budget progetto budget anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "budget progetto budget anno 2014 2014"

Transcript

1 budget progetto budget anno

2 Indice dei contenuti Budget Anno 2014 Pag. 3 Riclassificazione del Budget Dati gestionali " 10 Relazione del Direttore Generale " 15 Analisi Trend e Obiettivi di Budget " 19 Piano degli investimenti: " 34 - Investimenti e fonti di finanziamento " 35 - Relazione sugli investimenti " 38 Pag. 2

3 Budget Anno 2014 Pag. 3

4 DESCRIZIONE CONSUNTIVO 2012 Previsione a finire anno 2013 (*) BUDGET 2014 A. VALORE DELLA PRODUZIONE 1. RICAVI a) Delle vendite e delle prestazioni - Proventi da biglietti Proventi da abbonamenti e tessere Integrazioni tariffarie RAS Totale ricavi da vendita titoli di viaggio Proventi da servizi speciali Corrispettivo del Contratto di Servizio Proventi da progetti Manutenzione c/terzi Totale ricavi VARIAZ. DELLE RIMANENZE PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE, SEMILAVORATI E FINITI - Esercizio c/ rimanenze iniziali - Esercizio c/ rimanenze finali 3. VARIAZIONI DEI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE 4. INCREMENTI DI IMMOBILIZZAZIONI PER LAVORI INTERNI 5. ALTRI RICAVI E PROVENTI a) Diversi - Sanzioni amministrative Ricavi da vendita di materiali Sconti, arrotondamenti e premi Altri proventi d'esercizio Rimborsi da compagnie di assicurazione per sinistri Altri rimborsi Global Service gestione Sistema Città Manutenzione a chiamata sistemi semaforici Recupero oneri cariche pubbliche Plusvalenze da alienazione beni patrimoniali Rimborso accisa gasolio Canoni locazione autobus b) Corrispettivi - Canoni e concessioni attive su immobili Canoni pubblicitari c) Contributi in c/ esercizio - Contributo c/esercizio per rinnovo CCNL+ malattia Contributi corsi di formazione Contributi master&back Contributi Ministero Ambiente d) Quota annua contributi in c/impianti Totale altri ricavi e proventi TOTALE VALORE DELLA PRODUZIONE (*) Le previsioni a finire dell'anno 2013 debbono ritenersi assolutamente indicative poiché suscettibili di importanti variazioni. Le stesse infatti derivano dall'analisi dell'andamento gestionale progressivo al mese di Settembre, e non possono tener conto di tutte le evoluzioni possibili che si verificano nell'ultimo trimestre. Pag. 4

5 DESCRIZIONE CONSUNTIVO 2012 Previsione a finire anno 2013 BUDGET 2014 B. COSTI DELLA PRODUZIONE 6. MATERIE PRIME, SUSSIDIARIE, CONSUMO, MERCI - Documenti di viaggio Lubrificanti Pneumatici Ricambi auto-filoveicoli Materiali di consumo e vari Carburanti Cancelleria e stampati Gasolio per riscaldamento Vestiario Carburante per vetture ausiliarie Spese di trasporto su acquisti SERVIZI Totale costi mat.prime, sussidiarie, di consumo e di merci Manutenz. e riparaz. imp., macch., autom. in appalto Manutenzione paline Canoni di manutenzione e assistenza hardware e software Energia elettrica per illuminazione Energia elettrica forza motrice Energia elettrica per trazione Assicurazione furti, incendi veicoli e macchinari Assicur. R.C. veicoli e esercizio Consulenze amministrative e fiscali Consulenze tecniche Spese diverse Recupero stragiudiziale sanzioni amm.ve Telefoniche, telegrafiche e postali Legali e notarili Assicurazione rischi Amministr., Dirigenti, Personale e div Pubblicazione bandi di gara Pubblicità e promozione Compenso a terzi per vendita documenti di viaggio Formazione del personale/partec.convegni/comunicazione int Controlli sanitari al personale Viaggi e trasferte del personale dipendente Buoni pasto al personale dipendente Lavoro somministrato Ricerca personale e concorsi Spese per smaltimento rifiuti speciali Spese per pulizia uffici Lavaggio e rabbocco parco bus Vigilanza sedi e trasporto valori Prestazioni di servizi / oneri AMICO BUS Visure banca dati PRA Costi servizio OPEN Oneri bancari Consumi acqua Compensi Presidente e Consiglio di Amministrazione Compensi Collegio Sindacale Viaggi, trasferte e partecipazioni a convegni CdA Spese di rappresentanza Servizio di gestione apparati ITS Oneri di revisione parco autofiloviario Oneri di revisione parco autovetture Totale costi per servizi Pag. 5

6 DESCRIZIONE CONSUNTIVO 2012 Previsione a finire anno 2013 BUDGET PER GODIMENTO DI BENI DI TERZI - Canoni locazione fabbricati Canoni per concessione Canoni noleggio PC e stampanti Canoni vari Canoni per noleggio macchine d'ufficio Canoni noleggio autovetture Totale costi per godimento di beni di terzi PER IL PERSONALE a) salari e stipendi - Retribuzioni lorde Personale e Dirigenti b) oneri sociali - Contributi Personale e Dirigenti c) trattamento di fine rapporto - Accantonamento al Fondo trattamento fine rapporto d) trattamento di quiescenza e simili e) altri costi Totale costi per il personale AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI: a) ammortamento delle immobilizzazioni immateriali Ammortamento oneri pluriennali installazione apparati AVM Ammortamento software applicativo Ammortamento spese incrementative beni di terzi b) ammortamento delle immobilizzazioni materiali Ammortamento fabbricati e terreni Ammortamento impianti linee filoviarie Ammortamento materiale rotabile automobilistico Ammortamento materiale rotabile filoviario Ammortamento impianti diversi Ammortamento attrezzature e macchinari Ammortamento mobili e arredi Ammortamento macchine d'ufficio Ammortamento autovetture e autofurgoni Ammortamento emettitrici e obliteratrici Ammortamento macchine elettromeccaniche ed elettroniche Ammortamento sistema telefonico Ammortamento costruzioni leggere Ammortamento sistemi elettronici di sicurezza Ammortamento tecnologie di controllo Ammortamento autovetture destinate ad uso pubblico c) altre svalutazioni delle immobilizzazioni - Svalutazioni magazzino d) svalutazione dei crediti compresi nell'attivo circolante - svalutazioni dei crediti compr.nell'attivo circolante Totale costi per ammortamenti e svalutazioni Pag. 6

7 DESCRIZIONE CONSUNTIVO 2012 Previsione a finire anno 2013 BUDGET VARIAZIONI RIMANENZE DI MATERIE PRIME, SUSSI- DIARIE, DI CONSUMO E DI MERCI: - Esercizio c/ rimanenze iniziali - Svalutazione di magazzino - Esercizio c/ rimanenze finali Tot.variaz.rim. di materie prime, suss, consumo e merci ACCANTONAMENTI RISCHI - Accantonamento per cause legali in corso Accantonamento int att contratto leasing Accantonamento rinnovo CCNL Totale accantonamenti rischi ONERI DIVERSI DI GESTIONE - Tasse di possesso e revisione veicoli Imposte e tasse diverse c/ esercizio Imposta comunale sugli immobili / IMU Omaggi e oneri non deducibili Abbonamenti e pubblicazioni Bollo e vidimazione registri Contributi associativi Contributi consortili ITS Oneri vari Spese condominiali Abbuoni e sconti Ammende e multe Totale costi per oneri diversi di gestione TOTALE COSTI DELLA PRODUZIONE DIFF.TRA VALORE E COSTI DELLA PRODUZIONE (A-B) Pag. 7

8 DESCRIZIONE CONSUNTIVO 2012 Previsione a finire anno 2013 BUDGET ALTRI PROVENTI FINANZIARI: a) da crediti iscritti nelle immobilizzazioni verso: 1. imprese controllate 2. imprese collegate 3. enti pubblici di riferimento 4. altri - rivalutazione anticipo ritenute su TFR b) Da titoli iscritti nelle immob. che non costit.partecip. c) Da titoli iscritti nell'attivo circol.che non costit.partecip. - Interessi attivi su titoli d) Proventi diversi dai precedenti: 1. imprese controllate 2. imprese collegate 3. enti pubblici di riferimento 4. altri - interessi di c/ tesoreria - interessi bancari interessi su depositi cauzionali 4 - interessi diversi proventi diversi - interessi attivi di mora Totale altri proventi finanziari INTERESSI E ALTRI ONERI FINANZIARI: a) imprese controllate b) imprese collegate c) enti pubblici di riferimento - interessi passivi sul fondo di dotazione d) altri - interessi passivi su mutui interessi passivi banche interessi su altri debiti Totale interessi ed altri oneri finanziari TOTALE PROVENTI E ONERI FINANZIARI D. RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITA' FINANZIARIE 18. RIVALUTAZIONI: a) di partecipazioni b) imm.finanziarie che non costituiscono partecipazioni c) di titoli iscritti nell'attivo circ.che non cost.partecipaz. d) altre 19. SVALUTAZIONI: a) di partecipazioni b) imm.finanziarie che non costituiscono partecipazioni c) di titoli iscritti nell'attivo circ.che non cost.partecipaz. d) altre TOTALE DELLE RETTIFICHE (18-19) Pag. 8

9 DESCRIZIONE CONSUNTIVO 2012 Previsione a finire anno 2013 BUDGET 2014 E. PROVENTI E ONERI STRAORDINARI 20. PROVENTI STRAORDINARI: a) plusvalenze da alienazioni - plusvalenze da cessioni di beni patrimoniali b) sopravvenienze attive/insussistenze passive - sopravvenienze attive insussistenze del passivo c) altri Totale proventi straordinari ONERI STRAORDINARI: a) minusvalenze da alienazioni - minusvalenze b) sopravvenienze passive/insussistenze attive - sopravvenienze passive/insussistenze attive altre - adeg.extra contabile risultato d'esercizio Totale oneri straordinari TOTALE ONERI E PROVENTI STRAORDINARI RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE IMPOSTE SUL REDDITO DELL'ESERCIZIO UTILE/PERDITA DELL'ESERCIZIO Pag. 9

10 Riclassificazione del Budget Esercizio 2014 Dati gestionali Pag. 10

11 Conto Economico Sintetico del Budget anno 2014 DESCRIZIONE Budget 2014 A. VALORE DELLA PRODUZIONE RICAVI Titoli di viaggio Corrispettivo Contratto di Servizio Altri ricavi VARIAZIONI LAVORI IN CORSO 4. INCR.IMMOBILIZZAZIONI LAVORI INTERNI 5. ALTRI RICAVI E PROVENTI B. COSTI DELLA PRODUZIONE MATERIE PRIME, SUSSIDIARIE, DI CONSUMO PER SERVIZI PER GODIMENTO DI BENI DI TERZI PER IL PERSONALE AMMORTAMENTI ALTRI ACCANTONAMENTI 14. ONERI DIVERSI DI GESTIONE DIFFERENZA VALORE E COSTI DELLA PRODUZIONE C. PROVENTI E ONERI FINANZIARI ALTRI PROVENTI FINANZIARI INTERESSI E ALTRI ONERI FINANZIARI D. RETTIFICHE DI VALORE ATTIVITA' FINANZIARIE RIVALUTAZIONI: E. PROVENTI E ONERI STRAORDINARI PROVENTI STRAORDINARI 21. ONERI STRAORDINARI RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE IMPOSTE SUL REDDITO DELL'ESERCIZIO UTILE (PERDITA) DELL'ESERCIZIO INCIDENZA COSTO LAVORO SU COSTI OPERATIVI 62,11% Pag. 11

12 Riclassificazione CE Budget 2014 Produzione del Valore Aggiunto DESCRIZIONE Budget 2014 Ricavi Titoli di viaggio Corrispettivo Contratto di Servizio Altri ricavi TOTALE RICAVI Consumi beni Servizi Godimento beni di terzi Oneri diversi di gestione TOTALE COSTI VALORE AGGIUNTO LORDO Ammortamenti VALORE AGGIUNTO NETTO Costo del lavoro Risultato operativo Gestione Finanziaria - Gestione Straordinaria Imposte Risultato dell'esercizio Note metodologiche: - Gli ammortamenti sono indicati al netto dei contributi in c/capitale; - I costi del personale sono indicati al netto dei contributi per i rinnovi del CCNL e rimborsi malattia. Pag. 12

13 Distribuzione del Valore Aggiunto Budget 2014 RICAVI COSTI VALORE AGGIUNTO Ripartito tra: DIPENDENTI - Costo del lavoro FINANZIATORI CAPITALE PROPRIO O DI CREDITO - Interessi banche Risultato d'esercizio: utile distribuito SISTEMA STATO = Irap Ires SISTEMA IMPRESA - Ammortamenti Risultato d'esercizio Costi e ricavi finanziari / straordinari non classificabili FINANZIATORI CAPITALE PROPRIO 0,10% TOTALE VALORE AGGIUNTO DISTRIBUITO DIPENDENTI 90,17% FINANZIATORI CAPITALE PROPRIO 0,10% STATO 4,24% IMPRESA 5,49% 100% STATO 4,24% IMPRESA 5,49% DIPENDENTI 90% Pag. 13

14 Budget Produzione del Valore Aggiunto - Dati km Obiettivo produzione Km anno DESCRIZIONE Budget ricavi tarrifari 0,99 - corrispettivo contratto di servizio 2,44 - altri ricavi 0,25 TOTALE RICAVI 3,68 Consumi beni 0,69 Servizi 0,60 Godimento beni di terzi 0,01 Oneri diversi di gestione 0,06 TOTALE COSTI 1,36 VALORE AGGIUNTO LORDO 2,32 Ammortamenti 0,13 VALORE AGGIUNTO NETTO 2,19 Costo del lavoro 2,09 Risultato operativo 0,10 Gestione Finanziaria - Imposte 0,10 Risultato dell'esercizio 0, /Km RICAVI LORDI 3,68 CORRISPETTIVO 2,44 RICAVI NETTI 1,24 COSTI OPERATIVI 1,36 LAVORO 2,09 AMMORTAMENTI 0,13 COSTI 3,58 Rapporto ricavi/costi 35% Pag. 14

15 Relazione del Direttore Generale Pag. 15

16 Il budget 2014, non essendo stati emanati provvedimenti normativi differenti rispetto a quelli contenuti nel contratto di servizio in essere, è scaturito dalla simulazione dello scenario di primo riferimento che ha caratterizzato il In questo senso, nel caso di futuri provvedimenti normativo - contrattuali diversi, le ipotesi formulate in questa sede, potrebbero risultare non essere aderenti alla realtà. Le ipotesi di Budget sono risultate le seguenti : CORRISPETTIVI DA CONTRATTO DI SERVIZIO - corrispettivo km automobilistici in classe C1 pari a 2,40 a km; - corrispettivo km automobilistici in classe C4 pari a 1,10 a km; - corrispettivo km filoviari pari a 2,76 a km; - corrispettivo km Servizio Amico BUS pari a 4,15 a km. Si è ipotizzato che i corrispettivi chilometrici rimangano invariati. KM TOTALI Si è assunto che il totale delle percorrenze sia pari a I km filoviari sono stati fissati ad , mentre i rimanenti km saranno realizzati attraverso il servizio automobilistico. I km del servizio Amico Bus rimangono invariati a CONTRATTO DI SERVIZIO Sul piano normativo, non si è tenuto conto di variazioni di merito, non essendo ad oggi in possesso di elementi sostanziali. Si è confermato, pertanto, il raggiungimento del corrispettivo totale previsto in contratto pari a RICAVI TARIFFARI Il budget dei ricavi tariffari, stimato in , registra un incremento dell 1% circa rispetto alla proiezione a finire per l anno in corso ( ). l evasione. Detto risultato positivo, trae origine anche dall efficacia della lotta contro Pag. 16

17 COSTI DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE MEZZI Il budget conferma le economie derivanti dai risparmi sulle attività manutentive, determinate col rinnovo del parco mezzi che conferma il dato lt/km pari a La previsione del costo del carburante, infatti, ha sostanzialmente confermato il trend degli ultimi due anni. Con particolare riferimento al consumo di ricambi si è previsto un aumento del 22% circa ( ) in considerazione della progressiva uscita dalla garanzia del parco mezzi. La previsione, in assenza di serie storiche, ha tenuto conto prudentemente delle previsioni sui cicli di vita indicati dalle case costruttrici. I costi per servizi confermano sostanzialmente le previsioni a finire del 2013, ad eccezione dei minori costi per lavoro somministrato che saranno per contro assorbiti dai maggiori costi per il personale. Pag. 17

18 CONSIDERAZIONI DI SINTESI In base a quanto affermato in premessa, l Azienda conferma le strategie di presidio dei costi e dei ricavi. Il costo chilometrico aziendale del 2013, pari a 3,59 risulta pressoché confermato nella previsione del 2014 ( 3,58). Il rapporto ricavi/costi risulterebbe pertanto confermato pari al 35%, in linea rispetto al 32% previsto dalla RAS per la certificazione dell equilibrio economico gestionale. In sintesi gli obiettivi strategici fissati: Obiettivo globale: Obiettivi parziali: Conduzione economica del servizio, attraverso la ricerca della performance economica e qualitativa e nel rispetto del connubio economicità - socialità Km Servizio di linea Km Amico Bus KM KM Vendita titoli di viaggio (al lordo integrazioni tariffarie) Il Margine Operativo Lordo previsto è risultato pari a Le schede di Budget, di attività e azioni e gli incontri con i Centri di Responsabilità tenuti in Ottobre e Novembre, hanno definito il documento finale di previsione. Il Direttore Generale (Dott. Ezio Castagna) Pag. 18

19 Analisi Trend e Obiettivi di Budget Pag. 19

20 VALORE DELLA PRODUZIONE macrovoci: Il valore della produzione previsto per l anno 2014 si compone delle due seguenti Ricavi delle vendite e prestazioni Altri ricavi e proventi VALORE DELLA PRODUZIONE La tabella sottostante esplica il dettaglio della prima voce di ricavo: Ricavi delle vendite e delle prestazioni Vendita titoli di viaggio: Biglietti Abbonamenti Integrazioni tariffarie Corrispettivo Contratto di Servizio Servizio di linea Servizio Amico Bus Varie Servizi speciali Manutenzioni c/terzi Totale Ricavi delle vendite e prestazioni Pag. 20

21 Vendita titoli di viaggio La stima dei ricavi tariffari per l anno 2014 si è basata sui dati consuntivati nell anno 2013 e sulla previsione a finire del mese di dicembre. La tabella sottostante evidenzia lo scostamento con i dati dell anno Consuntivo Budget delle vendite anno Consuntivo 2013 Δ con il 2013 GENNAIO ,39% FEBBRAIO ,47% MARZO ,39% APRILE ,31% MAGGIO ,21% GIUGNO ,19% LUGLIO ,53% AGOSTO ,56% SETTEMBRE ,98% OTTOBRE ,95% NOVEMBRE ,80% DICEMBRE ,60% ,85% L obiettivo 2014 è sfidante e prevede un incremento costante in tutti i mesi all interno del range 0,53-1,6%. L eccezione è rappresentata dal mese di settembre perché nel 2013 la visita papale ha registrato eccezionalmente e irripetibilmente una variazione positiva rispetto all anno precedente del 6,5% circa. Le azioni mirate al raggiungimento del predetto obiettivo sono le stesse che hanno determinato l aumento delle vendite di quasi il 2% circa rispetto all anno precedente, ossia: Il mantenimento del tasso e delle tecniche di ispezione sulla rete; Pubblicità e promozione rivolte alla diffusione capillare dei prodotti, all aumento dei clienti (viaggiatori trasportati) e alla conseguente fidelizzazione. Il mantenimento di un alto livello di punteggio della customer satisfaction attraverso l attenzione e il continuo miglioramento degli elementi che la Pag. 21

22 compongono (frequenza, durata, puntualità, pulizia, comfort, cortesia, sicurezza, informazioni, reperibilità biglietti). Corrispettivo Contratto di Servizio Il corrispettivo del contratto di servizio rappresenta il raggiungimento dell obiettivo di produzione chilometrica così suddiviso: km 2014 /km Corrispettivo C , C , FIL , Amico Bus , km CdS /km Corrispettivo C , C , FIL , Amico Bus (*) , La trasformazione dei chilometri filoviari in automobilistici, regolata dall art.2 comma 3 del contratto di servizio, non determina la variazione del corrispettivo, mentre i chilometri automobilistici, per esigenze di servizio, aumentano rimanendo comunque entro l 1% e rispettando i termini stabiliti dall art. 6 del contratto di servizio. (*)In modo ufficioso è stato comunicato dalla RAS una possibile riduzione dei chilometri del servizio Amico Bus per il Pag. 22

23 Varie Sono elencati nella voce i servizi speciali riferiti a eventi con cadenza annuale (servizio portuale navi), al servizio speciale OPEN, al noleggio e, infine, alle manutenzioni c/terzi valutate nella loro incidenza ordinaria. Altri Ricavi e proventi Diversi Corrispettivi Contributi in c/esercizio Contributi in c/impianti Totale altri ricavi e proventi Diversi Nella voce di ricavo sono raggruppati i seguenti conti: Sanzioni amministrative per , previsione valutata in base al mantenimento di numero 10 verificatori costantemente in servizio nell anno 2014; Altri proventi d esercizio per , contenente la stima dei ricavi derivanti dai contratti in essere con la controllata PARKAR SRL per 200 mila e con ITS Area Vasta soc.cons.a r.l. per servizi resi valutati in 40 mila per servizi amministrativi e 180 mila per distacco personale; Rimborsi da compagnie di assicurazione per sinistri per , stimate in base alla ordinaria sinistrosità manifestatasi nel 2013; Altri rimborsi per , derivanti dai rimborsi delle spese di incasso delle sanzioni amministrative, dal corrispettivo per il rilascio delle card studenti e dai rimborsi per disservizi; Global Service gestione sistema città per , ricavi derivanti dalla convenzione con il Comune di Cagliari. Manutenzione a chiamata impianti semaforici per , derivanti dallo stesso contratto del punto precedente e scomponibili in per la quota a forfait Pag. 23

24 relativa all attività di supporto (rendicontazione e direzione lavori) ed per il servizio di manutenzione con interventi a chiamata, variabile in base alle richieste manutentive; Recupero oneri cariche pubbliche per ; Rimborso accisa gasolio per , voce di ricavo che accoglie il rimborso dell accisa relativa al gasolio utilizzato come carburante. La stima è stata calcolata moltiplicando i litri presunti di carburante che si prevede di consumare nel 2014 per il rimborso comunicato dall Agenzia delle Dogane pari a 20,865 ogni mille litri. Corrispettivi La voce di ricavo accoglie i canoni e le concessioni attive su immobili per riferiti ai canoni di locazione dei locali a PARKAR SRL, ed per canoni derivanti dalle pubblicità affisse su paline, pensiline e mezzi. Contributi in c/esercizio I contributi in c/esercizio sono relativi per ai contributi dei corsi di formazione e, per la restante parte, ai rinnovi del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro ed ai rimborsi dei costi della malattia secondo il seguente dettaglio: Accise accordo CCNL 2003 e Accise accordo CCNL Accise accordo CCNL Accise ipotesi 2010/ Accise oneri malattia TOTALE Contributi in c/impianti Pari a , si riferiscono alla ripresa economica degli ammortamenti relativi agli investimenti che si presume di realizzare nel 2014 con finanziamento regionale e ai finanziamenti regionali concessi antecedentemente secondo la seguente ripartizione: Ripresa economica ammortamenti al 31/12/ Ripresa economica ammortamenti TOTALE Pag. 24

25 COSTI DELLA PRODUZIONE Incidenza % Costo per il personale ,11% Consumi ricambi, carburante, altri ,59% Servizi ,58% Ammortamenti ,06% Oneri diversi di gestione ,42% Godimento beni di terzi ,25% COSTI DELLA PRODUZIONE ,00% Costo per il personale Il costo del lavoro incide per il 62% circa sul totale dei costi della produzione. Il dato si attesta ben al di sotto del dato di benchmark del s ettore che si posiziona al 70% (dato Asstra gruppo costi standard). I fenomeni significativi per la redazione del Budget di previsione 2014 del costo del lavoro sono: la previsione dell incremento delle retribuzioni per il rinnovo del CCNL pari a 40,00 mensili al parametro 175; la previsione di sviluppo di alcuni settori ritenuti strategici. L attuale struttura del conto economico ha reso maggiormente strategici alcuni settori, per cui, si renderà necessario progettare azioni mirate al loro sviluppo, tenuto conto dei condizionamenti che deriveranno dal nuovo contratto di servizio; la previsione dei passaggi di parametro automatici secondo quanto previsto dal Contratto Nazionale di Lavoro; la previsione del costo relativo al Premio di Risultato calcolato in base all accordo aziendale in vigore; la valorizzazione dei contributi dovuti a INPS, INAIL ed altri enti di previdenza secondo le percentuali dovute; sono stati calcolati, infine, i vari istituti variabili dovuti in forza al contratto nazionale e agli accordi aziendali in atto (indennità di turno, straordinari, indennità filoviaria, indennità autosnodato, ecc). Pag. 25

26 I costi del lavoro così previsti si riferiscono ad una forza media di n. 772 full time equivalent. M aterie prime, sussidiarie, di consumo e di merci I consumi di materie prime, sussidiarie, di consumi e di merci rappresentano il 17% circa del totale dei costi di produzione e sono costituiti dalle seguenti voci: Carburante ,21% Ricambi bus ,27% Materiali di consumo e vari ,30% Cancelleria e stampati ,58% Documenti di viaggio ,74% Vestiario ,41% Gasolio per riscaldamento ,42% Spese di trasporto su acquisti ,05% Carburante per vetture ausiliarie ,03% 0,00% ,00% Nel raggruppamento le voci di costo riferibili direttamente ai bus (carburante e ricambi), rappres entano il 96% circa del totale e sono state valutate secondo i sotto descritti metodi: Consumi di Carburante (incidenza su l totale dei consumi 77%): km aut lt /lt 1,2813 /km 0,5767 km/lt 2,2219 lt/km 0,4501 Il metodo adottato per la stima del costo previsto per l anno 2014 è quello, ormai collaudato, del calcolo dei litri presunti di consumo, moltiplicato per la percorrenza chilometrica prevista per il rispetto del contratto di servizio, in virtù del fatto che le Pag. 26

27 condizioni che governano il consumo del combustibile del parco mezzi sono sostanzialmente analoghe a quelle del Invece, la stima del consumo di litri carburante, è basata sul calcolo dei litri/km del parco mezzi risultante nel periodo gennaio-ottobre 2013 e proiezione per i km previsti a budget 2013 nei mesi novembre dicembre, moltiplicato, infine, per i chilometri automobilistici previsti a budget per il I litri di consumo sono stati valorizzati ad 1,28133/lt (media delle quotazioni dal al ). Costo industriale media % sconto range Costo industriale al netto sconto (media) Accisa Netto (media) 0, ,20% - 14,31% 0, , ,28133 Appare evidente che oggi la quotazione del gasolio per l anno 2014 risulta aleatoria e soggetta a numerose variabili. Tali variabili potrebbero risultare completamente difformi dallo scenario economico e politico che si presenterà nel 2014 e determinare una quotazione oggi difficile da pianificare. Per questo è sembrato coerente e prudenziale prevedere in budget il costo industriale della media delle q uotazioni dell anno. Eventuali provvedime nti legislativi straordinari, determinanti variazioni in aumento delle accise e/o del costo industriale, porteranno ulteriore aggravio di costi Consumi di ricambi, lubrificanti e pneumatici (incidenza sul totale dei consumi 19%). Per la previsione dei costi ricambi per l anno 2014 è stato utilizzato come base il parametro euro/km del costo medio ricambi della flotta, consuntivato nel periodo gennaioottobre 2013 e stimato per i mesi novembre e dicembre 2013, moltiplicato per i km totali previsti dal budget 2014 (km linea + percorrenze tecniche). A tale importo sono stati applicati dei correttivi che tengono conto degli incrementi di costo per maggiore consumo derivante: dalla conclusione del periodo di garanzia dei 111 Mercedes Citaro 12m e dei 32 Mercedes Citaro da 10 m previsto nei periodo compreso tra il mese di maggio e agosto Dalla ciclicità della manutenzione programmata. Per l anno 2014 si prevede l effettuazione dei tagliandi (multiplo ) su oltre il 70% del parco, che richiedono un maggiore impegno di materiale di consumo e lubrificante. Pag. 27

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. CADUTI DI NASSIRIYA

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. CADUTI DI NASSIRIYA A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 15.000,00 01 Non vincolato 11.602,54 02 Vincolato 3.397,46 02 Finanziamenti dello Stato 1.500,00

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel TPL per l anno 2014. IL DIRETTORE DEL SERVIZIO

Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel TPL per l anno 2014. IL DIRETTORE DEL SERVIZIO Direzione Generale Servizio degli Appalti e gestione dei sistemi di trasporto Determinazione prot. 11629 repertorio n.638 del 7 ottobre 2013 Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

QUESTIONI REGOLATORIE RELATIVE ALLA ASSEGNAZIONE IN ESCLUSIVA DEI SERVIZI DI OSSERVAZIONI DI ROMA CAPITALE. Assessorato alla Mobilità e Trasporti

QUESTIONI REGOLATORIE RELATIVE ALLA ASSEGNAZIONE IN ESCLUSIVA DEI SERVIZI DI OSSERVAZIONI DI ROMA CAPITALE. Assessorato alla Mobilità e Trasporti QUESTIONI REGOLATORIE RELATIVE ALLA ASSEGNAZIONE IN ESCLUSIVA DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Documento di consultazione OSSERVAZIONI DI ROMA CAPITALE Assessorato alla Mobilità e Trasporti 29

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 108 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 21/05/2012 OGGETTO Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale IL DIRETTORE GENERALE (dott. Lionello Barbina)

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010)

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010) UNIONE DI COMUNI VIGATA-SCALA DEI TURCHI (Porto Empedocle e Realmonte) UFFICIO A.R.O. Servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli