Gli elementi della retribuzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli elementi della retribuzione"

Transcript

1 Gli elementi della retribuzione Che cosa è la retribuzione netta Con questa lezione entriamo nel vivo della compilazione della busta paga, dopo aver appreso le nozioni preliminari necessarie alla comprensione di quanto diremo in seguito. Iniziamo, innanzi tutto, col vedere come si determina la retribuzione netta spettante al dipendente. Essa si ottiene sommando tra loro alcuni elementi aggiuntivi e sottraendo altri elementi detti, per l'appunto, elementi sottrattivi. Gli elementi aggiuntivi della retribuzione sono: paga base; indennità di contingenza; scatti di anzianità; assegni "ad personam", "di merito", accordi aziendali, III elemento; compenso per lavoro straordinario; una tantum; indennità e compensi vari (indennità di mensa, indennità di cassa, indennità di lavoro disagiato, premi di produzione, provvigioni, gratifiche, ecc.); assegni familiari. I principali elementi sottrattivi sono: Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 1

2 contributi sociali a carico del lavoratore; IRPEF dovuta sul reddito di lavoro dipendente, addizionale regionale e comunale. Altri elementi sottrattivi possono essere: importo di eventuali anticipi versati al dipendente prima del pagamento della retribuzione; trattenute relative a scioperi; eventuali quote per rimborso di prestiti erogati dall'azienda a favore del dipendente o per il pagamento da parte del dipendente di acquisti effettuati presso lo spaccio aziendale; eventuale quota di iscrizione ad un sindacato dei lavoratori. In questa lezione esamineremo quelli che sono denominati comunemente elementi della retribuzione e che sono indicati in quella che noi abbiamo chiamato sezione 2 del prospetto paga. La paga base La paga base è detta anche retribuzione base o minimo tabellare. Essa rappresenta l'elemento prevalente della retribuzione. L entità della paga base è determinata dal contratto collettivo applicabile ed è in funzione del livello attribuito al dipendente. Vediamo, ad esempio, la paga base prevista dal contratto collettivo del commercio, a partire dal 1 luglio Livello P aga base in euro Quadro 1.183,09 1 livello 1.065,73 2 livello 921,87 3 livello 787,94 Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 2

3 4 livello 681,46 5 livello 615,68 6 livello 552,74 7 livello 473,24 Cerchiamo di capire meglio il significato di questa tabella. Un quadro ha una paga base di 1.183,09 euro. Un primo livello ha una paga base di 1.065,73 euro. Un secondo livello ha una paga base di 921,87 euro, e così via. Questo significa che la paga base di due dipendenti, aventi lo stesso livello e ai quali è applicabile lo stesso contratto collettivo, è la stessa. La paga base viene periodicamente incrementata nei vari rinnovi contrattuali. Il contratto del commercio è stato rinnovato il 2 luglio 2004 con validità fino al 31 dicembre Allo stato attuale tale contratto è ancora in vigore, cioè nonostante la sua validità era prevista fino a tale data esso non è stato ancora rinnovato: vedremo meglio, in seguito, quali sono le conseguenze di tutto ciò. Con il rinnovo avutosi nel luglio del 2004 sono stati previsti, inoltre, dei successivi aumenti della paga base, aumenti stabiliti alle seguenti scadenze: 1/12/2004, 1/07/2005, 1/09/2006. Gli aumenti della paga base (da aggiungersi al valore precedente di essa), a partire dalle date sopra indicate, sono i seguenti: Livello 01/ 12/ / 07/ / 09/ 2006 Quadro 64,24 39,93 52,08 1 livello 57,86 35,97 46,92 2 livello 50,05 31,11 40,58 3 livello 42,78 26,59 34,69 4 livello 37,00 23,00 30,00 5 livello 33,43 20,78 27,10 6 livello 30,01 18,66 24,10 7 livello 25,69 15,97 20,83 Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 3

4 Vediamo cosa significa tutto questo. Attualmente un quadro percepisce: Paga base fissata dal contratto in vigore dal 1 luglio ,09 Aumento stabilito a partire dal 01/12/ ,24 Aumento stabilito a partire dal 01/07/ ,93 Aumento stabilito a partire dal 01/09/ ,08 Totale paga base 1.339,34 Un 1 livello percepisce: Paga base fissata dal contratto in vigore dal 1 luglio ,73 Aumento stabilito a partire dal 01/12/ ,86 Aumento stabilito a partire dal 01/07/ ,97 Aumento stabilito a partire dal 01/09/ ,92 Totale paga base 1.206,48 Un 2 livello percepisce: Paga base fissata dal contratto in vigore dal 1 luglio ,87 Aumento stabilito a partire dal 01/12/ ,05 Aumento stabilito a partire dal 01/07/ ,11 Aumento stabilito a partire dal 01/09/ ,58 Totale paga base 1.043,61 L indennità di contingenza L'indennità di contingenza, detta più semplicemente contingenza o scala mobile è nata con lo scopo di adeguare il salario all'andamento del costo della vita. Il suo importo veniva modificato ogni trimestre, al fine di evitare la Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 4

5 perdita di potere d acquisto dei salari causata dall'inflazione. A partire dal 1991, gli importi dell'indennità di contingenza sono stati congelati e non hanno più subito ulteriori adeguamenti. Nella tabella che segue riportiamo l entità dell indennità di contingenza nel settore commercio per i differenti livelli. Livello Contingenza in euro Quadro 540,37 1 livello 537,52 2 livello 532,54 3 livello 527,90 4 livello 524,22 5 livello 521,94 6 livello 519,76 7 livello 517,51 Nel momento in cui è stata abolita la contingenza è stato introdotto l'e.d.r., in altre parole l'elemento Distinto della Retribuzione il cui importo è di 10,33 euro mensili. L'E.D.R. non è, in alcun caso, previsto per i dirigenti. Tuttavia la voce E.D.R. spesso non è presente nel cedolino paga poiché, molti contratti collettivi, e tra questi anche quello del commercio, hanno previsto il conglobamento del suo importo nell'indennità di contingenza. Per cui, l'importo dell'indennità di contingenza riportato nella precedente tabella è già comprensivo dell'e.d.r. Gli scatti di anzianità Nella lezione 6, relativa ai dati anagrafici presenti nella busta paga abbiamo già accennato agli scatti di anzianità e abbiamo affermato che, nella prima parte della busta paga (quella che abbiamo denominato sezione 1), sono riportati il Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 5

6 numero di scatti maturati dal dipendente e la data di maturazione del successivo scatto. Abbiamo visto, inoltre, che il contratto collettivo del commercio prevede che gli scatti maturino ogni triennio, per un massimo di dieci e che, nella generalità dei casi, essi decorrono dal primo giorno del mese immediatamente successivo a quello in cui si compie lo scatto stesso. Ogni scatto di anzianità maturato dà diritto ad un incremento della retribuzione che mira a premiare la permanenza del dipendente presso la stessa azienda. L entità dello scatto è sempre in funzione del livello attribuito al dipendente. Il contratto collettivo può, inoltre, prevedere che esso sia determinato in misura fissa o come percentuale della paga base. Il contratto collettivo del commercio prevede una misura fissa per gli scatti di anzianità, a seconda del livello del dipendente. Riportiamo di seguito anche tale tabella. Livello Scatti in euro Quadro 25,46 1 livello 24,84 2 livello 22,83 3 livello 21,95 4 livello 20,66 5 livello 20,30 6 livello 19,73 7 livello 19,47 Assegni ad personam Come abbiamo osservato poc anzi, tutti i dipendenti ai quali è applicabile lo stesso contratto collettivo e che hanno lo stesso livello, percepiscono la medesima paga base, la stessa indennità di contingenza e, a parità di anni di Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 6

7 servizio presso la stessa azienda, gli stessi scatti di anzianità. Tuttavia, se ricordate, abbiamo affermato che il contratto individuale stipulato tra l imprenditore ed il lavoratore subordinato può prevedere delle condizioni economiche più favorevoli per il dipendente, rispetto a quelle previste nel contratto collettivo. Ecco allora che entrano in gioco gli assegni ad personam (denominati talora anche superminimi) e gli assegni di merito. L assegno ad personam è un elemento della retribuzione che può essere concesso al singolo dipendente in aggiunta al minimo contrattuale, in modo da garantirgli un trattamento economico più favorevole rispetto a quello previsto dal contratto collettivo per la categoria cui il lavoratore appartiene. La caratteristica fondamentale di tale elemento retributivo è quella di poter essere assorbito da eventuali successivi incrementi della paga base. Per evitare che ciò accada è necessario che l'assegno ad personam sia dichiarato non assorbibile, per iscritto, al momento della sua concessione. Supponiamo allora, che al dipendente sia corrisposto un assegno ad personam e che, successivamente, intervenga un aumento contrattuale della paga base. Due sono le situazioni possibili: le parti avevano stabilito per iscritto la non assorbibilità dell assegno ad personam. Il dipendente percepirà la nuova paga base, più il precedente importo dell assegno ad personam; le parti non avevano stabilito per iscritto la non assorbibilità dell assegno ad personam. Il suo importo potrà essere compreso nella paga base. Facciamo un esempio. Dipendente di 4 livello: paga base al 01/11/2004 contingenza ad personam totale 681,46 euro 524,22 euro 100,00 euro 1.305,68 euro Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 7

8 Il primo dicembre del 2004 c è un aumento della paga base che passa da 681,46 euro a 718,46 euro (681, ,00). Se l assegno ad personam è stato dichiarato per iscritto non assorbibile al momento della sua concessione la nuova situazione sarà la seguente: paga base al 01/12/2004 contingenza ad personam totale 718,46 euro 524,22 euro 100,00 euro 1.342,68 euro Se non è stata stabilita per iscritto la non assorbibilità dell assegno ad personam all atto della sua concessione, la nuova situazione sarà: paga base al 01/12/2004 contingenza ad personam totale 718,46 euro 524,22 euro 63,00 euro 1.305,68 euro La nuova misura dell assegno ad personam è determinata dalla differenza tra il suo precedente importo e l incremento della paga base. Ovvero: incremento della paga base 37,00 precedente importo assegno ad personam 100,00 parte dell assegno assorbito dall incremento della paga base 37,00 = nuova misura dell assegno ad personam 63,00. Quindi, soltanto nella prima ipotesi, c è stato un effettivo incremento della retribuzione complessiva del dipendente di 37,00 euro. Assegno di merito Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 8

9 L assegno di merito è un elemento della retribuzione simile all assegno ad personam. Anche in questo caso, infatti, è corrisposta, al singolo lavoratore, un integrazione rispetto alla paga base al fine di premiare la sua professionalità. Tuttavia questo elemento si differenzia dal precedente perché non può, in nessun caso, essere assorbito da eventuali aumenti della paga base. Accordo aziendale L accordo aziendale è un elemento integrativo della retribuzione, corrisposto a tutti i lavoratori di un'azienda o soltanto ad alcune categorie della stessa. III elemento Il III elemento è un importo fisso assegnato a tutti i lavoratori dipendenti che varia, in genere, da provincia a provincia. Il contratto collettivo del commercio prevede, in genere, un III elemento pari a 2,07 euro, ma questo dato, come è ovvio, varia a livello territoriale. I.V.C. La sigla I.V.C. sta per Indennità di Vacanza Contrattuale. In pratica, quando il contratto collettivo è scaduto e non è stato ancora rinnovato, si ha un periodo che viene denominato di vacanza contrattuale. In questo periodo viene riconosciuto ai dipendenti un indennità, che quindi è provvisoria e si applica fino al successivo rinnovo del contratto collettivo. Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 9

10 L indennità in questione si applica dopo un periodo di vacanza contrattuale pari a 3 mesi dalla data di scadenza del CCNL e viene corrisposta a partire dal mese successivo ovvero dalla data di presentazione delle piattaforme. L importo viene aumentato dopo 6 mesi di vacanza contrattuale. Per quanto riguarda il contratto del commercio, si è detto che esso è scaduto il 31/12/2006 e, ad oggi, non è stato ancora rinnovato. Per questa ragione ai lavoratori del settore viene attualmente corrisposta tale indennità. A partire dal primo luglio 2007 l indennità di vacanza contrattuale corrisposta ai dipendenti del settore commercio è la seguente: Livello I.V.C. in euro Quadro 18,80 1 livello 17,44 2 livello 15,76 3 livello 14,20 4 livello 12,96 5 livello 12,19 6 livello 11,46 7 livello 10,58 Per concludere Abbiamo fin qui visto tutti gli elementi aggiuntivi della retribuzione che saranno impiegati per i successivi calcoli necessari alla determinazione della retribuzione lorda spettante al dipendente. Tali elementi della retribuzione, infatti, hanno carattere continuativo ed entrano a far parte di quella che viene denominata retribuzione di fatto. Gli altri elementi aggiuntivi della retribuzione, quali rimborsi spese, compensi per lavoro straordinario, gratifiche straordinarie, una tantum, avendo di norma Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 10

11 carattere straordinario, non entrano a far parte della retribuzione di fatto. Di essi, come degli elementi sottrattivi avremo modo di parlare nelle successive lezioni. Di seguito riportiamo la tabella del totale retributivo previsto dal contratto collettivo del commercio. Ovviamente a tali valori andranno aggiunti quegli elementi (assegni ad personam e di merito) previsti, eventualmente, dai singoli contratti individuali. I valori riportati sono quelli previsti a partire dal 1 settembre Dal 1 settembre 2006 Livello Paga base Indennità Indennità di Scatti di III I.V.C. di funzione 1 contingenza anzianità elemento Quadri 1.339,36 180,76 540,37 25,46 2,07 18,80 1 livello 1.206,48 537,52 24,84 2,07 17,44 2 livello 1.043,61 532,54 22,83 2,07 15,76 3 livello 892,00 527,90 21,95 2,07 14,20 4 livello 771,46 524,22 20,66 2,07 12,96 5 livello 696,99 521,94 20,30 2,07 12,19 6 livello 625,51 519,76 19,73 2,07 11,46 7 livello 537,73 517,51 19,47 2,07 10,58 1 Ai quadri compete anche un indennità di funzione. Rosanna Marchegiani Merlin Wizard DMC 2007 Tutti i diritti riservati 11

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità TITOLO XXX Trattamento economico Articolo 7 NORMALE RETRIBUZIONE La normale retribuzione del lavoratore è costituita dalle voci sotto indicate alle lettere a), b), c) e d), nonché da tutti gli altri elementi

Dettagli

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA COME LEGGERE LA BUSTA PAGA Vediamo come si legge in pratica una busta paga, come individuare gli elementi della retribuzione, i vari tipi di trattenute, il loro calcolo e la loro interpretazione fino a

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Fatti i conti in... BUSTA PAGA DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati

Dettagli

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1 2 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

N E W S L E T T E R Area Risorse Umane

N E W S L E T T E R Area Risorse Umane N E W S L E T T E R Area Risorse Umane SPECIALE BUSTA PAGA CHIARA Numero 10-29 ottobre 2002 Questo numero speciale della N E W S L E T T E R tratta un tema molto tecnico e da addetti ai lavori, ma che

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

COME SI LEGGE IL CEDOLINO DELLO STIPENDIO. ProfessionistiScuola.it

COME SI LEGGE IL CEDOLINO DELLO STIPENDIO. ProfessionistiScuola.it COME SI LEGGE IL CEDOLINO DELLO STIPENDIO Numero Partita = è il numero identificativo di Partita di Spesa Fissa del dipendente. È importante indicare tale numero identificativo ogni volta che si debba

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio

Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio ANCL 1.12.2009 IL RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI INDUSTRIA Decorrenza: Il CCNL decorre dal 25.11.2009, salve le particolari decorrenze specificate nei singoli

Dettagli

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 21 FATTORE LAVORO Fonti che regolano il rapporto

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale.

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale. Roma, 21 dicembre 2009 LE TREDICESIME DEL 2009 * * * Nelle famiglie stanno per arrivare le tredicesime, un flusso di danaro che sempre di più verrà utilizzato per soddisfare bisogni primari a discapito

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono La busta paga La legge prevede che la busta paga deve contenere tutti gli elementi utili perché diventi comprensibile e identificabile per il lavoratore interessato. Gli elementi indispensabili per il

Dettagli

Guida alla lettura della busta paga

Guida alla lettura della busta paga Guida alla lettura della busta paga La busta paga è un documento che deve essere obbligatoriamente consegnato dal datore di lavoro al lavoratore dipendente al fine di certificare la retribuzione e le ritenute

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE CONTABILITA GENERALE 19 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 29 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

Come leggere la busta paga

Come leggere la busta paga Come leggere la busta paga Indice Che cosa è pag. 3 A cosa serve pag. 4 La struttura della busta paga pag. 5 Intestazione (dati ditta dati anagrafici e contrattuali lavoratore) pag. 6 Corpo della Busta

Dettagli

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923 Lo straordinario Questa materia e' regolata da leggi e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria (contratti Federmeccanica e Confapi).

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Il TFR TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine

Dettagli

Trattamento Economico della Dirigenza Medica LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DEL DIRIGENTE MEDICO

Trattamento Economico della Dirigenza Medica LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DEL DIRIGENTE MEDICO Trattamento Economico della Dirigenza Medica LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DEL DIRIGENTE MEDICO 2 Struttura della retribuzione CCNL 2002-2005 art. 33 TRATTAMENTO FONDAMENTALE TRATTAMENTO ACCESSORIO INDENNITA

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 02 2015

NEWSLETTER LAVORO 02 2015 AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 02 2015 Normativa lavoro 1. Jobs Act: approvazione decreto contratto tutele crescenti e novità in via di approvazione 2. Stabilizzazione

Dettagli

SETTORE CONTRATTUALE ACCONCIATURA ed ESTETICA TABELLE SALARIALI N. 13

SETTORE CONTRATTUALE ACCONCIATURA ed ESTETICA TABELLE SALARIALI N. 13 SETTORE CONTRATTUALE ACCONCIATURA ed ESTETICA TABELLE SALARIALI N. 13 scadenzario n.13 operai/impiegati n.13 A apprendisti legge 196/97 n.13 B app. profess (assunti fino al 30/11/2011) n.13 C app. profess

Dettagli

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA APPLICABILE ANCHE AL 2010 L articolo 2, co.156 e 157 della Finanziaria 2010 rende operative anche per il 2010 alcune misure finalizzate al sostegno della famiglia,

Dettagli

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili Sommario Detassazione 3 Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli 3 straordinari Il decreto anticrisi 4 Voci detassabili 4 Cosa dice la norma 5 Come deve procedere il lavoratore

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

BUSTA PAGA. PERSONALE DIPENDENTE Dirigenti

BUSTA PAGA. PERSONALE DIPENDENTE Dirigenti BUSTA PAGA PERSONALE DIPENDENTE Dirigenti CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO DEL PERSONALE MEDICO/VETERINARIO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 2008-2009 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Dettagli

Da tale definizione si evince come i caratteri peculiari del suddetto rapporto siano i tre seguenti:

Da tale definizione si evince come i caratteri peculiari del suddetto rapporto siano i tre seguenti: LA GESTIONE E L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE di Giuliana Airaghi Masina Destinatari: alunni classi IV IGEA IV IPSC Obiettivi: conoscere il diverso significato di lavoro subordi nato e lavoro autonomo

Dettagli

Studi Professionali, Accordo rinnovo CCNL - 1.10.1999-30.09.2003

Studi Professionali, Accordo rinnovo CCNL - 1.10.1999-30.09.2003 Studi Professionali, Accordo rinnovo CCNL - 1.10.1999-30.09.2003 VERBALE DI ACCORDO Il giorno 24 ottobre 2001, presso la sede della FEDERNOTAI in Roma, Via Flaminia 162 Tra Consilp-Confprofessioni rappresentata

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

Circolare Informativa n 37/2012. Scadenze CCNL SETTEMBRE 2012

Circolare Informativa n 37/2012. Scadenze CCNL SETTEMBRE 2012 Circolare Informativa n 37/2012 Scadenze CCNL SETTEMBRE 2012 e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 16 INDICE 1) Area Chimica Ceramica pag. 3 2) Metalmeccanica Artigianato (Contratti

Dettagli

Il Corso. Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro. Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto

Il Corso. Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro. Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto Il Corso Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Disciplina Duplice natura Beneficiari La legge n. 297/1982

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 IL LAVORO E L IMPRESA LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B illustrazione di Gianni Chiostri Comitato Assise Italo

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

ELEMENTI FISSI: ELEMENTI VARIABILI:

ELEMENTI FISSI: ELEMENTI VARIABILI: LA BUSTA PAGA E' il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per un determinato periodo di lavoro. Il datore di Lavoro ha l'obbligo di consegnare (Legge n. 4 del 1953) prospetto

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 24/2010 Roma, 9 giugno 2010 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Alla CONFAPI Via della Colonna Antonina n. 52 00186 Roma Prot. 25/I/0010267

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato.

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato. Settore Artigiano Accordo interconfederale - 15 dicembre 2009 Accordi - 15 dicembre 2009 Retribuzioni contrattuali dal 1º gennaio 2010 e bilateralità â Parti stipulanti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

Filctem Michelin: Formazione Sindacale. La Busta Paga. di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it

Filctem Michelin: Formazione Sindacale. La Busta Paga. di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it 1 La Busta Paga di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it Indice: Che Legge La Regola? Quali Informazioni Contiene? 2 Cos è La Busta Paga? Le Voci Economiche Elementi Fissi e Variabili A Cosa Serve? Contributi

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

Oggetto: Detassazione straordinari e altri elementi produttività: un opportunità

Oggetto: Detassazione straordinari e altri elementi produttività: un opportunità Lissone, Novembre 2010 Circolare n 22 /2010 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Detassazione straordinari e altri elementi produttività: un opportunità Gentile Cliente, con la presente abbiamo il piacere

Dettagli

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale.

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Alcune amministrazioni, in violazione del Contratto

Dettagli

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE A cura del GRUPPO SULLE PROBLEMATICHE DEL LAVORO dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino, Ivrea e Pinerolo Relatore dottoressa Luisella

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

Ipotesi di Accordo del 13 maggio 2014 - C.C.I.R.L. del 12 febbraio 2001 TABELLA DELLE RETRIBUZIONI VALIDA DAL 1 OTTOBRE 2015

Ipotesi di Accordo del 13 maggio 2014 - C.C.I.R.L. del 12 febbraio 2001 TABELLA DELLE RETRIBUZIONI VALIDA DAL 1 OTTOBRE 2015 AREA COMUNICAZIONE - (Arti grafiche Cartotecnica - Grafica pubblicitaria Grafinformatica Studi di progettazione - Tecnico grafica Fotografia - Video fotografia ed affini Eliografie Copisterie) Ipotesi

Dettagli

Guida alla retribuzione

Guida alla retribuzione Guida alla retribuzione A cura della dott.ssa Valentina Paoli La retribuzione costituisce l'obbligazione fondamentale che il datore di lavoro ha nei confronti del/la lavoratore/trice. L'art. 36 della Costituzione

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI 2 BIENNIO ECONOMICO 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI 2 BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI 2 BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 Pag. 2 In data 24 ottobre 2002 alle ore 10,30 ha avuto luogo l'incontro

Dettagli

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA REQUISITI DELLA BUSTA PAGA Corrispettività: deve trattarsi di importi che trovano causa diretta ed indiretta nel rapporto di lavoro; Onerosità: la prestazione di lavoro subordinato

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

TRATTAMENTO PENSIONISTICO

TRATTAMENTO PENSIONISTICO TRATTAMENTO PENSIONISTICO di Valerio Cai, dalla Gilda di Firenze, 2 dicembre 2005. Le riforme del sistema pensionistico, attuate a partire dal 1992, hanno mirato ad impedire il prepensionamento e a ridurre

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

Incontro tecnico di approfondimento per l applicazione del nuovo CCNL Assofarm 2013 Allegato 1

Incontro tecnico di approfondimento per l applicazione del nuovo CCNL Assofarm 2013 Allegato 1 Incontro tecnico di approfondimento per l applicazione del nuovo CCNL Assofarm 2013 Allegato 1 Roma, 23 settembre 2013 Passaggio da CCNL 2007 a CCNL 2013 (per chi non ha adottato il regolamento) B1. Salvaguardia

Dettagli

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE Circolare n. 5 del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Detassazione dei premi di produttività... 2 2.1 Regime

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

QUANTO PERDE OGGI CON LA CASSA INTEGRAZIONE UN LAVORATORE METALMECCANICO

QUANTO PERDE OGGI CON LA CASSA INTEGRAZIONE UN LAVORATORE METALMECCANICO QUANTO PERDE OGGI CON LA CASSA INTEGRAZIONE UN LAVORATORE METALMECCANICO Non è vero che la cassa copre l 80% degli stipendi se guardiamo ai minimi tabellari del Ccnl Industria metalmeccanica: L indennità

Dettagli

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che ACCORDO PER IL PASSAGGIO DEI QUADRI DIRETTIVI E DEL PERSONALE DELLE AREE PROFESSIONALI DELLA CASSA DEPOSIT I E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I QUADRI DIRETTIVI

Dettagli

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione.

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Roma, 4-7-2005 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per loro tramite: - Alle Amministrazioni Statali - Agli Enti con Personale Iscritto alle Casse CPDEL,

Dettagli

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ Il rinnovo del ccnl 28 maggio 2012 sottoscritto in data 9 luglio 2015, contiene novità di rilievo, come si illustra di seguito. DECORRENZA E DURATA (Art. 203) Il

Dettagli

GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI

GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI Gilda Nazionale Degli Insegnanti Via Salaria, 44 00138 Roma Tel. 068845005 095 fax. 0684082071 www.gildains.it

Dettagli

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE.

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. IMPEGNATIVA DEL NUOVO DATORE DI LAVORO SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. per mancato perfezionamento procedura di regolarizzazione Il Commissariato del governo per la

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Circolare Informativa n 1/2014 Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Pagina 1 di 12 INDICE 1) Alimentari PMI pag. 3 2) Area Alimentazione e panificazione pag.6 3) Autorimesse e noleggio automezzi pag.8 4) Carta

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF di Pietro Ghigini docente di Economia aziendale Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF Premessa Approvata sul filo di lana, evitando per un soffio che i lavori parlamentari scivolassero

Dettagli

Elementi Costitutivi della Retribuzione

Elementi Costitutivi della Retribuzione Elementi Costitutivi della Retribuzione Nel porsi la domanda: "sono ben ricompensato?" un lavoratore deve prendere in considerazione molti aspetti, non solo la retribuzione. Deve prendere in conto, come

Dettagli

MINIMI SALARIALI NAZIONALI DI AREA ORARI IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2007 Operai florovivaisti

MINIMI SALARIALI NAZIONALI DI AREA ORARI IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2007 Operai florovivaisti OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI MINIMI SALARIALI MENSILI DI AREA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2007 Operai agricoli AREE PROFESSIONALI MINIMI AREA 1a 1070,14 AREA 2a 984,77 AREA 3a 648,57 MINIMI SALARIALI NAZIONALI

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013 Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013 Roma, 31 luglio 2013 1. Un nuovo contratto L accordo in oggetto (pur garantendo una continuità economica con il precedente CCNL a mezzo

Dettagli

LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE

LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE LA RETRIBUZIONE PREVIDENZIALE E FISCALE Esempi pratici a cura di Alessandra Gerbaldi xx 1 SCHEDA SINTETICA DEGLI IMPONIBILI PREVIDENZIALI E FISCALI Di seguito si riporta una scheda sintetica (Esempio A),

Dettagli

QUANDO POSSO ANDARE IN PENSIONE? QUANTO MI SPETTA? ATTUALITÀ

QUANDO POSSO ANDARE IN PENSIONE? QUANTO MI SPETTA? ATTUALITÀ QUANDO POSSO ANDARE IN PENSIONE? QUANTO MI SPETTA? AFFRONTIAMO UN ARGOMENTO DI ATTUALITÀ SITUAZIONE DIFFERENZIATE SECONDO L ETÀ SISTEMI E CALCOLI DIVERSI. a domanda PEISAF: dal 0/0/008 occorre un anziala

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia.

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia. IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia Agosto 2010 1 Sommario 1. Un po di storia... 3 2. La normativa attuale

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE dal TFS al TFR

LA LIQUIDAZIONE dal TFS al TFR LA LIQUIDAZIONE dal TFS al INCA IL SISTEMA R E T R I B U Z I O N E Contributi Datore di Lavoro Contributi a carico del Dipendente PENSIONE Rendita vitalizia Contribuzione complessiva 33% LIQUIDAZIONE Rendita

Dettagli

LEGGERE LA BUSTA PAGA

LEGGERE LA BUSTA PAGA LEGGERE LA BUSTA PAGA Maria Elisa Caldera Consulente del Lavoro Iscritta al n 839 dell'ordine Provinciale di Brescia info@calderaconsulenzalavoro.it Programma di Lavoro Busta paga: Cos'è A cosa serve Le

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine del rapporto di lavoro. Questo

Dettagli

OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI

OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLEGATO n.1 OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI MINIMI SALARIALI MENSILI DI AREA IN VIGORE DAL 1 gennaio 2011 AREE PROFESSIONALI MINIMI AREA 1a 1.200,00 AREA 2a 1.100,00

Dettagli

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 In data 21 Dicembre 2009, alle ore 10.30, presso la Sala Riunioni dell A.S.L.

Dettagli

NOTA METODOLOGICA ELABORAZIONE COSTO DEL LAVORO

NOTA METODOLOGICA ELABORAZIONE COSTO DEL LAVORO NOTA METODOLOGICA ELABORAZIONE COSTO DEL LAVORO Aspetti generali La procedura di calcolo consente di determinare analiticamente il costo del lavoro per un congruo numero di settori contrattuali. L'impostazione

Dettagli

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare Tra gli elementi aggiuntivi della retribuzione vi può essere l'assegno familiare. Va precisato, anzi tutto,

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE

RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE In data 1 agosto 2013 è stato rinnovato il CCNL, scaduto il 31 dicembre 2012. Sul piano economico, l Accordo prevede, per il triennio 2013-2015, un aumento

Dettagli

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO 1. QUADRO RMATIVO...2 1.1 Contenuti del D.L. n. 93/08...2 1.2 Contenuti del D.L. n. 185/08... 2 1.3 Contenuti della L. n. 191/09...3 1.4 Contenuti

Dettagli

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi.

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Circolare n.3/2011 Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Il 6 aprile 2011 la Confcommercio insieme alla Fisascat Cisl e la Uiltucs Uil ha sottoscritto

Dettagli

LA BUSTA PAGA MA INSOMMA QUANTO PRENDO AL MESE? Manualetto per poter leggere la propria busta paga a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia

LA BUSTA PAGA MA INSOMMA QUANTO PRENDO AL MESE? Manualetto per poter leggere la propria busta paga a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia LA BUSTA PAGA MA INSOMMA QUANTO PRENDO AL MESE? Manualetto per poter leggere la propria busta paga a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia Gennaio 2013 1 Sommario

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 22 22.04.2015 Redditi di lavoro dipendente e assimilati La novità del Bonus Irpef Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Nel quadro

Dettagli

Trattamento Economico del personale tecnico amministrativo e calcolo dello stipendio mensile

Trattamento Economico del personale tecnico amministrativo e calcolo dello stipendio mensile Strumento utile alla lettura del Cedolino Stipendi Trattamento Economico Fonti normative Le fonti normative che regolano il trattamento economico del personale in servizio presso le Università si differenziano

Dettagli

IMPLEMENTAZIONI. STCOLF: Stampe Colf Il comando STCOLF racchiude le seguenti opzioni: 1. Stampa brogliaccio bollettini; 2. Stampa bollettini.

IMPLEMENTAZIONI. STCOLF: Stampe Colf Il comando STCOLF racchiude le seguenti opzioni: 1. Stampa brogliaccio bollettini; 2. Stampa bollettini. TB1502: Tabella contributi Colf La Tabella contributi Colf viene creata dal comando di conversione (successivamente verrà aggiornata con l aggiornamento delle tabelle fisse) e contiene gli elementi da

Dettagli

Autodifesa per i lavoratori del settore della Ricerca

Autodifesa per i lavoratori del settore della Ricerca Autodifesa per i lavoratori del settore della Ricerca Prof. Marco Mocella Diritto del Lavoro Università del Sannio Indennità di Vacanza Contrattuale Cos è L indennità di Vacanza Contrattuale? Ad oggi in

Dettagli

LE COPERTURE NECESSARIE PER Quota96

LE COPERTURE NECESSARIE PER Quota96 LE COPERTURE NECESSARIE PER Quota96 Vorremmo impostare un ipotetico calcolo sui costi aggiuntivi per mettere i puntini sulle i. Risarcire i Q96, oltre che un diritto ormai consolidato darebbe una possibilità

Dettagli