2. Credi sia possibile introdurre ulteriori miglior? 47 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Credi sia possibile introdurre ulteriori miglior? 47 1"

Transcript

1 1. E passato qualche tempo dall avvio dei processi di innovazione nel Comune di Spinea, che ha visto l introduzione di strumenti quali il protocollo informatico, la gestione informatizzata dei flussi documentali, la firma digitale, la PEC, etc. Come valuti l apporto degli strumenti tecnologici in uso presso il nostro Ente sul tuo lavoro quotidiano? Positiva; molto valido; molto utili; postivo anche se gli strumenti in dotazione sono troppo lenti; positivo, quando funzionano e non sono lenti; all'utilità degli strumenti si contrappongono lentezza e problemi di trasmissione che sarebbero da migliorare; molto utile; bene anche se non tutti i nuovi strumenti vengono utilizzati quotidianamente e la loro quantità e complessità rendono a volte difficile ricordarsi tutte le procedure; Arxivar risulta poco chiaro nell'archiviazione consegna e accettazione; ritengo siano di fonda,mentale importanza; direi molto buono anche se necessita una maggiore attenzione alle specificità dei settori (vedi questionario); suffciente e migliorabile; positivamente; apporto positivo ma ancora non completamente funzionale; maggiore efficienza in generale ma poca efficienza per la scarsa conoscenza applicativa dii alcuni strumenti da parte degli interessati (es. firma digitale); positivamente; Arxivar caotico i documenti vanno avanti e indietro; Arxivar non è intuitivo e molto lento, i documenti si prendono in mano tante volte, caotico; Arxivar caotico impiega molto tempo nell'archiviazione consegna accettazone ed i documenti transitano più volte; sufficiente; strumenti tecnologici buoni ma utilizzo non sempre adeguato; utile ma a volte complicato; per chi è abilitato all'uso sicuramente è un arricchimento professionale; utile ma a volte troppo complesso; buono per la parte che conosco ed utilizzo, riscontro alcuni limiti; l'informatica deve semplificare il lavoro e non appesantirlo, i flussi documentali non consentono di seguire agilmente un percorso guidato e obbligatori che semplifichi oggettivamente i passaggi, i campi da compilare dovrebbero essere impostati come obbligatori fin dalla fase di inserimento /compilazione; utile ma a volte complicato con appesantimento della procedura; l'apporto è relativo rispetto agli obiettivi; positivo; all'avanguardia ma forse un pò complicato; lo trovo buono ma alle volte complicato; positivo; SI quando si ha padronanza degli strumenti, NO per perdita contatti umani con la sensazione (appositamente voluta) che la persona rimanga per tutto il tempo lavorativo incollata alla propria sedia nel proprio ufficio; senza dubbio molto innovativo ma troppo spesso troppo macchinoso nelle procedure ordinarie; positivo quando si ha padronanza degli strumenti incremente l'efficienza, negativo quando c'è scarsa formazione incrementa l'inefficienza, riduce le relazioni sociali con i colleghi e a volte non si sa di che cosa si occupano; ha migliorato le tempistiche nei rapporti col cittadino ma reso macchinosa le gestione dei procedimenti, mancanza di dialgo tra i software; macchinosi, poco flessibili; molto utile e di abbastanza facile comprensione; non utilizzo molto gli strumenti citati ma lavoro con alcuni programmi che ritengo indispensabili per il buon funzionamento; essenziale; positivo, dopo qualche tempo di utilizzo Arxivar mi ritengo abbastanza in gradio di utilizzarla correttamente; molto utili e di accelerazione dei tempi oltre che di riduzione delle ridondanze; partenza lenta ma nel complesso è utile, eccessiva rigidità del sistema di gestione dei flussi che rende necessario trovare "soluzioni alternative"; maggiore possibilità di risposta a enti esterni, allineamento con la normativa vignete, nel lungo termine c'è la prospettiva di semplificare i procedimenti ma nel breve termine sono complicati per la portata delle novità e per lo sdoppiamento delle procedure; non sufficientemente in grado di soddisfare le esigenze di servizio che richiedono strumenti molto evoluti efficaci ed efficienti; necessario; aiutano e facilitano un rapporto efficace diretto e costante con il cittadino; Arxivar è difficoltoso e non intuitivo, impiegando troppo tempo per accettazione consegna risposta e archiviazione, i documenti transitano più volte. 2. Credi sia possibile introdurre ulteriori miglior? SI NO 47 1

2 3. In caso di risposta positiva, quali? 4. In caso di risposta negativa, perché? 5. In relazione agli strumenti indicati riguardanti i processi di innovazione ritieni opportuno un approfondimento? 6. In caso di risposta positiva, quali? Velocizzazione linee e collegamenti, dispositivi stampa bar code protocollo per tutti; assicurare meglio assistenza e tempi di intervento; avere momenti cadenzati per confronto su leggi e normative; fardware adeguati e adeguata formazione anche con affiacamento finchè non si acquisiscono bene le procedure; hardware adeguati e adeguata formazione anche con affiacamento finchè non si acquisiscono bene le La modalità e la tempistica sono idonee SI NO 43 5 Corsi di formazione a seguito aggiornamento programmi, formazione su PEC; organizzare corsi "di richiamo" o aggiornamento successivi alla prima formazione; estendere l'approfondimento a tutti gli strumenti tecnologici; formazione pratica e non solo teorica; formazione pratica e non solo teorica; migliore formazione del personale sui programmi; PEC; incontri di aggiornamento condivisi; sul ns. lavoro di sportello; approfondimento su piattaforma informatiche Arxivar, Sicraweb e sito internet; formazone costante su sui vari strumenti e programmazone attività settoriale per soluzione di specifiche criticità e connessione tra le banche dati; firma digitale e PEC; PEC e sua protocollazione in entrata; come è cambiato il concetto di archiviazione in quaetsa nuova architettura tecnologica; esame casistiche concrete e criticità di utilizzo emerse; formazione meno frettolosa più attenta alle diverse comprensioni dei lavoratori e più costante nel tempo; sui casi che si presentano lavorando; su casi quotidiani e particolari al nostro servizio; sulle pratiche di tutti i giorni; approfondimento con esame pratico di casi particolari dubbi e criticità; protocollo informatico firma digitale PEC; protocollo informatico; nelle parti del programma che non uso; utilizzo di Arxivar: per ogni programma informatico potrebbe essere utile nominare un dipendente o Responsabile specializzato cui fare riferimento per informazioni; protocollo informatico PEC e firma digitale; iter coordinato di formazione a seconda delle innovazioni di volta in volta introdotte; specifici rispetto all'uso quotidiano; PEC; PEC; specifici rispetto all'uso quotidiano; protocollo informatico, Arxivar è macchinoso non intuitivo; aggiornamenti periodici in corsi che coinvolgano

3 periodici in corsi che coinvolgano l'intera struttura organizzativa e non solo il singolo settore, per poter confrontare problematiche diverse ed avere una formazione più completa; protocollo informatico (archivio digitale?) e gestione informatizzata dei flussi; necessari incontri formativi quando ci sono novità, soprattutto se rilevanti, non limitandosi alla semplice comunicazione di spiegazione; schematizzare i processi alle procedure operative; firma digitale e PEC; nel caso li utilizzassi maggiormente; fare formazione a gruppi più piccoli, anche con affiancamento sul campo per rendere la formazione più efficace; ripetere le procedure mano a mano che le precedenti si sono sedimentate e contestualizzarle; maggiore formazione soprattutto sulla metodologia tecnica ma anche sulle responsabilità cui si va in contro con l'uso della nuove tecnologie; riuscire a gestire meglio il programma della gestione delle pratiche e quello della protocollazione; aggiornamento continuo; approfondire i sistemi informatici sul mercato per poter integrare al meglio le banche dati utilizzate dall'ufficio; sui casi pratici di uso quotidiano. 7. In caso di risposta negativa, perché? Formazione sufficiente per la parte tecnologica; in questa fase è opportuno un periodo utile a testare ed ottimizzare gli strumenti a disposizione; sono già stati fatti incontri formativi e di approfondimento, sarebbe utile il manuale; 8. Su quali tipologie di tematiche pensi che sarebbe opportuno svolgere la formazione del personale: (è possibile indicare tutte e tre le risposte) Di carattere generale Di carattere molto specifico Di carattere trasversale

4 6.1 In merito alle tematiche di carattere generale segnala quali ritieni maggiormente interessanti e necessari per il tuo lavoro: Aggiornamenti su nuova legislazione; nuove normative; riforme sul lavoro e cambiamenti organizzativi con regolamenti comunali; approfondimenti sul ruolo del ns. ente nell'attuale contesto; novità legislative e interpretazioni giurisprudenziali; responsabilità civile e penale responsabililtà dei dipendenti pubblici e codice di comportamento; innovazione normative dell'ultimo anno; tematiche generali com la città metropolitana e l'evoluzione degli enti locali nell'ottica del servizio ai cittadini; spending review; tutte le novità legislative; capire il ruolo del nostro ente nell'attuale contesto; nuove disposizion e leggi relative anche ad altri settori; tematiche riguardanti la P.A.; diritto pubblico e diritto privato; ultime novità legislative; ultime novità legislative; codice appalti e contratti, vari decreti Monti; accesso agli atti, comunicazione e raporto con iil cittadino; aggiornamento normativo confronto con altre realtà territoriali; conoscere le "tegole" che piovono sugli altri uffici oltre che allo sportello aiuterebbe a capire il "sistema comune di spinea"; grandi riforme, specie su documentazione amministrativa; tutte le novità introdotte; trasparenza amministrativa; docenti di diritto pubblico che illustrino tematiche contemporanee per capire meglio il ruolo dell'ente nell'attuale contesto nazionale e internazionale; aggiornamenti normativi su norme generali e speciali (quali diritto di famiglia, procedimento penale minori, diritto internazionale, etc.). 6.2 In merito alle tematiche di carattere specifico segnala quali ritieni maggiormente interessanti e necessari per il tuo lavoro: Programma, materie specifiche p.l., per la bilbioteca la formazione è svolta da corsi della regione e della provincia; nuove normative e casi pratici; tutto l'uffico dovrebbe conoscere la normativa e le procedure da svolgere all'interno del suo settore per essere trasversale e non fossilizzato su quello che gli compete solamente; continui aggiornamenti su materie specifiche; normativa e aspetti tecnico-procedurali su efficienza e rispormio energetico valutazione della stabilità degli alberi e normativa ambientale anche attraverso abbonamenti a siti internet; seminari specifici; tutti gli ultimi decreti salva Italia, cresci Italia e altro che hanno avuto notevoli ricadute dal punto di vista del commercio; corsi regionali o AIB per confronto con altre realtà bilbiotecarie; formalità di stipula atti immobiliari e trascrizione; PEC; aggiornamento sulle materie di ufficio; cambiamenti normativi da seguire con aggiornamenti costanti e non dover essere autididatti; costanti aggiornamenti su materie specifiche; supervisione clinica sulle situazioni n carico alla tutela minor e formazione di carattere legale su diritto di famiglia in ambito minori; materia anagrafica e di stato civile anche interna per capire meglio l'iter di tutto un procedimento che generalmente si divide tra front e back office; approfondimenti su aggiornamenti normativi e loro applicazioni specifiche; approfondimento delle leggi; approfondimenti normativi; economato ed attività connesse, forniture beni e servizi; fare incontri specifici sulle novità; aggiornamenti normativi e loro applicazioni; urbanistica - lavori pubblici - edilizia privata; approfondimenti normativi; approfondimenti amministrativi; approfondimenti amministrativi; approfondimenti normativi; normativa tecnica di riferimento in materia di fonti di energia rinnovabile terre e rocce da scavo, utilizzo software GPE per un utilizzo più completo possibile; richiesta DURC, CIG, terre e rocce da scavo; fonti di energia rinnovabile e autorizzaionie all'installazione degli impianti; aggiornamento normativo confronto con altre realtà territoriali; estione completa delle pratiche di pensione; strumenti aggiornati ed omogenei; supervisione clinica e formazione giuridica nel campo della tutela dei minori; anagrafe, decertificazione, consegna atti giudizionali e altro tipo; gestire meglio il programma della gestione delle pratiche e quello della protocollazione; utilizzo più approfondito sicraweb (anagrafe); costanti aggiornamenti professionali per materie specifiche di servizio; supervisione costante continua ed altamente professionalizzante per gli operatori dei servizi sociali, formazione per gli operatori di front-office, governance mediazione e reti sociali, progettazione (sociale).

5 6.3 In merito alle tematiche di carattere trasversale segnala quali ritieni maggiormente interessanti e necessari per il tuo lavoro: Procedimento amministrativo, utilizzo piattaforme informatiche, privacy e procedimento amministrativo; sicurezza e riservatezza; sicurezza sul lavoro pryvacy e responsabilità; contratti convenzioni e scurezza delle manifestazioni; competenze sui vari procedimenti e su a chi potersi rivolgere per avere chiarimenti certi su un procedimento; sicurezza sul lavoro privacy organizzazione obiettivi generali; consip privacy e codice degli appalti; procedimento e atti amministrativi diverse forme di responsabilità motivi di ricorso ed elementi di bilancio; innovazioni normative dalla 241 e seguenti; sicurezza e privacy; IVa e riservatezzadei dati; flussi documentali; su tutto ciò che riguarda l'ente; organizzazione e sicurezza sui luoghi di lavoro; sicureeza sui luoghi di lavoro privacy organizzazione obiettivi generali; procedimento amministrativo relativo ai servizi del proprio lavoro; procedimento amministrativo - privacy; procedimento amministrativo; procedimento amministrativo riservatezza sicurezza etc; procedimenti amministrativi; procedimento amministrativo e privacy; diritto pubblico e diritto privato; procedimenti amministrativi; procedimenti amministrativi; procedimenti amministrativi; procedimenti amministrativi; normativa sulla privacy e riforma sul procedimento amministrativo;tutela della privacy e Legge n. 241/1990; privacy, riforme procedimento amministrativo, comunicazione e rapproto con la cittadinanza; privacy; aggiornamenti su vari argomenti di carattere generale; dati sensibili e privacy; riservatezza privacy sicurezza; sicurezza sul luogo di lavoro, privacy, organizzazione e obiettivi generali dell'ente, elementi di teoria dell'organizzazione. 9. Come valuti l opportunità di prevedere dei meccanismi di valutazione dell arricchimento ottenuto attraverso la formazione? Negativamente Non mi interessa Positivamente Molto stimolante

6 10. Se hai risposto a) o b) - Spiega il motivo della tua risposta Non è equa tra Settori e/o personale; la valutazione non può essere legata alla partecipazione a corsi in quanto questo dipende dalle risorse del singolo ente; non riesco a capirne l'utilità; mancata aprtecipazione dovuta a scelta dei capisettori provoca discriminazione; se la formazione è a discrezione del Responsabile di Settore i meccanismi di valutazione non sarebbero paritari; se la formazione è a discrezione del Responsabile di Settore si possono creare disparità; solo se a tutti i dipendenti viene data la possibilità di partecipare; la formazione è uno strumento di lavoro e tutti dovrebbero potervi partecipare ma non può essere strumento di valutazione a meno che non si preveda partecipazione obbligatoria di tutti e non discrezione, per evitare disuguaglianze; tutti dovrebbero partecipare ai corsi di formazione; bisogna garantire uguali spazi ed opportunità, senza creare differenze; preferisco non ci siano confronti tra i colleghi; preferisco non ci siano disparità di trattamento tra i colleghi; bisogna garantire uguali spazi ed opportunità, senza creare differenze; negativamente perchè non partecipano direttamente ai corsi ma apprendono indirettamente da chi vi ha partecipato; può essere discriminante per chi non fa formazione; la formazione è uno strumento finalizzato a migliorare le procedure lavorative per cui la valutazione deve essere calibrata sul risultato; che cosa significa? 11. Se hai risposto c) o d) - Quali sono i risultati positivi che, secondo te, si potrebbero ottenere Formazione deve coinvolgere tutto il personale senza esclusioni discrezionali; la formazione è indispensabile per il lavoratore; serve a mettersi in gioco ed a verificare se si è compreso bene; si dovrebbe incentivare il cambiamento nelle persone permettendo loro di crescere professionalmente; un risultato minimale potrebbe essere quello di riuscire a realizzare quanto appreso durante la formazione che non dovrebbe limitarsi ad essere un incontro molto stimolante ma privo di ricadute sull'operatività; mi pare ovvio che qualsiasi tipo di formazione debba essere considerato un arricchimento e che quindi sia valutabile; migliorare la professionalità; maggiore impegno per l'assimilazone delle informazioni ricevute; potrebbe costituire incentivo al miglioramento delle proprie capacità professinoali e quindi della struttura nel suo complesso; non credo che meccanismi di valutazione possano tout-court portare risultati positivi potrebbe essere comunque uno strumento di misura per verificare l'efficacia della formazione; più che una valutazione dei risultati (riferita alle persone) potrebbe essere utile un momento di confronto seminariale a piccoli gruppi che faccia seguito alle lezioni frontali; stimolo alla valorizzazione delle conoscenze/competenze e maggiore efficienza in termini di servizi; maggiore consapevolezza del proprio ruolo; miglioramento continuoe costante della professionalità; migliorare la professionalità; positivo se finalizzto a stimolare le persone alla partecipazione alla formazione per dare servizi migliori al cittadino; non so; arricchimento del proprio bagaglio culturale - apertura al cambiamento - mettersi in gioco e rispondere con maggiore competenza; arricchimento del proprio bagaglio culturale - apertura al cambiamento - mettersi in gioco e rispondere con maggioer competenza; avere una presa di coscienza

7 dell'apprendimento, purchè questo non influisca sulla produttuvità; verifica dell'apprendimento e stimolo al ripasso/riflessione su quanto appreso; momento importante per capire se la formazione si è conclusa con l'effettivo trasferimento delle competenze, fatta salva l'analisi per capire i motivi di un eventuale risultato negativo; agevolare lo svolgimento delle funzioni operative; positivamente perchè è molto utile aggiornarsi e quindi sapere di essere valutati è ancora più importante; potrebbe essere un incentivo a svolgere meglio il proprio lavoro; il dipendente sarebbe più stimolato e motivato all'aggiornamento costante per ottenere una valutazione positiva; verifica della pertinenza e dell'utilità della formazione, anche in ottica di futura programmazione; aumento delle performance, maggiore comunicabilità al pubblico e maggiore soddisfazione personale; gli strumenti messi a disposizione dal servizio mi hanno aiutato a svolgere il mio compito con una certa agevolezza; maggior impegno individuale e di gruppo con possibilità di vedere le aree dove necessita un ulteriore approfondimento; migliorare la performance individuale, come mezzo per aumentare la performance organizzativa; miglioramento continuo della professionalità e conseguentemente dei servizi offerti, purchè sia accessibile a tutti i dipendenti. 12. Hai altri suggerimenti e/o richieste da sottoporre al Amministrazione sul tema della formazione? Budget più consono per formazione p.l.; qualità e competeza dei formatori e aggiornamento alle nuove normative; valutare meglio il proprio personale ed essere più rigidi dove necessario e permettere qualche cambiamento generazionale; verificare la possibilità di affrontare argomenti come l'accessibilità il rapporto con i cittadini/utenti ed il front office; avviare persorso formativo intersettoriale su SIT GIS che coinvolga tutti i settori e l'amministrazione in modo da creare una sistema informativo territoriale da aggiornare costantemente; corsi di inglese per tutti i dipendenti che trattano con utenza straniera corsi di comunicazione per dipendenti che hanno rapporto con il pubblico e corsi sulle novità normative che nel caso del commercio sono molte; possibilità di incontri sull'organizzazione teorica e concreta della macchina comunale; maggiore attenzione alla formazione ed alla capacità dei formatori di verificare la comprensione di ciò che si trasmette - investire in innovazione tecnologia è importante ma è necessario comprendere il modo in cui le persone vivono e rappresentano l'organizzazione; opportuno un tempo e luogo destinati costantemente alla formazione per far fronte alle circolari che arrivano quotidianamente; frequenti momenti formativi di tipo specifico per la propria attività (almeno una volta l'anno) all'interno dell'ente anche tenuti dai responsabili che ne abbiamo le competenze; incontri formativi con cadenza almeno annuale; necessario maggiore passaggio di informazioni sulle novità normative anche con semplici riunioni da parte dei responsabili o formatori interni; maggiori incontri; fare maggiore formazione; dare importanza alla formazione professionale personale per offrire un buon

8 servizio, potrebbero essere utili incontri formativi periodi con cadenza prefissata (es annuale o semestrale) e comunque tempestivamente quando ci sono aggiornamenti; ogniqualvolta si presenti la necessità; ri-definire il ruolo di formatore interno; prevedere formazioni periodiche non solo per l'apprendimento di nuove procedure ma anche per un confronto, per l'utilizzo degli strumenti tecnologici e per la conoscenza normativa di settore e non; ri-definire il ruolo dei formatori interni, spazio per la consultazione del materiale di TUTTI i corsi di formazione (intranet); valutazione della formazione non come indicatore della produttività ma come momento di riflessione per che ha organizzato la formazione, buona preparazione come veicolo di entusiasmo; continuità rispetto all'oggetto della tematica; formiamoci su quello che facciamo in conume, sapere chi fa che cosa non sarebbe male; non proporre più processi di cambiamento come l'ultimo corso sul benessere organizzativo che non tengano conto della struttura gerarchica dell'ente, i veri cambiamenti partono prima di tutto da proposte fatte prima di tutto ai responsabili la cui iniziativa deve precedere quella degli altri e dare l'esempio; disporre di un programma cartografico più evoluto di Mapwin ed utilizzare meglio GPE, anche per l'archiviazione delle pratiche, che non viene sfruttato in tutte le sue potenzialità; incontri mirati tra uffici che svolgono attività tra esse correlate;

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

COMUNE DI MONTE COLOMBO

COMUNE DI MONTE COLOMBO COMUNE DI MONTE COLOMBO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIPENDENTE MANUALE PER LA VALUTAZIONE INDICE Finalità della valutazione Pag. 3 Oggetto della valutazione Pag.

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

URSV PRIMA GIORNATA DELLA COMUNICAZIONE INTERNA PADOVA, 12 GENNAIO 2015 VENEZIA, 13 GENNAIO 2015

URSV PRIMA GIORNATA DELLA COMUNICAZIONE INTERNA PADOVA, 12 GENNAIO 2015 VENEZIA, 13 GENNAIO 2015 URSV PRIMA GIORNATA DELLA COMUNICAZIONE INTERNA PADOVA, 12 GENNAIO 2015 VENEZIA, 13 GENNAIO 2015 RISULTATI DEL SONDAGGIO INTERNO SITO WWW.ISTRUZIONEVENETO.IT UTENTI E NAVIGAZIONE...2 ARGOMENTI DA APPROFONDIRE...8

Dettagli

Controllo di gestione con Mago.NET

Controllo di gestione con Mago.NET logikasoftware.it Controllo di gestione con Mago.NET Una mattinata di formazione per scoprire come monitorare perfettamente la tua azienda attraverso i nuovi moduli di Mago.NET. Imparerai quali sono i

Dettagli

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE SULLA QUALITÁ DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA Questo questionario è rivolto a tutte le insegnanti della scuola e vuole essere un occasione di riflessione sulle variabili di

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI Premessa La Campagna Straordinaria rivolta alle Scuole ha previsto anche la realizzazione di interventi formativi rivolti a docenti

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali 18-19 lezione - 3 novembre 2011 La Guida ai Servizi realizzata da molte Pubbliche Amministrazioni rappresenta uno degli strumenti cartacei più tradizionali

Dettagli

MASTER BREVE IN DIRITTO E PRATICA DEGLI APPALTI PUBBLICI LA RIFORMA DEGLI APPALTI PUBBLICI DOPO LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MASTER BREVE IN DIRITTO E PRATICA DEGLI APPALTI PUBBLICI LA RIFORMA DEGLI APPALTI PUBBLICI DOPO LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MASTER BREVE IN DIRITTO E PRATICA DEGLI APPALTI PUBBLICI LA RIFORMA DEGLI APPALTI PUBBLICI DOPO LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 12 MARZO 2015 9.00-13.00 / 14.00-17.00 26 MARZO 2015 9.00-13.00

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale Indagine sul Benessere organizzativo aziendale L'Azienda Sanitaria ASM di Matera ha avviato L'indagine sul "Benessere Organizzativo Aziendale" nell'anno 2015, secondo le indicazione del Decreto legislativo

Dettagli

Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo

Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo Relazione tecnica sulla scelta del fornitore per il software applicativo relativo alla gestione dei contratti e alla pubblicazione sull'albo pretorio

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

ATTIVITA DI FORMAZIONE DEL PERSONALE T.A.

ATTIVITA DI FORMAZIONE DEL PERSONALE T.A. 2013 Divisione I Servizio Affari Generali e Risorse Umane Ufficio Personale T.A. ATTIVITA DI FORMAZIONE DEL PERSONALE T.A. ATTIVITÀ SVOLTE NELL ANNO 2013 RISULTATI DEL QUESTIONARIO DI ORIENTAMENTO SUI

Dettagli

la soluzione che dà valore alla tua professione

la soluzione che dà valore alla tua professione commercialista consulente del lavoro la soluzione che dà valore alla tua professione L esperienza e la competenza maturate in oltre trent anni di attività, nonché il continuo confronto con i propri clienti,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Via Lecce, 17 03100 FROSINONE - ITALIA Tel. 0775 210531 Fax 0775 210531 E-mail: formazione@sanasrl.it ALLEGATO II.1 CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA ELEMENTI MINIMI LIVELLO STRATEGICO POLITICA

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione

la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione la soluzione che dà valore alla tua associazione associazione L esperienza e la competenza maturate in oltre trent anni di attività, nonché il continuo confronto con i propri clienti, ha permesso a Zucchetti

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 9-15 giugno 2003. Schede telefoniche attivate ad insaputa dei clienti. E-government: il punto dei Garanti europei

Newsletter. Notiziario settimanale 9-15 giugno 2003. Schede telefoniche attivate ad insaputa dei clienti. E-government: il punto dei Garanti europei Newsletter Notiziario settimanale Versione ottimizzata per la stampa Schede telefoniche attivate ad insaputa dei clienti E-government: il punto dei Garanti europei 1 Newsletter 2003 IL GARANTE DENUNCIA

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Totale rappresentanti genitori: 22 Totale questionari cartacei distribuiti: 22 Totale questionari ricevuti:

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia PROGETTO S.I.R.S. Strategie Innovative di Rete dei Servizi Sociali Linee guida per la predisposizione dei progetti: Orientamenti applicativi ARAN 1 Aumento

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica nell aprile 2013 I punti fondamentali

Dettagli

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo.

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. A seguito della prima edizione della Newsletter del Progetto Monitoraggio ("Progetto"),

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2012-2014 PIANI OPERATIVI PER IL RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI

Dettagli

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA Manuela Giaretta 23 gennaio 2014 Strumenti elettronici di pagamento Regione Lombardia è stata tra le prime Regioni ad introdurre l ordinativo

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

Autovalutazione di Istituto

Autovalutazione di Istituto Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose Cavalese-Predazzo Autovalutazione di Istituto Questionario per gli studenti Questionario per le famiglie Cavalese-Predazzo Anno scolastico 2011/2012 Indice

Dettagli

Le Vostre idee per migliorare il nostro paese

Le Vostre idee per migliorare il nostro paese I giovani e Cavour Le Vostre idee per migliorare il nostro paese Questionario Ai giovani dai 21 ai 30 anni rivolto ai giovani dai 21 ai 30 anni Carissimo/a giovane, quante volte, passeggiando per Cavour

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli Tutela della salute e sicurezza sul lavoro Ufficio prevenzione e protezione Giunta regionale d Abruzzo 1 I Continenti che si incontrano e non vanno alla deriva Lo sviluppo del capitale umano in tutte le

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Convegno SIAV Torino - 10 maggio 2007 1 Valore economico Il flusso documentale vale almeno il 2% del PIL. Un risparmio

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico 1 Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro Luigi d Oriano Amministratore Unico 2 Progettiamo innovazioni Passione, esperienza, intuizione, innovazione. La presenza di lavoratori altamente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA

PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Didattica di Santa Teresa di Riva Via Francesco Crispi, 495 98028 S. TERESA DI RIVA (ME) Tel. e Fax: 0942/791410 e-mail: meee06000t@istruzione.it

Dettagli

Progetto Scuole & CSR - 1

Progetto Scuole & CSR - 1 Progetto Scuole & CSR Con il rinnovo del Protocollo d Intesa sulla CSR, tra Regione del Veneto e Unioncamere del Veneto, siglato il 16 giugno 2009, è stata approvata, per il 2009/2010, una particolare

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

Istituto Comprensivo Capraro 1 C.D. Procida

Istituto Comprensivo Capraro 1 C.D. Procida Istituto Comprensivo Capraro 1 C.D. Procida Questionario rilevazione bisogni formativi dei docenti 1. Anno dell ultima esperienza di aggiornamento o formazione professionale effettuata Dopo 2010 2009 o

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Attività 2004 1 SISTEMA INFORMATIVO CONSILIARE E BANCA DATI ARIANNA Sono

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 24 aprile 2014 Spett.le Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Direzione Consumatori e Utenti Piazza Cavour 5 20121 Milano Oggetto: Osservazioni al DCO 115/2014/E/com "Orientamenti

Dettagli

20112012 - Questionario rilevazione bisogni formativi dei docenti

20112012 - Questionario rilevazione bisogni formativi dei docenti 20112012 - Questionario rilevazione bisogni formativi dei docenti Numero di anni di servizio complessivi (ruolo, non di ruolo, paritarie) nella scuola: 100% Numero di anni di servizio complessivi (ruolo,

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TOIC837002 I.C. - BRUINO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro?

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro? Le risposte alle domande più frequenti sul Corso di Laurea triennale in Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali Facoltà di Scienze Politiche Università del Piemonte Orientale,

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano 20060 Trezzano Rosa Piazza XXV Aprile, 1 C.F. 83502090158 P.IVA 04670940156 info@comune.trezza norosa.mi.it www.comune.trezzanorosa.mi.it Tel. 02 920199 Tecnico

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06 Scelta del corso di studi (informazione) Orientamento in itinere - counseling Stage di apprendimento dell uso di strumenti informatici specifici a seconda della tipologia di disabilità Orientamento in

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre Nel mese di Luglio, a chiusura del secondo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

FORMIS - QUESTIONARIO DOCENTI

FORMIS - QUESTIONARIO DOCENTI Note. A. DATI ANAGRAFICI A.1 Sesso (segna con una X l alternativa scelta) A. 1.1 M [ ] A. 1.2 F [ ] A.2 Età (segni con una X l alternativa scelta) A.2.1 fino a 29 [ ] A.2.2 da 30 a 39 [ ] A.2.3 da 40 a

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

Nell'ambito del processo di acquisto sono molte le attività che puoi agevolmente delegare al nostro personale specializzato:

Nell'ambito del processo di acquisto sono molte le attività che puoi agevolmente delegare al nostro personale specializzato: Nell'ambito del processo di acquisto sono molte le attività che puoi agevolmente delegare al nostro personale specializzato: In Siav abbiamo una Divisione specializzata nei servizi in outsourcing: il nostro

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

Art. 2 Criteri per il riconoscimento delle sedi idonee

Art. 2 Criteri per il riconoscimento delle sedi idonee REGOLAMENTO PER IL TIROCINIO POST-LAUREAM PER L AMMISSIONE ALL ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE IN TECNICHE PSICOLOGICHE Approvato dal Consiglio della Facoltà

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Anno Scolastico 2011-2012. Relazione finale. Funzione Strumentale. Nuove tecnologie

Anno Scolastico 2011-2012. Relazione finale. Funzione Strumentale. Nuove tecnologie Anno Scolastico 2011-2012 Relazione finale Funzione Strumentale Nuove tecnologie RELAZIONE FINALE DEI RESPONSABILI DELLE AULE INFORMATICA DELLE SEZIONI VALENTE PENAZZATO - MEDIA Commissione: Cafasso Crimaldi

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA PARTECIPAZIONE DEL TAVOLO DI PARTENARIATO DEL VENETO IN MATERIA DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA (CTE)

QUESTIONARIO SULLA PARTECIPAZIONE DEL TAVOLO DI PARTENARIATO DEL VENETO IN MATERIA DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA (CTE) Dipartimento Politiche e Cooperazione Internazionali Sezione Cooperazione Transfrontaliera e Territoriale Europea QUESTIONARIO SULLA PARTECIPAZIONE DEL TAVOLO DI PARTENARIATO DEL VENETO IN MATERIA DI COOPERAZIONE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

B O L L E T T E E L E T T R I C H E : Q U A L E L A M I G L I O R E?

B O L L E T T E E L E T T R I C H E : Q U A L E L A M I G L I O R E? e n e R g i A B O L L E T T E E L E T T R I C H E : Q U A L E L A M I G L I O R E? di MARCO VIGNOLA Dopo alcuni mesi dall introduzione della Bolletta 2.0 proviamo a valutare come le principali aziende

Dettagli

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro.

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro. Roma, 9 febbraio 2012 Circ. n. 39 / 2012 Prot. n. 113 / AS Arch. n. 2 / D ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011)

SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011) SERVIZIO CENTRALE DI SEGRETERIA DEL CIPE UFFICIO VIII SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011) RAPPORTO

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli