Corso di MARKETING OPERATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di MARKETING OPERATIVO"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO La pubblicità Luca Petruzzellis

2

3 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 20 Prubblicità, promozione delle vendite e relazioni pubbliche Marketing Roger A. Kerin, Eric N. Berkowitz, Steven W. Hartley, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl

4 Definizione Qualsiasi forma di presentazione impersonale di idee, beni e servizi da parte di un comunicatore ben identificato, effettuato dietro compenso. Strumento di comunicazione impersonale, che si rivolge alla massa del pubblico e rende possibile la ripetizione del messaggio

5 La pubblicità sui media MESSAGGIO impersonale, unilaterale, standardizzato, indirizzato a pubblici diversi, proveniente da un advertiser bene identificato, progettato per creare un atteggiamento positivo, con un basso costo per contatto.

6 Spesa totale (US$m) Top Advertisers in Europa Gemania UK Francia Italia Spagna Paesi Bassi Fonte: Advertising Expenditure by Country & Medium, European Marketing Pocket Book, 2000 Ed

7 Top Advertising Spender Germania Procter & Gamble Ferrero Deutche Telecom Opel Effem UK Procter & Gamble British Telecom Vauxhall Reault Kellogg s Fonte: European Marketing Pocket Book Francia Vivendi L Oreal PSA Group France Telecom Nestle Spagna Telephonica Serviious Moviles El Corte Ingles Procter & Gamble Espana Telephonica de Espana Fasa Reault

8 Saab La pubblicità può essere usata per incoraggiare a provare

9 Le principali strutture del settore della pubblicità o Gli utenti pubblicitari. Sono le imprese o altre istituzioni che pagano la pubblicità e la firmano. o Le agenzie di pubblicità. Sono le imprese che formulano e realizzano i messaggi pubblicitari (+ web agency). o I centri media. Sono strutture specializzate nell area della pianificazione e dell acquisto dei mezzi. o Le concessionarie. Sono strutture preposte alla commercializzazione degli spazi pubblicitari (ex: SIPRA RAI; Publitalia 80 Mediaset). o I fornitori di servizi. Gli istituti di ricerca, gli stampatori, le case di produzione, ecc.

10 Sviluppo di una campagna pubblicitaria Strategia di Marketing Identificare e capire il target audience Definire gli obiettivi pubblicitari Stabilire il budget pubblicitario Messaggio Media Esecuzione della campagna Valutare l efficacia della pubblicità

11 La realizzazione della campagna pubblicitaria: le fasi 1. Definizione degli obiettivi generali: coerenza con le linee strategiche 2. Definizione degli obiettivi specifici: Target Audience, contenuti, effetti attesi cognitivi, attitudinali e comportamentali, budget di massima 3. Briefing: predisposizione e trasmissione all agenzia pubblicitaria 4. Strategia creativa: advertising e copy strategy 5. Pianificazione dei mezzi: media strategy 6. La realizzazione creativa ed esecuzione 7. La valutazione della campagna pubblicitaria

12 Advertising Decisioni chiave Fissare gli obiettivi Determinare il budget Sviluppare la strategia pubblicitaria Valutare le campagne pubblicitarie Gli obiettivi possono essere classificati secondo un fine primario: Informare Introdurre nuovi prodotti Persuadere Diventa più importante quando la competizione aumenta Pubblicità comparativa Ricordare Molto importante per i prodotti maturi

13 Gli obiettivi della campagna pubblicitaria INFOMATIVI (razionali / conoscitivi) PERSUASIVI (emozionali / attitudinali) Obiettivi informativi: di natura razionale; introduzione e sviluppo del prodotto sul mercato. Obiettivi persuasivi: carattere principalmente emozionale; fasi successive del CVP. Obiettivi cognitivi: tipicamente informativi; sviluppano consapevolezza e attenzione della target audience Obiettivi emotivo/attitudinali: mirano suscitare emozioni e creare preferenze (atteggiamenti favorevoli) verso il prodotto Obiettivi comportamentali: definiscono le dimensioni comportamentali (acquisto, riacquisto, passaparola, collaborazione ) che la campagna pubblicitaria dovrebbe stimolare

14 Gli effetti della pubblicità EFFETTI MODELLI A.I.D.A. DAGMAR ROGERS COGNITIVI Attenzione Consapevolezza Conoscenza Consapevolezza EMOTIVO/ ATTITUDINALI Interesse Desiderio Gradimento Preferenza Convinzione Interesse Valutazione Prova COMPORTAMENTALI Azione Acquisto Adozione Costabile, 2005

15 Obiettivi della comunicazione pubblicitaria PERCEZIONE (apprendere): Consapevolezza - conoscenza - familiarità - ricordo - richiamo - / / ATTEGGIAMENTO (sentire): Preferenza - importanza - convinzione - intenzione - / / COMPORTAMENTO (agire): Informazione - prova - acquisto - acquisto ripetuto - fedeltà - esclusività - soddisfazione. Lambin, 2004

16 I livelli di risposta alla pubblicità 1. Risposta cognitiva (apprendimento): Consapevolezza, riconoscimento, richiamo, conoscenza, familiarità, somiglianza percepita, Risposta affettiva (sensazione): Preferenza, convinzione, intenzione di acquisto, atteggiamento, Risposta comportamentale (azione): Informazione, visita allo show-room, cold call, restituzione di coupon, prova, acquisto, fedeltà, esclusività, tasso di utilizzo,... Lambin, 2004

17 Obiettivi gestionali della pubblicità 1. Sviluppo della domanda primaria (o bisogno relativo alla category). 2. Creazione di brand awareness. 3. Creazione o mantenimento di un atteggiamento favorevole verso la marca. 4. Stimolo di intenzione di acquisto della marca. 5. Facilitazione degli acquisti. Lambin, 2004

18 1. Sviluppo del bisogno riguardo la category 1. Il bisogno della category esiste ed è ben percepito. Non è richiesta pubblicità generica. Promuovere la marca presso gli utilizzatori attuali della category. 2. Il bisogno della category è percepito ma trascurato o dimenticato. Il bisogno della category deve essere menzionato per essere ricordato al potenziale acquirente. 3. Il bisogno della category è debole o non stabile. La pubblicità generica può presentare i benefici del prodotto. Lambin, 2004

19 2. Creazione della brand awareness Brand awareness è l abilità del consumatore di identificare (riconoscere o ricordare) la marca all interno della category con sufficiente dettaglio per effettuare l acquisto. 1. Brand recognition: la marca è elencata per prima dall acquirente, che quindi decide se è presente un bisogno forte della category e se procedere all acquisto. 2. Richiamo: il bisogno della category è sperimentato primo e l acquirente deve richiamare alla memoria la marca o molte marche. 3. Enfatizzare sia il ricordo sia il richiamo Lambin, 2004

20 Brand attitude Definizione: processo mentale attraverso cui l acquirente - sulla base dell esperienza passata e delle informazioni accumulate - organizza le sue percezioni, opinioni e sensazioni circa una particolare marca, rispetto la sua capacità percepita di soddisfare una motivazione rilevante. Determinanti: Attributi: caratteristiche oggettive della marca. (cosa possiede la marca). Benefici: gratificazioni soggettive cercate negli attributi. (cosa vuole l acquirente). Motivazioni: soddisfazioni o motivazioni sottostanti. (perché l acquirente lo vuole?) Lambin, 2004

21 3. Creazione di un atteggiamento favorevole 1. Creare, aumentare o mantenere la brand attitude 2. Cambiamento della brand attitude Dare più importanza a particolari attributi Modificare convinzioni relative alla marca Modificare convinzioni circa le marche concorrenti Attrarrre l attenzione su attributi trascurati Enfatizzare la dimensione dei benefici della brand Legare benefici e motivazioni Lambin, 2004

22 Benefici strategici per la brand attitude Importanza: rilevanza dei benefici per la motivazione che incita il consumatore ad acquistare la marca. Delivery: abilità percepita della marca di fornire i benefici attesi. Unicità: abilità percepita della marca di deliver i benefici meglio di altre marche - superior delivery. Lambin, 2004

23 Strategia di brand attitude Alto coinvolgimento Informazionale (motivationi negative) housing calcolatori assicurazioni prodotti nuovi nel B2B Trasformazionale (motivationi positive) vacanze abbigliamento di moda automobili corporate image Basso coinvolgimento Aspirina birra leggera detergenti prodotti routinari nel B2B Soft drinks snacks e desserts cosmetici birre speciali Lambin, 2004

24 4. Stimolare l intenzione di acquisto della marca 1. Omettere l intenzione di acquisto della marca: per prodotti a basso coinvolgimento l intenzione di acquisto si forma più tardi, nel momento dell acquisto, non durante l esposizione alla pubblicità. 2. Generare l intenzione di acquisto della marca: per prodotti ad alto coinvolgimento, l intenzione di acquisto si forma durante l esposizione pubblicitaria. L intenzione d acquisto è espressa solo quando è percepito il bisogno della category. Lambin, 2004

25 5. Facilitare l acquisto della marca Purchase facilitation può essere definita come la percezione dell acquirente degli altri elementi di marketing (le 4 p) che può ostacolare o stimolare l acquisto. 1. Omettere la facilitazione d acquisto, se già curata. 2. Incorporare la facilitazione d acquisto nella campagna e adattare la pubblicità per minimizzare i problemi. Lambin, 2004

26 Il briefing L input dell azienda all agenzia di pubblicità in cui vengono esplicitate la strategia di marca dell impresa e informazioni su: - caratteristiche del mercato (dimensioni, CVP, penetrazione, potenziale, struttura distributiva); - consumatori (caratteristiche socio-demografiche e psicografiche, abitudini, motivazioni, bisogni, aspettative); - prodotto (andamento delle vendite, quote di mercato, CVP, caratteristiche fisiche, profilo d immagine, prezzo); - positioning (percettivo/competitivo: come e perché la marca viene offerta al mercato, quali bisogni emozionali e razionali soddisfa); - concorrenza (quote di mercato, caratteristiche dei prodotti, politiche di prezzo, investimenti pubblicitari, comunicazione e profili d immagine). Costabile, 2005

27 Advertising e copy strategy Nella strategia di comunicazione vengono tradotti gli input provenienti dall azienda e formalizzati nel briefing in modo da rispondere a tre interrogativi di fondo: 1. A chi comunicare? 2. Che cosa comunicare? 3. Come comunicare? A LIVELLO DI CAMPAGNA (ADVERTISING) E DI SINGOLO MESSAGGIO (COPY) Costabile, 2005

28 Gli elementi della advertising e copy strategy Target audience: descritto in termini socio-demografici, psicografici, di benefici ricercati; Source of business: fonte dei consumi; Obiettivi della campagna Main consumer benefit (o unique selling proposition): promessa principale razionale o emotiva proposta espressa nel pay-off; Reason why: argomenti che provano e supportano la promessa principale in termini razionali e/o emotivi; Desired consumer reaction: reazioni che si vogliono ottenere dalla target audience (notice, believe, feel); Linee guida per la realizzazione creativa: linguaggi, stili, toni, vincoli. Costabile, 2005

29 Advertising Decisioni chiave Fissare gli obiettivi Determinare il budget Sviluppare la strategia pubblicitaria Valutare le campagne pubblicitarie Metodi di fissazione del budget Molti fattori dovrebbero essere considerati quando si fissa il budget: Fase del CVP Quota di mercato Livello di concorrenza Rumore Livello di differenziazione del brand

30 La definizione del budget Equilibrio tra le esigenze di salvaguardia del valore della marca e le esigenze finanziarie di breve termine. 2 approcci: APPROCCIO STORICO-REATTIVO: - metodo della quota residuale: quanto avanza dal budget aziendale; - metodo della percentuale sul fatturato dell anno t-1; - quota rispetto ai concorrenti: rispetto agli obiettivi di share of voice (investimento pubblicitario dell azienda / Σ investimenti pubblicitari delle aziende del settore). Limiti: il legame con il passato (ad es. vendite calanti potrebbero necessitare di maggiori investimenti) APPROCCIO PROSPETTICO PROATTIVO: - metodo dell obiettivo della quota di mercato: definizione del budget pubblicitario (costo fisso) tramite una break-even analysis; - metodo della percentuale sul fatturato atteso. Maggiore matrice soggettiva, ma rispetta l auspicabile relazione funzionale tra obiettivi e mezzi per perseguire tali target. Costabile, 2005

31 Budget orientati ai costi Budget residuale: direttamente collegato alle possibilità finanziarie di breve termine dell impresa. Budget tecnico: basato sull analisi della redditività della pubblicità Budget come percentuale del fatturato: si basa su una percentuale fissa delle vendite. Lambin, 2004

32 Budget orientati alla comunicazione Budget a «contatti utili»: Si parte con un dato obiettivo di copertura e di frequenza si determina il budget a contatti utili (o viceversa). Budget sull impatto percentuale: Si parte con obiettivi psico-sociologici (cognitivi o affettivi), e si calcolano i costi dei media, frequenza, copertura,... Lambin, 2004

33 Budget orientati alle vendite Budget a impatto percettivo: basato sulla conoscenza della relazione pubblicità-vendite per determinare il budget, ottimizzando i profitti di breve e lungo termine. Il modello Vidale and Wolfe: modello dinamico che collega vendite e pubblicità, ma ignorando la concorrenza ed altre variabili di marketing. Il modello ADBUDG di Little: modello di quota di mercato, dinamico ed interattivo, utile principalmente in mercati stabili in cui la pubblicità è un fattore determinante nello sviluppo delle vendite e della quota di mercato. Lambin, 2004

34 Advertising Decisioni chiave Fissare gli obiettivi Determinare il budget Sviluppare la strategia pubblicitaria Valutare le campagne pubblicitarie Sfide creative (distinguersi dalla massa) Rumore TiVo, mysky Creare messaggi pubblicitari Messaggio Concetti creativi o grande Idea Appeal Realizzazione del messaggio Stili: scene di vita, stile di vita, fantasia, stato d animo e immagine, musicale, personalizzazione, competenza tecnica, testimonianze Tono, parole, formato, testi

35 Tipi di messaggi pubblicitari Concept advertising: messaggio che possiede un obiettivo di comunicazione di atteggiamento. Promotional advertising: messaggio che ha un obiettivo comunicativo comportamentale. Response advertising: messaggio che ha l obiettivo di avviare una relazione con il cliente potenziale. Institutional advertising: messaggio non-product che ha l obiettivo di ottenere supporto morale per un organizzazione. Lambin, 2004

36 Utilità della pubblicità per l acquirente Fornire all acquirente una migliore percezione delle caratteristiche distintive rivendicate dalla marca. Ridurre per l acquirente i costi informativi nel processo di acquisto: - costi di ricerca (identificare soluzioni esistenti), - costi di valutazione (identificare gli attributi rilevanti), - costi percettivi (verificare il grado di presenza degli attributi rilevanti). Lambin, 2004

37 Creazione della advertising copy o Copy- strategy: Target - promessa - argomento - tono. o Star- strategy: Look della marca - personalità - stile creativo o Brand personality: Look - personalità - uso occasionale - dimensione culturale - profilo dell acquirente - self-image. Lambin, 2004

38 Qualità del messaggio pubblicitario o Desiderabilità: Il messaggio deve innanzitutto dire qualcosa di desiderabile o interessante sul prodotto. o Esclusività: Il messaggio deve dire qualcosa di esclusivo non applicabile a qualsiasi marca. o Credibilità: Il messaggio deve essere credibile e testabile. Lambin, 2004

39 Struttura del messaggio o Verbale vs non verbale (parole:15% - tono 25% - non verbale 60%) o Leggibilità del messaggio verbale (metafore - concreto, semplice, luoghi comuni - breve,...) o Ordine (i messaggi chiave all inizio) o Ripetizione (attenzione: dopo tre ripetizioni, l efficacia cala) o Argomentazioni e contro-argomentazioni (messaggi... utili con audience evolute) Lambin, 2004

40 Qualità di esecuzione del messaggio pubblicitario Il posizionamento della pubblicità è consistente? Il beneficio per l acquirente è chiaramente evidenziato? Fino a che punto la promessa è esclusiva? Si ha consistenza e continuità nel tempo? Il messaggio si basa su un idea creativa? La pubblicità ha successo nell ottenere attenzione? Vi è un chiaro legame tra il prodotto, la promessa l idea pubblicitaria e la sua esecuzione? Lambin, 2004

41 Convergenza dei clienti Decisioni di messaggio - Consumatori di vari paesi condividono esperienze, bisogni e motivazioni comuni Piattaforma pubblicitaria - Base del messaggio, la basilare selling proposition dovrebbe essere: importante per il target audience comunicare il vantaggio competitivo Messaggio pubblicitario - Traduce la piattaforma in parole, simboli e illustrazioni che sono attrattive e piene di significato per il target audience

42 Realizzazione creativa Scene di vita: una o più persone utilizzano il prodotto in una situazione di vita normale. Personalizzazione del prodotto: una figura allegorica (personaggio animato o reale) che personifica il prodotto Dimostrazione: valorizza il livello delle prestazioni attaraverso un approccio ed un linguaggio razionale, fattuale e argomentativo. Umorismo: crea attenzione e simpatia attorno alla marca e che comunica in modo piacevole caratteristiche di prodotto. Costabile, 2005

43 Realizzazione creativa Aspirazione: cerca di interpretare l aspirazione umana a un ascesa sociale e di accreditare il prodotto come mezzo per realizzare tali aspirazioni, usando stereotipi ed un linguaggio emotivo. Testimonial: testimonianza di persone, note o meno note, che hanno già provato il prodotto e che ne descrivono le caratteristiche ed i benefici ricevuti. Esotismo: cerca di far leva sulla capacità di attrazione di mondi lontani e mitici. Può servire a riaffermare l origine dimenticata di certi prodotti o a sprovincializzarne l immagine. Fantasia: utilizza proiezioni fantastiche, in cui il prodotto assume connotazioni fiabesche, lontane dalla realtà Costabile, 2005

44 Advertising Decisioni chiave Fissare gli obiettivi Determinare il budget Sviluppare la strategia pubblicitaria Valutare le campagne pubblicitarie Selezionare i media Decidere il livello di copertura netta, frequenza e impatto Scegliere fra i media più importanti: Abitudini dei consumatori, natura dei prodotti, tipo di messaggio, costi Selezionare specifici veicoli pubblicitari Pianificazione temporale

45 La media strategy Scelta dei mezzi di comunicazione su cui veicolare la campagna, in un ottica di ottimizzazione dell investimento dell azienda utente. La media strategy comprende: la scelta dei mezzi: stampa, tv, radio, cinema, pubblicità esterna (affissioni, cartellonistica stradale, luminosa, dinamica, ecc); la selezione dei veicoli (singoli mezzi); la definizione delle modalità di distribuzione temporale e spaziale (copertura e frequenza). Deve tenere conto di: - target audience (chi si vuole raggiungere); - share of voice obiettivo (stretta relazione con il budgeting); - territorialità; scegliendo fra le soluzioni della concentrazione e della dispersione, ovvero mediando il trade-off tra tali estremi. Costabile, 2005

46 Parametri chiave utilizzati nella pianificazione media Audience: numero di persone esposte ad un particolare mezzo. Esposizione: opportunità di vedere (OTS) o di sentire (OTH) il messaggio. Copertura: numero di persone esposte almeno 1 volta al messaggio. Frequenza: numero di volte in cui un potenziale acquirente è esposto a un messaggio. Gross Rating Point (GRP): Copertura x frequenza. Lambin, 2004

47 Strategie alternative relative ai media Copertura vs frequenza: raggiungere il maggiore numero di persone o raggiungere un target ristretto attraverso la massima frequenza. Continuità vs intermittenza: superare il tasso di dimenticanza attraverso la continuità o cercare attraverso l intermittenza di ottimizzare l apprendimento del cliente. Diversificazione vs concentrazione: sfruttare la complementarietà di diversi media o dominare il medium più seguito dal target. Lambin, 2004

48 Selezione dei media basata sugli obiettivi di comunicazione awareness Riconoscimento della marca (brand recognition): Contenuto visivo per mostrare la confezione, il logo, il nome Contenuto di colore per aiutare il riconoscimento Tempo del processo di brief Bassa frequenza Richiamo della marca (brand recall): Contenuto verbale per comunicare il brand name Colore non richiesto no colour requirement Tempo del processo di brief processing time Ripetizione frequente Lambin, 2004

49 Obiettivi e compiti della selezione dei media APPROCCIO 1: COPERTURA E FREQUENZA Iniziare con un obiettivo dato di copertura e frequenza, e calcolare il budget richiesto per raggiungere l obiettivo. APPROCCIO 2 : VINCOLI DI BUDGET Iniziare con un budget vincolato e cercare la migliore combinazione di reach e frequenza compatibile con i vincoli. Lambin, 2004

50 Scelta dei media Televisione Stampa Nazionale Regionale Radio Riviste di moda Tecniche commerciali Cinema Cartelloni

51 Opportunità di essere visto (OTS)? Televisione Presenza nella stanza in cui la TV è accesa minuto per canale, posto che la presenza nella stanza con TV accesa è di almeno 15 secondi consecutivi Stampa e riviste Letta o sfogliata (per almeno 2 minuti) durante il periodo di pubblicazione (es. Per I settimanali entro gli ultimi 7 giorni) Cartelloni Traffico vicino al sito incluso i pedoni Cinema Ammissione al cinema (biglietti)

52 Indici e misure Copertura Netta (REACH) = rapporto tra numero degli individui raggiunti dal messaggio e target audience. Es.: Individui Raggiunti = 6000 Target = REACH = 0,50 x 100 = 50 Frequenza media = rapporto tra volume complessivo dei contatti sviluppati e numero degli individui raggiunti. Es.: Volume complessivo dei contatti = Individui Raggiunti = 6000 FREQUENZA MEDIA = 3.8 Costabile, 2005

53 Gross Rating Point (GRP) Il Gross Rating Point (o indice di copertura lorda) è un indice che tiene conto nella valutazione della copertura del messaggio anche delle ripetizioni. GRP = Copertura Netta (REACH) x Frequenza Media. Es.: Individui Raggiunti = 6000 Target = Volume complessivo dei contatti = REACH = 50 Frequenza media = 3.8 GRP = 190 Costabile, 2005

54 Advertising Decisioni chiave Fissare gli obiettivi Determinare il budget Sviluppare la strategia pubblicitaria Valutare le campagne pubblicitarie Misurare gli effetti della comunicazione Copy test Misurare gli effetti sulle vendite Comparare vendite passate con le spese passate in pubblicità Esperimenti

55 La valutazione degli effetti di una campagna pubblicitaria E necessario valutare gli effetti per determinare obiettivi realistici per le successive azioni e per desumere la bontà di una determinata strategia. Effetti cognitivi Effetti competitivi Efficacia Messaggio Obiettivi Investimenti Messaggio Effetti emotivi Effetti esterni Risultati Campagna Effetti comportamentali Effetti interni Efficienza Costabile, 2005

56 Gli effetti di una campagna pubblicitaria EFFETTI COGNITIVI - awareness - top of mind - memorizzazione - day after recall EFFETTI ATTITUDINALI - percezioni / associazioni tra il prodotto e un attributo (esplicito/implicito; razionale/emozionale); EFFETTI COMPORTAMENTALI - riacquisti / aumenti di quantità acquistate - passaparola - collaborazione Costabile, 2005 La misurazione degli effetti di una campagna pubblicitaria diventa più aleatoria passando dalle dimensioni cognitive a quelle comportamentali (per le quali è difficile stabilire un rapporto causa / effetto rispetto al messaggio veicolato)

57 Misura dell efficacia pubblicitaria Efficacia della comunicazione: Copertura - frequenza - richiamo - comprensione. Efficacia attitudinale: Atteggiamento - convinzione - preferenza - intenzione. Efficacia comportamentale: Informazione - visita - prova - acquisto - esclusività - fedeltà. Lambin, 2004

58 Evoluzione dinamica della memorizzazione Lambin, 2004

59 L affievolirsi del ricordo pubblicitario in funzione del tempo Lambin, 2004

60 Comunicazione di marketing ed indice di risposta del cliente Interesse (0.77) Intenzione (0.68) Indice di risposta Azione del cliente (0.90) Non azione (0.10) 16 % Consapevole (0.63) Comprensione (0.54) Non interesse (0.23) Non intenzione (0.32) Non comprensione (0.46) Non consapevole (0.63) Lambin, 2004

61 Il processo di comunicazione pubblicitaria Lambin, 2004

62 Co-marketing o Esempi: Coca-Cola e Club Med - Laguna (Renault) e Vittel - Motta (Unilever) e Danone (yogurt) - Exxon e parchi di divertimento. o Vantaggi: Riduzione dei costi pubblicitari - Image transfer - Cross promotions o Condizioni di applicazione: Complementarietà di prodotto - Simile posizionamento. o Rischi: Fuzzy image - Effetti di cannibalizzazione

63 Pubblicità automobili Periodo per la decisione: 3 mesi Gennaio è mese chiave in cui la pubblicità si concentra su aspetti tecnici (prezzo, finanziamenti) Da Novembre in poi: massimo della pubblicità basata su immagine e brand personality

64 Pubblicità automobili Uso nei messaggi di humor, avventura e sesso Fiat Punto Renault Clio Citroen Pegeout

Marketing Operativo: Comunicazione

Marketing Operativo: Comunicazione Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Comunicazione Dott. Mario Liguori 1 Processo di comunicazione Emittente Codifica Decodifica Ricevente Messaggio

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 La Pianificazione Pubblicitaria Fulvio Fortezza Il Piano di comunicazione 2 1 OBIETTIVI Gli obiettivi devono essere specifici e, possibilmente, misurabili

Dettagli

Corso di Fondamenti di Marketing

Corso di Fondamenti di Marketing UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Corso di Fondamenti di Marketing La pubblicità Luca Petruzzellis luca.petruzzellis@uniba.it Definizione Ø Qualsiasi forma di presentazione

Dettagli

Marketing internazionale

Marketing internazionale A.A. 2007-2008 Marketing internazionale Dott.ssa Vania Vigolo Lezione 23 NB. Una precisazione PURAMENTE FORMALE: nella numerazione delle lezioni sulle slide sono passata dalla lezione 20 alla 21 senza

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO Lezione 16 12 maggio 2010 . IMBUTO PROMOZIONALE informazioni PUBBLICHE RELAZIONI No vendita, ma modificazione atteggiamento,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari. Luca Petruzzellis. lu.petruzzellis@disag.uniba.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari. Luca Petruzzellis. lu.petruzzellis@disag.uniba. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Vende molteplici marche nell ambito della stessa categoria

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY SVILUPPO DELLA CAMPAGNA Prima fase: IL BRIEFING scambio di informazioni fondamentale per lo sviluppo della campagna. Il brief contiene molteplici informazioni su:

Dettagli

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Prof. Bruno Buzzo Docente di Tecnica della Comunicazione Facoltà di Economia - Università di Genova Amministratore Delegato e Condirettore Generale PBCOM S.p.A.

Dettagli

Pubblicità e promozione

Pubblicità e promozione Pubblicità e Promozioni Relatore: Andrea Baioni (abaioni@abstudio.it) Pubblicità e promozione Consiste nello sviluppo e nell invio di messaggi diretti ad un destinatario specifico E efficace quando il

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Strategia di marketing Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it La

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO La comunicazione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

Piano di marketing & ricerche di mercato

Piano di marketing & ricerche di mercato Piano di marketing & ricerche di mercato Roma, giugno 2004 Piano di marketing (1/6) ANALITICO STRATEGICO ANALISI DI SETTORE E DELLA CONCORRENZA ANALISI DEL SETTORE E DELL IMPRESA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

Marketing mix: promozione e comunicazione

Marketing mix: promozione e comunicazione Marketing mix: promozione e comunicazione La presente documentazione è ad esclusivo uso didattico. Al di fuori del corso nessuna parte può essere riprodotta in qualsiasi forma a stampa, fotocopia o altri

Dettagli

Corso di Marketing Lezione 14 La comunicazione Prof. Elena Cedrola

Corso di Marketing Lezione 14 La comunicazione Prof. Elena Cedrola Corso di Marketing Lezione 14 La comunicazione Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it www.economiamc.org/cedrola 1 Una definizione di comunicazione La comunicazione è stata definita come un processo

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

LA PUBBLICITÀ. Corso di Marketing Ottava unità didattica

LA PUBBLICITÀ. Corso di Marketing Ottava unità didattica LA PUBBLICITÀ Consiste in una qualsiasi forma di presentazione impersonale di idee, beni e servizi da parte di un comunicatore ben identificato, effettuato dietro compenso. È uno strumento di comunicazione

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 11 Advertising Cos è la pubblicità Storicamente

Dettagli

4. IL BRAND MANAGEMENT DEL TERRITORIO

4. IL BRAND MANAGEMENT DEL TERRITORIO 4. IL BRAND MANAGEMENT DEL TERRITORIO 4.1 La marca del territorio: definizione La marca, quando riferita all impresa, viene definita, nella prospettiva dei consumatori-acquirenti, come: aggregazione, intorno

Dettagli

I COMPORTAMENTI DI ACQUISTO

I COMPORTAMENTI DI ACQUISTO I COMPORTAMENTI DI ACQUISTO G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 Analisi del comportamento del consumatore Marketing Stimoli

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

ECCO PERCHÉ LE PUBBLICITÀ BRUTTE NON VENDONO

ECCO PERCHÉ LE PUBBLICITÀ BRUTTE NON VENDONO ECCO PERCHÉ LE PUBBLICITÀ BRUTTE NON VENDONO AREA BRANDING RELATORE ROBERTO RUSTICI AGENZIA ROBERTO RUSTICI s.a.s. ROBERTO RUSTICI ART DIRECTOR 20 anni di grafica pubblicitaria e comunicazione. Dal 2005

Dettagli

Strategia. Strategia di rilancio. Strategie del ciclo di vita. Strategie di sell-in e sell-out. Strategie di sell-out PUBBLICITÀ E STRATEGIE

Strategia. Strategia di rilancio. Strategie del ciclo di vita. Strategie di sell-in e sell-out. Strategie di sell-out PUBBLICITÀ E STRATEGIE PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA Strategia Esistono diversi tipi di strategia di marketing, da cui discendono diversi tipi di strategia di comunicazione: di posizionamento corporate/di

Dettagli

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE STRATEGIE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero 1 STRUTTURA DEL PIANO DI MARKETING SOMMARIO ANALISI SCELTE STRATEGICHE PROGRAMMI OPERATIVI CONTO ECONOMICO CONTROLLI Prof. Giancarlo Ferrero 2 LA SEGMENTAZIONE

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Segmentazione del mercato e scelta del target

Segmentazione del mercato e scelta del target Segmentazione del mercato e scelta del target 1 DEFINIZIONE DEL MERCATO: PROCESSO A PIU STADI LIVELLI DI SEGMENTAZIONE (Lambin): 1. Segmentazione strategica: identifica grandi settori di attività CORPORATE

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

! "#$ #$$% # % &#'('! #' ' %. $$ ( &

! #$ #$$% # % &#'('! #' ' %. $$ ( & ! "#$ #$$% # % &#'('! )**+,)**- #' ' %. $$ ( & /' '( ' ( ''012 ( '' 3' 3 '(' ( ' "' ' ' '' 0 452 ''0)2! % ' 7 8 '6 ''092 " # IL PROCESSO DI MARKETING IL PROCESSO DI MARKETING: Capitolo 2 come iniziare

Dettagli

LABORATORIO DI STRATEGIE PUBBLICITARIE, PUBBLICITÀ SOCIALE, MEDIA PLANNING

LABORATORIO DI STRATEGIE PUBBLICITARIE, PUBBLICITÀ SOCIALE, MEDIA PLANNING LABORATORIO DI STRATEGIE PUBBLICITARIE, PUBBLICITÀ SOCIALE, MEDIA PLANNING 24 APRILE 2013 Prof. Paola Panarese Strategia Una strategia è un piano d'azione di lungo termine volto a impostare e coordinare

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 OBIETTIVI DELL AZIENDA Massimizzare l utilità risorse Aumentare redditività e profitto Soddisfare il cliente / costruire

Dettagli

DAL BRIEF ALLO SPOT. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

DAL BRIEF ALLO SPOT. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it DAL BRIEF ALLO SPOT Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 AVVERTENZA: i video discussi durante la lezione sono disponibili all indirizzo: http://www.youtube.com/user/mrsgravili#grid/user/76a6ca576d437ec5

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE MEZZI

LA PIANIFICAZIONE MEZZI LA PIANIFICAZIONE MEZZI Appunti di Pubblicità e Marketing Dispensa redatta dal Prof. Marco Galdenzi ad uso degli studenti del Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione Anno accademico 2011/2012 LE

Dettagli

Aspetti di Marketing Sportivo

Aspetti di Marketing Sportivo Aspetti di Marketing Sportivo Università di Ferrara Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e gestione delle imprese sportive Cesare Mattei Definizione: IL MARKETING E UN INSIEME DI ATTIVITA PROGRAMMATE,

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste).

Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste). Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste). campagna pubblicitaria Serie di messaggi pubblicitari che, attraverso uno o più media, mirano

Dettagli

Introduzione al Retail

Introduzione al Retail Introduzione al Retail Lezione 14.03.13 Pio Zito MARKETING RELAZIONALE FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI Il Retail etailè un sistema di vendita evoluto composto da una rete di punti caratterizzati da: SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Il prezzo: Metodi di determinazione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it

Dettagli

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Glossario di marketing Accettazione: pubblico. misura l accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del Account: figura professionale che svolge

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

LA POLITICA DI COMUNICAZIONE

LA POLITICA DI COMUNICAZIONE LA POLITICA DI COMUNICAZIONE 212 Obiettivi della comunicazione Creare un immagine aziendale forte e attrattiva al fine di consolidare il vantaggio competitivo 213 Le aree della comunicazione aziendale

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1 Capitolo 7 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Capitolo 7- slide 1 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Obiettivi

Dettagli

VIAGGIO NEL TV BRAND 1 1. L INNOVAZIONE DEL MERCATO TELEVISIVO: LA FORZA DEL TV BRAND

VIAGGIO NEL TV BRAND 1 1. L INNOVAZIONE DEL MERCATO TELEVISIVO: LA FORZA DEL TV BRAND VIAGGIO NEL TV BRAND 1 1. L INNOVAZIONE DEL MERCATO TELEVISIVO: LA FORZA DEL TV BRAND Nello scenario che è stato descritto nella prima parte, conquistare la scelta di visione del telespettatore diventa

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO DISCIPLINA: TECNICHE DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO IL PROGRAMMA SVOLTO PER LA PARTE

Dettagli

Corso di Fondamenti di marketing. Il concetto di marketing

Corso di Fondamenti di marketing. Il concetto di marketing UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di Fondamenti di marketing A-K Il concetto di marketing Luca Petruzzellis luca.petruzzellis@uniba.it Obiettivi del corso

Dettagli

LE DEFINIZIONI MEDIA

LE DEFINIZIONI MEDIA DEFINIZIONI MEDIA LE DEFINIZIONI MEDIA Copertura Netta o Net Reach Frequenza Media / OTS GRP s Copertura Efficace o Effective Reach Distribuzione di frequenza Share Indici di Concentrazione COPERTURA NETTA

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

Unità di Apprendimento. UdA: SPOT ON FOOD

Unità di Apprendimento. UdA: SPOT ON FOOD LA DIDATTICA PER COMPETENZE 2. PROCESSI E MODELLI PER SVILUPPARE LA PROFESSIONALITÀ DOCENTE E PROMUOVERE IL SUCCESSO FORMATIVO Unità di Apprendimento ASSE STORICO SOCIALE UdA: SPOT ON FOOD La pubblicità:

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Perché segmentare? I mercati sono numerosi, dispersi geograficamente ed eterogenei nelle loro esigenze d'acquisto. Un'impresa che decide di operare in un certo mercato non

Dettagli

Le strategie di valorizzazione turistica. Dott. Sebastiano MANGIAGLI

Le strategie di valorizzazione turistica. Dott. Sebastiano MANGIAGLI Le strategie di valorizzazione turistica Dott. Sebastiano MANGIAGLI IL FENOMENO TURISTICO 2 IL FENOMENO TURISTICO Tipologie di viaggiatori VIAGGIATORI Visitatori, che attivano la domanda turistica (per

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia BRAND MANAGEMENT Prodotto vs. Brand Un prodotto si fabbrica Un brand si compra (fiducia) Un prodotto si copia Un brand (se ben costruito) è unico Un prodotto diventa obsoleto Un brand di successo vive

Dettagli

La comunicazione degli eventi

La comunicazione degli eventi La comunicazione degli eventi 1 2 Gli strumenti di comunicazione 3 4 Immagine e branding 5 Il branding è l insieme delle attività strategiche e operative relative alla costruzione della marca. Definizione

Dettagli

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ Ma&Mi è un agenzia di comunicazione a servizio completo, dove differenti professionalità si mettono al servizio del cliente per creare valore e per supportare lo

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 18 aprile 2007 Gli argomenti del primo corso PROPRIETA GOVERNO GESTIONE LE TEORIE

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4 Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 PUBBLICITA MARCA Gaia Vicenzi - Laboratorio di 2 LA PUBBLICITA Parlare di comunicazione persuasiva oggi significa evocare

Dettagli

Marketing. La segmentazione del mercato

Marketing. La segmentazione del mercato Marketing La segmentazione del mercato 1 Fase analitica e conoscitiva Analisi di settore e comportamenti concorrenziali Definizione del mercato e analisi della domanda Comportamento del consumatore Struttura

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Studio Grafico Ramaglia. Graphic Designer

Studio Grafico Ramaglia. Graphic Designer Index Profilo Agenzia Grafica Internet Perchè affidarsi a noi Profilo Dal 2012 lo studio RAMAGLIA si occupa di comunicazione, grafica pubblicitaria, web design e marketing. I nostri servizi si rivolgono

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 IL PIANO DI COMUNICAZIONE prima di cominciare 3 4 Le fasi 1. Pianificazione 1.1 Strategica 1.2 Operativa

Dettagli

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Dott. Mario Liguori 1 Definizioni Comportamento di acquisto = l insieme delle

Dettagli

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli