1. INTRODUZIONE Indicatori di qualità: definizione ed uso IL PROCESSO: VISIONE D'INSIEME INTRODUZIONE DEL PROGETTO...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. INTRODUZIONE...2. 1.1. Indicatori di qualità: definizione ed uso... 2 2. IL PROCESSO: VISIONE D'INSIEME... 3 3. INTRODUZIONE DEL PROGETTO..."

Transcript

1 Indice 1. INTRODUZIONE Indicatori di qualità: definizione ed uso IL PROCESSO: VISIONE D'INSIEME INTRODUZIONE DEL PROGETTO Identificazione di un coordinatore di progetto Identificazione di un team principale VALUTAZIONE DEL SERVIZIO Primo incontro: valutazione del servizio Questionario principale Questionario cartelle cliniche Analisi dei risultati IDENTIFICAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO Secondo incontro: formulare gli obiettivi di miglioramento IMPLEMENTAZIONE DELLE STRATEGIE Terzo incontro: identificazione delle azioni Monitoraggio del processo Post test VALUTAZIONE DELL'INTERVENTO Discussione dei risultati ottenuti ISTRUZIONI PER L'ACCESSO AI QUESTIONARI APPENDICI E CHECKLISTS (MATERIALE OPZIONALE)

2 1. INTRODUZIONE Questo manuale è stato sviluppato per i professionisti che si occupano di cure palliative e che sono interessati all implementazione di Indicatori di Qualità (IQ) per migliorare l organizzazione delle cure. Questo manuale intende supportare i professionisti nell : acquisire conoscenze sugli Indicatori di Qualità europei; usare gli Indicatori di Qualità per fare una valutazione dell organizzazione del servizio in cui lavorano; scegliere obiettivi di miglioramento e implementare questi obiettivi nella pratica quotidiana. Il presente manuale è basato sull esperienza del settimo programma quadro europeo IMPACT Project (IMplementation of quality indicators in PAlliative Care study), il cui scopo è duplice: sviluppare strategie ottimali per migliorare l organizzazione delle cure palliative rivolte a pazienti oncologici e con demenza in Europa; indagare i fattori che possono influenzare l efficacia di tali strategie. Il gruppo di ricerca, con sede in cinque stati europei (Inghilterra, Germania, Italia, Norvegia ed Olanda), ha reclutato per questo progetto diversi servizi che forniscono cure palliative per pazienti oncologici e con demenza (ospedali, hospices, case di cura e servizi di cure primarie). Ogni servizio ha valutato la propria organizzazione interna usando gli Indicatori di Qualità selezionati ed ha lavorato per innalzare la qualità delle cure in aree specifiche, dove cioè gli Indicatori di Qualità avevano evidenziato delle carenze che necessitavano di un miglioramento. I questionari descritti nel presente manuale sono anche disponibili on-line sul sito: Indicatori di qualità: definizione ed uso Data l importanza che a livello europeo viene riservata al controllo della qualità ed al miglioramento dei sistemi sanitari, diviene sempre più necessario adottare e conformarsi a standard sanitari condivisi nonché a misurare e confrontare i risultati sulle cure fornite. Tutto ciò è possibile mediante l uso degli Indicatori di Qualità. Gli Indicatori di Qualità sono elementi chiaramente definiti e misurabili relativi a strutture, processi e risultati della cura che possono essere utilizzati per individuare le aree che necessitano di un miglioramento. 1 1 Campbell SM, Braspenning J, Hutchinson A, Marshall MN: Research methods used in developing and applying quality indicators in primary care. BMJ 2003, 326: Pagina 2

3 Gli Indicatori di Qualità rappresentano perciò un concetto chiave per il controllo della qualità in quanto dalla loro applicazione possiamo valutare la bassa o alta qualità di ogni processo, in questo caso relativo alle cure palliative. Sono stati sviluppati diversi Indicatori di Qualità per valutare and implementare le cure palliative dedicate a pazienti oncologici e con demenza. Per identificare gli indicatori che erano rilevanti per il progetto IMPACT, i ricercatori hanno inizialmente svolto una revisione della letteratura sui gruppi di indicatori esistenti nell organizzazione delle cure palliative: il risultato è stato di oltre 600 Indicatori di Qualità identificati. Questo numero è stato ridotto da un ampio gruppo di esperti internazionali che hanno selezionato 23 Indicatori di Qualità finali considerati i più utili nel valutare l organizzazione delle cure palliative. 2. IL PROCESSO: VISIONE D INSIEME Valutare l organizzazione delle cure palliative del servizio è il primo passo per il miglioramento: compilando due questionari digitali, basati sui 23 Indicatori di Qualità selezionati, verrà creato un profilo del servizio. Sulla base dei risultati emersi, il servizio deciderà quali aspetti possono essere migliorati. La figura 1 illustra il processo di miglioramento. I passaggi del processo e le loro modalità di realizzazione saranno descritti nel dettaglio nei paragrafi seguenti. Figura 1 Pagina 3

4 3. INTRODUZIONE DEL PROGETTO Per iniziare il progetto, è bene individuare le persone che più di tutte saranno attive nell implementare il processo di miglioramento. Per questo è utile identificare un coordinatore ed un gruppo di lavoro principale che prevalentemente porterà avanti le attività Identificazione di un coordinatore di progetto Prima di iniziare il progetto, è auspicabile eleggere una persona che assumerà il ruolo di coordinatore. Dato che il progetto richiede un lavoro di gruppo, è importante identificare una persona che possa coordinare i membri del team. Il coordinatore sarà il responsabile di varie mansioni: organizzazione delle riunioni monitoraggio delle fasi e dei risultati dei progetti assegnazione dei compiti legati alle fasi del progetto divulgazione delle informazioni tra i membri del team principale e degli altri professionisti del vostro servizio Identificazione del team principale Sebbene l uso e l implementazione degli Indicatori di Qualità dovrebbe coinvolgere l intero servizio e tutti i membri dell equipe, è consigliabile identificare un team principale che gestirà il progetto e parteciperà regolarmente alle riunioni. Il team principale dovrebbe essere un gruppo multidisciplinare composto da professionisti con differenti ruoli che abitualmente provvedono alla cura diretta dei pazienti (medico, infermiere, operatore socio sanitario, psicologo, fisioterapista, etc. ). Anche i responsabili e/o dirigenti del servizio (direttore sanitario, responsabile delle risorse umane, etc.) dovrebbero essere invitati a partecipare. 4. VALUTAZIONE DEL SERVIZIO Scopo della fase di valutazione è quella di ottenere una descrizione reale dell organizzazione del servizio. Pagina 4

5 A questo scopo saranno utilizzati due questionari: un Questionario principale relativo ai processi ed alle prestazioni di cura fornite ed un Questionario cartelle cliniche relativo alla documentazione contenuta nelle cartelle dei pazienti Primo incontro: valutazione del servizio Durante la prima riunione, i due questionari sopra menzionati dovranno essere usati per valutare l organizzazione delle cure. Preparazione precedente alla prima riunione: Identificare una persona che leggerà ad alta voce le domande a tutto il gruppo ed inserirà in tempo reale le risposte date Organizzare una tavola rotonda in una stanza tranquilla per facilitare una discussione aperta tra i partecipanti. I. E importante considerare che non ci sono risposte giuste o sbagliate. Al fine di migliorare gli aspetti deboli del vostro servizio, è fondamentale descrivere la situazione reale, non quella auspicabile Questionario principale Tempo stimato: 30 minuti Il responsabile del gruppo di lavoro leggerà le domande ad alta voce e tutti i membri del team dovranno partecipare alla discussione ed esprimere le loro opinioni. La discussione tra i partecipanti dovrebbe continuare fino a quando non venga raggiunto il consenso. Il Questionario è diviso in sei sezioni: a) Accesso alle cure palliative: questa sezione analizza la reperibilità di professionisti o di un team specializzato nel servizio; accesso del personale agli strumenti; presenza di un servizio di supporto al lutto, disponibilità di medicinali e procedure di trasferimento durante il passaggio di pazienti tra un servizio e l altro. b) Infrastrutture: questa sezione esplora le dotazioni e le facilitazioni presenti all interno del servizio per i pazienti e le loro famiglie. Pagina 5

6 c) Strumenti di valutazione: questa sezione indaga i test validati ed i metodi che sono usati dal servizio per valutare i sintomi ed i bisogni fisici, sociali, mentali e spirituali. d) Team: questa sezione valuta l equipe multidisciplinare presente nella struttura/organizzazione e) Qualità: questa sezione analizza le linee guida utilizzate per le persone che necessitano di cure palliative e per la valutazione della qualità dei servizi forniti f) Formazione: questa sezione si focalizza sui percorsi formativi accreditati in cure palliative frequentati dal professionisti. Ora puoi andare al Questionario principale (contenuto in Programme X folder- Main Questionnaire ) ed inserire le risposte Questionario cartelle cliniche Tempo stimato: 20 minuti Uno o due membri del team dovranno compilare il Questionario cartelle cliniche. Per rispondere alle domande le persone incaricate dovranno selezionare dieci cartelle cliniche di pazienti che di recente hanno avuto bisogno di cure palliative. Il Questionario cartelle cliniche è diviso in due sessioni: a) Informazioni condivise: questa sezione esplora la documentazione che attesta la discussione e condivisione tra il servizio, il paziente e/o i suoi famigliari delle decisioni cliniche e dei bisogni del paziente. b) Documentazione delle tempistiche: questa sezione si focalizza sui tempi delle valutazioni dei sintomi e dei bisogni fisici, sociali, psicologici e spirituali del paziente. Ora puoi andare al Questionario cartelle cliniche (contenuto in Programme X folder- Medical record Questionnaire ) ed inserire le risposte Analisi dei risultati Per i dettagli su come compilare i questionari usando il proprio computer, si prega di fare riferimento al paragrafo Istruzioni per accedere ai questionari del presente manuale IMPACT. I risultati verranno mostrati in due modi: Pagina 6

7 TABELLA. La tabella contiene una lista numerata di tutti gli Indicatori di Qualità dei questionari e le risposte date dal servizio. Vengono utilizzati colori ed immagini diverse per indicare quando l Indicatore è stato raggiunto, non raggiunto oppure raggiunto solo parzialmente: - Quando l Indicatore è verde ed è accompagnato da questa immagine [felice], significa che l Indicatore è stato raggiunto. Ciò indica che il servizio ha risposto si alle relative domande. Quindi non necessita di migliorare questi aspetti nell organizzazione delle cure. - Quando l Indicatore è rosso ed è accompagnato da questa immagine [triste], significa che l Indicatore non è stato raggiunto. Ciò indica che il servizio ha risposto no alle relative domande. Quindi necessita di migliorare questi aspetti nella sua organizzazione. - Quando l Indicatore è giallo ed è accompagnato da questa immagine [neutro], significa che l Indicatore è stato raggiunto solo parzialmente. Ciò indica che il servizio ha risposto si solo ad alcune delle relative domande o che la prestazione di cura indicata nella domanda è fornita solo ad alcuni pazienti/familiari/professionisti, ma non a tutti loro. Quindi il servizio potrebbe necessitare un miglioramento di alcuni aspetti nell organizzazione. ISTOGRAMMA (GRAFICO A BARRE) L istogramma permette di ottenere una panoramica generale del numero di Indicatori di Qualità raggiunti, non raggiunti o raggiunti solo parzialmente. - La barra verde indica il numero totale degli Indicatori raggiunti. - La barra rossa indica il numero totale degli Indicatori non raggiunti. - La barra gialla indica il numero totale degli Indicatori raggiunti solo parzialmente. Pagina 7

8 5. IDENTIFICAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO Nella seguente sezione viene descritto come il servizio, partendo dagli aspetti dell organizzazione che appaiono carenti alla fase di valutazione, possa impostare degli obiettivi di miglioramento. Sulla base dei risultati della valutazione, sarà quindi necessario identificare tra gli Indicatori non raggiunti o solo parzialmente raggiunti quelli che realisticamente possono essere migliorati all interno del servizio Seconda incontro: formulare gli obiettivi di miglioramento Tempo stimato: 1 ora e 30 minuti Dopo l analisi, possono essere utilizzate le Appendici 1 e 2 e la correlata Checklist 2 per fare una lista di priorità degli Indicatori considerati più importanti e fattibili da migliorare. Il progetto IMPACT consiglia di iniziare lavorando su di un obbiettivo che sia relativamente facile da modificare: tenete presente questo quando fate una lista di priorità. Si comincia quindi dall Indicatore che ha la massima priorità per proseguire con gli altri lungo la lista. Se il servizio decide di lavorare su più obiettivi contemporaneamente, consigliamo di non affrontare più di tre obiettivi contemporaneamente. Per impostare un obiettivo di miglioramento si consiglia di: Valutare la situazione corrente Determinare la situazione auspicabile/desiderabile Determinare se la situazione auspicabile/desiderabile è una soluzione al problema Determinare in quali tempi il problema può essere risolto Formulare l obiettivo di miglioramento in una maniera specifica, misurabile, appropriata, realistica e con tempi ragionevoli (SMART) Controllare la fattibilità dell obiettivo di miglioramento Considerare possibili barriere o facilitatori al miglioramento dell obiettivo Questo può essere documentato nell Appendice 3 e 4 e le correlate Checklist 3 e 4. Pagina 8

9 Dopo aver impostato l obiettivo di miglioramento, dovrebbero essere seguiti i seguenti espedienti durante le riunioni: Eleggere un responsabile per ogni obiettivo: il responsabile assegna ai suoi colleghi i compiti necessari per raggiungere l obiettivo. Eleggere un coordinatore di progetto: deve monitorare i progressi dell obiettivo da implementare e tenere traccia delle fasi del processo. Es: scrivere i tempi e/o documentare la progressione del progetto. 6. IMPLEMENTAZIONE DELLE STRATEGIE Per raggiungere gli obiettivi di miglioramento, il servizio svilupperà strategie specifiche per permettere il raggiungimento degli Indicatori di Qualità. E necessario progettare ed implementare strategie che si adattino al meglio al vostro servizio e che siano adeguate al raggiungimento degli obiettivi individuati. Qui un elenco di strategie che potrebbero essere usate dal servizio, tenendo conto che ogni servizio può adattare le strategie in base alle proprie caratteristiche o ne può sviluppare di nuove. Elenco di strategie possibili: Metodi educativi, materiali e strategie: Lezioni frontali Giornate di studio Giochi di ruolo Educazione interattiva Carte informative Video educativi Visita ad altre strutture Mentoring Educazione informatica/on-line training Osservazione clinica pratica Supervisioni e monitoraggio: Monitoraggio della performance Pagina 9

10 Supervisione giornaliera Riunioni di gruppo: Video-conferenze Incontri multidisciplinari dello staff Cinque minuti di aggiornamento al termine/inizio di ogni riunione Qualità della gestione: Implementazione di nuovi servizi di assistenza medica Registrazione dei sintomi in cartella digitale Sviluppo di documentazione appropriata (es. fogli informativi) Sviluppo di linee guida e standard da seguire Programmi di supporto psico-sociale Collaborazione multiprofessionale: Lavoro interprofessionale Assegnazione di responsabilità 6.1. Terzo incontro: identificazione delle azioni Tempo stimato: 1 ora e 30 minuti Durante questo meeting, i membri del team principale identificheranno tutti i passaggi richiesti per realizzare l obiettivo di implementazione specifico. Poiché è molto probabile che le strategie utilizzate per raggiungere gli obiettivi implichino diverse azioni, ogni azione identificata dovrebbe essere descritta secondo la modalità SMART: specifica, misurabile appropriata, realistica e temporalmente definita. I passaggi possono essere documentati nell Appendice 5 e nella correlata Checklist 5: per ogni passaggio occorre stabilire una scadenza ed affidarne l esecuzione ad un responsabile. Va tenuto in considerazione che nel processo di implementazione non è necessario seguire un ordine rigido prestabilito, ma i passaggi possono variare ed essere modificati lungo il percorso se si ravvisa la necessità. Tuttavia, è bene essere il più dettagliati possibile nei passaggi specificandone Pagina 10

11 lo stato di avanzamento, quando l azione dovrebbe essere completata e da chi. Questo aiuterà il servizio ad essere più efficace nel raggiungimento dei vostri obiettivi Monitoraggio del processo Il team principale che sta lavorando al raggiungimento degli obiettivi di miglioramento dovrebbe organizzare regolarmente delle riunioni per monitorare i progressi del processo di implementazione. Questo dovrebbe dare ai professionisti l opportunità di condividere le attività ed i compiti su cui stanno lavorando o i relativi cambiamenti: tale passaggio è fondamentale per la buona riuscita del progetto. I verbali delle riunioni, le difficoltà riscontate durante il percorso, eventuali modifiche o adattamenti alla strategia di implementazione, dovrebbero essere documentate dal coordinatore di progetto così che ogni informazione rilevante venga resa disponibile e se necessario possa essere recuperata. Esempio Se il servizio ha scelto il seguente obiettivo di miglioramento Valutare il grado di soddisfazione dei familiari dei pazienti bisognosi di cure palliative verso il servizio, deve formularlo secondo il metodo SMART sopra indicato. In base alle caratteristiche del servizio, un esempio di tale formulazione può essere il seguente: Sviluppare un questionario di soddisfazione entro Aprile e proporlo ai familiari di tutti i pazienti ricoverati da almeno 20 giorni. Dopo avere considerato eventuali barriere e facilitatori per raggiungere gli obiettivi di miglioramento (Appendice 4: Barriere e facilitatori individuati), il gruppo discute ed identifica quali compiti devono essere completati per raggiungere gli obiettivi: sviluppo del questionario, formulazione della procedura di raccolta ed analisi dei dati, organizzazione di una riunione formativa rivolta ai colleghi sull uso del questionario. A questo punto, può essere compilata l Appendice 5 (Implementazione delle strategie) in cui vengono indicati i compiti da svolgere e chi ne è il principale responsabile. Il coordinatore di progetto dovrà quindi organizzare le riunioni tra i Pagina 11

12 membri del team principale, scrivere i verbali e tenere traccia dei progressi compiuti rispetto ai compiti individuati Post test Al termine del progetto, ovvero quando i risultati saranno stati raggiunti, raccomandiamo di rivalutare il servizio completando nuovamente i due questionari utilizzati nella fase iniziale di valutazione. Questo vi permetterà di apprezzare i cambiamenti e miglioramenti realizzati durante il progetto attraverso l implementazione degli Indicatori di Qualità. 7. RIUNIONE FINALE E DISSEMINAZIONE DEI RISULTATI OTTENUTI Una volta raggiunti gli obiettivi di miglioramento, il team principale potrà organizzare una riunione finale invitando tutti i colleghi dell equipe, anche quelli che non sono stati direttamente coinvolti nel processo di implementazione, al fine di discutere ed informare in merito ai risultati ottenuti Discussione dei risultati Durante la riunione finale, i risultati emersi al post test dovrebbero essere riassunti ed analizzati dai professionisti. In particolare, i seguenti punti dovrebbero essere discussi: In che misura l obiettivo di implementazione è stato raggiunto? In che misura i risultati raggiunti corrispondono alla situazione desiderabile attesa? I professionisti come hanno sperimentato i processi e le strategie di miglioramento? Se gli obiettivi non sono stati raggiunti: per quale motivo? Se gli obiettivi sono stati raggiunti: come lo staff può mantenerli nella pratica clinica quotidiana all interno del servizio? Per documentare questi passaggi, può essere utilizzata l Appendice 6. Pagina 12

13 8. ISTRUZIONI PER ACCEDERE AI QUESTIONARI Per accedere al Questionario principale e al Questionario cartelle cliniche, aprire la cartella Programma X, che contiene due sottocartelle Win e Mac. I materiali contenuti nella chiavetta USB di IMPACT (il presente manuale, il questionario compilabile ed il video informativo sul progetto) sono anche disponibili on-line al sito 1. Per iniziare il questionario, in base al sistema operativo del pc, cliccare su ImpactQuestionaries (.exe/.app) e apparirà la pagina qui sotto. Cliccare sulla bandiera corrispondente alla lingua (italiano, inglese, francese, olandese, polacco, spagnolo, tedesco). 2. Per iniziare il questionario occorre creare un nuovo utente: cliccare sul bottone Nuovo gruppo ed inserire uno username ed una password. Si possono creare diversi utenti. In questo modo, se per esempio il servizio è composto da diversi reparti, ognuno di questi può compilare il proprio questionario. 3. Per accedere al questionario, cliccare sul bottone Enter. Per uscire, premere il tasto Esci. Pagina 13

14 4. All interno si trova trovi una lista di Questionari ( Questionario principale e Questionario cartelle cliniche) divisi in PRE e POST. PRE significa che questi questionari dovrebbero essere compilati prima del processo di implementazione, allo scopo di valutare il servizio; POST solo una volta che il processo è terminato, allo scopo di valutare i cambiamenti apportati. Sulla barra del menu, il bottone Login permette di tornare alla pagina precedente, mentre Esci di chiudere il programma. Sul lato destro dello schermo sono visibili diverse icone: la prima icona serve per stampare la versione in carta bianca del questionario, nel caso durante gli incontri si desideri distribuire la versione su carta ai membri del team la seconda icona è da utilizzare solo quando la versione digitale del questionario è già stata compilata e si vogliono stampare i risultati la terza icona si utilizza per iniziare o continuare la versione digitale del questionario, ciò significa che si può compilare il questionario direttamente mediante il proprio computer la quarta icona è da utilizzare per controllare i risultati del questionario già compilato, ma non per stamparli Pagina 14

15 5. Per aprire il Questionario Principale, clicca su Questionario Principale PRE o POST. Per rispondere alla domanda che appare sullo schermo, occorre selezionare una delle risposte disponibili. Per continuare e passare alla domanda successiva, premi il tasto Freccia sulla destra. Ricorda: per continuare è richiesta la selezione di una risposta. Se vuoi conoscere il numero di domande rimaste per completare il questionario, puoi trovare questa informazione sul lato sinistro dello schermo. Se necessiti di una pausa, puoi interrompere il questionario in qualsiasi momento cliccando sul tasto Home. Le tue risposte verranno salvate e potrai proseguire in seguito. 6. Per aprire il Questionario cartelle cliniche, clicca su Questionario Cartelle Cliniche PRE o POST. Si apre una tabella: per ogni aspetto, occorre selezionare la risposta giusta (si/no/non disponibile). Ciò deve essere ripetuto per ognuno dei pazienti identificati. Per continuare, premi il tasto Freccia sulla destra. Ricorda: per continuare è sempre richiesta la selezione di una risposta. Se necessiti di una pausa, puoi interrompere il questionario in qualsiasi momento cliccando sul tasto Home. Le tue risposte verranno salvate e potrai proseguire in seguito. Pagina 15

16 Pagina 16

17 9. APPENDICI AND CHECKLISTS (MATERIALE OPZIONALE) APPENDICE 1: ASPETTI CHE SONO RISULTATI CARENTI # Aspetto I. II. III. IV. V. APPENDICE 2: LISTA DI PRIORITÀ E DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEGLI ASPETTI CHE DEVONO ESSERE IMPLEMENTATI Aspetto Priorità Descrizione dell aspetto Pagina 17

18 CHECKLIST-APPENDICE 2 Discutere i risultati tra professionisti Fare un inventario di tutti gli obiettivi di miglioramento Determinare quali obiettivi riceveranno attenzione Lista di priorità degli obiettivi (usare l appendice 2) APPENDICE 3: FORMULAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO Data: Aspetto: Descrivere la situazione corrente: Descrivere la situazione futura auspicabile. Ricordare che questa descrizione dovrebbe essere Specifica, Misurabile, Appropriata, Realistica, Temporalmente misurabile e comprensibile a tutti: Obiettivi che derivano dalla situazione futura auspicata: Descrivere in quali termini e misure si vuole raggiungere l implementazione dell obiettivo Pagina 18

19 Descrivere quando si vuole raggiungere l implementazione dell obiettivo. Specificare la data: Descrivere perchè il raggiungimento dell implementazione dell obbiettivo potrebbe migliorare la situazione corrente: Commenti: CHECKLIST-APPENDIX 3 Raggiungere l obiettivo è la massima priorità per ogni professionista coinvolto L obiettivo è realistico Raggiungere l obiettivo risolve il problema o è un importante step attraverso cui risolvere il problema Non è una via semplice per risolvere il problema Non è troppo complicato affrontare l obiettivo di miglioramento Se la situazione preferibile non incontra le preferenze di tutti, è possibile tornare alla situazione corrente Non è complicate mantenere la situazione preferibile La situazione preferibile è chiara a tutti i partecipanti Pagina 19

20 La situazione preferibile è percepita come un importante contributo alla qualità delle cure APPENDICE 4: BARRIERE E FACILITATORI Aspetti Barriere efacilitatori CHECKLIST-APPENDICE 4 Determinare perchè la situazione preferable non è stata raggiunta Tutti hanno avuto la possibilità di segnalare le barriere e i facilitatori su cui hanno riflettuto Identificare barriere e facilitators Barriere e facilitatori sono stati inseriti nell appendix 4 Se sono state identificate solo barriere immodificabili o la totale carenza di facilitatori dovrà essere formulato un altro obiettivo di miglioramento. APPENDICE 5: STRATEGIA DI MIGLIORAMENTO Data: Obiettivo da implementare: Principale intervento (es: training delle abilità comunicative,implementazione di strumenti di valutazione Pagina 20

21 del dolore, etc.): Azioni(più dettagliate possibili:cosa deve essere fatto,quanto,chi lo deve fare,usando quali strumenti?) Fatto da Data Programmata Data completamento Stima dell investimento in materiali che viene richiesto al servizio: (Cosa? Quanto?) Stima dell investimento temporale richiesto al servizio: APPENDICE 6: VALUTAZIONE Obiettivo di miglioramento: In quale misura l obiettivo di implementazione è stato raggiunto? In quale misura i risultati raggiunti corrispondono alla situazione preferibile attesa? Come i professionisti hanno sperimentato i processi e le strategie di miglioramento (quanto ogni professionista è stato coinvolto nel processo, ognuno ha portato a termine i compiti assegnati, quale e come è stata la partecipazione dei partecipanti alle riunioni, quanto tempo è stato investito nella realizzazione, cosa avreste fatto ad oggi in maniera differente)? Se l obiettivo non è stato realizzato: perché non sono stato raggiunto? Pagina 21

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Domanda di iscrizione alla prova di accesso ai Corsi di Specializzazione alle attività di sostegno

Domanda di iscrizione alla prova di accesso ai Corsi di Specializzazione alle attività di sostegno Domanda di iscrizione alla prova di accesso ai Corsi di Specializzazione alle attività di sostegno Sommario Introduzione 1 Assistenza. 2 Accedi ai servizi on line. 2 Accesso all area riservata. 3 Domanda

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica Registrazione delle famiglie Come avviene la registrazione da parte delle famiglie La registrazione alle Iscrizioni on-line è necessaria per ottenere le credenziali di accesso al servizio. La registrazione

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

COSTER. Import/Export su SWC701. SwcImportExport

COSTER. Import/Export su SWC701. SwcImportExport SwcImportExport 1 Con SWC701 è possibile esportare ed importare degli impianti dal vostro database in modo da tenere aggiornati più Pc non in rete o non facente capo allo stesso DataBase. Il caso più comune

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO Istruzioni per l accesso e il completamento dei corsi TRIO per gli utenti di un Web Learning Group 06 novembre 2013 Servizio A TRIO Versione Destinatari: referenti e utenti

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI Dalla Home page del sito dell Agenzia delle Entrate Cliccare sulla voce SID Selezionare ACCREDITAMENTO Impostare UTENTE e PASSWORD Gli stessi abilitati ad entrare nella AREA RISERVATA del sito (Fisconline

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

MANUALE PER LO STUDENTE

MANUALE PER LO STUDENTE Università di Bologna Domanda di ammissione alla prova finale laurea MANUALE PER LO STUDENTE In caso di problemi informatici durante la compilazione della domanda on line, manda una mail a help.almawelcome@unibo.it

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

CONFERENCING & COLLABORATION

CONFERENCING & COLLABORATION USER GUIDE InterCall Unified Meeting Easy, 24/7 access to your meeting InterCall Unified Meeting ti consente di riunire le persone in modo facile e veloce ovunque esse si trovino nel mondo facendo sì che

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE ONLINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO SERVIZIO FRONT OFFICE GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Università degli Studi RomaTre

Università degli Studi RomaTre Università degli Studi RomaTre -Piattaforma e-learning SdEFol Guida all accesso Sommario: I. Introduzione II. Autenticazione e ingresso nella piattaforma III. Modifica dei dati e del profilo personale

Dettagli

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi ENDNOTE WEB EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi EndNote Web consente di: importare informazioni

Dettagli

FedEx Ship Manager at fedex.com

FedEx Ship Manager at fedex.com FedEx Ship Manager at fedex.com Registrarsi Per spedire con FedEx Ship Manager occorrono: 1 il Codice Cliente FedEx di 9 cifre. 2 il Codice Identificazione Utente e la password. Per registrarvi, andate

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Pagamento e Completamento del Flusso

Pagamento e Completamento del Flusso Pagamento e Completamento del Flusso Login Membro Visualizza l Attestazione delle Azioni Seleziona Opzione Attestazione Invia un Certificato Cartaceo di Proprietà Crea un Account di Negoziazione Azioni

Dettagli

ipod shuffle Manuale Utente

ipod shuffle Manuale Utente ipod shuffle Manuale Utente 1 Indice Capitolo 1 3 Informazioni su ipod shuffle Capitolo 2 5 Nozioni di base di ipod shuffle 5 Panoramica su ipod shuffle 6 Utilizzare i controlli di ipod shuffle 7 Collegare

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati.

I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati. gestione documentale I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati. In qualsiasi momento e da qualsiasi parte del mondo accedendo al portale Arxidoc avete la possibilità di ricercare, condividere

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP Questo breve manuale ha lo scopo di mostrare la procedura con la quale interfacciare la piattaforma di web conferencing GoToMeeting e la tua piattaforma E-Learning Docebo. Questo interfacciamento consente

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli