Fig. 1 - Popolazione residente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fig. 1 - Popolazione residente 1981-1991 - 2001"

Transcript

1 III.13 Mobilità e trasporti (Fausta Finzi -ENEA) Per descrivere la situazione della mobilità e dei trasporti nel comprensorio della Tuscia romana, si è cercato di acquisire i dati disponibili, considerati i limiti di tempo previsti dal progetto, che consentissero di individuare, almeno nelle grandi linee, la domanda di mobilità e di descrivere lo stato dell offerta di servizi di trasporto. La domanda di mobilità Per indagare l entità, le caratteristiche ed i motivi degli spostamenti tra le diverse località all interno del comprensorio e tra queste e le località ed esso esterne, sono stati esaminati i dati relativi a: -- dinamica della popolazione insediata (consistenza e cause), motivi e modalità principali degli spostamenti; -- attività produttive e infrastrutture (scolastiche e sportive); -- flussi turistici legati alla presenza di emergenze artistiche, storiche ed archeologiche o paesaggistiche; -- presenza di autovetture ad uso privato. I dati utilizzati sono stati forniti dai Comuni partners del progetto, da ISTAT, ANCI ed ACI. Dall analisi dei dati rilevati nei censimenti del 1981, del 1991 e del 21 e dai dati forniti direttamente dai Comuni, come rappresentati nelle Tabelle 3 5 dell Allegato III.13.1 e nelle Fig. 1-5 emerge la tendenza generalizzata all aumento della popolazione insediata: i maggiori incrementi di popolazione si sono verificati nei comuni di Anguillara, Bracciano e Canale M., gli incrementi minori si riscontrano nei comuni di Barbarano, Blera e Vejano e soltanto nei comuni di Allumiere e Tolfa la situazione è rimasta sostanzialmente inalterata, non tanto per effetto del saldo naturale (nati vivi - morti) quanto per effetto dell insediamenti di nuovi abitanti provenienti da aree limitrofe e specialmente dal Comune di Roma, dove la disponibilità di abitazioni a prezzi accessibili è sempre minore. Esiste cioè una tendenza allo spostamento di popolazione dall area metropolitana di Roma verso centri abitati minori nelle immediate vicinanze. Il fenomeno, che si manifesta in generale in tutti i centri intorno a Roma, per quanto riguarda il comprensorio della Tuscia romana è evidente soprattutto nei comuni di Anguillara, Manziana e Trevignano nella provincia di Roma e di Capranica e Vetralla nella provincia di Viterbo. Fig. 1 - Popolazione residente (dati ANCI) Barbarano Bassano Blera Capranica Oriolo Vejano Vetralla Allumiere Anguillara Bracciano Canale M. Manziana Tolfa Trevignano

2 Fig. 2 - Saldo naturale e migratorio ( ) - comuni provincia di RM Allumiere saldo nat. Allumiere saldo migr. Anguillara saldo nat. Anguillara saldo migr. Bracciano saldo nat. Bracciano saldo migr. Tolfa saldo nat. Tolfa saldo migr Fig. 3 - Saldo naturale e migratorio ( ) - comuni provincia di VT Blera saldo nat. Blera saldo migr. Vejano saldo nat. Vejano saldo migr. Vetralla saldo nat. Vetralla saldo migr

3 Fig. 4 - Saldo naturale e migratorio ( ) (dati ANCI) n. persone saldo migratorio saldo naturale Allumiere Anguillara Bracciano Canale M. Manziana Tolfa Trevignano Barbarano Bassano Blera Capranica Oriolo Vejano Vetralla Fig. 5 - Saldo demografico ( ) n. persone Allumiere Anguillara Bracciano Tolfa Blera Vejano Vetralla

4 Le attività produttive, che sono uno dei principali fattori tra quelli che contribuiscono alla formazione della domanda di mobilità, sono state esaminate nel capitolo III.9. Dai dati raccolti ed in particolare dalla Tab. C Addetti complessivi alle Attività Produttive di tale capitolo, emerge che per ciascun comune il rapporto tra gli occupati nel comune, ovunque residenti, e la popolazione residente totale dello stesso comune varia dal 15% al 65%. Questi valori non tengono conto, in quanto i dati ISTAT utilizzati non lo consentono, del numero di residenti nel comune che svolgono la propria attività lavorativa in un altro. Ciò premesso, i valori generalmente bassi del rapporto occupati/residenti nei comuni più vicini a Roma si può almeno in parte spiegare con l attrazione che una città come Roma esercita sulla forza lavoro di tali comuni. Dalla Fig. 6 seguente, in cui sono rappresentate la popolazione occupata e la popolazione attiva 1 risulta che il tasso di mobilità della popolazione è più elevato nei comuni di Anguillara, Trevignano e Manziana, in provincia di Roma, e in quelli di Vetralla e Capranica, in provincia di Viterbo. Fig. 6: Tasso di mobilità Occupati Pop. Attiva Barbarano R Bassano R Blera Capranica Oriolo R Vejano V etralla A llumiere A nguillara Bracciano Canale M Manziana Tolf a Trevignano Le infrastrutture scolastiche e sportive sono generatori di traffico in relazione al proprio bacino di utenza. Dalle informazioni fornite dai Comuni, attraverso specifico questionario, risulta che le infrastrutture presenti nel comprensorio sono tali da generare flussi di traffico prevalentemente locale che interessa al più qualche altro centro abitato limitrofo, eventualmente di altro comune, senza tuttavia determinare movimenti significativi. Di particolare rilievo sono invece i flussi di traffico turistico generati dalla presenza di emergenze artistiche, storiche ed archeologiche o paesaggistiche, di cui il comprensorio è molto ricco, che attirano flussi di visitatori anche da altre province e regioni o dall estero 2. Si tratta prevalentemente di movimenti concentrati nei fine settimana, durante tutto l anno, e nei mesi estivi che non si sovrappongono al flusso veicolare dei giorni feriali, dovuto invece prevalentemente a motivi di lavoro o studio. La quota di movimento turistico dovuto alla presenza delle numerose seconde case 3 può essere stimato in prima approssimazione, ed in assenza di rilevazioni puntuali, in circa 8. persone/anno. A questo 1 definita da ISTAT come popolazione residente in condizione professionale (occupati + disoccupati) più la popolazione residente in cerca di prima occupazione. 2 vedi par. III.9 Attività produttive - Turismo posti letto in tutto il comprensorio

5 si deve aggiungere il movimento giornaliero diretto ai comuni rivieraschi del lago di Bracciano ove sono attivi più di 14 ristoranti che attirano un movimento difficile da valutare con precisione, ma stimabile in un cifra variabile tra 5. e 1 milione di avventori/anno. Allo scopo di completare il quadro dei poli di attrazione turistica, anche potenziale, del comprensorio, è stata predisposta la carta n. 7 Vincoli archeologici, allegata, in cui sono indicate le aree del comprensorio sottoposte a tutela ex lege 431/85. Dal confronto tra questa carta e quella della viabilità, appare evidente la situazione dell accessibilità di tali zone rispetto alle principali correnti di traffico provenienti rispettivamente da Nord e da Sud (Roma). Sulla base dei dati forniti dall ACI, Automobile Club d Italia, sono stati analizzati i tassi di motorizzazione (n. abitanti/n. autovetture) dei Comuni del comprensorio, anche confrontandoli con quelli delle due province di Roma e Viterbo e della regione Lazio. Come si evince dalla Fig. 15, i comuni con il minor numero di autovetture per abitante sono quelli di Allumiere, Tolfa e Vejano. Dalla stessa Fig. 15 risulta che tutti i comuni del comprensorio tra il 1997 ed il 21 hanno visto diminuire il proprio tasso di motorizzazione, a causa dell aumento delle autovetture circolanti; risulta inoltre che tutti i comuni del comprensorio, con la sola eccezione di Vetralla, hanno un indice di motorizzazione superiore (e quindi meno autovetture per abitante) a quello della provincia di Viterbo per il 21, che pure è più alto di quelli della provincia di Roma e della Regione Lazio. L offerta di mobilità Per dare una prima valutazione dell offerta di mobilità, sono stati analizzati i dati disponibili in merito a: -- strade; -- ferrovie e relativi servizi; -- servizi di trasporto pubblico su gomma, urbano ed extraurbano. Le strade di grande comunicazione che servono il comprensorio della Tuscia romana hanno prevalente direzione Sud Est - Nord Ovest. Partendo dalla costa e procedendo verso l interno esse sono: la strada statale n.1 Aurelia, l autostrada A 12 Roma-Civitavecchia, la strada statale n. 493, la strada statale n.2 via Cassia e la superstrada statale n.2bis Cassia bis. Di queste, soltanto la strada statale n. 493 attraversa il comprensorio, mentre le altre gli sono tangenti. La restante viabilità è di interesse regionale o locale ed ha prevalente direzione Sud Ovest-Nord Est o Est- Ovest come la maggior parte delle valli e quindi dei fiumi e torrenti della zona. Anche le linee ferroviarie che interessano il comprensorio hanno la stessa direzione Sud Est-Nord Ovest delle strade di grande comunicazione; esse sono: -- linea Roma-Civitavecchia che corre lungo la costa accanto alla via Aurelia; -- linea Roma-Viterbo che parte dalla stazione di Roma S. Pietro 4 e prosegue per Viterbo costeggiando per un tratto la via Cassia, tra Capranica e Vetralla (Allegato III.13.1 Tab.1). Entrambe sono esercite dalla società Trenitalia spa. L offerta sulla linea Roma-Viterbo, come si evince dall'orario ufficiale di Trenitalia, prevede un treno all'ora da Viterbo per Roma, con rinforzi nelle prime ore della mattina, a partire dalle 4.56, per un totale di 22 corse distribuite uniformemente nell'intero arco della giornata (ultimo treno alle da Viterbo P.F. in arrivo alle a Roma Ostiense). In aggiunta 1 corse sono programmate dalla stazione di Bracciano per Roma, la prima alle 8.17 e l'ultima alle L'offerta si completa con 35 treni che raggiungono Roma partendo da Cesano per garantire un servizio cadenzato a 15' nella tratta metropolitana. In senso opposto l'offerta è speculare con corse distribuite uniformemente nell'arco della giornata per avere mediamente un treno all'ora per raggiungere Viterbo (ultimo treno in arrivo ore 23.25), un treno 4 fino a Cesano è ferrovia metropolitana (FM3)

