NOTE SUI QUESTIONARI COME STRUMENTO PER LA RILEVAZIONE DEI DATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTE SUI QUESTIONARI COME STRUMENTO PER LA RILEVAZIONE DEI DATI"

Transcript

1 NOTE SUI QUESTIONARI COME STRUMENTO PER LA RILEVAZIONE DEI DATI Situazione: Analisi di un fenomeno collettivo Un Collegio dei docenti, per mettere meglio a punto le strategie di motivazione all'impegno per i propri studenti e per l'eventuale recupero delle loro lacune, nomina una commissione per analizzare l'uso che fanno del loro tempo libero. Prima di improvvisare una risposta, vogliamo discutere di come trovarla. Una impostazione metodologicamente corretta consiste nel definire l'approccio al problema, pianificare le attività da svolgere per arrivare alle risposte e anticipare le implicazioni delle conclusioni; solo successivamente passeremo alla fase operativa. In tal modo il nostro lavoro filerà liscio e la relazione che presenteremo sull'argomento sarà affidabile e difficile da controbattere. In questi appunti descriveremo sommariamente un possibile approccio a come stendere un questionario: analizzeremo le problematiche della acquisizione dei dati, della loro sistemazione e delle valutazioni sintetiche. Il problema proposto è di tipico dominio della statistica. La statistica può essere infatti definita come un insieme di metodi per raccogliere ed analizzare informazioni connesse con la soluzione di problemi pratici o scientifici. I fenomeni studiati dalla statistica debbono possedere come caratteristica fondamentale quella di essere fenomeni collettivi. Un fatto isolato, oppure un fatto irripetibile non sono oggetto dell'indagine statistica. Dove si colloca la statistica nell'attività conoscitiva dell'uomo? Il primo passo verso la conoscenza scientifica del mondo è l'attività di classificazione, che consiste nel saper raggruppare gli oggetti, individuandone le caratteristiche, procedendo per analogie e differenze. Il trattare i fenomeni attraverso dati numerici è un successivo miglioramento della conoscenza. La misurazione di un fenomeno descrive meglio la natura e l'intensità del fenomeno stesso rispetto alla semplice descrizione qualitativa. Un ulteriore approfondimento consiste nel riconoscere se e come certi fenomeni dipendano da altri. E' fondamentale poi rendere quantitativa l'analisi, stabilendo indici del grado di dipendenza e dando forma agli eventuali legami funzionali tra le grandezze. La statistica descrittiva, che qualcuno chiama anche statistica metodologica, si occupa di come raccogliere, registrare, elaborare informazioni, in modo: efficace (finalizzato al conseguimento dell'obiettivo) esauriente (senza ridondanze e senza carenze) economico (non dispendioso) Mettere i dati in relazione, generalizzarne la portata, valutare il grado di interdipendenza dei caratteri sono compiti della statistica inferenziale (o applicata o anche interpretativa), che può essere intesa come insieme degli strumenti per orientare il giudizio in condizione di incertezza. Però qui non tratteremo i concetti e le tecniche della statistica descrittiva e inferenziale, argomenti che lasciamo all'approfondimento su testi e a consulenze con i colleghi docenti di matematica. Poiché la statistica si occupa di fenomeni collettivi, che di solito presentano aspetti diversi e complessi, nel momento in cui si decide di indagare un fenomeno, è opportuno cercare la massima chiarezza nel definire: Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 1

2 quali aspetti ci interessano, per fare che cosa, con quali risorse. Una volta che sia chiaramente definito l'oggetto che si vuol conoscere, bisogna cercare le opportune informazioni. Era questo il compito da svolgere: quale metodo darsi per poter acquisire informazioni sul tempo libero dei giovani in modo rigoroso. La definizione degli obiettivi della ricerca porta a chiarire ciascuno dei termini principali usati nella proposta: Giovani (cioè i soggetti statistici del fenomeno collettivo): da quale a quale età, maschi e femmine, solo studenti o quali categorie di giovani, per quali famiglie, in quale zona geografica,... Tempo libero: che cosa si deve intendere per "tempo libero", in quale ambito esso deve essere analizzato (quotidianamente o stagionalmente), quali sono le attività che si considerano riferite ad esso, quali problemi economici si pongono nel suo uso,... Dopo aver chiarito i termini della questione, dobbiamo trovare un modo per misurare le grandezze coinvolte. ACQUISIZIONE DEI DATI STATISTICI Un primo modo di affrontare il problema della rilevazione dei dati è quello di raccoglierli noi stessi all'origine; quindi dobbiamo proporci una strategia di rilevazione diretta, per esempio intervistando tutti i giovani (o solo un certo numero) o somministrando loro un questionario. Se il fenomeno da sottoporre ad indagine statistica non fosse un fenomeno sociale, i dati sarebbero rilevati in altro modo, con l'osservazione e il conteggio diretti, con strumenti di rilevazione, ecc., a seconda dei casi. Qui ci interessa approfondire proprio l'applicazione di metodologie statistiche a fenomeni sociali ed economici. Talvolta è possibile ricavare i dati che ci servono da altri dati che sono stati raccolti per altri scopi, oppure è opportuno fare affidamento a dati che qualcuno (spesso fonti pubbliche) ha raccolto. Va messo in evidenza che comunque i dati vanno interpretati con spirito critico, sia riguardo agli obiettivi conoscitivi che si era proposto il rilevatore, sia riguardo alle metodologie di rilevazione usate. Bisogna anche esplicitare che il rilevatore è non esterno all'universo da indagare, ma ne fa parte integrante, e quindi non può essere neutrale; egli non può evitare di influenzare attivamente le conclusioni neanche se volesse. Passiamo ora ad approfondire le modalità di rilevazione dei dati. Rilevazione diretta alla fonte A) - Considerazioni generali Una rilevazione dati è un intervento su di un sistema sociale, che in seguito all'intervento stesso viene modificato. Difficilmente la stessa rilevazione ripetuta in momenti diversi darebbe esattamente gli stessi risultati. Per esempio la divulgazione dei risultati dei sondaggi preelettorali può portare alla modifica del comportamento di alcuni elettori, che vengono influenzati dalla conoscenza di come si comportano gli altri. Una rilevazione dati alla fonte può essere fatta con sistemi diversi: Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 2

3 osservazione diretta; intervista; questionario. L'osservazione diretta si applica allo studio di fenomeni che si prestano ad essere facilmente misurati, per esempio il numero di studenti assenti giorno per giorno in una classe, il tempo impiegato per consegnare un compito in classe, ecc. In taluni casi si usano anche tecniche di ripresa cinematografica per osservare atteggiamenti e comportamenti. Il confine tra intervista e questionario è incerto, in quanto entrambi sono centrati sulla possibilità di instaurare un colloquio tra rilevatore e soggetto indagato. La differenza è centrata nella strutturazione della comunicazione, molto più libera nell'intervista, e ingabbiata in uno schema più rigido nel questionario. Un punto importantissimo è quello relativo all'estensione dell'indagine. Si può indagare su tutti gli individui dell'universo, oppure su una parte (campione). E' chiaro che il primo modo di procedere è più affidabile, ma più dispendioso e lento, mentre il secondo è più economico e rapido, ma pone seri problemi in merito alla scelta del campione e alla legittimità di estendere i risultati dell'indagine dal campione a tutto l'universo. PROPOSTA DI LAVORO Prendere in considerazione la seguente bozza di questionario sull'organizzazione di iniziative culturali per l'istituto, immaginando di essere chiamati a rispondere alle domande e a formulare delle critiche al questionario stesso per migliorare la sua stesura definitiva, modificando, aggiungendo, togliendo domande e/o risposte. QUESTIONARIO (BOZZA) Presentazione. Con il presente questionario intendiamo indagare sull'orientamento degli studenti in merito al problema della programmazione culturale extrascolastica. Le risposte che ogni studente darà serviranno ad influenzare le decisioni per un'iniziativa o un'altra, per un tipo di gestione o un altro. Ci richiamiamo quindi al tuo senso di responsabilità nel compilarlo. a) - PARTE ANAGRAFICA (facilmente immaginabile) b) - LE ATTIVITA' SCOLASTICHE NELLA SCUOLA CHE FREQUENTI b1) - Quali sono i motivi per cui hai scelto la scuola che frequenti? b1.1) Per la preparazione generale che la scuola può fornire. b1.2) Per interesse e propensione per quel tipo di studi. b1.3) Per la necessità di lavorare subito dopo il diploma. b1.4) Per poter rinviare la decisione se fare l'università o no a dopo la maturità. b1.5) Perché la scuola scelta è la più accessibile al luogo di residenza. b1.6) Perché le altre scuole non mi piacevano. b1.7) Per nessun motivo specifico. b1.8) Altro (Quale?...). Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 3

4 b2) - Nella scelta della scuola, con chi hai parlato di più? b2.1) Con gli amici. b2.2) Con i familiari. b2.3) Con il parroco. b2.4) Con gli insegnanti delle scuole medie. b2.5) Altro (Chi?...). b3) - Hai trovato finora nella scuola ciò che ti aspettavi? b3.1) Si b3.2) No b3.3) In parte b4) - Secondo te, in che cosa è più carente la scuola che frequenti? b4.1) Realizzazione della personalità attraverso i rapporti umani. b4.2) Formazione in generale. b4.3) Preparazione professionale. b5) - Quante ore dedichi giornalmente allo studio a casa? b5.1) 0 ore b5.2) 1 ora b5.3) 2 ore b5.4) 3 ore b5.5) 4 ore b5.6) più di 4 ore. b6) - A proposito delle cause della crisi della scuola ritieni che si possa trovare un accordo tra: b6.1) Tutti gli studenti. b6.2) Più della metà degli studenti. b6.3) Meno della metà degli studenti. b6.4) Pochi studenti. b7) - Distribuisci il tempo medio che dedichi di solito alle seguenti attività (esprimersi in ore): b7.1) Sport... b7.2) Televisione... b7.3) Amici... b7.4) Hobby... b7.5) Studio... b7.6) Passeggio... c) - LE ATTIVITA' CULTURALI EXTRASCOLASTICHE c1) - Secondo te, verso che cosa dovrebbe indirizzarsi l'attività culturale extrascolastica? (assegna i voti 1, 2, 3 rispettivamente dalla risposta meno interessante alla più interessante; puoi dare più volte lo stesso voto). c1.1) Approfondimento di argomenti svolti a scuola in modo superficiale. c1.2) Sviluppo di argomenti non inseriti nei programmi. c1.3) Promozione della socializzazione, con sviluppo di attività di tipo artistico, teatrale, musicale, sportivo. c1.4) Integrazione della formazione scolastica con la formazione professionale. c2) - Come pensi che dovrebbero essere gestite queste attività? c2.1) Con l'autogestione degli studenti partecipanti. c2.2) Sotto la direzione degli insegnanti interni. c2.3) Con il coordinamento e la collaborazione degli insegnanti interni. c2.4) Sotto la direzione di esperti esterni. Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 4

5 c2.5) Con il coordinamento e la consulenza di esperti esterni. c3) - Secondo te, quale sarebbe la composizione migliore per far funzionare i gruppi degli studenti per le attività culturali extrascolastiche? c3.1) Gruppi di studenti della stessa classe. c3.2) Gruppi di studenti dello stesso anno di corso ma di classi diverse. c3.3) Gruppi di studenti possibilmente di classi diverse. c3.4) Raggruppamenti a piacere. c4) - Sei disposto/a a seguire delle attività culturali extrascolastiche? c4.1) Si c4.2) No c4.3) Dipende (Da che?...) c5) - Se hai risposto positivamente alla precedente domanda, quanto tempo sei disposto/a a dedicare settimanalmente all'attività culturale extrascolastica? c5.1) Fino a 2 ore c5.2) Fino a 4 ore c5.3) Oltre 4 ore. c6) - A quale di queste iniziative parteciperesti? (Anche più preferenze). c6.1) Approfondire materie scolastiche. (Quali?...) c6.2) Materie che non studi a scuola. (Quali?...) c6.3) Diritto costituzionale. c6.4) Urbanistica. c6.5) Organizzazione Aziendale. c6.6) Psicologia. c6.7) Sociologia. c6.8) Fotografia. c6.9) Tecniche grafiche, pittura, disegno. c6.10) Informatica e telematica. c6.11) Teatro e recitazione. c6.12) Storia del cinema, critica cinematografica. c6.13) Storia della musica. c6.14) Apprendimento di uno strumento musicale. c6.15) Indagini sull'ambiente. c6.16) Igiene e salute. c6.17) Ecologia. c6.18) Altro (che cosa...) B) - Consigli per costruire un questionario Un buon punto di partenza per una corretta rilevazione dei dati all'origine è la chiarezza degli obiettivi. E' facile perdersi in questioni scarsamente rilevanti se non si tiene costantemente sotto controllo ciò che si desidera indagare. E' opportuno quindi tener presente la quantità di informazione che ogni domanda fornisce, in modo da poter valutare il suo ruolo nel questionario; le domande bellissime ma inutili ai fini di ciò che vogliamo sapere vanno inesorabilmente eliminate. Inoltre bisogna formulare il testo in vista delle successive elaborazioni, numerando le domande e cercando di prevedere quali saranno le risposte. Il questionario può essere concepito a Risposte Aperte o a Risposte Chiuse. La risposta aperta Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 5

6 indica che si è liberi di esprimere il parere che più ci piace; ci si avvicina di più all'intervista. Risposta chiusa vuol dire che sono presentati una serie di possibili casi; l'intervistato deve segnalare il caso o i casi che corrispondono alla sua risposta. Un questionario aperto richiede all'intervistato maggior fatica; se questi è disposto a compierla, il questionario sarà più ricco di informazioni, che, essendo libere, renderanno più difficile il compito della loro classificazione. I questionari a risposte chiuse sono più limitativi della realtà dell'intervistato, ma di più facile compilazione per lui e di più facile elaborazione per il ricercatore. Costruire un buon questionario non è semplice. La sua formulazione può toccare delicati problemi di forma e di comunicazione, e si può ricorrere al contributo di esperti psicologi. Difficilmente si riesce a realizzare un buon questionario a tavolino; pertanto una buona norma è sottoporre la prima stesura del questionario ad un piccolo campione di intervistandi, per verificarne la chiarezza e l'efficacia (pre-testing). La PROPOSTA DI LAVORO consiste in sostanza nell'effettuare il pre-testing del questionario. Inoltre è anche opportuna una fase di istruzione degli intervistatori, quando questi siano previsti dal piano di raccolta dati, in modo tale da rendere omogeneo il loro comportamento nell'interazione con gli intervistati. E' opportuno che tutti gli intervistati vengano posti nelle stesse condizioni per garantire che le risposte non siano influenzate da fattori estranei. Così, somministrare un questionario per gli studenti (per esempio sulle discoteche) ad alcuni il sabato ad altri il lunedì può dar luogo a differenti risposte. Ecco alcuni consigli da tener in conto nella stesura di un questionario: Ordine delle domande 1. E' consigliabile seguire un ordine legato alle associazioni psicologiche degli argomenti analizzati, piuttosto che un ordine dettato dalla logica. 2. E' meglio evitare domande imbarazzanti (per esempio sulla sincerità verso i genitori o sull'assunzione di droghe). Però, se questo è l'oggetto dell'indagine, è opportuno mascherare gli obiettivi trovando una formulazione indiretta; è conveniente poi mettere qualche domanda di controllo in un altro punto del questionario dove l'attenzione dell'intervistato è non più all'erta. Nel nostro questionario, la domanda b6, poco funzionale agli scopi, intende mascherare la domanda b7 che controlla la coerenza dell'intervistato con la risposta a b5; ci chiarisce anche il punto precedente in quanto la domanda b6 non è consequenziale al discorso che si sta facendo. 3. Se si prevede per una certa domanda un'alta percentuale di rifiuti alla risposta, è meglio che questa domanda sia in fondo, in modo da poter disporre comunque delle risposte che la precedono. 4. Un questionario con troppe domande risulta pesante, e le risposte verso il fondo possono essere meno attendibili delle prime per stanchezza dell'intervistato. D'altra parte, se si decide di mettere in atto una rilevazione dei dati, è opportuno raccogliere quante più informazioni possibili a parità di impegno. Un numero di domande cui far riferimento può essere dalle 20 alle 40. Il nostro questionario presenta poche domande, e la parte b è sbilanciata verso la problematica dell'orientamento scolastico, che non è centrale per i nostri scopi; sono invece stati trascurati alcuni aspetti importanti, come i trasporti, che possono favorire o meno l'attività extrascolastica, e lo sport, che meritava uno spazio maggiore. Formulazione delle domande 5. Le domande vanno formulate nel linguaggio degli intervistati e nella loro ottica, con la massima chiarezza e semplicità. La risposta non deve essere implicata dalla domanda. Nel nostro questionario la domanda c3 Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 6

7 implica già che tutti concordino nell'organizzare l'attività in gruppi. 6. Le domande debbono essere formulate in modo da trovare la risposta facilmente. Se si chiedono operazioni complicate per dare una risposta (per esempio andare a cercare un documento), o che rimandano a sforzi di memoria, l'intervistato si comporterà in modo poco affidabile. 7. E' meglio chiedere fatti e non motivazioni; una risposta è tanto più attendibile quanto più immediata e spontanea; chiedere motivazioni induce a riflessione e ad accondiscendere con l'intervistatore. Formulazione delle risposte 8. Nei questionari a risposte chiuse è consigliabile precodificare le risposte. Le risposte suggerite per ogni domanda debbono essere complete. Ogni intervistato deve poter trovare la sua risposta tra quelle presentate. Per realizzare ciò, ci si può sempre proporre una scelta di tipo "Altro", che può essere lasciata libera. Mentre nelle domande b1 e b2 è presente una risposta libera, nella domanda b7 non c'è, forse per errore. 9. Quando è possibile, è meglio che l'elenco delle risposte per domanda non sia troppo lungo. Nel questionario la domanda c6 presenta troppe risposte, ma si può discutere di come sarebbe stato meglio fare. Inoltre la risposta c6.2 può generare confusione in quanto ricopre tutte le risposte successive. 10. Evitare, quando possibile, le domande con più risposte, per le evidenti difficoltà di codifica. Separare con chiarezza le domande riservate solo a chi ha dato una certa risposta (esempio " Se hai risposto Si alla precedente domanda allora..."; oppure: "Parte riservata a chi..."). La domanda c1 del questionario dovrà essere codificata in modo diverso dalle altre, perché si chiede un voto per ciascuna risposta. La domanda c5 è un esempio di domanda condizionata. C) - Incentivazioni e modalità del colloquio per la rilevazione dati La rilevazione dei dati alla fonte presuppone che il rilevatore e il soggetto indagato possano comunicare. Inoltre la bontà del metodo incentrata sull'ipotesi che gli intervistati sappiano dare le informazioni che si stanno cercando, e che vogliano darle. Per ben disporre la persona da intervistare nei confronti del questionario, si possono usare incentivi economici o morali: ai questionari consegnati si può per esempio abbinare il sorteggio di premi; oppure si fa riferimento al senso di responsabilità degli intervistati (come nell'introduzione del nostro questionario); o si chiede a qualche famosa personalità di presentare l'indagine. Si pone poi cura alla presentazione tipografica e all'educazione e all'affabilità degli intervistatori, in modo da rendere il più possibile accattivante l'adempimento della raccolta dati. SISTEMAZIONE DEI DATI Una volta raccolti i dati (per esempio l'insieme dei questionari), è necessario passare allo spoglio, che consiste in un'insieme di attività atte a classificare e a contare le risposte, per procedere poi alle elaborazioni. Anche se lo spoglio può essere fatto manualmente, è conveniente usare sistemi automatici. Disponendo di elaboratori elettronici e di opportuni programmi, i dati raccolti vengono semplicemente inseriti; il sistema provvederà a fornire i valori totali e percentuali e altre utili informazioni. E' comunque opportuno chiarire come i dati debbono essere organizzati; che poi si usi la matita o il Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 7

8 computer è secondario. Il fenomeno indagato è rappresentato da un insieme di caratteri, i quali assumono per ciascun soggetto statistico valori appartenenti ad insiemi numerici, e allora sono detti caratteri variabili, oppure valori appartenenti ad un insieme di attributi, e allora sono detti caratteri mutabili. Esempi rispettivi sono l'altezza e il colore degli occhi. Per i caratteri variabili si procede di solito alla definizione delle classi o categorie, in modo da avere un numero discreto di raggruppamenti. Lo spoglio consiste quindi nel conteggio del numero dei soggetti che appartengono ad un dato raggruppamento. Se facessimo per esempio lo spoglio del questionario della PROPOSTA DI LAVORO, per ogni domanda dovremo contare quanti soggetti hanno contrassegnato ciascuna delle risposte, producendo tante tabelle del tipo seguente quante sono le domande. Domanda b1. Risposte a b Risposte a b Risposte a b Non rispondono 11 Totale 1675 Domanda b Se le risposte fossero aperte, sarebbe necessario procedere alla loro classificazione, ed eventualmente al loro raggruppamento. Se le risposte ammettessero scelte multiple (anche più crocette), il totale delle risposte non corrisponderebbe al totale degli intervistati. Ciò che viene fuori è una Tabella semplice ossia un prospetto che associa ad ogni modalità del fenomeno una frequenza o un'intensità. Se ogni risposta ammette sottoscelte, come nel caso della domanda c1 ("per ogni risposta metti un voto da 1 a 3"), si hanno Tabelle a doppia entrata del tipo: Domanda c1: Voto Risposte M.R. c1.1 c1.2 c1.3 c1.4 Totali dove per ogni domanda sono presentate due modalità, la prima delle quali intesta le righe e la seconda le colonne di una matrice; in ciascuna casella della matrice è registrata la frequenza o l'intensità rilevate. (M.R. = Mancata Risposta). VALUTAZIONI SINTETICHE In tutte le situazioni in cui si deve descrivere un fenomeno complesso, sul quale si siano fatte diverse rilevazioni, è opportuno individuare degli indicatori sintetici significativi, e rappresentare il Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 8

9 fenomeno attraverso essi. Finora abbiamo imparato a raccogliere delle osservazioni, organizzarle e disporle ordinatamente. Non ci possiamo qui occupare approfonditamente dei vari modi in cui da molte informazioni è possibile trarre pochi numeri che le riassumano tutte e rendano meglio comprensibile il fenomeno osservato. Ci limitiamo ad osservare che il guadagno nella sinteticità viene pagato in termini di perdita di informazione, in quanto i dati di dettaglio vengono trascurati. L'individuazione dei numeri che meglio descrivono il fenomeno dipende dalla situazione; la scelta di quale indicatore usare è spesso soggettiva. Indicatori sintetici comunemente usati sono gli indici di posizione centrale (medie di calcolo, tra le quali la media aritmetica, nella maggior parte dei casi è l'indice meglio rappresentativo, e medie di posizione, quali la mediana e la moda), gli indici di dispersione, i rapporti e i numeri indici. Inoltre può essere interessante incrociare le domande, rispondendo a curiosità del tipo: quanti soggetti, avendo dato la risposta x n alla domanda X, hanno anche dato la risposta y m alla domanda Y. In astratto ogni domanda potrebbe essere incrociata con tutte le altre (tranne con se stessa), dando luogo al triangolo degli incroci. Per esempio, avendo 5 domande, si avrebbe il seguente triangolo degli incroci: Ma di solito ha interesse l'incrocio di un numero limitato di 2 domande. 3 Il risultato dell'analisi dell'incrocio di due domande dà luogo ad una tabella di contingenza. 4 Così se per esempio nel questionario sopra discusso volessimo 5 mettere in correlazione l'influenza nella scelta della scuola con il sesso dello studente, avremmo una tabella di questo genere: Totali Influenza nella scelta della scuola Sesso Amici Familiari Parroco Insegnanti Altro Totali M F In ogni casella si pone il numero degli studenti che hanno contemporaneamente i caratteri relativi alle intestazioni di riga e di colonna. Può anche essere significativa la percentuale di tali numeri calcolata sul totale di riga, oppure di colonna o infine sul totale generale. Rielaborazione di parte dell'u.d. 14 "Elementi di statistica descrittiva" del "Corso di matematica applicata e laboratorio" di M. Tombolini, M. Sparapani, A. Benedetti, A. Angeletti, Calderini Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 9

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero.

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Cosa fa un ingegnere petrolifero? Gli ingegneri petroliferi individuano, estraggono e

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli