Aiuto di Stato n. N208/ ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, C(2003) 5275 Oggetto: Aiuto di Stato n. N208/ ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con lettera del 5 maggio 2003 n. 5776, protocollata dalla Commissione in data 12 maggio 2003 (A/4618), le autorità italiane hanno notificato, ai sensi dell articolo 88, paragrafo 3 del trattato CE, il regime di aiuti di cui sopra relativo ad ecoincentivi per il settore delle imprese nella regione Emilia Romagna. Con lettere D/53521 del 28 maggio 2003 e D/55631 del 4 settembre 2003 la Commissione ha chiesto informazioni supplementari sul regime notificato. Con lettere protocollate il 12 agosto 2003 (n. 7803) e il 14 ottobre 2003 (n. 9912) le autorità italiane hanno presentato le informazioni richieste. 2. DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELLA MISURA 2.1. Obiettivo e intensità dell aiuto Il regime intende promuovere azioni e interventi delle imprese per migliorare l impatto ambientale delle attività produttive presenti sul territorio regionale, in particolare sulla base delle priorità stabilite dal Piano di azione ambientale per un futuro sostenibile. Al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile della regione Emilia Romagna viene adottata una strategia di sviluppo delle risorse economiche, territoriali ed ambientali che consiste, da una parte, nel ridurre la vulnerabilità dell ecosistema e delle sue risorse minacciate da fattori di rischio entropici, socioeconomici e ambientali e, dall altra, nell incoraggiare un Signor Ministro Franco FRATTINI Ministero degli Affari esteri Piazzale della Farnesina 1 I ROMA Commissione europea, B-1049 Bruxelles - Belgio. Telefono: (32-2)

2 comportamento attivo e responsabile da parte di tutti i cittadini, i produttori e i consumatori. La regione Emilia Romagna intende concedere contributi alle imprese ed ai loro consorzi per interventi di miglioramento sulla base delle norme comunitarie in relazione ai seguenti cinque obiettivi principali: A. Obiettivo A): progetti per la stabilizzazione e progressiva riduzione entro il 2010 (nel rispetto degli impegni assunti con il protocollo di Kioto) delle emissioni di gas climalteranti e per il miglioramento della qualità dell aria Nell ambito dei progetti per l obiettivo A) gli interventi che riceveranno un aiuto con una percentuale massima di contributo lordo del 30% per le grandi imprese e del 40% per le piccole e medie imprese ( PMI ) riguardano: 1. lo sviluppo di cleaner production e cleaner technology anche attraverso l applicazione dell analisi Life Cycle Assessment ( LCA ) e promozione dell ecoefficienza attraverso il miglior rendimento degli impianti, innovazioni tecnologiche, modifiche di processo e prodotto tali da ridurre progressivamente a un quarto l uso di energia o di materie prime e risorse (importo minimo del costo dell intervento proposto: euro); 2. realizzazione di sistemi, tecnologie e impianti volti alla riduzione dell inquinamento acustico (importo minimo del costo dell intervento proposto: euro); 3. realizzazione di un sistema che riduca le emissioni inquinanti controllandone il livello di emissioni (importo minimo del costo dell intervento proposto: euro); 4. sostituzione dei mezzi di trasporto utilizzati per la produzione, il commercio, la distribuzione di merci e la fornitura di servizi con altri mezzi di trasporto (alimentati a metano, GPL o elettrici) di minore impatto ambientale (importo minimo del costo dell intervento proposto: euro). B. Obiettivo B): progetti per la tutela e il risparmio delle risorse idriche Nell ambito dei progetti per l obiettivo B) gli interventi che riceveranno un aiuto con una percentuale massima di contributo lordo del 30% per le grandi imprese e del 40% per le piccole e medie imprese ( PMI ) riguardano: 1. la realizzazione di impianti, applicazioni tecnologiche e la messa a punto di tecniche per migliorare il riciclaggio delle acque, riutilizzare le acque reflue e ridurre la necessità di utilizzare acque sorgive anche attraverso sistemi industriali di fornitura idrica (importo minimo del costo dell intervento proposto: euro) e in particolare mediante: la riduzione degli sprechi di acque sorgive mediante l introduzione di buone pratiche di gestione per ridurre gli sprechi; l introduzione di tecniche per il riciclaggio delle acque e la riutilizzazione delle acque reflue; 2

3 la riduzione o l eliminazione della necessità di utilizzare acque sotterranee per uso industriale sostituendole con acque precedentemente utilizzate da reti industriali; 2. il miglioramento degli scarichi con particolare riferimento all eliminazione delle 33 sostanze prioritarie presenti nell acqua (decisione n. 2455/2001/CE) (importo minimo del costo dell intervento proposto: euro) e in particolare mediante: l eliminazione delle sostanze di cui alla decisione CE 2455/2001 dal ciclo produttivo mediante la sostituzione di composti o di tecniche di produzione; la riduzione dei carichi massimi ai sistemi di scarico dell impianto di produzione (anche costituito da uno o più impianti sullo stesso sito) da cui le sostanze di cui alla decisione CE 2455/2001 sono generate. C. Obiettivo C): progetti per la riduzione della produzione di rifiuti e della loro pericolosità. Gestione di particolari tipologie di rifiuti Nell ambito dei progetti per l obiettivo C) gli interventi che riceveranno un aiuto con una percentuale massima di contributo lordo del 30% per le grandi imprese e del 40% per le piccole e medie imprese ( PMI ) riguardano: 1. la rimozione di manufatti contenenti amianto in matrice cementizia o resinosa (importo minimo del costo dell intervento proposto: euro); 2. la costruzione di impianti per il recupero di frazioni merceologiche di rifiuti speciali prodotti dalla società beneficiaria e in particolare: modifiche tecnologiche al ciclo produttivo-lavorativo che comportano una riduzione della produzione di rifiuti pericolosi, realizzazione di impianti di riciclo/recupero delle sostanze organiche non utilizzate come solventi, realizzazione di impianti per la selezione/pretrattamento dei rifiuti speciali prodotti da terzi (importo minimo del costo dell intervento proposto: euro). D. Obiettivo D): progetti per la promozione di una produzione ecosostenibile Nell ambito dei progetti per l obiettivo D) gli interventi che riceveranno un aiuto con una percentuale massima di contributo lordo del 50% dei costi dei servizi forniti da consulenti esterni per le PMI riguardano: 1. l introduzione del sistema di gestione ambientale EMAS nelle imprese e nei distretti industriali (importo minimo del costo dell intervento proposto: euro); 2. l introduzione di certificati di qualità ISO (importo minimo del costo dell intervento proposto: euro). 3

4 E. Obiettivo E): progetti per la promozione delle aree industriali ecologicamente attrezzate Nell ambito dei progetti per l obiettivo E) gli interventi riceveranno soltanto un aiuto de minimis, ai sensi del regolamento della Commissione (CE) n. 69/2001 del 12 gennaio 2001 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti d'importanza minore ("de minimis") (regolamento 69/2001) 1, che non devono eccedere per ogni singola impresa un massimale di euro su un periodo di tre anni e non possono essere cumulati. Tali interventi riguardano progetti integrati per la trasformazione delle aree produttive in aree produttive ecologicamente attrezzate (cfr. la legge regionale n. 20/2000 Articolo A-14 e il paragrafo 3.5 della direttiva generale che recepisce la legge regionale 9/99 approvata per decreto dalla giunta regionale in data n pubblicata sulla Gazzetta ufficiale regionale n. 144 del ) e l importo minimo del costo degli interventi proposti è di euro Base giuridica La base giuridica del regime notificato è la delibera n. 546 della giunta regionale dell Emilia Romagna del 31 marzo Tale delibera è stata adottata in seguito al piano d azione ambientale per un futuro sostenibile 2001/2003 e alla delibera n. 250 del 26 settembre 2001 e alla delibera n. 39 del 23 dicembre 2002 della giunta regionale dell Emilia Romagna Forma degli aiuti, bilancio e durata Gli aiuti sono concessi sotto forma di sovvenzioni a fondo perduto. L esame dei progetti ai fini della valutazione della loro ammissibilità alle sovvenzione deve svolgersi secondo le modalità previste dall articolo 5 del decreto legislativo 123 del 31 marzo 1998 Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, sulla base dell articolo 4 paragrafo 4, lettera c) della legge del 15 marzo 1997 n. 59. In particolare, per quanto riguarda i progetti relativi agli obiettivi A), B), C)2 e E), è previsto un iter valutativo a graduatoria dei progetti sulla base delle modalità, delle priorità d intervento e di taluni parametri obiettivi 2. La valutazione sarà effettuata da un Nucleo di Valutazione formato da esperti designati sia dalla regione Emilia Romagna che dalle amministrazioni provinciali. Per quanto riguarda i progetti relativi agli obiettivi C)1, D)1 e D)2, è previsto un procedimento a sportello, secondo il quale le proposte saranno esaminate nell ordine cronologico in cui sono state presentate. Gli aiuti saranno concessi fino al completo esaurimento delle risorse disponibili. Quando l importo totale delle risorse disponibili è stato distribuito, il Direttore generale del Ministero dell ambiente dichiara, con un atto formale, che non possono essere più presentati progetti. 1 GU L 10 del , p Per scegliere tra i diversi progetti proposti, si terrà conto dei seguenti elementi. I progetti ammissibili sono scelti per il 30% sulla base dei costi, per il 10% sulla base del tempo che richiedono e per il 60% sulla base dei punti di priorità attribuiti al perseguimento di determinati obiettivi. Sono stati attribuiti ai progetti relativi ai cinque obiettivi di cui sopra i seguenti punti di priorità: A)1 40 punti, A)2 20 punti, A)3 30 punti, A)4 30 punti, B) 1 70 punti, B) 2 20 punti, C)2 tra 20 e 50 punti; E)1 tra 20 e 50 punti. 4

5 Il bilancio previsto per l esercizio finanziario 2003, approvato con legge regionale n. 39 del 23 dicembre 2002, è di 10 milioni di euro, così ripartiti: 4 milioni di euro per le misure relative all obiettivo A); 3 milioni di euro per le misure relative all obiettivo B); 1 milione di euro per le misure relative all obiettivo C)1 e 1 milione di euro per le misure relative all obiettivo C)2; 0,5 milioni di euro per le misure relative all obiettivo D) ed in particolare milioni di euro per le misure relative all obiettivo D)1 e milioni di euro per le misure relative all obiettivo D)2; 0,5 milioni di euro per le misure relative all obiettivo E). Altri 10 milioni di euro saranno presumibilmente resi disponibili per l esercizio finanziario del 2004 e saranno equamente distribuiti tra i cinque obiettivi di cui sopra. Pertanto, il bilancio totale del regime sarà di 20 milioni di euro. Il regime avrà inizio non appena la Commissione deciderà di approvare il presente regime di aiuti e la sua durata sarà limitata al tempo necessario per procedere alla liquidazione del bilancio di 20 milioni di euro, cosa che avverrà presumibilmente entro la fine del Beneficiari, costi ammissibili e portata Si prevede che nell ambito del regime notificato, un numero di imprese private, PMI, grandi società e consorzi, compreso tra 101 e 500 otterrà gli aiuti. Le aziende che gestiscono servizi pubblici locali sono espressamente escluse. I costi ammissibili sono strettamente limitati ai costi di investimento aggiuntivi necessari per conseguire i 5 obiettivi di protezione ambientale di cui sopra. Nei casi in cui sarà difficile individuare i costi di investimento legati alla protezione ambientale all interno dei costi totali, saranno applicati metodi di calcolo obiettivi e trasparenti, per esempio il costo di un investimento tecnicamente comparabile che però non offre lo stesso livello di protezione ambientale. Al fine di determinare i costi supplementari, le spese ammissibili sono calcolate al netto dei vantaggi derivanti da un aumento di capacità, dei risparmi di costo generati durante i primi cinque anni di vita dell'investimento e dell ulteriore produzione accessoria durante i cinque anni. Se gli investimenti riguardano solo la protezione ambientale senza che vi siano altri benefici economici, non si applica nessuna riduzione supplementare nella determinazione delle spese ammissibili. Per quanto riguarda le sovvenzioni concesse per l obiettivo D) al fine di promuovere la produzione ecosostenibile, aiuti la cui intensità lorda sia pari al 50% dei costi dei servizi forniti da consulenti esterni (che non riguardino attività continue o periodiche né siano relativi a normali spese di funzionamento dell'impresa: consulenza fiscale normale, servizio legale regolare o pubblicità) saranno concessi solo alle PMI. Il regime prevede solo aiuti all'investimento materiale e immateriale e non aiuti al funzionamento. Gli investimenti in questione sono i seguenti: investimenti, anche mediante leasing, ammessi sulla base dei criteri del regolamento della Commissione (CE) n. 1685/2000 del 28 luglio 2000 recante disposizioni di applicazione del regolamento (CE) n. 1260/1999 del Consiglio per quanto riguarda 5

6 l'ammissibilità delle spese concernenti le operazioni cofinanziate dai Fondi strutturali 3, in edifici, impianti e beni strumentali destinati a ridurre o ad eliminare l inquinamento e la nocività ambientale ovvero ad adeguare i metodi di produzione ai fini della salvaguardia dell ambiente; investimenti per acquisire brevetti, licenze d uso, sistemi e processi certificati. Tali attività immateriali saranno considerate elementi patrimoniali ammortizzabili, saranno acquisite alle condizioni di mercato presso imprese nelle quali l'acquirente non dispone di alcun potere di controllo, diretto o indiretto, saranno iscritte all'attivo del bilancio dell'impresa, rimarranno e saranno sfruttate nello stabilimento del beneficiario dell'aiuto per almeno cinque anni a decorrere dalla concessione dell'aiuto stesso. Gli aiuti ai costi ammissibili nell ambito di questo regime possono essere cumulati con altri aiuti ai sensi dell articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE o con altre sovvenzioni comunitarie entro i limiti delle intensità massime di aiuto. 3. IMPEGNI ASSUNTI DALLE AUTORITÀ ITALIANE Le autorità italiane si sono impegnate a prendere in esame solo gli investimenti realizzati in edifici, impianti e beni strumentali destinati a ridurre o ad eliminare l inquinamento e la nocività ambientale ovvero ad adeguare i metodi di produzione ai fini della salvaguardia dell ambiente. Hanno confermato che per la definizione delle PMI ci si baserà sul regolamento della Commissione (CE) n. 70/2001 del 12 gennaio 2001 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti di Stato alle piccole e medie imprese ( regolamento 70/2001 ) 4 e qualora il regime dovesse continuare dopo il 1 gennaio 2005, sebbene ciò non dovrebbe in linea di massima accadere, si applicherà la nuova definizione delle microimprese, piccole imprese e medie imprese contenuta nella raccomandazione della Commissione del 6 maggio 5 quando questa entrerà in vigore. Le autorità italiane si sono impegnate inoltre a rispettare, nell ambito dei progetti relativi all obiettivo E), all atto della concessione di aiuti de minimis tutte le condizioni stabilite dal regolamento 69/2001. Infine, si sono impegnate a presentare ogni anno alla Commissione una relazione sul regime. 3 GU L 193 del , p GU L 10 del , p GU L 124 del , p

7 4. VALUTAZIONE DELL AIUTO 4.1. Presenza dell aiuto ai sensi dell articolo 87, paragrafo 1 del trattato La Commissione ha valutato il regime notificato sulla base dell articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE che stabilisce che "sono incompatibili con il mercato comune, nella misura in cui incidono sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti accordati dagli Stati ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma, che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza.". Le misure di cui all obiettivo E) del programma riguardano solo misure de minimis ai sensi del regolamento 69/2001. Le autorità italiane si sono impegnate a verificare e a concedere l aiuto solo se i beneficiari non hanno ricevuto altri aiuti de minimis nello stesso periodo di tempo di tre anni. Nella sua valutazione delle misure relative all obiettivo E), la Commissione è pertanto giunta alla conclusione che le presenti misure non costituiscono aiuti di Stato e non siano pertanto soggette all articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE. Le misure relative agli obiettivi A), B), C) e D) previste dal regime, invece, sono soggette all articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE perché esse sono effettuate in maniera discrezionale mediante erogazione di fondi pubblici alle imprese ubicate nella regione. Si tratta di contributi che migliorano la situazione finanziaria delle imprese che ricevono l aiuto e possono incidere sugli scambi tra Stati membri Legittimità dell aiuto Le autorità italiane hanno soddisfatto i propri obblighi ai sensi dell articolo 88, paragrafo 3 del trattato CE notificando il regime alla Commissione prima che esso entrasse in vigore Compatibilità dell aiuto Il regime notificato è stato valutato sulla base della disciplina comunitaria degli aiuti di Stato per la tutela dell'ambiente 6 ("disciplina ambientale") e del regolamento 70/2001. I beneficiari dell aiuto fornito sulla base di tale regime sono PMI e/o grandi imprese che realizzeranno interventi di miglioramento rispetto alle norme comunitarie, nell ambito della riduzione delle emissioni inquinanti, del risparmio idrico, della riduzione della produzione dei rifiuti, del trattamento dei rifiuti pericolosi e della promozione della produzione ecosostenibile Progetti relativi agli obiettivi A) e B) Gli aiuti agli investimenti per i progetti che rientrano negli obiettivi A) e B) alle imprese che realizzeranno interventi di miglioramento rispetto alle norme comunitarie, conformemente al punto 29 della disciplina ambientale, possono essere concessi a un tasso di base del 30% lordo dei costi ammissibili aumentato di 10 punti percentuali quando sono solo le PMI a ricevere l aiuto. Le intensità di aiuto del 30% lordo dei costi 6 GU C37 del , p. 3. 7

8 ammissibili (40% per le PMI) sono pertanto conformi alle intensità stabilite ai punti 29 e 35 della disciplina ambientale. Gli aiuti agli investimenti per interventi di miglioramento rispetto alle norme comunitarie possono non essere concessi quando essi servono solo a far allineare le imprese sulle norme comunitarie già adottate ma non ancora in vigore, conformemente al punto 40 della disciplina ambientale. Gli investimenti in beni materiali e immateriali sono definiti conformemente al punto 36 della disciplina ambientale. I costi ammissibili previsti soddisfano pienamente le condizioni del punto 37 della disciplina ambientale. Essi saranno calcolati al netto dei vantaggi derivanti da un aumento di capacità, dei risparmi di costo generati durante i primi cinque anni di vita dell'investimento e della ulteriore produzione accessoria durante i cinque anni. In ogni caso, essi saranno strettamente limitati ai costi di investimento aggiuntivi necessari per conseguire gli obiettivi di tutela ambientale del regime. Gli aiuti previsti dal regime in oggetto possono essere cumulati, con riferimento agli stessi costi ammissibili, con aiuti previsti da altri regimi a finalità regionale ai sensi dell articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE, o ad altra finalità, nel rispetto delle intensità massime previste dal presente regime. Il punto 74 della disciplina ambientale sul cumulo degli aiuti è pertanto soddisfatto dal momento che l intensità massima di aiuto stabilita ai punti della disciplina ambientale non è superato Progetti relativi all obiettivo C) I progetti che rientrano nell obiettivo C)1 e C)2 primo e secondo trattino devono essere esaminati alla luce del punto 18 b) della disciplina ambientale che stabilisce che gli aiuti possono anche avere un effetto incentivante, soprattutto per stimolare le imprese ad andare al di là delle norme vigenti o a compiere investimenti supplementari volti a rendere gli impianti meno inquinanti. Su tale base, la Commissione ritiene che il punto 29 della disciplina ambientale riguardi i casi di aiuti agli investimenti in cui un impresa investe al fine di migliorare il proprio livello di tutela ambientale e di ridurre il proprio inquinamento. Inoltre, l investimento deve permettere all impresa di realizzare interventi di miglioramento rispetto alle norme comunitarie o deve essere realizzato in caso di inesistenza di norme comunitarie applicabili. Tale è il caso per quanto riguarda le misure di tale schema per l obiettivo C)1 e C)2 primo e secondo trattino 7. Pertanto, la Commissione ritiene che tali progetti, conformemente al punto 29 della disciplina ambientale, possono essere concessi a un tasso di base del 30% lordo dei costi ammissibili aumentato di 10 punti percentuali per le PMI. Le considerazioni espresse al punto e relative ai progetti che rientrano negli obiettivi A) e B) in materia di investimenti, costi ammissibili e cumulo si applicano anche ai progetti che rientrano nell obiettivo C). 7 Cfr. a contrario, le argomentazioni della Commissione nella decisione C 21/2003 WRAP Environmental Grant Funding scheme e WRAP Leasing Guarantee Fund (C(2003) 4087 def., non ancora pubblicata, in cui la Commissione ha concluso che la disciplina ambientale non era applicabile e ha approvato il regime d aiuto direttamente sulla base dell articolo 87, paragrafo 3, lettera c). 8

9 Per quanto riguarda i progetti che rientrano nell obiettivo C)2 terzo trattino relativo alla realizzazione di impianti per la selezione/pretrattamento dei rifiuti speciali prodotti da terzi, la Commissione osserva che gli aiuti agli investimenti approvati sulla base della disciplina ambientale sono finalizzati alla riduzione delle emissioni e dell inquinamento causato dal beneficiario nel corso del processo di produzione e non ai rifiuti. La concessione di aiuti agli investimenti in favore del riciclaggio dei rifiuti non è prevista dalla disciplina ambientale, nonostante i suoi benefici ambientali. Si considera pertanto necessario analizzare se questa misura soddisfa le condizioni per essere considerate compatibile con l articolo 87, paragrafo 3, lettera c) del trattato CE. L articolo 87, paragrafo 3, lettera c) del trattato CE stabilisce che gli aiuti destinati ad agevolare lo sviluppo di talune attività o di talune regioni economiche, sempre che non alterino le condizioni degli scambi in misura contraria al comune interesse, sono considerati compatibili con il mercato comune. I progetti che rientrano nell obiettivo C)2 terzo trattino soddisfano le condizioni richieste per la diretta compatibilità con l articolo 87, paragrafo 3, lettera c) del trattato CE alla luce di quanto segue. Il riciclaggio dei rifiuti è un elemento essenziale della gestione dei rifiuti che la Commissione considera un obiettivo prioritario per la Comunità al fine di ridurre i rischi per l ambiente. Nella decisione C 21/2003 citata innanzi in nota, la Commissione ha stabilito che la misura d aiuto era proporzionata all obiettivo, necessaria e che non determinava distorsioni della concorrenza in misura contraria all interesse comune. Nel presente caso, la Commissione arriva alla stessa conclusione in considerazione di quanto segue: L ammontare dell aiuto previsto per le misure nell ambito dell obiettivo C)2 terzo trattino è in totale pari a soltanto 1 milione di euro e tale misura non sembra suscettibile di creare una distorsione lesiva della concorrenza. L ammontare dell aiuto è stato calcolato nel rispetto dei principi della disciplina ambientale. Le autorità italiane si sono impregnate riguardo alla tipologia di intervento C)2 a non ammettere a contributo quei progetti che coinvolgono processi produttivi di riciclo dei rifiuti consolidati già nello "stato dell'arte" di settore. Per "stato dell'arte" si intende un processo in cui la trasformazione di un rifiuto in prodotto finito è già pratica normale e consolidata ed è economicamente vantaggiosa. Per i progetti che rientrano nell obiettivo C)2 è previsto un iter valutativo a graduatoria nel corso del quale è predisposto un elenco degli interventi ammissibili in ordine di priorità e parametri oggettivi descritti innanzi e soltanto i progetti migliori verranno finanziati. Nel futuro la Commissione intende modificare la disciplina ambientale al fine che quest ultima espressamente preveda la possibilità di approvare aiuti di Stato comportanti vantaggi ambientali a livello dello Stato membro o della Comunità e non più a livello individuale del beneficiario. Nelle more della modifica della disciplina ambientale ed al fine di valutare il presente regime, la Commissione ha utilizzato gli stessi principi applicati nella decisione C 21/2003 (si veda il punto 73). 9

10 Pertanto, i progetti del presente regime relativi all obiettivo C)2 terzo trattino sono considerati non essere in linea di principio distortivi della concorrenza e compatibili con l articolo 87, paragrafo 3, lettera c del trattato CE Progetti relativi all obiettivo D) L articolo 5 lettera a) del regolamento 70/2001 stabilisce, per quanto riguarda gli aiuti alle PMI, che, nel caso di servizi forniti da consulenti esterni, l'ammontare lordo dell'aiuto non deve superare il 50 % dei costi dei servizi stessi. Tali servizi non devono essere continuativi o periodici, né essere connessi alle normali spese di funzionamento dell'impresa, come la consulenza fiscale ordinaria, i servizi regolari di consulenza legale e le spese di pubblicità. Gli aiuti relativi ai progetti che rientrano nell obiettivo D) e che sono destinati alle PMI saranno concessi conformemente all articolo 5, lettera a) del regolamento 70/2001 e sono pertanto considerati aiuti di Stato compatibili. La Commissione ricorda alle autorità italiane il loro impegno a trasmettere una relazione annuale sull applicazione dei progetti che consenta alla Commissione di verificare che tutte le condizioni previste siano soddisfatte. 5. CONCLUSIONE La Commissione ha pertanto deciso: che una parte del regime di ecoincentivi per le imprese concessi sulla base della delibera 546 del 1 marzo 2003 e della delibera n. 250 della Giunta Regionale dell Emilia Romagna del 26 settembre 2001 non costituisce un aiuto di Stato e che la parte del regime che costituisce un aiuto di Stato soddisfa i criteri di compatibilità con il trattato CE, conformemente all articolo 87, paragrafo 3, lettera c). Ove la presente lettera dovesse contenere informazioni riservate da non divulgare, si prega informarne la Commissione entro quindici giorni lavorativi dalla data di ricezione della presente. Qualora non riceva una domanda motivata in tal senso entro il termine indicato, la Commissione presumerà l esistenza del consenso alla comunicazione a terzi e alla pubblicazione del testo integrale della lettera nella lingua facente fede, sul sito Internet: La domanda dovrà essere inviata a mezzo lettera raccomandata o fax al seguente indirizzo: Commissione europea Direzione generale Concorrenza Protocollo aiuti di Stato Rue Joseph II, 70 B-1049 Bruxelles Fax: ( ) Voglia gradire i sensi della mia più alta considerazione. Per la Commissione 10

11 Mario Monti Membro della Commissione 11

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE.

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.V.2007 C(2007)2156 Oggetto: Aiuto di Stato n N 120/A/2007 Italia Modificazione allo schema N565/03 "Aiuti per la protezione ambientale e per il risparmio energetico in

Dettagli

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.09.2004 C(2004) 3544 Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 85/2004 Bando pubblico riferito al Piano di Sviluppo Locale Azione I.1 Informatizzazione,

Dettagli

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004.

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 14-07-2004 C (2004) 2830 Oggetto: Aiuto di Stato n. 125/2004, Italia Regione Piemonte Aiuti alla trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato

Dettagli

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009.

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 01.04.2009 C(2009)2651 Oggetto: Aiuto di Stato N 573/2008 - Italia Istituzione di un regime di aiuti di Stato agli investimenti in materia di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles 14-03-2003 C(2003) 199 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Bergamo) Aiuto n. N 529/2002 Contributi a sostegno degli investimenti delle imprese e cooperative agricole di Bergamo

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.XII.2004 C(2004) 5259 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia (Trento) Aiuto N 27/2004 Intervento in favore degli allevamenti zootecnici trentini a seguito del verificarsi dei

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.01.2013 C(2013) 295 final Oggetto: Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche Signor Ministro,

Dettagli

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto.

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-08-2004 C(2004) 3207 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Abruzzo) Aiuto n. N 272/04 Programma d intervento per la delocalizzazione o la dismissione delle attività agricole

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.8.2010 C(2010)6038 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO E DESCRIZIONE

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c).

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.04.2001 SG(2001) D/ 287716 Oggetto: Piemonte Formazione finalizzata all'assunzione di persone disoccupate Aiuto di Stato n. N 799/00 Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L.

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.IX.2007 C(2007) 4288 def. Oggetto: Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO (1) Con lettera

Dettagli

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.I.2007 C(2007)320 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL Signor Ministro, 1. PROCEDURA (1) Con lettera del

Dettagli

Codice 09/001. Oggetto

Codice 09/001. Oggetto Oggetto Codice 09/001 POR FESR ABRUZZO 2007 2013. Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle Micro e PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.II.2006 C(2006)613 Oggetto: Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2014 C(2014) 9746 final Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Sardegna) SA.37394 (2013/N) Metodo di calcolo dell equivalente sovvenzione lordo (ESL) dell elemento di aiuto

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Calabria) Aiuti n. N 391/2003 e N 29/2004 Fondo di garanzia per l agricoltura. Signor Ministro, con lettera del

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Lazio) Aiuto n. N 36/2002 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi per perdite causate da avverse condizioni

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.34238 (2012/N) Italia. Regime di aiuti agli investimenti a finalità regionale per il settore dei trasporti e della

Dettagli

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto.

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23-09-2002 C(2002) 3431 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli-Venezia Giulia) Aiuto n. N 55/02 Promozione di vini tipici locali Signor Ministro, Si informa con la presente

Dettagli

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 Scheda sintetica del bando relativo a: Concessione di contributi per la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ).

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.02.2013 C(2013) 990 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin Oggetto: Aiuto di Stato N 124/2004 - Italia Regione Emilia Romagna Piano telematico regionale; concessione di contributi alle attività di ricerca

Dettagli

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06-12-2002 C(2002) 4851 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 Signor Ministro,

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-07-2003 C(2003) 2792 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Toscana) Aiuto n. N 126/2003 Strade del vino, dell'olio extra-vergine di oliva e dei prodotti agroalimentari 1. Procedura

Dettagli

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni:

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10-10-2003 C(2003) 3804 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 383/2003- Friuli Venezia Giulia (Italia) Aiuto per l'attuazione del programma regionale di prevenzione, controllo ed

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

Newsletter Luglio 2014

Newsletter Luglio 2014 Newsletter Luglio 2014 Finanza Agevolata Notizie MACCHINARI E BENI STRUMENTALI GODRANNO DI UN CREDITO DI IMPOSTA DEL 15% Macchinari e beni strumentali godranno di un credito d imposta del 15% di cui però

Dettagli

(3) Titolo di lavoro: "Filtri del particolato per autobus diesel"

(3) Titolo di lavoro: Filtri del particolato per autobus diesel COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.XII.2006 C(2006)5798 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 400/2006 Italia Filtri antiparticolato per autobus diesel Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO (1) Con lettera del 23 giugno

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin Oggetto : Aiuto di Stato n. N 308/2001 - Italia - Regione Friuli Venezia Giulia LR 12/2001 (DDL 133) "Aiuti all'occupazione dei soggetti disabili"

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.12.2012 C(2012) 9118 final Oggetto: Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO"

TURISMO, BRAMBILLA: 400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO" "Per la prima volta in Italia, il governo dispone un concreto e significativo

Dettagli

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.09.2004 C(2004) 3525 Oggetto: Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 favorire e promuovere la rimozione e lo smaltimento dei manufatti contenenti cementoamianto ove presenti nei luoghi di lavoro; favorire e promuovere interventi

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

Allegato VI. Spese ammissibili. Regia Regionale. DOCUP obiettivo 2 2000/6. per le misure a

Allegato VI. Spese ammissibili. Regia Regionale. DOCUP obiettivo 2 2000/6. per le misure a Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Ministero dell Economia e delle Finanze DOCUP obiettivo 2 2000/6 Allegato VI Spese ammissibili per le misure a Regia Regionale Spese ammissibili per le

Dettagli

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI adeguamento ai sensi di quanto previsto dal Regolamento (CE) N. 1857/2006 del 15 dicembre 2006, relativo

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale version du 19 nov. 99. Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale Il presente modello può essere utilizzato per la notificazione, ai sensi dell'articolo 88, paragrafo 3 del trattato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi:

A relazione dell'assessore Parigi: REGIONE PIEMONTE BU35 03/09/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2015, n. 21-1902 Regolamento comunitario (UE) n. 651/2014 del 17.06.2014 - Adempimenti ai sensi del capo I e dell'articolo

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA

Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA L'attività di supporto alla creazione di imprese innovative è resa possibile grazie

Dettagli

Poin Energia efficienza energetica 2015 DECRETO MISE - 24/04/2015

Poin Energia efficienza energetica 2015 DECRETO MISE - 24/04/2015 Poin Energia efficienza energetica 2015 DECRETO MISE - 24/04/2015 2 Il bando Poi Energia efficienza energetica 2015, con una dotazione di 120.000.000 di euro riguarda investimenti funzionali ad un uso

Dettagli

Articolo 1 Definizioni

Articolo 1 Definizioni Selezione per il finanziamento di Progetti per la realizzazione di iniziative di informazione territoriale delle Associazioni dei consumatori iscritte al CNCU (PDT2) Visti: la legge 14 novembre 1995, n.

Dettagli

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 03.02.2004 C(2004)169fin Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 23-06-2003 C (2003) 2015 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI Signor Ministro, I. Procedimento 1. Con lettere

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.XII.2004 C(2004)5602 Oggetto: Aiuti di stato/italia (Abruzzo) Aide n N 261/02004 Credito Agrario Agevolato Signor Ministro, I. Procedura Con lettera del 18 giugno 2004,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

NEWSLETTER n. 40 del 16 febbraio 2015

NEWSLETTER n. 40 del 16 febbraio 2015 SOMMARIO Pag. 2. PREVENZIONE DEI RIFIUTI: PUBBLICATO IL PIANO NAZIONALE Pag. 3. BANDO FOTOVOLTAICO: PUBBLICATA LA GRADUATORIA DELLO SPORTELLO 1 Pag. 3. AMIANTO: ADOTTATO IL PIANO REGIONALE DI PROTEZIONE,

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 20 novembre 2014 L.R. 1/09 - Artigianato 1 FINALITA E RISORSE Sostegno agli investimenti finalizzati allo sviluppo e alla qualificazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto

Dettagli

PREMESSA. 1 - Finalità

PREMESSA. 1 - Finalità PROGRAMMA D'AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO DEL CARICO DI AZOTO NEL RISPETTO DELLA D.G.R. 21 NOVEMBRE 2007, N. 5868. PREMESSA La Regione Lombardia,

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 257/2008 Italia (Marche). Garanzie prestate in favore delle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e dello

Dettagli

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management).

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). DECRETO DEL 20 dicembre 2000 (Gazzetta Ufficiale, 5 aprile, n. 80) Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). IL DIRETTORE GENERALE del servizio inquinamento

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-03-2003 C (2003)789fin Oggetto: Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera Signor Ministro, I.

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

BANDO DISEGNI +3 BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO DISEGNI +3 BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO DISEGNI +3 BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto capitale in misura massima

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 7/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012);

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012); ALLEGATO A Regolamento di attuazione dell articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 2011, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012). Fondo di garanzia per investimenti in energie rinnovabili Indice

Dettagli

FINANZIAMENTO PUBBLICO AGEVOLATO PER LE IMPRESE STRUMENTO CON CUI GLI ENTI PUBBLICI CONCEDONO FINANZIAMENTI A TASSO AGEVOLATO

FINANZIAMENTO PUBBLICO AGEVOLATO PER LE IMPRESE STRUMENTO CON CUI GLI ENTI PUBBLICI CONCEDONO FINANZIAMENTI A TASSO AGEVOLATO FINANZIAMENTO PUBBLICO AGEVOLATO PER LE IMPRESE STRUMENTO CON CUI GLI ENTI PUBBLICI CONCEDONO FINANZIAMENTI A TASSO AGEVOLATO CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALTRE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO per l assegnazione di contributi alle piccole imprese del commercio in sede fissa operanti in provincia di Ragusa che provvedono

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

Aiuto di Stato N 45/2009 - Italia Progetto relativo a interventi integrati per il sistema aeroportuale toscano

Aiuto di Stato N 45/2009 - Italia Progetto relativo a interventi integrati per il sistema aeroportuale toscano COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 8.04.2009 C(2009) 2462 definitivo Oggetto: Aiuto di Stato N 45/2009 - Italia Progetto relativo a interventi integrati per il sistema aeroportuale toscano Signor Ministro,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA Progressivo n. - Servizio Industria, Artigianato e Commercio Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. del BOZZA Accordo di collaborazione tra la Provincia di Bologna e I.S.E.A., Istituto

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI,

Dettagli

Art. 3 Interventi ammissibili Il presente bando prevede la concessione di contributi con riferimento alle seguenti spese:

Art. 3 Interventi ammissibili Il presente bando prevede la concessione di contributi con riferimento alle seguenti spese: ALLEGATO B BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI FINANZIARI A FAVORE DI OSPEDALI, ASILI NIDO E STRUTTURE DI ACCOGLIENZA PER BAMBINI PER LA PROMOZIONE DELL USO DI PANNOLINI LAVABILI PER BAMBINI Sommario

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Data di applicazione Gli aiuti saranno concessi a decorrere dal febbraio 2003.

Data di applicazione Gli aiuti saranno concessi a decorrere dal febbraio 2003. Numero dell' XS 16/03 Grecia Tutte le regioni (13) Regime di aiuti ad azioni PMI nel quadro dei programmi operativi regionali del III QCS 2000-2006: Aiuto alla competitività e all'innovazione delle PMI

Dettagli

ALLEGATO 1 Categorie di spesa, costi ammissibili e intensità di aiuto

ALLEGATO 1 Categorie di spesa, costi ammissibili e intensità di aiuto ALLEGATO 1 Categorie di spesa, costi ammissibili e intensità di aiuto Le categorie di spesa ammissibili, le tipologie di costi e le relative intensità di aiuto sono riportate nel prospetto seguente. Esse

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA MANUFATTI, FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell'ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987, n. 59,

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli