Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini"

Transcript

1 Libralizzazion dl commrcio: fors ci siamo? Luca Pllgrini Pr la gran part dlla attività commrciali la libralizzazion è finalmnt arrivata. Ma rsta ancora qualch ara di protzion ingiustificata in alcuni comparti - farmaci, stazioni di srvizio d dicol - dov l norm manat dal Govrno Monti riducono, ma non liminano, i vincoli ch ostacolano chi è in grado di innovar crar maggior fficinza. I du Dcrti dl Govrno Monti, ormai noti com salva-italia crsci-italia (D.l. 201/2011, convrtito nlla Lgg 214/2011; D.l. 1/2012, convrtito nlla Lgg 27/2012), hanno introdotto lmnti di libralizzazion anch nl sttor commrcial. Sono stat modificat, infatti, sia l norm ch riguardano la gnralità dll attività commrciali sia qull ch rgolano in modo spcifico alcuni comparti: l farmaci, l dicol l stazioni di srvizio. Nl primo caso, si tratta di modifich ch mritano di ssr dfinit radicali ch, fatti salvi i vincoli di natura urbanistica, configurano una prssoché total libralizzazion dlla distribuzion. Nl scondo, l intrvnto è rimasto intrno a una tradizion di lgislazion spcial, ch sarbb giustificata dalla ncssità di contmprar la concorrnza con altri valori di carattr gnral, una continuità ch n rnd l impatto assai mno radical. Vdiamo, dunqu, sparatamnt qusti du insimi di norm. L nuov rgol pr la gnralità dll attività commrciali 30 La normativa gnral sul commrcio è stata affrontata, ciò è di pr sé significativo, con il Dcrto salva-italia, quindi con il primo intrvnto dl Govrno Monti, ch affrontava in via prioritaria il tma dll quilibrio di conti pubblici. Com noto, l intrvnto di libralizzazion ch più ha colpito l opinion pubblica riguarda gli orari, ch sono ora lasciati snza cczioni a discrzion dll imprs. Ma, in raltà, impatto assai maggior sul sttor avrà quanto prvisto agli artt , articoli ch ribadiscono alcuni principi gnrali a salvaguardia dlla concorrnza, nl primo caso con rifrimnto spcifico all attività Luca Pllgrini IULM DirittiMrcato Diritti Mrcato

2 commrciali, nl scondo con un rifrimnto ancora più gnral. Val la pna di citarn l parti più significativ: art. 31: «... costituisc principio gnral dll ordinamnto nazional la librtà di aprtura di nuovi srcizi commrciali... snza contingnti, limiti trritoriali o altri vincoli di qualsiasi altra natura, sclusi qulli connssi alla tutla dlla salut, di lavoratori, dll ambint, ivi comprso l ambint urbano, di bni culturali». art. 34: «L introduzion di un rgim amministrativo volto a sottoporr a prvia autorizzazion l srcizio di un attività conomica dv ssr giustificato sulla bas dll sistnza di un intrss gnral, costituzionalmnt rilvant compatibil con l ordinamnto comunitario, nl risptto dl principio di proporzionalità». Qust poch righ mttono in discussion una part rilvant dll normativ rgionali sul commrcio manat ngli ultimi dici anni, dall introduzion dl fdralismo fino a oggi, costituiscono il più important contributo ch il Govrno Monti ha dato alla libralizzazion dl sttor. Inizialmnt ra prvisto ch l Rgioni dovssro adguarsi a quanto stabilito dall art. 31 ntro 90 giorni dalla convrsion in lgg, ma nlla convrsion dl Dcrto crsci-italia il trmin è stato spostato al 30 sttmbr 2012, anch qusto un indirtto sgnal dlla rilvanza ch l nuov norm hanno pr l amministrazioni rgionali. Pr capir la portata di du articoli va ricordato ch tutt l Rgioni italian hanno in ssr un rgim di autorizzazion pr l mdi (>150/250 mq pr i Comuni fino a con più di 10mila abitanti) grandi suprfici di vndita (>1500/2500 mq con rifrimnto all stss classi di Comuni). L singol Rgioni hanno poi dfinito vincoli all ntrata ch sono costruiti su qui contingnti, limiti trritoriali o altri vincoli di qualsiasi altra natura ch da oggi non sono più proponibili. D ora in avanti, l accsso al mrcato di qualunqu imprsa commrcial potrà ssr condizionato solo dal risptto dll norm urbanistich da una valutazion dlla loro compatibilità con la tutla dlla salut, di lavoratori, dll ambint (nlla convrsion in lgg è stato aggiunto «ivi comprso l ambint urbano») di bni culturali. Inoltr, non solo non sono più proponibili contingnti altr limitazioni trritoriali, ma non lo saranno anch du di critri usati dalla totalità dll Rgioni pr valutar l autorizzazion di nuovi grandi sviluppi commrciali: il loro fftto sul sistma distributivo sistnt sull occupazion. L uscita dal mrcato di attività sistnti, nl brv priodo, la riduzion di occupati consgunti all ntrata di nuovi punti vndita dovranno ssr considrati fftti fisiologici, invitabili in un conomia di mrcato. Ancora, s un rgim di autorizzazion (rgional) riman cognt pr l grandi suprfici i cntri commrciali, ch hanno fftti rilvanti sul trritorio di rifrimnto, è assai dubbio ch ciò possa valr pr l mdi suprfici, oggi autorizzat dai Comuni, pr l quali è natural pnsar ch si applichi quanto stabilito dall art. 34. Dat l loro ridott dimnsioni, assoggttarl a un rgim Diritti DirittiMrcato Mrcato 31

3 32 di autorizzazion fa, infatti, vnir mno il risptto dl principio di proporzionalità introdotto con tal articolo. In dfinitiva, norm rgionali cornti con quanto stabilito dal Dcrto salva-italia prsuppongono ch tutt l attività commrciali, sclus l grandi suprfici, siano libr di ntrar nl mrcato ov trovino disponibilità di ar a ss dstinat nl risptto di standard urbanistici spcifici (in particolar la disponibilità di parchggi). Solo pr l grandi suprfici sarbb possibil mantnr un rgim autorizzativo l autorizzazion andrbb concssa una volta ffttuata una valutazion d impatto con rifrimnto all tmatich spcificamnt indicat nll art. 31. Più di così non ra possibil far s in futuro si crranno nuov limitazioni all ntrata di srcizi commrciali ciò dipndrà solo da un uso surrttizio dll normativ urbanistich, ov ss siano usat com indirtt barrir all ntrata non pr ottnr un ordinato sviluppo dlla distribuzion nl più gnral contsto trritorial di rifrimnto. Qualcuno crtamnt provrà a prcorrr qusta strada, ma un intrvnto di libralizzazion nulla può far in mrito. Il salva-italia libralizza, inoltr, gli orari di aprtura di ngozi. Tutti i vincoli oggi sistnti sono stati liminati: la limitazion dll stnsion dl nastro orario giornaliro di aprtura (attualmnt di 13 or); l obbligo di mzza giornata di chiusura infrasttimanal; l obbligo di chiusura ni giorni fstivi pr i quali non sia prvista una spcifica droga. Il provvdimnto sugli orari ha molto colpito, ma è probabil ch i suoi fftti siano assai mno dirompnti di quanto alcuni hanno pavntato. L liminazion di vincoli rlativi al nastro orario di aprtura mzza giornata di chiusura infrasttimanal avranno fftti marginali. Nl primo caso qualch punto vndita si spcializzrà nlla fornitura di srvizi commrciali nll or srali. Nl scondo l imprs di maggiori dimnsioni ridfiniranno i turni pr coprir anch la nuova mzza giornata disponibil molt dll piccol continuranno a ffttuar la chiusura. L unico disposto con un potnzial rilivo è qullo ch riguarda l aprtura ni giorni fstivi. Ma anch in qusto caso i timori ch molti hanno sprsso appaiono ccssivi. Scondo i dati raccolti da Nilsn in si Rgioni dl Cntro-Nord nl priodo dal 6 fbbraio al 4 marzo 2012, gli srcizi dlla grand distribuzion alimntar (suprmrcati iprmrcati) ch sono risultati aprti la domnica rano un trzo dl total avvano una pondrata dl 55%: rano, quindi, i ngozi di maggiori dimnsioni. Il risultato di vndita, misurato com vnduto total nll quattro sttiman, di ngozi aprti la domnica risptto a qulli chiusi, è stato un modsto 0,8% in più. Anch tnuto conto dll attual congiuntura, un risultato ch porta a pnsar ch molt dll imprs ch stanno sprimntando l aprtura domnical tornranno sui loro passi o ridurranno (com già fanno molti suprmrcati) l aprtura alla sola mattina. I dati confrmano ch, almno nll alimntar, si è fatto molto rumor pr, s non proprio nulla, poco. Unico ambito di possibil rilvanza dll aprtur domnicali rsta qullo di cntri commrciali. Almno i maggiori, con un attrattività non solo local, crchranno (lo stanno già facndo) di utilizzar l domnich. Ciò invitabilmnt avrà un fftto sui contnitori commrciali Diritti DirittiMrcato Mrcato

4 naturali (vi commrciali urban cntri storici), ch più difficilmnt riusciranno a sguirli. Non tanto, o non solo, prché la disponibilità dgli opratori collocati in qusti ultimi sia divrsa da qulli ch sono insriti in un cntro commrcial, ma pr l assnza, nl primo caso, di una struttura di govrnanc comun in grado di organizzar obbligar l aprtura domnical. Ma anch qusto lmnto potnzialmnt a sfavor dll aggrgazioni naturali di offrta commrcial potrbb alla fin trasformarsi in un vantaggio, ovvro divntar uno stimolo alla diffusion anch in Italia di associazioni di town cntr ma- nagmnt in grado di svolgr la funzion di rgia di promozion ch vin svolta dai dirttori di cntri commrciali. Anch in qusto caso, quindi, la libralizzazion dll aprtur domnicali appar compatibil con l dinamich comptitiv intrn all divrs componnti dlla distribuzion. Sugli orari alcun Rgioni hanno comunqu tntato, appoggiat da molt amministrazioni comunali, un ricorso alla Cort costituzional, rivndicando la propria comptnza in un ambito dlla rgolamntazion commrcial dov si sostin ch la matria rilvant non sia la concorrnza, ma un ordinata garanzia dlla fornitura dl srvizio al cittadino. Una tsi ch appar dbol poiché è vidnt com gli orari di aprtura siano una dll fondamntali lv dlla concorrnza dl commrcio. Lo dimostrano, dl rsto, l stss Rgioni ricorrnti, s si considrano, al di là dll argomntazioni formali alla bas dlla loro rivndicazion di comptnza, qull sostanziali ch sono mrs nl dibattito ch ha portato al ricorso. Farmaci, stazioni di srvizio d dicol Farmaci, dicol stazioni di srvizio sono soggtt a rgolamntazioni spcifich, ch sono stat giustificat in rapporto ad alcuni valori gnrali ch si è ritnuto andassro contmprati alla tutla dlla concorrnza. La distribuzion di farmaci concorr a garantir la salut dl cittadino, qulla dlla stampa quotidiana priodica è strumntal alla librtà di informazion qulla di carburanti rnd possibil la mobilità di prson mrci. A qust motivazioni nobili si aggiung il fort potr contrattual ch l stss rgolamntazioni rstrittiv ch protggono chi distribuisc qusti prodotti hanno crato nl tmpo, rndndo politicamnt difficil affrontar il tma dll libralizzazioni. Lo dimostrano la mol di norm manat a livllo statal rgional, ch rndono difficil anch solo ntrar nl mrito di com gli intrvnti contnuti nl Dcrto crsci-italia incidano sullo stato di fatto. Nl sguito ci si limitrà, quindi, ad alcun considrazioni di carattr gnral. Di tr comparti richiamati il più rilvant è fors qullo dll farmaci, dov la difsa dlla salut dl cittadino è, almno in lina di principio, un possibil lmnto da contmprar con la tutla dlla concorrnza. All farmaci si applicano tr divrsi vincoli rstrittivi: hanno l sclusiva dlla vndita di Diritti DirittiMrcato Mrcato 33

5 34 farmaci; la loro titolarità è risrvata ai farmacisti; la rt è pianificata sulla bas dlla cosiddtta pianta organica. Il Dcrto Brsani dl 2006 (D.l. 223/2006) ha toccato pr la prima volta uno di qusti vincoli, stabilndo la libralizzazion dlla vndita di farmaci snza rictta mdica (i cosiddtti Otc), con l obbligo prò dlla prsnza di un farmacista. Qust obbligo, imponndo all imprs, in particolar alla grand distribuzion, un onr assai rilvant, ha finito pr limitar la ral portata dlla libralizzazion, ch ha coinvolto a oggi circa 300 cornr parafarmacia, localizzati prvalntmnt ngli iprmrcati, ha portato alla nascita di un lvato numro di nuov parafarmaci, srcizi di norma gstiti da farmacisti, ch quindi non hanno onri aggiuntivi nl trattar anch farmaci Otc. Inoltr, divrsi provvdimnti (l ultimo è la Finanziaria 2007, Lgg 296/2006, art. 1, paragrafo 801), hanno portato alla libralizzazion di przzi di prodotti Otc. Prima dll arrivo dl Govrno Monti, si ra molto parlato di libralizzar anch la vndita di farmaci di class C (con prscrizion mdica, ma non rimborsabili, quindi, a carico dl consumator final). L ipotsi avva una sua logica, poiché avrbb portato alla crazion di du sistmi: uno, qullo costituito dall farmaci, con offrta complta di farmaci, intgrato con il Srvizio sanitario nazional pr i rimborsi di farmaci di class A pr l vntual fornitura di srvizi sanitari di bas, uno, cornr dlla Gdo parafarmaci, dov sarbb stato possibil acquistar tutto ciò ch vniva lasciato a pur logich di mrcato. Il Govrno ha, invc, sclto una strada divrsa ha dciso di intrvnir sulla pianta organica riducndo da 5mila a lo standard di abitanti pr farmacia. Ciò comportrà un significativo aumnto dgli srcizi: dai circa 17mila attuali a 20-22mila. Quali saranno gli fftti di qusto aumnto numrico? Poiché la part di vnduto costituita dai farmaci rimborsabili è data (class A) d è anch poco lastica la domanda di altri prodotti farmacutici (class C Otc), i ricavi mdi su qusta componnt dll offrta si ridurrà. Il rcupro potrà avvnir solo sui prodotti complmntari (parafarmacutici altri prodotti pr la salut; cosmtici), incntivando l farmaci a comportamnti smpr più assimilabili a qulli di normali srcizi commrciali. In qusto contsto, ch richid ai farmacisti comptnz spsso lontan da qull ch possidono, è probabil ch un numro via via crscnt di srcizi crchrà di appoggiarsi a soggtti in grado di fornir un supporto commrcial di ridurr il costo di srvizi cntrali d imprsa ch possono ssr svolti sfruttando l lvat conomi di scala ch ssi prsntano. In altr parol, si diffondranno sistmi di franchising divntrà più important il ruolo dll struttur associativ (cooprativ fra farmacisti) ch già oggi svolgono funzioni di ingrosso. È la strada ch porta, in modo molto gradual, alla nascita di catn di farmaci ch apr anch alla possibilità di far vnir mno l attual vincolo ch risrva la proprità dgli srcizi ai farmacisti. Si può, dunqu, lggr la sclta dl Govrno Monti com un tntativo di aggirar l difficoltà ch sarbbro nat da un tntativo di libralizzar il comparto rimuovndo dirttamnt i vincoli oggi in ssr. Non è stata abolita la pianta organica, ma si è diminuito il rapporto popolazion/farmaci a un livllo Diritti DirittiMrcato Mrcato

6 tal da avvicinarlo a qullo ch sarbb stato in un mrcato non rgolamntato. Non è stata abolita la limitazion dlla titolarità dlla farmacia ai soli farmacisti, ma si sono incntivat dinamich ch rndranno con il tmpo qusto vincolo palsmnt insostnibil. Su qust ultimo punto va anch sottolinato l fftto di quanto stabilito dal comma 17 dll art. 11 dl Dcrto crsci-italia, ovvro ch i farmacisti possono mantnr la dirzion dlla farmacia fino al raggiungimnto dll tà pnsionabil (65 anni) da qul momnto in poi dvono dsignar un dirttor (smpr, ovviamnt farmacista). In modo sottil, qusta norma di fatto fa vnir mno qul rapporto dirtto fra farmacista pazint ch da smpr la catgoria ha fatto valr com lmnto a giustificazion dlla risrva a suo favor dlla proprità dll farmaci. Ma s i titolari in pnsion dvono affidar a un dipndnt qusto rapporto, prché ciò non potrbb ssr fatto anch da altri soggtti, anch ssi titolari dlla sola proprità dll srcizio? Anch nl caso dll stazioni di srvizio l intrvnto dl Govrno Monti è in continuità con la normativa sistnt. Il problma ch da dcnni affligg il comparto è costituito dalla prolifrazion dll piccol stazioni di srvizio. L obittivo di gran part dll norm introdott ngli ultimi vnt anni è stata la riduzion programmata dlla rt attravrso la costituzion di fondi pr compnsar gli srcnti ch chiudvano la loro stazion di srvizio il vincolo posto a nuovi opratori di acquistar l concssioni sistnti. Snza ntrar in mrito alla complssa normativa rgional ch oggi rgola il comparto, l novità introdott dal Dcrto crsci-italia si possono riassumr com sgu: l poch stazioni di srvizio di proprità di gstori possono libramnt approvvigionarsi da trz parti pr il 50% di rifornimnti vngono dfinit alcun norm ch rndono più facil pr i gstori divntar propritari dll impianto; è possibil pr i gstori somministrar alimnti bvand, vndr quotidiani priodici, tabacchi (s la suprfici è suprior a mq) ogni altro tipo di bn; vin rafforzato quanto già prvisto dal D.Lgs. 112/2008 (manato dopo la condanna dlla Comunità uropa pr infrazion dll articolo 43 dl trattato dll U pr obbligar l Rgioni a liminar una sri di vincoli alla concorrnza contnuti nll loro lggi di rgolamntazion dl comparto), in modo da vitar limitazioni anticomptitiv a nuovi ntranti sono libralizzati gli impianti automatici al di fuori di cntri urbani. Si tratta di intrvnti ch non configurano una dcisa libralizzazion, ma crcano, giocando di sponda fra l norm sistnti, di introdurr qualch lmnto di dinamica nl sistma. È da tmpo vidnt, tuttavia, ch l unica vra possibilità di rndrlo più comptitivo d fficint si risolv nll aprtura di stazioni di srvizio dlla grand distribuzion: oggi la loro quota di mrcato è di circa l 1% quando in Francia è di oltr il 50%. Un passo avanti è stato fatto, ma altri dcisivi rimangono da far. Diritti DirittiMrcato Mrcato 35

7 Infin, di tr rgimi spciali il caso più smplic è qullo dlla stampa quotidiana priodica dll sclusiva concssa all dicol. Il Dcrto crsci-italia intrvin snza mttr in discussion il rgim di sclusiva a favor dll dicol, ma dando all dicol stss, quindi alla rt spcializzata, facoltà di vndr, oltr alla stampa, ciò ch dsidrano, di praticar sconti sul przzo di coprtina di non accttar più pubblicazioni in ccsso o diftto risptto alla domanda (crsci-italia, art. 39, comma 1). Un intrvnto ch non incid, quindi, sulla qustion fondamntal: l ormai pals inconsistnza di un rgim di sclusiva pr la vndita di stampa ch non protgg in alcun modo la librtà di informazion, ma anzi la limita. Tanto più nll nuov condizioni, ch prmttranno all dicol di ridurr lo spazio dstinato ai prodotti ditoriali a favor di altri a più lvato margin, ra fors vnuto il momnto di libralizzar dl tutto la vndita di quotidiani priodici. Crsci salva-italia: du approcci diffrnti In dfinitiva, i du dcrti dl Govrno Monti hanno sguito du strad divrs. Il salva-italia, ch è intrvnuto sulla rgolamntazion ch si applica alla gnralità dll imprs commrciali, ha affrontato in modo radical il tma dlla libralizzazion. I rsidui vincoli ch limitavano la concorrnza, qulli rimasti dopo gli intrvnti, prima, dlla riforma dl sttor dl 1998, poi, pr fftto dl D.Lgs. Brsani dl 2006, sono stat liminat. Si tratta quindi di un ffttiva guardando anch a ciò ch avvin nl rsto di Pasi uropi, anch radical libralizzazion. Al contrario, pr i tr sttori dov vig una normativa spcial, il crsci-italia è intrvnuto all intrno dl quadro lgislativo sistnt con provvdimnti ch riducono alcuni vincoli, ma non mttono in discussion la cognza di una normativa spcial. Si potrbb dir ch si è tntato di svuotar dall intrno la normativa pr ridurn gli fftti anticomptitivi. Si è fors tmuto ch un approccio più dciso avrbb trovato ostacoli di natura politica ch una maggior gradualità foss prfribil. Rsta il fatto ch pr l farmaci, pr l stazioni di srvizio ( pr l compagni ptrolifr ch di fatto l govrnano) pr l dicol la libralizzazion non può dirsi ancora compiuta. 36 DirittiMrcato Diritti Mrcato

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo La libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Dal 1 o gnnaio 2011 è in vigor la dirttiva uropa pr la libralizzazion di srvizi postali. Già dal 1997 il lgislator uropo ha cominciato a dlinar un gradual

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

Politica energetica e costi in bolletta. Giorgio Ragazzi

Politica energetica e costi in bolletta. Giorgio Ragazzi Politica nrgtica costi in bolltta Giorgio Ragazzi Il przzo dll nrgia lttrica in Italia è uno di più alti d Europa. Tra i vari motivi, in qusto articolo ci si soffrma in particolar sugli Onri gnrali di

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello Concorrnza sclt informat nl sttor Rc auto 1 Paolo Martinllo I canali distributivi vincolati hanno limitato la concorrnza l informazioni a disposizion di consumatori nl mrcato dll polizz Rc auto. L rcnti

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio Sanità fdralismo fiscal Maria Flavia Ambrosanio Qusto contributo illustra l voluzion dlla spsa sanitaria a livllo rgional i principali fattori ch l hanno dtrminata, l diffrnz, talvolta anch profond, ch

Dettagli

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie Consumatori in cifr L impatto dll libralizzazioni sull conomia dll famigli Michl Cavuoti Marco Pirani Uno dgli asptti pr i quali si è fino a ora cotraddistinto il scondo Govrno Prodi è qullo dl rilancio

Dettagli

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012 Comitato Tcnico Scintifico Attività 2012 fdback sul 2011 Roma, 15 fbbraio 2012 Fdback 2011 ITS national rports ITS Commit mting 15.12.2011 Stakholdrs platform ITSAdvisoryGroup Lgg comunitaria i 2011 2

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni La politica dgli incntivi al consumo: dimnsioni, carattristich, valutazion, problmi 1 Augusto Ninni Nll articolo si discut la politica dgli incntivi al consumo, insriti nl Dcrto lgg n. 40 dl 25 marzo 2010.

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

Abolizione del contributo di ricarica nella telefonia mobile: i consumatori ci guadagnano?

Abolizione del contributo di ricarica nella telefonia mobile: i consumatori ci guadagnano? Argomnti Abolizion dl contributo di ricarica nlla tlfonia mobil: i consumatori ci guadagnano? Maria Rosa Battaggion, Nicoltta Corrochr, Lornzo Zirulia L liminazion dl contributo di ricarica sull cart prpagat

Dettagli

Liberalizzazioni, consumatori e produttori

Liberalizzazioni, consumatori e produttori Argomnti Libralizzazioni, consumatori produttori Francsco Silva Pr una più fficint qualificata offrta di srvizi è ncssario libralizzar, ma l libralizzazioni sono fficaci solo s sono molto mirat non dmagogich.

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon Consumatori in cifr Il paradosso di carburanti in Italia Marco Bulfon I carburanti hanno un norm incidnza sull inflazion gnral. È pr qusta ragion ch la dinamica di loro przzi è così important. Nl momnto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie Argomnti Fornitura di nrgia lttrica clausol vssatori Eliana Romano 1 La rcnt libralizzazion dl mrcato dll nrgia lttrica pr gli utnti domstici dl luglio 2007 impon all socità fornitrici dl srvizio particolar

Dettagli

Distribuzione libraria e concorrenza

Distribuzione libraria e concorrenza Distribuzion libraria concorrnza Luca Pllgrini Il tsto, ch va ltto com commnto all articolo di Innocnzo Pontrmoli in qusto numro di, affronta il tma dlla distribuzion libraria, in particolar in rapporto

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

Donare ai tempi della crisi

Donare ai tempi della crisi Argomnti Donar ai tmpi dlla crisi Domnico Chirico Non è smplic districarsi all intrno dll numros richist opportunità di donazion ch, soprattutto in tmpi di crisi, provngono da molti fronti. L articolo

Dettagli

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo Argomnti L acqua dl rubintto è buona, ma non ci fidiamo Massimo Labra Maurizio Casiraghi Ch rapporto hanno gli italiani con l acqua? Molti prfriscono qulla in bottiglia. Cosa li guida nlla sclta? Il gusto

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

emercato Pendolari in ferrovia e danni esistenziali Argomenti La prima sentenza piacentina Umberto Fantigrossi

emercato Pendolari in ferrovia e danni esistenziali Argomenti La prima sentenza piacentina Umberto Fantigrossi Pndolari in frrovia danni sistnziali Umbrto Fantigrossi Il pndolar è un utnt particolar di srvizi frroviari subisc più dl viaggiator occasional l consgunz ngativ di dissrvizi cronici. Paradossalmnt, prò,

Dettagli

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di Lampad di Lampad di MY HOME 97 Lampad Carattristich gnrali Scopi dll illuminazion Ngli ambinti rsidnziali gli apparcchi di illuminazion non sono imposti da lggi o norm, ma divntano comunqu prziosi ausilii.

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici Il mrcato lttrico dopo la libralizzazion pr i clinti domstici Paolo Cazzaniga Introduzion: struttura dl mrcato lttrico dlla tariffa Dal 1 luglio 2007 la libralizzazion dl mrcato lttrico è compltata: anch

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

POR Calabria 2014-2020

POR Calabria 2014-2020 POR Calabria 20142020 Obittivo Tmatico 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE Priorità 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI

Dettagli

Tassare i redditi o i consumi? Giampaolo Arachi e Massimo D Antoni

Tassare i redditi o i consumi? Giampaolo Arachi e Massimo D Antoni Tassar i rdditi o i consumi? Giampaolo Arachi Massimo D Antoni Divrs ragioni sono stat avanzat a favor di uno spostamnto dll imposizion dal rddito al consumo, in particolar vrso l Iva: la possibilità di

Dettagli

Le problematiche della consulenza finanziaria

Le problematiche della consulenza finanziaria L problmatich dlla consulnza finanziaria Anna Vizzari MIFID: una dirttiva a tutla di piccoli risparmiatori? MIFID è l acronimo di Markt in Financial Instrumnts Dirctiv. Individua una dirttiva dll Union

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

L.R. Campania N. 1 del 7-01-2000 Direttive Regionali in Materia di Distribuzione. Attuazione del Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, N. 114.

L.R. Campania N. 1 del 7-01-2000 Direttive Regionali in Materia di Distribuzione. Attuazione del Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, N. 114. LR(15) 1_00.doc Pag: 1 L.R. Campania N. 1 dl 7-01-2000 Dirttiv Rgionali in Matria di Distribuzion Commrcial. Norm di Attuazion dl Dcrto Lgislativo 31 Marzo 1998, N. 114. in B.U.R.C. n. 2 dl 10-1-2.002

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello Assicurazioni: libralizzazion mancata Paolo Martinllo Gli intrvnti nl sttor assicurativo auto costituiscono probabilmnt il capitolo mno convincnt dll misur di libralizzazion dl Govrno Monti. Il mrcato

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto Gstion Imprsa social vs altr form non profit: costi gstionali amministrativi a confronto di Maurizio Stti Lo studio di un caso Tra imprsa social form giuridich concorrnti (ONLUS, associazioni di promozion

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

I rifiuti vanno gestiti, non rimossi

I rifiuti vanno gestiti, non rimossi I rifiuti vanno gstiti, non rimossi Antonio Massarutto La gstion di rifiuti è un attività smpr più complssa costosa. Essa coinvolg i produttori di bni, i consumatori gli addtti alla rimozion smaltimnto

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

Anna Soru e Cristina Zanni

Anna Soru e Cristina Zanni Consumatori in cifr L prospttiv occupazionali di laurati in Lombardia Anna Soru Cristina Zanni La CCIAA di Milano Unioncamr Lombardia, attravrso Formapr con il coinvolgimnto dll dodici univrsità dlla Lombardia,

Dettagli

Utenti e regionalizzazione dei trasporti. Marco Ponti e Antonio Laurino

Utenti e regionalizzazione dei trasporti. Marco Ponti e Antonio Laurino Utnti rgionalizzazion di trasporti Marco Ponti Antonio Laurino S si ccttua, in part, il sttor autostradal, la rgionalizzazion di trasporti pubblici locali è stata quasi insistnt, prché a tutti gli stakholdr,

Dettagli

1995-2010. Nazionale Regionale Provinciale. Nazionale Regionale Provinciale 2004-2010

1995-2010. Nazionale Regionale Provinciale. Nazionale Regionale Provinciale 2004-2010 Progtto BES dll Provinc (PSU-00003) maggio 2013, abstract Bnssr conomico /Standard matriali di vita TEMA Rl co n il BE S Consumi - Incidn di consumi alimntari sulla spsa dll famigli Rddito + Stima dl rddito

Dettagli

I limiti della pubblicità televisiva

I limiti della pubblicità televisiva Consumatori in cifr I limiti dlla pubblicità tlvisiva Lucia Canzi Michl Cavuoti Prmssa 134 In Italia la rgolamntazion dlla pubblicità in tlvision è costituita da una sri di lggi, dcrti, rgolamnti codici

Dettagli

Semplificazione ed efficienza della Pubblica Amministrazione

Semplificazione ed efficienza della Pubblica Amministrazione Argomnti Smplificazion d fficinza dlla Pubblica Amministrazion Giovanni Urbani In un priodo di fort riduzion dll risors conomich com qullo ch stiamo vivndo, la smplificazion l fficinza dlla Pubblica Amministrazion,

Dettagli

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna Accordo quadro fra l Azinda USL di Bologna il CEA Coordinamnto Enti Ausiliari dlla Provincia di Bologna La Comunità Papa Giovanni XXIII coop. s.r.l. di Rimini Prmssa L parti prndono atto dl buon livllo

Dettagli

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione MERCATO AZIONARIO A.A. 2015/2016 Prof. Albrto Drassi adrassi@units.it DEAMS Univrsità di Trist ARGOMENTI Scopi principali carattristich dl mrcato Valutazion dll azioni Rgolamntazion 2 1 Rapprsntano l intrss

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

Il Pgt di Milano. Maria Spataro

Il Pgt di Milano. Maria Spataro Il Pgt di Milano Maria Spataro Anch Milano si è munita dl Pgt (Piano di govrno dl trritorio), adottato il 13/14 luglio 2010 approvato il 4 fbbraio 2011. Tuttavia ntrrà in vigor solo dalla data di pubblicazion

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA Esnt dall imposta di bollo ai snsi dll art. 16 dlla tablla allgato B) al D.P.R. 26/10/1972 N. 642 succ. modif. COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Il credito al consumo

Il credito al consumo Il crdito al consumo Anna Vizzari Scnario di rifrimnto I lttori di ricordranno ch abbiamo ddicato il focus dl numro 2/2006 proprio al crdito al consumo. Oggi, a distanza di circa du anni, aggiorniamo i

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Europa: la nuova etichetta alimentare è legge

Europa: la nuova etichetta alimentare è legge Argomnti Europa: la nuova tichtta alimntar è lgg Emanula Bianchi Dopo quasi quattro anni di continui confronti è stato pubblicato il nuovo rgolamnto uropo dstinato a modificar l tichtt di prodotti alimntari.

Dettagli

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA prot2581_14.pdf http://www.istruzion.it/allgatì/2014/prot2581 M1URAOODGOS prot. 2581 Roma, 09/04/2014 isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA MATERNA ELftfctfTArtE H MEDIA «WALETTO (CTl Ai Dirttori Gnrali dgli

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1 Argomnti Conciliazion dll controvrsi: il ruolo dll associazioni di consumatori 1 Pitro Pradri Il CNCU (Consiglio Nazional di Consumatori Utnti) ha approvato il documnto con il qual si chid al Ministro

Dettagli

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO Abbiamo iniziato a lggr in class Nonno Tano la casa dll strgh. Lo scopo ra ascoltar comprndr. Sguir la mastra ch dava sprssività alla lttura imparar da lla a lggr.

Dettagli

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Pubblicità ingannvol: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Marco Di Toro Individuati tr sttori, la biglittria ara low cost, i viaggi il turismo, infin, il crdito al consumo, si è procduto alla

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

2.2 L analisi dei dati: valutazioni generali

2.2 L analisi dei dati: valutazioni generali 2.2 L analisi di dati: valutazioni gnrali Di sguito (figur 7-) vngono riportat l informazioni più intrssanti rilvat analizzando globalmnt la banca dati dll tichtt raccolt. Considrando ch l tichtta nutrizional

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo Il Codic di dontologia in tma di crditi al consumo Fabio Picciolini La rfrnza crditizia riguarda tutti i cittadini l imprs poiché, a front di ogni richista di aprtura di un rapporto crditizio, gli opratori

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento COMUNE DI PALERMO Ara dll Politich di Sviluppo Fondi Strutturali Palazzo Calltti - Piazza Marìna, n.46-90133 PALERMO Tl.0917406363 Sito inlrnt h h h.comun.!alrmo it c.a.p. 90133 c.f. 80016350821 Al Sig.

Dettagli

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato?

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato? Agcm: autorità garant di consumatori dl mrcato? Francsco Silva Srgio Di Nola La lina d intrvnto dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl è mutata ngli ultimi cinqu anni. L sanzioni pr abusi cartlli hanno

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UN IVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Rgional Vill Vnt VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE PROTOCOLLO D'INTESA TRA l'ufficio Scolastico Rgional pr il Vnto l' A~sociazion pr l

Dettagli

Politiche fiscali per la famiglia

Politiche fiscali per la famiglia Politich fiscali pr la famiglia Tatiana Onta Lo Stato social fonda l su radici nlla Costituzion: infatti, compito dllo Stato è il sostgno alla famiglia alla matrnità, 1 utilizzando l ntrat gnrat da un

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Markting Multicanalità Stratgi, markting innovazion finanziaria Innovar attravrso la multicanalità: una sfida pr comptr nl mondo dl Privat Banking 4 Andra Ragaini, Banca Csar Ponti Giancarlo Cairoli, Banca

Dettagli

Multiproprietà: recepite le nuove regole

Multiproprietà: recepite le nuove regole Argomnti Multiproprità: rcpit l nuov rgol Valntina Apruzzi L introduzion di principi comunitari nl nostro ordinamnto mdiant il D.Lgs. n. 79/2011 mira a colmar l lacun dlla prcdnt normativa in matria di

Dettagli

Riepilogo Generale delle Spese - Anno 2007 TITOLO I - SPESE CORRENTI. beni di Prestazioni Utilizzo passivi Imposte straordinari Ammort.

Riepilogo Generale delle Spese - Anno 2007 TITOLO I - SPESE CORRENTI. beni di Prestazioni Utilizzo passivi Imposte straordinari Ammort. 1 TITOLO I - SPESE CORRENTI Intrvnti Srvizi organi istituzionali, partcipazion dcntramnto sgrtria gnral, prsonal organizzazion gstion conomica, finanziaria, programmazion, gstion dll ntrat tributari srvizi

Dettagli

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali Dcrto Lgislativo n. 81/08 Miglioramnto sut sicurzza di lavoratori Dvrto Lgislativo N 106/09 Attuazion dll articolo 1 lgg 3 agosto 2007 n 123 in matria di tutla sut sicurzzani luoghi di lavoro Dirttiva

Dettagli

Contesto. I dettagli del testo in votazione. Comunicato stampa

Contesto. I dettagli del testo in votazione. Comunicato stampa Dipartimnto fdral dll ambint, di trasporti, dll nrgia dll comunicazioni DATEC Sgrtria gnral SG-DATEC Srvizio stampa Argomntario Risanamnto dlla gallria autostradal dl San Gottardo: posizion dl Consiglio

Dettagli

L origine dell aumento dei prezzi dei cereali

L origine dell aumento dei prezzi dei cereali L origin dll aumnto di przzi di crali Matild Frrtto L aumnto di przzi di bni drivati dalla trasformazion di crali (pan, biscotti, pasta cc.) è fort, ma fors i suoi fftti sono più sri pr i pasi povri ch

Dettagli

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

Politica dei consumi e federalismo in Germania 1. Cornelia Tausch

Politica dei consumi e federalismo in Germania 1. Cornelia Tausch Politica di consumi fdralismo in Grmania 1 Cornlia Tausch La Grmania è un smpio di Stato fdral in cui si è riusciti a conciliar l signz di 16 diffrnti Ländr. Tal organizzazion fa sì ch ci siano divrsi

Dettagli