIZIA del Comune di Santa Maria di Sala Piazza XXV Aprile, 1 30036 SA TA MARIA DI SALA

ALLO SPORTELLO U ICO PER L EDILIZIA del Comune di Santa Maria di Sala Piazza XXV Aprile, 1 30036 SA TA MARIA DI SALA marca da bollo (. 14,62) ALLO SPORTELLO U ICO PER L EDILIZIA del Comune di Santa Maria di Sala Piazza XXV Aprile, 1 30036 SA TA MARIA DI SALA DE U CIA OPERE I CO GLOMERATO CEME TIZIO ARMATO ORMALE E PRECOMPRESSO

Dettagli

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450 Giunta Regionale Direzione Generale Opere Pubbliche, Politiche per la Casa ed Edilizia Residenziale Pubblica Milano, 16 marzo 2005 Il Direttore Generale R0140P01756D10450 Oggetto: Chiarimenti in ordine

Dettagli

1. Dati del dichiarante In quale delle seguenti situazioni ci si trova?

1. Dati del dichiarante In quale delle seguenti situazioni ci si trova? Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU)

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) protocollo BOLLO PRATICA N PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Prot. Generale N. 0098330 / 2014 Atto N. 4249 PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI AREA EDILIZIA - PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OGGETTO: AUTORIZZAZIONE

Dettagli

DI ANGUILLARA SABAZIA

DI ANGUILLARA SABAZIA 1 CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI ROMA Area Urbanistica - Edilizia Privata - Patrimonio - Edilizia Residenziale Pubblica MODULO C.I.L.A. In duplice copia COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA

Dettagli

DENUNCIA OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE E PRECOMPRESSO E A STRUTTURA METALLICA

DENUNCIA OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE E PRECOMPRESSO E A STRUTTURA METALLICA Modello da compilarsi a cura dei dichiaranti Marca da bollo 16,00 COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA In caso trasmissione via PEC: Regolarizzazione ai fini dell imposta di bollo. Marca

Dettagli

LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO : Via n. int. ;

LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO : Via n. int. ; Al Responsabile dell Ufficio Tecnico Settore Urbanistico Del Comune di MORCONE Bollo 14,62 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE PER : Il/La sottoscritto/a Nato/a a Codice fiscale/partita Iva /con sede in Via

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Prot. Gen. Pratica Edilizia: n. del / / RICHIESTA CERTIFICATO

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena PROTOCOLLO Settore Tecnico Urbanistica Servizio Edilizia Privata SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Dati della denuncia di inizio attività/permesso di costruire: (Legge

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 Settore Governo del Territorio Mod SCIA_08 / 02.2015 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento

Dettagli

Per ACCETTAZIONE dell incarico da parte dell impresa di costruzioni:

Per ACCETTAZIONE dell incarico da parte dell impresa di costruzioni: 4) NOMINA DEL COSTRUTTORE Il sottoscritto Committente delle opere in oggetto, dichiara che: 4.1) I LAVORI SARANNO AFFIDATI ALLA DITTA APPALTATRICE Il sottoscritto Committente delle opere in epigrafe comunica

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Timbro protocollo Bollo Comune di Crespellano Provincia di Bologna Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Ai sensi della

Dettagli

Comune di Fabriano Sportello Unico per l Edilizia

Comune di Fabriano Sportello Unico per l Edilizia Perm. n. Prat. n. Anno del bollo All Ufficio dello Sportello Unico per l'edilizia Del Comune di PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita

Dettagli

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità.

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Marca da bollo 16,00 All Ufficio Tecnico per l edilizia del Comune di 22032 ALBESE CON CASSANO OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva,

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AGLI UFFICI COMUNALI

SPAZIO RISERVATO AGLI UFFICI COMUNALI ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI LANDRIANO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ai sensi dell art.19 della Legge 7 agosto 1990, n. 241, modificata dalla Legge 30 luglio 2010,

Dettagli

Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20

Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VICENZA Doc. B Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20 Delibera del Consiglio: 25/11/2010 In vigore dal: 02/05/2011 1. Il presente

Dettagli

AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica

AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica Protocollo RICHIESTA CERTIFICATO AGIBILITA n del (Riservato all Ufficio) AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica MARCA DA BOLLO 14,62 RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITÀ ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Sede S. Piero in Bagno Piazza Martiri 25 luglio 1944 n. 1 Provincia Forlì-Cesena Tel. 0543 900411 Fax 0543 903032 e-mail: settoreurbanistica@comune.bagnodiromagna.fc.it SCHEDA

Dettagli

Concessione Edilizia n. del / / ; Permesso di Costruire n. del / / ;

Concessione Edilizia n. del / / ; Permesso di Costruire n. del / / ; Modello di domanda volta ad ottenere il certificato di agibilità pag. 1 Vers. 1/2006 Marca da Bollo 14,62 Spazio per Ufficio Protocollo AL SINDACO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ.

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ. Marca da bollo. 16,00 16,0016,0 0 Al Comune di Turri Piazza Sandro Pertini, 1 09020 Turri PRATICA N ANNO PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita

Dettagli

Allegato G al RUE. Modalità operative di controllo degli interventi edilizi sottoposti a verifica COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA

Allegato G al RUE. Modalità operative di controllo degli interventi edilizi sottoposti a verifica COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA Adottato con Del. C.C. n 229 del 11/12/2006 Riadottato con Del. C.C. n 145 del 20/10/2008 Approvato con Del. C.C. n del Il Sindaco

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) PRATICA EDILIZIA N. ANNO NUOVA VARIANTE A DEL Comune di Vedano al Lambro ANNULLAMENTO / ARCHIVIAZIONE - RICHIESTA DEL PROT. DA PRESENTARSI DOPO L OTTENIMENTO DEGLI EVENTUALI ALTRI ATTI PREVISTI DALLE NORMATIVE

Dettagli

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ.

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ. PRATICA N ANNO BOLLO PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ. avente titolo alla presentazione della

Dettagli

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato Sezione n 1- Informazioni amministrative: In tale sezione devono essere

Dettagli

P.A.S. Procedura Abilitativa Semplificata

P.A.S. Procedura Abilitativa Semplificata COMUNE DI COLONNELLA P.A.S. Procedura Abilitativa Semplificata (ai sensi dell art. 6 del D.Lgs. 28/2001) Moduli fotovoltaici collocati su edifici (NON INTEGRATI) e/o con superficie complessiva dei moduli

Dettagli

DOMANDA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Ai sensi del T. U. in materia edilizia - artt. 24-25 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 e s.m.i.

DOMANDA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Ai sensi del T. U. in materia edilizia - artt. 24-25 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 e s.m.i. AL COMUNE DI RIVALTA di TORINO Settore Politiche del Territorio Servizio Edilizia Privata Protocollo generale Marca da Bollo. 14,62 Via Balma n. 5 10040 Rivalta (TO) Spazio riservato al servizio protocollo

Dettagli

PAS PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (D.Lgs n. 28 del 03.03.2011)

PAS PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (D.Lgs n. 28 del 03.03.2011) Modello PAS PG PR Data di arrivo/deposito Allo Sportello Unico per l Edilizia Ufficio Ricezione Piazza Municipale, 21 PAS PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (D.Lgs n. 28 del 03.03.2011) Il/La sottoscritto/a

Dettagli

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA Mod. AGIBILITA P R O V I N C I A D I V A R E S E Originale C o p i a S e r v i z i o E d i l i z i a P r i v a t a e U r b a n i s t i c a Pratica edilizia Protocollo generale Bollo da Euro 14,62 l sottoscritt

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AGIBILITA DI EDIFICI DESTINATI AD ATTIVITA ECONOMICHE

DICHIARAZIONE DI AGIBILITA DI EDIFICI DESTINATI AD ATTIVITA ECONOMICHE MODULISTICA UNIFICATA REGIONE LOMBARDIA (ai sensi dell art. 5 della l.r. 1/2007) Al Comune di Merlino Settore Tecnico Sede DICHIARAZIONE DI AGIBILITA DI EDIFICI DESTINATI AD ATTIVITA ECONOMICHE Il/La sottoscritto/a

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

Il/La sottoscritto/a C.F. ( ) residente a in Via/P.zza n.. Tel/Cel

Il/La sottoscritto/a C.F. ( ) residente a in Via/P.zza n.. Tel/Cel Spazio riservato all ufficio protocollo Bollo 14,62 Spett.le COMUNE DI CADREZZATE Via Vittorio Veneto, n. 29 21020 CADREZZATE (VA) Alla c.a. del Responsabile Area Tecnica OGGETTO: Richiesta di Certificato

Dettagli

RICHIESTA DI AGIBILITA

RICHIESTA DI AGIBILITA Protocollo Generale marca da bollo 14,62 RICHIESTA DI AGIBILITA (ai sensi del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ) Il Sottoscritto

Dettagli

Struttura tecnica competente in materia sismica

Struttura tecnica competente in materia sismica MUR A.14/D.8 Denuncia dei lavori Struttura tecnica competente in materia sismica ALLEGATO A: ISTANZA AUTORIZZAZIONE SISMICA ART. 11 L.R. 19/2008 DENUNCIA DI DEPOSITO DEL PROGETTO ESECUTIVO ART. 13 L.R.

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i) SITO IN VIA/LOCALITA

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i) SITO IN VIA/LOCALITA . BOLLO COMUNE DI ROFRANO Settore Urbanistica RISERVATO ALL UFFICIO ARCHIVIAZIONE DEL PROCEDIMENTO RISERVATO AL PROTOCOLLO PRATICA EDILIZIA N DEL / / RISERVATO ALL UFFICIO ACCETTAZIONE VERIFICA ELABORATI

Dettagli

CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (PROVINCIA DI NAPOLI) 2^ Area Risorse Finanziarie e Programmazione 7 Settore Programmazione OO.PP. Edilizia Cimiteriale

CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (PROVINCIA DI NAPOLI) 2^ Area Risorse Finanziarie e Programmazione 7 Settore Programmazione OO.PP. Edilizia Cimiteriale Marca da bollo da 16,00 CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (PROVINCIA DI NAPOLI) 2^ Area Risorse Finanziarie e Programmazione 7 Settore Programmazione OO.PP. Edilizia Cimiteriale LAVORI DI EDILIZIA CIMITERIALE DENUNCIA

Dettagli

COMUNE DI POZZOLENGO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA ELENCO DEI DOCUMENTI DA PRESENTARE PER LA RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA

COMUNE DI POZZOLENGO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA ELENCO DEI DOCUMENTI DA PRESENTARE PER LA RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA ELENCO DEI DOCUMENTI DA PRESENTARE PER LA RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA 1) Dichiarazione di fine lavori e contestuale richiesta di abitabilità, con apposta marca da bollo da Euro 10,33. Può essere

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento degli eventuali altri atti previsti dalle normative

Dettagli

COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE 1 In esecuzione della deliberazione di Consiglio

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AI SENSI DELL ART. 21 BIS DELLA L.R. N 16/2008 E S.M.I.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AI SENSI DELL ART. 21 BIS DELLA L.R. N 16/2008 E S.M.I. SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AI SENSI DELL ART. 21 BIS DELLA L.R. N 16/2008 E S.M.I. All Ufficio Tecnico del Comune di Carasco Via IV Novembre 28 16042 CARASCO (GE) Carasco, li

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA'

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Aggiornamento 2014 PRATICA EDILIZIA N. / ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) AL COMUNE DI PIEVE EMANUELE Via Viquarterio, 1 20090 Ufficio Edilizia Privata SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall

Dettagli

COMUNE DI VO' PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI VO' PROVINCIA DI PADOVA Estremi di registrazione pratica edilizia Timbro Protocollo Certificato di Agibilità n. : (agg.03-15) / RISERVATO U.T.C. VISTO DI PRESENTAZIONE La presente domanda è composta di n allegati, risulta completa

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380)

DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380) Bollo COMUNE DI PADOVA Settore Edilizia Privata Via Frà Paolo Sarpi, 2 - Padova Tel. 0498204707 - Fax 0498204645 DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/200 n. 380) Domanda n / RICHIEDENTE Il sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO VIMINARIO PROVINCIA DI PADOVA Settore Territorio Servizio Edilizia Privata Spazio riservato all ufficio Numero pratica edilizia S.C.I.A. / Codice Fabbricato _ _ _ _ _ _ _ Spazio riservato

Dettagli

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001)

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001) Comune di Jesi Area Servizi Tecnici Ufficio Controllo del Territorio ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001) Spazio riservato all'ufficio Pratica

Dettagli

COMUNE DI LOREGGIA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI LOREGGIA PROVINCIA DI PADOVA LA RICHIESTA DEVE ESSERE COMPILATA IN OGNI SUA PARTE Timbro Protocollo generale Timbro Protocollo U.T.C. COMUNE DI LOREGGIA PROVINCIA DI PADOVA Marca da bollo da 14.62 ALLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

Dettagli

Lì, Spett.le UFFICIO TECNICO EDILIZIA PRIVATA DI VALEGGIO SUL MINCIO

Lì, Spett.le UFFICIO TECNICO EDILIZIA PRIVATA DI VALEGGIO SUL MINCIO Lì, Spett.le UFFICIO TECNICO EDILIZIA PRIVATA DI VALEGGIO SUL MINCIO DENUNCIA DELLE OPERE DI CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE E PRECOMPRESSO E A STRUTTURA METALLICA (ai sensi dell art. 4 della legge

Dettagli

COMUNE DI SANT ARCANGELO (PZ) Sportello Unico per l Edilizia Corso Vittorio Emanuele

COMUNE DI SANT ARCANGELO (PZ) Sportello Unico per l Edilizia Corso Vittorio Emanuele COMUNE DI SANT ARCANGELO (PZ) Sportello Unico per l Edilizia Corso Vittorio Emanuele SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) ex lege 07.08.1990 n. 241, art.19 Il sottoscritto nato a il codice

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI SETTORE 10 Urbanistica, Assetto del Territorio, PTCP, Paesaggio, Genio Civile, Difesa del Suolo

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI SETTORE 10 Urbanistica, Assetto del Territorio, PTCP, Paesaggio, Genio Civile, Difesa del Suolo PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI SETTORE 10 Urbanistica, Assetto del Territorio, PTCP, Paesaggio, Genio Civile, Difesa del Suolo Servizio Edilizia Sismica Piazza Plebiscito, n. 34-76121 BARLETTA Tel.

Dettagli

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI PAVIA COMUNICAZIONE RELATIVA ALL ESECUZIONE DI OPERE SENZA TITOLO ABILITATIVO ATTIVITA EDILIZIA LIBERA OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA art. 6 comma

Dettagli

Denuncia di Lavori per Deposito 3 (art. 2 L.R. 38/97, artt. 93 e 94 D.P.R. 380/01)

Denuncia di Lavori per Deposito 3 (art. 2 L.R. 38/97, artt. 93 e 94 D.P.R. 380/01) Spazio protocollo arrivo (spazio destinato allo Sportello Unico) Spazio protocollo uscita (spazio destinato all Ufficio Difesa del Suolo) Spazio per la marca da bollo Il bollo è sempre dovuto, anche per

Dettagli

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata COMUNE DI USMATE VELATE PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA Corso Italia n. 22-20040 USMATE VELATE P.I. 00714670965 - C.F. 01482570155 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ Art. 145 Legge regionale n. 65 del 10 Novembre 2014. P. E. n /

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ Art. 145 Legge regionale n. 65 del 10 Novembre 2014. P. E. n / SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ Art. 145 Legge regionale n. 65 del 10 Novembre 2014 Al Dirigente del Servizio Edilizia e attività economiche del Comune di Prato Protocollo P. E. n / Servizio

Dettagli

COMUNE DI CANARO. Provincia di Rovigo Ufficio Tecnico Comunale IL COMUNE DI CANARO RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI CANARO. Provincia di Rovigo Ufficio Tecnico Comunale IL COMUNE DI CANARO RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO IL COMUNE DI CANARO RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO Oggetto: indagine di mercato per la ricerca, individuazione e selezione di operatori economici da invitare alla procedura negoziata senza previa pubblicazione

Dettagli

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ ED AGIBILITÀ DELL IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art 25 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i., e con le modalità di cui all art

Dettagli

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001 e ss.mm.)

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001 e ss.mm.) ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001 e ss.mm.) Spazio riservato all'ufficio Pratica n. Archiviata n. del Marca da bollo di 16,00 Al Responsabile

Dettagli

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA RIMOZIONE E LO SMALTIMENTO DEI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO NEGLI EDIFICI PRIVATI SI RENDE NOTO CHE

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA RIMOZIONE E LO SMALTIMENTO DEI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO NEGLI EDIFICI PRIVATI SI RENDE NOTO CHE COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE Servizio LL.PP.- Urbanistica - Ambiente Via De Amicis C.A.P. 73010 -ARNESANO- Tel 0832-323813 Fax. 0832-323283 e-mail: ufficio.tecnico@comune.arnesano.le.it AVVISO

Dettagli

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA Prot. gen. del Comune Riservato al Servizio Prat. Edilizia: n. / Modalità di inoltro fax posta a mano via telematica Servizio Edilizia Privata (1) Sportello Unico Attività Produttive (2) Al Comune di CORTONA

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI BREGNANO

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI BREGNANO ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI BREGNANO Marca da bollo 14,62 RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380 Il/la Sottoscritto/a Nato/a

Dettagli

PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01)

PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) COMUNE DI CASTELBELLINO Sportello Unico per l Edilizia Piazza San Marco, 15 60030 Castelbellino e.mail: urbanistica@castelbellino.pannet.it www.comune.castelbellino.an.it Protocollo Bollo (*) ALLO SPORTELLO

Dettagli

COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze)

COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze) Protocollo Comune COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze) Pratica Ed. n. / Al Responsabile del Settore Urbanistica del Comune di Reggello Copia per Comune Copia per Denunciante sottoscritt 1) C.F. nat

Dettagli

prot. 3171- MOT2/C ROMA 6/8/2001 Al C.S.R.P.A.D. via di Settebagni,333 00138 ROMA Ai C.P.A Loro Sede e p.c. All A.N.F.I.A. TORINO All U.N.R.A.E.

prot. 3171- MOT2/C ROMA 6/8/2001 Al C.S.R.P.A.D. via di Settebagni,333 00138 ROMA Ai C.P.A Loro Sede e p.c. All A.N.F.I.A. TORINO All U.N.R.A.E. Dipartimento Trasporti Terrestri U. di G. Motorizzazione e Sicurezza del Trasporto Terrestre Ufficio MOT 2 prot. 3171- MOT2/C 6/8/2001 Al C.S.R.P.A.D. via di Settebagni,333 00138 Ai C.P.A Loro Sede e p.c.

Dettagli

Data di presentazione della DUAAP: N Protocollo / Pratica SUAP:

Data di presentazione della DUAAP: N Protocollo / Pratica SUAP: Spazio per la protocollazione/vidimazione MODELLO F - 3 Comunicazione di inizio e fine lavori Variazioni in corso di esecuzione N.B: La presente comunicazione deve essere obbligatoriamente presentata al

Dettagli

SCHEMA AVVISO PUBBLICO

SCHEMA AVVISO PUBBLICO SCHEMA AVVISO PUBBLICO FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI CUI AFFIDARE INCARICHI DI TECNICI DI CUI AGLI ARTT. 90 E 91 E SERVIZI DI CUI ALL ALL. IIA CATEGORIA 12 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

Dettagli

1. Dati del dichiarante

1. Dati del dichiarante SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento:27/02/2014 AGIBILITÀ Dichiarazione di agibilità per un impianto produttivo di beni e servizi N.B. Fino alla definizione delle modalità di pagamento del

Dettagli

R E G I O N E L A Z I O

R E G I O N E L A Z I O R E G I O N E L A Z I O DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE AREA DIFESA DEL SUOLO O.P.C.M. n. 3907 del 13 novembre 2010 Programma degli Interventi su Edifici Strategici ai fini di Protezione Civile ai sensi dell

Dettagli

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380 N. Prot. Bollo.16,00 Provincia dell Aquila Sportello Unico per l Edilizia ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il sottoscritto cod.

Dettagli

Il/La sottoscitto/a... nat a... il.. residente a.. via... civ. n. tel. concessione edilizia n... del. permesso di costruire n... del.

Il/La sottoscitto/a... nat a... il.. residente a.. via... civ. n. tel. concessione edilizia n... del. permesso di costruire n... del. spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da Bollo. Spett.le Comune di DAIRAGO (MI) Via Damiano Chiesa, 14. Sportello Unico per L Edilizia DOMANDA PER OTTENERE IL PERMESSO DI AGIBILITA. Pratica edilizia

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Modello CA (01/02/2013) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 6 COMUNE DI SAN GIOVANNI ROTONDO SETTORE TECNICO URBANISTICO - AMBIENTE - PATRIMONIO Cod. Fisc. 83001510714 P. IVA: 00464280718 Il

Dettagli

ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt... nat... a il / / residente in CAP via n. tel. cell.

Dettagli

Richiesta di rilascio del certificato di agibilità (art. 24 D.P.R. 06.06.2001 n 380)

Richiesta di rilascio del certificato di agibilità (art. 24 D.P.R. 06.06.2001 n 380) Modello 16-A REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE COMUNE DI GIGNOD Marca da bollo 14,62 EGREGIO SIG. SINDACO Richiesta di rilascio del certificato di agibilità (art. 24 D.P.R.

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AI SENSI DELL'ART. 42 DELLA L.R. 11 MARZO 2005 N. 12

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AI SENSI DELL'ART. 42 DELLA L.R. 11 MARZO 2005 N. 12 Interno N : Protocollo Generale Numero: Spazio riservato all ufficio ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI CASALZUIGNO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AI SENSI DELL'ART. 42 DELLA L.R. 11 MARZO

Dettagli

ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (A.C.E.) MODULISTICA AMBIENTALE

ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (A.C.E.) MODULISTICA AMBIENTALE CODICE EDILIZIA E URBANISTICA REGIONE LAZIZO INDICE DELLA MODULISTICA ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (A.C.E.) Istruzioni per inoltrare lʹa.c.e. o lʹautodichiarazione Autodichiarazione MODULISTICA

Dettagli

OGGETTO: Localizzazione dell intervento: Individuazione catastale: Il sottoscritto, quale titolare del Permesso DICHIARA CHE

OGGETTO: Localizzazione dell intervento: Individuazione catastale: Il sottoscritto, quale titolare del Permesso DICHIARA CHE DENUNCIA DI I N I Z I O L A V O R I - art. 31 R.E.C. - = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = IL PRESENTE MODELLO SE NON COMPILATO IN TUTTE LE SUE PARTI E SENZA GLI ALLEGATI E PRIVO DI EFFICACIA

Dettagli

(Modulo Integrato DIA) DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ

(Modulo Integrato DIA) DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (Modulo Integrato DIA) (Doc. 1 ) DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (art. 93 del RUE) ordinaria parziale sanatoria c.1 art.17 l.r. 23/04 in deroga sanatoria c.2 art.17 l.r. 23/04 variante in c.o. essenziale minore

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI BESOZZO PROVINCIA DI VARESE PRATICA EDILIZIA: N.... ANNO... RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (Ai sensi dell art. 24 del D.P.R. 06 giugno 2001 n. 380) RICHIEDENTE:

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI Prot. n. 3722 REGISTRO ON-LINE ATTO UNICO N. 6 DEL 02/02/2015 Il rilascio del presente atto è condizionato all accertamento dell avvenuto pagamento con bonifico bancario di

Dettagli

Denuncia di inizio attività ai sensi dell'art. 41 c. 2 e 42 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12

Denuncia di inizio attività ai sensi dell'art. 41 c. 2 e 42 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 ALLO SPRTELLO UNICO PER L EDILZIA DEL COMUNE DI BREGNANO Denuncia di inizio attività ai sensi dell'art. 41 c. 2 e 42 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 l sottoscrit.. (C.F. ) residente a in Via.. Tel. in qualità

Dettagli

Al settore uso ed assetto del territorio del Comune di Ponte San Nicolo. DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380)

Al settore uso ed assetto del territorio del Comune di Ponte San Nicolo. DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380) Protocollo PRATICA N. SIT Bollo 16,00 Al settore uso ed assetto del territorio del Comune di Ponte San Nicolo RICHIEDENTE DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380) Il sottoscritto codice

Dettagli

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001)

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001) COMUNE di MAGLIANO DE MARSI Provincia di L Aquila Via S. Maria di Loreto n.8 cap 67062 Tel. 0863/516 - FAX 0863/515018 P.I. 001820906 E-Mail info@comune.maglianodemarsi.aq.it Protocollo Generale Al Sig.

Dettagli

Compilazione (data e firma) Verifica (data e firma) Approvazione (data e firma)

Compilazione (data e firma) Verifica (data e firma) Approvazione (data e firma) Procedura CERTIFICAZIONI PC213 rev00 CE - 29/05/2015 Pagina 1 (7) Regolamento per la certificazione relativa all accordo preventivo per l installazione di ascensori in deroga (con fossa e/o testata ridotta)

Dettagli

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) PER L INTERVENTO DI: avente titolo alla presentazione della richiesta In qualità di:

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) PER L INTERVENTO DI: avente titolo alla presentazione della richiesta In qualità di: AL COMUNE DI CASACALENDA (CB) Corso Roma n. 78 86043 Casacalenda (CB) UFFICIO TECNICO RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA BOLLO. 16,00 PRATICA N ANNO PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01)

Dettagli

Denuncia di Inizio Attività

Denuncia di Inizio Attività Spazio riservato all ufficio protocollo diritti segreteria (1) Ai sensi dell art.42 c. 10 della LR12/2005 in assenza dell ordine di non effettuare l intervento si attesta l avvenuta chiusura del procedimento

Dettagli

COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA

COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA Prot. 7684 del 01/04/2014 COMUNE DI TAGGIA PROVINCIA DI IMPERIA Via San Francesco n. 441 - CAP 18011 Tel. 0184/476222 - Fax 0184/477200 http:www.taggia.it e-mail: info@comune.taggia.im.it SERVIZIO LAVORI

Dettagli

III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente

III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente STD 10.09.03 (agg. 03/2014) DESCRIZIONE INTERVENTO: DICHIARAZIONE ASSEVERATA DA ALLEGARE ALLA COMUNICAZIONE DI FINE

Dettagli

CIL: COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA LIBERA ATTIVITA EDILIZIA LIBERA SOGGETTA A COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI (D.Lgs n. 28 del 03.03.

CIL: COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA LIBERA ATTIVITA EDILIZIA LIBERA SOGGETTA A COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI (D.Lgs n. 28 del 03.03. Il/La sottoscritto/a nato/a a il domiciliato/a in via n Codice Fiscale/p.iva tel. Allo Sportello Unico per l Edilizia COMUNE CARPENEDOLO CIL: COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA LIBERA ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

Dettagli

Il /la sottoscritto/a, n.c.f. nato/a a Prov. il residente in Prov. C.A.P. in Via/P.zza n tel. avente titolo in qualità di proprietario /

Il /la sottoscritto/a, n.c.f. nato/a a Prov. il residente in Prov. C.A.P. in Via/P.zza n tel. avente titolo in qualità di proprietario / SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PRATICA N Del COMUNE DI SGURGOLA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Denuncia di Inizio Attività Ai sensi degli articoli 22 e 23 del D.P.R. 06 Giugno 2001 n 380 Come modificato

Dettagli

Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna

Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna Anaci Bologna OBBLIGO LINEE VITA IN EMILIA ROMAGNA Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna OeM Bologna 14.02.2014

Dettagli

COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo

COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo RICHIESTA DI AGIBILITA (Ai sensi del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380) Il sottoscritto.., nato a..., il... Codice fiscale, tel......, residente in..., località...,

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli