FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL CORE 4 DIABETE LINEE GUIDA PER I CONTRIBUTI E MODULO DI DOMANDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL CORE 4 DIABETE LINEE GUIDA PER I CONTRIBUTI E MODULO DI DOMANDA"

Transcript

1 FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL CORE 4 DIABETE LINEE GUIDA PER I CONTRIBUTI E MODULO DI DOMANDA

2

3 Linee guida per i contributi Core 4 Diabete e modulo di domanda INTRODUZIONE E SITUAZIONE GLOBALE Il diabete è una malattia cronica che si verifica quando il corpo non produce o non utilizza in modo efficace l insulina che serve per regolare gli zuccheri nel sangue. Le complicazioni legate al diabete sono molteplici e possono causare seri danni al corpo o addirittura portare alla morte. Il numero delle persone affette dal diabete è in continuo aumento in tutti i paesi; i costi legati alla malattia sono rilevanti e lievitano con un ritmo incalzante. Le statistiche della Federazione Internazionale del Diabete 1 e l Organizzazione Mondiale della Sanità descrivono una situazione globale sconcertante: Persone affette dal diabete La metà delle persone affette dal diabete non sa di esserlo L attacco del diabete infantile si manifesta sempre più precocemente Il numero delle persone affette dal diabete aumenterà da 371 milioni a 552 milioni entro il 2030 Mortalità e costi del diabete La metà delle persone che muoiono a causa del diabete hanno meno di 60 anni di età Oltre l 80% delle morti causate dal diabete si verifica nei paesi a basso e medio reddito 2 Nel 2012 le vittime del diabete sono state 4 milioni e 800 mila e sono stati spesi 471 miliardi di dollari USA per il diabete È stato previsto che il diabete sarà la settima causa di mortalità nel Esperti medici e sostenitori della cura del diabete concordano sul fatto che tra le più grandi difficoltà legate al diabete vi è l individuare chi è affetto dalla malattia, il prevenire gli attacchi del diabete e il ridurre le disabilità causate dalle complicazioni correlate. Altre problematiche per le unità di assistenza sanitaria per il diabete includono il miglioramento dell accesso a una cura completa, l affrontare la discriminazione e il marchio portato dalle persone diabetiche. DICHIARAZIONE DI MISSIONE E STRATEGIE PER I FINANZIAMENTI I contributi Core 4 per il diabete vanno a sostenere i progetti su larga scala condotti dai Lions o affiliati a sostegno di quelle attività di salute pubblica che mirano all espansione e al miglioramento della prevenzione, informazione e accesso ai programmi di trattamento per il diabete per le popolazioni sottoservite. Questi contributi favoriscono le iniziative di successo per il diabete con modelli comprovati; i dati storici aumentano al fine di servire altre persone, arrivare a nuove popolazioni, migliorare l accesso a sistemi completi di gestione e informazione sul diabete. Di seguito si riportano le strategie per i finanziamenti della LCIF. Prevenzione, informazione pubblica e sensibilizzazione a. Programmi informativi e di sensibilizzazione per la comunità che: 1) promuovono l informazione sul prediabete e su quello che può essere fatto per invertire i sintomi, soprattutto fra i gruppi a rischio; 2) si basano sulla sensibilizzazione verso stili di vita sani, dieta e attività fisica; 3) coinvolgono gruppi di colleghi, come colleghi di lavoro o compagni di scuola, per la lotta contro la discriminazione. b. Considerando che l attacco del diabete si manifesta precocemente, fra le priorità si contano i programmi comunitari che coinvolgono i bambini nella loro salute e quelli svolti presso le scuole incentrati sui bambini e che trattano i rischi del diabete e, infine, lo svolgimento di attività improntate sulla dieta e l attività fisica. c. Attività di controllo sul diabete per gruppi di popolazioni ad alto rischio sulla base dei dati nazionali, fra cui il diabete gestazionale. Nelle attività di controllo si invita a utilizzare i test di valutazione sul rischio del diabete. Si prega di notare che i programmi tipici di controllo sono costosi e difficili da sostenere, per cui nella comunità deve esserci una forte collaborazione per dividere i costi del progetto in quest area. 1 IDF Diabetes Atlas 6th Edition and Update, 2011 e Mathers CD, Loncar D., Projections of Global Mortality and Burden of Disease from 2002 to PLoS Med, 2006, 3(11):e Global status report on noncommunicable diseases Geneva, World Health Organization (OMS), F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l 3

4 Informazione e sostegno al paziente a. Programmi che promuovono continui cambiamenti di comportamento fra coloro a cui è stato diagnosticato il diabete; espansione di programmi autogestiti di informazione sul diabete; iniziative di sostegno ai bambini diabetici; programmi per chi è affetto dal diabete gestazionale. b. Impegno per sviluppare o espandere gruppi locali di attività per persone diabetiche. Accesso al trattamento a. Impegno per migliorare ed espandere i servizi sanitari esistenti per il diabete per popolazioni sottoservite tramite la formazione a livello primario e comunitario del personale e la fornitura di apparecchiature. b. Programmi che migliorino l accesso al trattamento completo per il diabete, incluso l accesso ai servizi sanitari di supporto che siano legati alla cura del diabete, come i servizi oculistici e di podologia. AMMISSIBILITÀ DEI PROGETTI PROGETTI AMMESSI Rispondono a un esigenza locale o nazionale sul diabete Sostengono l impegno di un distretto o multidistretto Lions Forniscono dei benefici a lungo termine che possono essere sostenuti dopo l erogazione del contributo Sono rivolti a una grossa fetta di popolazione o regione Permettono di individuare da vicino i Lions grazie al progetto Coinvolgono i Lions con attività sul campo Ricevono i fondi dai Lions club locali PROGETTI NON AMMESSI 7 Controlli generici sulla popolazione 7 Ricerca scientifica 7 Impegno per nuove attività 7 Costi per medicine e prodotti consumabili usati nei controlli 7 Progetti di singoli club 7 Acquisti di terreno e di edifici ESEMPI DI PROGETTI AMMESSI Programmi di sensibilizzazione pubblica condotti su larga scala dai Lions insieme a unità sanitarie locali o nazionali oppure a organizzazioni per il diabete. Iniziative per unità di controllo fisse o mobili che mirano alle comunità ad alto rischio se unite a un maggior accesso a interventi e fornitura di assistenza medica. Nelle iniziative di controllo si invita a utilizzare i test di valutazione sul rischio del diabete. Miglioramento dei programmi per i pazienti diabetici, fra cui l ampliamento dei campi per i bambini diabetici, l inserimento dei gruppi di attività per i pazienti o l incorporazione di programmi allestiti di autogestione per i pazienti al fine di evitare ulteriori complicazioni. Traduzione e realizzazione di materiali culturali aggiuntivi nelle lingue appropriate per quelle aree in cui il materiale non è ancora disponibile. Espansione di strutture sanitarie, come lo spazio per includere servizi di programmazione e cura complessiva del diabete. Attività che coinvolgano bambini e adulti in uno stile di vita sano, comprensivo di dieta e attività fisica. Sostegno per formare attività di gruppo, come per esempio gruppi per fare delle passeggiate. 4 F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l

5 CRITERI DI VALUTAZIONE DEI CONTRIBUTI CORE 4 PER IL DIABETE 1. I progetti devono promuovere le attività e i programmi a favore degli obiettivi nazionali sul diabete. 2. Le iniziative devono essere in linea e sviluppare delle collaborazioni, in base alle necessità, con le organizzazioni sanitarie nazionali e locali, le strutture sanitarie, le associazioni per il patrocinio sul diabete, le università e i sistemi scolastici. 3. I contributi sono valutati per i progetti che eccedono le risorse finanziarie e le capacità di raccolta fondi del distretto Lions del richiedente e dei club partecipanti. 4. I progetti devono servire intere comunità per massimizzare l impatto caritatevole del finanziamento della LCIF. Un ulteriore requisito prevede che i progetti siano rivolti alle popolazioni sottoservite e a chi dimostra di aver necessità di un aiuto finanziario. 5. I progetti che mirano a un contributo della LCIF devono avere dei forti connotati Lions e un continuo coinvolgimento dei Lions locali. La priorità viene data a quei progetti in cui i Lions offrono i servizi di volontari, hanno dei dati storici in merito agli aiuti offerti in precedenza e un ruolo chiaramente individuabile nel contribuire a gestire il progetto e/o l istituzione coinvolta. 8. I Lions devono raccogliere dei fondi locali equivalenti al 25 percento del budget e almeno la metà dei fondi locali dovrà essere costituita da donazioni fatte in contanti dai Lions. 9. I progetti dovranno possedere un elevato grado di sostenibilità e assicurare in maniera discreta una continua operatività alla conclusione del finanziamento della LCIF. 10. I contributi Core 4 per il diabete non sono disponibili per i progetti che rientrano più propriamente in altri programmi di contributo della LCIF. I progetti di ristrutturazione o costruzione di campi per diabetici sono gestiti dal programma di contributi Standard. Per i progetti che vertono sulla retinopatia diabetica si dovrà far riferimento al programma SightFirst. Le informazioni sugli altri programmi della Fondazione sono disponibili collegandosi su o contattando la LCIF. 11. I progetti sovvenzionati dovranno chiaramente indicare che questi sono stati resi possibili grazie ai contributi della LCIF tramite un riconoscimento appropriato, cartelli e attività di pubbliche relazioni. I rapporti finali sul contributo devono includere la conferma del riconoscimento. 6. Oltre all interessamento e all individuazione dei Lions verso il progetto, il distretto Lions richiedente e i club partecipanti devono assumere un impegno significativo nei confronti del progetto. 7. I fondi integrativi locali possono avvenire solamente sotto forma di contributi in contanti. Le donazioni appropriate in natura, come risorse umane e consumabili, rafforzeranno la proposta e dovranno essere evidenziate nel progetto, ma non potranno essere incluse nel budget come parte dei fondi integrativi ai fini del contributo della LCIF. In aggiunta, i fondi integrativi locali dovranno rappresentare il contante disponibile o promesso per il progetto che sta per essere proposto. 12. Ogni domanda di contributo viene valutata solamente in base al proprio merito e al grado con cui rispecchia i criteri di valutazione e le priorità umanitarie di finanziamento della LCIF secondo quanto stabilito dal Consiglio Fiduciario. F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l 5

6 REGOLAMENTO SUI CONTRIBUTI CORE 4 1. I richiedenti il contributo devono inviare le loro proposte di progetto su un modulo di domanda di contributo Core 4 per il diabete, debitamente compilato in ogni sua parte. Nel budget del progetto si devono elencare chiaramente tutte le fonti di entrata e le voci di spesa del progetto; le entrate legate al progetto devono uguagliare le spese. Le domande incomplete o le proposte presentate in altri formati non saranno considerate valide. 2. Le proposte di contributo possono essere presentate da qualsiasi distretto Lions (singolo, sub o multiplo). I progetti con un più elevato impatto a livello statale, regionale o provinciale avranno la priorità. Le domande presentate dai distretti singoli o sub dovranno essere firmate sia dall attuale governatore distrettuale che dal presidente del Consiglio ed essere certificate da una risoluzione del Gabinetto distrettuale e poi con una notifica al presidente del Consiglio. Le domande dei multidistretti dovranno essere firmate dal presidente del Consiglio e certificate da una risoluzione del Consiglio dei governatori. È necessario inviare i rispettivi verbali delle riunioni di Gabinetto o di Consiglio durante le quali è stata certificata la domanda. Questi verbali dovranno rientrare nell anno sociale Lions in cui la domanda sarà valutata dal Consiglio Fiduciario della LCIF. 3. Se si svolgerà un progetto su un contributo Core 4 per il diabete in un paese al di fuori del distretto del richiedente, il progetto dovrà avere l approvazione e l attiva partecipazione del multidistretto o distretto Lions, o per i paesi senza distretto, dei Lions club locali. 4. I contributi Core 4 per il diabete vengono rilasciati per le iniziative fino a un importo massimo di US$ per i distretti singoli e di US$ per i multidistretti e non dovranno superare il 75 percento del costo totale del progetto. I progetti che utilizzano strategie produttive avranno la priorità, quindi il limite più alto del contributo dovrà essere richiesto solo per quei progetti che avranno un impatto su un ampia regione o che saranno di beneficio per un grande numero di persone. 5. Dovrà essere stabilita la nomina di un comitato direttivo composto da Lions, autorità locali e sanitarie per i diabetici e altri soggetti economici chiave del progetto. Questo comitato supervisionerà e garantirà una realizzazione di successo del progetto. 6. I contributi non sono disponibili per le spese operative e i salari di un programma esistente. Tuttavia, in alcuni casi, si potrà destinare una modesta porzione del budget (non superiore al 10 percento) per coprire questi costi amministrativi. Un programma per la sostenibilità di tali costi deve essere inviato con la domanda di contributo una volta che il finanziamento della LCIF è stato completato. 7. I contributi non sono disponibili per la costruzione di nuove strutture sanitarie per la cura del diabete che includano spazio per la cura e la programmazione dell informazione sul diabete. La priorità sarà invece riconosciuta a quei progetti che mirano al miglioramento o all espansione di cliniche/ospedali esistenti. Nel caso di comunità con scarse o addirittura inesistenti strutture sanitarie di cura, possono essere disponibili dei contributi per la costruzione di nuove cliniche da gestire insieme a istituti medici o organizzazioni già esistenti. 6 F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l -

7 8. I Lions e/o le loro famiglie non devono avere un beneficio diretto o professionale o nutrire degli interessi di proprietà nei progetti che ricevono assistenza dalla LCIF. 9. Le domande di contributo devono pervenire presso l ufficio della LCIF, nel modulo debitamente compilato, almeno 60 giorni prima di una riunione del Consiglio Fiduciario della LCIF per essere valutate in quella sede. Queste riunioni hanno luogo fra settembre e ottobre, fra marzo e aprile e in giugno; per conoscere le date di scadenza basta collegarsi nella pagina web della LCIF o contattare direttamente la LCIF. Visto che con sempre maggiore frequenza vengono richieste delle informazioni supplementari, presentando la domanda con dovuto anticipo, si avranno maggiori probabilità che questa non sia rinviata a una successiva riunione del Consiglio Fiduciario. 10. Le domande revocate o respinte in precedenza possono essere trasmesse nuovamente solamente se modificate secondo le motivazioni del rifiuto/ revoca. 11. Il governatore distrettuale, o il presidente del Consiglio multidistrettuale, in carica nel momento in cui il contributo viene approvato, fungerà da amministratore del contributo per la durata del progetto. Sarà sua responsabilità stabilire un conto corrente bancario specifico per questo progetto ed elargire i fondi ai partner e ai venditori del progetto. Qualora un progetto venisse portato avanti nel nuovo anno sociale, l amministratore del contributo dovrà fornire al Gabinetto distrettuale o al Consiglio multidistrettuale in carica le copie sul progresso e i rapporti finali del progetto inviati alla LCIF. La LCIF si riserva il diritto di sostituire gli amministratori del contributo secondo necessità. 12. I beneficiari del contributo sono responsabili dell invio di un rapporto che illustri i risultati del progetto e l esatto utilizzo dei fondi LCIF al completamento del progetto. I moduli dei rapporti sono emessi con le lettere di congratulazioni per i contributi. I distretti che non inviano tale rapporto per un progetto completato non avranno diritto a ricevere altri contributi. 13. I progetti sovvenzionati dal contributo dovranno essere realizzati entro un limite di tempo ragionevole. Dopo una sufficiente consultazione con il distretto, la LCIF mantiene l autorità di revocare i contributi che o non sono iniziati o che non stanno registrando un sufficiente progresso entro un ragionevole periodo di tempo. Qualsiasi fondo elargito che non sia stato adeguatamente documentato dovrà essere restituito alla LCIF se il contributo viene revocato. 14. Le domande, i cui richiedenti non risponderanno entro 120 giorni alla corrispondenza ricevuta dalla LCIF in merito alla loro domanda, diventeranno inammissibili per ulteriore considerazione e saranno respinte. F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l 7

8 MODULO DI DOMANDA CONTRIBUTO CORE 4 PER IL DIABETE linee guida Si prega di leggere attentamente i criteri di valutazione e il regolamento relativi ai Contributi Core 4 della LCIF prima di compilare questa domanda. Affinché il Consiglio Fiduciario della LCIF possa valutare questa richiesta, è necessario rispondere a ognuna delle domande sotto riportate. Le proposte preparate da altre organizzazioni o agenzie non saranno accettate. Si prega di rispondere alle domande nel seguente ordine. A. descrizione del Progetto 1. Data della presentazione 2. Nome del progetto 3. Distretto, sottodistretto o multidistretto Lions che presenta il progetto 4. Collaboratori 5. Importo dei fondi richiesti alla LCIF 6. Obiettivo del progetto 7. Numero di persone che beneficeranno direttamente da questo progetto 8. Dati di contatto del coordinatore principale del progetto comprensivi di nome, indirizzo, telefono, indirizzo B. ProgettAzIone del Progetto 9. Contesto nazionale e area di riferimento: fornire il contesto in cui il progetto proposto sarà realizzato. Includere le informazioni su dati/stime prevalenti, normative nazionali correnti, strategie e piano d azione per il diabete. In aggiunta, spiegare come viene organizzata la cura del diabete a livello nazionale e l area di riferimento; riportare qualsiasi programma esistente che si occupi di prevenzione e cura del diabete nell area di riferimento; elencare le barriere più importanti e fornire altri dati rilevanti sull area di riferimento. 10. Scopi e obiettivi: stabilire lo scopo e gli obiettivi (generalmente da 3 a 4) del vostro progetto. Lo scopo complessivo dovrà essere realistico e sostenuto dagli obiettivi stabiliti. 11. Attività del progetto: descrivere le attività dettagliate per ogni obiettivo del progetto. Per esempio, descrivere nel dettaglio tutti i tipi di attività formative, di controllo e informative, nonché le campagne di sensibilizzazione per la comunità. È necessario includere quanto segue: in che cosa consistono e come saranno organizzate le attività; qual è la frequenza e la durata delle attività; se saranno realizzati nuovi tipi di materiale; quali sono i contenuti del materiale informativo e del programma della formazione applicato; chi sarà il moderatore delle attività; quante persone saranno formate, controllate e quante riceveranno delle informazioni; in che modo le attività si collegano all attuale sistema sanitario statale. 12. Gruppi di riferimento: si prega di includere una descrizione dei gruppi a cui è destinato questo progetto e il motivo per cui questi sono stati selezionati. 13. Partner nel progetto: indicare chi sono i soggetti economici del progetto includendo i partner e chi offre un contributo tecnico. Descrivere i ruoli e le responsabilità delle parti interessate. Se i collaboratori sono coinvolti, includere le lettere delle organizzazioni che appoggiano il progetto e indicarne i ruoli e il tipo di coinvolgimento. 8 F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l

9 14. Risultati prefissati del progetto: indicare gli esiti previsti e il numero totale di persone che usufruiranno dei servizi derivanti dal progetto. I numeri dovranno essere misurabili, acquisibili e chiaramente a sostegno degli obiettivi e delle attività del progetto. 15. Monitoraggio e valutazione: descrivere il monitoraggio programmato e il controllo delle attività. Descrivere nel dettaglio i metodi e la frequenza dell impegno al monitoraggio e alla valutazione. Indicare chi è responsabile e come i dati e i risultati saranno usati per migliorare il programma. 16. Cronologia: includere un programma con le tempistiche per l implementazione e il completamento del progetto. C. IndIvIdUAzIone e CoInvolgImento dei lions 17. Fornire una breve storia, come appropriato, se i Lions che presentano questa domanda sono già stati o sono attualmente coinvolti in attività per il diabete, inclusa la programmazione e la distribuzione dell informazione, visite di controllo o raccolte fondi. 18. Indicare quanti Lions club prenderanno parte al progetto e descriverne i ruoli nella gestione, nella raccolta fondi, nella promozione, difesa e implementazione diretta del progetto. 19. Descrivere i piani per comunicare come il progetto sia stato possibile grazie alla LCIF. Qualsiasi materiale pubblicitario e informativo relativo a questo progetto dovrà mettere in evidenza il contributo e la partecipazione sia della LCIF che dei Lions. d. BUdget e SoStenIBIlItà del Progetto 20. Elencare separatamente tutte le fonti delle entrate con i relativi importi in dollari (per esempio: distretto, LCIF, organizzazioni partner, stato e aziende). Includere l importo che ogni fonte sta fornendo e indicarne lo status (raccolto, promesso o anticipato) insieme alle date in cui i fondi anticipati/promessi saranno raccolti. 21. Includere un budget dettagliato per tutto il progetto utilizzando il formato del grafico qui sotto: Presentare il budget in dollari USA. Elencare separatamente tutte le voci di spesa del progetto e indicare nello specifico a chi saranno ripartiti quei costi. I fondi integrativi locali devono avvenire sotto forma di contributi in contanti. I servizi donati e il supporto in natura per i progetti sono ben accetti, ma questo tipo di aiuto non può essere considerato come una fonte di entrata. Almeno la metà dei fondi integrativi locali deve essere assicurata e/o raccolta dai Lions che presentano la domanda di contributo. Includere la documentazione idonea per le voci di spesa elencate nel budget. Per ogni voce della colonna spese, includere: fatture proforma, offerte di fornitori, preventivi per lavori di ristrutturazione e/o documentazione di altri costi. Allegare i dépliant del prodotto per qualsiasi tipo di acquisto attrezzature. F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l 9

10 Spese del progetto Primo anno Secondo anno TOTALE LCIF Lions Partner LCIF Lions Partner Totale del progetto TOTALE RICHIESTO ALLA LCIF 22. Si prega di fornire una descrizione del budget per ogni voce elencata sotto alle spese del progetto. Giustificare il motivo per cui ogni voce si rende necessaria e il relativo costo. 23. Spiegare come il progetto sarà sostenuto negli anni a venire. Descrivere chi sarà responsabile per le spese operative, di manutenzione e amministrative. Inviare la domanda di contributo debitamente compilata e tutta la documentazione giustificativa all ufficio della Fondazione Lions Clubs International. Quale notifica di ricevimento della proposta, sarà spedita una lettera di conferma con il numero del contributo. Il Consiglio Fiduciario della LCIF e il personale si riserva il diritto di richiedere ulteriori informazioni che saranno giudicate pertinenti in base alle necessità. Nel caso in cui fossero richiesti ulteriori dettagli, sarà inviata una richiesta via al corrispondente governatore distrettuale o presidente di Consiglio multidistrettuale e al responsabile del progetto. 1 0 F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l

11 e. APProvAzIone della domanda Ogni domanda di contributo deve essere corredata dall approvazione del Gabinetto o del Consiglio. Si prega di presentare una copia del verbale relativo alla riunione di Gabinetto in cui è stata certificata la domanda rientrante nello stesso anno sociale Lions in cui la proposta sarà valutata dal Consiglio Fiduciario della LCIF. Nel caso di distretti singoli o sub, la domanda dovrà essere firmata dal governatore distrettuale e dal presidente del Consiglio. Per i multidistretti, la domanda dovrà essere firmata dal presidente del Consiglio (si prega di far riferimento ai punti 2 e 3 del regolamento sui criteri di valutazione). Le approvazioni e i verbali della riunione di Gabinetto dovranno rientrare nello stesso anno sociale Lions in cui il progetto sarà valutato dal Consiglio Fiduciario della LCIF. Firmare per approvare la seguente affermazione: Con la presente certifico che ho controllato i criteri di valutazione del Contributo Core 4 per il Diabete della LCIF e la domanda di contributo. Dichiaro che, per quanto di mia conoscenza, le informazioni presentate sono corrette e che l esigenza è reale secondo quanto indicato. Approvo questa proposta e farò quanto in mio potere per gestire i fondi concessi e garantirne un utilizzo proprio ed efficiente, nonché assicurare un accurata tenuta della contabilità e l invio regolare e puntuale dei rapporti alla Fondazione Lions Clubs International. Approvazione del Presidente del Consiglio Nome del Presidente del Consiglio N. del Multidistretto Indirizzo Telefono Fax Firma Data Approvazione del governatore distrettuale Nome del Governatore Distrettuale N. del Distretto Indirizzo Telefono Fax Firma Data Approvazione del responsabile del progetto Nome del Responsabile del progetto N. del Multidistretto/Distretto Indirizzo Telefono Fax Firma Data F o n d a z i o n e L i o n s C l u b s I n t e r n a t i o n a l 1 1

12 WE CARE. WE SERVE. WE ACCOMPLISH. Fondazione Lions Clubs International 300 West 22nd Street Oak Brook, IL USA Telefono: Fax: Sito web: LCIF150 IT 1/14

RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE

RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE Ci prendiamo cura degli altri. Serviamo. Otteniamo risultati. RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE

Dettagli

FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD

FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD REQUISITI E REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA DI SUSSIDI STANDARD MISSIONE DI SERVIZIO E PRIORITÀ DEL PROGRAMMA DI SUSSIDI I sussidi standard

Dettagli

FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD

FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA PER SUSSIDI STANDARD REQUISITI E REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA DI SUSSIDI STANDARD MISSIONE DI SERVIZIO E PRIORITÀ DEL PROGRAMMA DI SUSSIDI I sussidi standard

Dettagli

Lions Clubs International Programma di contributi per la leadership Leo. Domanda di contributo

Lions Clubs International Programma di contributi per la leadership Leo. Domanda di contributo Lions Clubs International Programma di contributi per la leadership Leo Domanda di contributo Il Programma di contributi per la leadership Leo fornisce assistenza finanziaria ai multidistretti, sottodistretti

Dettagli

Come presentare una Domanda di Finanziamento LCIF/SightFirst GUIDA ALLA RICHIESTA DI FINANZIAMENTO SIGHTFIRST

Come presentare una Domanda di Finanziamento LCIF/SightFirst GUIDA ALLA RICHIESTA DI FINANZIAMENTO SIGHTFIRST Come presentare una Domanda di Finanziamento LCIF/SightFirst GUIDA ALLA RICHIESTA DI FINANZIAMENTO SIGHTFIRST Dichiarazione della Missione: SightFirst i Lions Sconfiggono la Cecità - mobilita le risorse

Dettagli

PROGRAMMA DI FINANZIAMENTO PER LA LEADERSHIP A LIVELLO MULTIDISTRETTUALE 2015-2016 FOGLIO INFORMATIVO

PROGRAMMA DI FINANZIAMENTO PER LA LEADERSHIP A LIVELLO MULTIDISTRETTUALE 2015-2016 FOGLIO INFORMATIVO PROGRAMMA DI FINANZIAMENTO PER LA LEADERSHIP A LIVELLO MULTIDISTRETTUALE 2015-2016 FOGLIO INFORMATIVO IN CHE COSA CONSISTE IL PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA LEADERSHIP A LIVELLO MULTIDISTRETTUALE? Questo

Dettagli

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI Le statistiche attuali mostrano un numero impressionante di bambini che, in tutto il mondo, vivono in condizioni di vita precarie e,

Dettagli

EDUCAZIONE SUL DIABETE: IL DIABETE è una malattia cronica causata. pancreas. Una Guida per le Attività dei Lions Clubs. dall incapacità dell organismo

EDUCAZIONE SUL DIABETE: IL DIABETE è una malattia cronica causata. pancreas. Una Guida per le Attività dei Lions Clubs. dall incapacità dell organismo IL DIABETE è una malattia cronica causata dall incapacità dell organismo di produrre o di usare in modo debito l insulina nel pancreas. EDUCAZIONE SUL DIABETE: Una Guida per le Attività dei Lions Clubs

Dettagli

SEDE CENTRALE INTERNAZIONALE

SEDE CENTRALE INTERNAZIONALE Capitolo II SEDE CENTRALE INTERNAZIONALE La sede centrale internazionale è una risorsa importante per tutti i Lions. Tutto il personale della sede centrale internazionale è sempre a vostra disposizione

Dettagli

L.C.I.F. Come effettuare le donazioni. con bonifico bancario

L.C.I.F. Come effettuare le donazioni. con bonifico bancario L.C.I.F. Come effettuare le donazioni con bonifico bancario Erminio Ribet Lions Club Pinerolo Acaja Coordinatore distrettuale LCIF 108Ia3 erminio.ribet@gmail.com Cellulare 349.3503340 WE CARE, WE SERVE,

Dettagli

RISORSE MEMORANDUM D INTESA DI CLUB Guida all implementazione del Memorandum d intesa di club

RISORSE MEMORANDUM D INTESA DI CLUB Guida all implementazione del Memorandum d intesa di club ITALIANO (IT) RISORSE MEMORANDUM D INTESA DI CLUB Guida all implementazione del Memorandum d intesa di club La presentazione della domanda di sovvenzione globale del tuo club dimostra il suo impegno ad

Dettagli

Normativa del Board. Programma di Riciclaggio degli Occhiali da Vista del Lions Clubs International (Vigente dal 21 marzo 2008)

Normativa del Board. Programma di Riciclaggio degli Occhiali da Vista del Lions Clubs International (Vigente dal 21 marzo 2008) Normativa del Board Programma di Riciclaggio degli Occhiali da Vista del Lions Clubs International (Vigente dal 21 marzo 2008) a. Descrizione del Programma: Il Programma di Riciclaggio degli Occhiali da

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Guida al fundraising con le fondazioni. grant making americane. international-funding.org

Guida al fundraising con le fondazioni. grant making americane. international-funding.org Guida al fundraising con le fondazioni grant making americane international-funding.org 601 International House 223 Regent Street London W1B 2QD U.K. info@international-funding.org Tel. +44 (0)7920 582

Dettagli

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE VIENNA, AUSTRIA 18 21 MARZO 2007

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE VIENNA, AUSTRIA 18 21 MARZO 2007 RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE VIENNA, AUSTRIA 18 21 MARZO 2007 COMITATO STATUTO E REGOLAMENTO 1. Adottata la risoluzione da presentare alla Convention Internazionale 2008 per

Dettagli

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 120.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014)

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014) Decreto Direttoriale n. 2216 del 1 luglio 2014 Regole e modalità per la presentazione delle domande finalizzate alla concessione dei contributi previsti dalla Legge 6/2000 per gli strumenti di intervento:

Dettagli

La gestione finanziaria dei progetti

La gestione finanziaria dei progetti Progettazione sociale ed europea per le Associazioni Culturali La gestione finanziaria dei progetti Torino 18 Marzo 2014 1 Pianificazione economico finanziaria Uno dei momenti della pianificazione è la

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Lions Quest: Un programma per la gioventù che insegna le abilità importanti nella vita Modulo di richiesta e requisiti per il sussidio Core 4

Lions Quest: Un programma per la gioventù che insegna le abilità importanti nella vita Modulo di richiesta e requisiti per il sussidio Core 4 Lions Quest: Un programma per la gioventù che insegna le abilità importanti nella vita Modulo di richiesta e requisiti per il sussidio Core 4 Linee guida del programma I. Informazioni generali Dal 1984,

Dettagli

CARITAS ITALIANA. per la presentazione di MicroProgetti di sviluppo. a Caritas Italiana

CARITAS ITALIANA. per la presentazione di MicroProgetti di sviluppo. a Caritas Italiana CARITAS ITALIANA L I N E E G U I D A per la presentazione di MicroProgetti di sviluppo a Caritas Italiana R ECAPITI E RIFERIMENTI I MicroProgetti di sviluppo devono essere inviati a Caritas Italiana Area

Dettagli

Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015.

Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015. Milano, 19/11/2015 Oggetto: Istruzioni per la gestione amministrativa del grant assegnato ai progetti per l annualità 2016 deliberata da AIRC nel 2015. Il presente documento ha lo scopo di illustrare le

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2013 - Articolo

Dettagli

-FoRST- FONDAZIONE PER LA RICERCA SCIENTIFICA TERMALE BANDO 2012

-FoRST- FONDAZIONE PER LA RICERCA SCIENTIFICA TERMALE BANDO 2012 -FoRST- FONDAZIONE PER LA RICERCA SCIENTIFICA TERMALE BANDO 2012 BANDO IN MEDICINA TERMALE RIABILITATIVA E OTORINOLARINGOIATRICA PROGETTI DI RICERCA FoRST invita a sottoporre proposte di finanziamento

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

5 BANDO 2013 RICERCA SCIENTIFICA

5 BANDO 2013 RICERCA SCIENTIFICA 5 BANDO 2013 RICERCA SCIENTIFICA Progetti di ricerca scientifica di particolare utilità sociale promossi da Università, Fondazioni ed Enti di ricerca. PREMESSA La missione della Fondazione della Comunità

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Settore Istruzione, Sport, Cultura, Associazionismo OGGETTO : APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI AGLI

Dettagli

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi:

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi: Misura Articolo e paragrafo del Regolamento (CE) n. 1698/2005 Codice Giustificazione Servizi di a favore delle aziende agricole Articolo 16 La crescente complessità tecnica delle diverse fasi dell attività

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

3. Rendicontazione finale

3. Rendicontazione finale BANDO GALILEO 2012-2013 REGOLAMENTO 1. Accettazione del contributo Il conferimento del contributo è subordinato alla ricezione da parte del Segretariato italiano dell della seguente documentazione, che

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

Statuto tipo del Club Rotaract

Statuto tipo del Club Rotaract Statuto tipo del Club Rotaract Obiettivi Sponsorizzazíone di un Rotary Club Qualificazione Effettivo ART. 1 Costituzione e denominazione È costituita l associazione Rotaract Club di [inserire il nome].

Dettagli

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015 PREMESSA Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, data la presenza attiva sul territorio di Associazioni impegnate nell organizzazione e gestione di Rassegne teatrali, intende sollecitare i soggetti interessati

Dettagli

Bando Patrocini 2015

Bando Patrocini 2015 Scadenza: 16/07 Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere la cultura del dono, offrendo servizi che consentano di riconoscere e soddisfare

Dettagli

LINEE GUIDA SCHEDE PRELIMINARI

LINEE GUIDA SCHEDE PRELIMINARI LINEE GUIDA SCHEDE PRELIMINARI Autorità Regionale per la Garanzia e la Promozione della Partecipazione (APP) c/o Consiglio Regionale della Toscana Via Cavour n. 18-50129 Firenze Le domande devono essere

Dettagli

FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721. Bando n. 1 - Anno 2016. Assistenza Sociale

FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721. Bando n. 1 - Anno 2016. Assistenza Sociale FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721 Bando n. 1 - Anno 2016 Assistenza Sociale 700.000,00 per l individuazione di progetti di utilità sociale

Dettagli

MODI DI DONARE E TIPI DI RICONOSCIMENTO

MODI DI DONARE E TIPI DI RICONOSCIMENTO MODI DI DONARE E TIPI DI RICONOSCIMENTO Riconoscimento per i donatori LCIF Ogni donazione è importante I Lions di tutto il mondo sono uniti nell idea di portare aiuto e speranza ai più bisognosi. Attraverso

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO D Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/10 marca da bollo Indicare il motivo di esenzione : 1 organismi di volontariato iscritti al Registro regionale di cui alla L.R.

Dettagli

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO per l assegnazione di contributi alle piccole imprese del commercio in sede fissa operanti in provincia di Ragusa che provvedono

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Art. 1 oggetto Il presente regolamento disciplina la concessione dei rimborsi e dei contributi alle associazioni di volontariato di protezione civile. Art. 2 riferimenti normativi Legge Regionale 12 giugno

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 CCI N 2007 IT 051 PO 002 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6711 del 17 dicembre 2007 MANUALE

Dettagli

2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE

2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE 2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE Per il finanziamento di progetti di utilità sociale nel settore della Tutela, promozione

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

5 Bando 2015 SOSTEGNO AI GIOVANI RICERCATORI

5 Bando 2015 SOSTEGNO AI GIOVANI RICERCATORI 5 Bando 2015 SOSTEGNO AI GIOVANI RICERCATORI Per il finanziamento di progetti per la valorizzazione della conoscenza scientifica OBIETTIVI DEL BANDO Sostegno ai giovani ricercatori che svolgano la loro

Dettagli

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI ALTERNANZA, COMPETENZE E ORIENTAMENTO Regolamento per la selezione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA SMS - Mobilità studenti ai fini di studio Accordo Istituto/Studente ACCORDO PER LA MOBILITÀ ERASMUS AI FINI DI STUDIO nell ambito del Lifelong Learning Programme ACCORDO

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 100.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus opera nella provincia di

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

8 BANDO 2015 TERRITORIALE PER LA VALLE TROMPIA E VALLE GOBBIA A RACCOLTA A PATRIMONIO

8 BANDO 2015 TERRITORIALE PER LA VALLE TROMPIA E VALLE GOBBIA A RACCOLTA A PATRIMONIO 8 BANDO 2015 TERRITORIALE PER LA VALLE TROMPIA E VALLE GOBBIA A RACCOLTA A PATRIMONIO OBIETTIVI DEL BANDO La Fondazione della Comunità Bresciana in coerenza con le proprie finalità istituzionali, con l'obiettivo

Dettagli

METODI DI DONAZIONE E TIPI DI RICONOSCIMENTO

METODI DI DONAZIONE E TIPI DI RICONOSCIMENTO METODI DI DONAZIONE E TIPI DI RICONOSCIMENTO Riconoscimento per i donatori LCIF Ogni donazione è importante I Lions di tutto il mondo sono uniti nell idea di portare aiuto e speranza ai più bisognosi.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA AREA DELLA RICERCA UFFICIO PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI. SMS - Mobilità studenti ai fini di studio

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA AREA DELLA RICERCA UFFICIO PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI. SMS - Mobilità studenti ai fini di studio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA AREA DELLA RICERCA UFFICIO PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI SMS - Mobilità studenti ai fini di studio ACCORDO PER LA MOBILITÀ ERASMUS AI FINI DI STUDIO nell ambito del Lifelong

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI Dichiarazione di tutte le società aderenti al COCIR COCIR si dedica al progresso della scienze medica e al miglioramento delle cure

Dettagli

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it 5. PROCEDURE Le gestione del bando, che comprende le attività di ricezione e istruttoria delle domande, concessione e revoca delle agevolazioni, controllo degli interventi realizzati, è affidata alla Direzione

Dettagli

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE NEW YORK, NEW YORK, USA 9-14 MARZO, 2009

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE NEW YORK, NEW YORK, USA 9-14 MARZO, 2009 SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE NEW YORK, NEW YORK, USA 9-14 MARZO, 2009 1. Selezionata Toronto, Ontario, Canada quale luogo della Convention Internazionale

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori Registrazione partecipanti Il controllo contabile della Relazione finale I controlli di I livello Domande /Confronto Chiusura lavori Costi eleggibili art. II.14.1 dell Accordo di sovvenzione I costi, per

Dettagli

FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA - Onlus

FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA - Onlus FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA - Onlus 1 Bando 2012 PER L'INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE SETTORE DI INTERVENTO INVECCHIAMENTO ATTIVO E SOLIDARIETA TRA LE GENERAZIONI 1 OBIETTIVI

Dettagli

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia COMUNE DI BRESCIA Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia OBIETTIVI DEL BANDO La Fondazione della Comunità Bresciana ed il Comune di Brescia intendono congiuntamente continuare

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive COMUNE DI SERRENTI Provincia del Medio Campidano Regolamento per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive Approvato dal Consiglio Comunale con atto

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora REGOLAMENTO DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED EROGAZIONE CONTRIBUTI E BENIFICI ECONOMICI

Comune di Olgiate Molgora REGOLAMENTO DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED EROGAZIONE CONTRIBUTI E BENIFICI ECONOMICI Comune di Olgiate Molgora REGOLAMENTO DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED EROGAZIONE CONTRIBUTI E BENIFICI ECONOMICI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 13/07/2012 INDICE

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Comune di Jelsi Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Articolo 1 Oggetto Il Comune, nell esercizio dei suoi poteri di autonomia, determina

Dettagli

Moduli per la presentazione di un progetto

Moduli per la presentazione di un progetto Fondazione aiutare i bambini - ONLUS Via Ronchi 17-20134 Milano - Italy Tel. +39.02.70603530 - Fax +39.02.70605244 E-mail: info@aiutareibambini.it Sito Internet: www.aiutareibambini.it Moduli per la presentazione

Dettagli

BANDO SPORT ANNO 2015

BANDO SPORT ANNO 2015 BANDO SPORT ANNO 2015 Pubblicato il 02.03.2015 Premessa La Fondazione Cassa di Risparmio di Modena è una Fondazione di diritto privato ai sensi dell art. 2 comma 1 del Decreto Legislativo n. 153 del 17/05/1999.

Dettagli

BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente?

BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente? BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani F.A.Q. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente? Sì, purché i progetti appartengano a due aree tematiche

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

UNA FONDAZIONE PER IL FUTURO

UNA FONDAZIONE PER IL FUTURO The Rotary Foundation s Future Vision Plan UNA FONDAZIONE PER IL FUTURO Pre Vision SEGS 27 Novembre 2010 Arrigo Rispoli Presidente Commissione Distrettuale La Visione Futura è Un piano strategico per la

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO Area Programmazione dell'offerta d'istruzione

Dettagli

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FI- NANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI, ASSOCIAZIONI, COMITATI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE

FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE Domande frequenti relative all Avviso per la manifestazione di interesse per il cofinanziamento di interventi finalizzati alla Razionalizzazione, riorganizzazione

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli