La Governance partenariale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Governance partenariale"

Transcript

1 La Governance partenariale

2 Sommario Introduzione Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED Introduzione Codice europeo di condotta sul partenariato: cosa dice rispetto ai programmi di cooperazione territoriale Obiettivi e principi del modello di governance Le caratteristiche e i contenuti del partenariato in ambito MED Modello di governance proposto Le regole del partenariato La composizione del partenariato L attivazione in fase di strategia Il partenariato in fase di attuazione Strumenti La gestione dei flussi informativi Introduzione I contenuti di questo documento si articolano sui risultati dell Analisi e ricerca sullo stato d attuazione del Programma di cooperazione Transnazionale MED e definizione di proposte e future prospettive per la Programmazione , soprattutto sui risultati dell analisi della partecipazione italiana. Il documento contiene la proposta di un modello di governance per la Programmazione MED

3 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED Introduzione Il presente capitolo contiene una proposta del modello di governance partenariale da utilizzare nell ambito del Programma di cooperazione transnazionale MED Il documento è uno schema redatto dallo staff di ISMERI EUROPA sulla base dei documenti di Programmazione MED esistenti e sulle proprie conoscenze dei sistemi partenariali. Il modello vuole fornire una serie di indicazioni che possono essere adeguate sulle esigenze del Comitato Nazionale e delle Regioni. Gli strumenti e le attività proposte tentano di sviluppare maggiore uniformità di approccio tra le Regioni partecipanti al Programma. Il documento è articolato secondo i temi seguenti: i contenuti del Codice europeo di condotta sul partenariato, obiettivi e principi del modello di governance, le caratteristiche e i contenuti del partenariato in ambito MED, il modello di governance proposto, la gestione dei flussi informativi. Dove rilevante sono stati inseriti dei box contenenti gli elementi principali delle pratiche utilizzate in alcune regioni italiane 1 che potrebbero essere d ispirazione nell organizzazione del processo partenariale Codice europeo di condotta sul partenariato: cosa dice rispetto ai programmi di cooperazione territoriale Il Codice europeo di condotta sul partenariato è un atto delegato della Commissione europea che ha come finalità quella di sostenere gli Stati membri nell'organizzazione del partenariato. Ciò avviene tenendo conto delle competenze nazionali e regionali così da ridurre i deficit di coordinamento nell'elaborazione e attuazione delle politiche pubbliche ed evitare la frammentazione amministrativa e degli interventi pubblici. L articolo 4 del codice stabilisce che per ogni Programma gli Stati Membri sono chiamati ad identificare i partner pertinenti tra Autorità regionali, locali, cittadine e altre autorità pubbliche, le parti economiche e sociali, organismi rappresentativi della società civile come partner ambientali, ong etc. Per i programmi di cooperazione territoriale europea gli Stati membri possono coinvolgere anche i gruppi di cooperazione territoriale che operano all interno del Programma specifico, le autorità o gli organismi coinvolti nello sviluppo di una strategia macro-regionale o per i bacini marittimi nella zona interessata. Il coinvolgimento dei partner deve avvenire nella fase di preparazione dei programmi e di attuazione degli stessi: nella preparazione dei bandi, nella preparazione delle relazioni sullo stato 1 Tali informazioni sono state raccolte attraverso un analisi desk e sulla base delle informazioni fornite dai referenti regionali partecipanti al Comitato Nazionale. 2

4 di avanzamento e monitoraggio, nella sorveglianza dei programmi, nella valutazione dei programmi. L articolo 9 stabilisce che nei PO siano fornite informazioni sulle azioni adottate per coinvolgere i partner pertinenti e le azioni previste per garantire la partecipazione dei partner all attuazione dei programmi. Per quanto riguarda i Comitati di Sorveglianza dei programmi di cooperazione territoriale europea, i partner possono essere rappresentati da organizzazioni ombrello a livello transnazionale 2. Tuttavia il codice precisa che gli Stati Membri possono coinvolgere i partner nella preparazione del comitato di sorveglianza, soprattutto attraverso la loro partecipazione ai comitati di coordinamento stabiliti a livello nazionale (art.10). Infine, un tema coperto dal codice è quello di rafforzare la capacità istituzionale dei partner pertinenti al fine di partecipanti efficacemente alla preparazione, attuazione, sorveglianza e valutazione dei programmi. Per la cooperazione territoriale europea il sostegno (anche attraverso l assistenza tecnica) ai partner può coprire il potenziamento delle capacità istituzionali finalizzate alla partecipazione ad attività di cooperazione internazionale Obiettivi e principi del modello di governance Il modello proposto si inserisce all interno di questo contesto e vuole essere uno strumento di supporto per le Regioni responsabili del programma MED affinché possano gestire le relazioni partenariali secondo i principi del Codice. In particolare la presente proposta ha l obiettivo di rafforzare il peso della consultazione e del coinvolgimento degli stakeholder così da renderla più incisiva nei contenuti e nell organizzazione. Per le amministrazioni coinvolte nel Programma di cooperazione MED, le finalità della mobilitazione efficiente del partenariato, sono: arricchire la base informativa a disposizione delle amministrazioni e di tutte le organizzazioni del territorio; acquisire il consenso degli interessi organizzati sull impostazione della Programmazione; migliorare la qualità degli interventi; migliorare l integrazione e la sinergia con altri strumenti e altri fondi collegati ai temi coperti nell ambito del Programma MED; evitare, o almeno ridurre, il rischio di duplicazione di idee progettuali e azioni simili; sviluppare reti di collaborazione tra diversi attori (dentro e fuori l ambito del Programma MED). 2 Le organizzazioni ombrello a livello transnazionale sono associazioni di organizzazioni nazionali che rappresentano interessi diffusi a livello sopranazionale. 3

5 Al fine di conciliare larga partecipazione ed efficacia il modello è fondato sui seguenti principi: Inclusione Trasparenza Integrazione Informazione Effettività Il coinvolgimento delle associazioni e delle rappresentanze di interessi diffusi deve assicurare la rappresentatività delle istanze territoriali in modo che sia valorizzato il loro capitale di conoscenze. Le procedure e le informazioni devono avere adeguata pubblicità. Dimensione cruciale della trasparenza è quella di informare il partenariato sulle scelte strategiche adottate. Il coinvolgimento deve includere i livelli politici e amministrativi rilevanti, nella fase di Programmazione, di attuazione, di controllo e di valutazione. E necessaria l integrazione tra il partenariato regionale e le attività delle strutture nazionali e comunitarie del Programma. Il coinvolgimento deve fondarsi su un flusso di informazioni costante da parte delle amministrazioni al sistema partenariale così da consentire un contributo tempestivo ed informato alle scelte dell amministrazione. Il flusso di informazioni deve essere circolare, ossia i contributi degli stakeholder devono essere tempestivi e tecnicamente rilevanti. Il valore guida delle attività partenariali è quello dell effettività della rappresentanza. Il partenariato è chiamato a confrontarsi su problemi concreti e operare nei tempi utili. Per far ciò deve essere in condizione di affrontare le questioni tecniche Le caratteristiche e i contenuti del partenariato in ambito MED Il partenariato nell ambito del Programma di cooperazione si inserisce in un quadro vasto di relazioni partenariali sviluppate su altri ambiti di policy. La conformazione del Programma di cooperazione MED richiede che il partenariato sia integrato, in termini di contenuto e di tempi, alle attività dei soggetti coinvolti ai diversi livelli (Autorità di Gestione Unica, Comitato di sorveglianza, Comitato Nazionale, Regioni). Il modello di governance proposto può essere attivato dalle amministrazioni in diverse fasi: definizione dei contributi italiani alla costruzione del PO MED; definizione dei criteri di selezione dei soggetti beneficiari dei bandi; preparazione delle proposte progettuali (per diminuire il rischio di duplicazione e assicurare la rilevanza con i le strategie regionali, nazionale e altri fondi); verifica dell avanzamento del Programma; valutazione del Programma. 4

6 1.5. Modello di governance proposto Le regole del partenariato E utile che lo schema normativo che regola il partenariato, l identificazione dei componenti del partenariato e le modalità di coinvolgimento sia il frutto di ampie consultazioni. Tuttavia, i soggetti di coordinamento restano le amministrazioni regionali, e il Comitato Nazionale, a livello nazionale. Per condividere le finalità e facilitare la chiarezza sulle finalità e sulle regole, l amministrazione che svolge il ruolo di coordinamento, definisce un documento 3 che include il metodo di identificazione dei soggetti rilevanti, i contenuti, le modalità di funzionamento e di informazione. Tale documento ha valenza sia esterna, nel senso che garantisce la piena trasparenza del processo partenariale verso il sistema degli stakeholder, sia interna, nel senso che le regole del partenariato possono essere incluse in un documento riguardante l intero processo di preparazione e presentazione dei progetti che indica le fasi che l amministrazione deve effettuare per una corretta gestione del Programma di cooperazione territoriale. Laddove la Regione partecipa a più di un Programma di cooperazione transnazionale o transfrontaliera, il documento può contenere le regole del partenariato applicabile a tutti i Programmi di cooperazione. Box Esempi dalle Regioni La Regione Basilicata ha redatto un manuale delle procedure interne per la partecipazione della Regione Basilicata ai bandi CTE, approvato dal Gruppo interdipartimentale CTE e istituito con Determina del DG del Dipartimento Presidenza Giunta. Tale documento include: - Modalità di individuazione dei soggetti da coinvolgere sul territorio (Enti locali, Agenzie, Università, Centri di ricerca, ecc); - Procedure di concertazione (tavoli di lavoro tematici, identificazione dei soggetti da coinvolgere sul territorio, coordinamento della partecipazione dei soggetti esterni alla Regione); - Modalità di diffusione delle informazioni sui bandi pubblicata; - Modalità di selezione dei progetti da candidare ai bandi CTE da parte delle strutture interne alla Regione; - Monitoraggio dei progetti approvati. La Regione Puglia ha sviluppato la nota metodologica Cantieri di Progettazione che delinea il percorso e gli strumenti utilizzati dalla Regione Puglia per l identificazione delle progettualità di carattere strategico del sistema Puglia nell ambito dei Programmi CTE 2007/2013. Tale percorso ha preso avvio nel 2007 con due Forum sulla Cooperazione Territoriale e con la relativa attivazione dei Cantieri di Progettazione concepiti come tavoli tematici arricchiti dalla partecipazione degli stakeholder e destinati a rafforzare la cooperazione tra i territori dello spazio europeo e quelli dell area balcanica e mediterranea. Il principio guida di tutte le attività partenariali è quello del consenso: sarà utile prevedere la partecipazione basata sul principio del consenso, ossia ricercando posizioni possibilmente condivise da tutti i partecipanti: quanto più alto sarà il consenso sui singoli aspetti tanto più forte sarà la proposta in sede sia di Programmazione che di attuazione. 3 Il documento può avere la forma di un protocollo, di linee guida del partenariato o di documento metodologico. 5

7 La composizione del partenariato Responsabilità della rappresentanza Nell ambito del Programma di cooperazione MED l insieme degli stakeholder va oltre il partenariato economico e sociale e quello istituzionale ed include una serie di soggetti detentori di competenze specifiche e portatori di interessi diffusi. La definizione della rappresentanza è nelle mani delle amministrazioni: in Italia i soggetti chiamati ad assicurare trasparenza, rappresentatività ed effettività sono le amministrazioni regionali e la loro struttura di coordinamento a livello nazionale, il Comitato nazionale. I soggetti del partenariato Il presupposto alla base della costruzione della struttura partenariale è che i componenti siano solo organizzazioni rappresentative d interesse. Tuttavia è possibile, in alcune fasi, il coinvolgimento di singoli portatori di interessi o enti di natura privatistica aventi finalità pubblica (es: un centro studi partecipato dall'università, un'agenzia dei trasporti ecc.). Il partenariato coinvolge le organizzazioni portatrici di interessi diffusi riconosciute a livello nazionale, quelle riconosciute regionalmente, le organizzazioni più rappresentative nei diversi settori. Il punto di partenza per la costituzione del partenariato è l utilizzo di un elenco di soggetti utilizzato per le attività partenariali su altri programmi. I soggetti istituzionali includono province e comuni. Tuttavia, sarebbe utile arricchire il partenariato con i contributi delle organizzazioni rappresentative di interessi localizzati (es: GAL, Unione dei Comuni). Altri soggetti da mobilitare sui diversi temi coperti dal progetto sono i centri di ricerca, le Università, le camere di commercio, le fondazioni, le associazioni, i consorzi di bonifica, i consorzi (es: per la biodiversità, per la pesca). Altri attori possono essere mobilitati rispetto ad una tematica specifica le società di interporto rispetto al tema della logistica, soggetti per la salvaguardia del patrimonio storico/culturale o istituti per la promozione del turismo rispetto al tema della cultura L attivazione in fase di strategia In fase di scrittura del PO è necessario che gli strumenti di mobilitazione del partenariato siano snelli e veloci. E opportuno adottare una struttura di partenariato non eccessivamente rigida in entrata ma flessibile, pronto ad aprirsi al contributo di soggetti che richiedono di partecipare. Tale flessibilità deve essere temperata da precise regole di funzionamento in modo da non intralciare l'effettività della rappresentanza. Nello specifico, durante la redazione del PO si attiva, a livello regionale, un percorso di mobilitazione degli stakeholder territoriali. Questo avviene principalmente attraverso l utilizzo di una piattaforma web contenente informazioni aggiornate su contenuti, opportunità, vincoli del 4 Per maggiori dettagli e per avere un idea dei soggetti da coinvolgere, si veda il rapporto sui soggetti rilevanti da coinvolgere nel nuovo ciclo di Programmazione. 6

8 Programma. Attraverso lo stesso mezzo si cerca di trasmettere agli stakeholder il senso della cooperazione, le aspettative dell amministrazione regionale rispetto alla partecipazione al Programma e le finalità del partenariato. L informazione diffusa attraverso la piattaforma web è integrata dall organizzazione di attività seminariali informali (es. info-days, laboratori di progettazione comunitaria, forum) sul territorio aperte non solo ai portatori di interessi diffusi ma anche individuali e sono finalizzati a raccogliere contributi in vista della partecipazione italiana alle riunioni della Task Force per la redazione del PO MED. Questo procedimento permette l identificazione dei soggetti interessati senza usare procedure eccessivamente formali (es: protocollo, accreditamento, richiesta formale di adesione al partenariato) ma, sulla base di un contributo qualificato, viene riconosciuto l interesse manifestato da un soggetto ad essere coinvolto nelle attività di partenariato. Utilizzando i canali informativi della Regione (piattaforma web, uffici regionali sul territorio, mailing-list, ecc.) si chiede ai soggetti interessati di presentare alla Regione in cui operano, generiche idee progettuali relative ai temi del Programma MED (o dei programmi di cooperazione in cui la Regione partecipa). Tale passaggio avviene attraverso la predisposizione di un template a cui i soggetti sono chiamati a rispondere. Tale documento servirà anche a catalogare l elenco dei soggetti interessati rispetto alla tipologia e all ambito d intervento del Programma. Box Esempi dalle Regioni La Regione Puglia ha predisposto un template per raccogliere le informazioni sulle idee progettuali in cui il soggetto interessato a partecipare alla Programmazione MED indica l area tematica d intervento, i potenziali Paesi/regione partner, la tipologia di soggetti che intende coinvolgere, una breve descrizione del progetto, gli obiettivi generali, i risultati attesi e una stima di budget Il partenariato in fase di attuazione Una volta che le scelte Programmatiche sono state adottate si passa alla fase attuativa del Programma, fase più delicata e complessa dal momento che concretizza le scelte fatte a livello strategico e investe le relazioni tra le strutture amministrative regionali deputate all attuazione del Programma e i partecipanti o potenziali partecipanti alla progettazione. Per essere pienamente in linea con le disposizioni del Codice di Condotta sul partenariato, la fase di attuazione non si esaurisce alla progettazione ma diventa efficace anche nel controllo sui processi di attuazione e del monitoraggio dell impatto dei progetti sul territorio. Tavoli tecnici regionali Come anticipato in precedenza, una volta individuato l ambito d interesse dei soggetti che hanno presentato contributi qualificati vengono definiti dei tavoli tecnici che coprano tutti gli assi del Programma. Per evitare moltiplicazioni di tavoli privi di una reale connessione con le tematiche coperte dal Programma MED e con le esigenze della Programmazione, i tavoli tecnici sono convocati sulla base delle esigenze, anche temporanee, della Programmazione e sono finalizzati ad approfondire aspetti di carattere settoriale. Ai tavoli partecipa un rappresentante per ciascuna organizzazione e, quando ritenuto necessario, ai tavoli tecnici possono essere invitati alcuni esperti/tecnici in modo da offrire contributi utili 7

9 all approfondimento degli argomenti di discussione. La durata e i contenuti dei lavori dei tavoli tecnici saranno stabiliti dall Amministrazione Regionale in funzione delle esigenze di approfondimento e delle scadenze della Programmazione. I partecipanti ai tavoli si impegnano a raccogliere, possibilmente in modo consensuale, pareri e a formulare indirizzi sui fabbisogni territoriali e settoriali. In seguito alla pubblicazioni delle call, si richiede ai soggetti che intendono rispondere alla call di presentare, su base volontaria, le idee progettuali alla Regione di appartenenza. Questo passaggio permetterebbe all'amministrazione regionale di rilevare eventuali duplicazioni di idee progettuali così da renderne consapevoli i soggetti interessati e da favorire un possibile incontro delle volontà; l'unico interesse della Regione resta quello di aumentare la partecipazione regionale al Programma. In fase di verifica dell attuazione il partenariato, attraverso i tavoli tecnici, esaminerà le criticità della Programmazione in corso cercando di individuare proposte e possibili soluzioni agli ostacoli che non permettono l efficace attuazione dei progetti. In fase di valutazione, la Regione dovrà garantire che l apporto del partenariato sia il più possibile autonomo rispetto alle valutazioni svolte dall Amministrazione. La valutazione del partenariato sarà infatti svolta attraverso un autonoma attività di rilevazione a analisi di indicatori economici e sociali di rilievo territoriale. Il risultato della valutazione sarà confrontato, nell ambito dei tavoli tecnici, con gli esiti di eventuali valutazioni svolte a livello regionale, quelle svolte a livello di Programma e eventuali valutazioni svolte a livello nazionale. Per un efficiente funzionamento dei tavoli tecnici, in base all agenda della Programmazione i partecipanti producono proposte in forma scritta, possibilmente da diffondere prima degli incontri. La regione è responsabile della verbalizzazione dei punti di discussione e gli elementi delle idee progetto ritenuti più rilevanti dalla maggior parte dei partecipanti consenso. Per assicurare la trasparenza del metodo partenariale gli esiti degli incontri dei tavoli dovranno essere diffusi (piattaforma web e invio alla mailing-list). Box Esempi dalle Regioni La Regione Marche, con decisione della Giunta regionale ha stabilito, ad inizio Programmazione, che le proposte progettuali e l adesione a progetti relativi ai programmi di Cooperazione territoriale europea, - proposti dalle strutture della Regione Marche o dagli Enti strumentali, ove l Ente verrà impegnato in qualità di capofila o in qualità di partner con altre Regioni e/o Stati avrebbero dovuto essere preventivamente trasmesse alla struttura referente per la Cooperazione Territoriale Europea per l esame dei requisiti di coerenza con gli indirizzi Programmatici dei Programmi Operativi, con le strategie di Programmazione nazionale e regionale al fine di ottenere un parere di coerenza. Struttura di supporto al partenariato nei programmi di cooperazione Per la gestione delle attività di partenariato a livello regionale sui programmi di cooperazione può essere individuata una struttura o parte di un dipartimento all interno dell Amministrazione regionale (che chiamiamo CTE) che offre il proprio supporto tecnico alle strutture regionali e agli altri enti del territorio per verificare la coerenza delle proposte con la Programmazione MED e con 8

10 le strategie regionali. Laddove la proposta progettuale non corrisponde pienamente alla Programmazione MED e/o alle strategie regionali può proporre delle modifiche per rendere la proposta conforme alle priorità regionali e alle aspettative del Programma Operativo. L unità CTE potrebbe fornire un supporto ai soggetti interessati a partecipare principalmente sui seguenti aspetti 5 : A. Definizione generale del progetto 6 L unità CTE assicura che il progetto rispetti la coerenza con la Programmazione MED e con le strategie regionali. Il dipartimento potrebbe dare suggerimenti sulla realizzabilità degli interventi nei tempi indicati, la percorribilità del sistema di gestione proposto. B. Supporto al partenariato internazionale L Unità CTE facilita, attraverso la gestione dei contatti con le amministrazioni straniere partecipati al Programma, la costruzione dei partenariati con le realtà dell area di cooperazione MED. 1) Fase di ascolto Schema organizzativo dei tavoli tecnici Incontro aperto a tutti gli attori del territorio scelti attraverso la manifestazione d interesse. La finalità di quest incontro è quella di permettere agli attori territoriali di conoscersi, di illustrare i propri ambiti di lavoro e le tematiche d interesse. 2) Confronto sulla progettazione La seconda fase è l avvio dei tavoli tematici in cui vengono costituiti i tavoli tecnici e ripartiti per macro-aree di progettazione. Le funzioni dei tavoli tecnici sono quelle di: valutare i punti di forza e di debolezza rispetto al contesto regionale, verificare la possibilità di integrazione tra le varie proposte pervenute, definire le categorie di soggetti stranieri da poter coinvolgere, laddove la Regione partecipa a più programmi di cooperazione, individuare il Programma più adeguato per quella idea progettuale. Al tavolo di lavoro tematico partecipano i referenti delle proposte progettuali indicate, i funzionari regionali competenti per settori, rappresentanti di agenzie regionali e provinciali e altri soggetti che hanno dato la loro disponibilità a offrire il proprio contributo qualificato senza voler partecipare ai progetti. I tavoli tematici possono essere suddivisi nei seguenti ambiti tematici, coerenti con gli obiettivi della nuova programmazione : i)innovazione, ICT e mobilità, ii) Ambiente e energia, iii) Cultura e Turismo. 5 Per maggiori dettagli operativi sull attività dell unità CTE si veda il paragrafo Strumenti. 6 L inserimento di questa attività rispecchia un fabbisogno di supporto emerso dall indagine ai soggetti potenzialmente rilevanti. 9

11 Gli esiti dei tavoli tecnici condotti a livello regionale alimenteranno e accompagneranno l'attività del Comitato Nazionale. I partecipanti al Comitato nazionale filtreranno i risultati dei tavoli tecnici svolti nelle proprie regioni in modo da trovare potenziali partner nelle altre regioni italiane così da aumentare il vantaggio competitivo per l Italia Strumenti Unità CTE Come anticipato è opportuno che il coordinamento dei tavoli tecnici regionali sia svolto da una struttura precisamente individuata (Unità CTE) che possa svolgere la funzione di supporto alla progettazione ma anche un supporto all amministrazione e all organizzazione del procedimento. Tale attività di coordinamento è una vera e propria attività di service, che si occupa dell aspetto organizzativo assicurando un interfaccia agile con le altre strutture regionali. Le attività che svolgerà l'unità CTE includono: Piattaforma web coordinare il complesso dell'attività partenariale (Programmare gli incontri, seguire le attività partenariali regionali in modo che siano in linea con i tempi dei tavoli tecnici nazionali); assicurare adeguate informazioni ai partecipanti dei tavoli tecnici (anche attraverso un servizio di help-desk); definire le procedure di lavoro per i diversi tavoli; curare la verbalizzazione delle attività dei tavoli. La piattaforma web è lo strumento che durante tutte le fasi della Programmazione consente la diffusione continua delle informazioni aggiornate al sistema partenariale e la pubblicità delle attività del partenariato garantendo il rispetto del principio di trasparenza. Seminari I seminari, condotti in forma aperta e informale, serviranno a informare gli stakeholder sullo stato della Programmazione e a discutere, in forma partecipata, i contenuti. I seminari potranno avere diverse forme: Info-days: giornate d informazione sul Programma MED, eventualmente sostenuta dall Ufficio Europe Direct locale per offrire informazioni puntuali sul Programma e sui temi coperti. Forum: finalizzati a discutere tematiche specifiche legate allo sviluppo dei vari sistemi territoriali e saranno organizzati in modo da stimolare la riflessione dei partecipanti su una serie di temi e di azioni da coprire in ambito MED così da far emergere gli elementi che raccolgono maggior consenso. 10

12 Laboratori di progettazione Europea: i seminari includono una sessione in cui si presentano le caratteristiche del Programma MED e le modalità di partecipazione e una sessione in cui i soggetti partecipanti si esercitano nella definizione partecipata di un idea progettuale La gestione dei flussi informativi Come emerso dall analisi dei soggetti rilevanti per la nuova Programmazione (vedi capitolo 2) la disponibilità di informazioni aggiornate è fondamentale per stimolare la partecipazione e il buon funzionamento del partenariato. Inoltre è indispensabile che le informazioni siano facilmente fruibili e diffuse al partenariato in tempi utili. Le informazioni saranno diffuse soprattutto attraverso la piattaforma web e inviata ai referenti degli stakeholder individuati. Di seguito si elencano le informazioni indispensabili che l'amministrazione regionale e l Unità CTE partenariato rendono disponibili: Calendario delle attività Nel calendario, redatto dal Comitato Nazionale si specificano i tempi della Programmazione, gli incontri della Task-force, dei Comitati Nazionali e dei tavoli tecnici (nazionali e regionali). Agenda del partenariato L'agenda è redatta dall Unità CTE e definisce tempi e contenuti delle attività partenariali in base all Agenda del Programma (pubblicazione delle call e alle attività del Comitato Nazionale). Verbali attività partenariali Tutte gli esiti delle attività partenariali saranno pubbliche e prima della pubblicazione, sono condivise con i partecipanti (piattaforma web e mailing list). 11

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020 Analisi sulla cooperazione italiana al Programma di Cooperazione Transnazionale MED 2007-2013 e raccomandazioni a supporto della delegazione nazionale Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli

Programmazione e Valutazione ex ante il quadro logico nel PO 14-20

Programmazione e Valutazione ex ante il quadro logico nel PO 14-20 Programmazione e Valutazione ex ante il quadro logico nel PO 14-20 [presentazione e discussione della nota tecnica] Paola Casavola DPS UVAL 25 giugno 2014 IL «quadro logico di programmazione» Rappresentazione

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli