FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL CORE 4 DIABETE LINEE GUIDA PER I CONTRIBUTI E MODULO DI DOMANDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL CORE 4 DIABETE LINEE GUIDA PER I CONTRIBUTI E MODULO DI DOMANDA"

Transcript

1 FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL CORE 4 DIABETE LINEE GUIDA PER I CONTRIBUTI E MODULO DI DOMANDA

2

3 Linee guida per i contributi Core 4 Diabete e modulo di domanda INTRODUZIONE E SITUAZIONE GLOBALE Il diabete è una malattia cronica che si verifica quando il corpo non produce o non utilizza in modo efficace l insulina che serve per regolare gli zuccheri nel sangue. Le complicazioni legate al diabete sono molteplici e possono causare seri danni al corpo o addirittura portare alla morte. Il numero delle persone affette dal diabete è in continuo aumento in tutti i paesi; i costi legati alla malattia sono rilevanti e lievitano con un ritmo incalzante. Le statistiche della Federazione Internazionale del Diabete 1 e l Organizzazione Mondiale della Sanità descrivono una situazione globale sconcertante: Persone affette dal diabete La metà delle persone affette dal diabete non sa di esserlo L attacco del diabete infantile si manifesta sempre più precocemente Il numero delle persone affette dal diabete aumenterà da 371 milioni a 552 milioni entro il 2030 Mortalità e costi del diabete La metà delle persone che muoiono a causa del diabete hanno meno di 60 anni di età Oltre l 80% delle morti causate dal diabete si verifica nei paesi a basso e medio reddito 2 Nel 2012 le vittime del diabete sono state 4 milioni e 800 mila e sono stati spesi 471 miliardi di dollari USA per il diabete È stato previsto che il diabete sarà la settima causa di mortalità nel Esperti medici e sostenitori della cura del diabete concordano sul fatto che tra le più grandi difficoltà legate al diabete vi è l individuare chi è affetto dalla malattia, il prevenire gli attacchi del diabete e il ridurre le disabilità causate dalle complicazioni correlate. Altre problematiche per le unità di assistenza sanitaria per il diabete includono il miglioramento dell accesso a una cura completa, l affrontare la discriminazione e il marchio portato dalle persone diabetiche. DICHIARAZIONE DI MISSIONE E STRATEGIE PER I FINANZIAMENTI I contributi Core 4 per il diabete vanno a sostenere i progetti su larga scala condotti dai Lions o affiliati a sostegno di quelle attività di salute pubblica che mirano all espansione e al miglioramento della prevenzione, informazione e accesso ai programmi di trattamento per il diabete per le popolazioni sottoservite. Questi contributi favoriscono le iniziative di successo per il diabete con modelli comprovati; i dati storici aumentano al fine di servire altre persone, arrivare a nuove popolazioni, migliorare l accesso a sistemi completi di gestione e informazione sul diabete. Di seguito si riportano le strategie per i finanziamenti della LCIF. Prevenzione, informazione pubblica e sensibilizzazione a. Programmi informativi e di sensibilizzazione per la comunità che: 1) promuovono l informazione sul prediabete e su quello che può essere fatto per invertire i sintomi, soprattutto fra i gruppi a rischio; 2) si basano sulla sensibilizzazione verso stili di vita sani, dieta e attività fisica; 3) coinvolgono gruppi di colleghi, come colleghi di lavoro o compagni di scuola, per la lotta contro la discriminazione. b. Considerando che l attacco del diabete si manifesta precocemente, fra le priorità si contano i programmi comunitari che coinvolgono i bambini nella loro salute e quelli svolti presso le scuole incentrati sui bambini e che trattano i rischi del diabete e, infine, lo svolgimento di attività improntate sulla dieta e l attività fisica. c. Attività di controllo sul diabete per gruppi di popolazioni ad alto rischio sulla base dei dati nazionali, fra cui il diabete gestazionale. Nelle attività di controllo si invita a utilizzare i test di valutazione sul rischio del diabete. Si prega di notare che i programmi tipici di controllo sono costosi e difficili da sostenere, per cui nella comunità deve esserci una forte collaborazione per dividere i costi del progetto in quest area. 1 IDF Diabetes Atlas 6th Edition and Update, 2011 e Mathers CD, Loncar D., Projections of Global Mortality and Burden of Disease from 2002 to PLoS Med, 2006, 3(11):e Global status report on noncommunicable diseases Geneva, World Health Organization (OMS), F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l 3

4 Informazione e sostegno al paziente a. Programmi che promuovono continui cambiamenti di comportamento fra coloro a cui è stato diagnosticato il diabete; espansione di programmi autogestiti di informazione sul diabete; iniziative di sostegno ai bambini diabetici; programmi per chi è affetto dal diabete gestazionale. b. Impegno per sviluppare o espandere gruppi locali di attività per persone diabetiche. Accesso al trattamento a. Impegno per migliorare ed espandere i servizi sanitari esistenti per il diabete per popolazioni sottoservite tramite la formazione a livello primario e comunitario del personale e la fornitura di apparecchiature. b. Programmi che migliorino l accesso al trattamento completo per il diabete, incluso l accesso ai servizi sanitari di supporto che siano legati alla cura del diabete, come i servizi oculistici e di podologia. AMMISSIBILITÀ DEI PROGETTI PROGETTI AMMESSI Rispondono a un esigenza locale o nazionale sul diabete Sostengono l impegno di un distretto o multidistretto Lions Forniscono dei benefici a lungo termine che possono essere sostenuti dopo l erogazione del contributo Sono rivolti a una grossa fetta di popolazione o regione Permettono di individuare da vicino i Lions grazie al progetto Coinvolgono i Lions con attività sul campo Ricevono i fondi dai Lions club locali PROGETTI NON AMMESSI 7 Controlli generici sulla popolazione 7 Ricerca scientifica 7 Impegno per nuove attività 7 Costi per medicine e prodotti consumabili usati nei controlli 7 Progetti di singoli club 7 Acquisti di terreno e di edifici ESEMPI DI PROGETTI AMMESSI Programmi di sensibilizzazione pubblica condotti su larga scala dai Lions insieme a unità sanitarie locali o nazionali oppure a organizzazioni per il diabete. Iniziative per unità di controllo fisse o mobili che mirano alle comunità ad alto rischio se unite a un maggior accesso a interventi e fornitura di assistenza medica. Nelle iniziative di controllo si invita a utilizzare i test di valutazione sul rischio del diabete. Miglioramento dei programmi per i pazienti diabetici, fra cui l ampliamento dei campi per i bambini diabetici, l inserimento dei gruppi di attività per i pazienti o l incorporazione di programmi allestiti di autogestione per i pazienti al fine di evitare ulteriori complicazioni. Traduzione e realizzazione di materiali culturali aggiuntivi nelle lingue appropriate per quelle aree in cui il materiale non è ancora disponibile. Espansione di strutture sanitarie, come lo spazio per includere servizi di programmazione e cura complessiva del diabete. Attività che coinvolgano bambini e adulti in uno stile di vita sano, comprensivo di dieta e attività fisica. Sostegno per formare attività di gruppo, come per esempio gruppi per fare delle passeggiate. 4 F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l

5 CRITERI DI VALUTAZIONE DEI CONTRIBUTI CORE 4 PER IL DIABETE 1. I progetti devono promuovere le attività e i programmi a favore degli obiettivi nazionali sul diabete. 2. Le iniziative devono essere in linea e sviluppare delle collaborazioni, in base alle necessità, con le organizzazioni sanitarie nazionali e locali, le strutture sanitarie, le associazioni per il patrocinio sul diabete, le università e i sistemi scolastici. 3. I contributi sono valutati per i progetti che eccedono le risorse finanziarie e le capacità di raccolta fondi del distretto Lions del richiedente e dei club partecipanti. 4. I progetti devono servire intere comunità per massimizzare l impatto caritatevole del finanziamento della LCIF. Un ulteriore requisito prevede che i progetti siano rivolti alle popolazioni sottoservite e a chi dimostra di aver necessità di un aiuto finanziario. 5. I progetti che mirano a un contributo della LCIF devono avere dei forti connotati Lions e un continuo coinvolgimento dei Lions locali. La priorità viene data a quei progetti in cui i Lions offrono i servizi di volontari, hanno dei dati storici in merito agli aiuti offerti in precedenza e un ruolo chiaramente individuabile nel contribuire a gestire il progetto e/o l istituzione coinvolta. 8. I Lions devono raccogliere dei fondi locali equivalenti al 25 percento del budget e almeno la metà dei fondi locali dovrà essere costituita da donazioni fatte in contanti dai Lions. 9. I progetti dovranno possedere un elevato grado di sostenibilità e assicurare in maniera discreta una continua operatività alla conclusione del finanziamento della LCIF. 10. I contributi Core 4 per il diabete non sono disponibili per i progetti che rientrano più propriamente in altri programmi di contributo della LCIF. I progetti di ristrutturazione o costruzione di campi per diabetici sono gestiti dal programma di contributi Standard. Per i progetti che vertono sulla retinopatia diabetica si dovrà far riferimento al programma SightFirst. Le informazioni sugli altri programmi della Fondazione sono disponibili collegandosi su o contattando la LCIF. 11. I progetti sovvenzionati dovranno chiaramente indicare che questi sono stati resi possibili grazie ai contributi della LCIF tramite un riconoscimento appropriato, cartelli e attività di pubbliche relazioni. I rapporti finali sul contributo devono includere la conferma del riconoscimento. 6. Oltre all interessamento e all individuazione dei Lions verso il progetto, il distretto Lions richiedente e i club partecipanti devono assumere un impegno significativo nei confronti del progetto. 7. I fondi integrativi locali possono avvenire solamente sotto forma di contributi in contanti. Le donazioni appropriate in natura, come risorse umane e consumabili, rafforzeranno la proposta e dovranno essere evidenziate nel progetto, ma non potranno essere incluse nel budget come parte dei fondi integrativi ai fini del contributo della LCIF. In aggiunta, i fondi integrativi locali dovranno rappresentare il contante disponibile o promesso per il progetto che sta per essere proposto. 12. Ogni domanda di contributo viene valutata solamente in base al proprio merito e al grado con cui rispecchia i criteri di valutazione e le priorità umanitarie di finanziamento della LCIF secondo quanto stabilito dal Consiglio Fiduciario. F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l 5

6 REGOLAMENTO SUI CONTRIBUTI CORE 4 1. I richiedenti il contributo devono inviare le loro proposte di progetto su un modulo di domanda di contributo Core 4 per il diabete, debitamente compilato in ogni sua parte. Nel budget del progetto si devono elencare chiaramente tutte le fonti di entrata e le voci di spesa del progetto; le entrate legate al progetto devono uguagliare le spese. Le domande incomplete o le proposte presentate in altri formati non saranno considerate valide. 2. Le proposte di contributo possono essere presentate da qualsiasi distretto Lions (singolo, sub o multiplo). I progetti con un più elevato impatto a livello statale, regionale o provinciale avranno la priorità. Le domande presentate dai distretti singoli o sub dovranno essere firmate sia dall attuale governatore distrettuale che dal presidente del Consiglio ed essere certificate da una risoluzione del Gabinetto distrettuale e poi con una notifica al presidente del Consiglio. Le domande dei multidistretti dovranno essere firmate dal presidente del Consiglio e certificate da una risoluzione del Consiglio dei governatori. È necessario inviare i rispettivi verbali delle riunioni di Gabinetto o di Consiglio durante le quali è stata certificata la domanda. Questi verbali dovranno rientrare nell anno sociale Lions in cui la domanda sarà valutata dal Consiglio Fiduciario della LCIF. 3. Se si svolgerà un progetto su un contributo Core 4 per il diabete in un paese al di fuori del distretto del richiedente, il progetto dovrà avere l approvazione e l attiva partecipazione del multidistretto o distretto Lions, o per i paesi senza distretto, dei Lions club locali. 4. I contributi Core 4 per il diabete vengono rilasciati per le iniziative fino a un importo massimo di US$ per i distretti singoli e di US$ per i multidistretti e non dovranno superare il 75 percento del costo totale del progetto. I progetti che utilizzano strategie produttive avranno la priorità, quindi il limite più alto del contributo dovrà essere richiesto solo per quei progetti che avranno un impatto su un ampia regione o che saranno di beneficio per un grande numero di persone. 5. Dovrà essere stabilita la nomina di un comitato direttivo composto da Lions, autorità locali e sanitarie per i diabetici e altri soggetti economici chiave del progetto. Questo comitato supervisionerà e garantirà una realizzazione di successo del progetto. 6. I contributi non sono disponibili per le spese operative e i salari di un programma esistente. Tuttavia, in alcuni casi, si potrà destinare una modesta porzione del budget (non superiore al 10 percento) per coprire questi costi amministrativi. Un programma per la sostenibilità di tali costi deve essere inviato con la domanda di contributo una volta che il finanziamento della LCIF è stato completato. 7. I contributi non sono disponibili per la costruzione di nuove strutture sanitarie per la cura del diabete che includano spazio per la cura e la programmazione dell informazione sul diabete. La priorità sarà invece riconosciuta a quei progetti che mirano al miglioramento o all espansione di cliniche/ospedali esistenti. Nel caso di comunità con scarse o addirittura inesistenti strutture sanitarie di cura, possono essere disponibili dei contributi per la costruzione di nuove cliniche da gestire insieme a istituti medici o organizzazioni già esistenti. 6 F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l -

7 8. I Lions e/o le loro famiglie non devono avere un beneficio diretto o professionale o nutrire degli interessi di proprietà nei progetti che ricevono assistenza dalla LCIF. 9. Le domande di contributo devono pervenire presso l ufficio della LCIF, nel modulo debitamente compilato, almeno 60 giorni prima di una riunione del Consiglio Fiduciario della LCIF per essere valutate in quella sede. Queste riunioni hanno luogo fra settembre e ottobre, fra marzo e aprile e in giugno; per conoscere le date di scadenza basta collegarsi nella pagina web della LCIF o contattare direttamente la LCIF. Visto che con sempre maggiore frequenza vengono richieste delle informazioni supplementari, presentando la domanda con dovuto anticipo, si avranno maggiori probabilità che questa non sia rinviata a una successiva riunione del Consiglio Fiduciario. 10. Le domande revocate o respinte in precedenza possono essere trasmesse nuovamente solamente se modificate secondo le motivazioni del rifiuto/ revoca. 11. Il governatore distrettuale, o il presidente del Consiglio multidistrettuale, in carica nel momento in cui il contributo viene approvato, fungerà da amministratore del contributo per la durata del progetto. Sarà sua responsabilità stabilire un conto corrente bancario specifico per questo progetto ed elargire i fondi ai partner e ai venditori del progetto. Qualora un progetto venisse portato avanti nel nuovo anno sociale, l amministratore del contributo dovrà fornire al Gabinetto distrettuale o al Consiglio multidistrettuale in carica le copie sul progresso e i rapporti finali del progetto inviati alla LCIF. La LCIF si riserva il diritto di sostituire gli amministratori del contributo secondo necessità. 12. I beneficiari del contributo sono responsabili dell invio di un rapporto che illustri i risultati del progetto e l esatto utilizzo dei fondi LCIF al completamento del progetto. I moduli dei rapporti sono emessi con le lettere di congratulazioni per i contributi. I distretti che non inviano tale rapporto per un progetto completato non avranno diritto a ricevere altri contributi. 13. I progetti sovvenzionati dal contributo dovranno essere realizzati entro un limite di tempo ragionevole. Dopo una sufficiente consultazione con il distretto, la LCIF mantiene l autorità di revocare i contributi che o non sono iniziati o che non stanno registrando un sufficiente progresso entro un ragionevole periodo di tempo. Qualsiasi fondo elargito che non sia stato adeguatamente documentato dovrà essere restituito alla LCIF se il contributo viene revocato. 14. Le domande, i cui richiedenti non risponderanno entro 120 giorni alla corrispondenza ricevuta dalla LCIF in merito alla loro domanda, diventeranno inammissibili per ulteriore considerazione e saranno respinte. F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l 7

8 MODULO DI DOMANDA CONTRIBUTO CORE 4 PER IL DIABETE linee guida Si prega di leggere attentamente i criteri di valutazione e il regolamento relativi ai Contributi Core 4 della LCIF prima di compilare questa domanda. Affinché il Consiglio Fiduciario della LCIF possa valutare questa richiesta, è necessario rispondere a ognuna delle domande sotto riportate. Le proposte preparate da altre organizzazioni o agenzie non saranno accettate. Si prega di rispondere alle domande nel seguente ordine. A. descrizione del Progetto 1. Data della presentazione 2. Nome del progetto 3. Distretto, sottodistretto o multidistretto Lions che presenta il progetto 4. Collaboratori 5. Importo dei fondi richiesti alla LCIF 6. Obiettivo del progetto 7. Numero di persone che beneficeranno direttamente da questo progetto 8. Dati di contatto del coordinatore principale del progetto comprensivi di nome, indirizzo, telefono, indirizzo B. ProgettAzIone del Progetto 9. Contesto nazionale e area di riferimento: fornire il contesto in cui il progetto proposto sarà realizzato. Includere le informazioni su dati/stime prevalenti, normative nazionali correnti, strategie e piano d azione per il diabete. In aggiunta, spiegare come viene organizzata la cura del diabete a livello nazionale e l area di riferimento; riportare qualsiasi programma esistente che si occupi di prevenzione e cura del diabete nell area di riferimento; elencare le barriere più importanti e fornire altri dati rilevanti sull area di riferimento. 10. Scopi e obiettivi: stabilire lo scopo e gli obiettivi (generalmente da 3 a 4) del vostro progetto. Lo scopo complessivo dovrà essere realistico e sostenuto dagli obiettivi stabiliti. 11. Attività del progetto: descrivere le attività dettagliate per ogni obiettivo del progetto. Per esempio, descrivere nel dettaglio tutti i tipi di attività formative, di controllo e informative, nonché le campagne di sensibilizzazione per la comunità. È necessario includere quanto segue: in che cosa consistono e come saranno organizzate le attività; qual è la frequenza e la durata delle attività; se saranno realizzati nuovi tipi di materiale; quali sono i contenuti del materiale informativo e del programma della formazione applicato; chi sarà il moderatore delle attività; quante persone saranno formate, controllate e quante riceveranno delle informazioni; in che modo le attività si collegano all attuale sistema sanitario statale. 12. Gruppi di riferimento: si prega di includere una descrizione dei gruppi a cui è destinato questo progetto e il motivo per cui questi sono stati selezionati. 13. Partner nel progetto: indicare chi sono i soggetti economici del progetto includendo i partner e chi offre un contributo tecnico. Descrivere i ruoli e le responsabilità delle parti interessate. Se i collaboratori sono coinvolti, includere le lettere delle organizzazioni che appoggiano il progetto e indicarne i ruoli e il tipo di coinvolgimento. 8 F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l

9 14. Risultati prefissati del progetto: indicare gli esiti previsti e il numero totale di persone che usufruiranno dei servizi derivanti dal progetto. I numeri dovranno essere misurabili, acquisibili e chiaramente a sostegno degli obiettivi e delle attività del progetto. 15. Monitoraggio e valutazione: descrivere il monitoraggio programmato e il controllo delle attività. Descrivere nel dettaglio i metodi e la frequenza dell impegno al monitoraggio e alla valutazione. Indicare chi è responsabile e come i dati e i risultati saranno usati per migliorare il programma. 16. Cronologia: includere un programma con le tempistiche per l implementazione e il completamento del progetto. C. IndIvIdUAzIone e CoInvolgImento dei lions 17. Fornire una breve storia, come appropriato, se i Lions che presentano questa domanda sono già stati o sono attualmente coinvolti in attività per il diabete, inclusa la programmazione e la distribuzione dell informazione, visite di controllo o raccolte fondi. 18. Indicare quanti Lions club prenderanno parte al progetto e descriverne i ruoli nella gestione, nella raccolta fondi, nella promozione, difesa e implementazione diretta del progetto. 19. Descrivere i piani per comunicare come il progetto sia stato possibile grazie alla LCIF. Qualsiasi materiale pubblicitario e informativo relativo a questo progetto dovrà mettere in evidenza il contributo e la partecipazione sia della LCIF che dei Lions. d. BUdget e SoStenIBIlItà del Progetto 20. Elencare separatamente tutte le fonti delle entrate con i relativi importi in dollari (per esempio: distretto, LCIF, organizzazioni partner, stato e aziende). Includere l importo che ogni fonte sta fornendo e indicarne lo status (raccolto, promesso o anticipato) insieme alle date in cui i fondi anticipati/promessi saranno raccolti. 21. Includere un budget dettagliato per tutto il progetto utilizzando il formato del grafico qui sotto: Presentare il budget in dollari USA. Elencare separatamente tutte le voci di spesa del progetto e indicare nello specifico a chi saranno ripartiti quei costi. I fondi integrativi locali devono avvenire sotto forma di contributi in contanti. I servizi donati e il supporto in natura per i progetti sono ben accetti, ma questo tipo di aiuto non può essere considerato come una fonte di entrata. Almeno la metà dei fondi integrativi locali deve essere assicurata e/o raccolta dai Lions che presentano la domanda di contributo. Includere la documentazione idonea per le voci di spesa elencate nel budget. Per ogni voce della colonna spese, includere: fatture proforma, offerte di fornitori, preventivi per lavori di ristrutturazione e/o documentazione di altri costi. Allegare i dépliant del prodotto per qualsiasi tipo di acquisto attrezzature. F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l 9

10 Spese del progetto Primo anno Secondo anno TOTALE LCIF Lions Partner LCIF Lions Partner Totale del progetto TOTALE RICHIESTO ALLA LCIF 22. Si prega di fornire una descrizione del budget per ogni voce elencata sotto alle spese del progetto. Giustificare il motivo per cui ogni voce si rende necessaria e il relativo costo. 23. Spiegare come il progetto sarà sostenuto negli anni a venire. Descrivere chi sarà responsabile per le spese operative, di manutenzione e amministrative. Inviare la domanda di contributo debitamente compilata e tutta la documentazione giustificativa all ufficio della Fondazione Lions Clubs International. Quale notifica di ricevimento della proposta, sarà spedita una lettera di conferma con il numero del contributo. Il Consiglio Fiduciario della LCIF e il personale si riserva il diritto di richiedere ulteriori informazioni che saranno giudicate pertinenti in base alle necessità. Nel caso in cui fossero richiesti ulteriori dettagli, sarà inviata una richiesta via al corrispondente governatore distrettuale o presidente di Consiglio multidistrettuale e al responsabile del progetto. 1 0 F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l

11 e. APProvAzIone della domanda Ogni domanda di contributo deve essere corredata dall approvazione del Gabinetto o del Consiglio. Si prega di presentare una copia del verbale relativo alla riunione di Gabinetto in cui è stata certificata la domanda rientrante nello stesso anno sociale Lions in cui la proposta sarà valutata dal Consiglio Fiduciario della LCIF. Nel caso di distretti singoli o sub, la domanda dovrà essere firmata dal governatore distrettuale e dal presidente del Consiglio. Per i multidistretti, la domanda dovrà essere firmata dal presidente del Consiglio (si prega di far riferimento ai punti 2 e 3 del regolamento sui criteri di valutazione). Le approvazioni e i verbali della riunione di Gabinetto dovranno rientrare nello stesso anno sociale Lions in cui il progetto sarà valutato dal Consiglio Fiduciario della LCIF. Firmare per approvare la seguente affermazione: Con la presente certifico che ho controllato i criteri di valutazione del Contributo Core 4 per il Diabete della LCIF e la domanda di contributo. Dichiaro che, per quanto di mia conoscenza, le informazioni presentate sono corrette e che l esigenza è reale secondo quanto indicato. Approvo questa proposta e farò quanto in mio potere per gestire i fondi concessi e garantirne un utilizzo proprio ed efficiente, nonché assicurare un accurata tenuta della contabilità e l invio regolare e puntuale dei rapporti alla Fondazione Lions Clubs International. Approvazione del Presidente del Consiglio Nome del Presidente del Consiglio N. del Multidistretto Indirizzo Telefono Fax Firma Data Approvazione del governatore distrettuale Nome del Governatore Distrettuale N. del Distretto Indirizzo Telefono Fax Firma Data Approvazione del responsabile del progetto Nome del Responsabile del progetto N. del Multidistretto/Distretto Indirizzo Telefono Fax Firma Data F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l 1 1

12 WE CARE. WE SERVE. WE ACCOMPLISH. Fondazione Lions Clubs International 300 West 22nd Street Oak Brook, IL USA Telefono: Fax: Sito web: LCIF150 IT 1/14

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

GUIDARE GLI ALTRI VITA I LEO CLUB

GUIDARE GLI ALTRI VITA I LEO CLUB GUIDARE GLI ALTRI PER LA VITA I LEO CLUB PREPARANO I GIOVANI AD UNA VITA DA LEADER FATE LA DIFFERENZA... CAMBIATE IL MONDO... SPONSORIZZATE UN LEO CLUB Quando si crea un Leo club locale, i giovani della

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO ITALIAN (IT) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO Gli sponsor di progetti umanitari e di squadre di formazione professionale finanziati con sovvenzioni globali sono tenuti

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Manuale del presidente di club

Manuale del presidente di club Manuale del presidente di club Parte della Cartella per dirigenti di club 222-IT (312) FATTURA DI CLUB: NUOVA PROCEDURA Che cosa è cambiato A decorrere da gennaio 2015, la fattura di club sarà contenuta

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Sistema di certificazione del processo di Kimberley

Sistema di certificazione del processo di Kimberley Traduzione 1 Sistema di certificazione del processo di Kimberley Preambolo I partecipanti, riconoscendo che il commercio dei diamanti insanguinati è un grave problema internazionale, che può contribuire

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Manuale del Presidente di Zona

Manuale del Presidente di Zona Manuale del Presidente di Zona Anno 2014-2015 Italiano Lions Clubs International Scopi ORGANIZZARE, concedere lo status ufficiale e controllare club di servizio da essere riconosciuti come Lions clubs

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Associazione Internazionale dei Lions Clubs TIPO PER CLUB

Associazione Internazionale dei Lions Clubs TIPO PER CLUB Associazione Internazionale dei Lions Clubs Statuto e Regolamento TIPO PER CLUB Aggiornato all 8 luglio 2014 Lions Clubs International SCOPI ORGANIZZARE, fondare e sovrintendere i club di service noti

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli