odiare dai loro clienti Quando le aziende si fanno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "odiare dai loro clienti Quando le aziende si fanno"

Transcript

1 IDEE STRATEGIE INNOVAZIONE ITALIA luglio/agosto 2007 n.7/8 Quando le aziende si fanno odiare dai loro clienti Che se ne rendano conto o no, molte aziende inducono i loro clienti a fare acquisti sbagliati, e il risultato è che i loro profitti finiscono con il dipendere da consumatori insoddisfatti. State commettendo anche voi lo stesso errore? di GAIL J. MCGOVERN e YOUNGME MOON

2 MARKETING Quando le aziende si fanno odiare dai loro clienti Che se ne rendano conto o no, molte aziende inducono i loro clienti a fare acquisti sbagliati, e il risultato è che i loro profitti finiscono con il dipendere da consumatori insoddisfatti. State commettendo anche voi lo stesso errore? di GAIL J. MCGOVERN e YOUNGME MOON Harvard Business Review Una delle regole più certe del marketing è che la soddisfazione del cliente genera lealtà, e la lealtà genera profitti. Perché, allora, tante aziende fanno imbestialire i loro clienti vincolandoli con dei contratti, taglieggiandoli con le spese, confondendoli con clausole scritte in piccolo e penalizzandoli in altro modo per la loro disponibilità? Perché, purtroppo, questi comportamenti pagano. Le aziende hanno scoperto che dei clienti confusi e male informati, che finiscono spesso per prendere decisioni di acquisto improprie, possono essere estremamente profittevoli. Quella che segue è una lettura istruttiva. Alcune aziende sfruttano consapevolmente e cinicamente i clienti in questo modo. Ma nelle conversazioni che abbiamo avuto con dozzine di dirigenti di vari settori, abbiamo scoperto che nella maggioranza dei casi le imprese che traggono profitto dalla confusione dei loro clienti sono cadute inavvertitamente in una trappola. Senza aver mai preso una decisione specifica in questo senso, nell arco di anni, esse hanno tratto sempre più vantaggio dai loro clienti. In genere non c è un momento specifico in cui hanno varcato un confine. Diciamo che si sono ritrovate su una china scivolosa che le ha portate a una strategia sempre più antagonistica. Pensate al servizio di telefonia cellulare, alle banche e al settore delle carte di credito; è dimostrato che ciascuno di essi sfrutta i clienti che non sono in grado di comprendere o di seguire le regole che riguardano le tariffe, il saldo minimo, lo scoperto, i limiti di affidamento o le scadenze di pagamento. Quasi tutte le aziende che operano in questi settori hanno esordito con strategie di prodotto e di prezzo finalizzate a fornire valore a una pluralità di segmenti di clientela, ognuno dei quali ha i suoi bisogni e le sue sensibilità al prezzo. Ma oggi, molte aziende di questi settori e di altri scoprono che le loro strategie trasparenti e orientate al cliente per la fornitura di valore si sono trasformate in strategie opache e centrate sull azienda, per l estrazione di valore. Anche se questo approccio per un po può Luglio/Agosto

3 QUANDO LE AZIENDE SI FANNO ODIARE DAI LORO CLIENTI funzionare molti operatori di successo sono altamente profittevoli le imprese che sfruttano i clienti sono perpetuamente soggette alla loro ostilità repressa. I clienti potrebbero vendicarsi in qualunque momento, con il sarcasmo, le cause giudiziarie e la defezione. Le aziende che estraggono valore dai clienti nell ambito di una strategia consapevole sanno chi sono e cosa stanno facendo. Ma per quelle che non si rendono conto di trovarsi su una china sdrucciolevole, l articolo può servire a riconoscere e ad abbandonare queste pratiche rischiose, a ridurre la vulnerabilità alla rappresaglia dei clienti e ad accrescere il vantaggio competitivo. Gail McGovern è professore di Management alla Harvard Business School di Boston. Youngme Mon è professore associato di Business Administration presso la Harvard Business School. La china scivolosa Le aziende possono approfittare della confusione, dell ignoranza e della scarsa capacità decisionale dei clienti in due modi collegati. Il primo deriva dal legittimo tentativo di creare valore mettendo a loro disposizione una vasta gamma di offerte. Il secondo deriva dalla decisione, altrettanto legittima, di usare lo strumento del prezzo e quello delle penalità per coprire i costi e scoraggiare il comportamento indesiderabile dei clienti. Nel primo caso l azienda crea un portafoglio diversificato a livello di prodotti e di prezzi per offrire proposizioni di valore differenziate ai diversi segmenti di clientela. A parità di tutte le altre condizioni, un albergo che ha tre tipi di camere a tre diversi livelli di prezzo può servire una clientela più ampia di un albergo che ha solo un tipo di camera a un prezzo standard. Tuttavia, i clienti traggono beneficio da questa eterogeneità di proposte solo quando vengono guidati verso l offerta che meglio risponde ai loro bisogni. L azienda è meno disposta ad aiutare i clienti a fare scelte valide se sa di poter realizzare maggiori profitti quando fanno scelte sbagliate. Naturalmente, solo le aziende più disoneste indurrebbero esplicitamente i clienti a fare scelte improprie. Ma ci sono delle situazioni in cui anche aziende generalmente ben intenzionate usano portafogli complessi per indurre scelte subottimali sono tattiche che accelerano la discesa lungo la china scivolosa. Delle offerte complicate possono impedire ai clienti di distinguere tra i diversi prodotti anche in presenza di informazioni esaurienti (come avviene spesso nei servizi bancari); possono confonderli con la mancanza di trasparenza (gli alberghi, ad esempio, non rivelano quasi mai l intera gamma delle opzioni disponibili, con i relativi sconti e i relativi upgrading); e consentono alle aziende di trarre vantaggio dalla difficoltà dei consumatori di prevedere i propri bisogni effettivi (ad esempio, i minuti di utilizzo mensile del telefono cellulare). Le imprese possono approfittare delle cattive decisioni dei clienti anche facendo un affidamento eccessivo sulle penalità e sui costi dei servizi. Questi addebiti si potevano originariamente concepire come un mezzo per dissuadere i clienti dall adozione di un comportamento indesiderabile, e per recuperare i costi sostenuti a seguito di tale comportamento. Le penalizzazioni per l emissione di un assegno non coperto, ad esempio, erano nate per scoraggiare i clienti delle banche a spendere più di quanto avevano sul conto e per recuperare i costi amministrativi. Quella pratica era dunque benefica sia per l azienda sia per il cliente. Ma molte aziende hanno scoperto che le penali possono essere estremamente profittevoli; di conseguenza, hanno tutto l interesse a fare in modo che i loro clienti le debbano pagare o quantomeno a non dissuaderli dal mettere in atto i comportamenti che le fanno scattare. Molte società che emettono carte di credito, ad esempio, non si rifiutano di avallare una transazione che farebbe superare al titolare della carta i suoi limiti di affidabilità; è più conveniente lasciare che lo faccia e poi imporgli delle penalità. Le strategie all opera Queste strategie antagonistiche per l estrazione di valore sono comuni a vari settori e a varie tipologie d impresa, dalle banche agli alberghi, ai club del libro, alle videoteche, alle agenzie di prenotazione e agli autonoleggi. Qui vedremo in dettaglio alcuni esempi di queste strategie nei servizi di telefonia cellulare, nel retail banking e nelle palestre. 2

4 MARKETING Servizi di telefonia cellulare. Quando sottoscrivono dei piani tariffari, gli utenti dei servizi di telefonia cellulare devono scegliere generalmente un «pacchetto» tariffario. Un tipico fornitore offre ad esempio varie decine di opzioni di pricing, che vanno dai piani ultrascontati per telefonate molto brevi ai piani ad alto prezzo che coprono decine di ore di conversazione. Ogni piano ha le sue limitazioni e i suoi incentivi. Mentre può apparire un approccio che mette il cliente al centro dell offerta di valore, questi portafogli di servizio sono sostanzialmente progettati per sfruttare la difficoltà dei clienti nella previsione delle modalità di utilizzo, penalizzandoli per un uso eccessivo o per un uso insufficiente. Il gestore si avvantaggia quando i clienti scelgono dei piani che non ne riflettono le effettive modalità di consumo, quale che sia la direzione dell errore. In effetti, il 50% del reddito dei gestori viene da penalizzazioni per l uso eccessivo o insufficiente quello che si chiama tecnicamente «breakage». Queste tattiche saranno anche profittevoli, ma generano un profondo scontento. La U.S. Federal Communications Commission riceve ogni anno decine di migliaia di reclami contro le società di telefonia cellulare. Le costanti lamentele che proliferano sui blog e su appositi siti anti-aziendali (www.hateverizon.org ne è un tipico esempio), genera un enorme pubblicità negativa. La profonda insoddisfazione è ulteriormente visibile nell incessante mobilità dei clienti; non è insolito, ad esempio, che un grande gestore registri un ricambio del 25% della clientela nel giro di un anno una percentuale stratosferica, visto che quasi tutti gli utenti sono legati a dei contratti. Questo livello di turnover obbliga le aziende a impegnarsi in una continua e aggressiva campagna di acquisizione di nuovi clienti, che comporta spese pubblicitarie altissime. Nel 2005, le imprese americane di telefonia cellulare hanno speso in pubblicità più di sei miliardi di dollari, con dei costi di acquisizione intorno a dollari per cliente. L insoddisfazione e il tasso di ricambio possono essere particolarmente preoccupanti per le imprese che vedono i propri clienti passare a un concorrente in grado di mettere a loro disposizione un alternativa trasparente e comoda. Considerate ciò che è accaduto nella telefonia cellulare nel 2002, quando arrivò sulla scena Virgin Mobile USA. Lo scenario competitivo sembrava decisamente sfavorevole: il settore era già sovraffollato, il tasso di penetrazione nel mercato era alto, la crescita dei ricavi cominciava a rallentare e il brand Virgin era poco conosciuto negli Stati Uniti, al di là della sua fama di compagnia aerea eccentrica. L arma competitiva della Virgin era un offerta molto semplice: un piano tariffario basato sull utilizzo, che non comportava oneri nascosti, restrizioni orarie, vincoli contrattuali, e proponeva tariffe chiare e ragionevoli. Con un budget pubblicitario di soli cinquanta milioni di dollari all anno (meno di un decimo di quello di alcuni operatori consolidati), l azienda acquisì un milione di abbonati in cinque trimestri, eguagliando il record del settore. Oggi Virgin Mobile USA ha quasi cinque milioni di abbonati e un tasso di ricambio dei clienti nettamente al di sotto della media di settore per le tariffe a consumo, anche se i suoi clienti sono liberi di andarsene senza penalità. Nel frattempo, in un settore tristemente noto per i bassi livelli di soddisfazione, la customer satisfaction della Virgin è stata eccellente, posizionandosi sul novantesimo percentile fin dall inizio. Inoltre, i clienti in essere hanno fatto da ambasciatori con il passaparola: fino all anno scorso più di due terzi dicevano di aver raccomandato il servizio ad amici e familiari. La strategia competitiva della Virgin è stata espressamente progettata per sfruttare l insoddisfazione dei clienti per le pratiche furbesche degli operatori dominanti. Come ci ha detto Dan Schulman, CEO di Virgin Mobile USA, «i nostri clienti-obiettivo non si fidavano dei piani tariffari in atto nel settore. Sono consumatori avveduti, e odiano sentirsi presi in giro. Noi abbiamo studiato un offerta che ci differenzia dai concorrenti». Le osservazioni di Schulman ricordano da vicino i commenti che abbiamo sentito dai dirigenti delle banche, dei circoli sportivi, dei fondi comuni e di altri settori che hanno studiato offerte trasparenti nell ambito di una strategia consapevole, finalizzata ad attirare i clienti insoddisfatti dei loro concorrenti. Retail banking. Quando sottoscrivono dei conti correnti, i clienti delle banche si sentono chiedere quasi sempre di scegliere tra una decina di offerte. A seconda del saldo minimo che decidono di lasciare sul conto, la banca paga un determinato tasso di interesse e accetta di abolire o modificare certe spese. Ma considerate quello che avviene se un cliente non rispetta il saldo minimo concordato. Se va in rosso, paga severe penali e spese; se va decisamente sopra il minimo si ritrova a percepire un interesse inferiore a quello che avrebbe ottenuto con un diverso tipo di Luglio/Agosto

5 QUANDO LE AZIENDE SI FANNO ODIARE DAI LORO CLIENTI conto corrente. Anche in questo caso l azienda vince e il cliente perde, quale che sia la direzione del suo errore. E, anche in questo caso, i clienti che scelgono il prodotto sbagliato sono tendenzialmente più profittevoli di quelli che scelgono un prodotto in linea con le loro esigenze. Quando hanno scoperto il potenziale di profitto degli oneri e delle penali, le banche hanno gradualmente modificato le proprie tattiche di sfruttamento dei clienti. Ad esempio, quando alcune banche fanno il saldo clienti a fine giornata, accreditano gli assegni in ordine di grandezza prima i più consistenti anziché in ordine cronologico. Ciò aumenta la probabilità che gli assegni residui siano scoperti, consentendo alla banca di addebitare il cliente. Analogamente, molte banche hanno introdotto delle facilitazioni sullo scoperto, che inducono i clienti ad adottare comportamenti di consumo che producono delle penali. I clienti che usano il bancomat, ad esempio, si trovano sempre più spesso a sovra-addebitare i loro conti correnti senza esserne formalmente avvisati; la notificazione arriva dopo, sotto forma di penale. Secondo una stima, nel 2006 i consumatori americani hanno pagato quasi 53 miliardi di dollari per gli scoperti bancari, con un incremento del 58% rispetto a cinque anni prima. Questi numeri sono in continuo aumento, mentre la penalizzazione media per lo scoperto di conto corrente ha toccato il massimo storico nel Le spese complessive addebitate ai conti correnti hanno continuato ad aumentare nel decennio scorso; nel 2005 gli incrementi percentuali delle spese in quattro delle prime dieci banche americane erano a due cifre. A prima vista, la «spremitura» dei clienti potrebbe sembrare una strategia efficace. Negli ultimi dieci anni i profitti delle banche americane sono aumentati quasi del 67 percento. I corsi azionari sono in aumento per tutte le maggiori banche, al pari dei ricavi. Allora perché gli istituti di credito non dovrebbero fare conto su delle commissioni elevate? Come nel caso della telefonia cellulare, la frustrazione dei clienti è andata alle stelle. Stando a una recente indagine della Consumer Federation of America, la stragrande maggioranza dei risparmiatori è convinta che consentire lo scoperto senza darne notizia sia una pratica commerciale scorretta. Le lamentele dei consumatori si sono fatte così insistenti che nel 2007 la parlamentare di New York, Carolyn Maloney, ha reintrodotto il Consumer Intuire i bisogni del consumatore di Thomas Ingelfinger / Amministratore delegato e direttore generale Beiersdorf Italia >> Iniziare le riflessioni in tema di fedeltà partendo dal consumatore non è solo corretto, ma è soprattutto necessario in questi tempi di iper-competizione. Inoltre, la pratica dimostra che un consumatore soddisfatto, o meglio ancora contento, genera dei dipendenti più felici e degli azionisti ancora più felici. Infatti, Gail Mc Govern e Youngme Moon propongono alle aziende di trasformare le proprie strategie in modo che siano più trasparenti e orientate al consumatore. L obiettivo è di accrescere valore modificando quelle strategie che sono troppo orientate all azienda per essere in grado di dare un effettivo contributo in termini di creazione di valore. Dall altra parte rimane ferma la validità del principio di marketing che vede la customer satisfaction come conditio sine qua non per generare maggiore fedeltà e, quindi, per rendere più sostenibili i profitti. A una prima osservazione maggiore fedeltà e maggiori profitti possono sembrare obiettivi in contrapposizione tra loro. Ma, se guardiamo bene la pratica e gli esempi che Gail Mc Govern e Youngme Moon riportano, nei fatti le due finalità hanno un chiaro punto di congiunzione. Le prospettive di facili profitti (generati da cattiva informazione, penalità sui contratti, politiche commerciali poco chiare, ecc.) portano l azienda a tradire il proprio stesso statuto consumer oriented in favore di un più comodo approccio company-centred. Ma tale meccanismo può funzionare solo se tutto un settore merceologico «inganna» il consumatore. Infatti quando nel mercato si affaccia un player che innovando e rompendo le regole offre un prodotto di maggior soddisfazione, ecco che le schie- 4

6 MARKETING Overdraft Protection Fair Practices Act per impedire alle banche di addebitare le penali per lo scoperto senza la formale adesione del cliente. Queste pratiche bancarie hanno un effetto pesantissimo sulla soddisfazione dei clienti. I consumatori non hanno esitato a ricorrere al sistema giudiziario per dare sfogo alla propria ira. La Bank of America, ad esempio, sta fronteggiando un azione collettiva pubblicizzata da tutti i media in cui viene accusata di avere prelevato illegittimamente le commissioni di scoperto da conti di deposito destinati a ricevere i versamenti della Social Security. Non c è dunque da sorprendersi se quando appare sulla scena un operatore corretto i clienti se ne vanno. Considerate il caso della banca online ING Direct: nei sei anni trascorsi dall inizio dell attività, ING Direct ha sempre avuto un atteggiamento risolutamente amichevole nei confronti del cliente, offrendo prodotti chiari e facilmente comprensibili. Fin dall inizio l azienda ha rifiutato deliberatamente l ortodossia bancaria mettendo a disposizione conti di risparmio senza spese, senza interessi impliciti e senza minimi obbligatori. Oggi offre conti correnti altrettanto semplici e garantisce ai clienti l accesso senza costi aggiuntivi a un network di sportelli bancomat. Il suo sito web non contiene nessuna delle forme di cross-selling che sono caratteristiche di quasi tutti i siti delle banche, e il suo portafoglio di offerte rimane un esempio di linearità per quanto riguarda i prodotti e il pricing. Quell approccio ha pagato. ING Direct è attualmente la quarta banca retail del Paese, con asset superiori a sessanta miliardi di dollari. In questo settore ultra competitivo, ING Direct acquisisce centomila clienti al mese e la sua base di clientela si sta rapidamente avvicinando ai cinque milioni di persone. Circoli sportivi. I circoli sportivi sono abituati da sempre ad attrarre i clienti con offerte ultra appetibili nell immediato, assalendoli con proposte commerciali aggressive e poi vincolandoli con contratti di lungo termine. Questo perché alcuni dei loro clienti più profittevoli in termini di costo del servizio erano quelli che si iscrivevano per un periodo lunghissimo, ma si facevano vedere raramente. In effetti, molte società di questo settore, sapendo che il tipico cliente di un circolo sportivo ne utilizza sporadicamente gli impianti, vendono intenzionalmente molte più iscrizioni di quelle che potrebbero materialmente reggere. Inoltre, molti club re di consumatori infelici e infuriati abbandonano la vecchia strada per la nuova. Proprio come nel caso di Virgin Mobile USA e ING Direct, che sono state in grado di rispondere a un bisogno di chiarezza e trasparenza. Nel mercato dei beni di largo consumo, la dura legge dello scaffale (molteplicità dell offerta, immediato confronto sul prezzo) corregge e sconfigge da subito i beni (e quindi le aziende) che non si propongono come chiari e «facilitatori» della vita del consumatore. Un consumatore infelice può scegliere tra un offerta spesso molto ampia e può cambiare senza penali esercitando tutta la sua libertà. Ecco perché nel mercato dei beni di largo consumo la nozione di consumer insight è diventata fondamentale in uno scenario sempre più competitivo. Comprendere il consumatore ad esempio le donne che lavorano diventa cruciale. Le donne che lavorano non vogliono passare il loro tempo nei supermercati davanti ad assortimenti troppo ampi di prodotti, siano essi gli shampoo o le patatine; né hanno molta voglia di concentrarsi troppo su complicati spot televisivi durante le ore serali. Vogliono potersi identificare o vedersi rappresentate in situazioni di cui riconoscano chiaramente i vantaggi. Sforzarsi di capire le esigenze dei consumatori stessi nei loro ambienti di vita e di lavoro pone le basi per comprendere il grado di soddisfazione che i consumatori hanno oggi dei prodotti e come potrà evolvere domani. E gli insight e le abitudini di consumo dovrebbero essere complementari allo shopper insight. Ogni azienda nel settore bancario come nei centri fitness, nella telefonia come nelle creme da corpo dovrebbe essere «ossessionata» dal raggiungimento dell obiettivo di aumentare la fedeltà dei consumatori. A tale scopo, uno strumento con forte potenziale è il famoso funnel, che è in grado di dimostrare quante persone conoscono un brand, quanti lo considerano nel momento della scelta, quanti lo comprano (e quindi ne diventano consumatori) e quanti poi ne diventano fedeli. Conoscere e monitorare periodicamente la percentuale di consumatori fedeli di un prodotto rispetto a tutti quelli che lo conoscono, lo considerano o lo acquistano, misurando la perdita che si verifica in ogni fase, è molto importante per impostare le giuste strategie di marketing e per scegliere gli strumenti corretti per attuarle. < Luglio/Agosto

7 QUANDO LE AZIENDE SI FANNO ODIARE DAI LORO CLIENTI rendono volutamente difficile la comprensione delle clausole contrattuali e delle opzioni di uscita. Un indagine effettuata alcuni anni fa dal New York City Council ha rivelato ad esempio che il 41% delle palestre cittadine non spiegava per iscritto le proprie tariffe, che l 81% non dava ai potenziali clienti un contratto da leggersi a casa e che il 96% non li informava di tutte le modalità con cui potevano legalmente risolvere il contratto. Com era prevedibile, molte di queste imprese hanno sperimentato la stessa disaffezione dei clienti che ha colpito le imprese di telefonia cellulare e le banche. Nello Stato di New York centinaia di proteste formali hanno indotto nel 2001 l allora procuratore generale Eliot Spitzer a effettuare un indagine sulla Bally Total Fitness, la prima società del settore, per le sue pratiche commerciali. L azienda ha sottoscritto una transazione nel 2004, accettando di migliorare le proprie politiche di risoluzione dei contratti, di metterne sotto controllo il rispetto e di pagare degli indennizzi ai clienti. Lo Stato del New Jersey, attivato anch esso da centinaia di proteste, ha avviato un contenzioso giudiziario nei confronti di una ventina di palestre che avrebbero omesso di notificare ai clienti i loro diritti o che li avrebbero indotti a sottoscrivere dei contratti fraudolenti. L U.S. Better Business Bureau, che tiene sotto controllo tremila tipi di imprese, continua a ricevere migliaia di lamentele ogni anno sul conto dei circoli sportivi, X I nostri clienti più profittevoli sono quelli che hanno la ragione più valida per essere insoddisfatti di noi? X Abbiamo regole che vogliamo fare violare ai clienti perché in questo modo si generano dei profitti? X Rendiamo difficile per i clienti la comprensione o il rispetto delle nostre regole, e li aiutiamo di fatto a violarle? X Ci affidiamo ai contratti per impedire ai clienti di defezionare? lamentele che mettono questo settore al top della classifica in termini di insoddisfazione. Il turnover dei clienti delle maggiori palestre continua ininterrotto e viaggia ormai intorno al 40% all anno, nonostante i vincoli imposti dai contratti. L insoddisfazione endemica dei clienti ha costretto i circoli sportivi ad avviare una politica di acquisizione che impone loro di spendere sempre di più per attrarre nuovi clienti mentre i vecchi cercano di andarsene. Il settore sembra ormai maturo per l arrivo di un player in grado di spezzare questo circolo vizioso o di metterne in discussione i comportamenti sleali. Life Time Fitness è diventata la quarta catena di palestre del paese abolendo totalmente i vincoli contrattuali. L associazione a Life Time Fitness comporta una garanzia «soddisfatti o rimborsati» di trenta giorni e può essere interrotta in qualunque momento senza nessuna penalità. Il suo turnover è inferiore del 10% alla media del settore, anche se i clienti possono andaresene quando vogliono. Nel frattempo, altre palestre tra cui Curves, 24 Hour Fitness, e tutta una serie di catene più piccolo stanno offrendo opzioni pay-asyou-go e cercano soluzioni meno antagonistiche, se non addirittura promozionali, per trattenere i clienti, come i punti-premio per i soci che frequentano assiduamente i corsi. Come spiega Brad Fogel, chief marketing officer di 24 Hour Fitness, «abbiamo capito che se diamo loro degli incentivi per visitare più frequentemente il club, i clienti diventano più fedeli e restano più a lungo con noi». Anche se si rivolgono a segmenti diversi (Life Time Fitness, ad esempio, attira famiglie alla ricerca di un gran numero di servizi, mentre Curves è nota per le sue palestre «minimaliste»), questi club hanno in commune una strategia esplicita che mira ad attrarre clienti delusi dall approccio aggressivo e finalizzato all acquisizione di clienti che caratterizza questo settore. I segnali di pericolo Nell ambito della nostra ricerca abbiamo parlato con dirigenti di settori che, in misura maggiore o minore, traggono profitto da clienti confusi o male informati che prendono decisioni di acquisto improprie. Abbiamo identificato anche una serie di settori in cui le aziende stanno cominciando adesso a percorrere la china scivolosa, avendo appena scoperto il potenziale di profitto a breve termine di penali nascoste, misteriosi sovrapprezzi, opzioni cervellotiche e astute clau- 6

8 MARKETING sole scritte in piccolo. Questo trend è evidente ad esempio nel settore degli autonoleggi e nella prenotazione di biglietti per l intrattenimento, dove le voci «servizio», «comodità», «processazione dell ordine», «ristorazione» e altre ancora possono fare aumentare del 10% il prezzo base di un biglietto. In quasi tutti i casi, i dirigenti con cui abbiamo parlato hanno espresso disagio per tali pratiche, ammettendone l esistenza, ma dichiarando che non rappresentano una strategia intenzionale. Essi descrivono quasi uniformemente un processo, in gran parte inconscio, di implementazione scoordinata. Le spese punitive e i contratti ultra vincolanti sono il frutto di un evoluzione graduale in cui ogni aggiunta incrementale era un po più favorevole all azienda di quella che la precedeva. Di conseguenza, questi dirigenti si ritrovano a operare con modalità di cui sanno che li rendono vulnerabili e che creano opportunità per i concorrenti. Ma avendo già percorso un tratto della china scivolosa, fanno fatica a risalirla. Le aziende dovrebbero andare alla ricerca di segnali indicatori di queste pratiche dannose. Tanto per cominciare, i loro dirigenti dovrebbero farsi le seguenti domande: X I nostri clienti più profittevoli sono quelli che hanno la ragione più valida per essere insoddisfatti di noi? Se la risposta è affermativa, significa che l azienda estrae valore da clienti che non pensano di ricevere una contropartita adeguata, e quindi si espone a tutta una serie di rischi. Notate che la risposta affermativa non implica necessariamente ancora un atteggiamento polemico da parte i clienti. Implica piuttosto che essi non ricevono il valore per cui sostengono un costo. È solo questione di tempo prima che si mettano a cercare il modo di vendicarsi: se va bene, parlando male dell azienda; se va male, avviando azioni legali e passando alla concorrenza. X Abbiamo regole che vogliamo fare violare ai clienti perché in questo modo si generano dei profitti? Ci sono certamente delle situazioni in cui è ragionevole che l azienda penalizzi il cliente ad esempio, se l ospite di un albergo distrugge delle suppellettili. La penalizzazione serve a recuperare dei costi, a proteggere il valore per altri clienti e, si spera, a fungere da deterrente. Tuttavia, quando un azienda una regola che, se violata, non distrugge valore né per sé, né per gli altri clienti, quella regola finirà per essere riconosciuta per ciò che è: un meccanismo che le consente di estrarre valore aggiuntivo dai clienti. È quello che avviene quando una banca addebita una somma al cliente per aver effettuato più di un certo numero di prelievi allo sportello automatico. X Rendiamo difficile per i clienti la comprensione o il rispetto delle nostre regole, e li aiutiamo di fatto a violarle? Le aziende dovrebbero chiedersi se non facilitano appositamente dei comportamenti «negativi» ma profittevoli dei clienti come l emissione di assegni non coperti, la restituzione ritardata delle videocassette, e il superamento dei limiti di affidamento della carta di credito e di utilizzo della tariffa telefonica a tempo. (Certi gestori rendono volutamente difficile per i clienti il monitoraggio del tempo di utilizzo). Le aziende dovrebbero analizzare anche il proprio portafoglio prodotti per capire se le diverse offerte servono a fornire valore o a sfruttare l ignoranza o le difficoltà dei clienti nella scelta delle opzioni più in linea con i loro interessi. X Ci affidiamo ai contratti per impedire ai clienti di defezionare? Come nel caso delle penali, alcune situazioni presuppongono chiaramente dei contratti. Un produttore, ad esempio, non dovrebbe vendere un mainframe da cinque milioni di dollari unicamente sulla base di una stretta di mano. Tuttavia, quando vengono usati unicamente per impedire a dei clienti mal serviti ma profittevoli di defezionare, i contratti possono danneggiare sia i clienti che il fornitore. Le aziende che si affidano ai contratti di servizio dovrebbero chiedersi se non costituiscono l opposto delle garanzie di servizio. La garanzia di servizio dice ai clienti che l azienda è talmente sicura della qualità della sua proposizione di valore da essere disposta a rimborsare i clienti insoddisfatti. Per contro, un contratto di lungo termine indica che l azienda non ha fiducia nella sua proposizione di valore e deve vincolare i clienti, in modo da incamerarne i soldi anche se sono insoddisfatti. Quando questi contratti si considerano critici per la profittabilità o la vitalità finanziaria di un azienda, significa che quest ultima cerca di estrarre valore a spese della customer satisfaction. Riconquistare il favore dei clienti. I grandi CEO riconoscono e sfruttano le opportunità, ma identificano ed eliminano le vulnerabilità. Le stra- Luglio/Agosto

9 QUANDO LE AZIENDE SI FANNO ODIARE DAI LORO CLIENTI alle aziende anche un opportunità di differenziazione competitive. Nei settori in cui la «spremitura» dei clienti è largamente diffusa, un offerta trasparente e in grado di creare valore può sfruttare l insoddisfazione dei clienti per i fornitori consolidati e favorire una rapida crescita. < (Traduzione di Roberto Merlini) Molte aziende hanno scoperto quanto possono essere profittevoli le penali; di conseguenza hanno tutto l interesse a indurre i loro clienti ad assumere dei comportamenti sanzionabili o quantomeno a non dissuaderli dal farlo. tegie incentrate sull azienda che abbiamo descritto fin qui rappresentano una vulnerabilità e qualunque CEO attento alla sostenibilità di lungo periodo farebbe bene a identificarle e a cominciare ad abbandonarle. Certo, queste pratiche possono funzionare nell immediato, come attestano i profitti di certe imprese. Ma quando emergono dei concorrenti pronti a sfruttare la forte ostilità dei consumatori, le aziende che taglieggiano i propri clienti con le modalità che abbiamo appena descritto dovrebbero aspettarsi, prima o poi, una reazione punitiva. Come abbiamo visto, a volte per causare una defezione di massa basta l arrivo sul mercato di un concorrente customer-friendly: un azienda che mette davanti a tutto la soddisfazione del cliente e la trasparenza. Il settore dei videonoleggi ha imparato la lezione a sue spese quando i clienti, infuriati per le penali dovute al ritardo nella restituzione delle videocassette, si sono rivolti in massa alla Netflix, nata nel 1999 come azienda di videonoleggi orientata al servizio e decisa a minimizzare gli oneri a carico del cliente. Bisogna ricordare che la Netflix ha avuto un successo iniziale con quella strategia customer-friendly, ma poi si è avviata anch essa lungo la china scivolosa; una recente azione legale collettiva nei suoi confronti l accusava di aver ritardato intenzionalmente la consegna dei DVD agli utenti più frequenti, penalizzando in questo modo i clienti migliori. L azienda ha intrapreso delle azioni per fare in modo che il suo sistema di prioritarizzazione della domanda basata su un «algoritmo di correttezza» diventi più trasparente per i clienti. La riduzione dei rischio è una valida ragione per eliminare le pratiche antagonistiche finalizzate all estrazione di valore. Ma una scelta di questo genere offre Ristampa n

10 LIMITAZIONI D USO DELLE RISTAMPE DI HARVARD BUSINESS REVIEW ITALIA La ristampa degli articoli della Harvard Business Review Italia, sia in versione cartacea, sia in versione digitale, è concessa per uso esclusivo del Committente, che potrà utilizzare tali copie solo nel numero effettivamente acquistato. È proibita la riproduzione delle suddette ristampe in numero in eccedente le copie oggetto della licenza. È inoltre severamente vietata la diffusione dei contenuti (originali, copie, riproduzioni, registrazioni, fissazioni) di Harvard Business Review Italia in qualsiasi forma, meccanica o telematica, attraverso stampa, radio, televisione, Internet, Intranet, posta elettronica o con qualunque altro mezzo anche se non espressamente indicato nel presente elenco. La riproduzione e la diffusione non autorizzate saranno considerate violazioni della Legge 633 del e saranno perseguite a norma della Legge 248 del 16 agosto 2000 (Disposizioni a tutela del diritto d autore).

Bank of America Il Mobile Banking

Bank of America Il Mobile Banking Bank of America Il Mobile Banking Questa breve sintesi è solo un supporto alla comprensione del caso e non ne sostitusce la lettura. L analisi del caso avverrà venerdì 11 settembre pomeriggio (le domande

Dettagli

Il marketing dei servizi. Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale

Il marketing dei servizi. Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale Il marketing dei servizi Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale Evoluzione delle relazioni e OBIETTIVI del mkg relazionale L evoluzione delle relazioni con la clientela Clienti come

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

su misura Inchiesta Per dimezzare il costo delle telefonate al cellulare analizzate le vostre abitudini e scegliete bene. la NOSTRA INCHIESTA

su misura Inchiesta Per dimezzare il costo delle telefonate al cellulare analizzate le vostre abitudini e scegliete bene. la NOSTRA INCHIESTA Inchiesta Tariffe su misura Per dimezzare il costo delle telefonate al cellulare analizzate le vostre abitudini e scegliete bene. isparmiare oltre 200 euro all anno sulle chiamate effettuate e sugli sms

Dettagli

Il processo d acquisto online

Il processo d acquisto online Sitòfono Il processo online Come Sitòfono può inserirsi nel processo e migliorare le performance di vendita di un sito e-commerce? Internet è un ambiente molto competitivo. L utente che vuole fare un acquisto

Dettagli

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO ANALISI A CASCATA DELL AMBIENTE COMPETITIVO ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO Cap. 5: Analisi della domanda/ segmentazione

Dettagli

L'INNOVAZIONE NELLE TUE MANI

L'INNOVAZIONE NELLE TUE MANI TP6758 CARTA DI CREDITO PayPal L'INNOVAZIONE NELLE TUE MANI sito web www.paypal.it/cartadicredito telefono 055/3069181 indirizzo Findomestic Banca Spa, Casella Postale 6279 CS/Novoli 50127 Firenze La tua

Dettagli

TechPremier. Informazioni per il broker

TechPremier. Informazioni per il broker Informazioni per il broker TechPremier Le società informatiche operano in un ambiente potenzialmente molto rischioso. Tecnologie in rapida e costante evoluzione sono alla base del controllo di molte funzioni

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER Sabato 17 ottobre 2009 - TBOX, Padiglione C2. Ore 16.15 17.00 Relatori - Tim Gunstone, managing director Eyefortravel - Enrico Bertoldo, direttore

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 DISDETTA SERVIZIO ADSL: ANALISI DEI COSTI DI DISATTIVAZIONE SERVIZIO ADSL INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. Le motivazioni che portano alla disdetta

Dettagli

GUIDA ALL USO. COme pagare OnLIne e vivere tranquilli.

GUIDA ALL USO. COme pagare OnLIne e vivere tranquilli. GUIDA ALL USO. Come pagare online e vivere tranquilli. Indice PayPal, il tuo conto online...pag.3 Ti sei appena registrato? Completa l attivazione del conto in 3 passi...pag.4 1. Conferma il tuo indirizzo

Dettagli

http://www.studiodicarlo.org

http://www.studiodicarlo.org Contratto di affiliazione commerciale Tra le Parti: A s.p.a. , con sede in (provincia di ) in via al civico numero (), capitale sociale deliberato euro (/00),

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Consigli ed indicazioni al consumatore per un sano e leale rapporto con i gestori di telefonia

Consigli ed indicazioni al consumatore per un sano e leale rapporto con i gestori di telefonia TELEFONO...CASA Consigli ed indicazioni al consumatore per un sano e leale rapporto con i gestori di telefonia A cura del Servizio Tutela del consumatore e della proprietà industriale della Camera di Commercio

Dettagli

Le donazioni vanno effettuate con il cuore e la testa e mai, assolutamente mai, al telefono.

Le donazioni vanno effettuate con il cuore e la testa e mai, assolutamente mai, al telefono. Procuratore Generale George Jepsen Suggerimenti veloci Ogni anno, le piccole imprese sono il bersaglio di pratiche di vendita fraudolente o ingannevoli. Gli imprenditori devono proteggere le proprie aziende;

Dettagli

giusta Fai la spesa Inchiesta

giusta Fai la spesa Inchiesta Fai la spesa giusta Qual è la politica etica del tuo supermercato? Cosa c è dietro alle promozioni? La nostra inchiesta traccia il profilo di sei grandi insegne. Coop è la migliore. 20 Altroconsumo 278

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0?

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? A) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI: LA RICERCA E IL TARGET 1. Il campione analizzato La ricerca, svolta

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Marketing

Ciclo di formazione per PMI Marketing Ciclo di formazione per PMI Marketing Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business Ciclo

Dettagli

Pagina 1 di 7 US Department of Education Ricerca Avanzata Finanziamento Politica Ricerca Notizie A proposito di ED Studenti Homework Aids Keep My Scuola Safe & Drug-Free Preparare per il mio futuro Piano

Dettagli

SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV

SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV CHI SIAMO Presentazione versione 1.0 MoneyBoxTv - pag.0 Moneyboxtv è un marchio e un progetto di proprietà della società

Dettagli

TechPremier. Informazioni per il broker

TechPremier. Informazioni per il broker Informazioni per il broker TechPremier Le società informatiche operano in un ambiente potenzialmente molto rischioso. Tecnologie in rapida e costante evoluzione sono alla base del controllo di molte funzioni

Dettagli

Questi Termini e Condizioni d uso regolano l uso del Cliente di Traslochi-365.ch e di tutti gli altri siti web di SkyDreams.

Questi Termini e Condizioni d uso regolano l uso del Cliente di Traslochi-365.ch e di tutti gli altri siti web di SkyDreams. Termini e Condizioni d uso di Traslochi-365.ch Traslochi-365.ch è un servizio di connessione che permette alle aziende di traslochi (i Clienti) di ottenere dettagli su individui e entità aziendali (i Consumatori)

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Sei tendenze chiave nella tecnologia e le loro implicazioni nel settore sanitario

Sei tendenze chiave nella tecnologia e le loro implicazioni nel settore sanitario Sei tendenze chiave nella tecnologia e le loro implicazioni nel settore sanitario L innovazione, sia in campo tecnologico sia in quello dei modelli organizzativi, è una realtà critica per il settore della

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 30 aprile 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

PROGETTO SCONTI BANCOPOSTA

PROGETTO SCONTI BANCOPOSTA PROGETTO SCONTI BANCOPOSTA Gentile CDG One/CDG Service, nell ottica di ampliare sempre di più le aree di Business del proprio network, CDG- ONE ha sottoscritto un accordo quadro con COBRA ITALIA per un

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Criteri di scelta, rischi e termini di resa I TRASPORTI DA COSTO A OPPORTUNITA Gestire le attività

Dettagli

POLITICA GENERALE ANTICORRUZIONE DI PPG

POLITICA GENERALE ANTICORRUZIONE DI PPG In quanto dipendente PPG, la preghiamo di leggere e aderire alla Politica Globale Anticorruzione PPG. Per eventuali domande o problemi riguardo alla Normativa o agli obblighi di conformità, contattare

Dettagli

Il valore dei soldi. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

Il valore dei soldi. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli Novembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli Il valore dei soldi 2 Il valore dei soldi Durata:

Dettagli

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Nell attuale contesto competitivo, la conoscenza del cliente e dei suoi bisogni di servizi e prodotti bancari a 360 diventa fondamentale

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Per maggiori informazioni sui servizi di gestione e recupero crediti di Intrum Justitia visitate il sito www.intrum.it - 5 -

Per maggiori informazioni sui servizi di gestione e recupero crediti di Intrum Justitia visitate il sito www.intrum.it - 5 - Intrum Justitia approfondisce i dati della ricerca European Payment Index 2014 e pubblica i risultati relativi a ritardi di pagamento, perdite su crediti nei più importanti settori economici. In Europa,

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Cambio Conto. Come cambiare il conto corrente

Cambio Conto. Come cambiare il conto corrente Cambio Conto Come cambiare il conto corrente INDICE Caro Cliente... 3 Cosa offre l iniziativa Cambio Conto come cambiare il conto corrente... 4 CAMBIARE IL CONTO CORRENTE IN 5 MOSSE... 5 2 1. SCEGLIERE

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate.

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate. Linee guida della direzione tutela dei consumatori esplicative per l attività di vigilanza da effettuare ai sensi dell art. 1, comma 4, della legge n. 40/2007, con particolare riferimento alle previsioni

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti?

In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti? FAQ su riforma del sistema sanzionatorio dei reati tributari In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti? Nella legislazione vigente fissata nel decreto legislativo 74 del 2000 sono

Dettagli

La tutela dei consumatori nell Unione europea: dieci principi di base 1

La tutela dei consumatori nell Unione europea: dieci principi di base 1 COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE SALUTE E TUTELA DEI CONSUMATORI 01/09/2005 La tutela dei consumatori nell Unione europea: dieci principi di base 1 1. Comprare ciò che si vuole, dove si vuole 2.

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

Termini e condizioni generali

Termini e condizioni generali Termini e condizioni generali I seguenti termini e condizioni - e le successive modifiche apportate - si applicano a tutti i nostri servizi resi disponibili online, in modo diretto o indiretto (attraverso

Dettagli

LE NUOVE NORME DEL COMMERCIO ON LINE

LE NUOVE NORME DEL COMMERCIO ON LINE LE NUOVE NORME DEL COMMERCIO ON LINE www.aicel.org www.adiconsum.it Associazione Italiana Commercio Elettronico ADICONSUM Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL Con la pubblicazione

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Per voi tutto è cominciato da una grande passione per i viaggi?

Per voi tutto è cominciato da una grande passione per i viaggi? un passo avanti. Per voi tutto è cominciato da una grande passione per i viaggi? Anche per noi. Sappiamo per esperienza personale che viaggiare non significa solo spostarsi dal punto A al punto B. E anche

Dettagli

CODICE ETICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE

CODICE ETICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE CODICE ETICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE CAPITOLO 1. VISIONE ED AREA DI APPLICAZIONE 1.1 Visione e scopo In qualità di professionisti del project management, ci assumiamo l impegno di agire in modo giusto

Dettagli

Condizioni generali Versione 04.2010

Condizioni generali Versione 04.2010 Condizioni generali Versione 04.2010 1.1 Condizioni generali 1.1.1 Condizioni Prima di ricevere i dati d accesso alla rete, vogliate leggere attentamente le condizioni generali e i termini di contratto

Dettagli

Il mercato assicurativo: i canali

Il mercato assicurativo: i canali Il mercato assicurativo: i canali distributivi Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Dott.ssa Lara Maini 12 marzo 2012 Obiettivi della distribuzione assicurativa Ricerca della clientela Attività

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com Online shopping & Conversion Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic I consumatori europei in cerca di ispirazione sui brand o sui prodotti da acquistare si rivolgono prima di tutto

Dettagli

La qualità. Di Stefano Azzini

La qualità. Di Stefano Azzini . La qualità Di Stefano Azzini Nel settore turisticoalberghiero e nella ristorazione, la parola qualità è molto di moda. E' vero che la maggior parte delle aziende che hanno superato la crisi sono quelle

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Commercio elettronico B2C: e-tailing e servizi online

Commercio elettronico B2C: e-tailing e servizi online Commercio elettronico B2C: e-tailing e servizi online Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it E-tailing retailing

Dettagli

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2.3. L ANALISI DELL OFFERTA Al termine del capitolo sarai in grado di descrivere

Dettagli

NEWS LETTER n 1. Piano Formativo Alimentare i Valori. E-commerce: una nuova prospettiva. In passato. Ad oggi

NEWS LETTER n 1. Piano Formativo Alimentare i Valori. E-commerce: una nuova prospettiva. In passato. Ad oggi Piano Formativo Alimentare i Valori NEWS LETTER n 1 E-commerce: una nuova prospettiva A cura di Guido Pomato Qualche spunto normativo In passato Circolare n. 3487/c del 1 giugno 2000 : Ministero dell industria,

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

Analisi e sviluppo del call center e del servizio di customer care

Analisi e sviluppo del call center e del servizio di customer care Analisi e sviluppo del call center e del servizio di customer care Sviluppare il potenziale delle risorse umane del call center, soddisfare i clienti http://www.ebcconsulting.com Fabio Rossi 23 dicembre

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

OPEN B2B OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com

OPEN B2B OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. www.vacanzeopenclub.com booking@vacanzeopenclub.com OPEN B2B L OFFERTA DEDICATA A TUTTI I PARTNER COMMERCIALI DI OPENCLUB BY ARCADELPHI HOLDING S.R.L. La nostra parola

Dettagli

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY DOTT. ALESSANDRO LEGA, CPP Managing Director di Traicon S.r.l. (Gruppo DAB) Nel percorrere il vasto territorio professionale che caratterizza

Dettagli

Sei ragioni per cui il marketing ama i blog

Sei ragioni per cui il marketing ama i blog Sei ragioni per cui il marketing ama i blog Di Articolo originale: Six Reasons Marketers Love Blogs 9 Aprile 2010 http://www.searchengineguide.com/jennifer-laycock/six-reasons-marketers-loveblogs.php Verso

Dettagli

I vantaggi di Genial+

I vantaggi di Genial+ I vantaggi di Genial+ 1 Obiettivo Al termine di questa unità sarai in grado di: Conoscere i vantaggi commerciali ed economici che Genial+ offre all Intermediario Durata nominale 16 minuti I personaggi

Dettagli

3 Studi di caso in Francia

3 Studi di caso in Francia 3 Studi di caso in Francia 3.1 La figura del manager alberghiero 3.1.1 Identificazione della figura La figura del manager alberghiero, individuabile nel Directeur d Hébergement, patron d hotel, hotelier,

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Per gestire con efficienza le spese aziendali

Per gestire con efficienza le spese aziendali MasterCard Corporate Card Per gestire con efficienza le spese aziendali Un azienda del Gruppo Aduno www.aduno-gruppe.ch Risparmiare tempo e denaro nella gestione delle spese Correre dietro a conteggi delle

Dettagli

ANTITRUST AND CONSUMER LAW BRIEFING n. 2 del 20 giugno 2014 VENDITE ON-LINE E ANTITRUST: RECENTI SVILUPPI IN EUROPA E IN ITALIA

ANTITRUST AND CONSUMER LAW BRIEFING n. 2 del 20 giugno 2014 VENDITE ON-LINE E ANTITRUST: RECENTI SVILUPPI IN EUROPA E IN ITALIA ANTITRUST AND CONSUMER LAW BRIEFING n. 2 del 20 giugno 2014 : RECENTI SVILUPPI IN EUROPA E IN ITALIA SOMMARIO (I) PREMESSA... 1 (II) VENDITE ON-LINE DI PRODOTTI DI MARCA... 2 (III) VENDITE ON-LINE E POLITICHE

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

LA GUIDA DEFINITIVA ALLA GESTIONE DELLA WEB REPUTATION

LA GUIDA DEFINITIVA ALLA GESTIONE DELLA WEB REPUTATION LA GUIDA DEFINITIVA ALLA GESTIONE DELLA WEB REPUTATION Traduzione e rielaborazione de The Definitive Guide to Online Reputation Management di Dan Virgilito. A cura di Gianni Gulletta extrapola Web Reputation

Dettagli

I Social Media e I Nostri Principi Guida

I Social Media e I Nostri Principi Guida I Social Media e I Nostri Principi Guida Materiale di servizio lettura non indicata per le riunioni di recupero I Social Media e I Nostri Principi Guida Negli ultimi anni la diffusione di social media

Dettagli

TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI?

TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI? Registro 4 TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI? Guida pratica per avviare con successo la propria attività turistica online TIPS&TRICKS DI MIRKO LALLI INDEX 3 5 7 11 15 Introduzione Registra il

Dettagli

1.4. Il Modulo d ordine è un contratto raggiunto in base alle presenti TCG da e tra ekomi e l Azienda.

1.4. Il Modulo d ordine è un contratto raggiunto in base alle presenti TCG da e tra ekomi e l Azienda. ekomi Termini e Condizioni Generali I presenti Termini e Condizioni Generali ( TCG ) si applicano fra l entità ekomi specificata nel Modulo d ordine ( ekomi ) e l Azienda specificata nel Modulo d ordine

Dettagli

COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI.

COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI. COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI. 1. Introduzione: Gli obiettivi dell implementazione di un sistema

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS in collaborazione con FACEBOOK PER IL BUSINESS MODULO BASE A giugno 2014 Facebook festeggia 30 milioni di piccole imprese attive con una pagina aziendale sui propri canali.

Dettagli

PROTOTIPO DI FOGLIO INFORMATIVO DEL CONTO CORRENTE OFFERTO AI CONSUMATORI. Conto corrente NOME DEL CONTO

PROTOTIPO DI FOGLIO INFORMATIVO DEL CONTO CORRENTE OFFERTO AI CONSUMATORI. Conto corrente NOME DEL CONTO Allegato 4A PROTOTIPO DI FOGLIO INFORMATIVO DEL CONTO CORRENTE OFFERTO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA Conto corrente NOME DEL CONTO Banca XXXXX ( 1 ) Via XXXXXXXX, cap, città Tel.: XXXXXXX Fax:

Dettagli

Foglio informativo n. SCS1 Aggiornamento n. 32 Data ultimo aggiornamento: 03/01/2012 FOGLIO INFORMATIVO CONTO SANTANDER CONSUMER

Foglio informativo n. SCS1 Aggiornamento n. 32 Data ultimo aggiornamento: 03/01/2012 FOGLIO INFORMATIVO CONTO SANTANDER CONSUMER Foglio informativo n. SCS1 Aggiornamento n. 32 Data ultimo aggiornamento: 03/01/2012 FOGLIO INFORMATIVO CONTO SANTANDER CONSUMER INFORMAZIONI SULLA BANCA SANTANDER CONSUMER BANK S.p.A. Via Nizza n. 262-10126

Dettagli

Introduzione al marketing della P.A. e del territorio

Introduzione al marketing della P.A. e del territorio Introduzione al marketing della P.A. e del territorio L Amministrazione Pubblica e l orientamento al mercato 2 Sempre più frequentemente, il personale delle P.A. si trova ad affrontare un processo di CAMBIAMENTO

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA. Il conto corrente. in parole semplici

LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA. Il conto corrente. in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici Cosa c è in questa guida? Le domande di base 2 i diritti 3 passi per scegliere il conto del cliente 3 7! 9 Le attenzioni del cliente Aalla

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

PROGRAMMA NETWORK IMF 2013

PROGRAMMA NETWORK IMF 2013 PROGRAA NETWORK IF 2013 TRAINER E PALESTRE ITALIAN ILITARY FITNESS, ILITARY FITNESS e GREEN FITNESS sono marchi registrati concessi in licenza all A.S.D. Italian ilitary Fitness Ogni utilizzo non autorizzato

Dettagli

Revenue Management: comprendere, anticipare e influenzare l acquisto

Revenue Management: comprendere, anticipare e influenzare l acquisto Revenue Management: comprendere, anticipare e influenzare l acquisto Revenue Management: comprendere, anticipare e influenzare l acquisto 23 luglio 2010 Pubblicato su: Bookingblog.com Alcuni giorni fa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MULTIMEDIALI DELLA BIBLIOTECA DI FOSSO. Principi generali

CARTA DEI SERVIZI MULTIMEDIALI DELLA BIBLIOTECA DI FOSSO. Principi generali CARTA DEI SERVIZI MULTIMEDIALI DELLA BIBLIOTECA DI FOSSO Principi generali 1.1 La Biblioteca: Riconosce l utilità dell informazione elettronica per il soddisfacimento delle esigenze informative, culturali

Dettagli

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI ACQUISIRE NUOVI CLIENTI INTRODUZIONE L acquisiszione di nuovi clienti e il processo di ricerca di nuove relazioni di business, di valutazione delle esigenze dei clienti e delle relative offerte dei fornitori,

Dettagli

A. Persone soggette alla politica ( Gli individui coperti )

A. Persone soggette alla politica ( Gli individui coperti ) Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 I. SCOPO La presente Politica sull Insider Trading ( Politica ) fornisce le linee guida per quanto riguarda le operazioni in titoli di Modine Manufacturing Company (la Società

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

Investire con la Baloise Bank SoBa Le vostre finanze in mani sicure

Investire con la Baloise Bank SoBa Le vostre finanze in mani sicure Le vostre finanze in mani sicure Indice Consulenza e assistenza personale 4 Baloise Investment Advice BIA 6 Trovare insieme il percorso giusto 6 Passo dopo passo verso la soluzione ottimale 7 Il vostro

Dettagli

LUISS Guido Carli. Libera Università Internazionale degli Studi Sociali. Dottorato di Ricerca in Diritto ed Economia XX ciclo

LUISS Guido Carli. Libera Università Internazionale degli Studi Sociali. Dottorato di Ricerca in Diritto ed Economia XX ciclo LUISS Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Dottorato di Ricerca in Diritto ed Economia XX ciclo Il RUOLO DEL CONSUMATORE NELLA POLITICA PER LA CONCORRENZA: IL CASO DEI MERCATI

Dettagli

Lo yield management. Revenue & yield management. Come si inserisce nel sistema di P&C?

Lo yield management. Revenue & yield management. Come si inserisce nel sistema di P&C? Lo yield management Lo yield management può essere definito un metodo per vendere l opportuna quantità di prodotto disponibile al cliente, al momento e al prezzo giusto. Costituisce una guida per allocare

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

start affiliazione by laservideo

start affiliazione by laservideo start affiliazione by laservideo concetto di affiliazione Affiliarsi a Laservideo è l opportunità più vantaggiosa per il tuo business, utilizzare un insegna riconosciuta e un allestimento di negozio testato

Dettagli