Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma 07/07/15 Prot. n. 80

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma 07/07/15 Prot. n. 80"

Transcript

1 Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono Fax Internet : http: //www.inca.it Roma 07/07/15 Prot. n. 80 Ai Coordinatori Regionali INCA Ai Direttori Comprensoriali INCA Agli Uffici INCA all Estero Agli Uffici Zona INCA Al Dip. Politiche Sociali Cgil LORO SEDI Oggetto: Decreto legislativo n. 80/2015 maternità e paternità Il Decreto Legislativo n. 80 del , in vigore dal , presenta alcune sostanziali innovazioni rispetto al Dlgs 151/2001, Testo Unico per la tutela della maternità e paternità. Le esaminiamo di seguito, con indicazioni precise per le nostre Sedi, integrando inoltre un commento che evidenzi i mutamenti legislativi e giurisprudenziali intervenuti in questi quindici anni, i loro recepimenti nel nuovo Decreto e l azione del sindacato e del Patronato in materia in questo periodo trascorso. Vi rimandiamo inoltre ai contenuti della Nota congiunta CGIL-INCA n. 43 del 20/04/2015 dove erano già stati esaminati gli aspetti principali e formulato un giudizio politico sul provvedimento legislativo. Premessa indispensabile è sottolineare come questo Decreto (art.26) abbia carattere sperimentale unicamente per il 2015 e per i periodi riconosciuti di congedo solo nell anno in corso dall entrata in vigore delle norme; stiamo parlando quindi di sei mesi. I Fondi destinati a finanziare le misure previste, affinché perdano il carattere di transitorietà e diventino strutturali, dovranno trovare adeguata copertura finanziaria per i prossimi anni. 1

2 Congedo di maternità per parto prematuro per le lavoratrici dipendenti (art.2) L art.16 del T.U., comma1, lettera d, prevedeva nel caso di parto anticipato che i giorni non usufruiti prima del parto potessero essere aggiunti al periodo dopo il parto, ai tre (solitamente) mesi previsti, per un totale di cinque mesi e un giorno. Con il nuovo decreto, art.2 comma 1, lettera a), i giorni non utilizzati prima del parto, se il parto avviene in data anticipata rispetto a quella presunta, vanno aggiunti al periodo di maternità dopo il parto stesso, anche superando il limite complessivo di cinque mesi ( e un giorno). Questa è una novità positiva, che può essere senz altro utile alle mamme e ai neonati in queste delicate situazioni, sempre più numerose grazie ai progressi della scienza. Ovviamente, dovranno essere emanate istruzioni dall Inps per stabilire fino a quando il periodo può essere prolungato. Ci sembra opportuno che si debba tener conto, per ogni singolo caso, della data di nascita per determinare il periodo di congedo, e stiamo intervenendo nelle sedi opportune per far accettare questa proposta. Congedo di maternità per le lavoratrici dipendenti in caso di ricovero (art.2, comma 1, lettera b) Sempre l art. 2,comma 1, lettera b, aggiunge all art.16 del T.U. il comma 16 bis, stabilendo che in caso di ricovero del neonato presso una struttura pubblica o privata, la madre ha diritto a chiedere la sospensione del congedo di maternità per il periodo di congedo anticipato non usufruito e per il periodo dopo il parto durante il ricovero del neonato, facendo decorrere l astensione dal lavoro al rientro a casa del bambino. Questo diritto può essere esercitato una sola volta per ogni figlio ed è subordinato al rilascio di certificazione medica comprovante lo stato di salute della madre idoneo a tornare al lavoro. Va però rilevato che non si tratta di una significativa conquista legislativa, ma il Decreto si è limitato, correttamente, a inserire nel testo la sentenza di Corte Costituzionale n.116/2011, che prevede questa possibilità. Non solo, nel pubblico impiego questa opportunità è già stata conquistata contrattualmente da alcuni anni. L inserimento del comma 16 bis del Decreto nell articolo 16 del T.U., che letteralmente parla di ricovero senza collegarlo necessariamente al parto prematuro, apre la strada al ricovero per patologie varie, ampliando la stessa interpretazione della Corte Costituzionale. Indennità di maternità nei casi di risoluzione del rapporto di lavoro (art.3) L indennità di maternità per congedo obbligatorio, art. 3 Decreto legislativo n.80, modifica l art.24 del T.U. prevedendo l erogazione dell indennità di maternità nel caso di licenziamento per giusta causa. Viene esplicitamente assorbita nel testo la sentenza di Corte Costituzionale n.405/2001 in favore della lavoratrice madre. Il nuovo Decreto riconferma l erogazione dell indennità nei casi previsti alle lettere b) e c) dell art.54 del T.U., cioè cessazione dell attività dell azienda dove lavora la madre e cessazione del rapporto di lavoro (contratto a tempo determinato). Ricordiamo che il diritto all indennità è previsto se il congedo obbligatorio inizia durante la prestazione lavorativa o entro 60 giorni (cosiddetto periodo di protezione lavorativa) dall ultimo giorno lavorato. 2

3 Adozioni e affidamento in caso di ricovero (art. 4) Anche per i neonati in adozione e in affidamento l art.4 del nuovo Decreto estende la possibilità di rinviare il congedo obbligatorio in caso di ricovero del neonato, fino all effettivo ingresso in famiglia, in un apprezzabile equiparazione ai figli biologici, del resto uno dei principi ispiratori del T.U. Ma quanti neonati si ottengono in adozione e in affidamento? Nell art.26 del T.U. le età per le adozioni e per gli affidamenti sono state significativamente modificate dalla L.244/2007 (Finanziaria 2008), che prevede la possibilità di adozione fino ai 18 anni. Va ricordato quindi che essendo stato profondamente innovato l art.26 del T.U., come abbiamo detto sopra, per usufruire di questa possibilità in caso di adozione e affidamento dobbiamo attendere di valutare le istruzioni operative. Riteniamo che, per analogia con le nascite biologiche (art.2), il ricovero venga previsto per patologie varie, oltre che per parto prematuro. Congedo di paternità (art.5) L art 5 comma 1 lettera a) del Decreto estende la possibilità di usufruire del congedo obbligatorio postparto nei casi previsti dall art.28 del T.U., cioè morte, grave malattia della madre, abbandono e affidamento esclusivo al padre anche qualora la madre sia lavoratrice autonoma. In questo modo viene inclusa nel testo legislativo in modo esplicito anche questa fattispecie. Il T.U. aveva recepito la storica sentenza della Corte Costituzionale n.1/87 che per la prima volta prevedeva per il padre la possibilità di sostituire la madre in situazioni di estrema necessità, poi normate dall art.28. La successiva Ordinanza n.144/1987 specificava poi che, a tutela del neonato, il padre poteva sostituire la madre anche se la madre è o non è lavoratrice. La fattispecie della madre lavoratrice autonoma era quindi compresa in questa enunciazione. Ora con il Dlgs n.80 non si corrono rischi interpretativi. Padri lavoratori autonomi in alternativa alla madre (art.5) L art.5 comma 1 ter del Decreto amplia il diritto alla presenza genitoriale per i padri lavoratori autonomi, modificando l art.66 del T.U. Il padre lavoratore autonomo può oggi usufruire del congedo obbligatorio dopo il parto nei casi già previsti per i padri lavoratori dipendenti dall art.28 del T.U., cioè morte o grave infermità della madre, abbandono e affidamento esclusivo al padre. Questa possibilità per i lavoratori autonomi era preclusa dal T.U., art 66. Il nuovo Decreto mostra infatti un attenzione particolare per gli autonomi e i liberi professionisti, come vedremo anche in seguito, con gli articoli 15, 16 e 17.. Il padre lavoratore autonomo che intende avvalersi del diritto deve presentare la domanda all Inps con le modalità previste. Paternità adottiva (art.6) Viene riconosciuto il diritto del padre lavoratore dipendente a usufruire del congedo obbligatorio per adozione anche quando la madre non è lavoratrice e non solo alternandosi, come previsto dall art.31 del T.U. Si tratta di un importante passo avanti nel riconoscimento del ruolo paterno. I genitori adottivi potevano scegliere l alternanza, visto che non è necessario il periodo di riposo obbligatorio post parto della 3

4 madre, come per il figlio biologico, ma che il padre possa usufruirne in proprio va sottolineato ed apprezzato. L Ente autorizzato per le adozioni internazionali certifica la durata della permanenza all estero. Dobbiamo constatare un importante riconoscimento del ruolo paterno, con la configurazione di un diritto autonomo del papà adottivo. L art.31 del T.U. infatti permetteva l alternanza di libera scelta tra madre e padre adottivi, ma entrambi lavoratori dipendenti. Congedo parentale (art.7 e art.9) Il congedo parentale (art.7) può essere usufruito fino ai 12 anni dei figli. Il precedente limite temporale di otto anni (art.32 T.U) viene elevato a dodici anni, prolungando significativamente il periodo. Inoltre, i sei mesi retribuiti al 30%, nel T.U. (art.34) fino ai tre anni di età del figlio/a, ora vengono retribuiti fino ai sei anni. Ricordiamo che, secondo il T.U. (art. 34) ma anche con il Decreto in oggetto, i sei mesi indennizzati al 30% della retribuzione mensile possono essere utilizzati sia interamente da un solo genitore, sia alternativamente da entrambi, senza mai superare il limite appunto di sei mesi. Riteniamo che i periodi complessivamente usufruibili dai due genitori rimangano di 11 mesi, con le modalità precedentemente previste. Il periodo di congedo parentale usufruito dai sei anni agli otto anni viene retribuito, sempre nella percentuale del 30%, se il reddito individuale non supera il limite di 2,5 volte l importo del trattamento minimo di pensione AGO, che per quest anno è di ,68 euro. Il termine per la richiesta del congedo parentale viene ridotto da 15 a 5 giorni., indicando l inizio e la fine del periodo di congedo. Vengono rispettate le modalità e i criteri dei contratti collettivi, che nei casi di oggettiva impossibilità, per alcuni contratti, specie nel pubblico impiego, prevedono 48 ore di preavviso. Vi informiamo che la richiesta di questo ulteriore periodo indennizzabile, dai sei agli otto anni, era stata avanzata dalla Cgil e dall Inca in sede di audizione al Senato, e questa proposta di correzione della bozza iniziale di decreto è stata correttamente accolta. Con messaggio n del 06/07/2015 l INPS comunica che in attesa dell adeguamento delle procedure informatiche per la presentazione della domanda on line, l Istituto permette la presentazione, per il solo mese di luglio 2015, della domanda in modalità cartacea utilizzando il modello con codice SR23 rinvenibile sul sito internet dell INPS nella sezione modulistica. Congedo parentale orario (art.7, lettera b) Il congedo parentale orario è stato istituito dalla L.228/ (art.1, comma 339, legge di stabilità 2013) che ha delegato alla contrattazione collettiva non solo nazionale ma anche di secondo livello il compito di fissare modalità e criteri. Il Decreto n. 80 (art.7 lettera b ) inserisce un nuovo comma (nell art.32 del T.U.) che lascia piena libertà di scelta ai lavoratori dipendenti tra la fruizione giornaliera del congedo parentale e quella oraria. La scelta individuale può essere effettuata anche in caso di mancata regolamentazione, da parte della contrattazione 4

5 collettiva nazionale e aziendale, del diritto al congedo parentale orario. Il preavviso per richiedere il congedo parentale orario è di due giorni La fruizione su base oraria è prevista in misura pari alla metà dell orario medio giornaliero del periodo di paga quadrisettimanale o mensile immediatamente precedente quello in corso del quale comincia il congedo parentale. Il decreto prevede inoltre che è esclusa la cumulabilità della fruizione oraria del congedo parentale con permessi o riposi di cui al presente decreto legislativo. Ad una prima lettura, possiamo presumere che, ad esempio, non si possa usufruire nello stesso giorno dei riposi orari per allattamento e del congedo parentale orario. Vanno esaminate però specificamente le ulteriori fattispecie che possano presentarsi. Molti accordi aziendali hanno recepito la possibilità legislativa e molti lavoratori si sono rivolti al Patronato, per richiedere il diritto, molto ambito. L Inps però fino ad oggi non permette di inviare telematicamente le domande, non avendo elaborato le relative procedure e lascia inevase le richieste. Secondo la nostra valutazione il termine lavoratori usato genericamente nel Dlgs n. 80, può indicare l estensione anche ai lavoratori pubblici per i quali prima non era prevista. Rimaniamo in attesa di ulteriori precisazioni da parte dei Ministeri competenti. Il congedo parentale orario non si applica al personale del comparto sicurezza e difesa, e a quello dei vigili del fuoco e del soccorso pubblico. Handicap e prolungamento del congedo parentale (art.8) Viene esteso il prolungamento del congedo parentale per handicap ai sensi della L.104/82 fino al dodicesimo anno di età del figlio/a, invece che l ottavo. Congedo parentale in caso di adozione o affidamento (art.10) In modo correlato al congedo per i figli biologici, continua il processo di parificazione con i figli adottati e viene pertanto elevata (art.36 T.U) l età per la fruizione del congedo parentale fino a 12 anni dall ingresso del minore in famiglia, con l indennità al 30% prevista fino ai 6 anni dall ingresso in famiglia. Lavoro notturno (artt.11 e 22) All art.53 del T.U. viene aggiunto, con l art.11 del Decreto, la lettera b) bis che prevede per la madre adottiva di un minore entro il terzo anno dall ingresso in famiglia o comunque non oltre il dodicesimo anno di età, o in alternativa il lavoratore padre alle stesse condizioni, di non essere obbligati a prestare lavoro notturno. Dimissioni (art.12) Il Decreto prevede all art. 12, che la lavoratrice madre, e il lavoratore padre che abbia usufruito del congedo di paternità, dimissionaria/o nel periodo protetto, abbia diritto alle indennità previste da contratto o da disposizioni legislative in caso di licenziamento e sia esentata/o dal preavviso. (art.55 del T.U.) Dobbiamo senz altro interrogarci su come si colleghi la normativa esistente contro il ricatto delle dimissioni in bianco con questo articolo del Decreto n.80. Non vi è infatti nessun riferimento alle norme relative, mentre a nostro avviso è necessaria una valorizzazione e un rafforzamento di quella che è stata una battaglia politica, sindacale e del movimento delle donne per tutti questi anni. 5

6 GESTIONE SEPARATA (art.13) Adozioni nella Gestione separata. L art.13 del Decreto modifica l art 64 del T.U. incorporando nel testo la sentenza della Corte Costituzionale n. 257/2012 che riconosce alle madri iscritte alla Gestione Separata il diritto a percepire l indennità di maternità per i cinque mesi ( e un giorno) successivi all effettivo ingresso del figlio/a adottivo in famiglia, come per il congedo obbligatorio delle lavoratrici dipendenti. L indennità spetta per cinque mesi. La normativa riguardante le lavoratrici iscritte nella Gestione separata, ( art. 2, comma 26, L.335/95) ovvero le parasubordinate in senso lato, le lavoratrici a progetto e categorie assimilate, le associate in partecipazione e le libere professioniste iscritte alla Gestione, ha subito un lungo e travagliato adeguamento ai diritti delle lavoratrici dipendenti in tema di congedo di maternità e congedo parentale. In particolare, per ottenere cinque mesi di congedo di maternità in caso di adozione anche nella Gestione Separata, la Cgil e l Inca si sono sempre battute in tutti i campi. In modo congiunto abbiamo anche rivolto un Interpello in materia al Ministero del Lavoro, sottolineando l incongruenza della norma che lede palesemente i diritti dei minori adottati. Per semplificare la questione, se il minore viene adottato da lavoratori dipendenti, può essere accudito e usufruire della vicinanza genitoriale per cinque mesi, come un figlio biologico, se invece viene adottato da lavoratrici/ lavoratori iscritti alla Gestione Separata solo per tre mesi, come previsto dal Decreto 4 aprile Finalmente la Corte Costituzionale, con sentenza n. 257/2012, ha equiparato le adozioni per le lavoratrici in Gestione Separata alle lavoratrici dipendenti, per il periodo di cinque mesi di congedo obbligatorio. Sembra però che il Decreto n. 80, art.13, inserendo nel T.U. l articolo 64 bis, che recita testualmente alle condizioni e secondo le modalità di cui all apposito decreto del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, ovvero il Decreto , art 2, mantenga i limiti di età di 6 anni per le adozioni nazionali. Non comprendiamo come sia possibile normativamente non equiparare il limite di età previsto per le adozioni per le lavoratrici dipendenti. Si crea inoltre un incomprensibile disparità con le lavoratrici autonome e con le libere professioniste, come vediamo qui di seguito. Rimaniamo in attesa dei chiarimenti dell Istituto. Automaticità delle prestazioni. I lavoratori e le lavoratrici iscritti alla Gestione Separata hanno diritto all indennità di maternità anche in caso di mancato versamento dei contributi previdenziali alla Gestione da parte del committente. Siamo consapevoli di come funziona nella realtà il lavoro di questi iscritti alla Gestione, e di quante evasioni o omissioni contributive veniamo ogni giorno a conoscenza nei nostri uffici, riteniamo pertanto che questa norma, se davvero applicata, tuteli in modo soddisfacente i lavoratori interessati. Lavoratori autonomi e paternità (artt.14,15,16) Il titolo della parte (Capo XI) del T.U., dedicato alle Lavoratrici autonome viene modificato in Lavoratori autonomi, per sottolineare l intenzione del legislatore nel conferire ai padri che svolgono queste attività un ruolo maggiore presso i figli, migliorando i loro diritti. (art.14 del Decreto). Il Decreto (art.15) stabilisce che l indennità di maternità spetta al padre lavoratore autonomo per il periodo che sarebbe spettato alla madre lavoratrice autonoma o per la parte residua, in caso di morte o di grave infermità della madre o di abbandono da parte della madre e in caso di affidamento esclusivo al padre. Viene così aggiunto all art 66 del T.U., dopo il comma 1, il comma 1 bis. I lavoratori autonomi vengono pertanto equiparati ai lavoratori dipendenti nei casi previsti. 6

7 Il padre lavoratore autonomo deve presentare domanda all Inps. Lavoro autonomo e adozioni Il Decreto (art.16) sostituisce il comma 2 dell art 66 del T.U. stabilendo che per le adozioni e gli affidamenti si ha diritto a cinque mesi di congedo obbligatorio fino all età di 18 anni. Per le lavoratrici autonome, il periodo previsto era di tre mesi. Sostituendo il comma 2 dell art.66 del T.U., le lavoratrici autonome vedono riconosciuto il diritto al congedo obbligatorio come per le lavoratrici e i lavoratori dipendenti. Vengono modificati quindi in senso migliorativo i limiti temporali del congedo (da 3 a 5 mesi) e l età per gli adottati (fino ai 18 anni), norma che renderà più agevole la maternità e paternità elettive anche per questi lavoratori, finora penalizzati. Liberi professionisti (artt.17, 18, 19, 20) Anche la sezione del T.U. dedicata ai liberi professionisti ( CAPO XII ) viene modificata fin dal titolo nel senso di ampliare i ruoli genitoriali per i lavoratori non dipendenti. L art.18 del Decreto aggiunge all art.70 del T.U. un comma 3 ter che estende il diritto ai padri liberi professionisti ad usufruire del congedo obbligatorio nei casi in cui la madre sia morta, gravemente ammalata, abbia abbandonato il figlio o vi sia l affidamento esclusivo al padre, recependo la sentenza della Corte Costituzionale n. 385/2005. La domanda deve essere inoltrata al competente ente previdenziale corredata dalla documentazione prevista. Libere professioniste e adozioni (art.20) Le libere professioniste (art. 2 del T.U.), come già le autonome, vengono equiparate alle lavoratrici dipendenti per quanto riguarda la durata di 5 mesi per il congedo obbligatorio e l età fino ai 18 anni per gli adottati. La domanda deve essere presentata all Ente competente che gestisce forme obbligatorie di previdenza per i liberi professionisti entro il termine perentorio di 180 giorni dall ingresso del minore in famiglia e deve essere corredata dalla necessaria documentazione. Part-time e congedo parentale - Dlgs. n. 81/2015 art. 8 c.7 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normative in tema di mansioni, a norma dell art. 1, comma 7, della 10 dicembre 2014, n. 183 La possibilità di usufruire del part-time per stare vicino ai figli non è presente nel decreto fin qui esaminato ma nel Dlgs. n. 81/2015 art. 8 c.7, nel quale si afferma che il lavoratore può chiedere per una sola volta, in luogo del congedo parentale o entro i limiti del congedo ancora spettante ai sensi CAPO V del Dlgs 151/2001, la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale, purché con una riduzione di orario non superiore al 50%. Il datore di lavoro è tenuto a dar corso alla trasformazione 7

8 entro 15 giorni dalla richiesta. La frase per una sola volta ingenera dubbi. Per una sola volta significa solo per un figlio o una sola volta al posto del congedo parentale per ogni figlio? Sarebbe molto più corretto secondo le norme sul congedo parentale del T.U. che ogni figlio abbia gli stessi diritti riguardo all accudimento genitoriale. Inoltre, la richiesta di trasformazione dal tempo pieno al tempo parziale è frequentemente espressa dalle lavoratrici madri ma non in sostituzione del congedo parentale. Va poi affrontata e analizzata dettagliatamente da ogni angolazione retributiva e previdenziale l opzione da prediligere tra congedo parentale orario e part-time. Congedo per le donne vittime di violenza di genere (art. 24) Le lavoratrici dipendenti pubbliche e private con esclusione delle lavoratrici domestiche, le titolari di collaborazione coordinata e continuativa, inserite nei percorsi di protezione relativi alla violenza di genere debitamente certificati, hanno diritto a tre mesi di sospensione dall attività lavorativa. Il congedo prevede una indennità corrispondente all ultima retribuzione, con riferimento alle voci fisse e continuative del trattamento. Il periodo di assenza è coperto da contribuzione figurativa ed è computato ai fini dell anzianità di servizio a tutti gli effetti, ai fini della maturazione delle ferie, della 13^ mensilità e del trattamento di fine rapporto. Questo congedo può essere utilizzato su base oraria o giornaliera nell arco temporale di 3 anni, secondo quanto previsto da successivi accordi collettivi nazionali stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. In caso di mancata regolamentazione da parte della contrattazione collettiva la dipendente può scegliere tra la fruizione giornaliera e quella oraria. La fruizione su base oraria è consentita in misura pari alla metà dell orario medio giornaliero del periodo di paga quadrisettimanale o mensile immediatamente precedente a quello nel corso del quale ha inizio il congedo. La lavoratrice ha diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in lavoro part-time verticale o orizzontale. Il rapporto di lavoro part-time su richiesta della lavoratrice deve essere nuovamente trasformato in rapporto di lavoro a tempo pieno. 8

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 aggiornato al 22 luglio 2015 (G.U. n. 144 del 24/06/2015) Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell art. 1 comma

Dettagli

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani Come cambia la tutela della maternità e paternità Barbara Maiani I principi della legge delega Allo scopo di garantire adeguato sostegno alle alla genitorialità cure parentali, attraverso misure volte

Dettagli

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità Modifica delle norme di tutela della maternità È stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 26 giugno 2015 Supplemento ordinario n. 34, il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 80 "Misure per la conciliazione

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183 Oggetto

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

Prime note sul D.Lgs. 80/2015. (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro)

Prime note sul D.Lgs. 80/2015. (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro) Prime note sul D.Lgs. 80/2015 (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro) Il decreto è stato pubblicato sulla G.U. n.144 del 24-6-2015 (Suppl. Ordinario n. 34) ed è efficace

Dettagli

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Slides aggiornate al 4 marzo 2015 Schema di Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri del 20.2.2015 e attualmente in attesa

Dettagli

Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere

Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85563268 Internet : http: //www.inca.it E-mail : politiche-previdenziali@inca.it

Dettagli

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO.

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. . Prot. n 2110/22 Circolare N 11/AGOSTO 2015 AGOSTO 2015 A tutti i colleghi (*) IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. È stato pubblicato sulla

Dettagli

CONGEDO PARENTALE 2015

CONGEDO PARENTALE 2015 CONGEDO PARENTALE 2015 Si riportano di seguito le modifiche, tardive e parziali, apportate a tale istituto dal Jobs act con validità limitata al periodo dal 25 giugno al 31 dicembre 2015 Art. 32 decreto

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE MISURE PER LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183. RELAZIONE

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito.

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito. CONGEDO DI MATERNITÀ/CONGEDO DI PATERNITÀ Contratto intercompartimentale 2001-2004 Alto Adige Congedo di maternità: astensione obbligatoria dal lavoro della madre lavoratrice. Congedo di paternità: astensione

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9807.F.6.2 Roma, 6.8.2001 C I R C O L A R E OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n. 53 recante Disposizioni per il sostegno

Dettagli

Circolare N. 126 del 17 Settembre 2015

Circolare N. 126 del 17 Settembre 2015 Circolare N. 126 del 17 Settembre 2015 Maternità, lavoro notturno e telelavoro: le novità del 2015 (D.Lgs. n. 80 del 15.06.2015) Gentile cliente, il legislatore con il D.Lgs. n. 80 del 15.06.2015 ha introdotto

Dettagli

Maternità e conciliazione dei tempi di vita e lavoro:

Maternità e conciliazione dei tempi di vita e lavoro: Maternità e conciliazione dei tempi di vita e lavoro: novità derivanti dal Jobs Act Relatore/Referentin: Dr. Paola Baroldi Bozen/Bolzano, 10/11/2015 D. Lgs. 15 giugno 2015, n. 80 DECRETO LEGISLATIVO 15

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa Roma, 17/07/2015 Circolare n. 139 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

Decreto Legislativo 15 Giugno 2015, n.80, attuativo del Jobs Act: Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro

Decreto Legislativo 15 Giugno 2015, n.80, attuativo del Jobs Act: Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro Decreto Legislativo 15 Giugno 2015, n.80, attuativo del Jobs Act: Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro Entra in vigore il 25/06/2015, giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015. A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale

Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015. A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015 A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale Il decreto legislativo 80/2015 «Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

Congedo parentale. Definizione

Congedo parentale. Definizione Congedo parentale Definizione Oltre al congedo di maternità obbligatorio, la legge riconosce alla madre lavoratrice e al padre lavoratore il diritto al congedo parentale (ex astensione facoltativa, art.

Dettagli

Il punto sui decreti delegati del jobs act in GU

Il punto sui decreti delegati del jobs act in GU Il punto sui decreti delegati del jobs act in GU Tipologie contrattuali e conciliazione tempi vita e lavoro sono approdati in GU, affrontiamo novità e modifiche al Testo unico della Maternità. CENTRO STUDI

Dettagli

Indice. Congedo di maternità. Indennità di maternità

Indice. Congedo di maternità. Indennità di maternità Indice Congedo di maternità Rinvio e sospensione del congedo di maternità in caso di ricovero del neonato Esercizio del diritto Il congedo di maternità in caso di adozioni o affidamenti Adozione nazionale

Dettagli

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 CONGEDI PARENTALI FAMILIARI FORMATIVI PERMESSI PER LAVORATORI DISABILI GRAVI

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

(1). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 80 (1). Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (1) Pubblicato

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro in attuazione dell art.

Schema di decreto legislativo recante misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro in attuazione dell art. Schema di decreto legislativo recante misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro in attuazione dell art.1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014 n. 183 QUADRO NORMATIVO

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

In Primo Piano. Novità. Interpello in materia di salute e sicurezza NOVITA NORMATIVA. Relazione annuale Inail 2014 infortuni sul lavoro

In Primo Piano. Novità. Interpello in materia di salute e sicurezza NOVITA NORMATIVA. Relazione annuale Inail 2014 infortuni sul lavoro Newsletter numero 6-2015 In Primo Piano NOVITA Interpello in materia di salute e sicurezza Relazione annuale Inail 2014 infortuni sul lavoro I risultati dell apos; indagine ESENER 2 sulla sicurezza e salute

Dettagli

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale 4 Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese Indice Premessa pag. 3 Parte Prima: i diritti dei genitori 1. Permessi per controlli

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

COMO. Prontuario Congedo Parentale LE NOVITA' DEL JOB ACT

COMO. Prontuario Congedo Parentale LE NOVITA' DEL JOB ACT COMO Prontuario Congedo Parentale LE NOVITA' DEL JOB ACT 2015 COMO Per Informazioni e delucidazioni contattare: Vincenzo Falanga - Segretario Generale UIL FPL COMO cell. 3208160615 e.mail : vincenzo.falanga@uilfplcomo.it

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Tutela della maternità e della paternità 1 LA TUTELA DELLA MATERNITA

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Banca Fideuram S.p.A. SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Il documento è stato realizzato in collaborazione con la Fisac Cgil di Banca Fideuram 1 CONGEDO DI MATERNITÀ/PATERNITÀ:

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NU MERO 17 Le Circolari della Fondazione Studi n. 17 del 21/07/2015 CONCILIAZIONE VITA - LAVORO E stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 144 del 24 giugno 2015 il decreto legislativo

Dettagli

LE MISURE A TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA E GLI INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE LE OPPORTUNITA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO.

LE MISURE A TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA E GLI INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE LE OPPORTUNITA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO. LE MISURE A TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA E GLI INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE LE OPPORTUNITA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO. Relazione per Convegno Milano, 1 luglio 2015 ABSTRACT

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 151 del 26 MARZO 2001

DECRETO LEGISLATIVO 151 del 26 MARZO 2001 «COMPLESSI EQUILIBRI» La Conciliazione famiglie e lavoro in tutte le sue declinazioni Alleanza territoriale Sud-Est Asl MILANO 2 I CONGEDI PARENTALI E LE MISURE DI SOSTEGNO AL LAVORO E ALLA MATERNITÀ SABINA

Dettagli

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento Seite 1 von 8 Prassi delle Leggi d'italia I.N.P.S. (Istituto nazionale della previdenza sociale) Circ. 4-2-2008 n. 16 Art. 2, commi 452-456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Finanziaria 2008). Congedo

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. dell Italia riguardo i tassi di occupazione femminile, rispetto agli altri Paesi occidentali: a tutt oggi

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. dell Italia riguardo i tassi di occupazione femminile, rispetto agli altri Paesi occidentali: a tutt oggi XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Onorevoli colleghi! La presente proposta di legge muove da due considerazioni. La prima attiene allo storico ritardo dell Italia riguardo i tassi di occupazione femminile,

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ A cosa hanno diritto i lavoratori e le lavoratrici che diventano genitori 1 A chi è rivolta la brochure? Destinatari La presente brochure sui diritti a tutela della

Dettagli

Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute

Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute I TEMPI DI CONCILIAZIONE VITA-LAVORO ALLA LUCE DELLE RECENTI RIFORME T.V.B.FAMIGLIA Cisl MBL 25 giugno 2015 Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute 1 ALCUNI DATI NAZIONALI INTERESSANTI Negli

Dettagli

Introduzione PAG. 3. Permessi per esami prenatali PAG. 5. Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6. Congedo di maternità PAG. 7

Introduzione PAG. 3. Permessi per esami prenatali PAG. 5. Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6. Congedo di maternità PAG. 7 SOMMARIO Introduzione PAG. 3 DIRITTI DELLA MAMMA QUANDO E IN ATTESA Permessi per esami prenatali PAG. 5 Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6 Congedo di maternità PAG. 7 DIRITTI DEI GENITORI FINO AL

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 17 Gennaio 2003 Circolare n. 8 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità

Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità FILLEA ARTICOLI DI LEGGE CONTROLLI PRENATALI Art. 14 L.151/2001 Sono previsti permessi retribuiti per l effettuazione di esami prenatali, accertamenti

Dettagli

Genitori adottivi o affidatari

Genitori adottivi o affidatari Genitori adottivi o affidatari Congedo di maternità Il congedo di maternità spetta, per un periodo massimo di cinque mesi, anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore. In caso di adozione nazionale,

Dettagli

Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità: novità dall'inps

Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità: novità dall'inps www.handylex.org Carlo Giacobini, Responsabile del Centro per la documentazione legislativa, UILDM - Direzione Nazionale Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità:

Dettagli

Mamma & Papà al lavoro. Opportunità e diritti per un equilibrio tra tempo di lavoro e di cura dei figli

Mamma & Papà al lavoro. Opportunità e diritti per un equilibrio tra tempo di lavoro e di cura dei figli Mamma & Papà al lavoro Opportunità e diritti per un equilibrio tra tempo di lavoro e di cura dei figli Congedi per lavoratrici/lavoratori dipendenti Certificato di gravidanza Il certificato di gravidanza,

Dettagli

Breve guida al congedo di paternità (aggiornata al 13 novembre 2010)

Breve guida al congedo di paternità (aggiornata al 13 novembre 2010) Breve guida al congedo di paternità (aggiornata al 13 novembre 2010) La legge riconosce al padre lavoratore dipendente il diritto al congedo parentale, anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

Pensioni anticipate e penalizzazioni

Pensioni anticipate e penalizzazioni Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 96 Luglio 2014 Pensioni anticipate e penalizzazioni Nei giorni scorsi, l INPS ha inviato ai propri uffici periferici un messaggio (è il n. 5280

Dettagli

Periodico informativo n. 70/2016 Donne vittime di violenze di genere: richiesta congedo

Periodico informativo n. 70/2016 Donne vittime di violenze di genere: richiesta congedo Periodico informativo n. 70/2016 Donne vittime di violenze di genere: richiesta congedo Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo fornirle il Mod. Ind_cong:viol_gen

Dettagli

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione Federazione Nazionale Assicuratori Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione A CURA DELLA COMMISSIONE FEMMINILE...hanno collaborato: Carla Prassoli Rita Mazzarella Armando

Dettagli

Caro Papà. Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna

Caro Papà. Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna Caro Papà Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna Le Consigliere di Parità della Provincia di Ravenna Fato Luwanga Nuru e Gisella Casali Ufficio della Consigliera di Parità della

Dettagli

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 80 Oggetto: Istruzioni Inps su nuova Aspi La circolare Inps sulla nuova Aspi è uscita: è la n. 94 del 12-5-2015. Si tratta

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO di avvocato Erika Lievore 1 CONGEDO di MATERNITA (EX ASTENSIONE OBBLIGATORIA) DURATA ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO: 5 MESI (2 MESI PRECEDENTI E 3 MESI SUCCESSIVI

Dettagli

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III Direzione centrale Prestazioni a sostegno del reddito Direzione centrale delle Entrate contributive Direzione centrale delle Prestazioni Coordinamento generale Legale Direzione centrale Sistemi informativi

Dettagli

REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA. Capo I Disposizioni generali. Art. 1 Ambito di applicazione. Capo II Eventi tutelati

REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA. Capo I Disposizioni generali. Art. 1 Ambito di applicazione. Capo II Eventi tutelati AREA DELLA PREVIDENZA REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA Capo I Disposizioni generali Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento reca disposizioni a tutela della maternità

Dettagli

Entrambi sonon entrati in vigore il 25 giugno 2015. Di seguito si segnalano le principali novità.

Entrambi sonon entrati in vigore il 25 giugno 2015. Di seguito si segnalano le principali novità. JOBS ACT - PUBBLICAZIONE IN GU DEI DECRETI LEGISLATIVI IN MATERIA DI "RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E DISCIPLINA DELLE MANSIONI " E "CONCILIAZIONE VITA LAVORO" Sono stati pubblicati nella Gazzetta

Dettagli

Questo congedo, qualora non venga richiesto dalla madre, è riconosciuto, alle stesse condizioni,

Questo congedo, qualora non venga richiesto dalla madre, è riconosciuto, alle stesse condizioni, La Legge 53 del 2000 è intitolata Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi nelle città. E una legge che

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

FAQ - Congedo maternità

FAQ - Congedo maternità FAQ - Congedo maternità 1 - Congedo di Maternità: Sono concessi permessi per visite mediche durante la gravidanza? Per gli accertamenti clinici, le visite mediche specialistiche o gli esami prenatali effettuati

Dettagli

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008 I genitori che lavorano hanno diritto ad una serie di benefici atti a salvaguardare la loro salute a consentire loro di conciliare le esigenze lavorative con la cura dei figli ad impedire che, sul luogo

Dettagli

IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE

IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE Circolare dell INPS L'INPS, con la circolare n. 40 dello scorso 14 marzo (vedi in allegato il testo integrale), fornisce chiarimenti

Dettagli

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09 L INDENNITA DI MOBILITA Patronato INCA 1 AMBITO DI APPLICAZIONE I lavoratori licenziati da imprese, con più di 15 dipendenti nel semestre precedente l avvio della procedura di mobilità, che rientrano nel

Dettagli

Segreteria Provinciale Consap Palermo

Segreteria Provinciale Consap Palermo Segreteria Provinciale Consap Palermo Mini guida ai diritti di Maternità e Paternità L entrata in vigore del D.Lgs. 26 marzo 2001, n.151 come Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO NOTA: In linea di principio sono applicabili integralmente le norme del Testo Unico (D.Legs. 151/2001) su maternità e paternità

Dettagli

L'indennità di maternità

L'indennità di maternità Home Page Torna alle Informazioni Torna ai Servizi Torna Indietro Torna indietro Voi siete qui: Home > Informazioni > I contributi > Contributi fig.. L'indennità di maternità E' un'indennità sostitutiva

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro E.N.P.A.M. Indennita di maternita, adozione, affidamento e aborto per le iscritte agli albi dei medici chirughi e odontoiatri, libere professioniste o convenzionate La base del calcolo per l indennità

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

a) Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo

a) Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo L ARGOMENTO DEL MESE INDENNITA SOSTITUTIVA DEL PREAVVISO: Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo. Effetti della corresponsione della indennità sostitutiva del preavviso

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI SULLA MATERNITA

DISPOSIZIONI GENERALI SULLA MATERNITA Sommario SOMMARIO Presentazione... XIII Nota sull autore... XV Capitolo I DISPOSIZIONI GENERALI SULLA MATERNITA 1. Le fonti... 1 2. Le direttive comunitarie... 2 3. Soggetti tutelati, ambito di applicazione

Dettagli

FALCRI. donna I NOSTRI CONGEDI. Bianca Desideri. a cura di. Rosaria Capodanno. a cura di DONNE E SALUTE. Coordinamento Nazionale FalcriDonna

FALCRI. donna I NOSTRI CONGEDI. Bianca Desideri. a cura di. Rosaria Capodanno. a cura di DONNE E SALUTE. Coordinamento Nazionale FalcriDonna FALCRI donna I NOSTRI CONGEDI a cura di Bianca Desideri Coordinamento Nazionale FalcriDonna DONNE E SALUTE a cura di Rosaria Capodanno Centro Studi La Fenice I NOSTRI CONGEDI 1. Permessi visita medica

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

GUIDA FISAC. M/Paternità e Adozione CGIL FISAC

GUIDA FISAC. M/Paternità e Adozione CGIL FISAC GUIDA FISAC M/Paternità e Adozione 2014 CGIL FISAC Maternità, paternità e adozione 2014 A cura di Claudia Stoppato 1 NOZIONI GENERALI 3 1.1 Adozione e affidamento 3 2 GRAVIDANZA 3 2.1 Comunicazione all

Dettagli

GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI. MADRE e PADRE LAVORATORI DIPENDENTI

GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI. MADRE e PADRE LAVORATORI DIPENDENTI GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI 2007 Si riporta una breve traccia sui diritti della donna lavoratrice in caso di gravidanza e maternità (e dei conseguenti diritti

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 LEGGE 104 CONGEDO STRAORDINARIO Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 Legge 104/92 Art. 33 Tra i quesiti che ci pervengono quotidianamente da, lavoratori, delegati sindacali, membri di Associazioni

Dettagli

GUIDA FISAC 2015.4. M/Paternità e Adozione CGIL FISAC

GUIDA FISAC 2015.4. M/Paternità e Adozione CGIL FISAC GUIDA FISAC M/Paternità e Adozione 2015.4 CGIL FISAC Maternità, paternità e adozione 2015.4 A cura di Claudia Stoppato 1 NOZIONI GENERALI 3 1.1 Adozione e affidamento 3 2 GRAVIDANZA 4 2.1 Comunicazione

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione.

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione. Introduzione La legge 53/2000 (conosciuta con il titolo di Congedi Parentali) e altre norme ad essa collegata introducono rilevanti modifiche a importanti leggi dello Stato quali: La Legge 1204 del 30/12/1971

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI:

RIFERIMENTI NORMATIVI: VADEMECUM MATERNITA' Testo unico n 151 del 26 Marzo 2001 due sono gli istituti che intervengono sulla materia Inail e Inps. La gravidanza è un evento del tutto normale nella vita di una donna e non comporta,

Dettagli