Modulo La Pubblicità. Antonio Tresca per Helyos Management, 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo La Pubblicità. Antonio Tresca per Helyos Management, 2005"

Transcript

1 Modulo La Pubblicità Antonio Tresca per Helyos Management,

2 Definizioni La pubblicità è un insieme di comunicazioni di massa svolte a titolo oneroso per realizzare scopi di natura essenzialmente commerciali (anche se talora non esclusivamente) (M. Raimondi, 2005); ogni leva del marketing mix ha in sé un contenuto comunicativo, cioè trasmette al pubblico un occorrenza, ovvero un immagine del prodotto/servizio, una promessa di prestazioni. L insieme delle occorrenze vissute da ogni cliente contribuisce in maniera determinante a creare e mantenere l immagine aziendale (o del prodotto). Il tutto a partire dalle occorrenze più recenti, le più importanti di tutte ai fini della decisione di acquisto/riacquisto. 2

3 Contenuti di comunicazione nel marketing mix Leve di Contenuti di comunicazione marketing Adattato da M. Raimondi, 2005 Prodotto/servizio Prezzo Canali di distribuzione Personale di front line e di vendita Il design esterno il brand name e l insieme di associazioni che evoca il packaging (specie per alimentari e cosmetici) La facilità d uso e di accesso (specie se si vende un servizio ad es: l ufficio postale, il decoro del treno, un supermercato, ecc) Il livello di prezzo rispetto ai concorrenti riflette l idea del valore del bene stesso il tipo e l immagine dei punti vendita in cui è possibile trovare il prodotto; l esposizione dei prodotti Il profilo, la professionalità e lo spessore umano disponibile nel canale di vendita prescelto la professionalità, la disponibilità, la reperibilità, la cortesia e l aspetto del personale di vendita; L efficienza e la trasparenza nello svolgimento dei processi di vendita visibili al cliente, i tempi di attesa 3

4 Definizioni Poiché la pubblicità ha una forte componente di comunicazione, vale la pena ricordare alcune caratteristiche base del processo di comunicazione aziendale. In particolare si fa riferimento, in modo assolutamente non esaustivo, al modello base di Personalità/Identità/Immagine e al concetto del valore di comunicazione; 4

5 Il modello base di personalità/identità/immagine Soggetto A Emittente Soggetto B Ricevente Personalità = somma totale delle caratteristiche individuali Identità = insieme dei segnali o indizi inviati dalla personalità dell emittente. È l insieme di messaggi di cui l emittente si serve per proiettare all esterno la sua personalità. Immagine = è la percezione che B (ricevente) ha di A (emittente), in base alla personalità e all identità trasmesse da A. Le aziende, i prodotti, le organizzazioni, esattamente come le persone, possiedono una personalità, è inevitabile. Altrettanto inevitabile è il fatto che questa personalità venga proiettata all esterno. L identità è l insieme dei messaggi usati per proiettarla. L immagine invece non è creata da chi trasmette (A) ma da chi riceve (B) ed è la conseguenza di ogni segnale inviato. 5

6 In cosa consiste il valore di comunicazione? L identità si costruisce e si rafforza nel tempo attraverso l interazione tra un sistema di immagini ed un sistema di valori, legati tra loro attraverso narrazione, racconto, coerenza ed esperienza; Sistema di immagini 1 Livello Design Prodotto, Pubblicità, PR, Promozioni, strutture interne, ecc Influenzabile direttamente dall azienda Identità Narrazione, Racconto, 2 Livello Percezioni dei consumatori sulla base delle esperienze di contatto Influenzabile indirettamente dall azienda Coerenza, Esperienza Sistema di Funzioni Valori di scambio (Prezzo); Valori d uso (qualità) Valori economici (Influenzabili direttamente dall azienda) valori Temi Famiglia, nazionalismo, individualismo, tolleranza, multietnicità, ecc. Valori etici (Influenzabili indirettamente dall azienda) 6

7 In cosa consiste il valore di comunicazione? La diffusione dell identità è il vero valore della comunicazione, e ai fini pratici, comporta un effetto moltiplicatore (positivo o negativo) sul valore di scambio (prezzo più elevato), sul valore d uso (performance attesa più elevata) e sui valori etici proposti al mondo esterno. Diffusione elementi di identità Mark up su Valore di scambio Valore d uso Valori - tema Il prodotto vale di più Premium Price Il cliente si aspetta una performance sempre più elevata Il cliente si aspetta una coerenza sempre maggiore con i valori etici richiamati La possibilità di applicare questo mark up è diretta conseguenza del valore di comunicazione che, distorcendo ed amplificando determinati valori, crea nuovi comportamenti di consumo (Ferraresi, 2003) 7

8 Come si diffonde la personalità? La diffusione degli elementi della personalità del prodotto/servizio o dell azienda nel complesso può avvenire in due modi: 1. attraverso canali non personali: definiti Mass media (stampa, TV, radio, affissioni, cinema, ecc.) in cui il contenuto viene erogato ad una via, da uno a molti (broadcasting) secondo il seguente schema: clienti Azienda Contenuto della comunicazione Mezzo di comunicazione clienti clienti Adattamento da Hoffman-Novak,

9 Come si diffonde la personalità 2. attraverso canali personali: nei quali c è un contatto diretto fra azienda emittente e cliente. Esempi di questo modo di comunicazione sono il rapporto fra cliente e personale di front line, internet, il passaparola fra clienti stessi. In questa modalità è piuttosto frequente che la comunicazione avvenga a due vie. clienti Azienda Contenuto della comunicazione Mezzo di comunicazione clienti clienti Adattamento da Winer,

10 La comunicazione integrata Coerentemente con il concetto secondo cui ogni leva di marketing ha un contenuto di comunicazione, conviene considerare l intera attività di comunicazione aziendale come un processo integrato, anziché come un insieme di strumenti usati in maniera slegata e poco coerente. L esigenza di considerare la comunicazione in maniera integrata e coerente ha favorito il concetto di comunicazione integrata; Secondo questo concetto si possono distinguere tre tipi di comunicazione: La comunicazione pianificata: che deriva da campagne pianificate che prevedono l utilizzo di diversi media e dei venditori; qui la comunicazione è un oggetto esplicito legato ad un determinato target; La comunicazione del prodotto/servizio: è implicita nelle diverse componenti dell offerta di prodotto e nelle modalità di erogazione degli aspetti intangibili; La comunicazione indiretta: avviene senza un azione specifica dell azienda e riguarda il passaparola tra clienti e tra non clienti; 10

11 La comunicazione integrata Comunicazione del prodotto/servizio (marketing mix) Prodotto/serviizio Prezzo Canali distribuz. Front line Comunicazione integrata Comunicazione pianificata (communication mix) Pubblicità Promozione vendite Direct Mktg PR Co-Marketing Sponsorizzazioni Messaggio ed immagine unitari Mercato target Comunicazione indiretta Passaparola fra clienti Passaparola fra non clienti Adattato da M. Raimondi,

12 La comunicazione integrata - obiettivi L obiettivo finale è di indurre i clienti attuali e potenziali a modificare il loro livello di risposta (o di rapporto) con il prodotto; Esistono generalmente tre livelli di risposta al prodotto, ciascuno stadio può costituire uno specifico obiettivo della comunicazione: Stadio cognitivo (learn): il consumatore conosce l esistenza e le funzioni del prodotto/servizio; Stadio affettivo (feel): il consumatore, oltre a conoscere il prodotto, ha un atteggiamento positivo verso di esso, lo preferisce agli altri e manifesta il desiderio di acquistarlo; Stadio comportamentale (do): il consumatore ha ormai deciso ed acquista 12

13 Tre livelli di risposta il purchase tunnell Fasi del processo d acquisto Comunicazione Obiettivi e strumenti Learn AWARENESS FAMILIARITY & Recognition Tier 1 Advertising Brand enhancement Radio TV Stampa Feel POSITIVE OPINION CONSIDERATION Tier 2 Advertising Tier 2 Advertising Promotion Product Displacement E-marketing Do ACQUISTO CUSTOMER SATISFACTION Tier 3 Advertising Customer retention Direct Marketing CRM Marketing 121 RIACQUISTO 13

14 Focus sulla comunicazione pianificata Obiettivo di questo modulo è approfondire il processo di comunicazione pianificata tra cui ricade, come si è visto nello schema precedente, anche la pubblicità; In particolare definiremo gli elementi del Communication Mix, ed il loro grado di interazione con gli elementi del Marketing Mix, con cui devono essere coerenti; Infine illustreremo passo per passo il processo di creazione di una campagna pubblicitaria. 14

15 Elementi del communication mix La comunicazione pianificata si compone dei seguenti metodi: Pubblicità Direct Marketing Promozione vendite Relazioni pubbliche Co-Marketing Sponsorizzazioni Forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi, da parte di un promotore identificato Sistema di marketing interattivo che si avvale di uno o più mezzi di contatto (mail, , sms, call center, ecc.) per ottenere una completa tracciatura delle risposte Attività volte ad ottenere una risposta nel breve termine, misurabile generalmente in termini di volumi di vendita Attività volte a creare e mantenere efficienti relazioni con clienti, istituzioni, investitori, dipendenti, cittadini, ecc. Campagne pubblicitarie e attività promozionali svolte in collaborazione con altre aziende o enti, spesso accomunate da un vincolo di contiguità con il cliente target, organizzate dividendosi le spese ed i ritorni economici Attività nella quale l azienda si affianca ad una manifestazione o ad un soggetto molto noto allo scopo di creare un associazione evidente e riconoscibile tra il proprio marchio e l evento prescelto 15

16 Elementi del communication mix Caratteristiche principali dei metodi di comunicazione pianificata Pubblicità Direct Marketing Promozione vendite Relazioni pubbliche Co-Marketing Sponsorizzazioni Alto numero di contatti raggiungibili, ma sparati nel mucchio; effetto su lungo termine; elevato investimento minimo; elevato controllo sui contenuti Alta efficienza nel contattare clienti potenzialmente interessati, effetto chirurgico, il contrario dello sparare nel mucchio, effetto nel breve termine, alto costo per contatto (tranne internet), elevato rischio di infastidire il cliente (intrusione) Alto numero di contatti, effetto nel breve termine, alto costo per contatto, rischio di danneggiare l immagine di marca (overpromotion) Basso numero di contatti, effetto di lungo termine, limitato investimento minim ma basso controllo sul contesto e sui contenuti della comunicazione In molti casi è un metodo abbastanza economico; la forza contrattuale di ciascun partner è data dal numero di clienti (contatti) in portafoglio e quindi raggiungibili dall altra azienda. È importante riuscire a tracciare le vendite legate a queste campagne, spesso abbinate a programmi fedeltà o al web, strumenti che consentono di tracciare le informazioni agevolmente Alto numero di contatti (potenzialmente), rischio di immagine associato alla natura dell evento o del soggetto sponsorizzato, investimento spesso elevato 16

17 Una tecnica alternativa Secondo Peter Bernstein un impresa può comunicare con 9 tipi di pubblico: 1. Interno 2. Locale Interno Locale 3. Gruppi di influenza 4. Settore di commercio 5. Governo 6. Media 7. Settore finanziario 8. Clienti 9. Massa (grande pubblico) Massa (grande pubblico) Clienti Settore finanziario Media Governo Gruppi di influenza Settore di commercio 17

18 Una tecnica alternativa Per comunicare a quei 9 tipi di pubblico, ha a disposizione 9 possibili canali: 1. Prodotto/servizio 2. La corrispondenza 3. Le pubbliche relazioni 4. La presentazione personale 5. La presentazione impersonale 6. La letteratura 7. promozione e punto vendita 8. I media permanenti 9. La pubblicità (above the line) Pubblicità Media permanenti Promozione e punto vendita Prodotto/ servizio Letteratura Corrispondenza Presentazione impersonale Pubbliche relazioni Presentazione personale 18

19 Una tecnica alternativa Considerare 9 tipi di audience e 9 tipi di canali significa disporre di 9*9 = 81 diverse possibili combinazioni, da adattare con fantasia e creatività alle situazioni più disparate; La ruota funziona nel seguente modo: disponendo i 9 tipi di audience e di canali su due distinte ruote concentriche, e facendole girare mantenendo come mozzo l azienda, si possono esplorare tutte le 81 diverse combinazioni possibili; Certo, ci sono canali vocazionali (cioè particolarmente adatti) per ogni tipo di audience, ma far girare la ruota aiuta a sperimentare e a trovare soluzioni innovative, a cui magari nessuno aveva ancora pensato. 19

20 La ruota di Bernstein interno locale Massa (grande pubblico) Clienti Settore finanziario Pubblicità Media permanenti Prodotto/ servizio Promozione e punto vendita Letteratura Impresa Corrispondenza Presentazione impersonale Pubbliche relazioni Presentazione personale Gruppi di influenza Settore di commercio Media Governo Fonte: Peter Bernstein,

21 Tipi di audience (checklist) Interno Locale Gruppi di influenza Settore di commercio Governo Media Settore finanziario Clienti Massa (grande pubblico) Il personale dell azienda, se motivato può essere il migliore testimonial dell azienda La cittadinanza locale, i gruppi di influenza ed i clienti locali, che abitano cioè nelle vicinanze della sede dell impresa Opinion leaders, associazioni, comitati, classi sociali, ecc. I fornitori e tutti gli attori della catena distributiva del prodotto, nel caso di un azienda manifatturiera si tratta di dialogare con grossisti, dettaglianti, tutto il settore del Trade Marketing. Nel rispondere a richieste di enti ed agenzie governative, con uno stile comunicativo adeguato ed impeccabile Sono i giornalisti, che attraverso editoriali possono ben affiancare la pubblicità tradizionale Dal piccolo risparmiatore al grande gestore di fondi di investimento; nel caso di piccole aziende è la banca o le istituzioni a cui si chiede un sostegno finanziario Sono i clienti già acquisiti, già esperti nell adozione del prodotto o nell approccio con l azienda Intesa come opinione pubblica, in senso indistinto. Alcuni ritengono che, specie per campagne istituzionali che non riguardano specifici prodotti, sia necessario rendere noto al grande pubblico le principali azioni realizzate. 21

22 Tipi di canali (checklist) Prodotto/servizio Corrispondenza Pubbliche relazioni Presentaz. Personale Presentaqz. Impersonale Letteratura Promozione e punto vendita Media permanenti Pubblicità Ovvero le funzionalità, le prestazioni e il design del prodotto e del packaging Lo stile di lettere, fax, , e tutti gli strumenti di segreteria, efficaci se usati con selettività (senza sommergere di lettere nessuno), specialmente con fornitori, dipendenti e gruppi di consumatori Sostanzialmente le relazioni con il press agent, per i contatti con il mondo del giornalismo (nell approccio di Bernstein) La comunicazione effettuata dal portavoce aziendale, sia in dibattiti televisivi o radiofonici, sia in occasione di convention con dipendenti e fornitori Presentazioni multimediali, filmati TV, bacheche con affissione in luoghi pubblici (reception) delle performance aziendali, l organizzazione di eventi. Brand book, brochures, leaflet, locandine, avvisi, poster, ma anche il business plan, il bilancio, il bilancio sociale, ecc. Tutte le tecniche Below The Line come concorsi, esposizioni, offerte promozionali, merchandising. L insieme degli oggetti che definiscono l identità pubblica dell impresa: insegne, veicoli, uniformi, carta intestata, design dell ambiente, arredamento degli uffici, ecc. Tutte le attività Above The Line, gestite in genere da agenzie su commissione: gestione e realizzazione di una campagna di spot su media di massa 22

23 Integrazione tra comunicazione e marketing Lo scopo è di garantire la coerenza con le decisioni di marketing, nel rispondere alle classiche domande A chi?, Cosa?, Come? A chi comunicare Cosa comunicare Come comunicare scelta del target definizione della promessa di base Obiettivi di comunicazione Budget Scelta dei mezzi Creatività del messaggio segmentazione del mercato Vantaggio competitivo Posizionamento Marketing mix Leve di marketing Brand promise Fonte: M. Raimondi,

24 Costruire una campagna il processo 1 2 Fissare gli Budget obiettivi Di comunicazione Di vendita Fonte: Adattato da Kotler Quanto spendere 3 Decidere i canali Copertura, frequenza, impatto Scelta dei canali Timing 4 Decidere il messaggio Ideazione Valutazione e scelta esecuzione 5 valutazione Brand metrics Impatto su vendite In caso di valutazione negativa rivedi decisioni di budget 24

25 Costruire una campagna fase 1 Identificare il mercato obiettivo Il mercato obiettivo viene selezionato dalla ricerca e dalla segmentazione, targeting e posizionamento; Determinare gli obiettivi del messaggio Far aumentare dell x % l awareness (conoscenza della marca); Far aumentare le vendite del 10% vs stesso periodo anno precedente Modificare dell x % la positive opinion Modificare dell x % la repetitive purchase Modificare dell x % la familiarity Far nascere un nuovo bisogno (che si rifletta sulle vendite) 25

26 Costruire una campagna fase 2 Nel determinare gli obiettivi di budget esistono due principali approcci: 1. Top down: sono i vertici dell impresa a stabilire l ammontare complessivo da spendere per la comunicazione. Tale ammontare viene poi ripartito tra advertising, PR, eventi, ecc. La tecnica top down più diffusa è il metodo della % sulle vendite: in cui il budget viene costruito in funzione del volume di vendita dell anno precedente, o sulle stime per l anno in corso. Il principale difetto è che qui si considerano le vendite come la principale causa della spesa pubblicitaria e non come il risultato della spesa pubblicitaria stessa. Infatti qui quando le vendite diminuiscono, l impresa diminuisce il budget di comunicazione. Può essere dannosa nel medio lungo termine. 26

27 Costruire una campagna fase 2 Determinare gli obiettivi di budget: 1. Ancora Top down: Metodo della parità competitiva: qui si cerca di allineare il proprio budget in funzione della spesa dei concorrenti. Questo metodo è finalizzato a mantenere la stessa quota di mercato nel tempo. Inoltre l assunto base di questo metodo è che in due aziende diverse la stessa spesa di comunicazione porti allo stesso risultato, cosa ovviamente poco veritiera; 2. Bottom up: Tecniche basate sulla determinazione di obiettivi di comunicazione stabiliti dai responsabili operativi, sulla base di specifici marketing programs dettagliati per ciascuna attività, di cui si menziona. È più difficile da implementare in quanto obbliga i manager a quantificare la spesa sulla base di stime sui ritorni attesi. Quando si utilizzano strumenti in grado di tracciare i risultati (web, direct marketing, ecc.) è il metodo più indicato. 27

28 Costruire una campagna fase 3 (scegliere i canali) Above The Line: riguarda tutte le attività che comunicano al di fuori del punto vendita, gestite di solito da agenzie pubblicitarie pagate su commissione; hanno lo scopo di generare awareness (conoscenza) del prodotto e/o delle sue funzionalità su vasta scala; Below The Line: riguarda tutte le attività di comunicazione nel punto vendita e assimilati (stand in eventi, fiere, ecc.) finalizzate alla promozione del punto vendita o del prodotto attraverso specifiche tecniche promozionali basate sul contatto diretto con la clientela attuale e potenziale (concorsi, programmi di fidelizzazione, offerte promozionali, prove prodotto, merchandising, ecc.) 28

29 Costruire una campagna fase 3 (decidere i canali) Associare le leve del communication mix ai casi indicati: 1. La società A produce macchine utensili ed il suo obiettivo è conquistare 15 nuovi clienti tra le aziende meccaniche del mezzogiorno 2. La società B che produce snack, ha come obiettivo essere presente nel 25% dei bar italiani entro l anno prossimo; 3. La società C operante nel settore delle acque minerali ha come obiettivo portare la conoscenza della marca all 80%; 4. La società D ha deciso di premiare i clienti che nel corso dell anno hanno accumulato più miglia aeree (compagnia aerea) 5. Obiettivo dell società E è di far sottoscrivere ai propri azionisti un aumento di capitale A Pubblicità B promozione alle vendite (consumatori finali) C personale di vendita Promozione al trade Relazioni esterne

30 Costruire una campagna fase 3 La scelta dei canali deve tener conto del ciclo di vita del prodotto/servizio: Ogni fase del ciclo di vita ha infatti degli obiettivi di comunicazione possibili: Fase di introduzione Crescita lenta delle vendite a causa dell effetto novità Ottenere la massima visibilità possibile al minor costo Fase di crescita Crescita rapida delle vendite. Fase del successo Comunicare le funzioni d uso distintive Fase di maturità Rallentamento della crescita a causa della saturazione del mercato. Ottenere il massimo impatto emozionale spot TV e mass media Fase di declino Decremento delle vendite e dei profitti. Pronto per abbandonare il mercato Evitare campagne costose Necessità di avviare un nuovo ciclo di crescita attraverso innovazioni prima che la fase di declino sia irreversibile 30

31 Costruire una campagna fase 3 Programmazione sui media: Il pianificatore pubblicitario fonda le sue decisioni di media mix su tre elementi fondamentali: La copertura o reach (C): quale % del mercato target viene raggiunta dal messaggio pubblicitario attraverso il mezzo considerato; La frequenza di esposizione (F): il numero di volte in cui mediamente un individuo del target viene esposto al messaggio; L impatto (I): il valore qualitativo rispetto all utilizzo dei vari canali pubblicitari; a valutare l esposizione pubblicitaria, ossia il numero di persone che guarderanno il messaggio attraverso ogni canale prescelto; Il costo del canale pubblicitario (); 31

32 Costruire una campagna fase 3 Principali indicatori per orientare la scelta dei canali pubblicitari: GRP (Gross Rating Point): è un fondamentale indicatore del grado di copertura del target calcolato moltiplicando copertura*frequenza (C*F); Un modo più completo di esprimere il GRP è quello di calcolarlo considerando anche l impatto (I). Tuttavia la misurazione dell impatto presenta due inconvenienti: È difficilmente misurabile; È un indice fortemente disomogeneo fra le varie tipologie di canali Per questo motivo si preferisce calcolare il GRP = C*F limitando la comparazione a mezzi della stessa natura (spot TV con spot TV, spot radio con spot radio, ecc.) 32

33 Costruire una campagna fase 3 Principali indicatori per orientare la scelta dei canali pubblicitari: Costo per contatto (costo/grp): è un fondamentale indicatore economico per la valutazione della convenienza nella scelta tra più mezzi pubblicitari della stessa natura. Specie quando si fa riferimento a canali in grado di colpire su migliaia di persone si usa esprimere questo indicatore come CPT (cost per thousand) ed esprime il costo per ogni contatti. Esempio: L azienda committente ha un target di 3 milioni di persone che abitano in centri urbani, con un età compresa tra 30 e 45 anni: La rubrica televisiva Y raggiunge il 70% del target (2,100,000 persone). Si vogliono acquistare 2 spot a puntata. Il GRP è 70*2 = 140 per puntata. Il costo di uno spot di 30 secondi è di 10,000, quindi il costo/grp per 2 spot è: 20,000/140 = 142,8 ; Il CPT è 20,000/4,200,000*1,000 = 4,76 per ogni 1000 contatti. 33

34 Costruire una campagna fase 3 Media TV Radio Quotidiani Riviste Vantaggi Media creativo e flessibile, conveniente per raggiungere un target di massa; forte impatto, media prestigioso Ottima per mirare selettivamente ad un target. Ascoltata anche fuori casa, relativamente economica, sia pre produrre uno spot che per trsmetterlo,facile modificare il messaggio, uso di effetti sonori per facilitare l immaginazione Estensiva copertura dell audience, possibilità di usare diverse dimensioni, strutture, colori, utile per pubblicità basata su raffronti Possibilità di rivolgersi ad audience frammentate con riviste specializzate, alta credibilità e livello d interesse, ottima qualità delle immagini, ciclo di vita non breve Svantaggi Messaggio presto dimenticato a meno che non venga ripetuto spesso. Prezzi elevati su base assoluta, sempre più spot, sempre più brevi Spesso si dedica poca attenzione al contenuto, necessario pianificare gli spot su molte radio diverse per raggiungere un numero rilevante, non adatta per prodotti che devono essere mostrati fisicamente o di cui deve essere mostrato il funzionamento Molte persone non dedicano molto tempo alla lettura di quotidiani, audience inadatta ai segmenti giovani, breve ciclo di vita, scarsa qualità delle immagini Abbastanza costosa (come direct mail) necessità di programmare con molto anticipo e scarsa flessibilità 34

35 Costruire una campagna fase 3 Media Elenchi Media esterni Media basati sul luogo Web Sia che on site Vantaggi Focalizzato sulle informazioni, pagine gialle Grandi formati, affissioni, cartellonistica, striscioni da stadio, personalizzazione livree bus (IGP), ecc. molto visibili ed efficaci quando si ha un messaggio semplice e diretto The Airport Channel, trasmettono messaggi in luoghi pubblici, come le sale d attesa di stazioni ed aeroporti, sono un modo efficace per trasmettere ad un audience che non può sottrarsi all esposizione Economico, sempre più diffuso, con possibilità di selezionare target precisi, altissima capacità di tracciatura attraverso cookies, e di feedback, permette ai consumatori di partecipare alla campagna pubblicitaria attivamente (come eventi) Svantaggi Obsoleto, in via di sostituzione da alternative dirette e multicanale gestite da call center Grandi formati costosi, utilizzati molto più spesso in grandi piazze(città Costo di realizzazione dello spot, scarsa presenza di media del genere Non eccedere, esigenza di mantenere una condotta seria, no spamming, no interstitial, no promo non richieste (permission marketing) 35

36 Costruire una campagna fase 3 Programmare il timing: Ci sono diverse strategie da considerare: Teaser: fase iniziale che non svela né il prodotto né il nome del brand, serve ad incuriosire e a creare attesa; Programma continuo; la campagna mantiene un flusso costante durante tutto l anno, adatta a prodotti di largo consumo e destagionalizzati /shampoo, pane, ecc. dopo un po tende a stancare perciò si fanno i cosiddetti sequel (Lavazza) Programma ad intensità variabile: varia la quantità di spot trasmessi in funzione dei momenti di morbida o di picco delle vendite, oppure a seconda dei momenti di stagionalità (creme solari solo d estate, ecc.) Programma intermittente: alterna periodi di martellamento a periodi di assenza quasi totale, è una forma di intensità variabile. È più economica del programma continuo e conviene se il messaggio è particolarmente efficace e ricordato 36

37 Costruire una campagna fase 4 (il tipo di messaggio) Pubblicità interna: comunicazione interna rivolta a personale e stakeholders; Pubblicità esterna: rivolta al consumatore/cliente; Pubblicità istituzionale: corporate identity Pubblicità di prodotto: messaggio focalizzato su un bene o servizio, o su una linea di beni o servizi; Advocacy advertising: pubblicità realizzata da istituzioni per finalità di pubblico servizio che cerca di influenzare l opinione pubblica su un dato argomento (pubblicità progresso) PSA (public service advertisements): pubblictà legate ad enti no profit o a co-marketing con enti no profit (Telethon, Juventus e Gaslini, ecc.) Pubblicità locali: destinate ad agire su scala locale, per spingere uno o pochi punti vendita o dettaglianti (usata nel settore retail o GDO) 37

38 Costruire una campagna fase 4 (il tipo di messaggio) La strategia creativa si basa sulle decisioni inerenti la forma di richiamo pubblicitario coerente con il target e le strategie di marketing; Ci possono essere diversi tipi di richiamo pubblicitario: 1. Basato sulla motivazione: fa leva sulla USP (unique selling proposition), ovvero fornire ai clienti una chiara, singola ragione per cui il prodotto è migliore degli altri nel risolvere un problema o nel soddisfare un bisogno. È da preferire quando il prodotto offre un vantaggio chiaro, che i clienti possono facilmente verificare e che rivesta una certa importanza 2. Pubblicità comparativa: cita esplicitamente due o più concorrenti. È focalizzata sulla performance di un prodotto/servizio, ma se da un lato in certi periodi può rivelarsi efficace, alla lunga lo è meno per il suo tono in negativo. Il problema è particolarmente sentito quando ci si rivolge ad audiences che non accettano volentieri messaggi molto diretti e poco diplomatici; è da preferire quando si ha una ristretta quota di mercato ed il prodotto vuole conquistare spazio (Tele 2) 38

39 Costruire una campagna fase 4 Forme di richiamo pubblicitario: 3. Dimostrazione: come la televendita, è utile quando i consumatori non riescono ad identificare i benefici rilevanti se non vedono il prodotto in azione (coltelli shimano) 4. Testimonial: una celebrità (Clooney) un esperto, un tipico utilizzatore (Michele l intenditore); è una strategia molto comune ma anche molto costosa; è efficace per i prodotti abbastanza maturi che vogliono differenziarsi dalla concorrenza di prodotti più recenti; 5. Spaccato di vita: la scena del Dash in cui si fa la prova bucato, o l amaro Montenegro, o il Lucano 6. Stile di vita: un format che rappresenta una o più persone in contesti piacevoli dove il prodotto fa parte del contesto (Baileys, Microsoft). Il prodotto fa parte della scena e tutto suggerisce che chi acquista il prodotto possa raggiungere il medesimo lifestyle. 39

40 Costruire una campagna fase 4 Forme di richiamo pubblicitario: 7. Stile di vita Fantasy: variante del precedente. Si ha quando lo spettatore viene incoraggiato ad immaginarsi delle situazioni curiose o esotiche legate allo stile di vita suggerito dal prodotto (Vigorsol Air Action, Magnum Algida, ecc.) 8. Richiamo basato sulla paura: sottolinea le conseguenze negative dell uso o del mancato uso del prodotto. Sono focalizzate sui danni fisici o sui danni sociali o morali. Cercano di creare disapprovazione. Sono utilizzati da produttori di medicine, shampoo, dentifrici, colluttori, contro la droga, contro l alcool, ecc. 9. Richiami sessuali: Jeans Guess, Breil, Magnum Algida 10.Richiami umoristici: Tim, utili per differenziarsi e per il ricordo 11.Slogan e jingle: si cerca di legare il prodotto ad una semplice frase, o espressione linguistica o sonora, o ad un jingle (zum zum Mazda, , 1240, 1288, ecc.) 40

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Glossario di marketing Accettazione: pubblico. misura l accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del Account: figura professionale che svolge

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Cosa si intende per pubblicità

Cosa si intende per pubblicità Cosa si intende per pubblicità ADV: creare un messaggio ed inviarlo a qualcuno che a sua volta avrà una reazione. SOGGETTTO MEDIATICO A PAGAMENTO!!! Advertising: TV, RADIO, CARTA STAMPATA, MURALES INTERNET!!

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Prof. Bruno Buzzo Docente di Tecnica della Comunicazione Facoltà di Economia - Università di Genova Amministratore Delegato e Condirettore Generale PBCOM S.p.A.

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 18 aprile 2007 Gli argomenti del primo corso PROPRIETA GOVERNO GESTIONE LE TEORIE

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Studio Grafico Ramaglia. Graphic Designer

Studio Grafico Ramaglia. Graphic Designer Index Profilo Agenzia Grafica Internet Perchè affidarsi a noi Profilo Dal 2012 lo studio RAMAGLIA si occupa di comunicazione, grafica pubblicitaria, web design e marketing. I nostri servizi si rivolgono

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Promozione e commercializzazione

Promozione e commercializzazione Relazione per il Gruppo di lavoro: Promozione e commercializzazione Brand, strumenti, compiti del pubblico e del privato Redatto da: Elisa Capozzi 1 anni 80: Disney cerca un luogo per un parco tematico

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 La Pianificazione Pubblicitaria Fulvio Fortezza Il Piano di comunicazione 2 1 OBIETTIVI Gli obiettivi devono essere specifici e, possibilmente, misurabili

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 11 Advertising Cos è la pubblicità Storicamente

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

Piano Marketing Operativo esempio

Piano Marketing Operativo esempio Piano Marketing Operativo esempio Il Piano Marketing Operativo è la parte conclusiva del Piano di Marketing: nel Piano Marketing Operativo vengono attuate le Strategie studiate nel Piano Marketing Strategico.

Dettagli

TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING

TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING PROGRAMMAZIONE + COMPETENZE TEORICHE TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING StudiAssociati 2013 PARLEREMO DI: Cos è il marketing Definizioni e termini fondamentali La customer satisfaction Oltre a questi argomenti

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

DAL BRIEF ALLO SPOT. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

DAL BRIEF ALLO SPOT. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it DAL BRIEF ALLO SPOT Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 AVVERTENZA: i video discussi durante la lezione sono disponibili all indirizzo: http://www.youtube.com/user/mrsgravili#grid/user/76a6ca576d437ec5

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

DIFFERENZIARE LE CAMPAGNE DI MARKETING La scelta del canale adeguato

DIFFERENZIARE LE CAMPAGNE DI MARKETING La scelta del canale adeguato Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it DIFFERENZIARE

Dettagli

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli

Introduzione al Marketing Mix

Introduzione al Marketing Mix Introduzione al Marketing Mix Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il Marketing Mix Le 4 P Product Price Promotion Place È la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l

Dettagli

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY SVILUPPO DELLA CAMPAGNA Prima fase: IL BRIEFING scambio di informazioni fondamentale per lo sviluppo della campagna. Il brief contiene molteplici informazioni su:

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Quest opera paradigmatica, capitale non solo per lo sviluppo dell arte moderna, ma anche e soprattutto

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA dal 1980 NE NW W SW SE S E Lo scopo principale di una strategia di comunicazione è quello di consentire alla tua azienda di raggiungere in modo più efficiente

Dettagli

HAPPY SYSTEM SRL. 1/2, Via F. Santi. 10042 Nichelino To +39 011 6897592 +39 011 6897591 info@happysystem.it www.happysystem.it BECAUSE WE ARE HAPPY

HAPPY SYSTEM SRL. 1/2, Via F. Santi. 10042 Nichelino To +39 011 6897592 +39 011 6897591 info@happysystem.it www.happysystem.it BECAUSE WE ARE HAPPY HAPPY SYSTEM SRL. 1/2, Via F. Santi. 10042 Nichelino To +39 011 6897592 +39 011 6897591 info@happysystem.it www.happysystem.it BECAUSE WE ARE HAPPY HAPPY significa contento, ma anche sereno. Soddisfatto

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line.

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. Introduzione Gli investimenti pubblicitari delle aziende si stanno

Dettagli

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ Ma&Mi è un agenzia di comunicazione a servizio completo, dove differenti professionalità si mettono al servizio del cliente per creare valore e per supportare lo

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

VF Produzioni Tel 0287250422. Facce Ride. Presenta

VF Produzioni Tel 0287250422. Facce Ride. Presenta VF Produzioni Tel 0287250422 Facce Ride Presenta VF Produzioni Tel. 0287250422 2 Risate in tv: Da sempre un sicuro investimento Le barzellette cosa sono La barzelletta è un breve racconto umoristico, trasmesso

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Piano di marketing & ricerche di mercato

Piano di marketing & ricerche di mercato Piano di marketing & ricerche di mercato Roma, giugno 2004 Piano di marketing (1/6) ANALITICO STRATEGICO ANALISI DI SETTORE E DELLA CONCORRENZA ANALISI DEL SETTORE E DELL IMPRESA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013 L ATTENZIONE AL CLIENTE L approccio teorico. Gli strumenti di ascolto del cliente. I metodi di misurazione della customer satisfaction. 1 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Lo stato in cui i bisogni, i desideri,

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Marketing internazionale

Marketing internazionale A.A. 2007-2008 Marketing internazionale Dott.ssa Vania Vigolo Lezione 23 NB. Una precisazione PURAMENTE FORMALE: nella numerazione delle lezioni sulle slide sono passata dalla lezione 20 alla 21 senza

Dettagli

La gestione del cliente in un ottica di marketing

La gestione del cliente in un ottica di marketing La gestione del cliente in un ottica di marketing La soddisfazione del cliente Intuitivamente semplice, ma implica un esatta definizione dei parametri misurabili, in base ai quali un cliente si può definire

Dettagli

NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE

NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE Crescita degli eventi e loro complessità determinano la necessità di valutare il valore reale di un evento sia a valle che a monte Vuoto cognitivo facendo riferimento

Dettagli

You need the blue way to grow your business

You need the blue way to grow your business Per entrare in un nuovo mercato, e raggiungere nuovi obiettivi bisogna conoscere la strada migliore da seguire. Noi sappiamo come gestire al meglio la tua organizzazione, personalizzandola e aiutandoti

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO Lezione 16 12 maggio 2010 . IMBUTO PROMOZIONALE informazioni PUBBLICHE RELAZIONI No vendita, ma modificazione atteggiamento,

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA

IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA Pag. 1 Direzione Comunicazione IL BUSINESS PLAN IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA 1 Pag. 2 Il business plan È un documento organizzato. Il Business plan è il quadro di riferimento dei manager. Per

Dettagli

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15)

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15) LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE (cap. 15) IL RUOLO ECONOMICO DEI CANALI DI DISTRIBUZIONE Un canale di distribuzione può essere definito come una struttura formata da partner interdipendenti che mettono beni

Dettagli

leonardogatti pubblicità & comunicazione

leonardogatti pubblicità & comunicazione leonardogatti pubblicità & comunicazione Sempre al vostro fianco. chi siamo Leonardo Gatti & Partner: sempre al vostro fianco. Siamo un gruppo di professionisti che operano nel mondo pubblicitario e del

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Stampa Le strategie di marketing admin in Professione Consulente Con l analisi di mercato è possibile mettere a punto i prodotti o servizi corrispondenti alle esigenze di ogni segmento di mercato. Essa

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana

Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana Autori XV XVII XX Parte 1 Capire il sistema sanitario e il ruolo del marketing Capitolo 1 Il ruolo del marketing nell organizzazione sanitaria 3 Panoramica:

Dettagli

Marketing mix: promozione e comunicazione

Marketing mix: promozione e comunicazione Marketing mix: promozione e comunicazione La presente documentazione è ad esclusivo uso didattico. Al di fuori del corso nessuna parte può essere riprodotta in qualsiasi forma a stampa, fotocopia o altri

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 IL PIANO DI COMUNICAZIONE prima di cominciare 3 4 Le fasi 1. Pianificazione 1.1 Strategica 1.2 Operativa

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Convegno. La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing. Milano, 14 aprile 2011

Convegno. La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing. Milano, 14 aprile 2011 Convegno La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing Milano, 14 aprile 2011 Gli strumenti della comunicazione e del marketing ambientale: indicazioni ed esempi dalle

Dettagli