G u i d a alla crea z i o n e di impresa. a c ura di Ma ria Grazia Dessì

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G u i d a alla crea z i o n e di impresa. a c ura di Ma ria Grazia Dessì"

Transcript

1 G u i d a alla crea z i o n e di impresa a c ura di Ma ria Grazia Dessì

2 Copyright 1996 Punto di Fuga editore È vietata la riproduzione, anche parziale, effettuata con qualsiasi mezzo, sen za la p reventiva autorizzazio ne scritta dell Editore.

3 I N T R O D U Z I O N E

4 Acquisizione di un impresa esistente: questa è un altra forma molto popolare di acquisizione di un idea imprenditoriale: permette di saltare quasi comple tamente il proce sso di avvio di un impresa; ma non è priva di rischi e trabocchetti, se non ci si mette nell ordine di idee di valutare freddamente i pro e i contro della decisione d acquisto. Per e vitare spiacevoli sorp rese è opportuno ricordare alcuni degli aspetti da valutare attentamente. Conoscenza del settore: avete conoscenze specifiche dell attiguida alla creazione di impresa 7 1 PRIMA DELL AVVIO 1.1 COME TROVARE UN IDEA IMPRENDITORIALE Il primo vero passo per mettersi in proprio consiste nel pensare che tipo di attività intraprendere. Per le persone che non hanno ancora pensato a un idea, elenchiamo alcune delle tecniche utilizzabili per la loro individuazione. Copiarla: è ovviamente la tecnica più semplice. L importante è adattare la nuova iniziativa, individuando una nicchia o segmento di mercato scoperto o insufficientemente coperto nel territorio. Franchising: è simile alla tecnica del copiare, ma ha il vantaggio di utilizzare esperienze o know how già affermati, dando all imprenditore la possibilità di avviare l attività in tempi brevi. Accade quando un attività imprenditoriale candidata (franchi - sor) è disposta a vendere ad altre aziende ( franchisee) nome, immagine, conoscenze, supporto all avvio ed alla gestione con garanzia di poter operare in un vasto territorio. Ovviamente, per il pacchetto di avvio e supporto il franchisee dovrà pagare una certa somma sia in capitale iniziale, sia in royalties in percentuale sulle entrate.

5 8 labussola vità che volete intraprendere? Se non è sufficiente, cercate di parlare con imprese che abbiano attività affini. Analisi del mercato: un vantaggio notevole risiede nel fatto che non sarà necessario effettuare dal nulla un analisi di mercato, in quanto si potrà lavorare su dati aziendali effettivi. Quanto costa? Valutare un azienda non è semplice. È necessario stabilire il valore del magazzino, degli impianti fissi, delle attrezzature, degli immobili, dell avviamento commerciale, ecc. Sostanzialmente il valore di un azienda (plusvalenze, condizionali a parte) è la sommatoria dei suddetti valori. La voce avviamento è quella di più difficile valutazione. Risorse umane d isp onibili. Oltre a stimare il valore che le persone hanno per lo sviluppo dell azienda è necessario verificar e quali economie o incentivazioni possono essere attivate nella gestione del personale. Locali, struttura. È importante analizzare la situazione d ei locali (ufficio, capannoni, fabbrica, laboratori). Se in affitto o in le asing, bisogna ve de re il contratto; se di pr opr ietà, è opportuno farli visionare da un perito. Anche il posizionamento geografico dell azienda è un importante fattore di successo. Rivitalizzare un prodotto esistente: consiste principalmente nel trovare una variante ad un prodotto, tale da proporne un utilizzo d iffer ente, giustificand o l avvio di una nuova impr e sa. Alternativamente vanno pensati miglioramenti a prodotti attuali che p ossano permettere di sottrarre q uote di mercato alle imprese esistenti. Invenzioni/Innovazioni : è luogo comune pensare che, avviando un attività di fabbricazione, si debba inventare qualcosa. Poche aziende partono in questa maniera, anche se alcune di loro hanno avuto grandi successi (Coca-cola, Apple, ecc.). Il lancio di un prodotto necessita sia di budget promozionali di settore, sia di costi di ricerca alti. Questo è il motivo per cui le invenzioni brevettate sono quasi esclusivamente di aziende che

6 guida alla creazione di impresa 9 posso no p ermettersi centri d i ricerche e sviluppo attrezzati. Ovviamente un idea imprenditoriale nasce anche da colui che ha un intuizione; prima di definirla come tale, è necessario un market test (sondaggio) per verificare l esistenza di garanzie di accettabilità del mercato. E spe rienza personale: può e sse re una buona maniera per individuare idee imprenditoriali non soddisfatte dal mercato. Trasformare il proprio hobby in un impresa: l esperienza e la profonda conoscenza di alcune attività del tempo libero possono fornire validi spunti e idee. 1.2 FARE UNA RICERCA DI MERCATO L obiettivo base è quello di rispondere al quesito c è un mercato per il tuo prodotto/servizio ed è grande a sufficienza per mantenere la tua impresa?. La ricerca di mercato è uno strumento vitale per il successo di un iniz iativa imp renditoriale; aziende già avviate e di consistenti dime nsioni lo utiliz zano ad alti live lli di sofisticaz ione. Ovviamente, nel vostr o caso si pre sume no n vi siano molte risorse da spendere se non il vostro tempo. Passiamo ora a semplificare un metod o cercando di fornir vi delle indicazioni per rispondere al quesito di cui sopra. La decisione di intraprendere una nuova iniziativa imprenditoriale richiede la propedeutica risposta ad alcuni interrogativi di base. La domanda a cui la nuova iniziativa si rivolge è sufficiente per garantire il successo dell impresa? Quali sono le prospettive dell attività futura? Quali sono le caratteristiche del mercato? Quanti sono i concorrenti attuali? E quelli futuri?

7 10 labussola Chi sono i concorrenti principali? Quali sono le loro caratteristiche? Qual è la tipologia del cliente a cui io mi rivolgo? Cosa si attende il cliente? Quali bisogni soddisferà la nuova attività? Quanti sono i clienti e come/ quand o acquistano? Chi/quanti sono i clienti di riferimento? Quanto stimo il fatturato dei primi periodi dell azienda e/o del prodotto o servizio o delle linee di prodotti? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della mia azienda/prodotto/servizio rispetto alla concorrenza? Qual è il grado tecnologico contenuto nel prodotto? Come p rod uce la co ncorren za? Q uali s on o i suo i prezzi/condizioni/servizio/distribuzione? Qual è il tasso di sviluppo delle vendite nel settore? In sinte si, le r ic er che d i mercato costituisc ono lo strumento conoscitivo per attuare una strategia per rendere efficace la tattica az iendale. In p articolare, le rice rche si dimostrano uno strumento indispensabile per: stabilire una politica del prezzo; individuare la posizione dell azienda; ricercare nuovi prodotti o valutare nuove funzioni d uso degli stessi; verificare le performances dei prodotti; migliorare o costruire un organizzazione commerciale; studiare e valutare nuove forme e/o formule distributive; studiare il cliente, il consumatore, i suoi desideri, i bisogni, i comportamenti di consumo, le motivazioni, le decisioni; determinare le caratteristiche della comunicazione pubblicitaria e promozionale e lo stanziamento di risorse necessario; analizzare il posizionamento, l immagine, i punti di forza e di debolezza.

8 guida alla creazione di impresa PREPARARE IL PIANO D IMPRESA (BUSINESS PLAN) Le ragioni per la preparazione di un business plan Ogni imp rend itore all atto dell avvio di una attività o di un nuovo progetto deve fissare gli obiettivi che intende perseguire a breve, medio e lungo termine e inoltre conoscere tutte le decisioni da adottare, le modalità di reperimento delle risorse, l ordine progressivo con cui le azioni saranno intraprese: il tutto al fine di ottenere il massimo risultato e limitare il rischio di insuccesso. In altre parole, l imprenditore necessita di un insieme ragionato di punti di riferimento e di indicazioni che delimiteranno e tracce ranno la strada sulla quale intende guidare l attività de lla propria azienda. Per questo è necessario dotarsi di uno strumento che indirizzi e guidi l attività d impresa: il business plan. Il business plan è un documento nel quale vengono identificate le principali strategie e le azioni che saranno o potranno essere intraprese in futuro dall azienda (3-5 anni). I principali scopi sono: fornire all imprenditore un impalcatura su cui verrà consolidata la strategia e le azioni che riguarderanno l azienda nei prossimi 3-5 anni; servire quale base per la presentazione dell attività futura de ll az ienda ai terzi (finanziato ri, banc he, nuovi potenziali soci, fornitori, ecc.); quantificare il fabbisogno di risorse; costruire uno strumento concreto per poter misurare i risultati ottenuti dall impresa confrontandoli con i risultati sperati e contenuti nel piano. È quindi un ottimo strumento di verifica e revisione delle strategie e delle tattiche aziendali. In sintesi, il business plan è paragonabile ad una bussola, uno

9 12 labussola strumento di razionalizzaz ione ne ll or ientamento de lle scelte future dell impresa. Un business plan dovrebbe fornire una previsione r ealistica degli obie ttivi a medio e lungo termine dell impresa. La preparazione di un business plan Il business plan è costituito da un insieme di piani che sintetizz ano le politiche delle diverse funzioni e attività aziendali (il piano di marketing, il piano delle vendite, il piano di produzione fanno parte integrante del piano). La struttura tipo di business plan adatta ai fabbisogni di una piccola e media impresa presenta i seguenti elementi tipici: 1 ) parte intro duttiva : d elinea la struttura e g li ob iettivi d el piano; 2) riassunto: contiene un elenco dei principali punti chiave che verranno dettagliatamente sviluppati nella parte principale del piano (le principali strategie e obiettivi, una breve descrizione del mercato e delle tecnologie, la struttura dell azienda); 3) il piano: la parte principale del piano è costituita da diversi capitoli, ognuno dei quali sviluppa un preciso argomento: a) descrizione dell azienda b) il prodotto o i prodotti - i bisogni che intende sviluppare c) il quadro economico d) il settore e l analisi di mercato - i mercati di sbocco - i segmenti - i mercati di approvvigionamento - i clienti - i potenziali entranti - i prodotti sostitutivi - la concorrenza - la situazione tecnologica del settore

10 Analisi dei dati ed effettuazione delle stime. A questo riguardo, sebbene si presenti pe r l impr esa la difficoltà oggettiva nella raccolta dei dati e delle informazioni, tuttavia risulta fondamentale una formalizzazione delle informaguida alla creazione di impresa 13 - sintesi delle opportunità/minacce del settore e) il piano di marketing f) il piano e le politiche di produzione g) le politiche di organizzazione h) un prospetto riassuntivo delle principali azioni nei primi 3-5 anni di attività i) il piano economico-finanziario d) considerazioni co nclusive: analisi dei p rincipali punti d i forza e debolezza; individuazione dei principali problemi legati alla fase di sviluppo; evidenziazione del fabbisogno finanziario ed individuazione delle forme di copertura. Di seguito vengono riportate alcune indicazioni utili per la concreta stesura del piano. raccolta delle informazioni disponibili sugli argomenti previsti nel business plan. La raccolta delle informazioni può essere effettuata: a) presso gli uffici comunali (piano commerciale, piano regolatore, numero licenze), p resso gli uffici della Camera d i Commercio (REC, Albo imprese artigiane, Anagrafe camerale), p ress o le asso ciazion i di categ oria, la Cancelleria d el Tribunale, l Istituto per il commercio con l estero; b) mediante interviste ad op eratori d el setto re, concorrenti attuali e/o potenziali, fornitori, distributori, agenti; c) mediante interviste a potenziali clienti al fine di ottenere dati e notizie circa: le caratteristiche del settore; l evoluzione del mercato e dei singoli segmenti; le notizie sulla concorrenza; le notizie sui fornitori di prodotti, semilavorati, materie prime, tecnologie e servizi.

11 14 labussola zioni ottenute e l effettuazione di stime, ancorché approssimative, sulla base di tali notizie. Determinazione dei fabbisogni ed identificazione delle azioni da intraprendere. 1.4 AFFRONTARE I PROBLEMI LEGALI E FISCALI Quando si vuole trasformare un idea imprenditoriale in un impresa reale, occorre confrontarsi con un problema tecnico, la cui soluzione potrà avere importanti conseguenze per il futuro dell azienda: la forma giuridica da dare all impresa. Scegliere la forma giuridica di un impresa significa essenzialmente verificare: il numero dei soggetti che vi concorrono; il volume d affari che si preved e di realizzare nel medio periodo; l entità dei capitali da investire per iniziare l attività. T ali e leme nti vanno conside rato allo scopo di individuare la forma g iurid ica, fra quelle previste dal Codice civile, che meglio si adatta all azienda. Per scendere nel dettaglio delle forme giudiriche occorre operare una prima distinzione fra: imprese individuali; imprese societarie. Le differenza fra le due è intuitiva: avremo un impresa individuale og ni qualvolta l imprenditore ritie ne di pote r dare vita all impresa con le sole proprie forze, sia lavorative che finanziarie; avremo, invece, un impresa societaria, cioè una società, og ni volta che due o più imprend ito ri vorranno mettere in comune le proprie energie lavorative, le proprie idee ed i propri mezzi finanziari. Se la scelta ricade sull impre sa individ uale, le for malità da

12 guida alla creazione di impresa 15 espletare, per poter dar corso all attività reale, saranno molto semplici. Sarà infatti sufficiente: richiedere all Ufficio delle imposte il numero di codice fiscale personale (se già non lo si possiede); richiedere all Ufficio Iva il numero di partita iva dell impresa; iscriversi al Registro Ditte presso la Camera di commercio; richiedere alle competenti autorità le licenze o autorizzazione eventualmente necessarie per lo svolgimento di alcune attività (ad esempio, le licenze di commercio o l iscrizione all Albo agenti). Più co mplesse saranno le cose se si vorrà optare per una società. In primo luogo occorrerà, oltre alle formalità sopraccitate, l intervento di un notaio, che riceva o rediga l atto costitutivo della società e ne curi il deposito presso il Tribunale competente. Ma, soprattutto, sarà necessario scegliere quale tipo di società si ritiene più adatta all impresa che si vuole far nascere. Il nostro Codice civile infatti suddivide le società in due gruppi, ciascuno dei quali a sua volta comprende diversi tipi di società: società di persone società in nome collettivo società in accomandita semplice società di capitali società a responsabilità limitata società per azioni società in accomandita per azioni società cooperative La differenza principale fra i due gruppi sta nel fatto che i soci di una società di persone (o almeno parte di essi) rispondono solidalmente e illimitatamente per le obbligazioni sociali, cioè fanno fronte anche con il proprio patrimonio pe rsonale pe r i de biti con tr atti d alla società, mentre le so cietà di capitali rispondono dei propri debiti solamente con il proprio autonomo patrimonio, con la conseguenza che i soci impegnano per la socie tà solamente quanto sottoscritto a tito lo di c apitale sociale.

13 16 labussola Esistono poi altri elementi di differenziazione fra i due gruppi principali e pure fra i vari tipi di società che li compongono, elementi che non possono essere qui trattati, ma dall esame dei quali non si potrà prescindere per una scelta oculata e corretta. 1.5 CERCARE I FINANZIAMENTI L attività di impresa si estrinseca nella combinazione di fattori produttivi, al fine di ottenere beni o servizi da vendersi sul mercato. Questa attività necessita di due forme di investimenti: investimenti in capitale fisso (macchinari, impianti, immobili, attrezzi, ecc.); investimenti in capitale circolante (scorte, crediti). Generalmente, l obiettivo dell impresa è quello di raggiungere il pr ofitto rimanend o in e quilibrio finanziario. Q u e s t u l t i m a accesione implica che l azienda abbia: finanziato gli investimenti in capitale fisso con fonti di finanziamento a lungo termine; finanziato gli investimenti in capitale circolante con fonti di finanziamento a breve termine. Q uesta relaz ione de ve essere rispettata in quanto gli investimenti in capitale fisso generano liquidità nel lungo termine e q uindi necessitano cop er tura finanz iar ia con cor rispondenti scadenze da rimborsare, per non avere strozzature. Gli investimenti in capitale circolante invece si trasformano in liquidità in tempi molto brevi (più volte in un anno), quindi possono sostenere finanziamenti da rimborsare in tempi celeri. In sostanza, si considera errato finanziare l acquisto di un macchinario utilizzando il conto corrente, anche se attivo: que sto perché va ad erodere la disponibilità per finanziare i crediti, le scorte, i salari e gli stipendi. Si compromette, cioè, il normale corso dell attività di acquistare-produrre-vendere.

14 Finanziamenti a lungo termine. I mutui sono i classici finanziamenti a lungo te rmine; solitamente hanno una durata di 3-5 anni e tassi agevolati. Leasing. Anche il leasing è un finanziamento a lungo termine che presenta vantaggi e svantaggi. Vantaggi procedura di attuazione veloce garanzie reali non necessarie spese accessorie limitate vantaggi fiscali relativi solamente agli investimenti immobiliari in quanto la durata minima è uguale alla durata dell ammortamento anticipato di qualsiasi cespite Svantaggi tasso elevato (minimo 2-3 punti oltre il prime-rate) mancanza della proprietà fino al momento d el riscatto (non compare nell attivo patrimoniale nonostante il pagamento dei canoni). Finanziamenti a breve termine: il conto corrente. L esposizione in conto corrente è ufficialmente un finanziamento a breve termine, in quanto l istituto di cr edito può revocarlo in qualsiasi momento, ma ciò avviene solo in casi patologici. Comunque, il conto corrente d eve essere usato solo per far fronte all elasticità di cassa, cioè ai temporanei ed alterni fabbisogni finanziari di breve durata. È ne cessar io sottolinear e che è un err ore utilizzare il fido di conto corrente per investire nel lungo termine. Le condizioni che regolano questo finanziamento vanno trattate periodicamente in base all andamento del mercato. In particolare si consiglia di verificare: tasso attivo tasso passivo tasso di sconfinamento commissioni di massimo scoperto

15 18 labussola giorni di valuta spese di tenuta conto Castelletto salvo buon fine. È una forma di conto corrente alimentata dall anticipazione dei crediti con scadenza differita nel tempo. In sostanza, la banca anticipa il pagamento della fattura e vengono addebitati gli interessi per una durata pari alla scadenza della medesima. Il tasso è leggermente più basso di quello di conto corrente. Factoring. È una forma di finanziamento analoga a quella del c a s t e l l e t t o.all attività di finanziame nto pe rò si aggiunge un servizio di gestione dei crediti. 1.6 REPERIRE I LOCALI L esercizio di una qualsiasi attività d impresa necessita di una sede materiale e legale: la sede diventa pertanto elemento di pr imaria importanz a sia dal punto di vista legislativo, sia da quello operativo e funzionale. Chiaramente, la scelta della sede risulta fortemente influenzata dalle esigenze dell impresa, dal tipo e dalle dimensioni dell attività esercitata, dalle r isorse e potenz ialità te rritoriali, dalla concorrenza, dai mercati di sbocco locali, dalla viabilità, ecc. Parlando di sede dell azienda si possono pertanto considerare varie e dive rse formule, dal semplice rifer ime nto p ostale e telefonico coincidente con la propria abitazione civile, all ufficio, al negozio, allo stabile strutturato e sito in zona industriale. È evidente che le scelte relative alle strutture fisiche dell azienda devono esse re frutto di p revisione e pianificazione; è quindi fondamentale che l identificazione della se de sia mediata dal processo di stesura del proprio business plan. Questo significa che anche la scelta del locale adatto alle proprie esigenze è il risultato di un analisi, non sempre semplice,

16 guida alla creazione di impresa 19 che tiene conto di: esigenze attuali e potenziali e loro grado di mutevolezza; importanza che riveste il fattore immagine nell esercizio della propria attività; importanza che riveste il fattore sede/posizione dell impresa in rapporto all attività che si esercita; rapporto costo/posizionamento/obiettivi commerciali perseguiti. MODALITÀ DI REPERIMENTO DEI LOCALI ACQUISTO Vantaggi Svantaggi capitalizzazione impegno a lungo termine rivalutazione capitale immobilizzato più garanzie bancarie capitale inutilizzato per più opportuno per la mission del business esigenze di permanenza crisi di liquidità nel lungo periodo più sicurezza più sgravi fiscali AFFITTO Vantaggi Svantaggi minor immobilizzo legislazione vincolante opportunità di cambiamento e mutevole flessibilità logistica necessità di oculatezza nella contrattazione spese non capitalizzate costi di manutenzione insicurezza nel medio lungo periodo In ogni caso, è consigliabile avvicinarsi a contratti di locazione, le asing, acquisto appoggiandosi ad un consulente d i fiducia dopo aver previsto ogni dettaglio in termini qualitativi, quantitativi e finanziari nel proprio business plan.

17 20 labussola L azienda che si accinge a dotarsi delle risorse materiali che chiamiamo locali o sede dell attività, per saggiare la disponibilità e le caratteristiche del mercato, potrà rivolgersi ad agenzie immobiliari, centri di sviluppo commerciale, consultare giornali, inserzioni e r iviste commerciali, valutare le disponibilità delle autorità municipali e le opportunità offerte dalle aste giudiziarie.

18 guida alla creazione di impresa 21 2 L AVVIO 2.1 SCEGLIERE L IMMAGINE, IL LOGO E IL NOME La scelta dell immagine, del logo e del nome assumono rileva nza fondamentale, specie per le piccole e medie aziende le quali hanno la necessità di differenziarsi agli occhi del potenziale cliente, fornitore, distributore al fine di poter facilitare ed immediatamente comunicare l idea ed il valore differenziale rispetto ai concorrenti. L IMMAGINE È l opinione che si forma il cliente e in generale il pubblico dell azienda: costituisce probabilmente la caratteristica più importante dell azienda di piccole e medie dimensioni. L imma gine rappresenta per l azienda un va lore patrimoniale estremamente importante ed anche se non trova iscrizione fra le a ttività di bilancio i suoi rifle ssi sono rimarchevoli sulla relazione azienda/mercato. Essendo l imma gine la percezione del pubblico dell impresa, essa riguarda molteplici aspetti fra i qua li: l efficienza, la convenienza, l affidabilità, l avanguardia tecnologica, il prestigio, la capacità di risolvere i problemi, la competenza, l innovatività e così via. L immagine si f orma gradualmente in base a tutte le comunicazioni che il pubblico riceve ed è veicolata da numerosi strumenti: dalla scelta del nome dell azienda e dei prodotti; dalla ragione sociale (snc, sas, ditta individuale); dalla tipologia del marchio dell azienda; da lla ca rta da lettera dell a zie nda, da come sono redatti e da come si presentano i documenti fiscali e non, destinati al cliente; dalla comunicazione aziendale: depliant, pubblicità, imballaggi, competenza e gentilez za del persona le di

19 22 labussola vend ita e dell u fficio, cortesia ed efficienza d el servizio clienti; dal prodotto e dalle sue caratteristiche. La scelta dei mezzi citati contribuiscono all affermazione di un immagine differenziata: ecco perché risulta fondamentale la cura di tali elementi di comunicazione. Nella definizione di tale immagine è possibile ricorrere ad agenzie qualificate di pubblicità o ad esperti e consulenti esterni. In ogni caso è indispensabile una continua e non marginale attenzione all immagine aziendale ed una coerenza nelle scelte relative dei veicoli dell immagine stessa. IL LOGO Il logo è il segno grafico che ha l obiettivo di facilitare una rapida ed agevole individuazione dell azienda o del prodotto aziendale e nel contempo di contribuire a differenziare prodotti dello stesso tipo, di una famiglia di prodotti o servizi (linea) o di una determinata impresa. Il marchio o logo conferisce un identità al prodotto o ai prodotti e va quindi riportato su tutte le comunica zioni aziendali. I requisiti fondamentali del logo sono: facilità di identificazione; alta memorizzazione e immediato riconoscimento; semplicità e attrattività; alta differenziazione. Lo studio del logo può essere affidato a studi di grafica e pubblicità o a consulenti esterni che potranno anche curare il deposito del logo presso gli uffici preposti. Il logo, in qua nto destinato a perdurare a lungo nell a - zienda, dovrà essere coerente con le altre scelte aziendali (scelte relative all immagine, al posizionamento, alla politica di prodotto, alla politica comunicazionale, ecc.).

20 guida alla creazione di impresa 23 IL NOME La scelta del nome è un problema che assume sempre più importanza in tutti i tipi di azienda. La scelta del nome è legata a molti fattori che riguardano l azienda o la presentazione del prodotto quali il messaggio pubblicitario, il disegno, i colori, il logotipo: tutti questi fattori debbono lavorare insieme per determinare quell armonia, dell immagine precisa che dovrebbe contribuire al successo del prodotto. Da un punto di vista pratico il nome di un prodotto o di un aziend a è quell insieme d i caratteri alfan umerici che lo distinguono da altri prodotti più o meno simili: è un immagine letterale. La scelta del nome è il primo indispensabile passo verso la politica di differenziazione: il nome è crea tore di immagine e contribuisce alla risonanza esterna del prodotto e dell azienda. Per quanto attiene l aspetto legale, il nome è sinonimo di marchio: la parola marchio è usata per definire sia il singolo prodotto sia per richia ma re un intera ga mma di prodotti di uno stesso produttore. Il nome è protetto da lla legislazione: la legge italiana ( a r t del Codice civile) assegna al marchio due compiti essenziali: protezione dell azienda e del consumatore. La legge ita liana riconosce due modi per ottenere un marchio: attraverso l uso (marchio di fatto); attraverso la registrazione (marchi registrati). Il nome o il marchio devono possedere alcuni requisiti legali: deve essere nuovo (divieto di imitazione); non possono formare oggetto di marchio figure, parole o segni contrari alla legge, all ordine pubblico, al buon

21 24 labussola costume, al sentimento religioso, al simbolo della nazione. 2.2 ACQUISTARE I MACCHINARI E LE ATTREZZATURE L a cquisto di a ttrez zature e macchinari industriali è un momento delicato e richiede spesso competenze specifiche ed una valida metodologia di analisi e valutazione, allo sco po di eliminare il più p ossib ile errori che, nella maggior parte dei casi, si rivelano irrimediabili. La decisione relativa all acquisto deve essere conseguenza logica del processo di pianificazione delle risorse, delle esigenze e degli obiettivi. Occorre: aver chiaro il fabbisogno, il suo grado di urgenza e di mutevolezza nel tempo; ricercare ed individuare il tipo di prodotto che meglio soddisfa l esigenza nelle sue caratteristiche tecnico-produttive attuali e potenziali; esaminare la propria potenzialità finanziaria per evidenziare le risorse investibili sulla particola re esigenza pratico-operativa e per fissarne le aspettative di ritorno in termini di prestazioni fondamentali. In questa fase è opportuno predeterminare la collocazione funzionale delle macchine e delle attrezzature nel processo di produzione dei beni e servizi; è evidente che anche una previsione, seppure ipotetica, del tasso di utilizzo del bene macchina da collocare nel proprio contesto produttivo, costituisce elemento d aiuto nella scelta. Queste valutazioni servono ad orientare l investimento, o eventualmente a sconsigliarlo. Una metodologia di comportamento potrebbe essere la seguente:

22 guida alla creazione di impresa 25 verificare attentamente il numero dei potenziali fornitori sul territorio. Una buona conoscenz a dei vari fornitori presenti consente una scelta più ampia e spesso più conveniente. Strumen ti d a utilizza re: an nua ri e riviste specia lizza te; elenchi da associazioni di categoria; banche dati. Ottenere una prop osta scritta ben articola ta p er o gni potenziale fornitore contattato. Più offerte scritte possono essere ragionevolmente valutate e confronta te meglio a tavolino. Tra le offerte pervenute non ci si deve limitare a scegliere quella con il prezzo più b asso ma, sp ecia lmente nell acquisto d i macchinari ed a ttrez zature, altre va riabilità d evon o esse re valu tate molto attentamente. Ad esempio: sconti e condizioni di pagamento; tempi di consegna; costi di installazione e di impianto; costi energetici; costi di ripa ra zione e di manutenzione; va lori di rea lizzo; caratteristiche tecniche d ella macchina; facilità d uso e di a ddestra mento della forza lavoro; assistenza tecnica post vendita; possibilità di soluzioni personalizzate; funzionalità delle attrezzature in termini di flessibilità d uso, espa ndibilità, compatibilità con eventuali nuove versioni. Ricordiamoci che spesso, nel settore delle a ttrezza ture industriali, i fornitori hanno un forte potere contrattuale in quanto generalmente sono pochi sul mercato, non competono con prodotti sostitutivi, vendono prodotti importanti per il cliente e se aquistiamo da un unico fornitore, dipenderemo solo da lui. Le strategie di acquisto più comuni sono: acquistare da fornitori stabili e concorrenziali; ove possibile, frazionare gli acquisti tra più fornitori per non dipendere solo da uno;

23 26 labussola favorire lo sviluppo di fornitori alternativi; creare ove possibile minacce di integrazione a monte. 2.3 REPERIRE IL PERSONALE L obiettivo della ricerca e selezione del personale è recuperare risorse professionali che garantiscano: conoscenza, capacità, atteggiamenti, motivazioni (sapere, sapere fare, sapere essere). Tali componenti dovranno corrispondere adeguatamente alle esigenze particolari di una posizione predefinita. O ccorre non solo trovare persona le, ma anche sapere individuare, tra quello presente sul mercato, il più adatto alle proprie esigenze. Il successo della selezione, pertanto, non può prescindere da una corretta, puntua le ed analitica visua lizza zione delle responsabilità e dei compiti critici da svolgere in una determinata posizione aziendale. Prima di assumere personale occorre esaminare la posizione che si vuol far ricoprire; vale a dire, conoscere il più esattamente possibile i compiti, le attività, le responsabilità ed i risultati attesi dalla posizione in esame. In tal mo do si potrà facilitare l attività di selezione o ttimizzandone il risultato. Per individuare la presenza dei requisiti e per valutarne la consistenza il candidato va esaminato in termini di: SCOLARITÀ: fornisce notizie utili alla valutazione del livello di conoscenze possedute. ESPERIENZE DI LAVORO: forniscono dati ed elementi in merito alla capacità operativa effettiva (periodo e durata impiego, tipologia di lavori svolti, livelli di responsabilità, qualifica e categoria precedente).

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Intraprendendo. www.intraprendendo.com

Intraprendendo. www.intraprendendo.com Business Plan la guida Intraprendendo 2012 Noi di Intraprendendo crediamo che lo sviluppo dell economia non sia altro che la somma della crescita nostra e delle nostre aziende e che fare impresa e farla

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª C l a s s e 5 ª Costruiamo insieme un Business plan di Stefano Fontana Seconda e ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta di come è fatto un Business plan. Dopo aver illustrato le competenze necessarie

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

ANALISI COSTI-VOLUMI-RISULTATI

ANALISI COSTI-VOLUMI-RISULTATI ANALISI COSTI-VOLUMI-RISULTATI: metodo di analisi semplificata della situazione economica di un impresa basato su poche variabili fondamentali, quali la quantità dei prodotti venduti, il prezzo unitario,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Assistenza al Credito

Assistenza al Credito Assistenza al Credito GUIDA PRATICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 2 Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio di banche nato per semplificare l uso dei prodotti bancari e migliorare le conoscenze finanziarie

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

POR Obiettivo 3 Misura D3

POR Obiettivo 3 Misura D3 SCHEMA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE Sintetica presentazione del progetto imprenditoriale, excutive summary, di poche pagine (2 o 3) da cui emergono gli elementi

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO Definizioni e concetti generali 1.1 Che cos'è il business plan? Il business plan è un documento che riassume ed espone la rappresentazione dinamica e prevista dello sviluppo di un piano d impresa. Il business

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche.

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA? 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) METTERSI IN PROPRIO

A cura de del Dr. Pietro Literio (Mail: literio.pietro@laretexlavorare.com) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO 1. L IMPRENDITORE e sue DEFINIZIONI. In Italia viene definito Imprenditore, a norma dell'articolo 2082 del Codice Civile: chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata

Dettagli

START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI

START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI Dott. Antonio Petruzzi Dottore commercialista Pesaro, Via Nitti 34 1 ARGOMENTI CHE TRATTEREMO Costruzione

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PERCHÉ ELABORARE UN MARKETING PLAN? Il marketing plan è un componente essenziale del vostro business. Quando si avvia una nuova azienda o si lanciano prodotti o servizi

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

MIGRANTE, IMPRENDITORE Una banca per la tua impresa

MIGRANTE, IMPRENDITORE Una banca per la tua impresa IMPRENDITORI MIGRANTE, IMPRENDITORE Una banca per la tua impresa VUOI APRIRE UNA NUOVA IMPRESA? E necessario individuare la forma giuridica che ritieni più idonea tenendo presenti vari fattori: disponibilità

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Concetti base. Le attività, tra loro integrate, formano i processi produttivi (o di trasformazione).

Concetti base. Le attività, tra loro integrate, formano i processi produttivi (o di trasformazione). Concetti base Tutti i beni che acquistiamo sono il risultato di un attività aziendale di produzione, cioè di ottenimento di prodotti e servizi attraverso l impiego di risorse. Le attività, tra loro integrate,

Dettagli

Capitolo 3. Progetto di impresa

Capitolo 3. Progetto di impresa Capitolo 3 Progetto di impresa 3.1 La redazione del business plan: aspetti generali La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione. Molteplici possono essere le motivazioni di una scelta imprenditoriale:

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

La necessità di controllare l evoluzione

La necessità di controllare l evoluzione METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

Dott. Luca Castagnetti

Dott. Luca Castagnetti La valutazione economica della consistenza ottimale del fondo patrimoniale rispetto allo sviluppo degli obiettivi dichiarati nel Programma del Contratto di rete. Dott. Luca Castagnetti Introduzione Il

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

L analisi economica dei finanziamenti aziendali. Lorenzo Faccincani

L analisi economica dei finanziamenti aziendali. Lorenzo Faccincani L analisi economica dei finanziamenti aziendali Lorenzo Faccincani Decisioni di investimento La decisione di acquisire in via definitiva il bene si contrappone ad altre possibili modalità di acquisizione

Dettagli

Business Plan Legacoop Modena. Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA

Business Plan Legacoop Modena. Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA Business Plan Legacoop Modena Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA Il Business Plan è un mezzo di presentazione, analisi e apprendimento che consente all impresa nascente di pianificare

Dettagli

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 ALLEGATO 9 CIRCOLANTE - Pag. 1 di 16 ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 DGR Basilicata n. 353 del 04.04.2013 DGR Basilicata n. 1399

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un Associazione

Dettagli

MARKETING Il piano di marketing

MARKETING Il piano di marketing Università degli studi di Macerata Facoltà di Scienze della comunicazione MARKETING Il piano di marketing Prof. Laura Gavinelli laura.gavinelli@unimc.it Blythe, Fondamenti di marketing, cap. 10 1 Cos è,

Dettagli

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti.

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. 13 1 2 Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. Credion Società Finanziaria Spa nasce nel 2006 grazie alla grinta e alla determinazione

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO

Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO 2013 Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO Cognome Nome Sesso Codice fiscale Nato in provincia Comune di Data nascita Doc. riconoscimento Numero INFORMATIVA Con la presente si comunica

Dettagli

Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA

Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA Anno 1999 Tema di Economia Aziendale Traccia La riduzione dei tassi di interesse e l avanzamento del processo di attuazione dell Unione Europea grazie

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Palermo, 14 giugno 2007 AGENDA 15.15 Apertura dei lavori Moderatore dei

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Attività: Supermercati specializzati nella vendita di prodotti biologici e naturali

Attività: Supermercati specializzati nella vendita di prodotti biologici e naturali SCHEDA P ROGETTO E P ROFI LO RI CHI ESTO P ER L AVVI O DELL I NI ZI ATI VA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei

Dettagli

NewCo. Business Plan

NewCo. Business Plan NewCo Business Plan 1 NewCo... 1 Business Plan... 1 Executive Summary... 3 Customer Value Proposition... 4 Demand Pull... 4 Technology Push... 4 Enterpreneurial Team... 5 Market Analysis... 6 Macro analisi

Dettagli

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN Idee e metodologie per la direzione d impresa Ottobre 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. REALIZZARE UN

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009)

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) Il candidato, dopo avere definito il concetto di business plan, ne specifichi la struttura

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno

1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno 1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno 2 - La pianificazione economico - finanziaria 2.1 - L impresa come sistema 2.2 La struttura economico - finanziaria 1.1

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

Elementi fondamentali di diritto d impresa

Elementi fondamentali di diritto d impresa Elementi fondamentali di diritto d impresa La nozione giuridica di imprenditore. Il nostro ordinamento legislativo non definisce espressamente il concetto di impresa, mentre specifica che cosa si intende

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE AI DECISORI (SOCI, AZIONISTI, CORRISPONDENTI, PUBBLICO, ecc.)

RAPPORTO ANNUALE AI DECISORI (SOCI, AZIONISTI, CORRISPONDENTI, PUBBLICO, ecc.) RAPPORTO ANNUALE AI DECISORI (SOCI, AZIONISTI, CORRISPONDENTI, PUBBLICO, ecc.) A - DOCUMENTI DI BASE 1 - stato patrimoniale 2 - conto economico 3 - note integrativa al bilancio B - PROSPETTI SUPPLEMENTARI

Dettagli