Piano di Sviluppo Competenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Sviluppo Competenze"

Transcript

1 Piano di Sviluppo Competenze La proprietà e i diritti d'autore di questo documento e dei suoi allegati appartengono a RES. Le informazioni in esso contenute sono strettamente confidenziali. Il documento, o parti di esso, non può essere copiato o riprodotto in alcun modo, né essere rivelato a terze parti. RES intraprenderà tutte le azioni necessarie a proteggere i suoi diritti in caso di divulgazione non autorizzata. RES srl Via Brigate Partigiane, Pontedera (PI) - tel fax Capitale Sociale: ,00 interamente versato - Reg. Imprese, C.F. e P.Iva REA Pisa

2 Premessa Negli ultimi anni si è assistito ad una profonda e rapida evoluzione della normativa e della dottrina di riferimento, derivante dalla necessità di regolamentare il mercato bancario e finanziario secondo principi e metodologie che fossero comuni all intero sistema bancario nazionale ed europeo. Ciò ha richiesto l'attivazione di processi di riorganizzazione ed allineamento al nuovo contesto con una particolare attenzione alle risorse umane. In tale contesto, risulta evidente la necessità di definire specifici percorsi di sviluppo delle competenze, affinché l intera struttura aziendale sia in grado di operare correttamente e coerentemente alle nuove necessità organizzative. Il presente Piano risponde alla volontà di realizzare dei Piani formativi in coerenza con quanto disposto dall articolo 3 del CCNL Integrativo interregionale omissis.. Ciascuna Azienda, a partire dall anno 2011, potrà sostituire i precedenti piani formativi con uno specifico Piano di Sviluppo delle Competenze omissis, finalizzato a realizzare interventi formativi che siano frutto di una rilevazione effettiva dei fabbisogni, siano programmati nel tempo, abbiano rilievo strategico aziendale, ma soprattutto abbiano contenuti utili allo sviluppo delle competenze delle singole risorse. Obiettivo è infatti quello di rafforzare le conoscenze e creare le competenze di base affinché gli operatori siano in grado di operare in conformità alle norme, tenendo presenti le caratteristiche di appartenenza al mondo cooperativo di credito. In prima analisi, il piano si è sviluppato con l indagine della situazione in atto che ha riguardato n 14 banche di credito cooperativo pres enti sul territorio preso a riferimento così suddivise: 9 - Lazio 3 - Umbria 2 Sardegna con un numero totale di 560 operatori. Il Piano di Sviluppo fornisce una rappresentazione della formazione pregressa, delle metodologie di rilevazione dei fabbisogni, ma soprattutto dei percorsi di sviluppo delle competenze con una logica strategica pluriennale, di norma connessa alla durata dei piani strategici aziendali, con un dettaglio sugli obiettivi di breve periodo. 2

3 Nota metodologica per la definizione del piano di sviluppo competenze individuali Il Piano di Sviluppo delle Competenze Individuali prende avvio dall analisi della struttura organizzativa della banca, definendo le attività delle singole funzioni aziendali. Affinché le risorse siano in grado di realizzare compiutamente le attività richieste dalla loro funzione, sono necessarie delle specifiche competenze, siano esse tecniche che comportamentali, che hanno dato vita ad un modello di competenze, alle quali sono state associate delle best practice, ovvero dei livelli di competenza attesi per ciascun ruolo. Lo strumento utilizzato per definire il livello di competenze possedute da ciascuna risorsa, presupposto per la creazione del Piano di Sviluppo Individuale, è stato il questionario. Ciascuna risorsa, infatti, è stata chiamata a realizzare un questionario on-line di autovalutazione delle proprie competenze. Tramite password, ha avuto accesso a due questionari afferenti al ruolo ricoperto al momento dell erogazione: il questionario per la rilevazione delle competenze comportamentali strutturato in domande relative ai comportamenti agiti; il questionario delle competenze tecniche contenente per ogni competenza una auto-dichiarazione relativamente al livello di conoscenza ed alla priorità di approfondire la competenza stessa. I responsabili di risorse, invece, hanno avuto accesso all elenco dei collaboratori da valutare sia sotto il profilo delle competenze tecniche che comportamentali rispondendo, nel primo caso, allo stesso questionario del valutato, nel secondo caso alle competenze previste dalla mansione. I due risultati, messi a confronto tramite una media ponderata, hanno evidenziato le aree di miglioramento su cui intervenire con adeguati percorsi formativi in relazione alla best practice di riferimento. 3

4 Politiche aziendali e strategie che hanno portato alla definizione del Piano di Sviluppo delle Competenze Le strategie aziendali prevedono l adeguamento nel tempo della struttura organizzativa e di controllo alle esigenze operative e di governo ed alle risultanze rivenienti dalle diverse funzioni ed attività di controllo. Tutto ciò non può essere realizzato senza il contributo fondamentale delle risorse umane, che rappresentano il vero motore dell azienda. Per questo, le attività formative individuate nel presente Piano, oltre a dare risposta alle necessità formative emerse in sede di valutazione delle competenze, rispondono anche alla necessità di formare opportunamente le risorse interessate da specifici interventi di carattere organizzativo realizzati. In particolare gli obiettivi delle attività proposte vertono su: accompagnamento delle giovani risorse inserite nelle filiali di recente apertura in relazione agli sviluppi della produttività di sportello; formazione per l intera struttura in merito alle novità normative e nel rispetto degli obblighi di legge affinché gli operatori abbiano i giusti strumenti per operare correttamente e in conformità alla regolamentazione interna; supporto alla crescita del personale di Filiale affinché possa avere le competenze per ricoprire diversi ruoli all interno dell organizzazione di una filiale e consentire alla banca di realizzare la job rotation. 4

5 Informazioni relative alle risorse che hanno aderito al PSCI Numero totale persone 560 Maschi 336 Femmine 224 Fasce di età: dipendenti sotto 30 anni 31 dipendenti fra 30 e 45 anni 226 dipendenti oltre 45 anni 303 5

6 Grafici competenze aggregate Competenze Comportamentali 6

7 Competenze tecniche 7

E realizzato da: E realizzato da: s.r.l.

E realizzato da: E realizzato da: s.r.l. INCOMING BASE A D V s o l u t i o n E realizzato da: E realizzato da: s.r.l. Internet & Idee Internet & Idee s.r.l. sede legale: Viale della Repubblica, 100 87100 Cosenza tel. e fax 0984/414752 e-mail:

Dettagli

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Via Virgilio 1, 41049 Sassuolo (MO) P.IVA 02925310365 serena.barbi@psicologosassuolo.it www.psicologosassuolo.it Mobile: +39 (339) 14 61 881 Via Piumazzo 170, 41013 Castelfranco E. (MO) P.IVA 02222830446

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE E ALL UTILIZZO DEL TERRAZZO ALLA VENEZIANA

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE E ALL UTILIZZO DEL TERRAZZO ALLA VENEZIANA ! " # $ % " # $(!* +,./. " 1223 4!"#$% Tel. e Fax 434 99525 P.IV e C.F 12692937 n. reg di PN 12692937 tel. 423 426 fax 423 77154 1 ( * +,. / % 1 2 3!4 5634 7%6 ; Tel. e Fax 434 99525 P.IV e C.F 12692937

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

UNIONE VALDERA Agenzia formativa Via Brigate Partigiane n. 4 56025 Pontedera (PI)

UNIONE VALDERA Agenzia formativa Via Brigate Partigiane n. 4 56025 Pontedera (PI) METODOLOGIA DIDATTICA Il corso è suddiviso in: - 2 giornate iniziali, aperte a tutti i partecipanti ( Il federalismo fiscale negli Enti Locali e la Riforma della contabilità pubblica e del bilancio degli

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL AZIENDA U.S.L. N. 4 LANUSEI

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL AZIENDA U.S.L. N. 4 LANUSEI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZIO SANITARIO AZIENDA USL N. 4 LANUSEI DIREZIONE GENERALE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL AZIENDA U.S.L. N. 4 LANUSEI 1 - Indice Premessa 1. Riferimenti Legislativi.

