12.3 Budget ottimale per gli obiettivi commerciali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "12.3 Budget ottimale per gli obiettivi commerciali"

Transcript

1 Valutazione delle risorse ottimali 12.3 Budget ottimale per gli obiettivi commerciali L attenzione si sposta al centro del MKTG con lo sguardo all arena competitiva. Anche qui abbiamo un metodo empirico del raffronto diretto e un metodo più strutturato, la cosiddetta legge di Peckam, in cui personalmente non credo. 3 Del resto i modelli che tentano di correlare stabilmente gli investimenti alla quota di mercato funzionano raramente Confronto empirico con i concorrenti in funzione degli obiettivi di MKTG Considerazioni su variabili quantitative Lo status quo riproduce, per ogni specifico mercato, andamenti stabili di correlazioni: share of voice vs. quota di mercato. Chi attacca deve modificare lo status quo e investire di più. In mancanza di evidenze può valere, come stimolo di partenza, la vaga legge di Peckam. Evidentemente se il mercato è nuovo, siamo nella prima parte del ciclo di vita del prodotto, gli investimenti saranno in assoluto più importanti perché proprio da quei primi passi si stabiliscono SHARE OF VOICE Legge di Peckam generalizzata MARKET SHARE S.O.V IN UNA SITUAZIONE STATICA S.O.V IN UNA SITUAZIONE AGGRESSIVA S.O.V IN UNA SITUAZIONE NORMALE Riportiamo, per completezza, una pagina di letteratura che non condividiamo. Non accettiamo questa eccessiva generalizzazione le rendite di posizione. Un approfondimento utile, senza entrare eccessivamente nel campo finanziario, è quello di capire quale è il margine di contribuzione dei concorrenti e come si relaziona con l investimento pubblicitario. E importante una 3 Peckam è un ricercatore americano che molti anni fa tentò di mettere assieme una serie storica di relazioni SoV, share of voice, e Msh, market share. Le correlazioni propongono la curva che vi mostriamo. Le curve rappresentano situazioni di aggressività e di staticità oltre al dato medio. 4 Non perché non ci sia questa correlazione, ma perché le altre variabili del marketing mix, l azione dei concorrenti e la diversa risposta temporale fra atteggiamenti positivi e comportamenti d acquisto, rendono il sistema molto velleitario. In ogni caso i risultati sono frutto di una visione ingenua dello scenario, tutto accade simultaneamente e in armonia. 429

2 Strategie di comunicazione precisa conoscenza della situazione generale 5 e finanziaria. In mancanza di queste indiscrezioni si può relazionare il fatturato (Net Sales Value) 6 con gli investimenti. Quote di mercato dei concorrenti Siamo secondi Investimenti dei concorrenti I nostri investimenti Investiamo più di C perché vogliamo diventare leader! Non lasciamo nessun vantaggio a B A B C A B C La nostra quota di mercato Il nostro investimento se vogliamo difenderci. Il nostro investimento se vogliamo attaccare. Considerazioni su variabili qualitative Il Boston Consulting Group Matrix è un metodo che ha il vantaggio di una visione generale delle risorse/opportunità della nostra azienda. Nella matrice delineata dai volumi (alti/bassi) e dalla profittabilità (alta/bassa), si inserisce il portafoglio dei nostri prodotti. PROFITTABILITA Alta Bassa A B STAR CASH COW C QUESTION MARK F DOG E D Alti VOLUMI Bassi 5 Brevetti, produzione, logistica, costi fissi, problemi su altri scenari. 6 Basta conoscere i listini, fonte nostra forza di vendita, e lo split distributivo, fonte Nielsen. 430

3 Valutazione delle risorse ottimali I quattro quadranti rappresentano, come mostrato dai nomi suggestivi che gli autori hanno dato allo schema, quattro modi di vivere le proprie marche in portafoglio. Nel quadrante di nord-ovest ci sarà il meglio. PROFITTABILITA Bassa Alta Alti STAR A B CASH COW C C Può essere sacrificata VOLUMI QUESTION MARK F DOG E D Bassi giustamente a Sempre da pubblicizzare e spingere. Nel riquadro di sud est avremo il peggio della compilation. Il riquadro di sud ovest spesso ha marche assestate, presumibilmente un po in là nel ciclo di vita. Sono esse che finanziano l azienda ma non saranno le protagoniste di domani. Nei loro confronti prevale il cinismo. Il riquadro più interessante è quello di nord-est. E la terra delle giovani marche che potranno svilupparsi in star o avere vite più tormentate. Qui il fiuto e la preveggenza del managment giuda la scelta. La SWOT analysis è invece un modo più basico di analizzare sinteticamente uno scenario complesso. Individua per ogni marca quattro sintetici riferimenti e su questo schema traccia un breve profilo. Obbliga alla sintesi e permette a persone Strengths Weaknesses Opportunities Threats lontane dalla conoscenza specifica delle situazioni di motivare ugualmente dei pareri. 431

4 Strategie di comunicazione 12.4 Budget ottimale per gli obiettivi finanziari Approcci diversi nell individuare i livelli di risorse pubblicitarie porteranno a scenari di MKTG differenti, con quota di mercato più o meno alta, e, di conseguenza, a diversi risultati finanziari. L esempio riportato dà una sintetica visuale di queste alternative di scenario. Quale soluzione finanziaria è preferibile? Come al solito la soluzione dipende dai bersagli posti. Spesso l obiettivo è quello del ritorno immediato perché le risorse servono agli azionisti o a un altro piano più strategico. Esempio: Parametri Market share N.S.V. Profitto prima dei costi fissi Costi previsti di pubblicità Profitto dopo le marketing appropriation Costi fissi aziendali Utili al primo anno Valutiamo tre possibili alternative finanziarie. A B C 20% 18% 23% 22 MIL 20 MIL 25 MIL 10 MIL 9.7 MIL 12 MIL 4 MIL 2 MIL 6 MIL 6 MIL 7.2 MIL 6 MIL 5 MIL 5 MIL 5 MIL 1 MIL 2.2 MIL 1 MIL Se l obiettivo è ottimizzare i profitti al primo anno scelgo B, budget 2 MIL. Se l obiettivo è la Market Share scelgo C, budget 6 MIL. Altre volte il nostro progetto è al centro delle attenzioni, allora la scelta finanziaria sarà di ottimizzare il flusso futuro di entrate attraverso la nostra marca. Questo significa puntare ad aumentare la quota di mercato. Quanto aumentare? A volte un aumento di quota non è giustificato dal semplice ritorno di extrafatturato, con profittabilità marginale magari decrescente, ma serve a ridurre lo spazio lasciato ai competitors. Un grosso concorrente potrebbe decidere che in quello spazio così esiguo non riesce ad avere un ROI accettabile e rinuncia a entrare nel nostro business. Su quali progetti investire? Il MKTG può decidere di tenere aperto un fronte non strategico, che però coinvolge un concorrente impegnato con noi in un fronte strategico. Il progetto è dirottare le sue energie finanziarie sul fronte per noi marginale ed essere più liberi sul fronte profit maker. Una considerazione spesso trascurata dai manager troppo prudenti è che la pubblicità impiega qualche tempo a rispondere in sell out. Se per prudenza si apre la borsa solo alla fine dell esercizio, quando ci sono sicurezze granitiche sul bilancio che si sta chiudendo, i benefici dell investimento peseranno pochissimo perché daranno frutti solo per pochissimi mesi. E come se un pilota di F.1 cambiasse le gomme con ritardo sugli avversari. 432

5 Valutazione delle risorse ottimali Prezzo AD2 La pubblicità sposta in alto la curva di domanda. Vendiamo lo stesso a un prezzo maggiore. AD1 La pubblicità sposta a destra la curva di domanda. Vendiamo di più a parità di prezzo. Curva di domanda prima della pubblicità. Quantità Abbiamo spiegato all inizio del libro che la pubblicità normalmente serve a spostare a destra la curva di domanda, vendendo di più a parità di prezzo, ma potrebbe anche spostarsi in alto, vendere uguale a prezzi maggiori. Di solito il risultato nel lungo periodo è l insieme di questi spostamenti. Da qui la rilevanza che ha la pubblicità sulla politica di prezzo e sui flussi di fatturato. Questo contesto non può sfuggire all analisi e agli obiettivi finanziari Determinazione dell investimento in funzione degli obiettivi commerciali Premessa sul metodo Consapevolezza, rilevanza e decisione d acquisto E un esercizio più teorico che pratico perché articola molte ipotesi di lavoro rischiando di cumulare, passaggio dopo passaggio, tanti piccoli errori alla fine fatali. Riportiamo il metodo perché è una formidabile palestra per esercitare la mente sulle fasi che portano ad acquistare un prodotto di marca. conoscenza, consapevolezza che esiste quella marca di quel prodotto che mi dà dei benefici, atteggiamento, la rilevanza dei benefit crea un a priori positivo, comportamento, gli atteggiamenti positivi si trasformano in decisione d acquisto e la decisione d acquisto, se il prodotto è distribuito e si trova facilmente, si trasforma in atto d acquisto. Ogni fase di questo percorso avrà bisogno di un adeguato supporto di comunicazione. Le fasi diventano obiettivi di percorso e possono essere quantificati. 433

6 Strategie di comunicazione Come mettere ordine a questo lungo 7 processo di stime? L azienda mette sul tavolo i suoi obiettivi: vendite annue o fatturato. L agenzia e il committente devono valorizzare gli investimenti in funzione di questi obiettivi attraverso assumption 8 comunicazionali ad essi correlati. Cosa intendiamo per assumption comunicazionali? Stabilire quei dosaggi di comunicazione necessari a raggiungere i vari livelli della persuasione, conoscenza, atteggiamento, comportamento. Sono consequenziali e devono essere fatti uno dopo l altro. Si tratta sempre di livelli quantitativi fissati a priori 9 che sostengono le ipotesi di lavoro Le fasi del processo: dalla comunicazione all atto d acquisto Esposizione al messaggio Awareness (conoscenza) GLI IMPARATI Propensione d acquisto -atteggiamento CONVINCIMENTO GLI ELETTRIZZATI Attivazione all acquisto -comportamento GLI ATTIVATI A B C D E Contatto con il prodotto sul P.V. Seguiamo il percorso cronologico. a. Il target deve per prima cosa trovarsi esposto al messaggio ed essere raggiunto da una certa copertura. b. Dopo una certa frequenza si crea awareness qualificata, il primo livello di consapevolezza. Per comodità chiameremo questo insieme gli imparati. c. Una parte di questo target matura qualcosa in più della conoscenza: la propensione all acquisto. Li chiameremo gli elettrizzati. d. Solo una parte degli elettrizzati, assumption, si attiva e va ad acquistare il prodotto. Li chiameremo gli attivati. 7 Lungo, non difficicile. Sono tanti i passaggi da prevedere, non difficili. Non scoraggi questa lunghezza, il consiglio è di procedere solo se si è sicuri di aver capito i passaggi precedenti. 8 Stime concordate. 9 Secondo l esperienza dell agenzia e del cliente che utilizzano il modello. 434

7 Valutazione delle risorse ottimali e. Solo una parte degli attivati trova il prodotto sul punto vendita. Li chiameremo i triers. Gli altri torneranno a casa senza maturare alcun acquisto. L esercizio ora non è più di comunicazione ma di MKTG operativo. Sulla base di dati storici il MKTG può fare delle assumption e passare dal numero dei triers, consumatori attesi, a un ipotesi di consumo medio (F) per arrivare ai volumi di sell out (G1). Sulla base di dati storici il MKTG dal sell out può calcolare il sell in (G2) attraverso il fabbisogno storico di stoccaggio espresso in mesi. G1 + G2 ci danno i volumi attesi. Siamo partiti da copertura e frequenza, quindi da GRP, e siamo arrivati ai volumi. Possiamo ora provare a fare l esercizio al contrario, partendo dai volumi. Così ha un taglio da esercitazione teorica. La pratica preferisce andare per iterazione, tentativo dopo tentativo, individuando la soluzione più confortevole Esercizio per mostrare i collegamenti Diamo ora dei valori che riteniamo, assieme al committente, affidabili per garantirci i risultati desiderati. Esempio, il lancio di una linea completa di prodotti per il corpo posizionati per il dopo sport, dal bagno schiuma alla fragranza. Le assumption sono fatte tenendo presente che si tratta di un prodotto che, al momento del lancio, non ha una concorrenza specifica e che, attraverso Sinottica, conosciamo esattamente il target: persone che fanno sport, oppure palestra, e comprano abitualmente prodotti in profumeria, esposti al mezzo stampa: di individui. 435

8 Strategie di comunicazione Procederemo con ordine partendo dai volumi. Obiettivo: vendite nei primi 12 mesi. G pezzi Oppure un tot di margine che vale i pezzi. Ipotesi sell-out all anno. Ipotesi pipeline (6 mesi) pezzi G1 G2 Quanti atti d acquisto? Ipotesi ripetizione d acquisto sulla base di 2,7 pezzi annui di acquisto pro capite. E=G1 / F :2.7= E Triers , 0% 5, 0% 10,0% 15,0 % 20,0% 25,0% 30,0 % 35,0% 7 1,0% 8 1,0% 9 0,5% 10 0,5% 11 0,0% 5,0% 8,0% 11,0% 18,0% 22,0% Media ponderata: 2,7 F 33,0% Ipotesi di distribuzione di frequenza degli atti d acquisto E Triers: Stima distribuzione ponderata 50% (altri consumatori cercano GLI ATTIVATI il prodotto ma non lo trovano) D Sono quelli che si attivano all acquisto perché è scattato il comportamento d acquisto: la motivazione definitiva. 30% Stimiamo che solo il 30% dei C abbia questa motivazione. C=(D/30)*100 GLI ELETTRIZZATI Sono quelli che maturano solo atteggiamento positivo C Si è attivata la prima motivazione: l atteggiamento. 50% di chi si ricorda (B) ha propensione all acquisto (atteggiamento) l altro 50% conosce ma è indifferente GLI IMPARATI Vedono l annuncio almeno 7 volte: (33%) B Sono quelli che si ricordano. Ipotizziamo dopo 7 esposizioni. Ricordo Valutazione in base Comprensione alla copy strategy e al Di quanti GRP abbiamo bisogno per livello di concorrenza far vedere 7 volte l annuncio a di individui in target? Ripetizione 436

9 Valutazione delle risorse ottimali 0, 0% 5, 0% 10,0% 15,0% 20,0% 25,0% 30,0% 35,0% ,0% 1,0% 0,5% 0,5% 0,0% 5,0% 8,0% 11,0% 18,0% 22,0% Media ponderata: 2,7 F 33,0% Ipotesi di distribuzione di frequenza degli atti d acquisto 10 Stoccaggio di prodotto iniziale. Fa parte del sell-in (il venduta al negoziante), non fa però parte del sell-out (il venduto al consumatore finale). 437

10 Strategie di comunicazione I triers (E) sono quei consumatori che ci hanno comprato. Quelli che hanno passato tutte le prove, anche l ultima, quella distributiva. Solo una parte degli attivati trova il prodotto sul punto vendita: i triers. Gli altri non ci trovano ma devono essere ugualmente mossi a marciare verso il P.V. perché non sappiamo a priori quali troveranno la nostra distribuzione. I triers più chi non ci ha trovato sono quelli che abbiamo chiamato gli attivati (D). I volumi annui di sell out (G), diviso il consumo medio (F) ci dà i triers: E = G1/F = /2,7 = che arrotondiamo a Le assumption della distribuzione dicono che avremo una media ponderata annua del 50%. Solo la metà degli attivati ci trova distribuiti. (E = ) un altra metà ci cerca invano, sono altri Gli attivati per reggere le assumption fin qui fatte sono (D) = = E Triers: Stima distribuzione ponderata 50% GLI ATTIVATI D (altri consumatori cercano il prodotto ma non lo trovano) Sono quelli che si attivano all acquisto perché è scattato in loro il comportamento d acquisto Gli attivati (D) sono il sottogruppo (D) = 30% C performante 11 dell insieme più vasto che matura solo l atteggiamento positivo verso (C) = /30*100 = il prodotto 12. Questi ultimi li abbiamo chiamati (C) gli elettrizzati. L assumption è che gli attivati siano il 30% degli elettrizzati. Gli attivati (D) sono il sottogruppo che ha Il prodotto è in una situazione di un atteggiamento positivo nei confronti mercato favorevole. della nostra marca. Possiamo allora stimare che i (C) Appartengono al più vasto gruppo di quanti elettrizzati siano il 50% degli ricordano il messaggio che abbiamo imparati (B). (C) = 50% (B). chiamato (B) gli imparati. (B) =( /50)*100 = Che matura il comportamento d acquisto perché trova rilevanti le nostre argomentazioni. 12 Ma non lo compie, o perché lo rimanda o perché si dimentica. 438

11 Valutazione delle risorse ottimali Per entrare nella categoria imparati si stima il raggiungimento di una certa frequenza. E lecito attendersi che l individuo medio, superata questa soglia, ricordi (consapevolezza). Gli imparati (B), sono le persone in target esposte al messaggio con una frequenza a un certo livello fissato dalle assumptions. In termini percentuali sul target sappiamo che siamo partiti da un target di di individui. (B) = 33%. Quali sono le assuption per essere classificato imparato? Dipende dalla campagna e dalla frequenza. Al momento di decidere l assumption la campagna è sotto gli occhi, magari già testata. Nell esempio è stato individuato in di 7 la frequenza necessaria e sufficiente a far scattare memoria e comprensione, awareness attinente D GLI ATTIVATI 30% GLI ELETTRIZZATI C 50% Vedono l annuncio almeno 7 volte: (33%) B GLI IMPARATI Abbiamo individuato due importanti nuovi punti di partenza: di individui devono essere esposti con una frequenza 7. Procediamo ora per tentativi costruendoci diverse curve di distribuzione di frequenza e scegliendo quella più simile a interpretare l ultima assumption: di persone in target vedono l annuncio almeno 7 volte. Quando avremo scelto la curva più idonea avremo individuato il GRP che ci serve. Attenzione a facili equivoci. Sappiamo che GRP = frequenza per copertura, dove la frequenza è la frequenza media e la copertura indica in percentuale quante persone in target vedono almeno una volta il nostro messaggio. Questi parametri non sono quelli della nostra assumption. Quando nell assumption diciamo frequenza non intendiamo il valore medio, ma il territorio che parte dalla soglia di 7 frequenze in su (almeno 7). 439

12 Strategie di comunicazione Elaborazione computer 75% Copertura 60% 40% 33% 20% Ipotesi di soglia della memoria a 7 O.T.S % imparati Quando diciamo copertura non intendiamo quella delle persone che vedono almeno una volta, ma le persone che vedono almeno 7 volte. Questa coppia di valori 7 e 33% non è la coppia il cui prodotto ci dà direttamente il GRP, ci serve per individuare la curva di distribuzione di frequenza che passa più vicino a quel punto. Una volta scelta la curva vedremo a che GRP corrisponde. Nel nostro caso ipotizziamo un GRP di 375. Con un costo stampa di Euro a GRP avremo un budget di poco superiore a Euro. Attenzione. L esercizio serve a darvi confidenza per compiere i giusti passi fra i passaggi nel processo di convincimento. Nella realtà esistono ulteriori difficoltà che dobbiamo ricordare. Non esiste la manopola di precisione della copertura. La pratica non mette a disposizione il bisturi ma la vanga. Nel senso che. passando da un ipotesi di lavoro razionale a un altra, la copertura può scalare del 10%. Se si procede con la stampa la scelta dei veicoli è più importante del raggiungimento di un ulteriore 10% di copertura. Forse abbiamo esaurito i veicoli con un conveniente costo per contatto. Il costo marginale dell ultimo 10% di copertura è magari scoraggiante. Meglio allora cambiare mezzo. Il nostro algoritmo si ferma alle soglie del mezzo aggiuntivo perché non conosciamo la sovrapposizione delle coperture di mezzi differenti. Se c è bisogno di emozionalità, se c è un target ampio, e il budget lo permette, si finisce con il fare TV. Anche una sola settimana di TV porta la penetrazione all 80%. Questo non è un problema, anzi semplifica i conti. Una volta fissato, senza possibilità di trattare il target, possiamo accontentarci di avere come 440

13 Valutazione delle risorse ottimali assumption non la frequenza soglia ma la frequenza media. Così possiamo fare a meno della curva di distribuzione delle frequenze e semplificare moltiplicando solo copertura per frequenza media per avere il GRP. Precauzioni per l uso. Il modello è solo un esercizio teorico. Serve per darvi dei criteri e per ribadire la coerenza delle ipotesi di lavoro. La vostra sensibilità (figlia dell esperienza) e le corrette ipotesi di lavoro (figlie della logica) vi aiuteranno nella valutazione. 441

14 Strategie di comunicazione BIBLIOGRAFIA S. Broadbent, La pubblicità come investimento - (1997) Editore McGraw Hill, Milano. 442

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

Il piano di marketing capitolo 13

Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing Il piano di marketing è un documento che formalizza la strategia da seguire, ne spiega i presupposti, la traduce in programmi operativi*. Risponde

Dettagli

Il prodotto. Il ciclo di vita del prodotto

Il prodotto. Il ciclo di vita del prodotto Il prodotto Il ciclo di vita del prodotto La fase di introduzione di un nuovo prodotto La fase di introduzione: caratteristiche fase in cui il nuovo prodotto fa il suo ingresso nel mercato. Il volume delle

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA Scaletta della lezione: 1. Evoluzione del concetto di pianificazione strategica 2. Alcuni significati di strategia 3. Il processo decisionale strategico: la SWOT analysis 4.

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 La Pianificazione Pubblicitaria Fulvio Fortezza Il Piano di comunicazione 2 1 OBIETTIVI Gli obiettivi devono essere specifici e, possibilmente, misurabili

Dettagli

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale Lezione L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2006-2007 Le attività d impresa Il portafoglio prodotti è l insieme delle

Dettagli

La missione. Definizione di Strategic Business Unit

La missione. Definizione di Strategic Business Unit La missione Definizione di Strategic Business Unit Una SBU è un unità operativa o centro di pianificazione che raggruppa una serie ben precisa di prodotti e servizi venduti a un gruppo uniforme di clienti

Dettagli

IL BUDGET DI COMUNICAZIONE

IL BUDGET DI COMUNICAZIONE Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 1 IL BUDGET DI COMUNICAZIONE Lezione 10 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 2 Il budget di comunicazione

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari DOTTORE COMMERCIALISTA -

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

Aspetti metodologici della valutazione economica

Aspetti metodologici della valutazione economica Aspetti metodologici della valutazione economica La valutazione economica può essere definita come l analisi comparativa dei corsi di azione alternativi in termini sia di costi, sia di conseguenze (Drummond

Dettagli

Marketing è un che si occupa dello studio descrittivo del mercato dell analisi dell interazione del mercato e degli utilizzatori con l impresa

Marketing è un che si occupa dello studio descrittivo del mercato dell analisi dell interazione del mercato e degli utilizzatori con l impresa Il Marketing è un ramo dell'economia che si occupa dello studio descrittivo del mercato e dell analisi dell interazione del mercato e degli utilizzatori con l impresa. Il termine prende origine dall'inglese

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE MEZZI

LA PIANIFICAZIONE MEZZI LA PIANIFICAZIONE MEZZI Appunti di Pubblicità e Marketing Dispensa redatta dal Prof. Marco Galdenzi ad uso degli studenti del Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione Anno accademico 2011/2012 LE

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco IL MARKETING E il processo sociale e manageriale mediante il quale una persona o un gruppo ottiene ciò che costituisce oggetto dei propri bisogni e desideri creando, offrendo e scambiando prodotti e valori

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING COMMENTO FRASI LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING Il management deve convincersi non di fabbricare prodotti, ma di fornire soddisfazioni che creano valore per i clienti (Levitt) - mission del mkt è

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Il marketing nel processo di pianificazione strategica dell impresa

Il marketing nel processo di pianificazione strategica dell impresa Il marketing nel processo di pianificazione strategica dell impresa Obiettivi della lezione Il marketing nell organizzazione e nella pianificazione d impresa Gli strumenti di analisi strategica Competitività

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

centri media (media center) target group media scegliere i media (media planning) CAMP (Computer Aided Media Planning)

centri media (media center) target group media scegliere i media (media planning) CAMP (Computer Aided Media Planning) 1 Pianificare i media centri media (media center) target group media scegliere i media (media planning) CAMP (Computer Aided Media Planning) media, dalla descrizione al calcolo 2 Pianificare i media i

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

DAL BRIEF ALLO SPOT. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

DAL BRIEF ALLO SPOT. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it DAL BRIEF ALLO SPOT Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 AVVERTENZA: i video discussi durante la lezione sono disponibili all indirizzo: http://www.youtube.com/user/mrsgravili#grid/user/76a6ca576d437ec5

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

Che l economia internazionale stia attraversando un

Che l economia internazionale stia attraversando un 8 Il Marketing aziendale in momenti di recessione di Andrea Dari In una fase di recessione economica le aziende ben consolidate dovrebbero astenersi dal tagliare i budget per il marketing Che l economia

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA

IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA Pag. 1 Direzione Comunicazione IL BUSINESS PLAN IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA 1 Pag. 2 Il business plan È un documento organizzato. Il Business plan è il quadro di riferimento dei manager. Per

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

SUN Rimini 9 ottobre 2009 PROFIT SPA DESIGN: Come progettare il profitto in una SPA. Ing. Salvatore Picucci

SUN Rimini 9 ottobre 2009 PROFIT SPA DESIGN: Come progettare il profitto in una SPA. Ing. Salvatore Picucci SUN Rimini 9 ottobre 2009 PROFIT SPA DESIGN: Come progettare il profitto in una SPA. Ing. Salvatore Picucci PREMESSA Interattività: IMMEDIATA per domande sull argomento trattato in quel momento A FINE

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN. 1.Definizione della Visione Imprenditoriale e degli obiettivi. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva

IL BUSINESS PLANNING LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN. 1.Definizione della Visione Imprenditoriale e degli obiettivi. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN 1.Definizione della Visione Imprenditoriale e degli obiettivi Illustrare con esattezza la vostra vision e gli obiettivi dell iniziativa, può sembrare ovvio.in realtà molti

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Virgin: un impresa diversificata. Fonte: Grant (2005)

Virgin: un impresa diversificata. Fonte: Grant (2005) Virgin: un impresa diversificata Fonte: Grant (2005) 1 Le motivazioni alla base della diversificazione Mancanza di opportunità nel settore di origine Sfruttamento di attuali risorse e competenze eccellenti

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN MODELLO DI BUSINESS PLAN Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile, possibilmente non

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2007 The Companies srl CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING 1. Che cos è il marketing? 2. L obiettivo del marketing è e i bisogni dei consumatori. 3. Quali sono

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

LA REDDITTIVITA DEGLI INVESTIMENTI NEL MARKETING

LA REDDITTIVITA DEGLI INVESTIMENTI NEL MARKETING LA REDDITTIVITA DEGLI INVESTIMENTI NEL MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero 1 I PROBLEMI DA AFFRONTARE 1. A quali finalità deve essere indirizzata l attività di marketing? 2. I risultati vanno misurati in

Dettagli

Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione

Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione Pagina 1 Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione Stefano Lascar Secondo le previsioni di Nomisma, il 2011 dovrebbe essersi concluso con un ulteriore flessione delle compravendite del 6%

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo

Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo Programma (121 pagine tra dispense e slides) IL MARKETING IL MARKETING IN AZIENDA - AZIENDE MARKETING ORIENTED

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 17 Pianificazione di marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 17 Pianificazione di marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing e Direzione d Impresa Lezione 17 Pianificazione di marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Definire le strategie e i piani di marketing Il processo di distribuzione

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

LE DEFINIZIONI MEDIA

LE DEFINIZIONI MEDIA DEFINIZIONI MEDIA LE DEFINIZIONI MEDIA Copertura Netta o Net Reach Frequenza Media / OTS GRP s Copertura Efficace o Effective Reach Distribuzione di frequenza Share Indici di Concentrazione COPERTURA NETTA

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 L evoluzione del marketing Dal marketing per addetti ai lavori, al

Dettagli

LA QUESTIONE DEI COSTI NEL PROFIT TEST DEI PRODOTTI VITA. Fabrizio Tocci

LA QUESTIONE DEI COSTI NEL PROFIT TEST DEI PRODOTTI VITA. Fabrizio Tocci LA QUESTIONE DEI COSTI NEL PROFIT TEST DEI PRODOTTI VITA Fabrizio Tocci Questo libro viene pubblicato su Amazon ed è disponibile in forma gratuita. Edizione febbraio 2013 Se chiedi a dieci attuari un tasso

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

Il flusso di lavoro in un agenzia media

Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il Brief del Cliente Il planning strategico Analisi della concorrenza Analisi e costruzione del target Gli obiettivi di comunicazione

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

COME CONTROLLARE I RISULTATI DI GESTIONE (Guida per il piccolo imprenditore)

COME CONTROLLARE I RISULTATI DI GESTIONE (Guida per il piccolo imprenditore) Paolo Mazzoni 2010. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2010". Non sono ammesse

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Al primo posto Al secondo posto Al terzo posto

Al primo posto Al secondo posto Al terzo posto Dia 1 Nella scorsa lezione abbiamo tracciato il razionale della terapia insulinica. In questa lezione vedremo come i concetti teorici vedono la loro applicazione pratica, in una serie di comportamenti,

Dettagli

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ]

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] MODELLI DI SVILUPPO INTERNAZIONALE I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] La scelta del modello ottimale per lo sviluppo nei

Dettagli

Analisi del mercato e stesura del piano di marketing. Dr.ssa Michela Floris

Analisi del mercato e stesura del piano di marketing. Dr.ssa Michela Floris Analisi del mercato e stesura del piano di marketing Dr.ssa Michela Floris L analisi del mercato L analisi della concorrenza L analisi della domanda Dr.ssa Michela Floris 2 L analisi della concorrenza

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università Cattaneo 19 Settembre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Processo di Pricing 1. Definizione

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

Vincoli di congruenza e finanziari nell elaborazione del business plan

Vincoli di congruenza e finanziari nell elaborazione del business plan Vincoli di congruenza e finanziari nell elaborazione del business plan di Arduino Gulisano (*) Il Business Plan spesso contiene contraddizioni interne che a prima vista sono abbastanza difficili da focalizzare.

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Service marketing e ambiente di marketing a.a. 2008/09

Service marketing e ambiente di marketing a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Service marketing e ambiente di marketing a.a. 2008/09 Dott. Mario Liguori Articolazione macro-processo di Marketing MARKETING

Dettagli

Obiettivi della lezione

Obiettivi della lezione Prezzo Obiettivi della lezione Analisi del prezzo come variabile marketing Il prezzo e la redditività aziendale Euro/kilo Oro 15000! Kg "! F22 Raptor 6500! Kg!! Branded Notebook 1000! Kg "! Fashion dress

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

La pianificazione turistica territoriale. rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino

La pianificazione turistica territoriale. rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino La pianificazione turistica territoriale rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino 1 L approccio per distretti e prodotti turistici Bisogni di base Scelta del tipo di vacanza Identificazione

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni.

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. [moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. LA STRATEGIA DEL PREZZO Stupisce il fatto che, molti manager ritengano che non si possa

Dettagli

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni 1 Executive summary...2 2 Business idea...2 3 Analisi di mercato...2 4 Analisi dell ambiente competitivo...2 5 Strategia di marketing...3 5.1 SWOT Analysis...3

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo

di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo GLI INVESTIMENTI COLONNE PORTANTI DELLA CREAZIONE DI VALORE di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo La redditività degli investimenti è sì un obiettivo, ma anche e soprattutto

Dettagli

Marketing Metrics: al cuore dell azienda VALUTARE IL SUCCESSO DI UNA STRATEGIA DI MARKETING

Marketing Metrics: al cuore dell azienda VALUTARE IL SUCCESSO DI UNA STRATEGIA DI MARKETING Incentivare COVER DOSSIER INHOUSE STARS DESTINAZIONI NEWS VALUTARE IL SUCCESSO DI UNA STRATEGIA DI MARKETING Oltre al Roi, ovvero il ritorno sull investimento, esiste anche uno strumento espressamente

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 10 e 11 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 Risk Analysis I termini risk analysis

Dettagli

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PERCHÉ ELABORARE UN MARKETING PLAN? Il marketing plan è un componente essenziale del vostro business. Quando si avvia una nuova azienda o si lanciano prodotti o servizi

Dettagli

www.happybusinessapplication.net

www.happybusinessapplication.net www.astudio.it Cosa è HBA Project HBA Project è una Web Business Application gratuita che può essere installata sul proprio dominio come una «personal cloud», alla quale avrà accesso solo l utente che

Dettagli

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Obiettivi : l obiettivo del corso è con rifornire alla piccola e media impresa un insieme di strumenti teorici

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Ciclo: "mettersi in proprio: un'impresa possibile" 2009/10.

Ciclo: mettersi in proprio: un'impresa possibile 2009/10. Ciclo: "mettersi in proprio: un'impresa possibile" 2009/10. GLI STRUMENTI DEL MARKETING incontro del 15/12/2009 Programma dell incontro del 15/12/2009 Quali sono i principali strumenti del marketing Come

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing Il Marketing Unità 1 La Funzione di Marketing Le Vendite e il Marketing Il Marketing si inquadra nella Funzione Vendite In passato le imprese erano product oriented (mercati statici) Oggi le imprese sono

Dettagli

Dinamica competitiva nel pricing bancario

Dinamica competitiva nel pricing bancario Financial Services Dinamica competitiva nel pricing bancario Dr. Enrico Trevisan 1 La determinazione del prezzo di un prodotto può avvenire attraverso tre metodi differenti: cost plus pricing, value pricing

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Specializzazione in commercio estero. Mara Granzotto

Specializzazione in commercio estero. Mara Granzotto Specializzazione in commercio estero Mara Granzotto Stage svolto nell azienda Canalcom 28/05/2007-30/06/2007 CANALCOM - servizio consulenza UFFICIO STAMPA CLIENTI: Fornaci Calce Grigolin spa Superbeton

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli