BANDO - REGOLAMENTO n. 1/2011 PER L ATTIVITA DI SOSTEGNO E PARTNERSHIP NEI PROGETTI E NELLE INIZIATIVE DELLE ASSOCIAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO - REGOLAMENTO n. 1/2011 PER L ATTIVITA DI SOSTEGNO E PARTNERSHIP NEI PROGETTI E NELLE INIZIATIVE DELLE ASSOCIAZIONI"

Transcript

1 BANDO - REGOLAMENTO n. 1/2011 PER L ATTIVITA DI SOSTEGNO E PARTNERSHIP NEI PROGETTI E NELLE INIZIATIVE DELLE ASSOCIAZIONI Premessa Il Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Pescara (d ora innanzi anche CSV), al fine di realizzare il proprio impegno istituzionale di promozione del volontariato e della cultura della solidarietà, considerata la rilevanza della richiesta formativa del volontariato nel territorio; tenuto conto che parte della propria attività istituzionale è costituita, come per legge, altresì dall assumere iniziative di formazione e qualificazione nei confronti degli aderenti ad organizzazioni di volontariato (d ora innanzi anche OdV) si determina a sostenere le Organizzazioni di Volontariato (d ora innanzi anche OdV) che organizzino iniziative in linea con tali fini assumendo il ruolo di co-organizzatore di dette iniziative. Per tali ragioni ha previsto nell ambito del proprio programma per il 2011 un impegno preventivo di spesa di complessivi ,00, di cui ,00 per il sostegno ad attività di promozione del volontariato e della cultura della solidarietà, ed ,00 per progetti in materia di formazione, in compartecipazione con le organizzazioni di volontariato. Intende con il presente atto disciplinare le modalità di detta compartecipazione al fine di predisporre un piano strategico il più possibile aderente alle esigenze del volontariato locale. Al fine di selezionare le iniziative più meritevoli di essere sostenute e co-organizzate dal CSV, il Centro, con il presente atto, disciplina un procedimento concorsuale di selezione e valutazione dei progetti, che dovranno seguire i criteri e la normativa per l accesso al finanziamento come di seguito descritta. In caso di valutazione positiva e di inserimento positivo in graduatoria i progetti verranno finanziati integralmente, seguendo l ordine della graduatoria e fino ad esaurimento delle risorse. 1) PROPONENTI Possono presentare i progetti unicamente le OdV, iscritte o meno al registro regionale del volontariato istituito ai sensi della Legge 266/1991 e della L.R. Abruzzo n. 37/1993, aventi sede nella provincia di Pescara e che si ispirino, siano costituite e regolate ed abbiano concretamente operato, nell ultimo anno antecedente la domanda nel rispetto della normativa di cui alla L. 266/1991. Le proposte potranno essere presentate da singole organizzazioni, ovvero da più organizzazioni in partnership. In questo caso la proposta dovrà essere presentata

2 dall organizzazione di volontariato che dichiarerà di assumere il ruolo di capofila e che come tale rappresenterà anche i partners nei rapporti con il CSV e nelle diverse fasi del progetto. La qualità di partner potrà essere assunta anche da soggetti diversi dalle OdV, e anche sedenti fuori provincia, che siano particolarmente qualificati per lo scopo del progetto, restando tuttavia non ammessi i partner erogatori di denaro. Ogni organizzazione potrà essere presente, qualsiasi qualità rivesta (singolo proponente, capofila, o partner) in un solo progetto. 2) QUALI INIZIATIVE SONO AMMESSE Sono ammessi i progetti per iniziative svolte sul territorio e per l utenza della provincia di Pescara: a) in materia di promozione del volontariato e della cultura della solidarietà che abbiano come obiettivo l accrescimento della partecipazione dei cittadini alle attività del volontariato e/o l accrescimento della sensibilizzazione dei cittadini alla cultura solidaristica, intendendosi per tale la sensibilità culturale del singolo ai problemi dei soggetti in condizioni sociali di disagio o svantaggio: a titolo esemplificativo si collocano nell area di cui sopra manifestazioni pubbliche, attività solidali organizzate, convegni, forums, dibattiti, presentazioni che abbiano gli obiettivi sopra descritti. I progetti di questa categoria possono avere un budget massimo di EUR 5.000,00; b) in materia di formazione e qualificazione del volontariato che abbiano come obiettivo per i destinatari l accrescimento, attraverso il contributo di persone o organizzazioni qualificate, delle competenze in materia di gestione di una organizzazione di volontariato e di esercizio dell attività di volontariato nei vari settori di attività: a titolo esemplificativo si intendono come tali corsi di formazione per volontari, seminari tematici (intendendosi per tali quelli che non abbiano una tempistica corsuale, ma si concentrino in singoli o pochi incontri a tema), convegni dedicati alla formazione. I progetti di questa categoria possono avere un budget massimo di EUR 3.000,00. Le iniziative dovranno essere svolte sul territorio e per l utenza della provincia di Pescara. In sede di delibera sull ammissibilità dei progetti resta comunque riservata alla valutazione del CSV la ricaduta della domanda nell area di appartenenza a seconda del complessivo tenore della documentazione presentata e delle descrizioni proposte. La scelta del CSV è insindacabile da parte dei partecipanti al presente bando, che con la domanda rinunciano ad opporre eccezioni e contestazioni di qualsiasi tipo sul punto. 3) TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Le proposte al CSV per richiedere la compartecipazione all organizzazione delle iniziative dovranno essere presentate con invio al Centro Servizi per il Volontariato

3 per la provincia di Pescara via Venezia Pescara a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento entro e non oltre il Si considerano tempestive le domande che recheranno timbro dell ufficio postale accettante antecedente detto termine, e pervenute al CSV non oltre dieci giorni dopo il medesimo termine. Le domande dovranno far riferimento ad iniziative che si preveda di effettuare e concludere dopo il ed entro il Non sarà possibile ottenere anticipazioni o proroghe. 4) COSA INVIARE Verranno valutate unicamente le proposte che siano presentate come segue: a. Domanda sintetica redatta come nel facsimile modello A in allegato riportante tutti i dati dal medesimo allegato richiesti; b. Alla domanda sintetica dovranno essere allegati i seguenti documenti in originale sottoscritto. i. Solo per le organizzazioni di volontariato, siano esse promotrici o partners, iscritte all albo regionale: autocertificazione (vedi modello B in allegato) redatta ai sensi degli artt. 46 e 47 del d.p.r. 445/2000 attestante l avvenuta iscrizione all albo regionale, la data della stessa, e la attuale vigenza; ii. Solo per le organizzazioni di volontariato, siano esse promotrici o partners, non iscritte al registro regionale del volontariato: atto costitutivo, statuto e bilancio consuntivo approvato relativo all anno 2010; In ogni caso e per tutti: iii. L autocertificazione e la dichiarazione in materia di privacy, debitamente sottoscritte e di cui ai modelli C e D in allegato; iv. Per i partner qualificati (altri soggetti non profit, enti pubblici, università) dichiarazione dell eventuale partner di adesione al progetto con descrizione delle modalità di coinvolgimento, non finanziario. c. Al CSV dovrà essere altresì messa a disposizione la documentazione dattiloscritta su supporto informatico (files di microsoft office o compatibili), anche a mezzo da indirizzarsi al Centro ). 5) AMMISSIBILITA Verranno dichiarati inammissibili e non saranno pertanto trasmessi per la valutazione i progetti: - proposti da soggetto che non sia una OdV della provincia di Pescara costituita, regolata ed operante da almeno un anno a far data dalla presentazione della domanda secondo i principi e criteri della L. 266/1991;

4 - proposti da soggetto che abbia proposto o rivesta la qualifica di partner in altro progetto presentato per questo stesso bando-regolamento; - nei quali vi sia la presenza di partner erogatori di denaro; - che fruiscono o fruiranno di altri finanziamenti pubblici o privati; - estranei alle materie descritte nell articolo 2; - con budget di oltre EUR 5.000,00 per i progetti in materia di promozione e oltre EUR 3.000,00 per quelli in materia di formazione; - che siano destinati a territorio o utenza in tutto o in parte al di fuori della provincia di Pescara; - con timbro dell ufficio postale accettante oltre il termine del , ovvero, qualora il timbro sia antecedente, pervenuti al CSV oltre il ; - le cui iniziative si collochino temporalmente al di fuori del periodo intercorrente tra il e il ; - la cui documentazione sia carente, anche solo in parte, rispetto a quanto richiesto dal precedente articolo. La verifica di ammissibilità verrà fatta dal CSV, e sarà oggetto di giudizio insindacabile. I partecipanti al bando con la semplice presentazione della domanda accettano espressamente la presente clausola e rinunciano ab origine a proporre eccezioni e/o contestazioni di qualsiasi tipo sui risultati. 6) VALUTAZIONE I progetti ammessi a valutazione verranno consegnati e valutati da una commissione esterna nominata dal CSV. Nella commissione non potranno essere presenti le persone che rivestono cariche a seguito di elezione dell assemblea dei soci del CSV, ovvero che siano dipendenti del CSV. La Commissione sarà composta di tre membri, ciascuno dei quali valuterà ogni progetto attribuendo allo stesso un punteggio espresso in centesimi costituito dalla somma delle seguenti macrovoci di valutazione. La Commissione sarà comunque libera di decidere ulteriori criteri per l attribuzione del punteggio, all interno di ciascuna macrovoce che segue. Il punteggio finale del progetto sarà costituito dalla media aritmetica dei tre punteggi attribuitigli dai commissari, con eventuali decimali fino al centesimo. In caso di ex aequo prevarrà il progetto presentato dal proponente costituito antecedentemente. Valutazione dei progetti in materia di promozione del volontariato e cultura della solidarietà: - presenza, numero e qualità dei partners (da 0 a 15); - coerenza degli obiettivi con i tempi e le risorse previste e con le persone impegnate (da 0 a 15) - esperienza specifica maturata con la realizzazione di analoghe iniziative in passato (da 0 a 10),

5 - fruizione da parte del proponente di finanziamenti da parte del CSV di Pescara sulla base dei regolamenti emanati negli anni (0 per il proponente più volte finanziato, 7 per il proponente finanziato una sola volta, 15 per il proponente mai finanziato); - ampiezza dei destinatari del progetto (da 0 a 15); - qualità dei risultati: maggior punteggio a progetti che determinano benefici diretti e concreti di solidarietà verso l esterno, minor punteggio a progetti che determinano benefici indiretti o meno concreti (da 0 a 20) - giudizio complessivo sul progetto (personale opinione del valutatore sulla bontà dell iniziativa da 0 a 10) Valutazione dei progetti in materia di formazione: - presenza, numero e qualità dei partners (da 0 a 15); - coerenza degli obiettivi con i tempi e le risorse previste e con le persone impegnate (da 0 a 15) - esperienza specifica maturata con la realizzazione di analoghe iniziative in passato (da 0 a 10), - fruizione da parte del proponente di finanziamenti da parte del CSV di Pescara sulla base dei regolamenti emanati negli anni (0 per il proponente più volte finanziato, 7 per il proponente finanziato una sola volta, 15 per il proponente mai finanziato); - ampiezza dei destinatari del progetto (da 0 a 15); - qualità dei risultati: maggior punteggio a progetti che determinano benefici formativi all esterno dell associazione, minor punteggio a progetti che determinano benefici formativi all interno dell associazione (da 0 a 10); - caratteristiche dei destinatari (punti 10 per progetti di formazione per volontari o aspiranti volontari, punti 7 per progetti di formazione per assistiti e famiglie, punti 5 per progetti di formazione di personale dipendente o collaboratore, punti 3 per tutti gli altri progetti); - giudizio complessivo sul progetto (personale opinione del valutatore sulla bontà dell iniziativa da 0 a 10). La Commissione terminerà la valutazione con la formazione di n. 2 graduatorie, una per i progetti in materia di promozione ed una per quelli in materia di formazione, con indicazione dei proponenti, degli importi complessivi, e del punteggio. La valutazione della Commissione è insindacabile tanto per il CSV quanto per i partecipanti al bando, i quali ultimi con la semplice presentazione della domanda accettano espressamente la presente clausola e rinunciano ab origine a proporre eccezioni e/o contestazioni di qualsiasi tipo sui risultati. All esito della valutazione il CSV proclamerà i progetti ammessi a finanziamento integrale seguendo le graduatorie e fino ad esaurimento delle risorse. Qualora

6 all interno delle singole graduatorie, residuino per l ultimo progetto finanziabile resti di denaro non idonei a coprire integralmente l importo messo a budget, il CSV proporrà al proponente di rimodulare il progetto, ove possibile, entro la cifra residua con lettera scritta e termine per la risposta. In assenza di risposta, o in caso di risposta negativa, il CSV passerà a richiedere la medesima rimodulazione ai progetti successivi, in ordine di graduatoria. Il CSV riserva in ogni caso, alla scadenza del termine di presentazione delle domande, di destinare ulteriori risorse che eventualmente fossero disponibili per la valutazione delle proposte sino ad allora non soddisfatte per i motivi predetti. 7) ACCETTAZIONE L accoglimento della domanda implica che il CSV concorrerà alla realizzazione del progetto attraverso l assunzione del ruolo di co-organizzatore, che si esprimerà in consulenza e supervisione alla realizzazione delle attività, come pure alla gestione amministrativa del progetto, ed ancora all attività di diffusione dei risultati dello stesso. Metterà a disposizione gli strumenti e le attrezzature di cui dispone e pubblicizzerà l attività attraverso i propri mezzi di comunicazione. Per tutte le domande accolte il CSV invierà all organizzazione proponente, ovvero a quella capofila, una missiva con la comunicazione relativa al finanziamento e le indicazioni relative allo svolgimento del progetto, al fine di favorire la migliore realizzazione dei fini istituzionali del Centro. Il CSV avrà facoltà di far sottoscrivere alla proponente o capofila vincitrice una convenzione nel rispetto dei criteri e della normativa di cui al presente bando, per la fase esecutiva. In caso di rifiuto vale quanto appresso. La OdV proponente, o in caso di partnership quella capofila in rappresentanza di tutte le altre, è libera di accettare o rifiutare. Qualora intenda accettare è obbligata a farlo in forma scritta inviando un fax o una raccomandata a.r. al CSV entro giorni 7 dalla ricezione della predetta lettera. In difetto di accettazione entro il suddetto termine si interpreterà la condotta silente come rifiuto. In quest ultimo caso le risorse impegnate per l iniziativa rifiutata verranno utilizzate per finanziare progetti successivi non originariamente finanziati in ordine di graduatoria. L accettazione costituisce automaticamente autorizzazione al CSV a divulgare e/o pubblicizzare il progetto con strumenti cartacei, informativi e telematici e nelle forme che il Centro riterrà più opportune, nonché esonero del CSV da ogni e qualsiasi responsabilità al riguardo e rinuncia sul punto a qualsiasi diritto, ragione o azione. 8) REALIZZAZIONE DEL PROGETTO Le OdV proponenti la cui domanda sia stata accolta e che abbiano accettato la manifestazione di interessi, sono tenute a collaborare con il CSV svolgendo ogni attività relativa all organizzazione e all attuazione dell iniziativa, il tutto sotto il coordinamento e la direzione del CSV stesso, che avrà potestà insindacabile di

7 dirimere i dubbi che dovessero insorgere in ordine alle modalità organizzative e realizzative del progetto in corso d opera, nonché il diritto di chiedere notizie sullo svolgimento del progetto in qualsiasi momento richiedendo la compilazione del modello allegato E al presente regolamento. Qualsiasi mutamento, in corso di realizzazione, al programma del progetto come indicato nella proposta, nei di essa allegati e nella manifestazione di interesse sarà oggetto di ulteriore proposta del/della organizzazione proponente o capofila e, fermo e immodificabile restando l impegno del CSV, dovrà comunque essere autorizzato dal CSV stesso. In difetto l attività dovrà svolgersi esattamente secondo programma. Sul materiale pubblicitario dell iniziativa dovrà essere fatta menzione del CSV come ente co-organizzatore, con la presenza del logo del Centro. Il CSV avrà a sua volta diritto di pubblicizzare in proprio l iniziativa, filmarne e/o fotografarne lo svolgimento, pubblicare nei modi che riterrà opportuni video, foto e scritti che descrivano lo svolgimento e i risultati dell iniziativa. Non potranno essere menzionati nel materiale pubblicitario dell iniziativa enti diversi dal CSV e da quelli impegnati nel progetto come proponenti, capofila o partners. Nel corso dell iniziativa dovrà essere previsto un intervento di un rappresentante del CSV, salvo rinuncia del CSV. 9) PAGAMENTI Perfezionatasi l accettazione di cui al precedente punto 7, il CSV erogherà, a semplice richiesta della proponente o capofila, un acconto pari al 50% dell importo complessivo del progetto. A metà del tempo previsto per lo svolgimento del progetto, ed a condizione che lo stesso si svolga esattamente secondo quanto programmato nella relazione e indicato dal CSV, il Centro, dietro presentazione di idonea documentazione fiscale sulle attività svolte, erogherà alla proponente o capofila un importo pari a quello già speso, e in ogni caso non superiore nel massimo ad un ulteriore 40 % del complessivo, il tutto entro giorni 30 dalla presentazione della rendicontazione. Al termine del progetto, e presentata la rendicontazione finale come descritto nei punti successivi, il CSV erogherà alla proponente o capofila l importo che residua fino a concorrenza del totale finanziato. Dovrà essere garantita per ogni progetto la copertura assicurativa per la responsabilità civile e gli infortuni. 10) RENDICONTAZIONE INTERMEDIA E FINALE A metà ed al termine del progetto l organizzazione proponente dovrà rendicontare l iniziativa con una relazione descrittiva di tutte le attività svolte con allegato materiale didattico utilizzato, corredata di un piano economico consuntivo e di copia della documentazione fiscale giustificativa.

8 A tal fine la OdV proponente dovrà inviare al CSV la predetta documentazione con raccomandata a.r. entro la metà del tempo di svolgimento del progetto e, alla fine, entro e non oltre mesi 1 dalla avvenuta realizzazione, utilizzando i modelli F e G in allegato per quanto riguarda la relazione descrittiva, e unendo ad essi un piano economico consuntivo che riporti le spese complessivamente sostenute. Qualora l impegno economico complessivo risulti al termine del progetto inferiore a quello preventivato, il CSV erogherà solo la parte effettivamente spesa. Qualora l impegno economico complessivo del progetto risulti superiore a quello preventivato, l impegno sostenuto in proprio dal CSV non subirà comunque variazione alcuna e la proponente o capofila sosterrà integralmente in proprio l eventuale eccedenza. Le spese riconosciute possono riguardare unicamente quelle direttamente collegate con l iniziativa: a titolo di esempio quelle per prestazioni lavorative collegate con l iniziativa (non quelle del personale stabile dell ente), quelle per relatori, buffet o simili, quelle per materiale promozionale e per la comunicazione, quelle per noleggio attrezzature, affitto sale, per segreteria, quelle postali, rimborsi spese ai volontari, oneri assicurativi. Non si effettueranno pagamenti per spese che si collochino palesemente al di fuori dei prezzi di mercato. I rimborsi spese ai volontari verranno riconosciuti, sempre a condizione che siano spese connesse con l iniziativa ed entro i seguenti limiti: - spese di viaggio in macchina: secondo 1/5 del costo del carburante e dietro presentazione di nota ad esse adeguata (buono acquisto, scheda carburante, scontrini, etc...) con fotocopia del libretto di circolazione della vettura utilizzata; - spese di viaggio con altri mezzi: dietro presentazione di documentazione fiscale; - spese di vitto: dietro presentazione di documentazione fiscale e con un tetto massimo di EUR 25,00 per pasto; - spese di alloggio: dietro presentazione di documentazione fiscale e con un tetto massimo di EUR 70,00 per pernottamento; - altre spese: dietro presentazione di documentazione fiscale. 11) CLAUSOLA GENERALE In caso di inadempimento del/dei proponenti ad una qualsiasi delle clausole del presente regolamento, o al programma, scopi e obiettivi dell iniziativa così come individuati nella proposta, nei di essa allegati e nella manifestazione di interesse, la/le organizzazioni proponenti si obbligano fin d ora a sostenere per intero il progetto dal punto di vista economico ed a manlevare, tenere indenne e rimborsare il CSV di ogni e qualsiasi somma che lo stesso avesse erogato, nell ambito del suo impegno, in corso di progetto.

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 WWW.CSVROVIGO.IT Centro di Servizio per il Volontariato di Rovigo CSV 2 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI 1. INTRODUZIONE Il Centro

Dettagli

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152 BANDO PROMOZIONE Programma operativo 2014 www.csvbasilicata.it p. 1 di 18 INDICE Art. 1 Finalità del Bando... 3 Art. 2 Oggetto delle proposte progettuali... 3 Art. 3 Destinatari e termini di presentazione

Dettagli

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014 MODULISTICA - Domanda di contributo (MOD 1) - Scheda progettuale Bando (MOD 2) - Piano dei costi (MOD 3) - Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a cura delle Odv (MOD 4) - Lettera di partenariato

Dettagli

Titolo Bando CSV FVG PROMOZIONE e SVILUPPO DEL VOLONTARIATO Anno 2015

Titolo Bando CSV FVG PROMOZIONE e SVILUPPO DEL VOLONTARIATO Anno 2015 Data pubblicazione: 10 aprile 2015 Data scadenza 1 finestra: 30 aprile 2015 Data scadenza 2 finestra: 31 luglio 2015 Data scadenza 3 finestra: 31 ottobre 2015 MODULISTICA - Domanda di contributo (MOD 01)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO ART. 1 OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento è volto a sostenere le iniziative di promozione del volontariato organizzate

Dettagli

Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza

Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Vicenza Contrà Mure San Rocco, 37/A - 36100 Vicenza e-mail info@csv-vicenza.org tel. 0444 235308 - fax 0444 528488 Centro di Servizio per il Volontariato

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

Il benessere della comunità:

Il benessere della comunità: Il benessere della comunità: Volontariato, Territorio e Relazioni! Linea di finanziamento per favorire la coesione sociale e il benessere delle comunità attraverso processi di progettazione partecipata.

Dettagli

BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Premessa Nel rispetto delle direttive del Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato e della normativa vigente,

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

Avviso PUBBLICO Promosso dall'associazione Università per la pace finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per la

Avviso PUBBLICO Promosso dall'associazione Università per la pace finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per la LEGGE REGIONALE n. 9 del 18/06/2002 e successive modificazioni: Attività regionali per la promozione dei diritti umani, della cultura della pace, della cooperazione allo sviluppo e della solidarietà Art.

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO 1 - Promotore e finalità del bando La Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus promuove un bando per l individuazione

Dettagli

premesse generali bandi per progetti

premesse generali bandi per progetti premesse generali bandi per progetti 1 Indice premesse generali 5 5 6 6 8 8 10 11 13 14 15 16 16 20 20 20 21 21 formazione solidarieta locale ACQUISTO DI STRUMENTAZIONI ED ATTREZZATURE PROGETTI DI RETE

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000.

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. Art. 1 Principi generali -------------------------------

Dettagli

INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO

INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO Premessa Nel rinnovare l accordo (19 luglio 2007) per il pagamento dei diritti d autore sulle fotocopie effettuate

Dettagli

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita.

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita. Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione dell Agricoltura del Lazio AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI PER IL FINANZIAMENTO TOTALE O PARZIALE DI PROGETTI DI PROMOZIONE AGRICOLA

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 120.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus

Dettagli

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche (Allegato al Decreto n. 762/LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015) Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche Art.

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

AVVISO TEMATICO 1/12

AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di

Dettagli

l progetti Ordinari Minori sono volti ad incentivare le attività delle singole OdV che realizzano uno o più dei seguenti interventi:

l progetti Ordinari Minori sono volti ad incentivare le attività delle singole OdV che realizzano uno o più dei seguenti interventi: 1 Art.1 Oggetto del bando Il Bando per il biennio 2014/2015 del CSV Asso.Vo.Ce. Microprogettazione Sociale è volto al sostegno della progettazione sociale delle Organizzazioni di Volontariato, di seguito

Dettagli

Manuale per la gestione del finanziamento di attività formative autogestite da parte degli studenti

Manuale per la gestione del finanziamento di attività formative autogestite da parte degli studenti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Manuale per la gestione del finanziamento di attività formative autogestite da parte degli studenti 1 Attività formative autogestite 1. L Università di Genova promuove

Dettagli

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete.

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete. ALLEGATO A BANDO 2014 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI PROGETTI PRESENTATI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ISCRITTE ALLA SEZIONE REGIONALE E ALLE SEZIONI PROVINCIALI DEL REGISTRO GENERALE

Dettagli

BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA

BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA BUDGET COMPLESSIVO : Euro 50.000 messi a disposizione dalla

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI 32 7.9.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 36 COMUNE DI QUARRATA (Pistoia) Selezione pubblica, per prove selettive, per chiamata nominativa di n. 1 Collaboratore Professionale Amministrativo

Dettagli

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 2

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 2 Allegato n. 2 Bando per la concessione di contributi per la realizzazione di eventi e manifestazioni, anche transnazionali, attinenti ai fatti della Prima guerra mondiale Art. 1 finalità Art. 1 finalità

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO

CLUB ALPINO ITALIANO CLUB ALPINO ITALIANO Bando di mobilità esterna volontaria per l assunzione di n. 2 profili amministrativi nella categoria B2 (ex VI qualifica funzionale) a tempo indeterminato e pieno. Area Amministrativa

Dettagli

Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi.

Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi. GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEL BANDO 1) Come presentare un progetto sul bando Nutrire il pianeta 2014 Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi. Fase 1 Nella prima fase

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.)

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) ALLEGATO B/1 INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE INIZIATIVE PER

Dettagli

Pianeta Galileo. Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione

Pianeta Galileo. Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione Pianeta Galileo Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione scientifica presentati da Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, della Toscana 1. Finalità

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità Allegato parte integrante ALLEGATO A CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI Articolo 1 Finalità L articolo 38 della legge provinciale 27 luglio

Dettagli

FONDAZIONE COMUNITARIA NORD MILANO ONLUS MODELLO OPERATIVO DELL ATTIVITA EROGATIVA

FONDAZIONE COMUNITARIA NORD MILANO ONLUS MODELLO OPERATIVO DELL ATTIVITA EROGATIVA PREMESSE Per una fondazione grantmaking (di erogazione), l attività erogativa è per definizione l attività istituzionale insieme alla gestione del patrimonio. Per garantire un flusso puntuale e trasparente

Dettagli

BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI

BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO E ATTO DI IMPEGNO NUOVI FERMENTI Progetti per la realizzazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA Avviso di finanziamento relativo all anno 2011 per progetti a valere sull articolo 9 della legge 8 marzo 2000 n. 53, così

Dettagli

Art. 4. Durata dei progetti e tutte le attività concluse entro la data del 30 maggio 2016. Art. 5. Importo del finanziamento assegnato

Art. 4. Durata dei progetti e tutte le attività concluse entro la data del 30 maggio 2016. Art. 5. Importo del finanziamento assegnato Pianeta Galileo Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione scientifica promossi e realizzati da Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, della regione

Dettagli

Bando per la concessione di contributi

Bando per la concessione di contributi Allegato A 2015 Bando per la concessione di contributi L Assessorato alle Politiche scolastiche e giovani intende promuovere la realizzazione di iniziative a favore del protagonismo giovanile attraverso

Dettagli

Procedure per la presentazione del Rendiconto

Procedure per la presentazione del Rendiconto Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle Imprese Cooperative Procedure per la presentazione del Rendiconto - Gennaio 2013 - FON.COOP 0 Documenti per la presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. del Pratica trattata da: Barbara

Dettagli

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita.

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita. Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione dell Agricoltura del Lazio AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI PER IL FINANZIAMENTO TOTALE O PARZIALE DI PROGETTI DI PROMOZIONE AGRICOLA

Dettagli

nel caso di Track Industriale nel caso del Track Scientifico 2. Accordo di Cooperazione/Cooperation Agreement (C.A.).

nel caso di Track Industriale nel caso del Track Scientifico 2. Accordo di Cooperazione/Cooperation Agreement (C.A.). 1 Norme integrative per la partecipazione e la rendicontazione dei progetti presentati nell ambito del Bando Industriale e del Bando Scientifico Italia-Israele. ANNO 2014 1. Ulteriori requisiti di partecipazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale Avviso pubblico Sostegno ai giovani talenti, per il finanziamento di azioni volte a sostenere i giovani

Dettagli

CONTRIBUTI FINANZIARI PER INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI/GRUPPI STUDENTESCHI BANDO - ANNO 2015

CONTRIBUTI FINANZIARI PER INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI/GRUPPI STUDENTESCHI BANDO - ANNO 2015 - Approvato con Determina Dirigenziale n. 140 del 14.04.2015 Il presente avviso è emanato in conformità al Regolamento per la concessione di contributi e agevolazioni economiche a favore di Gruppi studenteschi

Dettagli

Bando del Csv di Belluno Progetti di Formazione e Protezione civile - ANNO 2015

Bando del Csv di Belluno Progetti di Formazione e Protezione civile - ANNO 2015 Bando del Csv di Belluno Progetti di Formazione e Protezione civile - ANNO 2015 Bando per progetti di Formazione e Protezione civile a valenza territoriale locale - Anno 2015 1/14 Bando per progetti -

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. per la realizzazione di progetti a favore della Coesione Sociale

AVVISO PUBBLICO. per la realizzazione di progetti a favore della Coesione Sociale PROVINCIA DI PAVIA SETTORE SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO AVVISO PUBBLICO per la realizzazione di progetti a favore della Coesione Sociale Art. 1 Finalità Il presente Avviso intende sostenere progetti in

Dettagli

BANDO PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA: contributi per spese di gestione anno educativo 2008/2009

BANDO PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA: contributi per spese di gestione anno educativo 2008/2009 ALLEGATO A Regione Toscana Direzione Generale Politiche formative, beni e attività culturali Area di Coordinamento Orientamento, istruzione, formazione e lavoro Settore Infanzia e diritto agli studi BANDO

Dettagli

AVVISO DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO

AVVISO DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO AVVISO DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO PROGETTI MIRATI ATTI A FAVORIRE LA PROMOZIONE INTERNAZIONALE E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI E DELLE ASDI Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente

Dettagli

PROGETTI SPECIALI AVVISO 1/14. Prepararsi all EXPO - Promozione di Progetti formativi riferiti al Comparto Commercio, Turismo e Servizi

PROGETTI SPECIALI AVVISO 1/14. Prepararsi all EXPO - Promozione di Progetti formativi riferiti al Comparto Commercio, Turismo e Servizi PROGETTI SPECIALI AVVISO 1/14 Prepararsi all EXPO - Promozione di Progetti formativi riferiti al Comparto Commercio, Turismo e Servizi AVVISO PROGETTI SPECIALI 1/14 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE

Dettagli

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.)

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) ALLEGATO A INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE INIZIATIVE PER LA

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. 1 Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo

Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo Allegato n. 10 Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo Avviso n. 4/2014 Competitività INDICE PREMESSA... 3 1. DEFINIZIONI... 4 2. REALIZZAZIONE DEL PIANO FORMATIVO... 9 2.1 AVVIO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE ANNO ACCADEMICO 2014-15 (Budget 2014) Art. 1 (Assegnazione

Dettagli

Decreto n. 70254 (540) Anno 2015

Decreto n. 70254 (540) Anno 2015 Decreto n. 70254 (540) Anno 2015 Bando di concorso per l attribuzione di fondi per Iniziative Studentesche Culturali e Sociali a favore degli studenti dell'università degli Studi di Firenze a.a. 2014/2015

Dettagli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario ft.di.s.u. PfiRTHENOPE Prot. 00000327 del 18-04-201;:* PflRTENZft A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario Dell' Università degli Studi di Napoli "Parthenope BANDO DI CONCORSO PER L'EROGAZIONE

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

REGIONE PUGLIA. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale REGIONE PUGLIA Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Codice CIFRA: LAV / DEL / 2010/ OGGETTO: Accesso al contributo regionale per il sostegno ai contratti di solidarietà difensivi. Proroga deliberazione

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo PROGETTI SPECIALI AVVISO 5/12Ter Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo AVVISO PROGETTI SPECIALI 5/12Ter FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE

Dettagli

CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160

CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160 CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160 ALL. A PROVINCIA DI PISA Servizio Lavoro e Sociale - CENTRO PER L IMPIEGO di PISA NOTA INFORMATIVA GESTIONE E RENDICONTAZIONE ILA Individual Learning Account ADEMPIMENTI

Dettagli

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest 1. PROMOTORE E FINALITÀ DEL BANDO In connessione con la manifestazione EXPO2015 si intende favorire lo

Dettagli

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia COMUNE DI BRESCIA Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia OBIETTIVI DEL BANDO La Fondazione della Comunità Bresciana ed il Comune di Brescia intendono congiuntamente continuare

Dettagli

Avviso 01/2010 PIANI AZIENDALI/INTERAZIENDALI DI FORMAZIONE CONTINUA

Avviso 01/2010 PIANI AZIENDALI/INTERAZIENDALI DI FORMAZIONE CONTINUA Avviso 01/2010 PIANI AZIENDALI/INTERAZIENDALI DI FORMAZIONE CONTINUA 1. Premessa Fondazienda è un Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua dei quadri e dei dipendenti dei

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente a in via in qualità di Legale Rappresentante pro-tempore dell Associazione/Istituzione/Ente

Il sottoscritto nato a il residente a in via in qualità di Legale Rappresentante pro-tempore dell Associazione/Istituzione/Ente AL COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO via Roma 18 SAN GIOVANNI LUPATOTO ALL'ASSESSORE Richiesta di contributo per singole iniziative. (SCRIVERE IN STAMPATELLO E COMPILARE TUTTI I CAMPI) Il sottoscritto nato

Dettagli

Ripartizione Politiche Educative Giovanili

Ripartizione Politiche Educative Giovanili AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA II^ EDIZIONE DEL CONCORSO SOFT ECONOMY START - UP DI MICROIMPRESA INNOVATIVA GIOVANILE NELL AMBITO DEL PIANO LOCALE GIOVANI DIFFERENZE GENERAZIONALI Art. 1 - Descrizione dell

Dettagli

Dispositivo Forma.Temp per la Formazione a Distanza (FaD) CdA 11/11/2015

Dispositivo Forma.Temp per la Formazione a Distanza (FaD) CdA 11/11/2015 Dispositivo Forma.Temp per la Formazione a Distanza (FaD) CdA 11/11/2015 Sommario Premessa... 3 1. Definizione... 3 2. Destinatari... 3 3. Tipologie formative finanziabili... 3 4. Formazione blended...

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO

REGOLAMENTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO REGOLAMENTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO TITOLO 1 Premessa Art. 1 Finalità oggetto del Regolamento 1. L Associazione EBN Italia stabilisce con il presente Regolamento i criteri, le modalità e le procedure

Dettagli

Concorso di idee per un consumo sostenibile

Concorso di idee per un consumo sostenibile Allegato A LOGO VDA Assessorato al Commercio Ministero dello Sviluppo Economico Concorso di idee per un consumo sostenibile L Assessorato al Commercio della Regione Piemonte Settore Tutela e Difesa dei

Dettagli

BANDO 2016 PER LA PRESENTAZIONE DI RICHIESTA DI CONTRIBUTI

BANDO 2016 PER LA PRESENTAZIONE DI RICHIESTA DI CONTRIBUTI BANDO 2016 PER LA PRESENTAZIONE DI RICHIESTA DI CONTRIBUTI per iniziative e progetti da realizzare nell anno 2016 (e, per le scuole, nell anno scolastico 2015/2016) ATTENZIONE Il modulo di richiesta deve

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI

REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI INDICE: Art. 1

Dettagli

Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport

Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Allegato A Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Avviso Pubblico ai sensi della Legge Regionale n. 15/02 e s.m.i., articolo 33 comma 1 Contributi

Dettagli

Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative

Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative UniCredit S.p.A. e Giovani Imprenditori di Confindustria con il patrocinio di Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative Iniziativa per il sostegno

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. finanziamento di idee progettuali

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. finanziamento di idee progettuali FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014 finanziamento di idee progettuali nel settore rilevante c) salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa * * * ART.1 PREMESSE La Fondazione

Dettagli

COMUNE DI CORATO Provincia di Bari

COMUNE DI CORATO Provincia di Bari COMUNE DI CORATO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A FAVORE DI COOPERATIVE DI GARANZIA E CONSORZI FIDI PER LA DOTAZIONE DI FONDI RISCHI DIRETTI ALLA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE

Dettagli

TERRE DI SIENA CREATIVE

TERRE DI SIENA CREATIVE Amministrazione Provinciale di Siena BANDO DI CONCORSO TERRE DI SIENA CREATIVE Data pubblicazione : 1. Oggetto e finalità L Amministrazione Provinciale di Siena e la CCIAA di Siena promuovono il bando

Dettagli

vista la L.R. n. 7 del 04/02/1997, artt. 4 e 5; vista la L.R. 28/2001; vista la L.R. 18/2004;

vista la L.R. n. 7 del 04/02/1997, artt. 4 e 5; vista la L.R. 28/2001; vista la L.R. 18/2004; 6812 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 24 del 20 02 2014 3. Di dare atto che il provvedimento viene redatto in forma integrale e per estratto, con parti oscurate non necessarie ai fini di pubblicità

Dettagli

3. Rendicontazione finale

3. Rendicontazione finale BANDO GALILEO 2012-2013 REGOLAMENTO 1. Accettazione del contributo Il conferimento del contributo è subordinato alla ricezione da parte del Segretariato italiano dell della seguente documentazione, che

Dettagli

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI L'Università degli Studi del Molise, in conformità a quanto disposto

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito Nel confermare il loro impegno di sviluppo e promozione sociale, la Fondazione aiutare i bambini Onlus ( Aiutare i Bambini ) e la

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

BANDO 2016 REGOLAMENTO

BANDO 2016 REGOLAMENTO BANDO 2016 REGOLAMENTO La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nell ambito della propria attività istituzionale, promuove un bando per la presentazione di richieste di finanziamento a favore di progetti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Agosto 2012 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei Piani

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. cofinanziamento di idee progettuali. nel settore a) ricerca scientifica e tecnologica

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. cofinanziamento di idee progettuali. nel settore a) ricerca scientifica e tecnologica FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014 cofinanziamento di idee progettuali nel settore a) ricerca scientifica e tecnologica Art.1 PREMESSE La Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia,

Dettagli

1. FASE di presentazione della DOMANDA.

1. FASE di presentazione della DOMANDA. Norme Integrative per la partecipazione Italiana al Bando Scientifico e al Bando Industriale per la raccolta di progetti congiunti di ricerca per l anno 2015 e per la rendicontazione dei progetti - Legge

Dettagli

Via Scipione Dal Ferro 4 40138 Bologna tel. 051 340328 fax 051 341169 E-mail: info@volabo.it Web: www.volabo.it

Via Scipione Dal Ferro 4 40138 Bologna tel. 051 340328 fax 051 341169 E-mail: info@volabo.it Web: www.volabo.it Guida Operativa PER I COORDINATORI DEI PROGETTI SOCIALI di RETE ed INTERPROVINCIALI Via Scipione Dal Ferro 4 40138 Bologna tel. 051 340328 fax 051 341169 E-mail: info@volabo.it Web: www.volabo.it C.F.

Dettagli