ricerca sulle iniziative di informazione e pubblicita dedicate alla promozione delle attivita del fondo sociale europeo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ricerca sulle iniziative di informazione e pubblicita dedicate alla promozione delle attivita del fondo sociale europeo"

Transcript

1 fondi strutturali europei fondo sociale europeo FSE ricerca sulle iniziative di informazione e pubblicita dedicate alla promozione delle attivita del fondo sociale europeo,, prima fase. febbraio 2010

2 OSSERVATORIO SULLE CAMPAGNE DI COMUNICAZIONE SOCIALE RICERCA SULLE INIZIATIVE DI INFORMAZIONE E PUBBLICITA DEDICATE ALLA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA DEL FONDO SOCIALE EUROPEO Rapporto Finale Febbraio 2010

3 Indice Premessa: l OCCS e la Comunicazione del FSE Pag. 6 Il Fondo Sociale Europeo (FSE) Pag. 7 La disciplina comunitaria delle azioni informative e pubblicitarie Pag. 8 Le innovazioni del periodo di programmazione Pag. 11 La ricerca: gli obiettivi Pag. 12 La metodologia e il piano d indagine e di lavoro Pag. 13 I. La progettazione Pag. 13 II. La fase preliminare: aggiornamento e ampliamento del data base Pag. 14 III. La fase preparatoria: l elaborazione degli strumenti d indagine Pag. 15 IV. La fase operativa: l invio delle richieste di collaborazione, i solleciti e la raccolta dei dati Pag. 16 V. L elaborazione dei dati Pag. 19 V.I. Francia Pag. 19 V.I.I. Limousin Pag. 21 V.II. Germania Pag. 22 V.II.I. Amburgo Pag. 22 V.II.II. Bassa Sassonia Pag. 23 V.II.III. Baviera Pag. 25 V.II.IV. Berlino Pag. 26 V.II.V. Brema Pag. 27

4 V.II.VI. Sassonia Pag. 28 V.III. Italia Pag. 30 V.III.I. Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Pag. 30 V.III.II. Campania Pag. 34 V.III.III. Emilia-Romagna Pag. 37 V.III.IV. Lazio Pag. 41 V.III.V. Lombardia Pag. 46 V.III.VI. Veneto Pag. 48 V.IV. Polonia Pag. 49 V.IV.I. Ministero dello Sviluppo Regionale Pag. 50 V.IV.II. Bassa Slesia Pag. 53 V.IV.III. Slesia Pag. 53 V.IV.IV. Varmia-Masuria Pag. 55 V.V. Regno Unito Pag. 56 V.V.I. Inghilterra Pag. 57 V.V.II. Irlanda del Nord Pag. 61 V.V.III. Gibillterra Pag. 63 V.V.IV. Londra Pag. 66 V.V.V. North West England Pag. 67 V.V.VI. South East England Pag. 69 V.VI. Romania Pag. 69 V.VI.I. Ministero del Lavoro, della Famiglia e delle Pari Opportunità Pag. 70 3

5 V.VI.II. Bucharest-Ilfov Pag. 74 V.VI.III. Nord Ovest Pag. 74 V.VI.IV. Ovest Pag. 76 V.VI.V. Sud Est Pag. 76 V.VII. Spagna Pag. 77 V.VII.I. Ministero del Lavoro e dell Immigrazione Pag. 78 V.VII.II. Andalusia Pag. 79 V.VII.III. Melilla Pag. 80 ALLEGATO 1 Pag. 81 Lettera per la raccolta dei contatti ALLEGATO 2 Pag. 82 Lettera di accompagnamento al Questionario (in inglese e italiano) ALLEGATO 3 Pag. 84 Testo della ALLEGATO 4 Pag. 85 Lettera di sollecito ALLEGATO 5 Pag. 86 Questionari Questionario destinato agli enti nazionali (in italiano) Pag. 86 4

6 Questionario destinato agli enti nazionali (in inglese) Pag. 90 Questionario destinato agli enti regionali (in italiano) Pag. 94 Questionario destinato agli enti regionali (in inglese) Pag. 98 ALLEGATO 6 Pag. 102 Database Database degli Enti Nazionali Pag. 102 Database degli Enti Regionali Pag

7 Premessa: l OCCS e la Comunicazione del FSE Con la Quinta Indagine sulle Iniziative di Informazione e Pubblicità dedicate alla promozione del Fondo Sociale Europeo, l OCCS rafforza un ambito di ricerca già oggetto di interesse da diversi anni e, al tempo stesso, affronta aspetti nuovi di questo importante settore di comunicazione. Nel corso delle precedenti ricerche, infatti, la nostra attenzione si è concentrata prevalentemente sull esito delle iniziative, e cioè sui materiali di comunicazione realizzati dalle Autorità di Gestione. Gli strumenti raccolti sono stati rielaborati e presentati in due diversi prodotti multimediali: il primo è il DVD del Repertorio delle iniziative di comunicazione, contenente il risultato delle indagini condotte nel periodo Il Repertorio presenta un notevole campione di strumenti di comunicazione, suddivisi per paese, ente promotore e anno di realizzazione; il contenuto del Repertorio è interamente disponibile on-line, sul sito dell Osservatorio (www.occs.it). Il secondo prodotto, realizzato per la Regione Piemonte in occasione del 2007 Anno Europeo delle Opportunità per Tutti, raccoglie i migliori materiali di comunicazione sulle pari opportunità realizzati nell ambito del Fondo Sociale Europeo e dell Iniziativa Comunitaria EQUAL. Le ricerche promosse nel periodo hanno coinvolto un numero considerevole di Autorità di Gestione in 22 Stati Membri dell Unione Europea. Inoltre, nel rapporto elaborato a conclusione della Quarta edizione della ricerca, è stata inserita una Appendice che riportava alcune informazioni integrative sulle campagne di comunicazione analizzate, in particolare sugli eventi promossi, i soggetti coinvolti nelle iniziative, le caratteristiche della struttura promotrice, gli eventuali strumenti di valutazione e il processo comunicativo. Per la Quinta Indagine, su indicazione del Committente, ci siamo concentrati prevalentemente su questi ultimi aspetti. Oltre a raccogliere i materiali di comunicazione, pertanto, intendiamo ottenere informazioni esaurienti anche sulle modalità di redazione e implementazione dei Piani di Comunicazione da parte delle Autorità di Gestione. 6

8 Il Fondo Sociale Europeo (FSE) L attività del Fondo Sociale Europeo è disciplinata dal Regolamento CE n. 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio, oltre che dal Regolamento CE n. 1083/2006 del Consiglio, recante le disposizioni generali sui fondi strutturali. I fondi contribuiscono alla realizzazione dei tre obiettivi comunitari: a) l'obiettivo «Convergenza», volto ad accelerare la convergenza degli Stati membri e delle regioni economicamente svantaggiate, migliorando le condizioni per lo sviluppo e l'occupazione tramite la crescita e il miglioramento della qualità degli investimenti in capitale fisico e umano, lo sviluppo dell'innovazione e della conoscenza, l'adattabilità ai cambiamenti economici e sociali, la tutela e il miglioramento della qualità dell'ambiente e dell'efficienza amministrativa. Questo obiettivo costituisce la priorità dei Fondi; b) l'obiettivo «Competitività regionale e occupazione», che punta, al di fuori delle zone più arretrate, a rafforzare la competitività, le attrattive territoriali e l'occupazione, incrementando e migliorando la qualità degli investimenti nel capitale umano, l'innovazione e la promozione della società della conoscenza, ma anche le capacità imprenditoriali, la tutela dell'ambiente, così come l'accessibilità e l'adattabilità dei lavoratori e delle imprese, e lo sviluppo di mercati del lavoro inclusivi; c) l'obiettivo «Cooperazione territoriale europea», che è inteso a rafforzare la cooperazione transfrontaliera, tramite iniziative congiunte locali e regionali e azioni volte sia allo sviluppo territoriale integrato connesse alle priorità comunitarie, sia a sostenere la cooperazione interregionale e lo scambio di esperienze al livello territoriale adeguato. In particolare, il Fondo Sociale Europeo contribuisce al raggiungimento degli Obiettivi «Convergenza» e «Competitività regionale e occupazione». Secondo la normativa, il FSE si prefigge di contribuire a : 1. raggiungere la piena occupazione, prolungare la vita attiva e migliorare la capacità di adattamento di lavoratori e imprese ai cambiamenti economici; 2. migliorare la qualità e la produttività del lavoro, in particolare attraverso investimenti in capitale umano, formazione, ricerca e sviluppo; 7

9 3. promuovere l'inserimento sociale (in particolare, l'accesso al lavoro delle persone svantaggiate) e lottare contro tutte le forme di discriminazione sul mercato del lavoro; 4. ridurre le disparità nazionali, regionali e locali in materia di occupazione; 5. rafforzare la capacità e l'efficacia delle istituzioni, allo scopo di favorire il buon governo. La disciplina comunitaria delle azioni informative e pubblicitarie La programmazione generale delle attività dei Fondi strutturali, definita in un Regolamento emanato dal Consiglio, prevede specifiche misure finalizzate a renderne pubblici gli interventi. Il Regolamento CE n. 1083/2006 del Consiglio UE, recante le disposizioni generali sui fondi strutturali per il periodo 2007/2013, dispone che le autorità di gestione, allo scopo di valorizzare il ruolo della Comunità e garantire la trasparenza dell'intervento dei Fondi, informino, in particolare: a) i cittadini dell'unione europea; b) i beneficiari degli interventi, potenziali ed effettivi (art. 69, paragrafo 1, c. 1). Secondo la normativa comunitaria, pertanto, l attività di informazione e pubblicità relativa ai fondi strutturali si deve rivolgere, da un lato, ai diretti beneficiari circa le opportunità offerte dagli interventi e, dall altro, all opinione pubblica riguardo ai risultati conseguiti dalla Comunità Europea. Il Regolamento del Consiglio si rivolge a tutte le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi (quindi alle Autorità nazionali e a quelle regionali), ciascuna delle quali è responsabile della pubblicità nella propria area d intervento (art. 69, paragrafo 2). La normativa prevede che la Commissione Europea, attraverso un apposito Regolamento, definisca nel dettaglio l applicazione di alcune norme. Tale applicazione è stata affidata al Regolamento CE n. 1828/2006 della Commissione (Capo II, Sezione 1). Secondo tale Regolamento, la programmazione delle misure di Informazione e Pubblicità deve essere affidata ad un Piano di comunicazione, redatto dall'autorità di Gestione, relativamente al programma operativo di cui è responsabile, oppure 8

10 dallo Stato membro per i programmi operativi co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo (art. 2, paragrafo 1). Ogni Autorità, inoltre, designa i responsabili delle informazioni e della pubblicità e ne informa la Commissione (art. 10, paragrafo 1). Nel Piano di Comunicazione devono figurare: gli obiettivi e i gruppi di destinatari; la strategia e il contenuto degli interventi informativi e pubblicitari destinati ai beneficiari, potenziali ed effettivi, e al pubblico; il bilancio indicativo necessario per l attuazione del piano; i dipartimenti o gli organismi amministrativi responsabili dell attuazione degli interventi informativi e pubblicitari; un indicazione del modo in cui gli interventi informativi e pubblicitari saranno valutati in termini di visibilità dei programmi operativi e di consapevolezza del ruolo svolto dalla Comunità (art. 2, paragrafo 2). L adeguatezza del Piano di Comunicazione è valutata preventivamente dalla Commissione Europea (art. 3). Inoltre, l Autorità di Gestione informa il Comitato di Sorveglianza dei contenuti del Piano e della sua attuazione, degli interventi realizzati e dei mezzi di comunicazione impiegati. I rapporti annuali e il rapporto finale sull esecuzione dei Programmi Operativi devono includere informazioni adeguate sull attuazione del Piano di Comunicazione, in particolare sugli interventi promossi e sulle misure di valutazione della visibilità dei programmi operativi e della consapevolezza del ruolo svolto dalla Comunità (art. 4). I destinatari degli interventi pubblicitari sono i beneficiari, potenziali ed effettivi, e il pubblico. I beneficiari potenziali devono ricevere informazioni chiare e dettagliate riguardanti soprattutto: a) le condizioni di ammissibilità da rispettare per poter beneficiare del finanziamento nel quadro del programma operativo; b) la descrizione delle procedure d esame delle domande di finanziamento e delle rispettive scadenze; c) i criteri di selezione delle operazioni da finanziare; d) le persone di riferimento a livello nazionale, regionale o locale che possono fornire informazioni sui programmi operativi. 9

11 Nell ambito di queste iniziative di informazione e pubblicità, l Autorità di Gestione associa agli interventi almeno uno dei seguenti organismi, che possono contribuire alla diffusione delle informazioni: a) autorità nazionali, regionali, locali e agenzie per lo sviluppo; b) associazioni professionali; c) parti economiche e sociali; d) organizzazioni non governative; e) organizzazioni che rappresentano il mondo economico; f) centri d informazione sull Europa e rappresentanze della Commissione negli Stati membri; g) istituti educativi (art. 5). I beneficiari sono informati del fatto che, accettando il finanziamento, accettano anche di essere inclusi nell elenco pubblico dei beneficiari (art. 6). Secondo il Regolamento, inoltre, i beneficiari hanno l obbligo di informare il pubblico circa la sovvenzione ottenuta dal FSE (art. 8). L Autorità di Gestione, infine, ha il compito di informare il pubblico attraverso la massima copertura mediatica. In particolare, l Autorità deve organizzare almeno uno dei seguenti interventi: a) un attività informativa principale che pubblicizzi l avvio di un programma operativo, anche in assenza della versione definitiva del piano di comunicazione; b) un attività informativa principale ogni anno, come stabilito nel piano di comunicazione, che presenti i risultati dei programmi operativi nonché dei grandi progetti, qualora siano previsti; c) l esposizione della bandiera dell'unione Europea per una settimana, a partire dal 9 maggio, davanti alle sedi delle Autorità di Gestione; d) la pubblicazione, elettronica o in altra forma, dell elenco dei beneficiari, delle denominazioni delle operazioni e dell importo del finanziamento pubblico destinato (art. 7). La Commissione specifica inoltre quali debbano essere le caratteristiche tecniche degli interventi informativi e pubblicitari, insistendo in particolare sull esposizione 10

12 dell emblema dell Unione Europea, sull indicazione del Fondo pertinente e sulla presenza di una frase, scelta dall Autorità di Gestione, che evidenzi il valore aggiunto dell intervento comunitario (art. 9). La Commissione, infine, incoraggia e sostiene la creazione di reti e lo scambio di esperienze tra i responsabili delle misure informative e pubblicitarie designati dalle Autorità di Gestione (art. 10). Le innovazioni del periodo di programmazione Negli ultimi anni la Commissione Europea ha intensificato i suoi sforzi per accrescere la trasparenza e la coerenza delle iniziative di comunicazione dedicate alle attività dell Unione negli Stati Membri, con particolare attenzione al coinvolgimento dei cittadini e alla cooperazione interistituzionale. Esempi di questo sforzo sono iniziative quali la Comunicazione Verso una cultura di maggiore comunicazione e dialogo (2002), la Comunicazione Piano D per la democrazia, il dialogo e il dibattito (2005), il Piano di Azione per il Miglioramento della Comunicazione sull Europa (2005), il Libro Verde per la Trasparenza (2006), il Libro Bianco su una Politica Europea di Comunicazione (2006) e la Comunicazione Insieme per comunicare l Europa (2007). Per quanto riguarda il Fondo Sociale Europeo, la Commissione ha cercato anzitutto di migliorare la qualità delle informazioni fornite alla cittadinanza. A questo scopo, è stato facilitato l accesso alle informazioni sul sito internet del Fondo, soprattutto in riferimento alle risorse investite, ai destinatari dei finanziamenti, ai contatti dei responsabili del Fondo e alle priorità individuate. Sul sito, inoltre, sono disponibili Report nazionali e regionali che sintetizzano i dati socio-economici delle aree coinvolte dai progetti, le priorità, i programmi messi in campo e le risorse economiche impegnate. Per sostenere la conoscenza del Fondo, infine, la Commissione ha realizzato propri strumenti di comunicazione, anch essi disponibili on-line, quali brochure, video, poster e pubblicazioni. D altro canto, la Commissione Europea si è posta l obiettivo di raggiungere un miglior livello di coordinamento tra le iniziative informative e pubblicitarie promosse dalle Autorità di Gestione, anche attraverso il ricorso ai fondi dell assistenza tecnica. In primo luogo, la Commissione ha promosso, fin dal 1995, 11

13 la costituzione del Network Informale dei Comunicatori del FSE (INIO - Informal Network of ESF Information Officers), che riunisce rappresentanti della Commissione e delle Autorità Nazionali di Gestione. Recentemente, la rete ha promosso tre iniziative: l individuazione di buone prassi che andranno a confluire nella Guida Pratica alla comunicazione sui fondi strutturali curata dalla Direzione Generale Politica Regionale della Commissione, consultabile on-line; la realizzazione di un video per la serie ESF in Action ; la creazione di una banca dati di buone pratiche legate al FSE. Infine, la società Evaluation Partnership LTD è stata incaricata della valutazione delle iniziative di comunicazione promosse dalle Autorità di Gestione nel periodo ; i risultati sono stati pubblicati nel luglio Il rapporto finale evidenzia i fattori-chiave per il successo e avanza alcune raccomandazioni per le attività future. La ricerca: gli obiettivi L'attuale ricerca, commissionata dalla Regione Piemonte, si focalizza sull attività informativa e pubblicitaria promossa dalle Autorità di Gestione del Fondo Sociale Europeo a livello nazionale e regionale. Oggetto di studio sono le iniziative avviate nell ambito del periodo di programmazione dei fondi La finalità dell indagine è incrementare la conoscenza delle prassi comunicative legate al FSE adottate nelle regioni d Europa e negli Stati Membri, al fine di favorire lo sviluppo di nuove esperienze nel contesto piemontese. In particolare, la ricerca ha l obiettivo di analizzare: 1. i contenuti e il processo di elaborazione dei Piani di Comunicazione, e specialmente la strategia comunicativa adottata; 2. l interazione tra Commissione Europea, Autorità di Gestione e Organismi Intermedi nel settore della comunicazione; 3. il ruolo dei network e le altre modalità adottate per favorire lo scambio di esperienze a livello nazionale e comunitario; 4. il ricorso a strumenti di monitoraggio e valutazione delle azioni comunicative; 12

14 5. il coinvolgimento delle parti sociali e di soggetti della società civile nelle fasi di elaborazione e attuazione delle campagne; 6. il livello di trasparenza e l accessibilità delle informazioni. La metodologia e il piano d indagine e di lavoro La ricerca si articola nelle seguenti fasi: I. progettazione; II. fase preliminare: aggiornamento e ampliamento del data base; III. fase preparatoria: elaborazione degli strumenti d indagine (lettere e questionari); IV. fase operativa: invio delle richieste di collaborazione, solleciti e raccolta dei dati; V. elaborazione dei dati e stesura del report finale. I. La progettazione La fase di progettazione si è svolta nella seconda metà di settembre e si è basata, oltre che sull analisi dei dati raccolti nelle precedenti indagini, su brainstorming e riunioni del gruppo di lavoro. E presto emersa l esigenza di procedere ad una puntuale attività di verifica e aggiornamento del data base utilizzato durante la precedente ricerca. Considerate le novità introdotte nella quinta edizione di questo studio, è apparso chiaro che la maggior parte delle energie doveva essere investita nella profondità delle interviste, piuttosto che nel numero di soggetti coinvolti. In altre parole, l esigenza di ricavare da ogni Autorità una gran quantità di informazioni dettagliate si scontrava con l obiettivo iniziale di coinvolgere i 27 Stati Membri della UE. Conseguentemente, si è scelto di lavorare, in via preliminare, sui 7 paesi con una popolazione superiore ai 20 milioni di abitanti, ipotizzando di estendere l inchiesta agli Stati restanti in un secondo momento. I paesi individuati (Italia, Germania, Francia, Spagna, Regno Unito, Polonia e Romania) ospitano oltre 315 milioni di persone, vale a dire il 64% della popolazione 13

15 dell Unione (Fonte Eurostat, 2007). Si tratta, considerata anche la loro estensione geografica, dei paesi più articolati nella dimensione regionale. Infine, essi ricevono dal Fondo Sociale Europeo , pari al 66% degli investimenti del Fondo in tutti gli Stati Membri (Fonte FSE). Lo strumento predisposto per svolgere l indagine è un questionario, elaborato in lingua italiana e inglese, da inviare via ai responsabili delle attività informative e pubblicitarie presso le Autorità di Gestione, accompagnato da una lettera di presentazione sia dell OCCS, sia della ricerca. Durante la prima settimana di ottobre sono stati dunque definiti i testi della lettera e del questionario, con l intento di farli pervenire a tutti i destinatari entro la fine del mese. Si è lavorato parallelamente alla costruzione del data base e all invio delle richieste di collaborazione, senza attendere il completamento della mailing list per avviare le spedizioni, fatta salva la scadenza del 31 ottobre per questa fase. E stato previsto il rientro di una significativa quantità di dati entro la fine di novembre. La fase di elaborazione dei dati e la stesura del report finale è stata conseguentemente collocata entro la fine di dicembre. Queste scadenze hanno subito una proroga, descritta più avanti. II. La fase preliminare: aggiornamento e ampliamento del data base L aggiornamento della lista delle Autorità di Gestione nazionali e regionali, con i recapiti degli incaricati delle attività di informazione e pubblicità, è stato condotto sia attraverso la consultazione delle informazioni disponibili on-line, sia tramite contatti telefonici, sia, infine, attraverso l invio di un apposita lettera in lingua inglese via e- mail (Allegato 1). Nella lettera, dopo una breve presentazione dell attività dell OCCS e delle precedenti ricerche condotte, volta a chiarire che l indagine di inserisce in un filone di ricerca già consolidato, si chiede di indicare il nominativo e i recapiti della persona responsabile delle attività informative e pubblicitarie presso l Autorità di Gestione contattata. E stata adottata una forma di comunicazione molto sintetica, a basso impatto, per favorire un maggior numero di risposte e rendere più immediata la restituzione dei feedback. 14

16 Considerati gli obiettivi della ricerca, il team ha deciso di coinvolgere non solo le Autorità di Gestione, ma anche alcuni Organismi Intermedi, operanti a livello regionale, che collaborano con le Autorità di Gestione nell attività di informazione e pubblicità. E', ad esempio, il caso della Spagna, del Regno Unito, della Romania e della Polonia. Come si è detto, la costruzione del nuovo data base è stata affiancata dall invio delle prime richieste di collaborazione. Entro la fine di ottobre era disponibile una versione pressoché definitiva del data base, tuttavia soggetta a continue variazioni. Nell Allegato 6 è riportata la lista degli enti nazionali e regionali contattati, i recapiti di ciascun ente e alcune osservazioni sulla loro organizzazione e attività. III. La fase preparatoria: l elaborazione degli strumenti d indagine Il Questionario è stato articolato in tre parti: la prima presenta brevemente le ragioni del ricorso a questo strumento d indagine e la richiesta di ricevere i materiali di comunicazione realizzati, se non disponibili on-line; la seconda consente di ottenere alcune informazioni di base sull Autorità di Gestione e sulla persona che risponde al Questionario; la terza, infine, rappresenta la parte più importante del Questionario, e si riferisce all elaborazione e all implementazione dei Piani di Comunicazione. Il gruppo di lavoro ha deciso di produrre due versioni del Questionario, una destinata alle Autorità di Gestione Nazionali, e l altra rivolta alle Autorità e agli Organismi Intermedi Regionali. Ciascuna versione, inoltre, è stata tradotta in lingua inglese; in totale, pertanto, sono state realizzate quattro versioni del Questionario (Allegato 5). A differenza della versione destinata agli enti regionali, il Questionario rivolto alle Autorità nazionali contiene una domanda relativa allo scambio di esperienze a livello nazionale (domanda n. 6). E infine importante sottolineare che la domanda n. 1 è stata inserita solo nei casi in cui non era possibile reperire on-line il Piano di Comunicazione o, per ragioni linguistiche, non era possibile comprenderne il contenuto. Il Questionario è stato accompagnato da una lettera scritta su carta intestata, predisposta secondo gli stessi criteri e con una struttura analoga alla lettera descritta al paragrafo II; anche la lettera di accompagnamento è stata preparata in lingua 15

17 italiana e inglese (Allegato 2). Nell Allegato 3 è riportato anche il testo delle inviate, che anticipa in sintesi i contenuti della lettera. IV. La fase operativa: l invio delle richieste di collaborazione, i solleciti e la raccolta dei dati La spedizione delle richieste di collaborazione, effettuata mentre veniva completato il data base, si è conclusa il 31 ottobre. Sono stati coinvolti 7 paesi e 116 regioni d Europa (anche se l espressione regioni non è sempre corretta, come nel caso dei Länder tedeschi o dei Départements/Territoires d Outre-Mer francesi). Gli enti nazionali contattati, tra Autorità di Gestione e Organismi Intermedi, sono 16, mentre quelli regionali sono 142. E verosimile, tuttavia, che risponda una sola Autorità per paese/regione. Quando possibile, è stata contattata direttamente la persona incaricata delle misure informative e pubblicitarie; altrimenti è stato necessario compiere ulteriori passaggi. Nel caso degli enti regionali, la procedura è stata articolata come segue: per l Italia, la dottoressa Elena Viscusi del Ministero del Lavoro si è resa disponibile a svolgere un ruolo di intermediazione con le Autorità regionali di Gestione, ricorrendo alle risorse e ai contatti della Rete nazionale per la comunicazione del FSE , recentemente promossa dal Ministero. Per quanto riguarda la Polonia, una lista completa degli Organismi Intermedi operanti a livello regionale è stata fornita dal relativo Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; prima che ciò avvenisse, alcuni dati erano stati già reperiti on-line o tramite contatti telefonici e . Per quanto riguarda, infine, Francia, Spagna, Regno Unito, Germania e Romania, sono stati contattati direttamente le Autorità di Gestione e gli Organismi Intermedi regionali, grazie alle informazioni raccolte per telefono o via , e disponibili online. Per incentivare il rientro delle risposte, a partire dalla seconda settimana di novembre è stato avviato un ciclo di solleciti via . Il testo della lettera di sollecito (Allegato 4) mira a sottolineare i vantaggi che l indagine offrirà ai soggetti coinvolti: si precisa, infatti, che condurrà alla costruzione di un catalogo unico delle misure informative e pubblicitarie promosse dalle Autorità di Gestione e dagli Organismi 16

18 Intermedi negli Stati Membri. Poiché il report finale sarà tradotto in inglese, tutti i funzionari coinvolti nella ricerca potranno condividerne i risultati. Benché in origine la chiusura della ricerca fosse stata prevista per la fine di dicembre, il ritardo registrato nella restituzione dei questionari compilati, non imputabile al team di ricerca, ha costretto ad una riprogrammazione della parte finale dell indagine. Del resto, un simile ritardo era stato già preventivato nel Rapporto sullo Stato di Avanzamento della Ricerca stilato a Novembre Nel corso del mese di dicembre, pertanto, si è proceduto ad una serie di solleciti mirati, per telefono e via , rivolti soprattutto alle Autorità di Gestione e agli Organismi Intermedi che avevano manifestato la loro disponibilità a collaborare ma che non avevano dato seguito all intento. Il nuovo round di solleciti ha spostato la rielaborazione dei dati e la stesura del report finale al mese di gennaio Occorre sottolineare come le risposte ottenute nella fase di sollecito abbiano contribuito ad evidenziare potenzialità e limiti della ricerca; da un lato, l interesse per l indagine, manifestato da numerosi enti, dimostra il successo delle iniziative di studio e ricerca finalizzate alla messa in rete e allo scambio delle esperienze nel settore della comunicazione, dall'altro numerosi soggetti, benché interessati al tema della ricerca, hanno scelto di non aderirvi. La motivazione più frequente è stata: le strutture incaricate delle attività di informazione e pubblicità, piccole e oberate di lavoro, non avevano la disponibilità materiale di rispondere al questionario; in altri casi, i funzionari incaricati dovevano attendere l autorizzazione dei dirigenti o seguire le direttive impartire dalle Autorità di Gestione nazionali; infine, è stato rilevato che l OCCS, in quanto ente di ricerca italiano che non agiva sulla base di un mandato comunitario, non era un soggetto titolato a condurre questo tipo di ricerca. Questioni specifiche saranno trattate nel prossimo paragrafo. Parallelamente ai solleciti, è stata portata avanti la raccolta dei materiali di comunicazione disponibili on-line, anche sulla base delle indicazioni ricevute dalle Autorità e dagli Organismi contattati. La raccolta, conclusasi a dicembre, è stata assai proficua: il vasto campionario di strumenti di comunicazione reperiti, che andranno a completare l attuale repertorio OCCS, sono quantitativamente superiori rispetto al passato; ciò segnala la crescita dell importanza delle attività di comunicazione nella gestione del Fondo. La maggiore accessibilità delle informazioni e dei documenti, inoltre, rappresenta il frutto degli sforzi compiuti dalle autorità comunitarie, 17

19 nazionali e regionali per favorire la trasparenza delle procedure e il coinvolgimento del pubblico nelle iniziative del FSE. Ad indagine conclusa, gli Enti che hanno aderito alla ricerca, rispondendo al questionario, sono: Enti Nazionali Enti Regionali Francia Limousin Germania Amburgo Bassa Sassonia Baviera Berlino Brema Sassonia Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Campania Emilia-Romagna Lazio Lombardia Veneto Polonia Ministero dello Sviluppo Regionale Bassa Slesia Slesia Varmia-Masuria Regno Unito INGHILTERRA: Governo Inglese, Divisione FSE IRLANDA DEL NORD: Governo dell Ulster, Dipartimento Lavoro e Formazione, Unità Europea Gibilterra Londra North West England South East England Romania Ministero del Lavoro, della Famiglia e delle Pari Opportunità Bucharest-Ilfov Nord Ovest Ovest Sud Est Spagna Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Andalusia Melilla TOTALE

20 Sulla base del quadro appena riportato, si può osservare che hanno aderito alla ricerca 6 enti nazionali in 5 paesi; questo risultato corrisponde al 71,4% dei paesi coinvolti e al 37,5% degli enti nazionali interpellati. Tra le Autorità e gli Organismi Intermedi Regionali, invece, il tasso di risposta corrisponde al 21,6% delle Regioni prese in esame e al 17,7% degli enti contattati (si vedano anche i dati riportati all inizio del paragrafo). Considerate le difficoltà descritte sopra e l articolazione del questionario, i dati sulla partecipazione sono soddisfacenti. V. L elaborazione dei dati Considerata la disomogeneità dei dati pervenuti e le differenze esistenti tra gli enti rispondenti (Autorità di Gestione nazionali e regionali, Organismi Intermedi, Ministeri, Dipartimenti ministeriali, Agenzie specializzate, ecc.) le informazioni raccolte saranno suddivise per paese di provenienza. All interno di ciascuna sezione nazionale, quindi, sarà offerto un quadro generale di riferimento e, successivamente, saranno presentate le informazioni fornite dagli enti che hanno risposto al questionario. E importante sottolineare che, nonostante siano stati raccolti i materiali e i Piani di Comunicazione di un notevole numero di soggetti, saranno esaminate esclusivamente le realtà che hanno partecipato attivamente all indagine. Inoltre, le presentazioni saranno influenzate dalla variabilità delle risposte date nei diversi questionari, che si differenziano per quantità e qualità. Nel CD allegato al rapporto, comunque, è possibile trovare tutta la documentazione reperita sul web, che riguarda pressoché la totalità degli enti, vale a dire piani di comunicazione e rispettivi allegati, materiali di comunicazione, pubblicazioni, ecc. V.I. Francia In Francia il Ministero dell Economia, delle Finanze e del Lavoro è l Autorità di Gestione dei Programmi Nazionali co-finanziati dal FSE nell ambito dell Obiettivo 19

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2006R1083 IT 25.12.2008 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO dell'11 luglio

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI ATTUATORI DI TIROCINI EXTRACURRICULARI, ANCHE IN MOBILITÀ INTERREGIONALE ATTRAVERSO L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE SICILIANA

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 25.06.2008 SEC(2008) 2193 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE CODICE EUROPEO DI BUONE PRATICHE PER FACILITARE L ACCESSO DELLE PMI AGLI

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli