Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009"

Transcript

1 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio

2 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione e Audit che permette all ente/organizzazione di valutare e migliorare le proprie prestazioni ambientali e fornire informazioni ai soggetti interessati. EMAS è uno strumento volontario, si tratta di una Registrazione riconosciuta a livello europeo in base al Reg. UE 761/2001 EMAS prevede la creazione di un Sistema di Gestione Ambientale ai sensi della norma internazionale UNI EN ISO

3 COS È L AMBIENTE Dal Regolamento EMAS: L ambiente si definisce come il contesto nel quale un organizzazione opera, comprendente l aria, l acqua, il terreno, le risorse naturali, la flora, la fauna, gli esseri umani e le loro interrelazioni 3

4 SVILUPPO SOSTENIBILE: ambiente, territorio, economia 4

5 SCOPO DELLE NORME VOLONTARIE APPROCCIO LEGATO AI SOLI OBBLIGHI APPROCCIO ATTIVO VOLTO AL MIGLIORAMENTO OVVERO UN IMPEGNO PER ACCRESCERE IL LIVELLO DI PROTEZIONE AMBIENTALE DEL TERRITORIO E PER MIGLIORARE LE PROPRIE PRESTAZIONI AMBIENTALI DI GESTIONE INTERNA 5

6 OBIETTIVI ISO ED EMAS Garantire il mantenimento della conformità normativa Promuovere costanti miglioramenti dell efficienza ambientale Promuovere una costante comunicazione interna ed esterna sulle tematiche ambientali 6

7 SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE 1. Dire quello che s intende fare 2. Fare quello che si dice 3. Dimostrare quello che si fa Perché l attività svolta rispetti l AMBIENTE 7

8 APPLICAZIONE DEL SGA AGLI ENTI LOCALI Per gli Enti locali, il Sistema di Gestione Ambientale deve riguardare non solo le attività gestite direttamente, ma anche quelle sulle quali l Ente esercita il proprio controllo/influenza (Es: attività affidate a terzi). In questo caso assumono maggiore importanza aspetti territoriali quali la situazione idrogeologica e climatica, lo sfruttamento delle risorse naturali e l urbanistica. 8

9 IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE NON E UNA STRUTTURA PARALLELA CHE SI SOVRAPPONE ALLA GESTIONE ORDINARIA DELL ORGANIZZAZIONE Il Sistema di Gestione Ambientale richiede di gestire in maniera ORGANICA, SISTEMATICA e DOCUMENTATA le attività comunali funzionali al perseguimento della Politica Ambientale 9

10 EMAS: I cinque principi chiave dell SGA (ISO ) Riesame della direzione Controlli ed azioni correttive Miglioramento continuo Attuazione e funzionamento Impegno e politica Pianificazione 10

11 POLITICA AMBIENTALE Definizione degli obiettivi di Politica Ambientale Impegno dell Amministrazione: - a conformarsi alle norme di legge ed alle altre prescrizioni - al miglioramento continuo - alla prevenzione all inquinamento Pianificazione del Sistema di Gestione Ambientale 11

12 Pianificazione Attuazione e funzionamento Analisi Ambientale Iniziale Aspetti ambientali Prescrizioni legali Obiettivi e traguardi Programmi di gestione ambientale Struttura e responsabilità Formazione, sensibilizzazione e competenze Documentazione e suo controllo Controllo operativo Preparazione alle emergenze e risposta Controlli ed azioni correttive Sorveglianza e misurazioni Non - conformità, azioni correttive e preventive Registrazioni Audit del SGA Riesame della direzione 12

13 PIANIFICAZIONE FASE PRELIMINARE del SGA EMAS Per poter implementare un sistema di gestione ambientale adeguato all organizzazione comunale Per poter fornire alla pubblica amministrazione uno strumento di gestione efficace ed efficiente ANALISI AMBIENTALE INIZIALE DELLE ATTIVITÀ SVOLTE SUL TERRITORIO COMUNALE 13

14 PIANIFICAZIONE ANALISI AMBIENTALE INIZIALE Posizione attuale dell organizzazione in rapporto all ambiente PRESCRIZIONI DI LEGGI E REGOLAMENTI IDENTIFICAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI PROCEDURE E PRASSI ESISTENTI IN CAMPO AMBIENTALE Conformità Impatti ambientali Organizzazione 14

15 PIANIFICAZIONE ADEMPIMENTI NORMATIVI Nel SGA è definita una procedura che consente di: identificare le prescrizioni legali COGENTI E VOLONTARIE a contenuto ambientale determinare come tali prescrizioni si applichino alla propria attività che genera aspetti ambientali Il rispetto delle prescrizioni legali e delle norme volontarie deve essere periodicamente valutato (AUDIT) Viene redatto e continuamente aggiornato un apposito data base Registro normativo ambientale 15

16 PIANIFICAZIONE CONTROLLO DELLA NORMATIVA: Database Registro normativo ambientale AREA COMPETENZA RISORSE IDRICHE SCRIZIONE LEGISLAZIONE OBBLIGHI NOTE E CONFORMITA concessioni e azioni acqua ca e derivazioni consorziali io idrico integrato zzazione e ra degli Ambiti riali ottimali io idrico integrato tazione ambiti riali ottimali NAZIONALE R.D. n del s.m. e i. D.Lgs 152/06 itt. IV strumenti di tutela NAZIONALE D.Lgs. n. 152/2006 Allegati Parte III. Si pone l obiettivo di fondere in un unico testo le disposizioni dettate dalla L. 183/89, L. 36/94, D.Lgs. 152/99 Direttiva 91/271/CEE, Dirett. 91/676/CEE, Dirett. 23/10/2000 D.P.C.M. del REGIONALE L.R. 6/9/1999 n. 25 Come modificato dalla L.R. 21/8/01 n. 27 e dalla L.R. 28/1/03 n. 1 Delimitazione degli ambiti territoriali ottimali e disciplina delle forme di cooperazione tra gli Enti Locali per l organizzazione del Servizio idrico integrato e del servizio di gestione dei rifiuti urbani Art. 7 comma 1 Le domande per nuve concessioni e utilizzazioni corredate dai progetti di massima delle opere da eseguire per la raccolta, regolazione, estrazione, derivazione, condotta, uso, restituzione e scolo delle acque sono dirette al Ministro dei lavori Pubblici e presentate all Ufficio STBR (Autorità di bacino emanazione della Regione ER) alla cui circoscrizione appartengono le opere di presa D.Lgs. 152/2006 TITOLO II Servizio idrico integrato Art. 147: (Organizzazione Territoriale del Servizio Idrico Integrato): I servizi idrici sono organizzati sulla base degli ambiti territoriali ottimali definiti dalle regioni in attuazione della L. 5/1/94 n. 36 ( ) Art. 148 Autorità d Ambito Territoriale Ottimale) L Autorità d ambito è una struttura dotata di personalità giuridica costituita in ciascun ambito territoriale ottimale delimitato dalla competente regione, alla quale gli Enti Locali partecipano obbligatoriamente ed alla quale è trasferito l esercizio delle competenze ad essi spettanti in materia di gestione delle risorse idriche, ivi compresa la programmazione delle infrastrutture idriche di cui all art. 43 comma1. Art Art. 26: Controlli Art. 1 comma 1 lett.a): delimita gli ambiti territoriali ottimali per l adempimento da parte degli Enti Locali di quanto previsto dal D.Lgs 152/06 in tema di servizio idrico integrato CAPO VI Sanzioni e Norme finanziarie transitorie Per il Comune di Ravenna si tratta solo di interessa La gestione del Servizio Idrico Integrato è affidata all Agenzia d Ambito per i Servizi pubblici di Ravenna ATO n. 7 ad HERA Spa tramite convenzione. La convenzione è stata stipulata in data e ha durata ventennale Per prendere visione della documentazione cfr. Servizio Idrico Integrato vedi Il Comune di Ravenna fa parte dell Agenzia D Ambito per i servizi pubblici di Ravenna ATO n. 6 (in quanto ricadente nella circ.ne territoriale dell ATO 7) Documentazione sul sito SETTORE/ SERVIZIO I Progetti sono presentati direttamente dallo STBR Servizio Ambiente Servizio Ambiente ASPETTO AMBIENTALE Tutela risorsa idrica 16

17 Il Regolamento EMAS definisce: PIANIFICAZIONE ASPETTI E IMPATTI AMBIENTALI Aspetto ambientale: elemento di un attività, prodotto o servizio di una organizzazione che può interagire con l ambiente Impatto ambientale: qualsiasi modificazione dell ambiente,negativa o benefica,totale o parziale conseguente ad attività prodotti o servizi di un organizzazione. L organizzazione deve predisporre e attuare procedure per individuare, esaminare e valutare gli aspetti ambientali delle attività, prodotti e servizi propri e su cui ha influenza, al fine di determinare quelli che hanno o possono avere impatti significativi sull ambiente. 17

18 PIANIFICAZIONE ASPETTI E IMPATTI AMBIENTALI Emissioni in atmosfera Energia elettrica Gasolio ATTIVITA SUL TERRITORIO Materie prime Prodotti Prelievo acqua Sostanze pericolose Scarichi idrici Sversamento sostanze tossiche 18

19 PIANIFICAZIONE ASPETTI AMBIENTALI SUL TERRITORIO LE ATTIVITA SONO STATE ACCORPATE IN RIFERIMENTO AL BILANCIO AMBIENTALE DEL COMUNE DI RAVENNA COME DI SEGUITO : 1. VERDE URBANO E SISTEMI NATURALI 2. MOBILITA SOSTENIBILE 3. SVILUPPO URBANO 4. RISORSE IDRICHE E ASSETTO IDROGEOLOGICO 5. RIFIUTI 6. RISORSE ENERGETICHE 7. INFORMAZIONE, PARTECIPAZIONE, NEW GOVERNANCE e INNOVAZIONE 8.a ECONOMIA SOSTENIBILE 8.b SALUTE PUBBLICA 19

20 PIANIFICAZIONE ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI E INDIRETTI Gli aspetti ambientali da tenere in considerazione nel SGA sono: - Aspetti ambientali diretti: relativi alle ATTIVITÀ DIRETTAMENTE GESTITE dall ente - Aspetti indiretti gestiti da terzi e Aspetti indiretti territoriali sui QUALI L ENTE ESERCITA IL PROPRIO CONTROLLO PARZIALE O INFLUENZA. Controllo Attività direttamente gestite: sul territorio Attività direttamente gestite: nelle strutture Controllo parziale Fornitori, appaltatori Influenza Attività di terzi Cittadini 20

21 PIANIFICAZIONE ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI Relativi alle ATTIVITÀ DIRETTAMENTE GESTITE dall ente : Monitoraggio consumi idrici ed energetici Incremento raccolta differenziata interna Monitoraggio consumi carta Acquisti verdi: acquisti, contratti e appalti Completamento procedure per ottenimento CPI Ottimizzazione procedure per rilascio autorizzazioni Formazione e sensibilizzazione ambientale interna Ecc. 21

22 PIANIFICAZIONE ASPETTI AMBIENTALI INDIRETTI Relativi alle ATTIVITÀ sulle quali l ente può indirettamente esercitare scelte, attività di indirizzo e sensibilizzazione (Gestite da terzi e Aspetti indiretti territoriali) : Pianificazione territoriale (nuovi insediamenti produttivi, recupero e bonifica aree degradate, viabilità, delocalizzazione attività, ecc Servizi pubblici affidati a terzi(rifiuti, ciclo idrico integrato, trasporto pubblico) Gestione in condizioni straordinarie (variazioni più o meno critiche delle pressioni antropiche) Accordi con altri soggetti Informazione e sensibilizzazione alla cittadinanza Rapporti con fornitori e appaltatori (appalti e contratti con criteri ambientali, controlli, ecc) Ecc 22

23 PIANIFICAZIONE (elemento di un attività, prodotto o servizio di un organizzazione che può interagire con l ambiente) Per ciascun ASPETTO ambientale individuato ne è stato valutato l IMPATTO e misurata la significatività. SUGLI ASPETTI/IMPATTI SIGNIFICATIVI devono essere adottati OBIETTIVI di miglioramento e definiti PROGRAMMI di attuazione. Per la definizione della significatività è stato adottato uno specifico criterio di valutazione (vedi AAI e procedura gestionale della significatività) 23

24 PIANIFICAZIONE PIANIFICAZIONE DALLA DEFINIZIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO E TRAGUARDI PROGRAMMA AMBIENTALE IN VIA DI IMPLEMENTAZIONE 24

25 GLI INDICATORI AMBIENTALI Ad ogni obiettivo (ove applicabile) è stato associato un INDICATORE AMBIENTALE che permetta di valutare e dimostrare il perseguimento degli obiettivi Esempi: PIANIFICAZIONE E stato creato un apposito database di gestione dei dati ambientali (vedi procedura) Gestione risorse energetiche Gestione rifiuti Indicatori: unità di consumo annuo KWh/anno Indicatori: valore % R.D. produzione rifiuti kg/ab.anno 25

26 ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO Realizzazione di un programma OPERATIVO (apposite procedure) attraverso: DOCUMENTAZIONE COMUNICAZIONE FORMAZIONE ORGANIZZAZIONE 26

27 ISO ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO Documenti che descrivono istruzioni) definisce organizzazione, responsabilità, obiettivi, struttura ed elementi del Sistema le regole del Sistema (manuale, procedure, Manuale definisce chi, che cosa, come e quando Documenti che attestano come le regole sono applicate Procedure Istruzioni Documenti di registrazione specifica come nel dettaglio Forniscono evidenza dell attuazione 27

28 ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO COMPETENZE, FORMAZIONE E CONSAPEVOLEZZA La UO Qualità e formazione del comune di Ravenna ha integrato la procedura relativa alla formazione ai dettami del Reg. EMAS Requisiti richiesti dalla norma: Qualsiasi persona deve aver acquisito le necessarie competenze attraverso appropriata istruzione, formazione, esperienza. Qualsiasi persona che operi all interno dell organizzazione o per suo conto deve essere consapevole dell importanza di: politica ambientale ed obiettivi ambientali, requisiti di conformità alle norme, potenziali impatti delle attività, benefici dei miglioramenti, ruolo e responsabilità per ottenere una completa realizzazione e mantenimento della politica aziendale, potenziali conseguenze se non si osservano le procedure stabilite. 28

29 INFORMAZIONE, PARTECIPAZIONE E COMUNICAZIONE Il Comune di Ravenna ha redatto una procedura relativa alla informazione e una procedura relativa alla comunicazione ambientale interna ed esterna In seguito alla verifica di stage 1 è stato espressamente indicato di: - Unificare le 2 procedure ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO - dare piena attuazione al D. Lgs 195/2005 relativo alla informazione ambientale L RSGA sta provvedendo a dare attuazione a quanto richiesto cercando il max coinvolgimento dell ente 29

30 ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO ORGANIZZAZIONE E RESPONSABILITA Il Comune di Ravenna ha predisposto appositi atti per individuare : - La struttura EMAS (alta direzione, RSGA, segreteria tecnica tecnica EMAS) - il gruppo di lavoro emas (continuamente implementabile e aggiornabile) - la struttura delle responsabilità rispetto a tutti i dipendenti dell ente in base alle loro qualifiche 30

31 ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO PER UN EFFICACE ATTUAZIONE DEL SGA: Tutti i responsabili devono collaborare nel SGA nell ambito della realizzazione dei programmi di loro competenza Tutto il personale comunale deve conoscere la politica ambientale e collaborare nell ambito delle proprie competenze per il perseguimento degli obiettivi 31

32 CONTROLLI E AZIONI CORRETTIVE ARTICOLAZIONE DEL SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE CONTROLLO DEL SISTEMA Avviato il sistema, questo deve essere controllato e valutato periodicamente per garantirne L EFFICACIA ED EFFICIENZA nel perseguimento degli obiettivi SORVEGLIANZA E MISURAZIONI REGISTRAZIONI AUDIT INTERNI 32

33 AUDIT DEL SGA L audit ha lo scopo di verificare: 4 capacità della direzione di rivedere e migliorare il SGA 3 correttezza di realizzazione e mantenimento del SGA 2 efficacia del SGA nel raggiungere gli obiettivi di politica ambientale 1 corrispondenza allo standard di riferimento (ISO 14001, EMAS) Dagli AUDIT vengono fornite alla Direzione informazioni utili ai fini del Riesame della Direzione 33

34 NON CONFORMITA AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Il SGA prevede un metodo per registrare, analizzare e risolvere un problema una volta che viene individuato. Il metodo di gestione dei problemi prevede le necessarie verifiche per garantire che i problemi rilevanti siano adeguatamente trattati. In ogni caso possibile si dovrebbe trovare il modo di prevenire il ripetersi dei problemi identificati (analisi cause,individuazione soluzione del problema, messa in atto della soluzione, verifica della sua efficacia). 34

35 RIESAME DEL SGA Il Riesame della Direzione rappresenta il momento topico per poter intervenire nella pianificazione allo scopo di correggere e migliorare. 35

36 AI FINI DELLA REGISTRAZIONE EMAS INOLTRE SI DOVRÀ.. Realizzare la DICHIARAZIONE AMBIENTALE STRUMENTO DI COMUNICAZIONE E DIALOGO CON I SOGGETTI INTERESSATI PER: FORNIRE INDICAZIONI CIRCA: IMPATTI E PRESTAZIONI AMBIENTALI DELL ORGANIZZAZIONE CONTINUO MIGLIORAMENTO RISPONDERE A QUESTIONI CHE PREOCCUPANO I SOGGETTI INTERESSATI LA DICHIARAZIONE E SOGGETTA AD AGGIORNAMENTO ANNUALE 36

37 ITER PER LA REGISTRAZIONE DEL SITO Amministrazione Responsabile Ambientale Personale di riferimento ANALISI AMBIENTALE INIZIALE PIANIFICAZIONE- ATTUAZIONE- VERIFICA - RIESAME SGA DICHIARAZIONE AMBIENTALE Scelta del verificatore ambientale accreditato Diffusione della Dichiaraz. Ambientale al pubblico da parte dell ente Trasmissione all ente dell avvenuta Registrazione Comitato Ecolabel- Ecoaudit (in collab con APAT-ARPA) accerta documentazione tecnica e rispondenza al Regolamento e segnala eventuali non conformità Trasmissione a organismi Competenti della Convalida (Comitato Ecolabel- Ecoaudit) e della richiesta di registrazione Verifica ambientale stage 1: visita preliminare stage 2: visita di certificazione Convalida della Dichiarazione ambientale 37

38 ITER PER MANTENERE LA REGISTRAZIONE DEL SITO Far verificare il sistema di gestione ambientale almeno ogni 36 mesi e fare convalidare gli aggiornamenti della Dichiarazione Ambientale ogni 12 mesi al Verificatore Accreditato Trasmettere gli aggiornamenti annuali convalidati della Dichiarazione Ambientale all Organismo Competente Mettere tali dati a disposizione del pubblico. 38

39 VANTAGGI DERIVANTI DA EMAS VANTAGGI INTERNI: potenziamento del monitoraggio per la corretta applicazione dei requisiti ambientali nelle attività comunali ad impatto ambientale rilevante, conoscenza documentata della propria situazione ambientale; introduzione di un sistema organizzato di gestione dei propri uffici; monitoraggio e miglioramento delle prestazioni svolte e relative ai compiti delegati per legge al Comune in materia ambientale (autorizzazioni, verifiche, programmazioni, ecc.); perseguimento di miglioramenti nelle performances ambientali, individuazione di possibili margini di recupero di costi ambientali (sprechi di consumi, applicazione di tariffe, ecc ), possibile riduzione degli sprechi e quindi dei costi, miglioramento dei flussi di comunicazione interna, miglioramento delle attività di formazione e quindi delle competenze del personale 39

40 VANTAGGI DERIVANTI DA EMAS VANTAGGI ESTERNI: vantaggi politici derivanti dall immagine al cittadino e alle strutture socioeconomiche di una amministrazione sensibile alle tematiche ambientali, riqualificazione del territorio comunale davanti a terzi esterni con conseguente possibili risvolti positivi sullo sviluppo di attività economiche e produttive, incentivazione del turismo e consolidamento dell'immagine e della qualità dei prodotti che si identificano con il Comune e con le aree circostanti, potenziamento della consapevolezza da parte del cittadino in merito alle problematiche ambientali del territorio con conseguente miglioramento dei rapporti e della collaborazione tra cittadino e pubblica amministrazione, miglioramento dei canali di comunicazione e della collaborazione con altri enti pubblici e privati operanti sul territorio, migliore organizzazione e controllo dei processi e delle procedure per l ottenimento di permessi ed autorizzazioni, miglioramento dei rapporti con i fornitori negli approvvigionamenti pubblici 40

41 VANTAGGI DERIVANTI DALL INTERAZIONI TRA GLI STRUMENTI DEL COMUNE DI RAVENNA EFFICACIA RESPONSABILIZZAZIONE EFFICACIA EFFICIENZA PARTECIPAZIONE RESPONSABILIZZAZIONE CONTABILITÀ AMBIENTALE CERTIFICAZIONE AMBIENTALE AGENDA 21 MIGLIORAMENTO QUALITÀ AMBIENTALE È rappresentato un ciclo in cui la reciproca interazione tra i 3 strumenti di gestione sostenibile governo porta ad una più precisa e significativa individuazione dei programmi di miglioramento ambientale e dei traguardi da raggiungere.. 41

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze Servizio nr. 6 Ambiente e Patrimonio GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1.

Dettagli

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Relatore: Roberto Luciani Sistemi di gestione ambientale:

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea

Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea Casadei Armando CVA SpA Compagnia Valdostana delle Acque S.p.A. La Compagnia Valdostana

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE L INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA CONOSCENZA E DELLA PREVENZIONE Dai sistemi di monitoraggio alla diffusione della cultura ambientale Milano, 24 25 26 Novembre 2003 Teatro Dal Verme - Palazzo delle Stelline

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008 ertificazione Ambientale ISO14001 Ottobre 2008 La certificazione ISO 14001 La certificazione ISO 14001 di un Sistema di gestione ambientale è la dichiarazione di un ente certificatore, accreditato dal

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA Convegno sul tema SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Prospettive e sinergie con i sistemi di gestione ambiente e qualità

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Università di Palermo, Facoltà di Giurisprudenza 30 maggio 2007 Avv. Salvatore Mancuso Mancuso L interesse alla produzione industriale Interesse pubblico

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

L impatto sull ambiente delle atti

L impatto sull ambiente delle atti L ALTA VELOCITÀ PASSA DA REGGIO EMILIA I sistemi di gestione ambientale E LA NORMATIVA VOLONTARIA PAOLO MONTIN* *Geosolution - Padova L impatto sull ambiente delle atti vità produttive ha acquisito, negli

Dettagli

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Le certificazioni ambientali Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Evoluzione storica L attenzione alle questioni ambientali

Dettagli

Come adottare un Sistema di Gestione ambientale Dott. Giorgio Galotti - Gemini ist Come rendere verde un Ente Locale: dal GPP alla Contabilità ambientale GPP Net Forum Cremona, 11 Maggio 2007 Riferimenti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011 Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001 Cuneo, 14 gennaio 2011 Gli Strumenti di Gestione Ambientale Norma UNI EN ISO 14001: Norma internazionale emanata nella

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

13.3 Sistemi di gestione ambientale

13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3.1 La certificazione ambientale Il continuo incremento della produzione industriale e l espansione delle aree urbane comportano un aumento della pressione antropica

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net LA POLITICA E LA MISSION La MEDI srl opera nel settore della Progettazione, Smontaggi,

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale (SGA): ISO14001 ed EMAS III

Sistema di Gestione Ambientale (SGA): ISO14001 ed EMAS III Sistema di Gestione Ambientale (SGA): ISO14001 ed EMAS III Luana Scaccianoce, Marco Glisoni EMAS vs ISO14001 L EMAS (Environmental Management and Audit Scheme) è uno STANDARD EUROPEO definto con Regolamento

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE Dott. Ing. Andrea Papageorgiou, Direttore Generale Bryo S.p.A Giovedì 2 Ottobre 2014 AEPI Industrie Srl Imola In collaborazione

Dettagli

Miglioramento continuo

Miglioramento continuo 7 Il sistema di gestione ambientale Il Sistema di Gestione ambientale della Provincia di Bergamo è stato progettato e implementato per rispondere a tutti i requisiti previsti dal Reg. CE n. 761/2001 e

Dettagli

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl IL SITO E LE ATTIVITÀ La RIME 1 è una società che svolge

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG26 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI

Dettagli

UNI EN ISO 14001, EMAS

UNI EN ISO 14001, EMAS LA NORMA UNI EN ISO 14001, GLI ELEMENTI AGGIUNTIVI PREVISTI IN EMAS E L AUDIT AMBIENTALE LA NORMA UNI EN ISO 14001 E GLI ELEMENTI AGGIUNTIVI PREVISTI IN EMAS LA NORMA UNI EN ISO 14001 E SUDDIVISA IN QUATTRO

Dettagli

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico Relazione Dott. Ing. Giacomo GIACOMINI Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e Codice Etico fiera di Rimini,

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Premessa L attuazione di uno schema di certificazione prevede, al fine della sua credibilità,

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13 Data: 7/12/2012 Ora e luogo: 14.30 - Comune VALUTAZIONI SUGLI ELEMENTI DEL SGA ANALIZZATI Evoluzione occorsa dalla precedente riunione relativamente allo scenario ambientale, alle attività dell organizzazione

Dettagli

La Registrazione EMAS III. A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.)

La Registrazione EMAS III. A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.) La Registrazione EMAS III A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.) www.benassiambiente.it Piattaforma COREPLA per gli imballaggi secondari e terziari e come piattaforma di preselezione degli imballaggi

Dettagli

Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione

Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione Sistemi di Gestione Ambientale: standard di riferimento ed iter per l ottenimento della certificazione/registrazione Come gestire l ambiente? attraverso l adozione di un sistema di gestione ambientale,

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE ISO 14001 RAFFORZA LA CREDIBILITA

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE ISO 14001 RAFFORZA LA CREDIBILITA LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE ISO 14001 RAFFORZA LA CREDIBILITA Fabrizio FRETI RINA Services S.p.A. Torino, 24 Gennaio 2013 RINA GROUP making the best together CHI SIAMO? PIU DI 150 ANNI DI STORIA Fondata

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE E UN LUSSO PER IL NOSTRO COMUNE

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE E UN LUSSO PER IL NOSTRO COMUNE LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE E UN LUSSO PER IL NOSTRO COMUNE O E UNA REALE ESIGENZA DI TUTELA DEI CITTADINI? La salvaguardia dell'ambiente ha visto in questi ultimi anni una costante crescita di sensibilità

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

MANUALE SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE Revisione 0.4 Emissione - Revisione Data Elaborato da Verificato da Approvato da Rev. 0.0 15.12.05 RSGA DIR PRES Rev. 0.1 25.03.06 RSGA DIR PRES Rev. 0.2 30.05.06 RSGA DIR PRES Rev. 0.3 15.01.07 RSGA DIR

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

La sostenibilità ambientale nelle infrastrutture ferroviarie Arch. Martino

La sostenibilità ambientale nelle infrastrutture ferroviarie Arch. Martino La sostenibilità ambientale nelle infrastrutture ferroviarie Arch. Martino L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali ed attribuisce alla tutela

Dettagli

Integrazione 231 e SGA

Integrazione 231 e SGA Corso di formazione D. Lgs. 231/2001 Responsabilità di impresa: applicabilità ai laboratori di analisi Integrazione 231 e SGA Hl Helga Tenaglia Bologna, 5 giugno 2014 Servizio Sistemi di Gestione Integrati:

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative 15 Convegno di Igiene Industriale Corvara 03 aprile 2009 M. Mengoli,

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE: GUIDA PRATICA AI REQUISITI DELLA NORMA ISO 14001 ED. 2004 E DEL REGOLAMENTO EMAS II

SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE: GUIDA PRATICA AI REQUISITI DELLA NORMA ISO 14001 ED. 2004 E DEL REGOLAMENTO EMAS II Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 25/07/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

Manuale di Gestione Integrata POLITICA AZIENDALE. 4.2 Politica Aziendale 2. Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI

Manuale di Gestione Integrata POLITICA AZIENDALE. 4.2 Politica Aziendale 2. Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI Pag.1 di 5 SOMMARIO 4.2 Politica Aziendale 2 Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI. Pag.2 di 5 4.2 Politica Aziendale La Direzione della FOMET SpA adotta e diffonde ad ogni livello della

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA

POLITICA DELLA QUALITA 05.3 LE POLITICHE DEL GRUPPO GAVIO POLITICA DELLA QUALITA Fornire un servizio di trasporto che soddisfi pienamente richieste, esigenze ed aspettative dei Clienti; Fornire un servizio di trasporto conforme

Dettagli

Bologna, 13 Aprile 2010. Marco Ottolenghi, ERVET

Bologna, 13 Aprile 2010. Marco Ottolenghi, ERVET Bologna, 13 Aprile 2010 Marco Ottolenghi, ERVET Emas III iter e struttura Lo scorso 22 Dicembre si è concluso il lungo iter di revisione ( ) del Regolamento EMAS con la pubblicazione del Regolamento 1221/2009

Dettagli

rispetta il presente per avere un

rispetta il presente per avere un rispetta il presente per avere un domani STUDIO MASTER ECOLOGY CONSULTING crede che una qualsiasi organizzazione, pubblica e privata, possa trarre proficui vantaggi dalla impostazione interna di risorse,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DI UN ENTE LOCALE

LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DI UN ENTE LOCALE LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DI UN ENTE LOCALE utilizzabili dagli enti locali liguri ricompresi nelle aree Obiettivo2 della Regione Liguria integrate nel progetto ECOZERO Sommario 1. MAPPA

Dettagli

Considerazioni. del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte

Considerazioni. del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte Considerazioni del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte Premessa Il gruppo di lavoro TANDEM sin dal 2001 opera per la diffusione dei sistemi di gestione ambientale nelle

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

EMAS nelle PMI. Marco GLISONI

EMAS nelle PMI. Marco GLISONI EMAS nelle PMI Marco GLISONI IL REGOLAMENTO IMPONE DI IMPLEMENTARE UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE (SGA) in coerenza con la NORMA internazionale UNI EN ISO 14001 Che cos è un SGA? * E uno strumento che

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Q.TEAM SRL Società di Gruppo Medilabor HSE Via Curioni, 14 21013 Gallarate (VA) Telefono 0331.781670 Fax 0331.708614 www.gruppomedilabor.com Azienda con Sistema Qualità,

Dettagli

APAT. Linee guida per l applicazione del Regolamento CE n. 761/2001 (EMAS) alle Organizzazioni che gestiscono Reti di Energia Elettrica

APAT. Linee guida per l applicazione del Regolamento CE n. 761/2001 (EMAS) alle Organizzazioni che gestiscono Reti di Energia Elettrica APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici Linee guida per l applicazione del Regolamento CE n. 761/2001 (EMAS) alle Organizzazioni che gestiscono Reti di Energia Elettrica APAT

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

SDS IMPRESA DELLA CONOSCENZA SRL

SDS IMPRESA DELLA CONOSCENZA SRL La salvaguardia dell'ambiente ha visto in questi ultimi anni una costante crescita di sensibilità da parte di tutti i soggetti interessati. Anche il mondo industriale si sta rendendo conto che gestire

Dettagli