Un agenzia di pubblicità è principalmente un impresa di conoscenze, con una struttura abbastanza complessa, costituita da un team di specialisti in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un agenzia di pubblicità è principalmente un impresa di conoscenze, con una struttura abbastanza complessa, costituita da un team di specialisti in"

Transcript

1

2 Un agenzia di pubblicità è principalmente un impresa di conoscenze, con una struttura abbastanza complessa, costituita da un team di specialisti in ambiti diversi che lavorano insieme, integrando le loro competenze. Si tratta di un azienda di servizi di piccole o medie dimensioni, che è divisa al suo interno in almeno tre settori: area tecnico-scientifica, area commerciale, area creativa ed effettua un servizio a ciclo completo. Cura per conto del cliente tutti gli aspetti della pubblicità, dalle strategie di comunicazione di base alla realizzazione della campagna, contemplando anche la gestione dei mezzi su cui veicolarla.

3 I Soggetti coinvolti Soggetti coinvolti nella produzione di pubblicità: Agenzie di pubblicità Studi pubblicitari Istituti di ricerche di mercato Proprietari e concessionari dei mezzi pubblicitari che mettono a disposizione i media Le aziende di pubblicità producono sistematicamente servizi pubblicitari per lo scambio di mercato.

4 I servizi offerti (tra gli altri) La gamma di servizi offerti da un agenzia di pubblicità, e le conseguenti funzioni aziendali, sono le seguenti: Servizio marketing: si occupa di analisi di mercato, della concorrenza, del posizionamento del prodotto e della marca (interpreta le esigenze dei clienti) Servizio creativo: si occupa di creare l idea di base, realizzarla, studiarne i testi compatibili al mezzo/i prescelti

5 Servizio media: si occupa della scelta e dell acquisto dello spazio sui mezzi pubblicitari Servizio amministrativo: si occupa contabilità, bilancio, analisi dei costi, ecc. (amministrazione in senso stretto) E di particolare importanza il servizio media il cui obiettivo è valutare e scegliere quei mezzi e veicoli che permettano di far pervenire il messaggio al più elevato numero di consumatori potenziali.

6 In particolare, dati l investimento dell azienda cliente ed il destinatario della comunicazione (target), il servizio media deve: valutare le percentuali di target che il mezzo può raggiungere in un arco di tempo prestabilito (quantitativo); valutare, per ciascun mezzo di comunicazione, la media del costo da sostenere per ogni individuo del target - costo per contatto (quantitativo); valutare se e come uno specifico messaggio potrà funzionare su un mezzo oppure su un altro (qualitativo)

7 All interno di un agenzia lavorano specifiche figure professionali cui è assegnato un determinato ruolo nel processo di comunicazione pubblicitaria, sostanzialmente le principali figure riscontrabili si possono riassumere in questo modo: Account Direttore creativo Art director Copywriter Direttore contatti Responsabile mezzi Addetto alle ricerche di mercato Amministrazione Produzione Progress

8 L account Questa, è la figura che crea e mantiene i contatti con l azienda cliente e deve essere in grado di interpretarne i bisogni prima che essi si presentino, deve fornire soluzioni immediate e vincenti e deve formulare gli obiettivi e le strategie di comunicazione con il contributo di altri specialisti creativi. Più dettagliatamente, l account, attraverso svariati briefing analizza dapprima gli obiettivi che il cliente vuole perseguire in termini di pubblicità e di marketing. Dopo, entrato in possesso di tutte le informazioni necessarie, provvede a trasmetterle ai colleghi dell agenzia che ne svilupperanno la campagna. Questa figura è prevalentemente un uomo di marketing visto che vigila sul processo di produzione del messaggio, controllando il rispetto del budget stanziato, la correttezza dei tempi di realizzazione stimati e molti altri aspetti. La fase creativa inizia dopo che l account ha dato al direttore creativo ed alla coppia creativa il brief (il documento che riassume quanto detto nel briefing).

9 Il direttore creativo A questa figura spetta la direzione del reparto creativo dell agenzia e la direzione ed il coordinamento del lavoro delle coppie creative (art e copy), nonché la verifica dei progetti elaborati in conformità agli obiettivi di marketing e di comunicazione prefissati. Al direttore creativo, come detto, spetta il compito di trasmettere le informazioni all art director ed al copywriter, tracciando così, grazie alle informazioni emerse dal briefing, le linee guida per l ideazione dei progetti creativi.

10 L art director ed il copywriter All interno di un agenzia pubblicitaria, l art è la figura preposta alla creazione visuale del messaggio. Insieme al copywriter forma la coppia creativa, art e copy lavorano in modo complementare. Il copy e l art creano le campagne pubblicitarie: occupandosi il primo della parte testuale ed il secondo di quella visuale; a loro spetta il compito di concretizzare in parole ed immagini il messaggio. Le modalità operative, prevedono l interfacciamento di queste figure con l account ed il direttore creativo, per poi proseguire con il vero e proprio processo creativo.

11 La Costruzione di una campagna pubblicitaria 1a FASE: DEFINIZIONE DEL PROBLEMA E DEGLI OBIETTIVI REDAZIONE DEL BRIEFING Per tale definizione l impresa ricorre alla realizzazione di ricerche di mercato: sul consumatore sui prodotti sulla concorrenza sul settore in cui opera

12 Definito il problema l impresa appronta un briefing in cui vi sono le informazioni utili per studiare la campagna pubblicitaria ed in genere comprendono: IL PRODOTTO/L AZIENDA Cenni storici Produzione attuale IL MERCATO Andamento Concorrenza Quote IL VISSUTO DEL PRODOTTO Ricerche IL PROFILO DEL CONSUMATORE GLI OBIETTIVI DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA IL BUDGET ECONOMICO DISPONIBILE IL TARGET DI RIFERIMENTO

13 Il briefing è analizzato dal Servizio Clienti e trasmesso al Servizio Creativo ed al Servizio Media coinvolti nel progetto. In seguito, viene redatto dal Servizio Clienti un documento, con un eventuale approfondimento del briefing, che contiene: l analisi della comunicazione pubblicitaria della concorrenza e i posizionamenti d immagine la copy strategy la media strategy

14 La COPY STRATEGY è il documento che evidenzia le scelte strategiche proposte dall Agenzia per il raggiungimento degli obiettivi di comunicazione e svolge la funzione di: fornire orientamenti e linee guida al lavoro creativo; definire le ragioni che faranno scegliere il nostro prodotto/servizio rispetto a quelli della concorrenza; dare nel medio/lungo periodo coerenza alle iniziative di comunicazione. E importante in questa fase decidere: a chi rivolgiamo il messaggio: TARGET cosa dire: PROMESSA/GIUSTIFICAZIONE come dirlo: ATMOSFERA

15 PROMESSA: È la dichiarazione del concetto di vendita di base ( selling idea ), l utilità o il risultato che il brand promette e che costituisce la principale ragione per la quale riteniamo che il consumatore acquisti il prodotto, preferendolo alla concorrenza. GIUSTIFICAZIONE: È la dichiarazione della caratteristica essenziale del prodotto che conferma oggettivamente la promessa principale. ATMOSFERA: È la dichiarazione del carattere e della personalità che cerchiamo di costruire per il brand e che sarà riflessa nel tono del messaggio pubblicitario. La MEDIA STRATEGY ha il compito di dare delle risposte all obiettivo di comunicazione, attraverso la definizione del TARGET che è il segmento dei consumatori verso il quale la pubblicità è diretta.

16 GEOGRAFICHE: regione, ampiezza centro SOCIO-ECONOMICHE: classe sociale, reddito, professione DEMOGRAFICHE: età, sesso, composizione famiglia PSICOGRAFICHE: stili di vita, valori COMPORTAMENTO D ACQUISTO: frequenza, quantità, uso

17 In questa fase l ART DIRECTOR elabora una prima rappresentazione dell idea creativa realizzando un bozzetto dell annuncio pubblicitario detto ROUGH e/o una traccia della sceneggiatura dello spot. Definita l idea da presentare al cliente, sarà realizzato uno STORY BOARD (se l idea è televisiva); lo STORY BOARD è una sequenza di disegni che racconterà lo sviluppo della storia/situazione per dare la possibilità all Agenzia e al Cliente di valutare la validità della proposta. La sequenza dei disegni sarà completata da un testo che, ad integrazione delle immagini, riporterà la parte audio del filmato: parole, rumori, presenza della musica, descrizione di alcuni passaggi di scena significativi.

18 Nel caso di una proposta di campagna stampa o affissione, sarà realizzato un LAYOUT, che rappresenta l insieme degli elementi del messaggio pubblicitario: L HEAD LINE: è la frase portante della comunicazione e in genere sottolinea ed enfatizza la promessa definita in precedenza nella copy strategy; LA BODY COPY: è il testo che completa, rafforza, sviluppa l head line; IL VISUAL: è l immagine portante dell idea; IL MARCHIO AZIENDA/PRODOTTO e l eventuale PAY-OFF concludono la comunicazione.

19 Parallelamente il SERVIZIO MEDIA, sulla base della MEDIA STRATEGY, prepara uno schema di pianificazione del budget che prevede: IL PERIODO DI USCITA DELLA CAMPAGNA, che tiene in genere conto della stagionalità/andamento dei consumi del prodotto; I MEDIA COINVOLTI, Televisione, Stampa, Radio ; LA LUNGHEZZA E I FORMATI DEGLI SPAZI PUBBLICITARI, es.30 per il telecomunicato pagina intera a colori per l annuncio stampa; LA MISURA DELLA PRESSIONE PUBBLICITARIA, che viene esercitata dalla campagna: il numero di contatti realizzati sul target e quante volte mediamente vedrà il messaggio; IL PREVENTIVO DI SPESA, ipotizzato per l acquisto degli spazi pubblicitari.

20 Il SERVIZIO CREATIVO, insieme al Servizio Produzione Cinema/Stampa, sulla base dello storyboard e layout approvati, selezionerà alcune Case di produzione di spot pubblicitari e fotografici (in questo caso per la realizzazione dell immagine che dovrà apparire sull annuncio stampa e/o sul manifesto) e richiederà un preventivo di spesa dettagliato sui costi da sostenere per la realizzazione della comunicazione. Il SERVIZIO PRODUZIONE CINEMA fornirà, oltre allo storyboard ed al layout, tutta una serie di informazioni complementari alla Casa di produzione e al fotografo, come: la descrizione dello stile/trattamento cinematografico che dovrà essere previsto nella produzione; il tipo di regia; il numero e la tipologia degli eventuali personaggi presenti nella storia/situazione; possibili effetti speciali da realizzare durante le riprese o in postproduzione; la descrizione del prodotto/caratteristiche che dovranno essere presenti nel filmato; una time table indicativa delle varie fasi, dalla stesura del preventivo all uscita della campagna.

21 Il SERVIZIO MEDIA tratterà, con i Concessionari delegati alla vendita, l acquisto degli spazi indicati nella pianificazione media, cercando il miglior rapporto qualità/prezzo. L Agenzia invierà alla Sacis (Struttura di controllo del materiale pubblicitario in onda sulle emittenti RAI) lo storyboard e/o i radiocomunicati della campagna, per l approvazione. Scelta la casa di produzione e/o il fotografo e definita la trattativa con i Concessionari degli spazi pubblicitari, l Agenzia presenterà al Cliente: il preventivo di spesa della casa di produzione e/o fotografo; il risultato della trattativa con i Concessionari.

22 Per quanto riguarda la campagna televisiva, l Agenzia (Servizio Creativo, Servizio Clienti, Servizio Produzione Cinema) e Casa di produzione, in accordo con il Cliente, stabiliranno le modalità di realizzazione del filmato e una time table della produzione che deve tener conto d diverse fasi, quella fondamentale è il pre-production meeting: è una riunione collegiale tra il regista e i rappresentanti della Casa di produzione, dell Agenzia di pubblicità e del Cliente per definire tutti i dettagli prima delle riprese del filmato. Per una campagna stampa invece è già stato citato il lavoro di pianificazione del del servizio media.

23 In questa fase, l Agenzia darà disposizioni alla Casa di produzione concernenti il materiale audiovisivo (tipo e quantità di audio - videocassette necessarie alla messa in onda da inviare alle emittenti) mentre per la campagna stampa/affissione predisporrà i materiali esecutivi utili al Servizio Produzione Stampa per la realizzazione degli impianti di fotolito tenendo conto delle caratteristiche dei mezzi pianificati (quotidiani o periodici; in bianconero o a colori; formati stampa, dimensione dei manifesti). Nel corso e al termine della campagna pubblicitaria, l Agenzia controllerà l effettiva messa in onda degli spot pubblicitari, l uscita degli annunci stampa e il rispetto delle posizioni d affissione sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo, fornendo al Cliente un consuntivo tecnico ed economico.

24 L Agenzia e il Cliente solitamente compiono, tramite Istituti di Ricerca, una verifica sul target per valutare il grado di:. ricordo gradimento comprensione del messaggio pubblicitario Sulla base dei risultati della ricerca, se necessario, saranno apportate delle correzioni alla comunicazione.

25 Grandi campagne media richiedono forti investimenti ed in un momento in cui il mercato pubblicitario è in crescita in tutti i settori tranne la televisione, ci si domanda quanto costino questi fatidici 30 di intermezzo. In America Idol, il programma più famoso e seguito della televisione americana, il padre di tutti i talent show, che ha fatto registrare in patria ascolti da record, un passaggio può arrivare a costare 700 mila dollari. Il serial medico Grey s Anatomy, si accontenta di $, mentre sull ABC Desperate Housewives un passaggio può costare sino a 378 mila dollari. Continuando la lista si possono trovare altri programmi che quest anno vanno in onda anche sulle nostre televisioni nazionali, come Heroes a quota , CSI e Dr. House a 290 mila. Ed ancora Private Pratice il legal serial programmato da noi su Rai Due a tarda sera, negli USA richiede per 30 secondi ben dollari.

26 Cifre da capogiro, calcolando che una campagna pianificata consiste in più passaggi, su diverse emittenti ed anche più volte nello stesso programma. Fatti due conti, non ci si stupisce che in questo mercato si parli di miliardi di dollari di investimenti. Ma in Italia le cose possiamo vederle ridimensionate, negli Stati Uniti un programma di successo come Dr. House abbiamo visto può raggiungere cifre vicino ai 300 mila dolarri, nell italia dei reality e del trash televisivo si preferisce investire sull Isola dei Famosi. Isola che parte quest anno da un minimo di euro ad un massimo di 130 mila per la finale. Tuttavia possiamo cavarcela sulle reti generaliste con prezzi del prime time che vanno dai 10 ai 3 mila euro

27 Distinzione tra due tipologie di pubblicità: Combattiva: basata sulla suggestione e sulla ripetizione; Pubblicità costruttiva: fa appello sulla ragione

28 Alcuni studiosi, paragonano il comportamento del consumatore a un iceberg di cui solo 1\7 del volume complessivo è visibile, mentre i restanti 6\7 sono sommersi. L iceberg è colpito da venti di superficie, nello stesso tempo, è mosso solo dalle correnti marine di profondità. La pubblicità che fa appello alla ragione somiglia ai venti di superficie: bisogna, per muovere il consumatore iceberg, fare leva sulla parte nascosta.

29 Ogni messaggio può avere diversi stili di realizzazione e può basarsi: Su scene di vita Su stili di vita Sull evidenza scientifica Su testimonianza

30 L esigenza di catturare l attenzione dell audience, sempre più distratta dall affollamento pubblicitario e dall aumentato numero di media, spinge a una particolare forma di pubblicità deifinita advertainment. Con tale termine ci si riferisce a un tipo di pubblicità che prima punta a divertire lo spettatore, e poi parla del prodotto.

31

32 La pubblicità è uno strumento del marketing mix e quindi un investimento utilizzato per ottenere benefici economici. Pertanto l impresa è interessata a valutare e misurare l effetto prodotto sul mercato e il ritorno dell investimento effettuato in pubblicità. La conoscenza di tali effetti è indispensabile per la pianificazione delle azioni successive.

33 La pubblicità è efficace se riesce a conseguire gli obiettivi prefissati. Il raggiungimento di tali obiettivi non viene misurato tanto con riferimento alla generale attività pubblicitaria di un azienda, quanto in relazione ad una specifica campagna pubblicitaria.

34 Quando si procede alla misurazione degli effetti prodotti dalla pubblicità ci si scontra inevitabilmente con almeno due problemi: 1. La difficoltà di riuscire a separare i diversi contributi forniti dagli innumerevoli strumenti utilizzati dall impresa; 2. La natura della pubblicità stessa, in quanto difficilmente è riscontrabile un effetto immediato nel medesimo periodo in cui la campagna pubblicitaria viene somministrata.

35 Al fine di inquadrare le problematiche relative alla misurazione dell efficacia della pubblicità è opportuno distinguere tre livelli di risposta del consumatore agli stimoli trasmessi con l azione pubblicitaria: 1. Risposta cognitiva 2. Risposta affettiva 3. Risposta comportamentale

36 Concerne la percezione e la memorizzazione dei messaggi pubblicitari. Innanzitutto occorre fare una distinzione tra esposizione alla pubblicità e percezione della stessa. La differenza sostanziale sta nella minore consapevolezza della prima rispetto alla seconda. Sono, altresì, manifestazioni della risposta cognitiva sia il ricordo del messaggio sia il riconoscimento di sue parti.

37 Per capire come si forma la risposta cognitiva dei consumatori all esposizione alla pubblicità, occorre far riferimento all analisi dei meccanismi che regolano il processo percettivo, ossia quante esposizioni sono necessarie affinché il messaggio sia percepito e ricordato e per quanto tempo dura il ricordo in funzione del numero di esposizioni ricevute.

38 Risposta affettiva Riguarda l impatto della pubblicità sulla percezione degli attributi del prodotto, sulla valutazione e sulla preferenza per i prodotti e le marche. Occorre sottolineare che la conoscenza del prodotto e delle sue caratteristiche non si traducono in modo automatico in una modificazione dell atteggiamento. Una forte motivazione non necessariamente si traduce in acquisto, in quanto altri fattori possono influenzare l atto di acquisto.

39 Risposta affettiva Per misurare la risposta affettiva si può ricorrere a metodi di analisi di formazione degli atteggiamenti e alle mappe percettive. Una mappa percettiva è uno spazio multidimensionale che rappresenta le differenze e le similarità tra prodotti e marche, così come percepiti dai consumatori.

40 Verificare l efficacia di una campagna pubblicitaria significa costruire la mappa delle percezioni prima e dopo il lancio della campagna pubblicitaria. Il confronto tra le due mappe consentirà di valutare il successo della campagna oggetto di analisi. La costruzione della mappa prevede: l identificazione degli attributi rilevanti, sulla base dei quali i consumatori valutano i diversi prodotti o marche la rilevazione dei giudizi dei consumatori.

41 La stessa operazione va fatta anche dopo il lancio della campagna pubblicitaria, in modo da poter verificare l efficacia della stessa. Il target di questa seconda indagine dovrà essere composto da chi effettivamente è stato raggiunto dalla campagna. Il limite di questo di verifica è rappresentato principalmente dall impossibilità di isolare l effetto della comunicazione pubblicitaria nella determinazione di un differente posizionamento percepito.

42 Risposta comportamentale È la risposta dei consumatori in termini di comportamento di acquisto e di riacquisto. Rispetto alle altre risposte, la misura dell efficacia basata sulla risposta comportamentale è preferibile perché può essere osservata direttamente, mentre le altre in genere devono essere derivate indirettamente da ciò che il consumatore dice di aver percepito o valutato.

43 Risposta comportamentale Tuttavia, quando si fa riferimento al comportamento di acquisto è spesso difficile separare l effetto della pubblicità da quello di altri fattori che lo influenzano; d altra parte le vendite possono aver luogo anche senza pubblicità. Per superare le difficoltà che si presentano quando si cerca di separare l effetto della pubblicità dagli altri fattori che contribuiscono a determinare il comportamento di acquisto si può far ricorso a strategie che prevedono: - la realizzazione di esperimenti di mercato - la specificazione e la stima di modelli di risposta

44 Pretest E UNA FASE MOLTO IMPORTANTE PER ORIENTARE IL LAVORO DELL AGENZIA, E IN QUESTA FASE INFATTI SI SVILUPPANO DIVERSE ALTERNATIVE DI CAMPAGNA CHE DOVRANNO ESPRIMERE LA USP NEL MODO PIU EFFICACE L AGENZIA IN DIVERSE FORME ADATTE AL TEST: ANIMATIC O FOTOMATIC O STORYBOARD PER LA TV FINISH LAY OUT PER POSTER O STAMPA LA RICERCA DEVE ESSERE CONDOTTA CON INTERVISTE INDIVIDUALI E SI RACCOMANDA UNA RICERCA QUALITATIVA VERSUS LA QUANTITATIVA. L ANALISI SEMANTICA PUO COSTITUIRE IN QUESTO CASO UN VALIDO AIUTO

45 VALUTAZIONE DELLA CAMPAGNA FINITA A QUESTA FASE APPARTENGONO: I PRE-TEST DELLA CAMPAGNA FINITA I POST TEST IN QUESTA FASE SI VERIFICA SE LA COMUNICAZIONE FINITA: HA IMPATTO E EFFICACE E COMPRENSIBILE COMUNICA CORRETTAMENTE LA USP E GRADITA LA RICERCA DEVE ESSERE QUANTITATIVA, SI SIMULA UNA SITUAZIONE REALE DI VISIONE DELLA PUBBLICITA INSERENDOLA IN UN REEL DI PUBBLICITA ESISTENTI, SOTTOPONENDO AI POTENZIALI CLIENTI UN QUESTIONARIO CHE MISURI IMPATTO, RICORDO, COMPRENSIONE E GRADIMENTO

46 IL POST TEST PIU FAMOSO E IL DAY AFTER RECALL CHE CONSISTE NELL EFFETTUARE ENTRO LE 24 ORE UNA INDAGINE TELEFONICA PER VALUTARE L IMPATTO E IL RICORDO DELLA CAMPAGNA. OGGI SI UTILIZZANO INDAGINI FATTE DA ISTITUT SPECIALIZZATI CHE MISURANO L IMPATTO E IL RICORDO ALLA FINE DELLA CAMPAGNA E NON 24 ORE DOPO IL SUO INIZIO IL PIU NOTO E IL STC SUIVI DI IPSOS-EXPOLORER

47 Il budget pubblicitario viene solitamente determinato: - In misura % dei ricavi, o in misura fissa per unità di prodotto (budget residuale) - In funzione della ricerca e degli obiettivi (budget necessario) - In funzione della liquidità di cassa (Budget disponibile) - In funzione della concorrenza (Parità competitiva)

48 Gli strumenti che sono impiegati per le comunicazionipubblicitarie sono gli adverising media. Questi sono diversi e ognuno è in funzione del prodotto specifico da pubblicizzare: Pubblicità sulla stampa Pubblicità diretta Pubblicità stradale Pubblicità veicolata dai mezzi di trasporto Pubblicità fatta sui punti di vendita

49 Secondo gli obiettivi (Istittuzionale di vendita) Secondo il ciclo vitale (di lancio - di sostegno) Secondo le persone a cui ci si rivolge (diretta indiretta) Secondo gli strumenti (con strumenti visivi auditivi audiovisivi)

50 Pubblicità socialmente significativa mira a far cambiare atteggiamenti e comportamenti a gruppi di cittadini attraverso valori condivisi (difesa alla salute, alla vita, all ambiente)

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste).

Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste). Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste). campagna pubblicitaria Serie di messaggi pubblicitari che, attraverso uno o più media, mirano

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 La Pianificazione Pubblicitaria Fulvio Fortezza Il Piano di comunicazione 2 1 OBIETTIVI Gli obiettivi devono essere specifici e, possibilmente, misurabili

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

mvcreative glossario della pubblicità www.mvcreative.it

mvcreative glossario della pubblicità www.mvcreative.it GK Z mvcreative E glossario della pubblicità www.mvcreative.it Account executive. E l esperto di marketing dell agenzia, ma anche un conoscitore di psicologia; in genere è un buon parlatore, è dotato di

Dettagli

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY SVILUPPO DELLA CAMPAGNA Prima fase: IL BRIEFING scambio di informazioni fondamentale per lo sviluppo della campagna. Il brief contiene molteplici informazioni su:

Dettagli

Un AGENZIA PUBBLICITARIA è un azienda che produce un servizio.

Un AGENZIA PUBBLICITARIA è un azienda che produce un servizio. Fare la pubblicità Un AGENZIA PUBBLICITARIA è un azienda che produce un servizio. All Agenzia si rivolge un azienda, cioè un BRAND, che ha bisogno di comunicare al mercato: un riposizionamento, il lancio

Dettagli

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Glossario di marketing Accettazione: pubblico. misura l accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del Account: figura professionale che svolge

Dettagli

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Prof. Bruno Buzzo Docente di Tecnica della Comunicazione Facoltà di Economia - Università di Genova Amministratore Delegato e Condirettore Generale PBCOM S.p.A.

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE. Parte 1. Le figure professionali. Prof. Gianfranco Ciaschetti

Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE. Parte 1. Le figure professionali. Prof. Gianfranco Ciaschetti Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE Parte 1 Le figure professionali Prof. Gianfranco Ciaschetti Prima della multimedialità Prima dell avvento dell era

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 COPYWRITER

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 COPYWRITER COPYWRITER 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

COME NASCE UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA. IL MARKETING E LA COMUNICAZIONE L agenzia e l azienda

COME NASCE UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA. IL MARKETING E LA COMUNICAZIONE L agenzia e l azienda COME NASCE UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA IL MARKETING E LA COMUNICAZIONE L agenzia e l azienda La strategia comunicativa è innanzitutto strategia MARKETING Per un azienda essere Marketing oriented, orientata

Dettagli

Glossario di Marketing

Glossario di Marketing Viale Atlantici, 65/a - 82100 Benevento Tel: +39.0824.334189 Fax: +39.06.23318693 www. info@ www. Glossario di Marketing Advertising O pubblicità. E il termine che indica le forme e i servizi di comunicazione

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio COMPETENZE PECUP COMPETENZE DISCIPLINA CONOSCENZE CONTENUTI TEMPI 1 Conoscere e saper applicare i principi della percezione e della composizione Sviluppare le capacità

Dettagli

Strategia. Strategia di rilancio. Strategie del ciclo di vita. Strategie di sell-in e sell-out. Strategie di sell-out PUBBLICITÀ E STRATEGIE

Strategia. Strategia di rilancio. Strategie del ciclo di vita. Strategie di sell-in e sell-out. Strategie di sell-out PUBBLICITÀ E STRATEGIE PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA Strategia Esistono diversi tipi di strategia di marketing, da cui discendono diversi tipi di strategia di comunicazione: di posizionamento corporate/di

Dettagli

LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ

LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ Above the line. Ogni tipo di pubblicità che impiega i grandi mezzi classici: stampa, televisione, radio, cinema, affissione. Account executive. E' l'esperto di marketing dell'agenzia,

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Cosa si intende per pubblicità

Cosa si intende per pubblicità Cosa si intende per pubblicità ADV: creare un messaggio ed inviarlo a qualcuno che a sua volta avrà una reazione. SOGGETTTO MEDIATICO A PAGAMENTO!!! Advertising: TV, RADIO, CARTA STAMPATA, MURALES INTERNET!!

Dettagli

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi Profilo dei media in Italia di Emanuele Gabardi Potenzialità dei mezzi (% di penetrazione) Mezzi Base Adulti 14+ Resp. Acq. TV 1 giorno 84 89 Radio 1 giorno 68 59 1 settimana 81 75 Quotidiani 1 giorno

Dettagli

Pubblicità e promozione

Pubblicità e promozione Pubblicità e Promozioni Relatore: Andrea Baioni (abaioni@abstudio.it) Pubblicità e promozione Consiste nello sviluppo e nell invio di messaggi diretti ad un destinatario specifico E efficace quando il

Dettagli

LABORATORIO DI STRATEGIE PUBBLICITARIE, PUBBLICITÀ SOCIALE, MEDIA PLANNING

LABORATORIO DI STRATEGIE PUBBLICITARIE, PUBBLICITÀ SOCIALE, MEDIA PLANNING LABORATORIO DI STRATEGIE PUBBLICITARIE, PUBBLICITÀ SOCIALE, MEDIA PLANNING 24 APRILE 2013 Prof. Paola Panarese Strategia Una strategia è un piano d'azione di lungo termine volto a impostare e coordinare

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TERZO ANNO U.D.A.: 01 LA MULTIMEDIALITÀ Individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento

Dettagli

DAL BRIEF ALLO SPOT. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

DAL BRIEF ALLO SPOT. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it DAL BRIEF ALLO SPOT Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 AVVERTENZA: i video discussi durante la lezione sono disponibili all indirizzo: http://www.youtube.com/user/mrsgravili#grid/user/76a6ca576d437ec5

Dettagli

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi!

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi! Profilo dei media in Italia di Emanuele Gabardi! Potenzialità dei mezzi (% di penetrazione) Mezzi Base Adulti 14+ Resp. Acq. TV 1 giorno 84 89 Radio 1 giorno 68 59 1 settimana 81 75 Quotidiani 1 giorno

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.Lgs N. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL Servizio

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com IL RUOLO DELLA RADIO E DELLA TV LOCALE PER LE PICCOLE IMPRESE di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management Sommario Introduzione...3 Le caratteristiche dei media...5 Le caratteristiche

Dettagli

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI CdL Scienze del Comportamento e delle Relazioni Sociali Facoltà di Psicologia Elem. SOCIOLOGIA della COMUNICAZIONE FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI di Greta Brardinoni PREMESSA (pregiudizi) FORMAT = minori

Dettagli

Figura Professionale codice FP173 ART DIRECTOR

Figura Professionale codice FP173 ART DIRECTOR settore Comparto descrizione ATTIVITÀ IMMOBILIARI, NOLEGGIO, INFORMATICA, RICERCA, SERVIZI ALLE IMPRESE ATTIVITÀ DI SERVIZI ALLE IMPRESE Persona che garantisce, in una grande agenzia pubblicitaria, la

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA O PROMOZIONALE?

COME VIENE REALIZZATA UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA O PROMOZIONALE? COME VIENE REALIZZATA UNA PUBBLICITARIA O PROMOZIONALE? A B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE DOMANDA ESPRESSA DAL CLIENTE L input del processo è costituito dalla

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. I Player del Sistema. Le Istituzioni di Controllo A.A. 2009-2010

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. I Player del Sistema. Le Istituzioni di Controllo A.A. 2009-2010 Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 Player, regole e dinamiche del Sistema della Comunicazione Fulvio Fortezza I Player del Sistema 2 Le Istituzioni di Controllo Premessa: ci sono vincoli

Dettagli

IL PROGETTO PUBBLICITARIO

IL PROGETTO PUBBLICITARIO IL PROGETTO PUBBLICITARIO Teoria del Progetto Flusso di lavoro in agenzia Sviluppo del progetto Modellizzazione del progetto Teoria del Progetto L AGENZIA DI PUBBLICITA L agenzia di pubblicità è l impresa

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Marketing Operativo: Comunicazione

Marketing Operativo: Comunicazione Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Comunicazione Dott. Mario Liguori 1 Processo di comunicazione Emittente Codifica Decodifica Ricevente Messaggio

Dettagli

Capitolo VII PUBBLICITA

Capitolo VII PUBBLICITA Capitolo VII PUBBLICITA 1086. Nozione e ambito di applicazione. Per pubblicità si intende qualsiasi forma di comunicazione che sia diffusa nell esercizio di un attività commerciale, industriale, artigianale

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 11 Advertising Cos è la pubblicità Storicamente

Dettagli

SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE

SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE ANNO ACCADEMICO PIANO DI STUDI ANNO ACCADEMICO DI EROGAZIONE CORSO DI LAUREA O DI LAUREA MAGISTRALE 2013-2014 2015-2016 LM 59, Scienze della comunicazione

Dettagli

Il flusso di lavoro in un agenzia media

Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il Brief del Cliente Il planning strategico Analisi della concorrenza Analisi e costruzione del target Gli obiettivi di comunicazione

Dettagli

AREA DI INDIRIZZO INDIRIZZO GRAFICA

AREA DI INDIRIZZO INDIRIZZO GRAFICA 1 Competenze chiave AREA DI INDIRIZZO Quinto anno Competenze Abilità/Capacità Conoscenze Discipline IMPARARE AD IMPARARE CONSAPEVO LEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE I1 Conoscere la storia della produzione

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

USI IN TEMA DI PUBBLICITÀ

USI IN TEMA DI PUBBLICITÀ USI IN TEMA DI PUBBLICITÀ Sommario PUBBLICITÀ Nozione ed ambito di applicazione.............................. Art. 1 Soggetti..................................................» 2 Autodisciplina.............................................»

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Chi è il Direttore di Produzione

Chi è il Direttore di Produzione Chi è il Direttore di Produzione In campo televisivo e cinematografico il direttore di produzione è un professionista incaricato di scegliere le risorse tecniche con cui realizzare un programma, dopo che

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XCVII N. 2

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XCVII N. 2 Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREMESSA La presente relazione è predisposta ai sensi dell articolo 8, comma 3, della legge 5 giugno 1990, n. 135. Gli argomenti ivi contenuti sono raggruppati

Dettagli

Corso di Marketing Lezione 14 La comunicazione Prof. Elena Cedrola

Corso di Marketing Lezione 14 La comunicazione Prof. Elena Cedrola Corso di Marketing Lezione 14 La comunicazione Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it www.economiamc.org/cedrola 1 Una definizione di comunicazione La comunicazione è stata definita come un processo

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO

IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO Il linguaggio iconico, ancor più di quello verbale, utilizza figure retoriche. Anche il linguaggio del marchio contiene queste figure. METAFORA La caratteristica fondamentale

Dettagli

Product Placement and Brand Equity

Product Placement and Brand Equity Product Placement and Brand Equity Margherita Corniani 1. Il Product Placement 2. Il Product Placement nella comunicazione aziendale 2.1 I vantaggi del Product Placement 2.2 I limiti del Product Placement

Dettagli

LINGUAGGI DELLA PUBBLICITÀ

LINGUAGGI DELLA PUBBLICITÀ LINGUAGGI DELLA PUBBLICITÀ PROF. AUGUSTO FELIPE SYLWAN A. A. 2014 2015 Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM Introduzione Il corso si prefigge di insegnare agli studenti la composizione dell

Dettagli

la campagna pubblicitaria

la campagna pubblicitaria tipologie marketing la campagna pubblicitaria le agenzie e le sue figure obiettivi linguaggio strategia di comunicazione la comunicazione pubblicitaria l account definisce cosa dire nella comunicazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE

LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE (Dott. Paolo Cardoso, Dott.ssa Roberta De Florio, Dott.ssa Eliana Lavilla) 1.1 Caratteristiche generali Comunicare all interno di un organizzazione non è più un atto

Dettagli

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale)

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata

Dettagli

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte. CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO Lezione 16 12 maggio 2010 . IMBUTO PROMOZIONALE informazioni PUBBLICHE RELAZIONI No vendita, ma modificazione atteggiamento,

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE MEZZI

LA PIANIFICAZIONE MEZZI LA PIANIFICAZIONE MEZZI Appunti di Pubblicità e Marketing Dispensa redatta dal Prof. Marco Galdenzi ad uso degli studenti del Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione Anno accademico 2011/2012 LE

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

GIORNATA INTERNAZIONALE DIRITTI INFANZIA E ADOLESCENZA 20 NOVEMBRE 2014 BRIEF CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

GIORNATA INTERNAZIONALE DIRITTI INFANZIA E ADOLESCENZA 20 NOVEMBRE 2014 BRIEF CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE GIORNATA INTERNAZIONALE DIRITTI INFANZIA E ADOLESCENZA 20 NOVEMBRE 2014 BRIEF CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE PREMESSA Il 20 novembre 1989 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato la Convenzione

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E ISTITUZIONALE LEGGE 150/2000

MASTER IN MANAGEMENT DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E ISTITUZIONALE LEGGE 150/2000 MASTER IN MANAGEMENT DELLA COMUNICAZIONE Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI GENERALI OBIETTIVI

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

22/10/2015 L AGENZIA DI PUBBLICITA ORGANIZZAZIONE DI UN AGENZIA I SERVIZI DELL AGENZIA REPARTO ACCOUNT

22/10/2015 L AGENZIA DI PUBBLICITA ORGANIZZAZIONE DI UN AGENZIA I SERVIZI DELL AGENZIA REPARTO ACCOUNT L AGENZIA DI PUBBLICITA ORGANIZZAZIONE DI UN AGENZIA I SERVIZI DELL AGENZIA Sono fondamentalmente 5: - LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA - LA CREATIVITA - LA PRODUZIONE - IL MEDIA - LA GESTIONE LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio Corsi di laurea in: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. VARESE Scienze della Comunicazione SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - triennale (Classe n. 14 Scienze della Comunicazione)

Dettagli

creatività in movimento

creatività in movimento creatività in movimento Marketing, Promozione e Ufficio Stampa sono Comunicazione, le nostre molteplici inclinazioni nonché obiettivi aziendali per trasformare le idee in qualcosa di concreto, toccante,

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Analisi del mercato e stesura del piano di marketing. Dr.ssa Michela Floris

Analisi del mercato e stesura del piano di marketing. Dr.ssa Michela Floris Analisi del mercato e stesura del piano di marketing Dr.ssa Michela Floris L analisi del mercato L analisi della concorrenza L analisi della domanda Dr.ssa Michela Floris 2 L analisi della concorrenza

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO CLASSE QUARTA

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO CLASSE QUARTA ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE URANO SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO CLASSE QUARTA Abstract TG Rodari.it la voce dei piccoli roditori è un progetto che nasce dall esigenza di realizzare un attività didattica

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO DISCIPLINA: TECNICHE DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO IL PROGRAMMA SVOLTO PER LA PARTE

Dettagli

Oggetto: Criteri operativi per la redazione di annunci pubblicitari concernenti OICR italiani ed esteri e fondi pensione aperti offerti in Italia.

Oggetto: Criteri operativi per la redazione di annunci pubblicitari concernenti OICR italiani ed esteri e fondi pensione aperti offerti in Italia. Comunicazione n. DIN/1031371 del 26-4-2001 Oggetto: Criteri operativi per la redazione di annunci pubblicitari concernenti OICR italiani ed esteri e fondi pensione aperti offerti in Italia. PREMESSA L

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4 Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 PUBBLICITA MARCA Gaia Vicenzi - Laboratorio di 2 LA PUBBLICITA Parlare di comunicazione persuasiva oggi significa evocare

Dettagli

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1 Capitolo 7 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Capitolo 7- slide 1 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Obiettivi

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

LE AFFISSIONI LEGNANI SILVIA

LE AFFISSIONI LEGNANI SILVIA LE AFFISSIONI Pubbl. esterna LE AFFISSIONI Pubbl. interna 1. Affissioni quattordicinali a) affissione statica carta! foglio base: cm. 70 x 100.! Sono possibili diverse combinazioni! fino ai poster:! cm.

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di formazione avanzata L ADDETTO STAMPA NELL ERA CROSSMEDIALE Programma formativo 2012 Indice 1. Obiettivi 2.

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

CONTACTS Tel. +39 02.39 83 10 67 Fax +39 02.87 15 24 35 Fax +39 02.39 83 10 68. info@xeome.it www.xeome.it PALAZZO ANNONI - MILANO - ITALY.

CONTACTS Tel. +39 02.39 83 10 67 Fax +39 02.87 15 24 35 Fax +39 02.39 83 10 68. info@xeome.it www.xeome.it PALAZZO ANNONI - MILANO - ITALY. Testimonial Product Placement Ufficio stampa e PR Advertising e Communication Graphic design Web & Multimedia Gadget Consulenze PALAZZO ANNONI - MILANO - ITALY CONTACTS Tel. +39 02.39 83 10 67 Fax +39

Dettagli

AREE DI ATTIVITA TURISMO INDIVIDUALE TURISMO DI GRUPPO. o Viaggi culturali con itinerari ad hoc. o Soggiorni. o Crociere. o Viaggi di studio

AREE DI ATTIVITA TURISMO INDIVIDUALE TURISMO DI GRUPPO. o Viaggi culturali con itinerari ad hoc. o Soggiorni. o Crociere. o Viaggi di studio PROFILO AZIENDALE Dal 1984 siamo impegnati sul fronte della consulenza nell ambito del turismo internazionale per una clientela estremamente esigente, proponendo soluzioni personalizzate di alto profilo.

Dettagli

Agenzia Marketing. e Comunicazione. www.adarosabalzan.it

Agenzia Marketing. e Comunicazione. www.adarosabalzan.it Agenzia Marketing e Comunicazione www.adarosabalzan.it Marketing & Comunicazione Il marketing è diverso dalla vendita come la chimica dall alchimia, l astronomia dall astrologia, gli scacchi dalla dama.

Dettagli

Pubblicità e Relazioni Pubbliche

Pubblicità e Relazioni Pubbliche Pubblicità e Relazioni Pubbliche Attenta analisi d ambiente e del mercato, dei consumatori e del prodotto Marketing OBIETTIVI: Immagine Espansione Quantitativa Crescita dell immagine Uso strumenti pubblicitari

Dettagli

LE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE NEL SETTORE FINANZIARIO

LE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE NEL SETTORE FINANZIARIO LE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE NEL SETTORE FINANZIARIO Anna Zinola Università degli Studi di Pavia Roma, 7 novembre 2005 Agenda Lo scenario di riferimento Le tendenze della comunicazione nel settore finanza

Dettagli

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE SCHEDA TECNICA Campagne mirate di e-mail marketing. L e-mail marketing è un mezzo che consente di ottenere in modo continuo nuovi flussi di contatti commerciali qualificati e mirati (ovvero

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

COME DIVENTARE BRAND. Percorso formativo I Mestieri della creatività. IAAD - 24 marzo 2014

COME DIVENTARE BRAND. Percorso formativo I Mestieri della creatività. IAAD - 24 marzo 2014 Andrea Terranova COME DIVENTARE BRAND Percorso formativo I Mestieri della creatività IAAD - 24 marzo 2014 Passo 1: Analisi di Start Up L'analisi di Start Up costituisce il passaggio fondamentale per poter

Dettagli