6 ogni mezz'ora per raggiungere Bracciano (dopo le 2. uno ogni ora) e un treno ogni quarto d'ora nella tratta metropolitana romana (informazioni fornite da Trenitalia 5 ). Le figure 7 1 che seguono, gentilmente fornite da Trenitalia, mostrano come si sia evoluto il numero medio degli utenti della linea Roma Cesano Viterbo, in un giorno feriale (rilevato nel mese di novembre) dal al 22. La domenica, giorno in cui l offerta si dimezza, non sono state effettuate rilevazioni. Di particolare interesse appare la tendenza all aumento di utenti del servizio ferroviario nelle stazioni di Anguillara e Bracciano. Fig. 7 - dati TRENITALIA: n. persone discese nelle principali stazioni FR ROMA OSTIENSE ROMA S.PIETRO CESANO DI ROMA BRACCIANO VITERBO PORTA FI DISCESI DISCESI 21 DISCESI 22 Fig. 8 - dati TRENIATLIA: n. persone salite nelle principali stazioni FR ROMA OSTIENSE ROMA S.PIETRO CESANO DI ROMA BRACCIANO VITERBO PORTA FI SALITI SALITI 21 SALITI 22 5 Direzione Trasporto Regionale - Direzione Regionale Lazio.

7 Fig. 9 - dati TRENITALIA: n. persone discese nelle stazioni FR CESANO DI ROMA ANGUILLARA VIGNA DI VALLE BRACCIANO ORIOLO MANZIANA- CANALE CAPRANICA- SUTRI VETRALLA TRE CROCI VITERBO PORTA RO VITERBO PORTA FI DISCESI DISCESI 21 DISCESI 22 Fig. 1 - dati TRENITALIA: n. persone salite nelle stazioni FR CESANO DI ROMA ANGUILLARA VIGNA DI VALLE BRACCIANO ORIOLO MANZIANA- CANALE CAPRANICA- SUTRI VETRALLA TRE CROCI VITERBO PORTA RO VITERBO PORTA FI SALITI SALITI 21 SALITI 22 L Unica linea con direzione Est-Ovest, la Civitavecchia-Orte è stata da tempo dismessa nel tratto Civitavecchia-Capranica. Iniziata nel 1894 per collegare il porto di Civitavecchia con il porto di Ancona, fu completata nel Fin dall inizio il traffico sulla linea fu penalizzato dal percorso e dalla notevole distanza di molte stazioni dai centri abitati (a parte Bandita di Barbarano e Blera, le altre sono quasi tutte isolate o distanti). La linea è ricca di opere d'arte tra le quali è noto il ponte in ferro di Ronciglione sul Rio Vicano, lungo 119 metri ed alto circa 8 metri. La linea, solo parzialmente elettrificata, fu gravemente danneggiata nella seconda guerra mondiale, e nel 1961 fu parzialmente interrotta da una frana all'imbocco lato Mole del Mignone della galleria Centocelle sull'asco. Il resto della linea è stata chiusa nel La direttrice Orte-Capranica Sutri è oggi coperta da un servizio di autobus giornaliero (fermate:gallese, Corchiano, Fabrica di Roma, Caprarola, Ronciglione, Madonna del Piano) che parte alle 5.25 dalla 6

8 stazione di Capranica-Sutri e ritorna partendo alle 15.5 dalla stazione di Orte. Il servizio è utilizzato da non oltre quindici passeggeri al giorno (informazioni fornite da Trenitalia). Un altra linea ferroviaria collega Roma con Viterbo: si tratta della ferrovia regionale in concessione, esercita dalla società Met.Ro. S.p.A. 7, che parte da Roma (piazzale Flaminio), passa per Prima Porta, Sacrofano, Civita Castellana e Soriano. Questa linea tuttavia non è stata presa in considerazione nell analisi ambientale del comprensorio in quanto si trova molto spostata verso Ovest rispetto ad esso e quindi risulta di interesse del tutto secondario rispetto alla sua mobilità. Non tutti i comuni del comprensorio sono dotati di TPL (Trasporto Pubblico Locale su gomma). Nella tabella 1 sono riportati i dati relativi a tali servizi nel 21, espressi in km/(anno*abitante). Dalla tabella appare come i comuni più serviti siano quelli della provincia di Roma, e che il servizio è assente in quattro comuni, tutti nella provincia di Viterbo: Allumiere, Barbarano, Oriolo e Vejano. Il servizio pubblico di trasporto extraurbano su gomma è svolto da CO.TRA.L. s. p. a., che fornisce il servizio su tutto il territorio regionale e nelle aree limitrofe delle altre regioni 8, la quale ha messo a disposizione diversi dati utilizzati nella presente relazione: --- dati sulla mobilità (indagini Origine Destinazione sul vettore CO.TRA.L.) che risalgono al 1998; --- dati sulla produzione risalenti al 23; --- dati sulla produzione dei servizi TPL dei singoli Comuni del comprensorio risalenti al 21. Tra le carte allegate, la n. 4 Sistema della mobilità riporta i percorsi attuali delle linee CO.TRA.L. ed i nodi 9 principali che interessano il comprensorio. La CO.TRA.L., mediante software di assegnazione della domanda di mobilità (in questo caso datata 1998) sulla rete di trasporto attuale, è stata in grado di stimare i volumi dei passeggeri saliti e discesi nei nodi ed il traffico passeggeri a bordo dei mezzi aziendali. Le figure che seguono, elaborate sui dati di mobilità disponibili, rappresentano la ripartizione, tra i diversi comuni del comprensorio, dei flussi di mobilità utilizzanti il vettore CO.TRA.L.. Le Fig. 11 e 12 che mostrano rispettivamente i flussi in uscita ed in entrata dal comprensorio, evidenziano i comuni verso i quali tali flussi si dirigono e quelli dai quali provengono. Come prevedibile, i comuni che esercitano la maggiore attrazione sono quelli di Roma e Viterbo, con i quali il comprensorio ha maggior numero di scambi, seguiti da Civitavecchia e poi con notevole distacco da Ronciglione e Sutri. Le Fig. 13 e 14 mostrano come siano diretti i flussi di mobilità suddetti all interno del comprensorio mettendo in evidenza come Bracciano, Anguillara, Manziana e Bassano siano caratterizzati dal maggior numero di movimenti entrata/uscita. La tabella 1 seguente mostra le produzioni dei servizi di trasporto locali dei singoli comuni del comprensorio ed il relativo livello di servizio annuo offerto per abitante (anno 21). 7 Tab. 1 Trasporto Pubblico Locale (TPL) nel 21 Met.Ro. appartiene per il 95,46% al Comune di Roma, per il 3,4% alla Provincia di Viterbo e per il 1,5% alla Provincia di Rieti). Attualmente Met.Ro. S.p.a. effettua il servizio di trasporto pubblico relativo alle metropolitane di Roma, linee A e B. Inoltre gestisce le linee ferroviarie Roma-Lido di Ostia, Roma-Pantano e Roma-Viterbo (Allegato III.13.1 Tab.2). 8 Gli azionisti COI.TRA.L sono: Regione Lazio, Provincia di Roma, Provincia di Rieti, Provincia di Viterbo, Comune di Roma. 9 PROVINCIA COMUNE TPL locale (km/anno) km/anno per ab. da TPL locale VT BARBARANO ROMANO - - VT BASSANO ROMANO VT BLERA VT CAPRANICA VT ORIOLO ROMANO - - VT VEJANO - - VT VETRALLA RM ALLUMIERE - - RM ANGUILLARA SABAZIA RM BRACCIANO RM CANALE MONTERANO RM MANZIANA RM TOLFA RM TREVIGNANO ROMANO Totale comprensorio fermate virtuali in cui si concentrano gruppi di fermate limitrofe

9 La tabella equivalente relativa alla produzione CO.TRA.L. (anno 23) è la seguente: Tab. 2 Servizio CO.TRA.L. 23 PROVINCIA COMUNE km/anno Cotral km/anno Cotral per ab. VT BARBARANO ROMANO VT BASSANO ROMANO VT BLERA VT CAPRANICA VT ORIOLO ROMANO VT VEJANO VT VETRALLA RM ALLUMIERE RM ANGUILLARA SABAZIA RM BRACCIANO RM CANALE MONTERANO RM MANZIANA RM TOLFA RM TREVIGNANO ROMANO Totale comprensorio Per quanto riguarda il traffico veicolare sulle diverse strade del comprensorio, non è stato possibile accedere a dati significativi che potessero consentire valutazioni attendibili della sua entità e distribuzione nel tempo, né tanto meno delle emissioni ad esso imputabili nelle aree a maggiore concentrazione di traffico. Per poter affrontare questo argomento sarà quindi necessario acquisire dati utili attraverso collaborazioni con enti ed organizzazioni come ANAS o la Provincia ed il Comune di Roma o effettuare specifiche rilevazioni. Fig. 1 1: dati Cotral. Flussi di mobilità 1998 generati dal comprensorio verso Roma 42% verso Viterbo 13% verso altri comuni Cerveteri 1% Civitavecchia 9% Ronciglione 2% Sutri 1% Altro (< 1%) 32% Fig. 12: dati Cotral. Flussi di mobilità 1998 attratti dal comprensorio Roma 39% Viterbo 12% Altro 49% Cerveteri 2% Civitavecchia 8% Ronciglione 2% Sutri 2% Altro (< 2%) 35%

10 Fig. 13: dati Cotral. Flussi di mobilità 1998 interni al comprensorio (in uscita dai comuni) da Manziana 13% da Anguillara 13% da Bracciano 26% da Bassano 1% da Oriolo 7% da Canale M. 6% Altro 48% da altri com. (< 6%) 25% Fig dati Cotral. Flussi di mobilità 1998 interni al comprensorio (in entrata nei comuni) verso Bassano 15% verso Bracciano 34% verso Anguillara 9% verso altri comuni 42% verso Manziana 8% verso Vetralla 8% verso Oriolo 5% verso altri com. (< 5%) 21% Fig Tasso di m otorizzazione 1997 e 21 3, T m ot 1997 T m ot 21 Tasso di motorizzazione (ab/n. auto) 2,5 2, 1,5 1,,5, BARBARANO ROMANO BASSANO ROMANO BLERA CAPRANICA ORIOLO ROMANO VEJANO VETRALLA ALLUMIERE ANGUILLARA SABAZIA BRACCIANO CANALE MONTERANO MANZIANA TOLFA TREVIGNANO ROMANO Provincia Roma Provincia Viterbo Regione Lazio

UTS PROT Progetto LIFE02 ENV/IT/000111 New Tuscia. (Mario Montini - ENEA) I rifiuti urbani

UTS PROT Progetto LIFE02 ENV/IT/000111 New Tuscia. (Mario Montini - ENEA) I rifiuti urbani III.5 Rifiuti (Mario Montini - ENEA) I rifiuti urbani Le quantità dei rifiuti urbani prodotti nel comprensorio della Tuscia Romana sono state ricavate dai dati forniti dai Comuni, attraverso la compilazione

Dettagli

Viterbo P.Romana 5:04 5:22 5:22 5:52 5:52 6:25 6:52 7:09 7:09 7:54 7:54 8:55 Tre Croci 5:13 8:02 8:02

Viterbo P.Romana 5:04 5:22 5:22 5:52 5:52 6:25 6:52 7:09 7:09 7:54 7:54 8:55 Tre Croci 5:13 8:02 8:02 Nuovo orario ferroviaro dal 10 marzo all'8 giugno 2013 - COMPLETO DIREZIONE ROMA (1/4) Categoria Treno REG RV REG REG REG RV REG REG REG RV REG REG RV REG REG RV REG REG REG REG RV REG REG REG REG REG

Dettagli

IL TRASPORTO FERROVIARIO

IL TRASPORTO FERROVIARIO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato del Turismo, delle Comunicazioni e dei Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni IL TRASPORTO FERROVIARIO ANNO 2003 Acquisizione ed elaborazione

Dettagli

4.7 - Acque distribuite

4.7 - Acque distribuite 4.7 - Acque distribuite Il crescente consumo di acqua, unito al progressivo inquinamento delle risorse idriche e ai fenomeni di cambiamento climatico naturale ed indotto, stanno alterando in maniera irreversibile

Dettagli

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO 1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO Il settore di città Flaminio Foro Italico è compreso nell ansa del Tevere definita a nord da Piazzale di Ponte Milvio, dal sistema del Foro Italico e dello stadio

Dettagli

Riorganizzazione rete TPL del Comune di Empoli per l ATO regionale

Riorganizzazione rete TPL del Comune di Empoli per l ATO regionale COMUNE DI EMPOLI Ufficio Tecnico Settore OO.PP. e Infrastrutture Riorganizzazione rete TPL del Comune di Empoli per l ATO regionale RELAZIONE TECNICA L ISTRUTTORE TECNICO DIRETTIVO - Ing. Roberta Scardigli

Dettagli

DOMANDA NETTA DI AUTOVETTURE NELLE REGIONI. (Anno 2004)

DOMANDA NETTA DI AUTOVETTURE NELLE REGIONI. (Anno 2004) 11.2 - Parco veicolare E interessante avere una visione dei veicoli in movimento sul territorio conoscendone la tipologia per poter affrontare in modo coerente la problematica legata agli impatti ambientali

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

APPALTI e CONCESSIONI

APPALTI e CONCESSIONI DOTAZIONE INFRASTRUTTURE: DATI UE E NAZIONALI L ISPO (Istituto per gli studi sulla Pubblica opinione) ha reso noti i dati di una ricerca comparata sulle infrastrutture, sia a livello comunitazio che nazionnale.

Dettagli

Partenze Da Cornelia [Metro A]

Partenze Da Cornelia [Metro A] Orario in vigore dal 24 Jun 2013 al 28 Jul 2013 pag. 1/18 Cornelia Metro A, Roma Partenze Da Cornelia [Metro A] DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Allumiere p.zza della Repubblica 08:10 1.. 12:30 2.. 12:55

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

ANAV ASSTRA Lombardia

ANAV ASSTRA Lombardia ANAV ASSTRA "Trasporto locale: sviluppo o sopravvivenza? Il contesto lombardo: domanda in crescita e riduzione delle risorse" Presentazione dello studio "Analisi del posizionamento del Trasporto Pubblico

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

ViviFacile. sul trasporto pubblico locale della città di Roma. Roma, 24 ottobre 2011

ViviFacile. sul trasporto pubblico locale della città di Roma. Roma, 24 ottobre 2011 ViviFacile Modalità di adesione al servizio di informazioni sul trasporto pubblico locale della città di Roma Roma, 24 ottobre 2011 Atac - L azienda Atac è l azienda di gestione del trasporto pubblico

Dettagli

Pendolari in Lombardia

Pendolari in Lombardia NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Anno 8 Numero 7 Aprile 2004 Pendolari in Lombardia Censimento 2001 In occasione del 14 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, oltre alle informazioni

Dettagli

In treno. In aereo. dalla Stazione Termini è possibile raggiungerci:

In treno. In aereo. dalla Stazione Termini è possibile raggiungerci: In treno dalla Stazione Termini è possibile raggiungerci: in metropolitana* direttamente nella stazione andate a prendere la linea B (colore blu) direzione Laurentina scendere alla prima fermata Cavour.

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1:

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti Centro Ricerche Economiche e Mobilità Università degli Studi di Cagliari PROVINCIA DI ISTANO SETTE PIANIFIZIONE TERRITIALE, PITICHE COMUNITARIE,

Dettagli

Sistemi metropolitani a guida automatica. L esperienza romana. Torino, 28 Marzo 2012

Sistemi metropolitani a guida automatica. L esperienza romana. Torino, 28 Marzo 2012 Sistemi metropolitani a guida automatica L esperienza romana Torino, 28 Marzo 2012 Le tipicità di Roma Roma presenta alcune caratteristiche particolari: il delicato tessuto urbanistico, caratterizzato

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

Un progetto per il Paese

Un progetto per il Paese Un progetto per il Paese ASSISE 2011 La funzione di Unindustria Introduzione Lo sviluppo dell 'aeroporto "Leonardo da Vinci" di Roma Fiumicino rappresenta uno degli obiettivi più importanti per la crescita

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

Luci ed ombre nella smaterializzazione. Guido Molese Direttore Commerciale di Atac S.p.A.

Luci ed ombre nella smaterializzazione. Guido Molese Direttore Commerciale di Atac S.p.A. Luci ed ombre nella smaterializzazione Guido Molese Direttore Commerciale di Atac S.p.A. Elenco dei contenuti 1. Roma Capitale - Atac S.p.A. Azienda per la mobilità 2. Organizzazione del SBE nel Territorio

Dettagli

Partenze Da Civitavecchia

Partenze Da Civitavecchia Orario in vigore dal 24 Jun 2013 al 28 Jul 2013 pag. 1/28 Partenze Da Civitavecchia Braccianese Claudia /Dep.Cotral, Civitavecchia DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Allumiere p.zza della Repubblica 06:20

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione.

Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione. Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione. 1 Il Patrimonio culturale statale Alcuni dati di riferimento delle dimensioni del Patrimonio culturale del MiBac¹. 37.355.538

Dettagli

Torino: servizio trasporti

Torino: servizio trasporti Torino: servizio trasporti Cruscotto di indicatori A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano Indice Cruscotto di sintesi pag. 3 Indicatori di efficienza pag.

Dettagli

Piano di Bacino. Il Sistema di Pomezia

Piano di Bacino. Il Sistema di Pomezia Presidente Enrico Gasbarra Assessorato alle Politiche della Mobilità e dei Trasporti Assessore Michele Civita Dipartimento VI Governo del Territorio e della Mobilità Servizio 3 "Pianificazione Direttore

Dettagli

Analisi dei ritmi urbani.

Analisi dei ritmi urbani. 4- RILIEVO E ANALISI DEI RITMI URBANI Analisi dei ritmi urbani. Per l analisi dei ritmi urbani, cioè delle cadenze della vita collettiva dei cittadini e delle popolazioni non-residenti presenti a Bergamo,

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

Problematiche emergenti ed evoluzione dei fenomeni

Problematiche emergenti ed evoluzione dei fenomeni Piano della Mobilità Comune di Bergamo ATB Mobilità SpA Capitolo 3 Problematiche emergenti ed evoluzione dei fenomeni Si analizzano le problematiche emergenti e l evoluzione dei fenomeni, riprendendo i

Dettagli

Il presente documento è stato elaborato a cura di: AREMOL Agenzia Regionale per la Mobilità. Regione Lazio. Ing. Tommaso PICANO. Arch.

Il presente documento è stato elaborato a cura di: AREMOL Agenzia Regionale per la Mobilità. Regione Lazio. Ing. Tommaso PICANO. Arch. Il presente documento è stato elaborato a cura di: AREMOL Agenzia Regionale per la Mobilità Regione Lazio Ing. Tommaso PICANO Arch. Tiziana NELLI Centro di ricerca per il Trasporto e la Logistica Sapienza

Dettagli

Partenze Da Civitavecchia

Partenze Da Civitavecchia Orario in vigore dal 09 Nov 2015 al 22 Dec 2015 pag. 1/37 Dep.Cotral /Braccianese, Civitavecchia Partenze Da Civitavecchia DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Allumiere p.zza della Repubblica 06:20. 06:45

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) Art. 2 (Finalità)

Art. 1 (Istituzione) Art. 2 (Finalità) LEGGE REGIONE LAZIO 25 NOVEMBRE 1999 N. 36 ISTITUZIONE DEL PARCO NATURALE REGIONALE DEL COMPLESSO LACUALE BRACCIANO-MARTIGNANO. ABROGAZIONE DELLE LEGGI REGIONALI 7 GENNAIO 1987, N. 2, 26 SETTEMBRE 1988,

Dettagli

Lo scenario di riferimento del PUM

Lo scenario di riferimento del PUM Lo scenario di riferimento del PUM I principali elementi invarianti che caratterizzano lo scenario di riferimento sono: Interventi sulla viabilità Riassetto nodo autostradale / Gronda di Ponente Tunnel

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0 Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA 1 I PRINCIPALI DATI DI ASSTRA I PRINCIPALI DATI DELLE AZIENDE ADERENTI AD ASSTRA Membri associati

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA

Dettagli

Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4

Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4 Piano di Interventi per il sostegno delle famiglie affidatarie di minori residenti nel Distretto Socio-Sanitario VT4 Comuni di : Barbarano Romano Bassano Romano Blera Capranica Caprarola Carbognano Monterosi

Dettagli

Una nuova Agorà per il Mediterraneo

Una nuova Agorà per il Mediterraneo REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO DI TRASPORTI E COMUNICAZIONI STUDIO DI FATTIBILITÀ E PROCEDURE ATTUATIVE PER IL RIASSETTO COMPLESSIVO DELLE MODALITÀ DI TRASPORTO NELLA REGIONE SICILIANA Fase A maggio 2004

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

Gentili colleghi, COS È IL SISTEMA METREBUS

Gentili colleghi, COS È IL SISTEMA METREBUS PROVINCIA DI ROMA Assessorato alle Politiche dei Trasporti e della Mobilità Ufficio del Mobility Manager presso la Direzione del Dipartimento VI Governo del Territorio e della Mobilità INFORMATIVA SUL

Dettagli

Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata

Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata 1 2 3 4 Nasce la Marconi Express, società di progetto per la realizzazione del People Mover 14/01/2010 Si chiama MARCONI

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona 2 Ancona Provincia Periodico d'informazione della Provincia di Ancona Spedizione in abb. postale - 70% - Direzione commerciale Business Ancona Editore: Provincia di Ancona - Rivista trimestrale - Autorizzazione

Dettagli

B) L utenza rappresenta il 5% degli ingressi medi giornalieri, si ipotizza un utilizzo medio del posto auto di 6 ore, per un massimo di 12 ore

B) L utenza rappresenta il 5% degli ingressi medi giornalieri, si ipotizza un utilizzo medio del posto auto di 6 ore, per un massimo di 12 ore ODG: PROGETTO MOBILITA-PARCHEGGI DI SCAMBIO-UN NUOVO MODO DI VIVERE PERUGIA Allegato 1 ANALISI DELL UTENZA Le previsioni relative alla potenziale utenza delle aree adibite a parcheggio di scambio, sono

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Osservatorio infrastrutture, trasporti e ambiente della Regione Lazio Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Dossier conclusivo Maggio 2008 Il presente

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

Possibili scenari per la mobilità in Basilicata. Umberto Petruccelli

Possibili scenari per la mobilità in Basilicata. Umberto Petruccelli Possibili scenari per la mobilità in Basilicata Accessibilità interna ai centri urbani IL CASO «POTENZA» 2% 2% Giudizio sul bus urbano 1) scadente 20% 35% 2) sufficiente OK=63% 3) buono 4) ottimo 22% 6%

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG)

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) PREMESSA Lo studio del traffico relativo al Piano del Governo del Territorio si articolerà in tre fasi distinte:

Dettagli

3.6.2.5 Raccolta differenziata dei RUP (Rifiuti Urbani Pericolosi).

3.6.2.5 Raccolta differenziata dei RUP (Rifiuti Urbani Pericolosi). 3.6.2.5 Raccolta differenziata dei RUP (Rifiuti Urbani Pericolosi). L andamento della raccolta differenziata dei RUP nella provincia di Viterbo dal 1997 al 2000 è rappresentato in Figura 16. Figura 16

Dettagli

Marzo 2009. 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma. 2. L'andamento generale negli alberghi di Roma

Marzo 2009. 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma. 2. L'andamento generale negli alberghi di Roma 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2. L'andamento generale negli alberghi di Roma Prosegue anche questo mese la flessione della domanda turistica rispetto allo stesso periodo

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli

Il pendolarismo nel Comune di Udine Dati censuari

Il pendolarismo nel Comune di Udine Dati censuari COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica Il pendolarismo nel Comune di Udine Dati censuari A cura di: Dr. Daniele Paolitti Hanno collaborato: Dr. Rosangela Dominici

Dettagli

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA'

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' Relazione tecnica relativa alle modifiche al progetto di fattibilita

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA MARZO 2010 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2.

Dettagli

Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova

Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova Risultati della campagna di indagine Giugno, 2011 Indice Il documento riporta le elaborazioni dei dati raccolti nella campagna

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza. La mobilità giornaliera

Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza. La mobilità giornaliera 2014 10 Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza La mobilità giornaliera L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per

Dettagli

Verbale Riunione MOSP

Verbale Riunione MOSP Riunione del 4 febbraio 2010 Divisione Trasporto Regionale Direzione Regionale Lazio Commerciale Verbale Riunione MOSP VERBALE RIUNIONE del 4 febbraio 2010 Presenti : DR Lazio: Mariella Polla, Amelia Italiano,

Dettagli

Linea C Tracciato Fondamentale

Linea C Tracciato Fondamentale www.romametropolitane.it Le nuove linee delle metropolitane di Roma Linea C Tracciato Fondamentale PROLUNGAMENTO NORD TRACCIATO FONDAMENTALE CLODIO/MAZZINI - GROTTAROSSA LUNGHEZZA LINEA 9 Km STAZIONI n.

Dettagli

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto 16/01/2015 1 Contesto nazionale e locale Utile premessa: nessuna linea ferroviaria italiana supera gli standard internazionali

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Gennaio 2009 Ge nnai o 2009

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Gennaio 2009 Ge nnai o 2009 Ge nnai o 2009 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma L anno 2009 inizia con il segno negativo della domanda turistica rispetto all inizio dell anno precedente. Gli arrivi complessivi

Dettagli

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA RELAZIONE VIABILE Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA Data: 26 febbraio 2015 Autori: arch. Roberta Patt INDICE 1 INTRODUZIONE...2

Dettagli

Sistema di video conteggio automatico per la rilevazione dei flussi di persone e veicoli. un sistema by 1. 2. 3. Veicoli. Visitatori.

Sistema di video conteggio automatico per la rilevazione dei flussi di persone e veicoli. un sistema by 1. 2. 3. Veicoli. Visitatori. Sistema di video conteggio automatico per la rilevazione dei flussi di persone e veicoli un sistema by 1. 2. 3. Veicoli Visitatori Passeggeri AViCS Artificial Vision Counting System Il sistema di conteggio

Dettagli

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo MOBILITY CONFERENCE 2014 Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo Avv. Marzio Agnoloni Amministratore Delegato Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. 11 Febbraio 2014 1 Indice Inquadramento

Dettagli

Il trasporto pubblico locale

Il trasporto pubblico locale Un volano per l innovazione? Il trasporto pubblico locale Emanuele Galossi (IRES-CGIL) Presentazione n. 13/2011 Roma, 13 giugno 2011 TPL: alcuni dati di sintesi Operatori 1.260 Passeggeri trasportati 15

Dettagli

Il Sistema Logistico del Lazio. DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Trasporti

Il Sistema Logistico del Lazio. DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Trasporti Il Sistema Logistico del Lazio INTERPORTO CENTRO ITALIA_ORTE POLO DI CIVITAVECCHIA INTERPORTO FROSINONE PIATTAFORMA TIRRENICO- ADRIATICA CENTRALE POLO DI FIUMICINO INTERPORTO VALPESCARA INTERPORTO MARCHE_JESI

Dettagli

Ing. Giancarlo Crepaldi

Ing. Giancarlo Crepaldi Ing. Giancarlo Crepaldi FERROVIA TRENTO-MALE -MARILLEVA La ferrovia Trento-Malé nasce sotto l Impero Asburgico. I lavori iniziarono nel 1907 e la struttura fu inaugurata solo due anni dopo nel 1909. Oggi

Dettagli

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani Mauro Albani*, Antonella Guarneri*, Frank Heins**, Conferenza AISRe - Torino, 15-17 settembre 2011 * Istat Servizio

Dettagli

ATC s.p.a. PRONTOBUS IL NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A CHIAMATA. ATC s.p.a. DATI PRINCIPALI FASI DEL PROGETTO OBIETTIVO

ATC s.p.a. PRONTOBUS IL NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A CHIAMATA. ATC s.p.a. DATI PRINCIPALI FASI DEL PROGETTO OBIETTIVO ATC s.p.a. ATC s.p.a. ATC è titolare del contratto di servizio per il Trasporto Pubblico Locale nella Provincia della Spezia. I numeri principali aggiornati al 2007 sono: 33.000.000 valore della produzione;

Dettagli

Offerta dei treni a Lungo Percorso di Trenitalia

Offerta dei treni a Lungo Percorso di Trenitalia Offerta dei treni a Lungo Percorso di Trenitalia L offerta dei treni di lungo percorso di Trenitalia è un mix di : - Treni a mercato ( pacchetto di treni i cui costi sono interamente coperti dai ricavi

Dettagli

NEW ECONOMY: DALLA TECNOLOGIA ALLA CENTRALITÀ DELL UOMO

NEW ECONOMY: DALLA TECNOLOGIA ALLA CENTRALITÀ DELL UOMO NEW ECONOMY: DALLA TECNOLOGIA ALLA CENTRALITÀ DELL UOMO UN LABORATORIO DICOOPERAZIONE SULLA REGIONE TIBERINA VERSO UNA RIGENERAZIONE DELL HABITAT E DEL LAVORO IN AREE INTERNE E CITTA Una metropolitana

Dettagli

ALLEGATO 1: INQUADRAMENTO E ANALISI DEL CONTESTO

ALLEGATO 1: INQUADRAMENTO E ANALISI DEL CONTESTO COMUNE DI LAMPEDUSA E LINOSA PIANO DELLA MOBILITA' SOSTENIBILE INTERNA ALLE ISOLE MINORI SICILIANE OCCIDENTALI SECONDA STESURA ALLEGATO : INQUADRAMENTO E ANALISI DEL CONTESTO ISOLA DI LINOSA - /2/II Stesura

Dettagli

Le infrastrutture di trasporto a servizio del Sistema Aeroportuale di Roma e del Lazio

Le infrastrutture di trasporto a servizio del Sistema Aeroportuale di Roma e del Lazio Le infrastrutture di trasporto a servizio del Sistema Aeroportuale di Roma e del Lazio 1 1. Panorama del Sistema Aeroportuale: L Aeroporto intercontinentale di Fiumicino; L Aeroporto di Ciampino; L Aeroporto

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT

Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT Il ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, intervenendo alla presentazione del III Rapporto APAT sulla Qualità dell Ambiente Urbano edizione 2006, ha sottolineato

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

Relazione tecnica generale 11. IL SISTEMA DEL FERRO: LE PROPOSTE DEL P.U.M. 11.1. Itinerari turistici: le Ferrovia del Sud Est

Relazione tecnica generale 11. IL SISTEMA DEL FERRO: LE PROPOSTE DEL P.U.M. 11.1. Itinerari turistici: le Ferrovia del Sud Est 11. IL SISTEMA DEL FERRO: LE PROPOSTE DEL P.U.M. 11.1. Itinerari turistici: le Ferrovia del Sud Est Come rilevato e analizzato in fase di ricostruzione del quadro conoscitivo generale e dal confronto con

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO OMT

TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO OMT 1 TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO (ORGANIZZAZIONE MONDIALE DEL TURISMO) stima nel 2010 900 miliardi di dollari da turismo internazionale 1 miliardo di arrivi internazionali 225 milioni

Dettagli

CAPITOLO 4 IL TERRITORIO, L AMBIENTE E LE INFRASTRUTTURE

CAPITOLO 4 IL TERRITORIO, L AMBIENTE E LE INFRASTRUTTURE CAPITOLO 4 IL TERRITORIO, L AMBIENTE E LE INFRASTRUTTURE 4.1 Alcuni dati territoriali Il territorio del Comune di Macerata copre una superficie di 92,73 km 2, pari al 3,3% dei 2774,20 km 2 che misura il

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 4. Valtrompia Lodrino Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune Lodrino Viabilità Il comune si trova in una vallata a est di Via Martiri dell Indipendenza;

Dettagli