PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI PRIMO SOCCORSO"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Via Famiglia Riccardi Nembro (Bg) Tel: / Fax: C.F C.M. BGIC86000C PEC: PIANO DI PRIMO SOCCORSO PREMESSA Il Piano di Primo soccorso è emanato dal Datore di Lavoro Dirigente Scolastico - dell Istituto Comprensivo di Nembro, ai fini e per gli effetti della normativa vigente in materia di Sicurezza nei posti di lavoro ( Testo Unico D. Lgs. 81/08). PRIMO SOCCORSO: è l insieme delle azioni effettuate da persone, ovvero da lavoratori, adeguatamente formati che non sono personale sanitario, che permettono di aiutare una o più persone in difficoltà (ferita, o che si è sentita improvvisamente male), nell attesa dell arrivo dei soccorsi qualificati (medico, infermiere o personale dell ambulanza). Chi trova una persona priva di coscienza, ferita o in pericolo, o assiste ad un incidente deve innanzitutto valutare attentamente la sicurezza della scena, per evitare di mettere ulteriormente in pericolo l incolumità dell infortunato e la propria. Nessuna azione deve essere svolta senza aver prima valutato la situazione. AMBITO DI APPLICAZIONE Tutto il personale della scuola è tenuto ad osservare le indicazioni contenute nel presente Piano di Primo soccorso. Come nel precedente D.Lgs. 626/94, anche nella normativa vigente, l addetto al primo soccorso non ha responsabilità diverse da quelle di un qualsiasi cittadino. Ogni cittadino, infatti, è obbligato (per legge) a prestare soccorso in caso di bisogno secondo le proprie possibilità e, se necessario, ha l obbligo di avvisare le autorità competenti e il personale sanitario del Pronto Soccorso (112) DESIGNAZIONE Il Dirigente Scolastico provvede a designare tramite lettera gli addetti al primo soccorso. La nomina non può essere rifiutata se non in caso di documentate condizioni personali. Copia delle comunicazioni di designazione è custodita presso gli uffici amministrativi. L elenco degli addetti è esposto presso ogni plesso scolastico. FORMAZIONE Tutti gli addetti sono stati formati nel rispetto delle previsioni del D.M. n 388/2003 e, in conformi tà allo stesso, saranno soggetti a formazione ricorrente, almeno per quanto attiene alla capacità di intervento pratico, con frequenza non superiore a tre anni. I COMPONENTI LA SQUADRA DI PRIMO SOCCORSO, in collaborazione stretta con i Responsabili di plesso, in quanto delegati del Dirigente Scolastico, provvedono ad attuare il Piano di Primo soccorso presso la propria sede scolastica. I Responsabili di plesso coadiuvano i componenti la Squadra di primo soccorso sul piano organizzativo e danno disposizioni in accordo con essa 1

2 COMPITI DEGLI ADDETTI DI PRONTO SOCCORSO Bisogna ricordare che giusto soccorso significa anche: non mettere a repentaglio la propria vita; non prestare interventi superiori alle proprie capacità; non farsi prendere dal panico; non lasciare l infortunato prima dell arrivo del personale sanitario. Che cosa NON bisogna fare Non spostare l infortunato a meno che non esistano motivi gravi per farlo. Questo vale in modo particolare quando, dopo aver valutato la scena dell infortunio (se possibile anche comunicando con l infortunato), si può avere il fondato sospetto che l infortunio sia stato provocato da una caduta o da altri tipi di trauma (urti e/o torsioni violenti, schiacciamenti, investimenti,) che possono aver causato delle fratture di qualsiasi tipo. Spostato bruscamente, si può provocare un emorragia interna di tipo arterioso o lesioni a tendini e nervi. Lo spostamento di un infortunato che ha riportato lesioni alla colonna vertebrale può spesso tradursi in danni permanenti o morte nel caso di lesione alle vertebre cervicali. Alcune altre cose da NON fare mai: correre rischi personali; farsi prendere dal panico, col rischio di azioni inconsulte o poco ragionate (tanto per fare agire senza il consenso dell infortunato, salvo casi di grave necessità; dare medicinali. considerare morto l infortunato (solo un medico può constatare la morte) qualcosa..) Che cosa bisogna fare Accertarsi che la scena dell infortunio sia sicura Cercare di capire la dinamica dell incidente, che cosa è successo (quando possibile parlando direttamente con l infortunato o con eventuali colleghi o persone presenti - testimoni) Allontanare le persone non indispensabili, o che possono essere d intralcio (i classici curiosi) Valutare l infortunato, controllare immediatamente le funzioni vitali (se è cosciente, se respira..) Rassicurare l infortunato, se è cosciente Evitare commenti sul suo stato anche se pare incosciente Chiamare il pronto intervento (112) specificando chiaramente l indirizzo e le modalità di accesso alla struttura Non lasciare l infortunato da solo fino a che non verrà affidato a persone competenti. Proteggete voi stessi ed il ferito: Non esponetevi a pericoli inutili. Provvedete alla sicurezza della scena, allontanando eventuali fonti di pericolo se possibile Preparate una via di accesso per i veicoli di soccorso professionale Se il paziente è ancora in pericolo mettetelo in salvo; il pericolo deve essere reale ed imminente, altrimenti lasciate il paziente sul posto ed attendete il soccorso professionale: una manovra errata può causare gravi lesioni! Attenzione alla presenza di persone violente o in qualche modo pericolose,valutate l eventualità di chiamare la polizia. Prevenzione delle infezioni: non entrate in contatto con liquidi biologici (sangue, muco, vomito, etc.). Lavatevi le mani prima e dopo aver fornito il primo soccorso; prima di avere contatto con l infortunato indossate e usate i guanti protettivi o, all occorrenza, una barriera come un sacchetto di plastica. Attenzione ad oggetti taglienti (es. vetri). 2

3 Indicazioni per lo svolgimento dei compiti di addetto di PS: Gli interventi di PS devono avvenire tempestivamente, al momento della segnalazione. L addetto è esonerato, per tutta la durata dell intervento, da qualsiasi altra attività di sua competenza e, in particolare, deve sospendere ogni lavoro che stava svolgendo prima della chiamata; quando possibile, l'addetto impegnato in un intervento di PS deve essere temporaneamente sostituito da un collega nelle sue normali attività. L azione dell addetto di PS è circoscritta al primo intervento su una persona bisognosa di cure immediate. In ogni caso l intervento dell addetto di PS si esaurisce quando l infortunato è stato preso in carico dal personale dell ambulanza, in caso di ricorso al 112, o dal personale del Pronto Soccorso Ospedaliero, in caso di trasporto in auto in ospedale, oppure quando l infortunato minore è stato consegnato ai familiari. L intervento dell addetto di PS è finalizzato al soccorso di chiunque si trovi nei locali dell istituto. ATTIVAZIONE DEL SOCCORSO PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI MALESSERI DEGLI ALUNNI A SCUOLA IMPARTITE A TUTTO IL PERSONALE DELLA SCUOLA Si rileva in premessa che le indicazioni procedurali che seguono sono la formalizzazione di quanto in genere viene fatto quotidianamente allorché un alunno/a non si senta bene, presenti sintomi di malessere o di disagio. In caso di incidenti o grave malessere, le procedure da seguire sono quelle indicate al paragrafo successivo (PROCEDURA DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO O MALESSERE GRAVE) Nei casi di malesseri ordinari ci si attiene alle seguenti indicazioni: 1) In caso di malessere di un alunno/a (mal di testa, mal di pancia, ecc.) l alunno è accompagnato dal personale della scuola nell infermeria. La Scuola avverte i genitori tramite le assistenti amministrative, oppure tramite l insegnante capogruppo dei plessi di scuola primaria e infanzia, invitandoli a ritirare il ragazzo/a e a portarlo/a a casa per l assistenza e le cure necessarie. 2) Se l alunno/a presenta sintomi che possono far supporre l esistenza di malattie infettive, la Scuola invita i genitori a ritirare il ragazzo/a con sollecitudine e a rivolgersi al medico curante. 3

4 PROCEDURA DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO O DI MALESSERE GRAVE 1) La persona che assiste all infortunio attiva l addetto PS ( un Collaboratore Scolastico si occuperà della sorveglianza della classe, se il PS è un docente che sta facendo lezione; se necessario gli alunni potranno anche essere suddivisi all interno delle altre classi); 2) l addetto PS si reca sul posto, valuta le condizioni dell infortunato e attiva la relativa procedura A, B o C. CASO A (grave e/o urgente) Addetto PS - Informa immediatamente il Responsabile capogruppo/dirigente scolastico/vicaria di plesso il quale incarica un collaboratore scolastico o un docente disponibile d aprire il cancello per permettere l accesso all ambulanza - Dispone che un Assistente amministrativo (oppure il capogruppo di plesso /dirigente scolastico/collaboratrice vicaria o in casi di necessità organizzativa un insegnante disponibile) attivi il Attiva un 2 soccorritore (se necessario e se pre sente a scuola) - Assicura eventuali misure di PS - Accompagna l infortunato in ospedale (in ambulanza se autorizzato dal personale sanitario), se i familiari non sono presenti o non c è la certezza che i familiari siano presenti in ospedale all arrivo dell infortunato - Dispone che un Assistente amministrativo (oppure il responsabile capogruppo/dirigente scolastico/vicaria di plesso o in casi di necessità organizzativa un insegnante disponibile) avverta i genitori/familiari dell alunno/persona che si è infortunato che verrà (od è già stato), portato in ospedale - CASO B ( non grave e/o urgente, che richiede comunque ricorso alla struttura ospedaliera) Addetto PS - Informa immediatamente il Responsabile capogruppo di plesso /dirigente scolastico/vicaria che incarica un collaboratore scolastico o un docente disponibile d aprire il cancello per permettere l accesso all ambulanza - Incarica un Assistente amministrativo (oppure il Responsabile capogruppo di plesso o, in caso di necessità organizzativa, un insegnante disponibile) di avvertire i genitori/familiari che l alunno/persona si è infortunato e che è necessaria la loro presenza a scuola per il trasporto in ospedale - In caso di indisponibilità dei genitori/familiari dispone che un Assistente amministrativo (oppure il Responsabile capogruppo di plesso o, in caso di necessità organizzativa, un insegnante disponibile) attivi il Attiva eventuali misure di PS - In caso di indisponibilità dell autoambulanza e in assenza dei familiari (oppure con la presenza dei familiari che non hanno però a disposizione un mezzo di trasporto), se lo ritiene necessario, accompagna l infortunato in ospedale con auto propria (od altra disponibile: Dirigente Scolastico, Vicario o altro personale in servizio), - Se lo ritiene, oltre al genitore, chiede ad un collaboratore scolastico o ad un altro insegnante( che è pertanto autorizzato ad uscire dalla scuola), di seguirlo in ospedale. CASO C ( lieve, che non richiede il ricorso a personale sanitario) Addetto PS - Informa immediatamente il Responsabile capogruppo di plesso /dirigente scolastico/vicaria - Assicura le misure di primo intervento nel locale dove è presente la cassetta di pronto soccorso (camera di medicazione) - Incarica un Assistente amministrativo (oppure Responsabile capogruppo o, in casi di necessità organizzativa, un insegnante disponibile) di avvertire i genitori/familiari dell infortunio occorso al proprio figlio/familiare - In caso di episodi di lieve entità (piccoli tagli, abrasioni, contusioni lievi, ecc.) e qualora non sia immediatamente reperibile un addetto di primo soccorso, in attesa che giungano i genitori, la medicazione può essere effettuata dalla persona presente all evento, utilizzando le consuete precauzioni (uso di guanti, lavarsi le mani prima e dopo, limitarsi ad un intervento strettamente necessario di disinfezione e protezione della parte lesa, oppure di applicazione di ghiaccio sulla parte contusa, ecc.). La cassetta di pronto soccorso è ubicata in un locale specifico della scuola (vedi elenco allegato). 4

5 Nel caso di chiamata del 112, l addetto dovrà comunicare: 1. Indirizzo della scuola, nome e cognome di chi sta chiamando e numero di telefono per eventuali contatti successivi da parte dei Cosa è successo: Tipologia dell infortunio (ad esempio, caduta da metri, urto contro., elettrocuzione, etc.). Eventuali sostanze o prodotti inalati, ingeriti o con cui si è venuti a contatto, etc.; è utile, in quest ultima evenienza, reperire le schede di sicurezza; ove questo richiedesse troppo tempo, è importante avere a disposizione il contenitore della sostanza o prodotto per consultare l etichetta. La tipologia dell infortunio potrà essere ricostruita: - chiedendo all infortunato, se in stato di coscienza vigile; - chiedendo a coloro che hanno assistito all infortunio; - valutando rapidamente le caratteristiche del luogo dell infortunio e la situazione ivi presente. 3. Quante persone risultano coinvolte 4. Qual è il loro stato di gravità 5. L esistenza di condizioni particolari di accesso o logistiche della scuola che rendono difficile il soccorso. Ricordarsi di: a. trascrivere il numero dell operatore del 118 che risponde e l ora esatta della chiamata; b. non riattaccare prima che l operatore del soccorso sanitario abbia dato conferma del messaggio ricevuto; c. avvertire il personale incaricato dell apertura degli accessi dell arrivo dei mezzi di soccorso perché ne faciliti l ingresso. DISPOSIZIONI PER LE VISITE E VIAGGI D ISTRUZIONE In occasione di visite didattiche o viaggi di istruzione, i docenti accompagnatori di ogni singola scuola devono adeguarsi alle indicazioni fornite dal presente manuale. A tal fine copia del Manuale deve essere esposto in luogo accessibile in ogni plesso e ogni docente deve preventivamente consultarlo in caso di visita o viaggio d istruzione. Nel caso della somministrazione autorizzata di farmaci i docenti devono seguire le procedure già indicate in ambito scolastico 5

6 PROCEDURE IMPARTITE AL PERSONALE Tutto il personale deve informarsi in merito ai nomi degli incaricati di pronto soccorso (l elenco è affisso in modo visibile in ogni plesso); La persona che assiste ad un infortunio deve prima di tutto intervenire sulle eventuali condizioni che possono aggravare la situazione;successivamente deve prendere contatto con un addetto al primo soccorso e richiederne l intervento; quindi avvisa il Responsabile capogruppo di plesso /dirigente scolastico/vicaria. Qualora - in via eccezionale - presso la scuola non sia presente alcun addetto al pronto soccorso la persona che assiste ad un infortunio provvederà ad allertare il personale di segreteria oppure il Responsabile capogruppo di plesso che chiamerà direttamente l Emergenza Sanitaria (112) specificando: che cosa è successo, quante persone risultano coinvolte; qual è il loro stato di gravità, l esistenza di condizioni particolari di accesso o logistiche della scuola che rendono difficile il soccorso; Nell attesa dell arrivo dell addetto, il personale deve astenersi dal compiere manovre o azioni che potrebbero aggravare le condizioni dell infortunato, quali, ad esempio, la movimentazione dell infortunato, la somministrazione di bevande o farmaci; ATTIVAZIONE DEL PIANO DI PRIMO SOCCORSO 1. Consegna a tutto il personale del presente documento in forma integrale 2. Affissione nei plessi del Piano di Primo soccorso e dell elenco dei nomi degli incaricati 3. Verifica della dotazione della cassetta di pronto soccorso 6

7 CONTENUTO DELLA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO Il contenuto della cassetta di pronto soccorso è conforme a quanto stabilito dal D.M. n 388/2003, per i luoghi di lavoro del Gruppo B. OGGETTO: richiesta reintegro cassetta pronto soccorso con materiale sanitario. Il sottoscritto.responsabile di plesso della Scuola dell lnfanzia/primaria/secondaria di., in ottemperanza a quanto disposto dal D.M. 388/2003, art.2, comma 1, a), ( a) cassetta di pronto soccorso, tenuta presso ciascun luogo di lavoro adeguatamente custodita in luogo facilmente accessibile ed individuabile con segnaletica appropriata,contenente la dotazione minima indicata nell allegato 1, -.e della quale sia costantemente assicurata la completezza ed il corretto stato d uso dei presidi ivi contenuti ), sentito il Responsabile di Sede, chiede l integrazione del seguente materiale sanitario: DESCRIZIONE MATERIALE della cassetta del pronto soccorso 5 paia di guanti sterili monouso visiera paraschizzi 1 litro di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% in iodio 3 flaconi da 500 ml di soluzione fisiologica (sodio cloruro al 9%) 10 buste singole di compresse di garza sterile 10x10 2 buste singole di compresse di garza sterile 18x40 2 teli sterili monouso 2 pinzette di medicazione sterili monouso 1 confezione di rete elastica di misura media 1 confezione di cotone idrofilo 2 confezioni di cerotti di varie misure 2 rotoli di cerotto alto 2,5 cm 1 paio di forbici 3 lacci emostatici 2 confezioni di ghiaccio pronto uso 2 sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari 1 termometro 1 apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa acqua ossigenata buste per terapia caldo/freddo coperta QUANTITÀ DAINTEGRARE CONSEGNATO 7

8 LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NELLA SCUOLA Non si prevede in generale la somministrazione di farmaci presso le scuole. In alcuni casi eccezionali, però, la frequenza scolastica è possibile solo se l alunno può assumere un farmaco nelle ore di scuola. In questi casi, qualora la somministrazione del farmaco non presenti particolari difficoltà, la disponibilità del personale della scuola a farsi carico della somministrazione può risolvere il problema. 1. Le patologie per cui viene presa in considerazione la somministrazione di un farmaco a scuola sono in genere croniche e prevedono farmaci indispensabili (farmaci salvavita) 2. Il farmaco viene somministrato dal personale della scuola previo accordo fra le parti secondo la procedura di seguito descritta. 3. Il genitore inoltra al Dirigente Scolastico la richiesta di somministrazione del farmaco a scuola, a fronte della presentazione di una certificazione medica attestante lo stato di malattia dell alunno con la prescrizione specifica dei farmaci da assumere (conservazione, modalità e tempi di somministrazione, posologia). 4. Il Dirigente Scolastico, a seguito della richiesta scritta di somministrazione di farmaci: a) concede, ove richiesta, l autorizzazione all accesso ai locali scolastici durante l orario scolastico ai genitori degli alunni, o a loro delegati, per la somministrazione dei farmaci; b) verifica la disponibilità degli operatori scolastici in servizio a garantire la continuità della somministrazione dei farmaci, ove non già autorizzata ai genitori. 5. Gli operatori scolastici sono individuati tra il personale docente ed ATA che abbia seguito i corsi di pronto soccorso ai sensi della normativa vigente. 6. Gli insegnanti della classe devono essere informati sulla situazione e sulle procedure che competono loro. 7. Qualora nell edificio scolastico non siano presenti locali idonei, non vi sia alcuna disponibilità alla somministrazione da parte del personale o non vi siano i requisiti professionali necessari a garantire l assistenza sanitaria, il Dirigente Scolastico può procedere, nell ambito delle prerogative scaturenti dalla normativa vigente in tema di autonomia scolastica, all individuazione di altri soggetti istituzionali del territorio con i quali stipulare accordi e convenzioni. 8. I genitori del minore sottoscrivono il proprio consenso con il quale, previa informazione sulle possibilità operative fornite dalla scuola, essi autorizzano il personale della scuola a somministrare il farmaco al bambino, nelle patologie, nelle modalità e nel dosaggio indicato dal medico curante. 8

9 UBICAZIONE CASSETTE PRONTO SOCCORSO Ubicazione Cassetta PS Responsabile Controllo Materiale sanitario Scuola Secondaria Nembro Locale infermeria Piano terra Remo Faccini in collaborazione con un Scuola primaria Capoluogo Bidelleria Piano terra Responsabile di plesso che incarica un Scuola primaria Viana Bagno disabili Piano terra Responsabile di plesso che incarica un Scuola primaria Crespi-San Faustino Locale infermeria Piano terra Responsabile di plesso che incarica un Scuola primaria Gavarno Aula Artistica/sostegno Piano terra Responsabile di plesso che incarica un Scuola Infanzia Bagno disabili Piano terra Responsabile di plesso che incarica un Scuola Secondaria Selvino Locale infermeria Piano ingresso Responsabile di plesso che incarica un Scuola primaria Selvino Locale infermeria Piano ingresso Responsabile di plesso che incarica un Tabella riassuntiva priorità di intervento in base alla gravità dell infortunio Codice rosso: Priorità 1 Codice giallo: Priorità 2 Codice verde: Priorità 3 Urgenza Assoluta Codice Giallo Vie aeree ostruite Emorragia massiva Incoscienza Shock avanzato Ustioni gravi Traumi violenti Malori Dolori toracici ed addominali Urgenza Relativa Codice Verde Frattura esposta Ustioni moderate Emorragie moderate Shock iniziale Stato mentale alterato Codice Verde Urgenza Differibile Fratture semplici Lesioni articolari Lesioni muscolari Contusioni Ustioni lievi Escoriazioni Linee guida utilizzate dal 118 in base alle quali lo stesso assegna i codici di urgenza Codice Rosso Urgenza Assoluta Soggetto che presenta la compromissione di una o più funzioni vitali (coscienza, respiro, circolo) Trattamento immediato senza nessuna attesa Codice Giallo Urgenza Relativa Soggetto che presenta la minaccia di compromissione di una o più funzioni vitali (coscienza, respiro, circolo Trattamento al più presto in relazione alla presenza di eventuali altre urgenze Codice Verde Urgenza Differibile Soggetto che necessita di prestazioni mediche urgenti, ma differibili in quanto non vi è pericolo per le funzioni vitali Trattamento dopo le UA e le UR Codice Bianco Nessuna Urgenza Soggetto che non presenta alcuna urgenza ed è trattabile da parte del medico di base o dalla guardia medica L utilizzo del 118 o delle strutture di PS potrebbero risultare a pagamento Nembro, 20 novembre 2014 (*) F.TO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Giorgio Schena (*) firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, c. 2, D.Lgs. 39/

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO INDICE Premessa pag. 2 Addetti al Primo Soccorso pag. 3 Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso pag. 3 Attivazione del soccorso: procedura pag. 4

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO DIREZIONE DIDATTICA DI STATALE II CIRCOLO DI BOLLATE PIANO DI PRONTO SOCCORSO II CIRCOLO DIDATTICO DI BOLLATE - Scuola dell infanzia V. BACHELET - Scuola dell infanzia B. MUNARI - Scuola primaria M. MONTESSORI

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. ITCG G. Maggiolini. via Spagliardi 19 - Parabiago (MI)

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. ITCG G. Maggiolini. via Spagliardi 19 - Parabiago (MI) PIANO DI PRONTO SOCCORSO ITCG G. Maggiolini via Spagliardi 19 - Parabiago (MI) xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO PIANO DI PRONTO SOCCORSO INDICE 1 - GENERALITÀ 2 - ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 3 - PROCEDURE IMPARTITE AGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 4 - PROCEDURE IMPARTITE AI LAVORATORI 5 - CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. PARINI VIA ROMA 56 21055 GORLA MINORE (VA) P.IVA/C.F. 81009990128 Tel.n.0331/601650 Fax n. 0331/601650 PEC: icsgparini.va.protocollo@pa.postacertificata.gov.it e-mail comprensivogorla@libero.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. RODARI

SCUOLA PRIMARIA G. RODARI ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASO GROSSI Via T. Grossi, 35-20017 RHO (MI) C.F.93546620159 Cod. Mecc. MIIC8FF002 Tel. 02. 93900447 FAX 02. 93 469700 E-mail miic8ff002@istruzione.it - PEC miic8ff002@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO INDICE PREMESSA Addetti al Primo Soccorso Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso Attivazione del soccorso: procedura Procedure impartite al personale Cassetta di Pronto

Dettagli

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va)

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va) Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale CertINT 202

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. Istituto comprensivo Toscanini Chiari -

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. Istituto comprensivo Toscanini Chiari - Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per la Lombardia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "A. TOSCANINI" - CHIARI (BS) VIA ROCCAFRANCA n 7/b tel 030/711217

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI -ANGERA C.M. VAIC880006 - C.F. 92027620126 Via Dante, 2 21021 ANGERA (VA) 0331 930169-0331 960127

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Squadra di sicurezza In Istituto sono presenti n.18 persone addestrate e formate al Primo Soccorso L addetto di primo soccorso (PS) è una persona formata ed opportunamente addestrata

Dettagli

CIRCOLARE A.S. 2014/2015 N.168. Oggetto: Indicazioni operative in materia di pronto soccorso a scuola PIANO DI PRIMO SOCCORSO.

CIRCOLARE A.S. 2014/2015 N.168. Oggetto: Indicazioni operative in materia di pronto soccorso a scuola PIANO DI PRIMO SOCCORSO. ISTITUTO COMPRENSIVO - CENTRO E.D.A. Gian Giacomo Ciaccio Montalto Via Tunisi, 37-91100 TRAPANI Tel 0923 20398 Telefax 0923 20106 CF: 80004160810 - C.M.: TPIC836004 e-mail tpic836004@istruzione.it PEC

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente.

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente. IL PRIMO SOCCORSO Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 mette in capo al Datore di Lavoro l obbligo di prendere i provvedimenti necessari in tema di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003)

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) Corso di Formazione conforme ai criteri prescritti dal D.M. 388/2003 1/21 INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI PORTO S. STEFANO PIANO DI PRONTO SOCCORSO ( D.M. 15 luglio 2003, n.388 ) 1 INDICE PAG. 1. GENERALITA 3 2. PRESIDI SANITARI 4 3. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 5 4. IL MEDICO

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE Da sempre la Scuola è un luogo di lavoro atipico, dove la presenza dei minori amplifica le problematiche legate al soccorso (che negli altri luoghi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO J. SANNAZZARO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO PROT. N. 3086 A/35 OLIVETO CITRA, 27/11/2015. Via Sandro Pertini Oliveto Citra (SA)

ISTITUTO COMPRENSIVO J. SANNAZZARO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO PROT. N. 3086 A/35 OLIVETO CITRA, 27/11/2015. Via Sandro Pertini Oliveto Citra (SA) SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO PROT. N. 3086 A/35 OLIVETO CITRA, 27/11/2015 Via Sandro Pertini Oliveto Citra (SA) Dirigente Scolastico: Dott.ssa Giacomina Capuano DOCUMENTO DEI PROVVEDIMENTI NECESSARI

Dettagli

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C La cassetta di pronto soccorso D.M. 388/2003 Ai sensi di questo D.M. le aziende sono distinte a seconda dell attività svolta, del numero dei lavoratori e e dei fattori di rischio in tre gruppi: GRUPPO

Dettagli

Il Primo Soccorso: introduzione

Il Primo Soccorso: introduzione Il Primo Soccorso: introduzione OBIETTIVI: Primo soccorso: definizione e importanza Autoprotezione e valutazione della scena Valutazione dell'infortunato Chiamata di soccorso al 118 COS'E' IL PRIMO SOCCORSO:

Dettagli

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D. Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.Lgs 81/08 e smi) OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 15/11/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Angelo Sacco Matteo Ciavarella Collana A B C INFORMAZIONE ESSENZIALE PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Manuale ad uso dei lavoratori Ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e del Decreto n. 388 del

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Buscate

Scuola Secondaria di I grado di Buscate ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI ARCONATE E BUSCATE Scuola Secondaria di I grado di Buscate ALLEGATO 1 A.S. 2014/15 PIANO DI EMERGENZA SANITARIA E DI PRIMO SOCCORSO INDICE 1. GENERALITÀ 2. ADDETTI AL PRIMO

Dettagli

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE EMERGENZA EVENTO IMPROVVISO E PERICOLOSO CHE RICHIEDE INTERVENTI IMMEDIATI. EVENTI LEGATI A RISCHI PROPRI DELL

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO I.Comprensivo " Villa Verrocchio " Montesilvano PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 DATA: IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.Leo Di Fabio DSGA Giuseppe Barrara IL MEDICO COMPETENTE dott. IL

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI Anno Scolastico 2013 / 2014 ALLEGATO O Comune COMUNE DI VERONA Provincia Verona Istituto Scolastico I.P.S.E.O.A. A BERTI Servizio Prevenzione e Protezione A. Berti Istituto Professionale Servizi per l

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) ISTITUTO COMPRENSIVO VIA SCIALOIA 21 PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) DELLA SCUOLA PRIMARIA CALVINO via Scialoia 19 Milano DELLA SCUOLA SECONDARIA I BUONARROTI via Scialoia

Dettagli

Piano Emergenza di Primo Soccorso

Piano Emergenza di Primo Soccorso Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ICS G. Capponi

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ICS G. Capponi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi via Pestalozzi 13-20143 Milano Tel: 02 88444729 - Fax: 02 89123381 e-mail: miic8cy00p@istruzione.it - pec: miic8cy00p@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO 1 PIANO DI PRIMO SOCCORSO a.s. 2015-16 aggiornamento marzo 2016 (Allegato al DVR revisionato giugno 2015) Indice generale 2 1. SOGGETTI RESPONSABILI DELLA DEFINIZIONE DEL PIANO pag. 3 2. CRITERI PER LA

Dettagli

Primo soccorso in azienda

Primo soccorso in azienda Primo soccorso in azienda Articolo 15 D. Lgs. 626/94 1) Il datore di lavoro (omissis).. prende provvedimenti necessari in materia di pronto soccorso e di assistenza medica di emergenza.(omissis) 2) Il

Dettagli

EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO

EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi In collaborazione con CEFAS IL PRIMO SOCCORSO A cura

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO SCUOLA DELL'INFANZIA L'AQUILONE 9 Istituto Comprensivo - PADOVA PIANO DI PRIMO SOCCORSO IL PRIMO SOCCORSO È RIVOLTO A QUALSIASI PERSONA PRESENTE NELLA SCUOLA CHE INCORRA IN INFORTUNIO O MALORE. Insegnanti

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003 Dott. Giulio Angelo Boario Medico Chirurgo, Specialista in Medicina del Lavoro Str. Ronchi Cunioli Alti 63/12-10024 Moncalieri (TO) tel. 0116612547 - cell.3397233693 e-mail giulioangelo.boario@fastwebnet.it

Dettagli

Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008

Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008 Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008 INFERMIERE AREA CRITICA 16/12/2011 - Dott. G. Guastella - www.formatori.veneto.it 2

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO I.P.S.S.A.R. P. ARTUSI Cod.Fis. 85001510248 Cod. min. VIRH010001 Via Pralonghi, 5 36076 RECOARO TERME (VI) Tel. 0445 75111 75215 fax. 0445 76387 www.artusi.vi.it info@artusi.vi.it E-mail certificata: virh010001@pec.istruzione.it

Dettagli

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

IL PRIMO SOCCORSO QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE LE NORME DEL D.M. 388/03 LE RESPONSABILITA DEL PERSONALE SCOLASTICO PRESENZA

Dettagli

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03)

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03) Istituto Comprensivo di Porto Venere "Giovanni di Giona" SEDE: (19022) LE GRAZIE, VIA ROMA, 1 LA SPEZIA - C. F. 80003280114 TEL. (0187) 790358 FAX (0187) 790021 - WEB: www.portovenerescuole.it - E.mail

Dettagli

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro NUOVE NORME SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE Obbligatorio in tutte le aziende dal 3 febbraio 2005 1 Sintesi degli obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro deve adeguare la documentazione del sistema

Dettagli

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pag. 1 di 8 Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Sommario GENERALITÀ... 2 STRUMENTI DI PRIMO SOCCORSO... 2 REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO... 3 GESTIONE PROCESSO DI PRIMO SOCCORSO...

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE PIANO DI EMERGENZA SCUOLE ai sensi del D.Lgs. 81/08-242/96 e D.M. 10/3/98 Nome scuola/istitut o indirizzo Istituto Comprensivo di CastelGoffredo Anno scolastico 2014/2015 Gestione delle emergenze Il D.Lgs

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Anno scolastico 2008/2009 A) CRITERI GENERALI PER LA REDAZIONE DEL PRESENTE PIANO DI PRIMO SOCCORSO Introduzione Il DLgs. 81/2008 prevede che il datore di lavoro adotti i provvedimenti

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. Marconi Via Badolato, s.n.c. - 84078 - Vallo della Lucania (SA) PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) prot. n. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa FLORISA SINISCALCO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LAGONEGRO di SCUOLA dell INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI I GRADO C.T.P. E.D.A Piazza della Repubblica s.n.c. Tel. 0973/21037

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza ESTINTORI A POLVERE La scheda serve per annotare la verifica mensile della funzionalità degli estintori portatili a polvere (integrità complessiva e posizionamento della lancetta del manometro sul campo

Dettagli

Documento Valutazione Rischi

Documento Valutazione Rischi ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI In Memoria dei Morti per la Patria CHIAVARI Succursale: via Castagnola 15A Documento Valutazione Rischi (art.28 Decreto Legislativo n 81/2008) ISTITUTO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pagina 1 di 6 Revisione:1.4 a.s. 2015-16 GENERALITÀ L Istituto, articolato su tredici plessi, corrispondenti

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO 1 PREMESSA Il Piano di Primo soccorso è emanato dal Dirigente Scolastico dell Istituto, ai fini e per gli effetti della normativa vigente in materia di Sicurezza nei posti di lavoro

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO

SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO IX ISTITUTO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO Via TASSONI 17 35127 PADOVA P A D O V A DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/15 SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO Dirigente Dott.ssa Luisa Imbriani R.S.P.P.

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA 120 C.D. M. GANDHI via Corinaldo n. 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 a.s. 2010/2011 -Figure sensibili del primo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it INDICE: 1. SCOPO;

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PROCEDURA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PROCEDURA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA REGOLAMENTO D ISTITUTO PROCEDURA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA La problematica della somministrazione dei farmaci in orario scolastico che interessa gli alunni affetti da patologie per le

Dettagli

TU art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

TU art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole PRIMO SOCCORSO: Aspetti organizzativi 7.13 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 Primo soccorso

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO VICENZA 9 K.T. LAMPERTICO - VICENZA PIANO DI PRIMO SOCCORSO Vicenza, 30/10/2015 Prot. 4669/A35 1 INDICE Riferimenti Normativi pag. 3 Classificazione della scuola pag. 3 Organizzazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO NOME DATA FIRMA REDAZIONE R.S.P.P. Prof. Ssa Barone Rita Iolanda APPROVAZIONE Il Dirigente Scolastico AUTORIZZAZIONE Il Dirigente Scolastico AGGIORNAMENTO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO STATALE D'ISTRUZIONE SUPERIORE "LEONARDO da VINCI" Liceo Scientifico Istituto Tecnico settore Economico - Indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing - Indirizzo Relazioni Internazionali per

Dettagli

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 Lice o classico Stellini Udine OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 01/09/2013 PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Giuseppe Santoro IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO

ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO Per primo soccorso si intende l insieme di comportamenti, manovre e cure da effettuarsi nell immediatezza di un infortunio o di un malore improvviso

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388

Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388 Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388 Normativa - Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19

Dettagli

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO D.M. n 388 del 15/07/2003 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 Timbro scuola PLESSO: SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE - IMPIANTI ANTINCENDIO CASSETTE DI

Dettagli

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 DATORE DI LAVORO (RETTORE) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE S.P.P. MEDICO COMPETENTE M.C. -DIRIGENTI -RESPONSABILI DELL ATTIVITA DIDATTICA E DI RICERCA -PREPOSTI LAVORATORI

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA La chiamata di Soccorso OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere l importanza della chiamata di soccorso Saper effettuare una chiamata di soccorso

Dettagli

Cassetta di Pronto Soccorso

Cassetta di Pronto Soccorso 16002 Cassetta di Pronto Soccorso Per unità produttive oltre i 2 dipendenti. Dimensioni: 46 x 34 x 18 cm. Contenuto: 1 copia decreto ministeriale 388 del 15/07/03, 5 paia di guanti sterili, 1 mascherina

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza)

INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza) INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza) 1. REGISTRO INFORTUNI (SEGRETERIA) L Istituto Comprensivo deve dotarsi di un unico registro infortuni per tutti i dipendenti

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO. LICEO GINNASIO STATALE G. CARDUCCI Via Beroldo 9-20127 MILANO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO. LICEO GINNASIO STATALE G. CARDUCCI Via Beroldo 9-20127 MILANO LICEO GINNASIO STATALE G. CARDUCCI Via Beroldo 9-20127 MILANO Tel. 02/2847232 - Fax 02/2610154 Sito web: www.liceoclassicocarducci.gov.it Posta elettronica: segreteria@liceocarducci.it Posta elettronica

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 15 luglio 2003, n. 388

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994,

Dettagli

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via A. Manzoni 1, 31022 Preganziol (Treviso) Tel 0422 330645-0422 938584 - CF 80011500263 www.icpreganziol.gov.it

Dettagli

CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M.

CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M. CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M. 388/03) ORGANIZZAZIONE: Responsabile del progetto formativo Ing. Giacinto

Dettagli

DLgs 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

DLgs 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza PRIMO SOCCORSO Aspetti organizzativi CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI PS Primo soccorso Aspetti organizzativi DLgs 81/08 art. 45 IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso

Dettagli

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2)

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08 1 Corso di FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Contenuti Formazione Specifica 2 2 Segnaletica Emergenze Procedure esodo ed incendi Procedure organizzative

Dettagli

http://bd01.leggiditalia.it/cgi-bin/fulshow

http://bd01.leggiditalia.it/cgi-bin/fulshow Pagina 1 di 11 Leggi d'italia D.M. 15-7-2003 n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626, e successive

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 DATA: 27/01/2005 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Personale / Resp. Servizio Prevenzione e Protezione / Resp. Formazione / Addetti Primo Soccorso DA/FROM: TECNOLARIO

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PIANO DI PRIMO SOCCORSO Introduzione Il D.Lgs. 81/2008 prevede che il dirigente scolastico, in qualità di datore di lavoro, definisca e renda operativo un piano di Primo Soccorso che stabilisca: le procedure

Dettagli

D.Lgs. 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

D.Lgs. 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Piano di Primo Soccorso CORSO DI FORMAZIONE PER 5.1d DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI D.Lgs. 81/08

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE. QUALI REGOLE RISPETTARE

IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE. QUALI REGOLE RISPETTARE di Giuseppe Esposito* IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE. QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. LE NORME DEL D.M. 388/03 L articolo si propone di

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

OGGETTO: Assunzione e Somministrazione Farmaci a studenti e studentesse. COSA PREVEDE LA LEGGE?

OGGETTO: Assunzione e Somministrazione Farmaci a studenti e studentesse. COSA PREVEDE LA LEGGE? ISTITUTO MAGISTRALE STATALE FRANCESCO DE SANCTIS LICEO LINGUISTICO e LICEO delle SCIENZE UMANE VIA CORNALIAS 169 tel. 070284995 fax 070287305 e-mail: capm030003@istruzione.it sito web: http://liceodesanctiscagliari.it

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale

Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale Graziano Frigeri 1 graziano@euronorma.it Con sei mesi di ritardo rispetto alla scadenza originaria, il 3 Febbraio 2005bentra definitivamente

Dettagli

L Emergenza Sanitaria

L Emergenza Sanitaria L Emergenza Sanitaria G. D Arrigo Urgenza: Condizione statisticamente ordinaria in cui pur non esistendo un immediato pericolo di vita, è necessario adottare entro un breve tempo l opportuno intervento

Dettagli

CIRCOLARE N.106/14-15

CIRCOLARE N.106/14-15 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO TIVOLI 1-TIVOLI CENTRO VIA DEL COLLEGIO 2-00019 TIVOLI (RM) TEL 0774-312194-314549

Dettagli

Somministrazione di farmaci in ambito scolastico

Somministrazione di farmaci in ambito scolastico Con l Europa investiamo nel vostro futuro ISTITUTO COMPRENSIVO L. PIRANDELLO SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PRIMO GRADO CENTRO TERRITORIALE ISTRUZIONE DEGLI ADULTI DISTRETTO SCOLASTICO 052 VIA

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO N 19 DI VERONA SANTA CROCE Via San Felice Extra, 15 37131 Verona Telefono 045 526583 - Fax 045 8402228 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Verona 9/10/2014 Il RSPP Prof.ssa Elena Tobaldini Piano

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Istituto Comprensivo Statale Gabriele Camozzi Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado 24123 BERGAMO Via Pinetti, 25 035. 235906 (prioritario) - 234682 Fax 035.216274 Cod. Fisc. N. 95118630169

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI

IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI I docenti non possono mettere a repentaglio la sicurezza degli alunni e devono pertanto: sorvegliare gli alunni conoscere e informare gli alunni loro affidati sulle

Dettagli

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via A. Manzoni 1, 31022 Preganziol (Treviso) Tel 0422 330645-0422 938584 - CF 80011500263 www.icpreganziol.gov.it

Dettagli

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2)

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2) CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET (Decreto n. 388/03) per luoghi di lavoro VALIGIETTE QUICKFARMA (Allegato 1) 1.1 FARMASTAR (Allegato 1) 1.2 LEADERFARMA (Allegato 2) 1.3 FLEXIFARMA

Dettagli

DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE PLESSO RICCI CURBASTRO A. SC. 2014-15

DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE PLESSO RICCI CURBASTRO A. SC. 2014-15 IX ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA G. RICCI CURBASTRO Via Tassoni, 17-35125 PADOVA - 049/684729 - fax 049/684397 C.F. 92200370283 Home-page : www.nonoicpadova.it e-mail Min.: pdic88600d@istruzione.it e-mail:

Dettagli

PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15

PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15 PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15 AI SENSI DEL D. LGS 9 APRILE 2008 n 81 Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro RSPP Prof.

Dettagli

APPROCCIO AL PRIMO SOCCORSO

APPROCCIO AL PRIMO SOCCORSO sapere saper fare saper essere Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI SERVIZIO OSPEDALIERO PROVINCIALE TRENTINO EMERGENZA 118

Dettagli