RILEVARE LA CUSTOMER SATISFACTION

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.qualitapa.gov.it RILEVARE LA CUSTOMER SATISFACTION"

Transcript

1 RILEVARE LA CUSTOMER SATISFACTION Giugno 2008

2 Il documento che segue è rivolto, in modo particolare, a responsabili o dirigenti di servizi pubblici che abbiano deciso di realizzare un indagine di customer satisfaction, all interno di un percorso di miglioramento o innovazione del loro servizio. Il documento, infatti, offre indicazioni utili alla gestione delle diverse fasi che vanno realizzate e presidiate ai fini di una utile indagine di customer satisfaction. Non si fa riferimento, in questo documento, ai sondaggi di opinione ma ad un percorso di ricerca funzionale a comprendere come il servizio offerto venga percepito da coloro che ne hanno fatto direttamente esperienza. La metodologia della ricerca sociale, infatti, può essere utilizzata in diversi ambiti e con differenti finalità. In questo documento si prende in considerazione quel processo di ricerca che può essere funzionale a rilevare la percezione (o la soddisfazione) degli utenti di un servizio. La definizione del percorso che viene descritto, organizzato in sei diverse fasi, si basa sia sulla letteratura che sull esperienza: nasce, infatti, da un primo confronto tra esperti della materia ed amministrazioni competenti sul tema e da una successiva sperimentazione pratica che ha coinvolto circa cento amministrazioni di tutte le tipologie e gli ambiti territoriali, durata nove mesi. Questa attività di confronto e sperimentazione sul campo è stata realizzata dal Dipartimento della Funzione Pubblica, all interno di un Programma per il sostegno al cambiamento delle amministrazioni: il Programma Cantieri. Il tema della customer satisfaction è stato oggetto di lavoro e confronto dal 2003 al La struttura del documento che segue prevede la descrizione di ogni singola fase del percorso di ricerca e, per ogni fase, vengono dati Consigli, si risponde ad alcune delle Domande più frequenti e si propongono possibili Strumenti di lavoro. Anche i Consigli, le Domande frequenti e gli Strumenti sono stati sviluppati all interno dell attività di confronto e sperimentazione realizzata dal Programma Cantieri. 2

3 INDICE 1. IL PROGETTO DELL INDAGINE 4 2. L INDAGINE PRELIMINARE 7 3. LA CREAZIONE E IL TEST DEL QUESTIONARIO 9 4. LA RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI L ELABORAZIONE E L INTERPRETAZIONE L USO E LA COMUNICAZIONE DEI RISULTATI 19 STRUMENTI Schema per il progetto dell indagine (allegato 1) 23 Indicazioni per contrattare esterni (allegato 2) 26 Possibili fonti informative: i dati secondari (allegato 3) 29 Il Focus group (allegato 4) 32 La stesura del questionario (allegato 5) 37 L autocompilazione (allegato 6) 43 Le interviste (allegato 7) 46 L esecuzione delle interviste (allegato 8) 48 Il calcolo delle medie (allegato 9) 51 Gli indicatori di variabilità (allegato 10) 54 La correlazione (allegato 11) 56 Schema generale per pianificare la comunicazione (allegato 12) 57 3

4 1. Il progetto dell indagine 1 Il primo passo che si consiglia di realizzare è il progetto dell indagine. Non si tratta ancora di quello che i ricercatori sociali chiamano disegno della ricerca (che viene definito in seguito al momento della riflessione teorica e della formulazione delle ipotesi, prima della rilevazione delle informazioni), anche se si prevede che vengano già ipotizzati criteri di ricerca, sulla base di idee o esperienze pregresse che, però, dovranno essere confermati o disconfermati in seguito alla realizzazione della seconda fase (indagine preliminare). Si tratta, in questa prima fase, di definire da subito i principali paletti dell indagine: quali sono gli obiettivi, chi sono gli attori coinvolti, quali sono i tempi di realizzazione, quali strumenti di indagine si immagina di poter utilizzare, ecc. Nel caso si decida di coinvolgere consulenti o società esterne è utile definire in modo preciso i compiti di ognuno, le modalità di realizzazione dell indagine, ecc. attraverso un documento scritto (brief) come guida per impostare un rapporto costruttivo e ottenere proposte adeguate. Consigli 1. Spesso il gruppo di lavoro interno non ha chiaro cosa si aspetti dall indagine il committente. E molto importante, invece, comprendere bene le richieste della committenza (direttore generale, dirigente, ecc.) e, per questo, si consiglia di realizzare un incontro preliminare e un incontro successivo la progettazione dell indagine oppure ottenere il placet sul progetto dell indagine. 2. Cercare di definire nel modo più preciso l obiettivo che si intende raggiungere attraverso l indagine formalizzandolo per iscritto. L indagine di customer satisfaction, infatti, deve essere collegata alle logiche e agli obiettivi organizzativi e gestionali che derivano dalle strategie generali dell ente. 1 La necessità di fissare, fin da subito, questi paletti nasce dall analisi degli approcci più diffusi all interno delle amministrazioni pubbliche. Il dato di realtà, infatti, mostra l assenza di una pianificazione attenta della ricerca: assenza di obiettivi strategici; difficoltà di definire un budget destinato alla ricerca o funzionale ai necessari interventi di miglioramento dei servizi; composizione del gruppo di lavoro; ecc. 4

5 3. Gestire il rapporto con i consulenti esterni anche attraverso lo scambio di documenti che formalizzino chi fa cosa. 4. Far sì che chi svolge materialmente l indagine (esterno o interno che sia) sia riconosciuto e legittimato all interno dell organizzazione per esempio attraverso richiesta o lettera formale del direttore generale. Altra forma di possibile legittimazione, funzionale alla collaborazione, è il coinvolgimento dei colleghi nel processo di indagine già nella fase di progettazione anche in modo soft, per esempio attraverso riunioni o comunicazioni (intranet, giornalini interni, ecc.). 5. Comprendere da subito quali sono le reali possibilità di miglioramento del servizio sia per creare uno strumento di indagine adeguato, sia anche per evitare inutili frustrazioni a valle della fatica dell indagine. 6. Evitare di affidare all indagine di customer satisfaction tutte le attese di conoscenza che si può avere rispetto a quel mondo inesplorato che sono gli utenti. Questo, infatti, può portare a organizzare indagini troppo complesse da gestire e poco utili dal punto di vista della qualità del dato. Domande frequenti Quanto deve durare un indagine? La durata di un indagine, così come il periodo di rilevazione sono molto importanti. Far durare un indagine un anno può comportare il rischio di avere dei dati che non rispecchiano più la situazione attuale, così come concentrare tutte le interviste in una settimana può determinare una scarsa rappresentatività dei dati. Le indagini possono essere condotte anche in momenti diversi, ad esempio nel mese di gennaio e di giugno: in questo caso però è importante avere situazioni uniformi (ad esempio stessa frequenza agli sportelli). Quanto può costare a un amministrazione rivolgersi a una agenzia esterna? Dipende da cosa si chiede all agenzia, dalla dimensione geografica dell indagine, dalla mole di lavoro, e da tanti altri fattori ancora. E consigliabile chiedere preventivi a diverse agenzie di ricerca, ma solo dopo una accurata 5

6 riflessione interna sugli obiettivi, in modo che, a fronte di richieste precise, univoche e dettagliate, le differenti agenzie possano fornire proposte tra loro comparabili. Come si fa a decidere se realizzare un indagine su tutta la popolazione oppure selezionare un campione? Una volta definita la popolazione di riferimento (o universo) passaggio fondamentale si può decidere di realizzare un indagine esaustiva oppure campionaria. La seconda soluzione si adotta, in genere, quando l universo di riferimento è troppo ampio per poter procedere ad un indagine esaustiva che diventerebbe molto lunga e costosa. Strumenti Schema per il progetto dell indagine (allegato 1) Indicazioni per contrattare esterni (allegato 2) 6

7 2. L indagine preliminare 2 Questa è una fase conoscitiva, che serve per focalizzare l attenzione sugli aspetti rilevanti del servizio che sarà oggetto di indagine. Questo momento di conoscenza aiuta nella definizione più puntuale della ricerca: modalità di rilevazione delle informazioni, creazione dello strumento, ecc. Se questa fase è realizzata dal personale del servizio che oggetto della ricerca, la sua principale funzione è di cominciare ad osservare il servizio stesso non solamente con gli occhi di chi lo realizza (dal punto di vista delle priorità, del linguaggio, ecc.). Se, invece, questa fase è realizzata da esterni la sua funzione principale è quella di conoscenza della realtà organizzativa e delle caratteristiche principali del servizio dai diversi punti di vista (dirigente, operatori, utilizzatori, ecc.). L indagine preliminare può essere, allora, realizzata attraverso colloqui preliminari: focus group e interviste individuali in profondità. Ai colloqui preliminari può essere affiancata una fase di osservazione diretta sia di come viene erogato il servizio, sia del comportamento dell utente, Se non è possibile realizzare colloqui preliminari, fare molta attenzione a chiarire quali sono gli obiettivi conoscitivi dell indagine tenendo conto non tanto di quello che sarebbe bello, in generale, capire dalla voce degli utenti ma piuttosto di ciò che realmente è utile chiedere e sapere per procedere al miglioramento del servizio oggetto dell indagine. In questa valutazione vanno sempre tenuti in considerazione i reali margini di miglioramento e cambiamento che possono essere realizzati anche in funzione delle risorse e delle leve organizzative realmente disponibili. L indagine preliminare può essere realizzata, inoltre, attraverso la raccolta di documentazione esistente 2 Spesso l indagine non viene progettata da ricercatori esperti e questa fase preliminare alla creazione del questionario, funzionale alla riflessione teorica e alla definizione di ipotesi, è saltata a piè pari con un effetto estremamente negativo sulla qualità della ricerca (questionari lunghi, poco comprensibili, campioni a casaccio considerati, invece, rappresentativi, ecc.). 7

8 relativa al servizio, per esempio altre indagini già realizzate, indagini di altre amministrazioni realizzate su servizi analoghi, ecc. Le informazioni che possono servire dipendono dal tipo di servizio, per esempio rispetto ad un servizio di front office può essere utile disporre di informazioni relative ai flussi di utenza agli sportelli in un unità temporale (1 mese, 1 settimana, ecc.), oltre che di informazioni relative ai diversi target di utenti. Queste informazioni possono essere utilizzate per definire i tempi dell indagine, il campione da coinvolgere e le modalità di distribuzione e raccolta dei questionari. Tutte le attività preliminari sono particolarmente utili per la creazione di uno strumento di indagine più corretto nei contenuti, nel linguaggio e nella forma. Consigli 1. Questa fase è molto importante soprattutto se l indagine viene condotta da personale interno con una relativa esperienza e conoscenza della metodologia della ricerca sociale. E importante anche se si chiede ad alcune figure professionali di affiancare l indagine: lo statistico, per esempio, non è tenuto a sapere quali sono le caratteristiche del servizio oggetto di indagine. L indagine preliminare può servire per rendere più utile, l analisi di customer satisfaction perché ciò che si comprende in questa fase ha un effetto sullo strumento di rilevazione (gli item, le domande, ecc.) e sull interpretazione finale dei dati. 2. E preferibili affidare la conduzione di un focus group ad un facilitatore esperto evitando che siano gli stessi responsabili/operatori del servizio a svolgere questo ruolo. Il conduttore esperto non deve per forza conoscere il servizio di cui si parla, non deve dare spiegazioni o parlare del servizio. Ha il compito, invece, di ascoltare e di animare il confronto facendo in modo che di confronto si tratti. Domande frequenti 8

9 Dopo avere individuato un gruppo di testimoni privilegiati che differenza c è tra coinvolgerli in un focus group oppure realizzare interviste personalizzate? Quando è necessario o utile raccogliere la posizione o le idee del testimone privilegiato per il ruolo che ricopre può essere utile l intervista. Quando, invece, l interazione tra più attori può avere un utile funzione per raccogliere più punti di vista all interno di un processo dialettico allora è più adeguato scegliere il focus group. Il vantaggio del focus group è dato dall interazione tra i partecipanti che aiuta a far emergere più idee. Strumenti Possibili fonti informative (allegato 3) Il Focus group (allegato 4) 9

10 3. La creazione e il test del questionario Il questionario è lo strumento che viene utilizzato per l'effettuazione di indagini quantitative. Si tratta di una sequenza di domande che mira a raccogliere presso l'intervistato le informazioni oggetto di indagine. Il questionario fornisce l'opportunità di ottenere una classificazione omogenea dei dati raccolti, in quanto il modello è uniforme per ogni intervista e consente, dove ci siano intervistatori, di porre sempre le stesse domande, nella medesima sequenza. La preparazione corretta di un questionario assicura inoltre che le domande siano sistematicamente ordinate secondo uno schema efficace. Troppo spesso la stesura del questionario è affrontata con eccessiva superficialità. Sfumature apparentemente irrilevanti provocano variazioni nei risultati di entità tutt'altro che trascurabile. È stato dimostrato che due formulazioni distinte della stessa domanda difficilmente conducono a risposte identiche. La stesura del questionario rappresenta una fase particolarmente critica all interno dell indagine di customer satisfaction, essendo una potenziale fonte di buona parte degli errori che si possono commettere nel corso della ricerca. Inoltre, da una stesura poco curata del questionario derivano inevitabilmente problemi operativi durante le interviste e l'elaborazione dei dati. Nessun piano di elaborazione può supplire a una base di dati farraginosa, raccolta con un questionario poco efficace. La mancanza di accuratezza provoca una serie di errori che non sono calcolabili e sono molteplici: alcuni possono riguardare la selezione del campione: perché non si definisce adeguatamente la popolazione di riferimento; perché non tutti coloro che sono inclusi nel campione rispondono;. Oppure ci sono errori di osservazione legati ai comportamenti degli intervistatori o degli intervistati oppure allo strumento di rilevazione. Questi errori sono determinanti e 10

11 incidono profondamente sulla qualità della ricerca. Il test del questionario Prima di procedere alla raccolta dei dati è fondamentale collaudare il questionario. Come? Anzitutto scegliere almeno un rappresentante per ogni diversa categoria di utenti che si intende intervistare (gli utenti possono essere distinti per età, per modalità di fruizione dei servizi, per professione, ecc.). A questo punto si possono adottare diverse modalità che si consiglia di affiancare l una all altra: 1. riprodurre esattamente la situazione nella quale verrà distribuito e compilato il questionario per capire se eventuali condizioni, per esempio ambientali, possono incidere sulla tranquillità di chi risponde. Nel caso in cui il questionario venga pubblicato online questo collaudo serve anche per verificare il funzionamento dell applicativo che gestisce la banca dati; 2. chiedere alle cavie di autocompilare il questionario segnalando, poi, eventuali incomprensioni, incoerenze, ecc. che richiedono modifiche allo strumento; 3. effettuare qualche intervista di persona, che può fornire ulteriori spunti rispetto alle tecniche precedenti, pur nella consapevolezza che l indagine vera e propria verrà svolta in autocompilazione. Consigli 1. Non avviare l indagine a partire dalla creazione del questionario ma dedicare tempo alla conoscenza del servizio e del contesto di riferimento. 11

12 2. Evitare questionari troppo lunghi. 3. Non sottovalutare l importanza del collaudo del questionario. Un buon collaudo porta alla definizione di uno strumento più adeguato al suo scopo e consente di evitare errori che, se commessi nella fase della raccolta dei dati, possono inficiare la validità della ricerca e rendere vano l impiego di energie e risorse spese. Domande frequenti Quante domande devono essere inserite in un questionario? Esiste uno schema standard di rilevazione dei dati anagrafici da inserire in un questionario di indagine della soddisfazione degli utenti di uno sportello fisico? Il questionario deve essere sempre anonimo? L'intervista non deve superare determinati limiti di tempo; questi limiti dipendono dalla situazione in cui avviene l'intervista, dalla tecnica impiegata (questionario diretto, telefonico, autocompilazione), dagli argomenti affrontati. Se la durata dell'intervista è eccessiva, le risposte vengono fornite svogliatamente. È quindi necessario limitare le domande alle informazioni che realmente rientrano nell'obiettivo dell'indagine. In caso contrario, si avrebbe l'illusione di aver effettuato una buona indagine;.in realtà, il livello qualitativo delle risposte sarebbe scadente. No, le informazioni da inserire nella sezione anagrafica variano in base agli obiettivi dell indagine. Ad esempio se si è interessati ad evidenziare le differenze esistenti sulla base della zona di provenienza, sarà utile inserire questo parametro, così come le fasce di età, il titolo di studio, la professione, ecc. Il consiglio è di non richiedere dati che non servono ai fini dell indagine. Non necessariamente: quando è possibile, è bene evitare di raccogliere i dati anagrafici, in quanto la loro richiesta può indisporre l intervistato. In alcuni casi, tuttavia, i dati personali possono rivelarsi utili, per esempio quando si vuole controllare, a campione, la 12

13 correttezza di comportamento dell intervistatore, oppure quando si pensa di inviare successivamente del materiale all intervistato. E consigliabile utilizzare scale pari o scale dispari? Utilizzare scale diverse all interno di uno stesso questionario è un errore? E impossibile dare una risposta in senso assoluto. Nella maggior parte dei casi, si impiegano scale dispari, in quanto consentono di avere un punto di equilibrio centrale. A volte, tuttavia, si ricorre a scale che presentano un numero pari di modalità, per esempio da 1 a 6, anche se una soluzione di questo tipo ha il difetto costituito dall assenza di un baricentro. In linea di massima, si utilizza questo genere di scala quando si ritiene conveniente sollecitare in qualche modo l intervistato a prendere una posizione precisa, che non corrisponda a una condizione di neutralità. Non è un errore ed è possibile, ma è sconsigliabile perché troppo complicato per l'intervistato. E utile che il questionario riporti una firma autorevole alla fine (il Sindaco, l Assessore, ecc.)? Non si può parlare di una vera e propria utilità. Ci sono delle situazioni in cui la firma può dare più credibilità all indagine ed aumentare le probabilità di una maggiore collaborazione da parte degli utenti. Ugualmente però la firma del Sindaco o del responsabile del servizio può influenzare l utente e condizionarne le risposte, per cui può risultare sufficiente indicare sul questionario il logo dell Amministrazione. Quando nel questionario sono presenti delle domande primarie e delle domande secondarie come si devono segnalare i salti, cioè i passaggi dalle primarie alle secondarie? L effettuazione delle domande secondarie dipende dalla risposta data alla domanda primaria. Pertanto è necessario inserire nel questionario indicazioni chiare e precise. Altrimenti, se il conduttore dell intervista non ha ben chiari quali sono i salti tra una 13

14 domanda e l altra, può commettere errori e sottoporre all intervistato delle domande sbagliate. Nello stesso errore può incorrere chi compili in autonomia il questionario quando i salti non sono chiari. I salti, quindi, vanno resi molto evidenti. Per esempio: 11. Ha utilizzato il servizio di prenotazione che si trova sul sito Internet del Comune di XXX? [SI] > domanda 12 [NO] > domanda 13 In che modo domande mal formulate possono creare problemi? Ci sono domande come Non le è mai capitato di utilizzare il servizio XXX? Dal momento che questa domanda contiene una doppia negazione può essere difficile non tanto dare una risposta ma interpretare la risposta che è stata data perché SI può voler dire si, non mi è mai capitato ma anche la risposta a si, mi è capitato idem per il NO : no, non mi è mai capitato oppure no, mi è capitato. Ci sono moltissimi altri esempi che si possono fare: domande che non sono comprensibili, oppure domande che suggeriscono già la risposta. In alcune circostanze l uso della singola parola non è neutro ma incide sulla risposta. Inoltre ci sono fenomeni psicologici che vanno tenuti in conto come l acquiescenza o la desiderabilità sociale per cui non si vuole ammettere di non conoscere cose o persone oppure di preferire situazioni che non sono amate dalla generalità degli individui. Strumenti La stesura del questionario (allegato 5) 14

15 4. La raccolta delle informazioni Dopo aver collaudato il questionario e dopo aver fatto le relative modifiche, si deve procedere alla distribuzione per raccogliere le informazioni. Si può decidere di lasciare il questionario in vista così che gli utenti del servizio possano prenderne una copia, compilarla e restituirla (auto compilazione). In questo caso, però, il rischio è che il ritorno sia molto basso (cioè che siano in pochi a restituirlo), inoltre non si controlla chi lo ritira e chi lo restituisce. Questo crea problemi rispetto alla rappresentatività del campione in quanto non si può sapere che caratteristiche hanno coloro che rispondono (sono, per esempio, quelli che tendono ad essere soddisfatti del servizio e, quasi fosse un ringraziamento, compilano il questionario, oppure sono prevalentemente quelli che non sono soddisfatti e cercano un canale per comunicarlo.). Tutte le volte che il campione si autoseleziona occorre tenere in considerazione che le informazioni raccolte, per quanto importanti e utili, NON rappresentano l intero universo di riferimento cioè non si possono estendere i dati raccolti all intera popolazione di riferimento. Consigli 1. Se non ci sono intervistatori e si prevede di chiedere agli utenti la loro percezione subito dopo aver utilizzato il servizio, si consiglia di prevedere la presenza di una o più persone che consegnino e ritirino i questionari (stagista, obiettore, operatore, altro collega, ecc.) così da motivare maggiormente gli utenti alla compilazione e alla consegna del questionario. 2. Sulla base delle esperienze fatte, pare sia particolarmente apprezzata la possibilità di inserire il questionario compilato all interno di un urna trasparente. 3. Se si utilizzano intervistatori è molto importante formarli. Nel corso della 15

16 formazione si consiglia di fare delle prove e delle simulazioni di intervista facendo giocare, agli intervistatori, sia la parte dell intervistato che quella che sarà la loro parte. 4. E utile consegnare agli intervistatori un elenco di regole da tenere in considerazione per realizzare le interviste, soprattutto se si tratta di intervistatori non professionali. Il percorso formativo si completerà, poi, con prove di intervista sia in aula che, successivamente, nella stessa condizione in cui si realizzeranno le interviste. Può essere utile che siano gli stessi intervistatori a collaudare il questionario. 5. Individuare ambienti confortevoli e poco rumorosi per realizzare le interviste. Domande frequenti Nel caso che il questionario sia auto compilato, quanto può influire su come l utente risposte il momento in cui si consegna il questionario? Può influire in misura rilevante, soprattutto quando si tratta di situazioni particolari, come la degenza in una struttura sanitaria. Possono infatti intervenire diversi stati d animo, a seconda del momento: ottimismo, gratitudine, dipendenza, ecc. È questo il motivo per cui, una volta scelta una tecnica basata su uno specifico momento di consegna del questionario, conviene evitare di cambiare nelle indagini successive, se si vuole ottenere una confrontabilità dei risultati nel tempo. In caso di auto compilazione è meglio lasciare libero l utente di prelevare e consegnare il questionario oppure è utile che ci sia una persona che lo consegna e lo ritira? La scelta sulla consegna diretta o il ritiro da parte dell utente del questionario dipende da diversi fattori: - Campione sistematico. Se si adotta questa soluzione, che consiste nel consegnare il questionario ad una persona ogni x all uscita dall ufficio, sarà necessario utilizzare una persona per la distribuzione; se invece, nell indagine sono coinvolti tutti i visitatori di un ufficio, il questionario potrà essere lasciato su un tavolo. 16

17 - Tempo di riconsegna. Se il questionario deve essere restituito entro un lasso di tempo molto ravvicinato dalla consegna (ad esempio dieci minuti, il tempo utile per la sua compilazione) la presenza di una persona può ridurre i rischi della mancata consegna. A prescindere dai tempi, la consegna personale del questionario all intervistato tende ad accrescere il tasso di risposta, rispetto all ipotesi di lasciare i questionari su un tavolo. - Luogo di svolgimento dell indagine. Se decidiamo di condurre l indagine per strada e coinvolgere i frequentatori di una determinata zona (ad es. i passanti) è indispensabile la presenza di una persona addetta alla consegna. - Disponibilità di personale da utilizzare (obiettori, stagisti, ecc.). Quando si pongono domande sia sull importanza che sulla soddisfazione c è il rischio che l intervistato dia sempre il giudizio massimo riguardo l importanza. Come si può evitare questo rischio? Dopo quanto tempo dall esperienza diretta del servizio è corretto chiedere il giudizio all utente? Quando il questionario contiene domande dirette a rilevare sia la soddisfazione che l importanza può essere utile che l intervistatore, prima di sottoporre le domande sull importanza, faccia presente all intervistato che il punteggio massimo (ad esempio 5 quando la scala va da 1 a 5) va attribuito solamente a quei fattori che ritiene veramente importanti. Attenzione: non è corretto, invece, che l intervistatore decida di avvertire l intervistato dopo aver formulato già diverse domande sull importanza perché l intervistato potrebbe essere condizionato e indotto a fornire delle risposte non spontanee Ci sono delle situazioni in cui è consigliabile chiedere il giudizio dell utente solo dopo che è trascorso un certo periodo di tempo dall esperienza. E il caso ad esempio, delle indagini condotte all interno di un ospedale. In queste situazioni infatti il paziente può essere psicologicamente non pronto ad affrontare un intervista e l indagine condotta quando il 17

18 paziente è sempre in cura potrebbe portare a distorsioni. In altri casi l utente può non essere in grado di esprimere fin da subito il giudizio sul servizio, per esempio perché la prestazione non è ancora stata eroga (non si può chiedere "Quanto è soddisfatto dei tempi di rilascio della concessione edilizia?" a chi abbia giustappunto avviato la pratica allo sportello) Si possono integrare nella stessa indagine modalità diverse di raccolta delle stesse informazioni, per esempio interviste dirette e auto compilazione on line? L'integrazione è possibile, ma l aggregazione di risposte ottenute con metodologie differenti deve essere effettuata con molta cautela, in quanto possono cambiare le modalità di interpretazione delle domande, la qualità della collaborazione dell intervistato e tanti altri fattori ancora. Per esempio, risposte ottenute con interviste all aperto nei mesi invernali e interviste fatte in locali chiusi solitamente portano a differenze non trascurabili. Inoltre, anche la composizione del campione può essere diversa, in certi casi profondamente, per esempio passando dalle interviste dirette all autocompilazione. Strumenti L autocompilazione (allegato 6) Le interviste (allegato 7) L esecuzione delle interviste (allegato 8) 18

19 5. L elaborazione e l interpretazione E necessario, anzitutto, procedere all inserimento dei dati all interno di una banca dati adeguatamente predisposta, utilizzando fogli di calcolo o programmi ad hoc. Dopo di ché si procederà al calcolo di medie o percentuali e all eventuale rappresentazione dei risultati ottenuti in grafici che, sicuramente, facilitano la visualizzazione e l interpretazione. I calcoli matematici e statistici sono complessi ed è necessario che sia un esperto a realizzarli. Nel caso in cui non sia stato chiesto quanto, ogni elemento del servizio, viene giudicato importante all interno di un servizio come quello indagato, per meglio interpretare i dati relativi alla soddisfazione può essere utile procedere alla correlazione 3 tra i risultati ottenuti nell ultima domanda Quanto è soddisfatto del servizio in generale con i singoli risultati delle altre domande sulla soddisfazione. Se in questa fase non sono presenti esperti (statistici o analisti) è preferibili procedere a calcoli semplici che possono già offrire dati utili alla comprensione dei problemi (medie e percentuali, per esempio). Consigli 1. Prima di inserire i dati raccolti all interno di ogni questionario può essere utile apporre un identificativo in ogni questionario; può essere semplicemente un numero progressivo oppure un codice. Se, per esempio, i questionari sono stati raccolti presso sportelli differenti si possono distinguere indicando una lettera che identifica i diversi sportelli e un numero progressivo (per esempio: il primo questionario che viene inserito ed è stato raccolto nell Urp di Piazza Mazzini può 3 Questa analisi è finalizzata allo studio dell intensità delle relazioni esistenti tra due fenomeni quantitativi come, per esempio, i valori della soddisfazione attribuiti dai singoli intervistati alla competenza del personale, e i valori di soddisfazione attribuiti invece al servizio in generale. Il coefficiente di correlazione lineare assume valori che sono sempre compresi nell'intervallo da -1 a +1. Attenzione: un coefficiente di correlazione elevato dimostra l esistenza di una marcata relazione, ma non necessariamente di un forte legame di causa-effetto: il numero di scarpe e la capacità di lettura dei bambini sono strettamente correlati, ma sicuramente un fenomeno non è effetto dell altro. 19

20 avere questo identificativo: PM1; Urp di Via Amendola quinto questionario inserito: VA5). In questo modo si riesce a tenere traccia delle informazioni che sono già state inserite e di quelle che, invece, devono ancora essere memorizzate in banca dati e si possono distinguere i luoghi nei quali sono state raccolte le informazioni. 2. Ricordarsi che tutti gli errori commessi nei passi precedenti si scontano in questa fase dove il rischio grosso è interpretare in modo errato i dati raccolti. 3. Si consiglia, specie nelle prime esperienze di indagine, di realizzare elaborazioni semplici: la percentuale dei soddisfatti/insoddisfatti rispetto ad ogni parametro; il confronto fra i diversi parametri; ecc. Domande frequenti E meglio calcolare la percentuale o la media? Possono essere utili entrambi i tipi di calcolo: con la media si ottiene una sintesi che può servire ad elaborare un idea di massima generale. Infatti la media non ci consente di fare un analisi analitica. Al contrario, i valori percentuali ci consentono di realizzare una riflessione più analitica. Nel caso di auto compilazione del questionario come è possibile sapere se il campione è rappresentativo? È impossibile conoscere la rappresentatività nel caso di un questionario autocompilato, a meno che non ci si trovi in una situazione che consenta di raggiungere un livello di risposta molto alto. In tutti gli altri casi, si può solo stimare, ma in modo approssimativo, la rappresentatività del campione, analizzando per esempio quanto la sua distribuzione in base ad alcuni parametri socio-demografici (età, sesso, ecc.) corrisponde alla distribuzione dell universo (naturalmente, ciò è possibile quando quest ultima è conosciuta). Strumenti Il calcolo delle medie (allegato 9) 20

CANTIERI: UNA GUIDA ALLA COMPILAZIONE dei questionari di customer satisfaction

CANTIERI: UNA GUIDA ALLA COMPILAZIONE dei questionari di customer satisfaction CANTIERI: UNA GUIDA ALLA COMPILAZIONE dei questionari di customer satisfaction Per realizzare in modo adeguato una qualunque indagine di customer satisfaction occorre, anzitutto, preparare la rilevazione:

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Settore Pianificazione Strategica e Sviluppo Sistemi di Qualità INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SETTORE APPROVAZIONE PROGETTI E CONTROLLO ATTIVITA EDILIZIA ex Edilizia Privata Periodo dal 22 giugno al

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003 Tipo Ente: Comune Ufficio: Servizi Scolastici Servizio: Gestione mensa 1 INDICE 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION...

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 6/10/05 STATISTICA Antigone Marino LE FASI DI REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA 1. Definizione del tipo di informazioni attese

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia Dicembre 2015 Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia Sommario MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELL INDAGINE... 3 1.1 OBIETTIVO DELL INDAGINE... 3 1.2 MODALITÀ DI DEFINIZIONE

Dettagli

Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione

Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione Per usare il tempo e le risorse nel modo più efficiente possibile, la valutazione deve essere concentrata sui problemi di grande interesse per i committenti

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Ufficio Statistica Comune di Ferrara

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Ufficio Statistica Comune di Ferrara ASCOLTARE I CITTADINI: SITO WEB DELL UFFICIO STATISTICA - VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE Anno 2010 Sondaggio sulle opinioni degli utenti a cura dell del Agosto 2010 ASCOLTARE I CITTADINI: SITO WEB DELL

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 10/10/05 STATISTICA Antigone Marino La costruzione del questionario Il questionario di indagine è lo strumento di misura

Dettagli

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione La visione della qualità come concetto legato alla capacità di generare valore e soddisfazione per il cliente

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

LE RICERCHE DI MERCATO

LE RICERCHE DI MERCATO LE RICERCHE DI MERCATO IL MARKETING: UNA DEFINIZIONE STUDIO DELLE NORME DI COMPORTAMENTO DI UNA AZIENDA CON RIGUARDO ALLA PROGRAMMAZIONE, REALIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI SCAMBIO. QUESTE NORME

Dettagli

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia Master universitario di I livello Management delle politiche sociali. Focalizzazione: Paesi dell area euromediterranea Anno Accademico

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Amministrazioni insieme. Guida alla creazione e manutenzione di sportelli e servizi multiente I passi da seguire Comunicare la rete

Amministrazioni insieme. Guida alla creazione e manutenzione di sportelli e servizi multiente I passi da seguire Comunicare la rete Comunicare la rete Dall analisi realizzata emerge che l attenzione alla comunicazione degli sportelli multiente è molto alta nella fase iniziale, di creazione e lancio dell iniziativa. La comunicazione

Dettagli

DISEGNO DELL INDAGINE. del Servizio Assistenza domiciliare

DISEGNO DELL INDAGINE. del Servizio Assistenza domiciliare DISEGNO DELL INDAGINE del Servizio Assistenza domiciliare RESPONSABILE Direttore Generale Leonardo Michele Lo Tufo Ufficio di Customer Satisfaction: Dott.ssa Barbara Carabelli IL CONTESTO L Amministrazione

Dettagli

Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa

Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa Indice 1. CHI SIAMO... 1 1.1 I servizi... 2 1.2 I Corsi... 2 2. CMV - LA MISSION, LA VISION... 3 2.1 I risultati del metodo CMV... 4 3. PING PONG Il

Dettagli

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod.

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod. WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI Deliverable di Progetto # (cod. A7P2) Versione 1.0 del 26.03.10 1 Indice 1. Premessa 3 2. Qualità e miglioramento

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice Report SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS OFF-LINE Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli Indice Le fasi per la realizzazione dell indagine...2

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI EROGATI DALL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO E DAGLI UFFICI DEMOGRAFICI (OTTOBRE-DICEMBRE 2004)

RILEVAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI EROGATI DALL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO E DAGLI UFFICI DEMOGRAFICI (OTTOBRE-DICEMBRE 2004) RILEVAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI EROGATI DALL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO E DAGLI UFFICI DEMOGRAFICI (OTTOBRE-DICEMBRE 2004) La stesura del questionario Il questionario somministrato ai cittadini

Dettagli

REGIONE SICILIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA DIREZIONE GENERALE

REGIONE SICILIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA DIREZIONE GENERALE REGIONE SICILIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA DIREZIONE GENERALE UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Corso Gelone, 17 Siracusa Tel. 0931 484349/ 54 fax 0931 484395 E mail: urp.siracusa@asp.sr.it

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INDAGINI CAMPIONARIE ANNO ACCADEMICO 2010-2011. Laboratorio Stefania Porchia

INDAGINI CAMPIONARIE ANNO ACCADEMICO 2010-2011. Laboratorio Stefania Porchia INDAGINI CAMPIONARIE ANNO ACCADEMICO 2010-2011 Laboratorio Stefania Porchia Gli strumenti : come scegliere Devono essere adeguati ai fabbisogni informativi Adeguato agli obiettivi dare informazioni esattamente

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI 1.1 QUESTIONARIO SULLE CONDIZIONI ORGANIZZATIVE DELL AZIENDA DI APPARTENENZA (fattori di cui tener conto nella riorganizzazione

Dettagli

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ 1. Premessa generale sulla comunicazione in Sanità 1.1 I diritti di salute e informazione La salute è un diritto fondamentale della persona

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Il questionario. Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale. IV lezione. Modulo: Rilevazione dei dati

Il questionario. Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale. IV lezione. Modulo: Rilevazione dei dati Il questionario Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale Modulo: Rilevazione dei dati IV lezione Simona Ballabio Federico Denti Le prime fasi del processo di ricerca 1 2 Teoria Ipotesi

Dettagli

QUESTIONARIO. Schema di una intervista altamente strutturata per raccogliere informazioni sui caratteri oggetto di indagine

QUESTIONARIO. Schema di una intervista altamente strutturata per raccogliere informazioni sui caratteri oggetto di indagine QUESTIONARIO Schema di una intervista altamente strutturata per raccogliere informazioni sui caratteri oggetto di indagine Strumento di misura Strumento di comunicazione INFLUISCE SULLA QUALITA DEI DATI

Dettagli

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Relazione sul benessere organizzativo (2013) Relazione sul benessere organizzativo (0) ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE PROVINCIA DI PISTOIA Dott.ssa Elena Gori Via Boschetti e Campano, 8 09 Quarrata (PT) Tel. 7 0880 E-mail elena.gori@unifi.it

Dettagli

Requisiti per la stesura di un buon questionario

Requisiti per la stesura di un buon questionario Laboratorio di indagini campionarie A.A. 2005-2006 Requisiti per la stesura di un buon questionario Alessandro Lubisco Requisiti per la stesura di un buon questionario Esperienza del ricercatore Conoscenza

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DEL C.D.R. MOBILITA

LA CARTA DEI SERVIZI DEL C.D.R. MOBILITA LA CARTA DEI SERVIZI DEL C.D.R. MOBILITA La Carta dei Servizi trova fondamento dalla direttiva emanata dal Presidente del Consiglio dei Ministri nel gennaio 1994. Essa costituisce uno dei principali supporti

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L articolo 28 del Decreto Legislativo n 81/2008 introduce l obbligo per il Datore di Lavoro di valutare, insieme agli altri rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori,

Dettagli

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Firenze, mercoledì 27 Novembre 2002 Incontro con Vincenzo Freni L incalzante progredire delle nuove tecnologie, ogni giorno più sofisticate e complesse,

Dettagli

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze Allegato 2 - Borgosatollo ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO VIA ROMA 42 25010 BORGOSATOLLO (BS) TEL. 030/2501557 fax 030/2508868 email : icborgosatollo@provincia.brescia.it Compito di prestazione e

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Le ricerche di mercato I Mktg-L21 Il

Dettagli

Lab4 per l innovazione di una Struttura sanitarie

Lab4 per l innovazione di una Struttura sanitarie Lab4 per l innovazione di una Struttura sanitarie Indice 1. Chi Siamo... 1 1.1 I servizi... 2 1.2 I Corsi... 2 2. CMV La Mission e la Vision... 4 2.1 I risultati del metodo CMV... 5 3. PING PONG Il Piano

Dettagli

INTRODUZIONE STATISTICA

INTRODUZIONE STATISTICA INTRODUZIONE STATISTICA (scienza dello stato): insieme dei principi e di metodi per la raccolta, elaborazione, utilizzazione e interpretazione di informazioni riguardanti fenomeni collettivi. In termini

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Costruzione ed uso di un questionario

Costruzione ed uso di un questionario Costruzione ed uso di un questionario Italo Nofroni Statistica medica Il questionario strutturato si è affermato in ogni campo della ricerca sociale e sanitaria come strumento imperfetto, migliorabile,

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita Servizio Famiglia Infanzia Età Evolutiva Ufficio Promozione Qualità INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita anno 2012 Pag. 1 di 13 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

La valutazione del rischio con metodi soggettivi

La valutazione del rischio con metodi soggettivi Cos è la valutazione dello stress lavoro-correlato La professionalità dello psicologo per la valutazione del rischio Milano, 4 novembre 2010 La valutazione del rischio con metodi soggettivi Psicologo della

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Nuove relazioni tra impresa e cliente. Cosa ne pensano cittadini e consumatori

Nuove relazioni tra impresa e cliente. Cosa ne pensano cittadini e consumatori Carlo Erminero e Carlo Santucci Nuove relazioni tra impresa e cliente. Cosa ne pensano cittadini e consumatori Risultati preliminari della Ricerca CRM Roma, 13 dicembre 2004 Le imprese italiane e la PA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico INDAGINE SULLA CUSTOMER SATISFACTION DELL "HELPDESK REACH 214 Sintesi dei risultati Roma, febbraio 215 Indagine sulla customer satisfaction dell Helpdesk REACH - 214

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma

Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma (luglio 2010) INDAGINE SUL SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI ROMA Luglio 2010 Il rapporto è stato redatto da: Flaminia Violati Indagine

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il questionario. Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia

Il questionario. Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia Il questionario Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia 1 Il questionario Il questionario è uno strumento per la rilevazione delle informazioni attraverso un piano strutturato

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

LE INDAGINI STATISTICHE

LE INDAGINI STATISTICHE LE INDAGINI STATISTICHE Una indagine statistica può essere assimilata ad un processo di produzione che sinteticamente può essere individuato nelle seguenti fasi: 1. Definizione degli obiettivi e ipotesi

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Indire Milano 21 Novembre 2013 Il progetto VSQ Sperimentazione finalizzata

Dettagli

Relazione Customer Satisfaction Periodo da Gennaio 2015 a Settembre 2015

Relazione Customer Satisfaction Periodo da Gennaio 2015 a Settembre 2015 1. Premessa Relazione Customer Satisfaction Periodo da Gennaio 2015 a Settembre 2015 Le indagini sulla soddisfazione dei Cittadini si inseriscono perfettamente nel processo di riqualificazione del rapporto

Dettagli

Roberto Lago, Cristiano Buffa - Provincia di Padova

Roberto Lago, Cristiano Buffa - Provincia di Padova Metodologia di monitoraggio dei servizi del centro servizi territoriale Roberto Lago, Cristiano Buffa - Provincia di Padova Definizione del quadro di riferimento Per valutare correttamente la qualità dei

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato. Guida all utilizzo della piattaforma

Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato. Guida all utilizzo della piattaforma Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato Guida all utilizzo della piattaforma Percorso di accesso alla sezione Focus Stress Lavoro correlato dal sito www.inail.it

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Convegno nazionale: la funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi Gianni Dugheri Messina, 26-27 settembre 2013

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati.

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati. Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati. Marzo 2002 - Paolo Sensini 00 XX 1 Tipologie servizi (1) Servizi vetrina Esempio tipo Struttura Pregi e difetti Servizi

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

Progetto Esecutivo. Analisi della struttura e dell'occupazione del settore dei Servizi Sociali

Progetto Esecutivo. Analisi della struttura e dell'occupazione del settore dei Servizi Sociali Progetto Esecutivo Analisi della struttura e dell'occupazione del settore dei Servizi INDICE SEZIONE I: INFORMAZIONI GENERALI...3 I.1 Anagrafica del progetto...3 SEZIONE II: ANALISI DEL CONTESTO... 4 II.1

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

U.R.P. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO

U.R.P. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO U.R.P. U f f i c i o r e l a z i o n i c o n i l p u b b l i c o Febbraio 2015

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (art. 28 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) RISULTATI DELL INDAGINE

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (art. 28 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) RISULTATI DELL INDAGINE Indagine conoscitiva sullo stato di avanzamento della VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (art. 28 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) RISULTATI DELL INDAGINE Si presentano di seguito i risultati dell

Dettagli