26-29 Aprile 2012 DECISION BOOK DECISION BOOK. aggiornato alla XLVII Assemblea Nazionale di ELSA Italia Aprile 2012 Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "26-29 Aprile 2012 DECISION BOOK DECISION BOOK. aggiornato alla XLVII Assemblea Nazionale di ELSA Italia 26-29 Aprile 2012 Roma"

Transcript

1 DECISION BOOK aggiornato alla XLVII Assemblea Nazionale di ELSA Italia Aprile 2012 Roma In osservanza della decisione ICM IM 01/99II e successivi emendamenti Each National Board should have its decision book Le decisioni sono inserite con il codice di riferimento internazionale: Le varie parti del codice di riferimento devono intendersi Area di Appartenenza (BEE, IM, FM, AA, SC, STEP, MAR) Numero Progressivo della Decisione Anno di Adozione della Decisione Assemblea di Adozione (I=primaverile, II=Invernale) Per es: BEE 04-99I sta per Presidenza, decisione 4 AN primaverile del Per Autentica Roberta Fenu Segretario Generale ELSA Italia 2011/2012 1

2 BEE - BOARD MANAGEMENT, EXTERNAL RELATIONS, EXPANSION 5 Piano Operativo Annuale 5 External Relations 6 Il Gruppo Italiano Trainers 10 ELSA Senior 12 Partecipazione al Forum Nazionale dei Giovani 13 IM - INTERNAL MANAGEMENT 13 Sui Soci Espulsi a seguito di Procedimento Disciplinare 13 Procedura di Accesso ai Training del GIT 13 Tessera Unica 15 Statuto Unico delle Sezioni Locali 15 Regolamento di Attuazione dello Statuto Unico delle Sezioni Locali 15 Dichiarazione dei Candidati alle Elezioni per il CDN 15 Priorità e Diritto di Partecipazione: ICM, IPM, Eventi Nazionali ed Intern. 16 Comunicazioni Informatiche del Network: Indirizzi e Mailing List 18 Siti web delle Sezioni Locali 22 Registrazione dello Statuto di ELSA Italia 23 Computo del Tempo 23 Consolidation System 24 State Of The Network Inquiries 25 Human Resources Strategy 26 The National Secretaries Meeting 29 FM - FINANCIAL MANAGEMENT 30 Quote di Partecipazione dei Membri del CDN ad Eventi Nazionali 30 Quote di Partecipazione agli Eventi ELSA 30 Responsabilità delle Sezioni Locali per le Application Forms dei Propri Soci 32 Termine per il Pagamento ad ELSA Italia delle Quote delle Sezioni Locali 32 Modalità e Criteri per i Rimborsi al CDN 33 Accesso ai Fondi di ELSA Italia 35 Italian Development Foundation 36 MKT- MARKETING 39 Sponsor e Partner di ELSA Italia 39 Pubblicizzazione Eventi Organizzati da Sezioni Locali 39 Firma nei Messaggi 40 Pubblicazione Sponsor e Partner sul Sito di ELSA Italia 41 2

3 AA - ACADEMIC ACTIVITIES 41 AA Policies: Introduzione 41 REGOLAMENTO LEGAL RESEARCH GROUP DI ELSA ITALIA 42 PARTE I: L'Organizzazione 42 PARTE II: Le responsabilità 44 I. Responsabilità del direttivo locale 44 II. Responsabilità del direttivo nazionale 45 PARTE III: Disposizioni Finali 45 REGOLAMENTO MOOT COURT COMPETITION DI ELSA ITALIA 46 TITOLO I Regole Genera 46 PARTE I L'Organizzazione 46 PARTE II: La partecipazione 49 T1TOLO II Le Prove del Concorso 52 PARTE I: Disposizioni Generali 52 PARTE II: Redazione delle Memorie 52 PARTE III: I Dibattimenti 55 PARTE IV: Valutazione delle Prove 57 PARTE V: Svolgimento della Finale e Proclamazione dei Vincitori 58 PARTE VI: Disposizioni Finali 59 STUDIES ABROAD SAP: 61 GLSE: 62 COP COLLOQUI DI ORIENTAMENTO PROFESSIONALE 62 SITO WEB DI ELSA ITALIA 63 GLSI 64 Activities Event Evaluation Form 64 S&C - SEMINARS & CONFERENCES 64 Regolamento nazionale S&C 64 TITOLO I Disposizioni generali 64 TITOLO II Degli Eventi S&C 65 TITOLO III Dell Organizzazione degli eventi S&C 68 TITOLO IV Degli Standard di Qualità 70 TITOLO V Dell implementation degli Standard di Qualità 71 TITOLO VI Della responsabilità degli Standard di qualità 72 TITOLO VII Degli Eventi ELSA Italia 73 TITOLO VIII Della Responsabilità 74 TITOLO IX Partecipazione dei soci agli eventi S&C 76 TITOLO X Disposizioni Finali 78 STEP - STUDENT TRAINEE EXCHANGE PROGRAMME 78 Regolamento PIT 78 3

4 Penale PIT 80 Penale STEP 81 Numero di Applications Inviate 81 ALLEGATO 1: STATUTO UNICO 82 ALLEGATO 2: Regolamento GIT anteriore a BEE 1-04I e IM 1-04I 91 ALLEGATO 3: Strategic Goals

5 BEE - BOARD MANAGEMENT, EXTERNAL RELATIONS, EXPANSION Piano Operativo Annuale BEE-4-01II modificata da BEE-1-09II Il Consiglio Direttivo Nazionale entrante in carica deve redigere un Piano Operativo Annuale. Il Piano deve essere preparato durante il periodo di transizione tra il Consiglio Direttivo Nazionale uscente e il Consiglio Direttivo Nazionale entrante e deve essere presentato da quest ultimo entro un mese dall entrata in carica nell ufficio. Il Consiglio Direttivo uscente ha il dovere di trasmettere al Consiglio Direttivo entrante tutte le informazioni necessarie affinché i membri neoeletti siano in grado di valutare al meglio la situazione in ELSA Italia nei vari settori delle attività. Il Piano Operativo Annuale deve essere esplicativo delle strategie che il Consiglio Direttivo Nazionale entrante intende adottare per perseguire gli obiettivi necessari alla realizzazione dei progetti in corso di attuazione o futuri, e per attuare al meglio gli obiettivi posti da ELSA International negli Strategic Goals Il Piano Operativo Annuale deve essere diviso in sette settori, uno per ciascuna carica componente il Consiglio Direttivo Nazionale. In occasione dello svolgimento delle Assemblee Nazionali e tutte le volte che le circostanze lo richiederanno, ciascun membro del Consiglio Direttivo Nazionale deve riferire dello stato di attuazione del Piano Operativo Annuale, per quanto inerisca al proprio settore di competenza, di fronte ai rappresentanti delle sezioni locali. 5

6 External Relations BEE 1-12I emenda e sostituisce BEE-1-02I emendata da BEE-1-07II emendata da BEE 1-09I emendata da BEE 2-11II 1.Definizioni Il termine fundraising indica l attività tesa ad ottenere una sponsorizzazione, sia essa rappresentata da denaro che da altre utilità. Il termine sponsorizzazione generale indica la sponsorizzazione tesa a coprire le spese di gestione della Sezione. Il termine sponsorizzazione singola indica la sponsorizzazione tesa a coprire una singola attività o progetto della Sezione. Sono da considerarsi contatti internazionali gli Studi Legali presenti in più di 4 Paesi con 300 o più avvocati. Sono altresì da considerarsi contatti internazionali i soggetti non qualificati come Studi Legali e presenti in più di 8 Paesi. Sono da considerarsi contatti nazionali tutti i contatti non considerati contatti internazionali o contatti locali. Sono da considerarsi contatti locali gli Studi Legali presenti in non più di una Regione. Sono altresì da considerarsi contatti locali i soggetti non qualificati come Studi Legali e presenti in non più di una Regione. 2.Procedure 2.1 Solo ELSA International può rivolgersi a contatti internazionali. ELSA Italia può rivolgersi a contatti internazionali unicamente alle condizioni stabilite al punto 2.5 della sezione External Relation Decision Book di ELSA International. Le Sezioni Locali possono rivolgersi a contatti internazionali unicamente dietro richiesta al CDN, il quale seguirà la procedura stabilita al punto 2.5 della sezione External Relation Decision Book di ELSA International. 2.2 Solo ELSA Italia e le sue Sezioni Locali possono rivolgersi a contatti nazionali e locali italiani. ELSA International può rivolgersi a contatti nazionali e locali italiani unicamente alle condizioni stabilite al punto 2.4 della sezione External Relation Decision Book di ELSA International. 6

7 2.3 ELSA Italia e le sue Sezioni Locali non possono rivolgersi a contatti nazionali e locali al di fuori dell Italia. La possibilità di rivolgersi a tali contatti sarà regolata dalla Sezione Nazionale ELSA competente secondo le definizioni al punto Solo ELSA Italia può rivolgersi a contatti nazionali. Le Sezioni Locali dovranno informare il CDN, tramite comunicazione al Presidente di ELSA Italia, della loro intenzione di rivolgersi ad un contatto nazionale. Se entro 7 giorni il CDN non ha fornito riscontro la Sezione Locale può agire liberamente con il supporto di ELSA Italia. ELSA Italia può rifiutare alla Sezione Locale l accesso al contatto nazionale per comprovate esigenze quali: i. l approccio della Sezione Locale comprometterebbe l attuale relazione del contatto nazionale con ELSA Italia; ii. l approccio della Sezione Locale comprometterebbe la relazione pendente di ELSA Italia con il contatto nazionale; iii.elsa Italia ha un progetto concreto per approcciare il contatto entro i 30 giorni successivi. Se l approccio, benché portato a termine con successo, non avesse dato origine alla stipulazione di un accordo entro i 30 giorni sopra indicati, il termine sarà esteso per un periodo complessivo non superiore 6 mesi. 2.5 Una Sezione Locale non può contattare un contatto locale di pertinenza territoriale di un altra Sezione Locale di ELSA Italia. 2.6 Se una Regione presenta più Sezioni Locali la procedura sarà la seguente: i. nel caso di contatti presenti in una sola città, il diritto di prelazione spetta alla sezione locale della città; ii. nel caso di approcci ad organismi regionali, le sezioni di tutta la regione dovranno sottoporre ad ELSA Italia progetti specifici, completi di budget preventivo, al massimo un mese prima della 7

8 scadenza dei termini stabiliti dai singoli bandi regionali. Due settimane prima della scadenza del termine del bando, i presidenti delle sezioni interessate si riuniranno con il Presidente di ELSA Italia per coordinare l approccio alla regione, che verrà effettuato congiuntamente da tutte le sezioni presenti all incontro; iii. nel caso di erogazione di fondi non sufficienti a coprire l intero ammontare delle spese previste da ogni singola sezione, questi verranno ripartiti proporzionalmente tra le sezioni partecipanti. Sono cause legittime di esclusione dalla ripartizione dei fondi: - la mancata presentazione del progetto per cui si fa domanda alla regione entro i termini suddetti; - la presentazione di un progetto incompleto, inesatto o privo del bilancio preventivo o con bilancio preventivo incompleto o inesatto; - la mancata partecipazione all incontro congiunto. 2.7 Solo una Sezione Locale può rivolgersi a contatti locali di sua pertinenza territoriale. Il CDN dovrà informare la Sezione Locale, tramite comunicazione al Presidente della Sezione Locale, della sua intenzione di rivolgersi ad un contatto locale di sua pertinenza territoriale. Se entro 7 giorni dal ricevimento di tale la Sezione Locale non ha fornito riscontro, ELSA Italia può agire liberamente, con il supporto della Sezione Locale. La Sezione Locale può rifiutare ad ELSA Italia l accesso al contatto locale per comprovate esigenze quali: i.l approccio di ELSA Italia comprometterebbe l attuale relazione del contatto locale con la Sezione locale; ii. l approccio di ELSA Italia comprometterebbe la relazione pendente della Sezione Locale con il contatto locale; iii. la Sezione Locale ha un progetto concreto per approcciare il contatto locale entro i successivi 30 giorni. Se l approccio, benché portato a termine con successo, non avesse dato origine alla stipulazione di un accordo entro i 30 giorni sopra indicati, il termine sarà esteso per un periodo 8

9 complessivo non superiore a 6 mesi. ELSA Italia non può contattare gli organi amministrativi di una regione. L'OC di un evento organizzato da ELSA International opera secondo le disposizioni delle Fundraising Regulations di ELSA International. IL CDN di ELSA Italia si impegna attivamente in collaborazione con l'oc, nella ricerca delle sponsorizzazioni necessarie a coprire i costi dell'evento. Il CDN è autorizzato a trattenere il 10% delle sponsorizzazioni concesse per l'evento e da esso procurate. 4. Sanzioni Nel caso di ottenimento, da parte di una Sezione Locale, di una sponsorizzazione in violazione del presente paragrafo l Assemblea Nazionale, su proposta del CDN, irroga una sanzione idonea pari a massimo i 2/3 dell ammontare della sponsorizzazione ottenuta, da devolvere alla cassa di ELSA Italia o alla cassa della Sezione Locale offesa. Nel caso di ottenimento, da parte di ELSA Italia,di una sponsorizzazione in violazione del presente capitolo l Assemblea Nazionale, su proposta della Sezione offesa, irroga una sanzione idonea pari a massimo i 2/3 dell ammontare della sponsorizzazione ottenuta, da devolvere alla cassa della Sezione Locale offesa. 5. Entrata in Vigore Il presente regolamento non si applica a tutte le sponsorizzazioni attualmente in corso sia a livello locale che nazionale. Sono sempre possibili accordi derogatori tra ELSA Italia e le Sezioni locali o tra le Sezioni Locali medesime per situazioni specifiche, previo accordo scritto tra ELSA Italia e la Sezione Locale interessata o tra le Sezioni Locali interessate. 9

10 Il Gruppo Italiano Trainers BEE-1-04I modificata da BEE -2-09II novellata da BEE-1-10-I e modificata da BEE-1-11II Composizione del Gruppo Italiano Trainers: Al fine di consentire una migliore formazione dei membri di ELSA a livello locale, ELSA Italia crea il Gruppo Italiano Trainers; tale gruppo ha lo scopo di mettere a disposizione di tutte le Sezioni Locali un adeguato numero di persone atte a fornire le conoscenze migliori per poter comprendere al meglio il ruolo di ogni membro di ELSA. Il Gruppo Italiano Training è costituito dai Trainers italiani dell International Trainers Pool e da coloro che siano stati nominati dal Consiglio Direttivo Nazionale tra coloro che abbiano: 1) frequentato almeno una ELSA Italy Train the Trainers. La posizione di membro del GIT è incompatibile con qualsiasi carica di Consiglio Direttivo Internazionale, Nazionale o Locale, compresi i Directors. Procedura di nomina: Il Segretario Generale di ELSA Italia, a seguito dello svolgimento dell ELSA Italy Train the Trainers Event, predispone l'elenco dei nuovi membri del GIT. Il Consiglio Direttivo delibera l approvazione dell elenco tenendo conto della relazione predisposta dal Segretario Generale nella quale sono specificate competenze d area del soggetto e le ragioni della sua idoneità a ricoprire l incarico. Tale motivazione deve riguardare solo ed esclusivamente le capacità e l adeguatezza del soggetto a ricoprire l incarico sulla base dei risultati conseguiti durante la carriera ELSiana. Al fine di mantenere un livello sufficientemente elevato dei membri del Gruppo Italiano Trainers, tra le motivazioni non sarà possibile addurre la necessità di copertura geografica o altre ragioni contingenti. La proposta di nomina carente di motivazione è nulla e comporta l'invalidità della eventuale successiva delibera di nomina deliberata dal Consiglio Direttivo Nazionale. Il Consiglio Direttivo Nazionale delibera a maggioranza semplice. 10

11 Coordinamento: L'attività di coordinamento del Gruppo Italiano Trainers spetta al Segretario Generale di ELSA Italia. Qualora venga nominato un Director d area competente, questi esercita le funzioni di coordinamento di cui al primo comma, sotto la supervisione del Segretario Generale e salvo sempre il suo potere di esercizio suppletivo qualora le circostanze lo richiedano. Come attività di coordinamento deve intendersi ogni azione idonea a supportare e dare impulso alle funzioni del Gruppo stesso, nonché tutte le competenze attribuite al Segretario Generale in materia di Gruppo Italiano Trainers dal presente Decision Book o da altra fonte normativa di ELSA Italia. Decadenza: Il Trainer del Gruppo Italiano Trainers decadrà dal suo incarico laddove: nel corso di 2 anni non abbia partecipato ad alcun evento di ELSA Italia (per tali devono essere intesi: Assemblee Nazionali, National Moot Court Competition, ELSA Italy Training Days); oppure nel corso di 2 anni si sia rifiutato di svolgere per più di 3 volte dei training, in questo caso potrà non decadere laddove dimostri l esistenza di gravi motivi che gli abbiano impedito di svolgere i training e dietro delibera del Consiglio Direttivo Nazionale. Espulsione: Il Consiglio Direttivo Nazionale si riserva di espellere un trainer dal Gruppo Italiano Training qualora si ravvisi la necessità in quanto il trainer non risponda allo spirito e agli obiettivi di ELSA o per ogni altra ragione che il CDN consideri sufficientemente grave da meritare tale provvedimento. Al Consiglio Direttivo Nazionale non è fatto obbligo di rendere pubbliche le motivazioni che abbiano portato a tale decisione salvo in caso vi sia opposizione da parte del trainer stesso. In questo caso l Assemblea Nazionale sentite le motivazioni del CDN e le difese dell interessato delibera sulla questione. 11

12 ELSA Italy Train the Trainers Events (EITTE): Almeno una volta all anno il Segretario Generale deve disporre, dietro delibera del CDN, l'organizzazione di un evento, denominato "ELSA Italy Train the Trainers" allo scopo di formare nuove persone all'esercizio del ruolo di trainer e di aggiornare le competenze di coloro che già rivestono l incarico di trainer. Tale evento può essere organizzato da una Sezione Locale su richiesta del CDN. L'EITTE può inoltre essere inserito durante un altro evento ELSiano, quale gli ELSA Italia Training Days o l'assemblea Nazionale. L'accesso a tale evento è subordinato all'aver ricoperto per almeno un anno una carica in un consiglio direttivo ELSiano; il Segretario Generale fissa il numero di nuovi membri del GIT necessari; qualora pervenga un numero di domande superiore rispetto ai posti disponibili, il Segretario Generale può operare una selezione dei candidati in base al curriculum ELSiano ed ad ogni altro elemento che ritenga utile; tutte le decisioni che comportano l'esclusione dalla partecipazione ad un EITTE debbono essere motivate e comunicate individualmente al destinatario. Al termine dell'evento il Segretario Generale sottoporrà al CDN l'elenco dei nominativi dei soggetti da nominare trainer. ELSA Senior BEE-1-06II Ciascuna sezione locale, previo consenso scritto degli interessati, comunica al CDN l elenco dei senior che hanno fatto parte della stessa sezione. Al fine di consentire la comunicazione e l aggiornamento sulle offerte e sulle proposte degli sponsor e dei partner di ELSA Italia è istituita la MAILING LIST Cui partecipano, previo consenso scritto, i soggetti di cui al punto precedente. Ai senior delle sezioni locali iscritti alla suddetta mailing list è attribuita la tessera denominata ELSA Senior Card che attribuisce esclusivamente il diritto di usufruire delle convenzioni e delle partnership di ELSA Italia e delle sezioni locali. 12

13 Partecipazione al Forum Nazionale dei Giovani BEE-2-06II emendato da BEE 1-08-II emendato da BEE 1-09 Ai fini dell adesione al Forum Nazionale dei Giovani (FNG), ELSA Italia inoltrerà apposita richiesta di parere ad ELSA International, illustrando la natura del FNG e le sue finalità. In caso di esito positivo, l adesione verrà richiesta entro la prossima Assemblea Nazionale (dicembre 2009), i costi relativi saranno imputati al bilancio 2009/2010. IM - INTERNAL MANAGEMENT Sui Soci Espulsi a seguito di Procedimento Disciplinare IM-1-00II Il socio di sezione locale espulso a seguito di provvedimento disciplinare non può essere riammesso per nessun motivo nella sezione di origine o altra facente parte di ELSA Italia, se non a seguito di decisione dell Assemblea Nazionale. Procedura di Accesso ai Training del GIT IM-1-04I modificata da IM-1-09II sostituita da IM-4-10 I Modalità: La Sezione Locale che decide di organizzare un evento di training contatta direttamente, il membro del GIT che ritiene sia più adatto allo svolgere l'attività richiesta. Una volta definiti gli aspetti organizzativi dell'attività, la Sezione Locale provvede a dare comunicazione del fatto al Segretario Generale di ELSA Italia via . 13

14 Per conciliare lo svolgimento del training con gli impegni del trainer, la richiesta deve pervenire con un congruo anticipo ed in ogni caso almeno quindici giorni prima della data prevista per il training. Il trainer può, in ogni caso, decidere di accettare la richiesta anche se tra di questa e la data del training intercorra un periodo minore. Il Segretario Generale Nazionale mette a disposizione delle Sezioni Locali, per il tramite dei loro Segretari (o in assenza, dei loro Presidenti), l'elenco aggiornato dei membri del Gruppo Italiano Trainers, suddiviso per categorie di specializzazione, con i rispettivi recapiti per poter essere contattati direttamente. Le categorie di specializzazione, individuate dal Segretario Generale, devono essere atte a facilitare l'individuazione da parte della Sezione Locale, del soggetto più adatto per svolgere il training da essa in fase di organizzazione. Spese: La sezione locale che richiede un training GIT dovrà farsi carico delle spese di viaggio e garantire l accomodation al trainer. EDF: Nel caso la comunicazione di cui al paragrafo precedente, sia accompagnata da una richiesta di accesso all ELSA Development Foundation, ai fini della valutazione della stessa, il Consiglio Direttivo Nazionale deve considerare il parere obbligatorio, ma non vincolante, del Segretario Generale. Rapporto semestrale sullo stato del GIT: In occasione delle Assemblee Nazionali, il Segretario Generale deve presentare la relazione circa le attività svolte dal Gruppo Italiano Training. 14

15 Tessera Unica IM 1-12I della decisione IM-1-11 che modifica IM-3-01I emendata da IM 2-03I accorpata a IM 2 03II Le sezioni locali di ELSA Italia adotteranno una tessera unificata. Essa conterrà i seguenti dati: Paese Sezione locale Nome e cognome Data di nascita Data di scadenza Indirizzo web della Sezione Locale e/o di ELSA Italia Pagina Facebook della Sezione Locale e/o di ELSA Italia Le sezioni locali useranno esclusivamente la tessera unica. Le sezioni locali pagheranno ad ELSA Italia il solo costo di stampa ed eventuali spese di spedizione. Statuto Unico delle Sezioni Locali IM-4-01I emendata dalla IM-1-01II Abrogata da IM 1-08II Regolamento di Attuazione dello Statuto Unico delle Sezioni Locali IM-2-11I Abroga IM-5-01I Dichiarazione dei Candidati alle Elezioni per il CDN IM-6-01I emendata da IM 3-03I All'interno della comunicazione di candidatura al CDN ex art. 30 del Regolamento di Assemblea, il candidato presenta una dichiarazione programmatica. 15

16 Priorità e Diritto di Partecipazione: ICM, IPM, Eventi Nazionali ed Internazionali IM 5-10I abroga e sostituisce IM-3-04I e IM 6-03 I 1. Al fine di chiarificare le modalità di accesso a tutti gli eventi di ELSA, tale decisione delinea la disciplina minima che deve essere seguita per la partecipazione ad ogni evento. Sezione Prima: Partecipazione ad Eventi Nazionali ed Internazionali 2. Il socio che desideri partecipare ad eventi nazionali o internazionali per i quali sia necessaria una domanda di partecipazione scritta deve risultare, pena esclusione, iscritto ad ELSA On Line. 3. In caso di malfunzionamento del summenzionato EOL, la conferma d'iscrizione sarà data, su richiesta del Comitato Organizzatore, da parte del Segretario Generale della Sezione Locale in cui questi è incardinato. 4. Tale sezione non si applica ai casi contemplati dalle sezioni successive. In tali situazioni, all'eventuale richiesta di conferma di effettiva appartenenza ad ELSA da parte del Comitato Organizzatore risponderà il Segretario Generale di ELSA Italia. Sezione Seconda: Delegazione Italiana all'international President's Meeting 5. Partecipa di diritto all IPM il Presidente di ELSA Italia o un suo delegato, accompagnato dal Segretario Generale di ELSA Italia, o da un suo delegato. 6. Nel caso l'ipm si svolga in un periodo estivo, vi partecipa di diritto il Presidente uscente, indipendentemente dal fatto che abbia già completato o meno il suo mandato, a meno che questi non ritenga di delegare il suo successore oppure qualcun altro da questi indicato se non disponibile; il Segretario Generale accompagnate è sempre quello in carica al momento dello svolgimento dell'ipm stesso. 7. Il Presidente o chi ha partecipato in sua vece come delegato è tenuto a fare relazione scritta dell'evento da inviare al Consiglio Direttivo di ELSA Italia con la massima tempestività. 16

17 Sezione Terza: Partecipazione all'international Council Meeting (ICM) 8. Partecipano di diritto quali delegati all'icm i 7 membri eletti del Consiglio Direttivo Nazionale; solo qualora uno o più di essi non partecipi o vi siano comunque un maggior numero di posti disponibili per la delegazione italiana, il Consiglio Direttivo Nazionale potrà deliberare la partecipazione di ulteriori soci di ELSA Italia alla delegazione stessa, tra coloro che ne hanno fatto richiesta al capo delegazione o comunque al Presidente o Segretario Generale di ELSA Italia, dando comunque la priorità a chi ricopre la carica di Director presso il Consiglio Direttivo Nazionale. In mancanza di comunicazione la sezione locale è responsabile per il pagamento delle Fee e delle altre somme rimaste insolute. 9. I criteri di selezione dei richiedenti saranno basati sulla conoscenza della inglese, sulle ulteriori conoscenze il loro possesso che li abilitino a poter attivamente partecipare ai lavori e sulle loro specializzazioni d'area. 10. Qualora un membro del CDN non sia in grado di partecipare all'evento, dovrà essere selezionato primariamente un soggetto che, in base ai criteri del precedente comma, possa sostituire quest'ultimo; a questi sarà assegnato il posto in delegazione spettante al membro impossibilitato e avrà il compito di sostituire questi in tutte le attività ad esso assegnate durante l'icm. 11. I delegati ammessi oltre il numero di 7, una volta selezionati saranno assegnati alle aree che il CDN riterrà più idonee in modo che possano partecipare, insieme con i membri di diritto, ai lavori di workshop e plenaria; essi agiscono sotto la supervisione del membro di CDN competente per l'area o di chi lo sostituisce nel ruolo in base al comma 9 della presente decisione. 12. Capo-delegazione è di diritto il Presidente di ELSA Italia o un suo delegato, che presenta all Assemblea Nazionale successiva all ICM una relazione sulla condotta dei componenti della delegazione. 17

18 Comunicazioni Informatiche del Network: Indirizzi e Mailing List IM emenda IM 03-11I che modifica IM-2-10I abroga e sostituisce IM II, IM-1-05I, IM-2-07I, IM-04-01II e IM-2-05I e IM I Parte Prima: Indirizzi Ufficiali della Sezione Locale: Dominio di Secondo Livello delle Sezioni Locali 1. Le Sezioni Locali di ELSA Italia si devono dotare di un proprio dominio di secondo livello (in conformità con la decisione MAR-02-03II) gli indirizzi delle cariche del Consiglio Direttivo dovranno essere tassativamente redatti nel seguente modo: per il presidente: per il segretario generale: per il tesoriere: per il Vp S&C: per il Vp AA: per il Vp STEP: per il Vp Marketing: 2. Qualora la sezione si doti di directors, il loro indirizzo dovrà essere: dove la sigla dovrà indicare l'area di lavoro affiancata a tale carica (es. per un director Internal Management), seguendo la prassi di ELSA International o ELSA Italia se presenti. Qualora vi siano più directors della stessa area, destinati ad avere la stessa sigla, è possibile usare la dicitura intera "director" al posto di "dir" in uno degli indirizzi oppure aggiungere una numerazione (es. e 3. Inoltre, laddove la sezione locale si sia dotata di un indirizzo attraverso il quale si raggiungono automaticamente tutti i membri del consiglio direttivo stesso, questo dovrà essere tassativamente composto nella seguente maniera: 4. Qualora la sezione locale voglia dotarsi di un indirizzo di contatto generalizzato che viceversa non reindirizza a tutti i membri, bensì solo ad alcuni di essi (es. presidente e segretario), questo dovrà tassativamente essere composto come segue: 18

19 5. In ottemperanza alla decisione MAR II, nella firma delle inviate dagli indirizzi di cui sopra è vietato ogni riferimento a titoli o riconoscimenti eventualmente posseduti dal soggetto utilizzatore della casella. Parte Seconda: Mailing List di ELSA Italia e delle Sezioni Locali: 9. Al fine di rendere maggiormente funzionale le comunicazioni all'interno nelle sezioni locali e tra le sezioni locali e la sezione nazionale, ELSA Italia si avvale delle mailing list ed invita tutte le sezioni locali a fare altrettanto. Sezione Prima: Mailing List delle Sezioni Locali 10. Ogni sezione locale è invitata a creare una propria mailing list rispecchiante le seguenti caratteristiche: - se fatta attraverso un provider di servizi gratuito, l'indirizzo della mailing list dovrà avere la seguente dicitura: e dovrà contenere gli indirizzi di tutti i membri della sezione locale, nonché gli indirizzi istituzionali di tutti i membri del Consiglio Direttivo Locale e del Segretario Generale di ELSA Italia, che dovrà anche essere abilitato ad inviare messaggi. - se fatta utilizzando il proprio dominio di secondo livello, tale mailing list potrà avere una dicitura a discrezione della sezione locale, ma che rispecchi la sua natura informativa e diretta ai soci (es. essa dovrà comunque contenere tutti gli indirizzi di tutti i membri della sezione locale, nonché gli indirizzi istituzionali di tutti i membri del Consiglio Direttivo Locale e del Segretario Generale di ELSA Italia. 11. Qualora una sezione locale non disponga di un indirizzo ai sensi del comma 2 della presente decisione o del suo equivalente indicato al comma 5, la stessa è invitata a creare una mailing list che consenta al consiglio direttivo di comunicare efficacemente. 19

20 Sezione Seconda: Mailing List di ELSA Italia 12. ELSA Italia si avvale di mailing list suddivise funzionalmente in due tipi: - verticale, tra gli officer d'area nazionali e locali (e viceversa); - orizzontale, tra gli officer di livello nazionale ed eventualmente all'interno di essi, tra officer di una stessa area. 13. A livello verticale, il Segretario Generale crea e gestisce 8 mailing list: la mailing list BEE: ad essa sono iscritti il Presidente di ELSA Italia, i Presidenti delle Sezioni Locali e tutti i directors d'area ad ogni livello; indirizzo: la mailing list IM: ad essa sono iscritti il Segretario Generale di ELSA Italia, i Segretari Generali delle Sezioni Locali e tutti i directors d'area ad ogni livello; indirizzo: la mailing list FM: ad essa sono iscritti il Tesoriere di ELSA Italia, i Tesorieri delle Sezioni Locali e tutti i directors d'area ad ogni livello; indirizzo: la mailing list S&C: ad essa sono iscritti il Vp S&C di ELSA Italia, i Vp S&C delle Sezioni Locali e tutti i directors d'area ad ogni livello; indirizzo: la mailing list AA: ad essa sono iscritti il Vp AA di ELSA Italia, i Vp AA delle Sezioni Locali e tutti i directors d'area ad ogni livello; indirirzzo: la mailing list STEP: ad essa sono iscritti il Vp STEP di ELSA Italia, i Vp STEP delle Sezioni Locali e tutti i directors d'area ad ogni livello; indirizzo: la mailing list MKT: ad essa sono iscritti il Vp MARKETING di ELSA Italia, i Vp MARKETING delle Sezioni Locali e tutti i directors d'area ad ogni livello; indirizzo: 20

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli