TOTALE (IVA inclusa) ,17

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TOTALE (IVA inclusa) 2009 12.083.077,17"

Transcript

1 PROSPETTO GENERALE DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno ,00 Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne ,00 Acquisto di beni ,00 Subtotale B ,00 C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,31 Personale esterno indiretto ,00 Organi sociali e servizi indiretti ,67 Immobilizzazioni ed utenze ,00 Servizi gestionali e cancelleria ,00 Subtotale C ,98 D - Costi di attrezzature Ammortamenti ,00 Subtotale D ,00 E - Altri costi Assicurazioni ,00 Oneri bancari ,00 Quote associative ,00 Varie ,00 Subtotale E ,00 TOTALE IMPONIBILE (somma subtotali A+B+C+D+E) ,98 Imposte e gestione straordinaria ,00 TOTALE (IVA inclusa) ,17 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 31,0% B - Costi beni/servizi ,00 20,7% C - Costi funzionamento e gestione ,98 45,0% D - Costi di attrezzature ,00 1,9% E - Altri costi ,00 1,4% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,98 100,0%

2 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Gestione Accordo BIDMC Tor Vergata VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno Personale esterno Subtotale A B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne ,00 Acquisto di beni Subtotale B ,00 C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto Personale esterno indiretto Organi sociali e servizi indiretti Immobilizzazioni ed utenze Servizi gestionali e cancelleria Subtotale C D - Costi di attrezzature Ammortamenti Subtotale D E - Altri costi Assicurazioni Oneri bancari Quote associative Varie Subtotale E TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,00 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale 0,0% B - Costi beni/servizi ,00 100,0% C- Costi funzionamento e gestione 0,0% D - Costi di attrezzature 0,0% E - Altri costi (specificare) 0,0% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,00 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Servizi/consulenze esterne Costi funzionamento e gestione Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) (%) TrasTec 23/07/ /12/ ,00 100% Costo totale obiettivo operativo ,00 100% Costi per beni servizi attrezzature Altri costi Costo Totale (A+B+C+D+E) Costo dell'azioneattività/costo totale dell' obiettivo operativo

3 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) Regione Lazio Gestione Accordo BIDMC Tor Vergata RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE (a valere sui Fondi POR ) , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Gestione Accordo BIDMC Tor Vergata 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA DESCRIZIONE OBIETTIVO DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOLD ER PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

4 2 - RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO O DEL PROGRAMMA DA EROGARE AI BENEFICIARI DELL OBIETTIVO A VALERE SUL BILANCIO REGIONALE CAPITOLI RESIDUI COMPETENZA CASSA COSTI PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO A VALERE SUL FONDO DI DOTAZIONE COSTI PERSONALE INTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior (segreteria I=rp2) 200,00 Intermedio 240,00 Senior 400,00 Coordinatore 630,00 COSTI PERSONALE ESTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio 230,00 Senior 420,00 Coordinatore 600,00 CONSULENZE E SERVIZI DESCRIZIONE ATTIVITA Accordo Università Tor Vergata ,00 Rimborso spese ASP ,00 Responsabile del Progetto Prof. Clini ,00 Collaborazioni varie ,00 Consulenze legali/amministrative ,00 Rimborso spese viaggi , ,00 RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI DESCRIZIONE QUANTITA' COSTO UNITARIO TEMPO DI UTILIZZO COSTO PER L'OBIETTIVO

5 4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI DELLE ATTIVITA, DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI RISULTATI ATTESI E DEI PRODOTTI DA REALIZZARE Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. RISULTATI ATTESI PRODOTTI DA REALIZZARE 5 ANALISI DEL CONTESTO, RISULTATI ATTESI E POSSIBILI CRITICITA ANALISI DEL CONTESTO RISULTATI ATTESI POSSIBILI CRITICITA 6 VALORI ATTESI INDICATORI QUADRIMESTRALI DELL'OBIETTIVO 1 QUADRIM. 2 QUADRIM. 3 QUADRIM. DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO VALORE ATTESO VALORE ATTESO Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

6 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Piattaforme Innovative VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne ,00 Acquisto di beni Subtotale B ,00 C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,26 Personale esterno indiretto ,68 Organi sociali e servizi indiretti ,64 Immobilizzazioni ed utenze ,25 Servizi gestionali e cancelleria 6.458,55 Subtotale C ,39 D - Costi di attrezzature Ammortamenti 3.773,04 Subtotale D 3.773,04 E - Altri costi Assicurazioni 843,38 Oneri bancari 399,50 Quote associative 665,83 Varie 887,77 Subtotale E 2.796,49 TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,91 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 41,9% B - Costi beni/servizi ,00 7,9% C- Costi funzionamento e gestione ,39 46,8% D - Costi di attrezzature 3.773,04 2,0% E - Altri costi (specificare) 2.796,49 1,5% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,91 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Servizi/consulenze esterne Costi funzionamento e gestione Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) (%) Piattaforme Innovative 01/01/ /12/ n.a ,91 100% Costo totale obiettivo operativo ,91 100% Costi per beni servizi attrezzature Altri costi Costo Totale (A+B+C+D+E) Costo dell'azioneattività/costo totale dell' obiettivo operativo

7 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) Sostenere grandi progetti di innovazione di particolare interesse regionale, utili a un vasto gruppo di attori e derivanti da soluzioni tecnologiche innovative, le cui applicazioni servano al miglioramento di specifici servizi per l utente finale/cittadino. Le soluzioni tecnologiche sono sviluppate in relazione a tematiche inerenti o trasversali alle filiere dell innovazione, quali tecnologie satellitari e ICT, con impatto sul miglioramento della qualità della vita e lo sviluppo sostenibile. POR FESR+FAS 2009: euro Regione Lazio/Filas POR Dgr 611/2008 FONDO DI DOTAZIONE 2009 PIATTAFORME INNOVATIVE RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE (a valere sui Fondi POR ) Stefano Turi/Gerardo Lancia , , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Cluster management (supporto ai distretti e filiere tecnologiche e Piattaforme innovative) 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS DESCRIZIONE OBIETTIVO Sostenere grandi progetti di innovazione di particolare interesse regionale, utili a un vasto gruppo di attori le cui applicazioni servano al miglioramento di specifici servizi per l utente finale/cittadino DESCRIZIONE INDICATORE Indicatore finanziario Impegni del programma / totale programma Indicatore di efficienza Budget utilizzato / Budget pianificato Indicatore di realizzazione - efficacia Numero di bandi pubblicati VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOLD ER 33% 100% 1 bando nel 2009 Imprese, organismi di ricerca e loro aggregazioni, rappresentanti degli users Imprese, organismi di ricerca e loro aggregazioni, rappresentanti degli users, enti pubblici, amministrazioni locali e centrali PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE

8 2 - RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO O DEL PROGRAMMA DA EROGARE AI BENEFICIARI DELL OBIETTIVO A VALERE SUL BILANCIO REGIONALE CAPITOLI RESIDUI COMPETENZA CASSA COSTI PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO A VALERE SUL FONDO DI DOTAZIONE COSTI PERSONALE INTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio , ,00 Senior , ,00 Coordinatore , , ,00 0 COSTI PERSONALE ESTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio 230,00 Senior 420,00 Coordinatore 600,00 CONSULENZE E SERVIZI DESCRIZIONE ATTIVITA Partecipazione alle azioni connesse di Industria 2015 e allo scambio di best 7.000,00 practices per coinvolgimento degli stakeholders e aziende Varie (i.e. Pubblicazioni a stampa ed elettroniche, ecc) 8.000, ,00 RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI DESCRIZIONE QUANTITA' COSTO UNITARIO TEMPO DI UTILIZZO COSTO PER L'OBIETTIVO

9 4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI DELLE ATTIVITA, DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI RISULTATI ATTESI E DEI PRODOTTI DA REALIZZARE Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. RISULTATI ATTESI PRODOTTI DA REALIZZARE Supporto alla legittimazione/costituzione delle nuove filiere dell'innovazione Definizioni condizioni al contorno delle filiera Definizioni condizioni al energia e opportunità adesione iniziative nazionali contorno delle filiera energia e opportunità adesione iniziative nazionali Scouting nuove iniziative progettuali Programmazione operativa "Piattaforma Innovativa" POR aerospazio: Market testing e Ingegnerizzazione bando Avvio dell'iniziativa Piattaforme innovative di stimolo alla Domanda per altre filiere tecnologiche del POR Attività su indicazione Regione Sviluppo di nuovi progetti/schemi di finanziamento Piani annuali e Monitoraggi quadrimestrali Progettazione del bando per una piattaforma su aerospazio attraverso il market testing Progettazione dello strumento per altre filiere tecnologica Valutazione opportunità ruolo Regione in piattaforme tecnologiche europee Sviluppo di nuovi progetti/schemi di finanziamento 1 Piano annuale e 3 report di Monitoraggio quadrimestrali Bando per una piattaforma (aerospazio) Bozza di scheda di strumento e bozza di bando per un'altra filiera Accordi di cooperazione 5 ANALISI DEL CONTESTO, RISULTATI ATTESI E POSSIBILI CRITICITA ANALISI DEL CONTESTO Iniziativa regionale che, a partire da finalità e obiettivi in qualche modo connessi al concetto di pubblica utilità, derivanti da bisogni convergenti di più attori istituzionali (piattaforme innovative), sono soddisfatti attraverso il sostegno a processi di innovazione, realizzati dal sistema dell offerta di tecnologia (imprese, loro aggregazioni, organismi di ricerca) all interno dello scenario tecnologico produttivo delle filiere dell innovazione. Tali processi di innovazione sarebbero quindi guidati non dalla tecnologia, ma dalla domanda espressa dalla federazione di più soggetti istituzionali. In sostanza la soluzione tecnologica non è il fine del processo di innovazione, ma il mezzo attraverso il quale si realizza la piattaforma, intesa come obiettivo di pubblica utilità, espresso in termini di requisiti tecnici, funzionali e organizzativi. L iniziativa consiste, quindi, nella individuazione e successiva realizzazione di grandi progetti di particolare interesse regionale, utili a un vasto gruppo di attori e derivanti da soluzioni tecnologiche innovative, le cui applicazioni servano al miglioramento di specifici servizi per l utente finale/cittadino. RISULTATI ATTESI POSSIBILI CRITICITA Definizioni condizioni al contorno delle filiera energia e opportunità adesione iniziative nazionali Sviluppo di nuovi progetti/schemi di finanziamento 1 Piano annuale e 3 report di Monitoraggio quadrimestrali Bando per una piattaforma (aerospazio) Bozza di scheda di strumento e bozza di bando per un'altra filiera Accordi di cooperazione Criticità nel coordinare e federare gli attori della domanda nella individuazione dei requisiti di piattaforma e in fase di sviluppo e pubblicazione bando. Coinvolgimento degli attori della domanda nella fase successiva al bando, ovvero successiva alla realizzazione di un prototipo, per la gestione della piattaforma e dei servizi. 6 VALORI ATTESI INDICATORI QUADRIMESTRALI DELL'OBIETTIVO 1 QUADRIM. 2 QUADRIM. 3 QUADRIM. DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO VALORE ATTESO VALORE ATTESO Indicatore finanziario 0 33% 33% Indicatore di efficienza 40% 70% 100% Indicatore di realizzazione - efficacia 0 1 1

10 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Programmazione POR 2007/2013-Attività propedeutica FSE VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno ,00 Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne ,00 Acquisto di beni Subtotale B ,00 C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,90 Personale esterno indiretto ,31 Organi sociali e servizi indiretti ,44 Immobilizzazioni ed utenze ,31 Servizi gestionali e cancelleria 6.834,45 Subtotale C ,41 D - Costi di attrezzature Ammortamenti 3.992,63 Subtotale D 3.992,63 E - Altri costi Assicurazioni 892,47 Oneri bancari 422,75 Quote associative 704,58 Varie 939,44 Subtotale E 2.959,25 TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,29 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 39,8% B - Costi beni/servizi ,00 10,0% C- Costi funzionamento e gestione ,41 46,8% D - Costi di attrezzature 3.992,63 2,0% E - Altri costi (specificare) 2.959,25 1,5% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,29 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Servizi/consulenze esterne Costi funzionamento e gestione Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) operativo Reti d'impresa Lazio Connect 01/01/ /12/ ,29 100% Costo totale obiettivo operativo ,29 100% Costi per beni servizi attrezzature Altri costi Costo Totale (A+B+C+D+E) Costo dell'azioneattività/costo totale dell' obiettivo

11 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE (a valere sui Fondi POR ) , , , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Programmazione POR 2007/2013-Attività propedeutica FSE 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA DESCRIZIONE OBIETTIVO DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOLDE R PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

12 2 - RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO O DEL PROGRAMMA DA EROGARE AI BENEFICIARI DELL OBIETTIVO A VALERE SUL BILANCIO REGIONALE CAPITOLI RESIDUI COMPETENZA CASSA COSTI PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO A VALERE SUL FONDO DI DOTAZIONE COSTI PERSONALE INTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio , ,00 Senior , ,00 Coordinatore 630, ,00 COSTI PERSONALE ESTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio , ,00 Senior , ,00 Coordinatore , , ,00 CONSULENZE E SERVIZI DESCRIZIONE ATTIVITA Altri costi di gestione , ,00 RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI DESCRIZIONE QUANTITA' COSTO UNITARIO TEMPO DI UTILIZZO COSTO PER L'OBIETTIVO

13 4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI DELLE ATTIVITA, DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI RISULTATI ATTESI E DEI PRODOTTI DA REALIZZARE Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. RISULTATI ATTESI PRODOTTI DA REALIZZARE 5 ANALISI DEL CONTESTO, RISULTATI ATTESI E POSSIBILI CRITICITA ANALISI DEL CONTESTO RISULTATI ATTESI POSSIBILI CRITICITA 6 VALORI ATTESI INDICATORI QUADRIMESTRALI DELL'OBIETTIVO 1 QUADRIM. 2 QUADRIM. 3 QUADRIM. DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO VALORE ATTESO VALORE ATTESO Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

14 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Fondo per la Ricerca Sanitaria VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne Acquisto di beni Subtotale B C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,15 Personale esterno indiretto 6.980,15 Organi sociali e servizi indiretti ,31 Immobilizzazioni ed utenze 9.758,18 Servizi gestionali e cancelleria 3.697,44 Subtotale C ,22 D - Costi di attrezzature Ammortamenti 2.160,01 Subtotale D 2.160,01 E - Altri costi Assicurazioni 482,83 Oneri bancari 228,71 Quote associative 381,18 Varie 508,24 Subtotale E 1.600,95 TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,19 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 49,8% B - Costi beni/servizi 0,0% C- Costi funzionamento e gestione ,22 46,8% D - Costi di attrezzature 2.160,01 2,0% E - Altri costi (specificare) 1.600,95 1,5% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,19 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Costo Costi Costi per beni Servizi/consulenze dell'azionefunzionamento e servizi Altri costi Costo Totale esterne attività/costo gestione attrezzature (A+B+C+D+E) totale dell' Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) obiettivo F.do Ricerca Sanitaria 01/01/ /12/ n.a ,19 100% Costo totale obiettivo operativo ,19 100%

15 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO Regione Lazio/Filas STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE (a valere sui Fondi POR ) Fondo per la Ricerca Sanitaria Renato Savini , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Fondo per la Ricerca Sanitaria 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA DESCRIZIONE OBIETTIVO DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOLD ER PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia 2 - RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO O DEL PROGRAMMA DA EROGARE AI BENEFICIARI DELL OBIETTIVO A VALERE SUL BILANCIO REGIONALE CAPITOLI RESIDUI COMPETENZA CASSA COSTI PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO A VALERE SUL FONDO DI DOTAZIONE

16 COSTI PERSONALE INTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio , ,00 Senior , ,00 Coordinatore , , ,00 COSTI PERSONALE ESTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio 230,00 Senior 420,00 Coordinatore 600,00 CONSULENZE E SERVIZI DESCRIZIONE ATTIVITA RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI DESCRIZIONE QUANTITA' COSTO UNITARIO TEMPO DI UTILIZZO COSTO PER L'OBIETTIVO

17 4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI DELLE ATTIVITA, DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI RISULTATI ATTESI E DEI PRODOTTI DA REALIZZARE Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. RISULTATI ATTESI PRODOTTI DA REALIZZARE 5 ANALISI DEL CONTESTO, RISULTATI ATTESI E POSSIBILI CRITICITA ANALISI DEL CONTESTO RISULTATI ATTESI POSSIBILI CRITICITA 6 VALORI ATTESI INDICATORI QUADRIMESTRALI DELL'OBIETTIVO 1 QUADRIM. 2 QUADRIM. 3 QUADRIM. DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO VALORE ATTESO VALORE ATTESO Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

18 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Art. 182 Centri di Ricerca VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno ,00 Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne Acquisto di beni Subtotale B C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,49 Personale esterno indiretto 4.225,51 Organi sociali e servizi indiretti 6.578,64 Immobilizzazioni ed utenze 5.907,22 Servizi gestionali e cancelleria 2.238,28 Subtotale C ,13 D - Costi di attrezzature Ammortamenti 1.307,59 Subtotale D 1.307,59 E - Altri costi Assicurazioni 292,28 Oneri bancari 138,45 Quote associative 230,75 Varie 307,67 Subtotale E 969,15 TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,87 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 49,8% B - Costi beni/servizi 0,0% C- Costi funzionamento e gestione ,13 46,8% D - Costi di attrezzature 1.307,59 2,0% E - Altri costi (specificare) 969,15 1,5% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,87 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Servizi/consulenze esterne Costi funzionamento e gestione Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) (%) Art. 182 Centri di ricerca 01/01/ /12/ n.a ,87 100% Costo totale obiettivo operativo ,87 100% Costi per beni servizi attrezzature Altri costi Costo Totale (A+B+C+D+E) Costo dell'azioneattività/costo totale dell' obiettivo operativo

19 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE Potenziamento e riqualificazione dei laboratori delle Università statali a fonte di progetti di Ricerca e servizi con il coinvolgimento delle imprese laziali Fondo per lo Sviluppo Economico - Art 182 comma 4 lettera b) L.R. 04/06- Centri di Ricerca Regione Lazio Assessorato SERIT Renato Savini Domenica Calabrò , , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Art. 182 comma 4 lettera b. L.R. 04/06 Centri di Ricerca 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS Indicatore finanziario Indicatore di efficienza DESCRIZIONE OBIETTIVO DESCRIZIONE INDICATORE Assegnazione delle risorse nel rispetto dei singoli accordi tra R. Lazio e centri di ricerca Volume degli investimenti attuati rispetto a quelli programmati Tempi di erogazione dei cofinanziamenti deliberati VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOL DER 100% 30 gg Centri di ricerca del Lazio PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE Indicatore di realizzazione - efficacia Rapporto tra i fondi impegnati e quelli effettivamente erogati 95%

20 2 - RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO O DEL PROGRAMMA DA EROGARE AI BENEFICIARI DELL OBIETTIVO A VALERE SUL BILANCIO REGIONALE CAPITOLI RESIDUI COMPETENZA CASSA COSTI PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO A VALERE SUL FONDO DI DOTAZIONE COSTI PERSONALE INTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio , ,00 Senior 400,00 Coordinatore , , ,00 COSTI PERSONALE ESTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio 230,00 Senior , ,00 Coordinatore 600, ,00 CONSULENZE E SERVIZI DESCRIZIONE ATTIVITA RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI DESCRIZIONE QUANTITA' COSTO UNITARIO TEMPO DI UTILIZZO COSTO PER L'OBIETTIVO

21 4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI DELLE ATTIVITA, DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI RISULTATI ATTESI E DEI PRODOTTI DA REALIZZARE Assistenza per delibera di Giunta Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. RISULTATI ATTESI PRODOTTI DA REALIZZARE Assistenza Regione per avviso pubblico Predisposizione e pubblicazione avviso Predisposizione procedure di gestione 5 ANALISI DEL CONTESTO, RISULTATI ATTESI E POSSIBILI CRITICITA ANALISI DEL CONTESTO RISULTATI ATTESI POSSIBILI CRITICITA Presenza sul territorio Regionale di qualificati organismi di ricerca in grado di supportare, se opportunamente strutturati, le esigenze delle aziende e del territorio Sviluppo di sinergie tra il mondo della ricerca ed il tessuto imprenditoriale della Regione Lazio nonché fornitura di servizi innovativi per il miglioramento della competitività delle imprese e per la salvaguardia e la riqualificazione del territorio. Non contestualità tra la disponibilità delle risorse finanziarie e le esigenze di rapidità nell attuazione dei progetti di riqualificazione dei laboratori 6 VALORI ATTESI INDICATORI QUADRIMESTRALI DELL'OBIETTIVO 1 QUADRIM. 2 QUADRIM. 3 QUADRIM. DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO VALORE ATTESO VALORE ATTESO Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

22 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Art. 182 PST VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno ,00 Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne ,00 Acquisto di beni Subtotale B ,00 C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,70 Personale esterno indiretto 8.294,90 Organi sociali e servizi indiretti ,22 Immobilizzazioni ed utenze ,18 Servizi gestionali e cancelleria 4.393,87 Subtotale C ,86 D - Costi di attrezzature Ammortamenti 2.566,86 Subtotale D 2.566,86 E - Altri costi Assicurazioni 573,77 Oneri bancari 271,79 Quote associative 452,98 Varie 603,97 Subtotale E 1.902,50 TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,23 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 30,4% B - Costi beni/servizi ,00 19,4% C- Costi funzionamento e gestione ,86 46,8% D - Costi di attrezzature 2.566,86 2,0% E - Altri costi (specificare) 1.902,50 1,5% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,23 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Servizi/consulenze esterne Costi funzionamento e gestione Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) (%) Art. 182 PST 01/01/ /12/ n.a ,23 100% Costo totale obiettivo operativo ,23 100% Costi per beni servizi attrezzature Altri costi Costo Totale (A+B+C+D+E) Costo dell'azioneattività/costo totale dell' obiettivo operativo

23 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO Potenziare l attività dei PST finalizzata al trasferimento tecnologico delle proprie competenze al tessuto imprenditoriale della Regione. Art 182 comma 4 lettera c) L.R. 04/06- PST Fondo per lo Sviluppo Economico SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE Regione Lazio Assessorato SERIT Renato Savini Domenica Calabrò , , , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Art. 182 comma 4 lettera c. L.R. 04/06 PST 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS Indicatore finanziario DESCRIZIONE OBIETTIVO DESCRIZIONE INDICATORE Assegnazione delle risorse nel rispetto dei singoli accordi tra R. Lazio e PST Numero di progetti di trasferimento tecnologico in grado di assorbire le risorse disponibili VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOL DER 120 PST PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia Tempi di valutazione dei progetti presentati Rapporto tra i fondi impegnati e quelli effettivamente erogati 6 mesi 90%

DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE. Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA

DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE. Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA DISTRETTI TECNOLOGICI NEL LAZIO Distretto Tecnologico dell Aerospazio (DTA) Distretto Tecnologico

Dettagli

Audizione P.O.R. F.E.S.R. I.3. Ing. Stefano Turi Direttore Generale

Audizione P.O.R. F.E.S.R. I.3. Ing. Stefano Turi Direttore Generale Audizione P.O.R. F.E.S.R. I.3 Ing. Stefano Turi Direttore Generale Filas Presentazione Fondata il 27 gennaio 1975 Socio unico: Sviluppo Lazio Capitale sociale: 35.857.000,00 i.v. Iscrizioni: intermediario

Dettagli

Aiuti per la ricerca e sviluppo e venture capital per le PMI innovative. FI.LA.S Spa

Aiuti per la ricerca e sviluppo e venture capital per le PMI innovative. FI.LA.S Spa Aiuti per la ricerca e sviluppo e venture capital per le PMI innovative Renato Savini FI.LA.S Spa Convegno Nuove agevolazioni per le imprese con Fondi Europei (POR FESR Lazio 2007/2013) e regionali 1 28.11.2008

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA REGIONE LAZIO E LA SOCIETA FINANZIARIA LAZIALE DI SVILUPPO FI.LA.S S.p.A. PER LA GESTIONE DELLE RISORSE RELATIVE ALL ACCORDO DI

CONVENZIONE TRA LA REGIONE LAZIO E LA SOCIETA FINANZIARIA LAZIALE DI SVILUPPO FI.LA.S S.p.A. PER LA GESTIONE DELLE RISORSE RELATIVE ALL ACCORDO DI CONVENZIONE TRA LA REGIONE LAZIO E LA SOCIETA FINANZIARIA LAZIALE DI SVILUPPO FI.LA.S S.p.A. PER LA GESTIONE DELLE RISORSE RELATIVE ALL ACCORDO DI COLLABORAZIONE FRA CNR, FONDAZIONE SANTA LUCIA, FONDAZIONE

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

Consorzio TecnoTib.E.R.I.S. Consorzio Tecnologico Tiburtino per l Eccellenza nella Ricerca, l Innovazione e lo Sviluppo industriale

Consorzio TecnoTib.E.R.I.S. Consorzio Tecnologico Tiburtino per l Eccellenza nella Ricerca, l Innovazione e lo Sviluppo industriale SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NEL TERRITORIO REGIONALE Art. 182 comma 4 lettera c) della L.R. n. 4 del 28 Aprile 2006 Valorizzazione del ruolo dei Parchi Scientifici e Tecnologici Consorzio TecnoTib.E.R.I.S.

Dettagli

Gli indicatori di qualità gestionale Anna Armone

Gli indicatori di qualità gestionale Anna Armone PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H Sviluppo delle competenze dei dirigenti scolastici e dei DSGA nella programmazione e gestione di attività e progetti

Dettagli

Programma Operativo PON Governance e Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 Obiettivo 1 - Convergenza [IT051PO006]

Programma Operativo PON Governance e Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 Obiettivo 1 - Convergenza [IT051PO006] Programma Operativo PON Governance e Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 Obiettivo 1 - Convergenza [IT051PO006] CONVENZIONE FRA IL DFP UFFPA E IL FORMEZ PIANO DI INTERVENTI DI INTERESSE TRASVERSALE DFP-DAR

Dettagli

Miglioramento dell efficienza energetica dei centri di calcolo del CNR (ACRONIMO: green.it)

Miglioramento dell efficienza energetica dei centri di calcolo del CNR (ACRONIMO: green.it) Miglioramento dell efficienza energetica dei centri di calcolo del CNR (ACRONIMO: green.it) CONTESTO E FABBISOGNI I costi energetici totali del CNR ammontano attualmente a circa 23 milioni di euro l anno,

Dettagli

Area Strategica Innovazione dei servizi e semplificazione normativa ed amministrativa

Area Strategica Innovazione dei servizi e semplificazione normativa ed amministrativa Area Strategica Innovazione dei servizi e semplificazione normativa ed amministrativa operativo strategico di riferimento Missione Programma Incontri periodici con le amministrazioni per realizzare semplificazioni,

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF ALLEGATO 2 DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 MIGLIORAMENTO DELLA COMMITTENZA PUBBLICA E ADVISORING PER LO SVILUPPO DI STUDI DI FATTIBILITA PQU Regione Lazio MISE

Dettagli

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Marco Gentili Area Governo e Monitoraggio delle Forniture ICT 1 Area Governo e Monitoraggio Forniture ICT Governo

Dettagli

Punto 10 all Ordine del Giorno

Punto 10 all Ordine del Giorno QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 PER LE REGIONI DELLA CONVERGENZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA (CCI: 2007IT161PO006) Punto 10 all Ordine del Giorno INFORMATIVA SULLE MODALITÀ

Dettagli

Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio. Ing. Gerardo Lancia Filas S.p.A. STRATEGIE E PROGRAMMI DEI DISTRETTI REGIONALI

Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio. Ing. Gerardo Lancia Filas S.p.A. STRATEGIE E PROGRAMMI DEI DISTRETTI REGIONALI Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio Ing. Gerardo Lancia Filas S.p.A. STRATEGIE E PROGRAMMI DEI DISTRETTI REGIONALI Confindustria 9 luglio 2009 1 Il Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio

Dettagli

BANDI 2013 2. Bando con scadenza 30 settembre 2013. Contesto di riferimento. Premessa. Linee guida

BANDI 2013 2. Bando con scadenza 30 settembre 2013. Contesto di riferimento. Premessa. Linee guida Bando con scadenza 30 settembre 2013 BANDI 2013 2 Bando ad invito Promuovere progetti internazionali finalizzati ad incrementare l attrattività del sistema ricerca regionale FASE 2 Individuazione dei progetti

Dettagli

Ente: COMUNE DI PORTICI

Ente: COMUNE DI PORTICI MUTUI IN AMMORTAMENTO ANNO 2010 CASSA DD.PP. Ente: COMUNE DI PORTICI Tipo opera: Edilizia pubblica e sociale-immobile 4502930/00 21-dic-06 200.000,00 01-gen-07 30-giu-10 179.465,06 3.676,97 3.748,13 7.425,10

Dettagli

Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna come destinazione turistica IMPORTO COMPLESSIVO EURO 4.000.

Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna come destinazione turistica IMPORTO COMPLESSIVO EURO 4.000. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/104 del 23.12.2011 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE COMPETITIVITA REGIONALE ED OCCUPAZIONE FERS 2007/2013 Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna

Dettagli

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 NANOXM - Polo Regionale per le Nanotecnologie Firenze, 8 Febbraio 2012 Il Bando unico di R&S In attuazione del POR CREO FESR 2007/2013 il Bando Unico 2012

Dettagli

Obiettivi della Riforma

Obiettivi della Riforma Rilancimpresa FVG 1 Obiettivi della Riforma Introdurre misure per l attrazione di nuovi investimenti, per attrarre investimenti nazionali e internazionali per l insediamento di nuove iniziative imprenditoriali;

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18 ESER. POL AGEN. POL RAMO POL NUM. POL. ESER. SIN AGEN. SIN. NUM. SIN RAMO SIN. ISPETTORATO DATA AVVENIM. DATA CHIUSURATIPO DEN. TIPO CHIUSTP RESP ASSICURATO PREVENTIVO PAGATO DA RECUPERARE 2007 1467 130

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal settore al distretto e dal distretto alla filiera. Nella

Dettagli

PIANO DEGLI INVESTIMENTI

PIANO DEGLI INVESTIMENTI 1 Scopo Lo scopo di questa procedura è quello definire le modalità operative seguite dall Azienda per la definizione del Piano degli Investimenti, quale documento integrato nella pianificazione economico-finanziaria

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano QUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO DI COLLOCAMENTO MIRATO DELLE PERSONE CON DISABILITA Responsabile: Cognome:_BORELLINI Telefono: 059-209051 Nome:LUCIANA E-mail:

Dettagli

AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali

AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali Allegato 1 1. Premessa AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE per il cofinanziamento di interventi a

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione...

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione... PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO SPERIMENTALE VOLTO ALLA CREAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO SULLA CURA E LAPROTEZIONE DEI BAMBINI E DELLA LORO FAMIGLIA PARTE DEL

Dettagli

Salone della Giustizia

Salone della Giustizia Salone della Giustizia Progetto di Riorganizzazione dei processi lavorativi e ottimizzazione delle risorse degli Uffici Giudiziari della Regione Puglia (Corte di Appello di Bari, Corte di Appello di Lecce,

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata REGIONE BASILICATA AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata Cagliari, 7-11 maggio 2007 Gianluca Cadeddu Regione Autonoma della Sardegna Presidenza del Consiglio

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

Abruzzo 2015 Accordo di Programma. tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo

Abruzzo 2015 Accordo di Programma. tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo 1 Abruzzo 2015 Accordo di Programma tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo Progetto speciale a sostegno dello sviluppo produttivo dei Distretti della Regione Abruzzo Pescara, 21

Dettagli

P I A N O D I A T T I V I T A 2 0 0 8 F IL AS S. P. A

P I A N O D I A T T I V I T A 2 0 0 8 F IL AS S. P. A P I A N O D I A T T I V I T A 2 0 0 8 F IL AS S. P. A 1 INDICE 1. La missione di Filas ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. Riconfigurazione

Dettagli

CApitolo 7 la ricerca nel CAmpo delle scienze della vita

CApitolo 7 la ricerca nel CAmpo delle scienze della vita Capitolo 7 La ricerca nel campo delle scienze della vita 7. la ricerca nel campo delle scienze della vita Promozione e valorizzazione della ricerca per il Sistema sanitario regionale In ambito di promozione

Dettagli

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO,

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU40 08/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 15-2120 D.G.R. n. 36-2237 del 22.6.2011 e s.m.i. - Programma Pluriennale 2011-2015 per le Attivita' Produttive

Dettagli

22/09/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 76. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

22/09/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 76. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 9 settembre 2015, n. 461 L.R. 13 aprile 2012, n. 2 e ss.mm.ii. - Approvazione del Programma Operativo Annuale del Cinema e dell'audiovisivo

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano Centro Famiglie Villa Lais Comune di Roma Municipio IX Responsabile: Cognome: Santangelo Telefono: 06 69609601 Nome: Adriana E-mail: a.santangelo@comune.roma.it

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Avviso Pubblico Insieme per vincere

Avviso Pubblico Insieme per vincere Avviso Pubblico Insieme per vincere Obiettivo Obiettivo generale del presente avviso è quello di incentivare, tra le imprese del Lazio la condivisione di innovazione per favorirne il rafforzamento, il

Dettagli

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING MEMORANDUN OF UNDERSTANDING PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SAN MARINO ITALIA Repubblica di San Marino, 6 novembre 2012 Memorandum of understanding per la realizzazione del Parco

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti in un sistema turistico locale)

CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti in un sistema turistico locale) REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale SOGGETTO ATTUATORE CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI

DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Principi Guida per la promozione di Progetti di Sviluppo per Destinazione e Prodotti Turistici Regionali e la costituzione e il riconoscimento

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

Presentazione della Società. Maggio 2014

Presentazione della Società. Maggio 2014 Presentazione della Società Maggio 2014 La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento I Dati Economico - Finanziari 2 La Società La Storia 2004 Costituzione della StraDe

Dettagli

BANDI EDITORIA LAZIO 2014

BANDI EDITORIA LAZIO 2014 LHYRA srl ROMA (info@lhyra.it) BANDI EDITORIA LAZIO 2014 La Regione Lazio, ha stanziato 1,3 mln per 3 bandi finalizzati alla promozione del libro e dell'editoria. L intento della Regione, con questa iniziativa,

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

innovazione programma strategico 2011 2013 sintesi laricercafaimpresa

innovazione programma strategico 2011 2013 sintesi laricercafaimpresa 2011 2013 sintesi programma strategico regionale per la ricerca, l innovazione ed il trasferimento tecnologico per la ix legislatura periodo 2011 2013 Legge Regionale 4 Agosto 2008, n. 13 innovazione laricercafaimpresa

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Allegato all Atto d indirizzo al Collegio dei docenti per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa.

Dettagli

MICROCREDITO PER LE DONNE

MICROCREDITO PER LE DONNE UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI BARI UNAGRACO BARI INCENTIVI PER LE IMPRESE: I RECENTI PROVVEDIMENTI NAZIONALI E REGIONALI BANDO PER INVESTIMENTI INNOVATIVI NELLE REGIONI CONVERGENZA MICROCREDITO

Dettagli

1-Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI

1-Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI -Scheda Obiettivo-ISTRUTTORIA ED APPROVAZIONE STRUMENTI URBANISTICI ESECUTIVI, REGOLAMENTI E PROGETTI URBANISTICI Servizio : Responsabile :!" #! $% CdC/Ufficio : Obiettivo : &' % Unità di Operazio Tipo

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 ALLEGATO A MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 a-premessa Le presenti modalità di attuazione riprendono le linee fondamentali espresse nell Avviso pubblico, omogenee per ogni

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA. Verso un bilancio e nuove prospettive di sviluppo

DOTTORATO DI RICERCA. Verso un bilancio e nuove prospettive di sviluppo DOTTORATO DI RICERCA Verso un bilancio e nuove prospettive di sviluppo 27 gennaio 2014 Reclami e segnalazioni 2013 Burocratizzazione Criticità rilevate dall Ufficio - 2013 Assenza di referenti amministrativi

Dettagli

I soggetti beneficiari potranno presentare una sola istanza di contributo sulla Azione 2.

I soggetti beneficiari potranno presentare una sola istanza di contributo sulla Azione 2. BANDO 2011 - PROGETTO STRATEGICO NEL SETTORE DEL COMMERCIO, IN ATTUAZIONE DEL D.M. 17 APRILE 2008 (L. 266/1997, ART. 16, COMMA 1), DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE 1842/2008. AZIONE 2 - PROGETTI

Dettagli

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012 Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Benzina verde con servizio alla pompa Ago-08 Set-08 Ott-08 Nov-08 Dic-08 Firenze 1,465

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Intervento Gli obiettivi e i programmi di Regione Lombardia verso il sistema delle PMI e delle Reti in particolare Contesto Dott.ssa Olivia

Dettagli

Bando 1.5.d POR Creo 2007-2013 Regione Toscana. Stefano Romagnoli Raffaele Mannelli Regione Toscana

Bando 1.5.d POR Creo 2007-2013 Regione Toscana. Stefano Romagnoli Raffaele Mannelli Regione Toscana Bando 1.5.d POR Creo 2007-2013 Regione Toscana Stefano Romagnoli Raffaele Mannelli Regione Toscana Linea di Attività 1.5 d del POR CREO Sostegno a programmi integrati di investimento per ricerca industriale

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Gli incentivi nazionali alla Ricerca Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca (FAR) - MIUR Caratteristiche generali (1)

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

GIOVANI ATTIVI Decreto Dirigenziale Regione Campania n. 283 del 28/07/2011 Fase di pre-selezione AVVISO

GIOVANI ATTIVI Decreto Dirigenziale Regione Campania n. 283 del 28/07/2011 Fase di pre-selezione AVVISO CITTA D I M O R C O N E PROVINCIA DI BENEVENTO ENTE CAPOFILA DISTRETTO SOCIALE B4 UFFICIO DI PIANO Piazza San Bernardino TEL/FAX 0824.957005 e.mail: ambitob4@morcone.net Sito web: www.morcone.net GIOVANI

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVERTENZA AI FINI DELLA COMPILAZIONE: La presente

Dettagli

RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI aggiornamento al 22 marzo 2013

RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI aggiornamento al 22 marzo 2013 AVVISO CONGIUNTO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI INTEGRATI PER LA SPERIMENTAZIONE DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE, SVILUPPO, VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO DELLA RICERCA CON RICADUTA DIRETTA SUL TERRITORIO

Dettagli

20/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 84. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

20/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 84. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 13 ottobre 2015, n. 540 OGGETTO: POR FESR Lazio 2014-2020. Approvazione della Scheda Modalità Attuative (MAPO) relativa all'azione

Dettagli

Programma di rilancio delle aree colpite da crisi industriale in Campania

Programma di rilancio delle aree colpite da crisi industriale in Campania ALLEGATOn.1alProtocollodiIntesa.. PIANOAZIONECOESIONE TERZARIPROGRAMMAZIONE Programmadirilancio delleareecolpitedacrisiindustrialeincampania Maggio2013 1 PianodiAzioneperlaCoesione InterventonelleareedicrisiindustrialeinCampania

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ReD S.r.l. Carta di Qualità dell Offerta Formativa 07 settembre 2015 La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che l organismo di

Dettagli

Progetto PINN-PALMER

Progetto PINN-PALMER Progetto PINN-PALMER Partnership per l Innovazione AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE RELATIVE ALLA PARTECIPAZIONE DELLE PMI LAZIALI AI PROGETTI IMPRENDITORIALI DI TRASFERIMENTO

Dettagli

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia Lombardia - Milano Incontro importante per condividere analisi individuare bisogni e problemi dei Comuni condividere iniziative

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

SARDEGNA RICERCHE COMITATO TECNICO DI GESTIONE DELIBERAZIONE

SARDEGNA RICERCHE COMITATO TECNICO DI GESTIONE DELIBERAZIONE SARDEGNA RICERCHE COMITATO TECNICO DI GESTIONE DELIBERAZIONE N.05/25/15-OGGETTO: Convenzione operativa di collaborazione Sardegna Ricerche Fase 1 srl per la progettazione e gestione dei programmi di attività

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

con decreto n.1363 del 27 febbraio 2014 il Ministero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458

con decreto n.1363 del 27 febbraio 2014 il Ministero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458 12757 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458 FEI 2013 Az. 9. Progetto COM.IN. 2.0 Competenze per l Integrazione. Presa d atto adesione al progetto e Convenzione di Sovvenzione tra il

Dettagli

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff:

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff: BUSINESS PLAN SOCIETA XYZ Maggio 2014 Aprile 2017 A. ASPIRAZIONI, SETTORE, STRATEGIE E OPPORTUNITA La società ha sede nella città di Scutari, in Albania ed opera nel settore calzaturiero, nello specifico

Dettagli

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES Dr. Giorgio Martini New cluster concepts for cluster policies in Europe 18th September 2014 Scuola Grande San Giovanni Evangelista, Venice

Dettagli

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA, RICERCA E INNOVAZIONE SVILUPPO ECONOMICO, RICERCA E INNOVAZIONE DETERMINAZIONE

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA, RICERCA E INNOVAZIONE SVILUPPO ECONOMICO, RICERCA E INNOVAZIONE DETERMINAZIONE REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA, RICERCA E INNOVAZIONE SVILUPPO ECONOMICO, RICERCA E INNOVAZIONE DETERMINAZIONE

Dettagli

Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 Regioni Convergenza (D.D. Prot. n. 01/Ric. del 18.1.2010)

Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 Regioni Convergenza (D.D. Prot. n. 01/Ric. del 18.1.2010) Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 Regioni Convergenza (D.D. Prot. n. 01/Ric. del 18.1.2010) progetto n PON01_02136, settore ICT «TITAN» Sistema di Moneta elettronica e servizi

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Area: INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Area: INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 255 13/05/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 8213 DEL 08/05/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Area: INTERNAZIONALIZZ.

Dettagli

Filas vademecum. Filas. gli strumenti, le azioni, i progetti. della Finanziaria laziale di sviluppo. Finanziaria laziale di sviluppo

Filas vademecum. Filas. gli strumenti, le azioni, i progetti. della Finanziaria laziale di sviluppo. Finanziaria laziale di sviluppo Per maggiori informazioni e per la modulistica www.filas.it Filas vademecum gli strumenti, le azioni, i progetti della Finanziaria laziale di sviluppo Finanziaria laziale di sviluppo Filas Interventi nel

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 maggio 2002, n. 23) Art. 1 (Oggetto e Finalità)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 maggio 2002, n. 23) Art. 1 (Oggetto e Finalità) LEGGE REGIONALE 3 maggio 2001, n. 17 Interventi a sostegno di iniziative infrastrutturali ed imprenditoriali per lo sviluppo della New Economy in Calabria. (BUR n. 42 del 10 maggio 2001) (Legge abrogata

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!!

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!! 1 Introduzione alla progettazione europea - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria Struttura tipo di un budget europeo Voce di costo Spesa stimata A Staff 100.000,00 B

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

INNOVARE? Si deve, si può, si fa:

INNOVARE? Si deve, si può, si fa: come ottenere i finanziamenti ed i contributi per fare ricerca & sviluppo MILANO 27 APRILE 2015 RICERCA & SVILUPPO Cos è la Ricerca & Sviluppo nel Nostro tessuto imprenditoriale? INNOVAZIONE DI PRODOTTO

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: requisiti del Comitato di gestione Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

Lombardy Energy Cleantech Cluster LE2C. Attività Commissione EFFICIENZA ENERGETICA

Lombardy Energy Cleantech Cluster LE2C. Attività Commissione EFFICIENZA ENERGETICA Lombardy Energy Cleantech Cluster LE2C Attività Commissione REFERENTE INDUSTRIALE: LUIGI TISCHER - ROBUR SPA REFERENTE RICERCA: ENRICO SCAGNO - POLITECNICO DI MILANO OBIETTIVO PER IL LE2C IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE

BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE Premessa La Fondazione Monte dei Paschi di Siena, soggetto giuridico di diritto privato senza fine di lucro e con piena autonomia statutaria e gestionale, in coerenza

Dettagli