La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da obiettivo di risparmio a strategia organizzativa e di conciliazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da obiettivo di risparmio a strategia organizzativa e di conciliazione"

Transcript

1 La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da obiettivo di risparmio a strategia organizzativa e di conciliazione Dipartimento organizzazione, personale e affari generali Luca Comper Servizio per il personale Ufficio sviluppo risorse umane Paola Borz

2 Progetto TelePat Verso la fine del 2011 la Provincia Autonoma di Trento ha iniziato a formulare e proporre un piano di sviluppo del telelavoro che prevedesse la sua implementazione come modalità lavorativa ed organizzativa all interno dell Amministrazione provinciale Data di lancio dell esperienza di telelavoro nell ente Provincia Autonoma Data conclusiva del progetto pilota o della sperimentazione del telelavoro nell ente Provincia Autonoma Giugno 2012 Giugno 2015

3 I quattro assi strategici alla base del progetto di telelavoro riduzione dei costi di gestione e riorganizzazione dell Amministrazione valorizzazione della conciliazione investimento e utilizzo ICT valorizzazione/miglioramento del territorio e dell ambiente.

4 sviluppo in progress di due nuovi assi Risparmio economico Conciliazione Comunità e ambiente I.c.t. Impatto organizzativo Age management: in linea con l Europa

5 Le tre modalità di telelavoro TELELAVORO TELELAVORO STRUTTURATO TELELAVORO ORGANIZZATIVO TELELAVORO A DOMICILIO Risponde maggiormente a: problemi di salute propri o di familiari e di conciliazione TELELAVORO IN TELECENTRI Risponde maggiormente a problemi di distanza e conciliazione ed è incentivato dalla legge provinciale 1/2011 sulla famiglia TELELAVORO MOBILE Modalità organizzativa innovativa indicata per dirigenti, direttori e personale con alta qualifica, in parte già esistente in PAT, ma non disciplinata

6 Il telelavoro in P.A.T. : a che punto siamo Postazioni strutturate attivate: 211, di cui 117 postazioni domiciliari e 94 da telecentro con 12 sedi sul territorio Postazioni con modalità di telelavoro mobile per dirigenti/direttori: 30 TIPOLOGIA TELELAVORO Postazioni attivate Domiciliare 117 Da tele centro (12 sedi) 94 Telelavoro mobile

7 Dislocazione sul territorio delle postazioni strutturate del telelavoro Malosco Fondo Cavareno Fuori Provincia 2 Mezzana Dimaro Cles 15 Ton Romeno Campodenno Denno Mezzocorona 1 Predazzo 3 Praso Cembra Fai della paganella 2 Baselga di Pinè Mezzolombardo Giovo Molveno S.Michele Lona Lases Bedollo Stenico Lavis Vezzano Civezzano Terlago 35 San Lorenzo Trento in banale Pergine 8 Tione Ledro 8 Lasino Cavedine 5 Mori Brentonico Rovereto 8 Caldonazzo Bosentino Levico Terme Centa San nicolòo Arco Villalagarina Besenello Luserna Volano Ronzo 2 Chienis Folgaria Riva del Garda 9 Aldeno 10 Borgo Valsugana Castello Tesino Grigno Terragnolo Ala

8 Risultati ad oggi per ogni asse Risparmio economico azzeramento dello straordinario riduzione della spesa per il servizio alternativo di mensa minori costi di missione progetti di risparmio informatico razionalizzazione degli spazi formazione (non ci sono stati costi aggiuntivi) I.c.t.

9 Risultati ad oggi per ogni asse Conciliazione riduzione dei tempi e dei costi degli spostamenti migliore armonizzazione tra vita lavorativa e vita familiare e personale modifiche all orario di lavoro (aumento dell orario di lavoro, della presenza in servizio riduzione del ricorso a congedi ed aspettative per rispondere a esigenze di cura riduzione malattia breve

10 Risultati ad oggi per ogni asse I.C.T. Sviluppo e-works e-phone Sviluppo nuove competenze informatiche e tecnologiche Reti sul territorio e fibra ottica Utilizzo da remoto di alcuni programmi

11 Risultati ad oggi per ogni asse Comunità e ambiente riduzione dell inquinamento atmosferico miglioramento della viabilità riduzione dell affollamento sui mezzi pubblici nelle ore di punta partecipazione alla comunità promozione del benessere individuale e sociale nascita di sinergie territoriali

12 ..risultati sui due nuovi assi.. Impatto organizzativo Age management: in linea con l Europa Soluzioni innovative sull'organizzazione del lavoro all'interno dell'amministrazione provinciale: dalla cultura della presenza alla cultura del risultato dalla cultura del precedente alla cultura del nuovo da una cultura gerarchico-funzionale ad una discrezionale-autonoma dalla comunicazione verticale alla comunicazione orizzontale miglioramento delle conoscenze informatiche e trasversali possibilità di lavorare su più sedi creazione di microstrumenti buone prassi all interno delle strutture che possono essere trasferite Gestione del personale di un organizzazione con il particolare riguardo all'invecchiamento dello stesso, mediante delle specifiche misure.

13 Alcuni elementi importanti per l attuazione del progetto FORMAZIONE per telelavoratori, responsabili e colleghi prima e durante il telelavoro E_WORKS per contatti costanti (chat, video, telefono, condivisione documenti) con responsabili, colleghi e utenza

14 E. Postazione di lavoro per i telelavoratori UFFICIO: computer portatile, monitor, tastiera, mouse e docking station CASA: Uno o nessun monitor, testiera e mouse TELECENTRO: postazioni condivise con monitor, tastiera, mouse direttamente da collegare al pc portatile senza docking station Per tutti i telelavoratori domiciliari la PAT mette a disposizione una rete VPN (virtual private network) per poter lavorare come in ufficio.

15 E Per telelavoratori che non hanno necessità di software specifici è in sperimentazione anche BYOD (bring your own device) che permette di utilizzare i propri dispositivi personali (personal computer) per accedere alla VPN aziendale

16 Monitoraggio del progetto Informazioni ricavabili dalle banche dati interne Indicatori qualitativi e quantitativi delle attività svolte in telelavoro Questionari a telelavoratori e telelavoratrici Questionari ai responsabili (dirigenti e direttori) delle strutture in cui sono presenti telelavoratori Focus group di un campione significativo di quanti e quante stanno sperimentando il telelavoro In entrambi i casi sono stati compilati on line in maniera anonima

17 In concreto il telelavoro IMPATTI SULL ORGANIZZAZIONE DAL PUNTO DI VISTA DEL DIPENDENTE Risultati dei questionari compilati dai telelavoratori Influenze positive del telelavoro nella sfera lavorativa Collaborazione con i colleghi Clima lavorativo Aumento dell autostima Pianificazione delle attività Gestione delle urgenze Sviluppo di maggiore flessibilità Sviluppo di strumenti organizzativi innovativi Sviluppo di procedure innovative Riduzione dei tempi di risposta o di evasione delle pratiche 0,00% 10,00% 20,00% 30,00% 40,00% 50,00% 60,00%

18 In concreto il telelavoro IMPATTI SULL ORGANIZZAZIONE DAL PUNTO DI VISTA DEL RESPONSABILE Risultati dei questionari compilati dai responsabili dei telelavoratori 11% 11% Impatti sul lavoro: modifiche produttività 18% 78% Entrambi ' Qualitativo ' Quantitativo ' 82% Aumentata ' Ugualmente positiva '

19 Progetti per il futuro Avvio di nuove postazioni nel corso dell estate (circa 30) Sperimentazione su profili diversi dai direttori e dirigenti del telelavoro mobile Sottoscrizione accordo sindacale e stabilizzazione del lavoro agile in autunno Raggiungimento di circa 400 postazioni entro il 2018

20 Grazie per l attenzione Per info:

Progetto TelePAT Da sperimentazione a realtà organizzativa vincente

Progetto TelePAT Da sperimentazione a realtà organizzativa vincente Progetto TelePAT Da sperimentazione a realtà organizzativa vincente A cura del gruppo di lavoro TelePAT Le tre modalità di telelavoro implementate STRUTTURATO ORGANIZZATIVO A DOMICILIO Risponde maggiormente

Dettagli

Lavoro Agile in Italia

Lavoro Agile in Italia 2.0 Lavoro Agile in Italia L esperienza della Provincia Autonoma di Trento Convegno di Kick-Off del Progetto E.L.E.N.A. Aprile 2016 Roma Servizio per il personale Ufficio sviluppo risorse umane Paola Borz

Dettagli

L esperienza di Smart Working della Provincia autonoma di Trento

L esperienza di Smart Working della Provincia autonoma di Trento LA DIGITALIZZAZIONE NEL SISTEMA PRODUTTIVO FERRARESE: PIANI, REALIZZAZIONI E PROSPETTIVE DALL EUROPA A FERRARA L esperienza di Smart Working della Provincia autonoma di Trento A cura: dott. Luca Comper

Dettagli

La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da obiettivo di risparmio a strategia organizzativa e di conciliazione

La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da obiettivo di risparmio a strategia organizzativa e di conciliazione La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da obiettivo di risparmio a strategia organizzativa e di conciliazione Servizio per il personale Ufficio sviluppo risorse umane Paola Borz

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

Rilevazione sulla consistenza e la dislocazione territoriale degli appartenenti alle popolazioni di lingua ladina, mòchena e cimbra*

Rilevazione sulla consistenza e la dislocazione territoriale degli appartenenti alle popolazioni di lingua ladina, mòchena e cimbra* Marzo 2014 Rilevazione sulla consistenza e la dislocazione territoriale degli appartenenti alle popolazioni di lingua ladina, mòchena e cimbra* (15 Censimento generale della e delle abitazioni - dati definitivi)

Dettagli

COLLEGIO ELETTORALE DI TRENTO DATI ELETTORALI DISTINTI PER COMUNE WAHLKREIS TRIENT WAHLERGEBNISSE NACH GEMEINDEN

COLLEGIO ELETTORALE DI TRENTO DATI ELETTORALI DISTINTI PER COMUNE WAHLKREIS TRIENT WAHLERGEBNISSE NACH GEMEINDEN COLLEGIO ELETTORALE DI TRENTO DATI ELETTORALI DISTINTI PER COMUNE WAHLKREIS TRIENT WAHLERGEBNISSE NACH N COMUNE/ ELETTORI ISCRITTI EINGETRA- GENE WÄHLER VOTANTI ABSTIMMENDE 1 ALA 5722 4618 80.71 109 2.57

Dettagli

F187-0013517-29/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02)

F187-0013517-29/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) F187-0013517-29/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) BANDO PER L AMMISSIONE ALLA CONVENZIONE PER LO SCARICO IN FOGNATURA DEI REFLUI DELLE P.M.I. AGROALIMENTARI, secondo quanto previsto dalla deliberazione

Dettagli

ELENCO CODICI E DENOMINAZIONI DELLE SCUOLE PRIMARIE ESPRIMIBILI AI FINI DELLA MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE

ELENCO CODICI E DENOMINAZIONI DELLE SCUOLE PRIMARIE ESPRIMIBILI AI FINI DELLA MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE SERVIZIO PERSONALE DELLA SCUOLA E ATTIVITA' CONTABILI - Ufficio Reclutamento e gestione disciplinare personale della scuola - ELENCO CODICI E DENOMINAZIONI DELLE SCUOLE PRIMARIE ESPRIMIBILI AI FINI DELLA

Dettagli

ELENCO DEI CODICI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI PER L INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO PER GLI ANNI SCOLASTICI 2014/ 2017

ELENCO DEI CODICI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI PER L INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO PER GLI ANNI SCOLASTICI 2014/ 2017 icir_tn-17/06/2014-0003064 - Allegato Utente 2 (A02) Allegato parte integrante ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI ELENCO DEI CODICI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI PER L INSERIMENTO NELLE

Dettagli

Elenco degli enti e delle aziende di credito a carattere regionale aventi sede legale in provincia di Trento (riferito alla data del 31 dicembre 2014)

Elenco degli enti e delle aziende di credito a carattere regionale aventi sede legale in provincia di Trento (riferito alla data del 31 dicembre 2014) Bollettino Ufficiale n. 33/I-II del 18/08/2015 / Amtsblatt Nr. 33/I-II vom 18/08/2015 78 101302 Disposizioni - determinazioni - Parte 1 - Anno 2015 Provincia Autonoma di Trento DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

Dettagli

PROGETTO TELEPAT. Implementazione del Telelavoro nella Provincia Autonoma di Trento Formazione per telelavoratori/trici. trici

PROGETTO TELEPAT. Implementazione del Telelavoro nella Provincia Autonoma di Trento Formazione per telelavoratori/trici. trici PROGETTO TELEPAT Implementazione del Telelavoro nella Provincia Autonoma di Trento Formazione per telelavoratori/trici trici Aprile 2013 Paola Cont Servizio per il personale di Paola Cont 1 Prima di cominciare

Dettagli

F24 IMIS, TARSU/TARIFFA, TOSAP/COSAP,

F24 IMIS, TARSU/TARIFFA, TOSAP/COSAP, CODICE CATASTALE CODICE TRIBUTO DATA ATTIVAZIONE (AAAA/MM/GG) TIPO TRIBUTO DENOMINAZIONE COMUNE A116 3990 2015/06/01 IMIS ALA A116 3991 2015/06/01 IMIS ALA A116 3992 2015/06/01 IMIS ALA A116 3993 2015/06/01

Dettagli

La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da rarità sperimentale a modello prevalente per il futuro?

La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da rarità sperimentale a modello prevalente per il futuro? La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da rarità sperimentale a modello prevalente per il futuro? Servizio per il personale Ufficio sviluppo risorse umane Paola Borz Roma 2 dicembre

Dettagli

LA SCUOLA TRENTINA DI DOMANI: IL PIANO DELL OFFERTA SCOLASTICA E FORMATIVA OBIETTIVO: QUALITA

LA SCUOLA TRENTINA DI DOMANI: IL PIANO DELL OFFERTA SCOLASTICA E FORMATIVA OBIETTIVO: QUALITA LA SCUOLA TRENTINA DI DOMANI: IL PIANO DELL OFFERTA SCOLASTICA E FORMATIVA OBIETTIVO: QUALITA LE PRIORITA Rafforzare l orientamento scolastico per ridurre la dispersione e l insuccesso scolastico Fare

Dettagli

Sezione B - elenco provinciale del volontariato di protezione civile - art.49 L.P.9/2011. Pagina 1

Sezione B - elenco provinciale del volontariato di protezione civile - art.49 L.P.9/2011. Pagina 1 SEZIONE ELENCO INDIRIZZO SEDE TELEFONO RAGIONE SOCIALE LEGALE CAP CITTÁ CODICE FISCALE SEDE FAX SEDE E-MAIL PEC CORPO DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DEL CONSORZIO DI B PRIMIERO V.LE PIAVE, 85 38054 TRANSACQUA

Dettagli

PLAFOND: 100.000.000 euro TASSO OMNICOMPRENSIVO: Tasso finito pari a 100bps (pro-solvendo)

PLAFOND: 100.000.000 euro TASSO OMNICOMPRENSIVO: Tasso finito pari a 100bps (pro-solvendo) BANCHE ADERENTI CASSA CENTRALE BANCA-CREDITO COOPERATIVO DEL NORD EST CASSE RURALI TRENTINE ADERENTI (Contatti nell'elenco allegato) CONDIZIONI APPLICATE PLAFOND: 100.000.000 euro Tasso finito pari a 100bps

Dettagli

Le Cooperative Socie

Le Cooperative Socie Le Cooperative Socie Chi siamo Con.Solida è il sistema delle cooperative sociali trentine: organizzazioni che si rivolgono a tutta la comunità offrendo servizi educativi e ricreativi, di cura e di assistenza

Dettagli

Avversità Atmosferiche Tariffe

Avversità Atmosferiche Tariffe 21101 ALA 700 ACTINIDIA B FS 5,40 11,90 4,48 2,80 21102 ALDENO 700 ACTINIDIA B FS 7,30 13,60 13,44 8,40 21001 ARCO 700 ACTINIDIA B FS 5,40 11,90 4,48 2,80 21103 AVIO 700 ACTINIDIA B FS 5,40 11,90 4,48

Dettagli

TELELAVORO IN POSTE ITALIANE

TELELAVORO IN POSTE ITALIANE Telelavoro in Poste Italiane 1 TELELAVORO IN POSTE ITALIANE 10 novembre 2008 Telelavoro Customer Services 2 Il Il risultati Employee Satisfaction Index 2008 nel CS Focus sul Telelavoro ESI Customer Services

Dettagli

SMART WORKING. Lavoro agile

SMART WORKING. Lavoro agile SMART WORKING Lavoro agile 25 MARZO 2015: GIORNATA DEL LAVORO AGILE Promossa dal Comune di Milano Imprese private ed Enti pubblici (7.000 partecipanti, aumento del 20% rispetto al 2014) Adesioni da tutta

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

SOCIETA' A PARTECIPAZIONE PUBBLICA OPERANTI NELLE ATTIVITA' COMMERCIALI, DI TRASPORTO, PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO

SOCIETA' A PARTECIPAZIONE PUBBLICA OPERANTI NELLE ATTIVITA' COMMERCIALI, DI TRASPORTO, PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO ETA' A PARTECIPAZIONE PUBBLICA OPERANTI NELLE ATTIVITA' COMMERCIALI, DI TRASPORTO, PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO PARTECIPAZIONI AZIONARIE (dati della Camera di Commercio

Dettagli

Tabella B Collegi uninominali Trentino Alto Adige/Südtirol

Tabella B Collegi uninominali Trentino Alto Adige/Südtirol TabellaB CollegiuninominaliTrentinoAltoAdige/Südtirol 4 401 TrentinoAltoAdige/Südtirol 01 Bolzano Laives 4 402 TrentinoAltoAdige/Südtirol 02 Aldino Andriano Anterivo AppianosullaStradadelVino Badia Barbiano

Dettagli

IMPRENDITORI AGRICOLI PER GENERE comunità Comune 1^ sezione 2^ sezione

IMPRENDITORI AGRICOLI PER GENERE comunità Comune 1^ sezione 2^ sezione Anno 2013 IMPRENDITORI AGRICOLI PER GENERE comunità Comune 1^ sezione 2^ sezione Totale cod denominazione cod denominazione M F M F M F 10 DELLA VALLAGARINA 1 ALA 71 5 73 5 144 10 5 DELLA VALLE DI CEMBRA

Dettagli

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI FONDO CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO I progetti della cooperazione 16 Maggio 2012 - ore 9..00 Palazzo Cisterna Sala Consiglieri Via Maria Vittoria 12 - Torino QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2946 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Riparto del Fondo per le politiche giovanili, cofinanziamento delle spese relative

Dettagli

Anno 2014 IMPRESE AGRICOLE PER INDIRIZZO PRODUTTIVO 2 SEZIONE comunità Comune INDIRIZZO PRODUTTIVO cod denominazione cod denominazione fru vit zoo

Anno 2014 IMPRESE AGRICOLE PER INDIRIZZO PRODUTTIVO 2 SEZIONE comunità Comune INDIRIZZO PRODUTTIVO cod denominazione cod denominazione fru vit zoo Anno 2014 IMPRESE AGRICOLE PER INDIRIZZO PRODUTTIVO 2 SEZIONE comunità Comune INDIRIZZO PRODUTTIVO cod denominazione cod denominazione fru vit zoo fru/vit fru/zoo fru/vit/zoo vit/zoo altro TOTALE 10 DELLA

Dettagli

Provincia autonoma di Trento - Programma operativo FSE 2007/2013 - Elenco dei beneficiari al 30.06.2014

Provincia autonoma di Trento - Programma operativo FSE 2007/2013 - Elenco dei beneficiari al 30.06.2014 riferimento Asse Misura Codice del Beneficiario Titolo del totale 2007 1 A 2007_1A.02.1-Co-PMI-10 CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E PREVENZIONE INFORTUNISTICA DELL'EDILIZIA DELLA PROVINCIA AUTONOMA

Dettagli

2011 IMPRENDITORI ISCRITTI PER SEZIONE

2011 IMPRENDITORI ISCRITTI PER SEZIONE Anno 2011 IMPRENDITORI ISCRITTI PER SEZIONE comunità comprensorio Comune Imprenditore singolo Imprenditori associati totale imprenditori cod denominazione cod denominazione cod denominazione Totale 1^

Dettagli

Provincia autonoma di Trento - Programma operativo FSE 2007/2013 - Elenco dei beneficiari al 30.06.2014

Provincia autonoma di Trento - Programma operativo FSE 2007/2013 - Elenco dei beneficiari al 30.06.2014 riferimento Asse Misura Codice del Soggetto attuatore Titolo del totale 2007 1 A 2007_1A.02.1-Co-PMI-10 CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E MURATORE QUALIFICATO 21.779,00 21.779,00 Concluso PREVENZIONE

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento Dipartimento Organizzazione, personale e affari generali Servizio per il Personale Ufficio Gestione e organizzazione

Provincia Autonoma di Trento Dipartimento Organizzazione, personale e affari generali Servizio per il Personale Ufficio Gestione e organizzazione Provincia Autonoma di Trento Dipartimento Organizzazione, personale e affari generali Servizio per il Personale Ufficio Gestione e organizzazione Settembre 2011 Sviluppo modalità di applicazione e realizzazione

Dettagli

Importo totale impegnato. Importo totale pagato. Stato del progetto 31.395,00 31.395,00 Concluso. 59.997,95 59.997,95 Concluso

Importo totale impegnato. Importo totale pagato. Stato del progetto 31.395,00 31.395,00 Concluso. 59.997,95 59.997,95 Concluso riferimento Asse Misura Codice del Beneficiario Titolo del 2007 3 G 2007/var1 UFFICIO FONDO EUROPEO Assegnazione e finanziamento Indennità Integrativa di Conciliazione prevista dalla deliberazione della

Dettagli

Al Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione Generale per l Impiego divisione IV Roma

Al Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione Generale per l Impiego divisione IV Roma Al Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione Generale per l Impiego divisione IV Roma Oggetto: progetto di azioni positive per la flessibilità ai sensi dell art. 9 L. 8 marzo 2000 n. 53

Dettagli

Estratto dell'elenco provinciale del volontariato di protezione civile - legge provinciale 1 luglio 2011, n.9, art.49 SEZIONE B

Estratto dell'elenco provinciale del volontariato di protezione civile - legge provinciale 1 luglio 2011, n.9, art.49 SEZIONE B SEZIONE SEZIONE ELENCO RAGIONE SOCIALE INDIRIZZO SEDE LEGALE CAP CITTÁ CODICE FISCALE TELEFONO SEDE FAX SEDE E-MAIL PEC VOLONTARI DEL CONSORZIO DI PRIMIERO V.LE PIAVE, 85 38054 TRANSACQUA 81004670220 0439762666

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Lo standard di certificazione Family Audit Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Il Family Audit Il Family Audit è una certificazione aziendale che riconosce l'impegno di un'organizzazione per l

Dettagli

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Il Piano provinciale per la promozione delle vaccinazioni ha una durata triennale, coprendo gli anni 2012, 2013 e 2014.

Dettagli

Allegato parte integrante Allegato A2)

Allegato parte integrante Allegato A2) ALLEGATO A2) PROSPETTO ASSEGNAZIONE DEFINITIVA PER RISORSE STUDENTI CON BES A.S. 2016-17 PRIMO CICLO D'ISTRUZIONE - SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO PROVINCIALI ISTITUTO COMPRENSIVO ALA "Antonio Bresciani"

Dettagli

Comune di Primiero S.Martino di Castrozza dall'1/1/2016. Comune di Castel Ivano dal 1/1/2016

Comune di Primiero S.Martino di Castrozza dall'1/1/2016. Comune di Castel Ivano dal 1/1/2016 1 3 VALLE DI FIEMME 2 PRIMIERO VALSUGANA E TESINO 1.1 1.2 2.1 PREDAZZO 4.539 ZIANO DI FIEMME 1.692 PANCHIA' 813 TESERO 2.943 Totale ambito 1.1 9.987 CAVALESE 4.065 CASTELLO MOLINA DI FIEMME 2.289 CARANO

Dettagli

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Handimatica 2014 Convegno Welfare Aziendale Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Bologna, 27 novembre 2014 Telelavoro: la dimensione sociale, economica e organizzativa Il Telelavoro consente di conciliare

Dettagli

PRONTI A RIPARTIRE Formazione breve per disoccupati e cassaintegrati

PRONTI A RIPARTIRE Formazione breve per disoccupati e cassaintegrati PRONTI A RIPARTIRE breve per disoccupati e cassaintegrati L Agenzia del Lavoro della Provincia autonoma di Trento, in collaborazione con FIDIA S.r.l., nell ambito delle azioni a cofinanziamento europeo,

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 C1 - VALLE DI FIEMME - ZONA A Comuni di: CAPRIANA, CASTELLO MOLINA DI FIEMME (P), VALFLORIANA BOSCO - CLASSE A: BOSCO CEDUO 16000,00 21-BOSCO CEDUO CLASSE A

Dettagli

I servizi cloud per la didattica

I servizi cloud per la didattica I servizi cloud per la didattica Un servizio offerto da DidaCloud srls Fare startup significa fare cose nuove che cambiano la vita propria e altrui Riccardo Luna, primo direttore dell edizione italiana

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

CARTA DI SINTESI GEOLOGICA NORME DI ATTUAZIONE

CARTA DI SINTESI GEOLOGICA NORME DI ATTUAZIONE CARTA DI SINTESI GEOLOGICA NORME DI ATTUAZIONE Le presenti norme disciplinano le indagini e le relazioni da espletare a supporto di progetti per opere ed interventi soggetti a concessione e/o autorizzazione

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA, RESIDENTE IN PROVINCIA DI TRENTO, AL 1 GENNAIO 2014

LA POPOLAZIONE STRANIERA, RESIDENTE IN PROVINCIA DI TRENTO, AL 1 GENNAIO 2014 LA POPOLAZIONE STRANIERA, RESIDENTE IN PROVINCIA DI TRENTO, AL 1 GENNAIO 2014 MOVIMENTO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE STRANIERA TOTALE NELL'ANNO 2013, PER COMUNITA' DI VALLE E COMUNE tà Valle cittananza

Dettagli

X Datore di lavoro pubblico

X Datore di lavoro pubblico AZIONE 3 - attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

TELEPAT 2.0 L esperienza di lavoro a distanza della Provincia Autonoma di Trento. Aprile 2017

TELEPAT 2.0 L esperienza di lavoro a distanza della Provincia Autonoma di Trento. Aprile 2017 TELEPAT 2.0 L esperienza di lavoro a distanza della Provincia Autonoma di Trento Aprile 2017 L ente Provincia Autonoma di Trento 4196 unità personale Presso strutture Maschi PAT 49% 3929,16 Femmine 51%

Dettagli

CASSA RURALE Filiale COMUNE CASSA RURALE GIUDICARIE VALSABBIA PAGANELLA Via Marconi, 10-C- Agnosine 25071 (BS) AGNOSINE (BS) CASSA RURALE BASSA

CASSA RURALE Filiale COMUNE CASSA RURALE GIUDICARIE VALSABBIA PAGANELLA Via Marconi, 10-C- Agnosine 25071 (BS) AGNOSINE (BS) CASSA RURALE BASSA CASSA RURALE Filiale COMUNE CASSA RURALE GIUDICARIE VALSABBIA PAGANELLA Via Marconi, 10-C- Agnosine 25071 (BS) AGNOSINE (BS) CASSA RURALE BASSA VALLAGARINA Chizzola all'adige - Via Canestrini, 18 ALA CASSA

Dettagli

F.I.G.C. L.N.D. S.G.S. COMITATO PROVINCIALE AUTONOMO DI TRENTO. ALLIEVI 1. fase qualificaz. Elite 2014 2015 - GIRONE A

F.I.G.C. L.N.D. S.G.S. COMITATO PROVINCIALE AUTONOMO DI TRENTO. ALLIEVI 1. fase qualificaz. Elite 2014 2015 - GIRONE A ALLIEVI 1. fase qualificaz. Elite 2014 2015 - GIRONE A ANAUNE V.DI NON - AZZURRA SB AZZURRA SB - VIPO TRENTO MEZZOCORONA - BASSA ANAUNIA BASSA ANAUNIA - ANAUNE V.DI NON VIPO TRENTO - ROTALIANA ROTALIANA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

Aggiornamento del quadro provinciale dell'offerta scolastica per il secondo ciclo d'istruzione con decorrenza dall'anno scolastico 2015/2016

Aggiornamento del quadro provinciale dell'offerta scolastica per il secondo ciclo d'istruzione con decorrenza dall'anno scolastico 2015/2016 Aggiornamento del quadro provinciale dell'offerta scolastica per il secondo ciclo d'istruzione con decorrenza dall'anno scolastico 2015/2016 Istituto Sede Percorsi attivi dall'a.s. 2015/2016 COMUNITA'

Dettagli

La dimensione media delle famiglie è di 2,3 componenti; al Censimento del 1951 il numero medio di componenti per famiglia era pari a 3,9.

La dimensione media delle famiglie è di 2,3 componenti; al Censimento del 1951 il numero medio di componenti per famiglia era pari a 3,9. Giugno 2012 15 Censimento della popolazione e delle abitazioni Rilevazione sulla consistenza e la dislocazione territoriale degli appartenenti alle popolazioni di lingua ladina, mòchena e cimbra (dati

Dettagli

Family Audit. Guida pratica

Family Audit. Guida pratica Family Audit Guida pratica Cos è il Family Audit Strumento manageriale che promuove un cambiamento culturale e organizzativo all interno delle organizzazioni, e consente alle stesse di adottare politiche

Dettagli

Il Trentino in RETE. Trentino Network s.r.l.

Il Trentino in RETE. Trentino Network s.r.l. Il Trentino in RETE Trentino Network s.r.l. Marzo 2011 I Progetti Provinciali DORSALE IN FIBRA OTTICA completamento previsto fine 2011 primi mesi 2012 RETE RADIO (Winet) per l estensione di connettività

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

FAQ Risposte alle domande frequenti

FAQ Risposte alle domande frequenti FAQ Risposte alle domande frequenti GENERALI Alcune attività di segreteria (Rilevazione presenze e PI.TRE come attività principali) possono essere svolte da telecentro o da casa? Alcune attività di segreteria

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Progetto cofinanziato dal Fondo sociale europeo nell ambito del Programma Operativo FSE Ob. 2 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PRONTI A RIPARTIRE

Progetto cofinanziato dal Fondo sociale europeo nell ambito del Programma Operativo FSE Ob. 2 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PRONTI A RIPARTIRE Società aggiudicataria del servizio: FIDIA S.r.l. e consulenza per la gestione d impresa con sede in Trento, Via Lunelli 47 L Agenzia del Lavoro della Provincia autonoma di Trento ha approvato l aggiudicazione

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica

Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica Il Servizio Statistica della Provincia Autonoma di Trento autorizza la riproduzione parziale o totale del presente volume con la citazione della fonte.

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

INFORMASALUTE. I Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di TRENTO. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i Cittadini stranieri

INFORMASALUTE. I Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di TRENTO. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i Cittadini stranieri Progetto co-finanziato dall Unione Europea Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e Povertà Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e Comunicazione Ministero dell Interno Dipartimento per

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione del Cliente ed emissione Carta dei Servizi

Indagine sulla soddisfazione del Cliente ed emissione Carta dei Servizi P R E S E N T A ZI O N E D I ITINERIS S.R.L. Itineris nasce nel a Trento su iniziativa di un gruppo di professionisti con esperienza pluriennale nella consulenza ad aziende ed enti pubblici. I settori

Dettagli

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE SETTEMBRE 2009 PREMESSA Il progetto ASTER PER LA CONCILIAZIONE è realizzato da Aster S.c.p.a. (di seguito ASTER) a seguito dell ammissione a parziale

Dettagli

UComm CONNECT TO THE CLOUD

UComm CONNECT TO THE CLOUD CONNECT TO THE CLOUD CHI È TWT TWT S.p.A., operatore di telecomunicazioni dal 1995, offre ai propri clienti e partner una gamma completa di soluzioni ICT integrate e innovative, personalizzate in base

Dettagli

Milano 16 Dicembre 2014. A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita

Milano 16 Dicembre 2014. A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita Milano 16 Dicembre 2014 A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita 31 marzo 2014 5 maggio 2014 4 giugno 2014 Sottoscrizione accordo per la valorizzazione

Dettagli

Audit. Il Family Audit in Trentino e l esperienza della Fondazione Bruno Kessler

Audit. Il Family Audit in Trentino e l esperienza della Fondazione Bruno Kessler Il Family Audit in Trentino e l esperienza della Fondazione Bruno Kessler 2014 Family Audit: cos è? Linee Guida Aiuta le organizzazioni a realizzare un efficace, consapevole, duraturo ed economicamente

Dettagli

Focus Group: Vivaismo

Focus Group: Vivaismo Focus Group: Vivaismo Progetto F.I.S.I.Agri Progetto finanziato dal FSE e dalla Provincia di Pistoia Bando MM 2006-2007 FSE POR OB 3 mis. D1 PROGETTI INTEGRATI DI COMPARTO Che cos è F.I.S.I.Agri Un progetto

Dettagli

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano Piano di formazione e informazione dei Team di Valutazione alle indagini nazionali e internazionali Conferenze di servizio per i dirigenti scolastici Presentazione delle attività formative. Obiettivi e

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO POSSIAMO GARANTIRTELO: I CENTRI PER L IMPIEGO SONO VICINI, E TI SONO VICINI indice dei servizi ACCOGLIENZA ISCRIZIONE IN ELENCHI

Dettagli

CONGRESSO ORDINARIO DEL PATT Domenica 13 marzo 2016 Palarotari Mezzocorona (TN)

CONGRESSO ORDINARIO DEL PATT Domenica 13 marzo 2016 Palarotari Mezzocorona (TN) CONGRESSO ORDINARIO DEL PATT Domenica 13 marzo 2016 Palarotari Mezzocorona (TN) Vista la delibera del Consiglio del Partito di data 19 ottobre 2015 Visti gli artt. 13-14 - 15 dello Statuto del Partito

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari

L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITÀ Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Carlo Favaretti,,

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

BYOD e virtualizzazione

BYOD e virtualizzazione Sondaggio BYOD e virtualizzazione Risultati dello studio Joel Barbier Joseph Bradley James Macaulay Richard Medcalf Christopher Reberger Introduzione Al giorno d'oggi occorre prendere atto dell'esistenza

Dettagli

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab Diversity management & Best practices aziendali Gini Dupasquier donnalab Il contesto di riferimento esterno Le donne rappresentano almeno la metà dei talenti e valorizzarle significa sfruttare un più ampio

Dettagli

LAVORO AGILE. Iniziative di lavoro innovativo nel Comune di Venezia. come cambia il lavoro nella P.A. Fabio Garganego

LAVORO AGILE. Iniziative di lavoro innovativo nel Comune di Venezia. come cambia il lavoro nella P.A. Fabio Garganego LAVORO AGILE Iniziative di lavoro innovativo nel Comune di Venezia come cambia il lavoro nella P.A. 1 Settore Sistemi informativi e cittandianza digitale 1 Agenda... Contesto veneziano Normativa e regolamento

Dettagli

34 Punto di lettura via Santo Stefano 18 CLOZ TN CLOZ TRENTO 35 Biblioteca di Valle delle Giudicarie esteriori via Prati 1 COMANO TERME TN COMANO TERM

34 Punto di lettura via Santo Stefano 18 CLOZ TN CLOZ TRENTO 35 Biblioteca di Valle delle Giudicarie esteriori via Prati 1 COMANO TERME TN COMANO TERM Elenco denominazione Biblioteca aderente al Sistema Bibliotecario Trentino Allegato A 1 Biblioteca comunale via Roma 40 ALA TN ALA TRENTO 2 Biblioteca comunale via Pisetta 2 ALBIANO TN ALBIANO TRENTO 3

Dettagli

SCUOLE MUSICALI TRENTINE Dossier 2008 1

SCUOLE MUSICALI TRENTINE Dossier 2008 1 Servizio Attività culturali SCUOLE MUSICALI TRENTINE Dossier 28 1 CONTENUTI: 1. Il quadro normativo 2. Territorio e Scuole musicali 3. L offerta didattica 3.1 Gli orientamenti didattici 3.2 I corsi 3.3

Dettagli

ISTITUTI COMPRENSIVI - ANNO SCOLASTICO 2012/2013 FABBISOGNO PERSONALE ATA Differenza +/- Ass. di Lab. Scol. (cat. C) Coll. Scol. (cat.

ISTITUTI COMPRENSIVI - ANNO SCOLASTICO 2012/2013 FABBISOGNO PERSONALE ATA Differenza +/- Ass. di Lab. Scol. (cat. C) Coll. Scol. (cat. Fun. Amm. Scol. (Cat.D) Ass. Amcat. Ass. di Lab. Scol. (cat. C) e figure Note (Personale Tecnico) ISTITUTI COMPRENSIVI - ANNO SCOLASTICO 2012/2013 FABBISOGNO PERSONALE ATA Differenza +/- Denominazione

Dettagli

GRUPPO A GRUPPO B. ritiro quotidiano, fatti salvi giorni di chiusura e festivi

GRUPPO A GRUPPO B. ritiro quotidiano, fatti salvi giorni di chiusura e festivi GRUPPO A ritiro quotidiano, fatti salvi giorni di chiusura e festivi 1 Biblioteca civica piazza Garibaldi 5 38066 RIVA DEL GARDA TN RIVA DEL GARDA TRENTO 2 Biblioteca intercomunale via Marco da Cles 1

Dettagli

Ufficio V - Relazioni sindacali e benessere psicofisico UGROB

Ufficio V - Relazioni sindacali e benessere psicofisico UGROB 1 Il CUG Salute ha radici in una storica attenzione che l Amministrazione pone alla promozione della cultura della Parità Pari opportunità Benessere organizzativo Benessere psicofisico delle donne e degli

Dettagli

PROGETTO PON/FESR 2014-2020

PROGETTO PON/FESR 2014-2020 PROGETTO PON/FESR 2014-2020 Prot.n. AOODGEFID/12810 del 15 Ottobre 2015 Avviso pubblico rivolto alle Istituzioni Scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali Asse II Infrastrutture per

Dettagli

giurispruenza 8,45 15 23,45

giurispruenza 8,45 15 23,45 n. nome figura professionale attuale ente di appartenenza anno residenza titolo studio COMUNI DELLA COMUNITA' ROTALIANA-KÖNIGSBERG E P.A.T. 1 Carone Alfredo B evoluto 1-Comune di Mezzolombardo 38016 Mezzocorona

Dettagli

WELFARE AZIENDALE E DI COMUNITA. Genova, 4 ottobre, 2012

WELFARE AZIENDALE E DI COMUNITA. Genova, 4 ottobre, 2012 WELFARE AZIENDALE E DI COMUNITA Genova, 4 ottobre, 2012 WELFARE AZIENDALE 1 IL PROGETTO 6EFFE FLESSIBILITA A FAVORE DEI FIGLI E DELLE FAMIGLIE, FORMAZIONE, FIDELIZZAZIONE PROGETTO DI AZIONI POSITIVE PER

Dettagli

Cos è il Family Audit

Cos è il Family Audit Cos è il Family Audit Strumento che consente alle organizzazioni di adottare politiche di gestione del personale orientate al benessere dei propri dipendenti e alla crescita aziendale; aiuta le organizzazioni

Dettagli

Gestire i contatti ovunque e in tempo reale, la sfida di WeBank

Gestire i contatti ovunque e in tempo reale, la sfida di WeBank CASE STUDY Gestire i contatti ovunque e in tempo reale, la sfida di WeBank CON SUGARCRM, I MEMBRI DELLO STAFF DI WEBANK ORA GESTISCONO I CONTATTI IN TEMPO REALE, OVUNQUE SI TROVINO. WeBank necessita di

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Intesa Sanpaolo S.p.A. Lavoro Flessibile. Guida alla sperimentazione

Intesa Sanpaolo S.p.A. Lavoro Flessibile. Guida alla sperimentazione Intesa Sanpaolo S.p.A. Lavoro Flessibile Guida alla sperimentazione Febbraio 2015 Sommario Introduzione... 2 1. Definizione di Lavoro Flessibile... 3 2. Destinatari... 4 3. La programmazione del Lavoro

Dettagli

Volumi giornalieri e ore di punta. Brentonico Avio 2 direzioni. GFM HP mattino 13 5 19. GFM HP sera 4 7 11. GF medio giorno 117 121 238

Volumi giornalieri e ore di punta. Brentonico Avio 2 direzioni. GFM HP mattino 13 5 19. GFM HP sera 4 7 11. GF medio giorno 117 121 238 SEZIONE S1 Comune di Avio S.P. 28 Brentonico Avio 2 direzioni GFM HP mattino 13 5 19 GFM HP sera 4 7 11 GF medio giorno 117 121 238 35 257 563 49 537 127 4% 2% 93% 7% 33% 56% 3%% 25 15 1 5 25 198 252 211

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

tessere buoni valori L applicazione web che permette di monitorare la sostenibilità della propria catena di fornitura.

tessere buoni valori L applicazione web che permette di monitorare la sostenibilità della propria catena di fornitura. tessere buoni valori L applicazione web che permette di monitorare la sostenibilità della propria catena di fornitura. La nostra mission Le aziende hanno bisogno di collaborare e comunicare con i propri

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

SETTORE ORGANIZZAZIONE, RISORSE UMANE, SPORTELLO DEL CITTADINO E SERVIZI AUSILIARI ALLEGATO A

SETTORE ORGANIZZAZIONE, RISORSE UMANE, SPORTELLO DEL CITTADINO E SERVIZI AUSILIARI ALLEGATO A PIANO PER L'UTILIZZO DEL TELELAVORO 1 1. Normativa di riferimento - legge 16 giugno 1998, n. 191, Modifiche ed integrazioni alle leggi 15 marzo 1997, n. 59, e 15 maggio 1997, n. 127, nonché norme in materia

Dettagli