TOTALE (IVA inclusa) ,17

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TOTALE (IVA inclusa) 2009 12.083.077,17"

Transcript

1 PROSPETTO GENERALE DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno ,00 Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne ,00 Acquisto di beni ,00 Subtotale B ,00 C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,31 Personale esterno indiretto ,00 Organi sociali e servizi indiretti ,67 Immobilizzazioni ed utenze ,00 Servizi gestionali e cancelleria ,00 Subtotale C ,98 D - Costi di attrezzature Ammortamenti ,00 Subtotale D ,00 E - Altri costi Assicurazioni ,00 Oneri bancari ,00 Quote associative ,00 Varie ,00 Subtotale E ,00 TOTALE IMPONIBILE (somma subtotali A+B+C+D+E) ,98 Imposte e gestione straordinaria ,00 TOTALE (IVA inclusa) ,17 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 31,0% B - Costi beni/servizi ,00 20,7% C - Costi funzionamento e gestione ,98 45,0% D - Costi di attrezzature ,00 1,9% E - Altri costi ,00 1,4% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,98 100,0%

2 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Gestione Accordo BIDMC Tor Vergata VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno Personale esterno Subtotale A B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne ,00 Acquisto di beni Subtotale B ,00 C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto Personale esterno indiretto Organi sociali e servizi indiretti Immobilizzazioni ed utenze Servizi gestionali e cancelleria Subtotale C D - Costi di attrezzature Ammortamenti Subtotale D E - Altri costi Assicurazioni Oneri bancari Quote associative Varie Subtotale E TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,00 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale 0,0% B - Costi beni/servizi ,00 100,0% C- Costi funzionamento e gestione 0,0% D - Costi di attrezzature 0,0% E - Altri costi (specificare) 0,0% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,00 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Servizi/consulenze esterne Costi funzionamento e gestione Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) (%) TrasTec 23/07/ /12/ ,00 100% Costo totale obiettivo operativo ,00 100% Costi per beni servizi attrezzature Altri costi Costo Totale (A+B+C+D+E) Costo dell'azioneattività/costo totale dell' obiettivo operativo

3 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) Regione Lazio Gestione Accordo BIDMC Tor Vergata RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE (a valere sui Fondi POR ) , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Gestione Accordo BIDMC Tor Vergata 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA DESCRIZIONE OBIETTIVO DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOLD ER PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

4 2 - RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO O DEL PROGRAMMA DA EROGARE AI BENEFICIARI DELL OBIETTIVO A VALERE SUL BILANCIO REGIONALE CAPITOLI RESIDUI COMPETENZA CASSA COSTI PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO A VALERE SUL FONDO DI DOTAZIONE COSTI PERSONALE INTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior (segreteria I=rp2) 200,00 Intermedio 240,00 Senior 400,00 Coordinatore 630,00 COSTI PERSONALE ESTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio 230,00 Senior 420,00 Coordinatore 600,00 CONSULENZE E SERVIZI DESCRIZIONE ATTIVITA Accordo Università Tor Vergata ,00 Rimborso spese ASP ,00 Responsabile del Progetto Prof. Clini ,00 Collaborazioni varie ,00 Consulenze legali/amministrative ,00 Rimborso spese viaggi , ,00 RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI DESCRIZIONE QUANTITA' COSTO UNITARIO TEMPO DI UTILIZZO COSTO PER L'OBIETTIVO

5 4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI DELLE ATTIVITA, DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI RISULTATI ATTESI E DEI PRODOTTI DA REALIZZARE Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. RISULTATI ATTESI PRODOTTI DA REALIZZARE 5 ANALISI DEL CONTESTO, RISULTATI ATTESI E POSSIBILI CRITICITA ANALISI DEL CONTESTO RISULTATI ATTESI POSSIBILI CRITICITA 6 VALORI ATTESI INDICATORI QUADRIMESTRALI DELL'OBIETTIVO 1 QUADRIM. 2 QUADRIM. 3 QUADRIM. DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO VALORE ATTESO VALORE ATTESO Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

6 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Piattaforme Innovative VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne ,00 Acquisto di beni Subtotale B ,00 C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,26 Personale esterno indiretto ,68 Organi sociali e servizi indiretti ,64 Immobilizzazioni ed utenze ,25 Servizi gestionali e cancelleria 6.458,55 Subtotale C ,39 D - Costi di attrezzature Ammortamenti 3.773,04 Subtotale D 3.773,04 E - Altri costi Assicurazioni 843,38 Oneri bancari 399,50 Quote associative 665,83 Varie 887,77 Subtotale E 2.796,49 TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,91 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 41,9% B - Costi beni/servizi ,00 7,9% C- Costi funzionamento e gestione ,39 46,8% D - Costi di attrezzature 3.773,04 2,0% E - Altri costi (specificare) 2.796,49 1,5% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,91 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Servizi/consulenze esterne Costi funzionamento e gestione Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) (%) Piattaforme Innovative 01/01/ /12/ n.a ,91 100% Costo totale obiettivo operativo ,91 100% Costi per beni servizi attrezzature Altri costi Costo Totale (A+B+C+D+E) Costo dell'azioneattività/costo totale dell' obiettivo operativo

7 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) Sostenere grandi progetti di innovazione di particolare interesse regionale, utili a un vasto gruppo di attori e derivanti da soluzioni tecnologiche innovative, le cui applicazioni servano al miglioramento di specifici servizi per l utente finale/cittadino. Le soluzioni tecnologiche sono sviluppate in relazione a tematiche inerenti o trasversali alle filiere dell innovazione, quali tecnologie satellitari e ICT, con impatto sul miglioramento della qualità della vita e lo sviluppo sostenibile. POR FESR+FAS 2009: euro Regione Lazio/Filas POR Dgr 611/2008 FONDO DI DOTAZIONE 2009 PIATTAFORME INNOVATIVE RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE (a valere sui Fondi POR ) Stefano Turi/Gerardo Lancia , , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Cluster management (supporto ai distretti e filiere tecnologiche e Piattaforme innovative) 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS DESCRIZIONE OBIETTIVO Sostenere grandi progetti di innovazione di particolare interesse regionale, utili a un vasto gruppo di attori le cui applicazioni servano al miglioramento di specifici servizi per l utente finale/cittadino DESCRIZIONE INDICATORE Indicatore finanziario Impegni del programma / totale programma Indicatore di efficienza Budget utilizzato / Budget pianificato Indicatore di realizzazione - efficacia Numero di bandi pubblicati VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOLD ER 33% 100% 1 bando nel 2009 Imprese, organismi di ricerca e loro aggregazioni, rappresentanti degli users Imprese, organismi di ricerca e loro aggregazioni, rappresentanti degli users, enti pubblici, amministrazioni locali e centrali PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE

8 2 - RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO O DEL PROGRAMMA DA EROGARE AI BENEFICIARI DELL OBIETTIVO A VALERE SUL BILANCIO REGIONALE CAPITOLI RESIDUI COMPETENZA CASSA COSTI PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO A VALERE SUL FONDO DI DOTAZIONE COSTI PERSONALE INTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio , ,00 Senior , ,00 Coordinatore , , ,00 0 COSTI PERSONALE ESTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio 230,00 Senior 420,00 Coordinatore 600,00 CONSULENZE E SERVIZI DESCRIZIONE ATTIVITA Partecipazione alle azioni connesse di Industria 2015 e allo scambio di best 7.000,00 practices per coinvolgimento degli stakeholders e aziende Varie (i.e. Pubblicazioni a stampa ed elettroniche, ecc) 8.000, ,00 RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI DESCRIZIONE QUANTITA' COSTO UNITARIO TEMPO DI UTILIZZO COSTO PER L'OBIETTIVO

9 4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI DELLE ATTIVITA, DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI RISULTATI ATTESI E DEI PRODOTTI DA REALIZZARE Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. RISULTATI ATTESI PRODOTTI DA REALIZZARE Supporto alla legittimazione/costituzione delle nuove filiere dell'innovazione Definizioni condizioni al contorno delle filiera Definizioni condizioni al energia e opportunità adesione iniziative nazionali contorno delle filiera energia e opportunità adesione iniziative nazionali Scouting nuove iniziative progettuali Programmazione operativa "Piattaforma Innovativa" POR aerospazio: Market testing e Ingegnerizzazione bando Avvio dell'iniziativa Piattaforme innovative di stimolo alla Domanda per altre filiere tecnologiche del POR Attività su indicazione Regione Sviluppo di nuovi progetti/schemi di finanziamento Piani annuali e Monitoraggi quadrimestrali Progettazione del bando per una piattaforma su aerospazio attraverso il market testing Progettazione dello strumento per altre filiere tecnologica Valutazione opportunità ruolo Regione in piattaforme tecnologiche europee Sviluppo di nuovi progetti/schemi di finanziamento 1 Piano annuale e 3 report di Monitoraggio quadrimestrali Bando per una piattaforma (aerospazio) Bozza di scheda di strumento e bozza di bando per un'altra filiera Accordi di cooperazione 5 ANALISI DEL CONTESTO, RISULTATI ATTESI E POSSIBILI CRITICITA ANALISI DEL CONTESTO Iniziativa regionale che, a partire da finalità e obiettivi in qualche modo connessi al concetto di pubblica utilità, derivanti da bisogni convergenti di più attori istituzionali (piattaforme innovative), sono soddisfatti attraverso il sostegno a processi di innovazione, realizzati dal sistema dell offerta di tecnologia (imprese, loro aggregazioni, organismi di ricerca) all interno dello scenario tecnologico produttivo delle filiere dell innovazione. Tali processi di innovazione sarebbero quindi guidati non dalla tecnologia, ma dalla domanda espressa dalla federazione di più soggetti istituzionali. In sostanza la soluzione tecnologica non è il fine del processo di innovazione, ma il mezzo attraverso il quale si realizza la piattaforma, intesa come obiettivo di pubblica utilità, espresso in termini di requisiti tecnici, funzionali e organizzativi. L iniziativa consiste, quindi, nella individuazione e successiva realizzazione di grandi progetti di particolare interesse regionale, utili a un vasto gruppo di attori e derivanti da soluzioni tecnologiche innovative, le cui applicazioni servano al miglioramento di specifici servizi per l utente finale/cittadino. RISULTATI ATTESI POSSIBILI CRITICITA Definizioni condizioni al contorno delle filiera energia e opportunità adesione iniziative nazionali Sviluppo di nuovi progetti/schemi di finanziamento 1 Piano annuale e 3 report di Monitoraggio quadrimestrali Bando per una piattaforma (aerospazio) Bozza di scheda di strumento e bozza di bando per un'altra filiera Accordi di cooperazione Criticità nel coordinare e federare gli attori della domanda nella individuazione dei requisiti di piattaforma e in fase di sviluppo e pubblicazione bando. Coinvolgimento degli attori della domanda nella fase successiva al bando, ovvero successiva alla realizzazione di un prototipo, per la gestione della piattaforma e dei servizi. 6 VALORI ATTESI INDICATORI QUADRIMESTRALI DELL'OBIETTIVO 1 QUADRIM. 2 QUADRIM. 3 QUADRIM. DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO VALORE ATTESO VALORE ATTESO Indicatore finanziario 0 33% 33% Indicatore di efficienza 40% 70% 100% Indicatore di realizzazione - efficacia 0 1 1

10 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Programmazione POR 2007/2013-Attività propedeutica FSE VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno ,00 Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne ,00 Acquisto di beni Subtotale B ,00 C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,90 Personale esterno indiretto ,31 Organi sociali e servizi indiretti ,44 Immobilizzazioni ed utenze ,31 Servizi gestionali e cancelleria 6.834,45 Subtotale C ,41 D - Costi di attrezzature Ammortamenti 3.992,63 Subtotale D 3.992,63 E - Altri costi Assicurazioni 892,47 Oneri bancari 422,75 Quote associative 704,58 Varie 939,44 Subtotale E 2.959,25 TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,29 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 39,8% B - Costi beni/servizi ,00 10,0% C- Costi funzionamento e gestione ,41 46,8% D - Costi di attrezzature 3.992,63 2,0% E - Altri costi (specificare) 2.959,25 1,5% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,29 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Servizi/consulenze esterne Costi funzionamento e gestione Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) operativo Reti d'impresa Lazio Connect 01/01/ /12/ ,29 100% Costo totale obiettivo operativo ,29 100% Costi per beni servizi attrezzature Altri costi Costo Totale (A+B+C+D+E) Costo dell'azioneattività/costo totale dell' obiettivo

11 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE (a valere sui Fondi POR ) , , , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Programmazione POR 2007/2013-Attività propedeutica FSE 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA DESCRIZIONE OBIETTIVO DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOLDE R PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

12 2 - RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO O DEL PROGRAMMA DA EROGARE AI BENEFICIARI DELL OBIETTIVO A VALERE SUL BILANCIO REGIONALE CAPITOLI RESIDUI COMPETENZA CASSA COSTI PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO A VALERE SUL FONDO DI DOTAZIONE COSTI PERSONALE INTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio , ,00 Senior , ,00 Coordinatore 630, ,00 COSTI PERSONALE ESTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio , ,00 Senior , ,00 Coordinatore , , ,00 CONSULENZE E SERVIZI DESCRIZIONE ATTIVITA Altri costi di gestione , ,00 RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI DESCRIZIONE QUANTITA' COSTO UNITARIO TEMPO DI UTILIZZO COSTO PER L'OBIETTIVO

13 4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI DELLE ATTIVITA, DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI RISULTATI ATTESI E DEI PRODOTTI DA REALIZZARE Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. RISULTATI ATTESI PRODOTTI DA REALIZZARE 5 ANALISI DEL CONTESTO, RISULTATI ATTESI E POSSIBILI CRITICITA ANALISI DEL CONTESTO RISULTATI ATTESI POSSIBILI CRITICITA 6 VALORI ATTESI INDICATORI QUADRIMESTRALI DELL'OBIETTIVO 1 QUADRIM. 2 QUADRIM. 3 QUADRIM. DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO VALORE ATTESO VALORE ATTESO Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

14 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Fondo per la Ricerca Sanitaria VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne Acquisto di beni Subtotale B C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,15 Personale esterno indiretto 6.980,15 Organi sociali e servizi indiretti ,31 Immobilizzazioni ed utenze 9.758,18 Servizi gestionali e cancelleria 3.697,44 Subtotale C ,22 D - Costi di attrezzature Ammortamenti 2.160,01 Subtotale D 2.160,01 E - Altri costi Assicurazioni 482,83 Oneri bancari 228,71 Quote associative 381,18 Varie 508,24 Subtotale E 1.600,95 TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,19 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 49,8% B - Costi beni/servizi 0,0% C- Costi funzionamento e gestione ,22 46,8% D - Costi di attrezzature 2.160,01 2,0% E - Altri costi (specificare) 1.600,95 1,5% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,19 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Costo Costi Costi per beni Servizi/consulenze dell'azionefunzionamento e servizi Altri costi Costo Totale esterne attività/costo gestione attrezzature (A+B+C+D+E) totale dell' Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) obiettivo F.do Ricerca Sanitaria 01/01/ /12/ n.a ,19 100% Costo totale obiettivo operativo ,19 100%

15 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO Regione Lazio/Filas STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE (a valere sui Fondi POR ) Fondo per la Ricerca Sanitaria Renato Savini , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Fondo per la Ricerca Sanitaria 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA DESCRIZIONE OBIETTIVO DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOLD ER PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia 2 - RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO O DEL PROGRAMMA DA EROGARE AI BENEFICIARI DELL OBIETTIVO A VALERE SUL BILANCIO REGIONALE CAPITOLI RESIDUI COMPETENZA CASSA COSTI PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO A VALERE SUL FONDO DI DOTAZIONE

16 COSTI PERSONALE INTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio , ,00 Senior , ,00 Coordinatore , , ,00 COSTI PERSONALE ESTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio 230,00 Senior 420,00 Coordinatore 600,00 CONSULENZE E SERVIZI DESCRIZIONE ATTIVITA RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI DESCRIZIONE QUANTITA' COSTO UNITARIO TEMPO DI UTILIZZO COSTO PER L'OBIETTIVO

17 4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI DELLE ATTIVITA, DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI RISULTATI ATTESI E DEI PRODOTTI DA REALIZZARE Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. RISULTATI ATTESI PRODOTTI DA REALIZZARE 5 ANALISI DEL CONTESTO, RISULTATI ATTESI E POSSIBILI CRITICITA ANALISI DEL CONTESTO RISULTATI ATTESI POSSIBILI CRITICITA 6 VALORI ATTESI INDICATORI QUADRIMESTRALI DELL'OBIETTIVO 1 QUADRIM. 2 QUADRIM. 3 QUADRIM. DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO VALORE ATTESO VALORE ATTESO Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

18 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Art. 182 Centri di Ricerca VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno ,00 Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne Acquisto di beni Subtotale B C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,49 Personale esterno indiretto 4.225,51 Organi sociali e servizi indiretti 6.578,64 Immobilizzazioni ed utenze 5.907,22 Servizi gestionali e cancelleria 2.238,28 Subtotale C ,13 D - Costi di attrezzature Ammortamenti 1.307,59 Subtotale D 1.307,59 E - Altri costi Assicurazioni 292,28 Oneri bancari 138,45 Quote associative 230,75 Varie 307,67 Subtotale E 969,15 TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,87 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 49,8% B - Costi beni/servizi 0,0% C- Costi funzionamento e gestione ,13 46,8% D - Costi di attrezzature 1.307,59 2,0% E - Altri costi (specificare) 969,15 1,5% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,87 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Servizi/consulenze esterne Costi funzionamento e gestione Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) (%) Art. 182 Centri di ricerca 01/01/ /12/ n.a ,87 100% Costo totale obiettivo operativo ,87 100% Costi per beni servizi attrezzature Altri costi Costo Totale (A+B+C+D+E) Costo dell'azioneattività/costo totale dell' obiettivo operativo

19 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE Potenziamento e riqualificazione dei laboratori delle Università statali a fonte di progetti di Ricerca e servizi con il coinvolgimento delle imprese laziali Fondo per lo Sviluppo Economico - Art 182 comma 4 lettera b) L.R. 04/06- Centri di Ricerca Regione Lazio Assessorato SERIT Renato Savini Domenica Calabrò , , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Art. 182 comma 4 lettera b. L.R. 04/06 Centri di Ricerca 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS Indicatore finanziario Indicatore di efficienza DESCRIZIONE OBIETTIVO DESCRIZIONE INDICATORE Assegnazione delle risorse nel rispetto dei singoli accordi tra R. Lazio e centri di ricerca Volume degli investimenti attuati rispetto a quelli programmati Tempi di erogazione dei cofinanziamenti deliberati VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOL DER 100% 30 gg Centri di ricerca del Lazio PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE Indicatore di realizzazione - efficacia Rapporto tra i fondi impegnati e quelli effettivamente erogati 95%

20 2 - RISORSE FINANZIARIE DEL FONDO O DEL PROGRAMMA DA EROGARE AI BENEFICIARI DELL OBIETTIVO A VALERE SUL BILANCIO REGIONALE CAPITOLI RESIDUI COMPETENZA CASSA COSTI PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO A VALERE SUL FONDO DI DOTAZIONE COSTI PERSONALE INTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio , ,00 Senior 400,00 Coordinatore , , ,00 COSTI PERSONALE ESTERNO QUALIFICA GIORNI DEDICATI ALL OBIETTIVO COSTO MEDIO UNITARIO Junior 200,00 Intermedio 230,00 Senior , ,00 Coordinatore 600, ,00 CONSULENZE E SERVIZI DESCRIZIONE ATTIVITA RISORSE TECNICHE E STRUMENTALI DESCRIZIONE QUANTITA' COSTO UNITARIO TEMPO DI UTILIZZO COSTO PER L'OBIETTIVO

21 4 DESCRIZIONE DELLE AZIONI DELLE ATTIVITA, DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI RISULTATI ATTESI E DEI PRODOTTI DA REALIZZARE Assistenza per delibera di Giunta Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic. RISULTATI ATTESI PRODOTTI DA REALIZZARE Assistenza Regione per avviso pubblico Predisposizione e pubblicazione avviso Predisposizione procedure di gestione 5 ANALISI DEL CONTESTO, RISULTATI ATTESI E POSSIBILI CRITICITA ANALISI DEL CONTESTO RISULTATI ATTESI POSSIBILI CRITICITA Presenza sul territorio Regionale di qualificati organismi di ricerca in grado di supportare, se opportunamente strutturati, le esigenze delle aziende e del territorio Sviluppo di sinergie tra il mondo della ricerca ed il tessuto imprenditoriale della Regione Lazio nonché fornitura di servizi innovativi per il miglioramento della competitività delle imprese e per la salvaguardia e la riqualificazione del territorio. Non contestualità tra la disponibilità delle risorse finanziarie e le esigenze di rapidità nell attuazione dei progetti di riqualificazione dei laboratori 6 VALORI ATTESI INDICATORI QUADRIMESTRALI DELL'OBIETTIVO 1 QUADRIM. 2 QUADRIM. 3 QUADRIM. DESCRIZIONE INDICATORE VALORE ATTESO VALORE ATTESO VALORE ATTESO Indicatore finanziario Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia

22 PROSPETTO DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO DELL'OBIETTIVO PER NATURA DI COSTO E PER ATTIVITA' Obiettivo Operativo - Art. 182 PST VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno ,00 Personale esterno ,00 Subtotale A ,00 B - Costi servizi/consulenze esterne Acquisto servizi e consulenze esterne ,00 Acquisto di beni Subtotale B ,00 C- Costi funzionamento e gestione Personale interno indiretto ,70 Personale esterno indiretto 8.294,90 Organi sociali e servizi indiretti ,22 Immobilizzazioni ed utenze ,18 Servizi gestionali e cancelleria 4.393,87 Subtotale C ,86 D - Costi di attrezzature Ammortamenti 2.566,86 Subtotale D 2.566,86 E - Altri costi Assicurazioni 573,77 Oneri bancari 271,79 Quote associative 452,98 Varie 603,97 Subtotale E 1.902,50 TOTALE GENERALE OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,23 VOCE DI COSTO IMPORTO % COSTO/TOTALE GENERALE A - Costi di personale ,00 30,4% B - Costi beni/servizi ,00 19,4% C- Costi funzionamento e gestione ,86 46,8% D - Costi di attrezzature 2.566,86 2,0% E - Altri costi (specificare) 1.902,50 1,5% TOTALE COSTO OBIETTIVO (somma subtotali A+B+C+D+E) ,23 100,0% AZIONI Risultati attesi Durata Personale coinvolto Servizi/consulenze esterne Costi funzionamento e gestione Indicatori Target Data inizio Data fine Giorni uomo Costo (A) Numero Costo (B) Costo (C) Costo (D) Costo (E) (%) Art. 182 PST 01/01/ /12/ n.a ,23 100% Costo totale obiettivo operativo ,23 100% Costi per beni servizi attrezzature Altri costi Costo Totale (A+B+C+D+E) Costo dell'azioneattività/costo totale dell' obiettivo operativo

23 SCHEDA ANAGRAFICA E COSTI OBIETTIVO DESCRIZIONE DELL OBIETTIVO STRUMENTO DI ATTUAZIONE PROGRAMMATICO Denominazione fondo o programma per l attuazione dell obiettivo operativo e legge di riferimento IMPORTO ANNUALE FONDO O PROGRAMMA GESTITO Potenziare l attività dei PST finalizzata al trasferimento tecnologico delle proprie competenze al tessuto imprenditoriale della Regione. Art 182 comma 4 lettera c) L.R. 04/06- PST Fondo per lo Sviluppo Economico SOGGETTO COMMITTENTE CONVENZIONE/CONTRATTO STRUMENTO DI ATTUAZIONE (nel casi di attività diverse dalla gestione di fondi o programmi regionali) RESPONSABILE FILAS REFERENTE REGIONALE COSTO DELLE RISORSE UMANE INTERNE COSTO DELLE RISORSE UMANE ESTERNE COSTO CONSULENZE E SERVIZI COSTO ATTREZZATURE GESTIONE Regione Lazio Assessorato SERIT Renato Savini Domenica Calabrò , , , ,00 PIANO DI AZIONE - OBIETTIVO - Art. 182 comma 4 lettera c. L.R. 04/06 PST 1 ARTICOLAZIONE DEGLI OBIETTIVI ANNUALI (GIUNTA REGIONALE -DIREZIONE REGIONALE FILAS) OBIETTIVO STRATEGICO DI GIUNTA Indicatore di impatto OBIETTIVO SPECIFICO DIREZIONE SERIT Indicatore di risultato OBIETTIVO FILAS Indicatore finanziario DESCRIZIONE OBIETTIVO DESCRIZIONE INDICATORE Assegnazione delle risorse nel rispetto dei singoli accordi tra R. Lazio e PST Numero di progetti di trasferimento tecnologico in grado di assorbire le risorse disponibili VALORE ATTESO BENEFICIARI STAKEHOL DER 120 PST PESO OBIETTIVO PER DIRETTORE Indicatore di efficienza Indicatore di realizzazione - efficacia Tempi di valutazione dei progetti presentati Rapporto tra i fondi impegnati e quelli effettivamente erogati 6 mesi 90%

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero 443.116 del 30 settembre 2004 (Stato 1 ottobre 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti gli articoli 8 e 26 capoverso 2 della

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

IL DIRIGENTE. Premesso che:

IL DIRIGENTE. Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Codice DB1614 D.D. 26 novembre 2014, n. 814 D.G.R. n. 20-587 del 18/11/2014. Programmazione 2014-15. Misura 5: sostegno ai Comuni per la realizzazione di "Programmi di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE DEL FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE PAR FAS 2007-2013

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE DEL FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE PAR FAS 2007-2013 PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE DEL FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE PAR FAS 2007-2013 Servizio Politiche Nazionali per lo Sviluppo - Proposta- Versione SETTEMBRE 2011 INDICE PREMESSA...V 1. ELEMENTI RILEVANTI

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli