Centro Studi Manageriali Mario Losciale CORSO SUPERIORE IN ECONOMIA E MANAGEMENT ALBERGHIERO. 3 CICLO di FORMAZIONE anno 2010/11. Genova.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Studi Manageriali Mario Losciale CORSO SUPERIORE IN ECONOMIA E MANAGEMENT ALBERGHIERO. 3 CICLO di FORMAZIONE anno 2010/11. Genova."

Transcript

1 estate/autunno Centro Studi Manageriali Mario Losciale CORSO SUPERIORE IN ECONOMIA E MANAGEMENT ALBERGHIERO 3 CICLO di FORMAZIONE anno 2010/11 MODULO contenuti Analisi dei Costi nella Ristorazione definizione di costo classificazione dei costi centri di ricavo e centri di costo programmazione dei menu analisi vendite piatti costi piatti classificazione merceologica delle materie prime percentuali di resa analisi dei risultati interventi correttivi Analisi dei Costi nella Ristorazione Analisi dei Costi nella Ristorazione Web Marketing Web Marketing AdaFocusRoma AdaFocusFirenze AdaFocusMilano il sito WEB booking on line i partner le vendite la qualità del prodotto il benchmarketing IL BUDGET D ESERCIZIO la gestione per processi centri di ricavo, voci di ricavo e loro classificazione tipologie vendite valori economici centri di costo, voci di costo e loro classificaizone costo lavoro costo delle materie prime costi di investimento altri costi I margine di contribuzione (GOP II margine di contribuzione CONTROLLO di GESTIONE ore ott 15 Genova nov 18-dic gen 31-gen 3-6 feb Bologna Ostuni Riva del Garda mar Napoli feb Roma Firenze Milano Centro Studi Manageriali: si riparte il 29 ottobre da Genova Autor. Tribunale di Roma N. 30/2002 del 24/1/2002 Poste Italiane SpA - Sped. in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46 art. 1, comma 1, DCB Roma Periodico trimestrale di Tecnica Professionale fondato da FRANCO ARABIA Organo ufficiale dell A.D.A. - (anno XXXII Anno 17 Nuova serie - Estate/Autunno 2010

2

3 EDITORIALE di Franco Arabia Ernesto Bob, grazie (A lla mitica età di 101 anni, è scomparso Ernesto Bob, uno tra i padri dell Associazione Direttori Albergo (ADA, fondatore e presidente onorario. Anche lui, come Aldo Vagnozzi, ha scelto il mese di settembre per ritornare al Padre. Un convincimento cristiano, ma non solo, giacché la credenza popolare ritiene come, in settembre, sia l Arcangelo Michele ad aiutare le anime nel loro passaggio dalla terra ad altra dimensione, in occasione ( dell equinozio d autunno. Si tratta di un convincimento su basi mitologiche o comunque religiose, che può indurre chiunque a trarre liberamente le proprie riflessioni. Ernesto Bob era nato a Firenze nel 1909, da una famiglia Svizzera. Il padre aveva scelto la Culla del Rinascimento per acquistare un albergo, dove il giovane Ernesto inizia la sua attività, ma nel contempo studia e si diploma ragioniere. Poi si trasferisce a Milano e, dopo aver gestito l Hotel Cavalieri, chiude la sua carriera dirigendo, sempre in proprio, l Hotel Ambasciatori. Per comprendere la reale portata del valore umano e politico di Ernesto Bob, occorre ricordare come l Associazione Direttori Albergo (ADA nasca nel 1955, in un momento storico - lo abbiamo ricordato nel convegno di Bologna - laddove i direttori d albergo erano veramente pochi, non solo, ma si muovevano in un contesto sociale ed economico di grande complessità. Eppure, il 7 ottobre del 1955, Ernesto Bob, insieme ad altri, fra cui ricordiamo Gaetano Nino Ottolini e Bruno Galleani, con grande lungimiranza, è lui che avverte l esigenza di segnare un identificazione del ruolo del direttore d albergo, che distinguesse l imprenditore dal dirigente; e per il Ernesto Bob fondatore e presidente onorario di Ada tempo in cui eravamo, a ben pensare, non è stata cosa da poco. È a Salsomaggiore Terme, in occasione di un assemblea della Faiat (oggi Federalberghi che Bob lancia l idea. Unitamente a Galleani, Morazzoni, Panzer, Tadisi, Tomei e Valensin redigono lo statuto sociale di Ada; ed è il 24 gennaio del 1956 quando si svolge a Milano la prima assemblea di 54 direttori d albergo per l elezione delle cariche sociali. Ernesto Bob diventa presidente, sino al 1968, ininterrottamente per 13 anni. È sotto la sua presidenza che, nel novembre del 1961, con il supporto di Levet, Ottolini, D Avanzo, De Giorgis, Petazzi, Tomei e Zini, al direttore d albergo è riconosciuta la qualifica di dirigente d azienda ; e non è poco. Dai 54 associati del 1956, quando Bob lascia la presidenza, gli iscritti di ADA sono 344, un bel salto in avanti se si considera, fra l altro, che a quei tempi i criteri di ammissione erano rigorosamente corporativi, anche se il contesto socioeconomico era diverso rispetto a oggi. Sotto la sua presidenza, nel 1958, i soci Ada sono ricevuti da Pio XII. Abbiamo sempre sostenuto che, privare un qualsiasi sistema della propria storia è come costruire un castello di sabbia in riva al mare. Il potenziamento di un identità, oltre che nel suo divenire, quindi, che realizza le reali condizioni storiche di attualità, necessita della sua storia, giacché il trasferimento delle esperienze, dei processi culturali passati e in itinere consente di non partire ogni volta da zero; e il collegamento con la propria storia serve a orientare le generazioni presenti e future. La storia di Ernesto Bob è una testimonianza viva e non possiamo, dunque, che essergli grati. HOTEL MANAGERS estate/autunno

4 ( Sommario autunno/estate 2010

5 EDITORIALE Ernesto Bob, grazie 3 INIZIA LA STORIA DELL ASSOCIAZIONE 7 Ottobre Nasce l idea ADA _ 6 TERZA PAGINA Stallo Etica & Mercati 7 TECNICA Se parliamo di costi 11 La gestione del magazzino 19 La programmazione degli acquisti nella ristorazione 21 SPIGOLATURE IN TEMA DI COSTI Il prezzo del cappuccino _ 23 ADAFOCUS Il budget d esercizio _ 24 NOVITÀ EDITORIALI CULTURALI Gragnano _ 26 L OPINIONE Le allergie nel piatto _ 28 DIRITTO DEL LAVORO Tutela del lavoratore al rientro dalla Cassa Integrazione _ 29 CULTURA Radici _ 30 ADASTORY Renato Rocchi è eletto quinto presidente nazionale di ADA 36 La scomparsa di un gladiatore _ 43 CENTRO STUDI MANAGERIALI MARIO LOSCIALE Concluso il secondo ciclo in Economia e Management Alberghiero 45 ADAUMBRIA Tavola rotonda a Norcia 50 SOLIDUS Progetto turismo Italia _ 54 DALLA SARDEGNA Trenino verde 60

6 INIZIA LA STORIA DELL ASSOCIAZIONE 7 Ottobre 1955 Nasce l idea ADA (I l 7 ottobre del 1955, si riuniva a Milano un comitato spontaneo per costituire l Associazione dei Direttori d Albergo (ADA, formato da Ernesto Bob, primo presidente nazionale per ben 13 anni, Paolo Bortini, Giovanni Fanfoni, Bruno Galleani, Antonio Marietti, Luigi Morazzoni, Arturo Omarini, Willy Panzer, Ugo Perticone, G. Quarti di Trevano, Angelo Sironi, Aldo Tadisi, Bruno Tomei, Carlo Valensin, Giovanni Widman. La prima assemblea avveniva il 25 gennaio dell anno successivo, il 1956, all Albergo Cavalieri di Milano e, in quell occasione, si approvano lo statuto e le cariche sociali. La storia dell associazione ha cosi inizio con i suoi 26 soci fondatori che elenchiamo: Armanno Armanni, Hotel Excelsior Roma; Arialdo Bardelli, Hotel Diana Majestic, Milano; Giuseppe Barattini, socio onorario; Ernesto Bob, Hotel Cavalieri, Milano; Enrico Cucchiani, Grand Hotel Roma, Piacenza; Antonio Dei, Hotel del Golfo, Procchio; Guglielmo della Giusta, Albergo Rialto, Venezia; Antonio Dellea, American Hotel, Milano; Bruno Galleani, Grand Hotel et de Milan, Milano; Giuseppe Gianfilippi, Jolly Hotel Mantova; Silvio Levet, Grand Hotel, Roma; Antonio Marietti, Hotel Marino alla Scala, Milano; Luigi Morazzoni, Hotel Cavalieri, Pisa; Bruno Mosca, Hotel Ambasciatori, Milano; Gaetano Nino Ottolini, Hotel Plaza, Roma; Willy Panzer, Grand Hotel Duomo, Milano; Ugo Perticone, Imperial Hotel Santa Margherita Ligure; G. Quarti di Trevano, Grand Hotel Ligure, Torino; Vincenzo Ratti, Hotel Rivoli, Roma; Silvio Rosa, Grand Hotel Royal, Viareggio; Ugo Simonelli, Hotel Principe e Savoia, Milano; Aldo Tadisi, Grand Hotel Touring, Milano; Bruno Tomei, Grandi Alberghi di Salsomaggiore; Carlo Valensin, Hotel Duchi d Aosta, Sestriere; Mario Valsecchi, Hotel Columbia, Genova; Giovan Battista Widmann, Hotel La Gran Baita, Cervinia. I principi di ADA focalizzavano, essenzialmente, i problemi della categoria, con particolare riferimento alla crescita professionale degli associati, alla loro stabilità occupazionale. 6 HOTEL MANAGERS estate/autunno 2010

7 TERZA PAGINA di Franco Arabia Stallo Etica & Mercati ( Franco Arabia (C ome al solito, il gioco delle statistiche apparso da più parti delinea uno scenario macroeconomico con qualche incertezza. Dopo la paura per l andamento asfittico del movimento alberghiero dei primi sei mesi dell anno, che sembrava presagire lo stesso orientamento per i mesi di luglio, agosto e settembre, il fatto che alcune località siano riuscite ad attestarsi sui dati dello scorso anno, a eccezione di qualche isola felice, che ha registrato anche qualche incremento, come le aree termali, in parte ha rasserenato gli animi. Anche i recenti dati della Federalberghi, che hanno evidenziato un aumento degli arrivi, ma non delle presenze e dei ricavi, riconduce la riflessione all integrità del sistema nel suo insieme, giacché - alla fine - se è vero che il dato sugli arrivi, che è in aumento, segnala un parametro importante sul gradimento, la massa di ricchezza che si muove non offre motivo di serenità. Se riflettiamo, il quadro generale non è cambiato nei termini come tutti auspicano, dal momento che, fra l altro, registra il triste fenomeno dell abbattimento delle tariffe, a fronte di incrementi di costi, le cui reali conclusioni saranno più evidenti alla fine dell anno, ma speriamo bene. Le città d arte, sembrano aver recuperato meglio di altre, mentre alcune aree marine, al sud in particolare, più specificamente a giugno e luglio, hanno fatto registrare cali preoccupanti. I dati della Fiavet, per esempio, per Roma, per i mesi di luglio e agosto, parlano di un +11% di arrivi (non forniscono quello delle presenze, a fronte di una contrazione della spesa di meno 330,00 Euro a persona; e ancora, più in generale, la contrazione dei fatturati della capitale è stata prevalentemente determinata, da meno 40% per i viaggi d affari, meno 60% per gli Incentive, meno 30% per quelli congressuali. Tali decrementi sottolineano l influenza negativa della crisi economica; poi, sulla spinosa questione del dumping, delle vendite dirompenti, da più parti è stato sollecitato un intervento per sensibilizzare tutte le parti interessate, giacché, alla fine, detto approccio potrebbe rivelarsi dannoso per l intero settore, con ripercussioni sull occupazione, che in Italia è già all 8,50%, considerando anche l impatto sugli investimenti e, dunque, per le attività indotte del turismo. C è, dunque, una questione etica che dovrà essere necessariamente affrontata, allo HOTEL MANAGERS estate/autunno

8 TERZA PAGINA Stallo Etica & Mercati scopo di difendere il patrimonio di sistema, la professionalità, lo sviluppo qualitativo e la creazione di nuove opportunità di lavoro; ma c è anche l argomento degli italiani che vanno all estero, beninteso liberi di farlo, ma si potrebbe pensare a qualche incentivo fiscale per trattenere questa ricchezza all interno del nostro paese. La nostra associazione, l ADA, sulla scorta di forti sollecitazioni, a maggio, in Calabria, in occasione dell assemblea generale dei soci affronterà il tema Etica & Mercati e, allo stesso tempo, ha già avviato il terzo ciclo formativo di Economia e Management Alberghiero per fornire ai propri associati il necessario potenziamento degli strumenti direzionali. La V Conferenza Nazionale sul Turismo, di Erba, si propone diversi motivi importanti. Noi auspichiamo che l evento possa apportare idee, programmi destinati a risolvere parte degli annosi problemi di settore. La nostra associazione, l ADA, è stata ufficialmente invitata a partecipare con una lettera personale del Ministro Vittoria Brambilla, che pubblicamente ringraziamo dalle pagine della nostra rivista, che testimonia quanto la nostra immagine sia viva e pregnante all esterno e nei rapporti con i pubblici poteri. Più in generale, il quadro politico - di là dei singoli aspetti, per i quali ognuno ha già tratto le proprie considerazioni - non è confortante, dal momento che registra un tasso di instabilità che si tocca con mano, considerando che le polemiche, gioco forza, alla fine distraggono l attività del Governo con conseguenti ritardi rispetto a decisioni che necessitano, al contrario, maggiore attenzione. Nell interesse dell Italia e del nostro settore, noi auspichiamo che tutto possa risolversi per il meglio, per facilitare il processo di stabilità necessario, affinché ogni famiglia acquisti maggiore serenità. 8 HOTEL MANAGERS estate/autunno 2010

9

10 Direttore Franco Arabia Direttore Responsabile Claudio Nobbio Presidenti Onorari ADA Ernesto Bob Ω Gaetano Nino Ottolini Ω Bruno Galleani Ω Sergio Pittarello Ω Aldo Vagnozzi Ω Renato Rocchi Ω Sandro Attanasio Ω Giuseppe Faroldi Vito Pedrotti Ω Renzo Salmasi Vittorio de Martino Presidenti Onorari Centro Studi Manageriali Mario Losciale Raffaello Gattuso Ω Giorgio Arcolin Piero Roggi Luigi de Simone Niquesa Presidente e Giunta Esecutiva ADA Presidente Franco Arabia Vice-presidenti Francesco Guidugli - Vicario Maurizio Baggetta, Gaetano Torino Consigliere amministratore Antonio Giubileo Componenti Giunta Esecutiva Lucia Padovan, Antonio Pellegrino Assistenti al Presidente ADA Adriana Wu, Angelo Pergi Segreteria Generale Segretario Generale Leonardo Donati Segretaria Daniela Caporali Collegio dei Revisori dei conti ADA 1 Fregola Alberto, Presidente 2 Bressan Piero, Effettivo 3 Pellegrini Egidio, Effettivo 4 Martucci Luigi, Supplente 5 Zertanna Giulio, Supplente Collegio dei Probiviri 1 Tassi Arnaldo, Presidente 2 Debiasi Hugo, Effettivo 3 Fasola Alfonso, Effettivo 4 Ferretti Piero, Supplente 5 Tavernier Adolfo, Supplente Consiglio delle Regioni Coordinatore Giorgio Botton, Presidente regionale Veneto Vice Coordinatore Metallo Demetrio, Presidente regionale Calabria Segretario Bartolomeo D Amico, Presidente regionale Puglia Consiglieri Ferraro Gian Paolo, Presidente reg. Abruzzo e Molise Tropiano Michele, Presidente regionale Basilicata Alovisi Alberto, Presidente regionale Campania Eumenidi Luciano, Presidente reg. Emilia Romagna Monti Giampiero, Presidente regionale Lazio D Andrea Alessandro, Presidente regionale Liguria Rotolo Piero, Presidente regionale Lombardia Dadone Dario, Presidente regionale Piemonte D Ambra Felice, Presidente regionale Sardegna Benigni Piero, Presidente regionale Sicilia Vendali Andrea, Presidente regionale Toscana Marroni Antonio, Presidente reg. Trentino-Alto Adige Pilli Danilo, Presidente regionale Umbria CENTRO STUDI MANAGERIALI MARIO LOSCIALE Presidente Antonio de Septis Vice-presidente Adriana Wu Tesoriere Antonio Giubileo Comitato Scientifico Gaetano Castellano, Egidio Mantellassi Vincenzo Meleca, Roberto Raffaele Di Barletta Tullio Romita, Giovanni Liberatore, Cinzia Rosati ADASERVIZI Soc. Coop. a r.l. Consiglio d Amministrazione Presidente Antonio Giubileo Vice-Presidente Antonio Marroni Consigliere Giorgio Lama Collegio Sindacale Presidente Michele Frisini Sindaci titolari Alberto Fregola Antonio Gedeone Sindaci Supplenti Betta Brilli Alessandro Aristi Cotani Redazione Daniela Caporali Comitato dei Garanti Presidente Senatore Prof. Dott. Armando Plebe Componenti Arnaldo Tassi, Alberto Fregola Pubblicità A.D.A. Associazione Direttori Albergo Viale delle Medaglie d Oro, Roma Tel. ( Fax. ( Impaginazione e stampa EUROLIT Via Bitetto, Roma Tel Fax Associato all USPI Unione Stampa Periodica Italiana Autor. Tribunale di Roma N. 30/2002 del 24/1/2002 Poste Italiane SpA - Sped. in abb. postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46 art. 1, comma 1, DCB Roma ADASERVIZI Soc. Coop. arl Finito di stampare ottobre 2010 Qualsiasi riproduzione anche parziale è vietata senza preventiva autorizzazione. Tutto il materiale inviato non sarà restituito e resta di proprietà dell Editore. Lettere e articoli firmati impegnano solo la responsabilità degli autori. Le proposte pubblicitarie implicano la sola responsabilità degli inserzionisti. La rivista è distribuita gratuitamente.

11 TECNICA Se parliamo di costi (Q Quando gli addetti ai lavori s incontrano, spesso parlano di costi, ovviamente anche di ricavi. Sul piano lessicale l accenno al costo rievoca con immediatezza la sostanza del fatto. Ma che cosa s intende veramente sotto il profilo tecnico e dell impostazione contabile aziendale? Di norma, per costo, concettualmente intendiamo: l erogazione finanziaria per acquisire uno o più fattori produttivi, cioè il complesso delle spese per ottenere una merce, un prodotto, un servizio in ordine agli obiettivi dell impresa. In fondo, ci riferiamo ai sacrifici sostenuti dall impresa per promuovere la propria attività. I costi, tuttavia, hanno una loro funzione, una natura propria, un attribuzione per competenza, un metodo di classificazione. Quanto appena affermato porta a considerare che la funzione del costo serve a delineare il parametro di spesa al fine di supportare la scelta di politica aziendale; la natura del costo, invece, evidenzia la finalità dell esborso finanziario, in pratica il suo utilizzo. Su altro piano è bene sottolineare come la competenza del costo serva a collegare la spesa sostenuta al centro di utilità, dovendo realizzare la connessione esistente fra il costo e una o più parti dell attività produttiva (prodotti, la compatibilità e la legittimità dell attribuzione. Le fotografie pubblicate da pagina 11 a pagina14 sono tratte da Ada Ostuni Marina - Grand Hotel Masseria Santa Lucia. HOTEL MANAGERS estate/autunno

12 TECNICA Se parliamo di costi CLASSIFICAZIONE DEI COSTI PRIMA CLASSIFICAZIONE Dovendo affrontare la classificazione dei costi, l argomento diventa molto complesso, giacché sono diverse le scuole di pensiero che teorizzano un principio piuttosto che un altro. Ai fini pratici, in questa fase, ci attesteremo su di una classificazione che possiamo così riassumere: Costo Primo Una prima lettura, nell attività alberghiera e di ristorazione, del costo primo, riassume le spese per le materie prime (generi di caffetteria, di cucina, di cantina, il costo del lavoro. Costo di Produzione Una seconda lettura porta al costo di produzione, meglio conosciuto come costo industriale, che comprende sia i costi sostenuti per imputazione diretta o indiretta, in relazione alle ripartizioni aziendalmente definite, sia il costo primo precedentemente ottenuto. Costo complessivo o commerciale La terza lettura di costo (complessivo o commerciale comprende sia il costo industriale, ottenuto in precedenza, gravato ulteriormente dai costi amministrativi, dai costi di marketing, dagli oneri finanziari e tributari ripartiti in quota parte. Costo Tecnico o Figurativo È puramente teorico, giacché fa parte di esborsi non imputabili alla gestione caratteristica, ma che afferiscono all investimento iniziale nel suo complesso, per cui riguarda una diversa analisi. Si tratta, in effetti, di un esposizione figurativa nel caso in cui, per esempio, l immobile sia di proprietà della società che gestisce oppure la remunerazione dell imprenditore, valutazione che richiede - di converso - considerazioni in termini di plusvalore e plusvalenze. SECONDA CLASSIFICAZIONE Costi fissi o costanti La natura di questi costi, pur essendo nella loro accezione generale, considerati fissi, varia a piccoli balzi con il modificarsi della produzione. Volendo fare un esempio, il costo lavoro ordinario riferito all organico standard, minimale o massimale che sia, in termini assoluti non varia, ed è un costo fisso, ma in termini percentuale si differenzia nel momento stesso in cui varia la produzione, giacché esiste un nesso di relatività fra la produzione, che varia, sia in difetto, sia in eccesso, e il costo lavoro ordinario, che non cambia essendo costo fisso, dal momento che eccedenze di costi, personale extra, orario straordinario, si andranno a imputare tra i costi variabili. Costi Variabili Questo tipo di costo si muove in termini temporali, in modo discontinuo, essendo direttamente influenzato dalla natura e dal livello della produzione, per esempio dalle materie prime per la ristorazione (generi di cucina, di cantina, dall orario straordinario del personale o da quello occasionale, il cosiddetto personale extra o di surroga. Costi Semivariabili Qui s introduce un principio diverso, avendo considerato in precedenza che il costo del cosiddetto personale extra 12 HOTEL MANAGERS estate/autunno 2010

13 TECNICA Se parliamo di costi o di surroga, di per sé è già un costo variabile, quando il carattere riveste veramente eccezionalità. Se, invece, la massa del personale occasionale, in un arco temporale definito, in un periodo consecutivo di tre mesi (per esempio, aprile, maggio, giugno è ampia e costante (si tratta di una scelta aziendale mirata a non avere personale con contratto a tempo indeterminato o determinato, in relazione alla discontinuità della produzione, banchetti di nozze per esempio, allora il costo è da classificare semivariabile. Costi Semifissi Anche qui, sia per il rapporto di relatività con la produzione, sia per la natura particolare dell impresa alberghiera e di ristorazione, laddove le incidenze servomezzi (energia elettrica, gas, combustibile, acqua è direttamente interessata al numero delle presenze e dei pasti, il costo è classificato come semifisso. Costo Marginale Il costo marginale, in particolar modo nell impresa alberghiera, caratterizzata in modo discontinuo nella produzione (stagionalità dei periodi sia brevi, sia medi, sia lunghi è utile per la politica di vendita, giacché è la base da cui partire per non immettere sui mercati servizi sottocosto, dovendo considerare che il costo marginale è la modifica del costo totale in rapporto all incremento dell ultima unità venduta. Costi Comuni Per costi comuni s intendono quelle pluralità di spese che sono attribuite secondo parametri aziendali convenzionali, per competenza, secondo la natura di utilizzo degli esborsi finanziari, riconducibili alla funzione, ai diversi centri di utilizzo degli stessi per mezzo di ragionevoli ripartizioni. Nell impresa alberghiera, pur con diversificazione da albergo ad albergo, in linea di massima una ripartizione di costi comuni nell ambito del costo lavoro può essere così riassunta: Direttore: 70% appartamento, 30% ristorazione; Economo: 70% ristorazione, 30% appartamento; Impiegati amministrativi: 50% appartamento, 50% ristorazione; Governante: 70% appartamento, 30% ristorazione; Manutentori: 65% albergo, 35% ristorazione. I dati sono tratti da lunghe casistiche prese in esame, che tengono conto anche della filosofia aziendale anglosassone, che prevede di caricare i maggiori costi sulle vendite più ricche, dovendo considerare che - alla fine - qualsiasi tipo di vendita, purché non generata sottocosto, contribuisce a implementare l utile d esercizio. La corretta suddivisione dei costi comuni è importante ai fini di limitare i possibili errori nelle scelte di politica aziendale. Volendo ulteriormente esemplificare, se alcune unità di sala (camerieri provvedono alla gestione dei frigobar (che sono posizionati sul centro di ricavi del settore notte, utilizzando materie prime che, merceologicamente, in magazzino sono classificate nel settore della ristorazione, appare evidente come la quota parte del costo lavoro di dette unità sia attribuibile al settore notte, dal momento che quelle unità lavorative, di fatto, devono essere classificate e attribuite ai costi comuni. E cosi pure i generi di cucina e di cantina, oltre quelli di caffetteria, delle piccole colazioni (nel caso in cui queste siano incluse nel prezzo della camera devono essere imputati al settore notte e non alla ristorazione. HOTEL MANAGERS estate/autunno

14 TECNICA Se parliamo di costi I Costi Diretti Nel settore alberghiero, con particolare riferimento a quello di ristorazione, s intendono quelli che, per natura e competenza, siano direttamente imputabili a uno o più prodotti. Nel settore della ristorazione, per esempio, i generi di cucina, di cantina, di caffetteria, i fiori, la stampa dei menu, il tovagliato del ristorante, il personale di sala e cucina, compreso quello occasionale, sono riconducibili ai singoli prodotti: ristorante, piccole colazioni, banchetti, ricevimenti, colazioni di lavoro e così via. Le classi di Costo Quando parliamo di classi di costo, intendiamo riferirci ai centri operativi preventivamente individuati a budget. Per esempio, se l albergo dispone di più ristoranti, diversi saranno i centri di rilevamento, cosi il bar. All interno di questi centri di rilevazione, occorre individuare le singole attività per mezzo dei centri commesse, che sono specifiche rilevazioni di ricavi e costi. Se l albergo dispone di un ristorante a mare dove si svolgono banchetti di nozze, per ogni evento deve essere rilevato qualsiasi movimento sia in termini di ricavo, sia in termini di costo. È di tutta evidenza che tali rilevazioni, da una parte registrano i costi dell evento, dall altra consentono di controllare la politica dei prezzi, la remunerazione economica nello specifico. Esempi di commesse nella ristorazione: banchetti, ricevimenti, cocktail party, congressi, incentive, meeting, colazioni di lavoro. I Margini di contribuzione Sul piano concettuale occorre chiarire che, per margini di contribuzione, intendiamo il risultato ottenuto dalla gestione caratteristica rispetto alle spese generali dell impresa. 14 HOTEL MANAGERS estate/autunno 2010

15 TECNICA Se parliamo di costi HOTEL MANAGERS estate/autunno

16 TECNICA Se parliamo di costi Il cosiddetto primo margine di contribuzione (GOP si riferisce alla differenza fra i ricavi al netto d Iva e i costi della gestione caratteristica, mentre il secondo margine di contribuzione, è il risultato fra il primo margine cui devono essere dedotte le spese di affitto (quando è reale, manutenzioni straordinarie, investimenti per dotazioni, costi del personale amministrativo e altre spese riconducibili agli oneri poliennali (per esempio i costi di pubblicità. SCHEMA DI RILEVAZIONE PRIMO MARGINE NEL SETTORE DELLA RISTORAZIONE Area ricavi Singolarmente sono da rilevare i ricavi di cucina individuali, cucina eventi, cucina organizzati, bar cucina, piccole colazioni, alte voci pertinenti che possono variare da esercizio a esercizio; Rilevare singolarmente i ricavi di cantina individuali, cantina eventi, cantina-organizzati, cantina-bar, cantina-piccole colazioni, alte voci pertinenti che possono variare da esercizio a esercizio. Area Costi Costi Variabili Costo lavoro variabile (straordinario, personale extra, costi comuni, materie prime cucina, materie prime cantina, altre spese per il personale, commissioni agenzie, commissioni carte di credito, Lavanderia, materiali pulizie, cancelleria e stampati, spese generali, quota parte affitto (nel caso in cui ricorra. Costi fissi e semifissi Costo lavoro ordinario, costi comuni, manutenzione, servomezzi, assicurazione, affitto (quota parte ove ricorra imposte e tasse, servizi da terzi, spese diverse. Il pre-cost nella ristorazione Il pre-cost, introdotto dalla cultura anglosassone nel sistema italiano, riguarda l analisi preventiva di un determinato evento, per collegarlo a consuntivo con la singola commessa aperta. Assume rilevanza anche nella programmazione dell offerta di ristorazione e ai fini, quindi, del budget, dal momento che la pianificazione dell attività di ristorazione presuppone l analisi delle singole pietanze, sia per definire un costo preventivo, sia per delineare un costo standard, che andranno a formare le serie storiche aziendali. In modo estremamente semplice esemplifichiamo il costo finale per una porzione di Spaghetti al Pomodoro, anche se lo sviluppiamo per 10 persone, per intuibili ragioni di praticità: Kg 1,2 pomodori, 0,200 di olio d olive, 1 kg di pasta di semola, 0,200 formaggio grana, aromi e sale. Supponiamo che il costo complessivo sia di 20,00 Euro (ci si avvale di un costo arbitrario, che sarà oggetto di valutazione da parte del lettore e di adeguamento al proprio mercato, il costo unitario ottenuto sarà di 2,00 Euro per unità venduta. L esempio, tende a evidenziare come tutti i piatti (la linea di cucina siano riconducibili a ricette standard con costi propri, allo scopo di delinearli, trattandosi di un processo industriale, ovvero di una trasformazione di materie prime in prodotti finiti. Nella ristorazione, a fianco del precost, necessita sia la definizione delle grammature standard per piatto (per esempio: costatina di vitello con osso, grammi 220, paillard grammi 150, pesce spada grammi 180, cernia al forno grammi 300, frutta grammi 250, ovviamente a crudo, peso lordo e a porzione, sia la definizione dei menu, sia le procedure standard di acquisto. Altre osservazioni Il costo a consuntivo, che è quello reale, deve essere raffrontato con il costo preventivamente definito (a standard; i costi medi unitari sono le risultanze fra i consumi generali e le singole unità vendute, sia pure per tipologia di vendita. Concludendo, la funzione del controllo serve a garantire la correttezza operativa, a delineare le tracce dei comportamenti dell organizzazione, ad assicurare lo sviluppo dei processi di budget. Il livello del controllo va orientato per dimensioni significative, per evitare controlli pedestri, che alla fine risulterebbero essere antieconomici, per cui - in pratica - è opportuno sviluppare il controllo su due livelli: sul piano operativo con un proprio sistema, quello a budget secondo i canoni classici. Il sistema di controllo operativo va sviluppato sulla base di rilevazioni sistematiche per mezzo di procedure operative standard; il controllo a budget, invece, oltre che con gli schemi abituali, per mezzo dei risultati di contabilità analitica. 16 HOTEL MANAGERS estate/autunno 2010

17 TECNICA Se parliamo di costi HOTEL MANAGERS estate/autunno

18 TECNICA Se parliamo di costi 18 HOTEL MANAGERS estate/autunno 2010

19 TECNICA La gestione del magazzino (I n linea generale, il mercato informatico offre diversi sistemi abbastanza evoluti sotto il profilo del funzionamento. Spesso, si tratta di rilevazioni che obbediscono a criteri di contabilità generale con un ottima impostazione. Tuttavia, il nostro intento, in questa fase, è quello di soffermare l attenzione del lettore su alcune specificità che sono utili sul piano operativo. Occorre ricordare come la gestione del magazzino implichi responsabilità, anche penali, dovendo considerare le leggi a tutela della salute del consumatore, doverose peraltro, che tengono conto anche di aspetti di natura igienico-merceologica. Com è noto il magazzino è uno spazio fisico dove conservare le merci, la cui tenuta presuppone una classificazione, procedure sia per la conservazione, sia per il tasso di rotazione a fini dell impegno finanziario. Per una buona gestione del magazzino, occorre tenere in evidenza sia la natura delle merci, sia il loro carattere di deperibilità, sia i tempi di conservazione, il che comporta grande attenzione per gli aspetti strutturali dell area interessata e un impostazione contabile adeguata e in grado di favorire il lavoro degli addetti (operatività. Gli aspetti strutturali impongono un ambiente sano nel suo insieme, di grande compatibilità con le merci: scaffalature, spazi refrigerati e così via. Quelli contabili necessitano di una classificazione delle merci, per aree funzionali, una catalogazione fisica delle stesse, tenendo sotto osservazione il tasso di rotazione delle scorte sia per gli aspetti operativi, sia per gli aspetti finanziari. La gestione del magazzino è influenzata da: - Programmazione della ristorazione con specifico riferimento ai menu (offerta; - Programmazione degli acquisti e specifiche; - Livelli delle scorte e indice di rotazione; - Analisi dei consumi e serie storiche degli stessi. Buffet Ada Ostuni Marina - Grand Hotel Masseria Santa Lucia. HOTEL MANAGERS estate/autunno

20 TECNICA La gestione del magazzino Classificazione delle merci per aree funzionali Programmazione degli acquisti e specifiche delle merci. Generi di cucina: Carnami, salumi, pesce, uova, verdure fresche, legumi, frutta fresca, frutta conservata, pasta, riso farine, pane, grissini, salatini e analoghi, olio d oliva, olio di semi, burro per uso cucina, margarina, formaggi da tavola, formaggio grana, droghe e salse, funghi, tartufi, caviale, creme varie, vino e aceto, bagne per cucina, latte e panna per uso cucina, prodotti per pasticceria, pasticceria esterna, caffè uso ristorante, zucchero uso ristorante. Generi di Caffetteria: Caffè, decaffeinati, infusioni tea e simili, pasticceria, cereali, succhi diversi, burro piccole colazioni, marmellate miele nutella e simili, pane per piccole colazioni, zucchero. Generi di Cantina: - Vini, spumanti e champagne: vini suddivisi in bianchi, rosati, rossi, italiani ed esteri; vini da dessert italiani, vini da dessert esteri, spumanti italiani, champagne. - Acque minerali, birre e bibite: Acque italiane, acque straniere, birre nazionali, birre straniere, bibite, sciroppi. - Alcolici e superalcolici: Aperitivi italiani, aperitivi esteri, brandy, cognac, acquaviti italiane, rhum, liquori italiani, liquori esteri, mignonnette, whiskey. Una buona impostazione contabile del magazzino deve necessariamente tener conto di una classificazione ideale del tipo sopraindicato, giacché la stessa produce effetti, tenuto conto che le materie prime sono utilizzate in modo articolato rispetto ai prezzi di vendita e, quindi, rispetto alle rese in termini percentuali. Semplificativamente la resa percentuale della vendita dei vini (costi diviso ricavi sarà diversa da quella dello champagne; ma anche la vendita dei superalcolici, tenuto conto della tecnica dello stock bar e cosi via. Per i generi di cucina, le materie prime più significative, se sono classificate in modo più analitico, ipotizzando una gestione anche in grammi, per esempio: carnami, pesci, frutta, verdura. Tutto ciò presuppone le specifiche d acquisto delle merci, la pianificazione delle porzioni, la programmazione dell offerta di ristorazione (menu. Superfluo ricordare come le specifiche d acquisto servano a delineare la qualità delle materie prime (descrizione, l economicità dei movimenti (prezzi d acquisto la compatibilità finanziaria (budget di tesoreria. La pianificazione delle porzioni delinea gli standard qualitativi dei prodotti, oltre a quelli economici, con refluenze dirette sulle scelte aziendali in tema di qualità dell offerta, rispetto alla caratteristica della domanda, la tipologia dei pasti, la stagionalità dei piani di previsione e delle materie prime. Programmare gli acquisti vuol dire definire convenzioni, elaborare standard di qualità, economici, analisi dei consumi storici per periodi omogenei fra loro, capacità di stoccaggio dei magazzini, livello minimo e massimo delle scorte, analisi dei coefficienti di rotazione delle stesse, compatibilità finanziaria. Per far questo occorre analizzare i dati della produzione degli ultimi tre anni, per periodi omogenei fra loro, suddivisi per decadi, mesi e anni e per gli stessi periodi i consumi. Sviluppare i coefficienti di rotazione per aggregati di merci delineando le serie storiche: K = consumo mese S1 + S2:2 dove K è il coefficiente, S1 è l inventario a inizio del mese, S2 è l inventario alla fine mese. In pratica il Consumo del Mese, sia in valore, sia in quantità, diviso inventario all inizio del mese + inventario alla fine del mese diviso 2. Ovviamente i due coefficienti, sia per le quantità, sia per i valori economici, devono essere sviluppati separatamente. 20 HOTEL MANAGERS estate/autunno 2010

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE BUDGET Il budget è un documento amministrativo in cui vengono stabiliti in via preventiva gli atti di gestione che l'azienda intende effettuare in un periodo futuro, al fine di conseguire un determinato

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno 203 IBL Focus Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno Di Andrea Giuricin L Italia è sempre stata una potenza nel campo del turismo. Lo si dice spesso, ma purtroppo ciò trova sempre meno riscontro

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale n La Pianificazione n L Organizzazione n Il Coinvolgimento del Personale n Il Controllo Componenti del Sistema di Pianificazione n Valutazioni interne

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

LE CAMERE DI COMMERCIO DEL PIEMONTE A SOSTEGNO DEI PICCOLI EDITORI

LE CAMERE DI COMMERCIO DEL PIEMONTE A SOSTEGNO DEI PICCOLI EDITORI LE CAMERE DI COMMERCIO DEL PIEMONTE A SOSTEGNO DEI PICCOLI EDITORI Stanziati oltre 40mila euro per la partecipazione al prossimo Salone del Libro di Torino Il sistema camerale piemontese, ha deciso di

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI

PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI Nel 2011, il fatturato consolidato è stato di 38 milioni di euro Eurocons S.c. a r.l. ha chiuso con un risultato netto di 838 mila euro Euroenergy

Dettagli

La Gestione del Personale nelle PMI

La Gestione del Personale nelle PMI La Gestione del Personale nelle PMI 1 GIRO D ITALIA AIDP Verso il 41^ Congresso Nazionale 3^ tappa Orvieto, 13 marzo 2012 LA GESTIONE DEL PERSONALE NELLE PMI APPROCCI E TESTIMONIANZE TRA NORMATIVA E FATTORI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

operatore AllA Promozione e AccoglienzA turistica

operatore AllA Promozione e AccoglienzA turistica libri di base Piero Alacchi operatore AllA Promozione e AccoglienzA turistica MURSIA INDICE COMPETENZE DI RIFERIMENTO... 5 Capitolo 1 I soggetti dell attività economica 1.1 L attività economica... 9 1.2

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PER LE IMPRESE TURISTICHE Revenue Management Miriam Berretta Programmazione miriam.berretta@gmail.com e controllo

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista*

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista* 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 2 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 1 CONTROLLO G E S T I O N E FRANCO CELLINO Economista* I l controllo di gestione rappresenta uno dei momenti, o meglio il

Dettagli

MESSO IN APPROVAZIONE NELLA SEDUTA DEL 24/11/2011. Art. 1 Oggetto

MESSO IN APPROVAZIONE NELLA SEDUTA DEL 24/11/2011. Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ ALLINEATO AL NUOVO STATUTO MESSO IN APPROVAZIONE NELLA SEDUTA DEL 24/11/2011 DEL COMITATO DIRETTIVO Art. 1 Oggetto 1. L ordinamento contabile dell'associazione regionale dei

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente CARBONELLI PASQUALE Classi 4 ENOGASTRONOMIA sezione/i Ce PROGRAMMA QUARTE /cucina Le figure professionali dell'enogastronomia: I principali personaggi della gastronomia: i grandi del passato, i

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006

L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 CRITERI DI ESPOSIZIONE DEI DATI L analisi che segue espone i dati dello spettacolo relativi alle manifestazioni avvenute nel primo semestre 2006 rilevati

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 1) Banca dati dei progetti annualità 2012 2) Analisi dei piani di zona delle città riservatarie e dei piani regionali socio-sanitari 2012 STATO d IMPLEMENTAZIONE della

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING ItaliaRating Via Moncenisio, 4 20052 Monza MI www.italiarating.com Pag. 1 BASILEA 2 Nota introduttiva Basilea 2 e il nuovo accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Convegno Standard per i musei della Regione Piemonte GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Adriano Da Re Torino, 3 Dicembre 2007 Agenda La Fondazione Torino Musei

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

Tecniche di approvvigionamento

Tecniche di approvvigionamento Tecniche di approvvigionamento Scelta del fornitore È certamente opportuno non avere un unica fonte di approvvigionamento, ma più aziende fornitrici (due o tre al massimo) a cui rivolgersi in base all

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

INDAGINE SULLE VACANZE

INDAGINE SULLE VACANZE Livello scolare: 5 a classe INDAGINE SULLE VACANZE Competenze interessate Contenuti Nuclei coinvolti Collegamenti esterni -Rappresentare relazioni e dati e, in situazioni significative, utilizzare le rappresentazioni

Dettagli

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni Pagina 1 di 5 Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni giovedì 17 settembre 2015 Chiamparino: soddisfazione per una scelta condivisa, ora accelerazione nei confronti con il

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Maurizio Manetti

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

PROJECT MANAGER 2020. Leadership & team-building. Milano, 21 e 25 gennaio 2016. Alcuni commenti dei partecipanti all edizione 2014:

PROJECT MANAGER 2020. Leadership & team-building. Milano, 21 e 25 gennaio 2016. Alcuni commenti dei partecipanti all edizione 2014: PROJECT MANAGER 2020 Leadership & team-building Milano, 21 e 25 gennaio 2016 Presentazione e finalità del Corso L industria farmaceutica mondiale continua ad essere coinvolta in una fase di cambiamento

Dettagli

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese roma, gennaio 2015 (14287fo-01) agenda 1 scheda tecnica fenomeni osservati aspetti di metodo condizioni

Dettagli

Premessa. Descrizione del Bilancio

Premessa. Descrizione del Bilancio Premessa Il Bilancio Preventivo 2011 è stato elaborato prendendo come riferimento i dati dell esercizio appena concluso e assumendo come obbiettivo la volontà di garantire la stessa impegnativa e intensa

Dettagli

Esercitazione Esame di Stato Dottori Commercialisti. Dott. Antonio Parbonetti

Esercitazione Esame di Stato Dottori Commercialisti. Dott. Antonio Parbonetti Esercitazione Esame di Stato Dottori Commercialisti Dott. Antonio Parbonetti Prova di Esame: Seconda Sessione 2005 La scelta della localizzazione dell impresa, la valutazione del fabbisogno finanziario

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

Il settore estrattivo in Italia

Il settore estrattivo in Italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

Dettagli

1. Sei anni di Fondazione

1. Sei anni di Fondazione Relazione tecnica sui primi 6 anni di attività della Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati presentata in occasione dell Assemblea dei Soci di novembre 2011 Contenuti del documento 1. 6

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

SPORT MANAGING CONTROL IL MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS

SPORT MANAGING CONTROL IL MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS SPORT MANAGING CONTROL IL MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS Lavoriamo insieme per il vostro business I campioni non si costruiscono in palestra. Si costruiscono dall interno,

Dettagli