CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING"

Transcript

1 CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING 1. Che cos è il marketing? 2. L obiettivo del marketing è e i bisogni dei consumatori. 3. Quali sono le quattro condizioni necessarie perché si possa parlare di marketing? 4. Un organizzazione non può soddisfare i bisogni di tutti i consumatori, quindi deve concentrarsi su uno o più sottogruppi che sono i suoi 5. Quali sono i quattro elementi del marketing mix che costituiscono il programma di marketing di un impresa? 6. Cosa sono le variabili incontrollabili? 7. Quali sono gli orientamenti che un impresa può adottare? 8. Quali sono i due aspetti fondamentali dell orientamento al marketing? CAPITOLO 2 L ATTIVITÀ DI MARKETING E LE STRATEGIE D IMPRESA 1. Quali sono i tre livelli decisionali rilevanti per le grandi organizzazioni? 2. A cosa serve la missione di un organizzazione? 3. Qual è il rapporto esistente fra gli obiettivi di un organizzazione e la sua missione? 4. Che cos è l analisi del portafoglio di attività? 5. Quali sono le quattro strategie prodotto-mercato presentate nella matrice di Ansoff? 6. In che cosa consiste la differenza fra punti di forza e opportunità nell analisi SWOT? 7. Che cos è la segmentazione del mercato? 8. In che cosa consiste la fase di controllo del processo di marketing strategico? 9. Qual è il rapporto esistente fra gli obiettivi stabiliti per il programma di marketing in fase di pianificazione e la fase di controllo del processo di marketing strategico? CAPITOLO 5 ETICA, RESPONSABILITÀ SOCIALE E MARKETING 1. Che cosa è l etica? 2. Spiegare la differenza fra legalità e eticità nelle decisioni di marketing 3. Spiegare il significato dell etica nell ambito dell attività d impresa 4. Qual è il punto di vista di Carrol in merito alla RSI? 5. Quali sono gli strumenti che le imprese stanno adottando per di controllare la loro performance etica? 6. Con riferimento alle pratiche di impresa, in cosa consiste l etica negli scambi? 7. Cos è lo spionaggio industriale? 8. Cos è il codice etico? 9. Che cosa si intende per responsabilità sociale? 10. La produzione, promozione e il riutilizzo di prodotti rispettosi dell ambiente possono essere riassunti in ciò che viene definito 11. Che cosa è un audit sociale?

2 CAPITOLO 6 IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE 1. Qual è la prima fase del processo decisionale di acquisto del consumatore? 2. Le marche che il consumatore seleziona dall insieme di tutte quelle conosciute per una categoria di prodotto vengono definite 3. Con che espressione viene indicata l ansia da post-acquisto? 4. Quali sono i tre metodi più usati per modificare l atteggiamento dei consumatori? 5. Che cosa significa stile di vita? 6. Quali sono le due principali forme di influenza personale? 7. Quali sono i gruppi di riferimento rilevanti ai fini del marketing? 8. Che cosa differenzia la subcultura dalla cultura dominante? CAPITOLO 7 I MERCATI INDUSTRIALI E IL COMPORTAMENTO DI ACQUISTO DELLE IMPRESE 1. Quali sono le tre principali tipologie di acquirenti industriali? 2. Cosa si intende per domanda derivata? 3. Che cosa sono le e-marketplace? 4. In quale dei due tipi di aste online i prezzi tendono al rialzo e in quale al ribasso? CAPITOLO 8 IL MERCATO GLOBALE 1. Che cos è il protezionismo? 2. Quali sono i paesi che beneficiano dell Accordo Nordamericano di Libero Scambio? 3. Quale differenza c è tra l essere parte dell Unione Europea e l aver aderito all Euro? 4. Qual è la differenza fra strategia di marketing multi-locale e strategia di marketing globale? 5. Che cosa studia la semiotica? 6. Che cosa rappresenta il reddito medio pro-capite? E il potere d acquisto? 7. Cosa si intende per distribuzione del reddito? 8. Cosa esprime il tasso di cambio di una valuta? 9. Quale strategia di entrata potrebbe utilizzare un azienda che non ha nessuna esperienza di marketing globale? 10. Quali sono le differenze fra licensing e joint venture? 11. Quali sono i tre possibili modi per vendere un prodotto su scala mondiale? 12. Che cos è il dumping? CAPITOLO 9 LA RICERCA DI MARKETING: DALL INFORMAZIONE ALL AZIONE 1. Come si definisce il sistema informativo di marketing? 2. Quali tipologie di informazioni definiscono la struttura del sistema informativo? 3. Che cos è la ricerca di marketing? 4. Quali sono le quatto fasi della ricerca di marketing?

3 5. Quali sono le tre tipologie di ricerca di marketing? 6. Che cosa si intende per vincoli? 7. Qual è la differenza fra concept e metodi? 8. Qual è la differenza fra dati secondari e dati primari? 9. Quali sono i pro ed i contro dei dati secondari? 10. Qual è la differenza fra dati basati sull osservazione e dati basati sulle dichiarazioni? 11. Quale fra le seguenti modalità di intervista permette una maggiore flessibilità nella formulazione delle domande: questionario postale, intervista telefonica, intervista personale? 12. Qual è la differenza fra panel ed esperimenti? 13. Che cosa si intende per driver delle vendite? 14. Cosa si intende per validità teorica e validità statistica? 15. In che cosa consiste la differenza fra data mining e ricerca di marketing tradizionale? CAPITOLO 10 IDENTIFICARE I SEGMENTI DI MERCATO E IL MERCATO OBIETTIVO 1. La segmentazione del mercato consiste nel suddividere i potenziali acquirenti in gruppi che presentano le stesse caratteristiche. Come vengono definiti tali gruppi? 2. Quali sono gli obiettivi del processo di segmentazione? 3. Perché il processo di segmentazione e identificazione dei mercati obiettivo rappresenta un passaggio chiave per collegare il piano di marketing ai bisogni degli acquirenti? 4. Quali variabili possono essere usate come base di segmentazione per i mercati al consumo e per quelli industriali? 5. Quali sono i criteri per valutare l opportunità di una segmentazione e quali quelli per la scelta dei mercati obiettivo? 6. In una matrice prodotto-mercato, quale elemento viene stimato in ogni cella? 7. Qual è la differenza fra sinergie di marketing e sinergie di prodotto? 8. Rispetto al valore per il consumatore, quali sono i possibili approcci all impostazione di una strategia di posizionamento? 9. In che cosa consiste la differenza fra quota e budget di vendita? 10. Quali sono i vantaggi/svantaggi per l impresa del coinvolgimento della forza vendita nella previsione delle vendite? CAPITOLO 11 LO SVILUPPO E IL LANCIO DEI NUOVI PRODOTTI 1. Spiegare la differenza fra portafoglio prodotti, linea di prodotto e referenza 2. Quali sono i tipi principali di prodotti di consumo? 3. Quale, tra un prodotto di consumo e un prodotto per le imprese, ha una domanda derivata? 4. Quali potrebbero essere le cause di fallimento di un nuovo prodotto? 5. Quali sono le sette fasi del processo di sviluppo e lancio di un nuovo prodotto? 6. Cosa si intende per un concept test? 7. Cosa si intende per time to market? 8. Cosa è un momento di contatto e come incide sulla costruzione delle relazioni? 9. Fare corrispondere la domanda alla capacità è l obiettivo principale della gestione. 10. Come può usare la discriminazione temporale dei prezzi un cinema? 11. Quali fattori influenzeranno i cambiamenti futuri dei servizi?

4 CAPITOLO 12 LA GESTIONE DEI PRODOTTI E DELLE MARCHE 1. La pubblicità svolge un ruolo importante nella fase del ciclo di vita di un prodotto, e svolge un ruolo importante nella fase della maturità. 2. In cosa differiscono i prodotti ad alto apprendimento e a basso apprendimento? 3. Come appare il ciclo di vita di un prodotto moda? 4. Attraverso quali strategie un product manager può gestire un prodotto durante le varie fasi del ciclo di vita del prodotto stesso? 5. Cosa significa creare nuove situazioni d uso nella gestione del ciclo di vita del prodotto? 6. Spiegare la differenza tra trading up e trading down nel riposizionamento di un prodotto. 7. Quali criteri bisogna seguire nella scelta del nome della marca? 8. Quali sono le funzioni della marca? 9. Cosa si intende per brand equity? 10. Qual è il ruolo che packaging, etichetta e garanzia svolgono a supporto del marketing di un prodotto? CAPITOLO 13 LA GESTIONE DEI SERVIZI 1. Quali sono le quattro I dei servizi? 2. Per eliminare le differenze di qualità dei servizi, le società si basano su e su 3. Cosa è il service continuum? 4. Come possono essere classificati i servizi rispetto alla modalità di erogazione? 5. Quali sono le differenze tra le caratteristiche di ricerca, esperienza e fiducia? CAPITOLO 14 LE BASI PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO 1. Quali sono i fattori che influiscono sulla determinazione del prezzo finale di un prodotto? 2. Qual è la differenza fra gli obiettivi e i vincoli nelle politiche di prezzo? 3. Come influisce la forma di mercato sulla discrezionalità dell impresa nella fissazione dei prezzi? 4. Qual è la differenza fra uno spostamento lungo la curva di domanda e uno spostamento della curva di domanda? 5. Cos è il ricavo totale e come si calcola? 6. Che implicazioni ha un elasticità della domanda al prezzo maggiore di 1? 7. Qual è la differenza fra costi fissi e costi variabili? 8. Cos è il punto di pareggio? CAPITOLO 15 LE STRATEGIE DI DEFINIZIONE DEI PREZZI

5 1. Nella determinazione del prezzo di un nuovo prodotto, in che circostanze è più opportuno utilizzare un prezzo di scrematura? E di penetrazione? 2. Cos è il prezzo psicologico? 3. Cos è il metodo del markup? 4. Quale approccio di determinazione del prezzo basato sul profitto dovrebbe usare un manager che voglia poter avere una misura di come esso si rapporta alle risorse aziendali usate per ottenerlo? 5. Quale obiettivo si pone un impresa di distribuzione con l uso di prezzi civetta? 6. Perché un venditore potrebbe scegliere una politica di prezzo flessibile invece che di prezzo fisso? 7. Se l obiettivo di un impresa fosse quello di incoraggiare la frequenza acquisto di un consumatore, nell arco temporale di un anno, quale delle seguenti strategie sarebbe più opportuno utilizzare: a) uno sconto sulla quantità cumulativo, b) uno sconto sulla quantità non cumulativo? 8. Perché il legislatore è molto attento ad alcune pratiche di determinazione dei prezzi? 9. Cosa distingue una pratica di differenziazione dei prezzi da una discriminatoria? CAPITOLO 16 LA GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING 1. Cosa si intende per canale di marketing? 2. Quali sono le tre funzioni di base svolte dagli intermediari? 3. Qual è la differenza fra un canale diretto e uno indiretto? 4. Come si misura la lunghezza di un canale? 5. Perché i canali per i prodotti destinati alle imprese sono tipicamente più corti rispetto a quelli per i prodotti di consumo? 6. Qual è la distinzione principale fra un sistema verticale di marketing aziendale e uno amministrato? 7. Quali sono i tre gradi di intensità della distribuzione? 8. Quali sono le tre domande che i responsabili marketing si pongono quando scelgono un canale di marketing e i relativi intermediari? 9. Cosa si intende per accordo di vendita esclusiva? CAPITOLO 17 SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E GESTIONE DELLA LOGISTICA 1. Qual è la differenza principale fra un canale di marketing e una supply chain? 2. Quali sono le tre fasi del processo di definizione della supply chain? 3. Di quali fasi si compone il ciclo dell ordine? 4. In che modo le informazioni sulla domanda aumentano la reattività e l efficienza della supply chain? 5. Quali sono i rapporti fra il numero di magazzini di un azienda, i suoi costi di magazzino e di trasporto? 6. Quali sono le principali differenze fra le cinque modalità di trasporto? 7. Qual è la differenza tra i magazzini di stoccaggio e i centri di distribuzione? 8. Quali sono i punti di forza e di debolezza del sistema just-in-time?

6 CAPITOLO 18 LA DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO 1. Quando Polo/Ralph Lauren realizza camicie tagliate in base alle misure esatte di un cliente, quale utilità offre? 2. Quali sono i modi per classificare i tipi di distributore? 3. Cosa si intende per profondità e ampiezza dell assortimento? Sono correlate al livello di servizio offerto? 4. In riferimento alla formula del franchising, quali sono i principali vantaggi per il franchisee? 5. Che cosa sono i category killer? 6. Qual è la differenza tra vendita per corrispondenza e su catalogo? 7. In quali modi i distributori cercano di coinvolgere i consumatori nella vendita online? 8. Come collochereste la vendita porta a porta nel ciclo di vita delle formule distributive? 9. Quali sono le due dimensioni della matrice di posizionamento dei punti vendita? 10. Perché il ricarico pianificato può differire da quello effettivo? 11. Quali sono le caratteristiche di un centro commerciale extraurbano? 12. In base alla ruota del dettaglio, quando appare una nuova forma di vendita al dettaglio, come se ne può caratterizzare l immagine? 13. Di solito, in quale fase del ciclo di vita delle formule distributive si combatte per la quota di mercato? CAPITOLO 19 COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING E DIRECT MARKETING 1. Quali sono i sei elementi che costituiscono il processo di comunicazione? 2. Quale difficoltà rischiano di incontrano le imprese che pubblicizzano i propri prodotti a livello internazionale? 3. Un errore di stampa in una pubblicità su un giornale è un esempio di? 4. Spiegare la differenza fra pubblicità e publicity. 5. Quale degli strumenti promozionali a disposizione delle imprese dovrebbe essere utilizzato solo come strategia di breve termine? 6. Quale delle varie leve di comunicazione ha il più elevato costo contatto? 7. Descrivere gli obiettivi di comunicazione associati a ciascuna fase del ciclo di vita del prodotto. 8. In quale fase del processo decisionale del consumatore la vendita personale è molto importante? Perché? 9. Chiarire le differenze tra una strategia di tipo push e una pull. 10. Quali sono i punti deboli nell approccio di determinazione del budget in relazione alla percentuale sulle vendite? 11. In che cosa consiste la comunicazione integrata di marketing? 12. La capacità di progettare e usare i programmi di direct marketing è aumentata con la disponibilità di?

7 13. Che caratteristiche devono avere i dati raccolti per poter essere utilizzati in attività di direct marketing? CAPITOLO 20 PUBBLICITÀ, PROMOZIONE DELLE VENDITE E RELAZIONI PUBBLICHE 1. Qual è la differenza tra pubblicità pionieristica e competitiva? 2. Qual è la finalità di un messaggio pubblicitario istituzionale? 3. Quali possono essere gli obiettivi di una campagna pubblicitaria? 4. Spiegare la differenza tra l approccio che fa appello alla paura e quello che fa appello all ironia. 5. La pubblicazione del medesimo messaggio pubblicitario sulle riviste Panorama e L Espresso e sui cartelloni pubblicitari, nonché la sua trasmissione in TV, costituisce un esempio di aumento della penetrazione (reach) o della frequenza (frequency)? 6. Quali sono le ragioni che hanno contribuito a far sì che Internet diventasse un popolare strumento di comunicazione pubblicitaria? 7. Quali sono i principali fattori da prendere in considerazione nella scelta dei media attraverso i quali veicolare un messaggio pubblicitario? 8. Spiegare la differenza che intercorre tra verifiche a priori e a posteriori dei testi pubblicitari. 9. Relativamente alle verifiche pubblicitarie a posteriori (post-test), che differenza c è tra la rievocazione guidata e non guidata? 10. Qual è lo strumento di promozione delle vendite più adatto per i nuovi prodotti? 11. Qual è la differenza tra un buono sconto e un'offerta speciale? 12. Quale promozione delle vendite viene utilizzata in modo continuativo? 13. Quali sono gli strumenti utilizzati da chi si occupa delle relazioni pubbliche per la gestione dei rapporti con i media? 14. In cosa differisce la comunicazione per la gestione delle crisi da quella ambientale? CAPITOLO 21 VENDITA PERSONALE E SALES MANAGEMENT 1. Cos è la vendita personale? 2. Cosa comporta il sales management? 3. Qual è la principale differenza fra un addetto alla raccolta ordini e un venditore-tecnico commerciale? 4. Cos è un team di vendita? 5. Quali sono le sei fasi del processo di vendita personale? 6. Nella valutazione di un potenziale cliente quale è la differenza fra un cliente lead e un cliente qualificato? 7. Quale formato di presentazione è più coerente con il concetto di marketing? Perché? 8. Quali sono i tre tipi di obiettivi di vendita? 9. Quali sono i tre criteri usati per strutturare l organizzazione di vendita? 10. Come si collega l intelligenza emotiva all adaptive selling?

8 CAPITOLO 22 DIGITAL MARKETING:E-COMMERCE E SOCIAL MEDIA 1. Rispetto a che tipo di utilità il web offre le massime potenzialità per il marketing? 2. Quali sono le differenze e le sinergie tra choiceboard, collaborative filtering e personalizzazione dei contenuti? 3. Quali sono i sette driver dell esperienza on line? 4. In cosa consiste la regola degli otto secondi? 5. Quale tipologia di consumatori on line spende di più nel marketspace e quale passa su Interente più tempo? 6. Quali sono le sei motivazioni per fare acquisti on line? 7. Qual è la differenza tra l approccio opt-in e quello opt-out? 8. Spiegare la dinamica di un fenomeno di viral marketing. 9. Cosa si intende per marketing multicanale? 10. Come si contribuiscono i siti di vendita e quelli promozionali alle strategie di marketing multicanale? 11. Che cosa si intende con il termine Web 2.0? 12. Che differenza c è tra i Wiki e i Blog? 13. Quali sono I due fattori chiave sui quali si basa la classificazione dei social netwok proposta da Kaplan e Haenlein? 14. Quali sono gli elementi che è necessario considerare per rilevare le caratterisiche che accomunano o differenziano i media tradizionali dai social media? 15. Descrivere in che modo i social media Facebook, Twitter, LinkedIn e YouTube possono supportare il lavoro dei responsabili marketing. 16. In che cosa consiste la convergenza tra mondo digitale e reale?

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

REAL ESTATE. Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari

REAL ESTATE. Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari REAL ESTATE Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari è un sistema progettato per garantire la semplice gestione della presenza online per le agenzie immobiliari. Il

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli