AZIONE N 3 SCHEDA D INTERVENTO NUOVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE FOGNARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONE N 3 SCHEDA D INTERVENTO NUOVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE FOGNARIO"

Transcript

1 AZIONE N 3 SCHEDA D INTERVENTO NUOVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE FOGNARIO IN COMUNE DI VILLANOVA D ASTI, STRADA PER CELLARENGO A SERVIZIO DELL ABITATO, IN SOSTITUZIONE DI ALTRO OBSOLETO a) QUADRO CONOSCITIVO a 1) Breve descrizione dell intervento: L opera consiste nella realizzazione di un impianto di depurazione per il trattamento dei reflui di origine civile scaricati dall abitato di Villanova d Asti, e dallo stabilimento industriale UTIL Industries. Il concentrico in questione è attualmente servito da un impianto di depurazione attivo dagli anni 70, per il quale si era inizialmente, pensato di provvedere ad un adeguamento tecnico funzionale. Durante il processo preprogettuale, tuttavia, si è riscontrata l antieconomicità dell intervento che sarebbe risultato più costoso di una completa rimozione e sostituzione del depuratore attuale. Si è pertanto prevista la realizzazione di un nuovo impianto, dimensionalmente equivalente a quello attuale, ma di concezione tecnicamente moderna. Tale impianto sarà realizzato nei pressi di quello esistente, in territorio di Villanova d Asti, lungo la Strada di Cellarengo. Rispetto alla struttura attuale, tuttavia, si prevede uno scivolamento a valle di alcune centinaia di metri, in posizione prossima al Rio Robeirano, sì da scongiurare che eventuali emissioni odorose raggiungano le prime abitazioni della periferia, come adesso purtroppo accade. a 2) Rapporti instaurati sul territorio con altri soggetti pubblici o privati (sinergie): La realizzazione dell opera è prevista tutta a carico dell Acquedotto Consorziale della Piana, soggetto al quale competerà l effettiva gestione e manutenzione del nuovo impianto, così com è ora responsabile di quello esistente. a 3) Risultati ed effetti attesi: L impianto di depurazione esistente presenta lacune funzionali legate essenzialmente alla vetustà ed alla difficoltà di gestione di alcune tecnologie adottate nel processo depurativo. Attualmente l impianto non è in grado di

2 garantire i limiti di emissione previsti dalla tab. 1 dell all. 5 del D. Lgs n. 152/99. Dall intervento ci si attende, in primo luogo, di far sì che gli scarichi dell abitato di Villanova d Asti rientrino nei parametri previsti dal citato Decreto Legislativo. In seconda battuta, inoltre, ci si attende una riqualificazione dell area residenziale nelle immediate vicinanze dell attuale impianto di depurazione, attualmente penalizzata da emissioni odorose che, seppur non pericolose, costituiscono un indubbio ostacolo alla piena godibilità del luogo. Le amministrazioni del Pianalto intendono puntare fortemente sulla qualità dell ambiente quale elemento di eccellenza nell attrazione di residenti, turisti ed operatori economici sul territorio. Lo sviluppo sostenibile è una priorità assoluta e, per addivenire ad un simile modello di crescita, non si può prescindere dalla messa in sicurezza degli scarichi. La realizzazione del nuovo depuratore di Villanova d Asti, in sostituzione di quello non più consono alle esigenze ed alle normative attuali, rientra pertanto nel più vasto piano di tutela ambientale del Pianalto. a 4) Soggetto attuatore dell intervento / erogatore del servizio: Il soggetto attuatore dell intervento è l Acquedotto Consorziale della Piana, gestore della rete fognaria di Villanova d Asti e del depuratore attualmente in funzione. a 5) Modalità di gestione: La gestione competerà in tutto all Acquedotto consorziale della Piana, come già avviene per l impianto esistente. L Acquedotto ritiene che, grazie al nuovo impianto, potrà beneficiare di notevoli economie gestionali, grazie alla maggior efficienza dello stesso. b) FATTIBILITA TECNICA b 1) Scelte tecniche di base: Per meglio chiarire quanto di seguito, si faccia riferimento alle tavole fuori testo n SOLUZIONE PROGETTUALE ADOTTATA. La soluzione adottata prevede la realizzazione di un nuovo impianto, ubicato nelle campagne a sud di Villanova, al quale verranno convogliate le acque reflue provenienti dall abitato. Lo schema del processo depurativo proposto è del tipo a fanghi attivi, con ricircolo dei fanghi alla vasca di ossidazione. Tale configurazione impiantistica è in grado di conseguire il rispetto dei limiti tabellari previsti dalla vigente normativa, nello specifico rappresentata dalla Tabella n. 1 e n. 3 dell All. 5 al D. Lgs. 152/1 999 e 258/2000.

3 Le fasi di trattamento previste, risultano essere le seguenti: LINEA ACQUE: Stazione di sollevamento e grigliatura grossolana; Stazione di grigliatura fine; Stazione di dissabbiatura; Stazione di ossidazione; Stazioni di sedimentazione secondaria; Stazione di disinfezione del liquame a mezzo di ipoclorito; Stazione di filtrazione finale delle acque. LINEA FANGHI: Digestione aerobica Condizionamento e Disidratazione Letti di essiccamento di emergenza CRITERI PROGETTUALI PER RIDURRE IL RISCHIO DA INONDABILITÀ DELL AREA. Poiché l area d intervento, come risulta dalla Relazione Geologico-Tecnica eseguita dal Geol. M. Massobrio, è potenzialmente inondabile dal rio Robeirano per eventi di tipo eccezionale, ai fini della riduzione del rischio è stato previsto l adeguamento alla Direttiva per la riduzione del rischio idraulico degli impianti di trattamento delle acque reflue ubicati nelle fasce fluviali A e B, in adempimento a quanto disposto agli artt. 19 bis e 38 bis delle Norme di attuazione del Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico. Gli interventi di salvaguardia saranno effettuati a protezione degli impianti elettrici e delle apparecchiature elettromeccaniche delle opere in progetto, in modo da diminuire la vulnerabilità dell impianto di depurazione nei confronti dell evento di piena. In particolare saranno posizionati ad una quota superiore all evento di piena (stimato in modo molto cautelativo alla quota di circa un metro superiore al livello attuale dell area) i quadri elettrici e gli interruttori di tutte le installazioni, in modo che le apparecchiature ivi presenti siano protette. Le apparecchiature del locale quadri elettrici sono posizionate in modo facilmente accessibile anche durante un evento di piena. Si interverrà anche sulle opere civili aumentando il franco delle strutture in cls in modo da diminuire la possibilità che siano interessati dall onda di piena e siano, una volta cessato l evento, facilmente riattivabili. Si prevede inoltre di dotare lo scarico dell impianto di una valvola antiriflusso e di una paratoia di sezionamento dell impianto per proteggerlo da eventuali aumenti di livello del Rio, non strettamente legati a fenomeni eccezionali di inondazione. DATI DI PROGETTO L impianto di depurazione in progetto è quindi al servizio del centro abitato di Villanova. La popolazione del centro abitato risulta essere sostanzialmente stabile, per cui si confermano in unità i dati di abitanti equivalenti

4 (residenti stanziali e residenti fluttuanti). Il valore di dotazione idrica è pari a 250 pro-capite al giorno. I dati a base di progetto per l impianto di depurazione di nuova costruzione saranno quelli riportati nella tabella seguente: I valori di concentrazione dei liquami in arrivo all impianto esistente risultano in qualche caso meno inquinanti di quelli previsti come dati di progetto: si ritiene più cautelativo in ogni caso far riferimento alla tabella sopra riportata perché i dati disponibili sono insufficienti a caratterizzare in modo attendibile gli scarichi relativi alla potenzialità complessiva di progetto. CARATTERISTICHE DELL EFFLUENTE E RECAPITO FINALE Gli scarichi dell impianto di Villanova d Asti devono rispettare i limiti di emissione per gli impianti di acque reflue urbane previsti dalla tabella 1- Allegato 5 della legge 152/99.

5 TAB. 1: Limiti di emissione per gli impianti di acque reflue (allegato 5 tab. 1 DLgs 152/99). (*) ai sensi dell art. 31 comma 6, la percentuale di riduzione del BOD5 non deve essere inferiore a 40. Per i solidi sospesi la concentrazione non deve superare i 70 mg/l e la percentuale di abbattimento non deve essere inferiore al 70%. È comunque richiesta la nitrificazione del refluo (azoto ammoniacale inferiore al 30% dell azoto totale). Per i parametri inquinanti legati al fosforo ed azoto, i limiti per lo scarico in acque superficiali sono definiti dalla Tab. 3 - allegato 5 tab. 2 DLgs 152/99, che viene di seguito riportata. TAB. 3: Valori limiti di emissione in acque superficiali (allegato 5 tab. 2 DLgs 152/99). DESCRIZIONE DELL INTERVENTO IN PROGETTO. Descrizione del collettore: Il nuovo impianto di depurazione sarà collegato alla rete fognaria di Villanova per mezzo di un nuovo collettore. Tale nuovo tratto fognario avrà inizio in corrispondenza del vecchio impianto, di cui si è prevista la demolizione, e congiungerà, attraversando da nord a sud i terreni compresi tra la strada Comunale di Cellarengo e la Strada Provinciale da San Paolo Solbrito a Villanova, la rete fognaria esistente con la zona prevista per l installazione del nuovo impianto, ubicata a ridosso del Rio Robeirano. La canalizzazione sarà realizzata con tubi in P.V.C. diam. est. 630 mm, tipo SN2, conformi alla norma TINI-EN , completamente rinfiancati e calottati in getto di cls magro. Essa avrà uno sviluppo totale di circa 1013 metri. Lungo la tubazione è stata prevista la posa di 17 pozzetti d ispezione. Descrizione dell impianto: La soluzione di progetto non prevede l allacciamento della zona industriale al nuovo depuratore: dovranno quindi essere realizzati l impianto di strada Valminier e quello in prossimità della stazione ferroviaria, che serviranno, rispettivamente, la zona industriale e le frazioni a nord della stazione ferroviaria. Si prevede che nell impianto saranno trattati i fanghi provenienti dall impianto di Buttigliera, che possono presentarsi in modo non sufficientemente stabilizzati e quindi sono convogliati direttamente alla digestione aerobica.

6 È prevista inoltre una stazione di trattamento bottini al fine di offrire la possibilità di smaltimento agli autospurghi che convogliano i fanghi provenienti dalle fosse Imhoff installate presso gli insediamenti non allacciabili presenti sul territorio. Come già descritto in precedenza, l impianto in progetto sarà di tipo fisico biologico, corredato da una serie di trattamenti meccanici preliminari (grigliatura, dissabbiatura disoleatura) e da un trattamento secondario costituito da un processo biologico con successiva sedimentazione. La stabilizzazione dei fanghi è ottenuta mediante digestione aerobica. Seguendo la filosofia di una progettazione strettamente legata alle future necessità di gestione e manutenzione, si è scelto nel progetto di dividere le linee di trattamento più importanti in due sezioni parallele, che permettono, in caso di manutenzioni e/o avarie in una linea, d avere in ogni caso una sezione in funzione; questo per garantire in qualsiasi caso una depurazione biologica dei liquami in ingresso. Il processo adottato si articola nelle sezioni sottoriportate. LINEA ACQUE: Grigliatura grossolana Sollevamento iniziale Grigliatura fine Dissabbiatura Ossidazione a fanghi attivi Sedimentazione secondaria Filtrazione finale Disinfezione del liquame Misura di portata n. 1 linea n. 2 linee n. 1 linea n. 2 linee n. 2 linee n. 1 linea n. 1 linea LINEA FANGHI: Preispessimento dinamico Digestione aerobica primaria Disidratazione meccanica n. 1 linea n. 1 linea OPERE COMPLEMENTARI: Palazzina servizi. Edificio compressori aria. Recinzione con cancello carrabile. Strada asfaltata RECAPITO FINALE: Rio Robeirano (recapito finale Torrente Banna). a) Grigliatura grossolana e sollevamento iniziale: L arrivo della canalizzazione sarà a circa 4 m sotto il piano campagna, per cui sarà necessario sollevare i liquami in arrivo: prima del sollevamento è prevista una griglia grossolana che provvede ad eliminare, dal liquame in ingresso, i materiali grossolani con dimensioni superiori a 30 mm.

7 b) Misura della portata in ingresso e campionamento delle acque inquinate: Per la misura della portata sarà installato, presso le tubazioni di sollevamento delle pompe elettrosommergibili, un sistema di misurazione di tipo elettromagnético, dotato di indicatore analogico locale e registratore totalizzatore della portata. Sarà installato anche un campionatore automatico così come previsto dalla normativa vigente. c) Grigliatura: Successivamente sono poste in parallelo due griglie di tipo fine, con le seguenti caratteristiche: Griglia piana automatica a nastro continuo. Griglia fine manuale. d) Dissabbiatura disoleatura: Questa sezione è costituita da un bacino aeratd di sezione circolare. L acqua entra nella vasca di dissabbiatura in modo tangenziale: tale flusso favorisce la caduta delle particelle di sabbia sul fondo vasca. il tempo di permanenza della sospensione nella vasca è di norma superiore a 30 secondi. L estrazione della sabbia avviene tramite un air-lift ed è inviata ad un separatore meccanico, da cui la sabbia lavata è avviata in discarica. Nell anello laterale alla zona dissabbiatura si ottiene la separazione degli oli e dei grassi per flottazione e l allontanamento dei gas di fermentazione eventualmente prodottisi, dannosi alla fase biologica, mediante sfibramento a mezzo di paratoia. e) Comparto biologico: Le vasche di aerazione per il trattamento biologico a fanghi attivi sono previste di tipo aperto, a forma rettangolare. Per l immissione dell ossigeno, all interno della vasca aerobica, si utilizza il sistema di aerazione ad aria insuffiata; l aria inimessa dai compressori nelle tubazioni di adduzione è dispersa dai piattelli diffusori del tipo a bolle fmi. Per realizzare la compressione dell aria si utilizzano compressori volumetrici a lobi, asserviti ad un sistema in continuo di rilevamento della percentuale di ossigeno disciolto presente nelle vasche in modo da variare la portata di aria in base alla domanda. f) Sedimentazione secondaria: Questo comparto è costituito da due vasche circolari; i fanghi depositati sul fondo del bacino sono trascinati dalla lama di fondo del carroponte verso le trainogge di raccolta, ed avviati alla digestione aerobica, previo preliminare ispessimento dinamico. L acqua depurata è avviata verso la filtrazione finale e successiva vasca di clorazione. g) Filtrazione su tela: Questo sistema di filtrazione, sviluppato negli ultimi anni, ha dimostrato buone caratteristiche di efficacia, affidabilità ed economicità gestionale.

8 La filtrazione su tela occupa una posizione intermedia tra i microstacci, che esplicano una filtrazione superficiale pura, ed il filtro a sabbia, che presenta un effetto filtrante stratificato. Relativamente ai rendimenti, con i filtri a tela si ottengono risultati analoghi ai filtri a sabbia, con una maggiore elasticità operativa e senza gli inconvenienti tipici dei filtri rapidi (crescita di biomassa, intasamenti dovuti ad elevati tenori di SS in arrivo, consumi energetici e necessità di una linea di riserva) oltre alla ridotta perdita di carico e a costi contenuti di installazione. In funzione della composizione che la caratterizza, la residua presenza di sostanze sospese nelle acque di scarico dopo il trattamento secondario, dovuta in parte a certi composti in soluzione e in parte a sostanze colloidali e solidi in sospensione, può avere un impatto negativo sui valori che vengono richiesti per lo scarico finale. Nei processi di finissaggio di liquami predepurati le tele filtranti utilizzate hanno una dimensione massima di passaggio libero da 20 p.m fmo a 75 J.tm. La porosità del tessuto agotrattato, cioè la parte libera di passaggio, anamonta a 85-90% del volume totale. Lo spessore del tessuto si dimostra vantaggioso in considerazione della bassa resistenza alla deformazione delle sostanze sospese, per cui le particelle che superano il primo strato filtrante esterno a seguito della deformazione vengono trattenute all interno della tela filtrante. I filtri a tela sono progettati come filtri a tamburo, o - nel caso dei successivi sviluppi come filtri a disco rivestiti con una tela filtrante. 11 tamburo o i dischi vengono completamente sommersi. L acqua da trattare, attraversa la tela per essere convogliata allo scarico attraverso l albero cavo ed il tubo di risalita. h) Vasca di clorazione: Di sezione rettangolare provvista di setti che allungano il percorso; essa è asservita ad un sistema automati di dosaggio d ipoclorito. i) Misura della portata e campionatore acque depurate in uscita: Per la misura della portata sarà installato, presso il canale d uscita, un sistema di misurazione della portata ad ultrasuoni, dotato di indicatore analogico locale e registratore totalizzatore della portata. Sarà installato anche un campionatore automatico così come previsto dalla normativa vigente. l) Ispessimento dinamico: I fanghi provenienti dai decantatori secondari sono pompati alla sezione di ispessimento dinamico. Scopo dell ispessimento è l addensamento del fango la cui concentrazione dei solidi viene incrementata dal 0,5-1% al 5-6%. Con l ispessimento dinamico non sono applicate le regole dell ispessimento a gravità perché nel dinamico il fango è condizionato con polielettrolita. Una buona flocculazione crea dei fiocchi di grandi dimensioni; filtrando l acqua con il fango, su tela, si riescono ad ottenere delle portate molto elevate e dei fanghi ispessiti al 5-8%. m) Digestione aerobica: 11 fango proveniente dall ispessitore è sottoposto ad un processo di digestione in presenza di aria. Per l immissione dell ossigeno, all interno della vasca

9 aerobica, si utilizza il sistema di aerazione ad aria insufflata; l aria immessa dai compressori nelle tubazioni di adduzione è dispersa dai piattelli diffusori del tipo a bolle fini. E previsto anche in questa sezione il trattamento dei fanghi provenienti dall impianto di depurazione di Buttigliera che subiscono in loco una fase di trattamento di digestione aerobica ma non sono disidratati. n) Disidratazione meccanica: I fanghi provenienti dalla digestione aerobica sono sottoposti ad una disidratazione meccanica. L operazione di disidratazione consiste in una spremitura del fango tra due teli, permeabili, che scorrono avvolgendosi in sincronismo attorno a dei rulli. Il fango (al quale è addizionato del polielettrolita), subisce un energica compressione che provoca l eliminazione di parte dell acqua (che filtra attraverso il telo inferiore) e quindi la disidratazione del pannello sino al raggiungimento di una percentuale in secco che varia dal 22% al 25%. Il fango (palabile) immesso in cassoni scarrabili è avviato ad una discarica autorizzata. o) Essiccamento naturale (emergenza): In parallelo alla disidratazione meccanica saranno previsti n. 2 letti, d essiccamento in grado di consentire la disidratazione dei fanghi per l eventuale fuori servizio della filtropressa a nastri. p) Stazione trattamento bottini: I reflui provenienti da fosse biologiche (bottini) od impianti industriali, asportati tramite autobotti, prima di essere scaricati nell impianto di depurazione, devono subire un pretrattamento: tale trattamento deve essere in grado di eliminare i solidi ed eventualmente le sabbie presenti evitando in tal modo sovraccarichi ed alterazioni di funzionamento dell impianto. E prevista l installazione, in prossimità della stazione di sollevamento iniziale, di un impianto di trattamento bottini costituito essenzialmente da una griglia a coclea compattatrice per la separazione dei solidi sospesi. L impianto di trattamento di tale frazione è costituito da una fase di grigliatura e da una successiva fase di compattazione del materiale, che porta alla formazione di due fasi ben distinte: Fase liquida che viene inviata in testa all impianto, nella stazione di sollevamento liquami. Fase solida, in cui il materiale grigliato e compattato che la costituisce è scaricato in apposito cassone e destinato allo smaltimento in discarica. STRADA D ACCESSO ALL IMPIANTO Il nuovo impianto di depurazione sarà collegato alla viabilità esistente per mezzo di una nuova strada d accesso che verrà realizzata parallelamente al Rio Robeirano. La strada d accesso partirà dalla 5.C. Cellarengo Villanova ed avrà una lunghezza di 45 metri circa. Si eseguirà uno scotico del terreno agrario per una profondità di 20 cm ed una larghezza di circa 7,90 metri. Prima di procedere alla realizzazione del rilevato, lo scavo verrà rivestito con geotessile 300 g/in

10 Il rilevato stradale sarà realizzato con materiali aggregati riciclati provenienti da demolizioni edilizie, ed avrà uno spessore variabile come risulta dal profilo stradale riportato negli elaborati grafici. Dopo aver eseguito la spruzzatura dell emulsione cationica d ancoraggio nella misura di 1Kg per ogni m si stenderà con vibrofinitrice la copertura in conglomerato bituminoso. Lo strato di binder avrà uno spessore finito di 8 cm (dopo rullatura) ed una larghezza totale di 6.50 metri, carreggiata e banchine comprese. Alle due carreggiate verrà data una pendenza del 2% in direzione delle banchine, per consentire l allontanamento delle acque meteoriche. Il rilevato stradale così realizzato sarà rinfiancato su entrambi i lati con il terreno agrario precedentemente asportato. Nei pressi del cancello d ingresso, al di sotto della strada d accesso all impianto, verrà posata una tubazione in c.a. turbocentrifugato diam. Interno 400 mm, completata da pozzetto di raccolta ubicato sul lato della strada rivolto verso le campagne. La tubazione sarà posata con la generatrice superiore al livello del piano campagna esistente ed avrà una pendenza di posa del 2%. b 2) Planimetria e cartografia dell area interessata: Si rimanda alle tavole fuori testo n 3.1 e 3.2, nonché allo schema URB e relativi allegati, più avanti al punto c 1. b 3) Elenco catastale delle aree e degli immobili oggetto del programma: Nominativo o denominazione Lisa Marco Comune di VILLANOVA D ASTI (AT) Foglio 48 Particella 106 Subalterno Luogo o Data di Sede Nascita Codice fiscale Titolarità Quota Valfenera (AT) 7/6/1948 LSIMRC48H07L574Y Proprietà 1000/1000

11 b 4) Stima parametrica dei costi di realizzazione: opere edili ,90 scavi e demolizioni ,00 fornitura e posa sollevamento iniziale ,00 fornitura e posa stacciatura ,00 fornitura e posa nitrificazione ,90 fornitura e posa denitrificazione ,60 fornitura e posa sedimentazione finale fornitura e posa ricircolo fanghi e nitrati , ,00 fornitura e posa disinfezione 4.062,60 fornitura e posa estrazione schiume 4.773,00 fornitura e posa estrazione fanghi di supero fornitura e posa disidratazione fanghi fornitura e posa sollevamento di sentina 7.326, , ,00 fornitura e posa quadro elettrico ,00 fornitura e posa opere accessorie ,00 fornitura e posa impianto elettrico ,00 TOTALE ,00 lavori ,00 sicurezza ,00 iva 20% ,00 tot lavori ,00 somme a disposizione imprevisti ,20 spese tecniche ,00 cnpaia 1.224,00 iva 20% ,80 TOTALE ,00 b 5) Costi di acquisizione delle aree e / o degli immobili, con assenso dei propiretari: Le aree su cui sorgerà il depuratore sono attualmente di proprietà privata e pertanto le aree dovranno essere espropriate. I costi di esproprio complessivi sono di circa euro 6 * 4800 mq = mq

12 b 6) Eventuali costi aggiuntivi a carico del comune: È prevista la sistemazione dell accesso all area. Tale percorso attualmente consiste in una strada campestre totalmente inadeguata al transito dei mezzi di cantiere e, a lavori ultimati, dei mezzi privati appartenenti al personale e delle autocisterne per lo spurgo delle fosse. Le opere in questione competeranno al Comune di Villanova d Asti. b 7) Problematiche connesse: Non si riscontrano particolari problematiche che richiedano approfondimenti progettuali specifici. L area prevista per l intervento è isolata dall abitato e dalle attività produttive, sicché non si prevedono interferenze con le stesse né in corso di realizzazione né durante l attività dell impianto.

13 c) COMPATIBILITA URBANISTICA, AMBIENTALE E PAESAGGISTICA c 1) Compatibilità urbanistica, schema URB: PISL: PROGRAMMA INTEGRATO PER LO SVILUPPO DELL AREA INDUSTRIALE DEL PIANALTO ASTIGIANO Azione N.: 4 Depuratore concentrico, Comune di Villanova d Asti Comune: VILLANOVA D ASTI (AT) PIANALTO ASTIGIANO COMPATIBILITÁ URBANISTICA L intervento è assoggettato alle seguenti disposizioni generali, urbanistiche ed edilizie, vigenti od operanti in salvaguardia: Variante Parziale N.5 al Piano Regolatore Generale. Approvata con D.C.C. n.31 del 29/09/2005 Area urbanistica in cui è compreso l'intervento : 1) Area Produttiva Agricola: 3A Allegati: Documentazione fotografica Estratti cartografici del PRG con individuazione dell area interessata dall intervento Estratti delle Norme Tecniche di Attuazione Prescrizioni derivanti da altri piani o programmi: NO Prescrizioni derivanti da regolamenti comunali: NO Vincoli e altre prescrizioni normative: SI Per la quasi totalità della superficie compreso in fascia di rispetto del corso d acqua Rio Robeirano L intervento è: NON CONFORME alle disposizioni generali, urbanistiche ed edilizie, vigenti od operanti in salvaguardia

14 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA ALLEGATO 1

15 ESTRATTO P.R.G.C. VIGENTE VARIANTE PARZIALE N.5 D.C.C. n. 31 del 29/09/2005 ALLEGATO 2

16 NORME DI ATTUAZIONE VARIANTE PARZIALE N.5 D.C.C. n. 31 del 29/09/2005 ALLEGATO 3

17

18 c 2) Impatto ambientale; descrizione sintetica: L impianto sarà localizzato in un area agricola, presso il Rio Robeirano, nel quale confluiranno le acque depurate. Il maggior impatto sull ambiente del Pianalto sarà, pertanto, da individuare nella sottrazione di terreno coltivabile che la costruzione del nuovo impianto comporterà. Sono da valutarsi con attenzione, inoltre, eventuali emissioni pericolose nell ambiente circostante ed i potenziali danni collaterali dovuti all attività degli addetti. Consumo di territorio: Si ritiene la perdita di terreni ltivi un danno notevole al territorio ed all agricoltura del Pianalto. Tale danno, tuttavia, è un congruo prezzo da pagare per la messa in sicurezza degli scarichi fognari di Villanova d Asti. Procrastinare la sostituzione del depuratore potrebbe, sul medio periodo, portare ad un collasso del sistema con potenziali danni per l ambiente e per il comparto agricolo stesso. Si fa presente che la realizzazione del depuratore è, essa stessa, una misura di compensazione ambientale all impatto che lo sviluppo edilizio e produttivo del Pianalto potrebbe avere sul territorio. Emissioni inquinanti: La realizzazione del depuratore ha il fine di evitare l inquinamento dell ambiente e, in particolare, delle acque superficiali del Pianalto Astigiano. L impianto sarà realizzato secondo i più moderni standard tecnologici e sarà dotato di tutto il personale qualificato necessario al corretto e sicuro funzionamento. Rispetto all impianto esistente, di concezione superata, quello in progetto non sarà soggetto ad emissioni odorose, salvo in caso di malfunzionamento che, in ogni modo, sarà per quanto possibile accuratamente evitato. La distanza dall abitato e dal costruito rispetta tutte le distanze di legge. Pur essendo collocato in area esondabile, l impianto sarà concepito in maniera tale da poter far fronte anche ad un emergenza in tal senso, senza rischi per l ambiente. Danni collaterali: Ad impianto in attività non si prevedono incrementi di traffico veicolare tali da costituire un rischio per l ambiente circostante. c 3) Inserimento paesaggistico; descrizione sintetica: Pur essendo agricola, l area dove si inserirà il nuovo depuratore non è completamente sgombra. A non molta distanza sorgono fabbricati agricoli di recentissima realizzazione ed abitazioni civili. Si prevede, pertanto, che l impatto sul paesaggio, pur rilevante, non sarà devastante. Come misure compensative si prevede un attenta progettazione ed utilizzo delle aree verdi. In particolare si prevede la piantumazione degli spazi liberi attorno all impianto con essenze d alto fusto. Quest ultimo intervento, si capisce, compatibilmente con le esigenze tecniche del nuovo depuratore. c 4) Documentazione fotografica del sito: Si veda lo schema URB e relativi allegati al punto c 1.

19 d) SOSTENIBILITA FINANZIARIA d 1) Stima dei costi di gestione e / o erogazione del servizio (per interventi pubblici): In questo paragrafo si presentano le ipotesi di massima riguardanti le entrate ed i costi di gestione del depuratore. COSTI gestione Personale (quota ore) Manutenzione ordinaria /mese Quota manutenzione straordinaria/mese 700 Totale costi mensili TOTALE COSTI ANNUI d 2) Eventuali tariffe per gli utenti: La tariffa per gli utenti sarà determinata dal C.d.A. dell Acquedotto Consorziale della Piana. Tale valutazione sarà effettuata considerando i costi di tutte le strutture in gestione e quindi ripartita sulle singole utenze proporzionalmente all entità del consumo idrico. d 3) Attestazione del coinvolgimento di soggetti attuatori privati: Si rimanda alla documentazione allegata. d 4) Sostenibilità dei costi a carico dell amministrazione locale: Data la natura e la tipologia del servizio che offrirà il depuratore, i costi di gestione saranno coperti dagli utenti attraverso il pagamento dell utenza fornitura idrica. I costi risulteranno, pertanto, assolutamente sostenibili per l amministrazione, in quanto pari a zero. Il costo di costruzione sarà sostenuto interamente dall Acquedotto Consorziale della Piana, il quale provvederà con mezzi propri, quindi senza aggravio per le Amministrazioni locali. Si fa presente che l attuale depuratore, di vecchia costruzione ed arcaica concezione, ha costi d uso e manutenzione che, attualmente, si aggirano sui /mese, per un totale di /anno. Poiché, come risulta da quanto al punto d 2, l impianto in progetto avrà costi di gestione pari a /anno, con un risparmio complessivo di /anno, gli amministratori dell Acquedotto Consorziale della Piana ritengono ragionevole ipotizzare un rifinanziamento dell opera tramite le economie ottenute.

20 e) PROCEDURE e 1) Idoneità dell area d intervento e disponibilità delle aree e / o degli immobili: Le aree oggetto di intervento al momento non risultano disponibili in quanto di proprietà privata. Sulle medesime a seguito di specifica variante urbanistica dovrà essere apposto il vincolo espropriativo. e 2) Descrizione puntuale dei passaggi procedurali che s intendono attuare per ottenere il nulla osta e stima dei tempi previsti: stanziamento delle somme a bilancio selezione pubblica per conferimento dell incarico di progettazione predisposizione progetto preliminare con contestuale adozione di variante urbanistica trasmissione della delibera di adozione alla Regione Piemonte per l approvazione della variante approvazione progetto preliminare predisposizione progetto definitivo approvazione progetto definitivo predisposizione progetto esecutivo approvazione progetto esecutivo predisposizione bando di appalto gara aggiudicazione inizio lavori durata lavori 180 giorni fine lavori collaudo avvio esercizio

21 e 3) Cronoprogramma d intervento: Avvio procedura gennaio 2007 FASI GIORNI MESI selezione professionisti progetto preliminare pregetto definitvo progetto esecutivo gara aggiudicazione inizio lavori FINE LAVORI ULTIMAZIONE FINITURE E COLLAUDI Conclusione maggio 2009

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1 1. PREMESSE Il presente documento costituisce il piano con le modalità operative da seguire per la gestione della fase di avvio e collaudo delle nuove opere di progetto per evitare disservizi nel funzionamento

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI PROGETTO DEFINITIVO DELLE OPERE DI NORMALIZZAZIONE DELLA FOGNATURA NERA, ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE E COSTRUZIONE DEL COLLETTORE EMISSARIO A SERVIZIO DELL AGGLOMERATO DI PORTO CESAREO - PROGETTO

Dettagli

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE)

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) popolazione servita (max.) ab.eq. 45.000,00 dotazione idrica l/ab/d 350,00 coeff. di afflusso 0,80 tipo di fognatura mista portata di

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 IMPIANTO MASSA MARTANA COMUNE E LOCALITA MASSA MARTANA CAPOLUOGO (SARRIOLI)

Dettagli

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele Data: 25/06/ 09 Area numero: 5 Denominazione: Murgia di San Lorenzo IT9210220 Capo Area: Giovanni

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 marca ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 28100 NOVARA OGGETTO:D.LGS. N. 152/06, L.R. 48/93, L.R. 13/90 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE. Il sottoscritto nato

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane.

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane. PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 Matera OGGETTO:

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI LIQUAMI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

AZIONE N 7b SCHEDA D INTERVENTO NUOVO PARCHEGGIO VILLANOVA S.P.A.

AZIONE N 7b SCHEDA D INTERVENTO NUOVO PARCHEGGIO VILLANOVA S.P.A. AZIONE N 7b SCHEDA D INTERVENTO NUOVO PARCHEGGIO VILLANOVA S.P.A. AREA INDUSTRIALE DEL PIANALTO, VILLANOVA D ASTI, COMPLESSO LOGISTICO, IN QUALITÀ DI OPERA DI URBANIZZAZIONE A SCMPUTO a) QUADRO CONOSCITIVO

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

Relazione tecnica del processo depurativo

Relazione tecnica del processo depurativo Relazione tecnica del processo depurativo La presente Relazione ha lo scopo di illustrare il processo depurativo, dell impianto di trattamento acque reflue civili, sito in Riva Ligure (IM). L impianto

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE Accordo per il conferimento dei reflui fognari provenienti dal comune di Samarate e confluenti nel collettore esistente di via

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto:

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto: PREMESSA Il nuovo collettore fognario ed il depuratore a servizio delle frazioni Roccia, Villaretto e Pranovo rientrano tra le opere previste a compensazione dell impianto idroelettrico proposto sul Rio

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) UFFICIO TECNICO COMUNALE

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) UFFICIO TECNICO COMUNALE OGGETTO: Servizio di gestione, conduzione e manutenzione dell impianto di depurazione acque reflue del centro urbano e delle

Dettagli

PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA

PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA ALLEGATO 1 alla Determinazione n. 145 del 24 Aprile 2010 Autorizzazione Integrata Ambientale dell impianto di depurazione reflui urbani ed industriali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5 INDICE 1. Scheda Impianto... 3 2. Caratteristiche Costruttive... 4 3. Processo di depurazione... 5 4. Scelta degli Additivi Chimici e Dosaggio... 5 5. Processo di Chiariflocculazione e Specifiche Vasca

Dettagli

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE **** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE Servizio di noleggio contenitori, trasporto, smaltimento o recupero dei rifiuti speciali provenienti da impianto di depurazione periodo dal 01-01-2016 al 31-12-2016.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE FAC SIMILE Marca da bollo (1). 14,62 Ill.mo Sig. SINDACO del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE Spett.le ARPAL Dipartimento provinciale di Savona Settore Qualità delle Acque superficiali

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA OGGETTO: Recupero e ristrutturazione

Dettagli

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI oggetto: II VARIANTE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO H-FARM modifica

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_Gestione_Fasi_Costruttive_E_R02.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_Gestione_Fasi_Costruttive_E_R02.doc 1 1. PREMESSE I lavori oggetto dell appalto dovranno essere realizzati secondo le FASI di costruzione di seguito riportate, definite allo scopo di minimizzare le interferenze tra il cantiere e le attività

Dettagli

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004)

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004) Regione Piemonte Provincia di Cuneo CITTÀ DI SALUZZO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Anno 1996 : Approvato con DGR 26-7934 del 16.04.1996 Anno 2012 : Approvato con DGR 29-05-2012 n 16-3906 VARIANTE

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.

PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Udine, OGGETTO: D.LGS. N. 152/06 CAFC SPA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO NEL FIUME TAGLIAMENTO DELLE ACQUE REFLUE URBANE

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

N Impianto Specifiche Tecniche

N Impianto Specifiche Tecniche N Impianto Specifiche Tecniche 1 DEGRASSATORE Il volume interno utile espresso in metri cubi risulta individuato dal prodotto del numero degli abitanti equivalenti moltiplicato per il fattore 0,07, Volume

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO Azienda Certificata Azienda Certificata ISO 14001:2000 ISO 9001:2000 EA 18, 28b, 35 EA 18, 28b, 35 DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO La funzione dell impianto in oggetto

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0030100 / 2014 Atto N. 1263 OGGETTO: Dlsg 152/06 parte III sez

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE danielemanni architetto COMMITTENZA: DOMUS VIVENS SRL RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE OGGETTO: PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E RICONVERSIONE DI ATTIVITA (D.P.R.

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli

Alcune normative regionali per gli impianti igienico-sanitari con pozzetto autopulente. Segnaletica

Alcune normative regionali per gli impianti igienico-sanitari con pozzetto autopulente. Segnaletica QUADERNO TECNICO Indicazioni funzionali e geometriche per la progettazione dell area di pertinenza destinata in modo permanente al servizio dotato di impianto igienico-sanitario per ricevere le acque reflue

Dettagli

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Rapporto sui sistemi depurativi a servizio delle reti fognanti

Dettagli

Marca da bollo 16,00 C H I E D E

Marca da bollo 16,00 C H I E D E CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED ALLO SCARICO IN RETE FOGNARIA PUBBLICA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI ( Artt. 36 e 37 del Regolamento di Fognatura

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50.

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. 1 IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. UTENTI: 330 RELAZIONE TECNICA 1. Principi fondamentali del trattamento a

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010.

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010. CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010. (Determinazione ENEA n. 267 / 2006/ D.G.) Ing. R. Pica, ENEA novembre

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n.

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n. MARCA DA BOLLO DA 14,62 SPETT. LE COMUNE DI CALUSCO D ADDA (BG) - Settore Tecnico OGGETTO: Richiesta di Autorizzazione all allacciamento alla fognatura pubblica D.Lgs n. 152 del 03.04.2006 e s.m.i. Regolamenti

Dettagli

Oggetto: richiesta di autorizzazione all allaccio e scarico nella pubblica fognatura per insediamento produttivo

Oggetto: richiesta di autorizzazione all allaccio e scarico nella pubblica fognatura per insediamento produttivo 1 bollo 14,62 Al Comune di Albisola Superiore P.zza Libertà 19 17013 Albisola Superiore (SV) Oggetto: richiesta di autorizzazione all allaccio e scarico nella pubblica fognatura per insediamento produttivo

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ALLACCIAMENTO A PUBBLICA FOGNATURA DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ALLACCIAMENTO A PUBBLICA FOGNATURA DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ARCOLA UFFICIO AMBIENTE 1 sito internet: www.comune.arcola.sp.it e.mail: sportelloscarichi@comune.arcola.sp.it GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ALLACCIAMENTO A PUBBLICA

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

Sistemi compatti di flottazione. La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue

Sistemi compatti di flottazione. La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue Sistemi compatti di flottazione La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue L IDEA L ideazione e la realizzazione di questa macchina nasce da un pool

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE Prot. Generale N. 0042789 / 2014 Atto N. 1886 OGGETTO: Autorizzazione alle

Dettagli

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente)

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) oggetto Descrizione tecnica dell impianto di smaltimento delle acque nere tramite fossa tipo Imhoff, previo trattamento di Grigliaggio (facoltativo),

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA RETE FOGNARIA PUBBLICA

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA RETE FOGNARIA PUBBLICA 1 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ARCOLA UFFICIO AMBIENTE 1 sito internet: www.comune.arcola.sp.it e.mail: sportelloscarichi@comune.arcola.sp.it GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

Prot. n. 717/2015 Venezia, 09/07/2015 Resp. proc. NN/fb Reg. interno n. 51

Prot. n. 717/2015 Venezia, 09/07/2015 Resp. proc. NN/fb Reg. interno n. 51 Prot. n. 717/2015 Venezia, 09/07/2015 Resp. proc. NN/fb Reg. interno n. 51 OGGETTO: Art. 158bis D.Lgs. 152/2006. Approvazione Progetto definitivo Impianto di depurazione di Campalto Linea 1. Installazione

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME)

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) L impianto di depurazione a fanghi attivi di Mili, a servizio della fognatura del comune di Messina, sito in località Barone, ha attualmente una potenzialità

Dettagli

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Soluzioni di successo Soluzioni di successo per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Installazione del controller OSCAR per l'areazione intermittente per l adeguamento dell impianto di depurazione di Savigliano

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione - Delibera CIPE n. 60/2012 - D.G.R. n 889/2012. Piano Nazionale per il Sud REGIONE BASILICATA

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione - Delibera CIPE n. 60/2012 - D.G.R. n 889/2012. Piano Nazionale per il Sud REGIONE BASILICATA FINANZIAMENTO Fondo per lo Sviluppo e la Coesione - Delibera CIPE n. 60/2012 - D.G.R. n 889/2012 TITOLO ELABORATO REGIONE BASILICATA COMUNE DI LAVELLO PROVINCIA DI POTENZA POTENZIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI)

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) OPIFICIO ARTIGIANALE PRODUZIONE DI MANUFATTI PREFABBRICATI IN C.A. SP 137 Per Corato N.C.T. Foglio 85, P.lle 141-368 committenza PAN SYSTEM SRL Via F. Meninni, 283 70024

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche ed assimilate alle domestiche In aree non servite da pubblica fognatura (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 31/03/2004)

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche COMUNE DI PODENZANA Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche In aree non servite da pubblica fognatura Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Omron Water Energy Day. Ing. Giacomo Perna Termomeccanica Ecologia S.p.A.

Omron Water Energy Day. Ing. Giacomo Perna Termomeccanica Ecologia S.p.A. Omron Water Energy Day Ing. Giacomo Perna Termomeccanica Ecologia S.p.A. Impianto di Depurazione di Napoli Est Stazione di sollevamento finale Installazione di n. 4 inverter a comando pompe di pozzo Sommario

Dettagli

STUDIO PREFATTIBILITÀ AMBIENTALE IMPIANTO DEPURAZIONE

STUDIO PREFATTIBILITÀ AMBIENTALE IMPIANTO DEPURAZIONE Pagina 1 di 10 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INDIVIDUAZIONE DEGLI IMPATTI... 3 3 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE... 4 4 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A SEGUITO DELL INTERVENTO... 5 5 MODIFICAZIONI PAESAGGISTICHE

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia Romagna n. 1053/03 - Regolamento Comunale per gli scarichi in

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI DI TIPO DOMESTICO PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI RESIDENZIALI CON CARICO ORGANICO INFERIORE AI 50 A.E. Riepilogo documentazione

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia BOLLO 14.42 Spett.le Provincia dell Ogliastra Ufficio Gestione acque via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI (OG) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE/RINNOVO ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE, INDUSTRIALI, METEORICHE

Dettagli

Il sottoscritto.., nato a. il, residente a... Via/Piazza.. n., Telefono:., Telefax:., Codice Fiscale:...,

Il sottoscritto.., nato a. il, residente a... Via/Piazza.. n., Telefono:., Telefax:., Codice Fiscale:..., Riservato ad AMSC S.p.A. Marca da Bollo 14,62 Al Presidente del CONSORZIO PROVINCIALE PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DELLE ACQUE DEL LAGO DI VARESE E LAGO DI COMABBIO Piazza Libertà n 1 21100 VARESE Tramite

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1530 IN DATA 15-06-2011

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1530 IN DATA 15-06-2011 PROVINCIA DI BIELLA Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO DETERMINAZIONE N. 1530 IN DATA 15-06-2011 Oggetto: D.Lgs. 152/2006 e ss.mm. Autorizzazione allo scarico

Dettagli