BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014"

Transcript

1 SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI DI TRIESTE BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014 Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste

2

3 INDICE 1.RELAZIONE INTRODUTTIVA DEL DIRETTORE E DEL SEGRETARIO GENERALE 2 2. BILANCIO UNICO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO BUDGET ECONOMICO DI PREVISIONE BUDGET DI PREVISIONE DEGLI INVESTIMENTI PREVISIONE DEI FLUSSI DI CASSA NOTA INTEGRATIVA BILANCIO UNICO DI PREVISIONE TRIENNALE BUDGET ECONOMICO DI PREVISIONE TRIENNALE BUDGET DI PREVISIONE DEGLI INVESTIMENTI TRIENNALE BILANCIO PREVENTIVO UNICO NON AUTORIZZATORIO IN CONTABILITA FINANZIARIA ALLEGATI PROSPETTO CLASSIFICAZIONE SPESA PER MISSIONI E PROGRAMMI I TRANCHE BUDGET ASSEGNATO ALLE AREE SCIENTIFICHE, LABORATORIO INTERDISCIPLINARE, ITCS E BIBLIOTECA PROSPETTO VERSAMENTI ALLO STATO PER LIMITI PREVISTI DA NORMATIVA 38 BILANCIO UNICO DI PREVISIONE

4 1. RELAZIONE INTRODUTTIVA DEL DIRETTORE E DEL SEGRETARIO GENERALE Premessa L attuale quadro normativo ed economico di riferimento è caratterizzato da una costante riduzione delle risorse destinate dallo Stato al finanziamento del sistema universitario (sia in termini di fondo di funzionamento ordinario che di risorse destinate ai progetti di ricerca PRIN e FIR) e da una contestuale riduzione dei finanziamenti derivanti dal sistema degli enti pubblici territoriali (regione, provincia, comune). Tuttavia, anche in presenza di una sensibile riduzione delle entrate da parte del ministero e degli enti pubblici territoriali, le risorse stanziate nel bilancio di previsione annuale 2014 e nel suo sviluppo triennale , consentono di destinare adeguate risorse al raggiungimento degli obiettivi che la Scuola si è prefissata per lo stesso periodo. In questo contesto dunque il bilancio di previsione è uno strumento fondamentale per l attuazione delle linee strategiche definite dalla Scuola. In particolare, il budget: 1) destina le risorse necessarie a sostenere le assunzioni di personale, sia ricercatore che tecnico amministrativo, previste dal piano del personale , garantendo le chiamate dirette anche a prescindere dal cofinanziamento ministeriale; 2) garantisce un numero di borse di dottorato pari ai posti previsti, le maggiorazioni previste per il soggiorno all estero e quelle previste come supporto alla ricerca a partire dal secondo anno; 3) garantisce il mantenimento del budget destinato negli anni passati ai benefit per gli allievi (contributo alloggio, assicurazione sanitaria e contributo rientro in patria per gli extracomunitari, contributo laptop); 4) garantisce le risorse finalizzate all internazionalizzazione della didattica della Scuola, attraverso il mantenimento del budget per le borse post laurea; 5) prevede risorse in linea con il bilancio di previsione 2013 per quanto riguarda il sostegno alla ricerca e allo sviluppo di relazioni internazionali; 2 BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014

5 6) garantisce i contributi per lo sviluppo e la manutenzione delle infrastrutture, in coerenza con il piano triennale delle opere, e delle dotazioni hardware e software, nonostante l aumento dei costi di avvio e gestione del nuovo insediamento di via Bonomea; 7) prevede le risorse per il mantenimento, nonostante l aumento dei costi, dell accesso alle riviste scientifiche, sia cartacee che on line, e per lo sviluppo del patrimonio librario. Il bilancio inoltre, predisposto secondo il principio di prudenza, è proiettato anche a creare le condizioni, a normativa vigente, per sostenere ulteriormente, al pari di quanto fatto a consuntivo negli altri anni, il supporto alla ricerca e per il mantenimento di un equilibrio economico finanziario anche nel medio periodo (a partire dal 2016). La Contabilità Economico-Patrimoniale L esercizio 2014 rappresenta un punto di svolta per l attività gestionale della Scuola ed in particolar modo per la sua modalità di rappresentazione contabile. Dal 1/1/2014, in attuazione di quanto previsto dalla Legge 240/10, le istituzioni che fanno parte del sistema universitario, tra cui la SISSA, sono tenute all adozione della contabilità economico patrimoniale, in luogo di quella finanziaria, tradizionale strumento di governo della gestione delle amministrazioni pubbliche. L adozione della contabilità economico patrimoniale, oltre alla complessa attività progettuale connessa al suo avvio, avrà importanti ripercussioni sui processi gestionali della Scuola, e, in particolar modo, per quelli che attengono all assunzione di decisioni allocative (tipicamente di competenza degli organi di governo) e per quelli che riguardano il controllo di gestione (condivisi tra gli organi di governo e il Segretario Generale). La contabilità economico patrimoniale arricchirà molto il set di dati ed informazioni a disposizione degli organi di governo (e ovviamente anche degli organi di controllo e degli altri stakeholder della Scuola), ma allo stesso tempo, in sede di prima applicazione, rischia di far venire meno, a causa del totale cambiamento di logica di rappresentazione dei dati economici e finanziari, un importante elemento di valutazione del contenuto della documentazione, ossia il confronto con i bilanci degli anni precedenti, di cui erano peraltro note le logiche di correlazione tra poste di bilancio e ricadute gestionali. L adozione del bilancio annuale di previsione 2014 e del bilancio di previsione triennale segna quindi un importate momento di discontinuità rispetto alle passate assunzioni in materia di bilancio effettuate dagli organi di governo; la relazione si propone quindi, oltre che di fornire una rappresentazione dello stato economico e finanziario della Scuola negli anni 2014, 15 e 16, anche di riconciliare, per quanto possibile, i dati dei passati bilanci con quello attuale, stante la necessità, da parte degli organi, di avere un ancoraggio con il passato, ai fini di poter analizzare la proposta di bilancio e valutare gli effetti, in termini gestionali, delle scelte allocative in esso contenute. Il Bilancio annuale e triennale Il budget economico espone costi totali per euro ,00, di cui euro ,00 relativi a costi correnti per progetti e quindi interamente coperti dai correlati proventi finalizzati. I costi a carico del budget della Scuola (totale budget economico al netto del budget dei progetti) sono pari a euro ,00, di cui ,00 riferibili ad ammortamenti. La maggior parte dei costi è attribuibile a personale (professori, ricercatori, personale tecnico e amministrativo, assegnisti, collaboratori) 47%, borse di dottorato e interventi a favore degli studenti (24%), acquisto di beni e servizi (18%), a interessi su mutui (4,8%). Questa composizione dimostra una certa flessibilità potenziale della struttura di costi, in quanto la maggior parte di essi, ancorché necessaria al normale funzionamento della Scuola, è collegata ad impegni giuridici di breve periodo. BILANCIO UNICO DI PREVISIONE

6 Il budget economico per l anno 2014 espone ricavi totali, per euro ,00, di cui euro ,00 relativi a proventi per progetti e quindi interamente finalizzati alla copertura dei correlati costi. Al netto dei ricavi da progetti (pari al 21% circa sul totale), la struttura dei ricavi è quasi del tutto composta da proventi MIUR (91%), da proventi finanziari e contributi in conto interesse (4%), proventi da enti territoriali (2%) e da UE e altri organismi internazionali (2%). Il bilancio, per i motivi che saranno subito evidenziati, espone maggiori costi rispetto ai ricavi per euro ,00 nel 2014 e per euro ,00 complessivi nel triennio Al fine di garantire il pareggio di bilancio a livello triennale già in sede di approvazione, tale differenza è coperta, in via prudenziale, da utilizzo utili di esercizi precedenti (stimati già ora prudenzialmente pari a euro ,00), similmente a quello che avviene in contabilità finanziaria con l utilizzo del cosiddetto avanzo libero (nonostante l analogia non sia del tutto corretta sul piano dottrinale, l effetto economico finanziario, a livello pratico, è assimilabile). Al fine di dimostrare però una sostenibilità di più lungo periodo e non sorretta esclusivamente da riserve accumulate negli anni precedenti, va evidenziato come lo sbilancio sconta anche delle motivazioni tecniche e legate all applicazione rigorosa dei principi contabili previsti dalla normativa vigente. Tale sbilancio trova infatti sostanziale spiegazione nei seguenti fattori: l iscrizione, in base al criterio di prudenza, di entrate MIUR per Fondo di Funzionamento Ordinario pari a circa euro ,00 in meno, su base annuale, a quanto ottenuto nel 2012, e pari alla quota base assegnata nel Si segnala che il sistema universitario è ancora in attesa di conoscere l entità della quota premiale 2013 del FFO, cui per la prima volta accederanno anche gli istituti ad ordinamento speciale (e quindi la Scuola), e che sarà distribuita sulla base dei risultati della VQR, in cui la Scuola ha avuto risultati eccellenti; la mancata iscrizione, sempre in base al criterio di prudenza, di contributi FSE, stimabili in circa euro all anno, che andranno a copertura di costi già previsti a bilancio; l esposizione di costi per acquisizione di beni e servizi per gli appalti che verranno affidati nel corso del 2014 pari alla base d asta, che portano quindi ad una probabile sovrastima del costo del 10% (con impatti ripetuti quindi sul triennio). Si evidenzia invece che è stata posta estrema cura nella quantificazione dei costi, anche a valere sugli anni successivi, ed in particolare: la previsione del costo connesso agli aumenti del costo del personale connesso alla ripresa della dinamica retributiva a partire dal 2015, senza contestuale previsione di maggiori assegnazione nel fondo di funzionamento ordinario; la previsione dell aumento dei costi dei servizi legati alla dinamica dei prezzi (adeguamento ISTAT); l accantonamento di risorse legate al piano straordinario di assunzione degli associati, già assegnate a partire dal 2011 ma non ancora trasformatisi in retribuzione (e che la maggior parte delle università assimilano a contributi non finalizzati, e che quindi migliorano il saldo del budget). Si evidenzia in ogni caso come, nonostante la Scuola sia in grado di garantire la sostenibilità a politiche costanti nel triennio 14-16, sia opportuno, già nel corso dell esercizio 2014 e una volta avuta certezza dei ricavi da FFO, analizzare approfonditamente l equilibrio strutturale tra costi e ricavi, al fine di avviare, se necessario, le opportune politiche di riduzione dei costi correnti, risultando scarsamente agibile la quota parte dei ricavi non finalizzata per progetti, in quanto dipendente da finanziatori pubblici (MIUR in primis) e attualmente prevista costante nel corso del periodo di riferimento. 4 BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014

7 In coerenza con quanto detto in precedenza, e ai fini di offrire agli organi di governo un supporto informativo arricchito dalla possibilità di confronti con il passato (ancorché, si precisa, la logica di rappresentazione dei fatti gestionali della contabilità economico patrimoniale e finanziaria siano sorrette da logiche e principi completamente diversi) di seguito verranno presentati i confronti tra i principali aggregati di spesa previsti in sede di bilancio di previsione 2013 e i costi esposti in sede di budget economico di previsione 2014 sui fondi propri della Scuola, riclassificati in logica di contabilità finanziaria così come definiti nel bilancio di previsione finanziario non autorizzatorio. Descrizione Oneri per il personale , ,00 Interventi a favore degli studenti , ,00 Beni di consumo e servizi , , , ,00 Come si evince, le voci di costo che determinano il 90% del budget, confrontate secondo logiche omogenee con i dati del 2013, dimostrano una sostanziale costanza di valori (se non addirittura una leggera flessione). A completezza del dato si evidenzia che l avanzo di amministrazione presunto evidenziato in sede di bilancio di previsione 2013, posta che ha garantito correttamente il pareggio di bilancio, era pari a ,00 di cui ,00 quale avanzo presunto a destinazione vincolata ed quale avanzo presunto disponibile. Va infine evidenziato come la destinazione delle risorse, anche analizzata nel suo sviluppo triennale, è pienamente coerente con il piano strategico e di sviluppo di SISSA, con la programmazione del personale e con il piano triennale delle opere edilizie. BILANCIO UNICO DI PREVISIONE

8 6 BILANCIO UNICO DI PREVISIONE BILANCIO UNICO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO

9 2.1 BUDGET ECONOMICO DI PREVISIONE PROVENTI CA Proventi da attività istituzionale CA Proventi da entrate contributive CA Proventi da parte del MIUR CA Proventi da altri ministeri CA Proventi da Enti territoriali CA Proventi altri Enti Pubblici e Privati CA Proventi U.E. e altri organismi internazionali CA Proventi diversi (pubblici / privati) CA Proventi da recuperi CA Proventi immobiliari CA Utilizzo fondi rischi ed oneri CA Utilizzo fondi vincolati CA Contributi in conto capitale CA Proventi da attività commerciale CA Proventi contratti di ricerca, consulenza, cessione risultati di ric. e didattica CA Proventi prestazioni a pagamento per conto terzi CA Altri proventi attività commerciale CA Rimanenze finali CA Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni CA Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni CA Proventi interni CA Proventi interni su ricerche per servizi amministrativi CA Proventi interni per recuperi TOTALE DEI PROVENTI COSTI CA Oneri per materiali di consumo, libri, riviste e giornali CA Acquisto materiali di consumo CA Acquisto libri, riviste e giornali CA Rettifiche oneri acquisto merci CA Oneri per acquisto servizi CA Oneri servizi manutenzioni e riparazioni CA Oneri pubblicità, rappresentanza, divulgazione e pubblicazioni CA Organizzazione di manifestazioni e convegni CA Oneri servizi gestione edificio CA Energia elettrica, consumo acqua e combustibili CA Oneri servizi generali CA Consulenze legali tecniche amministrative CA Oneri servizi tecnico/amministrativi da terzi e correnti per brevetti CA Oneri per prestazioni da personale esterno CA Oneri per godimento beni di terzi CA Oneri per locazioni e licenze software CA Oneri per canoni leasing CA Oneri per il personale CA Oneri per assegni fissi pers.le docente tempo indeterminato CA Oneri per competenze accessorie pers.le docente tempo indeterminato CA Oneri per assegni fissi pers.le tecnico amministrativo tempo indeterminato CA Oneri per competenze accessorie pers.le tecnico amm.vo tempo indet CA Oneri per arretrati pers.le docente tempo indeterminato CA Oneri per arretrati pers.le tecnico amministrativo tempo indeterminato CA Oneri per personale docente e ricercatore a tempo determinato CA Oneri per Segretario Generale, dirigenti e personale t.amm.vo a tempo det CA Oneri per arretrati pers.le ricercatore tempo determinato CA Oneri per arretrati pers.le tecnico amministrativo tempo determinato CA Oneri per competenze accessorie pers.le ricercatore tempo determinato CA Oneri per competenze accessorie dirigenti e pers.le t. amm.vo tempo det CA Indennità di carica CA Fondi trattamento accessorio CCNL / CCI CA Equo indennizzo CA Altri oneri per il personale CA Oneri personale comandato CA Ammortamenti e svalutazioni CA Ammortamento costi di impianto e ampliamento CA Ammortamento costi di sviluppo BILANCIO UNICO DI PREVISIONE

10 COSTI CA Ammortamento diritti di brevetto industr. e diritti utiliz. opere dell'ingegno CA Ammortamento concessioni licenze marchi e diritti CA Ammortamento altre immobilizzazioni immateriali CA Ammortamento manutenzioni su beni di terzi CA Ammortamento opere su beni di terzi CA Ammortamento fabbricati CA Ammortamento macchinari, attrezzature e impianti CA Ammortamento mobili, arredi e macchine d'ufficio CA Ammortamento automezzi ed altri mezzi di trasporto CA Ammortamento patrimonio librario di pregio CA Ammortamento altri beni mobili CA Svalutazioni attivo circolante CA Rimanenze iniziali CA Oneri e accantonamenti diversi CA Accantonamento per rischi ed oneri CA Accantonamento a fondi vincolati CA Oneri diversi di gestione CA Oneri per il funzionamento degli organi istituzionali CA Oneri per borse di studio post laurea CA Oneri per missioni e quote iscrizione dottorandi e altri borsisti/studenti CA Oneri per altri interventi a favore di borsisti/studenti CA Imposte e tasse (non su reddito) CA Costi/investimenti per progetti CA Costi correnti per progetti CA Oneri interni - - CA Oneri interni su ricerche per servizi amministrativi - - CA Oneri interni per recuperi - - TOTALE COSTI RISULTATO OPERATIVO (DIFFERENZA TRA PROVENTI E COSTI) PROVENTI E ONERI FINANZIARI CA Proventi finanziari e contributi in conto interessi CA Proventi da partecipazioni CA Altri proventi finanziari e contributi in conto interessi CA Rivalutazioni CA Rivalutazioni di attività finanziarie CA Oneri finanziari svalutazioni di attività finanziarie CA Interessi passivi e oneri finanziari CA Altri oneri finanziari CA Svalutazioni di attività finanziarie PROVENTI E ONERI STRAORDINARI CA Proventi straordinari - - CA Plusvalenze patrimoniali - - CA Sopravvenienze attive - - CA Altri proventi straordinari - - CA Oneri straordinari CA Minusvalenze da alienazioni patrimoniali CA Sopravvenienze passive CA Altri oneri straordinari CA Rettifiche di valore per norme tributarie CA Oneri per restituzioni e recuperi CA Imposte relative a esercizi precedenti IMPOSTE SUL REDDITO D'ESERCIZIO CA Imposte sul reddito d'esercizio CA Imposte sul reddito d'esercizio RISULTATO DI ESERCIZIO MODALITA COPERTURA RISULTATO DI ESERCIZIO UTILIZZO UTILI ESERCIZI PRECEDENTI NON VINCOLATI BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014

11 2.2 BUDGET DI PREVISIONE DEGLI INVESTIMENTI INVESTIMENTI CA Immobilizzazioni immateriali CA Costi di impianto e ampliamento CA Costi di sviluppo CA Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno CA Concessioni licenze marchi e diritti CA Avviamento CA Immobil. immateriali in corso e acconti CA Altre immobilizzazioni immateriali CA Manutenzioni su beni di terzi CA Opere su beni di terzi CA Immobilizzazioni materiali CA Terreni e fabbricati CA Macchinari, attrezzature e impianti CA Mobili e arredi CA Automezzi ed altri mezzi di trasporto CA Patrimonio librario di pregio CA Altri beni mobili CA Immobilizzazioni materiali in corso ed acconti CA Opere d'antiquariato e opere d'arte CA Immobilizzazioni finanziarie CA Partecipazioni CG Altri titoli CA Costi/investimenti per progetti CA Investimenti per progetti TOTALE INVESTIMENTI COPERTURA FINANZIARIA INVESTIMENTI PREVISTA NEL PROSPETTO FLUSSI DI CASSA (Pagamenti 2014 c/capitale) BILANCIO UNICO DI PREVISIONE

12 2.3 PREVISIONE DEI FLUSSI DI CASSA Conto fonti e impieghi di cassa previsione 2014 ( ) SALDO CASSA INIZIALE (STIMATO 1 gennaio 2014) Incassi 2014 correnti Pagamenti 2014 correnti Utilizzo cassa gestione corrente Incassi 2014 c/capitale Pagamenti 2014 c/capitale Surplus gestione c/capitale Incassi 2014 contributi in c/capitale per mutui Pagamento quota capitale mutuo SALDO CASSA FINALE (STIMATO 31 dicembre 2014) BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014

13 3. NOTA INTEGRATIVA BILANCIO UNICO DI PREVISIONE

14 Il Decreto Legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 in applicazione dell'articolo 5, comma 1, lettera b), e 4, lettera a), della Legge 30 dicembre 2010, n (cd. Legge Gelmini) prevede che le università adottino un sistema di contabilità economico-patrimoniale ed analitica entro il 1 gennaio 2014 al fine di garantire trasparenza e omogeneità dei sistemi e delle procedure contabili e di consentire l'individuazione della situazione patrimoniale e la valutazione dell'andamento complessivo della gestione. Il bilancio di previsione della Scuola è stato quindi redatto in ottemperanza a quanto previsto dal Decreto Legislativo sopra richiamato, e, come previsto agli artt. 1 e 5, il relativo quadro informativo si compone dei seguenti documenti: Bilancio unico d ateneo di previsione annuale autorizzatorio, che si articola ulteriormente nei seguenti prospetti: o Budget economico di previsione, che evidenzia costi e proventi di competenza; o Budget di previsione degli investimenti, che evidenzia gli investimenti previsti nel periodo di competenza; Bilancio unico d ateneo di previsione triennale, articolato anch esso nel budget economico e budget degli investimenti; Bilancio preventivo unico d ateneo non autorizzatorio in contabilità finanziaria, al fine di consentire il consolidamento e il monitoraggio dei conti delle amministrazioni pubbliche ai sensi dell'art. 1, comma 2, della Legge 31 dicembre 2009, n. 196; Prospetto contenente la classificazione della spesa complessiva per missioni e programmi come previsto dall art. 4 del Decreto Legislativo 18/2012. Le missioni rappresentano le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti dalle amministrazioni, utilizzando risorse finanziarie, umane e strumentali ad esse destinate. I programmi rappresentano gli aggregati omogenei di attività volte a perseguire le finalità individuate nell ambito delle missioni. Nel bilancio unico annuale, sia il budget economico che quello degli investimenti evidenziano inoltre i costi ed i proventi di competenza e gli investimenti relativi ad attività progettuali distinguendoli da quelli di carattere generale della Scuola. Il bilancio unico annuale è inoltre corredato da un conto di previsione dei flussi di cassa ad evidenza delle fonti e degli impieghi di cassa previsti per il periodo considerato e volto a garantire la necessaria copertura finanziaria delle operazioni di investimento previste nel budget di previsione degli investimenti. Nella stesura di tali documenti, si è tenuto conto dei principi contabili (in primis quello di competenza economica e quello della prudenza) e degli schemi di bilancio in contabilità economico-patrimoniale, nonché delle modalità di classificazione delle spese per missioni e programmi contenuti nelle bozze dei due emanandi decreti MIUR concertati con il MEF. A supporto dell adozione dei nuovi sistemi contabili (economico-patrimoniale e analitico, affiancati da quello finanziaria a livello non autorizzatorio), è stato implementato il software integrato U-GOV, fornito dal Cineca. Il sistema informativo si impernia su un piano dei conti analitico (piano dei conti COAN) sia nella fase previsionale che in quella gestionale del budget economico e del budget degli investimenti mentre nella fase della rilevazione dei fatti gestionali economico-patrimoniali e della predisposizione del bilancio d esercizio (conto economico e stato patrimoniale) utilizza il piano dei conti di contabilità generale (piano dei conti COGE) integrato con il piano dei conti analitico in logica budgetaria. A tal fine, il Cineca, per il gruppo ristretto di atenei di piccole dimensioni coinvolti nel passaggio in serie ad U-GOV, ha predisposto dei piani dei conti standard, con limitate possibilità di adeguamento e modifica dei conti stessi. Il passaggio dalla contabilità finanziaria alla contabilità economico-patrimoniale ed analitica ha avuto notevoli ripercussioni sui documenti di previsione che vengono presentati. La prima conseguenza rilevata consiste nella difficoltà di confrontare i prospetti contabili di previsione dell esercizio 2014 con quelli del 2013, tenuto conto delle diverse logiche su cui si fondano la contabilità finanziaria e la contabilità generale. La contabilità finanziaria è uno strumento tipico della contabilità pubblica ed è finalizzato alla previsione, all autorizzazione e alla verifica dei soli movimenti finanziari (entrate e spese) che consente quindi di analizzare e valutare l andamento della gestione esclusivamente dal punto di vista dell equilibrio finanziario. Il suo funzionamento è ispirato ad una logica autorizzatoria basata sul concetto di competenza giuridica. La mancata rilevazione dei fatti gestionali di natura economica, fornisce dei risultati gestionali (avanzo o disavanzo di amministrazione) con limitata valenza informativa e privi di collegamento diretto con il conto del patrimonio. 12 BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014

15 La contabilità economico-patrimoniale rappresenta invece uno strumento informativo molto più completo che rileva i fatti di gestione sotto gli aspetti patrimoniale, economico e finanziario allo stesso tempo. Il principio su cui si basa la contabilità economico-patrimoniale è quello della competenza economica, che ha l obiettivo di misurare il valore delle risorse umane e strumentali (beni e servizi) acquisite e consumate da un ente (costi) ed il valore dei beni e dei servizi prodotti (proventi) con riferimento ad un determinato esercizio. Il concetto economico di costo non è quindi correlato al momento dell esborso monetario ma al momento dell effettivo impiego della risorsa. Il rilevamento di costi e proventi per natura ha l obiettivo fondamentale di monitorare l andamento della gestione dal punto di vista economico, e la contrapposizione dei due aggregati determina il risultato economico che rappresenta l incremento o il decremento che il valore del patrimonio dell ente ha subito nell esercizio considerato per effetto della gestione. L adozione della nuova logica contabile nella stesura dei documenti di previsione ha introdotto una serie di questioni e di soluzioni il cui impatto, come primo anno di avvio, costituisce necessariamente un compromesso tra i due tipi di contabilità ma tende a soddisfare in parte l esigenza di mantenere una certa comparabilità con il bilancio dell esercizio finanziario 2013 e al tempo stesso permette di evidenziare l impatto del cambio di contabilità. In primo luogo è necessario evidenziare che, essendo la contabilità economico-patrimoniale in fase di avvio, non è disponibile lo stato patrimoniale al che verrà approvato congiuntamente al consuntivo dell esercizio Pertanto nel budget di previsione autorizzatorio 2014 non sono presenti tutte le poste rettificative relative allo stato patrimoniale che verranno successivamente presentate a chiusura dell esercizio finanziario In particolare sono presenti per la parte patrimoniale soltanto le voci di nuovi investimenti previsti (per le quali è necessario dimostrare l intera copertura finanziaria a fini autorizzatori, garantita nel prospetto degli impieghi di cassa) ed i relativi costi di ammortamento, mentre i costi degli ammortamenti relativi a immobilizzazioni acquisite prima del 1 gennaio 2014 verranno quantificati esattamente e integrati nel budget preventivo 2014 alla chiusura dell esercizio In via prudenziale, gli unici costi di ammortamento relativi a beni acquisiti prima del 1 gennaio 2014 inseriti nel budget economico di previsione riguardano la parte degli ammortamenti degli edifici di proprietà sicuramente a carico del bilancio della Scuola non beneficiando del contributo a fondo perduto della regione FVG a copertura dei corrispondenti mutui accesi in passato. In secondo luogo, relativamente ai progetti, sono stati inseriti nel budget economico 2014 sia i costi di competenza relativi ai nuovi progetti che partiranno nel 2014 che quelli relativi ai progetti attualmente in corso nel Successivamente, per ciascun progetto ancora attivo a fine 2013, verrà effettuato il raccordo tra le previsioni inserite nel budget 2014 e le effettive risultanze al , apportando le conseguenti variazioni aumentative di budget 2014, sulla base delle nuove logiche economico-patrimoniali. La previsione dei costi per i progetti è stata effettuata sulle due voci del piano dei conti che il Cineca ha predisposto a tal fine (costi correnti per progetti e investimenti per progetti) mentre le previsioni dei corrispettivi proventi sono state distinte per tipologia di ente finanziatore. In fase di gestione e di redazione del conto economico d esercizio i singoli costi saranno invece registrati e imputati su conti di dettaglio secondo la loro natura. Per quanto riguarda la valutazione del patrimonio librario, come contemplato anche nella bozza del Decreto MIUR sui principi contabili e schemi di bilancio in contabilità economico-patrimoniale all art.4 c.1 lett.b, l acquisto di libri che perdono valore nel corso del tempo è stato iscritto interamente a costo, anche per superare il problema legato al difficile processo di patrimonializzazione dei libri (valutazione della consistenza iniziale, registrazione di eventuali perdite di valore, ammortamento annuale), vista anche la comparazione tra costi e benefici che scaturirebbero dal processo stesso, alla luce del fatto che una parte consistente dei libri, soprattutto per determinate discipline, diventa rapidamente obsoleta nel tempo. BILANCIO UNICO DI PREVISIONE

16 IL BUDGET ECONOMICO DI PREVISIONE Il Budget economico di previsione è rappresentato in forma scalare e per natura e mostra sia proventi che costi della gestione operativa, finanziaria e straordinaria. La gestione operativa ricomprende sia la gestione istituzionale sia quella accessoria e pertanto include le attività tipiche dell università ricerca e didattica e le attività amministrativo/gestionali a supporto di quelle istituzionali. La gestione finanziaria si riferisce a operazioni di indebitamento con enti terzi e a operazioni che danno vita a proventi finanziari attivi a seguito di acquisizione di obbligazioni, titoli e depositi bancari o di contributi a copertura di interessi passivi su mutui. La gestione straordinaria evidenzia quelle operazioni che generano proventi e costi non tipici e di natura eccezionale (plusvalenze e minusvalenze, sopravvenienze e oneri per eventi straordinari, oneri per restituzioni e rimborsi) Il totale dei proventi per la gestione caratteristica è pari a euro (di cui euro di proventi al netto dei progetti ed euro per i progetti), mentre il totale dei costi di competenza relativi alla gestione caratteristica è pari a euro (di cui euro di costi al netto dei progetti ed euro per i progetti). L equilibrio economico viene garantito dall utilizzo di utili non vincolati derivanti da esercizi precedenti. PROVENTI PROVENTI DA ATTIVITA ISTITUZIONALE CA Proventi da attività istituzionale CA Proventi da entrate contributive CA Proventi da parte del MIUR CA Proventi da altri ministeri CA Proventi da Enti territoriali CA Proventi altri Enti Pubblici e Privati CA Proventi U.E. e altri organismi internazionali CA Proventi da recuperi CA Proventi immobiliari CA Utilizzo fondi vincolati Nel dettaglio: Proventi da entrate contributive CA Proventi da entrate contributive CA Tasse e contributi Master I proventi da entrate contributive sono costituiti dalle previsione per l esercizio 2014 di proventi da quote di iscrizione al Master in Comunicazione della Scienza ed al Master in Complex Actions gestiti dal Laboratorio Interdisciplinare per le Scienze Naturali ed Umanistiche. Proventi da parte del MIUR CA Proventi da parte del MIUR CA Fondo di finanziamento ordinario CA Assegnazione per PRIN CA Proventi da MIUR per ricerca con finanziamenti competitivi CA Assegnazione borse di studio post lauream In questo raggruppamento di voci trovano collocazione i contributi erogati dal MIUR alla Scuola per la copertura di costi di funzionamento o per lo svolgimento di attività di ricerca a carattere progettuale. La voce Fondo di finanziamento ordinario comprende la previsione della quota base di FFO 2014 (euro ) stimata costante rispetto alla quota base del 2013 (comprensiva anche delle assegnazioni attribuite ai sensi dell'articolo 1, comma 650 della Legge 296/2006 riferite al reclutamento straordinario di ricercatori triennio , delle assegnazioni attribuite ai sensi dell'articolo 3, comma 53, terzo periodo, della Legge 24 dicembre 2003, n. 350 e 14 BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014

17 degli ulteriori interventi consolidabili come stabilito dal D.M.700 del 8 agosto 2013) e la quota di competenza 2014 relativa all assegnazione del Piano straordinario per le chiamate di professori di seconda fascia ( ). Le voci Assegnazione per PRIN e Proventi da MIUR per ricerca con finanziamenti competitivi riguardano la previsione di proventi a copertura dei costi di competenza 2014 dei progetti PRIN relativi ai bandi e 2012 e dei progetti FIRB Accordi di programma 2011 e FIRB-Futuro in Ricerca. E ricompresa inoltre la voce di provento relativa all assegnazione per borse di studio di dottorato da parte del MIUR. Proventi da altri ministeri CA Proventi da altri ministeri CA Proventi da altri ministeri per ricerca con finanziamenti competitivi Proventi da Enti territoriali CA Proventi da Enti territoriali CA Proventi da Regioni - Province autonome per ricerca con finanziamenti competitivi Proventi altri Enti Pubblici e Privati CA Proventi altri Enti Pubblici e Privati CA Proventi da Enti Pubblici per ricerca con finanziamenti competitivi CA Contributi da Enti Pubblici CA Proventi da Enti Privati per ricerca con finanziamenti competitivi CA Contributi da Enti Privati In questo raggruppamento di voci trovano collocazione i proventi e contributi a copertura dei costi di competenza 2014 dei progetti di ricerca finanziati, tra gli altri, dal Ministero degli affari esteri, dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, dalla Regione FVG (progetti POR-FESR Openship, Psyscope XL, Trans2care, Sharm finanziato dal Fondo Sociale Europeo), dall Agenzia Spaziale Italiana, dall Istituto Nazionale di AstroFisica, dall Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, dalla Swiss National Science Foundation, dal Istituto Italiano di Tecnologia, dalla Fondazione Telethon, dall Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, dalla Cariplo e dalla Fondazione Illy. Sono comprese anche le voci relative ai contributi a finanziamento delle iniziative istituzionali direttamente riconducibili alle attività di ricerca e di formazione, progetti di ricerca e trasferimento tecnologico erogati dalla Regione FVG a copertura di costi 2014 per la ricerca, al contributo annuo dello IOM Istituto Officina dei Materiali -CNR ai costi per l occupazione di spazi concessi in uso dalla Scuola in base alla convenzione del e al contributo annuo da parte dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare per l utilizzazione dei servizi e delle utenze messi a disposizione dalla Scuola in base alla convenzione stipulata nel Proventi U.E. e altri organismi internazionali CA Proventi U.E. e altri organismi internazionali CA Proventi da UE per ricerca con finanziamenti competitivi CA Proventi da UE per la didattica CA Proventi da organismi internazionali per ricerca con finanziamenti competitivi CA Proventi da organismi internazionali per la didattica CA Contributi da organismi internazionali In questo raggruppamento di voci trovano collocazione i proventi e contributi a copertura dei costi di competenza 2014 dei progetti di ricerca finanziati dall Unione Europea del programma COOPERATION (progetti Go Fast, Lemsuper, Neuroscaffolds, Si-Code, Coronet, Gridmap, e del nuovo progetto Euroheadpain), del programma PEOPLE (progetti Weakly Confined, Ivor), del programma ERC (progetti QuaDynEvoPro, DaMESyFla, RNAS, CGR2011TPS, MODPHYSFRICT, Pascal, Concept e del nuovo progetto MICROMOTILITY), del programma CSA (azioni di supporto e accompagnamento, progetti CommHERE e Nerri), del programma POR/FESR (progetto D.NAMICA) e del programma COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA (progetti MINA). Sono ricompresi anche i proventi a copertura dei costi di competenza dei progetti finanziati dal Bando Regione Friuli Venezia Giulia FSC per la realizzazione di progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale e/o innovazione nell ambito del distretto tecnologico di Biomedicina molecolare e del distretto tecnologico navale e nautico del Friuli Venezia Giulia. Sono ricompresi inoltre i proventi a copertura dei costi di competenza 2014 dei progetti di ricerca finanziati dal Human Frontier Science Program ed altri organismi internazionali. Per quanto riguarda la didattica, sono state inserite le previsioni dei contributi del Fondo Sociale Europeo e dell International Centre for Theoretichal Physics a finanziamento di borse di dottorato di ricerca. E compreso inoltre il contributo annuo da parte dell International Centre for Theoretichal Physics previsto dalla convenzione per lo sviluppo di un sistema di High Performance Computing (HPC) stipulata tra la Scuola e l ICTP in data BILANCIO UNICO DI PREVISIONE

18 Proventi da recuperi CA Proventi da recuperi CA Recuperi e rimborsi Proventi immobiliari CA Proventi immobiliari CA Affitti attivi In questo raggruppamento di voci trovano collocazione i proventi per i rimborsi da parte dell ICTP di spese di manutenzione locali e di utenze per acqua, gas ed energia elettrica come previsto dalla convenzione per lo sviluppo di un sistema di High Performance Computing (HPC) stipulata tra la Scuola e l ICTP e il rimborso da parte di Sissa Medialab Srl di spese per utenze e servizi vari (pulizie, vigilanza ) relative agli edifici satellite, nonché la previsione dei proventi per i fitti attivi da parte di Sissa Medialab Srl in base al contratto di affitto stipulato in data Utilizzo fondi vincolati CA Utilizzo fondi vincolati CA Utilizzo fondi vincolati per decisione degli Organi Istituzionali CA Utilizzo fondi vincolati per progetti In questo raggruppamento di voci trovano collocazione le previsioni di utilizzo di fondi vincolati per la copertura dei costi di competenza 2014 relativi ai progetti finanziati con fondi propri della Scuola a tal fine finalizzati dagli Organi Istituzionali ed al pagamento di OH su progetti PROVENTI DA ATTIVITA COMMERCIALE CA Proventi da attività commerciale CA Proventi contratti di ricerca, consulenza, cessione risultati di ric. e didattica Nel dettaglio: Proventi contratti di ricerca, consulenza, cessione risultati di ricerca e didattica SCUOLA 2014 ( ) PROGETTI 2014 ( ) TOTALE 2014 ( ) CA Proventi contratti di ricerca, consulenza, cessione risultati di ricerca e didattica CA Contratti di ricerca, consulenza, cessioni risultati di ricerca e didattica In questo raggruppamento di voci trovano collocazione i proventi a copertura dei costi di competenza 2014 dei progetti di ricerca legati all attività conto terzi PROVENTI INTERNI CA Proventi interni CA Proventi interni per recuperi Nel dettaglio: Proventi interni per recuperi CA Proventi interni per recuperi CA Proventi recupero personale finanziato da progetti In questa voce trovano collocazione i proventi interni per i recuperi a copertura dei costi di personale di competenza 2014 finanziati da progetti PROVENTI FINANZIARI E CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI CA Proventi finanziari e contributi in conto interessi CA Altri proventi finanziari e contributi in conto interessi Nel dettaglio: 16 BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014

19 Altri proventi finanziari e contributi in conto interessi CA Altri proventi finanziari e contributi in conto interessi CA Contributi in conto interessi In questa voce trovano collocazione i contributi a fondo perduto da parte della Regione Friuli Venezia Giulia a copertura di interessi passivi sui prestiti sottoscritti dalla Scuola. COSTI Nella parte dei costi sostenuti dalla Scuola sono compresi quelli relativi alla I tranche del budget assegnato alle Aree scientifiche, al Laboratorio interdisciplinare per le scienze naturali ed umanistiche, all ITCS ed alla Biblioteca, come da apposito prospetto allegato. ----ONERI PER MATERIALI DI CONSUMO, LIBRI, RIVISTE E GIORNALI----- CA Oneri per materiali di consumo, libri, riviste e giornali CA Acquisto materiali di consumo CA Acquisto libri, riviste e giornali Nel dettaglio: Acquisto materiali di consumo CA Acquisto materiali di consumo CA Cancelleria e altri materiali di consumo CA Materiali di consumo per laboratori Acquisto libri, riviste e giornali CA Acquisto libri, riviste e giornali CA Acquisto libri, riviste, giornali e banche dati In questo raggruppamento di voci trovano collocazione i costi relativi all acquisto di materiali di consumo (inclusi quelli destinati all utilizzo nei laboratori sperimentali, ricompresi nel budget dell Area di Neuroscienze) e i costi relativi all acquisto di libri, riviste, giornali e banche dati (ricompresi nel budget della Biblioteca), che, come illustrato in premessa, sono valutati e iscritti interamente a costo nell anno di acquisto ONERI PER ACQUISTO SERVIZI CA Oneri per acquisto servizi CA Oneri servizi manutenzioni e riparazioni CA Oneri pubblicità, rappresentanza, divulgazione e pubblicazioni CA Organizzazione di manifestazioni e convegni CA Oneri servizi gestione edificio CA Energia elettrica, consumo acqua e combustibili CA Oneri servizi generali CA Consulenze legali tecniche amministrative CA Oneri servizi tecnico/amministrativi da terzi e correnti per brevetti CA Oneri per prestazioni da personale esterno Nel dettaglio: Oneri servizi manutenzioni e riparazioni CA Oneri servizi manutenzioni e riparazioni CA Manutenzione ordinaria di immobili CA Manutenzione ordinaria e riparazioni di apparecchiature CA Manutenzione automezzi CA Assistenza informatica e manutenzione software CA Manutenzione ordinaria e riparazione impianti CA Manutenzione ordinaria aree verdi In questo raggruppamento di voci trovano collocazione i costi relativi all acquisto dei servizi finalizzati al mantenimento in efficienza e buono stato degli immobili, degli impianti tecnologici al servizio degli immobili stessi, delle apparecchiature, degli automezzi e delle aree verdi. Sono ricompresi inoltre i costi, ricompresi nella prima BILANCIO UNICO DI PREVISIONE

20 tranche di budget assegnato all ITCS, relativi all acquisto dei servizi di assistenza informatica e degli interventi di manutenzione migliorativa, adeguativa e correttiva che non incrementino il valore dei software. L importo previsto nella voce Manutenzione automezzi tiene conto del limite introdotto dall art. 6, comma 14 del D.L.78/2010 convertito in L.122/2010 come specificato nell apposito prospetto allegato relativo al rispetto dei limiti di spesa imposti dalla normativa vigente. Oneri pubblicità, rappresentanza, divulgazione e pubblicazioni CA Oneri pubblicità, rappresentanza, divulgazione e pubblicazioni CA Pubblicità obbligatoria CA Pubblicità CA Oneri per attività di rappresentanza CA Oneri per pubblicazioni scientifiche CA Informazione e divulgazione delle attività istituzionali Organizzazione di manifestazioni e convegni CA Organizzazione di manifestazioni e convegni CA Organizzazione manifestazioni e convegni CA Oneri per workshop, summer school e congressi di ricerca In questo raggruppamento di voci trovano collocazione i costi relativi alle attività pubblicitarie inerenti la Scuola, all acquisto di beni e servizi connessi all'attività di rappresentanza, ai costi da sostenersi per le pubblicazioni scientifiche e a quelli riconducibili all attività di informazione e divulgazione delle attività istituzionali dell Ateneo. Gli importi previsti nelle voci Pubblicità ed Oneri per attività di rappresentanza tengono conto del limite introdotto dall art. 6, comma 8 del D.L.78/2010 convertito in L.122/2010 come specificato nell apposito prospetto allegato relativo al rispetto dei limiti di spesa imposti dalla normativa vigente. Sono ricompresi inoltre i costi (per la gran parte gravanti sulla I tranche di budget assegnato alle Aree scientifiche) per l'acquisizione dei servizi finalizzati allo svolgimento di convegni, congressi, workshop, summer school ed altre manifestazioni scientifiche o di divulgazione. Oneri servizi gestione edificio CA Oneri servizi gestione edificio CA Servizio pulizia locali CA Smaltimento rifiuti nocivi CA Servizio calore CA Servizi di vigilanza e reception Energia elettrica, consumo acqua e combustibili CA Energia elettrica, consumo acqua e combustibili CA Energia elettrica CA Combustibili per riscaldamento CA Acqua CA Acquisto carburanti, combustibili e lubrificanti In questo raggruppamento di voci trovano collocazione le previsioni degli oneri finalizzati all acquisto dei servizi di gestione degli edifici (servizi di pulizia, servizi finalizzati al riscaldamento ed al condizionamento dei locali della Scuola, servizi di vigilanza degli edifici e di reception e servizi di smaltimento dei rifiuti considerati nocivi) e quelli derivanti dai consumi di energia elettrica, acqua, combustibili per riscaldamento e carburanti. L importo previsto nella voce Acquisto carburanti, combustibili e lubrificanti tiene conto del limite introdotto dall art. 6, comma 14 del D.L.78/2010 convertito in L.122/2010 come specificato nell apposito prospetto allegato relativo al rispetto dei limiti di spesa imposti dalla normativa vigente. Oneri servizi generali CA Oneri servizi generali CA Premi di assicurazione CA Oneri postali e telegrafici CA Altri canoni CA Oneri per telefonia fissa CA Oneri per telefonia mobile CA Trasporti, facchinaggi e competenze spedizionieri CA Altri oneri per servizi CA Oneri per servizi per laboratori CA Servizi fotocomposizione, stampa e legatoria BILANCIO UNICO DI PREVISIONE 2014

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. CADUTI DI NASSIRIYA

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. CADUTI DI NASSIRIYA A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 15.000,00 01 Non vincolato 11.602,54 02 Vincolato 3.397,46 02 Finanziamenti dello Stato 1.500,00

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 2.572,26 02 Vincolato 2.572,26 01 Funzionamento amministrativo e didattico - Dematerializzazione

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 31.551,42 01 Non vincolato 30.426,92 02 Vincolato 1.124,50 02 Finanziamenti dello Stato 52.872,58

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

ALLEGATO 1/A. Relazione PARTE I

ALLEGATO 1/A. Relazione PARTE I ALLEGATO 1/A UNIIVERSIITA DII PIISA AREA FIINANZA E FIISCALE UFFIICIIO FIINANZA E CONTABIILIITA CONTO CONSUNTIVO ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 Relazione PARTE I INDICE Relazione Parte I RELAZIONE DEI PROGRAMMI

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli