ricerca sulle iniziative di informazione e pubblicita dedicate alla promozione delle attivita del fondo sociale europeo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ricerca sulle iniziative di informazione e pubblicita dedicate alla promozione delle attivita del fondo sociale europeo"

Transcript

1 fondi strutturali europei fondo sociale europeo FSE ricerca sulle iniziative di informazione e pubblicita dedicate alla promozione delle attivita del fondo sociale europeo,, prima fase. febbraio 2010

2 OSSERVATORIO SULLE CAMPAGNE DI COMUNICAZIONE SOCIALE RICERCA SULLE INIZIATIVE DI INFORMAZIONE E PUBBLICITA DEDICATE ALLA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA DEL FONDO SOCIALE EUROPEO Rapporto Finale Febbraio 2010

3 Indice Premessa: l OCCS e la Comunicazione del FSE Pag. 6 Il Fondo Sociale Europeo (FSE) Pag. 7 La disciplina comunitaria delle azioni informative e pubblicitarie Pag. 8 Le innovazioni del periodo di programmazione Pag. 11 La ricerca: gli obiettivi Pag. 12 La metodologia e il piano d indagine e di lavoro Pag. 13 I. La progettazione Pag. 13 II. La fase preliminare: aggiornamento e ampliamento del data base Pag. 14 III. La fase preparatoria: l elaborazione degli strumenti d indagine Pag. 15 IV. La fase operativa: l invio delle richieste di collaborazione, i solleciti e la raccolta dei dati Pag. 16 V. L elaborazione dei dati Pag. 19 V.I. Francia Pag. 19 V.I.I. Limousin Pag. 21 V.II. Germania Pag. 22 V.II.I. Amburgo Pag. 22 V.II.II. Bassa Sassonia Pag. 23 V.II.III. Baviera Pag. 25 V.II.IV. Berlino Pag. 26 V.II.V. Brema Pag. 27

4 V.II.VI. Sassonia Pag. 28 V.III. Italia Pag. 30 V.III.I. Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Pag. 30 V.III.II. Campania Pag. 34 V.III.III. Emilia-Romagna Pag. 37 V.III.IV. Lazio Pag. 41 V.III.V. Lombardia Pag. 46 V.III.VI. Veneto Pag. 48 V.IV. Polonia Pag. 49 V.IV.I. Ministero dello Sviluppo Regionale Pag. 50 V.IV.II. Bassa Slesia Pag. 53 V.IV.III. Slesia Pag. 53 V.IV.IV. Varmia-Masuria Pag. 55 V.V. Regno Unito Pag. 56 V.V.I. Inghilterra Pag. 57 V.V.II. Irlanda del Nord Pag. 61 V.V.III. Gibillterra Pag. 63 V.V.IV. Londra Pag. 66 V.V.V. North West England Pag. 67 V.V.VI. South East England Pag. 69 V.VI. Romania Pag. 69 V.VI.I. Ministero del Lavoro, della Famiglia e delle Pari Opportunità Pag. 70 3

5 V.VI.II. Bucharest-Ilfov Pag. 74 V.VI.III. Nord Ovest Pag. 74 V.VI.IV. Ovest Pag. 76 V.VI.V. Sud Est Pag. 76 V.VII. Spagna Pag. 77 V.VII.I. Ministero del Lavoro e dell Immigrazione Pag. 78 V.VII.II. Andalusia Pag. 79 V.VII.III. Melilla Pag. 80 ALLEGATO 1 Pag. 81 Lettera per la raccolta dei contatti ALLEGATO 2 Pag. 82 Lettera di accompagnamento al Questionario (in inglese e italiano) ALLEGATO 3 Pag. 84 Testo della ALLEGATO 4 Pag. 85 Lettera di sollecito ALLEGATO 5 Pag. 86 Questionari Questionario destinato agli enti nazionali (in italiano) Pag. 86 4

6 Questionario destinato agli enti nazionali (in inglese) Pag. 90 Questionario destinato agli enti regionali (in italiano) Pag. 94 Questionario destinato agli enti regionali (in inglese) Pag. 98 ALLEGATO 6 Pag. 102 Database Database degli Enti Nazionali Pag. 102 Database degli Enti Regionali Pag

7 Premessa: l OCCS e la Comunicazione del FSE Con la Quinta Indagine sulle Iniziative di Informazione e Pubblicità dedicate alla promozione del Fondo Sociale Europeo, l OCCS rafforza un ambito di ricerca già oggetto di interesse da diversi anni e, al tempo stesso, affronta aspetti nuovi di questo importante settore di comunicazione. Nel corso delle precedenti ricerche, infatti, la nostra attenzione si è concentrata prevalentemente sull esito delle iniziative, e cioè sui materiali di comunicazione realizzati dalle Autorità di Gestione. Gli strumenti raccolti sono stati rielaborati e presentati in due diversi prodotti multimediali: il primo è il DVD del Repertorio delle iniziative di comunicazione, contenente il risultato delle indagini condotte nel periodo Il Repertorio presenta un notevole campione di strumenti di comunicazione, suddivisi per paese, ente promotore e anno di realizzazione; il contenuto del Repertorio è interamente disponibile on-line, sul sito dell Osservatorio (www.occs.it). Il secondo prodotto, realizzato per la Regione Piemonte in occasione del 2007 Anno Europeo delle Opportunità per Tutti, raccoglie i migliori materiali di comunicazione sulle pari opportunità realizzati nell ambito del Fondo Sociale Europeo e dell Iniziativa Comunitaria EQUAL. Le ricerche promosse nel periodo hanno coinvolto un numero considerevole di Autorità di Gestione in 22 Stati Membri dell Unione Europea. Inoltre, nel rapporto elaborato a conclusione della Quarta edizione della ricerca, è stata inserita una Appendice che riportava alcune informazioni integrative sulle campagne di comunicazione analizzate, in particolare sugli eventi promossi, i soggetti coinvolti nelle iniziative, le caratteristiche della struttura promotrice, gli eventuali strumenti di valutazione e il processo comunicativo. Per la Quinta Indagine, su indicazione del Committente, ci siamo concentrati prevalentemente su questi ultimi aspetti. Oltre a raccogliere i materiali di comunicazione, pertanto, intendiamo ottenere informazioni esaurienti anche sulle modalità di redazione e implementazione dei Piani di Comunicazione da parte delle Autorità di Gestione. 6

8 Il Fondo Sociale Europeo (FSE) L attività del Fondo Sociale Europeo è disciplinata dal Regolamento CE n. 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio, oltre che dal Regolamento CE n. 1083/2006 del Consiglio, recante le disposizioni generali sui fondi strutturali. I fondi contribuiscono alla realizzazione dei tre obiettivi comunitari: a) l'obiettivo «Convergenza», volto ad accelerare la convergenza degli Stati membri e delle regioni economicamente svantaggiate, migliorando le condizioni per lo sviluppo e l'occupazione tramite la crescita e il miglioramento della qualità degli investimenti in capitale fisico e umano, lo sviluppo dell'innovazione e della conoscenza, l'adattabilità ai cambiamenti economici e sociali, la tutela e il miglioramento della qualità dell'ambiente e dell'efficienza amministrativa. Questo obiettivo costituisce la priorità dei Fondi; b) l'obiettivo «Competitività regionale e occupazione», che punta, al di fuori delle zone più arretrate, a rafforzare la competitività, le attrattive territoriali e l'occupazione, incrementando e migliorando la qualità degli investimenti nel capitale umano, l'innovazione e la promozione della società della conoscenza, ma anche le capacità imprenditoriali, la tutela dell'ambiente, così come l'accessibilità e l'adattabilità dei lavoratori e delle imprese, e lo sviluppo di mercati del lavoro inclusivi; c) l'obiettivo «Cooperazione territoriale europea», che è inteso a rafforzare la cooperazione transfrontaliera, tramite iniziative congiunte locali e regionali e azioni volte sia allo sviluppo territoriale integrato connesse alle priorità comunitarie, sia a sostenere la cooperazione interregionale e lo scambio di esperienze al livello territoriale adeguato. In particolare, il Fondo Sociale Europeo contribuisce al raggiungimento degli Obiettivi «Convergenza» e «Competitività regionale e occupazione». Secondo la normativa, il FSE si prefigge di contribuire a : 1. raggiungere la piena occupazione, prolungare la vita attiva e migliorare la capacità di adattamento di lavoratori e imprese ai cambiamenti economici; 2. migliorare la qualità e la produttività del lavoro, in particolare attraverso investimenti in capitale umano, formazione, ricerca e sviluppo; 7

9 3. promuovere l'inserimento sociale (in particolare, l'accesso al lavoro delle persone svantaggiate) e lottare contro tutte le forme di discriminazione sul mercato del lavoro; 4. ridurre le disparità nazionali, regionali e locali in materia di occupazione; 5. rafforzare la capacità e l'efficacia delle istituzioni, allo scopo di favorire il buon governo. La disciplina comunitaria delle azioni informative e pubblicitarie La programmazione generale delle attività dei Fondi strutturali, definita in un Regolamento emanato dal Consiglio, prevede specifiche misure finalizzate a renderne pubblici gli interventi. Il Regolamento CE n. 1083/2006 del Consiglio UE, recante le disposizioni generali sui fondi strutturali per il periodo 2007/2013, dispone che le autorità di gestione, allo scopo di valorizzare il ruolo della Comunità e garantire la trasparenza dell'intervento dei Fondi, informino, in particolare: a) i cittadini dell'unione europea; b) i beneficiari degli interventi, potenziali ed effettivi (art. 69, paragrafo 1, c. 1). Secondo la normativa comunitaria, pertanto, l attività di informazione e pubblicità relativa ai fondi strutturali si deve rivolgere, da un lato, ai diretti beneficiari circa le opportunità offerte dagli interventi e, dall altro, all opinione pubblica riguardo ai risultati conseguiti dalla Comunità Europea. Il Regolamento del Consiglio si rivolge a tutte le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi (quindi alle Autorità nazionali e a quelle regionali), ciascuna delle quali è responsabile della pubblicità nella propria area d intervento (art. 69, paragrafo 2). La normativa prevede che la Commissione Europea, attraverso un apposito Regolamento, definisca nel dettaglio l applicazione di alcune norme. Tale applicazione è stata affidata al Regolamento CE n. 1828/2006 della Commissione (Capo II, Sezione 1). Secondo tale Regolamento, la programmazione delle misure di Informazione e Pubblicità deve essere affidata ad un Piano di comunicazione, redatto dall'autorità di Gestione, relativamente al programma operativo di cui è responsabile, oppure 8

10 dallo Stato membro per i programmi operativi co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo (art. 2, paragrafo 1). Ogni Autorità, inoltre, designa i responsabili delle informazioni e della pubblicità e ne informa la Commissione (art. 10, paragrafo 1). Nel Piano di Comunicazione devono figurare: gli obiettivi e i gruppi di destinatari; la strategia e il contenuto degli interventi informativi e pubblicitari destinati ai beneficiari, potenziali ed effettivi, e al pubblico; il bilancio indicativo necessario per l attuazione del piano; i dipartimenti o gli organismi amministrativi responsabili dell attuazione degli interventi informativi e pubblicitari; un indicazione del modo in cui gli interventi informativi e pubblicitari saranno valutati in termini di visibilità dei programmi operativi e di consapevolezza del ruolo svolto dalla Comunità (art. 2, paragrafo 2). L adeguatezza del Piano di Comunicazione è valutata preventivamente dalla Commissione Europea (art. 3). Inoltre, l Autorità di Gestione informa il Comitato di Sorveglianza dei contenuti del Piano e della sua attuazione, degli interventi realizzati e dei mezzi di comunicazione impiegati. I rapporti annuali e il rapporto finale sull esecuzione dei Programmi Operativi devono includere informazioni adeguate sull attuazione del Piano di Comunicazione, in particolare sugli interventi promossi e sulle misure di valutazione della visibilità dei programmi operativi e della consapevolezza del ruolo svolto dalla Comunità (art. 4). I destinatari degli interventi pubblicitari sono i beneficiari, potenziali ed effettivi, e il pubblico. I beneficiari potenziali devono ricevere informazioni chiare e dettagliate riguardanti soprattutto: a) le condizioni di ammissibilità da rispettare per poter beneficiare del finanziamento nel quadro del programma operativo; b) la descrizione delle procedure d esame delle domande di finanziamento e delle rispettive scadenze; c) i criteri di selezione delle operazioni da finanziare; d) le persone di riferimento a livello nazionale, regionale o locale che possono fornire informazioni sui programmi operativi. 9

11 Nell ambito di queste iniziative di informazione e pubblicità, l Autorità di Gestione associa agli interventi almeno uno dei seguenti organismi, che possono contribuire alla diffusione delle informazioni: a) autorità nazionali, regionali, locali e agenzie per lo sviluppo; b) associazioni professionali; c) parti economiche e sociali; d) organizzazioni non governative; e) organizzazioni che rappresentano il mondo economico; f) centri d informazione sull Europa e rappresentanze della Commissione negli Stati membri; g) istituti educativi (art. 5). I beneficiari sono informati del fatto che, accettando il finanziamento, accettano anche di essere inclusi nell elenco pubblico dei beneficiari (art. 6). Secondo il Regolamento, inoltre, i beneficiari hanno l obbligo di informare il pubblico circa la sovvenzione ottenuta dal FSE (art. 8). L Autorità di Gestione, infine, ha il compito di informare il pubblico attraverso la massima copertura mediatica. In particolare, l Autorità deve organizzare almeno uno dei seguenti interventi: a) un attività informativa principale che pubblicizzi l avvio di un programma operativo, anche in assenza della versione definitiva del piano di comunicazione; b) un attività informativa principale ogni anno, come stabilito nel piano di comunicazione, che presenti i risultati dei programmi operativi nonché dei grandi progetti, qualora siano previsti; c) l esposizione della bandiera dell'unione Europea per una settimana, a partire dal 9 maggio, davanti alle sedi delle Autorità di Gestione; d) la pubblicazione, elettronica o in altra forma, dell elenco dei beneficiari, delle denominazioni delle operazioni e dell importo del finanziamento pubblico destinato (art. 7). La Commissione specifica inoltre quali debbano essere le caratteristiche tecniche degli interventi informativi e pubblicitari, insistendo in particolare sull esposizione 10

12 dell emblema dell Unione Europea, sull indicazione del Fondo pertinente e sulla presenza di una frase, scelta dall Autorità di Gestione, che evidenzi il valore aggiunto dell intervento comunitario (art. 9). La Commissione, infine, incoraggia e sostiene la creazione di reti e lo scambio di esperienze tra i responsabili delle misure informative e pubblicitarie designati dalle Autorità di Gestione (art. 10). Le innovazioni del periodo di programmazione Negli ultimi anni la Commissione Europea ha intensificato i suoi sforzi per accrescere la trasparenza e la coerenza delle iniziative di comunicazione dedicate alle attività dell Unione negli Stati Membri, con particolare attenzione al coinvolgimento dei cittadini e alla cooperazione interistituzionale. Esempi di questo sforzo sono iniziative quali la Comunicazione Verso una cultura di maggiore comunicazione e dialogo (2002), la Comunicazione Piano D per la democrazia, il dialogo e il dibattito (2005), il Piano di Azione per il Miglioramento della Comunicazione sull Europa (2005), il Libro Verde per la Trasparenza (2006), il Libro Bianco su una Politica Europea di Comunicazione (2006) e la Comunicazione Insieme per comunicare l Europa (2007). Per quanto riguarda il Fondo Sociale Europeo, la Commissione ha cercato anzitutto di migliorare la qualità delle informazioni fornite alla cittadinanza. A questo scopo, è stato facilitato l accesso alle informazioni sul sito internet del Fondo, soprattutto in riferimento alle risorse investite, ai destinatari dei finanziamenti, ai contatti dei responsabili del Fondo e alle priorità individuate. Sul sito, inoltre, sono disponibili Report nazionali e regionali che sintetizzano i dati socio-economici delle aree coinvolte dai progetti, le priorità, i programmi messi in campo e le risorse economiche impegnate. Per sostenere la conoscenza del Fondo, infine, la Commissione ha realizzato propri strumenti di comunicazione, anch essi disponibili on-line, quali brochure, video, poster e pubblicazioni. D altro canto, la Commissione Europea si è posta l obiettivo di raggiungere un miglior livello di coordinamento tra le iniziative informative e pubblicitarie promosse dalle Autorità di Gestione, anche attraverso il ricorso ai fondi dell assistenza tecnica. In primo luogo, la Commissione ha promosso, fin dal 1995, 11

13 la costituzione del Network Informale dei Comunicatori del FSE (INIO - Informal Network of ESF Information Officers), che riunisce rappresentanti della Commissione e delle Autorità Nazionali di Gestione. Recentemente, la rete ha promosso tre iniziative: l individuazione di buone prassi che andranno a confluire nella Guida Pratica alla comunicazione sui fondi strutturali curata dalla Direzione Generale Politica Regionale della Commissione, consultabile on-line; la realizzazione di un video per la serie ESF in Action ; la creazione di una banca dati di buone pratiche legate al FSE. Infine, la società Evaluation Partnership LTD è stata incaricata della valutazione delle iniziative di comunicazione promosse dalle Autorità di Gestione nel periodo ; i risultati sono stati pubblicati nel luglio Il rapporto finale evidenzia i fattori-chiave per il successo e avanza alcune raccomandazioni per le attività future. La ricerca: gli obiettivi L'attuale ricerca, commissionata dalla Regione Piemonte, si focalizza sull attività informativa e pubblicitaria promossa dalle Autorità di Gestione del Fondo Sociale Europeo a livello nazionale e regionale. Oggetto di studio sono le iniziative avviate nell ambito del periodo di programmazione dei fondi La finalità dell indagine è incrementare la conoscenza delle prassi comunicative legate al FSE adottate nelle regioni d Europa e negli Stati Membri, al fine di favorire lo sviluppo di nuove esperienze nel contesto piemontese. In particolare, la ricerca ha l obiettivo di analizzare: 1. i contenuti e il processo di elaborazione dei Piani di Comunicazione, e specialmente la strategia comunicativa adottata; 2. l interazione tra Commissione Europea, Autorità di Gestione e Organismi Intermedi nel settore della comunicazione; 3. il ruolo dei network e le altre modalità adottate per favorire lo scambio di esperienze a livello nazionale e comunitario; 4. il ricorso a strumenti di monitoraggio e valutazione delle azioni comunicative; 12

14 5. il coinvolgimento delle parti sociali e di soggetti della società civile nelle fasi di elaborazione e attuazione delle campagne; 6. il livello di trasparenza e l accessibilità delle informazioni. La metodologia e il piano d indagine e di lavoro La ricerca si articola nelle seguenti fasi: I. progettazione; II. fase preliminare: aggiornamento e ampliamento del data base; III. fase preparatoria: elaborazione degli strumenti d indagine (lettere e questionari); IV. fase operativa: invio delle richieste di collaborazione, solleciti e raccolta dei dati; V. elaborazione dei dati e stesura del report finale. I. La progettazione La fase di progettazione si è svolta nella seconda metà di settembre e si è basata, oltre che sull analisi dei dati raccolti nelle precedenti indagini, su brainstorming e riunioni del gruppo di lavoro. E presto emersa l esigenza di procedere ad una puntuale attività di verifica e aggiornamento del data base utilizzato durante la precedente ricerca. Considerate le novità introdotte nella quinta edizione di questo studio, è apparso chiaro che la maggior parte delle energie doveva essere investita nella profondità delle interviste, piuttosto che nel numero di soggetti coinvolti. In altre parole, l esigenza di ricavare da ogni Autorità una gran quantità di informazioni dettagliate si scontrava con l obiettivo iniziale di coinvolgere i 27 Stati Membri della UE. Conseguentemente, si è scelto di lavorare, in via preliminare, sui 7 paesi con una popolazione superiore ai 20 milioni di abitanti, ipotizzando di estendere l inchiesta agli Stati restanti in un secondo momento. I paesi individuati (Italia, Germania, Francia, Spagna, Regno Unito, Polonia e Romania) ospitano oltre 315 milioni di persone, vale a dire il 64% della popolazione 13

15 dell Unione (Fonte Eurostat, 2007). Si tratta, considerata anche la loro estensione geografica, dei paesi più articolati nella dimensione regionale. Infine, essi ricevono dal Fondo Sociale Europeo , pari al 66% degli investimenti del Fondo in tutti gli Stati Membri (Fonte FSE). Lo strumento predisposto per svolgere l indagine è un questionario, elaborato in lingua italiana e inglese, da inviare via ai responsabili delle attività informative e pubblicitarie presso le Autorità di Gestione, accompagnato da una lettera di presentazione sia dell OCCS, sia della ricerca. Durante la prima settimana di ottobre sono stati dunque definiti i testi della lettera e del questionario, con l intento di farli pervenire a tutti i destinatari entro la fine del mese. Si è lavorato parallelamente alla costruzione del data base e all invio delle richieste di collaborazione, senza attendere il completamento della mailing list per avviare le spedizioni, fatta salva la scadenza del 31 ottobre per questa fase. E stato previsto il rientro di una significativa quantità di dati entro la fine di novembre. La fase di elaborazione dei dati e la stesura del report finale è stata conseguentemente collocata entro la fine di dicembre. Queste scadenze hanno subito una proroga, descritta più avanti. II. La fase preliminare: aggiornamento e ampliamento del data base L aggiornamento della lista delle Autorità di Gestione nazionali e regionali, con i recapiti degli incaricati delle attività di informazione e pubblicità, è stato condotto sia attraverso la consultazione delle informazioni disponibili on-line, sia tramite contatti telefonici, sia, infine, attraverso l invio di un apposita lettera in lingua inglese via e- mail (Allegato 1). Nella lettera, dopo una breve presentazione dell attività dell OCCS e delle precedenti ricerche condotte, volta a chiarire che l indagine di inserisce in un filone di ricerca già consolidato, si chiede di indicare il nominativo e i recapiti della persona responsabile delle attività informative e pubblicitarie presso l Autorità di Gestione contattata. E stata adottata una forma di comunicazione molto sintetica, a basso impatto, per favorire un maggior numero di risposte e rendere più immediata la restituzione dei feedback. 14

16 Considerati gli obiettivi della ricerca, il team ha deciso di coinvolgere non solo le Autorità di Gestione, ma anche alcuni Organismi Intermedi, operanti a livello regionale, che collaborano con le Autorità di Gestione nell attività di informazione e pubblicità. E', ad esempio, il caso della Spagna, del Regno Unito, della Romania e della Polonia. Come si è detto, la costruzione del nuovo data base è stata affiancata dall invio delle prime richieste di collaborazione. Entro la fine di ottobre era disponibile una versione pressoché definitiva del data base, tuttavia soggetta a continue variazioni. Nell Allegato 6 è riportata la lista degli enti nazionali e regionali contattati, i recapiti di ciascun ente e alcune osservazioni sulla loro organizzazione e attività. III. La fase preparatoria: l elaborazione degli strumenti d indagine Il Questionario è stato articolato in tre parti: la prima presenta brevemente le ragioni del ricorso a questo strumento d indagine e la richiesta di ricevere i materiali di comunicazione realizzati, se non disponibili on-line; la seconda consente di ottenere alcune informazioni di base sull Autorità di Gestione e sulla persona che risponde al Questionario; la terza, infine, rappresenta la parte più importante del Questionario, e si riferisce all elaborazione e all implementazione dei Piani di Comunicazione. Il gruppo di lavoro ha deciso di produrre due versioni del Questionario, una destinata alle Autorità di Gestione Nazionali, e l altra rivolta alle Autorità e agli Organismi Intermedi Regionali. Ciascuna versione, inoltre, è stata tradotta in lingua inglese; in totale, pertanto, sono state realizzate quattro versioni del Questionario (Allegato 5). A differenza della versione destinata agli enti regionali, il Questionario rivolto alle Autorità nazionali contiene una domanda relativa allo scambio di esperienze a livello nazionale (domanda n. 6). E infine importante sottolineare che la domanda n. 1 è stata inserita solo nei casi in cui non era possibile reperire on-line il Piano di Comunicazione o, per ragioni linguistiche, non era possibile comprenderne il contenuto. Il Questionario è stato accompagnato da una lettera scritta su carta intestata, predisposta secondo gli stessi criteri e con una struttura analoga alla lettera descritta al paragrafo II; anche la lettera di accompagnamento è stata preparata in lingua 15

17 italiana e inglese (Allegato 2). Nell Allegato 3 è riportato anche il testo delle inviate, che anticipa in sintesi i contenuti della lettera. IV. La fase operativa: l invio delle richieste di collaborazione, i solleciti e la raccolta dei dati La spedizione delle richieste di collaborazione, effettuata mentre veniva completato il data base, si è conclusa il 31 ottobre. Sono stati coinvolti 7 paesi e 116 regioni d Europa (anche se l espressione regioni non è sempre corretta, come nel caso dei Länder tedeschi o dei Départements/Territoires d Outre-Mer francesi). Gli enti nazionali contattati, tra Autorità di Gestione e Organismi Intermedi, sono 16, mentre quelli regionali sono 142. E verosimile, tuttavia, che risponda una sola Autorità per paese/regione. Quando possibile, è stata contattata direttamente la persona incaricata delle misure informative e pubblicitarie; altrimenti è stato necessario compiere ulteriori passaggi. Nel caso degli enti regionali, la procedura è stata articolata come segue: per l Italia, la dottoressa Elena Viscusi del Ministero del Lavoro si è resa disponibile a svolgere un ruolo di intermediazione con le Autorità regionali di Gestione, ricorrendo alle risorse e ai contatti della Rete nazionale per la comunicazione del FSE , recentemente promossa dal Ministero. Per quanto riguarda la Polonia, una lista completa degli Organismi Intermedi operanti a livello regionale è stata fornita dal relativo Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; prima che ciò avvenisse, alcuni dati erano stati già reperiti on-line o tramite contatti telefonici e . Per quanto riguarda, infine, Francia, Spagna, Regno Unito, Germania e Romania, sono stati contattati direttamente le Autorità di Gestione e gli Organismi Intermedi regionali, grazie alle informazioni raccolte per telefono o via , e disponibili online. Per incentivare il rientro delle risposte, a partire dalla seconda settimana di novembre è stato avviato un ciclo di solleciti via . Il testo della lettera di sollecito (Allegato 4) mira a sottolineare i vantaggi che l indagine offrirà ai soggetti coinvolti: si precisa, infatti, che condurrà alla costruzione di un catalogo unico delle misure informative e pubblicitarie promosse dalle Autorità di Gestione e dagli Organismi 16

18 Intermedi negli Stati Membri. Poiché il report finale sarà tradotto in inglese, tutti i funzionari coinvolti nella ricerca potranno condividerne i risultati. Benché in origine la chiusura della ricerca fosse stata prevista per la fine di dicembre, il ritardo registrato nella restituzione dei questionari compilati, non imputabile al team di ricerca, ha costretto ad una riprogrammazione della parte finale dell indagine. Del resto, un simile ritardo era stato già preventivato nel Rapporto sullo Stato di Avanzamento della Ricerca stilato a Novembre Nel corso del mese di dicembre, pertanto, si è proceduto ad una serie di solleciti mirati, per telefono e via , rivolti soprattutto alle Autorità di Gestione e agli Organismi Intermedi che avevano manifestato la loro disponibilità a collaborare ma che non avevano dato seguito all intento. Il nuovo round di solleciti ha spostato la rielaborazione dei dati e la stesura del report finale al mese di gennaio Occorre sottolineare come le risposte ottenute nella fase di sollecito abbiano contribuito ad evidenziare potenzialità e limiti della ricerca; da un lato, l interesse per l indagine, manifestato da numerosi enti, dimostra il successo delle iniziative di studio e ricerca finalizzate alla messa in rete e allo scambio delle esperienze nel settore della comunicazione, dall'altro numerosi soggetti, benché interessati al tema della ricerca, hanno scelto di non aderirvi. La motivazione più frequente è stata: le strutture incaricate delle attività di informazione e pubblicità, piccole e oberate di lavoro, non avevano la disponibilità materiale di rispondere al questionario; in altri casi, i funzionari incaricati dovevano attendere l autorizzazione dei dirigenti o seguire le direttive impartire dalle Autorità di Gestione nazionali; infine, è stato rilevato che l OCCS, in quanto ente di ricerca italiano che non agiva sulla base di un mandato comunitario, non era un soggetto titolato a condurre questo tipo di ricerca. Questioni specifiche saranno trattate nel prossimo paragrafo. Parallelamente ai solleciti, è stata portata avanti la raccolta dei materiali di comunicazione disponibili on-line, anche sulla base delle indicazioni ricevute dalle Autorità e dagli Organismi contattati. La raccolta, conclusasi a dicembre, è stata assai proficua: il vasto campionario di strumenti di comunicazione reperiti, che andranno a completare l attuale repertorio OCCS, sono quantitativamente superiori rispetto al passato; ciò segnala la crescita dell importanza delle attività di comunicazione nella gestione del Fondo. La maggiore accessibilità delle informazioni e dei documenti, inoltre, rappresenta il frutto degli sforzi compiuti dalle autorità comunitarie, 17

19 nazionali e regionali per favorire la trasparenza delle procedure e il coinvolgimento del pubblico nelle iniziative del FSE. Ad indagine conclusa, gli Enti che hanno aderito alla ricerca, rispondendo al questionario, sono: Enti Nazionali Enti Regionali Francia Limousin Germania Amburgo Bassa Sassonia Baviera Berlino Brema Sassonia Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Campania Emilia-Romagna Lazio Lombardia Veneto Polonia Ministero dello Sviluppo Regionale Bassa Slesia Slesia Varmia-Masuria Regno Unito INGHILTERRA: Governo Inglese, Divisione FSE IRLANDA DEL NORD: Governo dell Ulster, Dipartimento Lavoro e Formazione, Unità Europea Gibilterra Londra North West England South East England Romania Ministero del Lavoro, della Famiglia e delle Pari Opportunità Bucharest-Ilfov Nord Ovest Ovest Sud Est Spagna Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Andalusia Melilla TOTALE

20 Sulla base del quadro appena riportato, si può osservare che hanno aderito alla ricerca 6 enti nazionali in 5 paesi; questo risultato corrisponde al 71,4% dei paesi coinvolti e al 37,5% degli enti nazionali interpellati. Tra le Autorità e gli Organismi Intermedi Regionali, invece, il tasso di risposta corrisponde al 21,6% delle Regioni prese in esame e al 17,7% degli enti contattati (si vedano anche i dati riportati all inizio del paragrafo). Considerate le difficoltà descritte sopra e l articolazione del questionario, i dati sulla partecipazione sono soddisfacenti. V. L elaborazione dei dati Considerata la disomogeneità dei dati pervenuti e le differenze esistenti tra gli enti rispondenti (Autorità di Gestione nazionali e regionali, Organismi Intermedi, Ministeri, Dipartimenti ministeriali, Agenzie specializzate, ecc.) le informazioni raccolte saranno suddivise per paese di provenienza. All interno di ciascuna sezione nazionale, quindi, sarà offerto un quadro generale di riferimento e, successivamente, saranno presentate le informazioni fornite dagli enti che hanno risposto al questionario. E importante sottolineare che, nonostante siano stati raccolti i materiali e i Piani di Comunicazione di un notevole numero di soggetti, saranno esaminate esclusivamente le realtà che hanno partecipato attivamente all indagine. Inoltre, le presentazioni saranno influenzate dalla variabilità delle risposte date nei diversi questionari, che si differenziano per quantità e qualità. Nel CD allegato al rapporto, comunque, è possibile trovare tutta la documentazione reperita sul web, che riguarda pressoché la totalità degli enti, vale a dire piani di comunicazione e rispettivi allegati, materiali di comunicazione, pubblicazioni, ecc. V.I. Francia In Francia il Ministero dell Economia, delle Finanze e del Lavoro è l Autorità di Gestione dei Programmi Nazionali co-finanziati dal FSE nell ambito dell Obiettivo 19

QSN 2007-2013 ****** Piano di Comunicazione. del. Programma Operativo Interregionale. Attrattori culturali, naturali e turismo.

QSN 2007-2013 ****** Piano di Comunicazione. del. Programma Operativo Interregionale. Attrattori culturali, naturali e turismo. QSN 2007-2013 ****** Piano di Comunicazione del Programma Operativo Interregionale Attrattori culturali, naturali e turismo (POIn - FESR) 1 Indice 1 Premessa...3 2 Quadro Strategico della Comunicazione...4

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca Ufficio VII Programmi Operativi Comunitari Unità Organizzativa della Comunicazione

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

Piano di Comunicazione

Piano di Comunicazione Piano di Comunicazione Allegato 1: prospetto del piano di comunicazione e misure di informazione e pubblicità Obiettivo Informare il Comitato di Sorveglianza Informare delle opportunità del FSE, rendere

Dettagli

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 VIII Comitato di Sorveglianza POR Calabria FSE 2007-2013 4 Dicembre 2014 Punto

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione Piano della comunicazione- Allegato 2 Strumenti utili alla comunicazione 1. Strumenti relativi alle azioni di promozione Linea grafica coordinata Una prima esigenza da soddisfare è quella di dare organicità

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi

Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi 3 Il fondo FEI Gli strumenti finanziari comunitari per l immigrazione Quadro istituzionale e organizzativo Le programmazioni pluriennale

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza. (Catanzaro, 31 Luglio 2015)

POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza. (Catanzaro, 31 Luglio 2015) POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 Luglio 2015) 2 Informativa sull attuazione del Piano di Comunicazione (Punto

Dettagli

Piano di Comunicazione

Piano di Comunicazione Piano di Comunicazione Misure di informazione e pubblicità nell ambito della realizzazione del Programma Operativo obiettivo Competitivitá regionale e occupazione programma operativo 2007-2013 Fondo Sociale

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale Area tematica Politica regionale Obiettivi Il programma rientra nell'obiettivo Cooperazione territoriale dei Fondi Strutturali 2007-2013

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

Regione Abruzzo POR FESR 2007/2013 PIANO DI COMUNICAZIONE

Regione Abruzzo POR FESR 2007/2013 PIANO DI COMUNICAZIONE Regione Abruzzo POR FESR 2007/2013 PIANO DI COMUNICAZIONE INDICE PRESENTAZIONE...1 1. INTRODUZIONE AL PIANO DI COMUNICAZIONE POR FESR...3 2. LE LEZIONI DELL ESPERIENZA...4 3. LA STRATEGIA...6 4. I CONCETTI

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 10 dicembre 2007 Promozione dei prodotti agricoli comunitari all esterno

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Base giuridica Descrizione Per l'attuale periodo di programmazione del FSE (2007-2013), nel 2006 e nel 2007 è stato adottato un nuovo pacchetto di regolamenti. REGOLAMENTO

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale*

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* Il programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI- Employment and Social Innovation) è il nuovo strumento finanziario

Dettagli

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013. Informazioni sulle azioni di comunicazione realizzate

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013. Informazioni sulle azioni di comunicazione realizzate PRESIDENZA DELLA REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013 Informazioni sulle azioni di comunicazione

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 03 del 24.03.

Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link. NEWSLETTER L'EUROPA IN LINEA - ANNO VII n 03 del 24.03. Se questo messaggio non è visualizzato correttamente, usa questo link NEWSLETTER "L'EUROPA IN LINEA" - ANNO VII n 03 del 24.03.2010 La nostra offerta formativa Una delle maggiori criticità riscontrate

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

COMUNE DI VIGONZA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Approvato con delibera di C.C. n. 22 del 12.03.2012 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 GARANTIRE LA VISIBILITÀ DELLA POLITICA DI COESIONE: NORME IN MATERIA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Fondi strutturali Europei Da Wikipedia

Fondi strutturali Europei Da Wikipedia Fondi strutturali Europei Da Wikipedia I Fondi strutturali sono un complesso di interventi e di linee guida, che si traducono in appositi Regolamenti, ideati e programmati dall'unione Europea per realizzare

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*.

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. (*Il presente articolo è frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non impegna in alcun modo l Amministrazione

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

12. Consultazione dei partner e loro partecipazione al comitato di sorveglianza

12. Consultazione dei partner e loro partecipazione al comitato di sorveglianza 12. Consultazione dei partner e loro partecipazione al comitato di sorveglianza Nella fase di programmazione dell Iniziativa Leader +, al fine di dare concreta attauzione alla sua programmazione con il

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale

10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale 10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale Il contesto Il GAL Valli Marecchia e Conca svilupperà un piano di comunicazione della Strategia di Sviluppo Locale, e di animazione territoriale,

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

IL PIANO DI COMUNICAZIONE

IL PIANO DI COMUNICAZIONE Roma, 23 giugno 2011 Sala Liri Regione Lazio IL PIANO DI COMUNICAZIONE POR FESR Lazio 2007/2013 Anna Schiavone Responsabile Comunicazione POR FESR Lazio 2007/2013 Presupposti Trasparenza (informazioni

Dettagli

ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI

ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI IQEA: UN PROGET TO PER DARE VALORE ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI GIANFRANCO MASSA - EXFOR Alcuni temi centrali per il welfare Assicurare qualità dell assistenza basata sulle competenze delle

Dettagli

REGOLAMENTI. Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 342/1. (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria)

REGOLAMENTI. Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 342/1. (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) 22.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 342/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) n. 1221/2009 DEL PARLAMENTO

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Il NUOVO POR FSE 2014-2020

Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Santo Romano INDICE 1. Nuova Programmazione le principali novità 2. Ripartizione Risorse 2014-2020 3. Calendario bandi triennio 2015-2017

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA PARTECIPAZIONE DEL TAVOLO DI PARTENARIATO DEL VENETO IN MATERIA DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA (CTE)

QUESTIONARIO SULLA PARTECIPAZIONE DEL TAVOLO DI PARTENARIATO DEL VENETO IN MATERIA DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA (CTE) Dipartimento Politiche e Cooperazione Internazionali Sezione Cooperazione Transfrontaliera e Territoriale Europea QUESTIONARIO SULLA PARTECIPAZIONE DEL TAVOLO DI PARTENARIATO DEL VENETO IN MATERIA DI COOPERAZIONE

Dettagli

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Articolo 1 Finalità Articolo 2 Definizioni CAPO I FINALITÀ E

Dettagli

D. E. O. R. DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS. Disseminazione e valorizzazione dei risultati

D. E. O. R. DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS. Disseminazione e valorizzazione dei risultati D. E. O. R. DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS Disseminazione e valorizzazione dei risultati La Diffusione e Valorizzazione dei risultati si riferisce all utilizzo e all applicazione pratica dei

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E INIZIATIVE COMUNITARIE I N T R O D U Z I O N E INTERREG III Cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale volta a incentivare uno sviluppo e un assetto armonioso ed equilibrato del territorio

Dettagli

Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 cofinanziato dal FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 cofinanziato dal FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale UNIONE EUROPEA Piano di Comunicazione Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 cofinanziato dal FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Approvato dalla Commissione europea in data

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

Piano delle azioni di comunicazione

Piano delle azioni di comunicazione Piano delle azioni di comunicazione Il ruolo della comunicazione Il successo delle politiche di sviluppo individuate all'interno dei P.I.C. è condizionato anche da un coerente sistema di azioni d'informazione

Dettagli

Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR

Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR LA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 (Artt. 115-117 reg.to Comune) Strategia di Comunicazione entro 6 mesi dall adozione del POR e possibilità di una

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE per il Programma operativo Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione FESR 2014-2020 della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Versione 27 maggio 2015 INDICE

Dettagli

Piano di Comunicazione del Quadro Comunitario di Sostegno 2000-2006 per le Regioni italiane dell Obiettivo 1

Piano di Comunicazione del Quadro Comunitario di Sostegno 2000-2006 per le Regioni italiane dell Obiettivo 1 Piano di Comunicazione del Quadro Comunitario di Sostegno 2000-2006 per le Regioni italiane dell Obiettivo 1 Versione aggiornata Gennaio 2006 INDICE PREMESSA... 3 1. OBIETTIVI... 4 2. QUADRO NORMATIVO

Dettagli

c) sviluppare un approccio metodologico avanzato che includa sia una dimensione locale sia una transnazionale;

c) sviluppare un approccio metodologico avanzato che includa sia una dimensione locale sia una transnazionale; Titolo del progetto Localizzazione dell intervento Programma INTourAct Area SEE South East Europe Asse I Cooperazione economica, sociale e istituzionale Misura Sviluppo delle sinergie transazionali per

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! La politica di comunicazione dell Unione europea 2007-2013 Tappe Principali Ottobre 2005 - Piano D (Dibattito, Dialogo e Democrazia) Novembre 2005 - Iniziativa

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

POR FSE ABRUZZO 2014-2020. Strategia di Comunicazione del POR FSE Abruzzo 2014-2020

POR FSE ABRUZZO 2014-2020. Strategia di Comunicazione del POR FSE Abruzzo 2014-2020 POR FSE ABRUZZO 2014-2020 Strategia di Comunicazione del POR FSE Abruzzo 2014-2020 Sommario STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DEL POR FSE ABRUZZO 2014-2020... 3 Premessa... 3 1. La Strategia... 4 1.1 Esperienze

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 - Sviluppo Locale 4. Descrizione della

Dettagli

L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa

L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa N. 34 - L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa La presente nota fornisce un quadro generale e sintetico della programmazione e della

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione

LIFE10 ENV/IT/307. Azione 4. Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione LIFE10 ENV/IT/307 Azione 4 Piano di Comunicazione Allegato al Piano di Riduzione dei rifiuti nella grande distribuzione LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste SOMMARIO SOMMARIO... 2 1 PREMESSA... 3 2 MODALITÀ

Dettagli

Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Roma, 7 Luglio 2005

Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Roma, 7 Luglio 2005 Sintesi del seminario Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Roma, 7 Luglio 2005 Nell'ambito del processo di definizione

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14 GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MONITORAGGIO, VERIFICA E SUPPORTO TECNICO AI PROGETTI REALIZZATI DALLE SCUOLE AMMESSE AL FINANZIAMENTO NELL AMBITO DELL INIZIATIVA E-INCLUSION.

Dettagli

I SERVIZI DEL DESK BASILICATA PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA PER LA GERMANIA A FAVORE DELLE IMPRESE LUCANE COINVOLTE

I SERVIZI DEL DESK BASILICATA PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA PER LA GERMANIA A FAVORE DELLE IMPRESE LUCANE COINVOLTE Märkisches Ufer 28 D-10179 Berlin Tel.: +49 (0)30 24.31.04-0 Fax: +49 (0)30 24.31.04-11 E-Mail: info@itkam.org Web: www.itkam.org I SERVIZI DEL DESK BASILICATA PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA PER

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

L ET T E RA D ALLERTA

L ET T E RA D ALLERTA TECLA UPI Le Opportunità di Finanziamento dell UE L ET T E RA D ALLERTA 28 Agosto 2008 I N Q U E S T O N U M E R O Call for proposals EAC/16/08 Progetto Pilota - Rete di strutture esistenti che sostengono

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Rilevazione finanziaria e fisica degli strumenti di informazione e pubblicità realizzati

Rilevazione finanziaria e fisica degli strumenti di informazione e pubblicità realizzati Rilevazione finanziaria e fisica degli strumenti di informazione e pubblicità realizzati 1. Campagne di comunicazione 1.A costo totale previsto 3.404.273 1.B costo totale impegnato 3.343.554 1.C costo

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Piano di comunicazione 2010

Piano di comunicazione 2010 Indice 1. Obiettivi del piano 2. Scenario delle esigenze di comunicazione del MIT 3. Target di riferimento 4. Strategie: linee di azione e strumenti di comunicazione 5. La comunicazione come risorsa sinergica:

Dettagli

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 Premessa Nell ambito della sperimentazione della Società della Salute della sono state individuate tre parole chiave cui riferirsi costantemente

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. POR Campania FSE 2007 2013 /2014-2020. Asse IV - V Obiettivo operativo i2)1)m) fonte: http://burc.regione.campania.

REGIONE CAMPANIA. POR Campania FSE 2007 2013 /2014-2020. Asse IV - V Obiettivo operativo i2)1)m) fonte: http://burc.regione.campania. REGIONE CAMPANIA AVVISO PUBBLICO Per l assegnazione alle Scuole di Specializzazione di area medica dei rispettivi Atenei di Contratti di formazione specialistica POR Campania FSE 2007 2013 /2014-2020 Asse

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO

FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO PREMESSA Il Programma di Comunicazione 2013-2016 della Federazione Italiana Sport Orientamento, trae origine dal piano di Comunicazione istituzionale e si prefigge

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO Agro-Med Quality Plateforme Méditerranéenne pour la Qualité dans l Agriculture et l Agroalimentaire 1 INDICE 1.INTRODUZIONE..3 1.1 SINTESI DEL PROGETTO AGRO-MED QUALITY

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli