2. Credi sia possibile introdurre ulteriori miglior? 47 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Credi sia possibile introdurre ulteriori miglior? 47 1"

Transcript

1 1. E passato qualche tempo dall avvio dei processi di innovazione nel Comune di Spinea, che ha visto l introduzione di strumenti quali il protocollo informatico, la gestione informatizzata dei flussi documentali, la firma digitale, la PEC, etc. Come valuti l apporto degli strumenti tecnologici in uso presso il nostro Ente sul tuo lavoro quotidiano? Positiva; molto valido; molto utili; postivo anche se gli strumenti in dotazione sono troppo lenti; positivo, quando funzionano e non sono lenti; all'utilità degli strumenti si contrappongono lentezza e problemi di trasmissione che sarebbero da migliorare; molto utile; bene anche se non tutti i nuovi strumenti vengono utilizzati quotidianamente e la loro quantità e complessità rendono a volte difficile ricordarsi tutte le procedure; Arxivar risulta poco chiaro nell'archiviazione consegna e accettazione; ritengo siano di fonda,mentale importanza; direi molto buono anche se necessita una maggiore attenzione alle specificità dei settori (vedi questionario); suffciente e migliorabile; positivamente; apporto positivo ma ancora non completamente funzionale; maggiore efficienza in generale ma poca efficienza per la scarsa conoscenza applicativa dii alcuni strumenti da parte degli interessati (es. firma digitale); positivamente; Arxivar caotico i documenti vanno avanti e indietro; Arxivar non è intuitivo e molto lento, i documenti si prendono in mano tante volte, caotico; Arxivar caotico impiega molto tempo nell'archiviazione consegna accettazone ed i documenti transitano più volte; sufficiente; strumenti tecnologici buoni ma utilizzo non sempre adeguato; utile ma a volte complicato; per chi è abilitato all'uso sicuramente è un arricchimento professionale; utile ma a volte troppo complesso; buono per la parte che conosco ed utilizzo, riscontro alcuni limiti; l'informatica deve semplificare il lavoro e non appesantirlo, i flussi documentali non consentono di seguire agilmente un percorso guidato e obbligatori che semplifichi oggettivamente i passaggi, i campi da compilare dovrebbero essere impostati come obbligatori fin dalla fase di inserimento /compilazione; utile ma a volte complicato con appesantimento della procedura; l'apporto è relativo rispetto agli obiettivi; positivo; all'avanguardia ma forse un pò complicato; lo trovo buono ma alle volte complicato; positivo; SI quando si ha padronanza degli strumenti, NO per perdita contatti umani con la sensazione (appositamente voluta) che la persona rimanga per tutto il tempo lavorativo incollata alla propria sedia nel proprio ufficio; senza dubbio molto innovativo ma troppo spesso troppo macchinoso nelle procedure ordinarie; positivo quando si ha padronanza degli strumenti incremente l'efficienza, negativo quando c'è scarsa formazione incrementa l'inefficienza, riduce le relazioni sociali con i colleghi e a volte non si sa di che cosa si occupano; ha migliorato le tempistiche nei rapporti col cittadino ma reso macchinosa le gestione dei procedimenti, mancanza di dialgo tra i software; macchinosi, poco flessibili; molto utile e di abbastanza facile comprensione; non utilizzo molto gli strumenti citati ma lavoro con alcuni programmi che ritengo indispensabili per il buon funzionamento; essenziale; positivo, dopo qualche tempo di utilizzo Arxivar mi ritengo abbastanza in gradio di utilizzarla correttamente; molto utili e di accelerazione dei tempi oltre che di riduzione delle ridondanze; partenza lenta ma nel complesso è utile, eccessiva rigidità del sistema di gestione dei flussi che rende necessario trovare "soluzioni alternative"; maggiore possibilità di risposta a enti esterni, allineamento con la normativa vignete, nel lungo termine c'è la prospettiva di semplificare i procedimenti ma nel breve termine sono complicati per la portata delle novità e per lo sdoppiamento delle procedure; non sufficientemente in grado di soddisfare le esigenze di servizio che richiedono strumenti molto evoluti efficaci ed efficienti; necessario; aiutano e facilitano un rapporto efficace diretto e costante con il cittadino; Arxivar è difficoltoso e non intuitivo, impiegando troppo tempo per accettazione consegna risposta e archiviazione, i documenti transitano più volte. 2. Credi sia possibile introdurre ulteriori miglior? SI NO 47 1

2 3. In caso di risposta positiva, quali? 4. In caso di risposta negativa, perché? 5. In relazione agli strumenti indicati riguardanti i processi di innovazione ritieni opportuno un approfondimento? 6. In caso di risposta positiva, quali? Velocizzazione linee e collegamenti, dispositivi stampa bar code protocollo per tutti; assicurare meglio assistenza e tempi di intervento; avere momenti cadenzati per confronto su leggi e normative; fardware adeguati e adeguata formazione anche con affiacamento finchè non si acquisiscono bene le procedure; hardware adeguati e adeguata formazione anche con affiacamento finchè non si acquisiscono bene le La modalità e la tempistica sono idonee SI NO 43 5 Corsi di formazione a seguito aggiornamento programmi, formazione su PEC; organizzare corsi "di richiamo" o aggiornamento successivi alla prima formazione; estendere l'approfondimento a tutti gli strumenti tecnologici; formazione pratica e non solo teorica; formazione pratica e non solo teorica; migliore formazione del personale sui programmi; PEC; incontri di aggiornamento condivisi; sul ns. lavoro di sportello; approfondimento su piattaforma informatiche Arxivar, Sicraweb e sito internet; formazone costante su sui vari strumenti e programmazone attività settoriale per soluzione di specifiche criticità e connessione tra le banche dati; firma digitale e PEC; PEC e sua protocollazione in entrata; come è cambiato il concetto di archiviazione in quaetsa nuova architettura tecnologica; esame casistiche concrete e criticità di utilizzo emerse; formazione meno frettolosa più attenta alle diverse comprensioni dei lavoratori e più costante nel tempo; sui casi che si presentano lavorando; su casi quotidiani e particolari al nostro servizio; sulle pratiche di tutti i giorni; approfondimento con esame pratico di casi particolari dubbi e criticità; protocollo informatico firma digitale PEC; protocollo informatico; nelle parti del programma che non uso; utilizzo di Arxivar: per ogni programma informatico potrebbe essere utile nominare un dipendente o Responsabile specializzato cui fare riferimento per informazioni; protocollo informatico PEC e firma digitale; iter coordinato di formazione a seconda delle innovazioni di volta in volta introdotte; specifici rispetto all'uso quotidiano; PEC; PEC; specifici rispetto all'uso quotidiano; protocollo informatico, Arxivar è macchinoso non intuitivo; aggiornamenti periodici in corsi che coinvolgano

3 periodici in corsi che coinvolgano l'intera struttura organizzativa e non solo il singolo settore, per poter confrontare problematiche diverse ed avere una formazione più completa; protocollo informatico (archivio digitale?) e gestione informatizzata dei flussi; necessari incontri formativi quando ci sono novità, soprattutto se rilevanti, non limitandosi alla semplice comunicazione di spiegazione; schematizzare i processi alle procedure operative; firma digitale e PEC; nel caso li utilizzassi maggiormente; fare formazione a gruppi più piccoli, anche con affiancamento sul campo per rendere la formazione più efficace; ripetere le procedure mano a mano che le precedenti si sono sedimentate e contestualizzarle; maggiore formazione soprattutto sulla metodologia tecnica ma anche sulle responsabilità cui si va in contro con l'uso della nuove tecnologie; riuscire a gestire meglio il programma della gestione delle pratiche e quello della protocollazione; aggiornamento continuo; approfondire i sistemi informatici sul mercato per poter integrare al meglio le banche dati utilizzate dall'ufficio; sui casi pratici di uso quotidiano. 7. In caso di risposta negativa, perché? Formazione sufficiente per la parte tecnologica; in questa fase è opportuno un periodo utile a testare ed ottimizzare gli strumenti a disposizione; sono già stati fatti incontri formativi e di approfondimento, sarebbe utile il manuale; 8. Su quali tipologie di tematiche pensi che sarebbe opportuno svolgere la formazione del personale: (è possibile indicare tutte e tre le risposte) Di carattere generale Di carattere molto specifico Di carattere trasversale

4 6.1 In merito alle tematiche di carattere generale segnala quali ritieni maggiormente interessanti e necessari per il tuo lavoro: Aggiornamenti su nuova legislazione; nuove normative; riforme sul lavoro e cambiamenti organizzativi con regolamenti comunali; approfondimenti sul ruolo del ns. ente nell'attuale contesto; novità legislative e interpretazioni giurisprudenziali; responsabilità civile e penale responsabililtà dei dipendenti pubblici e codice di comportamento; innovazione normative dell'ultimo anno; tematiche generali com la città metropolitana e l'evoluzione degli enti locali nell'ottica del servizio ai cittadini; spending review; tutte le novità legislative; capire il ruolo del nostro ente nell'attuale contesto; nuove disposizion e leggi relative anche ad altri settori; tematiche riguardanti la P.A.; diritto pubblico e diritto privato; ultime novità legislative; ultime novità legislative; codice appalti e contratti, vari decreti Monti; accesso agli atti, comunicazione e raporto con iil cittadino; aggiornamento normativo confronto con altre realtà territoriali; conoscere le "tegole" che piovono sugli altri uffici oltre che allo sportello aiuterebbe a capire il "sistema comune di spinea"; grandi riforme, specie su documentazione amministrativa; tutte le novità introdotte; trasparenza amministrativa; docenti di diritto pubblico che illustrino tematiche contemporanee per capire meglio il ruolo dell'ente nell'attuale contesto nazionale e internazionale; aggiornamenti normativi su norme generali e speciali (quali diritto di famiglia, procedimento penale minori, diritto internazionale, etc.). 6.2 In merito alle tematiche di carattere specifico segnala quali ritieni maggiormente interessanti e necessari per il tuo lavoro: Programma, materie specifiche p.l., per la bilbioteca la formazione è svolta da corsi della regione e della provincia; nuove normative e casi pratici; tutto l'uffico dovrebbe conoscere la normativa e le procedure da svolgere all'interno del suo settore per essere trasversale e non fossilizzato su quello che gli compete solamente; continui aggiornamenti su materie specifiche; normativa e aspetti tecnico-procedurali su efficienza e rispormio energetico valutazione della stabilità degli alberi e normativa ambientale anche attraverso abbonamenti a siti internet; seminari specifici; tutti gli ultimi decreti salva Italia, cresci Italia e altro che hanno avuto notevoli ricadute dal punto di vista del commercio; corsi regionali o AIB per confronto con altre realtà bilbiotecarie; formalità di stipula atti immobiliari e trascrizione; PEC; aggiornamento sulle materie di ufficio; cambiamenti normativi da seguire con aggiornamenti costanti e non dover essere autididatti; costanti aggiornamenti su materie specifiche; supervisione clinica sulle situazioni n carico alla tutela minor e formazione di carattere legale su diritto di famiglia in ambito minori; materia anagrafica e di stato civile anche interna per capire meglio l'iter di tutto un procedimento che generalmente si divide tra front e back office; approfondimenti su aggiornamenti normativi e loro applicazioni specifiche; approfondimento delle leggi; approfondimenti normativi; economato ed attività connesse, forniture beni e servizi; fare incontri specifici sulle novità; aggiornamenti normativi e loro applicazioni; urbanistica - lavori pubblici - edilizia privata; approfondimenti normativi; approfondimenti amministrativi; approfondimenti amministrativi; approfondimenti normativi; normativa tecnica di riferimento in materia di fonti di energia rinnovabile terre e rocce da scavo, utilizzo software GPE per un utilizzo più completo possibile; richiesta DURC, CIG, terre e rocce da scavo; fonti di energia rinnovabile e autorizzaionie all'installazione degli impianti; aggiornamento normativo confronto con altre realtà territoriali; estione completa delle pratiche di pensione; strumenti aggiornati ed omogenei; supervisione clinica e formazione giuridica nel campo della tutela dei minori; anagrafe, decertificazione, consegna atti giudizionali e altro tipo; gestire meglio il programma della gestione delle pratiche e quello della protocollazione; utilizzo più approfondito sicraweb (anagrafe); costanti aggiornamenti professionali per materie specifiche di servizio; supervisione costante continua ed altamente professionalizzante per gli operatori dei servizi sociali, formazione per gli operatori di front-office, governance mediazione e reti sociali, progettazione (sociale).

5 6.3 In merito alle tematiche di carattere trasversale segnala quali ritieni maggiormente interessanti e necessari per il tuo lavoro: Procedimento amministrativo, utilizzo piattaforme informatiche, privacy e procedimento amministrativo; sicurezza e riservatezza; sicurezza sul lavoro pryvacy e responsabilità; contratti convenzioni e scurezza delle manifestazioni; competenze sui vari procedimenti e su a chi potersi rivolgere per avere chiarimenti certi su un procedimento; sicurezza sul lavoro privacy organizzazione obiettivi generali; consip privacy e codice degli appalti; procedimento e atti amministrativi diverse forme di responsabilità motivi di ricorso ed elementi di bilancio; innovazioni normative dalla 241 e seguenti; sicurezza e privacy; IVa e riservatezzadei dati; flussi documentali; su tutto ciò che riguarda l'ente; organizzazione e sicurezza sui luoghi di lavoro; sicureeza sui luoghi di lavoro privacy organizzazione obiettivi generali; procedimento amministrativo relativo ai servizi del proprio lavoro; procedimento amministrativo - privacy; procedimento amministrativo; procedimento amministrativo riservatezza sicurezza etc; procedimenti amministrativi; procedimento amministrativo e privacy; diritto pubblico e diritto privato; procedimenti amministrativi; procedimenti amministrativi; procedimenti amministrativi; procedimenti amministrativi; normativa sulla privacy e riforma sul procedimento amministrativo;tutela della privacy e Legge n. 241/1990; privacy, riforme procedimento amministrativo, comunicazione e rapproto con la cittadinanza; privacy; aggiornamenti su vari argomenti di carattere generale; dati sensibili e privacy; riservatezza privacy sicurezza; sicurezza sul luogo di lavoro, privacy, organizzazione e obiettivi generali dell'ente, elementi di teoria dell'organizzazione. 9. Come valuti l opportunità di prevedere dei meccanismi di valutazione dell arricchimento ottenuto attraverso la formazione? Negativamente Non mi interessa Positivamente Molto stimolante

6 10. Se hai risposto a) o b) - Spiega il motivo della tua risposta Non è equa tra Settori e/o personale; la valutazione non può essere legata alla partecipazione a corsi in quanto questo dipende dalle risorse del singolo ente; non riesco a capirne l'utilità; mancata aprtecipazione dovuta a scelta dei capisettori provoca discriminazione; se la formazione è a discrezione del Responsabile di Settore i meccanismi di valutazione non sarebbero paritari; se la formazione è a discrezione del Responsabile di Settore si possono creare disparità; solo se a tutti i dipendenti viene data la possibilità di partecipare; la formazione è uno strumento di lavoro e tutti dovrebbero potervi partecipare ma non può essere strumento di valutazione a meno che non si preveda partecipazione obbligatoria di tutti e non discrezione, per evitare disuguaglianze; tutti dovrebbero partecipare ai corsi di formazione; bisogna garantire uguali spazi ed opportunità, senza creare differenze; preferisco non ci siano confronti tra i colleghi; preferisco non ci siano disparità di trattamento tra i colleghi; bisogna garantire uguali spazi ed opportunità, senza creare differenze; negativamente perchè non partecipano direttamente ai corsi ma apprendono indirettamente da chi vi ha partecipato; può essere discriminante per chi non fa formazione; la formazione è uno strumento finalizzato a migliorare le procedure lavorative per cui la valutazione deve essere calibrata sul risultato; che cosa significa? 11. Se hai risposto c) o d) - Quali sono i risultati positivi che, secondo te, si potrebbero ottenere Formazione deve coinvolgere tutto il personale senza esclusioni discrezionali; la formazione è indispensabile per il lavoratore; serve a mettersi in gioco ed a verificare se si è compreso bene; si dovrebbe incentivare il cambiamento nelle persone permettendo loro di crescere professionalmente; un risultato minimale potrebbe essere quello di riuscire a realizzare quanto appreso durante la formazione che non dovrebbe limitarsi ad essere un incontro molto stimolante ma privo di ricadute sull'operatività; mi pare ovvio che qualsiasi tipo di formazione debba essere considerato un arricchimento e che quindi sia valutabile; migliorare la professionalità; maggiore impegno per l'assimilazone delle informazioni ricevute; potrebbe costituire incentivo al miglioramento delle proprie capacità professinoali e quindi della struttura nel suo complesso; non credo che meccanismi di valutazione possano tout-court portare risultati positivi potrebbe essere comunque uno strumento di misura per verificare l'efficacia della formazione; più che una valutazione dei risultati (riferita alle persone) potrebbe essere utile un momento di confronto seminariale a piccoli gruppi che faccia seguito alle lezioni frontali; stimolo alla valorizzazione delle conoscenze/competenze e maggiore efficienza in termini di servizi; maggiore consapevolezza del proprio ruolo; miglioramento continuoe costante della professionalità; migliorare la professionalità; positivo se finalizzto a stimolare le persone alla partecipazione alla formazione per dare servizi migliori al cittadino; non so; arricchimento del proprio bagaglio culturale - apertura al cambiamento - mettersi in gioco e rispondere con maggiore competenza; arricchimento del proprio bagaglio culturale - apertura al cambiamento - mettersi in gioco e rispondere con maggioer competenza; avere una presa di coscienza

7 dell'apprendimento, purchè questo non influisca sulla produttuvità; verifica dell'apprendimento e stimolo al ripasso/riflessione su quanto appreso; momento importante per capire se la formazione si è conclusa con l'effettivo trasferimento delle competenze, fatta salva l'analisi per capire i motivi di un eventuale risultato negativo; agevolare lo svolgimento delle funzioni operative; positivamente perchè è molto utile aggiornarsi e quindi sapere di essere valutati è ancora più importante; potrebbe essere un incentivo a svolgere meglio il proprio lavoro; il dipendente sarebbe più stimolato e motivato all'aggiornamento costante per ottenere una valutazione positiva; verifica della pertinenza e dell'utilità della formazione, anche in ottica di futura programmazione; aumento delle performance, maggiore comunicabilità al pubblico e maggiore soddisfazione personale; gli strumenti messi a disposizione dal servizio mi hanno aiutato a svolgere il mio compito con una certa agevolezza; maggior impegno individuale e di gruppo con possibilità di vedere le aree dove necessita un ulteriore approfondimento; migliorare la performance individuale, come mezzo per aumentare la performance organizzativa; miglioramento continuo della professionalità e conseguentemente dei servizi offerti, purchè sia accessibile a tutti i dipendenti. 12. Hai altri suggerimenti e/o richieste da sottoporre al Amministrazione sul tema della formazione? Budget più consono per formazione p.l.; qualità e competeza dei formatori e aggiornamento alle nuove normative; valutare meglio il proprio personale ed essere più rigidi dove necessario e permettere qualche cambiamento generazionale; verificare la possibilità di affrontare argomenti come l'accessibilità il rapporto con i cittadini/utenti ed il front office; avviare persorso formativo intersettoriale su SIT GIS che coinvolga tutti i settori e l'amministrazione in modo da creare una sistema informativo territoriale da aggiornare costantemente; corsi di inglese per tutti i dipendenti che trattano con utenza straniera corsi di comunicazione per dipendenti che hanno rapporto con il pubblico e corsi sulle novità normative che nel caso del commercio sono molte; possibilità di incontri sull'organizzazione teorica e concreta della macchina comunale; maggiore attenzione alla formazione ed alla capacità dei formatori di verificare la comprensione di ciò che si trasmette - investire in innovazione tecnologia è importante ma è necessario comprendere il modo in cui le persone vivono e rappresentano l'organizzazione; opportuno un tempo e luogo destinati costantemente alla formazione per far fronte alle circolari che arrivano quotidianamente; frequenti momenti formativi di tipo specifico per la propria attività (almeno una volta l'anno) all'interno dell'ente anche tenuti dai responsabili che ne abbiamo le competenze; incontri formativi con cadenza almeno annuale; necessario maggiore passaggio di informazioni sulle novità normative anche con semplici riunioni da parte dei responsabili o formatori interni; maggiori incontri; fare maggiore formazione; dare importanza alla formazione professionale personale per offrire un buon

8 servizio, potrebbero essere utili incontri formativi periodi con cadenza prefissata (es annuale o semestrale) e comunque tempestivamente quando ci sono aggiornamenti; ogniqualvolta si presenti la necessità; ri-definire il ruolo di formatore interno; prevedere formazioni periodiche non solo per l'apprendimento di nuove procedure ma anche per un confronto, per l'utilizzo degli strumenti tecnologici e per la conoscenza normativa di settore e non; ri-definire il ruolo dei formatori interni, spazio per la consultazione del materiale di TUTTI i corsi di formazione (intranet); valutazione della formazione non come indicatore della produttività ma come momento di riflessione per che ha organizzato la formazione, buona preparazione come veicolo di entusiasmo; continuità rispetto all'oggetto della tematica; formiamoci su quello che facciamo in conume, sapere chi fa che cosa non sarebbe male; non proporre più processi di cambiamento come l'ultimo corso sul benessere organizzativo che non tengano conto della struttura gerarchica dell'ente, i veri cambiamenti partono prima di tutto da proposte fatte prima di tutto ai responsabili la cui iniziativa deve precedere quella degli altri e dare l'esempio; disporre di un programma cartografico più evoluto di Mapwin ed utilizzare meglio GPE, anche per l'archiviazione delle pratiche, che non viene sfruttato in tutte le sue potenzialità; incontri mirati tra uffici che svolgono attività tra esse correlate;

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

OSSERVAZIONI SUGLI ADATTAMENTI I.S. WALSER E MONT ROSE B B) MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO E FACILITANTI L ATTUAZIONE

OSSERVAZIONI SUGLI ADATTAMENTI I.S. WALSER E MONT ROSE B B) MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO E FACILITANTI L ATTUAZIONE OSSERVAZIONI SUGLI ADATTAMENTI I.S. WALSER E MONT ROSE B SCUOLA DELL INFANZIA B) MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO E FACILITANTI L ATTUAZIONE FORMAZIONE E necessario prevedere attività di formazione dirette a

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2014-2015 - 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2014-2015 - 2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2014-2015 - 2016 La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: 1. Premessa ; 2. Supporto

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014 50888 50889 50890 Sezione 1 - Offerta Formativa Trasversale e di Base Sezione Percorso Il sistema e le procedure degli Uffici Giudiziari Formativo Obiettivi del modulo Livello Durata (in ore) Prerequisiti

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016 Delibera del consiglio d Istituto no 21 del 28 gennaio 2014 La redazione del Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturata

Dettagli

Città di Vico Equense Provincia di Napoli

Città di Vico Equense Provincia di Napoli DECRETO N. 20 DEL 08/04/2014 OGGETTO: INCARICO DI AMMINISTRATORE DI RETE DEL SISTEMA INFORMATICO DELL'ENTE E REFERENTE ICT TERRITORIALE PER L ATTUAZIONE DEL CAD CODICE AMMINISTRAZIONE DIGITALE" IL SINDACO

Dettagli

MASTER BREVE IN DIRITTO E PRATICA DEGLI APPALTI PUBBLICI LA RIFORMA DEGLI APPALTI PUBBLICI DOPO LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MASTER BREVE IN DIRITTO E PRATICA DEGLI APPALTI PUBBLICI LA RIFORMA DEGLI APPALTI PUBBLICI DOPO LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MASTER BREVE IN DIRITTO E PRATICA DEGLI APPALTI PUBBLICI LA RIFORMA DEGLI APPALTI PUBBLICI DOPO LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 12 MARZO 2015 9.00-13.00 / 14.00-17.00 26 MARZO 2015 9.00-13.00

Dettagli

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE, I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo - Obiettivo Convergenza 2007-2013

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Indice Premessa..pag. 3 1. Verso l e-government.pag. 4 2. Inadeguatezza della dotazione tecnologica...pag. 6 3. Frequenza

Dettagli

La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a:

La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: 1. Premessa ; 2. Supporto normativo; 3. Sezione programmatica: attività di pianificazione, definizione

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2012-2014 PIANI OPERATIVI PER IL RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

COMUNE DI MONTE COLOMBO

COMUNE DI MONTE COLOMBO COMUNE DI MONTE COLOMBO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIPENDENTE MANUALE PER LA VALUTAZIONE INDICE Finalità della valutazione Pag. 3 Oggetto della valutazione Pag.

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale Indagine sul Benessere organizzativo aziendale L'Azienda Sanitaria ASM di Matera ha avviato L'indagine sul "Benessere Organizzativo Aziendale" nell'anno 2015, secondo le indicazione del Decreto legislativo

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Convegno SIAV Torino - 10 maggio 2007 1 Valore economico Il flusso documentale vale almeno il 2% del PIL. Un risparmio

Dettagli

PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico

PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico Erasmus plus è il nuovo programma varato dall'unione europea per il periodo 2014-2020

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA' anni 2013 2014 2015 Il presente Piano si articola nelle seguenti sezioni: 1. Premessa; 2. Supporto normativo; 3. Sezione programmatica: attività di

Dettagli

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche SITAS Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche Le procedure per l edificazione nei comuni della Regione Lazio classificati a rischio sismico soffrivano di: Complessa gestione

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE SULLA QUALITÁ DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA Questo questionario è rivolto a tutte le insegnanti della scuola e vuole essere un occasione di riflessione sulle variabili di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ LICEO CLASSICO STATALE SAN CARLO Corso Cavour n.17 41100 Modena Tel. 059/222726 Fax 059/210503 e-mail :segreteria@liceosancarlo.it sito internet: www.liceosancarlo.it; codice fiscale: 80009890361; codice

Dettagli

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA.

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. "Da Internet passa la partecipazione tra la Pubblica amministrazione e il cittadino, la riforma della

Dettagli

Istituto Comprensivo " E. Mattei"

Istituto Comprensivo  E. Mattei Istituto Comprensivo " E. Mattei" Centro Territoriale Permanente per l 'Istruzione e la Formazione in età adulta Viale Roma, 30 Tel. 0737 84339-787634 /Fax 0737 787634 E-mail: mcic80700n@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013-2016 DIREZIONE DIDATTICA STATALE DUCA D AOSTA Via C. Capelli, 51 10146 Torino C.F. 80090940018 C.M. TOEE024002- Telefax 011/724696 e-mail: TOEE024002@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

URSV PRIMA GIORNATA DELLA COMUNICAZIONE INTERNA PADOVA, 12 GENNAIO 2015 VENEZIA, 13 GENNAIO 2015

URSV PRIMA GIORNATA DELLA COMUNICAZIONE INTERNA PADOVA, 12 GENNAIO 2015 VENEZIA, 13 GENNAIO 2015 URSV PRIMA GIORNATA DELLA COMUNICAZIONE INTERNA PADOVA, 12 GENNAIO 2015 VENEZIA, 13 GENNAIO 2015 RISULTATI DEL SONDAGGIO INTERNO SITO WWW.ISTRUZIONEVENETO.IT UTENTI E NAVIGAZIONE...2 ARGOMENTI DA APPROFONDIRE...8

Dettagli

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali 18-19 lezione - 3 novembre 2011 La Guida ai Servizi realizzata da molte Pubbliche Amministrazioni rappresenta uno degli strumenti cartacei più tradizionali

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

FORMIS - QUESTIONARIO DOCENTI

FORMIS - QUESTIONARIO DOCENTI Note. A. DATI ANAGRAFICI A.1 Sesso (segna con una X l alternativa scelta) A. 1.1 M [ ] A. 1.2 F [ ] A.2 Età (segni con una X l alternativa scelta) A.2.1 fino a 29 [ ] A.2.2 da 30 a 39 [ ] A.2.3 da 40 a

Dettagli

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Comitato per lo Sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica Roma, 8 Ottobre 2010 Premessa Il problema dello sviluppo della cultura Scientifica e Tecnologica

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2014-2016 AGGIORNAMENTO 2015

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2014-2016 AGGIORNAMENTO 2015 PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2014-2016 AGGIORNAMENTO 2015 L Istituto Comprensivo di Siliqua, ISTITUTO COMPRENSIVO SILIQUA Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità AGGIORNAMENTO

Dettagli

Formarsi oggi per costruire le imprese di domani

Formarsi oggi per costruire le imprese di domani Formarsi oggi per costruire le imprese di domani Impresario costruttore diplomato Formazione a moduli in preparazione all Esame superiore di Impresario costruttore diplomato Centro di formazione professione

Dettagli

U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o

U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o C O M P E N D I O Con il supporto di: Siemens PLM Sede centrale globale:

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Controllo di gestione con Mago.NET

Controllo di gestione con Mago.NET logikasoftware.it Controllo di gestione con Mago.NET Una mattinata di formazione per scoprire come monitorare perfettamente la tua azienda attraverso i nuovi moduli di Mago.NET. Imparerai quali sono i

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN GIOVANNI BOSCO Via Dante n. 18 92028 Naro (AG) Tel. 0922 956081 Fax 0922 956041 E- mail agic85300c@istruzione.it P.E.C. agic85300c@pec.istruzione.it C.F. 82002930848 PROGRAMMA

Dettagli

Il Programma Triennale per la trasparenza e Integrità

Il Programma Triennale per la trasparenza e Integrità Il Programma Triennale per la trasparenza e Integrità Viene emanato il presente Programma triennale per la trasparenza e l integrità così come previsto dal d. lgs. N. 150/2009 e redatto secondo le linee

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

RELAZIONE DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE

RELAZIONE DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE I.P.S.I.A. Via F.lli Kennedy, 7 Tel 8 Fax 897 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Pietro Sette I.P.S.I.A. - I.T.C. - L.S. C.F. 987 Via F.lli Kennedy, 7-79 SANTERAMO IN COLLE - BARI baisd@istruzione.it

Dettagli

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa La Problematica Negli ultimi tempi la sempre maggior quantità di informazioni necessarie alla vita e allo sviluppo

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano 20060 Trezzano Rosa Piazza XXV Aprile, 1 C.F. 83502090158 P.IVA 04670940156 info@comune.trezza norosa.mi.it www.comune.trezzanorosa.mi.it Tel. 02 920199 Tecnico

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione

la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione L esperienza e la competenza maturate in oltre trent anni di attività, nonché il continuo confronto con i propri clienti, ha permesso a Zucchetti

Dettagli

RAV QUESTIONARIO ATA MAGGIO 2015

RAV QUESTIONARIO ATA MAGGIO 2015 RAV QUESTIONARIO ATA MAGGIO 2015 ORIENTAMENTO STRATEGICO E ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA: 1. Ritieni che il tuo orario di servizio sia funzionale alle esigenze della scuola 1. Ritieni che il tuo orario di

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado GALILEO GALILEI (Associato alla rete delle scuole UNESCO) Via Venezia, 1566020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) Telefoni:

Dettagli

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative da adottare in attuazione dell articolo 9 del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito con

Dettagli

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Totale rappresentanti genitori: 22 Totale questionari cartacei distribuiti: 22 Totale questionari ricevuti:

Dettagli

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) C I T T À D I B A C O L I C I T T A D I B A C O L I ( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) (adottato con

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli Tutela della salute e sicurezza sul lavoro Ufficio prevenzione e protezione Giunta regionale d Abruzzo 1 I Continenti che si incontrano e non vanno alla deriva Lo sviluppo del capitale umano in tutte le

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAUNEI ANNI 2014-15-16

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAUNEI ANNI 2014-15-16 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Località Pedra Niedda TEL. 0782/610820 FAX 0782/610275 nuic863008@istruzione.it www.icsbaunei.nu.it 08040 BAUNEI

Dettagli

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG)

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) SEMINARIO NAZIONALE Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) Roma, Università di Roma Tre, 5-6 maggio 2015 L assicurazione interna

Dettagli

Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo

Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo Relazione tecnica sulla scelta del fornitore per il software applicativo relativo alla gestione dei contratti e alla pubblicazione sull'albo pretorio

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

Sottoscritto il protocollo d'intesa per la dematerializzazione dei fascicoli [1]

Sottoscritto il protocollo d'intesa per la dematerializzazione dei fascicoli [1] Sottoscritto il protocollo d'intesa per la dematerializzazione dei fascicoli [1] In un momento di grandi trasformazioni l'amministrazione Comunale ha avviato un processo di cambiamento dell'attuale modus

Dettagli

ATTIVITA DI FORMAZIONE DEL PERSONALE T.A.

ATTIVITA DI FORMAZIONE DEL PERSONALE T.A. 2013 Divisione I Servizio Affari Generali e Risorse Umane Ufficio Personale T.A. ATTIVITA DI FORMAZIONE DEL PERSONALE T.A. ATTIVITÀ SVOLTE NELL ANNO 2013 RISULTATI DEL QUESTIONARIO DI ORIENTAMENTO SUI

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

RISULTATI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

RISULTATI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Provincia di Treviso RISULTATI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ANNO 200 Luglio 200 RISULTATI QUESTIONARI DI GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO disegniamo insieme a te il futuro sede Via Savelli, 128-35129 Padova - tel. +39 049 8076143 - fax +39 049 8076136 - sito www.irecoop.veneto.it mail info@irecoop.veneto.it

Dettagli

Comune di Azzate. Provincia di Varese. - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2

Comune di Azzate. Provincia di Varese. - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2 Comune di Azzate Provincia di Varese INDICE: - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2 - Le principali aree di erogazione del servizio URP------------------------p.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

Il corso di italiano on-line: presentazione

Il corso di italiano on-line: presentazione Il corso di italiano on-line: presentazione Indice Perché un corso di lingua on-line 1. I corsi di lingua italiana ICoNLingua 2. Come è organizzato il corso 2.1. Struttura generale del corso 2.2. Tempistica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015-2016-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015-2016-2017 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE LICEO G. G. ADRIA - G. P. BALLATORE Via A. Oriani, 7 91026 Mazara del Vallo (TP) TEL. 0923-934095 FAX

Dettagli

MUDEC -Modello Unico Digitale per l Edilizia e il Catasto (Cret@) a cura di Domenico Modaffari

MUDEC -Modello Unico Digitale per l Edilizia e il Catasto (Cret@) a cura di Domenico Modaffari PON GAS FSE 2007 2013, Obiettivo Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto: Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione Seminario La semplificazione delle procedure per le

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPANNOLI PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014 2015 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPANNOLI PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014 2015 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CAPANNOLI VIA ALDO MORO, 4 56033 CAPANNOLI (Pi) Tel. 0587/609012 Fax 0587/606812 Codice Fiscale: 81001570506 Codice Meccanografico: PIIC82800B e-mail piic82800b@istruzione.it pec:

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO DENOMINAZIONE PROGETTO: LA SCUOLA ALTROVE (Percorsi culturali nel Veneto)

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO DENOMINAZIONE PROGETTO: LA SCUOLA ALTROVE (Percorsi culturali nel Veneto) PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Normativa di riferimento: D.L.vo 15 aprile 2005, n. 77 art. 2 comma 7 Direttiva MIUR n. 102 del 7-11-2011 Decreto USR Veneto prot. N. 1930/C15 del 17/2/2012 e successivi

Dettagli

la soluzione che dà valore alla tua professione

la soluzione che dà valore alla tua professione commercialista consulente del lavoro la soluzione che dà valore alla tua professione L esperienza e la competenza maturate in oltre trent anni di attività, nonché il continuo confronto con i propri clienti,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI:

CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI: REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AL LAVORO, COOPERAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE 70123 BARI Zona industriale - Viale Corigliano, 1 Tel. 080/5407631 Fax 080/5407601 Email:

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

PRESENTAZIONE DI ABLE TECH S.R.L.

PRESENTAZIONE DI ABLE TECH S.R.L. PRESENTAZIONE DI ABLE TECH S.R.L. ABLE TECH S.r.l. è uno dei principali attori di riferimento nel mondo delle soluzioni software per il Document & Process Management. Able Tech rappresenta un polo di sviluppo

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA

PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Didattica di Santa Teresa di Riva Via Francesco Crispi, 495 98028 S. TERESA DI RIVA (ME) Tel. e Fax: 0942/791410 e-mail: meee06000t@istruzione.it

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

INDICE PR 13 COMUNICAZIONE E GESTIONE DELLE INFORMAZIONI 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ

INDICE PR 13 COMUNICAZIONE E GESTIONE DELLE INFORMAZIONI 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ PAG 1 /7 INDICE 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ 5 MODALITÀ ESECUTIVE 5.1 Comunicazione verso l'esterno 5.1.1 Utenti dei corsi 5.1.2 Potenziali utenti 5.2

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni che permetta la compilazione on line con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con

Dettagli

Come valuti il tuo rapporto con il personale di segreteria? [ ] 1) ottimo

Come valuti il tuo rapporto con il personale di segreteria? [ ] 1) ottimo Questionario per gli studenti Come valuti il tuo rapporto con il personale di segreteria? [ ] 3) soddisfacente [ ] 4) non soddisfacente Come valuti il tuo rapporto con il personale ausiliario (custodi)?

Dettagli

Utilizzo della PEC nella strategia ICT dell INPS Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Dott. Guido Ceccarelli Pisa, 8 maggio 2012

Utilizzo della PEC nella strategia ICT dell INPS Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Dott. Guido Ceccarelli Pisa, 8 maggio 2012 Utilizzo della PEC nella strategia ICT dell INPS Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Dott. Guido Ceccarelli Pisa, 8 maggio 2012 La strategia comunicativa dell INPS: accesso multicanale

Dettagli

1. PREMESSA. 2. IL QUADRO DI RIFERIMENTO PER LA COMUNITÀ 3. VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ATTUALE 4. ALTRI PROCEDIMENTI 5.

1. PREMESSA. 2. IL QUADRO DI RIFERIMENTO PER LA COMUNITÀ 3. VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ATTUALE 4. ALTRI PROCEDIMENTI 5. Via Alberti 4 38033 CAVALESE tel. 0462-241311 fax 0462-241322 C.F. 91016130220 e-mail: info@comunitavaldifiemme.tn.it pec: comunita@pec.comunitavaldifiemme.tn.it www.comunitavaldifiemme.tn.it PIANO DI

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30.

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30. ISTITUTO COMPRENSIVO VOLVERA scuola dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado Via Garibaldi, 1 10040 VOLVERA (TO) Tel. 011.985.30.93 Fax 011.985.35.50 Presidenza 011.985.07.37 Cod. fis 94544320016

Dettagli

Utilizzi il cellulare per usi non solo telefonici? (utilizzo di applicazioni, internet, foto e video, etc)

Utilizzi il cellulare per usi non solo telefonici? (utilizzo di applicazioni, internet, foto e video, etc) amedeo.dtl@gmail.com 51 risposte Modifica questo modulo Vedi tutte le risposte Riepilogo A. Il digitale nella vita extralavorativa Utilizzi il cellulare per usi non solo telefonici? (utilizzo di applicazioni,

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico 1 Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro Luigi d Oriano Amministratore Unico 2 Progettiamo innovazioni Passione, esperienza, intuizione, innovazione. La presenza di lavoratori altamente

Dettagli