12.3 Budget ottimale per gli obiettivi commerciali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "12.3 Budget ottimale per gli obiettivi commerciali"

Transcript

1 Valutazione delle risorse ottimali 12.3 Budget ottimale per gli obiettivi commerciali L attenzione si sposta al centro del MKTG con lo sguardo all arena competitiva. Anche qui abbiamo un metodo empirico del raffronto diretto e un metodo più strutturato, la cosiddetta legge di Peckam, in cui personalmente non credo. 3 Del resto i modelli che tentano di correlare stabilmente gli investimenti alla quota di mercato funzionano raramente Confronto empirico con i concorrenti in funzione degli obiettivi di MKTG Considerazioni su variabili quantitative Lo status quo riproduce, per ogni specifico mercato, andamenti stabili di correlazioni: share of voice vs. quota di mercato. Chi attacca deve modificare lo status quo e investire di più. In mancanza di evidenze può valere, come stimolo di partenza, la vaga legge di Peckam. Evidentemente se il mercato è nuovo, siamo nella prima parte del ciclo di vita del prodotto, gli investimenti saranno in assoluto più importanti perché proprio da quei primi passi si stabiliscono SHARE OF VOICE Legge di Peckam generalizzata MARKET SHARE S.O.V IN UNA SITUAZIONE STATICA S.O.V IN UNA SITUAZIONE AGGRESSIVA S.O.V IN UNA SITUAZIONE NORMALE Riportiamo, per completezza, una pagina di letteratura che non condividiamo. Non accettiamo questa eccessiva generalizzazione le rendite di posizione. Un approfondimento utile, senza entrare eccessivamente nel campo finanziario, è quello di capire quale è il margine di contribuzione dei concorrenti e come si relaziona con l investimento pubblicitario. E importante una 3 Peckam è un ricercatore americano che molti anni fa tentò di mettere assieme una serie storica di relazioni SoV, share of voice, e Msh, market share. Le correlazioni propongono la curva che vi mostriamo. Le curve rappresentano situazioni di aggressività e di staticità oltre al dato medio. 4 Non perché non ci sia questa correlazione, ma perché le altre variabili del marketing mix, l azione dei concorrenti e la diversa risposta temporale fra atteggiamenti positivi e comportamenti d acquisto, rendono il sistema molto velleitario. In ogni caso i risultati sono frutto di una visione ingenua dello scenario, tutto accade simultaneamente e in armonia. 429

2 Strategie di comunicazione precisa conoscenza della situazione generale 5 e finanziaria. In mancanza di queste indiscrezioni si può relazionare il fatturato (Net Sales Value) 6 con gli investimenti. Quote di mercato dei concorrenti Siamo secondi Investimenti dei concorrenti I nostri investimenti Investiamo più di C perché vogliamo diventare leader! Non lasciamo nessun vantaggio a B A B C A B C La nostra quota di mercato Il nostro investimento se vogliamo difenderci. Il nostro investimento se vogliamo attaccare. Considerazioni su variabili qualitative Il Boston Consulting Group Matrix è un metodo che ha il vantaggio di una visione generale delle risorse/opportunità della nostra azienda. Nella matrice delineata dai volumi (alti/bassi) e dalla profittabilità (alta/bassa), si inserisce il portafoglio dei nostri prodotti. PROFITTABILITA Alta Bassa A B STAR CASH COW C QUESTION MARK F DOG E D Alti VOLUMI Bassi 5 Brevetti, produzione, logistica, costi fissi, problemi su altri scenari. 6 Basta conoscere i listini, fonte nostra forza di vendita, e lo split distributivo, fonte Nielsen. 430

3 Valutazione delle risorse ottimali I quattro quadranti rappresentano, come mostrato dai nomi suggestivi che gli autori hanno dato allo schema, quattro modi di vivere le proprie marche in portafoglio. Nel quadrante di nord-ovest ci sarà il meglio. PROFITTABILITA Bassa Alta Alti STAR A B CASH COW C C Può essere sacrificata VOLUMI QUESTION MARK F DOG E D Bassi giustamente a Sempre da pubblicizzare e spingere. Nel riquadro di sud est avremo il peggio della compilation. Il riquadro di sud ovest spesso ha marche assestate, presumibilmente un po in là nel ciclo di vita. Sono esse che finanziano l azienda ma non saranno le protagoniste di domani. Nei loro confronti prevale il cinismo. Il riquadro più interessante è quello di nord-est. E la terra delle giovani marche che potranno svilupparsi in star o avere vite più tormentate. Qui il fiuto e la preveggenza del managment giuda la scelta. La SWOT analysis è invece un modo più basico di analizzare sinteticamente uno scenario complesso. Individua per ogni marca quattro sintetici riferimenti e su questo schema traccia un breve profilo. Obbliga alla sintesi e permette a persone Strengths Weaknesses Opportunities Threats lontane dalla conoscenza specifica delle situazioni di motivare ugualmente dei pareri. 431

4 Strategie di comunicazione 12.4 Budget ottimale per gli obiettivi finanziari Approcci diversi nell individuare i livelli di risorse pubblicitarie porteranno a scenari di MKTG differenti, con quota di mercato più o meno alta, e, di conseguenza, a diversi risultati finanziari. L esempio riportato dà una sintetica visuale di queste alternative di scenario. Quale soluzione finanziaria è preferibile? Come al solito la soluzione dipende dai bersagli posti. Spesso l obiettivo è quello del ritorno immediato perché le risorse servono agli azionisti o a un altro piano più strategico. Esempio: Parametri Market share N.S.V. Profitto prima dei costi fissi Costi previsti di pubblicità Profitto dopo le marketing appropriation Costi fissi aziendali Utili al primo anno Valutiamo tre possibili alternative finanziarie. A B C 20% 18% 23% 22 MIL 20 MIL 25 MIL 10 MIL 9.7 MIL 12 MIL 4 MIL 2 MIL 6 MIL 6 MIL 7.2 MIL 6 MIL 5 MIL 5 MIL 5 MIL 1 MIL 2.2 MIL 1 MIL Se l obiettivo è ottimizzare i profitti al primo anno scelgo B, budget 2 MIL. Se l obiettivo è la Market Share scelgo C, budget 6 MIL. Altre volte il nostro progetto è al centro delle attenzioni, allora la scelta finanziaria sarà di ottimizzare il flusso futuro di entrate attraverso la nostra marca. Questo significa puntare ad aumentare la quota di mercato. Quanto aumentare? A volte un aumento di quota non è giustificato dal semplice ritorno di extrafatturato, con profittabilità marginale magari decrescente, ma serve a ridurre lo spazio lasciato ai competitors. Un grosso concorrente potrebbe decidere che in quello spazio così esiguo non riesce ad avere un ROI accettabile e rinuncia a entrare nel nostro business. Su quali progetti investire? Il MKTG può decidere di tenere aperto un fronte non strategico, che però coinvolge un concorrente impegnato con noi in un fronte strategico. Il progetto è dirottare le sue energie finanziarie sul fronte per noi marginale ed essere più liberi sul fronte profit maker. Una considerazione spesso trascurata dai manager troppo prudenti è che la pubblicità impiega qualche tempo a rispondere in sell out. Se per prudenza si apre la borsa solo alla fine dell esercizio, quando ci sono sicurezze granitiche sul bilancio che si sta chiudendo, i benefici dell investimento peseranno pochissimo perché daranno frutti solo per pochissimi mesi. E come se un pilota di F.1 cambiasse le gomme con ritardo sugli avversari. 432

5 Valutazione delle risorse ottimali Prezzo AD2 La pubblicità sposta in alto la curva di domanda. Vendiamo lo stesso a un prezzo maggiore. AD1 La pubblicità sposta a destra la curva di domanda. Vendiamo di più a parità di prezzo. Curva di domanda prima della pubblicità. Quantità Abbiamo spiegato all inizio del libro che la pubblicità normalmente serve a spostare a destra la curva di domanda, vendendo di più a parità di prezzo, ma potrebbe anche spostarsi in alto, vendere uguale a prezzi maggiori. Di solito il risultato nel lungo periodo è l insieme di questi spostamenti. Da qui la rilevanza che ha la pubblicità sulla politica di prezzo e sui flussi di fatturato. Questo contesto non può sfuggire all analisi e agli obiettivi finanziari Determinazione dell investimento in funzione degli obiettivi commerciali Premessa sul metodo Consapevolezza, rilevanza e decisione d acquisto E un esercizio più teorico che pratico perché articola molte ipotesi di lavoro rischiando di cumulare, passaggio dopo passaggio, tanti piccoli errori alla fine fatali. Riportiamo il metodo perché è una formidabile palestra per esercitare la mente sulle fasi che portano ad acquistare un prodotto di marca. conoscenza, consapevolezza che esiste quella marca di quel prodotto che mi dà dei benefici, atteggiamento, la rilevanza dei benefit crea un a priori positivo, comportamento, gli atteggiamenti positivi si trasformano in decisione d acquisto e la decisione d acquisto, se il prodotto è distribuito e si trova facilmente, si trasforma in atto d acquisto. Ogni fase di questo percorso avrà bisogno di un adeguato supporto di comunicazione. Le fasi diventano obiettivi di percorso e possono essere quantificati. 433

6 Strategie di comunicazione Come mettere ordine a questo lungo 7 processo di stime? L azienda mette sul tavolo i suoi obiettivi: vendite annue o fatturato. L agenzia e il committente devono valorizzare gli investimenti in funzione di questi obiettivi attraverso assumption 8 comunicazionali ad essi correlati. Cosa intendiamo per assumption comunicazionali? Stabilire quei dosaggi di comunicazione necessari a raggiungere i vari livelli della persuasione, conoscenza, atteggiamento, comportamento. Sono consequenziali e devono essere fatti uno dopo l altro. Si tratta sempre di livelli quantitativi fissati a priori 9 che sostengono le ipotesi di lavoro Le fasi del processo: dalla comunicazione all atto d acquisto Esposizione al messaggio Awareness (conoscenza) GLI IMPARATI Propensione d acquisto -atteggiamento CONVINCIMENTO GLI ELETTRIZZATI Attivazione all acquisto -comportamento GLI ATTIVATI A B C D E Contatto con il prodotto sul P.V. Seguiamo il percorso cronologico. a. Il target deve per prima cosa trovarsi esposto al messaggio ed essere raggiunto da una certa copertura. b. Dopo una certa frequenza si crea awareness qualificata, il primo livello di consapevolezza. Per comodità chiameremo questo insieme gli imparati. c. Una parte di questo target matura qualcosa in più della conoscenza: la propensione all acquisto. Li chiameremo gli elettrizzati. d. Solo una parte degli elettrizzati, assumption, si attiva e va ad acquistare il prodotto. Li chiameremo gli attivati. 7 Lungo, non difficicile. Sono tanti i passaggi da prevedere, non difficili. Non scoraggi questa lunghezza, il consiglio è di procedere solo se si è sicuri di aver capito i passaggi precedenti. 8 Stime concordate. 9 Secondo l esperienza dell agenzia e del cliente che utilizzano il modello. 434

7 Valutazione delle risorse ottimali e. Solo una parte degli attivati trova il prodotto sul punto vendita. Li chiameremo i triers. Gli altri torneranno a casa senza maturare alcun acquisto. L esercizio ora non è più di comunicazione ma di MKTG operativo. Sulla base di dati storici il MKTG può fare delle assumption e passare dal numero dei triers, consumatori attesi, a un ipotesi di consumo medio (F) per arrivare ai volumi di sell out (G1). Sulla base di dati storici il MKTG dal sell out può calcolare il sell in (G2) attraverso il fabbisogno storico di stoccaggio espresso in mesi. G1 + G2 ci danno i volumi attesi. Siamo partiti da copertura e frequenza, quindi da GRP, e siamo arrivati ai volumi. Possiamo ora provare a fare l esercizio al contrario, partendo dai volumi. Così ha un taglio da esercitazione teorica. La pratica preferisce andare per iterazione, tentativo dopo tentativo, individuando la soluzione più confortevole Esercizio per mostrare i collegamenti Diamo ora dei valori che riteniamo, assieme al committente, affidabili per garantirci i risultati desiderati. Esempio, il lancio di una linea completa di prodotti per il corpo posizionati per il dopo sport, dal bagno schiuma alla fragranza. Le assumption sono fatte tenendo presente che si tratta di un prodotto che, al momento del lancio, non ha una concorrenza specifica e che, attraverso Sinottica, conosciamo esattamente il target: persone che fanno sport, oppure palestra, e comprano abitualmente prodotti in profumeria, esposti al mezzo stampa: di individui. 435

8 Strategie di comunicazione Procederemo con ordine partendo dai volumi. Obiettivo: vendite nei primi 12 mesi. G pezzi Oppure un tot di margine che vale i pezzi. Ipotesi sell-out all anno. Ipotesi pipeline (6 mesi) pezzi G1 G2 Quanti atti d acquisto? Ipotesi ripetizione d acquisto sulla base di 2,7 pezzi annui di acquisto pro capite. E=G1 / F :2.7= E Triers , 0% 5, 0% 10,0% 15,0 % 20,0% 25,0% 30,0 % 35,0% 7 1,0% 8 1,0% 9 0,5% 10 0,5% 11 0,0% 5,0% 8,0% 11,0% 18,0% 22,0% Media ponderata: 2,7 F 33,0% Ipotesi di distribuzione di frequenza degli atti d acquisto E Triers: Stima distribuzione ponderata 50% (altri consumatori cercano GLI ATTIVATI il prodotto ma non lo trovano) D Sono quelli che si attivano all acquisto perché è scattato il comportamento d acquisto: la motivazione definitiva. 30% Stimiamo che solo il 30% dei C abbia questa motivazione. C=(D/30)*100 GLI ELETTRIZZATI Sono quelli che maturano solo atteggiamento positivo C Si è attivata la prima motivazione: l atteggiamento. 50% di chi si ricorda (B) ha propensione all acquisto (atteggiamento) l altro 50% conosce ma è indifferente GLI IMPARATI Vedono l annuncio almeno 7 volte: (33%) B Sono quelli che si ricordano. Ipotizziamo dopo 7 esposizioni. Ricordo Valutazione in base Comprensione alla copy strategy e al Di quanti GRP abbiamo bisogno per livello di concorrenza far vedere 7 volte l annuncio a di individui in target? Ripetizione 436

9 Valutazione delle risorse ottimali 0, 0% 5, 0% 10,0% 15,0% 20,0% 25,0% 30,0% 35,0% ,0% 1,0% 0,5% 0,5% 0,0% 5,0% 8,0% 11,0% 18,0% 22,0% Media ponderata: 2,7 F 33,0% Ipotesi di distribuzione di frequenza degli atti d acquisto 10 Stoccaggio di prodotto iniziale. Fa parte del sell-in (il venduta al negoziante), non fa però parte del sell-out (il venduto al consumatore finale). 437

10 Strategie di comunicazione I triers (E) sono quei consumatori che ci hanno comprato. Quelli che hanno passato tutte le prove, anche l ultima, quella distributiva. Solo una parte degli attivati trova il prodotto sul punto vendita: i triers. Gli altri non ci trovano ma devono essere ugualmente mossi a marciare verso il P.V. perché non sappiamo a priori quali troveranno la nostra distribuzione. I triers più chi non ci ha trovato sono quelli che abbiamo chiamato gli attivati (D). I volumi annui di sell out (G), diviso il consumo medio (F) ci dà i triers: E = G1/F = /2,7 = che arrotondiamo a Le assumption della distribuzione dicono che avremo una media ponderata annua del 50%. Solo la metà degli attivati ci trova distribuiti. (E = ) un altra metà ci cerca invano, sono altri Gli attivati per reggere le assumption fin qui fatte sono (D) = = E Triers: Stima distribuzione ponderata 50% GLI ATTIVATI D (altri consumatori cercano il prodotto ma non lo trovano) Sono quelli che si attivano all acquisto perché è scattato in loro il comportamento d acquisto Gli attivati (D) sono il sottogruppo (D) = 30% C performante 11 dell insieme più vasto che matura solo l atteggiamento positivo verso (C) = /30*100 = il prodotto 12. Questi ultimi li abbiamo chiamati (C) gli elettrizzati. L assumption è che gli attivati siano il 30% degli elettrizzati. Gli attivati (D) sono il sottogruppo che ha Il prodotto è in una situazione di un atteggiamento positivo nei confronti mercato favorevole. della nostra marca. Possiamo allora stimare che i (C) Appartengono al più vasto gruppo di quanti elettrizzati siano il 50% degli ricordano il messaggio che abbiamo imparati (B). (C) = 50% (B). chiamato (B) gli imparati. (B) =( /50)*100 = Che matura il comportamento d acquisto perché trova rilevanti le nostre argomentazioni. 12 Ma non lo compie, o perché lo rimanda o perché si dimentica. 438

11 Valutazione delle risorse ottimali Per entrare nella categoria imparati si stima il raggiungimento di una certa frequenza. E lecito attendersi che l individuo medio, superata questa soglia, ricordi (consapevolezza). Gli imparati (B), sono le persone in target esposte al messaggio con una frequenza a un certo livello fissato dalle assumptions. In termini percentuali sul target sappiamo che siamo partiti da un target di di individui. (B) = 33%. Quali sono le assuption per essere classificato imparato? Dipende dalla campagna e dalla frequenza. Al momento di decidere l assumption la campagna è sotto gli occhi, magari già testata. Nell esempio è stato individuato in di 7 la frequenza necessaria e sufficiente a far scattare memoria e comprensione, awareness attinente D GLI ATTIVATI 30% GLI ELETTRIZZATI C 50% Vedono l annuncio almeno 7 volte: (33%) B GLI IMPARATI Abbiamo individuato due importanti nuovi punti di partenza: di individui devono essere esposti con una frequenza 7. Procediamo ora per tentativi costruendoci diverse curve di distribuzione di frequenza e scegliendo quella più simile a interpretare l ultima assumption: di persone in target vedono l annuncio almeno 7 volte. Quando avremo scelto la curva più idonea avremo individuato il GRP che ci serve. Attenzione a facili equivoci. Sappiamo che GRP = frequenza per copertura, dove la frequenza è la frequenza media e la copertura indica in percentuale quante persone in target vedono almeno una volta il nostro messaggio. Questi parametri non sono quelli della nostra assumption. Quando nell assumption diciamo frequenza non intendiamo il valore medio, ma il territorio che parte dalla soglia di 7 frequenze in su (almeno 7). 439

12 Strategie di comunicazione Elaborazione computer 75% Copertura 60% 40% 33% 20% Ipotesi di soglia della memoria a 7 O.T.S % imparati Quando diciamo copertura non intendiamo quella delle persone che vedono almeno una volta, ma le persone che vedono almeno 7 volte. Questa coppia di valori 7 e 33% non è la coppia il cui prodotto ci dà direttamente il GRP, ci serve per individuare la curva di distribuzione di frequenza che passa più vicino a quel punto. Una volta scelta la curva vedremo a che GRP corrisponde. Nel nostro caso ipotizziamo un GRP di 375. Con un costo stampa di Euro a GRP avremo un budget di poco superiore a Euro. Attenzione. L esercizio serve a darvi confidenza per compiere i giusti passi fra i passaggi nel processo di convincimento. Nella realtà esistono ulteriori difficoltà che dobbiamo ricordare. Non esiste la manopola di precisione della copertura. La pratica non mette a disposizione il bisturi ma la vanga. Nel senso che. passando da un ipotesi di lavoro razionale a un altra, la copertura può scalare del 10%. Se si procede con la stampa la scelta dei veicoli è più importante del raggiungimento di un ulteriore 10% di copertura. Forse abbiamo esaurito i veicoli con un conveniente costo per contatto. Il costo marginale dell ultimo 10% di copertura è magari scoraggiante. Meglio allora cambiare mezzo. Il nostro algoritmo si ferma alle soglie del mezzo aggiuntivo perché non conosciamo la sovrapposizione delle coperture di mezzi differenti. Se c è bisogno di emozionalità, se c è un target ampio, e il budget lo permette, si finisce con il fare TV. Anche una sola settimana di TV porta la penetrazione all 80%. Questo non è un problema, anzi semplifica i conti. Una volta fissato, senza possibilità di trattare il target, possiamo accontentarci di avere come 440

13 Valutazione delle risorse ottimali assumption non la frequenza soglia ma la frequenza media. Così possiamo fare a meno della curva di distribuzione delle frequenze e semplificare moltiplicando solo copertura per frequenza media per avere il GRP. Precauzioni per l uso. Il modello è solo un esercizio teorico. Serve per darvi dei criteri e per ribadire la coerenza delle ipotesi di lavoro. La vostra sensibilità (figlia dell esperienza) e le corrette ipotesi di lavoro (figlie della logica) vi aiuteranno nella valutazione. 441

14 Strategie di comunicazione BIBLIOGRAFIA S. Broadbent, La pubblicità come investimento - (1997) Editore McGraw Hill, Milano. 442

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Gestione Magazzino. Terabit

Gestione Magazzino. Terabit Gestione Magazzino Terabit Informazioni Generali Gestione Magazzino Ricambi Il software è stato sviluppato specificamente per le aziende che commercializzano ricambi In particolare sono presenti le interfacce

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Catering fieristico e Banqueting per ogni evento di business L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Credo che un buon cibo, preparato con ingredienti di qualità e un equilibrato

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli