Provincia di Ferrara Piano annuale di interventi per l associazionismo 2008 Realizzato in collaborazione con UISP-ARCI ACLI- ENDAS di Ferrara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia di Ferrara Piano annuale di interventi per l associazionismo 2008 Realizzato in collaborazione con UISP-ARCI ACLI- ENDAS di Ferrara"

Transcript

1 Provincia di Ferrara Piano annuale di interventi per l associazionismo 2008 Realizzato in collaborazione con UISP-ARCI ACLI- ENDAS di Ferrara Seminario del Relatrice Dott.ssa Stefania Trevisani Ass. Il Corpo Va in Città - Ferrara Via Verga 4 PROGETTAZIONE Chi siamo (forza organizzativa) Perchè organizzare un evento - evento pubblico - evento riservato ai soci Che cosa - conferenza - spettacolo musicale o teatrale - ballo con orchestra - rassegna cinematografica - tombola o lotteria - stand gastronomico Budget finanziario Dove - locale chiuso - spazio aperto Quando REALIZZAZIONE Chi deve fare cosa Autorizzazioni Assicurazione Rapporto con artisti, oratori... Rapporto con aziende e ente pubblico Attrezzature (certificazioni - sicurezza) Impatto acustico Normativa sanitaria Informazione Documentazione Comunicazione dei risultati Valutazione dell evento L ORGANIZZAZIONE DI UN EVENTO 1

2 I RAPPORTI CON SIAE E ENPALS PROBLEMATICA FISCALE Chi siamo (sotto il profilo fiscale) L imposta intrattenimenti L imposta sui redditi e l iva I misuratori fiscali PROGETTAZIONE Nelle recenti vacanze di natale penso che più o meno tutti noi abbiamo realizzato un evento: la cena o il pranzo di Natale, la festa di capodanno... C era chi si occupava di fare la spesa, chi cucinava, chi si occupava della parte intrattenimento (giochi, musica...). Una piccola comunità si autoorganizzava per la migliore riuscita di quell evento che si chiama pranzo natalizio o festa di capodanno o befana dei bambini. Chi siamo (forza organizzativa) Quante persone possono essere disponibili per quanto tempo in quali giorni Perchè e che cosa organizzare Privato (riservato ai soci) come autocelebrazione, festa sociale, ringraziamento ai soci, riconferma di identità... Da un punto di vista delle autorizzazioni e degli aspetti fiscali molto più semplice. Pubblico: promozione della propria immagine (per attrarre contributi o nuovi aderenti), lanciare un particolare programma di iniziative, raccolta fondi per sé o per beneficenza, finanziamento dell associazione. In base alle finalità va scelto l evento più adatto tenendo conto che conferenze, spettacoli musicali o teatrali, e rassegne cinematografiche se non sono sorretti da contributi pubblici o privati difficilmente possono produrre utili. I tipici eventi che possono produrre un utile sono lo stand gastronomico e la tombola o la lotteria. Altra cosa da tener presente: grandi eventi possono attirare grandi risorse ma rappresentano anche grossi rischi. Budget finanziario Entrate da contributi (sia pubblici che privati) e sponsorizzazioni, entrate dalla vendita di biglietti (ballo, spettacolo, lotteria, conferenza?) o di cartelle della tombola o dalla vendita di prodotti di ristorazione. 2

3 Uscite: permessi, assicurazione, acquisto prodotti, cachet artisti, allestimento, pubblicità, utenze, premi, affitto sala, costo pellicole, imposte, rimborsi spese. Dove Locale chiuso: agibilità, impianti a norma, sicurezza, autorizzazione sanitaria. Spazio aperto pubblico (occupazione suolo pubblico) o privato (autorizzazione proprietario): certificazione delle attrezzature, certificazione sanitaria. Da tenere in considerazione la facilità di accesso e di parcheggio, la vicinanza a luoghi di rispetto acustico o architettonico, la possibilità di accesso per disabili... Quando Scelta della data in base alle caratteristiche del territorio e alle abitudini locali, non in concomitanza con altri eventi di grosso richiamo. Scelta degli orari in base alle persone che vi devono partecipare (solo adulti, famiglie con bambini, anziani...) e al tipo di attività (molto o poco rumorosa) Il quando e il luogo sono strettamente connessi, difficile fare una manifestazione all aperto d inverno. 3

4 REALIZZAZIONE E di estrema importanza, al fine di utilizzare al meglio le risorse disponibili e di non trovarsi con brutte sorprese finali, stabilire chi deve fare cosa. Sulla base del piano operativo individuare gli addetti alle singole fasi del progetto. E, inoltre indispensabile individuare il Responsabile del progetto, vale a dire la persona che coordini le varie figure addette alle singole fasi e che verifichi che ciascuno porti avanti la propria parte di lavoro nei tempi prestabiliti. Per eventi particolarmente complessi si possono individuare responsabili di settore: amministrativo, organizzativo, comunicazione... E utile fare uno schema tipo questo Azione Tempistica Chi lo fa? Richiesta occupazione 3 mesi prima Resp. Organizzazione suolo pubblico Prenotare affissione manifesti 3 mesi prima Resp. comunicazione Contattare orchestra 1 mese prima Ricerca materiale per 2 mesi prima allestimento Ritiro materiale in tipografia 20 gg prima Comunicato stampa 2 gg prima Resp. comunicazione Documentare la giornata il giorno stesso fotografando Mandare i ringraziamenti agli Una settimana dopo sponsor l evento 4

5 Autorizzazioni - Occupazione suolo pubblico - Autorizzazione per pubblico spettacolo - Deroga normativa impatto acustico - Autorizzazione temporanea per la somministrazione di alimenti e bevande (quando previsto) all'interno della festa (stand gastronomico, bar etc.). Tale autorizzazione può essere rilasciata esclusivamente a persona in possesso dei requisiti professionali ma non è sottoposta alle norme sulla pianificazione commerciale. Per disposizione della L.R. 26 luglio 2003, n.14, il possesso dei requisiti professionali non è richiesto nell'ambito di manifestazioni a carattere religioso, benefico, solidaristico, sociale o politico. - Autorizzazione sanitaria stand gastronomico (per questo tipo di manifestazioni, per gli addetti alla somministrazione, non è richiesto il libretto sanitario o aver svolto l apposito corso presso l ASL) - Autorizzazione tombole, lotterie o banchi di beneficenza. - Eventuale chiusura di piazze o strade. Anche se non è richiesta una specifica autorizzazione è opportuno, tutte le volte che si svolge un iniziativa in cui è prevista la partecipazione di un elevato numero di persone, di darne comunicazione alla Questura. Assicurazione Le manifestazioni spettacolistiche sono situazioni particolarmente a rischio di incidente è quindi opportuno tutelarsi attraverso: - RC verso terzi - Assicurazione dei volontari addetti alle varie fasi della manifestazione. Rapporto con artisti, oratori... Contattare direttamente l artista o la compagnia oppure rivolgersi ad agenzie di spettacolo. Rapporto con aziende e ente pubblico Ricerca di sponsorizzazioni o contributi, richiesta di patrocinio. Attrezzature (certificazioni - sicurezza) Tutte le attrezzature utilizzate per svolgere l evento (palco, amplificazione, impianto luci, stand, cucina...) devono essere dotate di una certificazione di conformità per quanto riguarda ad esempio la normativa antincendio o sanitaria. E inoltre necessario una certificazione da parte di un tecnico abilitato (ingegnere, architetto o geometra) per quanto riguarda la sicurezza del palco, nelle situazioni più complesse è necessario far intervenire la Commissione comunale (meno di spettatori) o provinciale (più di spettatori) di vigilanza che valuta la sicurezza dell intera area della manifestazione. Impatto acustico 5

6 Il tecnico competente valuterà anche l impatto acustico della manifestazione; se si prevede il superamento del limite imposto dalla normativa occorre inoltrare al Sindaco una richiesta di deroga ai limiti di legge per il giorno o i giorni della manifestazione. Vi sono però delle zone cittadine dove i limiti non possono essere derogati (vicinanza di strutture ospedaliere, particolari monumenti...). Normativa sanitaria Se l evento prevede la somministrazione di alimenti e bevande è necessario richiedere l autorizzazione sanitaria all ASL di competenza. Anche per questo tipo di manifestazioni valgono le disposizioni del D.Lgs 155/97 sull autocontrollo sanitario. Informazione Quando la creatività deve fare i conti con le risorse Molta parte della riuscita di un evento è dato dalla sua pubblicizzazione. - conferenza stampa - manifesti e locandine - newsletter - comunicati stampa - spot su radio o tv locali - utilizzo di siti Web Non è facile capire fin dalla prima volta la quantità di materiale necessario o l estensione territoriale dell informazione, solo con l esperienza si impara a calibrare bene la quantità e l ampiezza della campagna pubblicitaria necessaria, tenendo, naturalmente, sempre conto delle risorse disponibili. Documentazione Altro aspetto estremamente importante e spesso trascurato è la documentazione dell evento tramite: fotografie, materiale pubblicitario, articoli di stampa... Serve per: - storia della manifestazione (la tradizione consolidata è un valore) - testimonianza per chi ha contribuito (aziende o ente pubblico) - richieste di contributi l anno successivo Comunicazione dei risultati Si lega al punto precedente, far avere a tutti coloro che ci hanno supportato nella realizzazione dell evento il risultato della manifestazione attraverso documentazione fotografica e relazione scritta. Non esagerare ma nemmeno sminuire (magari sorvolare). Valutazione dell evento Anche questo è un elemento molto importante se si intende ripetere l esperienza; capire, in rapporto alle finalità e ai risultati attesi, i punti di eccellenza e dove invece si sono commessi degli errori. 6

7 A poca distanza dall evento (una o due settimane) è opportuno ritrovarsi con tutto il gruppo organizzatore per fare insieme una valutazione su come sono andate le cose. Alcune valutazioni possono essere fatte immediatamente (coinvolgimento, raccolta fondi...), altre invece si possono valutare solo a distanza di tempo (farsi conoscere ad un pubblico più vasto, migliorare l immagine dell associazione, ricaduta in termini di contributi e adesioni...). Poichè trovare volontari è sempre più difficile occorre tenersi ben stretti quelli che si rendono disponibili pertanto è assolutamente utile terminare la manifestazione con un momento di ringraziamento (ad es. una cena) con tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione dell evento. Approfondimento Certificato prevenzione incendi Il certificato di prevenzioni incendi si rende obbligatorio per qualsiasi luogo, (anche in circoli che svolgono attività esclusivamente ai propri soci) ove viene svolto attività di intrattenimento con una capienza superiore alle 100 persone. Tale certificato viene rilasciato dal ministero degli interni tramite i comandi provinciale dei vigili del fuoco. Parere di conformità: prima ancora di richiedere il certificato di prevenzione incendi si dovrà richiedere il parere di conformità del progetto. Tale parere deve essere sempre richiesto, anche in caso di manifestazioni temporanee pubbliche con previsione di più di cento persone, almeno 45 giorni prima dell evento o della richiesta di CPI. Per richiedere tale parere si dovrà presentare la seguente modulistica presso gli uffici prevenzione incendi presenti nei comandi provinciali dei vigili del fuoco: 1. Domanda redatta in duplice copia, di cui una in bollo (modello PIN ); 2. Documentazione tecnico progettuale (come da allegato 1 al D.M. 4 maggio 1998) in duplice copia, a firma di tecnico abilitato: scheda informativa generale; relazione tecnica; elaborati grafici (tutte le copie con firma e timbro in originale); 3. Attestato di versamento effettuato a mezzo di ccp. Una volta ottenuto il parere sulla conformità del progetto si dovrà presentare apposita domanda di certificato di prevenzione incendi. Tale domanda deve essere composta da: modulo redatto in duplice copia, di cui una in bollo (modello PIN ); Copia del parere rilasciato dal Comando Provinciale W.F. sul progetto Dichiarazioni e certificazioni (come da allegato 2 del D.M. 4 maggio 1998) atte a comprovare che le strutture, gli impianti, le attrezzature e le opere di finitura sono stati realizzati, istallati o posti in opera in conformità alla vigente normativa in materia di sicurezza antincendio; Attestato di versamento effettuato a mezzo di ccp. Dichiarazione di inizio attività Modello (PIN ; come da allegati al D.M. 4 maggio 1998), redatta in duplice copia, (N.B. entrambe le copie con firma in originale) di cui una in bollo, resa secondo le forme di legge (legge 16/06/98), sottoscritta presso il Comando W.F. o accompagnata da copia fotostatica di un documento di identità. Tale dichiarazione permetterà di svolgere l attività in forma provvisoria in attesa del rilascio del CPI. Entro 90 giorni dalla data di presentazione della domanda verrà effettuato il sopralluogo per accertare il rispetto delle prescrizioni previste dalla normativa di prevenzione degli incendi nonché 7

8 la sussistenza dei requisiti di sicurezza antincendio richiesti. Tale termine può essere prorogato, per una sola volta, di 45 giorni, dandone motivata comunicazione all'interessato. Entro 15 giorni dalla data di effettuazione del sopralluogo viene rilasciato all'interessato, in caso di esito positivo, il certificato di prevenzione incendi. Il certificato prevenzioni incendi per i locali di intrattenimento (codice 83) a validità per 6 anni. Prima della scadenza si dovrà procedere alla richiesta di rinnovo. I RAPPORTI CON SIAE (Società Italiana Autori ed Editori) Per qualsiasi tipo di manifestazione in cui si prevede di utilizzare un opera dell ingegno (un brano musicale, un testo teatrale, la lettura di un brano letterario, la recita di poesie, un opera filmica, ecc.) è necessario darne comunicazione alla SIAE precedentemente alla manifestazione e versare un deposito cauzionale a garanzia del diritto d autore. Al termine della manifestazione la SIAE provvederà ad incassare, in base al risultato della manifestazione e alla modalità di accesso allo spettacolo (a pagamento, gratuito, ecc.), il diritto d autore (la percentuale varia a seconda del tipo di opera, per la musica è il 10% su quanto incassato). L ufficio SIAE, nel momento in cui si va a comunicare l effettuazione della manifestazione, rilascia l autorizzazione all utilizzo dell opera e, ad esempio per quanto riguarda la musica, due stampati il foglio musicale, in cui vanno indicati i brani interpretati e il relativo autore, e la distinta d incasso. L esonero dalla richiesta di autorizzazione e dal pagamento del diritto d autore vi è solo in tre circostanze: - l autore che rappresentiamo non è iscritto alla SIAE; - l autore è deceduto da più di 70 anni; - si tratta di opera tradizionale di autore anonimo. La SIAE oltre alla tutela del diritto d autore ha avuti assegnati anche altri incarichi: - collabora con il Ministero delle Finanze al fine di controllare i soggetti in regime iva forfettario ex legge 398/91 e le dichiarazioni iva e l imposta intrattenimenti per i soggetti che svolgono attivià di spettacolo e intrattenimento; - collabora con l ENPALS per le iscrizioni e le ispezioni sui lavoratori dello spettacolo. I RAPPORTI CON ENPALS (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo) Ogni volta che un artista si esibisce e percepisce un compenso è considerato lavoratore dello spettacolo, pertanto va iscritto all ENPALS attraverso il cosiddetto certificato di agibilità e vanno versati i contributi su quanto percepito. 8

9 L'agibilità è una certificazione obbligatoria che va richiesta all'ente (anche attraverso gli uffici SIAE) ogni qualvolta si organizzi un evento che preveda l'utilizzo di personale artistico, indipendentemente dal fatto che le prestazioni siano retribuite o a titolo gratuito (in questo caso va richiesto il certificato di agibilità a titolo gratuito) ; essa va richiesta dalle Imprese dello spettacolo o dai lavoratori autonomi esercenti attività musicali. La custodia del certificato di agibilità è a carico è del datore. Il datore di lavoro è chi organizza la manifestazione a meno che il gruppo o l orchestra non siano costituiti in unità agibile sotto forma di impresa (cooperativa o altro). L aliquota contributiva ENPALS è il 32,70% e il minimale di retribuzione giornaliera è di circa 40 euro. La circolare ENPALS n.21 del 4 giugno 2002 specifica alcuni casi in cui si può ottenere il certificato di agibilità in esenzione contributiva e i casi di esenzione dal certificato di agibilità e dal conseguente versamento contributivo. 4. Certificato di agibilità per particolari situazioni E ammesso, in ipotesi del tutto eccezionali, il rilascio del certificato di agibilità a titolo gratuito, che deve essere vincolato al singolo evento. Tale certificazione potrà essere rilasciata esclusivamente a condizione che la manifestazione artistica si svolga a scopo benefico, sociale o solidaristico e che gli eventuali ricavi derivanti dallo svolgimento della manifestazione stessa, dedotte le spese di allestimento e di organizzazione, vengano interamente destinati alle predette finalità. Inoltre, ai lavoratori dello spettacolo coinvolti non deve essere corrisposto alcun compenso per la prestazione svolta. Colui che provvede all organizzazione dello spettacolo è tenuto ad attestare, dietro la propria responsabilità, la natura benefica, sociale o solidaristica della manifestazione in oggetto, nonché la totale assenza di qualsiasi forma di compenso, anche a titolo di rimborso spese non a piè di lista, per le prestazioni artistiche svolte dai lavoratori impegnati. Anche i lavoratori dello spettacolo che svolgono le prestazioni artistiche nella manifestazione, devono attestare, sotto la propria responsabilità, di non percepire alcun compenso come sopra specificato. 5. Formazioni dilettantistiche o amatoriali. Il possesso del certificato di agibilità, invece, non è richiesto (e non vi è obbligo contributivo) con riferimento allo svolgimento di manifestazioni da parte di formazioni dilettantistiche o amatoriali (complessi bandistici comunali, gruppi folkloristici, gruppi parrocchiali, compagnie teatrali amatoriali/dilettantistiche, complessi corali amatoriali/dilettantistici, cortei e rappresentazioni storiche, etc.), che, essenzialmente allo scopo di divertimento e/o per tramandare tradizioni popolari e folkloristiche, a fini educativi oppure allo scopo di diffondere l arte e la cultura, si esibiscono in pubblico senza alcuna forma di retribuzione, neppure sotto forma di rimborso spese forfetario. La manifestazione artistica deve essere svolta a titolo gratuito, ovvero non devono esservi incassi da presenza di pubblico pagante, nè compensi diretti erogati a corrispettivo dell allestimento della manifestazione stessa (Si precisa che i contributi 9

10 erogati dall Amministrazione centrale dello Stato ai sensi della Legge 30 aprile 1985, n. 163, così come i contributi erogati dagli Enti locali a complessi bandistici, a gruppi folkloristici e simili, non sono considerati compensi; non sono altresì considerati compensi le donazioni effettuate da privati ad associazioni od enti senza scopo di lucro finalizzati all allestimento di manifestazioni artistiche mediante l attività di dilettanti che non devono ricevere alcun compenso o retribuzione come specificato al primo capoverso). Quando per queste manifestazioni siano previsti ricavi che, tuttavia, siano interamente destinati alle finalità associative e a compensazione degli oneri di allestimento e di organizzazione dello spettacolo e/o vi siano coinvolti lavoratori dello spettacolo di cui all art. 3 del DLCPS n. 708 del 1947 che non percepiscano alcun compenso per le prestazioni svolte, potranno essere rilasciate apposite certificazioni con le stesse modalità descritte al precedente punto 4. Inoltre, non è dovuta contribuzione quando gli Enti pubblici locali, nonché le Pro- Loco associate alla Unione Nazionale Pro Loco d Italia, organizzano manifestazioni per fini culturali, ricreativi o educativi, rappresentazioni storiche e folkloristiche, purché gli artisti non vengano retribuiti, neppure attraverso le formazioni sociali (bande, ecc) ingaggiate per l evento, anche se vi è presenza di pubblico pagante. Pertanto i soggetti indicati al capoverso precedente che organizzano spettacoli sono tenuti a richiedere il certificato di agibilità gratuito solo nel caso specificato al punto 4, ovvero nel caso in cui i lavoratori coinvolti siano lavoratori dello spettacolo, già iscritti presso l Enpals. Di contro può verificarsi che la prestazione artistica, anche se definita dilettantistica, si ponga in termini funzionali e complementari alla normale attività commerciale propria delle imprese, per le quali la prestazione viene eseguita, così da configurarsi come servizio offerto alla clientela, tenuta al pagamento anche indiretto di un corrispettivo. E questo il caso, ad esempio, di intrattenimenti musicali o recitativi offerti in uno con altri servizi commerciali in locali non immediatamente destinati alla realizzazione di spettacoli o concerti. La natura di servizio destinato a titolo oneroso ad un pubblico determinato comporta che i relativi proventi siano assimilabili al concetto di incasso da pubblico pagante e l esibizione sia configurabile come prestazione d opera, da ritenersi giuridicamente connotata, salvo rigorosa prova contraria, dal carattere della onerosità. 6. Altre situazioni particolari. L esclusione dall obbligo di richiedere ed esibire il certificato di agibilità, nonché l esclusione dall obbligo contributivo, opera anche con riferimento ai saggi di danza o saggi di altre arti, effettuati da bambini e giovani frequentanti corsi didattici, oppure con riferimento a manifestazioni organizzate a fini socio-educativi da oratori, associazioni con riconoscimento ecclesiale o comunque da associazioni religiose riconosciute dalle confessioni con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese, nonché da associazioni di volontariato di cui alla Legge n. 266 del 1991, da associazioni di promozione sociale di cui alla Legge n. 383 del 2000 e da cooperative sociali di cui alla Legge n. 381 del 1991, purché non si riscontri una vera e propria attività di spettacolo. 10

11 la Legge Finanziaria 2007, al comma 188 prevede: Per le esibizioni in spettacoli musicali, di divertimento o di celebrazione di tradizioni popolari e folkloristiche effettuate da giovani fino a diciotto anni, da studenti, da pensionati e da coloro che svolgono una attività lavorativa per la quale sono già tenuti al versamento dei contributi ai fini della previdenza obbligatoria, gli adempimenti di cui agli articoli 3, 6, 9 e 10 del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 16 luglio 1947, n. 708, ratificato, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 1952, n (riguardano l obbligatorietà dell iscrizione all ENPALS e il relativo versamento dei contributi), non sono richiesti se la retribuzione annua lorda percepita per tali esibizioni non supera l importo di euro. Artisti stranieri Innanzitutto lo straniero che intende lavorare deve essere in possesso del permesso di soggiorno. Se il musicista proviene da un paese della UE o da un paese extra UE che abbia stipulato una Convenzione con l Italia sono esonerati dai versamenti contributivi. Deve però essere in possesso di un documento (il cosiddetto mod. E 101) che attesti l iscrizione all'ente previdenziale del suo paese dove assolverà l obbligo assicurativo. Con tale modello, che ci si può far spedire tramite fax, ci si reca all'enpals di Bologna al fine di farsi rilasciare un certificato di agibilità ENPALS in esenzione contributiva. A differenza di altri tipi di agibilità che possono essere richiesti anche presso le sedi SIAE, quella in esenzione contributiva va richiesta unicamente presso la sede ENPALS regionale di Bologna. Se l artista viene da un paese extra UE non convenzionato gli obblighi contributivi vanno assolti in Italia. Minori di anni 18 L'ispettorato provinciale del lavoro può autorizzare, quando vi sia l'assenso scritto dei genitori o del tutore, la partecipazione dei minori di età inferiore ai 15 anni e fino al compimento dei 18 nella preparazione o rappresentazione di spettacoli o riprese cinematografiche, sempreché non si tratti di lavoro pericoloso per la sua integrità fisica e biopsicologica e non si protragga oltre le ore 24. Domande frequenti 1. Quali sono le categorie di lavoratori che devono essere iscritte all ENPALS? I lavoratori dello spettacolo e gli sportivi professionisti. 2. Chi deve iscrivere il lavoratore? Il datore di lavoro. 3. Chi può essere considerato datore di lavoro? Datore di lavoro può essere considerato: l organizzatore di attività di spettacolo; il responsabile di un impresa di spettacolo che opera sul territorio (orchestre, compagnie teatrali, ecc.). 4. Che cos è il certificato di agibilità? 11

12 Il certificato di agibilità è un documento richiesto dal datore di lavoro per tutelare i lavoratori. 5. Quali sono gli adempimenti richiesti al lavoratore? I lavoratori non hanno alcun onere, anzi vengono tutelati dalla normativa previdenziale. Tutti gli oneri e gli adempimenti sono a carico dei datori di lavoro. 6. E necessario che il lavoratore abbia una partita IVA? Non necessariamente, dipende dalla posizione del lavoratore. Il datore di lavoro deve versare i contributi sia per le prestazioni artistiche dei lavoratori con cui si instaura un rapporto di "dipendenza", sia per le prestazioni effettuate dal lavoratore inquadrato formalmente come "professionista". 7. Quanto costa essere in regola con l ENPALS? Per lo svolgimento delle pratiche presso gli Uffici SIAE non è richiesto alcun importo. È però necessario versare i contributi. 8. Come avviene il versamento dei contributi Gli Uffici SIAE non hanno compiti di riscossione dei contributi: il versamento va fatto presso gli istituti bancari o gli uffici postali, utilizzando il modello F24. TOMBOLE E LOTTERIE Dal 12 aprile 2002, con l entrata in vigore del D.P.R. 26 ottobre 2001, n. 430 sono state apportate profonde modifiche alla disciplina delle autorizzazioni relative allo svolgimento di tombole, lotterie e banchi o pesche di beneficenza, le cosiddette manifestazione di sorte locali. Il decreto, nel ribadire il divieto generale allo svolgimento di tale tipo di manifestazioni, consente esclusivamente: a) le lotterie, le tombole e le pesche o banchi di beneficenza, promossi da enti morali, associazioni e comitati senza fini di lucro, aventi scopi assistenziali, culturali, ricreativi e sportivi disciplinati dagli articoli 14 e seguenti del codice civile, e dalle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) di cui all'articolo 10, del decreto legislativo 460/1997, se dette manifestazioni sono necessarie per far fronte alle esigenze finanziarie degli enti stessi; b) le lotterie, le tombole e le pesche o banchi di beneficenza, organizzate dai partiti o movimenti politici di cui alla legge 2 gennaio 1997, n. 2, purché svolte nell'ambito di manifestazioni locali organizzate dagli stessi. In caso di svolgimento al di fuori delle dette manifestazioni locali si applicano le disposizioni previste per i soggetti di cui alla lettera a); c) le tombole effettuate in ambito familiare e privato, organizzate per fini prettamente ludici. Per comprendere il punto c) e, in particolare, cosa si intende per ambito familiare e privato occorre fare riferimento ai concetti espressi nella Circolare del Ministero delle Finanze 10 febbraio 1998, n.47/e, che, a sua volta recepiva una sentenza della Corte di Cassazione (la n.16, del 12 maggio 1995), si può senz altro affermare che siano da considerare svolte in ambito privato anche le tombole e le lotterie che si svolgono all interno dei circoli. A condizione che l attività o la manifestazione sia resa nota e riservata unicamente ai soci e si svolga all interno del circolo, con l esclusione, come dice la circolare di un ampia, indiscriminata e generica partecipazione di pubblico. 12

13 Si può, pertanto, affermare che le tombole svolte all interno dei circoli, a cui partecipano solamente i soci sono, con le limitazioni richiamate dalla circolare, a tutti gli effetti lecite e non abbisognano di alcun tipo di autorizzazione. Bisogna altresì sottolineare che vi sono delle amministrazioni locali e delle Prefetture che interpretano in modo restrittivo i fini prettamente ludici riportati alla lettera c, dell art.2, del D.P.R. 26 ottobre 2001, n. 430, ritenendo che dove vi sia un risultato positivo per l ente organizzatore (anche per autofinanziamento) si è già al di fuori del fine ludico e, quindi, sarebbe necessaria la prescritta autorizzazione. LOTTERIE Al comma 2, lett. a), dell art.13, del D.P.R. in esame, si definisce la lotteria come quella manifestazione effettuata con la vendita di biglietti staccati da registri a matrice,concorrenti a uno o più premi secondo l ordine di estrazione. I biglietti potranno essere venduti esclusivamente nel territorio provinciale dove si svolge l evento di sorte, l incasso totale della vendita non potrà superare i ,69 euro - indipendentemente da come sia frazionato il prezzo dei biglietti medesimi e dovranno essere contrassegnati da serie e numerazione progressive. TOMBOLE Alla lett.b) del medesimo art.13, viene precisato che per tombola deve intendersi la manifestazione effettuata con l utilizzo di cartelle portanti una data quantità di numeri, dall 1 al 90, con premi assegnati alle cartelle nelle quali, all estrazione dei numeri, per prime si sono verificate le combinazioni stabilite. La tombola è consentita se la vendita delle cartelle è limitata al comune in cui la tombola si estrae e ai comuni limitrofi e le cartelle sono contrassegnate da serie e numerazione progressiva. Non è limitato il numero delle cartelle che si possono emettere per ogni tombola, ma i premi posti in palio non devono superare, complessivamente, la somma di ,42 euro. PESCHE E BANCHI DI BENEFICENZA Ai sensi della lett.c) del citato art.13, per pesche o banchi di beneficenza si devono intendere le manifestazioni di sorte effettuate con vendita di biglietti, una parte dei quali è abbinata ai premi in palio.le pesche e i banchi di beneficenza sono consentiti se la vendita dei biglietti è limitata al territorio del comune ove si effettua la manifestazione e il ricavato non eccede la somma di ,69 euro. I premi delle pesche o banchi di beneficenza, nonché quelli delle lotterie potranno consistere esclusivamente in servizi e in beni mobili, esclusi il denaro, i titoli pubblici e privati, i valori bancari,le carte di credito e i metalli preziosi in verghe. Per le Tombole non vi è alcuna limitazione sulla tipologia dei premi. AUTORIZZAZIONI E CONTROLLI L art.14, del citato D.P.R.n.430/2001, disciplina gli adempimenti dei promotori e i controlli. 13

14 L organizzazione di dette manifestazioni di sorte dovrà essere comunicata, almeno 30 giorni prima, al Prefetto competente e al sindaco del comune dove verrà effettuata l estrazione. Eventuali variazioni delle modalità di svolgimento della manifestazione dovranno essere comunicate ai predetti organi in tempo utile per consentire l effettuazione dei controlli. Alla comunicazione andrà allegata la seguente documentazione: per le lotterie il regolamento con indicati la quantità e la natura dei premi, la quantità e il prezzo dei biglietti da vendere, il luogo in cui vengono esposti i premi, il luogo e il tempo fissati per l estrazione e la consegna dei premi ai vincitori; per le tombole oltre al regolamento con la specificazione dei premi e con l indicazione del prezzo di ciascuna cartella, viene richiesto il deposito della documentazione comprovante l avvenuto versamento di una cauzione in misura pari al valore complessivo dei premi promessi, determinato in base al loro prezzo di acquisto o, in mancanza, al valore normale degli stessi. La cauzione è prestata in favore del Comune nel cui territorio si svolge la tombola e dovrà avere scadenza non inferiore a tre mesi dalla data di estrazione. Dovrà essere prestata mediante deposito in denaro o in titoli di Stato o mediante fideiussione bancaria o assicurativa; per le pesche o i banchi di beneficenza sarà sufficiente indicare nella comunicazione di svolgimento il numero dei biglietti che si intende emettere e il relativo prezzo. Il comma 13-quinquies del Decreto legge 30/09/2003, n. 269 (Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell'andamento dei conti pubblici) ha disposto, al fine di evitare fenomeni di elusione del monopolio statale dei giuochi, che i soggetti che intendono svolgere le attività di sorte locale inviino all Ispettorato compartimentale dei Monopoli di Stato competente per territorio, prima della comunicazione al Sindaco e al Prefetto una comunicazione in carta libera con indicate le finalità della manifestazione, l ambito territoriale di effettuazione, il numero di biglietti e il loro importo. Decorsi trenta giorni dalla data di ricezione della comunicazione, senza l'adozione di un provvedimento espresso da parte del Ministero dell'economia e delle finanze-amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, si intende comunque rilasciato nulla-osta all'effettuazione dell attività; entro lo stesso termine, l Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato può subordinare il nullaosta all'ottemperanza di specifiche prescrizioni circa le modalità di svolgimento delle predette attività. CAUSE OSTATIVE Il Prefetto potrà vietare lo svolgimento della manifestazione nel caso in cui non ricorrano le condizioni previste dal presente regolamento o non ricorra la necessità dello svolgimento della manifestazione per fare fronte alle esigenze finanziarie dell ente promotore. Allo stesso modo, gli Ispettorati Compartimentali dei Monopoli di Stato valuteranno, sulla base delle comunicazioni loro inviate, se le manifestazioni di sorte locali 14

15 risultino conformi, per le modalità di effettuazione, a quanto previsto dagli artt. 13 e 14 visti in precedenza. CONTROLLI Il Decreto in oggetto prevede che il controllo sul regolare svolgimento delle manifestazioni sia di competenza dei comuni. Per le lotterie e per le tombole un rappresentante dell ente organizzatore provvede prima dell estrazione a ritirare tutti i biglietti e le cartelle rimaste invendute e li dichiara nulli agli effetti del gioco. La serie e la numerazione progressiva dei biglietti e delle cartelle dovrà essere indicata nelle fatture di acquisto rilasciata dallo stampatore. L estrazione dovrà essere effettuata alla presenza di un incaricato del Sindaco e dovrà essere redatto processo verbale del quale una copia sarà consegnata a detto incaricato e una copia inviata al Prefetto. Per le pesche o banchi di beneficenza, un responsabile dell ente promotore controllerà il numero dei biglietti venduti e procederà, alla presenza di un incaricato del Sindaco, alla chiusura delle operazioni redigendo il relativo verbale di cui copia dovrà essere sempre trasmessa al Prefetto. Per quanto riguarda le tombole, entro 30 giorni dalla estrazione, dovrà essere presentata all incaricato del Sindaco la documentazione attestante l avvenuta consegna dei premi ai vincitori. Detto incaricato, verificata la regolarità della documentazione prodotta, potrà disporre l immediato svincolo della cauzione. In caso di mancata consegna dei premi ai vincitori il comune disporrà l incameramento della cauzione. SANZIONI Le sanzioni sono quelle previste dall Art.l13-bis del Regio decreto-legge 19 ottobre 1938, n. 1933, che recita: In caso di svolgimento di lotterie, tombole, riffe, pesche o banchi di beneficenza o di qualsiasi altra manifestazione comunque denominata con offerta di premi attribuiti mediante estrazione, sia che questa venga effettuata appositamente sia che si faccia riferimento ad altra designazione che dipenda dalla sorte o alle estrazioni del lotto pubblico, al di fuori dei casi consentiti, si applica la sanzione amministrativa da euro a euro. La sanzione è ridotta alla metà nel caso in cui l'operazione sia circoscritta a poche persone ed il premio risulti di scarso valore. 15

TOMBOLE, LOTTERIE, PESCHE O BANCHI DI BENEFICENZA

TOMBOLE, LOTTERIE, PESCHE O BANCHI DI BENEFICENZA TOMBOLE, LOTTERIE, PESCHE O BANCHI DI BENEFICENZA La nuova normativa che regolamenta la gestione di tombole, lotterie e pesche di beneficenza è entrata in vigore a partire dal 12 aprile 2002 con l introduzione

Dettagli

COMUNICAZIONE RELATIVA ALLO SVOLGIMENTO DI UNA MANIFESTAZIONE DI SORTE LOCALE (Artt. 13 e 14 D.P.R. n. 430/01)

COMUNICAZIONE RELATIVA ALLO SVOLGIMENTO DI UNA MANIFESTAZIONE DI SORTE LOCALE (Artt. 13 e 14 D.P.R. n. 430/01) Modello PA 633 Versione 01/2005 Alla cortese attenzione Signor Sindaco del Comune di Alla cortese attenzione Signor Prefetto di COMUNICAZIONE RELATIVA ALLO SVOLGIMENTO DI UNA MANIFESTAZIONE DI SORTE LOCALE

Dettagli

COMUNE DI NOVATE MILANESE REGOLAMENTO COMUNALE PER LE MANIFESTAZIONI DI SORTE LOCALI

COMUNE DI NOVATE MILANESE REGOLAMENTO COMUNALE PER LE MANIFESTAZIONI DI SORTE LOCALI COMUNE DI NOVATE MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LE MANIFESTAZIONI DI SORTE LOCALI (D.P.R. 26.10.2001 n. 430) Adottato dal Consiglio Comunale in data 9 dicembre 2003 con deliberazione

Dettagli

COMUNICAZIONE AVVIO ATTIVITA DI LOTTERIA, TOMBOLA, PESCA DI BENEFICENZA EX DPR 430/2001

COMUNICAZIONE AVVIO ATTIVITA DI LOTTERIA, TOMBOLA, PESCA DI BENEFICENZA EX DPR 430/2001 Da presentarsi in duplice esemplare Comunicazione esente dall'imposta di bollo COMUNICAZIONE AVVIO ATTIVITA DI LOTTERIA, TOMBOLA, PESCA DI BENEFICENZA EX DPR 430/2001 Comunicazione da presentare al Prefetto

Dettagli

Per le prime, se riservate ai soci, non ci sono particolari adempimenti da compiere; per la seconde invece la normativa è più complessa.

Per le prime, se riservate ai soci, non ci sono particolari adempimenti da compiere; per la seconde invece la normativa è più complessa. TOMBOLE, LOTTERIE E PESCHE DI BENEFICENZA. I circoli e le associazioni sportive sono interessate alla normativa su tombole, lotterie e pesche di beneficenza in quanto attività abbastanza usuali, soprattutto

Dettagli

LOTTERIE TOMBOLE PESCHE MANIFESTAZIONI DI SORTE LOCALI

LOTTERIE TOMBOLE PESCHE MANIFESTAZIONI DI SORTE LOCALI Segreteria Nazionale Trainotti 1-37122 Verona www.noiassociazione.it LOTTERIE TOMBOLE PESCHE MANIFESTAZIONI DI SORTE LOCALI Dal 12 aprile 2002 è entrato in vigore il DPR 26 ottobre 2001, n. 430. Il provvedimento

Dettagli

Dal 31 marzo 2015 fattura elettronica anche verso gli enti pubblici territoriali

Dal 31 marzo 2015 fattura elettronica anche verso gli enti pubblici territoriali Newsletter realizzata nell ambito del Piano di interventi per l associazionismo della Città metropolitana di Bologna Maggio 2015 Dal 31 marzo 2015 fattura elettronica anche verso gli enti pubblici territoriali

Dettagli

www.volabo.it info@volabo.it Strumenti per il volontariato

www.volabo.it info@volabo.it Strumenti per il volontariato ORGANIZZARE MANIFESTAZIONI EVENTI FESTE VADEMECUM PER IL VOLONTARIATO www.volabo.it info@volabo.it Strumenti per il volontariato VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato rivolge gratuitamente i propri

Dettagli

- Al Prefetto di Verona Via S. Maria Antica 1 37121 VERONA

- Al Prefetto di Verona Via S. Maria Antica 1 37121 VERONA - Al Prefetto di Verona Via S. Maria Antica 1 37121 VERONA - All Ufficio Commercio del Comune di Grezzana 37023 GREZZANA OGGETTO: Comunicazione relativa a manifestazione di sorte locale di cui agli artt.

Dettagli

APPUNTI SULL OPERATIVITA FISCALE ED AMMINISTRATIVA DELLE ASSOCIAZIONI PRO LOCO

APPUNTI SULL OPERATIVITA FISCALE ED AMMINISTRATIVA DELLE ASSOCIAZIONI PRO LOCO APPUNTI SULL OPERATIVITA FISCALE ED AMMINISTRATIVA DELLE ASSOCIAZIONI PRO LOCO Innanzitutto le Pro Loco sono enti non commerciali in quanto la loro attività statutarie ed istituzionale non è a scopo di

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

ATTIVITA DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO SOGGETTE A S.C.I.A. SVOLTE IN UN PUBBLICO ESERCIZIO

ATTIVITA DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO SOGGETTE A S.C.I.A. SVOLTE IN UN PUBBLICO ESERCIZIO Al Comune di 46020 PEGOGNAGA (MN) ATTIVITA DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO SOGGETTE A S.C.I.A. SVOLTE IN UN PUBBLICO ESERCIZIO AVVERTENZA: la presente segnalazione certificata inizio attività (s.c.i.a) va

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI LUOGHI DI PUBBLICO SPETTACOLO.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI LUOGHI DI PUBBLICO SPETTACOLO. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI LUOGHI DI PUBBLICO SPETTACOLO. Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento, nell ambito dei principi di autonomia organizzativa, ha per oggetto la disciplina,

Dettagli

Organizzare feste, sagre e manifestazioni

Organizzare feste, sagre e manifestazioni Organizzare feste, sagre e manifestazioni Percorsi di informazione formazione SAPERE SAPER FARE SAPER ESSERE PROGETTO Nicola Spigariol Comune di Quarto d Altinod S.U.A.P. Commercio Promozione del Territorio

Dettagli

Comune di Legnaro REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LO SVOLGIMENTO DELLA SAGRA DI LEGNARO. Provincia di Padova. ==ooooo==-- --==ooooo=

Comune di Legnaro REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LO SVOLGIMENTO DELLA SAGRA DI LEGNARO. Provincia di Padova. ==ooooo==-- --==ooooo= Comune di Legnaro Provincia di Padova --==ooooo= ==ooooo==-- REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LO SVOLGIMENTO DELLA SAGRA DI LEGNARO Approvato con delibera di CC n. 10 del 27/04/2012 Art. 1 Oggetto 1. Il

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO ART. 1 - COMPITI 3 ART. 2 - COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

1) Quadro normativo. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

1) Quadro normativo. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 11 Aprile 2002 Circolare n. 76 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

LA SIAE E LE BANDE MUSICALI Relazione di Giorgio Zanolini 21/09/2008

LA SIAE E LE BANDE MUSICALI Relazione di Giorgio Zanolini 21/09/2008 LA SIAE E LE BANDE MUSICALI Relazione di Giorgio Zanolini 21/09/2008 INTRODUZIONE I rapporti esistenti tra la Società Italiana degli Autori ed Editori e le Bande Musicali sono regolati da un Accordo Ponte

Dettagli

G.U. 13 dicembre 2001, n. 289 V. 9/014 1

G.U. 13 dicembre 2001, n. 289 V. 9/014 1 Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica Divisione XIX - Manifestazioni a premio D.P.R. 26 ottobre 2001,

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

ACCORDO tra SOCIETA ITALIANA DEGLI AUTORI ED EDITORI (S.I.A.E.) e ASSOCIAZIONE ITALIANA IMPRENDITORI D'ALBERGO (ASSHOTEL) PREMESSO che ASSHOTEL è l

ACCORDO tra SOCIETA ITALIANA DEGLI AUTORI ED EDITORI (S.I.A.E.) e ASSOCIAZIONE ITALIANA IMPRENDITORI D'ALBERGO (ASSHOTEL) PREMESSO che ASSHOTEL è l ACCORDO tra SOCIETA ITALIANA DEGLI AUTORI ED EDITORI (S.I.A.E.) e ASSOCIAZIONE ITALIANA IMPRENDITORI D'ALBERGO (ASSHOTEL) PREMESSO che ASSHOTEL è l Associazione della CONFESERCENTI che rappresenta la categoria

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI CULTURALI E RICREATIVE VADEMECUM

LE ASSOCIAZIONI CULTURALI E RICREATIVE VADEMECUM LE ASSOCIAZIONI CULTURALI E RICREATIVE VADEMECUM Franca Della Pietra Dottore Commercialista Revisore Contabile Aprile 2013 Prima parte.pag. 3 Le Associazioni e gli aspetti civilistici - Le fasi di costituzione

Dettagli

VADEMECUM PER L ORGANIZZAZIONE DI EVENTI Indicazioni per la compilazione della modulistica unica per eventi da parte dell organizzatore

VADEMECUM PER L ORGANIZZAZIONE DI EVENTI Indicazioni per la compilazione della modulistica unica per eventi da parte dell organizzatore VADEMECUM PER L ORGANIZZAZIONE DI EVENTI Indicazioni per la compilazione della modulistica unica per eventi da parte dell organizzatore A CHI SI APPLICA E A CHI NON SI APPLICA LA PROCEDURA A chi si applica:

Dettagli

CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto

CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER I PUBBLICI SPETTACOLI E PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUGLI SPETTACOLI E I TRATTENIMENTI PUBBLICI ART. 1

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SOCI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SOCI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SOCI Quando si parla di somministrazione di alimenti e bevande all interno di circoli privati ci si riferisce alla possibilità di avere all interno della sede

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 12/E Roma, 09 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,

Dettagli

COMUNE DI OTRICOLI PROVINCIA DI TERNI

COMUNE DI OTRICOLI PROVINCIA DI TERNI COMUNE DI OTRICOLI PROVINCIA DI TERNI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, AUSILI FINANZIARI, IN RELAZIONE ALLE INIZIATIVE SPORTIVE, TURISTICHE, CULTURALI E RICREATIVE DI

Dettagli

La musica tra creatività, diritto e fisco

La musica tra creatività, diritto e fisco La musica tra creatività, diritto e fisco 15 ottobre 2013 Foyer del Conservatorio Il Musicista e gli aspetti previdenziali (INPS gestione ex ENPALS) Il decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito

Dettagli

G.U. 13 dicembre 2001, n. 289

G.U. 13 dicembre 2001, n. 289 D.P.R. 26 ottobre 2001, n. 430 Regolamento concernente la revisione organica della disciplina dei concorsi e delle operazioni a premio, nonché delle manifestazioni di sorte locali ai sensi dell' art. 19,

Dettagli

Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals**

Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals** Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals** SOMMARIO 1. Premessa 2. Concetto di retribuzione imponibile giornaliera 3. Lavoratori subordinati e autonomi nello spettacolo

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie A cura del Settore Affiliazioni della FCI Che cos è un Associazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO

COMUNE DI MONTEMILETTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI NONCHE DI BENI MOBILI ED IMMOBILI AD ASSOCIAZIONI, ENTI O ALTRI ORGANISMI PRIVATI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per le organizzazioni di volontariato

Le agevolazioni fiscali per le organizzazioni di volontariato Le agevolazioni fiscali per le organizzazioni di volontariato Esistono alcune agevolazioni per il volontariato, ma altre si potrebbero introdurre per quanto riguarda Iva, tassa automobilistica regionale

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO

IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO L art.18 della Costituzione riconosce ai cittadini il diritto di associarsi liberamente senza necessità d alcuna autorizzazione, per i fini che non siano vietati

Dettagli

l esclusione anche dal campo di applicazione dell'imposta sul valore aggiunto; l'esenzione da ogni altro tributo, sia erariale che locale.

l esclusione anche dal campo di applicazione dell'imposta sul valore aggiunto; l'esenzione da ogni altro tributo, sia erariale che locale. a cura di Flavio Chistè RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI E OBBLIGHI DI RENDICONTAZIONE La raccolta di fondi costituisce, da sempre, una delle principali fonti di finanziamento delle iniziative e dei progetti

Dettagli

SOGGETTI INTERESSATI

SOGGETTI INTERESSATI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. I REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) SOGGETTI INTERESSATI Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano.

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano. Cos è l Irap? E una sorta di tassa sul costo del lavoro. Se l associazione ha personale dipendente, un collaboratore a progetto o delle prestazioni di lavoro autonomo occasionale deve pagare l Irap su

Dettagli

MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO

MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO Lo svolgimento di pubblici spettacoli e manifestazioni a carattere temporaneo è soggetto ad autorizzazione del

Dettagli

Le guide operative di. Tombole Lotterie Pesche di beneficenza

Le guide operative di. Tombole Lotterie Pesche di beneficenza Le guide operative di Tombole Lotterie Pesche di beneficenza Supplemento a 1/2006 Fonti normative: articoli 13 e 14 del D.P.R. 26.10.2001, n. 430 articolo 39, c. 13-quinquies D.L. 30.9.2003, n. 269 (conv.

Dettagli

Requisiti e benefici fiscali degli enti associativi.

Requisiti e benefici fiscali degli enti associativi. Iniziativa realizzata nell ambito del progetto per il piano di intervento per l associazionismo 2009 Requisiti e benefici fiscali degli enti associativi. A cura della Dott.ssa Francesca Colecchia Arsea

Dettagli

D.P.R. 430/2001 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 ottobre 2001, n. 430 Regolamento concernente la revisione organica della disciplina dei concorsi e delle operazioni a premio, nonche' delle manifestazioni

Dettagli

Diocesi di Cremona. Le attività in oratorio: inquadramento fiscale e civile. Cremona 13 settembre 2012

Diocesi di Cremona. Le attività in oratorio: inquadramento fiscale e civile. Cremona 13 settembre 2012 Diocesi di Cremona Le attività in oratorio: inquadramento fiscale e civile Cremona 13 settembre 2012 Temi di riflessione La titolarità delle attività in oratorio Il bar dell oratorio Sport e associazioni

Dettagli

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare,

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, sostenere e qualificare le organizzazioni di volontariato

Dettagli

SEGNALAZIONE UNICA PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ NELL AMBITO DI SAGRE, FIERE, FESTE E ALTRE MANIFESTAZIONI A CARATTERE TEMPORANEO

SEGNALAZIONE UNICA PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ NELL AMBITO DI SAGRE, FIERE, FESTE E ALTRE MANIFESTAZIONI A CARATTERE TEMPORANEO SEGNALAZIONE UNICA PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ NELL AMBITO DI SAGRE, FIERE, FESTE E ALTRE MANIFESTAZIONI A CARATTERE TEMPORANEO Il sottoscritto Cognome Nome Nato a il Residente a via n. CAP Tel. C.

Dettagli

1.IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO 2. ALTRE DISPOSIZIONI AMMINISTRATIVE 3. ALTRE ATTIVIT 4. ENPALS E AGIBILITA

1.IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO 2. ALTRE DISPOSIZIONI AMMINISTRATIVE 3. ALTRE ATTIVIT 4. ENPALS E AGIBILITA Guida Associativa la Disciplina Amministrativa SOMMARIO 1.IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO 2. ALTRE DISPOSIZIONI AMMINISTRATIVE 3. ALTRE ATTIVIT 4. ENPALS E AGIBILITA (Vedi anche l indice analitico

Dettagli

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013 Circolare n. 6/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 21 marzo 2013 OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2013 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI PER GLI ENTI DEL VOLONTARIATO

Dettagli

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI ASSOCIAZIONE L associazione è un raggruppamento di almeno tre persone che si propongono di perseguire uno scopo comune. Caratteristiche delle associazioni sono: 1. lo scopo

Dettagli

INTRATTENIMENTI. e SPETTACOLI normativa e adempimenti

INTRATTENIMENTI. e SPETTACOLI normativa e adempimenti INTRATTENIMENTI e SPETTACOLI normativa e adempimenti INTRATTENIMENTI E SPETTACOLI: NORMATIVA E ADEMPIMENTI INTRODUZIONE I cittadini hanno diritto a riunirsi pacificamente e senz armi. Per le riunioni,

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (II PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

The International Association of Lions Clubs DISTRETTO 108 TA 3 (ITALY.) GOVERNATORE ROBERTO ADAMI Anno Sociale 2006 2007 GUIDA AMMINISTRATIVA DEL

The International Association of Lions Clubs DISTRETTO 108 TA 3 (ITALY.) GOVERNATORE ROBERTO ADAMI Anno Sociale 2006 2007 GUIDA AMMINISTRATIVA DEL The International Association of Lions Clubs DISTRETTO 108 TA 3 (ITALY.) GOVERNATORE ROBERTO ADAMI Anno Sociale 2006 2007 GUIDA ALLA GESTIONE FISCALE ED AMMINISTRATIVA DEL LIONS CLUB Guida alla gestione

Dettagli

COMUNE DI POTENZA CAPITOLATO SPECIALE PER LA ORGANIZZAZIONE DELLA STAGIONE TEATRALE ANNO 2012-2013

COMUNE DI POTENZA CAPITOLATO SPECIALE PER LA ORGANIZZAZIONE DELLA STAGIONE TEATRALE ANNO 2012-2013 COMUNE DI POTENZA CAPITOLATO SPECIALE PER LA ORGANIZZAZIONE DELLA STAGIONE TEATRALE ANNO 2012-2013 Art. 1. Oggetto dell appalto 1. Il presente Capitolato disciplina l affidamento in concessione dei servizi

Dettagli

TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 MODELLO EAS

TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 MODELLO EAS TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 Funzionari relatori: DE LUCA VALERIA ORLANDO STEFANO MODELLO EAS 1 LA TRACCIABILITA DEI PAGAMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO E SPETTACOLO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO E SPETTACOLO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO E SPETTACOLO Approvato con: deliberazione consiliare n. 28 del 23 dicembre 2002 deliberazione consiliare n. 15 del 26 marzo

Dettagli

Dott.ssa Laura Costanzo Commercialista in Roma Revisore Legale lauracostanzo@alice.it Tel: 06 54 09 887

Dott.ssa Laura Costanzo Commercialista in Roma Revisore Legale lauracostanzo@alice.it Tel: 06 54 09 887 Commercialista in Roma Revisore Legale lauracostanzo@alice.it Tel: 06 54 09 887 1 Atto costitutivo e statuto Atto pubblico Scrittura privata autenticata Scrittura privata registrata Agenzia delle Entrate

Dettagli

Consiglio regionale della Campania DIREZIONE GENERALE Presidenza, Studi legislativi e Legale

Consiglio regionale della Campania DIREZIONE GENERALE Presidenza, Studi legislativi e Legale DETERMINA n. 11 del 23 febbraio 2015 Oggetto: avviso pubblico: patrocini, partecipazioni a comitati d onore, concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di

Dettagli

Lavoro Rapporti di lavoro: cosa prevede la legge? Si possono stipulare rapporti di lavoro all'interno di una odv?

Lavoro Rapporti di lavoro: cosa prevede la legge? Si possono stipulare rapporti di lavoro all'interno di una odv? Rapporti di lavoro: cosa prevede la legge? La legge 266/1991, art. 2 secondo comma, precisa che "L'attività del volontario non può essere retribuita in alcun modo nemmeno dal beneficiario. Al volontario

Dettagli

Presentare domanda di prima assunzione dei lavoratori stranieri: la procedura presso lo Sportello unico e i moduli

Presentare domanda di prima assunzione dei lavoratori stranieri: la procedura presso lo Sportello unico e i moduli Presentare domanda di prima assunzione dei lavoratori stranieri: la procedura presso lo Sportello unico e i moduli Per assumere lavoratori non comunitari residenti all estero si deve presentare domanda

Dettagli

Commercio e artigianato

Commercio e artigianato Commercio e artigianato L ufficio: riceve le segnalazioni di inizio attività, variazione e trasformazione, cessazione di attività commerciali tratta il commercio su area privata, in particolare: - le comunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

PIAZZA LIBER PARADISUS N.10- CAP 40129 TORRE A 5 PIANO

PIAZZA LIBER PARADISUS N.10- CAP 40129 TORRE A 5 PIANO Domanda a 60gg Titolazione 10.01.05 Tipo doc. 94 Proc. 1853 COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI PIAZZA LIBER PARADISUS N.10- CAP 40129 TORRE A 5 PIANO Tel. 051-2194082 - 2194013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE E DEGLI SPAZI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE E DEGLI SPAZI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE E DEGLI SPAZI COMUNALI Approvato dalla Commissione Consiliare IV nella se duta del 01.02.2010-05-07 Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

VADEMECUM PER L'ORGANIZZAZIONE DI MANIFESTAZIONI ED EVENTI TEMPORANEI

VADEMECUM PER L'ORGANIZZAZIONE DI MANIFESTAZIONI ED EVENTI TEMPORANEI VADEMECUM PER L'ORGANIZZAZIONE DI MANIFESTAZIONI ED EVENTI TEMPORANEI DEFINIZIONI La manifestazione temporanea è uno spettacolo o intrattenimento pubblico con durata limitata nel tempo, che può essere

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (Art. 86 R.D. 773/1931 e s.m.i.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (Art. 86 R.D. 773/1931 e s.m.i.) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI

Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI Comune di Palù Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura I profili fiscali dell ente parrocchia - Introduzione I profili fiscali delle attività di oratorio 2 incontro 8 novembre 2013

Dettagli

Associazione Culturale, "Settecamini. Quartiere di Roma" STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE E SCOPI

Associazione Culturale, Settecamini. Quartiere di Roma STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE E SCOPI Associazione Culturale, "Settecamini. Quartiere di Roma" STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE E SCOPI ART. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. É costituita con sede in Roma, Via Carlo Cassola 23, l Associazione culturale

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente a in via in qualità di Legale Rappresentante pro-tempore dell Associazione/Istituzione/Ente

Il sottoscritto nato a il residente a in via in qualità di Legale Rappresentante pro-tempore dell Associazione/Istituzione/Ente AL COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO via Roma 18 SAN GIOVANNI LUPATOTO ALL'ASSESSORE Richiesta di contributo per singole iniziative. (SCRIVERE IN STAMPATELLO E COMPILARE TUTTI I CAMPI) Il sottoscritto nato

Dettagli

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative APPROVATO DAL CDA NELLA SEDUTA DEL 31/05/2013 2 I N D I C E Premessa...5 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI COMUNE DI PONTE LAMBRO Via Roma n. 23 22037 Ponte Lambro (Co) C.F. / P.I. 00601450133 tel. 031 / 623240 fax 031 / 622491 www.comune.pontelambro.co.it UFFICIO COMMERCIO Posta elettronica: protocollo@comune.pontelambro.co.it

Dettagli

Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO

Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO Approvato con delibera C.C. n. 23 del 16 ottobre 2013 1 Art. 1 Oggetto 1. Il cinema

Dettagli

Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori

Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori Oggetto: Trattamento fiscale delle spese di trasferta, vitto e alloggio per dipendenti e collaboratori Definizioni Per rimborso spese si intende la corresponsione di una somma in denaro da parte del datore

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI Ufficio Attività Produttive

AREA AFFARI GENERALI Ufficio Attività Produttive ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 28/11/2012 I N D I C

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI ART. 1 1. Con il presente Regolamento il Comune di Peio nell esercizio dei suoi poteri

Dettagli

Scadenziario Febbraio 2015

Scadenziario Febbraio 2015 Studio Creanza & Partners Creanza rag. Flavio D Onofrio rag. Loredana Stramazzo dott.ssa Caterina Scadenziario Febbraio 2015 1 Domenica Soggetti con partita Termine iniziale per la presentazione telematica

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto

COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI RICORRENTI Il presente Regolamento ha lo scopo di definire gli ambiti autorizzatori e gli aspetti connotativi

Dettagli

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE 1 CONVENZIONE PER IL DISIMPEGNO DEL SERVIZIO DI CASSA A) Servizio di cassa per il triennio 2011, 2012, 2013. ART. 1 L A.M.T. affida il proprio servizio di cassa, all istituto di credito....operante su

Dettagli

Domande. più frequenti PIÙ FREQUENTI DOMANDE

Domande. più frequenti PIÙ FREQUENTI DOMANDE Domande più frequenti 57 DOMANDE PIÙ FREQUENTI Domande più frequenti Domande più frequenti L obiettivo di questa sezione è tentare di dare delle risposte, in modo semplice e discorsivo, alle domande che

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI LENDINARESI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI LENDINARESI DI PROPRIETA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI LENDINARESI DI PROPRIETA COMUNALE Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 28 GIUGNO 2010 Esecutivo il 16.07.2010 REGOLAMENTO PER L USO DEGLI

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Torre Pellice Ufficio Polizia Amministrativa

Al Sindaco del Comune di Torre Pellice Ufficio Polizia Amministrativa OGGETTO: spettacoli trattenimenti temporanei all aperto. Al Sindaco del Comune di Torre Pellice Ufficio Polizia Amministrativa Il sottoscritto consapevole delle sanzioni penali previste, nel caso di dichiarazioni

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi

Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi Approvato dal Consiglio Comunale di Lecco con deliberazione del 14.03.2011, n. 33- Articolo 1 - Principi generali 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione di contributi per le attività studentesche per l'anno 2015

Bando di concorso per l assegnazione di contributi per le attività studentesche per l'anno 2015 Bando di concorso per l assegnazione di contributi per le attività studentesche per l'anno 2015 Articolo 1 Attività finanziabili Sono ammesse a contributo le seguenti attività rientranti in sette tipologie:

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive Le possibili modalità di svolgimento dell attività sportiva L attività sportiva dilettantistica può essere svolta mediante le associazioni sportive dilettantistiche - riconosciute - non riconosciute modalità

Dettagli

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese Incarichi professionali, collaborazioni, subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi Tipologia del Lavoro autonomo abituale Esercizio di arti e professioni 1 (art. 5, DPR 633/72) Reddito

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, SPORTIVA DILETTANTISTICA E RICREATIVA DANZI-AMO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, SPORTIVA DILETTANTISTICA E RICREATIVA DANZI-AMO Art.1 Costituzione e sede STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, SPORTIVA DILETTANTISTICA E RICREATIVA DANZI-AMO E costituita l associazione culturale, sportiva dilettantistica e ricreativa denominata: DANZI-AMO.

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO

PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO - artt. 5, 5 bis, 6 D.lvo 286/98 - art. 8 bis, 13, 14, 35, 36, 30 bis, 36 bis D.p.r. 394/99 Le norme del TU e del Reg. sopra indicate prevedono che entro

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 119 DEL 18.10.1991) I N D I C

Dettagli

Regolamento recante la disciplina dei servizi di vigilanza antincendio svolti dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco

Regolamento recante la disciplina dei servizi di vigilanza antincendio svolti dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco Regolamento recante la disciplina dei servizi di vigilanza antincendio svolti dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco Il Ministro dell'interno VISTO il decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, recante

Dettagli

Il sottoscritto... in qualità di... (indicare la carica ricoperta, es. Presidente)

Il sottoscritto... in qualità di... (indicare la carica ricoperta, es. Presidente) AL SIG. SINDACO del Comune di CAMPO SAN MARTINO Oggetto: RICHIESTA CONTRIBUTO DA PARTE DI ASSOCIAZIONI, GRUPPI, COMITATI PER L ATTIVITÀ COMPLESSIVA SVOLTA NEL CORSO DELL ANNO Il sottoscritto... in qualità

Dettagli

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA I lavoratori che, recandosi fuori sede per ragioni di servizio, sostengono spese connesse con l esecuzione del loro lavoro hanno diritto di ricevere dall impresa

Dettagli

COMUNE DI SAUZE D OULX

COMUNE DI SAUZE D OULX COMUNITÀ MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE D OULX PROVINCIA DI TORINO TEL 0122/850380 858908 858029 FAX 0122/858920 REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 37 DD. 26.09.2013. Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4.

MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 37 DD. 26.09.2013. Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI, AI SENSI DELL ART. 7 DELLA L. R. 31. 07. 1993. N. 13. MODIFICATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI

SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI Allegato A COMUNE DI FAENZA Assessorato alla Cultura SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI DISCIPLINARE D USO SERVIZIO CULTURA ART. 1 DESTINAZIONE D'USO 1. La Sala Conferenze, ubicata all

Dettagli