Dettagli

FORMAZIONE CATALOGO CORSI ONLINE

FORMAZIONE CATALOGO CORSI ONLINE FORMAZIONE CATALOGO CORSI ONLINE CORSI ONLINE SICUREZZA SUL LAVORO CORSI ONLINE SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE SICUREZZA BASE GENERALE Durata: 4 ore Il modulo è dedicato alla presentazione dei concetti

Dettagli

Disciplina dell offerta formativa regionale integrativa

Disciplina dell offerta formativa regionale integrativa Unione Europea Fondo Sociale Europeo Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE (EX D. LGS. 231/2001) MISURE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI ANTICORRUZIONE (EX L. 190/2012)

MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE (EX D. LGS. 231/2001) MISURE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI ANTICORRUZIONE (EX L. 190/2012) MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE (EX D. LGS. 231/2001) MISURE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI ANTICORRUZIONE (EX L. 190/2012) PARTE SPECIALE 24 Settembre 2014 LIGURCAPITAL Spa Società soggetta alla direzione

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale MIUR-Direzione Gen. per gli Ordinamenti scol. e per l Autonomia scolastica, Fondazione Rosselli, AEEE-Italia Roma, marzo aprile 2012 2 Investire

Dettagli

In collaborazione con. MIUR - Dipartimento per l Istruzione, Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica

In collaborazione con. MIUR - Dipartimento per l Istruzione, Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica All. n. 1 In collaborazione con MIUR - Dipartimento per l Istruzione, Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Progetto di accompagnamento alla riforma Investire nel

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI Città di Biella MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE MEDAGLIA D ARGENTO AL MERITO CIVILE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI Settore affari del personale

Dettagli

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari La sperimentazione e lo sviluppo di percorsi di pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari che partecipano al Progetto interregionale transnazionale

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome / Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Cittadinanza italiana Mobile Data di nascita 2 settembre 1953 Sesso M Esperienza professionale Date DAL 01-04-2008

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER DI ALTA FORMAZIONE PER L ACCESSO INDIVIDUALE ALLE OFFERTE FORMATIVE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE

AVVISO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER DI ALTA FORMAZIONE PER L ACCESSO INDIVIDUALE ALLE OFFERTE FORMATIVE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Direzione Generale Servizio Programmazione e Gestione del sistema della Formazione Professionale onale AVVISO PER L EROGAZIONE

Dettagli

CLUB Finance. FINANZA & IMPRESA: network dell eccellenza professionale. La finanza come leva strategica per il successo delle aziende CUOA FINANCE

CLUB Finance. FINANZA & IMPRESA: network dell eccellenza professionale. La finanza come leva strategica per il successo delle aziende CUOA FINANCE CLUB Finance FINANZA & IMPRESA: network dell eccellenza professionale La finanza come leva strategica per il successo delle aziende CUOA FINANCE www.clubfinance.it Fondazione CUOA, scuola di management

Dettagli

MARSH al fianco di CISL MEDICI. 6 marzo 2015

MARSH al fianco di CISL MEDICI. 6 marzo 2015 al fianco di CISL MEDICI 6 marzo 2015 Marsh S.p.A. Marsh vanta una vasta esperienza nella gestione dei rischi dei professionisti, grazie alla Practice Professional Association, struttura interna dedicata

Dettagli

Federmanager Confindustria Bilancio di Competenze gratuito riservato fase on line fase in presenza Ambire

Federmanager Confindustria Bilancio di Competenze gratuito riservato fase on line fase in presenza Ambire Il Bilancio delle Competenze: Essere artefici del proprio sviluppo professionale Il Bilancio di Competenze per i Dirigenti Industriali Il rinnovo del CCNL Dirigenti Industria, sottoscritto il 25/11/2009

Dettagli

La selezione del personale

La selezione del personale La selezione del personale dott. Matteo Majer La selezione del personale è il processo mediante il quale un organizzazione effettua una serie di attività al fine di ricoprire un determinato ruolo all interno

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Il Riconoscimento della formazione pregressa e gli organismi paritetici

Il Riconoscimento della formazione pregressa e gli organismi paritetici Ing. Marco CONTI SEMINARIO FORMATIVO Il Riconoscimento della formazione pregressa e gli organismi paritetici Il riconoscimento della formazione pregressa per lavoratori e datori di lavoro RICONOSCIMENTO

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO REGOLAMENTO

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO REGOLAMENTO REV 10 del 17/03/2009 FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO REGOLAMENTO Il presente Regolamento ha efficacia dal INDICE 1. FINALITÀ... pag. 3 2. OBIETTIVI FORMATIVI... pag. 3 3. DESTINATARI... pag. 3 4. PIANO FORMATIVO

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

Spettabile CONSOB Divisione Studi Giuridici Via G.B. Martini, 3 00198 - Roma

Spettabile CONSOB Divisione Studi Giuridici Via G.B. Martini, 3 00198 - Roma 43, Via XXIV Maggio, 00187 Rome 2, Via Verdi, 20121 Milan 25, Upper Brook Street, London W1K 7QD Solow Bldg., 9 West 57 th Street, 26 th Floor, New York 10019 Spettabile CONSOB Divisione Studi Giuridici

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna.

La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna. La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna. Rilevazione della qualità del servizio e individuazione delle azioni da intraprendere per migliorarla. 20 Indice Introduzione... 3 La diffusione

Dettagli

Modulo 3 La relazione di mentoring Unità 3.5. Come può un mentore valutare la relazione di mentoring?

Modulo 3 La relazione di mentoring Unità 3.5. Come può un mentore valutare la relazione di mentoring? Modulo 3 La relazione di mentoring Unità 3.5. Come può un mentore valutare la relazione di mentoring? Attività. Individuare gli ambiti valutativi e gli indicatori del mentoring Tempistica: 1 ora per il

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: CENTRALE ACQUISTI Area: PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: CENTRALE ACQUISTI Area: PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 192 06/05/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 6425 DEL 23/04/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: CENTRALE ACQUISTI Area: PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE Prot.

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che VERBALE DI ACCORDO Gruppo Banca popolare dell Emilia Romagna - Piano Industriale 2015 2017 Becoming Bper, Solidità, Semplicità, Specializzazione, Selettività, Stakeholder. Razionalizzazione della Rete

Dettagli

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana. Dal 2012 ha sede anche in Veneto. Abbiamo sviluppato una profonda competenza nelle

Dettagli

Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS.

Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS. Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS. Milano, 10 febbraio 2011 Il modello del polo captive del credito al consumo Sintesi La situazione iniziale Il modello di business target Il credito al consumo

Dettagli

Salone della Giustizia

Salone della Giustizia Salone della Giustizia Progetto di Riorganizzazione dei processi lavorativi e ottimizzazione delle risorse degli Uffici Giudiziari della Regione Puglia (Corte di Appello di Bari, Corte di Appello di Lecce,

Dettagli

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Damiano Carrara 1 dicembre 2015 1 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo 3 Gruppo bancario commerciale italiano per capitalizzazione Circa

Dettagli

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 LA QUALITA DEI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALI DOCUMENTI EUROPEI Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 OGGETTO: istituzione di un Quadro Europeo di

Dettagli

I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET

I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET di Luisa Donato EDUCAZIONE E INTERNET: IL PUNTO DI VISTA DEI 15-enni DELL INDAGINE PISA 2009 Quando si pensa a chi nei prossimi anni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istiituto Comprensiivo Don Lorenzo Miillanii Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di I grado anche

Dettagli

LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006

LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006 LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006 I BILANCI ECCELLENTI Estratto dal Bilancio GRUPPO MPS Lo stralcio che segue è estratto da Gruppo MPS Bilancio 2005 Pagine 91-97 euro (+44%

Dettagli

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso Paradigma - 24 maggio 2013 L esperienza di Intesa Sanpaolo Problemi applicativi

Dettagli

1-Il Piano regionale di formazione: presentazione CM.n.47/10/2014 e CM. n.7677del4/12/2014

1-Il Piano regionale di formazione: presentazione CM.n.47/10/2014 e CM. n.7677del4/12/2014 INDICE DIAPOSITIVE 1. Il Piano regionale di formazione: presentazione 2. I principi ispiratori del Piano 3. La normativa: il percorso triennale di valutazione delle scuole 4. L autovalutazione: documentazione

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL RECUPERO CREDITI NUOVE EFFICACI MODALITÀ DI COMUNICAZIONE E RELAZIONEPER IL RECUPERO CREDITI TELEFONICO

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL RECUPERO CREDITI NUOVE EFFICACI MODALITÀ DI COMUNICAZIONE E RELAZIONEPER IL RECUPERO CREDITI TELEFONICO CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL RECUPERO CREDITI NUOVE EFFICACI MODALITÀ DI COMUNICAZIONE E RELAZIONEPER IL RECUPERO CREDITI TELEFONICO Bologna Aprile 2009 CONTESTO Il recupero degli insoluti è un nodo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Aziende non cooperative

RELAZIONE TECNICA. Aziende non cooperative ALLEGATO 1) RELAZIONE TECNICA (da allegare alle istanze presentate ai sensi della Misura 121 del PSR 2007-2013 "Ammodernamento delle aziende agricole") Aziende non cooperative N. DOMANDA RICHIEDENTE DATI

Dettagli

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO REVISIONE DICEMBRE 2011 INDICE PREMESSA..... pag. 4 A) REGOLE DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI GESTORI DI UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO S.p.A...... pag. 6 A.1 CONSIGLIO

Dettagli

Stage 2. L insegnante sufficientemente buono Attività motoria espressiva per bambini dai 3 agli 8 anni

Stage 2. L insegnante sufficientemente buono Attività motoria espressiva per bambini dai 3 agli 8 anni Stage 2. L insegnante sufficientemente buono Attività motoria espressiva per bambini dai 3 agli 8 anni Gli obiettivi Nella prima sezione del questionario si è chiesto ai partecipanti di esprimere un giudizio

Dettagli

Manuale illustrativo dell utilizzo della piattaforma informatica GIADA

Manuale illustrativo dell utilizzo della piattaforma informatica GIADA Manuale illustrativo dell utilizzo della piattaforma informatica GIADA Sommario 1 Introduzione... 2 2 Gli utenti del sistema... 4 2.1 Profilo Proponente... 7 2.2 Profilo Supervisore... 16 2.3 Profilo Responsabile

Dettagli

Procedura Selezione del Personale

Procedura Selezione del Personale Pag. 1 di 9 PROCEDURA SELEZIONE DEL PERSONALE ISMEA Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare Pag. 2 di 9 SCOPO... 3 1. RESPONSABILITA... 4 2. BANCA DATI ISMEA LAVORA CON NOI... 4 3. MODALITA'...

Dettagli

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG)

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) PROGETTO DI CONSULENZA DIREZIONALE Obiettivo principale: Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) Data / / Nome azienda Sede Legale Premessa: In relazione agli obiettivi emersi nel corso dell incontro

Dettagli

Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012)

Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012) Codice Fiscale - 80000030181 Settore Affari Generali Gestione e Organizzazione Risorse Umane Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012) Pagina 1

Dettagli

PER LA GESTIONE E LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

PER LA GESTIONE E LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE PER LA GESTIONE E LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Dal 1979 SUCCESS INSIGHTS LEADER AL MONDO PER: - Consul>ng Tools for results - Over 10 different Assessment - Hire Superior Performers - Unique training

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative

Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative UniCredit S.p.A. e Giovani Imprenditori di Confindustria con il patrocinio di Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative Iniziativa per il sostegno

Dettagli

POR FSE CALABRIA 2007/2013

POR FSE CALABRIA 2007/2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali REPUBBLICA ITALIANA POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV- CAPITALE UMANO H.1 Miglioramento della qualità, dell efficacia e dell efficienza

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

AtoZ IL CATALOGO DI BIBLIOTECA VIRTUALE

AtoZ IL CATALOGO DI BIBLIOTECA VIRTUALE EBSCO ITALIA S.r.l. Corso Brescia 75 10152 TORINO (Italia) Tel. 011-28.76.811 Fax 011-24.82.916 www.ebsco.it Agente della: EBSCO INTERNATIONAL, INC. P.O. BOX 1943 BIRMINGHAM /ALABAMA - USA AtoZ IL CATALOGO

Dettagli

Un indice per la misura dell intensità della singola rapina. Matteo Mazziotta e Adriano Pareto Istat

Un indice per la misura dell intensità della singola rapina. Matteo Mazziotta e Adriano Pareto Istat Matteo Mazziotta e Adriano Pareto Istat Introduzione Fonte dei dati Il data-base di ABI-OSSIF raccoglie dati e informazioni su: rapine; furti; sistemi di difesa; spese anticrimine. I dati riguardano segnalazioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI ADESIONE AL PROGETTO. federa. tra. premesso che

PROTOCOLLO DI ADESIONE AL PROGETTO. federa. tra. premesso che PROTOCOLLO DI ADESIONE AL PROGETTO federa tra LEPIDA S.p.A., con sede legale in Bologna, Viale Aldo Moro 52, C.F. e P.IVA 02770891204, in persona del Direttore Generale Prof. Ing. Gianluca Mazzini, in

Dettagli

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE GENERAZIONE VINCENTE Generazione vincente S.p.A. Agenzia per il Lavoro fa parte di un gruppo che dal 1997 offre soluzioni globali per lo sviluppo del mercato del lavoro. E la prima Agenzia per il Lavoro

Dettagli

Analisi fabbisogni formativi dei dipendenti

Analisi fabbisogni formativi dei dipendenti Analisi fabbisogni formativi dei dipendenti PROCURA DELLA REPUBBLICA DI CALTAGIRONE SOMMARIO 1. Premessa metodologica. Il questionario di rilevazione dei fabbisogni 3. I fabbisogni formativi dei dipendenti

Dettagli

INNOVAZIONE E TECNOLOGIA PER LO STUDIO

INNOVAZIONE E TECNOLOGIA PER LO STUDIO Organizzare, Pianificare, Crescere 1 Introduce Alberto Battistini Consigliere dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di con delega alla Commissione Organizzazione e Gestione Studio

Dettagli

www.take-your-ti me.it

www.take-your-ti me.it SERVIZI PER LO SVILUPPO PROFESSIONALE E MANAGERIALE Prendi il tuo tempo e crea il tuo www.take-your-ti me.it TAKE YOUR TIME è un marchio AMBIRE S.r.l. - Partita IVA 06272851004 - info@take-your-time.it

Dettagli

- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale Settore Sviluppo Risorse Umane INDICE I PARTE. Manuale operativo

- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale Settore Sviluppo Risorse Umane INDICE I PARTE. Manuale operativo UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI - Il sistema di valutazione della performance individuale Personale Tecnico e Amministrativo (A norma dell art.81 CCNL 16-10-2008 e del D.Lgs.150/09) ANNO DI ADOZIONE: 2014

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Executive Coaching un percorso per il Self Empowerment

Executive Coaching un percorso per il Self Empowerment Executive Coaching un percorso per il Self Empowerment 0 Executive Coaching Executive Coaching: per trovare il Coach e l approccio più adatti a migliorare alcuni aspetti della propria leadership, gestire

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

AGENTI: 1.375 (2005: 1.408) AGENTI: 469 (2005: 489) SUBAGENTI: 5.422 (2005: 6.799) SUBAGENTI: 1.178 (2005: 1.385) GERENZE ALLIANZ SUBALPINA

AGENTI: 1.375 (2005: 1.408) AGENTI: 469 (2005: 489) SUBAGENTI: 5.422 (2005: 6.799) SUBAGENTI: 1.178 (2005: 1.385) GERENZE ALLIANZ SUBALPINA RAS-Riunione Adriatica di Sicurtà - Bilancio Sociale 26 Canali distributivi Chi sono Agenti assicurativi La missione degli agenti (1.844 a fine 26) è aiutare i clienti a individuare le soluzioni assicurative

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

fino a 6,73 euro, da cui è disceso il rapporto di 1,194 azioni ordinarie Intesa Sanpaolo per ciascuna azione Carifirenze.

fino a 6,73 euro, da cui è disceso il rapporto di 1,194 azioni ordinarie Intesa Sanpaolo per ciascuna azione Carifirenze. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: I CONSIGLI APPROVANO L ACCORDO CON ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE PER L ACQUISIZIONE DEL CONTROLLO DI CARIFIRENZE - Intesa Sanpaolo acquisirà il 40,3% del capitale

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 Criteri per la concessione dei contributi previsti dalla l.r. 70 del 19.11.2009 (Interventi di sostegno

Dettagli

Riforma pac, più integrazione tra Ocm e Sviluppo rurale

Riforma pac, più integrazione tra Ocm e Sviluppo rurale NUOVA PAC ANALISI NUOVO APPROCCIO NELL EROGAZIONE DEGLI AIUTI Riforma pac, più integrazione tra Ocm e Sviluppo rurale di Felice Adinolfi, Riccardo Fargione La riforma della politica agricola comune per

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

* REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE*

* REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE* * REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE* Approvato dal C.d.A. del 27.06.2012 INDICE ART. 1 Oggetto del Regolamento.....3 ART. 2 Normativa di riferimento.....3 ART. 3 Gestione del procedimento di acquisizione...3

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

Servizi tecnologici e soluzioni per il web

Servizi tecnologici e soluzioni per il web Servizi tecnologici e soluzioni per il web Profilo della Società, competenze e referenze WEBLOOM S.r.l. Sede legale: Via Tarvisio 2 00198 Roma Sede operativa: Via Montasio 11 00141 Roma Tel.: 06.83.90.41.26/27

Dettagli

34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908

34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908 34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908 Prestiti d onore alta formazione. Approvazione linee guida e individuazione soggetto attuatore. LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MODALITA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PER- SONALE

REGOLAMENTO PER LA MODALITA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PER- SONALE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA AMBITO DISTRETTUALE N. 3 - BRESCIA EST Sede Legale: Rezzato p.zza Vantini 21 - C.A.P. 25086 Sede Amministrativa: Rezzato, via Zanelli n. 30 Casella

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 3o CARTA DI DEBITO INTERNAZIONALE Opportunity

FOGLIO INFORMATIVO. 3o CARTA DI DEBITO INTERNAZIONALE Opportunity Pagina 1/5 FOGLIO INFORMATIVO 3o CARTA DI DEBITO INTERNAZIONALE Opportunity INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI A SOSTEGNO DELL AUTONOMIA ORGANIZZATIVA E DIDATTICA. PROGRAMMAZIONE 2007-2008.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI A SOSTEGNO DELL AUTONOMIA ORGANIZZATIVA E DIDATTICA. PROGRAMMAZIONE 2007-2008. Allegato B alla Delib.G.R. n. 47/ 29 del 22.11.2007 INTERVENTI A SOSTEGNO DELL AUTONOMIA ORGANIZZATIVA E DIDATTICA. PROGRAMMAZIONE 2007-2008. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Premessa Di seguito

Dettagli

GIORNATA DELLA TRASPARENZA

GIORNATA DELLA TRASPARENZA GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2014 Venerdì 11 luglio 2014 Università per Stranieri di Perugia Palazzo Gallenga, Sala Goldoniana, ore 10:30 Programma: Palazzo Gallenga Piazza Fortebraccio 4-06123 Perugia Italia

Dettagli

2.1. Autenticazione al sistema

2.1. Autenticazione al sistema 2. Accesso Piattaforma EmPULIA 2.1. Autenticazione al sistema L accesso alla piattaforma di E-Procurement EmPULIA, è monitorato attraverso un processo di autenticazione, accessibile dalla Home page del

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Schema di decreto del Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, recante regolamento concernente: Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli

Dettagli

Direzione Centrale Pianificazione, Sistemi, Risorse e Organizzazione

Direzione Centrale Pianificazione, Sistemi, Risorse e Organizzazione Direzione Centrale Pianificazione, Sistemi, Risorse e Organizzazione PROCEDURA PER LE ATTIVITÀ DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE Revisione 3 del 20.10.2014 INDICE GENERALE 1. Premessa...3 2. Obiettivi...3

Dettagli

Condizioni di contratto registrazione utenti

Condizioni di contratto registrazione utenti Condizioni di contratto registrazione utenti Gentile Utente, il team di lavoro del portale NewEconomy ti ringrazia per aver deciso di registrati e per l interesse che mostri verso i servizi proposti. In

Dettagli

Tecnici della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro

Tecnici della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro Tecnici della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro La soluzione Assicurativa individuata da UNPISI per i Tecnici della Prevenzione UNPISI in collaborazione con Marsh, ha attivato una convenzione

Dettagli

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014 6 Bollettino Ufficiale D.g.r. 30 gennaio 2014 - n. X/1314 Approvazione del Programma 2014 per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco patologico LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

L ASSOCIAZIONE BUONA NASCITA ONLUS CON SEDE A CARPI PER LA COLLABORAZIONE AD INIZIATIVE DI SOLIDARIETA E PER TRA

L ASSOCIAZIONE BUONA NASCITA ONLUS CON SEDE A CARPI PER LA COLLABORAZIONE AD INIZIATIVE DI SOLIDARIETA E PER TRA Allegato alla deliberazione n. del CONVENZIONE TRA L'AZIENDA USL DI MODENA E L ASSOCIAZIONE BUONA NASCITA ONLUS CON SEDE A CARPI PER LA COLLABORAZIONE AD INIZIATIVE DI SOLIDARIETA E PER ATTIVATA DI SOSTEGNO

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

Il secondo gruppo di musei in fase di accreditamento e le nuove procedure

Il secondo gruppo di musei in fase di accreditamento e le nuove procedure Standard di qualità nei musei piemontesi: accreditamento, gruppi tematici e attività sperimentali Torino, 2 dicembre 2010 Il secondo gruppo di musei in fase di accreditamento e le nuove procedure Michela

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE a cura del Servizio Programmazione e Controllo di Gestione INDICE 1 PREMESSA...3 1.1 Mission dell Università Politecnica

Dettagli

Career Counseling è autorizzata come Agenzia del Lavoro per le attività di supporto alla ricollocazione ai sensi del D. L.vo N 276/2003.

Career Counseling è autorizzata come Agenzia del Lavoro per le attività di supporto alla ricollocazione ai sensi del D. L.vo N 276/2003. La presente carta dei servizi ha lo scopo di illustrare il funzionamento e le modalità di accesso ai servizi erogati da CAREER COUNSELING a tutti i potenziali fruitori. Career Counseling è autorizzata

Dettagli

POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto

POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto Progetto di Cooperazione interregionale Sardegna - Veneto 2 PECULIARITA DELL AZIONE Prima esperienza in Italia di sperimentazione del principio di integrazione

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli