Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio Nazionale delle Ricerche"

Transcript

1

2 Consiglio Nazionale delle Ricerche Consiglio Nazionale delle Ricerche Direzione Generale Piazzale Aldo Moro, Roma ISBN

3 INDAGINE SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO NEL CNR: LA METODOLOGIA E GLI STRUMENTI ADOTTATI realizzato nell ambito del progetto INDAGINE SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO NEL CNR a cura del GRUPPO DI LAVORO ROMA, DICEMBRE 2012

4 Responsabili di Progetto Andrea Lapiccirella (dal 7 giugno 2011 al 12 agosto 2011) Gianpiero Ruggiero (dal 4 ottobre 2011) Componenti Gruppo di Lavoro Antonella Rissotto Oriana Ippoliti Stefania Giuffrida Serena Pagani Tiziana Micolitti Elisa Coli Luca Giachi Riccardo Coratella Segreteria Tecnica Oriana Ippoliti Sito Internet

5 Indice Introduzione Il progetto: Indagine sul benessere organizzativo nel CNR Il gruppo di lavoro Il ruolo dell OIV La metodologia per dimensionare il questionario I focus group Partecipanti e procedura Analisi dei dati e risultati Contributi allo sviluppo del questionario Il questionario pilota La metodologia per testare il questionario Il piano di campionamento Il campionamento per il pretest in piccoli gruppi e online Il campionamento per il pretest face to face Il pretest di gruppo Partecipanti e procedura Risultati/contributi allo sviluppo del questionario Il pretest online Partecipanti e procedura Risultati/contributi allo sviluppo del questionario

6 3.4. Il pretest face to face Partecipanti, strumenti e procedura Risultati/contributi allo sviluppo del questionario Analisi dei dati emersi dal pretest La comunicazione, la privacy e gli aspetti informatici Il piano di comunicazione Privacy e aspetti informatici Riferimenti bibliografici Appendice. Questionario Benessere organizzativo nel CNR - Anno

7 Introduzione Il tema del benessere si configura come uno dei più attuali argomenti di discussione tra varie discipline e, con particolare riferimento allo studio della salute organizzativa, è possibile rintracciare contributi provenienti dalla psicologia, l ingegneria, la sociologia, la scienza politica e l antropologia culturale, le scienze mediche e biologiche. Ci muoviamo, pertanto, in un panorama molto vasto che alcuni autori hanno cercato di semplificare proponendo una classificazione delle principali prospettive di studio e di ricerca sul benessere organizzativo. Riprendendo la classificazione di Jaffe (1995) è possibile individuare essenzialmente quattro prospettive: la prospettiva dello stress da lavoro, ad oggi quella maggiormente diffusa, che pone l accento sulle capacità dell individuo di fronteggiare e gestire le situazioni stressanti 1 ; la prospettiva dello sviluppo organizzativo o della riprogettazione organizzativa, interessata a comprendere il legame esistente tra comportamento individuale ed efficacia organizzativa per creare ambienti di lavoro efficienti; la prospettiva delle politiche organizzative di promozione della salute, focalizzata sulle politiche aziendali e sulla cultura del posto di lavoro; la prospettiva psicodinamico-sociale, che pone l accento sul ruolo cruciale del leader e delle caratteristiche di personalità 2. Alla classificazione proposta dall autore è possibile aggiungere un ulteriore approccio, quello di Avallone e Bonaretti (2003), che pone al centro del proprio interesse direttamente l organizzazione e la comunità lavorativa piuttosto che il singolo individuo, focalizzandosi sull analisi della relazione individuo/contesto e sugli elementi di salute organizzativa piuttosto che individuale. Anche la definizione di benessere organizzativo individuata dagli autori si muove in tal senso: il benessere organizzativo è «l insieme dei nuclei culturali, dei processi e delle pratiche organizzative che animano la dinamica della convivenza nei contesti di lavoro promuovendo, mantenendo e migliorando la qualità della vita e il grado di benessere fisico, psicologico e sociale delle comunità lavorative» (Avallone e Bonaretti, 2003, p. 42). Occuparsi del benessere di un organizzazione è pertanto qualcosa di complesso che richiede di superare la dicotomia individuo-organizzazione per rivolgere lo sguardo verso qualcosa di più ampio, verso una visione capace di prendere in considerazione i diversi livelli che animano la vita di un organizzazione, per restituire a quest ultima la complessità che la caratterizza. Significa pertanto pensare al benessere come 1 Uno dei principali limiti di questa prospettiva risiede nel non prendere in considerazione aspetti dell organizzazione come il clima, la cultura organizzativa e le politiche strategiche. 2 Uno dei limiti di questa prospettiva risiede nel perseguire il cambiamento solo a livello individuale, tralasciando l aspetto organizzativo. 7

8 ad un costrutto multidimensionale e dinamico, fortemente ancorato al contesto di riferimento, al quale concorrono non solo aspetti quali il comfort dell ambiente di lavoro, la sicurezza e la prevenzione degli infortuni, ma anche aspetti quali le relazioni interpersonali, la soddisfazione lavorativa e il commitment organizzativo, la motivazione intrinseca, il knowledge management e la circolazione delle informazioni, le relazioni con i vertici, ecc. È a partire da queste considerazioni di carattere teorico, per la cui trattazione più approfondita si rimanda al Volume Il benessere, il clima e la cultura delle organizzazioni: significati ed evoluzioni in letteratura, che ha preso avvio lo sviluppo del progetto Indagine sul benessere organizzativo nel CNR. In questo secondo Volume, di carattere applicativo, sarà presentato il percorso metodologico che ha consentito di giungere alla realizzazione dello strumento di indagine definitivo utilizzato per valutare il benessere organizzativo dell ente. Il Volume è organizzato in tre parti: nella prima sarà brevemente descritto il progetto, con un attenzione specifica alle sue peculiarità e all approccio adottato, e saranno presentati gli attori che hanno avuto un ruolo chiave per il suo sviluppo, ossia il gruppo di lavoro e l Organismo Indipendente di Valutazione (OIV); nella seconda parte sarà descritta la metodologia con la quale è stato costruito lo strumento di indagine, che si è avvalsa di focus group per la definizione delle aree da esplorare ed ha previsto una fase di pretest per verificare il funzionamento dello strumento di indagine. Infine, nell ultima parte, saranno descritte le attività di comunicazione, trasversali all intero progetto, e presentati gli aspetti informatici che hanno guidato la predisposizione dello strumento. Il questionario somministrato nel corso del 2012 è pubblicato in appendice.

9 1. Il progetto Indagine sul benessere organizzativo nel CNR Gianpiero Ruggiero In Italia un numero sempre maggiore di organizzazioni sta avviando, negli ultimi anni, progetti di valutazione del proprio benessere, finalizzati non solo a una ricognizione dello stato di salute dell organizzazione stessa, ma anche all implementazione di interventi volti al miglioramento del benessere dei lavoratori e all incremento della produttività. L attenzione delle organizzazioni verso questa tematica nasce sotto la spinta di direttive legislative a cui tutte le pubbliche amministrazioni italiane sono state chiamate ad adeguarsi. Tra queste, la direttiva emanata nel 2004 dal Ministro per la Funzione Pubblica 3, con cui viene richiesto ai vari enti pubblici del territorio nazionale di attuare misure finalizzate a incentivare il benessere dei propri dipendenti e il Decreto Legislativo 150 del , con cui viene attributo agli Organismi Interni di Valutazione (OIV) il compito di condurre queste indagini. Nel 2010 anche il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) ha deciso di impegnarsi per la prima volta nella valutazione del proprio benessere; il primo atto formale in tal senso si è avuto con la costituzione, su provvedimento del Direttore Generale, di un gruppo di lavoro finalizzato all implementazione del progetto di ricerca-intervento Indagine sul benessere organizzativo nel CNR, avente come obiettivo generale la promozione del benessere organizzativo nell Ente attraverso l acquisizione di conoscenze sui fattori che nello specifico contesto sono fonte di benessere e/o malessere, la valutazione dello stato di salute dell organizzazione stessa e la progettazione di azioni finalizzate al suo miglioramento. Nello specifico il progetto si proponeva di favorire l ascolto delle problematiche lavorative del personale; acquisire conoscenze sulle rappresentazioni che i dipendenti hanno del CNR ed in particolare della loro struttura di afferenza; individuare gli elementi che favoriscono/ostacolano il benessere e la produttività; promuovere il confronto pro-attivo tra dipendenti e dirigenza; fornire ai decisori informazioni utili alla pianificazione di interventi per il miglioramento delle condizioni lavorative; analizzare la condivisione del sistema di valutazione. Il progetto presenta alcune peculiarità: è un progetto di ricerca-azione che non si limita a valutare il benessere organizzativo dell Ente, ma si propone di progettare e realizzare azioni finalizzate al suo miglioramento; 3 Direttiva 24 marzo 2004 Misure finalizzate al miglioramento del benessere organizzativo nelle pubbliche amministrazioni. 4 Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni. 9

10 Indagine sul benessere organizzativo nel CNR: la metodologia e gli strumenti adottati adotta un approccio partecipato che ha previsto il coinvolgimento dei dipendenti nella definizione delle dimensioni di indagine, valorizzando così il loro punto di vista e riconoscendogli valore; presta attenzione al coinvolgimento e alla partecipazione dei soggetti deboli dell ente; adotta uno strumento di indagine originale, realizzato ad hoc, che tiene conto della specificità del contesto CNR (che racchiude al suo interno la complessità del mondo amministrativo e del mondo di ricerca, presenta una struttura organizzativa multilivello, ha una mission complessa e articolata e modalità di azione mista profit e no-profit). Le attività svolte nell ambito del progetto sono riassunte nella figura di seguito. Tabella 1. Le attività svolte nell ambito del progetto Indagine sul benessere organizzativo del CNR O.R. 1 Costruzione Questionario O.R. 2 Software O.R. 3 Comunicazione O.R. 4 Somministrazione Questionario O.R. 5 Report O.R. 6 Coordinamento attività Attività OR Studio della letteratura sul tema disabilità e lavoro OR Realizzazione di focus group e interviste in profondità con dipendenti CNR OR Costruzione del questionario sul benessere organizzativo per fase pre-test OR Costruzione di un software OR Studio del piano di comunicazione dell indagine sul benessere organizzativo OR Campagna di comunicazione dell indagine sul benessere organizzativo OR Somministrazione del pre-test (5 dicembre - 16 dicembre) OR Modificazioni e implementazioni per questionario definitivo (16 dicembre - 30 gennaio; 28 febbraio) OR Somministrazione del questionario definitivo (21 giugno - 23 luglio) OR Analisi dei risultati questionario (1 settembre - 1 novembre) OR Report finale su ricerca benessere organizzativo (1 novembre - 12 dicembre) OR Coordinamento attività con riunioni periodiche

11 1. Il progetto Indagine sul benessere organizzativo nel CNR 1.1. Il gruppo di lavoro La costituzione del gruppo di lavoro che ha implementato l indagine è stata promossa dalla Struttura Tecnica per la Misurazione della Performance (STeMP), quale organismo di supporto alle attività dell OIV CNR. Il gruppo di lavoro che ha implementato l indagine presenta alcuni elementi caratteristici: è un gruppo a prevalenza femminile, con un età media molto giovane e una composizione mista, sia per quanto riguarda le competenze presenti, sia per quanto riguarda la provenienza dei componenti da strutture diverse dell ente. Al suo interno vi sono infatti persone specializzate in psicologia della salute e delle organizzazioni, in sociologia, in comunicazione e management, con competenze in metodologia della ricerca ed esperienza pluriennale nell implementazione di ricerche intervento. Per quanto riguarda invece l afferenza dei suoi componenti, il gruppo di lavoro rispecchia la doppia anima rete scientifica e rete amministrativa che caratterizza il nostro Ente. La composizione così eterogenea del gruppo e la presenza di questa doppia anima ha rappresentato un valore aggiunto per il progetto, laddove la difficoltà iniziale dovuta al parlare linguaggi diversi è divenuta poi arricchimento reciproco in termini di integrazione delle competenze e delle diverse conoscenze sull ente, garantendo una visione più complessa e articolata. Il gruppo si è avvalso anche della collaborazione con Antares, società esterna specializzata nello sviluppo di sistemi organizzativi, che ha rappresentato un ulteriore elemento di ricchezza, portando nel gruppo le sue competenze tecniche unitamente alla sua esperienza pregressa con altre pubbliche amministrazioni, garantendo al tempo stesso la presenza di un punto di vista esterno all Ente Il ruolo dell OIV Le Amministrazioni, nella prospettiva di migliorare l efficienza, l efficacia e la qualità dei servizi, devono opportunamente valorizzare il ruolo centrale del lavoratore nella propria organizzazione. La realizzazione di quest obiettivo richiede la consapevolezza che la gestione delle risorse umane non può esaurirsi in una semplice amministrazione del personale, ma implica un adeguata considerazione della persona del lavoratore proiettata nell ambiente di lavoro. In questa prospettiva s inquadra l indagine sul benessere organizzativo che, secondo la normativa di riferimento (art. 14, comma 5, del D. Lgs. n. 150/09), comprende tre rilevazioni diverse: benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del proprio superiore gerarchico. Per benessere organizzativo si intende lo stato di salute di un organizzazione in riferimento alla qualità della vita, al grado di benessere fisico, psicologico e sociale della comunità lavorativa, finalizzato al miglioramento qualitativo e quantitativo dei propri risultati. L indagine sul benessere organizzativo, in particolare, mira alla rilevazione e all analisi degli scostamenti dagli standard normativi, organizzativi e sociali dell ente, nonché della percezione da parte dei dipendenti del rispetto di detti standard. Per grado di condivisione del sistema di valutazione si intende la misura della condivisione, da parte del personale dipendente, del sistema di misurazione e valutazione della performance approvato ed implementato nella propria organizzazione di riferimento. Per valutazione del superiore gerarchico si intende la rilevazione della percezione del dipendente rispetto allo svolgimento, 11

12 Indagine sul benessere organizzativo nel CNR: la metodologia e gli strumenti adottati da parte del superiore gerarchico, delle funzioni direttive finalizzate alla gestione e al miglioramento della performance. L indagine, secondo quanto previsto dal dispositivo normativo, avrebbe perciò le seguenti finalità: conoscere le opinioni dei dipendenti su tutte le dimensioni che determinano la qualità della vita e delle relazioni nei luoghi di lavoro, nonché individuare le leve per la valorizzazione delle risorse umane; conoscere il grado di condivisione del sistema di misurazione e valutazione della performance; conoscere la percezione che il dipendente ha del modo di operare del proprio superiore gerarchico. È bene sottolineare che l introduzione delle indagini offre l opportunità di analizzare tutti i risultati e procedere ad una loro sintesi, per trarne elementi utili in una prospettiva di crescita e di sviluppo. Non a caso, infatti, per impulso dell OIV CNR sono in fase di condivisione le diverse esperienze finora realizzate presso altri enti pubblici di ricerca (INVALSI, ISFOL, ENEA) per individuare metodologie comuni e problematiche ricorrenti. Per comprendere fino in fondo il ruolo degli OIV nell esecuzione delle indagini, si ritiene opportuno citare integralmente la sopra citata disposizione normativa: L Organismo indipendente di valutazione della performance, sulla base di appositi modelli forniti dalla Commissione di cui all articolo 13, cura annualmente la realizzazione di indagini sul personale dipendente volte a rilevare il livello di benessere organizzativo e il grado di condivisione del sistema di valutazione nonché la rilevazione della valutazione del proprio superiore gerarchico da parte del personale, e ne riferisce alla predetta Commissione. Va detto che il comma in questione è l unico, in tutto il decreto di riforma, che affronta l argomento dell indagine. Non ci sono altri articoli di legge che ne chiariscano i contenuti, o che possano indirizzare le amministrazioni e gli OIV. Per di più, al momento della stesura della presente pubblicazione, la CIVIT non ha ancora provveduto a fornire alcun modello di riferimento. Per il futuro è probabile che ci sia una maggiore uniformità nelle rilevazioni e, soprattutto, nella comparazione dei risultati. La presentazione di un modello di questionario unico per tutti potrebbe contribuire a raggiungere tale obiettivo. Se l oggetto dell indagine e le sue finalità sono abbastanza chiari, non altrettanto si può dire circa le responsabilità dei soggetti che devono curare la realizzazione dell indagine. L ambiguità nasce dalla considerazione che l OIV, essendo un organismo indipendente dall amministrazione, che opera al di fuori del classico organigramma, pur avendo il potere di iniziativa attribuitogli dalla legge di realizzare l indagine, non opera direttamente in un amministrazione come fosse un unità organizzativa organica, dotata di capacità amministrativa interna. Si pensi, ad esempio, alla dicotomia tra la titolarità dei dati e la responsabilità del trattamento degli stessi. In considerazione che la garanzia dell anonimato è un principio irrinunciabile della rilevazione, in assenza del quale si rischia di vanificare la finalità dell indagine, di conseguenza, il responsabile del trattamento dei dati dovrà essere un componente dell OIV, in quanto titolare dell indagine, o un rappresentante dell amministrazione, in quanto detentrice dei dati? La norma nulla dice a riguardo e nessuna informazione utile può essere tratta dall esperienza pregressa. Si tratta di una novità assoluta nel panorama delle amministrazioni pubbliche che, per la prima volta, si cimentano con specifiche tematiche. 12

13 1. Il progetto Indagine sul benessere organizzativo nel CNR Sull argomento specifico, nel CNR si è deciso di optare per la nomina di un componente OIV quale responsabile del trattamento dei dati, ma ciò non esclude che anche un altra soluzione sarebbe risultata corretta. Per assicurare il principio dell anonimato, sono stati necessari alcuni accorgimenti tecnici: non personalizzare i questionari con una pre-compilazione dei dati anagrafici; consentire la compilazione del questionario in ambiente riservato, senza l osservazione diretta da parte di rilevatori / incaricati della raccolta dei questionari /colleghi ecc.; garantire l anonimato durante l elaborazione dei dati, anche attraverso il ricorso a procedure informatiche. Tutti accorgimenti che non sarebbero stati possibili senza quelle forme di coordinamento con i competenti uffici dell amministrazione, tenuto conto delle specificità organizzative dell Ente, e per ottenere le necessarie competenze tecniche richieste dall elaborazione e dal trattamento dei dati. Sono stati questi gli elementi che hanno indotto l OIV-CNR a richiedere la massima collaborazione dell Ente e a formalizzare la costituzione di due distinti gruppi di lavoro, uno per il supporto all elaborazione e alla stesura del questionario, l altro per il supporto tecnico-informatico per una corretta procedura di somministrazione. L esperienza appresa porta alla conclusione che tale metodologia di lavoro è imprescindibile per il buon esito di iniziative di questo tipo. Stabilizzato il questionario e verificata l affidabilità della strumentazione tecnologica, il progetto d indagine è stato presentato dall OIV al Consiglio di Amministrazione, condiviso con le rappresentanze sindacali, con il Comitato Unico di Garanzia e con il vertice operativo. Un altro tema, altrettanto importante, è stato perciò l aspetto comunicativo. In tal senso l OIV ha dovuto impostare una campagna di comunicazione sia verso l interno (organi di vertice, dirigenza, dipendenti), sia verso l esterno (organizzazioni sindacali, altri enti di ricerca, Civit). L indagine vera e propria si è svolta tra il 21 giugno e il 23 luglio, fatta precedere da una lettera a firma del Presidente dell OIV che comunicava a tutti i dipendenti l avvio della rilevazione. Durante il periodo di somministrazione è stato attivato un servizio di help desk (mail e telefonico) sia tecnico, che contenutistico. Il ricorso a entrambi gli strumenti è stato limitato al periodo di somministrazione, ma si è rilevato molto utile per fornire quei suggerimenti per una corretta trasmissione dei questionari. Si è scelto, comunque, di dare risposte anche attraverso FAQ pubblicati sull apposita pagina web. La comunicazione è stata garantita anche attraverso recall, con frequenza concentrata nei primi giorni di rilevazione e verso la settimana conclusiva. I risultati, una volta elaborati ed esaminati, saranno resi pubblici e comunicati anche al personale. Anche questo aspetto, la comunicazione di ritorno finale, è fondamentale. Per non compromettere le future indagini sul benessere organizzativo, si dovranno pubblicare i risultati al termine di ogni rilevazione. In questo senso, garantire il massimo grado di trasparenza è fondamentale. Il ricorso a queste iniziative, infatti, induce generalmente nei confronti del personale coinvolto attese legate soprattutto alle possibilità di miglioramento generale che tali indagini sono in grado di suggerire. Senza dimenticare che è solo dalla comparazione negli anni che si può avere la misurazione del clima, delle variabili di malessere/benessere, del grado di condivisione di un sistema di valutazione, che diano il senso di un miglioramento/peggioramento 13

14 Indagine sul benessere organizzativo nel CNR: la metodologia e gli strumenti adottati della vita lavorativa. La normativa prevede, infatti, che l indagine sul clima e il benessere organizzativo abbia cadenza periodica, per l esattezza una cadenza annuale. Questo dovrebbe permettere di sviluppare analisi di tipo longitudinale e apprezzare gli impatti degli indirizzi e delle misure d intervento migliorative che dovranno essere avviate dal vertice operativo. È bene sottolineare, infatti, che l introduzione delle indagini offre l opportunità di analizzare tutti i risultati e procedere ad una loro sintesi, per trarne elementi utili in una prospettiva di crescita e di sviluppo. L indagine 2012, insomma, non deve rimanere la prima e l ultima, il frutto di un lavoro spot, concluso per il primo anno e non più replicato. Per quanto riguarda i risultati dell indagine, le primissime elaborazioni hanno permesso innanzitutto di avvalorare l ipotesi che il personale abbia significativamente partecipato all indagine considerando la stessa come un canale di comunicazione tra il personale e il vertice dell Ente. In alcuni casi la speranza che l indagine possa determinare ricadute sensibili in termini di miglioramento delle condizioni di lavoro è espressa in termini diretti (attraverso l invio di osservazioni, suggerimenti o commenti sul questionario), in altri casi attraverso l espressione del dubbio. E sono molti i casi in cui la speranza è espressa attraverso indicazioni specifiche di miglioramento, compresa la richiesta di garantire continuità del confronto avviato attraverso l indagine. Alla pubblicazione dei primi e principali risultati seguiranno analisi in profondità della base dati. I risultati saranno resi progressivamente disponibili e condivisi con la comunità scientifica. I risultati dell indagine dovranno essere inseriti anche nella Relazione sulla performance (art. 10, comma 1, lett. b) del D. Lgs. n. 150/09) come previsto dalla delibera CiVIT n. 5 del La mancata presentazione dei risultati, e la non implementazione delle necessarie azioni volte a rimuovere o ridimensionare le problematiche emerse dalle indagini, può demotivare il personale dipendente. Sarà compito dell OIV fare in modo che l indagine si radichi nell Ente, in modo che diventi un momento ricorrente di dialogo e di ascolto, un occasione importante nella vita lavorativa di ciascun dipendente per dire la sua. Se così sarà, l Ente potrà disporre di un patrimonio informativo che le permetterà di monitorare costantemente, con il supporto dell Organismo Indipendente di Valutazione, l impatto della valutazione in termini di miglioramento della performance e sviluppo del personale, al fine di calibrare e migliorare i sistemi di misurazione e valutazione in uso. In questa prospettiva s inquadra l indagine sul benessere organizzativo nel CNR, i cui risultati rappresenteranno validi strumenti per un miglioramento della performance dell organizzazione e per una gestione più adeguata del personale dipendente, contribuendo a fornire informazioni utili a descrivere, sotto diversi punti di vista, il richiamato contesto di riferimento. 14

15 2. La metodologia per dimensionare il questionario Elisa Coli, Luca Giachi, Oriana Ippoliti Per valutare il benessere organizzativo nel CNR, il gruppo di lavoro ha scelto di ricorrere allo strumento del questionario, ritenendolo adatto a una somministrazione rivolta all intera popolazione dell ente; in particolare si è deciso di predisporre un questionario ad hoc che consentisse di cogliere la complessità e la specificità del contesto. Ci collochiamo infatti nel più grande ente di ricerca pubblico del nostro Paese, che conta più di dipendenti e che racchiude al suo interno due mondi differenti, quello amministrativo e quello scientifico. Per arrivare alla definizione dello strumento è stata condotta da un lato un analisi della letteratura sul costrutto del benessere organizzativo ed esaminati i diversi strumenti di valutazione utilizzati in altri contesti 5, dall altro sono stati coinvolti 61 dipendenti dell ente nell individuazione delle dimensioni di indagine, attraverso la realizzazione di 7 focus group. Di seguito sono presentati i focus group e i risultati raggiunti, sia in termini di una prima descrizione del benessere organizzativo, sia in termini di contributo alla definizione delle dimensioni del questionario; sono poi descritte le aree di indagine individuate integrando il contributo della letteratura e quello dei focus e presentate le caratteristiche del questionario nella versione predisposta per il pretest I focus group La scelta di coinvolgere i dipendenti CNR nell individuazione delle dimensioni del benessere organizzativo ricorrendo allo strumento del focus group, deriva dal fatto che si tratta uno strumento di ricerca adatto a esplorare i processi sociali e a far emergere significati condivisi e valori che i partecipanti attribuiscono alle loro esperienze. In particolare nel nostro caso i focus group avevano come principale finalità quella di esplorare il vissuto dei dipendenti rispetto al loro stare nell ente, individuando quegli aspetti che contribuiscono a promuovere o ostacolare il benessere organizzativo nel CNR. Al tempo stesso si proponevano di diffondere la conoscenza del progetto, rappresentando pertanto anche un utile momento di comunicazione interna. 5 Per un approfondimento si veda il primo Volume Il benessere, il clima e la cultura delle organizzazioni: significati ed evoluzioni in letteratura. 15

16 Indagine sul benessere organizzativo nel CNR: la metodologia e gli strumenti adottati Partecipanti e procedura Per individuare i partecipanti da coinvolgere nei focus group, sono stati presi in considerazione alcuni criteri: i profili rappresentativi della popolazione dell ente (direttori amministrativi e direttori di Istituto; amministrativi/tecnici; ricercatori/tecnologi 6 ); la struttura di appartenenza (amministrazione centrale e rete scientifica); la collocazione geografica (Nord, Centro e Sud). Sulla base di queste variabili, è stato costruito un campione tipologico e sono state selezionate le persone invitate a partecipare. Il contatto dei partecipanti è stato preceduto dall invio di una comunicazione ufficiale rivolta ai direttori di tutti gli uffici e Istituti di ricerca coinvolti nell indagine, con l obiettivo di presentare la ricerca e avvisarli del coinvolgimento del personale. A questa comunicazione ha fatto seguito un primo contatto diretto delle persone selezionate tramite e un secondo telefonico per chiedere conferma della partecipazione 7. I focus si sono svolti nel mese di settembre 2011 presso l ISTC del CNR, sotto la guida di un moderatore, un assistente moderatore e due osservatori, cui è stata affidata principalmente la parte tecnica, quale il contatto dei partecipanti, la preparazione della sala dove si sarebbe svolta la discussione, la registrazione dell incontro, gli appunti che avrebbero facilitato la trascrizione delle registrazioni. Per la loro conduzione è stata seguita una griglia di intervista semi-strutturata; in particolare, dopo una breve presentazione del progetto, i focus sono stati avviati con la domanda Come si vive lavorativamente parlando al CNR? Qual è il clima che percepite?, per poi proseguire andando ad indagare gli elementi che i dipendenti ritenevano centrali per il loro star bene all interno dell organizzazione e per il buon funzionamento dell organizzazione stessa. Nel complesso sono stati realizzati 7 focus group e coinvolti 61 dipendenti; in particolare stati svolti 2 focus group con tutti i dirigenti dell Amministrazione centrale del CNR (per un totale di 19 persone coinvolte); 1 focus group con i direttori degli Istituti di ricerca (per un totale di 8 persone coinvolte); 2 focus group con i dipendenti con profili tecnici/amministrativi che operano nella sede centrale (per un totale di 18 persone coinvolte) e 2 focus con i ricercatori/tecnologi che operano in Istituti di ricerca ubicati in diverse aree geografiche (per un totale di 16 persone coinvolte). 6 In questo ultimo gruppo sono state incluse sia le persone con un rapporto di lavoro dipendente con l ente, con contratto a tempo indeterminato e a tempo determinato, sia i titolari di assegni di ricerca, così da includere anche i cosiddetti precari. Inoltre, per tenere conto delle specifiche esigenze dei dipendenti appartenenti alle categorie protette, che ad oggi rappresentano circa il 4,6% della popolazione dell ente, nella formazione dei sottogruppi del campione si è prestato attenzione all inserimento di questi dipendenti. 7 Degli 84 dipendenti contattati, sono stati 61 quelli che hanno partecipato alla ricerca. Le 23 persone che non hanno preso parte ai focus group hanno riferito ragioni di vario tipo, come ad esempio problemi familiari, impegni di lavoro, distanza dal luogo in cui si sarebbero svolti i focus o semplicemente mancanza di motivazione. 16

17 2. La metodologia per dimensionare il questionario Tabella 2. Numero focus group e composizione Numero Numero Struttura focus group partecipanti Profilo di appartenenza 2 19 Dirigenti amministrativi Sede centrale 1 8 Direttori istituti Istituti di ricerca 2 18 Amministrativi / Tecnici Sede centrale 2 16 Ricercatori / Tecnologi Istituti di ricerca Totale 7 61 Per quanto riguarda le caratteristiche dei partecipanti, i dipendenti erano per il 57,4% uomini e per il 42,6% donne, con un età che nel 77% dei casi superava i 45 anni. Tabella 3. Caratteristiche dei partecipanti ai focus group Genere Maschi Femmine Totale 57,4% 42,6% 100% Età Oltre 45 Totale 23,0% 77,0% 100% Analisi dei dati e risultati Tutti i focus group, della durata di circa 1 ora e 30 minuti, sono stati audio registrati, integralmente trascritti e analizzati secondo il metodo della Grounded Theory 8, con l ausilio del software per l analisi dei testi Nvivo 9. L analisi del materiale testuale ha consentito di individuare 17 dimensioni che, secondo i dipendenti coinvolti nell indagine, contribuiscono a promuovere o ostacolare il benessere organizzativo nel CNR: futuro, decisioni, innovazione, valutazione, responsabilità, assunzioni e turnover, ruoli, rischio e prevenzione, risorse, spazi fisici, comunicazione e condivisione, modalità di lavoro, relazioni/integrazione/supporto, soddisfazione lavorativa, senso di appartenenza, competenze, valorizzazione e crescita. Queste dimensioni, descritte di seguito 10, sono schematizzate come segue: 8 Glaser B. G., Strauss A. L. (1967) The discovery of grounded theory: Strategies for qualitative research. New York: Aldine Press. 9 Coppola L. (2011) NVivo: un programma per l analisi qualitativa. Milano: Franco Angeli. 10 Le espressioni usate dai partecipanti sono riportate in corsivo, tra virgolette. 17

18 Indagine sul benessere organizzativo nel CNR: la metodologia e gli strumenti adottati Grafico 1. Le dimensioni del benessere organizzativo nel CNR Senso di appartenenza Individuo Competenze Soddisfazione lavorativa Valorizzazione e crescita Relazioni / Integrazione / Gruppo Supporto Modalità di lavoro Comunicazione e condivizione Futuro Organizzazione Decisioni Innovazione Valutazione Spazi fisici Risorse Rischio e prevenzione Ruoli Responsabilità Assunzioni e turnover Futuro Fa riferimento al domani, ad una raffigurazione più o meno chiara della direzione che l Ente deciderà di intraprendere e più o meno certa del destino dei suoi dipendenti. L incertezza sul futuro genera malessere ed appare legata ad un periodo di cambiamento che sta investendo non solo l Ente, ma tutte le pubbliche amministrazioni italiane; l Ente, infatti, sembra essere un po lo specchio di quello che è il Paese ; la mancanza di aspettative rispetto al futuro appare rinforzata dalla mancanza di conoscenza e condivisione rispetto alla direzione che il CNR intende assumere, con la conseguente necessità di prendersi un tempo, fermarsi e cercare di capire dove vogliamo andare, sappiamo da dove veniamo, dove vogliamo andare?. A questa incertezza si accompagna quella sul futuro del personale, in particolare di coloro che hanno rapporti contrattuali non continuativi con l Ente, i cosiddetti precari, il cui numero è piuttosto consistente soprattutto all interno degli Istituti di ricerca. Decisioni Si parla della mancanza di confronto e della fittizia partecipazione alle decisioni. Queste infatti sono prese dai vertici, ossia da chi ha una posizione più elevata nella scala gerarchica e, anche quando si coinvolgono i dipendenti, non si tratta di una partecipazione reale in quanto tutto è già stato deciso. Si parla dei tempi lunghi con cui vengono prese decisioni che andrebbero assunte rapidamente e di decisioni rimandate o mai prese perché nessuno se ne assume la responsabilità, tutti aspetti che hanno ripercussioni negative sul benessere dell organizzazione. 18

19 2. La metodologia per dimensionare il questionario Innovazione Fa riferimento all introduzione di aspetti innovativi all interno dell organizzazione e alle difficoltà connesse a questa introduzione. In particolare viene riferito un atteggiamento punitivo che scoraggia qualsiasi iniziativa personale e viene suggerita, ai fini del miglioramento del benessere organizzativo, l introduzione di innovazioni per semplificare il lavoro. Tra queste, ad esempio, la creazione un archivio informatizzato di tutti gli uffici e le rispettive competenze, che favorisca un raccordo rapido ed efficace all interno dell Ente, evitando un inutile e dispendiosa sovrapposizione del lavoro a favore di una integrazione dell esistente. Valutazione Fa riferimento non solo alla valutazione del personale, ma anche del benessere organizzativo e della performance, degli Istituti e più in generale della ricerca. Vengono individuate le funzioni che la valutazione dovrebbe avere (identificare eventuali condizioni di disagio; ottimizzare le risorse presenti; creare meccanismi incentivanti; contrastare le inefficienze lavorative; dare voce alla persona, consentendole di esprimersi) e i criteri (trasparenti, espliciti e stabili nel tempo) con le valutazioni dovrebbero essere effettuate. È proprio rispetto a questi ultimi che vengono espresse situazioni di malessere: ad esempio la valutazione della ricerca secondo il criterio dell impact factor privilegia infatti alcuni settori di ricerca a discapito di altri, non consente di restituire valore ad alcune ricerche nonostante la loro validità scientifica ed è strettamente legata al tipo di rivista su cui viene fatta la pubblicazione; le valutazioni del personale sono arbitrarie e non avvengono sulla base delle attività effettivamente svolte; i criteri di valutazione utilizzati nei concorsi sono poco oggettivi e cambiano nel tempo. Responsabilità Fa riferimento all assunzione e all attribuzione di responsabilità a diversi livelli della scala gerarchica. Per promuovere il benessere organizzativo, si auspica la partecipazione dei direttori della sede centrale alle riunioni in cui si discute di temi di interesse per l Ente e l assunzione di responsabilità da parte dei dirigenti nella gestione delle persone con difficoltà. Il tema della responsabilità appare piuttosto critico per i dipendenti: alcuni di loro, ad esempio, si sentono sovraccaricati dalla gestione del rapporto con i colleghi con difficoltà, di importanti progetti di ricerca e di uffici, pur essendo l ultimo gradino nella scala gerarchica e non avendo alcun tipo di incarico in tal senso. Si sottolinea, inoltre, l importanza di attribuire a tutti la responsabilità di un compito, in quanto essere responsabili di qualcosa fa sentire le persone gratificate e genera benessere. Assunzioni e turnover Fa riferimento alla politica con cui vengono realizzate le assunzioni e al turnover del personale. I dipendenti lamentano la non condivisione dei piani di assunzione e la mancanza di una programmazione in tal senso. Parlano del turnover del personale precario, che comporta per l ente costi in termini di perdita di risorse già formate, di competenze, conoscenze ed esperienza che la persona porta con sé ( quando ti muovi a cercare un informazione, spesso la trovi nella persona non strutturata e se quella persona per un motivo se ne va tu quell informazione la perdi, ma parliamo di informazioni fondamentali, sui 19

20 Indagine sul benessere organizzativo nel CNR: la metodologia e gli strumenti adottati finanziamenti esterni, sui progetti, sul personale ). Anche il continuo turnover delle figure dirigenziali incide negativamente sul benessere organizzativo, causando, tra l altro, la difficoltà di programmare a lungo termine e di trasmettere all ente e a tutti i dipendenti una continuità di visione: sapere che hai un dirigente, adesso forse un pochino gli hanno allungato il tempo ma le scadenze erano semestrali, trimestrali, bimestrali, settimanali, c è una confusione. Adesso tu vai a cercare di progettare l attività dell anno in corso e giustamente il dirigente alza le braccia, come posso permetterti di sviluppare un progetto se tra due mesi se non mi rinnovano arriverà un altro e l indirizzo sarà diverso. Ruoli Fa riferimento a diversi ruoli, operativi e di leadership, ma anche al riconoscimento degli stessi e alla chiarezza/confusione di ruoli e funzioni. Parlando di ruoli esecutivi, si fa riferimento al personale, che deve svolgere gli adempimenti che di volta in volta gli vengono affidati e ai direttori di ufficio, che rispetto alla direzione hanno funzioni per lo più esecutive. Si parla delle diverse figure che nell ente hanno ruoli di comando e si sottolinea come il benessere e il funzionamento dell intera organizzazione dipenda dal leader e dalla sua capacità di coordinamento. Si evidenzia l importanza del riconoscimento di ruolo, ma anche del riconoscersi un ruolo, operazione che diventa complessa quando non ci si sente riconosciuti dagli altri. Qualcuno dichiara di sentirsi riconosciuto nel proprio ruolo quando richieste importanti rivolte ai vertici vengono ascoltate, qualcun altro dichiara di avere a che fare con un unità che disconosce completamente qualsiasi cosa io chiedo. Viene riferita una mancanza di chiarezza su quelli che sono gli ambiti lavorativi di propria competenza, nonché una confusione generale determinata dal non sapere chi fa cosa, dallo svolgere funzioni non adeguate al proprio ruolo, da ruoli invertiti o non chiaramente definiti, tutti aspetti che contribuiscono a generare uno stato di malessere all interno della propria organizzazione. Rischio e prevenzione Fa riferimento alle situazioni di disagio presenti nell Ente e alla gestione delle stesse. Si parla del rischio per le persone e per l ambiente di lavoro qualora negli uffici siano presenti dipendenti con fragilità mentali ; in tal senso si riferisce una condizione di malessere dovuta alla non assunzione di responsabilità da parte dell Ente nella gestione di queste situazioni: per quanto riguarda persone che non hanno handicap veri e propri ma che hanno fragilità mentali, quindi difficoltà a rapportarsi ai colleghi, che spesso possono creare nell ambiente di lavoro non solo dei problemi ma anche un rischio, e quindi per la tutela del lavoro, ma anche per la tutela di noi stessi, nell ente ancora non si fa niente. I dirigenti riportano la loro difficoltà nello scegliere la modalità più appropriata per affrontare queste situazioni, sentendosi comunque obbligati ad agire per evitare che la persona crei danni a se stessa o ai propri colleghi; propongono di intervenire a livello preventivo, identificando le situazioni a rischio prima che si manifestino. Risorse Fa riferimento alle risorse a disposizione per svolgere adeguatamente il proprio lavoro, intese sia come risorse economiche, sia di personale. 20

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Programma del modulo: - Cos è il benessere organizzativo; - Direttiva del Ministro della Funzione pubblica; - Equità e leadership; - D.Lgs 150/2009 e qualità

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE Benessere Organizzativo e analisi di clima nella Provincia di Livorno anno 2014 Premessa Cosa si intende per Benessere Organizzativo Il Benessere organizzativo

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE La prima indagine in via sperimentale L indagine è stata avviata, su iniziativa del Responsabile della prevenzione della corruzione

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti 1 Finalità e valori di riferimento Il presente Sistema di Valutazione valido per

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

1) IL MODELLO DI VALUTAZIONE

1) IL MODELLO DI VALUTAZIONE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL DIRETTORE DELL ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICO SOCIALI. Il sistema di valutazione si articola, dal punto di vista metodologico, in tre aspetti distinti ma tra

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico INDAGINE SULLA CUSTOMER SATISFACTION DELL "HELPDESK REACH 214 Sintesi dei risultati Roma, febbraio 215 Indagine sulla customer satisfaction dell Helpdesk REACH - 214

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Allegato A Indagini sul personale dipendente Gentilecollega, La

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona L Assistente Sociale in Provincia di Cremona Indagine sulla condizione professionale e lavorativa della Assistente Sociale nella Provincia di Cremona Questa indagine è nata dall impegno che ci siamo presi

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica nell aprile 2013 I punti fondamentali

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE

INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE D.Lgs n.150/2009 art.14 rubricato Organismo indipendente di valutazione della performance D.Lgs n.33/2013 art.20 rubricato Obblighi di pubblicazione dei dati relativi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012 RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 202 La presente relazione costituisce la prima analisi della situazione del personale ISPRA effettuata dal CUG, riferita all anno 202, riguardante

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Relazione sul benessere organizzativo (2013) Relazione sul benessere organizzativo (0) ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE PROVINCIA DI PISTOIA Dott.ssa Elena Gori Via Boschetti e Campano, 8 09 Quarrata (PT) Tel. 7 0880 E-mail elena.gori@unifi.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) CODICE DI COMPORTAMENTO per lavorare e vivere meglio A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) PREMESSA: Elementi di grande importanza negli ambienti di lavoro

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013 Il giorno 28 maggio 2013, alle ore 10,30 si è riunito a Bari, presso la Saletta Riunioni del Nucleo

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

Assemblea coordinamento donne Cesena

Assemblea coordinamento donne Cesena Cesena 11-12-2014 Assemblea coordinamento donne Cesena Il motivo per cui oggi ci troviamo qui è legato al fatto che le donne pensionate della CGIL stanno preparando l assemblea Regionale, poi nel 2015

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE AI DIRIGENTI DELLE INDENNITA DI POSIZIONE E DI RISULTATO

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE AI DIRIGENTI DELLE INDENNITA DI POSIZIONE E DI RISULTATO GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI LUGO (Provincia di Ravenna) AREA SERVIZI INTERNI SERVIZIO PERSONALE E ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE AI DIRIGENTI

Dettagli

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S.

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. 2003-2004------------------------------------------ VISTO

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06 Scelta del corso di studi (informazione) Orientamento in itinere - counseling Stage di apprendimento dell uso di strumenti informatici specifici a seconda della tipologia di disabilità Orientamento in

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

Indagine sul benessere organizzativo

Indagine sul benessere organizzativo Indagine sul benessere organizzativo (Comitato t di Direzione i 26/03/2014) Piano operativo proposta del Gruppo di Lavoro SERVIZIO SVILUPPO ORGANIZZATIVO FORMAZIONE EDUCAZIONE AMBIENTALE premessa il 12

Dettagli