NOTE SUI QUESTIONARI COME STRUMENTO PER LA RILEVAZIONE DEI DATI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTE SUI QUESTIONARI COME STRUMENTO PER LA RILEVAZIONE DEI DATI"

Transcript

1 NOTE SUI QUESTIONARI COME STRUMENTO PER LA RILEVAZIONE DEI DATI Situazione: Analisi di un fenomeno collettivo Un Collegio dei docenti, per mettere meglio a punto le strategie di motivazione all'impegno per i propri studenti e per l'eventuale recupero delle loro lacune, nomina una commissione per analizzare l'uso che fanno del loro tempo libero. Prima di improvvisare una risposta, vogliamo discutere di come trovarla. Una impostazione metodologicamente corretta consiste nel definire l'approccio al problema, pianificare le attività da svolgere per arrivare alle risposte e anticipare le implicazioni delle conclusioni; solo successivamente passeremo alla fase operativa. In tal modo il nostro lavoro filerà liscio e la relazione che presenteremo sull'argomento sarà affidabile e difficile da controbattere. In questi appunti descriveremo sommariamente un possibile approccio a come stendere un questionario: analizzeremo le problematiche della acquisizione dei dati, della loro sistemazione e delle valutazioni sintetiche. Il problema proposto è di tipico dominio della statistica. La statistica può essere infatti definita come un insieme di metodi per raccogliere ed analizzare informazioni connesse con la soluzione di problemi pratici o scientifici. I fenomeni studiati dalla statistica debbono possedere come caratteristica fondamentale quella di essere fenomeni collettivi. Un fatto isolato, oppure un fatto irripetibile non sono oggetto dell'indagine statistica. Dove si colloca la statistica nell'attività conoscitiva dell'uomo? Il primo passo verso la conoscenza scientifica del mondo è l'attività di classificazione, che consiste nel saper raggruppare gli oggetti, individuandone le caratteristiche, procedendo per analogie e differenze. Il trattare i fenomeni attraverso dati numerici è un successivo miglioramento della conoscenza. La misurazione di un fenomeno descrive meglio la natura e l'intensità del fenomeno stesso rispetto alla semplice descrizione qualitativa. Un ulteriore approfondimento consiste nel riconoscere se e come certi fenomeni dipendano da altri. E' fondamentale poi rendere quantitativa l'analisi, stabilendo indici del grado di dipendenza e dando forma agli eventuali legami funzionali tra le grandezze. La statistica descrittiva, che qualcuno chiama anche statistica metodologica, si occupa di come raccogliere, registrare, elaborare informazioni, in modo: efficace (finalizzato al conseguimento dell'obiettivo) esauriente (senza ridondanze e senza carenze) economico (non dispendioso) Mettere i dati in relazione, generalizzarne la portata, valutare il grado di interdipendenza dei caratteri sono compiti della statistica inferenziale (o applicata o anche interpretativa), che può essere intesa come insieme degli strumenti per orientare il giudizio in condizione di incertezza. Però qui non tratteremo i concetti e le tecniche della statistica descrittiva e inferenziale, argomenti che lasciamo all'approfondimento su testi e a consulenze con i colleghi docenti di matematica. Poiché la statistica si occupa di fenomeni collettivi, che di solito presentano aspetti diversi e complessi, nel momento in cui si decide di indagare un fenomeno, è opportuno cercare la massima chiarezza nel definire: Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 1

2 quali aspetti ci interessano, per fare che cosa, con quali risorse. Una volta che sia chiaramente definito l'oggetto che si vuol conoscere, bisogna cercare le opportune informazioni. Era questo il compito da svolgere: quale metodo darsi per poter acquisire informazioni sul tempo libero dei giovani in modo rigoroso. La definizione degli obiettivi della ricerca porta a chiarire ciascuno dei termini principali usati nella proposta: Giovani (cioè i soggetti statistici del fenomeno collettivo): da quale a quale età, maschi e femmine, solo studenti o quali categorie di giovani, per quali famiglie, in quale zona geografica,... Tempo libero: che cosa si deve intendere per "tempo libero", in quale ambito esso deve essere analizzato (quotidianamente o stagionalmente), quali sono le attività che si considerano riferite ad esso, quali problemi economici si pongono nel suo uso,... Dopo aver chiarito i termini della questione, dobbiamo trovare un modo per misurare le grandezze coinvolte. ACQUISIZIONE DEI DATI STATISTICI Un primo modo di affrontare il problema della rilevazione dei dati è quello di raccoglierli noi stessi all'origine; quindi dobbiamo proporci una strategia di rilevazione diretta, per esempio intervistando tutti i giovani (o solo un certo numero) o somministrando loro un questionario. Se il fenomeno da sottoporre ad indagine statistica non fosse un fenomeno sociale, i dati sarebbero rilevati in altro modo, con l'osservazione e il conteggio diretti, con strumenti di rilevazione, ecc., a seconda dei casi. Qui ci interessa approfondire proprio l'applicazione di metodologie statistiche a fenomeni sociali ed economici. Talvolta è possibile ricavare i dati che ci servono da altri dati che sono stati raccolti per altri scopi, oppure è opportuno fare affidamento a dati che qualcuno (spesso fonti pubbliche) ha raccolto. Va messo in evidenza che comunque i dati vanno interpretati con spirito critico, sia riguardo agli obiettivi conoscitivi che si era proposto il rilevatore, sia riguardo alle metodologie di rilevazione usate. Bisogna anche esplicitare che il rilevatore è non esterno all'universo da indagare, ma ne fa parte integrante, e quindi non può essere neutrale; egli non può evitare di influenzare attivamente le conclusioni neanche se volesse. Passiamo ora ad approfondire le modalità di rilevazione dei dati. Rilevazione diretta alla fonte A) - Considerazioni generali Una rilevazione dati è un intervento su di un sistema sociale, che in seguito all'intervento stesso viene modificato. Difficilmente la stessa rilevazione ripetuta in momenti diversi darebbe esattamente gli stessi risultati. Per esempio la divulgazione dei risultati dei sondaggi preelettorali può portare alla modifica del comportamento di alcuni elettori, che vengono influenzati dalla conoscenza di come si comportano gli altri. Una rilevazione dati alla fonte può essere fatta con sistemi diversi: Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 2

3 osservazione diretta; intervista; questionario. L'osservazione diretta si applica allo studio di fenomeni che si prestano ad essere facilmente misurati, per esempio il numero di studenti assenti giorno per giorno in una classe, il tempo impiegato per consegnare un compito in classe, ecc. In taluni casi si usano anche tecniche di ripresa cinematografica per osservare atteggiamenti e comportamenti. Il confine tra intervista e questionario è incerto, in quanto entrambi sono centrati sulla possibilità di instaurare un colloquio tra rilevatore e soggetto indagato. La differenza è centrata nella strutturazione della comunicazione, molto più libera nell'intervista, e ingabbiata in uno schema più rigido nel questionario. Un punto importantissimo è quello relativo all'estensione dell'indagine. Si può indagare su tutti gli individui dell'universo, oppure su una parte (campione). E' chiaro che il primo modo di procedere è più affidabile, ma più dispendioso e lento, mentre il secondo è più economico e rapido, ma pone seri problemi in merito alla scelta del campione e alla legittimità di estendere i risultati dell'indagine dal campione a tutto l'universo. PROPOSTA DI LAVORO Prendere in considerazione la seguente bozza di questionario sull'organizzazione di iniziative culturali per l'istituto, immaginando di essere chiamati a rispondere alle domande e a formulare delle critiche al questionario stesso per migliorare la sua stesura definitiva, modificando, aggiungendo, togliendo domande e/o risposte. QUESTIONARIO (BOZZA) Presentazione. Con il presente questionario intendiamo indagare sull'orientamento degli studenti in merito al problema della programmazione culturale extrascolastica. Le risposte che ogni studente darà serviranno ad influenzare le decisioni per un'iniziativa o un'altra, per un tipo di gestione o un altro. Ci richiamiamo quindi al tuo senso di responsabilità nel compilarlo. a) - PARTE ANAGRAFICA (facilmente immaginabile) b) - LE ATTIVITA' SCOLASTICHE NELLA SCUOLA CHE FREQUENTI b1) - Quali sono i motivi per cui hai scelto la scuola che frequenti? b1.1) Per la preparazione generale che la scuola può fornire. b1.2) Per interesse e propensione per quel tipo di studi. b1.3) Per la necessità di lavorare subito dopo il diploma. b1.4) Per poter rinviare la decisione se fare l'università o no a dopo la maturità. b1.5) Perché la scuola scelta è la più accessibile al luogo di residenza. b1.6) Perché le altre scuole non mi piacevano. b1.7) Per nessun motivo specifico. b1.8) Altro (Quale?...). Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 3

4 b2) - Nella scelta della scuola, con chi hai parlato di più? b2.1) Con gli amici. b2.2) Con i familiari. b2.3) Con il parroco. b2.4) Con gli insegnanti delle scuole medie. b2.5) Altro (Chi?...). b3) - Hai trovato finora nella scuola ciò che ti aspettavi? b3.1) Si b3.2) No b3.3) In parte b4) - Secondo te, in che cosa è più carente la scuola che frequenti? b4.1) Realizzazione della personalità attraverso i rapporti umani. b4.2) Formazione in generale. b4.3) Preparazione professionale. b5) - Quante ore dedichi giornalmente allo studio a casa? b5.1) 0 ore b5.2) 1 ora b5.3) 2 ore b5.4) 3 ore b5.5) 4 ore b5.6) più di 4 ore. b6) - A proposito delle cause della crisi della scuola ritieni che si possa trovare un accordo tra: b6.1) Tutti gli studenti. b6.2) Più della metà degli studenti. b6.3) Meno della metà degli studenti. b6.4) Pochi studenti. b7) - Distribuisci il tempo medio che dedichi di solito alle seguenti attività (esprimersi in ore): b7.1) Sport... b7.2) Televisione... b7.3) Amici... b7.4) Hobby... b7.5) Studio... b7.6) Passeggio... c) - LE ATTIVITA' CULTURALI EXTRASCOLASTICHE c1) - Secondo te, verso che cosa dovrebbe indirizzarsi l'attività culturale extrascolastica? (assegna i voti 1, 2, 3 rispettivamente dalla risposta meno interessante alla più interessante; puoi dare più volte lo stesso voto). c1.1) Approfondimento di argomenti svolti a scuola in modo superficiale. c1.2) Sviluppo di argomenti non inseriti nei programmi. c1.3) Promozione della socializzazione, con sviluppo di attività di tipo artistico, teatrale, musicale, sportivo. c1.4) Integrazione della formazione scolastica con la formazione professionale. c2) - Come pensi che dovrebbero essere gestite queste attività? c2.1) Con l'autogestione degli studenti partecipanti. c2.2) Sotto la direzione degli insegnanti interni. c2.3) Con il coordinamento e la collaborazione degli insegnanti interni. c2.4) Sotto la direzione di esperti esterni. Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 4

5 c2.5) Con il coordinamento e la consulenza di esperti esterni. c3) - Secondo te, quale sarebbe la composizione migliore per far funzionare i gruppi degli studenti per le attività culturali extrascolastiche? c3.1) Gruppi di studenti della stessa classe. c3.2) Gruppi di studenti dello stesso anno di corso ma di classi diverse. c3.3) Gruppi di studenti possibilmente di classi diverse. c3.4) Raggruppamenti a piacere. c4) - Sei disposto/a a seguire delle attività culturali extrascolastiche? c4.1) Si c4.2) No c4.3) Dipende (Da che?...) c5) - Se hai risposto positivamente alla precedente domanda, quanto tempo sei disposto/a a dedicare settimanalmente all'attività culturale extrascolastica? c5.1) Fino a 2 ore c5.2) Fino a 4 ore c5.3) Oltre 4 ore. c6) - A quale di queste iniziative parteciperesti? (Anche più preferenze). c6.1) Approfondire materie scolastiche. (Quali?...) c6.2) Materie che non studi a scuola. (Quali?...) c6.3) Diritto costituzionale. c6.4) Urbanistica. c6.5) Organizzazione Aziendale. c6.6) Psicologia. c6.7) Sociologia. c6.8) Fotografia. c6.9) Tecniche grafiche, pittura, disegno. c6.10) Informatica e telematica. c6.11) Teatro e recitazione. c6.12) Storia del cinema, critica cinematografica. c6.13) Storia della musica. c6.14) Apprendimento di uno strumento musicale. c6.15) Indagini sull'ambiente. c6.16) Igiene e salute. c6.17) Ecologia. c6.18) Altro (che cosa...) B) - Consigli per costruire un questionario Un buon punto di partenza per una corretta rilevazione dei dati all'origine è la chiarezza degli obiettivi. E' facile perdersi in questioni scarsamente rilevanti se non si tiene costantemente sotto controllo ciò che si desidera indagare. E' opportuno quindi tener presente la quantità di informazione che ogni domanda fornisce, in modo da poter valutare il suo ruolo nel questionario; le domande bellissime ma inutili ai fini di ciò che vogliamo sapere vanno inesorabilmente eliminate. Inoltre bisogna formulare il testo in vista delle successive elaborazioni, numerando le domande e cercando di prevedere quali saranno le risposte. Il questionario può essere concepito a Risposte Aperte o a Risposte Chiuse. La risposta aperta Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 5

6 indica che si è liberi di esprimere il parere che più ci piace; ci si avvicina di più all'intervista. Risposta chiusa vuol dire che sono presentati una serie di possibili casi; l'intervistato deve segnalare il caso o i casi che corrispondono alla sua risposta. Un questionario aperto richiede all'intervistato maggior fatica; se questi è disposto a compierla, il questionario sarà più ricco di informazioni, che, essendo libere, renderanno più difficile il compito della loro classificazione. I questionari a risposte chiuse sono più limitativi della realtà dell'intervistato, ma di più facile compilazione per lui e di più facile elaborazione per il ricercatore. Costruire un buon questionario non è semplice. La sua formulazione può toccare delicati problemi di forma e di comunicazione, e si può ricorrere al contributo di esperti psicologi. Difficilmente si riesce a realizzare un buon questionario a tavolino; pertanto una buona norma è sottoporre la prima stesura del questionario ad un piccolo campione di intervistandi, per verificarne la chiarezza e l'efficacia (pre-testing). La PROPOSTA DI LAVORO consiste in sostanza nell'effettuare il pre-testing del questionario. Inoltre è anche opportuna una fase di istruzione degli intervistatori, quando questi siano previsti dal piano di raccolta dati, in modo tale da rendere omogeneo il loro comportamento nell'interazione con gli intervistati. E' opportuno che tutti gli intervistati vengano posti nelle stesse condizioni per garantire che le risposte non siano influenzate da fattori estranei. Così, somministrare un questionario per gli studenti (per esempio sulle discoteche) ad alcuni il sabato ad altri il lunedì può dar luogo a differenti risposte. Ecco alcuni consigli da tener in conto nella stesura di un questionario: Ordine delle domande 1. E' consigliabile seguire un ordine legato alle associazioni psicologiche degli argomenti analizzati, piuttosto che un ordine dettato dalla logica. 2. E' meglio evitare domande imbarazzanti (per esempio sulla sincerità verso i genitori o sull'assunzione di droghe). Però, se questo è l'oggetto dell'indagine, è opportuno mascherare gli obiettivi trovando una formulazione indiretta; è conveniente poi mettere qualche domanda di controllo in un altro punto del questionario dove l'attenzione dell'intervistato è non più all'erta. Nel nostro questionario, la domanda b6, poco funzionale agli scopi, intende mascherare la domanda b7 che controlla la coerenza dell'intervistato con la risposta a b5; ci chiarisce anche il punto precedente in quanto la domanda b6 non è consequenziale al discorso che si sta facendo. 3. Se si prevede per una certa domanda un'alta percentuale di rifiuti alla risposta, è meglio che questa domanda sia in fondo, in modo da poter disporre comunque delle risposte che la precedono. 4. Un questionario con troppe domande risulta pesante, e le risposte verso il fondo possono essere meno attendibili delle prime per stanchezza dell'intervistato. D'altra parte, se si decide di mettere in atto una rilevazione dei dati, è opportuno raccogliere quante più informazioni possibili a parità di impegno. Un numero di domande cui far riferimento può essere dalle 20 alle 40. Il nostro questionario presenta poche domande, e la parte b è sbilanciata verso la problematica dell'orientamento scolastico, che non è centrale per i nostri scopi; sono invece stati trascurati alcuni aspetti importanti, come i trasporti, che possono favorire o meno l'attività extrascolastica, e lo sport, che meritava uno spazio maggiore. Formulazione delle domande 5. Le domande vanno formulate nel linguaggio degli intervistati e nella loro ottica, con la massima chiarezza e semplicità. La risposta non deve essere implicata dalla domanda. Nel nostro questionario la domanda c3 Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 6

7 implica già che tutti concordino nell'organizzare l'attività in gruppi. 6. Le domande debbono essere formulate in modo da trovare la risposta facilmente. Se si chiedono operazioni complicate per dare una risposta (per esempio andare a cercare un documento), o che rimandano a sforzi di memoria, l'intervistato si comporterà in modo poco affidabile. 7. E' meglio chiedere fatti e non motivazioni; una risposta è tanto più attendibile quanto più immediata e spontanea; chiedere motivazioni induce a riflessione e ad accondiscendere con l'intervistatore. Formulazione delle risposte 8. Nei questionari a risposte chiuse è consigliabile precodificare le risposte. Le risposte suggerite per ogni domanda debbono essere complete. Ogni intervistato deve poter trovare la sua risposta tra quelle presentate. Per realizzare ciò, ci si può sempre proporre una scelta di tipo "Altro", che può essere lasciata libera. Mentre nelle domande b1 e b2 è presente una risposta libera, nella domanda b7 non c'è, forse per errore. 9. Quando è possibile, è meglio che l'elenco delle risposte per domanda non sia troppo lungo. Nel questionario la domanda c6 presenta troppe risposte, ma si può discutere di come sarebbe stato meglio fare. Inoltre la risposta c6.2 può generare confusione in quanto ricopre tutte le risposte successive. 10. Evitare, quando possibile, le domande con più risposte, per le evidenti difficoltà di codifica. Separare con chiarezza le domande riservate solo a chi ha dato una certa risposta (esempio " Se hai risposto Si alla precedente domanda allora..."; oppure: "Parte riservata a chi..."). La domanda c1 del questionario dovrà essere codificata in modo diverso dalle altre, perché si chiede un voto per ciascuna risposta. La domanda c5 è un esempio di domanda condizionata. C) - Incentivazioni e modalità del colloquio per la rilevazione dati La rilevazione dei dati alla fonte presuppone che il rilevatore e il soggetto indagato possano comunicare. Inoltre la bontà del metodo incentrata sull'ipotesi che gli intervistati sappiano dare le informazioni che si stanno cercando, e che vogliano darle. Per ben disporre la persona da intervistare nei confronti del questionario, si possono usare incentivi economici o morali: ai questionari consegnati si può per esempio abbinare il sorteggio di premi; oppure si fa riferimento al senso di responsabilità degli intervistati (come nell'introduzione del nostro questionario); o si chiede a qualche famosa personalità di presentare l'indagine. Si pone poi cura alla presentazione tipografica e all'educazione e all'affabilità degli intervistatori, in modo da rendere il più possibile accattivante l'adempimento della raccolta dati. SISTEMAZIONE DEI DATI Una volta raccolti i dati (per esempio l'insieme dei questionari), è necessario passare allo spoglio, che consiste in un'insieme di attività atte a classificare e a contare le risposte, per procedere poi alle elaborazioni. Anche se lo spoglio può essere fatto manualmente, è conveniente usare sistemi automatici. Disponendo di elaboratori elettronici e di opportuni programmi, i dati raccolti vengono semplicemente inseriti; il sistema provvederà a fornire i valori totali e percentuali e altre utili informazioni. E' comunque opportuno chiarire come i dati debbono essere organizzati; che poi si usi la matita o il Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 7

8 computer è secondario. Il fenomeno indagato è rappresentato da un insieme di caratteri, i quali assumono per ciascun soggetto statistico valori appartenenti ad insiemi numerici, e allora sono detti caratteri variabili, oppure valori appartenenti ad un insieme di attributi, e allora sono detti caratteri mutabili. Esempi rispettivi sono l'altezza e il colore degli occhi. Per i caratteri variabili si procede di solito alla definizione delle classi o categorie, in modo da avere un numero discreto di raggruppamenti. Lo spoglio consiste quindi nel conteggio del numero dei soggetti che appartengono ad un dato raggruppamento. Se facessimo per esempio lo spoglio del questionario della PROPOSTA DI LAVORO, per ogni domanda dovremo contare quanti soggetti hanno contrassegnato ciascuna delle risposte, producendo tante tabelle del tipo seguente quante sono le domande. Domanda b1. Risposte a b Risposte a b Risposte a b Non rispondono 11 Totale 1675 Domanda b Se le risposte fossero aperte, sarebbe necessario procedere alla loro classificazione, ed eventualmente al loro raggruppamento. Se le risposte ammettessero scelte multiple (anche più crocette), il totale delle risposte non corrisponderebbe al totale degli intervistati. Ciò che viene fuori è una Tabella semplice ossia un prospetto che associa ad ogni modalità del fenomeno una frequenza o un'intensità. Se ogni risposta ammette sottoscelte, come nel caso della domanda c1 ("per ogni risposta metti un voto da 1 a 3"), si hanno Tabelle a doppia entrata del tipo: Domanda c1: Voto Risposte M.R. c1.1 c1.2 c1.3 c1.4 Totali dove per ogni domanda sono presentate due modalità, la prima delle quali intesta le righe e la seconda le colonne di una matrice; in ciascuna casella della matrice è registrata la frequenza o l'intensità rilevate. (M.R. = Mancata Risposta). VALUTAZIONI SINTETICHE In tutte le situazioni in cui si deve descrivere un fenomeno complesso, sul quale si siano fatte diverse rilevazioni, è opportuno individuare degli indicatori sintetici significativi, e rappresentare il Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 8

9 fenomeno attraverso essi. Finora abbiamo imparato a raccogliere delle osservazioni, organizzarle e disporle ordinatamente. Non ci possiamo qui occupare approfonditamente dei vari modi in cui da molte informazioni è possibile trarre pochi numeri che le riassumano tutte e rendano meglio comprensibile il fenomeno osservato. Ci limitiamo ad osservare che il guadagno nella sinteticità viene pagato in termini di perdita di informazione, in quanto i dati di dettaglio vengono trascurati. L'individuazione dei numeri che meglio descrivono il fenomeno dipende dalla situazione; la scelta di quale indicatore usare è spesso soggettiva. Indicatori sintetici comunemente usati sono gli indici di posizione centrale (medie di calcolo, tra le quali la media aritmetica, nella maggior parte dei casi è l'indice meglio rappresentativo, e medie di posizione, quali la mediana e la moda), gli indici di dispersione, i rapporti e i numeri indici. Inoltre può essere interessante incrociare le domande, rispondendo a curiosità del tipo: quanti soggetti, avendo dato la risposta x n alla domanda X, hanno anche dato la risposta y m alla domanda Y. In astratto ogni domanda potrebbe essere incrociata con tutte le altre (tranne con se stessa), dando luogo al triangolo degli incroci. Per esempio, avendo 5 domande, si avrebbe il seguente triangolo degli incroci: Ma di solito ha interesse l'incrocio di un numero limitato di 2 domande. 3 Il risultato dell'analisi dell'incrocio di due domande dà luogo ad una tabella di contingenza. 4 Così se per esempio nel questionario sopra discusso volessimo 5 mettere in correlazione l'influenza nella scelta della scuola con il sesso dello studente, avremmo una tabella di questo genere: Totali Influenza nella scelta della scuola Sesso Amici Familiari Parroco Insegnanti Altro Totali M F In ogni casella si pone il numero degli studenti che hanno contemporaneamente i caratteri relativi alle intestazioni di riga e di colonna. Può anche essere significativa la percentuale di tali numeri calcolata sul totale di riga, oppure di colonna o infine sul totale generale. Rielaborazione di parte dell'u.d. 14 "Elementi di statistica descrittiva" del "Corso di matematica applicata e laboratorio" di M. Tombolini, M. Sparapani, A. Benedetti, A. Angeletti, Calderini Alessandro BENEDETTI ITIS "E. Divini" - San Severino Marche Pag. 9

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Lucido 153 Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Le unità Campione e casi Unità di rilevamento e di analisi Le proprietà La definizione operativa Il rapporto di indicazione Validità e attendibilità

Dettagli

ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO

ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO ORIENTAMENTO E RI-ORIENTAMENTO PREMESSA L elevamento dell obbligo scolastico e la consapevolezza del superamento di un modello formativo unico e rigido che valga per tutti, impone un ripensamento delle

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

QUARTO INCONTRO LABORATORIO CORSO INDAGINI CAMPIONARIE. Laboratorio Stefania Porchia

QUARTO INCONTRO LABORATORIO CORSO INDAGINI CAMPIONARIE. Laboratorio Stefania Porchia QUARTO INCONTRO LABORATORIO CORSO INDAGINI CAMPIONARIE Laboratorio Stefania Porchia Incontri e argomenti trattati nel laboratorio 29 marzo 14.00 15.30 l indagine qualitativa come strategia di formulazione

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BREMBATE SOPRA - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FERRUCCIO DELL ORTO OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI CLASSI PRIME SOCIALIZZAZIONE - PARTECIPAZIONE Primo quadrimestre Si pone nella

Dettagli

Il questionario. Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale. IV lezione. Modulo: Rilevazione dei dati

Il questionario. Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale. IV lezione. Modulo: Rilevazione dei dati Il questionario Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale Modulo: Rilevazione dei dati IV lezione Simona Ballabio Federico Denti Le prime fasi del processo di ricerca 1 2 Teoria Ipotesi

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 1 VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 1 VARIABILI QUALITATIVE Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.unige/pls_statistica Responsabili scientifici M.P. Rogantin e E. Sasso (Dipartimento di Matematica Università di Genova) STATISTICA DESCRITTIVA

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO. Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO. Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York UDA Denominazione Prodotti UNITA DI APPRENDIMENTO Viaggio a New York Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York Competenze chiave/competenze culturali GEOGRAFIA: L alunno si orienta

Dettagli

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro

Pivot è bello. Principali. misure di variabilità. Il contesto è di tipo matematico, in particolare riguarda l uso di dati numerici e delle loro Pivot è bello Livello scolare: 1 biennio Abilità Conoscenze interessate Predisporre la struttura della Distribuzioni delle matrice dei dati grezzi con frequenze a seconda del riguardo a una rilevazione

Dettagli

Costruzione ed uso di un questionario

Costruzione ed uso di un questionario Costruzione ed uso di un questionario Italo Nofroni Statistica medica Il questionario strutturato si è affermato in ogni campo della ricerca sociale e sanitaria come strumento imperfetto, migliorabile,

Dettagli

METODOLOGIA STATISTICA E CLASSIFICAZIONE DEI DATI

METODOLOGIA STATISTICA E CLASSIFICAZIONE DEI DATI METODOLOGIA STATISTICA E CLASSIFICAZIONE DEI DATI 1.1 La Statistica La Statistica è la scienza che raccoglie, elabora ed interpreta i dati (informazioni) relativi ad un dato fenomeno oggetto di osservazione.

Dettagli

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico

Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico Indagine conoscitiva sulle aspettative ed esperienze degli alunni dell'ipc di Brunico AUTORI: prof.ssa Francesca Ercoli, Pitscheider Christian, Di Marino Luca, Massacci Sara, Rautmann Anna. INTRODUZIONE:

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Classi quinte del plesso di Spicchio-Sovigliana. Insegnanti: Bigazzi Fiorenza, Chesi Sandra, Manetti Benedetta.

Classi quinte del plesso di Spicchio-Sovigliana. Insegnanti: Bigazzi Fiorenza, Chesi Sandra, Manetti Benedetta. NOI E LA TELEVISIONE Classi quinte del plesso di Spicchio-Sovigliana. Insegnanti: Bigazzi Fiorenza, Chesi Sandra, Manetti Benedetta. COMPETENZE INTERESSATE: - consolidare le capacità di raccolta dei dati

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000

ORIZZONTI SCUOLA PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000 PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000 Tra gli interventi di orientamento rivolti alle scuole secondarie di primo grado si può prendere in considerazione, quale esempio, il progetto

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili La valutazione degli alunni disabili, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi

Dettagli

Indagine internazionale sull educazione civica e alla cittadinanza Indagine Principale ICCS 2009

Indagine internazionale sull educazione civica e alla cittadinanza Indagine Principale ICCS 2009 ETICHETTA IDENTIFICATIVA Indagine internazionale sull educazione civica e alla cittadinanza Indagine Principale ICCS 2009 Questionario studenti INTERNATIONAL ASSOCIATION FOR THE EVALUATION OF EDUCATIONAL

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Caterina Rizzo Progetto Tecnico Animatore Socio-educativo 12/06/2015 - CFLC, Genova

Caterina Rizzo Progetto Tecnico Animatore Socio-educativo 12/06/2015 - CFLC, Genova Caterina Rizzo Progetto Tecnico Animatore Socio-educativo 12/06/2015 - CFLC, Genova Restituzione lavoro di gruppo primo incontro Introduzione alla metodologia della ricerca sociale Tecnica del questionario:

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

Stili di studio degli universitari italiani tra carta e digitale

Stili di studio degli universitari italiani tra carta e digitale Stili di studio degli universitari italiani tra carta e digitale Piero Attanasio Associazione Italiana Editori piero.attanasio@aie.it Con la collaborazione di Marina Micheli - Università Bicocca di Milano

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

Autovalutazione di Istituto

Autovalutazione di Istituto Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose Cavalese-Predazzo Autovalutazione di Istituto Questionario per gli studenti Questionario per le famiglie Cavalese-Predazzo Anno scolastico 2011/2012 Indice

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPLESSIVA CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Nota preliminare, avvertenza Il presente questionario prevede compilazione da parte degli studenti. La compilazione

Dettagli

Cocaina e il mondo della notte

Cocaina e il mondo della notte Cocaina e il mondo della notte Gruppo di ricerca formato da : Fabio Mariani e Claudio Marinelli Cooperativa Progetto sul cocainismo - Seconda Annualità anno 2009 FINALITA Emersione del cosiddetto sommerso

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

LE INDAGINI STATISTICHE

LE INDAGINI STATISTICHE LE INDAGINI STATISTICHE Una indagine statistica può essere assimilata ad un processo di produzione che sinteticamente può essere individuato nelle seguenti fasi: 1. Definizione degli obiettivi e ipotesi

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida AUDIT 5. Rapporto della Campo dell audit (Istituto / Centro di formazione) Estensione temporale Responsabile del Progetto ValeRIA Responsabile del progetto di Istituto Prof.ssa Lia Maida Responsabile dell

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI PEDAGOGIA SPERIMENTALE LEZIONE III INTRODUZIONE ALLA RICERCA SPERIMENTALE (PARTE III) PROF. VINCENZO BONAZZA Indice 1 L ipotesi -----------------------------------------------------------

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

Imparare a vendere la nostra professionalità.

Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. 2010 La preparazione del proprio curriculum è un momento intenso e come tale deve essere vissuto. Presentarsi

Dettagli

FUNZIONE ORIENTAMENTO AGLI STUDI UNIVERSITARI

FUNZIONE ORIENTAMENTO AGLI STUDI UNIVERSITARI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. SCALFARO Catanzaro FUNZIONE ORIENTAMENTO AGLI STUDI UNIVERSITARI REFERENTE FUNZIONE Prof.ssa Elisabetta CAROLEI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE SULL ORIENTAMENTO IN USCITA DEGLI

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo Profilo Il Diplomato nel Turismo ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore turistico e competenze generali

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Diventano grandi: è l ora delle scelte!

Diventano grandi: è l ora delle scelte! Diventano grandi: è l ora delle scelte! 1. Il significato dell orientamento oggi 2. Quali ingredienti per un buon orientamento 3. La riforma scolastica in breve 4. Progetti di orientamento 1 1. Il significato

Dettagli

Conoscenza. Metodo scientifico

Conoscenza. Metodo scientifico Conoscenza La conoscenza è la consapevolezza e la comprensione di fatti, verità o informazioni ottenuti attraverso l'esperienza o l'apprendimento (a posteriori), ovvero tramite l'introspezione (a priori).

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE 5^ - CRITERI VALUTAZIONE DI STORIA USO DELLE FONTI

SCUOLA PRIMARIA CLASSE 5^ - CRITERI VALUTAZIONE DI STORIA USO DELLE FONTI SCUOLA PRIMARIA CLASSE 5^ - CRITERI VALUTAZIONE DI STORIA USO DELLE FONTI LIVELLO / VOTO L'alunno riconosce con sicurezza ed in modo autonomo alcune tipologie di documenti dati: materiali, iconografici,

Dettagli

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso

L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso L AUTOARBITRAGGIO: Istruzioni per l uso Visti i positivi riscontri avuti, nella corrente stagione sportiva le gare della categoria Pulcini dovranno essere arbitrate con il metodo dell autoarbitraggio [

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena CONVEGNO INTERNAZIONALE Vivere e crescere nella comunicazione Educazione Permanente nei differenti contesti ed età della vita Bressanone, 16-17 dicembre 2011 Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI ALLEGATO B Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI Il presente allegato rappresenta il risultato della procedura di concertazione di cui

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione

Cittadinanza e Costituzione Cittadinanza e Costituzione Anno Scolastico 20010/11 Progetto di Cittadinanza e Costituzione Finalità Essere cittadini di un mondo in continuo cambiamento ha come premessa il conoscere e il porre in atto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI. Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015

Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI. Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015 Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015 Rilevazione degli apprendimenti- Popolazione di riferimento I livelli scolari coinvolti : classi II e V della scuola

Dettagli

Guida alla composizione di modelli OpenOffice

Guida alla composizione di modelli OpenOffice Tekne Informatica & Comunicazione Guida alla composizione di modelli OpenOffice guida rapida per creare e modificare modelli OpenOffice per XDent 01 aprile 2011 Sommario Premessa... 2 Ottenere ed Installare

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI Tre punti importanti o Dati e ipotesi In tutte le discipline scientifiche che studiano gli organismi viventi, molto raramente i dati ottenuti attraverso

Dettagli

INCHIESTA E INTERVISTA STRUTTURATA, LA NATURA QUALITATIVA DEL QUESTIONARIO E LA MATRICE DEI DATI

INCHIESTA E INTERVISTA STRUTTURATA, LA NATURA QUALITATIVA DEL QUESTIONARIO E LA MATRICE DEI DATI LA RICERCA BASATA SULLA MATRICE DI DATI PROF. LUCIANO GALLIANI Indice 1 INCHIESTA E INTERVISTA STRUTTURATA, LA NATURA QUALITATIVA DEL QUESTIONARIO E LA MATRICE DEI DATI --------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Io e il cellulare con le tabelle pivot Rosa Marincola 1

Io e il cellulare con le tabelle pivot Rosa Marincola 1 Io e il cellulare con le tabelle pivot Rosa Marincola 1 Sunto: In questo lavoro descriverò un attività svolta in classe: la costruzione e somministrazione di un questionario intitolato: Io e il cellulare,

Dettagli

Come scrivere una lettera di presentazione?

Come scrivere una lettera di presentazione? Come scrivere una lettera di presentazione? Dividerla in tre sezioni: 1. Perché sto scrivendo e chi sono: Se state rispondendo ad un annuncio, inserzione, sui giornali, siti-web ecc allora potete esordire

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 - G. MARCONI - CEGGIA (VE) UNITÀ DI APPRENDIMENTO SI RITORNA ALLA SCUOLA ALIMENTARE

SCUOLA SECONDARIA DI 1 - G. MARCONI - CEGGIA (VE) UNITÀ DI APPRENDIMENTO SI RITORNA ALLA SCUOLA ALIMENTARE SCUOLA SECONDARIA DI 1 - G. MARCONI - CEGGIA (VE) UNITÀ DI APPRENDIMENTO SI RITORNA ALLA SCUOLA ALIMENTARE IC Ceggia - Scuola Secondaria di 1 G. Marconi Ceggia (VE) Pagina 1 di 9 Prof. Sacco Michele UDA

Dettagli

LE RICERCHE DI MERCATO

LE RICERCHE DI MERCATO LE RICERCHE DI MERCATO IL MARKETING: UNA DEFINIZIONE STUDIO DELLE NORME DI COMPORTAMENTO DI UNA AZIENDA CON RIGUARDO ALLA PROGRAMMAZIONE, REALIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI SCAMBIO. QUESTE NORME

Dettagli

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV Presentazione di Antonio Zanon (Consorzio Biblioteche Padovane Associate) Biblioteca di Abano Terme Sala Consultazione 5 marzo 2009 Scopo della presentazione

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Le opinioni degli studenti raccolte tramite i gruppi Facebook Sondaggio promosso dai Rappresentati degli Studenti nel

Dettagli

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006 ISTITUTO TECNICO STATALE GEOMETRI BLAISE PASCAL AD INDIRIZZO SPERIMENTALE (B.U.S.-T.C.S.) Via Makallè, 12 42100 Reggio Emilia - codice fiscale: 91008310350 Telefono: 0522 512351 - Fax: 0522 516741 E-mail:

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO

COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Istruzione e alle politiche giovanili COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO QUESTIONARIO PER GLI STUDENTI degli Istituti superiori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

LINEE GUIDA TFA FISICA

LINEE GUIDA TFA FISICA LINEE GUIDA TFA FISICA PREMESSA La macchina dei TFA si è ormai messa in moto in molte Università italiane e la Commissione Didattica della SIF ha ritenuto opportuno individuare delle linee guida da proporre

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli